Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2006"

Transcript

1 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2006 Approvata dal Consiglio di Amministrazione dell 11 settembre 2006

2

3 Indice Organi statutari 9 Struttura del Gruppo 11 Scenario di riferimento 15 Relazione sulla gestione 27 Il Gruppo nel primo semestre Principali indicatori dell andamento della gestione del Gruppo Cattolica 31 La realizzazione del Piano d Impresa Modalità di diffusione dell immagine e delle informazioni del Gruppo 44 Andamento della gestione 47 Sintesi dell andamento della gestione (per principali aggregati di bilancio e per segmenti) 49 Gestione assicurativa e altri settori di attività 54 Gestione patrimoniale e finanziaria 68 Risk management 73 Gestione del rischio 75 Rischio assicurativo 75 Rischio di mercato 76 Rischio operativo 76 Organizzazione e risorse 77 Attività commerciale 79 Sistemi informativi 80 Privacy e sicurezza informazioni 81 Risorse umane 81 Fatti di rilievo e altre informazioni 83 Fatti di rilievo del periodo 85 Altre informazioni 89 Fatti di rilievo successivi alla chiusura del semestre 92 Evoluzione prevedibile della gestione 93 3

4 Transizione agli IAS/IFRS 95 Parte generale 97 Le esenzioni e le eccezioni all approccio retrospettivo 98 I prospetti di riconciliazione 99 Le principali variazioni scaturenti dalla prima applicazione degli IAS/IFRS 99 Stato Patrimoniale e Conto Economico Consolidati 103 Prospetto di variazione del Patrimonio Netto e Rendiconto finanziario 107 Note esplicative 111 Parte A - Criteri generali di redazione e area di consolidamento 113 Parte B - Criteri di valutazione 123 Parte C - Informazioni sullo Stato Patrimoniale e sul Conto Economico Consolidati 139 Parte D - Altre informazioni 175 Relazione della Società di Revisione 187 4

5 Indice sommario delle tavole e dei prospetti Tavole Tav. 1 - Principali indicatori economici 32 Tav. 2 - Principali indicatori patrimoniali 32 Tav. 3 - Dipendenti e rete distributiva 32 Tav. 4 - Stato Patrimoniale consolidato riclassificato 33 Tav. 5 - Conto Economico consolidato riclassificato 34 Tav. 6 - Conto Economico consolidato riclassificato per segmento di attività 35 Tav. 7 - Principali indicatori 36 Tav. 8 - Totale raccolta 58 Tav. 9 - Investimenti - composizione 68 Tav Organico del Gruppo 82 Tav. 11- Indicatori per azione 91 Tav Area di consolidamento (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) 119 Tav Stato Patrimoniale consolidato per settore di attività (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) 143 Tav Attività immateriali 144 Tav Altre attività immateriali movimentazione di periodo 145 Tav Attività materiali 146 Tav Immobili movimentazione di periodo 147 Tav Dettaglio delle riserve tecniche a carico dei riassicuratori (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) 148 Tav Investimenti 148 Tav Investimenti immobiliari movimentazione di periodo 149 Tav Dettaglio degli attivi materiali e immateriali (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) 150 5

6 Tav Partecipazioni in controllate, collegate e joint venture 150 Tav Dettaglio delle partecipazioni non consolidate (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) 151 Tav Investimenti finanziari 151 Tav Dettaglio delle attività finanziarie (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) 152 Tav Attività finanziarie a fair value rilevato a conto economico 154 Tav Dettaglio delle attività e passività relative a contratti emessi da compagnie di assicurazione allorché il rischio dell investimento è sopportato dalla clientela e derivanti dalla gestione dei fondi pensione (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) 154 Tav Crediti diversi 155 Tav Altri elementi dell attivo 155 Tav Altre attività 157 Tav Patrimonio netto 158 Tav Prospetto di raccordo tra patrimonio netto e risultato di periodo della Capogruppo e patrimonio netto e risultato di periodo consolidati Tav Dettaglio delle riserve tecniche (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) Tav Dettaglio delle passività finanziarie (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) Tav Debiti 163 Tav Trattamento di fine rapporto e premi di anzianità 164 Tav Altri elementi del passivo 164 Tav Altre passività 165 Tav Conto Economico consolidato per settore di attività (Provvedimento ISVAP 22 dicembre 2005) 167 Tav Ricavi e proventi 167 Tav Costi e oneri 169 6

7 Tav Dettaglio delle voci tecniche assicurative (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) Tav Dettaglio delle spese di gestione assicurativa (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) Tav Proventi e oneri finanziari e da investimenti (Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n. 2460) Tav Riserve tecniche da coprire 177 Tav Attività destinate a copertura 178 Tav Velocità di liquidazione dei sinistri 179 Tav Rapporti patrimoniali ed economici 179 Prospetti Prosp. 1 - Sintesi delle esenzioni facoltative previste dall IFRS 1 98 Prosp. 2 - Riconciliazione del patrimonio netto 101 Prosp. 3 - Riconciliazione del risultato economico 101 Prosp. 4 - Prospetti contabili della Capogruppo al 30 giugno

8

9 Organi statutari CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente dott. Giuseppe Camadini (*) Vice Presidente Anziano avv. Ermanno Rho (*) Vice Presidente avv. Danilo Andrioli (*) Amministratore Delegato dott. Ezio Paolo Reggia (*) (**) Segretario dott. ing. Giuseppe Nicolò (*) Consiglieri dott. Pierluigi Angeli avv. Luigi Baraggia (*) p.a. Paolo Bedoni (*) prof. dott. Angelo Caloia on. dott. Carlo Casini prof. dott. Angelo Ferro dott. Stefano Gnecchi Ruscone prof. dott. Felice Martinelli arch. Giuseppe Martinengo dott. Gaetano Migliarini dott. Carlo Alberto Pelliciardi prof. dott. Giorgio Petroni avv. Luigi Righetti COLLEGIO SINDACALE Presidente dott. Giovannimaria Seccamani Mazzoli Sindaci effettivi dott. Marco Bronzato prof. dott. Alessandro Lai Sindaci supplenti dott. Gabriele Albertini dott. Giovanni Glisenti DIREZIONE GENERALE Condirettore Generale prof. dott. Giancarlo Battisti Vice Direttore Generale sig.ra Maria Paola Boscaini (*) I Consiglieri i cui nomi sono contrassegnati dall asterisco formano il Comitato Esecutivo (**) All Amministratore Delegato sono affidate le funzioni di Direttore Generale 9

10

11 Struttura del Gruppo 11

12 Situazione al DANNI VITA ALTRO 100% ABC Assicura 50% BPV Vita Cattolica Immobiliare 100% 100% 85,71% C.I.R.A. 100% Duomo Previdenza Cattolica Polo Finanziario 99,98% Duomo Assicurazioni 100% Eurosav 75,25% Nuova San Zeno Immobiliare 100% Lombarda Assicurazioni 50,1% Lombarda Vita Polo Finanziario 33,33% 97% TUA Assicurazioni 100% Persona Life 0,21% Cattolica IT Services 90,99% 8,8% 100% Uni One Assicurazioni 90% Risparmio & Previdenza di.ca 100% 66% San Miniato Previdenza 100% TUA Retail 50% Axa Cattolica Previdenza in Azienda Uni One Servizi 100% 5% Verona Servizi 30% 65% Assicurazioni danni Assicurazioni vita Immobiliari Servizi operativi Servizi finanziari Banche In fase di dismissione Inattiva, non autorizzata all esercizio dell attività al Prisma Cattolica Investimenti SIM 30% Verona Gestioni SGR Vegagest SGR Cassa di Risparmio di San Miniato 20% 70% 100% 19,05% 24,72% 12

13 Situazione al % Banca Lombarda Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana 17,33% 6,62% Banca Regionale Europea Banca Popolare S. Angelo 0,47% 6,38% Banca di Valle Camonica Emil Banca 0,15% 7,78% Banca di Cividale Credito Bergamasco 1% 13

14

15 Scenario di riferimento 15

16

17 Scenario di riferimento Scenario macroeconomico Mercato obbligazionario La Banca Centrale Europea ha portato il tasso di rifinanziamento al 2,75%, in coincidenza della riunione dell 8 giugno, proseguendo nel rialzo graduale dei tassi di interesse. In Europa, sul finire del primo semestre, sono emersi taluni segnali incoraggianti, soprattutto per la crescita economica. La continua ascesa degli indicatori di fiducia presso le imprese indica che, diversamente rispetto alle attese, alla fine del secondo trimestre l economia dell area euro sta ancora accelerando e ciò rende probabile la prosecuzione dell attuale fase di sostenuta attività economica fino alla fine dell anno. In particolare la ripresa dei consumi, emersa già nei dati del primo trimestre, sembra essere proseguita. I dati mensili sulle vendite al dettaglio e sulle immatricolazioni di auto mostrano un accelerazione rispetto ai primi mesi dell anno. Il mercato del lavoro prosegue il progressivo consolidamento a beneficio dell occupazione e del reddito disponibile della famiglie. Negli Stati Uniti il tasso di riferimento è arrivato al 5,25% a fine giugno, diciassettesimo rialzo consecutivo apportato dalla Fed. La fase restrittiva dell autorità monetaria statunitense potrebbe concludersi con un tasso guida compreso tra il 5,5% e il 5,75%. Dal punto di vista degli indicatori macroeconomici, si intravedono i primi segnali di rallentamento del ciclo economico: il graduale raffreddamento del mercato immobiliare e gli effetti ritardati dei rialzi dei prezzi energetici contribuiscono a questa previsione. Rimane perciò centrale la questione relativa alla crescita dei prezzi, che condizionerà le decisioni dei prossimi incontri della Fed su eventuali ulteriori incrementi dei tassi nel terzo e quarto trimestre dell anno. La curva dei tassi USA (2-10 anni) continua ad essere invertita ed è probabile che questa situazione permanga fino a quando non sarà chiaro l orientamento della Fed, mentre in Europa si è ridotto il gap tra i due rendimenti. Mercato azionario Dopo il positivo inizio del 2006, le borse sono state colpite dai movimenti al ribasso del mese di maggio, rilevando un incremento della volatilità dei mercati, più marcata per i paesi emergenti, movimenti che hanno riportato i corsi azionari ai livelli di inizio anno. Alla fine del secondo trimestre, negli USA l indice delle 500 imprese a maggiore capitalizzazione (S&P 500), registra un progresso dell 1,8%, mentre il Nasdaq Composite è in flessione dell 1,5%. Sul mercato europeo, il Dow Jones EuroStoxx 50, l indice rappresentativo delle 50 società europee a maggiore capitalizzazione, ha registrato una performance del 2%. Positiva anche la borsa italiana, con l indice S&P/Mib in progresso di circa il 2,1%. Il mercato giapponese ha registrato una performance negativa dell indice Nikkei di circa il 3,8% anche se la crescita del PIL si mantiene elevata, sostenuta ancora dalla dinamica della domanda interna, tutti gli indicatori macroeconomici confermano la fine della deflazione. Il Giappone si prepara quindi alla svolta definitiva della politica monetaria. Il prossimo trimestre registrerà probabilmente la fine della politica di tassi a zero che, a parte una breve 17

18 interruzione, ha caratterizzato l ultimo decennio. Mercato valutario La fase attuale del mercato dei cambi riflette le principali tendenze sul fronte delle variabili macroeconomiche. La convergenza verso un equilibrio dinamico di crescita e lo stadio maturo di politica monetaria soprattutto negli Stati Uniti non offrono spunti direzionali marcati per il dollaro. Dopo un inizio anno con il cambio euro/dollaro attestato attorno a 1,182, la fine del primo semestre ha confermato un rafforzamento dell euro di circa l 8%, a 1,279, con oscillazioni nel trading range comprese fra 1,25 e 1,29. Lo yen, che negli ultimi anni è rimasto compresso dalla politica dei tassi sopra menzionata, dovrebbe intraprendere la via di un apprezzamento più sostenibile, in linea con i fondamentali. L euro contro lo yen ha registrato un apprezzamento di circa il 5%, oscillando nel secondo trimestre nell area Quadro istituzionale Nell articolato panorama di interventi del legislatore e delle autorità di settore che ha caratterizzato il periodo, si ricordano alcune delle novità normative che hanno interessato la Capogruppo e il settore assicurativo. Forme tecniche dei conti consolidati Sulla Gazzetta Ufficiale 19 gennaio 2006, n. 15, è stato pubblicato il Provvedimento ISVAP 10 agosto 2006, n contenente le indicazioni in ordine alle forme tecniche che le imprese devono adottare nella redazione di conti consolidati IAS/IFRS, in modo da garantire: un adeguato livello di comparabilità dei dati di settore, le interrelazioni tra le disposizioni nazionali relative all obbligo di redigere il bilancio consolidato (art. 58 e 60 del d.lgs. 26 maggio 1997, n Attuazione della direttiva (CEE) n. 674/1991 in materia di conti annuali e consolidati delle imprese di assicurazione ) e le disposizioni recate dagli IAS/IFRS (IAS 27). Modifiche al codice di procedura civile Il 1 o marzo sono entrate in vigore le modifiche al codice di procedura civile e alle relative disposizioni di attuazione recate dall art. 2 del d.l. 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, nella l. 14 maggio 2005, n. 80 (testo coordinato in supplemento ordinario n. 91/L a Gazzetta Ufficiale 14 maggio 2005, n. 111 s.g.), e successivamente dalla l. 28 dicembre 2005, n. 263 (in supplemento ordinario n. 209/L alla Gazzetta Ufficiale 28 dicembre 2005, n. 301 s.g.). Le modifiche in questione rispondono ad esigenze di semplificazione e di accelerazione dei procedimenti civili: rilevante in tal senso risulta, in particolare, il nuovo testo degli artt. 180, 183, 184 e 185 cod. proc. civ., relativi all avvio, alla forma e alle prime udienze di trattazione del procedimento ordinario di primo grado. Secondo questo stesso indirizzo, è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 17 marzo 2006, n. 64, la l. 21 febbraio 2006, n. 102, recante disposizioni in materia di conseguenze derivanti da incidenti stradali. L art. 3 dispone che alle cause relative al risarcimento dei danni per morte o lesioni conseguenti ad incidenti stradali, si applicano le norme processuali di cui al libro II, titolo IV, capo I del codice di procedura civile, cioè quelle del c.d. rito del lavoro. 18

19 Istruzioni per la redazione dei bilanci Sulla Gazzetta Ufficiale 10 marzo 2006, n. 57 (Supplemento Ordinario n. 57) è stato pubblicato il Provvedimento 14 febbraio 2006 della Banca d Italia, con le nuove istruzioni per la redazione dei bilanci tra gli altri delle società di gestione del risparmio (SGR) e delle società di intermediazione mobiliare (SIM). Tutela del risparmio - prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione Con la l. 9 marzo 2006, n. 80, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 11 marzo 2006, n. 59, è stato definitivamente previsto che le disposizioni di cui agli articoli 11, comma 2, lett. b (prospetto informativo per i prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione) e comma 3 (regole di comportamento nel collocamento di prodotti finanziari emessi da imprese assicuratrici) nonché 25, comma 2 (nota informativa per i prodotti di ramo III) della l. 28 dicembre 2005, n Disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari - si applicano a decorrere dall emanazione delle relative disposizioni di attuazione da parte della CONSOB e dell ISVAP. Sanzioni amministrative pecuniarie Sulla Gazzetta Ufficiale 20 marzo 2006, n. 66, è stato pubblicato il regolamento ISVAP 15 marzo 2006, n. 1, riguardante la procedura di irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie di cui al Titolo XVIII, Capo VII, del d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209 (Codice delle assicurazioni private), che recepisce le innovazioni previste dalla l. 28 dicembre 2005, n. 262, sulla tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari, che ha ridisciplinato in varie parti, di tipo procedurale e sostanziale, la materia. CONSOB durata incarichi revisione contabile e informazione privilegiata In data 24 marzo la CONSOB ha pubblicato le comunicazioni DEM/ circa i termini e la durata degli incarichi di revisione contabile. La Commissione si è espressa a favore dell interpretazione per cui trascorsi i sei esercizi del primo incarico il rinnovo può essere immediato e consentire quindi una durata pari a sei esercizi più altri sei. Tale lettura trova conferma, secondo l Autorità, nell art. 160, c. 1-quater del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, come modificato dalla l. 28 dicembre 2005, n. 262, che disciplina la rotazione dei responsabili della revisione. Per quanto concerne il periodo transitorio la CONSOB ha chiarito che non è possibile conferire incarichi di tre anni, mentre gli emittenti possono estendere la durata dell incarico fino a sei anni, purché sia rispettato il limite dei dodici esercizi, per il cui calcolo si computano gli esercizi precedenti già svolti senza soluzione di continuità. È stata pubblicata in data 28 marzo 2006 la Comunicazione CONSOB DEM/ In tale Comunicazione, in materia di informazione societaria su eventi e circostanze rilevanti, che sostituisce la precedente 26 marzo 2003, n la CONSOB precisa la nozione di informazione privilegiata e fornisce alcuni chiarimenti in ordine alla disciplina su registri ex art. 115-bis TUF e internal dealing, in vigore dal 1 aprile

20 Disposizioni in materia di calcolo del margine di solvibilità L ISVAP, con il Provvedimento 30 marzo 2006, n. 2415, ha dettato disposizioni in materia di calcolo del margine di solvibilità modificative del Provvedimento ISVAP 6 dicembre 2004, n Ciò al fine di attuare le disposizioni della Direttiva 2002/87/CE, recepita con il d.lgs. 30 maggio 2005, n. 142, relative all eliminazione del computo multiplo derivante dal trattamento delle partecipazioni e degli altri strumenti detenuti in enti creditizi ed enti finanziari di cui all art. 1, paragrafi 1 e 5, della Direttiva 2000/12/CE o in imprese di investimento ed enti finanziari ai sensi dell articolo 1, paragrafo 2 della Direttiva 93/22/CEE e dell articolo 2, paragrafi 4 e 7, della Direttiva 93/6/CEE. È stata valutata l utilità, a tali fini, di applicare, per l eliminazione del citato computo multiplo, le disposizioni relative alla vigilanza supplementare a livello di settore assicurativo ove mutuabili ed, in particolare, per le nozioni di impresa controllante o partecipante le disposizioni generali di cui al titolo I del d.lgs. 17 aprile 2001, n. 239 e, per le disposizioni ed i criteri applicativi del calcolo di solvibilità corretta, l articolo 11 comma 2, l articolo 28 ed il capo II del titolo IV del medesimo decreto. Con tale Provvedimento l ISVAP ha inoltre modificato i prospetti dimostrativi del margine di solvibilità che le imprese di assicurazione devono allegare al proprio bilancio di esercizio. Tali disposizioni sono già applicate a partire dal bilancio dell esercizio Intermediari finanziari obblighi di identificazione Sui supplementi ordinari nn. 86/L e 87/L alla Gazzetta Ufficiale 7 aprile 2006, n. 82, sono stati pubblicati: il decreto del Ministero dell economia e delle finanze 3 febbraio 2006, n. 142, recante il regolamento in materia di obblighi di identificazione e di conservazione delle informazioni per gli intermediari finanziari previsto dall art. 3, comma 2, del d.lgs. 20 febbraio 2004, n. 56 (che, come è noto, ha attuato la seconda direttiva comunitaria in tema di prevenzione dell uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività illecite; cfr. il Prot. 128 Circolare 70 del 24 marzo 2004); il provvedimento dell Ufficio Italiano dei Cambi 24 febbraio 2006, recante istruzioni applicative per gli intermediari finanziari in materia di obblighi di identificazione, registrazione e conservazione delle informazioni per finalità di prevenzione e contrasto del riciclaggio sul piano finanziario. Successivamente, sulla Gazzetta Ufficiale del 1 giugno 2006, n. 126, è stato pubblicato il provvedimento dell Ufficio Italiano dei Cambi 29 maggio u.s., recante il differimento al 1 gennaio 2007 del termine per l applicazione delle istruzioni contenute nel citato provvedimento. Recepimento direttive sulle modalità degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi In data 2 maggio è stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n Supplemento Ordinario n. 107/L, il d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163, Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE. 20

21 Solvibilità corretta In data 8 maggio l ISVAP ha emanato il Provvedimento n recante disposizioni in materia di calcolo della solvibilità corretta di un impresa di assicurazione e di verifica della solvibilità della relativa controllante, con correlate modifiche: ai Provvedimenti ISVAP 21 marzo 2005, n e 26 febbraio 2002, n. 2050, ai moduli di vigilanza da allegare al bilancio consolidato e al Provvedimento ISVAP 4 dicembre 1998, n G. Tale Provvedimento regola le modifiche (filtri prudenziali) da apportare ai dati rivenienti dai bilanci consolidati redatti secondo gli IAS/IFRS in modo da poterli utilizzare per il calcolo della solvibilità corretta e la verifica di solvibilità dell impresa controllante. Polizza collettiva per la responsabilità civile derivante dall attività notarile È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 114 del 18 maggio u.s. il d.lgs. n. 182 del 4 maggio. Il Decreto prevede all art. 1, sostitutivo dell art. 19 della l. 16 febbraio 1913, n. 89, che il Consiglio Nazionale del Notariato, provveda con oneri a carico del proprio bilancio, alla stipula di una polizza collettiva per la responsabilità civile derivante dall esercizio dell attività notarile. È fatta salva la facoltà dei notai di stipulare polizze aggiuntive a proprie spese. Il comma 4 del citato articolo rimanda ad un successivo decreto del Ministero della Giustizia, di concerto con il Ministero delle Attività Produttive, per l individuazione del massimale minimo delle polizze. Qualora manchino - come previsto all art. 2 - forme collettive di assicurazione, il notaio deve provvedere alla stipula di una polizza di responsabilità civile professionale individuale la cui mancata sottoscrizione può essere oggetto di provvedimenti disciplinari e di sanzioni. Previdenza complementare Con delibera del 28 giugno 2006, la Commissione Vigilanza Fondi Pensione (COVIP) ha emanato le Direttive generali relative agli schemi di statuto e regolamento delle forme pensionistiche complementari e dei documenti informativi per la raccolta delle adesioni, predisposte sulla base delle previsioni dell articolo 19 del d.lgs. 5 dicembre 2005, n Disposizioni in tema di distribuzione e di articolazione tariffaria nell offerta di contratti relativi all assicurazione obbligatoria r.c. auto, c.d. Decreto Bersani Il d.l. 4 luglio 2006, n. 223, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 4 luglio 2006, n. 153, come convertito nella l. 4 agosto 2006, n. 248, contempla all articolo 8 alcune disposizioni in tema di distribuzione e di articolazione tariffaria nell offerta di contratti relativi all assicurazione obbligatoria r.c. auto. Tali disposizioni vietano, nell offerta di contratti r.c. auto, le clausole di distribuzione esclusiva per conto dell impresa nonché le clausole che impongano valori prefissati dall impresa rispetto a prezzi minimi o sconti massimi praticati al consumatore finale. Il comma 27 dell art. 35, nell ambito di misure di contrasto all evasione tributaria, prevede che, secondo modalità da determinarsi tramite provvedimento del direttore dell agenzia delle entrate, le imprese, gli intermediari e tutti gli altri operatori del settore assicurativo comunichino gli estremi delle somme di denaro erogate ai danneggiati di qualsiasi ramo in ragione di contratti di assicurazione. 21

22 CONSOB Informativa societaria La CONSOB, con la Comunicazione DEM/ del 28 luglio 2006, ha invitato, ai sensi dell art. 114, comma 5, del Testo Unico della Finanza, le società a fornire, in bilancio e nella relazione semestrale, alcune informazioni aggiuntive, tra le quali si segnalano quelle relative alle operazioni con parti correlate, quelle relative agli eventi od operazioni il cui accadimento risulta non ricorrente o infrequente, nonché quelle relative alle operazioni atipiche o inusuali. Per tutte le società, inoltre, la relazione sulla gestione dovrà descrivere le principali operazioni atipiche o inusuali e contenere informazioni circa eventuali indicatori alternativi di performance. Con la Delibera n del 27 luglio sono state modificate le disposizioni del Regolamento Emittenti (e del relativo Allegato 3C) in materia di compensi e partecipazioni dei soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo: in tali categorie, conformemente a quanto previsto dallo IAS 24, sono stati inseriti i dirigenti con responsabilità strategiche, i cui compensi e le cui partecipazioni dovranno essere indicati su base aggregata. Infine, con la Comunicazione DEM/ del 28 luglio sono state fornite alcune indicazioni in relazione ai comunicati stampa da emettersi in occasione dell approvazione delle rendicontazioni contabili periodiche (art. 66, comma 7, lett. b), Regolamento Emittenti). Tutela del consumatore In data 9 agosto l ISVAP ha emanato il regolamento che liberalizza l attestato di rischio e fissa nuovi obblighi informativi a tutela del consumatore in occasione della scadenza dei contratti r.c. auto. Il regolamento, che entrerà in vigore il 1 gennaio 2007, obbliga le compagnie ad inviare direttamente al domicilio degli assicurati l attestato di rischio 30 giorni prima della scadenza del contratto. Nella stessa comunicazione, le compagnie dovranno fornire all assicurato indicazioni sull entità del premio e sulle modalità dell eventuale rinnovo. Il regolamento prolunga inoltre, in talune circostanze identificate, la validità dell attestato di rischio, portandola da un minimo di 12 a un massimo di 22 mesi. In materia di flotte aziendali, infine, il regolamento stabilisce che gli utilizzatori di veicoli in noleggio a lungo termine o in leasing sono equiparabili a proprietari. Ciò renderà possibile il rilascio, al termine del noleggio o del leasing, dell attestato di rischio senza soluzione di continuità con il passato. Disposizioni relative alla redazione della relazione semestrale consolidata Il 10 agosto l ISVAP ha modificato ed integrato, con Provvedimento n. 2460, la disciplina della relazione semestrale prevista dal Provvedimento ISVAP 6 luglio 1999, n G e dalla Circolare ISVAP 19 luglio 1999 n. 380/D, nonché i moduli di vigilanza da allegare al bilancio consolidato di cui al Provvedimento ISVAP 4 dicembre 1998, n G. Questo sulla base della considerazione che la presentazione dell informativa di bilancio annuale deve consentire, nel rispetto del disposto dei principi contabili internazionali emanati dallo IASB (International Accounting Standard Board) ed omologati in sede comunitaria secondo la procedura di cui all articolo 6 del regolamento n. 1606/2002 (di seguito IAS/IFRS) ed in particolare dello IAS 34: - di salvaguardare la continuità e la comparabilità con i dati del bilancio annuale; - di garantire l omogeneità dei dati presentati dalle diverse imprese; 22

23 - di soddisfare le esigenze di vigilanza. Le disposizioni relative alla relazione semestrale IAS/IFRS e alla relazione semestrale consolidata si applicano a partire dal primo semestre dell esercizio In sede di prima applicazione, per la relazione semestrale consolidata 2006 e per la relazione semestrale IAS/IFRS 2006, le imprese possono non compilare le colonne relative al primo semestre 2005, adottando in tal caso modalità alternative di confronto tra i dati del primo semestre 2006 e quelli del primo semestre R.c. auto - Indennizzo Diretto Sulla Gazzetta Ufficiale n. 199 del 28 agosto è stato pubblicato il D.P.R. n. 254 del 18 luglio recante il Regolamento attuativo del sistema di risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell articolo 150 del d.lgs. 7 settembre 2005, n Codice delle assicurazioni private. Il Decreto, che si applicherà ai sinistri di lieve entità (soli danni a cose o lesioni al conducente con danno biologico temporaneo o permanente fino al 9%) occorsi dal 1 febbraio 2007, regola in particolare le procedure che devono seguire i danneggiati per le denunce di sinistro e le imprese di assicurazione per regolare le partite reciproche, disciplinando altresì le regole di attribuzione della responsabilità. Di particolare rilievo, anche per le implicazioni sulle tariffe, le disposizioni di cui all ultimo comma dell art. 9 secondo il quale, laddove la proposta di offerta dell impresa di assicurazione sia accettata, non si darà luogo al riconoscimento delle spese di assistenza professionale diverse da quelle medico-legali sostenute dall assicurato, e dell art.13, 10 comma, in base al quale non potranno essere utilizzate per altri scopi le informazioni acquisite nell ambito della ricordata attività di regolazione dei rapporti reciproci tra compagnie. Provvedimenti in materia fiscale Con riferimento ai provvedimenti in materia fiscale, si segnalano le principali novità che hanno caratterizzato il periodo. Dividend washing L art. 5-quinques, comma 4, del d.l. 30 settembre 2005, n. 203, convertito nella l. 2 dicembre 2005, n. 248 ha apportato alcune modifiche alle operazioni di dividend washing, introducendo nell art. 109 del T.U.I.R. nuove disposizioni in merito all indeducibilità, in determinate circostanze, delle minusvalenze realizzate ai sensi dell art. 101 sulle azioni, quote e strumenti finanziari similari alle azioni che non possiedono i requisiti di esenzione di cui all art. 87, nonché delle differenze negative tra i ricavi e i costi derivanti dal realizzo di partecipazioni e titoli similari iscritti nell attivo circolante. In particolare il comma 3-bis del citato art. 109, stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2006, dette componenti negative non rilevino fino a concorrenza dell importo non imponibile dei dividendi, ovvero dei loro acconti, percepiti nei trentasei mesi precedenti il realizzo. Il successivo comma 3-ter precisa che l irrilevanza si applica alle minusvalenze e differenze negative derivanti dalla cessione di azioni, quote o strumenti finanziari similari alle azioni che soddisfino i requisiti dell esenzione di cui all art. 87, comma 1, lettere c) (attività commerciale) e d) (residenza in Paese non inserito in paese della Black List). 23

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%)

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA:

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA: Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Relazione Trimestrale Consolidata. al 31 marzo 2006

Relazione Trimestrale Consolidata. al 31 marzo 2006 Relazione Trimestrale Consolidata al 31 marzo 2006 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 13 maggio 2006 1 Indice Parte Prima Organi statutari 5 Premessa 7 Struttura del Gruppo 9 Parte Seconda

Dettagli

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%)

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Relazioni e Bilancio

Relazioni e Bilancio Relazioni e Bilancio Esercizio 2006 BOZZA 111 ESERCIZIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 21 marzo 2007 1 Indice RELAZIONI E BILANCIO Organi statutari 9 Scenario di riferimento 11 Relazione

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Relazione Trimestrale Consolidata al 30 settembre 2004

Relazione Trimestrale Consolidata al 30 settembre 2004 Relazione Trimestrale Consolidata al 30 settembre 2004 Approvata dal Consiglio di Amministrazione 6 novembre 2004 1 Indice Parte Prima Organi statutari 5 Premessa 7 Struttura del Gruppo 9 Parte Seconda

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Bilancio Consolidato

Bilancio Consolidato Bilancio Consolidato Esercizio 2009 SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE - SOCIETÀ COOPERATIVA - Sede legale: Lungadige Cangrande,16-37126 Verona (Italia) - Tel. 045 8 391 111 - Fax 045 8 391 112 - C.F./P.I.

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007)

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Modulo 1 Dettaglio delle società incluse nell area di consolidamento Modulo 2 Dettaglio delle

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO PROVVEDIMENTO 8 marzo 2010. ModiÞ che ed integrazioni al Regolamento n. 7 del 13 luglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima adozione degli IAS/IFRS Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS in sede di prima

Dettagli

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014)

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Bologna, 7 agosto 2015 UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Raccolta diretta assicurativa a 7.284

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A.

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008 NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. RACCOLTA DANNI AGGREGATA IN CRESCITA A 2.182 MILIONI DI EURO (+3,4%) COMBINED RATIO DANNI STABILE A

Dettagli

Relazione Trimestrale Consolidata al 30 settembre 2003

Relazione Trimestrale Consolidata al 30 settembre 2003 Relazione Trimestrale Consolidata al 30 settembre 2003 Approvata dal Consiglio di Amministrazione 8 novembre 2003 Indice Parte Prima Organi statutari 7 Premessa 9 Struttura del Gruppo 11 Parte Seconda

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2012

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2012 Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione 15 maggio 2012 1 Indice Organi statutari 5 Premessa 7 Area di consolidamento e struttura del Gruppo 10 Prospetti

Dettagli

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015 Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 Registro Imprese di Milano n. 09126500967 R.E.A. 2070334 Codice fiscale e Partita IVA 09126500967

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

Risultati al 31 dicembre 2014 Gruppo Cattolica Assicurazioni

Risultati al 31 dicembre 2014 Gruppo Cattolica Assicurazioni Risultati al 3 dicembre 204 Gruppo Cattolica Assicurazioni Verona, 8 marzo 205 Agenda Risultati al 3 dicembre 204 Performance del business danni Performance del business vita Gestione finanziaria 2 Risultati

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA:

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA: COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA: - DIVIDENDO DI 0,17 EURO (INVARIATO RISPETTO AL 2013) - AUTORIZZAZIONE ALL

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale consolidata

Relazione finanziaria semestrale consolidata . Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2009 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 agosto 2009 Indice Organi statutari 9 Struttura del Gruppo 11 Scenario di riferimento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%)

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) RACCOLTA DIRETTA DANNI IN ASSESTAMENTO A 2.163 MILIONI

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO SUPPLEMENTO per l aggiornamento dell informativa fiscale riportata nel Prospetto Completo relativo all offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2002 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 2002... pag. 3 Prima

Dettagli

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Comunicato Stampa Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Risultati consolidati al 31 marzo 2009: Ricavi netti pari

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE BILANCIO D ESERCIZIO

RELAZIONE SULLA GESTIONE BILANCIO D ESERCIZIO FONDO PENSIONE DEL PERSONALE DOCENTE, TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II E DELLA SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI Sede: Corso Umberto I Napoli 80138 Codice

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE Redatta secondo principi contabili internazionali IAS/IFRS Gruppo MutuiOnline S.p.A. (in breve Gruppo MOL S.p.A. o MOL Holding S.p.A.) Sede Legale: Corso

Dettagli

Rimborso anticipato prestito subordinato convertibile

Rimborso anticipato prestito subordinato convertibile COMUNICATO STAMPA Risultati al terzo trimestre 21 1 - Utile netto: 16,7 milioni di euro (+85,6%) - Patrimonio netto di Gruppo: 365,1 milioni di euro (+3,4% rispetto al 31/12/29) - Raccolta complessiva

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

Relazione sulla gestione e rendiconto dell esercizio 2011

Relazione sulla gestione e rendiconto dell esercizio 2011 FONDO PENSIONE DEL PERSONALE DOCENTE, TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Sede: Corso Umberto I Napoli 80138 Codice fiscale 95007180631 Iscritto al n. 1423 dell

Dettagli

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Bologna, 11 febbraio 2015 UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014 Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Raccolta assicurativa diretta a 16.008

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

Bilancio Consolidato Esercizio 2012

Bilancio Consolidato Esercizio 2012 Bilancio Consolidato Esercizio 2012 I principali passaggi dell esercizio Il Gruppo Cattolica Operazioni di Rilievo dell Esercizio e Partnership Il Sistema Distributivo di Gruppo Il Gruppo comprende undici

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ 1 ATTIVITÀ IMMATERIALI 1.1 Avviamento 1.2 Altre attività immateriali 2 ATTIVITÀ MATERIALI 2.1 Immobili 2.2 Altre attività materiali 3 RISERVE TECNICHE A CARICO DEI RIASSICURATORI

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio consolidato 2012 Comunicazione ai sensi dell art.114, comma 5, del D.Lgs. 58/98

COMUNICATO STAMPA. Bilancio consolidato 2012 Comunicazione ai sensi dell art.114, comma 5, del D.Lgs. 58/98 COMUNICATO STAMPA Bilancio consolidato 2012 Comunicazione ai sensi dell art.114, comma 5, del D.Lgs. 58/98 Bologna, 24 aprile 2013 Con comunicazione del 17 aprile 2013, la Consob ha richiesto ad Unipol

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO VITA: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015:

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO VITA: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015: COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO VITA: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015: Produzione lorda Vita a 5.029,9 /mln Nuova produzione Vita a 4.984,9 /mln Somme pagate Vita a 2.993,4 /mln Investimenti a

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n.

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. ALLEGATO A Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) 1 Il presente documento fornisce le istruzioni per la compilazione

Dettagli

Bilancio Consolidato

Bilancio Consolidato Bilancio Consolidato Esercizio 2013 SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE - SOCIETÀ COOPERATIVA - Sede legale: Lungadige Cangrande,16-37126 Verona (Italia) - Tel. 045 8 391 111 - Fax 045 8 391 112 - C.F./P.I.

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto

Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto Risk and Accounting Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto Marco Venuti Agenda La disciplina di rif erimento Stato patrimoniale consolidato Conto economico consolidato Stato patrimoniale di

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 UTILE NETTO: Euro 351,0 milioni, +422% MASSE AMMINISTRATE: Euro 51,6 miliardi, +12% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 2.258 milioni ACQUISIZIONE DI

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

Indice corso Agenti e Broker

Indice corso Agenti e Broker Indice corso Agenti e Broker 1. L evoluzione storica e normativa delle assicurazioni - Premessa - Fonti del diritto di assicurazione: i connotati e i problemi peculiari della disciplina di settore - Il

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

FONDO PENSIONE DEL PERSONALE DOCENTE, TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Sede: Corso Umberto I Napoli 80138

FONDO PENSIONE DEL PERSONALE DOCENTE, TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Sede: Corso Umberto I Napoli 80138 FONDO PENSIONE DEL PERSONALE DOCENTE, TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Sede: Corso Umberto I Napoli 80138 Codice fiscale 95007180631 Iscritto al n. 1423 dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale consolidata

Relazione finanziaria semestrale consolidata . Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 27 agosto 2008 Indice Organi statutari 9 Struttura del Gruppo 11 Scenario di riferimento

Dettagli

Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Vita 7 Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Danni

Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Vita 7 Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Danni SOCIETÀ PER AZIONI SEDE VIA IGNAZIO GARDELLA, 2-2149 MILANO - ITALIA CAPITALE SOCIALE EURO 67.378.924 INTERAMENTE VERSATO CODICE FISCALE E NUMERO D'ISCRIZIONE DEL REGISTRO IMPRESE DI MILANO 132951158 -

Dettagli

Relazione consolidata terzo trimestre 2005

Relazione consolidata terzo trimestre 2005 Relazione consolidata terzo trimestre 2005 2 Riunione di consiglio del 14 novembre 2005 3 4 Indice Stato patrimoniale Consolidato 7 Conto economico Consolidato 11 Prospetto delle variazioni del Patrimonio

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ 1 ATTIVITÀ IMMATERIALI 1.1 Avviamento 1.2 Altre attività immateriali 2 ATTIVITÀ MATERIALI 2.1 Immobili 2.2 Altre attività materiali 3 RISERVE TECNICHE A CARICO DEI RIASSICURATORI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme IAS/IFRS: uno sguardo d insieme Oramai la globalizzazione contabile è una realtà: i principi contabili nazionali sono destinati ad essere progressivamente sostituiti da una serie di principi e norme riconosciute

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

GRUPPO UNIPOL: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014

GRUPPO UNIPOL: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014 Bologna, 20 marzo 2015 GRUPPO UNIPOL: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014 Confermati i risultati preliminari già comunicati lo scorso 11 febbraio 2015. Utile netto consolidato

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli