L ecommerce B2c in Italia: alle Dot Com la metà del mercato Risultati 2006 dell'osservatorio B2c

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ecommerce B2c in Italia: alle Dot Com la metà del mercato Risultati 2006 dell'osservatorio B2c"

Transcript

1 L ecommerce B2c in Italia: alle Dot Com la metà del mercato Risultati 2006 dell'osservatorio B2c Giugno 2006

2 Copyright 2006 Netcomm & Politecnico di Milano - Dipartimento di Ingegneria Gestionale Collana Quaderni AIP Registrazione n. 433 del 29 giugno Tribunale di Milano Direttore Responsabile: Umberto Bertelé Impostazione grafica: Stefano Erba

3 Indice pagina Prefazione di Roberto Liscia 3 Introduzione di Umberto Bertelè e Andrea Rangone 4 Executive Summary di Alessandro Perego e Giovanni Toletti 5 1. Il mercato 6 La dinamica delle vendite 6 I principali comparti merceologici 6 Il numero ed il valore degli ordini 8 La concentrazione 10 Multicanale e Pure Player 11 Imprese tradizionali e Dot Com 13 I mercati di sbocco 13 Le modalità di pagamento I principali comparti 16 Turismo 17 Informatica ed elettronica di consumo 23 Assicurazioni 27 Abbigliamento 30 Editoria, musica e audiovisivi 33 Grocery 36 Altri settori Lo scenario internazionale: cenni 43 Gli USA 43 L Europa Occidentale 44 Nota Metodologica 46 L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO 1

4

5 Prefazione Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano, nato alla fine del 2005 con il patrocinio di Aitech-Assinform, l Associazione nazionale, aderente a Confindustria, delle principali imprese operanti nei settori dell informatica, delle telecomunicazioni e dei contenuti multimediali, presenta il Rapporto 2006 dell Osservatorio permanente sull ecommerce B2c in Italia promosso insieme alla School of Management del Politecnico di Milano. La collaborazione tra Netcomm e la School of Management consente al Consorzio di misurare e parametrizzare il mercato italiano del commercio elettronico, fornendo agli addetti ai lavori un panorama dettagliato e approfondito. La capillarità e la profondità dell indagine, svolta con grande attenzione dai ricercatori del Politecnico che dal 2000 analizzano questo mercato e condivisa dal gruppo di lavoro Netcomm-School of Management, permettono infatti di poter valutare i fattori di successo e le criticità di questo comparto e di poter promuovere azioni e iniziative, anche istituzionali, che ne favoriscano un ulteriore crescita. Infatti l'ecommerce riveste oggi un ruolo importante nel processo innovativo del nostro sistema Paese e la sua crescita costante ormai da oltre un quinquennio ne conferma la dinamicità ed il trend positivo. L obiettivo che si pone Netcomm è quello di agevolare questa crescita agendo in diverse direzioni: stimolare la collaborazione delle imprese e degli imprenditori del settore, rappresentandoli nei rapporti con le istituzioni a livello nazionale, comunitario ed internazionale; promuovere, autonomamente o in collaborazione, tutte le iniziative che possono contribuire alla conoscenza e alla diffusione delle tematiche, dei servizi e delle tecnologie connesse al commercio elettronico; operare a favore del settore in termini di: aspetti legali e fiscali, diritto di autore, sicurezza e quant'altro faciliti lo sviluppo di un mercato digitale; operare presso i media per una corretta comunicazione sulle tematiche del settore; definire modalità di riconoscimento alla qualità dei servizi offerti dagli operatori ecommerce. Netcomm, insieme alla School of Management del Politecnico di Milano, intende accompagnare e favorire lo sviluppo di questo mercato. Roberto Liscia Presidente Netcomm L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO 3

6 Introduzione Siamo giunti al sesto Rapporto dell Osservatorio permanente sull ecommerce B2c promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione, da quest anno, con Netcomm, il consorzio dell ecommerce italiano. Assistiamo anche quest anno ad un ulteriore balzo in avanti di questo settore più 45% che dovrebbe portare il mercato a superare nel 2006 i 4 miliardi di : una cifra che inizia ad essere considerevole in termini assoluti, anche se ancora piccola dal punto di vista dell incidenza percentuale sul totale mercato retail italiano. In relazione a questa cifra, vogliamo porre l attenzione, in questa breve introduzione, su tre aspetti che ci sembrano interessanti: la metà abbondante del mercato è appannaggio degli operatori cosiddetti Dot Com, nati appositamente per operare solo sul canale Internet; i tre quarti del mercato sono concentrati nelle mani dei 20 operatori top; solo un sesto del mercato anche se in aumento rispetto al 2005 deriva dalla vendite fatte sui mercati esteri. Questi dati ci fanno ben vedere il futuro: ci sembra di poter cogliere prospettive di crescita notevoli, legate soprattutto ad un più massivo ma soprattutto sapiente ingresso da parte delle imprese più tradizionali, magari anche sfruttando gli operatori specializzati in questo canale. Umberto Bertelè Andrea Rangone 4 L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO

7 Executive Summary Continua la crescita dell ecommerce B2c italiano che nel 2006 varrà oltre 4 miliardi di con un incremento rispetto al 2005 del 45% circa. È oramai il sesto anno consecutivo di crescita superiore al 40%. In termini di penetrazione, pur rappresentando nel complesso ancora meno dell 1% del valore dei beni e servizi acquistati dai consumatori finali, l ecommerce vale per alcune categorie merceologiche i biglietti, i viaggi, le RC Auto, i prodotti di informatica ed elettronica di consumo, i libri ed i dvd diversi punti percentuali delle vendite al dettaglio. Il comparto del Turismo si conferma leader, con un transato di oltre 1,7 miliardi di e una crescita coerente con quella del mercato. Per la prima volta dal 2000 non riesce tuttavia ad incrementare il suo peso sul mercato complessivo che rimane stabile al 43%. Cresce l importanza dell Informatica ed elettronica di consumo che, nel 2006, supererà le Assicurazioni posizionandosi al secondo posto con un transato che supererà i 420 (11% del mercato). Crescono bene anche l Abbigliamento e l Editoria, musica e audiovisivi, mentre per il Grocery sembra profilarsi una situazione di stallo. Aumenta molto il peso della categoria Altro, in particolare per l ottimo andamento delle vendite c2c su ebay. Alessandro Perego L incremento del transato è dovuto al notevole aumento del numero degli ordini anche se, in molti casi, questo incremento è accompagnato da una leggera riduzione del valore medio dello scontrino che ne limita in qualche misura l impatto. Considerando solo i principali comparti Turismo, Informatica ed elettronica, Assicurazioni, Abbigliamento, Editoria e Grocery nel 2006 si evaderanno quasi 16 milioni di ordini, il 55% in più rispetto al 2005, con un valore medio dello scontrino di poco superiore ai 180. Continua a crescere il grado di concentrazione del mercato con i primi 20 operatori che arriveranno a rappresentare alla fine del 2006 il 75% dell ecommerce italiano. Il fenomeno risulta ancora più evidente considerando i singoli comparti in cui si assiste, pur con qualche significativa eccezione, ad una crescita a due velocità con i leader che trainano e i follower che arrancano. Le motivazioni di questo andamento possono essere cercate, da un lato, come ripetiamo da anni, nei vantaggi competitivi ormai acquisiti dai top player e, dall altro, nell assenza di nuove iniziative di un certo rilievo che si affacciano sul canale online con il giusto commitment e con delle idee di business vincenti. Prosegue in modo assai deciso la crescita degli operatori Pure Player che chiuderanno il 2006 con oltre il 52% del mercato (contro il 44% dell anno scorso) grazie agli ottimi risultati di una serie di iniziative tra cui ebay, le principali agenzie di viaggio online (edreams, Expedia e lastminute.com), i portali di hotel (Venere) e alcuni dei leader dei principali comparti come Yoox ed Ibs.it. Nel 2006 si assiste ad una inversione di tendenza della propensione all export delle imprese italiane. Le vendite all estero dovrebbero infatti raggiungere il 16% del valore complessivo del mercato rispetto al 13% circa registrato nel 2005 lasciando intravedere ulteriori interessanti possibilità di sviluppo oltre confine. A nostro modo di vedere le vendite all estero potrebbero dare nuova linfa vitale all ecommerce B2c italiano, facendo leva sul prestigio, la qualità e l originalità del made in Italy. Pur con forti differenze tra comparto e comparto la modalità di pagamento più diffusa risulta essere la carta di credito (utilizzata per circa il 70% degli acquisti) seguita da Paypal, bonifico bancario e contrassegno. Giovanni Toletti L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO 5

8 1. Il mercato La dinamica delle vendite 1 Tale valore misura le (i) vendite (ii) di prodotti e servizi (iii) effettuate via Internet (iv) esclusivamente da siti italiani (v) verso i consumatori finali (sia italiani che stranieri). Per approfondimenti si faccia riferimento alla nota metodologica Il mercato italiano dell ecommerce B2c oltrepasserà nel 2006 quota 4 miliardi di 1, con un incremento rispetto al 2005 del 45% circa, sostanzialmente in linea con il tasso di crescita registrato nel 2005 (cfr. Figura 1.1). È oramai il sesto anno consecutivo di crescita superiore al 40%. Tre sono a nostro modo di vedere le principali determinanti di questo risultato. In primis, la crescita del Turismo, abbondantemente superiore al 40%, in secondo luogo la crescita delle transazioni su ebay, nell intorno dell 80% circa, ed infine le buone prestazioni dei settori che vendono prodotti, con l Abbigliamento e l Informatica ed elettronica di consumo che hanno tassi prossimi al 40%. In termini di penetrazione, pur rappresentando nel complesso ancora meno dell 1% del valore dei beni e servizi acquistati dai consumatori finali, l ecommerce vale per alcune categorie merceologiche i biglietti, i viaggi, le RC Auto, i prodotti di informatica ed elettronica di consumo, i libri ed i dvd diversi punti percentuali delle vendite al dettaglio. Fig. 1.1 La dinamica del mercato ( ) +45% +42% +72% % tasso medio annuo % * * 2006: dati di preconsutivo I principali comparti merceologici La distribuzione delle vendite per comparto merceologico (cfr. Figure 1.2 e 1.3) conferma anche nel 2006 il Turismo al primo posto con il 43% del mercato (quota di fatto invariata rispetto al 2005) ed un transato di circa Di tutti i comparti è quello che più contribuisce alla crescita complessiva dell ecommerce B2c con circa 500 su un totale di quasi Prosegue anche nel 2006 la riduzione del tasso di crescita (da +52% annuo nel 2005 a +44% nel 2006), ma in maniera meno marcata rispetto al biennio precedente in cui si era passati da un +150% del 2004 ad 6 L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO

9 Capitolo 1. Il mercato un +52% nel Il progressivo rallentamento della crescita va messo in relazione con il raggiungimento di un elevato tasso di penetrazione sul totale retail (dal 5% del 2005 al 7% del 2006), non troppo discosto da quello tipico dei principali paesi occidentali. Nello specifico, la crescita più sostenuta (tasso prossimo al 75% circa) è legata alla prenotazione di hotel, grazie soprattutto agli ottimi risultati dei leader (Venere in primis). L Informatica ed elettronica di consumo è il secondo settore a valore. Nel 2006 supererà i 420 milioni di, con una crescita superiore al 30%. Le Assicurazioni online, pur riducendo nel 2006 il loro peso al di sotto del 10% dell ecommerce, dimostrano uno stato di salute più che soddisfacente se confrontato con il mercato offline. La riduzione dei prezzi delle principali assicurazioni tradizionali ha per altro ridotto il differenziale di prezzo tra il canale diretto e gli altri canali. Abbigliamento ed Editoria confermano anche nel 2006 una quota pari al 3% ciascuno, con una crescita in linea a quella dell intero mercato online e un valore assoluto superiore in entrambi i casi ai 110. Questi risultati sono però frutto di dinamiche diverse. Se nell Abbigliamento quasi tutte le principali iniziative stanno ottenendo degli ottimi risultati, nell Editoria sono principalmente i leader a trascinare il comparto. Il settore Grocery rimane di fatto stazionario in termini assoluti, e quindi in termini relativi il suo peso passa dal 2% all 1%. La crescita di alcuni operatori è stata infatti compensata da un significativo ridimensionamento di altri che ha portato, in alcuni casi, alla chiusura. Gli altri settori (alimentare non grocery, oggetti artigianali e artistici, ricariche telefoniche e cellulari, prevendite biglietti, auto e moto, piante e fiori, ecc.) hanno aumentato il loro peso in misura significativa passando dal 26% al 30%. Il peso più rilevante ed anche il più elevato tasso di crescita, 80% circa, è legato alle vendite c2c (consumer to consumer) su ebay 2. In seconda posizione le ricariche telefoniche e poi il ticketing, inteso come biglietteria per eventi, che cresce in linea con il mercato complessivo. La vendita di servizi per la prima volta negli ultimi cinque anni diminuisce il suo peso a favore dei prodotti, passando dal 63% nel 2005 al 60% nel In questa dinamica, gioca un ruolo significativo la crescita di ebay, dove la vendita di servizi è assolutamente marginale rispetto alla vendita di prodotti, ed il rallentamento della vendita online di assicurazioni e, in parte, anche di ricariche telefoniche. 2 Le vendite dei sitinegozio ospitati su ebay verso i consumatori sono state allocate sui rispettivi settori merceologici, agendo ebay in questo caso come un mall, mentre le vendite dirette tra consumatori sono state considerate nella categoria Altro, essendo in questo caso il modello di ebay del tutto particolare e non riconducibile al modello degli altri siti ,5% % % % % % Altro (prevendita biglietti, ricariche telefoniche, collezionismo, preziosi, auto-moto, fiori, ecc.) Fig. 1.2 La distribuzione delle vendite per comparto ( ) 0,5% 2% 7% 9% 3% 5% 4% 20% 4% 3% 4% 18% 3% 3% 3% 14% 12% 2% 3% 3% 12% 11% 1% Grocery 3% Abbigliamento 3% Editoria, Mus. e Audio 9% Assicurazioni 11% Informatica ed Elettronica 31% 15% 14% 19% 17% 27% 40% 43% 43% Turismo * * 2006: dati di preconsutivo L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO 7

10 Capitolo 1. Il mercato Fig. 1.3 La dinamica del mercato per comparto ( ) Altro (prevendita biglietti, ricariche telefoniche, collezionismo, preziosi, auto-moto, fiori, ecc.) Grocery Abbigliamento Editoria, Mus. e Audio Assicurazioni Informatica ed Elettronica Turismo * * 2006: dati di preconsutivo Il numero ed il valore degli ordini Oltre al valore dell ecommerce è interessante analizzare il numero di ordini complessivo e la loro ripartizione per settore. Nel 2006 saranno complessivamente evasi circa 52 milioni di ordini, il 70% dei quali appartenenti alla categoria Altro ed il 30% alle principali categorie merceologiche considerate, con un valore medio dell ordine pari quindi a circa 80. Per una analisi più dettagliata abbiamo preferito però escludere nel seguito della trattazione la quota di ordini relativi alla categoria Altro in quanto comprensiva di una pletora di comparti e microcomparti per cui i dati sul numero di ordini e sul valore medio sono di difficile interpretazione. Escludendo quindi la categoria Altro, nel 2006 si evaderanno circa 16 milioni di ordini, il 55% in più rispetto al 2005, con un valore medio dello scontrino di poco superiore ai 180, in calo di oltre il 10% rispetto all anno precedente (cfr. Figure 1.4 e 1.5). Se da una lato questi dati sono esplicativi della crescita dell ecommerce B2c, dall altro evidenziano un aumento della complessità di gestione. L effetto congiunto dell incremento del numero di ordini e della riduzione dello scontrino medio genera infatti un aumento della complessità delle attività e di quei costi che hanno come driver il numero di ordini (costi logistici in primis). Oltre la metà degli ordini dell intero mercato online è da ricondursi al comparto del Turismo, quasi 9 milioni nel 2006 (cfr. Figura 1.4). Considerando anche l Editoria, musica ed audiovisivi e l Informatica ed elettronica di consumo, con circa 2,5 milioni di ordini ciascuno, si comprendono l 87% degli ordini online nel 2006, sempre escludendo gli ordini nella categoria Altro. Da sottolineare in particolare il ruolo dell Editoria che a valore rappresenta il 3% dell ecommerce complessivo (oltre il 4% non considerando la categoria altro), mentre quadruplica il suo peso se consideriamo il numero di ordini evasi. Assicurazioni, Abbigliamento e Grocery evaderanno complessivamente nel 2006 i restanti 2 milioni di ordini. 8 L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO

11 Capitolo 1. Il mercato Il valore medio degli ordini è molto variabile da comparto a comparto (cfr. Figura 1.5). Si va dai circa 440 nelle Assicurazioni ai 45 nell Editoria. Nel Turismo il valore medio dell ordine è prossimo ai 180, come media tra la vendita di viaggi (compresi tra i 400 e i 500 a ordine) e la vendita di prenotazioni alberghiere e biglietti con valori decisamente più bassi (in alcuni casi abbondantemente sotto i 100 a ordine in media). Anche l Informatica ed elettronica di consumo è caratterizzata da uno scontrino medio tutto sommato elevato, ma che si prevede in calo di circa il 15% nell anno in corso: da oltre 200 nel 2005 si passerà a circa 180 nel 2006, prevalentemente a causa dell incremento nella vendita di consumabili e accessori. Fig % 15,8 milioni 0,45 0,7 0,9 Grocery Abbigliamento Assicurazioni La dinamica del numero di ordini per comparto ( ) 10,2 milioni 0,45 0,5 0,75 2,5 2,5 Informatica ed Elettronica Editoria, Mus. e Aud. 1,56 1,64 8,75 Turismo 5, * Dati in milioni * 2006: dati di preconsutivo Fig. 1.5 Il valore medio degli ordine ( ) Valore medio dell ordine esclusa la categoria Altro (2005) (2006) Assicurazioni Turismo Informatica ed Elettronica Abbigliamento Grocery Editoria, Mus. e Aud. L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO 9

12 Capitolo 1. Il mercato La concentrazione L analisi del grado di concentrazione conferma come i primi 20 player del mercato italiano stiano crescendo con un tasso superiore rispetto ai concorrenti. La quota di mercato dei primi venti operatori raggiungerà a fine 2006 il 75%, leggermente incrementata rispetto allo scorso anno (cfr. Figura 1.6). Il fenomeno risulta particolarmente evidente quando si analizzano i singoli comparti (cfr. Capitolo 2), dove si nota spesso una crescita più accentuata per i leader rispetto a tutti gli altri operatori. A nostro parere le ragioni della crescita della concentrazione sono essenzialmente due. In primis, come detto da tempo, ci sono gli indubbi vantaggi competitivi ormai acquisiti dai leader (notorietà e affidabilità dell iniziativa, qualità percepita, know how specifico, ecc.). In secondo luogo, a parte qualche eccezione (ad esempio Monclick), va segnalata l assenza di nuove iniziative di un certo rilievo che si affacciano sul canale online con il giusto commitment (in termini di investimenti) e con delle idee di business vincenti (capaci di fornire degli elementi di differenziazione rispetto alla concorrenza). Per vendere online è necessario sia credere fortemente nelle potenzialità del canale che trovare la ricetta giusta a seconda del comparto merceologico di appartenenza. Se è abbastanza comprensibile l elevata criticità di identificare il modello vincente, è invece difficilmente giustificabile la poca fiducia nel canale online da parte di numerose imprese legate al canale offline, sia produttrici (ad esempio le grandi case di moda) che commerciali (ad esempio la distribuzione moderna) quando Internet sembra avere dato ormai prova delle sue potenzialità. L elenco dei top 20 include quindici aziende fornitrici di servizi, di cui nove appartenenti al comparto del Turismo, cinque al settore assicurativo e una alla categoria Altro (ricariche telefoniche). Delle rimanenti cinque iniziative, due appartengono al comparto dell Informatica ed elettronica di consumo, una a quello dell Abbigliamento, una al settore Grocery ed una alla categoria Altro (ebay). È inoltre interessante evidenziare l eterogeneità delle prime 20 iniziative di ecommerce italiane, a testimonianza del fatto che sono molteplici i modelli di successo. Si va dalle Dot Com Pure player di successo come (ebay, Venere, Expedia, Yoox, lastminute.com, edreams) alle aziende tradizionali che, credendo fortemente nel canale online, hanno puntato in maniera efficace sull ecommerce (Alitalia, Trenitalia, Mediaworld, Vodafone, Esselunga), fino alle aziende che, pur essendo un emanazione di importanti compagnie tradizionali, hanno raggiunto il successo soprattutto grazie all online (di fatto tutte le compagnie assicurative dirette). Fig. 1.6 La concentrazione del mercato complessivo ( ) 36% 30% 29% 28% 25% Altri 64% 70% 71% 72% 75% Top * * 2006: dati di preconsutivo Anche nel 2006 sono le Assicurazioni ed il Grocery i due comparti con il più alto grado di concentrazione, rispettivamente il 97% e l 86% del transato del settore nelle mani dei Top 5 (cfr. Figura 10 L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO

13 Capitolo 1. Il mercato 1.7). Al terzo posto troviamo la categoria Altro, con l 84%, dove spiccano ebay ed i principali o- peratori di telecomunicazioni. L Informatica ed elettronica di consumo rimane il comparto più frammentato, con una quota dei top 5 pari al 36% nel 2006 (contro il 44% del 2005), anche grazie alla notevole dinamicità legata all ingresso di nuovi player (ad esempio Monclick) ed alla buona crescita di altri operatori che nel 2005 non comparivano ai primissimi posti (ad esempio Bow.it). Fig % 3% 14% 16% 19% L asse orizzontale misura l incidenza percentuale delle vendite sui singoli settori merceologici. La concentrazione nei diversi comparti (2006) 29% 47% Altri operatori 97% 86% 84% 81% 64% 71% 53% 36% Top 5 0% Assicurazioni 9% 1% Grocery 30% Altro * 3% Abbigliamento 3% Editoria, Mus. e Audio 43% Turismo 11% Informatica ed Elettronica * Altro: prevendita biglietti, ricariche telefoniche, collezionismo, preziosi, auto-moto, fiori, ecc. Multicanale e Pure Player Prosegue la crescita degli operatori Pure Player che chiuderanno il 2006 con oltre il 52% del mercato (cfr. Figura 1.8), superando così per la prima volta gli operatori Multicanale, grazie agli ottimi risultati di una serie di iniziative tra cui ebay, le principali agenzie di viaggio online (edreams, Expedia e lastminute.com), i portali di hotel (Venere) e alcuni dei leader dei principali comparti come Yoox ed Ibs.it. Tra i Multicanale perde sensibilmente quota la categoria degli operatori a distanza, a causa della crescita blanda delle Assicurazioni e dei risultati non ancora entusiasmanti delle low cost italiane, anche a valle delle vicende di Volareweb. Mantengono pressoché invariato il loro peso gli operatori compositi, grazie prevalentemente ad una crescita in linea con quella del mercato (ed in alcuni casi anche superiore) di tutte le principali compagnie di trasporto tradizionali (sia aeree che ferroviarie). Infine prosegue il trend negativo degli operatori store-based, che ormai prosegue dal 2002, e che non avrà mutazioni di rotta fin tanto che i principali operatori della distribuzione rimarranno alla finestra. A giudicare da questi numeri, i risultati migliori in termini di crescita li sta ottenendo o chi è stato davvero motivato ad utilizzare Internet perché vi ha riconosciuto un canale potente su cui basare interamente la propria attività i Pure Player o chi ha scelto l online a complemento di tutti gli altri canali i Multicanale convinto di poterne sfruttare al meglio le sinergie. Chi invece ha affiancato alla propria attività tradizionale anche la vendita online solamente per te- L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO 11

14 Capitolo 1. Il mercato starne le potenzialità o per un effetto moda sta ottenendo dei risultati non particolarmente incoraggianti e l effetto ovvio è una disincentivazione di ulteriori investimenti sul canale. Fig. 1.8 La distribuzione delle vendite tra operatori Multicanale e Pure Player 6% 35% 9% 24% 13% 18% 17% 16% 17% 13% Composito Store Totale Multi-Canale 47,5% ( ) 22% 31% 34% 23% 17% Distanza 37% 36% 35% 44% 53% Pure Player * * 2006: dati di preconsutivo Anche il 2006 non sembra portare, a meno di qualche sorpresa nella seconda parte dell anno, la tanto attesa ed auspicata discesa in campo della grande distribuzione. Nel food (cfr. Figura 1.9) si sono invece verificate alcune chiusure eccellenti (Iovorrei e Pamacasa) con una conseguente riduzione della percentuale degli operatori che hanno attivato un iniziativa di ecommerce, scesa dal 20% al 17%. Anche quest anno i pochi segnali positivi arrivano dal non food (cfr. Figura 1.10) dove si segnala l ingresso di alcuni nuovi entranti prevalentemente nel comparto dell informatica ed elettronica di consumo (ad esempio Euronics e Eldo). Fig. 1.9 La presenza online degli ope- 23% 20% 11% 11% Nessuna Presenza ratori della distribuzione moderna in ambito food 57% 60% 69% 72% Istituzionale ( ) 20% 20% 20% 17% ecommerce * * 2006: dati di preconsutivo Fig La presenza online degli ope- 33% 27% 20% 18% Nessuna Presenza ratori della distribuzione moderna in ambito non 51% 57% 61% 60% Istituzionale food ( ) 16% 16% 19% 22% ecommerce * * 2006: dati di preconsutivo 12 L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO

15 Capitolo 1. Il mercato Imprese tradizionali e Dot Com È interessante anche analizzare la distribuzione delle vendite in funzione della tipologia di impresa (Figura 1.11), distinguendo tra Dot Com e Imprese Tradizionali e queste ultime tra imprese commerciali (di prodotti o servizi), imprese che producono servizi e imprese produttrici (di prodotti). Continuano a crescere anche nel 2006 le Dot Com che chiuderanno l anno con il 50% del mercato online complessivo a discapito soprattutto delle imprese produttrici di servizi. Le ragioni di una crescita tanto accentuata nell ultimo biennio sono riconducibili da una parte alle ottime prestazioni di molti operatori Pure Player, come evidenziato in precedenza (nei fatti la grande maggioranza delle Dot Com sono anche Pure Player e viceversa) e dall altra alle prestazioni non esaltanti degli operatori a distanza (in primis assicurazioni e compagnie aeree low cost). Sembrano tenere le imprese tradizionali commerciali che, grazie agli ottimi risultati di operatori come Monclick e Ibs.it, anche nel 2006 dovrebbero chiudere con il 9% del mercato complessivo. Perdono invece peso le imprese tradizionali produttrici che passano dal 4% al 3% del mercato totale. A fronte di alcuni operatori che crescono con tassi interessanti soprattutto nell abbigliamento (ad esempio Glamonweb o Mandarina Duck) vi sono aziende che fanno registrare incrementi molto inferiori alla media dell intero canale. 11% 14% 41% 8% 9% 47% 4% 10% 51% 4% 9% 44% 3% 9% 38% Trad. produttrice Trad. commerciale Trad. servizi Totale imprese tradizionali 50% Fig La distribuzione delle vendite tra imprese Tradizionali e Dot Com ( ) 34% 36% 35% 43% 50% Dot Com * * 2006: dati di preconsutivo I mercati di sbocco Le vendite all estero oltrepasseranno nel 2006 quota 650 con una crescita dell 80% rispetto al 2005, quando il loro valore era di poco inferiore ai 370. Le vendite oltre confine crescono quindi ad un tasso quasi doppio rispetto all ecommerce B2c italiano e arriveranno nel 2006 a pesare il 16% sul valore complessivo del mercato (cfr. Figura 1.12). A nostro modo di vedere le vendite all estero sono, e saranno sempre più in prospettiva, uno degli elementi propulsori all e- Commerce B2c italiano, facendo leva sul prestigio, la qualità e l originalità del made in Italy. Proprio facendo leva sul made in Italy il comparto dell Abbigliamento (a onor del vero gran parte della crescita è imputabile a Yoox) ha aumentato il peso delle vendite all estero dal 52% al 66% (cfr. Figura 1.13), soprattutto in Paesi extra UE (ad esempio USA e Giappone). Anche il Turismo ha fatto registrare una buona progressione delle vendite oltre confine, grazie soprattutto alla crescita rilevante dei portali di hotel, particolarmente apprezzati dai clienti stranieri. Nell Editoria, in aggiunta alle vendite all estero di libri e pellicole in italiano, si segnala una significativa esportazione di figurine, che ha evidentemente beneficiato dei campionati mondiali di calcio e dell esclusiva che Panini L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO 13

16 Capitolo 1. Il mercato ha a livello mondiale. Nella categoria Altro, le vendite all estero, sostanzialmente invariate rispetto al 2005, sono imputabili sia ai principali operatori di ticketing online che ad alcune iniziative riconducibili al made in Italy, quali ad esempio i rivenditori di prodotti tipici, di fiori o di preziosi. Le Assicurazioni e il Grocery per vincoli di carattere legislativo o per la focalizzazione geografica dell - offerta generano strutturalmente il 100% del loro fatturato in Italia. Gli operatori di dimensioni contenute che offrono prodotti potenzialmente molto interessanti per mercati stranieri, come testimoniano le molte richieste ricevute, si trovano ad affrontare la criticità dei costi di consegna elevati. Vendere all estero vuol dire anche predisporre in alcuni casi una struttura commerciale e logistica in grado di supportare il processo di consegna della merce tentando di ridurne al massimo i costi. È evidente, però, che prima di giustificare strutture dedicate in altri Paesi è necessario raggiungere una massa critica rilevante. Fig La distribuzione delle vendite sulla base del mercato 20% 16% 12% 13% 16% Estero di sbocco ( ) 80% 84% 88% 87% 84% Italia * * 2006: dati di preconsutivo Fig La distribuzione L asse orizzontale misura l incidenza percentuale delle vendite sui singoli settori merceologici. delle vendite sulla base del mercato 100% di sbocco nei diversi comparti Italia 34% (2006) 71% 92% 94% 98% 100% 100% Estero 66% 29% 0% 8% 6% 2% Abbigliamento 3% Turismo 43% 3% Editoria, Mus. e Aud. Altro * 30% Informatica ed Elettronica 11% 9% 1% Assicurazioni Grocery * Altro: prevendita biglietti, ricariche telefoniche, collezionismo, preziosi, auto-moto, fiori, ecc. 14 L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO

17 Capitolo 1. Il mercato Le modalità di pagamento Analizziamo infine le modalità di pagamento. Nel 2006, oltre il 70% degli acquisti online verrà realizzato con carta di credito, il 10% circa tramite Paypal (prevalentemente grazie all effetto ebay dove questa modalità di pagamento è largamente diffusa), il 9% mediante bonifico bancario, mentre solamente l 8% degli acquisti verrà pagato in contrassegno (cfr. Figura 1.14). Chiudono la classifica delle modalità di pagamento il finanziamento utilizzato prevalentemente nell Informatica ed elettronica di consumo e altre modalità, tipicamente il bollettino postale utilizzato prevalentemente nel comparto dell Editoria. Evidentemente i risultati appena riportati sono frutto di dinamiche molto diverse a seconda del comparto merceologico (cfr. Figura 1.15). Una distinzione di massima può essere fatta tra prodotti e servizi. Nell ambito dei prodotti il pagamento alla consegna ha ancora un ruolo di primaria importanza tanto da essere la modalità di pagamento più utilizzata nel Grocery e nell Informatica ed elettronica di consumo, rispettivamente con il 90% ed il 41% delle vendite o la seconda modalità più utilizzata nell Abbigliamento e nell Editoria musica ed audiovisivi, rispettivamente con il 29% ed il 28%. La carta di credito è particolarmente utilizzata nel comparto dell Abbigliamento, vista la forte presenza sul mercato internazionale degli operatori di ecommerce italiani (cfr. I mercati di sbocco). Nell ambito dei servizi la carta di credito è invece in assoluto il mezzo di pagamento più utilizzato: si utilizza per il 99% degli acquisti nel Turismo (spesso, a onor del vero, l unico mezzo di pagamento accettato dagli operatori) e per il 64% nelle Assicurazioni. 70% Carta di Credito 2% Altro 1% Finanziamento 8% Contrassegno 10% Paypal 9% Bonifico Bancario Fig La distribuzione delle vendite sulla base delle diverse modalità di pagamento (2006) 100% L asse orizzontale misura l incidenza percentuale delle vendite sui singoli settori merceologici. Altro Bonifico Bancario Fig La distribuzione delle vendite sulla base delle diverse modalità di pagamento nei diversi comparti (2006) 99% 65% Finanziamento Contrassegno Paypal 64% Carta di Credito 50% 47% 34% 0% 43% 3% 9% 30% 3% 11% 10% 1% Turismo Abbigliamento Assicurazioni Altro * Editoria Elettronica e Informatica Grocery * Altro: prevendita biglietti, ricariche telefoniche, collezionismo, preziosi, auto-moto, fiori, ecc. L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO 15

18 2. I principali comparti In questo capitolo si analizzeranno più in dettaglio i principali comparti in cui è rilevante l ecommerce B2c in Italia (come evidenziato nel Capitolo 1) con l intento, da un lato, di approfondire i numeri caratteristici di ognuno di essi e, dall altro, di identificare i principali modelli di business e le prospettive per il futuro. La Figura 2.1 mappa i principali comparti sulla base del totale delle vendite al dettaglio nel comparto (misura della dimensione potenziale del mercato) e del tasso di penetrazione dell ecommerce sul totale delle vendite al dettaglio nel comparto mettendo inoltre in evidenza le dimensioni complessive delle vendite online (proporzionali all area del cerchio) negli anni 2005 e Fig. 2.1 L incidenza dell ecommerce B2c ed il mercato potenziale nei principali comparti ( ) Valore delle vendite al dettaglio (miliardi di ) < Grocery Abbigliamento Assicurazioni * Editoria, Mus, e Aud Turismo Informatica ed Elettronica ,01% - 0,1% 0,1% - 1% 1% - 4% 4% - 7% Tasso di penetrazione dell ecommerce B2c * Relativo al valore del solo mercato RC auto In generale si nota un basso tasso di penetrazione dell ecommerce B2c sul totale delle vendite al dettaglio, con qualche eccezione. Il Turismo infatti ha ormai raggiunto un tasso di penetrazione pari al 7% (era il 5% nel 2005) che inizia ad avvicinarsi ai livelli raggiunti negli altri Paesi del mondo occidentale. È poi superiore al 3% la penetrazione nell Informatica ed elettronica di consumo. Sono più ridotti, ma comunque interessanti, i tassi di penetrazione in altri due comparti, Editoria, musica e audiovisivi con circa il 2,7% e Assicurazioni in cui, riferendosi al solo mercato dell RC Auto, si raggiunge il 2%. Molto più bassa è invece la penetrazione nell Abbigliamento e nel Grocery che rimangono abbondantemente al di sotto del punto percentuale. 16 L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO

19 Nel seguito saranno approfonditi alcuni dei principali comparti, nello specifico: Turismo; Informatica ed elettronica di consumo; Assicurazioni; Editoria, musica e audiovisivi; Abbigliamento; Grocery. Nella parte finale si esamineranno, seppur sinteticamente, le principali iniziative all interno della macrocategoria Altro. Turismo Il Turismo si conferma ancora come il settore più rilevante in Italia con un transato complessivo per il 2006 stimato in oltre 1,7 miliardi di, pari al 43% del totale ecommerce. Il suo tasso di crescita è quest anno in leggero calo e allineato con il tasso di crescita complessivo (+44% rispetto al 2005 a fronte del +52% del 2004/05 e addirittura del +150% del 2003/04). 43% Peso del comparto Fig. 2.2 L ecommerce B2c nel comparto del Turismo Tipologia di canali Pure Player 2 canali Composito Portali di hotel Agenzie online Agenzie tradizionali multicanale Compagnie di trasporto tradizionali Compagnie di trasporto low cost Valore del mercato % Dot Com Trad. comm. Trad. prod. Tipologia di impresa Crescita inferiore alla media del comparto Crescita in linea con la media del comparto Crescita superiore alla media del comparto Anche dal punto di vista degli ordini registrati il Turismo si conferma al primo posto con oltre 8,5 milioni di acquisti nel 2006, ben il 55% degli ordini emessi, se escludiamo la categoria Altro. L incremento rispetto allo scorso anno, quando si raggiunsero i 5,3 milioni di ordini, si prospetta particolarmente significativo, ma dovrebbe essere accompagnato da una riduzione dello scontrino medio che ne bilancia, in parte, l effetto. Il settore turismo è caratterizzato da tre grandi famiglie di prodotti : i biglietti per i trasporti (soprattutto aerei, ma anche ferroviari), le prenotazioni alberghiere e i viaggi. I biglietti rimangono ampiamente il prodotto più importante nel Turismo online con vendite che dovrebbero superare, nel corso del 2006, il miliardo di, con un peso sul totale del settore leggermente inferiore al 60%. Nonostante la notevole crescita (+70%) delle vendite online di Trenitalia che, con l ampliamento del servizio ticketless, si conferma una best practice europea, rimane predo- L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO 17

20 minante in questo comparto il contributo del trasporto aereo grazie alla presenza di numerose compagnie aeree sia tradizionali che low cost che investono molto sul canale online. Soprattutto le compagnie aeree tradizionali si stanno impegnando per trasferire quote significative delle loro vendite verso l online in modo da sfruttare l economicità di questo canale di distribuzione che può consentire di tagliare i costi di emissione del biglietto anche dell 80%. È opportuno sottolineare come il mercato italiano dei biglietti di trasporto potrebbe essere ancora più significativo se si contassero i numerosi player internazionali (primo fra tutti RyanAir) che, pur non avendo una presenza societaria italiana (e i cui dati quindi non vengono inclusi nel rapporto), movimentano un numero molto alto di passeggerei generando transati particolarmente rilevanti. La crescita prevista nel 2006 per la vendita online di biglietti è leggermente inferiore a quella del Turismo nel complesso attestandosi intorno al 40%, su valori analoghi a quelli fatti registrare l anno scorso. I siti di intermediazione (come ad esempio Expedia, edreams o Volagratis.it) giocano un ruolo sempre più rilevante nello sviluppo delle vendite di biglietti, incrementando il loro transato oltre la media del comparto e dimostrando come sia sempre più importante per il cliente Internet, spesso particolarmente price sensitive, poter comparare i prezzi e valutare più offerte. Per il secondo anno consecutivo le prenotazioni alberghiere trainano la crescita del Turismo con un incremento stimato rispetto al 2005 di oltre il 70% ed un peso sul totale del settore che dovrebbe raggiungere il 30%. Per i prossimi anni è ragionevole attendersi un ulteriore sviluppo di questo fenomeno data l attrattività del comparto delle prenotazioni alberghiere, grazie ai margini molto più elevati rispetto a quelli garantiti dalla sola vendita di biglietti per il trasporto. La percentuale di alberghi prenotabili via web, nonostante i decisi passi avanti fatti negli ultimi anni, rimane comunque inferiore a quella che si riscontra negli altri paesi occidentali. I vincoli che, ancora oggi, limitano lo sviluppo delle prenotazioni alberghiere a tassi ancora più elevati sembrano essere essenzialmente di natura tecnologica: non esiste ancora ad esempio uno standard nel software di interfaccia tra hotel e portali. Gli operatori del settore stanno dunque investendo molto in tecnologia per offrire agli hotel le condizioni ideali per affacciarsi in rete. Il comparto delle prenotazioni alberghiere è estremamente concentrato con Venere.com che consolida la propria posizione di leadership e con il suo principale antagonista, Expedia, che, pur non riuscendo a ripetere l eccezionale performance del 2005 (quando aveva più che triplicato le vendite) mantiene un tasso di crescita molto elevato. Va comunque sottolineato che alcuni tour operator tradizionali, quali ad esempio Boscolo Tours con il portale Travelante, iniziano a giocare la loro partita. Analizzando i modelli di business che caratterizzano il settore si notano tre logiche distinte. Da un lato c è il modello, adottato ad esempio da Venere.com, di pura intermediazione dove all hotel viene lasciata la gestione del prezzo della camera. C è poi il modello merchant, utilizzato ad esempio da Expedia, dove il portale applica un mark up al prezzo stabilito dall albergo. Infine alcuni operatori, quale ad esempio Octopus Travel, adottano un modello di business simile a quello dei Tour Operator classici che consiste nell acquisire prenotazioni in strutture alberghiere con grande anticipo di tempo, per poi rivenderli sfruttando i canali diretti al pubblico, garantendo ai clienti oltre alla disponibilità della camera, anche prezzi vantaggiosi grazie allo sfruttamento di economie di scala nel processo di approvvigionamento. Completa il settore del Turismo il micro-comparto dei viaggi per cui si prevede una crescita più modesta (+16% rispetto al 2005) che porterà ad una ulteriore riduzione del peso dei viaggi sul Turismo in generale (dal 13% del 2005 al l 11% del 2006). La motivazione di questo andamento va in parte ricercata nel fatto che i viaggi sono un servizio più complesso rispetto a biglietti e alle prenotazioni alberghiere. Vi sono quindi alcuni fattori che frenano la vendita di viaggi online, dalla diffidenza dei consumatori verso l acquisto online di servizi costosi, ai bassi fidi consentiti in Italia dalle carte di credito, fino all utilizzo di Internet più come strumento di comparazione finalizzando invece in agenzia l acquisto. Un fattore propulsivo importante potrà essere l ingresso nel settore dei tour operator tradizionali ad affiancare le Dot Com che attualmente dominano il mercato (come lastminute.com, edreams ed Opodo). 18 L ecommerce B2C IN ITALIA: ALLE DOT COM LA METÀ DEL MERCATO

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 La gestione del portale e la promozione on-line Nicola Grassetto Time2marketing Srl Bibione Online Cos è oggi Bibione.com Operatori presenti 5 Strutture open air

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Volare low cost LA NOSTRA INCHIESTA

Volare low cost LA NOSTRA INCHIESTA Volare low cost Q uanto tempo prima della partenza bisogna acquistare il biglietto aereo, per assicurarsi la tariffa più bassa? La domanda ce la siamo posta tutti, innumerevoli volte, senza capire nulla

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli