SCHEDA TECNICO-ECONOMICA. Calcolo della produttività del lavoro e del costo unitario di mungitura in 4 casi studio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA TECNICO-ECONOMICA. Calcolo della produttività del lavoro e del costo unitario di mungitura in 4 casi studio"

Transcript

1 SCHEDA TECNICO-ECONOMICA Calcolo della produttività del lavoro e del costo unitario di mungitura in casi studio Di seguito vengono riportati la produttività del lavoro e il costo unitario di mungitura calcolati in casi studio relativi a due aziende di capre da latte ubicate in area collinare-montana del nord Italia. I casi studio e 2 si riferiscono all azienda agraria didattico-sperimentale G.P. Guidobono Cavalchini dell Università degli Studi di Milano prima e dopo l adozione dei dispositivi di stacco automatico per i gruppi prendicapezzoli, dei lattometri elettronici e della gestione informatizzata del gregge. I casi studio 3 e, invece, si riferiscono a un azienda commerciale di capre da latte in cui l originale impianto di mungitura parallelo a 2+2 stalli con 2 gruppi di mungitura è stato sostituito con un moderno impianto parallelo a 6+6 stalli con 32 gruppi di mungitura, stacchi automatici dei gruppi prendicapezzoli e gestione informatizzata del gregge, simile a quello dell azienda sperimentale dell Università degli Studi di Milano. METODOLOGIA Tempo toltale di mungitura e produttività del lavoro Il tempo totale medio di mungitura (s) é stato calcolato per ogni caso studio sulla base della singola fila di poste della sala di mungitura che caratterizzava le aziende oggetto di analisi, registrando le seguenti attività: tempo di ingresso degli animali negli stalli di mungitura, incluse l apertura e la chiusura dei cancelli; tempo di mungitura, ovvero tempo intercorrente tra l attacco del primo gruppo di mungitura e lo stacco dell ultimo gruppo sulla stessa fila; tempo di uscita degli animali dagli stalli di mungitura, incluse l apertura e la chiusura dei cancelli. La produttività del lavoro (capre/uomo ora), è stata calcolata sulla base del tempo medio di mungitura determinato come sopra, nell ipotesi di dover mungere un gruppo di 60 capre. unitario di mungitura Il calcolo del costo unitario di mungitura è avvenuto stimando per ciascuna azienda i costi fissi e variabili relativi all impianto di mungitura, facendo riferimento all anno I costi fissi sono stati calcolati sulla base di: prezzo di acquisto dell impianto, ad esclusione dei costi imputabili alle strutture edilizie e ai tank refrigerati; costo della manodopera per le attività di mungitura e lavaggio degli impianti (per il salario del mungitore si è fatto riferimento agli importi lordi annui indicati dal Contratto Collettivo Nazionale di Categoria, validi nel corso del 2007).

2 Relativamente al capitale investito (C), per il calcolo degli ammortamenti è stata considerata una vita media dell impianto pari a 0 anni prima dell obsolescenza tecnica (n = 0) e un tasso fisso annuo di interesse del 6%, utilizzando la seguente formula: dove: R = rata fissa annua; C = capitale; n = numero di anni; i = tasso fisso annuo di interesse. n i( + i ) R = C n ( + i ) - I costi variabili hanno incluso i costi annuali per manutenzioni ordinarie e straordinarie, riparazioni, energia elettrica, acqua e materiali di consumo (filtri, detergenti, guaine, ecc.). I costi per le manutenzioni e le riparazioni sono stati stimati su base annua pari all % del prezzo di acquisto. I costi per l energia elettrica sono stati quantificati sulla base del tempo totale di funzionamento delle pompe del vuoto, ovvero del tempo necessario per mungere il gregge due volte al giorno e del tempo occorrente per il lavaggio dell impianto a fine mungitura. I consumi elettrici delle pompe del vuoto sono stati ricavati dai dati di targa. I consumi energetici per il riscaldamento dell acqua, invece, sono stati calcolati con la seguente formula: dove: W cp T Q = µ 3600 Q = energia richiesta per riscaldare l acqua (kwh); W = litri d acqua; c P = calore specifico dell aria a pressione costante.86 kj/kg C; T = T out T in = differenza tra la temperatura dell acqua richiesta e la temperatura dell acqua che entra nell impianto di mungitura( C); 3600 = fattore di conversione tra kj e kwh; µ = /EF = 0,9; EF = efficienza energetica del riscaldatore. Il consumo d acqua è stato calcolato sulla base di 20 l/giorno per gruppo di mungitura (Pazzona et al., 999) e di un volume addizionale di acqua pari a 00 l per il lavaggio della sala al termine di ogni sessione di mungitura. In merito ai materiali di consumo i calcoli sono stati eseguiti come segue: detergenti: 0,7 l per ogni ciclo di lavaggio dell impianto; filtri del latte: 2 al giorno; guaine: sostituzione due volte l anno. I costi totali annui per capra sono stati determinati sommando i costi fissi e variabili relativi a ciascuna soluzione impiantistica. Infine, i costi unitari di mungitura ( /kg di latte), sono stati calcolati dividendo i costi totali annui per capra per la produzione media aziendale dell anno di riferimento (kg/capo anno). 2

3 CASO STUDIO Capre in lattazione: 320 Produzione media annua: 600 kg/capo (2007) Impianto di mungitura: Parallelo 6+6 stalli con 32 gruppi di mungitura Numero mungitori: 2 Tempo toltale di mungitura e produttività del lavoro Tempi medi delle attività di mungitura, calcolati sulla base di una singola fila di poste (6 stalli) Attività di mungitura Intervallo di confidenza 9% Media Min Max Tempo di ingresso (s) 3,7,2 63,2 Tempo di mungitura (s) 70,9 6,2 8,6 Tempo di uscita (s) 0,3 9,, Tempo tra l attacco del primo gruppo di mungitura e lo stacco dell ultimo gruppo sulla stessa fila 63,9 s 70,9 A 2 2A 3 n Tempo di ingresso Tempo di mungitura Tempo di uscita file di poste 3A A A t 0 t t 2 t ,9 269,8 90,7 239, Diagramma temporale delle attività di mungitura relative a 60 capi t t 37, 60 Tempo (s) Capre munte (n) PRODUTTIVITÀ DEL LAVORO: 9 capi/uomo ora 3

4 unitario di mungitura Costi fissi e variabili relativi all impianto di mungitura Costi fissi Ammortamento (rata annua) A fissi Costi variabili Impianto ,00.076, ,0 Manutenzioni Manodopera ,00 300,00 e riparazioni 3 Energia 2.0,70 elettrica Acqua 239, variabili.63,.707,8 Consumabili 6.690,00 Esclusi i costi imputabili alle strutture edilizie e al tank di refrigerazione del latte; 2 Importo lordo annuo per due mungitori; 3 Stimate pari all % del prezzo d acquisto dell impianto di mungitura; pompa del vuoto da kw, 32,9 kwh/giorno (incluso riscaldamento dell acqua, con un T medio di 0 C e µ = /EF = 0,9), 0,20 /kwh;,6 m 3 /day (incluso pulizia sala), 0,0 /m 3 ; 6 Guaine, filtri latte, detergenti, ; A Considerando una vita media dell impianto pari a 0 anni prima dell obsolescenza tecnica (n = 0) e un tasso fisso annuo di interesse del 6 %. unitario di mungitura ( /kg di latte) annuo/capra Produzione media annua/capra (kg) mungitura ( /kg latte).707,8 39, ,23 COSTO UNITARIO MUNGITURA: 0,23 /kg latte

5 CASO STUDIO 2 Capre in lattazione: 320 Produzione media annua: 600 kg/capo (2007) Impianto di mungitura: Parallelo 6+6 stalli con 32 gruppi di mungitura, stacchi automatici, lattometri computerizzati, gestione informatizzata del gregge Numero mungitori: Tempo toltale di mungitura e produttività del lavoro Tempi medi delle attività di mungitura, calcolati sulla base di una singola fila di poste (6 stalli) Attività di mungitura Intervallo di confidenza 9% Media Min Max Tempo di ingresso (s) 60,6,2 66,0 Tempo di mungitura (s) 3,8 9,6,0 Tempo di uscita (s), 0,3,9 Tempo tra l attacco del primo gruppo di mungitura e lo stacco dell ultimo gruppo sulla stessa fila 603, s 3,8 s 80 s 80 s A 2 2A 3 n Tempo di ingresso Tempo di mungitura Tempo di uscita file di poste 3A A A t 0 t t 2 t 3 t t 0 683, , , Tempo (s) Capre munte (n) Diagramma temporale delle attività di mungitura relative a 60 capi PRODUTTIVITÀ DEL LAVORO: 86 capi/uomo ora

6 unitario di mungitura Costi fissi e variabili relativi all impianto di mungitura Costi fissi Ammortamento (rata annua) A fissi Costi variabili Impianto , , ,80 Manutenzioni Manodopera ,00.000,00 e riparazioni 3 Energia 3.832,0 elettrica Acqua 239, variabili 6.76, ,7 Consumabili 6.690,00 Esclusi i costi imputabili alle strutture edilizie e al tank di refrigerazione del latte; 2 Importo lordo annuo per un mungitore; 3 Stimate pari all % del prezzo d acquisto dell impianto di mungitura; 2 pompe del vuoto da kw, 2, kwh/giorno (incluso riscaldamento dell acqua, con un T medio di 0 C e µ = /EF = 0,9), 0,20 /kwh;,6 m 3 /day (incluso pulizia sala), 0,0 /m 3 ; 6 Guaine, filtri latte, detergenti, ; A Considerando una vita media dell impianto pari a 0 anni prima dell obsolescenza tecnica (n = 0) e un tasso fisso annuo di interesse del 6 %. unitario di mungitura ( /kg di latte) annuo/capra Produzione media annua/capra (kg) mungitura ( /kg latte) 38.38,7 9, ,20 COSTO UNITARIO MUNGITURA: 0,20 /kg latte 6

7 CASO STUDIO 3 Capre in lattazione: 00 Impianto di mungitura: Parallelo 2+2 stalli con 2 gruppi di mungitura Produzione media annua: 900 kg/capo (2007) Numero mungitori: 2 Tempo toltale di mungitura e produttività del lavoro Tempi medi delle attività di mungitura, calcolati sulla base di una singola fila di poste (2 stalli) Attività di mungitura Intervallo di confidenza 9% Media Min Max Tempo di ingresso (s) 8,2 79, 88,3 Tempo di mungitura (s) 92, 87, 97,6 Tempo di uscita (s) 7,3 67,7 7,9 Tempo tra l attacco del primo gruppo di mungitura e lo stacco dell ultimo gruppo sulla stessa fila 08 s 92. s A 2 2A 3 n Entry time Milking time Exit time Row of stalls 3A t 0 t t 2 t 3 t Time (s) Goats milked (n) Diagramma temporale delle attività di mungitura relative a 60 capi PRODUTTIVITÀ DEL LAVORO: 80 capi/uomo ora 7

8 unitario di mungitura Costi fissi e variabili relativi all impianto di mungitura Costi fissi Ammortamento (rata annua) A fissi Costi variabili Impianto 9.000, ,3 2.67,3 Manutenzioni Manodopera ,00 90,00 e riparazioni 3 Energia 3.33,0 elettrica Acqua 26,08 variabili.36, , Consumabili 6.267,0 Esclusi i costi imputabili alle strutture edilizie e al tank di refrigerazione del latte; 2 Importo lordo annuo per due mungitori; 3 Stimate pari all % del prezzo d acquisto dell impianto di mungitura;,8 kwh/giorno (incluso riscaldamento dell acqua, con un T medio di 0 C e µ = /EF = 0,9), 0,20 /kwh;,8 m 3 /day (incluso pulizia sala), 0,0 /m 3 ; 6 Guaine, filtri latte, detergenti, ; A Considerando una vita media dell impianto pari a 0 anni prima dell obsolescenza tecnica (n = 0) e un tasso fisso annuo di interesse del 6 %. unitario di mungitura ( /kg di latte) annuo/capra Produzione media annua/capra (kg) mungitura ( /kg latte) 7.97, 9, ,3 COSTO UNITARIO MUNGITURA: 0,3 /kg latte 8

9 CASO STUDIO Capre in lattazione: 00 Produzione media annua: 900 kg/capo (2007) Impianto di mungitura: Parallelo 6+6 stalli e 32 gruppi di mungitura, stacchi automatici, lattometri computerizzati, gestione informatizzata del gregge Numero mungitori: Tempo toltale di mungitura e produttività del lavoro Tempi medi delle attività di mungitura, calcolati sulla base di una singola fila di poste (6 stalli) Attività di mungitura Intervallo di confidenza 9% Media Min Max Tempo di ingresso (s) 38, 3,,6 Tempo di mungitura (s) 7,3 0,3 93,3 Tempo di uscita (s) 9,2 7,7 20,7 Tempo tra l attacco del primo gruppo di mungitura e lo stacco dell ultimo gruppo sulla stessa fila 60 s 7.3 s 0. s 0. A 2 2A 3 n Entry time Milking time Exit time Row of stalls 3A A A t 0 t t 2 t 3 t t Time (s) Goats milked (n) Diagramma temporale delle attività di mungitura relative a 60 capi PRODUTTIVITÀ DEL LAVORO: 8 capi/uomo ora 9

10 unitario di mungitura Costi fissi e variabili relativi all impianto di mungitura Costi fissi Ammortamento (rata annua) A fissi Costi variabili Impianto , , ,8 Manutenzioni Manodopera ,00 920,00 e riparazioni 3 Energia 3.963,90 elettrica Acqua 239, variabili 6.83, ,79 Consumabili 6.690,00 Esclusi i costi imputabili alle strutture edilizie e al tank di refrigerazione del latte; 2 Importo lordo annuo per un mungitore; 3 Stimate pari all % del prezzo d acquisto dell impianto di mungitura;,3 kwh/giorno (incluso riscaldamento dell acqua, con un T medio di 0 C e µ = /EF = 0,9), 0,20 /kwh;,6 m 3 /day (incluso pulizia sala), 0,0 /m 3 ; 6 Guaine, filtri latte, detergenti, ; A Considerando una vita media dell impianto pari a 0 anni prima dell obsolescenza tecnica (n = 0) e un tasso fisso annuo di interesse del 6 %. unitario di mungitura ( /kg di latte) annuo/capra Produzione media annua/capra (kg) mungitura ( /kg latte) 37.33,79 93, ,0 COSTO UNITARIO MUNGITURA: 0,0 /kg latte 0

11 IN SINTESI I casi studio analizzati dimostrano come l adozione degli stacchi automatici dei gruppi prendicapezzoli contribuisca ad aumentare considerevolmente la produttività del lavoro e, conseguentemente, a ridurre il costo unitario di mungitura rispetto a soluzioni impiantistiche prive di questa tecnologia. Il maggior output netto delle sale di mungitura con stacchi automatici è imputabile principalmente al fatto che questi dispositivi permettono di modificare la routine classica di mungitura (attacco mungitura ripasso al termine del flusso spontaneo di latte), limitando le operazioni manuali al solo attacco del gruppo prendicapezzoli e annullando il tempo speso dal mungitore nel valutare quando il flusso di latte è terminato e, quindi, è necessario rimuovere il gruppo. In questo modo aumenta, fino a raddoppiarlo, il numero di capi gestibili dal singolo operatore, riducendo il tempo complessivo di mungitura. Il principale problema legato agli stacchi, invece, consiste nel regolare correttamente il flusso di latte minimo (g/min) e il tempo di attesa (s) prima della rimozione del gruppo prendicapezzoli onde evitare di staccare il gruppo troppo in anticipo, lasciando in mammella una quantità eccessiva di latte, oppure al contrario troppo in ritardo, esponendo inutilmente i capezzoli all azione del vuoto (sovramungitura) che, a lungo andare, altera e danneggia i tessuti aumentando il rischio di contrarre infezioni intramammarie (IMI). Esiste, inoltre, un limite per così dire umano legato a quei mungitori che, abituati a un impostazione classica della routine di mungitura con ripasso al termine del flusso spontaneo di latte, ritengono l azione degli stacchi inefficace a garantire il completo svuotamento della mammella e, quindi, tendono a riattaccare i gruppi per recuperare la massima quantità di latte residuale. Ciò, oltre a essere deleterio per la mammella, vanifica l azione dei dispositivi di stacco automatici aumentando a dismisura i tempi di mungitura. Nell azienda agraria didattico-sperimentale dell Università degli Studi di Milano (casi studio e 2) l installazione dei dispositivi di rimozione automatica dei gruppi di mungitura e l esecuzione di una routine di mungitura che riduceva le operazioni manuali al solo attacco dei gruppi ha consentito di aumentare la produttività del lavoro di oltre il 0% (da 9 a 86 capi/ora per uomo) e di ridurre il costo unitario di mungitura di oltre il 3 % (da 0,23 a 0,20 /kg di latte). Ancora più eclatanti i risultati conseguiti nell azienda commerciale (casi studio 3 e ), dove il passaggio da un impianto convenzionale a 2+2 stalli con 2 gruppi di mungitura a uno più razionale a 6+6 stalli con 32 gruppi di prendicapezzoli e stacchi automatici ha permesso di passare dalle 80 capre munte/ora per uomo a circa 8 (+ 30%!!!). Va sottolineato, tuttavia, che all aumento vertiginoso della produttività oraria dell impianto ha contribuito anche l aver dotato ciascuna posta di mungitura del proprio gruppo prendicapezzoli. In confronto alla sala in cui ogni gruppo è condiviso tra due stalli di mungitura, infatti, questa soluzione permette al mungitore di attaccare in rapida sequenza i gruppi prendicapezzoli a tutti gli animali presenti sulla fila di poste. Relativamente ai costi unitari di mungitura, l adozione degli stacchi ha consentito in questo caso una riduzione del 23,% (da 0,3 a 0,0 /kg di latte). I migliori risultati conseguiti nell azienda commerciale rispetto a quelli dell azienda sperimentale sono legati, oltre agli aspetti impiantistici, anche alle diverse produzioni per capo che, in un azienda inserita sul mercato, devono essere necessariamente più alte rispetto a un azienda didattico-sperimentale, il cui scopo primario è quello di fare ricerca e attività didattica, il che inevitabilmente interferisce con il normale ciclo produttivo degli animali. Basti pensare a sperimentazioni che possono ridurre l attività produttiva e all inesperienza degli studenti coinvolti che può anch essa interferire con le produzioni. BIBLIOGRAFIA Pazzona A., Murgia L., Pulina G., Nudda A., Cattaneo M., Sabelli M Impianti di mungitura e di refrigerazione del latte nell'allevamento ovino e caprino. Dimensionamento, costruzione e prestazioni. ERSAT Sardegna 999, Estro Editrice.

Innovazioni tecnologiche impianti di mungitura: Variatore del numero di giri della pompa del vuoto o Inverter Lucio Zanini

Innovazioni tecnologiche impianti di mungitura: Variatore del numero di giri della pompa del vuoto o Inverter Lucio Zanini Innovazioni tecnologiche impianti di mungitura: Variatore del numero di giri della pompa del vuoto o Inverter Lucio Zanini Specialista qualità latte Servizio Assistenza Tecnica Allevamenti Regione Lombardia

Dettagli

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Dati caratteristici del ciclo riproduttivo delle pecore durata ciclo estrale: 17 gg durata

Dettagli

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Il bilancio fornisce un quadro della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda È strumento di comunicazione, interna ed esterna,

Dettagli

La mungitura resta, comunque, un operazione

La mungitura resta, comunque, un operazione PER RIDURRE I COSTI E MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI LAVORO La sala di mungitura può essere robotizzata L impiego di bracci robotizzati a servizio di poste multiple permetterebbe interessanti applicazioni

Dettagli

Mungitura, tipol di impianto a conf

Mungitura, tipol di impianto a conf DOSSIER MECCANIZZAZIONE Mungitura, tipol di impianto a conf La meccanizzazione della stalla non può più fare a meno di un adeguato sistema per mungere le vacche. L importante è saper scegliere la soluzione

Dettagli

Efficienza Energetica nella Produzione Industriale

Efficienza Energetica nella Produzione Industriale Energy Assessment Method Efficienza Energetica nella Produzione Industriale Valutazione tecnico-economica delle potenzialità di miglioramento POLITECNICO DI MILANO Polo Regionale di Como Enrico Cagno -

Dettagli

SWP. Scaldacqua a pompa di calore SWP L acqua calda costa meno, finalmente. + Efficienza + Risparmio + Benessere

SWP. Scaldacqua a pompa di calore SWP L acqua calda costa meno, finalmente. + Efficienza + Risparmio + Benessere SWP Scaldacqua a pompa di calore SWP L acqua calda costa meno, finalmente. + Efficienza + Risparmio + Benessere Scaldacqua a pompa di calore SWP AERMEC tutta l acqua calda che vuoi, ad altissima efficienza

Dettagli

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Studio del caso nella provincia di Forlì Luca Golfera, Marco Pellegrini, Augusto Bianchini, Cesare Saccani DIEM, Facoltà di

Dettagli

Sistemi ed impianti industriali

Sistemi ed impianti industriali I sistemi impiantistici industriali che presentano i maggiori margini di miglioramento in termini di risparmio ed efficienza energetica energetico sono tipicamente: - i motori elettrici - le reti di aria

Dettagli

Contabilizzazione del calore

Contabilizzazione del calore Contabilizzazione del calore RINNOVABILI QUADRO NORMATIVO 2 RIPARTITORI CONSUMI TERMICI D.P.R. 59 Regolamento di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto

Dettagli

La gestione dell energia negli allevamenti delle bovine da latte

La gestione dell energia negli allevamenti delle bovine da latte La gestione dell energia negli allevamenti delle bovine da latte Antonio Pazzona Dipartimento Ingegneria del Territorio Università degli Studi di Sassari Premessa almeno il 20% dell energia primaria dovrà

Dettagli

Dove si consuma energia in casa vostra?

Dove si consuma energia in casa vostra? Dove si consuma energia in casa vostra? Articoli elettronici 4% Modalità standby 6% Riscaldamento & raffreddamento 22% Refrigerazione 7% Elettrodomestici da cucina 9% Illuminazione 9% Altro 3% Lavaggio

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA - POMPE DI CALORE. L. Murgia - Dip.to Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari

TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA - POMPE DI CALORE. L. Murgia - Dip.to Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA - POMPE DI CALORE L. Murgia - Dip.to Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari POMPA DI CALORE Macchina termica che opera un trasferimento

Dettagli

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it 19 giugno 2013 Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group Il trend dei consumi Gli obiettivi stabiliti dalla SEN per l efficienza energetica: - 24% sui consumi primari (-20 Mtep); -

Dettagli

Università di Pavia gruppo di ricerca in Energetica Elettrica

Università di Pavia gruppo di ricerca in Energetica Elettrica Università di Pavia gruppo di ricerca in Energetica Elettrica Pavia, 18 dicembre 2014 Efficienza Energetica e Certificati Bianchi per interventi nell ambito del servizio aria compressa Inquadramento generale

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

M03 Motori elettrici ad alta efficienza

M03 Motori elettrici ad alta efficienza M03 Motori elettrici ad alta efficienza LPQI is a member of Leonardo Energy LPQI has been co-financed by Franco Bua franco.bua@ecd.it Master Universitario di I livello INGEGNERIA DEI SISTEMI E DEI SERVIZI

Dettagli

Lavastoviglie Compatte a Cesto Trascinato

Lavastoviglie Compatte a Cesto Trascinato Lavastoviglie Compatte a Cesto Trascinato 2 electrolux wtcs La soluzione compatta La nuova gamma di lavastoviglie Compatte a Cesto Trascinato Electrolux (WTCS) offre la massima igiene e una soluzione perfetta

Dettagli

I drive per gli azionamenti efficienti Ing. Paolo Colombo Gruppo Azionamenti elettrici - ANIE Automazione

I drive per gli azionamenti efficienti Ing. Paolo Colombo Gruppo Azionamenti elettrici - ANIE Automazione I drive per gli azionamenti efficienti Ing. Paolo Colombo Gruppo Azionamenti elettrici - ANIE Automazione EFFICIENZ@ENERGETICA OGGI E DOMANI Modena, 29 Aprile 2014 Federazione ANIE Federazione Nazionale

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Convegno - Sostenibilità della coltura del tabacco in Italia - Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Dott. Pasquale Raiola 20 Aprile 2011 Dip. Scienze Economico-Estimative

Dettagli

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO L esigenza di abbassare drasticamente i costi produttivi per rimanere competitivi sul mercato globale e la necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

ANALISI DEI COSTI ENERGETICI DELLE INSTALLAZIONI D ARIA COMPRESSA

ANALISI DEI COSTI ENERGETICI DELLE INSTALLAZIONI D ARIA COMPRESSA ANALISI DEI COSTI ENERGETICI DELLE INSTALLAZIONI D ARIA COMPRESSA M.I.E.M. Mattei Intelligent Energy Management ANALISI DEI COSTI ENERGETICI DI UN INSTALLAZIONE ARIA COMPRESSA Il ns. Centro d assistenza

Dettagli

L aria è gratuita. L aria compressa no. Tieni sotto controllo la tua bolletta. Riduci il tuo spreco energetico.

L aria è gratuita. L aria compressa no. Tieni sotto controllo la tua bolletta. Riduci il tuo spreco energetico. L aria è gratuita. L aria compressa no. Tieni sotto controllo la tua bolletta. Riduci il tuo spreco energetico. 70 % L ENERGIA RICOPRE IN MEDIA IL 70% DEL COSTO DELL INTERO CICLO DI VITA DEL COMPRESSORE

Dettagli

L aria è gratuita. L aria compressa no. Tieni sotto controllo la tua bolletta. Riduci il tuo spreco energetico.

L aria è gratuita. L aria compressa no. Tieni sotto controllo la tua bolletta. Riduci il tuo spreco energetico. L aria è gratuita. L aria compressa no. Tieni sotto controllo la tua bolletta. Riduci il tuo spreco energetico. 70 % RISPARMIA FINO AL 30% GRAZIE AD UNA MAGGIORE EFFICIENZA ENERGETICA STOP AGLI SPRECHI

Dettagli

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE BUDGET Il budget è un documento amministrativo in cui vengono stabiliti in via preventiva gli atti di gestione che l'azienda intende effettuare in un periodo futuro, al fine di conseguire un determinato

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Strategie e interventi di successo. Ing. Marco Oliva Per. Ind. Colombo Lorenzo

EFFICIENZA ENERGETICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Strategie e interventi di successo. Ing. Marco Oliva Per. Ind. Colombo Lorenzo EFFICIENZA ENERGETICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Strategie e interventi di successo Ing. Marco Oliva Per. Ind. Colombo Lorenzo Il contenimento dei costi aziendali è una necessità!! Le strutture commerciali

Dettagli

Efficienza: le sfide nei settori industriali più energivori. Paolo Norse

Efficienza: le sfide nei settori industriali più energivori. Paolo Norse Efficienza: le sfide nei settori industriali più energivori Paolo Norse - Motori e inverter per la crescita in Italia Soluzioni ad alta efficienza basate su motori e azionamenti ad alta efficienza. L utilizzo

Dettagli

Impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria: considerazioni energetiche, economiche ed ambientali

Impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria: considerazioni energetiche, economiche ed ambientali Impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria: considerazioni energetiche, economiche ed ambientali PREMESSA Un impianto a collettori solari - "a pannelli solari termici" - converte

Dettagli

Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI E UTENZE ENERGETICHE

Dettagli

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono:

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono: Tecniche di Simulazione: Introduzione N. Del Buono: 2 Che cosa è la simulazione La SIMULAZIONE dovrebbe essere considerata una forma di COGNIZIONE (COGNIZIONE qualunque azione o processo per acquisire

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter Elettropompe con inverter: analisi tecnico economica Il risparmio energetico delle elettropompe è un elemento cruciale per il sistema produttivo, in quanto la presenza di motori elettrici nella produzione

Dettagli

L ANALISI DI FATTIBILITÀ PER GLI IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI

L ANALISI DI FATTIBILITÀ PER GLI IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI APITOLO 1 L AALISI DI FATTIILITÀ PER GLI IMPIATI A FOTI RIOVAILI Analogamente a qualunque altra impresa industriale, la decisione di realizzare un impianto alimentato con fonti energetiche rinnovabili

Dettagli

Il progetto semafori a led di Bressanone

Il progetto semafori a led di Bressanone Michele Tarolli Il progetto semafori a led di Bressanone Il Polo Tecnologico per l Energia di Trento è una società che opera nel campo dell efficienza e del risparmio energetico, con una notevole esperienza

Dettagli

LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA

LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA Una corretta routine di mungitura assicura un basso livello di contaminazione batterica del latte ed aiuta a ridurre il rischio di infezione mammaria 1 2 Utilizzare sempre

Dettagli

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA ISTITUTO PROFESSIONALE Settore INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA di TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE INDIRIZZO: IPE9 - MANUTENZIONE

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI) Sommario 1. Canone per attività manutentive e gestionali:...3 1.1. Canone per quota assistenza, gestione e manutenzione impianti di climatizzazione e FER...3 1.2. Canone per quota assistenza, gestione

Dettagli

L04 - L22. Compressori rotativi a vite a iniezione d olio. Intelligent Air Technology

L04 - L22. Compressori rotativi a vite a iniezione d olio. Intelligent Air Technology L04 - L22 Compressori rotativi a vite a iniezione d olio Intelligent Air Technology L04 - L22 Compressori rotativi a vite a iniezione d olio I compressori rotativi a vite a iniezione d olio della serie

Dettagli

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000 Istruzioni operative A.B.ENERGY S.r.l. Versione 001 www.abenergy.it Caratteristiche principali ABE_1000 analizzatore per Metano (CH4), Anidride

Dettagli

Scheda tecnica n. 34E Riqualificazione termodinamica del vapore acqueo attraverso la ricompressione meccanica (RMV) nella concentrazione di soluzioni.

Scheda tecnica n. 34E Riqualificazione termodinamica del vapore acqueo attraverso la ricompressione meccanica (RMV) nella concentrazione di soluzioni. Scheda tecnica n. 34E Riqualificazione termodinamica del vapore acqueo attraverso la ricompressione meccanica (RMV) nella concentrazione di soluzioni. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento

Dettagli

Manuale utente di SEAS 3.0 Analisi Economica

Manuale utente di SEAS 3.0 Analisi Economica Manuale utente di SEAS 3.0 Analisi Economica La routine di calcolo Analisi Economica (percorso:../seas/analisi_economica/analisi_economica.exe) permette una valutazione dell efficacia economica di un intervento

Dettagli

Conto termico, via agli incentivi

Conto termico, via agli incentivi CIRCOLARE A.F. N. 73 del Maggio 013 Ai gentili clienti Loro sedi Conto termico, via agli incentivi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che sono state pubblicate sul sito della GSE le

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi

L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi ing. Matteo Manica Polo Tecnologico per l Energia l srl (Trento) L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi INTRODUZIONE Andamento storico delle emissioni

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: una scelta democratica e culturalmente avanzata

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: una scelta democratica e culturalmente avanzata PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: una scelta democratica e culturalmente avanzata Che cos è il B.I.M.? E un Consorzio di Comuni nato per risarcire in piccola parte i

Dettagli

VARIAZIONE DI BENESSERE E PRODUZIONE DI LATTE DOPO UN CAMBIO DI TRAFFICO IN UN AZIENDA CON SISTEMA AUTOMATICO DI MUNGITURA

VARIAZIONE DI BENESSERE E PRODUZIONE DI LATTE DOPO UN CAMBIO DI TRAFFICO IN UN AZIENDA CON SISTEMA AUTOMATICO DI MUNGITURA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Agraria Corso di Laurea in Valorizzazione e Tutela dell Ambiente e del Territorio Montano VARIAZIONE DI BENESSERE E PRODUZIONE DI LATTE DOPO UN CAMBIO DI TRAFFICO

Dettagli

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server SYSTEM LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server MONTAIR è il marchio che rappresenta l eccellenza sul mercato per la produzione di prodotti per applicazioni

Dettagli

La qualità microbiologica del latte in funzione dell efficacia del lavaggio dell impianto di mungitura

La qualità microbiologica del latte in funzione dell efficacia del lavaggio dell impianto di mungitura La qualità microbiologica del latte in funzione dell efficacia del lavaggio dell impianto di mungitura L. Bava, M. Zucali, A. Tamburini, P. Roveda, M. Brasca, L. Vanoni, L. Zanini Luciana Bava, Maddalena

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Il progetto H 2 ydrogem: verso un futuro a zero emissioni. Ancona, 27 settembre 2013

Il progetto H 2 ydrogem: verso un futuro a zero emissioni. Ancona, 27 settembre 2013 Il progetto H 2 ydrogem: verso un futuro a zero emissioni Ancona, 27 settembre 2013 GiacominiS.p.A. : La storia Giacomini S.p.A., fondata nel 1951, è leader nella produzione di componenti per riscaldamento

Dettagli

BOLLETTINO DEI CONTROLLI DELLA PRODUTTIVITA DEL LATTE

BOLLETTINO DEI CONTROLLI DELLA PRODUTTIVITA DEL LATTE PUNTO 3 Odg BOLLETTINO DEI CONTROLLI DELLA PRODUTTIVITA DEL LATTE l Attività istituzionale dell Associazione Italiana Allevatori, svolta per incarico del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali

Dettagli

Circolare N.73 del 2 Maggio 2013

Circolare N.73 del 2 Maggio 2013 Circolare N.73 del 2 Maggio 2013 Conto termico, via agli incentivi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che sono state pubblicate sul sito della GSE le regole tecniche per beneficiare

Dettagli

PROGETTO CLIMARE SAN BENIGNO Dimensionamento tecnico-economico complessivo Relazione di sintesi Aggiornamento al 28/02/2014

PROGETTO CLIMARE SAN BENIGNO Dimensionamento tecnico-economico complessivo Relazione di sintesi Aggiornamento al 28/02/2014 PROGETTO CLIMARE SAN BENIGNO Dimensionamento tecnico-economico complessivo Relazione di sintesi Aggiornamento al 28/02/2014 Premessa Il Progetto per la realizzazione di una infrastruttura di servizio di

Dettagli

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A PECULIARITÀ - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. - Gas refrigerante ecologico R410A. - Rendimento C.O.P. 4,6. - Frequenza ridotta dei cicli di sbrinamento. - Regolazione automatica della velocità

Dettagli

Impianti Solari Termici. Max Barzanti

Impianti Solari Termici. Max Barzanti Impianti Solari Termici Solare termico IL TERMINE INCLUDE SISTEMI DI RISCALDAMENTO DELL ACQUA E/O DELL ARIA (PER USI SANITARI E RISCALDAMENTO DI AMBIENTI) SIA DI TIPO ATTIVO CHE PASSIVO Alcuni dati. NEL

Dettagli

Question time con gli operatori professionali

Question time con gli operatori professionali Convegno nazionale & Question time Fire I nuovi certificati bianchi per gli investimenti in efficienza energetica Verona, Solarexpo 9 maggio 2012 Question time con gli operatori professionali Marco De

Dettagli

MODELLO PER ANALISI DI EDIFICI DA

MODELLO PER ANALISI DI EDIFICI DA MODELLO PER ANALISI DI EDIFICI DA OBIETTIVI DEL PRESENTE DOCUMENTO Questo documento descrive una possibile metodologia per la realizzazione di analisi di edifici sui quali si intende installare impianti

Dettagli

Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione. Valutazione redditività investimenti impiantistici

Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione. Valutazione redditività investimenti impiantistici Impianti industriali 1 Ingegneria economica Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione Valutazione redditività investimenti impiantistici Investimenti industriali

Dettagli

INCENTIVAZIONE ALLE RINNOVABILI TERMICHE. 22 Febbraio 2013

INCENTIVAZIONE ALLE RINNOVABILI TERMICHE. 22 Febbraio 2013 INCENTIVAZIONE ALLE RINNOVABILI TERMICHE 22 Febbraio 2013 Confronto tra i vari meccanismi di incentivazione I SERVIZI Titoli di Efficienza Energetica I TEE valorizzano il risparmio di energia primaria

Dettagli

I drive per gli azionamenti efficienti

I drive per gli azionamenti efficienti I drive per gli azionamenti efficienti Ing. Marco Viganò Gruppo Azionamenti elettrici -ANIE Automazione 1 Giornata dell efficienza energetica in ambito industriale Rimini fiera, 7 novembre 2013 Federazione

Dettagli

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Vieni a vederla dal 14 al 17 aprile al Pressa HC con motore a Risparmio Energetico Questa gamma di macchine di pressofusione è stata studiata per ottenere

Dettagli

VMS SYSTEM DELAVAL (MM25)

VMS SYSTEM DELAVAL (MM25) VMS SYSTEM DELAVAL (MM25) COLLAUDO DI ACCETTAZIONE: va eseguito prima di approvare l uso dei lattometri per il controllo funzionale. Consiste in una prova con il latte (in mungitura) effettuata dai tecnici

Dettagli

CALCOLO DEL RISPARMIO ENERGETICO IN SEGUITO ALLA SOSTITUZIONE DI UN MOTORE CON UNO A PIÙ ALTA EFFICIENZA

CALCOLO DEL RISPARMIO ENERGETICO IN SEGUITO ALLA SOSTITUZIONE DI UN MOTORE CON UNO A PIÙ ALTA EFFICIENZA CALCOLO DEL RISPARMIO ENERGETICO IN SEGUITO ALLA SOSTITUZIONE DI UN MOTORE CON UNO A PIÙ ALTA EFFICIENZA Introduzione I motori a più alta efficienza hanno minori perdite rispetto a quelli tradizionali.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Perchè emix? PAT. PEND. RENEWABLE ENERGIES

Perchè emix? PAT. PEND. RENEWABLE ENERGIES Perchè emix? L acqua calda ad uso sanitario è un servizio sempre richiesto in qualsiasi edificio, dal piccolo appartamento ai grandi uffici open space o ai grandi alberghi. Tra tutte le possibili tecnologie

Dettagli

Provincia di Modena - Servizio Globale Impianti Servizio Energia comprendente la riqualificazione degli impianti Termici e degli Immobili

Provincia di Modena - Servizio Globale Impianti Servizio Energia comprendente la riqualificazione degli impianti Termici e degli Immobili Provincia di Modena - Servizio Globale Impianti Servizio Energia comprendente la riqualificazione degli impianti Termici e degli Immobili della Provincia di Modena Ing. Annalisa Vita Funzionario presso

Dettagli

Gruppi Frigo a Pompa di Calore Digital Scroll 230/400V 05 16 Kw

Gruppi Frigo a Pompa di Calore Digital Scroll 230/400V 05 16 Kw Gruppi Frigo a Pompa di Calore Digital Scroll 230/400V 05 16 Kw 1 2 3 4 5 1. Adotta refrigerante R410A, amico del nostro ambiente. 2. Design compatto: Unità con pompa acqua e vaso di espansione, basta

Dettagli

Top Comfort SDH 18. Climatizzatori inverter DC pompa di calore

Top Comfort SDH 18. Climatizzatori inverter DC pompa di calore Top Comfort SDH 18 Climatizzatori inverter DC pompa di calore Top Comfort SDH 18 Climatizzatori inverter DC monosplit e multisplit pompa di calore GAMMA TOP COMFORT INVERTER DC Gamma residenziale modelli

Dettagli

GREEN LINE: ridurre i costi di esercizio delle macchine di pressofusione, implementandone l efficienza. Alessandra Valeri

GREEN LINE: ridurre i costi di esercizio delle macchine di pressofusione, implementandone l efficienza. Alessandra Valeri GREEN LINE: ridurre i costi di esercizio delle macchine di pressofusione, implementandone l efficienza. Alessandra Valeri Breve presentazione aziendale Ricerca e Sviluppo I nostri trend Applicazione di

Dettagli

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Fotovoltaico Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Sviluppata alla fine degli anni 50 nell ambito dei programmi spaziali, per i quali occorreva disporre di una fonte di energia affidabile

Dettagli

Associazione Politico Culturale ALBA NUOVA e COPERTINO MEETUP LAMPADE VOTIVE LED

Associazione Politico Culturale ALBA NUOVA e COPERTINO MEETUP LAMPADE VOTIVE LED LAMPADE VOTIVE LED INTRODUZIONE... 3 DATI TECNICI... 3 LE LAMPADINE AD INCANDESCENZA... 3 LE LAMPADINE A LED... 3 IL RISPARMIO ENERGETICO... 4 ALTRI VANTAGGI... 4 COSTI... 5 Analisi dei costi di gestione

Dettagli

Inverter per l efficienza energetica ABB

Inverter per l efficienza energetica ABB SACE Inverter per l efficienza energetica Cos è un inverter Convertitore di frequenza L inverter regola la frequenza di una corrente alternata a seconda delle richieste energetiche del dispositivo a cui

Dettagli

SISTEMA DI UNA CATEGORIA A PARTE. Leader di mercato negli impianti di lavaggio ruote con sistema ad alta pressione

SISTEMA DI UNA CATEGORIA A PARTE. Leader di mercato negli impianti di lavaggio ruote con sistema ad alta pressione SISTEMA DI UNA CATEGORIA A PARTE Leader di mercato negli impianti di lavaggio ruote con sistema ad alta pressione I VOSTRI PROCESSI - LA NOSTRA SOLUZIONE Dal 2000 PERFORMTEC GMBH sviluppa e produce sistemi

Dettagli

Capitolo 1. Contenuti, scopi e metodi dell Estimo. Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi

Capitolo 1. Contenuti, scopi e metodi dell Estimo. Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Capitolo 1 Contenuti, scopi e metodi dell Estimo Estimo e pianificazione territoriale a.a. 2005-2006 Corsi di laurea in STAGR (ind. sostenibile) STAS 6 CFU Programma Materiale didattico 1.1 Contenuti e

Dettagli

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella Sede centrale I Guzzini Giorni/ Ore d impiego: 9 ore Progettisti: Studio di Architettura Mario Cucinella Ingegneri: Studio di Architettura Mario Cucinella Sorgenti di energia: Ventilazione naturale Copertura

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

DIPARTIMENTO DI DIRITTO, ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE

DIPARTIMENTO DI DIRITTO, ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE DIPARTIMENTO DI DIRITTO, ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE Anacleto Bozzarelli CONFRONTO TRA DUE SISTEMI DI RAFFREDDAMENTO DEL LATTE ALLA STALLA IMPIEGATI PER LA PRODUZIONE DI FORMAGGIO A PASTA DURA ED

Dettagli

POMPE DI CALORE A.C.S.

POMPE DI CALORE A.C.S. GUIDA PRATICA POMPE DI CALORE A.C.S. Sintesi delle cose da sapere Rev. 02 06 Nov. 2013 Pagina : 1/6 Pompe di Calore per Acqua Calda Sanitaria (ACS) Generalità Le pompe di calore per Acqua Calda Sanitaria

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

Guida alla progettazione degli impianti fotovoltaici

Guida alla progettazione degli impianti fotovoltaici Concetti preliminari Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. sso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli fotovoltaici; inverter, che trasforma la

Dettagli

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena Ing. Francesco Pellegrino- Energy Manager PGI Milano, 12/11/2004 INDICE 1 LA BANCA MPS 2 LA POLITICA AMBIENTALE 3 IMMOBILIARI 4 ENERGY MANAGEMENT 2 1-

Dettagli

Fattori economici. 1 Costi di manutenzione. Costi di Manutenzione

Fattori economici. 1 Costi di manutenzione. Costi di Manutenzione Fattori economici 1 Costi di manutenzione Totale Life Cycle Cost (costo globale) 611 Manutenzione 296 Gestione operativa (costi di esercizio) 215 Costruzione 100 0 100 200 300 400 500 600 700 Costi di

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO

ITIS OTHOCA ORISTANO ITIS OTHOCA ORISTANO CARATTERISTICHE DEI PROCESSI PRODUTTIVI LAY-OUT IMPIANTI PARTE 1 Il ciclo di produzione La progettazione e il processo produttivo di un prodotto segue un ciclo di vita che qualunque

Dettagli

Efficienza energetica per l intralogistica tecnologie avanzate per il risparmio energetico

Efficienza energetica per l intralogistica tecnologie avanzate per il risparmio energetico CALBATT WHITE PAPER SOMMARIO Efficienza energetica per l intralogistica. 1 Tecnologia di carica tradizionale...2 Tecnologia HF....3 La tecnologia avanzata CalBatt...4 Conclusioni...5 Efficienza energetica

Dettagli

LINEA SMART Climatizzatori a Parete DC Inverter Pompa di calore MONOSPLIT & MULTISPLIT

LINEA SMART Climatizzatori a Parete DC Inverter Pompa di calore MONOSPLIT & MULTISPLIT LINEA SMART Climatizzatori a Parete DC Inverter Pompa di calore MONOSPLIT & MULTISPLIT Serie MSZ-DM MSZ-HJ NEW 22dB(A) DC INVERTER - PARETE Unità esterna Multisplit CAPACITÀ NOMINALE 1.5 1.8 2.0 2.2 2.5

Dettagli

Generazione diesel-elettrica ad alta efficienza con sistemi di accumulo

Generazione diesel-elettrica ad alta efficienza con sistemi di accumulo Generazione diesel-elettrica ad alta efficienza con sistemi di accumulo Giordano Torri Fondazione Megalia 8 Giornata sull efficienza energetica nelle industrie Milano, 18 Maggio 2016 18 Maggio 2016 Pg.

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

Libertà di scelta. Sistema di Mungitura Volontaria VMS DeLaval. La soluzione giusta per te... ogni giorno

Libertà di scelta. Sistema di Mungitura Volontaria VMS DeLaval. La soluzione giusta per te... ogni giorno Libertà di scelta Sistema di Mungitura Volontaria VMS DeLaval La soluzione giusta per te... ogni giorno Libertà di scelta. Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval Nessun compromesso sull igiene La

Dettagli

LA QUESTIONE ENERGETICA NELL EDILIZIA POPOLARE RICCARDO VALZ GRIS

LA QUESTIONE ENERGETICA NELL EDILIZIA POPOLARE RICCARDO VALZ GRIS LA QUESTIONE ENERGETICA NELL EDILIZIA POPOLARE RICCARDO VALZ GRIS RESPONSABILE ENERGIA - Giunta Esecutiva FEDERCASA I COSTI ENERGETICI UNA QUESTIONE SOCIALE Costo medio per locazione 70 /mese Costo indicativo

Dettagli

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza.

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza. Alimentatore switching controllato, per Led di. Detto alimentatore è controllato da un circuito, che consente la possibilità a qualsiasi corpo illuminante, ( stradale ovvero di interni ), di erogare la

Dettagli

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 -

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE E BUSINESS PLAN 1 PARTE DESCRITTIVA A DESCRIZIONE DELL IMPRESA Presentazione dell'impresa

Dettagli

Tarcisio Guffanti Consulente Specialista Grande Distribuzione. Tarcisio Guffanti - Consulente Specialista Grande Distribuzione

Tarcisio Guffanti Consulente Specialista Grande Distribuzione. Tarcisio Guffanti - Consulente Specialista Grande Distribuzione Ottimizzazione dell efficienza energetica delle centrali termiche nel settore della grande distribuzione mediante pompe di calore ad assorbimento a gas Tarcisio Guffanti Consulente Specialista Grande Distribuzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 21-06-2011 DOMANDA Illustrare brevemente gli strumenti

Dettagli

Progetto Lattoprelevatori. Corso per addetti al campionamento e al trasporto del latte ovino-caprino

Progetto Lattoprelevatori. Corso per addetti al campionamento e al trasporto del latte ovino-caprino Progetto Lattoprelevatori Corso per addetti al campionamento e al trasporto del latte ovino-caprino CAMPIONAMENTO Documenti di riferimento : G.U. n 90 del 16 aprile 1992: campionamento del latte crudo

Dettagli

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007.

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. 1. GENERALITA Tariffe incentivanti e periodo di diritto (DM 19/02/207 art.6) La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. L impianto

Dettagli

Criticità e potenzialità nella creazione di un progetto di efficientamento per i CAS.

Criticità e potenzialità nella creazione di un progetto di efficientamento per i CAS. Criticità e potenzialità nella creazione di un progetto di efficientamento per i CAS. Pavia, 18 dicembre 2014 Tavola rotonda su Efficienza Energetica e certificati bianchi per interventi nell ambito del

Dettagli

Torri di Quartesolo. Piano d Azione Certificazione energetica degli immobili pubblici

Torri di Quartesolo. Piano d Azione Certificazione energetica degli immobili pubblici Sommario 1. MUNICIPIO 3 1.1. INTERVENTI DI POSSIBILE MIGLIORAMENTO ENERGETICO E AMBIENTALE... 4 1.2. RIEPILOGO... 5 2. SCUOLA ELEMENTARE VITTORINO DA FELTRE DI LERINO 6 2.1. INTERVENTI DI POSSIBILE MIGLIORAMENTO

Dettagli

A) Dati ricavati da informazioni CIM/EUROGATEWAY:

A) Dati ricavati da informazioni CIM/EUROGATEWAY: Revisione del 1/9/2011 BUSINESS PLAN PER IL PROGETTO: STAZIONE DI LAVAGGIO C/O CIM PREMESSA Il presente Business Plan e il risultato di un intenso lavoro di valutazioni/revisioni, portato avanti con il

Dettagli