GAMBLING, OVVERO GIOCO D AZZARDO: E DAVVERO QUESTO IL PROBLEMA?* Adolescenti e gioco. Annalisa Pistuddi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GAMBLING, OVVERO GIOCO D AZZARDO: E DAVVERO QUESTO IL PROBLEMA?* Adolescenti e gioco. Annalisa Pistuddi"

Transcript

1 1 GAMBLING, OVVERO GIOCO D AZZARDO: E DAVVERO QUESTO IL PROBLEMA?* Adolescenti e gioco Annalisa Pistuddi La fase dell adolescenza è un momento in cui avvengono dei cambiamenti biologici e relativi alla sessualità, si diventa adulti, le richieste sociali sono pressanti e vanno verso uno status di progressiva autonomia che prevede un emancipazione dalla famiglia che si dovrebbe realizzare dando origine ad una sana interdipendenza. E proprio in questo momento che entrano in gioco le figure del mondo interno di ciascun ragazzo, si evidenzia l evoluzione del Sé e la centratura che ognuno ha realizzato, quanto e come è stato possibile interiorizzare dalle immagini che a loro gli adulti hanno fornito di sé, quanto si è cresciuti attraverso vari processi di separazione e individuazione. Le crisi diverse in ambito sociale, i cambiamenti della cultura hanno influenzato cospicuamente negli ultimi anni i vissuti e le conseguenze sul comportamento circa il rapporto tra l autonomia, l interdipendenza e la dipendenza nelle relazioni. I giovani rimangono ancorati alla famiglia di origine, anche se non coabitando fisicamente, fino a età più tarda rispetto a qualche decennio fa e in questo modo non possono realizzare una loro vera e propria emancipazione. La dipendenza e la fragilità non implicano un riconoscimento individuale di sè come soggetto capace di instaurare relazioni di interdipendenza. Nell assoluto bisogno di conferma in cui si ritrovano, le nuove generazioni richiedono che qualcuno svolga per loro una funzione vicariante. Una richiesta così carica d ansia che facilmente troverà un rifiuto negli altri e che porta a ricercare un sostituto oggettuale per colmare la delusione. Il sostituto d oggetto può essere una sostanza o ciò che può allentare il contatto con la quotidianità e avvicinarsi alla dimensione del voler essere potenti, attori. I nuovi giochi d azzardo sono accessibili a tutti, slot machine, bingo, videopoker e altri giochi on line, propongono partite veloci, ripetitive che fanno perdere il controllo del tempo e dei soldi impiegati ma portano per un momento al di fuori della realtà. Il gioco elettronico è ripetitivo e ipnotico con un ritmo serrato di estrazione di numeri che permette di comunicare difficilmente anche con le persone sedute accanto, non permette alcun divertimento né incentiva la voglia di socializzare. La presenza massiccia di questi giochi sul territorio ne favorisce l accesso soprattutto da parte di quei ragazzi che cercano di passare il tempo in modo poco impegnativo dal punto di vista relazionale, che si aggregano ad altri amici che praticano queste attività, mossi anche dall illusione di guadagnare facilmente del denaro. Riconoscono così nel luogo di aggregazione la propria identità e la possibilità di integrarsi con un modello ritenuto vincente.

2 2 Attraverso le slot machine si crea un illusione accessibile come per il consumo delle sostanze vendute in microdosi per rendere possibile il commercio anche verso le fasce di popolazione più giovani e meno abbienti. Luoghi di aggregazione simili però sono da considerare anche il territorio più favorevole per le azioni di prevenzione. Le ricerche più recenti rivelano una realtà piuttosto chiara, uno dei più preoccupanti aspetti del gioco d azzardo problematico e patologico è la sua prevalenza tra giovani e adolescenti. Una ricerca realizzata in Gran Bretagna (Fischer 1993) su un campione di studenti adolescenti ha evidenziato che il 5,6% dei ragazzi è dedito al gioco in modo problematico. Derevenski e Gupta (2000) stimano che i giovani a rischio di gioco problematico si aggirino tra una percentuale ben più alta, tra il 9% e il 14%. Molti ragazzi hanno provato a giocare, alcuni sono rimasti intrappolati, molti hanno cercato di realizzare qualche vincita che non è arrivata e forse sono stati loro i più fortunati perché sono riusciti a trovare dentro di sé una propensione per qualcosa che hanno potuto apprezzare come soddisfacente. Chi ha studiato da vicino i momenti dedicati al gioco ha rilevato dei comportamenti patologici che rendono evidente come si tratti di uno stato di dipendenza: aumenta sempre di più l intensità del gioco con l intenzione di recuperare le perdite e si continua a giocare, nonostante il desiderio di fermarsi e anche di fronte a conseguenze negative evidentemente associate al comportamento di gioco eccessivo. I meccanismi mentali immediati di adolescenti e adulti giocatori patologici sono l intensità e la concentrazione diretti ad aumentare il ritmo del gioco al punto di essere assorti e in quei momenti la sensazione benefica è la scomparsa di tutti gli altri problemi. I giochi preferiti dagli adolescenti sono prevalentemente le slot machine e la lotteria nazionale (gratta e vinci, estrazione), a seguire i giochi di carte e le scommesse sportive. Spesso tra i loro famigliari c è un giocatore, legato alle lotterie (superenalotto, lotto, estrazione). I soggetti più a rischio sono i maschi con un reddito famigliare medio-alto, spesso figli di giocatori compulsivi, per questo motivo si è evidenziato che occuparsi della cura dei giocatori adulti è anche un atto di prevenzione verso i loro figli. Le conseguenze del gioco problematico giovanile sono notevoli e con grandi ripercussioni, la più evidente è l alto dispendio di denaro che spesso non proviene solamente dalle paghette dei genitori ma a volte vengono messi in atto i primi comportamenti che rilevano uno scarso interesse verso gli altri e le proprietà altrui come i piccoli furti che poi per bisogno si ripetono e possono diventare via via più sistematici. Le assenze ripetute da scuola, spesso con un gruppo di amici che giocano, gli scarsi risultati per uno studio svogliato e troppo spesso svalutato. Gesti che fanno parte di una modalità che si può riconoscere come autolesionistica, come se il ragazzo fosse solo preoccupato della corsa verso il gioco e di condividere tutto ciò con il gruppo, dell illusione di vincere per non pensare alla quotidianità percepita come noiosa.

3 3 Spesso agli occhi dei ragazzi questi comportamenti rischiosi non vengono considerati come condotte problematiche, le trasgressioni di solito sono vissute come mezzi per differenziarsi ma non fanno altro che perpetuare il problema della dipendenza. La corsa sfrenata verso l indipendenza non sembra essere produttiva né condurre ad una autonomia piuttosto ad andare incontro a delusioni. Nel caso del gioco si manifestano con le perdite mai recuperate, delusioni che si cercano di coprire a volte con altre modalità che perpetuano le ricadute nella dipendenza, che iniziano con l uso di alcol o sostanze di cui poi si è indotti ad abusare. I ragazzi nell intento o forse proprio nell illusione di poter cambiare la quotidianità e il loro tenore di vita così da colmare insicurezze più profonde e più antiche, pensano che il denaro delle anelate vincite possa farli sentire finalmente potenti. Lo scontro con la delusione delle perdite li riporta bruscamente a una realtà inaccettabile e spesso deprimente a tal punto da innescare in loro un vortice ansioso e pericoloso. Questo vortice di emozioni genera sbalzi di umore, al punto tale che alcuni di essi arrivano a farsi del male al punto di pensare e a volte tentare il suicidio. Le persone che ricercano la sensazione rischiosa, i sensation seeker (Zuckerman 1994) presentano dei tratti di personalità ben definiti. La propensione alla ricerca di avventura e del brivido, la disinibizione, una spiccata sensibilità alla noia, intolleranza e inquietudine non appena la si sente arrivare. Il bisogno di sensazioni forti è legato alla carica di eccitazione che esse generano, spesso in questo quadro sono correlati, anche in momenti diversi della vita, diversi comportamenti a rischio. Ecco perché la propensione al gioco nei giovani va considerata con la dovuta preoccupazione, spesso i ragazzi che ci cadono vivono in famiglie in cui è condiviso e sembra accettato il comportamento della ricerca del rischio e della vincita di denaro attraverso lotterie, oppure nei casi più preoccupanti i genitori sono abusanti o dipendenti da alcol e sostanze e non vivono la pericolosità del gioco per i propri figli. Mentre le tossicodipendenze come ad esempio da alcol, da eroina e da psicofarmaci procurano ottundimento e per questo vengono ricercate, il gioco d azzardo sembra teso verso la ricerca di un nuovo sé esaltato, vittorioso, potente e vincitore. La ricerca ossessiva sembra un illusione narcisistica di un immagine di sé migliore e trionfante da sovrapporsi ad un immagine reale sentita spesso come svalutata. La dimensione del gruppo dei giocatori ha un valore di contenimento rassicurante che per gli adolescenti è importante perché li aiuta a riconoscersi come parte di un tutto che li accetta nel ruolo di giocatori. Un segnale di dipendenza è legato al vissuto di disconferma e disvalore che il ragazzo sente quando è privo dell oggetto, il gioco, che sembra aver assunto quasi il ruolo di un oggetto transizionale illusorio, tale per cui ci si illude permetta uno svincolo dalla situazione quotidiana reale vissuta in modo svalutato, dalla dipendenza dalla famiglia, da un Sé fragile e impotente. Alcuni sperano di riuscire così ad emergere come leader nel gruppo dei pari. Come si identificano i giovani giocatori problematici? In uno studio di Lesieur H. e Rosenthal R.(1991) di una versione dedicata ai giovani del DSM IV, sono stati adattati i criteri diagnostici del gioco patologico per essere applicati alle popolazioni giovanili e la versione ultima (DSM IV J R) contiene nove dimensioni, la persona che

4 4 risulta rientrare in almeno quattro può essere considerata come giocatore problematico. Le nove dimensioni sono le seguenti: 1. Preoccupato a causa del gioco (preoccupato di rivivere esperienze di gioco del passato, per gli ostacoli creati dal gioco, di pianificare il prossimo futuro o per il modo di procurarsi denaro per il gioco). 2. Ha bisogno di puntare somme di denaro sempre più alte per raggiungere l eccitazione desiderata. 3. Irrequietezza o irritabilità quando tenta di interrompere o cessare l attività di gioco. 4. Gioca per cercare di sfuggire da problemi o per alleviare un umore disforico (sensi di impotenza, di colpa, ansietà, depressione). 5. dopo una perdita al gioco spesso torna a giocare il giorno dopo per rifarsi. 6. mente ai membri della propria famiglia o ad altri per dissimulare la portata del proprio coinvolgimento nel gioco. 7. spende molto più denaro per il gioco di quanto abbia preventivato (perdita di controllo). 8. ha commesso atti asociali o illegali, quali spendere i soldi dell autobus o del pranzo a scuola, rubare a casa o fuori casa, per finanziare il proprio gioco. 9. ha litigato con la famiglia o ha marinato la scuola a causa del gioco. Possiamo individuare alcuni fattori predittivi di disagio così da mettere in atto delle azioni di prevenzione che vanno inserite in un progetto più ampio di offerte dedicate ai giovani e adattato alle esigenze del territorio. Il gioco problematico nei giovani diventa una dipendenza quando si arriva a non poter fare emotivamente a meno di quel comportamento perché un beneficio emotivo lo da, permette di rimanere fuori dagli altri problemi, permette di non pensare ad altro e così il comportamento compulsivo diventa stabile e si struttura nella vita del soggetto. C è da considerare che l illusione di vincere è un motore molto potente perchè legata ad un antico desiderio che persiste nel tempo seppur si manifesta in forme diverse dalle esigenze infantili, il desiderio di essere protetti. Ci si illude anche perché non si è in grado di accettare la realtà deludente, ma con le proprie povere risorse si riesce solamente per costruirne una falsamente e momentaneamente appagante. Spesso si tratta di ragazzi che vivono in famiglie dove è presente un famigliare con altre dipendenze o altri giocatori, persone con problemi psichici, in cui si sono verificati traumi da abbandono, abuso o maltrattamento, tratti antisociali, problemi legati allo scarso controllo degli impulsi, aggressività eterodiretta o autolesionismo. Sono persone e famiglie nelle quali c è scarsa considerazione di sé e dell altro delle proprie e altrui risorse, conseguente carenza nell interiorizzare modelli di riferimento stabili, idee diffuse di impotenza e insicurezza, scarsa capacità di riflettere su di sé e sul proprio destino. E comprensibile, cercando nella storia di ognuno, che la mancanza di modelli di riferimento stabili, generi un incapacità ad interiorizzarne di nuovi che abbiano una struttura significativa e positiva e che ciò porti alla ricerca di surrogati, le sole cose che possono essere integrate in un sistema di vita impoverito dal punto di vista delle emozioni e dalla percezione di avere intorno a sé uno scarso sostegno sociale. Così inizia la ricerca ossessiva di un immagine di sé trionfante, vittoriosa, più potente che non si raggiunge mai.

5 5 Per organizzare azioni di prevenzione efficaci non occorre puntare tanto sulla propaganda negativa rispetto ai luoghi in cui vengono messe a disposizione le lotterie di varia natura e le slot machine che sono la maggior parte dei bar aperti di giorno in particolare dove si trovano rivendite di tabacchi o grossi centri, come gli ipermercati di nuova costruzione, in cui ci sono appositi spazi dedicati a giochi di varia natura che funzionano a pagamento con a fianco posizionate le famigerate slot machine. I luoghi di aggregazione sono, per i ragazzi, dei posti simbolici dove si ritrova chi vuole condividere qualcosa, e demonizzarli sarebbe come cercare di distruggere il loro spazio protetto: ecco perché vanno così di moda le sale giochi, il pretesto dei giochi è spesso un modo per ritrovarsi ed avere qualcosa che accomuna, sapendo dove andare per trovare un contatto con qualcuno dalle analoghe esigenze. Il problema nasce quando questi posti diventano luoghi dove si sta in solitudine, non più spazi di comunicazione ma di isolamento. Su questo fenomeno si può lavorare tra adulti e far sì che le istituzioni attuino una campagna strutturata di responsabilizzazione dei gestori degli spazi per il gioco promuovendo per loro dei momenti formativi che abbiano come obiettivo la miglior gestione dell attività commerciale in senso lato, coinvolgendoli anche nella attuazione di una professionalità etica e in una visione di tutela della popolazione dei minori che possono trovarsi a rischio di dipendenza da gioco. BIBLIOGRAFIA Bergler E.(1957), Psicologia del giocatore, Roma, Newton Compton 1974 Caretti V., la Barbera D. (2005), Le dipendenze patologiche, Milano, Raffaello Cortina Editore Catella M., Zucca Alessandrelli C. (1999), La personalità dipendente, Milano, Centro Ambrosiano Croce M., Zerbetto R. (2001), Il gioco & l azzardo, Milano, Francoangeli Derevensky J. L., Gupta R. (2000), Prevalence estimated of adolescent gambling: a comparison of the SOGS-RA, DSM-IV-J and the GA questions in Journal of gambling studies, 16 (2/3), pp Fenichel O., (1945), Trattato di psicoanalisi delle nevrosi e delle psicosi, Roma, Astrolabio 1951 Fischer S. (1993), Gambling and pathological gambling in adolescents, in Journal of gambling studies, 9 (3), pp Freud S., (1928), Dostoevskij e il parricidio, in Opere, vol.10, Torino, Boringhieri 1977 Gherardi S. (1991), Il gioco d azardo: una rassegna in Rivista di psichiatria, 26,4, pp Guelfi P., (2002), il problema neurobiologico del gioco d azardo patologico in Capitanucci D., Marino V. (a cura di), La vita in gioco? Il gioco d azardo tra divertimento e problema, Milano, Francoangeli Hollander E., Wong G. (1995), Body dimorphic disorder, pathological gambling and sexual compulsion in Journal of Clinical Psychiatric, 56, 4, pp 7-12

6 6 Lesieur H.R., Blume S.B., Zoppa R.M. (1986), Alcoholism, drug abuse and gambling in Alcoholism, Clincal and Experimental Research, 10,1, pp Lesieur H.R., Blume S.B. (1993), Pathological gambling, eating disorders, and the psychoactive substance use disorders, in Journal of Addcitive Disorders, 12 pp Lesieur H., Rosenthal R.(1991), Pathological gambling: a review of the literature, prepared for the American Psychiatric Association task force on DSM IV Committee on Disorders of Impulse Control not Elsewhere Classified, Journal of Gambling Studies, 7: 5-40 Rosenthal R. J., (1992), Pathological Gambling, in Psychiatric Annals, 22, pp Zuckerman M. (1994), Behavioural expressions and biosocial bases of sensation seeking, Cambridge University Press *Il testo è tratto dal volume Comportamenti giovanili, territorio, sicurezza. Il progetto Gessate, a cura di R. Tauscheck ed A. Lucchini (Franco Angeli 2009)

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Il gambling presenta molte analogie con la addiction da sostanze, quali l eroina, l alcol, etc..

Il gambling presenta molte analogie con la addiction da sostanze, quali l eroina, l alcol, etc.. Gambling un altra faccia della dipendenza: Dipendenza senza droga Risultati di una ricerca multicentrica Contributi originali già pubblicati Concettina Varango 1, Albina Prestipino 2,Fabrizio Cheli 2 1

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Il gioco d azzardo patologico. Tra cura medica e cura educativa. Università degli studi di Siena Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo

Il gioco d azzardo patologico. Tra cura medica e cura educativa. Università degli studi di Siena Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo Università degli studi di Siena Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo Corso di laurea specialistica in Programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi Il gioco d azzardo patologico. Tra

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

D. Capitanucci T. Carlevaro

D. Capitanucci T. Carlevaro D. Capitanucci T. Carlevaro 2004 Guida ragionata agli strumenti diagnostici e terapeutici nel Disturbo di gioco d azzardo patologico Daniela Capitanucci Tazio Carlevaro Guida ragionata agli strumenti

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Un alcolista fra noi: che fare?

Un alcolista fra noi: che fare? Tredimensioni 3(2006) 180-187 S T U D I Un alcolista fra noi: che fare? Luciano Ruozzi * L immaginario comune dipinge l alcolista come un emarginato, mezzo barbone, con gravi deficit psichici e dal comportamento

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

Droga: ma il problema dov è?

Droga: ma il problema dov è? DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 7 1 Droga: ma il problema dov è? 1.1 Un problema complesso È noto come il fenomeno dell uso e della diffusione di sostanze stupefacenti soprattutto nella fascia d età che tradizionalmente

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

COS'É il BULLISMO. Dott. Oliviero FACCHINETTI - www.facchinetti.net

COS'É il BULLISMO. Dott. Oliviero FACCHINETTI - www.facchinetti.net COS'É il BULLISMO Copyright - Documenti e testi non possono essere duplicati se non previo consenso scritto da parte dell' Autore. Il termine bullismo è la traduzione italiana dell'inglese " bullying "

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Robert Agnew e la General Strain Theory (GST)

Robert Agnew e la General Strain Theory (GST) 1 Robert Agnew e la General Strain Theory (GST) INTRODUZIONE Le origini della GST. Le teorie dello Strain La GST General Strain Theory (Teoria Generale della tensione), le sue origine attinge dalle altre

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza.

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. Stefania Alfano* Rosa Miniaci** * Psicologa-Specialista in Psicoterapia Familiare ** Psicologa- Psicoterapeuta sistemico-relazionale in formazione

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

L azzardo non è un gioco

L azzardo non è un gioco L azzardo non è un gioco 2013 Gioco d azzardo legale e rischio dipendenza tra le persone over 65 incontrate da Auser. Documento di restituzione dell analisi dei dati. Non si autorizza diffusione, distribuzione

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Gioco d azzardo: qual è la vera posta? Tecnologie che creano dipendenze

Gioco d azzardo: qual è la vera posta? Tecnologie che creano dipendenze Gioco d azzardo: qual è la vera posta? Tecnologie che creano dipendenze Marcello Esposito * Professore di International Financial Markets, Università Cattaneo di Castellanza Come è

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Come far accettare che il problema c è.

Come far accettare che il problema c è. Tredimensioni 2(2005) 81-92 Come far accettare che il problema c è. Vincenzo Percassi * I l cammino formativo, dato che mira a formare la persona nella sua motivazione profonda e interiore, deve tenere

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli