LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI"

Transcript

1 LA MITIGAZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE FLUVIALE MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI PASSAGGI PER PESCI Claudio Comoglio Politecnico di Torino Dipartimento di Ingegneria del Territorio, dell Ambiente e delle Geotecnologie

2 Prelievi idrici (dighe, traverse, sbarramenti precari,...) Opere trasversali di sistemazione idraulica degli alvei (briglie, soglie,...) Attraversamenti fluviali (soglie a valle di ponti,...) Frammentazione della continuità del corso d acquad Ostacolo alle migrazioni delle specie ittiche Misura mitigativa: Realizzazione di passaggi per pesci (rimozione manufatto?)

3 Passaggi per pesci Opere idrauliche atte a consentire il passaggio dei pesci migratori (a fini trofici o riproduttivi) da un tratto ad un altro del fiume, altrimenti impedito da uno sbarramento. Impianti complessi di varie tipologie tecniche che permettono al pesce il superamento di un dislivello tramite: canali by-pass, successivi passaggi in bacini, tratti con scarsa pendenza ed elevata scabrezza.. Punti fondamentali per la corretta progettazione: Approccio sito-specifico specifico e multidisciplinare: : ingegneria ed idrobiologia Criteri base di progettazione: capacità natatorie dell ittiofauna e periodi migratori portate/livelli e condizioni idrodinamiche locali scelta tipologica attrattività del passaggio: Q, localizzazione valori di velocità dell acqua e di dissipazione energetica nel passaggio

4 Esempi di passaggi per pesci: By-pass Bacini successivi Dh 0,25-0,20 0,20 m PASSAGGIO VERTICAL SLOT A TORINO

5 Denil Fish lift Catch and transport

6 Direttiva 2000/60/CE (23 ottobre 2000) Quadro per l azione l comunitaria in materia di acque Classificazione dello stato ecologico dei corsi d acqua CONTINUITÀ DEL FIUME Pianificazione AdB/Regioni?

7 Inoltre: limitata esperienza e conoscenza. Regio Decreto n.1604 dell 8 8 ottobre 1931 T.U. delle leggi sulla pesca - Art. 10 Nelle concessioni di derivazione d acqua d debbono prescriversi le opere necessarie nell interesse dell industria della pesca (scale( di monta,, piani inclinati, graticci all imbocco dei canali di presa).. Con le stesse modalità possono anche essere ordinate modificazioni in opere preesistenti e, qualora la costruzione di opere speciali per la pesca non sia possibile, potranno prescriversi al concessionario immissioni annuali di avannotti a sue spese. Limitatissima applicazione Drastica riduzione dell areale di distribuzione delle specie diadrome (anguilla, cheppia, etc.) e di numerose specie migratorie potamodrome Attualmente: quadro normativo carente e frammentario Prescrizione in sede di VIA per nuove derivazioni Manutenzioni straordinarie der.. esistenti (ad esempio L.R. pesca Piemonte, Toscana, etc.)

8 Alcuni esempi..

9 Alcuni esempi..

10 NECESSITÀ DI: Identificare priorità e pianificare interventi a livello di bacino (+ deroghe) Legislazione specifica di riferimento (applicabilità + procedure aut. semplificate) Linee guida tecniche per la corretta progettazione e monitoraggio Formazione al personale delle Autorità competenti (Province, (Province, AdB,, AIPO,...) Monitoraggio efficacia passaggi esistenti e nuovi (concessionario, Aut. comp.) ed effetti su popolazioni ittiche Considerare downstream migration Reg.. CE 1100/2007: Misure per ricostituzione stock anguilla europea (Piani di gestione misure per consentire la migrazione a valle di almeno il 40% della biomassa: : passaggi; spegnimento temp. turbine!)

11 Pianificazione a livello di bacino: Identificare priorità: : possibile applicazione di indici sintetici (E.( E. Pini Prato) a supporto della pianificazione di bacino (Arno, Magra-Vara) Criteri: Presenza di specie con spiccate caratteristiche migratorie, autoctone, soggette a tutela Tratto riaperto a monte di significativa lunghezza con un potenziale > incremento di habitat Limitato livello di frammentazione longitudinale del tratto (il ripristino della continuità richiede un minor numero di interventi) Ostacolo di limitata altezza (costi generalmente minori) I (indice ittico): valutare mobilità e pregio della specie; approccio multispecifico IPt (indice di priorità di intervento totale): valutare la priorità di intervento su un singolo bacino, o tratto fluviale, rispetto ad altri bacini o tratti IPs (indice di priorità di intervento sul singolo sbarramento): valutare la priorità di intervento su uno sbarramento rispetto ad un altro, sullo stesso o su differenti corsi d acqua

12 Pianificazione a livello di bacino: FIUME ARNO Pini Prato, 2007 AdB Arno, 2007 > 330 km, 74 sb. Specie: anguilla, cheppia, lampreda marina, barbo tiberino, cavedano etrusco, lasca, etc.

13 Pianificazione a livello di bacino: Parco Monte Marcello Magra 52 km, 17 sb. Elementi base per: Progetto Life+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity Pini Prato, 2008 Progettazione: nuova tipologia (Larinier( 2006) partial width ramp with regularly distributed boulders Riapertura delle rotte migratorie per la lampreda marina ed altre specie (cheppia, barbo, vairone..) Aquaterra,, R&C Engineering, Comoglio,, 2009

14 Normativa & L.G.: REGIONE PIEMONTE REG. 8R/2007 (adeguamento opere a rilascio DMV) Relazione tecnica relativa al progetto del passaggio per l'ittiofauna: a) Individuazione degli ambienti significativi a monte e valle dello sbarramento (tratti d'alveo nei quali i pesci risultino isolati e impossibilitati a effettuare percorsi migratori a causa della presenza di ostacoli naturali o artificiali al libero movimento della fauna ittica) b) Caratterizzazione quali-quantitativa quantitativa dell'ittiofauna del corso d'acqua e definizione dei comportamenti migratori e delle esigenze delle singole s specie (campionamenti diretti a monte ed a valle) c) Descrizione del campo di variazione delle portate e dei livelli idrici in alveo a monte ed a valle dello sbarramento durante i periodi di migrazione Comoglio,, 2006

15 Normativa & L.G.:..REGIONE PIEMONTE REG. 8R/2007 d) Descrizione dei criteri adottati nella definizione della portata di progetto, nella scelta della tipologia del dispositivo e nella relativa localizzazione (specificare Q min, med e max di funzionamento) e) Descrizione del dispositivo corredata dei calcoli di dimensionamento e degli elaborati grafici e specificazione del campo di operatività del passaggio in termini di portate e livelli idrici. Nei casi in cui nel passaggio sia fatta defluire unicamente una quota parte del DMV il filone principale della corrente defluente a valle sia chiaramente identificabile ed indirizzi la risalita verso l'imbocco del dispositivo con modalità tali da non creare localmente condizioni idrodinamiche (velocità,, turbolenza, etc.) che costituiscano ostacolo alla risalita dell'ittiofauna. Il filone della corrente di attrazione (portata passaggio di risalita + portata ausiliaria) dovrà essere costituito da almeno il 50 % del DMV.

16 Normativa & L.G.: PROVINCIA DI LODI: Det Dir. n. 481 del 5/8/2009 Istanze di derivazione idroelettrica Protocolli per la progettazione di passaggio per pesci 1 Protocollo per la presentazione dei progetti (PP) 2 Protocollo per la valutazione dei progetti (VP)

17 Normativa & L.G.: PROBLEMI RESIDUI QUADRO FRAMMENTARIO: L.G. Nazionali/AdB AdB? CAMPO DI APPLICAZIONE: solo in caso di nuove derivazioni o manutenzione straordinaria su opere esistenti obbligo di adeguamento al rinnovo della concessione su altri manufatti: interventi diretti in fz. priorità TEMPI AUTORIZZAZIONE/REALIZZAZIONE. VERIFICA PROGETTI: Competenza? Comitato tecnico-scientifico? Verifica ppp esistenti

18 CASO STUDIO: Progetto sul Fiume Po a La Loggia Protocollo intesa IRIDE, Parco Fluviale Po, Prov.. TO, Reg. Piem. per sperimentazione rilascio DMV ed adeguamento traversa fluviale Rilascio DMV (10.8 m 3 /s) & realizzazione passaggio pesci (trota marmorata) Dh = 7 m Necessità di dissipazione rilascio DMV Garantire attrattività ppp

19 Cabina monitoraggio Centrale: 10 m 3 /s Passaggio: 0.80 m 3 /s Prod: 3,5 GWh/anno VERTICAL SLOT FISH PASS: Slot width: 0.30 m Drop: 0.25 m Number of pools: 28 Width of pools: 2.50 m Length of pools: 3.00 m Mean water depth: 1.70 m Maximum water depth: 2.20 m Bottom substrate (d50 > 6 cm): 0.20 m Vol. dissipated power: 155 W/m 3 VIA + VI: ? PROGETTO PPP SUL PO A LA LOGGIA (TO)

20 Monitoraggio: Verifica dei parametri idraulici (tiranti idrici, Q, V) Verifica dell efficacia efficacia del passaggio: Cattura con nasse a monte del passaggio

21 Monitoraggio: Verifica dell efficacia efficacia del passaggio: Mediante cattura a valle e marcatura con pit-tags tags 12, 23, 32 mm

22 Monitoraggio: Verifica dell efficacia efficacia del passaggio: Mediante cattura a valle e monitoraggio mediante radio-tracking (man/aut) 0,5 145 gr >12 mm

23 Downstream migration: Mortalità c/o grigliati opere di presa Mortalità attraverso le turbine (salm cm: pelton max; francis 15-40%; kaplan 5-12%; anguille x4-5) Mortalità per predazione valle Effetti cumulativi (impianti in serie)

24 Downstream migration: Realizzazione di by-pass superficiali Riduzione interasse grigliato: : cm Velocità H2O c/o griglia < m/s Q by-pass ~ 2% Qturb Necessità di studi e ricerche sito-specifiche specifiche

25 PRIORITÀ 1 FIUME PO

26 PRIORITÀ? PO A SALUZZO (CN) Feb 2008

27 Alcuni studi in corso: Valle d Aostad Studi telemetrici (pit-tagstags + radio-tracking tracking) ) per valutazione di mobilità e preferenze habitat Trota marmorata/fario d allevamento/ allevamento/fario selvatica (140rt+400pt) Ambiente di fondo valle - Dora Baltea: tratto con/senza interventi di riqualificazione fluviale e mobilità monte/valle attraverso soglie di fondo Ambiente montano (> 1400 m s.l.m.): marmorata con diverse densità allevamento mesohabitat,, mobilità,, accrescimento, mortalità

28 Alcuni studi in corso: Piemonte Studio sperimentale per applicazione MESOHABSIM su 34 bacini Al variare di Q: rilievi idraulici (Q, V, h) e morfologici + mappatura topogr.. ogni mesohabitat Contestuale campionamento ittiofauna per mesohabitat separati Ob: : individuazione Q (rilascio) che determini max idoneità per le specie ittiche indagate

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity Foto: Borrini Il sito di progetto è il SIC IT 1343502 Parco della Magra Vara che coincide per gran parte con il territorio del Parco di Montemarcello-Magra

Dettagli

LINEE GUIDA PASSAGGI ARTIFICIALI PER PESCI

LINEE GUIDA PASSAGGI ARTIFICIALI PER PESCI Università di Firenze Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Via S.Bonaventura 13, 50145 Firenze LINEE GUIDA per la progettazione, valutazione tecnica e pianificazione di PASSAGGI ARTIFICIALI PER

Dettagli

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Monitoraggio dei corsi d'acqua per la realizzazione e la gestione delle derivazioni Palazzo Torriani, Udine, 20 settembre 2013 Piano Regionale

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica

Perchè l'energia non sia un buco nell'acqua. Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Idroelettrico: criticità legate alla fauna ittica Sommario - esigenze della fauna ittica reofila - il valore di un patrimonio straordinario - esigenze dei produttori di energia - le azioni attuali per

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia MANAGEMENT PLAN TITOLO PROGETTO: Petromyzon And River Continuity ACRONIMO: P.A.R.C. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia BENEFICIARIO COORDINATORE: Ente Parco

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO Torino, 9-10 Ottobre 2013 Ing. S. Rossato L'impianto idroelettrico Corso

Dettagli

DEFRAMMENTAZIONE DEL RETICOLO FLUVIALE LOMBARDO

DEFRAMMENTAZIONE DEL RETICOLO FLUVIALE LOMBARDO DEFRAMMENTAZIONE DEL RETICOLO FLUVIALE LOMBARDO RIPRISTINO DELLA CONNETTIVITÀ DEL BACINO DEL FIUME PO Intervento di deframmentazione del nodo idraulico generato dalla Diga di Isola Serafini Dott. Cesare

Dettagli

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino 1 Dipartimento di Ingegneria dell'ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture LABORATORIO DI IDRAULICA GIORGIO Riproduzione di un disegno di Giorgio Bidone sul Risalto Idraulico

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

Dighe e territorio. Benefici e problemi: una possibile soluzione

Dighe e territorio. Benefici e problemi: una possibile soluzione Dighe e territorio Benefici e problemi: una possibile soluzione Mario Trogni Bolzano, 15 maggio 2014 La Società Costituzione 1 giugno 2010 60% 40% 1 Il maggiore produttore dell Alto Adige Produzione media

Dettagli

Viti perpetue a forza idraulica. Produzione di energia efficienza e tutela della fauna ittica

Viti perpetue a forza idraulica. Produzione di energia efficienza e tutela della fauna ittica Viti perpetue a forza idraulica Produzione di energia efficienza e tutela della fauna ittica Acqua in movimento còclea idraulica trasmissione trogolo La nuova tipologia di produzione energetica La còclea

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza ENEL Produzione Sicurezza Dighe e Opere Idrauliche Nord Ovest Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza Relatore: Giovanna de Renzis Enel Produzione - ICI-SDOI Nord-Ovest

Dettagli

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative.

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Dott. Mario Richieri Dirigente Regionale Unità di Progetto Caccia e Pesca Dott. Luca Tenderini Responsabile Ufficio Pesca Villa Cordellina

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C)

PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO LIFE+07 NAT IT000413 Petromyzon And River Continuity (P.A.R.C) 1 1. PREMESSA Attraverso studi ed indagini effettuati nel 2004 nell area del SIC IT1343502 Parco Magra- Vara

Dettagli

Strumenti tecnici per una corretta valutazione del Potenziale Idroelettrico Massimo e Residuo

Strumenti tecnici per una corretta valutazione del Potenziale Idroelettrico Massimo e Residuo L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA Strumenti tecnici per una corretta valutazione del Potenziale Idroelettrico Massimo e Residuo J. Alterach, ERSE S.p.A. (già CESI RICERCA) Sabato 13 Giugno 2009 Ricerca

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DEI PROGETTI DI DERIVAZIONE IDRICA SUI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI. VALUTAZIONE

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo»

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» Ing. Stefano Minà Dipartimento di Riqualificazione Fluviale 00 IL PROGETTO LIFE - Nasce

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE Aula Consiliare Contursi Terme (SA), 30 luglio 2014 Geologo Rocco Lafratta referente CIRF Campania www.cirf.org r.lafratta@cirf.org - 3386996022 Cos

Dettagli

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio.

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio. Minidraulica Quadro sintetico della tecnologia, degli impianti e delle macchine Energia idroelettrica è un termine usato per definire l'energia elettrica ottenibile a partire da una caduta d'acqua, convertendo

Dettagli

Il Serio: agire per tutelare

Il Serio: agire per tutelare Il Serio: agire per tutelare * 17 ottobre 2015 Bergamo a cura di ing. Merati Claudio ing. Rota Sperti Loretta STER Bergamo Perché tutelare? Risorse essenziali: funzioni Ambientale Culturale Energetica

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 IV A. Area a rischio significativo di alluvione ARS Distrettuali

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA Pisa, Gennaio 2015 Ing. Giulia Ludovici, Ph.D. Indice 1. Introduzione... 3 2. Parco eolico... 4 2.1

Dettagli

I Contratti di Fiume in Piemonte

I Contratti di Fiume in Piemonte I Contratti di Fiume in Piemonte Elena Porro Direzione Ambiente Roma, 25 novembre 2014 I Contratti di Fiume in Piemonte : quale diffusione? FIUME Torrente Orba Torrente Sangone Torrente Belbo Torrente

Dettagli

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006)

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006) Amministrazione Provinciale di Venezia Valutazione Ambientale Strategica della Carta Ittica della provincia di Venezia 204-209 Dichiarazione di Sintesi (Art. 7 D.Lgs. n. 52/2006) Esecutore: Aquaprogram

Dettagli

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po.

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e gestione faunistica La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. A cura di Simone Rossi Citazione bibliografica consigliata: Rossi S. (2014).

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010 Il primo giornale online della provincia di Lecco Merateonline > Cronaca > Lecchese Scritto Giovedì 05 maggio 2011 alle 16:09 Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008.

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

Ing. Roberto Isola Coordinatore Tecnico del Polo ENERMHY. Verbania, 19 Settembre 2013

Ing. Roberto Isola Coordinatore Tecnico del Polo ENERMHY. Verbania, 19 Settembre 2013 Idroelettrico: risorsa per il territorio? Ing. Roberto Isola Coordinatore Tecnico del Polo ENERMHY Verbania, 19 Settembre 2013 Il Polo Regionale ENERMHY Dal 2008 a Vercelli è insediato uno dei 12 Poli

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

variabilità fra gli organismi viventi di ogni

variabilità fra gli organismi viventi di ogni Un approccio di gestione sostenibile per il mantenimento degli stock ittici autoctoni Fabio Borghesan Ittiologo, consulente Veneto Agricoltura Giornate Formative: SALVAGUARDIADELLE RISORSE ITTICHE: ASPETTI

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino 1 Dipartimento di Idraulica, Trasporti ed Infrastrutture Civili LABORATORIO DI IDRAULICA GIORGIO Riproduzione di un disegno di Giorgio Bidone sul Risalto Idraulico Il Laboratorio

Dettagli

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI AREA: 4 DENOMINAZIONE: AMAZAS 2 (CARTA 6) DESCRIZIONE: La S.S. 24 separa una pineta di pino silvestre a monte da una fascia di arbusteto montano a valle entro cui scorre la Dora Riparia. Sopra la pineta,

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008 OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO DEI PARCHI DEL PO E DELLA COLLINA TORINESE WORKING PAPER 06/2008 Un piano strategico per il fiume Po Dipartimento Interateneo Territorio Politecnico e Università di Torino INDICE

Dettagli

Studio di Ingegneria Ferrari e Giraudo s.s. Corso Nizza 67/a CUNEO. Sommario

Studio di Ingegneria Ferrari e Giraudo s.s. Corso Nizza 67/a CUNEO. Sommario Sommario PREMESSA... 3 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO... 4 FINALITA DI INTERVENTO... 5 SCELTE ED ALTERNATIVE PROGETTUALI... 5 SOLUZIONE ADOTTATA... 6 SOLUZIONE ALTERNATIVA A... 6 SOLUZIONE ALTERNATIVA B... 7

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE IDRODINAMICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO

CARATTERIZZAZIONE IDRODINAMICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO CARATTERIZZAZIONE IDRODINAICA DELLE CORRENTI A PELO LIBERO SSD ICAR Prof. Ing. Greco ichele Ing. irauda Domenica Ing. Pannone arilena TEA DI RICERCA Analisi delle oscillazioni e dei campi di moto di strutture

Dettagli

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I Bacino del fiume Tagliamento I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

ENERGIA IDROELETTRICA

ENERGIA IDROELETTRICA ENERGIA IDROELETTRICA GLI IMPIANTI IDROELETTRICI TRASFORMANO L ENERGIA POTENZIALE E CINETICA DELL ACQUA IN CADUTA DA UNA CERTA ALTEZZA IN ENERGIA MECCANICA PER MEZZO DI TURBINE (MOTORI PRIMI) AZIONANTI

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

L ENERGIA IDROELETTRICA

L ENERGIA IDROELETTRICA 103 L ENERGIA IDROELETTRICA 1 PREMESSA Il riconoscimento dell importanza strategica di un corso d acqua è caratteristica costante della storia delle comunità umane, e la scoperta della possibilità di produrre

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

Difendersi dai fiumi o difendere i fiumi?

Difendersi dai fiumi o difendere i fiumi? Difendersi dai fiumi o difendere i fiumi? Rinaturazione e buono stato ecologico dei corsi d'acqua la campagna WWF Liberafiumi Andrea Agapito Ludovici 23 maggio 2014 Quanti disastri questi ultimi 50: Vajont

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE

COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE L impianto in progetto si compone dei seguenti elementi principali: -l'opera di presa -la condotta forzata; -la centrale; -l opera di restituzione; -opere accessorie.

Dettagli

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA Capitolo 4 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA CARATTERISTICHE ENERGETICHE. CARICO IDRAULICO Nelle correnti a superficie libera l acqua scorre in canali aperti o chiusi (figura.), mantenendo una superficie a

Dettagli

R 2 - LINEE DI INTERVENTO

R 2 - LINEE DI INTERVENTO Accordo di Pianificazione ai sensi dell art. 57 della L.R. 36/1997 tra Autorità di bacino del fiume Po Regione Liguria e Provincia di Genova R 2 - LINEE DI INTERVENTO PROGETTO Codice : 1.2/17/04 VARIANTE

Dettagli

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Lambro pulito, Lambro sicuro Contratto fiume Lambro settentrionale URBAN CENTER di Monza Milano, 7 marzo 2015 Ing. Gaetano LA MONTAGNA Responsabile

Dettagli

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello 6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello Le derivazioni dai fiume Adige e dai suoi principali affluenti rappresentano, nel bilancio idrico superficiale di bacino, il principale

Dettagli

tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche prospettiva per il Trentino

tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche prospettiva per il Trentino Fondazione E. Mach S. Michele all Adige, 24 aprile 2013 Lorenzo Betti naturalista ittiologo tutela e ripristino degli habitat come azione di tutela delle popolazioni ittiche: qualche esperienza e qualche

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche Indice 1 Equazioni fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Equazionedicontinuità... 2 1.3 Principio di conservazione della quantità di moto.... 5 1.4 Principiodiconservazionedellaenergia... 8 1.5 Considerazioniconclusive...

Dettagli

Valle Gesso e Vermenagna: potenzialità dell energia idroelettrica

Valle Gesso e Vermenagna: potenzialità dell energia idroelettrica Valle Gesso e Vermenagna: potenzialità dell energia idroelettrica Giulia Garegnani, Valentina D Alonzo, Jessica Balest, Giorgio Curetti, Gianluca Grilli, Sandro Sacchelli, Pietro Zambelli, Julie Gros,

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

Il CSDU - Centro Studi idraulica Urbana. Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984. Centro Studi Idraulica Urbana

Il CSDU - Centro Studi idraulica Urbana. Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984. Centro Studi Idraulica Urbana Il CSDU - Centro Studi idraulica Urbana Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984 Centro Studi Idraulica Urbana Costituito nel 1992, dal 2014 ha sede presso il DICATAM dell Università degli Studi di Brescia

Dettagli

LE CENTRALI ELETTRICHE

LE CENTRALI ELETTRICHE Le centrali elettriche sono impianti industriali utilizzati per la produzione di corrente elettrica L 8 marzo 1833 è una data storica per la produzione di corrente elettrica in Italia, perché a Milano

Dettagli

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Azione C1 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nella pesca con i palangari:

Dettagli

Riuso, restauro e riclassificazione del Naviglio da Milano al Ticino

Riuso, restauro e riclassificazione del Naviglio da Milano al Ticino Riuso, restauro e riclassificazione del Naviglio da Milano al Ticino Stefano Sibilla Ruben Palermo, Elisabetta Persi, Luca Modenese Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura DICAr Università di

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO DENOMINATO "ELSA" SUL FIUME ELSA

IMPIANTO IDROELETTRICO DENOMINATO ELSA SUL FIUME ELSA IMPIANTO IDROELETTRICO DENOMINATO "ELSA" SUL FIUME ELSA COMUNE DI EMPOLI - PROVINCIA DI FIRENZE PROGETTO DEFINITIVO Descrizione: Numero: Scala: RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA E IDROLOGICA R1 - PROGETTISTA

Dettagli

PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO

PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO Soggetto proponente: CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE (già CONSORZIO DI BONIFICA DEI FIUMI FOGLIA METAURO E CESANO DI PESARO)

Dettagli

bacino di Mestre - Via Torino

bacino di Mestre - Via Torino Provincia di Venezia Stato di attuazione dei Piani delle Acque in Provincia di Venezia Mestre, 30 novembre 2012 Progetto realizzato da AATO LV per il Rilievo e modellizzazione idraulica del bacino di Mestre

Dettagli

CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI

CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI CONTENUTI PREMESSA... 2 DESCRIZIONE STATO ATTUALE DEI LUOGHI E DEL PROGETTO... 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E VINCOLISTICO... 4 DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO E DELLE OPERE CIVILI... 5 Opere di ricostruzione

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

MICRO IMPIANTI IDROELETTRICI

MICRO IMPIANTI IDROELETTRICI MICRO IMPIANTI IDROELETTRICI Descrizione Tecnologica La coclea idraulica è conosciuta fin dall antichità, come ruota o chiocciola di Archimede. In base a questo principio l energia viene trasferita ad

Dettagli

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI PROGETTO DI NUOVA DERIVAZIONE D ACQUA DAL TORRENTE MONGIA AD USO ENERGETICO - RELAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA AI SENSI DEL R.D. 523/1904 - REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FOSSANO PROVINCIA DI CUNEO PROGETTO

Dettagli

Ordinanza del DATEC sul calcolo dei costi computabili delle misure d esercizio per il risanamento di centrali idroelettriche (Ocrci)

Ordinanza del DATEC sul calcolo dei costi computabili delle misure d esercizio per il risanamento di centrali idroelettriche (Ocrci) Ordinanza del DATEC sul calcolo dei costi computabili delle misure d esercizio per il risanamento di centrali idroelettriche (Ocrci) Rapporto esplicativo Giugno 2015 1 Introduzione e commento generale

Dettagli