L EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA GLOBALE NELLA SCUOLA DI OGGI DOCUMENTO DI POSIZIONAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA GLOBALE NELLA SCUOLA DI OGGI DOCUMENTO DI POSIZIONAMENTO"

Transcript

1 L EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA GLOBALE NELLA SCUOLA DI OGGI DOCUMENTO DI POSIZIONAMENTO

2 Indice 1. IL MONDO IN CUI VIVIAMO E LE SUE SFIDE 3 2. LA SFIDA EDUCATIVA La scuola che abbiamo 5 3. L EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA GLOBALE, UNA RISPOSTA POSSIBILE Dall Educazione allo Sviluppo all Educazione alla Cittadinanza Globale La proposta dell Educazione alla Cittadinanza Globale L importanza di fare Educazione alla Cittadinanza Globale oggi nella scuola 9 4. RACCOMANDAZIONI 9

3 1. Il mondo in cui viviamo e le sue sfide Negli ultimi quaranta anni è aumentata sempre più la consapevolezza che l attuale modello di sviluppo è insostenibile perchè stiamo vivendo al di sopra delle nostre possibilità e al di sopra delle capacità del pianeta e dell ecosistema di fornirci ciò che ci è necessario. Il modello di sviluppo sostenuto dai paesi ricchi del Nord contribuisce al radicamento dell impoverimento e della dipendenza dei paesi del Sud. La ripartizione del potere, delle risorse, del ben-essere è sempre più diseguale. Oltre un miliardo di persone, in maggioranza donne, sopravvive con meno di un dollaro al giorno, più di 800 milioni sono i malnutriti, e più di due miliardi e mezzo non hanno un accesso adeguato all acqua e alle fognature. La povertà e l esclusione sociale non appartengono esclusivamente al Sud, incidendo anche sulle economie in transizione e i paesi industrializzati. La discriminazione di genere continua ad essere un dato di fatto, diffuso in tutto il mondo, a livello sociale, culturale ed economico, quando non anche a livello istituzionale. Il mondo è attraversato da processi storici che stanno trasformando profondamente e in modo accelerato il nostro habitat. Gli uomini e le donne di oggi sono più connessi e interdipendenti e ciò potrebbe rafforzare la coscienza di essere uniti da un unica comunità di origine e di destino, di essere appartenenti al genere umano e abitanti della terra. Continuano inoltre ad esistere numerose esperienze che vanno nella direzione di emergere dal mondo in cui viviamo per andare verso il mondo in cui vogliamo vivere. Oggi c è l opportunità di creare nuovi spazi e nuove forme di incentivazione al pensiero riflessivo, al dibattito democratico, alla formulazione di proposte alternative, allo scambio di esperienze e all azione congiunta. All incrocio tra le opportunità di cambiamento e gli interrogativi che alcune delle grandi tendenze del nostro mondo contemporaneo ci pongono, troviamo le molteplici sfide che noi e le generazioni future dobbiamo affrontare. Con le nostre scelte di oggi costruiamo ciò che sarà domani. La sfida della globalizzazione Nel mondo attuale tutto si globalizza, in particolare il mercato e la comunicazione, con gravi rischi per la politica partecipativa, le economie e le culture locali. Il modello di sviluppo della globalizzazione, ingiusto e insostenibile, sta favorendo un processo di concentrazione del capitale che, obbedendo alla logica del mercato e del modello neoliberista (basato sull individualismo, sulla precarietà, sulla competitività) sta generando un aumento smisurato della povertà e dell esclusione sociale, e un incremento delle migrazioni forzate. Non si può, dunque, prescindere o procrastinare la messa in atto di strategie di sostenibilità, non sottomesse alla logica di mercato, per riuscire a sradicare la povertà e garantire pari opportunità a tutte le persone. Siamo, tuttavia coscienti che non esiste una lettura univoca della globalizzazione, ed è pertanto necessario saper discernere tra una pluralità di punti di vista, alcuni dei quali evidenziano anche le enormi potenzialità dei processi globali in chiave di partecipazione, solidarietà e azione comune. La sfida mediatica La comparsa di tecnologie dell informazione e della comunicazione sempre più sofisticate per molti ha significato un ampliamento delle opportunità ma ha anche aumentato il distacco tra coloro che hanno accesso alla conoscenza e all informazione e coloro che non lo hanno, incrementando così l esclusione sociale. L incidenza dell informazione nell orientamento dell opinione pubblica e del consenso sociale è in continuo aumento: i mass media ed i new media sono sempre più cruciali e costituiscono una delle più importanti chiavi d accesso al dibattito pubblico nella moderna agorà globale. È quindi fondamentale interrogarsi sulle regole che governano il sistema mondiale della comunicazione, ridurre il digital divide e promuovere forme e canali di informazione più accessibili, democratici e plurali. Le enormi potenzialità fornite dalle nuove tecnologie necessitano di cittadini e cittadine non solo competenti ma anche critici, responsabili e riflessivi. La sfida multiculturale Le società glocali sono società sempre più plurali ed eterogenee in cui coabitano diverse identità, culture e religioni. La diversità culturale è una ricchezza ed è, allo stesso tempo, una sfida educativa, sociale e politica, e riguarda il modello di integrazione e di coesione sociale che si vuole costruire in una prospettiva interculturale. Contro l idea dell assimilazione, fortemente

4 sostenuta da alcuni settori politici e sociali, è necessario co-costruire un ethos civile condiviso, regole di un etica pubblica, partendo da quel dialogo tra culture che rende possibile vivere insieme in una società contemporaneamente plurale e coesa, rispettando anche gli interessi e le identità culturali delle minoranze. La sfida del rapporto fra progresso della tecnica ed etica É innegabile che lo sviluppo scientifico e tecnico di oggi in settori tanto importanti come la medicina e le comunicazioni ha contribuito a un notevole miglioramento della qualità della vita delle persone. E però necessario garantire l universalità dell accesso a questi progressi della scienza. I benefici della tecnica, soprattutto quelli che riguardano direttamente i diritti di base, devono essere posti al servizio delle persone, al di sopra di qualsiasi interesse economico, e facilitare l uguaglianza di opportunità. D altra parte, l attuale sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica pone una serie di questioni etiche. I settori della ricerca che riguardano in particolare la tecnologia militare e la sicurezza, la nanotecnologia o la biotecnologia suscitano, all interno della società, dibattiti complessi ma oggi anche ineludibili. Ricerche e investimenti tecnici in diversi casi non hanno come primo obiettivo quello del bene comune ma l interesse di chi finanzia la ricerca: la creazione di organismi geneticamente modificati ad esempio è servita troppo spesso ad arricchire chi li ha prodotti costringendo invece in una trappola commerciale le comunità che li hanno utilizzati, senza peraltro la certezza della innocuità di tali organismi per la salute dei consumatori; prodotti farmaceutici essenziali per salvare la vita a milioni di persone restano inaccessibili a buona parte della popolazione mondiale perché protetti da brevetto. Come si può conciliare la ricerca e il progresso della tecnica con un etica che sia a favore delle persone e del pianeta? La sfida dell ambiente Il tessuto ecologico della nostra esistenza si sta lacerando, come testimoniano la perdita di biodiversità, causata in particolare dalla deforestazione e dall incontrollato sfruttamento della pesca, l impatto che i nostri stili di consumo e di spreco stanno avendo sull ambiente, e sulla nostra salute, la tendenza alla privatizzazione e alla liberalizzazione dei beni comuni dell umanità, come l acqua e le sementi. Non esiste alcun futuro dell uomo se non nel rispetto e nella tutela del sistema ambientale di cui noi stessi siamo parte: è questa la ragione per cui ogni progetto capace di futuro deve essere necessariamente eco-compatibile. Il mito della crescita e dello sviluppo non ha assicurato fino ad oggi il ben-essere e l affrancamento dalla povertà che pure aveva promesso ma al contrario sta mettendo a repentaglio il futuro del pianeta. Lottare contro il degrado ambientale, contro le cause dei cambiamenti climatici, contro la riduzione della biodiversità e per il diritto all acqua e agli altri beni essenziali comporta così l impegno di tutti gli attori (cittadini, scuola, governi, imprese, organizzazioni sociali) a costruire un nuovo contesto culturale, sociale e politico che includa la prospettiva della decrescita, oltre che nuovi stili di vita personali e comunitari più sobri e responsabili. La sfida della violenza e della guerra La guerra e la violenza sono tornate ad essere opzioni plausibili nell universo simbolico di un numero sempre maggiore di persone e società: interventi armati umanitari, guerra preventiva contro il terrorismo fondamentalista, guerra chirurgica, interventi che si giustificano con la scusa di esportare la democrazia, scontro di civiltà, sono concetti sempre più diffusi dai poteri politici ed economici che finiscono per penetrare nell opinione pubblica di tutto il mondo. Mentre la spesa mondiale per armamenti è in continua crescita, interi popoli vivono situazioni disumane di violenza, e numerosi conflitti sono provocati o perpetuati in funzione degli interessi di pochi. Una sapiente politica multilaterale, coraggiosa nella difesa dei più vulnerabili e che accordi realmente all ONU il suo primato, accompagnata dalla crescita e maturazione di una società civile vigile, capace di denuncia e mobilitazione, che sia cosciente del proprio potere, sono elementi fondamentali che potranno riaprire la speranza in un superamento della guerra e per la piena promozione di tutti i diritti umani per tutti. La sfida del sessismo Sono le donne le più colpite dalla povertà e coloro che faticano ad accedere alle opportunità. Le bambine, in molti contesti, sono sempre indietro, rispetto ai bambini, nell accesso all istruzione e le disparità di genere tendono ad aumentare ancor più procedendo verso i livelli superiori di istruzione. Nei posti di lavoro di minor prestigio si incontrano più facilmente donne mentre gli uomini dominano i posti di potere dove le decisioni vengono prese. In diversi paesi di tutti i continenti le donne sono le vittime più frequenti della violenza, in tutte le sue forme. Più

5 frequentemente di quanto si possa immaginare, si continua a favorire questa discriminazione attraverso la diffusione di ruoli e stereotipi che non favoriscono cambiamenti nelle relazioni tradizionali tra uomini e donne. E necessario puntare su relazioni di genere egualitarie che facilitino le pari opportunità, la corresponsabilità, il superamento del sistema patriarcale e l opposizione ai sistemi di conoscenza androcentrici. La sfida della governance È la sfida che più interpella la politica simultaneamente nei suoi vari livelli: locale, nazionale, europeo, internazionale, mondiale. Le categorie tradizionali della politica sono divenute obsolete mentre appare sempre più indispensabile una nuova architettura di gestione del potere. Se si vuole dar vita alle istituzioni del futuro occorre ripartire dalla partecipazione attiva dei cittadini e delle cittadine e delle loro organizzazioni, dalla rifondazione del ruolo e della struttura dei partiti politici, dalla relazione trasparente e sana col potere economico, dal riconoscimento della pluralità di modi di pensare e agire esistenti nelle nostre società e dal dialogo multilaterale tra la diversità di spazi politici che si sono venuti ad affermare in tutto il mondo, favorendo l organizzazione della società civile e le forme più efficaci di democrazia deliberativa, sia dirette e partecipative che rappresentative, tanto nei contesti locali quanto nei contesti globali. 2. La sfida educativa Le sfide enunciate riguardano tutti noi e tutti abbiamo il dovere di farcene carico. Ci sono degli ambiti, però, che in quanto luoghi deputati alla formazione delle persone hanno un valore e un ruolo strategico fondamentale e per questo vanno sostenuti in tutti i modi. La scuola è uno di questi ambiti ed è indispensabile che esso possa disporre delle risorse necessarie per assumere un ruolo positivo e attivo nel riflettere e abilitare le persone a rispondere a queste sfide. È necessario disporre di più mezzi, più strumenti, più formazione, più spazi di riflessione per chi fa la scuola e vuole continuare a farla credendo nella valenza sociale e Politica del suo ruolo. Insieme alla scuola, l altro pilastro della formazione è costituito dalla famiglia. E fondamentale che queste due istituzioni interagiscano, si confrontino sui valori e collaborino nella realizzazione del processo formativo, al fine di evitare dinamiche schizofreniche prodotte dai diversi modelli educativi e di comportamento proposti dai due ambiti in risposta alla complessità del mondo di oggi che bambini e ragazzi, figli e studenti, devono affrontare. Altro attore importante nella formazione delle persone, in particolare riguardo alle sfide di cui abbiamo parlato, è l insieme di quei soggetti della società civile organizzata, l associazionismo non governativo, che ha la caratteristica dell operare contemporaneamente in contesti geografici, economici, sociali, politici e culturali molto diversi tra loro, che ha la caratteristica di vivere le due facce strettamente interconnesse e dai confini sfumati - della medaglia del mondo, in una visione insieme locale e globale. Le ONG sono da qualche decennio al fianco e a supporto degli insegnanti più impegnati, e devono continuare a esserlo, ma occorre che imparino ad operare sempre più con la scuola e non, semplicemente, nella scuola, in un ottica di strategia di lungo periodo. Questa cooperazione permetterà di ampliare e migliorare il lavoro congiunto già sviluppato, l informazione disponibile, lo sviluppo di metodologie, il sostegno a pratiche e iniziative comuni, dentro e fuori della scuola. Occorre un patto educativo, un alleanza tra questi attori, per affrontare le sfide del mondo in cui viviamo in maniera congiunta e coerente. E allora, partiamo dallo scenario educativo esistente, per determinare quali sono le proposte che vogliamo portare avanti ed esigere affinché l educazione sia rivalutata e costituisca la più efficace risposta alle sfide della contemporaneità. 2.1 La scuola che abbiamo Diverse esperienze, portate avanti da piccoli gruppi di docenti o da singoli istituti scolastici, costituiscono interessanti esempi pilota di un educazione trasformatrice. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, esse restano esperienze isolate e puntuali e la realtà ancora largamente dominante nelle scuole dei nostri Paesi presenta caratteristiche ben lontane da quanto sarebbe necessario per preparare i cittadini a rispondere alle sfide di oggi.

6 Infatti: scopo del lavoro scolastico, per lo più, non è la comprensione della realtà, ma l apprendimento per accumulo di saperi disciplinari separati e parcellizzati, avulsi da ogni contesto; il libro di testo ha un ruolo dominante e sostituisce di fatto i docenti nella loro primaria responsabilità di definire e selezionare i contenuti concettuali in funzione formativa e scegliere i materiali più idonei su cui far lavorare gli studenti, così tralasciando inoltre i contenuti procedurali e attitudinali, elementi chiave in un processo educativo trasformatore; in una scuola ancora tutta verbale, i linguaggi del 900 e del XXI secolo (audiovisivi, informatici) sono entrati in maniera irrilevante se non addirittura, a volte, impropria; lungi dal fornire un contesto favorevole ad esperienze democratiche, la scuola è poi ancora basata su rigidi rapporti gerarchici e su un organizzazione scolastica meramente disciplinare e isolata dal contesto familiare, sociale e culturale; gli insegnanti vivono una situazione di crescente perdita del loro ruolo morale e sociale ma allo stesso tempo vedono aumentare le responsabilità e esigenze che la società carica su di essi; ancora più critica è la situazione relazionale. L insegnante in larga misura è visto come colui che trasmette conoscenze disciplinari già definite ad un allievo che non è considerato come una persona nella sua completezza (cioè considerato non solo dal punto di vista intellettuale, ma anche emotivo e fisico) e che deve solo ricevere, incamerare e dimostrare di possedere contenuti, senza alcuna possibilità di partecipazione alla costruzione del sapere; la scuola resta infatti luogo di istruzione, sempre più indirizzato a facilitare l ingresso nel mondo del lavoro, e non viene messo al centro l apprendimento dialogico e trasformatore che richiederebbe al docente il ruolo più complesso di sperimentatore, tutor, animatore ecc. Fortunatamente in tale contesto agiscono anche minoranze di insegnanti e dirigenti scolastici che sperimentano innovative proposte tendenti a promuovere una scuola diversa. 3. L Educazione alla Cittadinanza Globale, una risposta possibile 3.1 Dall Educazione allo Sviluppo all Educazione alla Cittadinanza Globale Il tentativo di inserire una prospettiva globale nei contenuti veicolati dalla scuola è avvenuto nei decenni passati e avviene tutt oggi anche grazie al coinvolgimento di educatori extrascolastici operanti, per esempio, in Organizzazioni Non Governative che, attraverso quella che viene definita Educazione allo Sviluppo, hanno portato e portano un po di mondo in classe sensibilizzando gli alunni (e sempre più spesso anche gli insegnanti) rispetto alle tematiche degli squilibri tra paesi del Nord e paesi del Sud del mondo e rispetto all interdipendenza tra essi. Ed è proprio l Educazione allo Sviluppo a costituire il nostro punto di partenza, in quanto ONG impegnate in ambito educativo. Questo documento, fa propria la definizione proposta dal Development Education Forum del 2004, secondo cui l Educazione allo Sviluppo è un processo attivo di apprendimento, fondato sui valori della solidarietà, dell uguaglianza, dell inclusione e della cooperazione. Essa dà la possibilità alle persone di compiere un percorso, partendo dalla consapevolezza di base delle priorità dello sviluppo internazionale e dello sviluppo umano sostenibile, e passando attraverso la comprensione delle cause e degli effetti delle questioni globali, per giungere all impegno personale e all azione informata. Incoraggia la partecipazione piena di tutti i cittadini allo sradicamento della povertà ovunque nel mondo e alla lotta contro l esclusione. Il suo obiettivo è quello di cercare di influenzare le politiche economiche, sociali ed ambientali nazionali e internazionali, affinché siano politiche più giuste, sostenibili e basate sul rispetto dei diritti umani. L evoluzione dell Educazione allo Sviluppo è un processo storico all interno del quale possono essere identificate alcune tappe o approcci. Nelle attività dei vari attori coinvolti, queste tappe o i loro tratti caratteristici si sono susseguiti in alcuni casi in modo lineare, mentre in altri casi

7 in modo convergente. Con l obiettivo di facilitare la comprensione del divenire storico che ha dato luogo all Educazione alla Cittadinanza Globale, cercheremo di descrivere succintamente le cinque generazioni o approcci. La prima generazione dell Educazione allo Sviluppo (anni 40-50) è caratterizzata da un approccio principalmente caritatevole e assistenziale. Il modo di agire delle organizzazioni, principalmente umanitarie e di stampo religioso, si concentrava sulle situazioni di conflitto e di emergenza. Negli anni 60 appare l approccio sviluppista, con la teoria della crescita per tappe, che sostiene che i paesi sottosviluppati debbano modernizzarsi per raggiungere il livello dei paesi del Nord. Nascono le prime ONG di sviluppo che iniziano a proporre la partecipazione collettiva della popolazione beneficiaria come strategia e a portare avanti attività di informazione sui progetti nel Sud. Vengono criticate per la loro prospettiva eurocentrica e perché non mettono in discussione il modello di sviluppo. L educazione allo sviluppo critica e solidale, che farà la sua apparizione negli anni 70, insieme ai processi di decolonizzazione che danno protagonismo alla partecipazione dei cittadini, mettono in discussione il modello di sviluppo imperante ed esigono un nuovo ordine economico internazionale. Il sottosviluppo viene presentato come una conseguenza strutturale delle relazioni internazionali e dello sviluppo incontrollato dei paesi ricchi. Negli anni 80 nasce il modello di sviluppo umano e sostenibile che, di fronte all evidenza di una crescente disuguaglianza sociale, mette in dubbio la globalizzazione economica e il modello egemonico. Proposte alternative di sviluppo provengono dai movimenti sociali del Nord e del Sud, che vi inseriscono la dimensione umana e sostenibile. La Conferenza delle Nazioni Unite su Ambiente e Sviluppo del 1992 dà alta priorità al ruolo dell educazione nel perseguimento di uno sviluppo rispettoso del comune ambiente naturale. Principi confermati dal Summit di Johannesburg del 2002 che accende definitivamente l attenzione sull importanza dell educazione allo sviluppo sostenibile. Intanto, attraverso il Forum Sociale Mondiale e con le mobilitazioni del 2003 contro l invasione dell Iraq, milioni di cittadini e di cittadine di tutto il mondo esprimono una forte domanda di giustizia globale. L Educazione allo Sviluppo si trova davanti la sfida di elaborare proposte educative che favoriscano una visione globale delle problematiche mondiali. Per questo oggi, molte organizzazioni, tra cui le nostre quattro ONG, sentono l urgenza di proporre e sostenere una Educazione alla Cittadinanza Globale che dia strumenti per la comprensione della globalizzazione e dei suoi effetti presentando allo stesso tempo una grande diversità di proposte alternative e sviluppando strategie di intervento sempre più orientate all incidenza politica su temi generali e specifici. Oggi consideriamo l Educazione alla Cittadinanza Globale come un patrimonio comune delle diverse Educazioni a (alla pace, ai diritti, alla sostenibilità, ecc.) che tra di loro interagiscono e si evolvono. 3.2 La proposta dell Educazione alla Cittadinanza Globale La Cittadinanza Globale sostiene un nuovo modello di cittadinanza basato sulla piena consapevolezza della dignità insita in ogni essere umano, sulla sua appartenenza ad una comunità locale e globale e sull impegno attivo per ottenere un mondo più giusto e sostenibile. Il cittadino o la cittadina globale sono persone capaci di IMPARARE connettendo, di FARE pensando, di CONVIVERE riconoscendo, di ESSERE divenendo, di TRASFORMARE immaginando. La proposta dell Educazione alla Cittadinanza Globale, portata avanti da molte organizzazioni in tutto il mondo, aspira a integrare in una visione coerente l educazione allo sviluppo e ai diritti umani, l educazione allo sviluppo sostenibile, alla pace, alla interculturalità e al genere, osservando lo stretto legame tra tutte queste aree così come l interdipendenza sempre maggiore tra gli esseri umani in un pianeta minacciato nella sua sostenibilità. Qui di seguito riportiamo alcuni elementi caratterizzanti dell Educazione alla Cittadinanza Globale. Difesa della dignità umana La dignità umana è un valore proprio di tutte le persone, che dà loro il diritto inalienabile di vivere libere e in condizioni adeguate per svilupparsi, come individui e membri della loro comunità, in tutte le dimensioni dell essere umano. Una prospettiva di diritti L Educazione alla Cittadinanza globale si basa sul principio che potremo raggiungere un mondo più giusto solamente se i Diritti Umani verranno rispettati pienamente. È necessario progredire

8 nelle strategie per identificare i modi per trasformare il circolo vizioso della povertà, della mancanza di capacità/potere e dei conflitti in un circolo virtuoso nel quale tutte le persone, in quanto soggetti di diritto, possono chiedere delle spiegazioni a coloro che hanno le responsabilità e hanno sia la volontà che la capacità per proteggere, promuovere e rendere effettivi i diritti umani. Interdipendenza tra il livello locale e quello globale Educare dei cittadini globali implica facilitare la comprensione dell interdipendenza dei problemi che affliggono il pianeta: il livello locale ha impatto globale e viceversa. Niente di quello che facciamo o smettiamo di fare è estraneo al destino degli altri; questo ci rende responsabili del destino dell umanità e del pianeta, in una concezione di cittadinanza globale che integra le dimensioni locali e quelle globali (cittadini del pianeta/cittadini del quartiere). Per facilitare questa comprensione, l Educazione alla Cittadinanza Globale promuove all interno della scuola opportunità di scambio e collegamento con scuole e studenti di altre parti del mondo. Cosmopolitismo e identità complementari Promuoviamo il riconoscimento della diversità come forma di riconoscimento reciproco di una visione complessa delle identità. Le identità sono costruite intorno a appartenenze diverse e multiple e sono dinamiche. L Educazione alla Cittadinanza Globale cerca di sviluppare nei bambini e nei giovani studenti una cittadinanza cosmopolita/planetaria che metta fine alla logica bipolare che contrappone identità universale e particolare, noi e voi, quello che è nostro e quello che è vostro. Tale cittadinanza cosmopolita/planetaria va incontro all altro e a favore del bene comune e si assume le ingiustizie e tutti i tipi di discriminazione come qualcosa di proprio e contro il quale è necessario lottare. Proposta etica e politica L Educazione alla Cittadinanza Globale è una proposta etica e politica di trasformazione della società attraverso la costruzione, a partire dalle scuole, di una cittadinanza impegnata. Troppo spesso la scuola è stata considerata una delle istituzioni chiave per la riproduzione dei valori dominanti e delle disuguaglianze sociali. L educazione alla Cittadinanza Globale, invece, pone l accento sulla scuola come possibilità e fattore di cambiamento, come spazio di comunicazione, di creazione di conoscenza, e di aiuto agli studenti per costruire visioni che fermino, ad esempio, le dinamiche esclusorie e ingiuste del neoliberismo o i tentativi di omogeneizzazione culturale. In questo senso, si è sviluppato il concetto di scuole come sfere pubbliche democratiche strettamente collegato al concetto di insegnanti come intellettuali trasformatori, intellettuali pubblici, sulla base di una concezione della vita scolastica come una forma di politica culturale : ben lungi da una concezione neutra o tecnocratica, la scuola si impegna nei valori di uguaglianza, cittadinanza critica, democrazia, giustizia sociale ed economica. Scommessa per la democrazia e il dialogo L Educazione alla Cittadinanza Globale mette in discussione i rapporti tradizionali della scuola tra i suoi vari attori. È una proposta che punta sulla democrazia e il dialogo, a tutti i livelli. La scuola deve essere concepita come un luogo per la costruzione di una cittadinanza globale e democratica che veda la partecipazione di tutti gli attori coinvolti. Questa concezione esige un cambiamento nei rapporti tradizionali tra alunni e insegnanti, insegnanti e autorità didattiche, ecc, nell organizzazione della scuola e nell elaborazione del curriculum. Educazione alle emozioni L Educazione alla Cittadinanza Globale include nella pratica educativa l educazione alle emozioni, come componente fondamentale dello sviluppo cognitivo e dell apprendimento per la convivenza, integrando il pensare, il sentire e l agire.

9 3.3 L importanza di fare Educazione alla Cittadinanza Globale oggi nella scuola Nel contesto della scuola, l Educazione alla Cittadinanza Globale è una proposta che va oltre lo studio di alcuni contenuti concreti inseriti in una materia minore all interno dell immenso piano di studi della scuola dell obbligo, o addirittura puntuali incursioni di attori extrascolastici che introducono percorsi di sensibilizzazione in spazi non propriamente curricolari. È un opzione didattica che, a partire dalla domanda sulla finalità dell educare, cerca di elaborare una proposta coerente sul modo in cui educare. Come è scritto all inizio del Rapporto Delors, di fronte alle numerose sfide della nostra epoca, l educazione rappresenta uno strumento indispensabile per far sì che l umanità possa andare avanti verso ideali di pace, libertà e giustizia sociale, ed è una strada al servizio di uno sviluppo umano armonioso, che potrà essere d aiuto per far retrocedere la povertà, le incomprensioni, l ingiustizia, le disuguaglianze, l oppressione e la guerra. Per questo è necessario cambiare la visione strumentale dell educazione e riconsiderare la sua funzione nella sua globalità: la realizzazione di una persona, che tutta intera deve imparare a essere, pensare, sentire e agire. L educazione deve recuperare la dimensione umanizzatrice e globale, dando senso alle nostre vite, alle nostre azioni, ai nostri rapporti, e assumendosi come compito centrale la costruzione di un mondo più giusto e sostenibile. Siamo a favore di un educazione che stimoli nello studente una comprensione ampia di se stesso e del mondo, offrendogli elementi per poter contribuire a una società giusta, che si interroghi sulle cause strutturali della povertà e dell esclusione e che di conseguenza possa fermarle e concepiamo la scuola come un attore sociale di spicco in questo processo. Per raggiungere questo obiettivo è necessario cambiare la scuola progredendo verso un approccio critico basato sul dialogo, incidendo sulla metodologia, creando rapporti più dialogici e partecipativi, promovendo luoghi di apprendimento a dimensione umana in cui bambini e giovani siano conosciuti e apprezzati come individui, rendendo più flessibili i tempi e gli spazi della scuola e stabilendo rapporti più democratici nei ruoli e nelle relazioni tra insegnanti e alunni, rendendo più facile l assunzione, da parte loro, del ruolo di soggetti dei processi didattici. Insomma, si tratta di trasformare la scuola in uno spazio di scambio, riflessione, socializzazione e progettazione che promuove la conoscenza come costruzione collettiva, che valorizza i saperi e le esperienze di tutti gli attori della comunità educativa, e non come mero sforzo individuale. Si tratta di cambiare la scuola affinché sia il curriculum scolastico che la scuola stessa diventino una comunità di educazione e partecipazione che permette l integrazione di studenti, insegnanti, famiglie, governi locali, territori, comunità e ONG. Si tratta di cambiare la scuola affinché, rispetto alle sfide dei nostri giorni identificate sopra, essa sia parte della soluzione e non del problema. 4. Raccomandazioni Ponendoci come attori in dialogo con tutti gli altri soggetti che sono in grado di sostenere, far affermare e praticare l Educazione alla Cittadinanza Globale nella scuola; Considerando e richiamando gli impegni e documenti europei precedentemente sottoscritti, in particolare: la Risoluzione del Consiglio dell Unione Europea sull Educazione allo Sviluppo (2001); la Dichiarazione di Maastricht (2002) che ha inteso promuovere il riconoscimento e l integrazione dell Educazione Globale considerata come essenziale affinché i cittadini possano comprendere e partecipare criticamente alla società globale; le Conferenze Europee sulla Sensibilizzazione dell opinione pubblica e l Educazione allo Sviluppo (2005 e 2006) durante le quali tutti gli Stati Europei partecipanti hanno assunto l impegno di elaborare una strategia europea e strategie nazionali per l Educazione allo Sviluppo, ed è stata riconosciuta l importanza di integrare l Educazione allo Sviluppo nei curricula formali e informali dei sistemi educativi; il Consenso Europeo sullo Sviluppo (2005) che promuove una visione di sviluppo globale a livello comunitario, riaffermando gli impegni della UE per lo sradicamento della povertà, e indica come lo sradicamento della povertà e la realizzazione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio siano obiettivi primordiali della politica di sviluppo comunitaria; il

10 Consenso Europeo sull Educazione allo Sviluppo (2007), dichiarazione congiunta elaborata con il contributo di società civile, Parlamento Europeo, Stati Membri dell Unione Europea e Commissione Europea che fornisce il primo quadro strategico su Educazione allo Sviluppo e Sensibilizzazione in Europa a livello locale, regionale, nazionale ed europeo; Considerando e richiamando l impegno di grande livello di quegli insegnanti, educatori, e organizzazioni della società civile che, lavorando quotidianamente con i bambini e i giovani, evidenziano insieme a noi l urgente necessità di introdurre nella scuola il concetto e la pratica dell Educazione alla Cittadinanza Globale; Richiediamo un sempre più ampio riconoscimento per l Educazione alla Cittadinanza Globale. A tal fine evidenziamo alcuni ambiti specifici di miglioramento nell educazione formale e proponiamo le seguenti raccomandazioni : Curricolo ed organizzazione scolastica In un mondo in cui la vita e il sapere contemporanei sono sempre più complessi, è sempre più necessaria e urgente un Educazione alla Cittadinanza Globale, intesa come processo di formazione trasversale e transdisciplinare, che trova spazio tanto nell inserimento in discipline già esistenti come nella creazione di spazi interdisciplinari e di progetto e nel favorire l apprendimento a partire da tematiche socialmente rilevanti. In un epoca in cui diversi piani e diverse identità si intersecano, sia a livello individuale che collettivo, l Educazione alla Cittadinanza Globale esige dalla scuola più radicamento nella vita locale, più attenzione, comprensione e partecipazione a livello globale, più rispetto per i molteplici contesti e esperienze di riferimento delle persone e delle comunità e più coinvolgimento di tutti gli attori socioeducativi. Esigiamo dai dirigenti politici nazionali e locali e chiediamo agli insegnanti e alla società civile che si impegnino nella concreta realizzazione di queste raccomandazioni. Metodologia Per il carattere che le è proprio, la Educazione alla Cittadinanza Globale richiede metodologie attive (imparare a essere, a conoscere e a fare), interattive (utilizzando discussioni e dibattiti), che favoriscano la sperimentazione (focalizzate su sfide reali per i bambini e i giovani e per tutta la società), critiche (incoraggiando la capacità di pensare partendo da valori e convinzioni e favorendo l autonomia), cooperative (rinforzando il piacere per l apprendimento reciproco, il lavoro in rete e la solidarietà), con un approccio socioaffettivo (che potenzi l apprendimento delle emozioni), partecipative (dando voce ai differenti attori, riconoscendone il ruolo e facilitandone il coinvolgimento critico e creativo). Le metodologie proprie della Educazione alla Cittadinanza Globale sviluppano queste abilità imprescindibili da trasmettere ai bambini e ai giovani per essere in grado di rispondere alle sfide del presente. In questo processo educativo, gli studenti devono essere il punto di convergenza degli obiettivi, delle motivazioni e delle esigenze. Per affrontare questa sfida e responsabilità, gli insegnanti e tutti gli agenti educativi devono essere sostenuti nell acquisizione e rafforzamento delle competenze adeguate alla loro missione. La formazione specifica in Educazione alla Cittadinanza Globale, sia iniziale che in servizio, è un fattore chiave di tutto il processo educativo e un sostegno imprescindibile per gli insegnanti e i dirigenti scolastici per comprendere, orientarsi e praticare temi a volte molto complessi, interconnessi e/o controversi. Riconoscendo come i materiali didattici condizionino le pratiche educative quotidiane e costituiscano un sostegno essenziale per gli insegnanti, da un lato da essi deve essere eliminato ogni tipo di riferimenti e messaggi discriminatori e che incoraggiano gli stereotipi, e

11 dall altro devono essere ripensati e rinnovati in termini di contenuto e forma, accogliendo i valori e principi della Educazione alla Cittadinanza Globale. Riteniamo anche pertinente attuare una valutazione centrata sulla coerenza tra i valori e le proposte, tra i principi e i valori dichiarati e la pratica scolastica reale, tra gli obiettivi e le strategie, la teoria e la pratica, il contenuto e la forma. Esigiamo dai dirigenti politici nazionali e locali e chiediamo agli insegnanti, alle case editrici impegnate nella produzione di materiale didattico, alle università e alle ONG che si impegnino nella concreta realizzazione di queste raccomandazioni. Ruoli e relazioni La Educazione alla Cittadinanza Globale nel sistema formale di insegnamento esige una scuola democratica, partecipativa e aperta, nella quale tutti gli attori studenti, insegnanti, funzionari, responsabili educativi, famiglie siano riconosciuti come cittadini protagonisti del processo educativo e siano incoraggiati a condividere le proprie pratiche, riflessioni e proposte di miglioramento e a promuovere iniziative congiunte. Questa scuola ha un ruolo da svolgere nella costruzione di una cittadinanza globale e dei processi di trasformazione sociale, in collaborazione con organizzazioni della società civile e movimenti sociali, in una logica di relazioni che valorizzino e riconoscano le diverse competenze e rispettino la specificità e il ruolo di ciascuna parte, sfruttando al meglio i risultati di interazioni creative e mobilitatrici. Per questo occorrono insegnanti impegnati, critici, trasformatori, che considerino l educazione come un attività creatrice che, partendo dalla realtà quotidiana prepara per la libertà, la crescita individuale e il bene comune, che lavorino in maniera cooperativa e in rete per generare i necessari processi di cambiamento; e che portino avanti un movimento di trasformazione dell educazione, coinvolgendo tutta la comunità educativa dall interno delle proprie scuole. In contesti in cui i media sono anche dei potenti agenti educativi, in cui l accesso in quantità e la diffusione di informazioni e opinioni è senza precedenti, è fondamentale imparare ad utilizzarle e a leggerle in modo critico e a contribuire alla nascita e affermazione di media alternativi, capaci di incoraggiare modi di essere attenti, attivi e socialmente impegnati. Esigiamo dai dirigenti politici nazionali e locali e dai media e chiediamo agli insegnanti, agli alunni, ai loro genitori e alle organizzazioni della società civile che si impegnino nella concreta realizzazione di queste raccomandazioni. Questo documento di posizione nasce all interno del progetto Conectando Mundos cofinanziato dalla Commissione Europea. È frutto della condivisione di visioni e di esperienze delle quattro ONG Europee partner di progetto: CIDAC (Portogallo), Inizjamed (Malta), Intermón Oxfam (Spagna) e Ucodep (Italia) che, dopo essersi aperte ai contributi arricchenti di insegnanti e educatori, oggi lo propongono come riflessione e impegno a tutti gli attori che operano, collaborano e influenzano il settore educativo a livello nazionale ed internazionale, affinché l Educazione alla Cittadinanza Globale riceva sempre maggiore riconoscimento. Questo primo documento si pone come riflessione iniziale sulla base della quale le 4 ONG menzionate si propongono di continuare a lavorare insieme per produrre nel 2008 un manifesto internazionale. Prodotto realizzato con il contributo dell'unione Europea. Il contenuto di questo documento di posizionamento è di sola responsabilità degli autori e non può essere considerato come espressione dell'unione Europea

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Manifesto dei Valori del Partito Democratico

Manifesto dei Valori del Partito Democratico Manifesto dei Valori del Partito Democratico Approvato il 16 febbraio 2008 1. Le ragioni del Partito Democratico La nascita del Partito Democratico ha creato le condizioni per una svolta, non soltanto

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari.

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. maggio 2008 Nazioni Unite Assemblea Generale Sessantunesima sessione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli