RESOCONTO STENOGRAFICO PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE MARIA GRAZIELLA ANGELI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESOCONTO STENOGRAFICO PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE MARIA GRAZIELLA ANGELI"

Transcript

1 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 1 01 Ottobre 2014 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE MARIA GRAZIELLA ANGELI PRESIDENTE. La seduta è aperta. Invito i signori consiglieri a prendere posto e il Segretario a procedere alla chiama dei consiglieri. MARIA CASTALLO, Segretario, fa la chiama. PRESIDENTE. Si può procedere ai lavori del Consiglio comunale. Ordine del giorno 1) Comunicazioni della Presidente, del Sindaco, della Giunta e dei consiglieri. 2) Nomina scrutatori. 3) Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e verifica degli equilibri finanziari per l adozione dei provvedimenti necessari per la salvaguardia degli equilibri di bilancio ai sensi dell art. 193 del d.lgs.267/2000. Variazione al bilancio e relativi allegati. 4) Programma triennale delle opere pubbliche per gli anni ed elenco annuale dei lavori da eseguirsi nell anno 2014 Aggiornamento. 5) Regolamento comunale per l installazione e l esercizio degli impianti di telefonia mobile. Modifiche. 6) Regolamento di partecipazione Scadenza assemblee permanenti di frazione: sospensione temporanea procedura di rinnovo. 7) Mozione presentata dalla consigliera Marini Camilla (Gruppo Pd) ad oggetto:

2 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 2 01 Ottobre 2014 valorizzazione percorsi turistici frazioni collinari. 8) Mozione presentata dal consigliere Lorenzo Taddeucci (Gruppo Pd) ad oggetto: impegno dei medici di emergenza per il servizio sminamento. 9) Mozione presentata dai consiglieri Niccolò Gherarducci, Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro), Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.), Mario Settino e Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: auto di servizio e di rappresentanza del Comune di Rosignano Marittimo. 10) Mozione presentata dai consiglieri Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.), Niccolò Gherarducci e Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) ad oggetto: sicurezza stradale in Via Malenchini. 11) Ordine del giorno presentato dai consiglieri Silvia Gesess, Niccolò Gherarducci (Sinistra unita per il lavoro), Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.), Mario Settino, Serena Mancini ed Elisa Becherini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: fermiamo l invio di armi. 12) Mozione presentata dai consiglieri Mario Settino, Elisa Becherini, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: salvaguardia del territorio comunale della coltivazione di organismi geneticamente modificati. 13) Mozione presentata dai consiglieri Mario Settino, Elisa Becherini, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) inerente alla proposta di adesione, con sottoscrizione, al Codice etico per gli Enti locali denominato Carta di Pisa per l Amministrazione di Rosignano Marittimo. 14) Mozione presentata dai consiglieri Francesco Serretti, Mario Settino, Elisa Becherini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: realizzazione del portale web per le collaborazioni professionali-artistiche tra artisti ed esercenti nel territorio comunale. 15) Mozione presentata dai consiglieri Francesco Serretti, Mario Settino, Elisa

3 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 3 01 Ottobre 2014 Becherini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: incentivi per contrastare la diffusione di slot machine presso locali e bar pubblici. 16) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: reintegro e tutela dei lavoratori della società Falaschi cui era appaltato il servizio di scuolabus per il Comune di Rosignano Marittimo 17) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: no alla cava del Gozzone. 18) Mozione presentata dalla consigliera Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) ad oggetto: adesione alla settimana europea riduzione rifiuti. 19) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: adozione del sistema gratuito di e-government decoro urbano. 20) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: richiesta di reperimento spazi per attività di coworking e sviluppo nuove imprese. 21) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: il turismo crocieristico, l isolamento di Rosignano. 22) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: riduzione dei premi al personale del Comune non dirigente ed azzeramento di quelli erogati al personale dirigente del Comune. 23) Mozione presentata dai consiglieri Elisa Becherini, Mario Settino, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: arredi scolastici per le scuole. 24) Mozione presentata dai consiglieri Elisa Becherini, Mario Settino, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: adeguamento dei giochi presenti nei parchi

4 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 4 01 Ottobre 2014 pubblici cittadini alle esigenze dei bambini disabili. 25) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: cura del verde, decoro urbano e partecipazione. 26) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: valorizzazione patrimonio immobiliare. 27) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: adozione della Carta di Pisa quale Codice etico dell Amministrazione comunale di Rosignano Marittimo. 28) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: convocazione degli stati generali del turismo per la determinazione di una nuova strategia nel settore. 29) Mozione presentata dal consigliere Nicolò Bagnoli (Gruppo Pd) ad oggetto: lavori agli edifici ITI Mattei ed IPSIA. 30) Ordine del giorno presentato dalla consigliera Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) ad oggetto: TTIP. 31) Mozione presentata dalla consigliera Maria Graziella Angeli (Forza Italia) ad oggetto: pro loco Rosignano Solvay. 32) Mozione presentata dalla consigliera Maria Graziella Angeli (Forza Italia) ad oggetto: depuratore a norma a Rosignano Solvay. 33) Mozione presentata dalla consigliera Maria Graziella Angeli (Forza Italia) ad oggetto: società partecipate e bilanci consuntivi. 34) Mozione presentata dalla consigliera Maria Graziella Angeli (Forza Italia) ad

5 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 5 01 Ottobre 2014 oggetto: campo di tamburello in zona Le Pescine in Rosignano Solvay. 35) Mozione presentata dal consigliere Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.) e Niccolò Gherarducci (Sinistra unita per il lavoro) ad oggetto: stato manutentivo scuola elementare Pertini. 36) Mozione presentata dai consiglieri Niccolò Gherarducci, Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) e Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.) ad oggetto: parcheggio ufficio postale di Rosignano Solvay. 37) Interpellanze: a) Interpellanza presentata dai consiglieri Silvia Gesess e Niccolò Gherarducci (Sinistra unita per il lavoro): fatti del 13 agosto 2014 Stabilimento Solvay; b) Interpellanza presentata dai consiglieri Elisa Becherini, Mario Settino e Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle): Parco Colline delle Livornesi; c) Interpellanza presentata dai consiglieri Sergio Giannoni, Camilla Marini, Antonio Pesci (Gruppo Pd): scuola elementare Pertini; d) Interpellanza presentata da Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro): elezioni provinciali; e) Interpellanza presentata da Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro): S. Teresa sviluppo della frazione di Rosignano Solvay; f) Interpellanza presentata dai consiglieri Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.) e Niccolò Gherarducci (Sinistra unita per il lavoro): mensa scuola elementare Gabbro; g) Interpellanza presentata dai consiglieri Niccolò Gherarducci, Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) e Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.): sistemi di allarme scuole Comune Rosignano Marittimo. 38) Question time.

6 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 6 01 Ottobre 2014 Nomina scrutatori PRESIDENTE. Confermiamo gli scrutatori di ieri, che erano Serretti e Prinetti. Per quanto riguarda di Narducci, confermiamo anche lui. Attendiamo un momento che arrivi, perché aveva detto che sarebbe stato presente. Dopodiché, semmai procediamo alla nomina di un nuovo scrutatore.

7 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 7 01 Ottobre 2014 Comunicazioni della Presidente, del Sindaco, della Giunta e dei consiglieri PRESIDENTE. Vorrei fare una comunicazione al Consiglio, indirizzata a essenzialmente al consigliere Settino. Proviene da Serena Mancini ed è indirizzata anche al Presidente. Dice la nota: Come già detto questa mattina, domani, per impegni pregressi di tipo lavorativo, non potrò partecipare al Consiglio comunale. Pregherei quindi il Capogruppo Settino di poter esporre le mozioni n. 16, ad oggetto Tutela dei lavoratori, ex Falaschi e la n. 17, ad oggetto No alla cava del Gozzone. Le mozioni rimanenti n. 19, n. 20, n. 21, n. 23, n. 25, n. 26, n. 28 pregherei venissero messe in ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale. Serena Mancini.. Credo che il consigliere Settino non ne sia al corrente e vorrei sapere se è d accordo su questo. MARIO SETTINO. Buongiorno a tutti e grazie, Presidente. Sono d accordo. L unica cosa che le chiedo è, se possibile, ma credo di sì, che ci dividiamo, insieme al consigliere Serretti l onere della lettura, perché sono di fila diverse mozioni e diventerebbe parecchio impegnativo, soprattutto per la mia voce. PRESIDENTE. Certamente, è consentito.

8 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 8 01 Ottobre 2014 Mozione presentata dai consiglieri Mario Settino, Elisa Becherini, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: salvaguardia del territorio comunale della coltivazione di organismi geneticamente modificati PRESIDENTE. Cominciamo quindi con le nostre mozioni, a partire dalla n. 12, dove siamo rimasti ieri. La mozione è di Settino Mario, Elisa Becherini, Francesco Serretti, Movimento 5 Stelle, a oggetto: salvaguardia del territorio comunale della coltivazione di organismi geneticamente modificati. Prego. FRANCESCO SERRETTI. Buongiorno a tutti e grazie Presidente. Mozione sulla salvaguardia del territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati: «Premesso che un organismo geneticamente modificato (OGM) è un essere vivente che possiede un patrimonio genetico modificato artificialmente, tramite tecniche di ingegneria genetica, non è consentito procedere alla messa in coltura di sementi transgeniche in assenza delle previste autorizzazioni di legge. Con sentenza n , depositata il 20 marzo 2012, la Cassazione penale è intervenuta in materia di coltivazione di organismi geneticamente modificati ribadendo l esistenza nel nostro ordinamento del principio di coesistenza tra le diverse colture, che deve essere attuato senza che le stesse possano reciprocamente compromettersi, in modo da tutelare la peculiarità e la specificità produttiva di ciascuna ed evitare commistioni tra sementi, senza pregiudizi per le attività agricole preesistenti. Dopo un articolato riepilogo delle norme interne e comunitarie vigenti in materia, la Cassazione evidenzia, in linea con quanto già affermato dalla Corte costituzionale, la presenza del già richiamato principio di coesistenza in materia. In buona sostanza, la disciplina comunitaria si legge nella sentenza si occupa di tutelare l ambiente, la vita e la salute di uomini, animale e piante, ma consente alla normativa interna la possibilità di adottare le misure più opportune per limitare gli effetti economici connessi alle potenzialità diffusive degli OGM e quindi non compromettendo la biodiversità dell ambiente naturale, così da garantire la libertà di iniziativa economica, il diritto di scelta dei consumatori e la qualità e la tipicità della

9 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 9 01 Ottobre 2014 produzione nazionale. Il Parlamento italiano ha approvato una mozione, in data 11 luglio 2013 che impegna il Governo ad avvalersi della clausola di salvaguardia, di cui all articolo 25 del decreto legislativo n. 224 del 2003, di recepimento della direttiva n. 2001/18/CE, al fine di evitare ogni forma di coltivazione in Italia di OGM autorizzati a livello europeo e di tutelare la sicurezza del modello economico e sociale di sviluppo dell agroalimentare italiano e prevedere, in relazione alla stagione delle semine avviata in gran parte del Paese, l incremento delle attività di controllo per potenziare, d intesa con le Regioni, la sorveglianza sui prodotti sementieri in corso di distribuzione ed intervenire in presenza di sementi transgeniche non autorizzate. A seguito della precedente, in data 12 luglio 2013, è stato emanato il decreto interministeriale di adozione delle misure d urgenza, ai sensi dell articolo 54 del Regolamento. Secondo quanto stabilito dal suddetto, la coltivazione di varietà di mais provenienti da sementi geneticamente modificate è vietata nel territorio nazionale, fino all adozione di misure comunitarie, di cui all articolo 54. In Italia, tre quarti delle Regioni e un numero crescente di Comuni si schierano contro le coltivazioni OGM e si sono dichiarati liberi da OGM, perché non è pensabile poter far convivere le produzioni agricole OGM con le produzioni biologiche che, ormai ovunque, stanno assumendo un ruolo molto importante, sia in termini economici, sia di prestito di territorio, coinvolgendo centinaia di piccole e medie aziende agricole, spesso formate da giovani imprenditori. Appare evidente pertanto che: dalla legge citata è vietato l uso alimentare di OGM transgenici, in quanto ne è stata violata la composizione naturale; è inoltre vietato l uso alimentare dei derivati dei vegetali transgenici, perché la loro composizione biochimica è diversa da quella naturale; è vietato l uso alimentare di OGM mutati da trattamenti radioattivi con raggi X, o gamma, o neutroni veloci e i loro derivati, in quanto dichiaratamente mutati attraverso una mutazione genetica. La Regione Toscana, con la citata legge regionale n. 53 del 6 aprile 2004, si impegna ai fini della tutela della salute, quale fondamentale diritto della persona, a promuovere tutte le azioni necessarie a prevenire possibili rischi per la salute umana e per l ambiente derivanti dalla coltivazione della produzione e dal consumo di prodotti contenenti organismi geneticamente modificati, al divieto di coltivazione e

10 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 di produzione, per i fini di cui all articolo 1 e per mantenere e preservare la presenza dei geni naturali, anche secondo quanto previsto dalla legge regionale 16 luglio 1997 Tutela delle risorse genetiche autoctone. La regione Toscana vieta la coltivazione e la produzione di specie che contengono la presenza di organismi geneticamente modificati». PRESIDENTE. Grazie, consigliere. Diamo il via agli interventi. FRANCESCO SERRETTI. Devo dire l impegno. PRESIDENTE. Credevo avessi finito, perché abbiamo fretta... FRANCESCO SERRETTI. «Considerato che è lunga, chiedo scusa nel capitolo speciale del servizio di refezione scolastica del Comune di Rosignano Marittimo, nel dettare le regole procedurali tra le principali linee di indirizzo, sono già recepite le indicazioni contenute nell articolo 4 della LR n. 53 del 6 aprile 2000 che esplicitano il divieto di somministrazione di prodotti contenenti OGM, si ritiene necessario adottare, a fronte di possibili richieste di autorizzazione per iniziare a coltivare prodotti OGM, misure idonee a garantire la biodiversità degli ecosistemi locali e le produzioni di qualità e tradizionali che il territorio esprime. Il Consiglio Comunale esprime la propria contrarietà alla sperimentazione, coltivazione e allevamento di organismi viventi, sia vegetali, sia animali, ottenuti mediante manipolazione genetica, su tutto il territorio comunale; impegna il Sindaco e la Giunta ad attivarsi utilizzando tutti gli strumenti a sua disposizione per contrastare la coltivazione di tutti gli organismi geneticamente modificati, nell ambito del comprensorio di riferimento, a salvaguardia della salute umana, dell ambiente e della biodiversità agraria, cioè delle produzioni agricole peculiari del territorio comunale, verificando la disponibilità dei Comuni limitrofi ad attivarsi congiuntamente; a richiedere al Governo di mettere in atto tutte le azioni possibili, al fine di procedere all adozione della clausola di salvaguardia, così come previsto dall articolo 23 della direttiva 2001/18/CE a tutela della salute umana

11 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 dell ambiente e del modello economico e sociale nel settore agroalimentare italiano; a chiarire, con i provvedimenti conseguenti, il Comune di Rosignano Marittimo Comune OGM free; a introdurre, nei servizi di ristorazione collettiva gestiti dal Comune, un sistema informativo chiaro indicante l eventuale presenza di OGM negli alimenti somministrati; a garantire che, nei bandi di gara emanati dal Comune per gli appalti pubblici di servizi e forniture alimentari, destinati alla ristorazione collettiva, l utilizzo di prodotti che non contengono OGM costituisca il titolo preferenziale per l aggiudicazione; a promuovere un dibattito in Consiglio comunale circa i controlli che le autorità competenti hanno effettuato per verificare l utilizzo improprio dei citati OGM; ad informare, attraverso incontri e comunicazioni scritte, i produttori, se presenti, e i rivenditori sul territorio comunale, sui rischi di contaminazione nell utilizzo e vendita di prodotti geneticamente modificati nella catena produttiva, le cui conseguenze non sono attualmente prevedibili; ad avviare una seria campagna di educazione alimentare legata al consumo e alla spesa consapevole di prodotti tradizionali e locali di qualità; a pubblicizzare la delibera che dovrà essere predisposta, tramite l apposizione di cartelli segnaletici, indicanti le parole Rosignano Marittimo Comune OGM free». PRESIDENTE. Grazie, consigliere Serretti. Ora è veramente terminata. Chi vuole intervenire su questa mozione? Agostini, prego. LUCA AGOSTINI. Presidente, il Gruppo richiede una sospensione per poter decidere sulla mozione presentata dai 5 Stelle. PRESIDENTE. Concediamo l interruzione. (La seduta è sospesa) MARIA CASTALLO, Segretario, fa la chiama.

12 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 PRESIDENTE. Andiamo avanti. Consigliere Agostini, prego. LUCA AGOSTINI. Come Gruppo PD proponiamo una serie di emendamenti alla parte dispositiva della mozione. Ovviamente, al tavolo della Presidenza ne darò copia cartacea per poterne prendere nota, perché sono modifiche abbastanza articolate. Le vado a leggere, siamo nella parte dell impegno al Sindaco e alla Giunta, al primo capoverso: A verificare, congiuntamente alla Commissione Consiliare afferente, tutti gli strumenti per contrastare la coltivazione di tutti gli organismi geneticamente modificati nell ambito del comprensorio di riferimento, a salvaguardia della salute umana, dell ambiente, della biodiversità agraria, cioè delle produzioni agricole peculiari del territorio comunale, verificando la disponibilità dei Comuni limitrofi ad attivarsi congiuntamente poi continua con l obiettivo di: dichiarare con i provvedimenti conseguenti il Comune di Rosignano marittimo comune OGM free (è uno dei punti successivi che ovviamente viene tolto, che sarebbe il terzo punto, e poi viene tolto anche l ultimo punto) e a pubblicizzare la delibera che, alla fine del percorso dovrà essere predisposta, tramite l apposizione di cartelli segnaletici indicanti le parole Rosignano Marittimo Comune OGM free. Poi le faccio vedere, ma questi due punti vanno tutti al primo capoverso. Il secondo punto di impegno rimane tale e quale. Il terzo, come ho detto, viene tolto e va a coda del primo capoverso. Il quarto e il quinto punto di impegno, li vado a leggere: Ad introdurre nei servizi di ristorazione collettiva gestiti dal Comune un sistema informativo chiaro, indicante l eventuale presenza di OGM negli alimenti somministrati e il punto successivo a garantire che nei bandi di gara emanati dal Comune per gli appalti pubblici di servizi e forniture alimentari, destinati alla ristorazione collettiva, l utilizzo di prodotti che non contengono OGM costituisca titolo preferenziale per l aggiudicazione. Siccome sono questioni che attengono già a normative di legge, della legge regionale n. 53 del 2000, chiediamo di verificare puntualmente tramite un lavoro in Commissione, lo stesso che dovrà essere fatto per verificare tutta la situazione con le categorie agricole il rispetto della legge n. 53 del 2000 per quanto riguarda la

13 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 somministrazione alimentare in scuole, ospedali, ed istituti di cura. Questi due punti vengono rimandati in Commissione per la verifica della loro applicazione. Il sesto punto rimane tale e quale. Il settimo punto rimane tale e quale. L ottavo e penultimo punto viene modificato. Viene tolto Ad avviare una seria campagna e viene sostituito con A proseguire ed implementare la campagna di educazione alimentare legata al consumo ed alla spesa consapevole di prodotti tradizionali e locali di qualità. Questi sono gli emendamenti che il Gruppo del PD ovviamente, come ripeto, in maniera cartacea, li consegnerà alla Presidenza propone, se vengono accolti, per la votazione unitaria della mozione presentata dal Movimento 5 Stelle. Grazie Presidente. PRESIDENTE. Il Movimento 5 Stelle recepisce gli emendamenti? MARIO SETTINO. Grazie, Presidente. Nel rispondere positivamente agli emendamenti, volevo far notare che in realtà questa scelta di dichiarare un Comune OGM free non è rara, ma già 1574 Comuni in Italia l hanno fatta. Tra l altro, in Toscana, sono 97 i Comuni. Se andiamo per esempio nella zona del Chianti, è un cartello estremamente diffuso. Quindi, in ogni caso da questo punto di vista, sicuramente non c è un problema formale anche in relazione alla legge regionale del 2000, la n. 53. Se chiarisce un attimino il concetto per il terzo punto Chiedo gentilmente al Capogruppo del PD se ce lo chiarisce ulteriormente un attimo, così da definirlo bene. PRESIDENTE. Prego, consigliere Agostini. (Interruzione fuori microfono) Può chiarire il terzo punto? LUCA AGOSTINI. Presidente, specifico che il terzo punto chiaramente è legato all ultimo, sulla possibilità che l Amministrazione si dichiari comune OGM free. Specifico meglio questo: siccome se facciamo una cosa, vorremmo farla con serietà e con cognizione di causa, non vorrei che davvero fosse semplicemente un mettere una medaglia al Comune con il cartello OGM free. Non vogliamo fare una

14 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 cosa del genere. Siccome è sicuramente un impegno serio nei confronti dei cittadini, dei visitatori, ma anche dei produttori e dei vari operatori commerciali che su questo territorio operano, il fatto di legare il terzo e l ultimo punto al raggiungimento degli obiettivi posti al primo è una verifica che congiuntamente la Giunta e la Commissione faranno, con tutti i soggetti interessati alla questione OGM, quindi produttori agricoli e associazioni di categoria. Vorremmo dunque arrivare alla definizione di Comune OGM free se davvero i presupposti ci sono, se davvero tutto questo è una reale dichiarazione di OGM free, su cui noi siamo assolutamente d accordo e anche il nostro Governo è impegnato in tale direzione. Ecco perché, al termine del primo capoverso, dove c è l impegno di fare tutto un lavoro, congiuntamente con la Commissione Consiliare, chiediamo di agganciare il terzo e l ultimo punto, dove definiamo che l Amministrazione dovrà dichiararsi OGM free. Per noi l obiettivo da raggiungere è quello e quindi, al termine di tutto un percorso di analisi e verifica, chiaramente che dovrà essere quello che supporta un lavoro del genere, ci sarà (Interruzione fuori microfono) Scusate, non capisco cosa succede alle mie spalle. (Interruzione fuori microfono) Vado a concludere, Presidente. Il terzo e ultimo punto delle richieste va in coda, proprio perché il raggiungimento di questa dichiarazione deve essere serio e con contenuti che non siano vanificati dall irrealizzabilità. Può darsi anche che di questi visto che li hanno nominati Comuni che hanno questo cartello ci sia qualcosa che non è così specificatamente controllato o seguito. Ecco, non vorremmo fare una cosa del genere. Se normalmente facciamo una cosa, la facciamo seriamente. Quindi, va benissimo per noi un lavoro anche rapido, però deve avere i crismi della serietà e verifica con esperti che ovviamente non siamo noi. Grazie, Presidente. PRESIDENTE. Consigliere Serretti, prego. Comunque la discussione è aperta per tutti, non è per voi, per fare un ping-pong. FRANCESCO SERRETTI. Allora, siamo d accordo con gli emendamenti, però solo nel caso che dato che questi tre punti sono cruciali di questa mozione si

15 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 metta verificare velocemente o rapidamente. Infatti, nel caso passi in Commissione, sappiamo tutti che le Commissioni hanno tanto da fare, hanno varie cose da elaborare e poi magari si perde. Invece, chiediamo di scrivere nell emendamento verificare velocemente, sia per il terzo punto, che per l ultimo. Grazie. PRESIDENTE. Consigliere Gherarducci, prego. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Grazie, Presidente. Data l importanza della questione trattata e la non banalità della questione degli OGM, che va anche a ripercuotersi su questioni di salute di chi consuma gli OGM non è mistero per nessuno, condivido le perplessità che Serretti esprimeva nell ultimo intervento. Siccome anche il termine velocemente o rapidamente è molto opinabile, ci si potrebbe mettere una data, che potrebbe essere il 31 dicembre 2014, e allora si mettono in moto tutti i meccanismi per cui questo si può fare. Sinceramente non vedo cosa ci sia da verificare, insomma. Lo dico in maniera sincera. È una questione anche ideologica. Se si è contro gli OGM, si è contro e quindi si mettono in campo tutti gli strumenti affinché nel Comune non ci siano gli OGM, per tanti motivi, sia per motivi di salute, sia per motivi di salvaguardia delle coltivazioni agricole autoctone e biologiche. Bisogna anche ricordare infatti che se un campo viene coltivato a coltura biologica, con tutte le regole che ci sono, ma accanto c è una coltivazione OGM, questa va a inquinare anche il campo coltivato in maniera biologica. Quindi, si smonta il ragionamento che per esempio viene fatto della zona vicino al Gozzone che vede molte colture di tipo biologico. Quindi, su questo Presidente (Interruzione fuori microfono) Scusate, mi pare una situazione... (Interruzione fuori microfono) Non si capisce chi è che ascolta e chi non ascolta. C è un movimento e un brusio dietro che sono lì a spalare l acqua. Si può avere un minuto di sospensione, per vedere meglio? Perché oggettivamente...

16 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 PRESIDENTE. Stiamo attenti. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Stavo chiedendo di avere un minuto di sospensione per parlare anche col Capogruppo Agostini e confrontarci su questa questione, perché sennò diventa infinita la discussione in Consiglio comunale. PRESIDENTE. Gherarducci, tu non eri ancora arrivato. Noi abbiamo dato venti minuti di sospensione... NICCOLÒ GHERARDUCCI. No, io ero arrivato. PRESIDENTE. Lo dico per informarti... NICCOLÒ GHERARDUCCI. Ero arrivato. So che ci sono stati venti minuti di sospensione, però l ha chiesto... PRESIDENTE. Falli rientrare dentro a tutto ciò che vuoi poi comunicare, perché diamo venti minuti insieme, altrimenti è tutto un entrare ed uscire. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Scusi, abbia pazienza. Il Capogruppo del PD ha chiesto giustamente la sospensione. Ha portato al termine della sospensione legittimamente degli emendamenti che vanno in qualche modo a modificare gli impegni della mozione. Se si possono avere cinque minuti per parlare e confrontarsi, perché sennò sinceramente viene snaturato il fine della mozione. Si entra con una mozione in un modo e si esce con un uscita blanda che non vede un termine temporale e non chiarisce i termini degli impegni che bisogna prendere. Quindi, in cinque minuti ci si parla... PRESIDENTE. Ascolta, Gherarducci... NICCOLÒ GHERARDUCCI. Se non li volete dare, ognuno decide...

17 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 PRESIDENTE. Ascolta, Gherarducci. Prepara i tuoi emendamenti e poi ne discuti con il Consiglio, con i consiglieri comunali e a quel punto è fatta. Preparalo nel frattempo, in maniera che si possano snellire i tempi. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Io preparo gli emendamenti, ma se non ho nemmeno scritti gli emendamenti che la maggioranza propone... PRESIDENTE. Gherarducci, i colleghi del Movimento 5 Stelle hanno recepito l emendamento. A questo punto, prepara il tuo emendamento. NICCOLÒ GHERARDUCCI. L emendamento si mette a votazione, perché è vero che in questo caso lo propone la maggioranza e sicuramente il voto del Consiglio sarà maggioritario sull accoglimento dell emendamento, ma poteva essere proposto pure da noi, con l accordo dei 5 Stelle e non trovare l accordo della maggioranza. Quindi, l emendamento comunque sia va messo in votazione. Lei capisce che io non ho davanti le modifiche fatte. Credo si possa arrivare a una mediazione positiva che accontenti tutti e dia delle certezze al fine di una mozione. Cinque minuti su venti non mi sembrano un grande da farsi; tant è che non abbiamo nemmeno scritte le proposte che la maggioranza ci fa. Ieri si è riniziato dopo pranzo perché bisognava aver scritto tre righe delle modifiche che si facevano alla delibera, stamani si è fatto delle modifiche cospicue e non le abbiamo nemmeno davanti. PRESIDENTE. Consigliere Gherarducci, quello che tu vuoi proporre, presentalo al Consiglio. Se ne discute. Il Consiglio ne discuterà e a quel punto, se avete da fare degli emendamenti su tutto il contenuto, si vedrà, ma intanto prepara e dicci in cosa consiste. Proponici quell emendamento. Preparatelo e proponilo. Siamo tutti qui e ti aspettiamo. Aspettiamo che tu lo faccia e che tu lo proponga. Dopodiché, si può vedere che cosa si può fare, se ci si può allontanare dall Aula un momento oppure no. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Chiedo cortesemente la fotocopia delle proposte di

18 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 emendamento fatte dalla maggioranza. PRESIDENTE. Bene, le facciamo fare. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Grazie. PRESIDENTE. Appena sono pronti, Gherarducci, te le diamo, perché le sta scrivendo. Consigliere Settino, prego. MARIO SETTINO. Grazie, Presidente. L intendimento della PRESIDENTE. Consigliere Settino, chiedo scusa. C è prima il consigliere Toncelli, per regolarità. Chiedo scusa. Consigliere Toncelli, prego. NICOLA TONCELLI. Grazie, Presidente. Prima di tutto, volevo premettere che questa tematica ci interessa particolarmente. Ci interessa la discussione, ma soprattutto ci interessa arrivare ad un risultato che sia oggettivo. Trovo di poco valore riuscire a mettere un etichetta Comune OGM free, quando si sa perfettamente che OGM free vorrebbe, nel concetto generale, un territorio completamente libero da OGM, ma sappiamo per citare per la seconda volta stamattina la consigliera Croce che basta entrare in una Coop, basta entrare in un bar o in una tabaccheria per trovare noccioline, Nutelle varie, eccetera, che sono tutte, si sa, perfettamente OGM. La Nestlé, si sa tutti perfettamente, utilizza elementi OGM per i propri prodotti. Per puntualizzare un affermazione del consigliere Gherarducci: lui ha parlato di coltivazioni biologiche, mi trova perfettamente d accordo. Però bisogna anche mettere in evidenza che una coltivazione biologica può essere a base di OGM, nel senso che possono essere utilizzate sementi OGM, per poi essere coltivate in maniera biologica. Quindi, è sui controlli che noi portiamo avanti la nostra battaglia, quella,

19 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 praticamente, di riuscire veramente a mettersi d accordo con tutte le associazioni di categoria, con tutti quelli che sono coinvolti in prima linea su queste tematiche, per trovare un atteggiamento efficace per la lotta contro gli OGM. Da parte nostra, c è tutta la volontà possibile per arrivare velocemente ad un risultato oggettivo, che non sia solamente un discorso di propaganda, perché sì, può essere utile, ma non ci serve da un punto di vista oggettivo. PRESIDENTE. Bene. Grazie, consigliere Toncelli. Prego, consigliere Settino. MARIO SETTINO. Grazie, Presidente. Chiarisco che l obiettivo della mozione non è la propaganda, non è fare l articolo di giornale. L obiettivo è arrivare a un impegno politico di un Amministrazione che, a partire da oggi, si prende l impegno non di mettere il cartello, perché di cartelli ne possiamo mettere quanti ne vogliamo, ma di fare tutto un percorso affinché questo OGM free diventi una realtà, a Rosignano. Questo è il nostro obiettivo. Quando chiedere di garantire nei bandi di gara emanati dal Comune per quanto riguarda gli appalti, che non ci siano prodotti OGM, chiedere che questo sia esplicitamente espresso, mi sembra importantissimo, chiaramente, trattandosi di refezione scolastica, trattandosi di refezione di minori. È evidente che se in Commissione, quando chiederemo di vedere i documenti, i bandi e i protocolli HACCP, verificheremo che non c è questa dicitura, sarà una cosa da modificare e integrare di sicuro, questo è un obiettivo fondamentale. Quanto all altro percorso, sono d accordo con Toncelli: è chiaro che va fatto un percorso di collegamento con le associazioni di categoria dei produttori, affinché questa cosa diventi reale, sono d accordo anch io. Però, ovviamente, in primis deve essere il Comune, quindi l Amministrazione comunale che s impegna in questa direzione, che diventa promotrice di questo percorso. Altrimenti, non si capisce chi lo può fare. Questo è l obiettivo della mozione, non il cartello. Chiaramente, non è un gesto simbolico, ma è un atto politico concreto, con cui ci s impegna. Quindi, l immagine non c entra proprio nulla.

20 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 PRESIDENTE. Prego, consigliere Agostini. LUCA AGOSTINI. Grazie, Presidente. Vorrei che fosse chiara una cosa: se avessimo pensato che è un atto simbolico, un atto di propaganda elettorale, ovviamente avremmo già chiuso la partita. Non siamo così stolti e così sprovveduti da dare la sponda a questi giochetti. Noi siamo fermamente convinti che sia un impegno serio, altrimenti non ci saremmo dedicati ad alcune modifiche che sono secondo noi necessarie per non vanificare la serietà dell impegno. Fare delle semplici enunciazioni che poi non sono corroborate dall efficacia, dalla realtà dei fatti, sarebbe oltremodo colpevole. E noi non vogliamo questo. Riteniamo tutto l impianto della mozione serio, e serie anche le richieste, ma su alcune di queste, è ovvio che per ignoranza, per non competenza, è opportuno affidarci ad un approfondimento, anche corroborato dalla presenza di esperti: tutto questo è garanzia di serietà. Oltretutto, vorrei ricordare che rimandare gli argomenti in Commissione non è rimandare la palla in calcio d angolo, a meno che qualcuno ritenga le Commissioni un giochino che non serve a nessuno. Questo non fa parte della serietà e dell impegno di chi guida questa Amministrazione comunale. Rimandare gli argomenti in Commissione vuol dire approfondirli e dargli dignità, anche perché, come ben sapete, le Commissioni sono pubbliche e tutti, a queste Commissioni possono essere spettatori. Questo vuol dire che nessuno di noi si diverte a fare il pagliaccio o il burattino per rimandare delle cose alle quali non crede. Lavorare in Commissione vuol dire affrontare con serietà dei problemi che sono sentiti dall Amministrazione comunale, per dargli massima risonanza e soprattutto per dargli delle risposte tecniche che siano autentiche, che siano forti, che siano supportate da dati di fatto. Quindi, anche il fatto di aggiungere rapidamente, velocemente, ha ragione, sono imposizioni temporali tutte aleatorie. Quando rimandiamo le cose in Commissione, normalmente le Commissioni vengono fatte, mi sembra che si stia lavorando, mi sembra che non ci siano ritardi. Sì, si può giocare strumentalmente su una cosa fatta dieci giorni prima o dieci giorni dopo, ma le Commissioni lavorano e affrontano le questioni. Le affrontano perché le condividiamo e le affrontano perché i Presidenti di

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

di Avviso Pubblico arta Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC www.avvisopubblico.it CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA

di Avviso Pubblico arta Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC www.avvisopubblico.it CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA La arta di Avviso Pubblico La Carta di Avviso Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA www.avvisopubblico.it Avviso Pubblico SEDE OPERATIVA: Viale Cadorna, 21-50129

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli