RESOCONTO STENOGRAFICO PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE MARIA GRAZIELLA ANGELI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESOCONTO STENOGRAFICO PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE MARIA GRAZIELLA ANGELI"

Transcript

1 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 1 01 Ottobre 2014 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE MARIA GRAZIELLA ANGELI PRESIDENTE. La seduta è aperta. Invito i signori consiglieri a prendere posto e il Segretario a procedere alla chiama dei consiglieri. MARIA CASTALLO, Segretario, fa la chiama. PRESIDENTE. Si può procedere ai lavori del Consiglio comunale. Ordine del giorno 1) Comunicazioni della Presidente, del Sindaco, della Giunta e dei consiglieri. 2) Nomina scrutatori. 3) Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e verifica degli equilibri finanziari per l adozione dei provvedimenti necessari per la salvaguardia degli equilibri di bilancio ai sensi dell art. 193 del d.lgs.267/2000. Variazione al bilancio e relativi allegati. 4) Programma triennale delle opere pubbliche per gli anni ed elenco annuale dei lavori da eseguirsi nell anno 2014 Aggiornamento. 5) Regolamento comunale per l installazione e l esercizio degli impianti di telefonia mobile. Modifiche. 6) Regolamento di partecipazione Scadenza assemblee permanenti di frazione: sospensione temporanea procedura di rinnovo. 7) Mozione presentata dalla consigliera Marini Camilla (Gruppo Pd) ad oggetto:

2 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 2 01 Ottobre 2014 valorizzazione percorsi turistici frazioni collinari. 8) Mozione presentata dal consigliere Lorenzo Taddeucci (Gruppo Pd) ad oggetto: impegno dei medici di emergenza per il servizio sminamento. 9) Mozione presentata dai consiglieri Niccolò Gherarducci, Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro), Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.), Mario Settino e Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: auto di servizio e di rappresentanza del Comune di Rosignano Marittimo. 10) Mozione presentata dai consiglieri Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.), Niccolò Gherarducci e Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) ad oggetto: sicurezza stradale in Via Malenchini. 11) Ordine del giorno presentato dai consiglieri Silvia Gesess, Niccolò Gherarducci (Sinistra unita per il lavoro), Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.), Mario Settino, Serena Mancini ed Elisa Becherini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: fermiamo l invio di armi. 12) Mozione presentata dai consiglieri Mario Settino, Elisa Becherini, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: salvaguardia del territorio comunale della coltivazione di organismi geneticamente modificati. 13) Mozione presentata dai consiglieri Mario Settino, Elisa Becherini, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) inerente alla proposta di adesione, con sottoscrizione, al Codice etico per gli Enti locali denominato Carta di Pisa per l Amministrazione di Rosignano Marittimo. 14) Mozione presentata dai consiglieri Francesco Serretti, Mario Settino, Elisa Becherini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: realizzazione del portale web per le collaborazioni professionali-artistiche tra artisti ed esercenti nel territorio comunale. 15) Mozione presentata dai consiglieri Francesco Serretti, Mario Settino, Elisa

3 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 3 01 Ottobre 2014 Becherini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: incentivi per contrastare la diffusione di slot machine presso locali e bar pubblici. 16) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: reintegro e tutela dei lavoratori della società Falaschi cui era appaltato il servizio di scuolabus per il Comune di Rosignano Marittimo 17) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: no alla cava del Gozzone. 18) Mozione presentata dalla consigliera Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) ad oggetto: adesione alla settimana europea riduzione rifiuti. 19) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: adozione del sistema gratuito di e-government decoro urbano. 20) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: richiesta di reperimento spazi per attività di coworking e sviluppo nuove imprese. 21) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: il turismo crocieristico, l isolamento di Rosignano. 22) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: riduzione dei premi al personale del Comune non dirigente ed azzeramento di quelli erogati al personale dirigente del Comune. 23) Mozione presentata dai consiglieri Elisa Becherini, Mario Settino, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: arredi scolastici per le scuole. 24) Mozione presentata dai consiglieri Elisa Becherini, Mario Settino, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: adeguamento dei giochi presenti nei parchi

4 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 4 01 Ottobre 2014 pubblici cittadini alle esigenze dei bambini disabili. 25) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: cura del verde, decoro urbano e partecipazione. 26) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: valorizzazione patrimonio immobiliare. 27) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: adozione della Carta di Pisa quale Codice etico dell Amministrazione comunale di Rosignano Marittimo. 28) Mozione presentata dalla consigliera Serena Mancini (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: convocazione degli stati generali del turismo per la determinazione di una nuova strategia nel settore. 29) Mozione presentata dal consigliere Nicolò Bagnoli (Gruppo Pd) ad oggetto: lavori agli edifici ITI Mattei ed IPSIA. 30) Ordine del giorno presentato dalla consigliera Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) ad oggetto: TTIP. 31) Mozione presentata dalla consigliera Maria Graziella Angeli (Forza Italia) ad oggetto: pro loco Rosignano Solvay. 32) Mozione presentata dalla consigliera Maria Graziella Angeli (Forza Italia) ad oggetto: depuratore a norma a Rosignano Solvay. 33) Mozione presentata dalla consigliera Maria Graziella Angeli (Forza Italia) ad oggetto: società partecipate e bilanci consuntivi. 34) Mozione presentata dalla consigliera Maria Graziella Angeli (Forza Italia) ad

5 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 5 01 Ottobre 2014 oggetto: campo di tamburello in zona Le Pescine in Rosignano Solvay. 35) Mozione presentata dal consigliere Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.) e Niccolò Gherarducci (Sinistra unita per il lavoro) ad oggetto: stato manutentivo scuola elementare Pertini. 36) Mozione presentata dai consiglieri Niccolò Gherarducci, Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) e Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.) ad oggetto: parcheggio ufficio postale di Rosignano Solvay. 37) Interpellanze: a) Interpellanza presentata dai consiglieri Silvia Gesess e Niccolò Gherarducci (Sinistra unita per il lavoro): fatti del 13 agosto 2014 Stabilimento Solvay; b) Interpellanza presentata dai consiglieri Elisa Becherini, Mario Settino e Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle): Parco Colline delle Livornesi; c) Interpellanza presentata dai consiglieri Sergio Giannoni, Camilla Marini, Antonio Pesci (Gruppo Pd): scuola elementare Pertini; d) Interpellanza presentata da Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro): elezioni provinciali; e) Interpellanza presentata da Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro): S. Teresa sviluppo della frazione di Rosignano Solvay; f) Interpellanza presentata dai consiglieri Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.) e Niccolò Gherarducci (Sinistra unita per il lavoro): mensa scuola elementare Gabbro; g) Interpellanza presentata dai consiglieri Niccolò Gherarducci, Silvia Gesess (Sinistra unita per il lavoro) e Luca Simoncini (Gruppo R.D.S.): sistemi di allarme scuole Comune Rosignano Marittimo. 38) Question time.

6 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 6 01 Ottobre 2014 Nomina scrutatori PRESIDENTE. Confermiamo gli scrutatori di ieri, che erano Serretti e Prinetti. Per quanto riguarda di Narducci, confermiamo anche lui. Attendiamo un momento che arrivi, perché aveva detto che sarebbe stato presente. Dopodiché, semmai procediamo alla nomina di un nuovo scrutatore.

7 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 7 01 Ottobre 2014 Comunicazioni della Presidente, del Sindaco, della Giunta e dei consiglieri PRESIDENTE. Vorrei fare una comunicazione al Consiglio, indirizzata a essenzialmente al consigliere Settino. Proviene da Serena Mancini ed è indirizzata anche al Presidente. Dice la nota: Come già detto questa mattina, domani, per impegni pregressi di tipo lavorativo, non potrò partecipare al Consiglio comunale. Pregherei quindi il Capogruppo Settino di poter esporre le mozioni n. 16, ad oggetto Tutela dei lavoratori, ex Falaschi e la n. 17, ad oggetto No alla cava del Gozzone. Le mozioni rimanenti n. 19, n. 20, n. 21, n. 23, n. 25, n. 26, n. 28 pregherei venissero messe in ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale. Serena Mancini.. Credo che il consigliere Settino non ne sia al corrente e vorrei sapere se è d accordo su questo. MARIO SETTINO. Buongiorno a tutti e grazie, Presidente. Sono d accordo. L unica cosa che le chiedo è, se possibile, ma credo di sì, che ci dividiamo, insieme al consigliere Serretti l onere della lettura, perché sono di fila diverse mozioni e diventerebbe parecchio impegnativo, soprattutto per la mia voce. PRESIDENTE. Certamente, è consentito.

8 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 8 01 Ottobre 2014 Mozione presentata dai consiglieri Mario Settino, Elisa Becherini, Francesco Serretti (Movimento 5 Stelle) ad oggetto: salvaguardia del territorio comunale della coltivazione di organismi geneticamente modificati PRESIDENTE. Cominciamo quindi con le nostre mozioni, a partire dalla n. 12, dove siamo rimasti ieri. La mozione è di Settino Mario, Elisa Becherini, Francesco Serretti, Movimento 5 Stelle, a oggetto: salvaguardia del territorio comunale della coltivazione di organismi geneticamente modificati. Prego. FRANCESCO SERRETTI. Buongiorno a tutti e grazie Presidente. Mozione sulla salvaguardia del territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati: «Premesso che un organismo geneticamente modificato (OGM) è un essere vivente che possiede un patrimonio genetico modificato artificialmente, tramite tecniche di ingegneria genetica, non è consentito procedere alla messa in coltura di sementi transgeniche in assenza delle previste autorizzazioni di legge. Con sentenza n , depositata il 20 marzo 2012, la Cassazione penale è intervenuta in materia di coltivazione di organismi geneticamente modificati ribadendo l esistenza nel nostro ordinamento del principio di coesistenza tra le diverse colture, che deve essere attuato senza che le stesse possano reciprocamente compromettersi, in modo da tutelare la peculiarità e la specificità produttiva di ciascuna ed evitare commistioni tra sementi, senza pregiudizi per le attività agricole preesistenti. Dopo un articolato riepilogo delle norme interne e comunitarie vigenti in materia, la Cassazione evidenzia, in linea con quanto già affermato dalla Corte costituzionale, la presenza del già richiamato principio di coesistenza in materia. In buona sostanza, la disciplina comunitaria si legge nella sentenza si occupa di tutelare l ambiente, la vita e la salute di uomini, animale e piante, ma consente alla normativa interna la possibilità di adottare le misure più opportune per limitare gli effetti economici connessi alle potenzialità diffusive degli OGM e quindi non compromettendo la biodiversità dell ambiente naturale, così da garantire la libertà di iniziativa economica, il diritto di scelta dei consumatori e la qualità e la tipicità della

9 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 9 01 Ottobre 2014 produzione nazionale. Il Parlamento italiano ha approvato una mozione, in data 11 luglio 2013 che impegna il Governo ad avvalersi della clausola di salvaguardia, di cui all articolo 25 del decreto legislativo n. 224 del 2003, di recepimento della direttiva n. 2001/18/CE, al fine di evitare ogni forma di coltivazione in Italia di OGM autorizzati a livello europeo e di tutelare la sicurezza del modello economico e sociale di sviluppo dell agroalimentare italiano e prevedere, in relazione alla stagione delle semine avviata in gran parte del Paese, l incremento delle attività di controllo per potenziare, d intesa con le Regioni, la sorveglianza sui prodotti sementieri in corso di distribuzione ed intervenire in presenza di sementi transgeniche non autorizzate. A seguito della precedente, in data 12 luglio 2013, è stato emanato il decreto interministeriale di adozione delle misure d urgenza, ai sensi dell articolo 54 del Regolamento. Secondo quanto stabilito dal suddetto, la coltivazione di varietà di mais provenienti da sementi geneticamente modificate è vietata nel territorio nazionale, fino all adozione di misure comunitarie, di cui all articolo 54. In Italia, tre quarti delle Regioni e un numero crescente di Comuni si schierano contro le coltivazioni OGM e si sono dichiarati liberi da OGM, perché non è pensabile poter far convivere le produzioni agricole OGM con le produzioni biologiche che, ormai ovunque, stanno assumendo un ruolo molto importante, sia in termini economici, sia di prestito di territorio, coinvolgendo centinaia di piccole e medie aziende agricole, spesso formate da giovani imprenditori. Appare evidente pertanto che: dalla legge citata è vietato l uso alimentare di OGM transgenici, in quanto ne è stata violata la composizione naturale; è inoltre vietato l uso alimentare dei derivati dei vegetali transgenici, perché la loro composizione biochimica è diversa da quella naturale; è vietato l uso alimentare di OGM mutati da trattamenti radioattivi con raggi X, o gamma, o neutroni veloci e i loro derivati, in quanto dichiaratamente mutati attraverso una mutazione genetica. La Regione Toscana, con la citata legge regionale n. 53 del 6 aprile 2004, si impegna ai fini della tutela della salute, quale fondamentale diritto della persona, a promuovere tutte le azioni necessarie a prevenire possibili rischi per la salute umana e per l ambiente derivanti dalla coltivazione della produzione e dal consumo di prodotti contenenti organismi geneticamente modificati, al divieto di coltivazione e

10 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 di produzione, per i fini di cui all articolo 1 e per mantenere e preservare la presenza dei geni naturali, anche secondo quanto previsto dalla legge regionale 16 luglio 1997 Tutela delle risorse genetiche autoctone. La regione Toscana vieta la coltivazione e la produzione di specie che contengono la presenza di organismi geneticamente modificati». PRESIDENTE. Grazie, consigliere. Diamo il via agli interventi. FRANCESCO SERRETTI. Devo dire l impegno. PRESIDENTE. Credevo avessi finito, perché abbiamo fretta... FRANCESCO SERRETTI. «Considerato che è lunga, chiedo scusa nel capitolo speciale del servizio di refezione scolastica del Comune di Rosignano Marittimo, nel dettare le regole procedurali tra le principali linee di indirizzo, sono già recepite le indicazioni contenute nell articolo 4 della LR n. 53 del 6 aprile 2000 che esplicitano il divieto di somministrazione di prodotti contenenti OGM, si ritiene necessario adottare, a fronte di possibili richieste di autorizzazione per iniziare a coltivare prodotti OGM, misure idonee a garantire la biodiversità degli ecosistemi locali e le produzioni di qualità e tradizionali che il territorio esprime. Il Consiglio Comunale esprime la propria contrarietà alla sperimentazione, coltivazione e allevamento di organismi viventi, sia vegetali, sia animali, ottenuti mediante manipolazione genetica, su tutto il territorio comunale; impegna il Sindaco e la Giunta ad attivarsi utilizzando tutti gli strumenti a sua disposizione per contrastare la coltivazione di tutti gli organismi geneticamente modificati, nell ambito del comprensorio di riferimento, a salvaguardia della salute umana, dell ambiente e della biodiversità agraria, cioè delle produzioni agricole peculiari del territorio comunale, verificando la disponibilità dei Comuni limitrofi ad attivarsi congiuntamente; a richiedere al Governo di mettere in atto tutte le azioni possibili, al fine di procedere all adozione della clausola di salvaguardia, così come previsto dall articolo 23 della direttiva 2001/18/CE a tutela della salute umana

11 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 dell ambiente e del modello economico e sociale nel settore agroalimentare italiano; a chiarire, con i provvedimenti conseguenti, il Comune di Rosignano Marittimo Comune OGM free; a introdurre, nei servizi di ristorazione collettiva gestiti dal Comune, un sistema informativo chiaro indicante l eventuale presenza di OGM negli alimenti somministrati; a garantire che, nei bandi di gara emanati dal Comune per gli appalti pubblici di servizi e forniture alimentari, destinati alla ristorazione collettiva, l utilizzo di prodotti che non contengono OGM costituisca il titolo preferenziale per l aggiudicazione; a promuovere un dibattito in Consiglio comunale circa i controlli che le autorità competenti hanno effettuato per verificare l utilizzo improprio dei citati OGM; ad informare, attraverso incontri e comunicazioni scritte, i produttori, se presenti, e i rivenditori sul territorio comunale, sui rischi di contaminazione nell utilizzo e vendita di prodotti geneticamente modificati nella catena produttiva, le cui conseguenze non sono attualmente prevedibili; ad avviare una seria campagna di educazione alimentare legata al consumo e alla spesa consapevole di prodotti tradizionali e locali di qualità; a pubblicizzare la delibera che dovrà essere predisposta, tramite l apposizione di cartelli segnaletici, indicanti le parole Rosignano Marittimo Comune OGM free». PRESIDENTE. Grazie, consigliere Serretti. Ora è veramente terminata. Chi vuole intervenire su questa mozione? Agostini, prego. LUCA AGOSTINI. Presidente, il Gruppo richiede una sospensione per poter decidere sulla mozione presentata dai 5 Stelle. PRESIDENTE. Concediamo l interruzione. (La seduta è sospesa) MARIA CASTALLO, Segretario, fa la chiama.

12 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 PRESIDENTE. Andiamo avanti. Consigliere Agostini, prego. LUCA AGOSTINI. Come Gruppo PD proponiamo una serie di emendamenti alla parte dispositiva della mozione. Ovviamente, al tavolo della Presidenza ne darò copia cartacea per poterne prendere nota, perché sono modifiche abbastanza articolate. Le vado a leggere, siamo nella parte dell impegno al Sindaco e alla Giunta, al primo capoverso: A verificare, congiuntamente alla Commissione Consiliare afferente, tutti gli strumenti per contrastare la coltivazione di tutti gli organismi geneticamente modificati nell ambito del comprensorio di riferimento, a salvaguardia della salute umana, dell ambiente, della biodiversità agraria, cioè delle produzioni agricole peculiari del territorio comunale, verificando la disponibilità dei Comuni limitrofi ad attivarsi congiuntamente poi continua con l obiettivo di: dichiarare con i provvedimenti conseguenti il Comune di Rosignano marittimo comune OGM free (è uno dei punti successivi che ovviamente viene tolto, che sarebbe il terzo punto, e poi viene tolto anche l ultimo punto) e a pubblicizzare la delibera che, alla fine del percorso dovrà essere predisposta, tramite l apposizione di cartelli segnaletici indicanti le parole Rosignano Marittimo Comune OGM free. Poi le faccio vedere, ma questi due punti vanno tutti al primo capoverso. Il secondo punto di impegno rimane tale e quale. Il terzo, come ho detto, viene tolto e va a coda del primo capoverso. Il quarto e il quinto punto di impegno, li vado a leggere: Ad introdurre nei servizi di ristorazione collettiva gestiti dal Comune un sistema informativo chiaro, indicante l eventuale presenza di OGM negli alimenti somministrati e il punto successivo a garantire che nei bandi di gara emanati dal Comune per gli appalti pubblici di servizi e forniture alimentari, destinati alla ristorazione collettiva, l utilizzo di prodotti che non contengono OGM costituisca titolo preferenziale per l aggiudicazione. Siccome sono questioni che attengono già a normative di legge, della legge regionale n. 53 del 2000, chiediamo di verificare puntualmente tramite un lavoro in Commissione, lo stesso che dovrà essere fatto per verificare tutta la situazione con le categorie agricole il rispetto della legge n. 53 del 2000 per quanto riguarda la

13 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 somministrazione alimentare in scuole, ospedali, ed istituti di cura. Questi due punti vengono rimandati in Commissione per la verifica della loro applicazione. Il sesto punto rimane tale e quale. Il settimo punto rimane tale e quale. L ottavo e penultimo punto viene modificato. Viene tolto Ad avviare una seria campagna e viene sostituito con A proseguire ed implementare la campagna di educazione alimentare legata al consumo ed alla spesa consapevole di prodotti tradizionali e locali di qualità. Questi sono gli emendamenti che il Gruppo del PD ovviamente, come ripeto, in maniera cartacea, li consegnerà alla Presidenza propone, se vengono accolti, per la votazione unitaria della mozione presentata dal Movimento 5 Stelle. Grazie Presidente. PRESIDENTE. Il Movimento 5 Stelle recepisce gli emendamenti? MARIO SETTINO. Grazie, Presidente. Nel rispondere positivamente agli emendamenti, volevo far notare che in realtà questa scelta di dichiarare un Comune OGM free non è rara, ma già 1574 Comuni in Italia l hanno fatta. Tra l altro, in Toscana, sono 97 i Comuni. Se andiamo per esempio nella zona del Chianti, è un cartello estremamente diffuso. Quindi, in ogni caso da questo punto di vista, sicuramente non c è un problema formale anche in relazione alla legge regionale del 2000, la n. 53. Se chiarisce un attimino il concetto per il terzo punto Chiedo gentilmente al Capogruppo del PD se ce lo chiarisce ulteriormente un attimo, così da definirlo bene. PRESIDENTE. Prego, consigliere Agostini. (Interruzione fuori microfono) Può chiarire il terzo punto? LUCA AGOSTINI. Presidente, specifico che il terzo punto chiaramente è legato all ultimo, sulla possibilità che l Amministrazione si dichiari comune OGM free. Specifico meglio questo: siccome se facciamo una cosa, vorremmo farla con serietà e con cognizione di causa, non vorrei che davvero fosse semplicemente un mettere una medaglia al Comune con il cartello OGM free. Non vogliamo fare una

14 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 cosa del genere. Siccome è sicuramente un impegno serio nei confronti dei cittadini, dei visitatori, ma anche dei produttori e dei vari operatori commerciali che su questo territorio operano, il fatto di legare il terzo e l ultimo punto al raggiungimento degli obiettivi posti al primo è una verifica che congiuntamente la Giunta e la Commissione faranno, con tutti i soggetti interessati alla questione OGM, quindi produttori agricoli e associazioni di categoria. Vorremmo dunque arrivare alla definizione di Comune OGM free se davvero i presupposti ci sono, se davvero tutto questo è una reale dichiarazione di OGM free, su cui noi siamo assolutamente d accordo e anche il nostro Governo è impegnato in tale direzione. Ecco perché, al termine del primo capoverso, dove c è l impegno di fare tutto un lavoro, congiuntamente con la Commissione Consiliare, chiediamo di agganciare il terzo e l ultimo punto, dove definiamo che l Amministrazione dovrà dichiararsi OGM free. Per noi l obiettivo da raggiungere è quello e quindi, al termine di tutto un percorso di analisi e verifica, chiaramente che dovrà essere quello che supporta un lavoro del genere, ci sarà (Interruzione fuori microfono) Scusate, non capisco cosa succede alle mie spalle. (Interruzione fuori microfono) Vado a concludere, Presidente. Il terzo e ultimo punto delle richieste va in coda, proprio perché il raggiungimento di questa dichiarazione deve essere serio e con contenuti che non siano vanificati dall irrealizzabilità. Può darsi anche che di questi visto che li hanno nominati Comuni che hanno questo cartello ci sia qualcosa che non è così specificatamente controllato o seguito. Ecco, non vorremmo fare una cosa del genere. Se normalmente facciamo una cosa, la facciamo seriamente. Quindi, va benissimo per noi un lavoro anche rapido, però deve avere i crismi della serietà e verifica con esperti che ovviamente non siamo noi. Grazie, Presidente. PRESIDENTE. Consigliere Serretti, prego. Comunque la discussione è aperta per tutti, non è per voi, per fare un ping-pong. FRANCESCO SERRETTI. Allora, siamo d accordo con gli emendamenti, però solo nel caso che dato che questi tre punti sono cruciali di questa mozione si

15 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 metta verificare velocemente o rapidamente. Infatti, nel caso passi in Commissione, sappiamo tutti che le Commissioni hanno tanto da fare, hanno varie cose da elaborare e poi magari si perde. Invece, chiediamo di scrivere nell emendamento verificare velocemente, sia per il terzo punto, che per l ultimo. Grazie. PRESIDENTE. Consigliere Gherarducci, prego. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Grazie, Presidente. Data l importanza della questione trattata e la non banalità della questione degli OGM, che va anche a ripercuotersi su questioni di salute di chi consuma gli OGM non è mistero per nessuno, condivido le perplessità che Serretti esprimeva nell ultimo intervento. Siccome anche il termine velocemente o rapidamente è molto opinabile, ci si potrebbe mettere una data, che potrebbe essere il 31 dicembre 2014, e allora si mettono in moto tutti i meccanismi per cui questo si può fare. Sinceramente non vedo cosa ci sia da verificare, insomma. Lo dico in maniera sincera. È una questione anche ideologica. Se si è contro gli OGM, si è contro e quindi si mettono in campo tutti gli strumenti affinché nel Comune non ci siano gli OGM, per tanti motivi, sia per motivi di salute, sia per motivi di salvaguardia delle coltivazioni agricole autoctone e biologiche. Bisogna anche ricordare infatti che se un campo viene coltivato a coltura biologica, con tutte le regole che ci sono, ma accanto c è una coltivazione OGM, questa va a inquinare anche il campo coltivato in maniera biologica. Quindi, si smonta il ragionamento che per esempio viene fatto della zona vicino al Gozzone che vede molte colture di tipo biologico. Quindi, su questo Presidente (Interruzione fuori microfono) Scusate, mi pare una situazione... (Interruzione fuori microfono) Non si capisce chi è che ascolta e chi non ascolta. C è un movimento e un brusio dietro che sono lì a spalare l acqua. Si può avere un minuto di sospensione, per vedere meglio? Perché oggettivamente...

16 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 PRESIDENTE. Stiamo attenti. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Stavo chiedendo di avere un minuto di sospensione per parlare anche col Capogruppo Agostini e confrontarci su questa questione, perché sennò diventa infinita la discussione in Consiglio comunale. PRESIDENTE. Gherarducci, tu non eri ancora arrivato. Noi abbiamo dato venti minuti di sospensione... NICCOLÒ GHERARDUCCI. No, io ero arrivato. PRESIDENTE. Lo dico per informarti... NICCOLÒ GHERARDUCCI. Ero arrivato. So che ci sono stati venti minuti di sospensione, però l ha chiesto... PRESIDENTE. Falli rientrare dentro a tutto ciò che vuoi poi comunicare, perché diamo venti minuti insieme, altrimenti è tutto un entrare ed uscire. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Scusi, abbia pazienza. Il Capogruppo del PD ha chiesto giustamente la sospensione. Ha portato al termine della sospensione legittimamente degli emendamenti che vanno in qualche modo a modificare gli impegni della mozione. Se si possono avere cinque minuti per parlare e confrontarsi, perché sennò sinceramente viene snaturato il fine della mozione. Si entra con una mozione in un modo e si esce con un uscita blanda che non vede un termine temporale e non chiarisce i termini degli impegni che bisogna prendere. Quindi, in cinque minuti ci si parla... PRESIDENTE. Ascolta, Gherarducci... NICCOLÒ GHERARDUCCI. Se non li volete dare, ognuno decide...

17 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 PRESIDENTE. Ascolta, Gherarducci. Prepara i tuoi emendamenti e poi ne discuti con il Consiglio, con i consiglieri comunali e a quel punto è fatta. Preparalo nel frattempo, in maniera che si possano snellire i tempi. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Io preparo gli emendamenti, ma se non ho nemmeno scritti gli emendamenti che la maggioranza propone... PRESIDENTE. Gherarducci, i colleghi del Movimento 5 Stelle hanno recepito l emendamento. A questo punto, prepara il tuo emendamento. NICCOLÒ GHERARDUCCI. L emendamento si mette a votazione, perché è vero che in questo caso lo propone la maggioranza e sicuramente il voto del Consiglio sarà maggioritario sull accoglimento dell emendamento, ma poteva essere proposto pure da noi, con l accordo dei 5 Stelle e non trovare l accordo della maggioranza. Quindi, l emendamento comunque sia va messo in votazione. Lei capisce che io non ho davanti le modifiche fatte. Credo si possa arrivare a una mediazione positiva che accontenti tutti e dia delle certezze al fine di una mozione. Cinque minuti su venti non mi sembrano un grande da farsi; tant è che non abbiamo nemmeno scritte le proposte che la maggioranza ci fa. Ieri si è riniziato dopo pranzo perché bisognava aver scritto tre righe delle modifiche che si facevano alla delibera, stamani si è fatto delle modifiche cospicue e non le abbiamo nemmeno davanti. PRESIDENTE. Consigliere Gherarducci, quello che tu vuoi proporre, presentalo al Consiglio. Se ne discute. Il Consiglio ne discuterà e a quel punto, se avete da fare degli emendamenti su tutto il contenuto, si vedrà, ma intanto prepara e dicci in cosa consiste. Proponici quell emendamento. Preparatelo e proponilo. Siamo tutti qui e ti aspettiamo. Aspettiamo che tu lo faccia e che tu lo proponga. Dopodiché, si può vedere che cosa si può fare, se ci si può allontanare dall Aula un momento oppure no. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Chiedo cortesemente la fotocopia delle proposte di

18 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 emendamento fatte dalla maggioranza. PRESIDENTE. Bene, le facciamo fare. NICCOLÒ GHERARDUCCI. Grazie. PRESIDENTE. Appena sono pronti, Gherarducci, te le diamo, perché le sta scrivendo. Consigliere Settino, prego. MARIO SETTINO. Grazie, Presidente. L intendimento della PRESIDENTE. Consigliere Settino, chiedo scusa. C è prima il consigliere Toncelli, per regolarità. Chiedo scusa. Consigliere Toncelli, prego. NICOLA TONCELLI. Grazie, Presidente. Prima di tutto, volevo premettere che questa tematica ci interessa particolarmente. Ci interessa la discussione, ma soprattutto ci interessa arrivare ad un risultato che sia oggettivo. Trovo di poco valore riuscire a mettere un etichetta Comune OGM free, quando si sa perfettamente che OGM free vorrebbe, nel concetto generale, un territorio completamente libero da OGM, ma sappiamo per citare per la seconda volta stamattina la consigliera Croce che basta entrare in una Coop, basta entrare in un bar o in una tabaccheria per trovare noccioline, Nutelle varie, eccetera, che sono tutte, si sa, perfettamente OGM. La Nestlé, si sa tutti perfettamente, utilizza elementi OGM per i propri prodotti. Per puntualizzare un affermazione del consigliere Gherarducci: lui ha parlato di coltivazioni biologiche, mi trova perfettamente d accordo. Però bisogna anche mettere in evidenza che una coltivazione biologica può essere a base di OGM, nel senso che possono essere utilizzate sementi OGM, per poi essere coltivate in maniera biologica. Quindi, è sui controlli che noi portiamo avanti la nostra battaglia, quella,

19 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 praticamente, di riuscire veramente a mettersi d accordo con tutte le associazioni di categoria, con tutti quelli che sono coinvolti in prima linea su queste tematiche, per trovare un atteggiamento efficace per la lotta contro gli OGM. Da parte nostra, c è tutta la volontà possibile per arrivare velocemente ad un risultato oggettivo, che non sia solamente un discorso di propaganda, perché sì, può essere utile, ma non ci serve da un punto di vista oggettivo. PRESIDENTE. Bene. Grazie, consigliere Toncelli. Prego, consigliere Settino. MARIO SETTINO. Grazie, Presidente. Chiarisco che l obiettivo della mozione non è la propaganda, non è fare l articolo di giornale. L obiettivo è arrivare a un impegno politico di un Amministrazione che, a partire da oggi, si prende l impegno non di mettere il cartello, perché di cartelli ne possiamo mettere quanti ne vogliamo, ma di fare tutto un percorso affinché questo OGM free diventi una realtà, a Rosignano. Questo è il nostro obiettivo. Quando chiedere di garantire nei bandi di gara emanati dal Comune per quanto riguarda gli appalti, che non ci siano prodotti OGM, chiedere che questo sia esplicitamente espresso, mi sembra importantissimo, chiaramente, trattandosi di refezione scolastica, trattandosi di refezione di minori. È evidente che se in Commissione, quando chiederemo di vedere i documenti, i bandi e i protocolli HACCP, verificheremo che non c è questa dicitura, sarà una cosa da modificare e integrare di sicuro, questo è un obiettivo fondamentale. Quanto all altro percorso, sono d accordo con Toncelli: è chiaro che va fatto un percorso di collegamento con le associazioni di categoria dei produttori, affinché questa cosa diventi reale, sono d accordo anch io. Però, ovviamente, in primis deve essere il Comune, quindi l Amministrazione comunale che s impegna in questa direzione, che diventa promotrice di questo percorso. Altrimenti, non si capisce chi lo può fare. Questo è l obiettivo della mozione, non il cartello. Chiaramente, non è un gesto simbolico, ma è un atto politico concreto, con cui ci s impegna. Quindi, l immagine non c entra proprio nulla.

20 Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo Ottobre 2014 PRESIDENTE. Prego, consigliere Agostini. LUCA AGOSTINI. Grazie, Presidente. Vorrei che fosse chiara una cosa: se avessimo pensato che è un atto simbolico, un atto di propaganda elettorale, ovviamente avremmo già chiuso la partita. Non siamo così stolti e così sprovveduti da dare la sponda a questi giochetti. Noi siamo fermamente convinti che sia un impegno serio, altrimenti non ci saremmo dedicati ad alcune modifiche che sono secondo noi necessarie per non vanificare la serietà dell impegno. Fare delle semplici enunciazioni che poi non sono corroborate dall efficacia, dalla realtà dei fatti, sarebbe oltremodo colpevole. E noi non vogliamo questo. Riteniamo tutto l impianto della mozione serio, e serie anche le richieste, ma su alcune di queste, è ovvio che per ignoranza, per non competenza, è opportuno affidarci ad un approfondimento, anche corroborato dalla presenza di esperti: tutto questo è garanzia di serietà. Oltretutto, vorrei ricordare che rimandare gli argomenti in Commissione non è rimandare la palla in calcio d angolo, a meno che qualcuno ritenga le Commissioni un giochino che non serve a nessuno. Questo non fa parte della serietà e dell impegno di chi guida questa Amministrazione comunale. Rimandare gli argomenti in Commissione vuol dire approfondirli e dargli dignità, anche perché, come ben sapete, le Commissioni sono pubbliche e tutti, a queste Commissioni possono essere spettatori. Questo vuol dire che nessuno di noi si diverte a fare il pagliaccio o il burattino per rimandare delle cose alle quali non crede. Lavorare in Commissione vuol dire affrontare con serietà dei problemi che sono sentiti dall Amministrazione comunale, per dargli massima risonanza e soprattutto per dargli delle risposte tecniche che siano autentiche, che siano forti, che siano supportate da dati di fatto. Quindi, anche il fatto di aggiungere rapidamente, velocemente, ha ragione, sono imposizioni temporali tutte aleatorie. Quando rimandiamo le cose in Commissione, normalmente le Commissioni vengono fatte, mi sembra che si stia lavorando, mi sembra che non ci siano ritardi. Sì, si può giocare strumentalmente su una cosa fatta dieci giorni prima o dieci giorni dopo, ma le Commissioni lavorano e affrontano le questioni. Le affrontano perché le condividiamo e le affrontano perché i Presidenti di

MOZIONE VOLTA A: Salvaguardare il territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati

MOZIONE VOLTA A: Salvaguardare il territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati pagina 1 di 5 Cavriglia,. Ottobre 2014 Al Presidente del Consiglio Comunale e Sindaco di Cavriglia Sig. Leonardo Degl Innocenti o Sanni All assessore con delega all ambiente Sig. Filippo Boni MOZIONE VOLTA

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Interventi dei Sigg. Consiglieri. Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors

Interventi dei Sigg. Consiglieri. Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors Interventi dei Sigg. Consiglieri Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors Passiamo al decimo punto dell ordine del giorno: Approvazione delle modifiche al regolamento

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO PRESIDENZA DEL PRESIDENTE CATERINA GIOVANI

RESOCONTO STENOGRAFICO PRESIDENZA DEL PRESIDENTE CATERINA GIOVANI Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 1 2 Aprile 2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE CATERINA GIOVANI PRESIDENTE. La seduta è aperta. Invito i consiglieri a prendere posto e il segretario a procedere alla

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO PRESIDENZA DEL PRESIDENTE CATERINA GIOVANI

RESOCONTO STENOGRAFICO PRESIDENZA DEL PRESIDENTE CATERINA GIOVANI Consiglio Comunale di Rosignano Marittimo 1 2 Marzo 2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE CATERINA GIOVANI PRESIDENTE. La seduta è aperta. Invito i consiglieri a prendere posto e il Segretario a procedere alla

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO Premessa Il presente regolamento definisce le regole di funzionamento del Gruppo Movimento 5 Stelle CASTELFIDARDO (in breve M5S CASTELFIDARDO), ed è

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia.

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. 7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni Giolitti. Atto di indirizzo. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. CONSIGLIERE DE LUCIA C. - Nulla, è giunto

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

Sponsorizzazione. Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline se ritieni utile queste informazioni senza modificarlo.

Sponsorizzazione. Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline se ritieni utile queste informazioni senza modificarlo. Sponsorizzazione Magica www.sponsorizzazionemagica.com Bonus Speciale Obiezioni: Come Gestire FACILMENTE le obiezioni dei Tuoi Contatti Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline

Dettagli

POLITICHE AGRICOLE. REDATTRICE: Beatrice Pieraccioli 1. AGRICOLTURA

POLITICHE AGRICOLE. REDATTRICE: Beatrice Pieraccioli 1. AGRICOLTURA POLITICHE AGRICOLE REDATTRICE: Beatrice Pieraccioli 1. AGRICOLTURA Nel Rapporto sulla legislazione per il 2012 si è diffusamente parlato del Piano regionale agricolo forestale (PRAF), che è lo strumento

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri).

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione congiunta dell interrogazione in oggetto con l interpellanza urgente n. 8 presentata dal consigliere comunale Simone Paganoni avente per oggetto: gestione del sito

Dettagli

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CIRCA IL POTENZIAMENTO DELLA SICUREZZA SUL TERRITORIO.

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CIRCA IL POTENZIAMENTO DELLA SICUREZZA SUL TERRITORIO. N. 42 in data 19 novembre 2007 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CIRCA IL POTENZIAMENTO DELLA SICUREZZA SUL TERRITORIO. Introduce l argomento il Sindaco, ricordando che lunedì 26 novembre si svolgerà ad Oderzo

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SCM soggetto consortile multidisciplinare - Professional Service VERBALE DI ASSEMBLEA STRAORDINARIA

SCM soggetto consortile multidisciplinare - Professional Service VERBALE DI ASSEMBLEA STRAORDINARIA VERBALE DI ASSEMBLEA STRAORDINARIA L anno 2014 il giorno 10 del mese di luglio alle ore 15.00, presso la presso la sala conferenze dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Firenze,

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Marisa Abbondanzieri, Presidente A.N.E.A. Pagina 1 di 4 Il compito che mi è stato assegnato è quello di fare una riflessione sul futuro degli ATO nel nuovo contesto

Dettagli

Filosofia e ambiente. Filosofia e ambiente. 28 Marzo 2008. Dott.ssa Isotta Burlin. Dott.ssa Isotta Burlin. Università di Napoli Federico II

Filosofia e ambiente. Filosofia e ambiente. 28 Marzo 2008. Dott.ssa Isotta Burlin. Dott.ssa Isotta Burlin. Università di Napoli Federico II Filosofia e ambiente Filosofia e ambiente 28 Marzo 2008 Filosofia e ambiente Può la filosofia dirci qualcosa riguardo l ambiente, la sicurezza, le tecnologie, anche se è una disciplina che di solito si

Dettagli

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l.

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. PREMESSE ADR Notariato Srl è un organismo di mediazione iscritto al registro tenuto ai sensi del Decreto del Ministero della Giustizia n. 180

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

Resoconto integrale n.97/a della seduta di audizione del 30 settembre 2014

Resoconto integrale n.97/a della seduta di audizione del 30 settembre 2014 Commissione Consiliare Speciale per il controllo delle bonifiche ambientali e i siti di smaltimento rifiuti ed ecomafie, riutilizzo dei beni confiscati Resoconto integrale n.97/a della seduta di audizione

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE Regolamento comunale per il riconoscimento, la promozione e la valorizzazione delle libere forme associative e delle organizzazioni di volontariato (Approvato con delibera n.110/cc del 18.10.1999) I N

Dettagli

Atti consiliari del Comune di Barletta SEDUTA DEL 13 SETTEMBRE 2012 Verbale allegato alla delibera consiliare n. 44 avente all oggetto: Mozione relativa a Abbandono dei minori, adozione internazionale

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Data di convocazione: 11-04-2003 Oggetto: Esame ed approvazione "Regolamento comunale di semplificazione dei procedimenti di spesa in economia". Il Sindaco

Dettagli

N. 312 - GESTIONE DI DUE SEZIONI DI SCUOLA MATERNA

N. 312 - GESTIONE DI DUE SEZIONI DI SCUOLA MATERNA N. 312 - GESTIONE DI DUE SEZIONI DI SCUOLA MATERNA STATALE PRESSO ISTITUTO GULLI Presidente de TOLLIS: Consiglio vivamente il Cons. Barnabè di ringraziare il Sindaco e l Ass. Campodoni per leggere questa

Dettagli

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale.

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 85 del 21-06-2013 20905 votazione ed unico voto espresso per ciascun consigliere ; Segretario: funzionario del Comune. Art. 73 Pubblicità delle spese elettorali

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO ALLE ASSUNZIONI DI PERSONALE ATTRAVERSO PROCEDURE PUBBLICHE DA PARTE

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

OGGETTO N. 107 TRASPARENZA A COSTO ZERO - ADESIONE DEL

OGGETTO N. 107 TRASPARENZA A COSTO ZERO - ADESIONE DEL COMUNE. OGGETTO N. 107 TRASPARENZA A COSTO ZERO - ADESIONE DEL Presidente RAGAZZINI: L oggetto è stato visto in I Commissione consiliare. Su questo oggetto sono stati presentati, dal Cons. Vergini, 4 emendamenti,

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova N. 55 di reg. Del 16.09.2009 N. di prot. COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NOMINA COMPONENTI COMMISSIONE EDILIZIA COMUNALE. L anno duemilanove

Dettagli

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 13 MARZO 2015

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 13 MARZO 2015 COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 13 MARZO 2015 1 PRESIDENTE: Buongiorno iniziamo i lavori con le interrogazioni, la prima interrogazione è l interrogazione protocollo 2411 del

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

COMUNE DI CAMERANO (Provincia di Ancona) VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DI DATA 19 DICEMBRE 2014

COMUNE DI CAMERANO (Provincia di Ancona) VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DI DATA 19 DICEMBRE 2014 COMUNE DI CAMERANO (Provincia di Ancona) VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DI DATA 19 DICEMBRE 2014 APERTURA LAVORI CONSILIARI Buonasera. Sono le 17 : 00 del giorno 19 dicembre 2014, dichiaro

Dettagli

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State 1 Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State La New York Health Care Proxy Law vi permette di nominare una persona di fiducia, ad

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER

Dettagli

XI LEGISLATURA SEDUTA DEL 17/02/2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE NIRO

XI LEGISLATURA SEDUTA DEL 17/02/2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE NIRO Regione Molise -4- Resoconti Consiliari XI LEGISLATURA SEDUTA DEL 17/02/2015 PRESIDENZA DEL NIRO - ORE 12:13 - APERTURA DELLA SEDUTA, APPROVAZIONE DEL PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA PRECEDENTE E COMUNICAZIONI

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Amici del Mare

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Amici del Mare STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Amici del Mare TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA Art. 1 1. E costituita l organizzazione di volontariato denominata Amici del Mare., qui di seguito detta Associazione.

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA STATUTO

ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA STATUTO STATUTO Premessa La volontà di pervenire ad una Strada dei Vini e Sapori, trova la sua prima affermazione in numerosi documenti programmatici sia provinciali che comunali, spesso concordati con le associazioni

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

Per il raggiungimento dei suoi fini, l Associazione, in via esemplificativa e non tassativa, potrà svolgere le seguenti attività:

Per il raggiungimento dei suoi fini, l Associazione, in via esemplificativa e non tassativa, potrà svolgere le seguenti attività: STATUTO Art. 1 Denominazione E costituita l Associazione non lucrativa di utilità sociale Associazione Icaro c è l ha fatta O.- N.L.U.S. L ente si impegna ad utilizzare nella denominazione ed in qualsivoglia

Dettagli

NONSOLO15 ASSOCIAZIONE PER LA RICERCA E IL SOSTEGNO DI FAMILIARI E AMICI DI PERSONE AFFETTE DA SINDROME INVDUP15 (IDIC15)

NONSOLO15 ASSOCIAZIONE PER LA RICERCA E IL SOSTEGNO DI FAMILIARI E AMICI DI PERSONE AFFETTE DA SINDROME INVDUP15 (IDIC15) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLOTARIATO DENOMINATA NONSOLO15 ASSOCIAZIONE PER LA RICERCA E IL SOSTEGNO DI FAMILIARI E AMICI DI PERSONE AFFETTE DA SINDROME INVDUP15 (IDIC15) ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

COPIA INTEGRALE DELLO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. (Denominazione) Art. 1 É costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica,

COPIA INTEGRALE DELLO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. (Denominazione) Art. 1 É costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica, COPIA INTEGRALE DELLO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA (Denominazione) Art. 1 É costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica, L Associazione, in quanto non riconosciuta, è disciplinata

Dettagli

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA CONSIGLIO COMUNALE DEL 31 LUGLIO 2014 Consiglio comunale del 31.07.2014 Pag. 1 PRESIDENTE: Buongiorno a tutti, iniziamo i lavori del Consiglio, invito i Consiglieri

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 16.12.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Sistema Bibliotecario dell Area Metropolitana di Torino, Area Ovest (SBAM Ovest) Approvazione della bozza di convenzione e della bozza

Dettagli

REGOLAMENTO FINANZIARIO REGIONALE

REGOLAMENTO FINANZIARIO REGIONALE Partito Democratico di Basilicata REGOLAMENTO FINANZIARIO REGIONALE Testo modificato ed approvato dalla Direzione Regionale del 23/01/2010 1 Principi ispiratori Il Regolamento Finanziario del partito ha

Dettagli

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA 1) Che cosa stabilisce la costituzione e il codice civile in materia di diritto alla proprietà privata e di esproprio. L art. 42 della costituzione stabilisce che la

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

Vuoi Essere Padrone della tua vita?

Vuoi Essere Padrone della tua vita? Vuoi Essere Padrone della tua vita? Ti servono 3 cose! Caro Amico/a, con queste pagine vorrei condividere con te un sistema semplice per tutti, per poter diventare padrone della propria vita! Vuoi diventare

Dettagli

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99)

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Titolo/argomento: _T.U. delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura

Dettagli

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini.

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini. C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 068 DEL 21 LUGLIO 2015 OGGETTO: MOZIONE SU GIOCO D AZZARDO L anno duemilaquindici il giorno ventuno del mese di luglio alle ore

Dettagli

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani Comune di Riofreddo Provincia di Roma Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. 01 del 17 Aprile 1 Art. 1 Principi Generali 1) Il funzionamento del

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste TITOLO I Costituzione e sede Articolo 1 Costituzione È costituita, ai sensi degli artt. 14 e ss. c.c., l associazione UN ALTRA

Dettagli

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI http://www.creatoridibusiness.net Ciao e grazie per aver scaricato questo

Dettagli

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 SEGNI DISTINTIVI E CONCORRENZA -------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE FONTI LEGISLATIVE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli