L azzardo di massa: conseguenze per la famiglia, la società, l economia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L azzardo di massa: conseguenze per la famiglia, la società, l economia"

Transcript

1 L azzardo di massa: conseguenze per la famiglia, la società, l economia Maurizio Fiasco, Sociologo Consulta Nazionale delle Fondazioni Antiusura Roma È una leggenda metropolitana, che solo di recente, e a passi tardi e lenti, si va indebolendo. Ed è che il gioco d'azzardo, schermato dal brand dei Monopoli di Stato, costituisca una dura necessità. Si ritiene censurabile, forse, che milioni di italiani sperperino gli stipendi e le pensioni nelle slot machine (oggi) e nel lotto (oggi come ieri) oppure nelle scommesse al botteghino (ieri, oggi e domani) o con il poker on line (oggi e sempre più domani). Ma si argomento che nei conti dell'erario, almeno, arrivano denari freschi e denari facili. Richiamando Mandeville, vizi privati, pubbliche virtù. Dove la virtù, s'intende, è l'introito di cassa dello Stato. E qui siamo al cuore della leggenda metropolitana, che tra poco ci permetteremo di demistificare. Il gioco d'azzardo di massa non è un male necessario. Ma una perdita secca per tutti: per le famiglie, per l'economia e per la fiscalità dello Stato. Quest'ultimo, infatti, vi ricava sempre di meno. Meno miliardi di euro, a mano a mano che l'incremento dei consumi di alea avviene con progressione geometrica. Dai 27 miliardi (e 500 milioni) che erano nell'anno 2004, si è passati ai 79 (sempre di miliardi) e 900 (sempre di milioni) per l'anno intero Rispetto all anno immediatamente precedente, il balzo è stato di 18,5 miliardi, con un incremento del 30,1 per cento. Ma il gettito fiscale è sceso, in cifre assolute, di 418 milioni, passando da 9 miliardi e 58 milioni a circa 8 miliardi e 640 milioni. E il peso percentuale del risultato erariale dello Stato è sceso dai 14,7 punti ai 10,8. In tempi di manovra Salva Italia (e Cresci Italia ) sono questi i numeri della success story! Consumo o Raccolta? Tali sono i volumi del consumo di giochi, che però, con il lessico della retorica, i Monopoli di stato definiscono raccolta : come l'ammasso del grano della mietitura, dell'uva della vendemmia, delle olive di primo autunno. Conviene quindi essere precisi, perché ben differente risulta la cifra reale, di quel risultato che né l'aams né il Mef (acronimi dei Monopoli e del ministero dell'economia) ci tengono molto a far sapere: l'introito lordo per le casse dello stato è di meno di 9 miliardi. Seppure il consumo (in volume totale) è balzato del 245 per cento, il beneficio per il fisco è lievitato di un misero 19,5 per cento, tra il 2004 e il Sempre in volume totale. E' la legge di Pareto 1, beffardamente tornata di attualità: c'è voluta la crescita di cento punti del fatturato perché si ridistribuisse allo Stato 1 (uno) punto. Esattamente come concludeva tra Ottocento e Novecento l economista italo-svizzero: per aumentare di una lira il salario di un povero occorre che s incrementi di 100 lire il profitto di un ricco possidente. Ma qui il povero in canna è appunto lo Stato, con il suo debito che è pari al 110 per cento del suo reddito nazionale! Quindi non vizi privati, pubbliche virtù, ma vizi privati, vizi pubblici. In parole semplici, tutti diventano più poveri. Tutti persone singole, famiglie, industria-commercio-agricoltura, Stato tranne qualcuno (ma chi sia costui lo diremo più avanti, mostrando la pistola fumante ). Vanno in depressione i consumi, anche quelli naturali e necessari, aumentano le insolvenze, le sottrazioni indebite nei luoghi di lavoro. Devianza di massa e micro reati commessi dalle persone preda del gioco compulsivo. Crollano le spese per le cure odontoiatriche: meno 54 per cento delle prime visite (quando 1 Legge di Pareto: le rendite si ripartiscono secondo una legge matematica decrescente ad andamento esponenziale. A mano a mano che si considerano livelli di reddito sempre più alti, il numero dei percettori e le quote unitarie diminuiscono. 1

2 si portano i figli a prevenire o trattare tempestivamente le carie) e oltre il 32 per cento per l'insieme delle cure. Si mangia meno e si consumano cibi scadenti, documentano le associazioni degli agricoltori. Papà e mamma lasciano i soldi nelle macchinette, cancellano un Gratta e vinci. E a farle le spese il decoro e la dignità del menage quotidiano, per i figli e per gli anziani. Ovvio che questa caduta drastica della domanda di beni e di servizi, d altra parte, incida e molto pesantemente sulla crisi delle imprese del commercio e della produzione. E di conseguenza lo Stato ricava minor gettito per le imposte indirette (IVA, accise ecc.) e per quelle dirette (Irpef, Irpeg). Per ricorrere a una espressione tecnica: il consumo di giochi d'azzardo è un moltiplicatore negativo dell'economia. Oppure è un settore che estrae valore (L. Gallino) e che non crea valore. Valutato il consuntivo del business cycle, il valore iniziale si ritrova a fine periodo decurtato della domanda sottratta (o meglio, estratta ) ai settori direttamente produttivi e al terziario. Qualche raffronto. Nel settore dell'azzardo tra personale addetto e forza lavoro dell'indotto sono occupate 65 mila persone. In pratica, una ogni milione di euro consumato. Ricordiamo ancora, l'introito fiscale (al lordo delle spese di amministrazione) è di 9 miliardi di euro. Se ci spostiamo su un altro versante dell'economia. I conti sono ben altri. Nel comparto dell'automobile (valutazioni aggregate di Confindustria) gli italiani spendono per acquisto del solo mezzo oltre 40 miliardi di euro (sempre annui) e il ciclo industriale insieme a quello dei servizi della filiera impegna circa 1 milione e 200 mila persone, generando un ammontare globale dei consumi di circa 200 miliardi: dagli addetti alle autostrade al meccanico sottocasa che sostituisce la frizione alla nostra utilitaria. Insomma, dai consumi ordinari il Mef può contare una somma diretta di almeno cinque volte più ampia del denaro fresco del mercato dell azzardo. Per dirla brutalmente: ogni euro speso per l azzardo equivale ad almeno 80 centesimi sottratti agli acquisti. Si dirà: ma le somme delle vincite non sono impiegate dai giocatori per fare acquisti? Inferenza molto intuitiva. Ma del tutto sbagliata: il modello di gioco pubblico d azzardo che è stato imposto negli anni zero di questo secolo è strutturato in modo che oltre due terzi delle vincite resti congelato nel ciclo di slotmachine, scommesse, lotterie istantanee, azzardo on line. Di là di una polarizzazione tra ipervincita e vincita facile (la prima è paventata dal superenalotto, la seconda dal G&V) il gioco d azzardo di massa si fonda su una galassia di minivincite, cioè di premi irrisori che inducono il giocatore a re immettere il cosiddetto pay out nel meccanismo. Con l effetto di congelare il denaro nel meccanismo, che in parte si autoalimenta e in parte s incrementa con una continua progressione di nuova spesa. Una breve ricostruzione L approccio dei decisori pubblici alla questione azzardo cominciò a mutare con l anno 1992, quando una tempesta valutaria si abbatté, combinandosi con un aggressione speculativa, sulla lira. I governi che si sono avvicendati dall estate di quell anno fino al , alla ricerca di nuove entrate nelle casse del ministero del bilancio, riformulavano, prima nei corollari e in seguito negli assiomi, il concetto di gioco pubblico d azzardo: una leva fiscale, uno strumento importante per incrementare le entrate erariali dello Stato, un asse della politica nazionale per avvicinare il più possibile il prelievo tributario ai fabbisogni impazziti della spesa pubblica. Eppure, nonostante l ampliamento delle modalità di gioco (doppia estrazione settimanale del Lotto, nuove lotterie nazionali, lotterie istantanee e altro) il legislatore non alterava il criterio preminente della regolazione statale dei giochi, che era di contenere una condotta pur sempre rappresentata come un disvalore. L obiettivo di incrementare le entrate tributarie in effetti era centrato, con un prelievo netto per lo Stato che in quegli anni arrivava a 32 punti percentuali sul totale delle somme consumate. E un dato che va messo in relazione con la provenienza di questa spesa perché così il modello fiscale della regolazione del gioco pubblico d azzardo giungeva comunque ad un punto critico: il prelievo fiscale che lo Stato ha autorizzato sul gioco è inversamente proporzionale al reddito dei giocatori. In percentuale al reddito disponibile, infatti, spende di più chi ha di meno e quindi versa di più all erario chi ha di meno. In netta contraddizione con il sistema tributario fondato sulla progressività dell imposta sul reddito, che prevede 2

3 l aumento delle aliquote con l aumento del reddito, il modello di incremento tributario adottato utilizzando il gioco è invece regressivo sul reddito, le aliquote aumentano col diminuire del reddito. Con l anno finanziario 2003 si verifica una svolta notevole: l obiettivo governativo da allora non è più accrescere le entrate tributarie dello Stato, ma incrementare l intera economia dei giochi. Si è riformata profondamente l organizzazione dei Monopoli, e l AAMS è divenuta effettivamente amministrazione Autonoma dei monopoli statali. L autonomia è amplissima, dunque non solo gestionale, ma anche strategica, con surrettizia invasione di campo nei contenuti e nei valori di una politica pubblica, normalmente di pertinenza del parlamento. In questo settore una struttura, per l appunto l AAMS, che dovrebbe limitarsi a eseguire il conteggio delle partite di entrata e di uscita, si ricava un ruolo simile al disciolto IRI. Un ente strumentale spiazza l autorità di pubblica sicurezza, distribuisce le carte (è proprio il caso di notarlo) alla nostra polizia finanziaria (cioè al Corpo della guardia di finanza) e questa concentrazione di poteri (gestione, regolazione, programmazione, strategia di mercato) riproduce quel paradosso ben noto quando lo Stato si fa interventista in economia. Anzi, più che un paradosso è un paradigma: gli income sono privatizzati, i costi (ma dovremo spiegare cos è un costo, in questo campo, perché si estende anche lontano dalle postazioni di gioco) sono socializzati. Si procede senza alcuna remora di sorta nel creare non già valore pubblico per la fiscalità, ma valore aziendale, per tutta la congerie di investitori, dal rispettabile allibratore delle scommesse, all accaparratore di apparecchi automatici di gioco (le newslots ). Da quel momento si è assistito al costante incremento, anno dopo anno, della spesa destinata al gioco. La condizione attuale dell economia dell azzardo I dati, quelli ufficiali, documentano quanta parte dell economia dei giochi pubblici d azzardo sia regolata dallo stato, nelle variabili della spesa per il consumo, dei ricavi per i concessionari e i gestori, per le entrate dell Erario. Non esauriscono, certamente, la realtà, perché vi è il sommerso (la manomissione dei meccanismi del gioco regolamentato) e perché vi è l illegale, nelle diverse graduazioni, dalla combine di malavitosi di periferia al controllo verticalizzato, da parte delle associazioni per delinquere, dei flussi degli impieghi e dei ricavi e delle postazioni. Nonostante la loro parzialità i dati offrono la chiave per addentrarsi in questo spazio smisurato dell azzardo, e che si estende sempre più. I dati meritano perciò di essere commentati in modo autonomo. I numeri sono già un fenomeno in sé. Sessantuno miliardi e 450 milioni di euro di consumo di alea, come prima si è accennato. Ed infatti l esibizione di questa cifra, come comunemente avviene, con i suoi valori imponenti, ha una valenza semantica forte, schiacciante. Il dato più è iperbolico, più definisce una sorta di personalità del fenomeno: con un richiamo alle big five che descrivono il profilo di una personalità: l energia, la determinazione, l affidabilità, la potenza, la prestazione. Se si passa in rassegna la produzione pubblicitaria per il gioco d azzardo, e la linea di comunicazione dell AAMS, le big five sono ricorrenti: nella figura del timone ( barra al centro ), del gioco sicuro, dell affidabile gioca con moderazione, della success story di un settore che cresce mentre gli altri sono in ritirata, della velocità e dell espansione (abbondanza versus scarsità). Verrebbe da dire non c è partita, sull efficacia del messaggio. Quello del mercato dell azzardo e quello delle responsabilità, pubbliche e del singolo cittadino. È molto più agevole ritrovarsi a colludere con un messaggio della comunicazione incentrata sull energia, sulla svolta, sul successo che con un altro messaggio che descrive e sottolinea il rischio, la debolezza, la vulnerabilità, le pesanti repliche del dopo partita, quando si esce dal gioco non perché si sono seguite delle regole (in precedenza scritte) per interrompere il giro. Ma perché si è toccato il limite fisico e non c è più risorsa da reperire per continuare eccetera. Ebbene i dati. Nel 2010 sono stati consumati 61 miliardi e 450 milioni di euro. Nel 2011 (proiettando i valori del primo bimestre), l obiettivo di 80 miliardi di euro a fine anno sarà probabilmente raggiunto. Si tratta di una cifra enorme che abbiamo difficoltà, se non ricorriamo a strumenti tecnici di econometria, a dimensionare cognitivamente. Al senso comune, al cittadino anche di cultura medio-alta sfugge la possibilità stessa fisica e mentale di rappresentarsi intuitivamente e logicamente queste grandezze. Proviamo allora a misurare per comparazione. In modo elementare 61 miliardi e 450 milioni vanno collocati negli 800, sempre di miliardi di euro, che sintetizzano il valore della spesa totale dei consumi degli italiani. Per tutti i consumi: dalla spesa per l abitazione (mutuo per la casa o canone d affitto, non 3

4 vi è differenza in questo), dalla spesa alimentare all abbigliamento, a quella per le vacanze, per l istruzione. E lì che si inserisce la quota di deficit spending versata nel gioco pubblico d azzardo. Che è stata pari al 7,7 per cento del totale e che ci darà un valore che corrisponderà a 10 punti netti, se la success story proseguirà e a fine 2011 avrà raggiunto il traguardo degli ottanta di miliardi. Se però, correttamente, compiamo una ponderazione, ricordandoci che tra il 2008 e il 2009 i consumi privati sono diminuiti di 2 punti percentuali, e che essi sono ulteriormente diminuiti di 1,5 nel corso del 2010; se aggiungiamo che il Prodotto Interno Lordo ha subito una contrazione del 5 per cento (ma secondo alcune stime si arriverebbe al 6,3) tra l anno 2008 e il 2009, allora possiamo bloccare nella nostra mente questa grandezza. Un ausilio cognitivo, insomma, come dire che l Italia genera quantità di PIL in meno che corrispondono alla ricchezza di un paese di 4milioni di abitanti. Detto così è più facile capire: quel che è mancato nel saldo del 2009, e che non è stato recuperato nemmeno nel 2010, corrisponde al reddito di un Paese di 4 milioni di abitanti! Nei mesi della nuova Grande Crisi che dagli USA si è imposta anche in Europa il consumo di gioco continua ad aumentare con valori a due cifre. Non così accade per il corrispettivo delle entrate per l erario dello Stato italiano. Sorprenderà questo dato di fatto, apparirà decisamente controintuitivo. Ma è di una evidenza palmare. Le Tavole 1 e 2, con il corredo delle figure 1 e 2, documentano l andamento dei consumi e delle entrate per la fiscalità pubblica. A fronte del volume della spesa registrata per consumo, collochiamo il dato relativo alle somme delle entrate per l Erario, quindi per la fiscalità pubblica, considerato ovviamente a lordo delle spese di amministrazione, sostenute tanto dai ministeri competenti (Economia e Interno) quanto dall AAMS e per tutte le procedure gestionali conseguenti. Si può stimare il valore complessivo di questi costi di amministrazione-gestione in circa un miliardo di euro, che teoricamente andrebbe dedotto dalla cifra delle entrate erariali. Vi è da notare (Tavola n. 3) come si ripartisce tra le varie tipologie di gioco d azzardo - il peso della fiscalità. 4

5 IL MERCATO DEL GIOCO PUBBLICO D'AZZARDO IN ITALIA 5

6 6

7 Figura n. 1 7

8 Figura n. 2 8

9 Tavola n. 3 Tavola n. 3 bis Giochi on line a tassazione minima 9

10 Verso il default Il gioco d azzardo s inserisce, potenziandone gli effetti, nel cerchio vizioso della crisi fiscale dello stato, esasperando la riduzione delle entrate pubbliche. Ripetiamo e precisiamo: in luogo di fornire risorse aggiuntive all Erario, l economia dei giochi (così, letteralmente, veniva definito il settore dell azzardo, nella Direttiva generale 2005 del ministro delle Finanze) genera ulteriore, enorme indebitamento per le amministrazioni pubbliche. Ci spieghiamo con un esempio. Poniamo che il fabbisogno di entrate ammonti a un valore di 1000, che però sarà corrisposto alla conclusione del ciclo che si inizia con la produzione di beni e servizi, prosegue con il consumo di questi ultimi, si completa con l incasso delle imposte indirette sui consumi (IVA, accise ecc.), delle imposte dirette (Irpef, Irpeg, Irap: sui redditi delle persone fisiche e delle imprese) e dei tributi (servizi, immobili ). Alla fine il ricavato complessivo, sempre per lo Stato, supererà il per cento della spesa per produrre e consumare beni e servizi. Ovvero quattrocentoquattrocento cinquanta. Quindi il ciclo riprenderà e attiverà un incremento (se vi sarà sviluppo economico nell anno fiscale successivo) oppure si registrerà un decremento (se invece vi sarà recessione). Ora osserviamo quel che accade con l impiego di quel valore 1000 nel gioco d azzardo. Su tale importo lo stato può contare tra anticipazione e risultato a fine periodo un massimo di 15 punti, cioè un valore di 150 (in base ai dati reali dell anno 2010). E l ammontare del Prelievo Erariale Unico che, per l appunto, assorbe tutti gli altri carichi indiretti (IVA ecc.). Ma la somma arriva nelle casse del Tesoro prima della conclusione del ciclo. Dal punto di vista logico, tuttavia, è come se lo Stato pagasse questa anticipazione pochi-maledetti-e subito a un tasso d interesse elevatissimo: appunto la differenza tra quel che normalmente avrebbe e quel che l azzardo gli corrisponde. Verrebbe da dire, un tasso ultrausurario! Di lì il cerchio vizioso: lo Stato deve compensare delle impellenti necessità di cassa (ha bisogno, e subito, di soldi). Chiede denaro fresco ai concessionari, che per entrare nel gioco devono corrispondere in anticipo forti somme. E aderiscono alla richiesta di buon grado, a fronte della prospettiva di buoni guadagni con nuovi sistemi di gioco. Lo sconto fiscale è appunto l interesse che lo Stato paga ai biscazzieri! Nella totale mancanza di controllo da parte delle istituzioni che dovrebbero esaminare questa perversa partita: Parlamento e Governo. E così che l Italia è entrata in questo girone della follia: lo scorso anno, con 61,5 miliardi di Euro per consumo di azzardo, il Bel Paese ha assorbito oltre il 18 per cento del totale dei consumi mondiali (valore che sale di altri 10 punti, contabilizzando il consumo illegale o grigio di slotmachine, scommesse e lotterie in Italia). Tra tutti i continenti si stima, infatti, una spesa di 335 miliardi. L aspetto ancora più paradossale sta nella condizione che accomuna molti concessionari dei giochi, vale a dire le società che hanno ottenuto per l appunto la concessione dal governo per organizzare la filiera dell azzardo: sono sovraesposti con le banche, con le finanziarie. E con i collocatori di derivati speculativi sul debito. In parole povere, l aspirante concessionario di un nuovo azzardo non ha riserve monetarie proprie e quindi deve ricorrere a prestiti bancari. Che vengono accordati a tassi molto elevati poiché egli, il concessionario, non ha garanzie reali da presentare: patrimonio insufficiente e capitale societario esiguo. E come sanno tutti, meno è solida la condizione patrimoniale, più alto è l interesse che si deve pagare. E così, nella realtà avviene. Come si pagano alla scadenza le rate del debito? E qui alcuni concessionari ricorrono anche a manovre di finanza creativa. Parte degli introiti derivano loro dalla vendita al venditore, cioè dall assegnazione di postazioni di gioco ai gestori (di sale slotmachine, scommesse, poker, vlt ). Il resto quando si avvicina la data fatidica con l emissione di obbligazioni, bond e altro. Cioè contraendo nuovi debiti, che incrementano ancora il peso degli interessi per l entrata nel business. Chi guadagna realmente, a quel punto, è il collocatore dei prodotti finanziari derivati, cioè l intermediario che piazza le obbligazioni. Il promotore della libertà di speculare, sul mercato finanziario. E così, con un gioco a piramide, cresce l economia di carta e di promessa del gioco d azzardo. Un sistema a doppio legame : si è costretti ad alimentare la crescita geometrica dell azzardo: che raddoppia ogni tre anni. Siamo ormai vicini al limite fisico di crescita della spesa per giochi e l Italia rischia seriamente che 10

11 l azzardo sia nostra bolla finanziaria. E la fascinazione prosegue, da ultimo con l apertura (luglio 2011) di duecento (200) casinò on line, con il passaggio dal reale al virtuale anche tramite impiego di dispositivi cellulari, cioè smartphone. Ma questo non riduce la vulnerabilità finanziaria della economia dell azzardo, poiché, cumulando di oneri con obbligazioni, anticipi, fidejussioni, il sistema imploderà. E a quel punto le obbligazioni potrebbero divenire carta straccia e il default finanziario inevitabile. A meno che non si decida di immettere nel giro dell azzardo ulteriori freschi. Di provenienza illegale. Con il settore criminale che via via invade e incorpora il comparto autorizzato dallo Stato. In pratica, il meccanismo infernale del gioco pubblico d azzardo potrebbe sopravvivere con l immissione di risorse illegali nella filiera delle attività imprenditoriali: finanziamento ai concessionari, partecipazione alla gestione dei punti di gioco, protezione agli esercizi pubblici e alle aziende che operano verso il pubblico, usura verso i giocatori patologici Pensiamo però che il tempo stia per scadere, se si vuole evitare un esito pesantissimo, perché stanno maturando le decisioni compiute a partire dal 2003: quando si decise di incrementare il comparto giochi, senza prevedere che sarebbe sfuggito al controllo. Come all apprendista stregone. Insomma, traiamo le somme. Giocano tutti. I consumatori finali, i gestori che conducono i locali, i concessionari che hanno ottenuto l autorizzazione, le banche che hanno prestato con scarse garanzie. E gioca lo Stato italiano che per farsi anticipare denaro pronta cassa, paga con un tasso d'interesse iperbolico, che è per l appunto la detassazione di molti giochi. Sulle scommesse on line l aliquota è del 3 per cento. E sul pane quotidiano quello con la comune farina di grano è di quattro punti. Consumate alea e stringete la cinghia. 11

Il gioco d azzardo e FISCALITA

Il gioco d azzardo e FISCALITA Il gioco d azzardo e FISCALITA 11 aprile 2013 di Matteo Iori CoNaGGA e Associazione Onlus «Centro Sociale Papa Giovanni XXIII» 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 14,3 Fatturato dei giochi d azzardo negli ultimi

Dettagli

9 marzo 2016. Tassazione giochi

9 marzo 2016. Tassazione giochi Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Nota a cura di Paola Serra Tassazione giochi 9 marzo 2016 Introduzione La tassazione dei giochi ha subito profondi cambiamenti nel tempo, rispondendo alle mutate

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 10 ANALISI DEGLI INVESTIMENTI In questa

Dettagli

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ELABORAZIONE DATI A CURA DEL CENTRO STUDI AUTOMAT INDICE DEL DOCUMENTO AUDIZIONE DR. MAGISTRO ALLA COMMISSIONE FINANZE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI...2 SCENARIO

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

IL MURO DEL GIOCO - scenario degli interessi

IL MURO DEL GIOCO - scenario degli interessi Il Giocatore è solo accessorio al sistema, anche se è l unico che paga e quindi lo mantiene. 1 di 9 Quale è il punto d arrivo dei soldi dei giocatori? Che bisogna fare per far spendere di più il giocatore?

Dettagli

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Rapporto sulle entrate Dicembre 2014

Rapporto sulle entrate Dicembre 2014 Rapporto sulle entrate Dicembre 2014 Le entrate tributarie e contributive nel periodo gennaio-dicembre 2014 mostrano, nel complesso, una diminuzione di 1.471 milioni di euro (-0,2 per cento) rispetto all

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013 Gioco d azzardo d e dipendenzad Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare Lo scopo di una Informativa Breve La collana In Breve fornisce ai Consiglieri regionali informazioni

Dettagli

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari ... Nome... Classe... Data... Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari Scelta multipla Indicare con una crocetta la risposta esatta. 1. Concorre al soddisfacimento del fabbisogno finanziario

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Le imposte sui prodotti petroliferi: fine di un bancomat fiscale?

Le imposte sui prodotti petroliferi: fine di un bancomat fiscale? Le imposte sui prodotti petroliferi: fine di un bancomat fiscale? 1. La rilevanza di benzina e gasolio per l economia e per il fisco Che i prodotti petroliferi siano essenziali per l economia di famiglie

Dettagli

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze.

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO Fisco semplice per i piccoli imprenditori Addio libri contabili, Iva e Irap. Per le piccole imprese solo un forfait. Un milione di imprenditori minimi e marginali,

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Rapporto sulle entrate Giugno 2013

Rapporto sulle entrate Giugno 2013 Roma, 05/08/2013 Rapporto sulle entrate Giugno 2013 Le entrate tributarie e contributive nel primo semestre 2013 mostrano nel complesso una crescita del 2,2 per cento (+6.767 milioni di euro) rispetto

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

zurich open flex i passi giusti per il futuro

zurich open flex i passi giusti per il futuro zurich open flex i passi giusti per il futuro zurich open flex i passi giusti per il futuro Zurich Open Flex è la polizza unit linked pensata da Zurich Investments life per rispondere alle tue domande

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché?

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? 1 L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito più di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza

Dettagli

No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella

No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella CRISI NEL MERCATO immobiliare? No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella 36 CRISI NEL MERCATO IMMOBILIARE?

Dettagli

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Evasione Fiscale Equità Sociale Evasione Contributiva Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Appunti della Camera del Lavoro di Brescia su equità sociale, evasione fiscale e contributiva, sicurezza sul lavoro

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi UN'INDUSTRIA CHE NON CONOSCE CRISI? I DATI DI AAMS RACCOLTA GIOCHI GENNAIO OTTOBRE 2012 70 262 MILIONI DI EURO 38 404 MILIONI DI EURO (APPARECCHI)

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 10 19.03.2014 Contabilità e fiscalità delle sale slot Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Anche quest anno è tornata puntuale la scadenza del 17.03

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

i dossier ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it

i dossier ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 318 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 29 luglio 2014 n.126 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visti l articolo 2, comma 10 e l articolo 10, comma 3, della Legge 25 luglio

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

11 gennaio 2013 N.75 L IRPEF NEGLI STATI UNITI E IN ITALIA: UN CONFRONTO IMPIETOSO

11 gennaio 2013 N.75 L IRPEF NEGLI STATI UNITI E IN ITALIA: UN CONFRONTO IMPIETOSO 11 gennaio 2013 N.75 L IRPEF NEGLI STATI UNITI E IN ITALIA: UN CONFRONTO IMPIETOSO Gli ultimi dati resi noti dall Internal Revenue Service di Washington si riferiscono al 2009, anno in cui il reddito imponibile

Dettagli

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Per una corretta lettura dei dati di consuntivo 2012 occorre innanzitutto ricordare che esso è stato redatto in base

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Luglio 2012 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 43 Settembre 2012 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Fine del modello italiano dei giochi?

Fine del modello italiano dei giochi? Fine del modello italiano dei giochi? C O N V E G N O 1 8 N O V E M B R E 2 0 1 4 S A L A O R L A N D O, C O N F C O M M E R C I O P I A Z Z A G I U S E P P E G I O A C C H I N O B E L L I, 2, 0 0 1 5

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga.

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. Lavorofisco.it Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. La legge di Stabilità 2015 prevede, infatti, in via sperimentale

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA

L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA 1 L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA di Luigi Campiglio e Tatiana Oneta Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dicembre 2002 La riforma fiscale proposta dalla finanziaria 2002 riduce il livello

Dettagli

ALTRO CHE SALVA ITALIA!

ALTRO CHE SALVA ITALIA! 79 i dossier www.freefoundation.com ALTRO CHE SALVA ITALIA! Panorama, 18 ottobre 2012 18 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 All inizio del disastro è stato l anticipo del pareggio di bilancio al

Dettagli

I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico)

I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico) I. ASPETTI G ENERALI DELLA TASSAZIONE DEI MEDICI (Le principali imposte cui è soggetto un medico) Vediamo innanzi tutto quali sono le imposte a cui è soggetto il medico. I.A Imposte sui redditi I.A.1 IRPEF

Dettagli

NOTA TECNICA AL BOLLETTINO DELLE ENTRATE TRIBUTARIE N. 169. (Marzo 2016)

NOTA TECNICA AL BOLLETTINO DELLE ENTRATE TRIBUTARIE N. 169. (Marzo 2016) NOTA TECNICA AL BOLLETTINO DELLE ENTRATE TRIBUTARIE N. 169 (Marzo 2016) ENTRATE TRIBUTARIE ERARIALI ACCERTAMENTI Entrate erariali gennaio-marzo 2016 Nel primo trimestre 2016, le entrate tributarie erariali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N.

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. Allegato alla Delib.G.R. n. 63/2 del 15.12.2015 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. 3 Articolo

Dettagli

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro)

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro) TASSE RECORD: PER LE MICRO-IMPRESE PRESSIONE FISCALE FINO AL 63% Per le aziende con meno di 10 addetti, nel le tasse sono aumentate: colpito il 95% del totale delle imprese ===============================================================

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2. 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2. 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2. 2.1 Erario...

1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2. 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2. 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2. 2.1 Erario... 1 DEFINIZIONI ECONOMICHE... 2 1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2 2 RIPARTIZIONE TRA I DIVERSI SOGGETTI DEL PRELIEVO / RACCOLTA

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 4. dal Cap. 21 del Libro di Testo) a) Gregorio,

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di 1 di 5 11/09/2011 14:52 LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE A cura di Roberto Praderi. Come nelle elaborazioni precedenti ci siamo basati su documenti ufficiali, in questa facciamo riferimento allo 2

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Dipartimento di Ingegneria Meccanica Chimica e dei Materiali IMPIANTI INDUSTRIALI Esercitazione ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni Anno Accademico 2015-2016 1 ------------------------------------

Dettagli

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (art. 28 Reg. del Consiglio Comunale di Lavagno)

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (art. 28 Reg. del Consiglio Comunale di Lavagno) Lavagno, 04.08.2008 AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI LAVAGNO INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (art. 28 Reg. del Consiglio Comunale di Lavagno) I sottoscritti Consiglieri Comunali appartenenti al gruppo consigliare

Dettagli

Rapporto sulle entrate Aprile 2014

Rapporto sulle entrate Aprile 2014 Rapporto sulle entrate Aprile 2014 Le entrate tributarie e contributive nel periodo gennaio-aprile 2014 mostrano, nel complesso, una contrazione pari a circa 232 milioni di euro (-0,1 per cento) rispetto

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

Le risorse pubbliche e il modello per tornare a crescere

Le risorse pubbliche e il modello per tornare a crescere Il bilancio delle risorse in Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere Non consiste tanto la prudenza della economia nel sapersi guardare dalle spese, perché sono molte volte necessarie,

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO L AMMINISTRATORE IMMOBILIARE: professionista domani CONDOMINIO E FISCO Parte seconda

PERCORSO FORMATIVO L AMMINISTRATORE IMMOBILIARE: professionista domani CONDOMINIO E FISCO Parte seconda PERCORSO FORMATIVO L AMMINISTRATORE IMMOBILIARE: professionista domani CONDOMINIO E FISCO Parte seconda IMPOSTE TASSE CONTRIBUTI - IMPOSTA prelievo coattivo di ricchezza senza specifica prestazione di

Dettagli

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta Il business del gioco in Italia è enorme e in rapida crescita: nel 2001 la raccolta annua era pari a 14 miliardi di euro. Oggi ammonta

Dettagli