- Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015 -"

Transcript

1 - Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno Premessa Remedia TSR s.r.l. (d ora in poi Remedia) è la società di servizi, interamente controllata da Consorzio ReMedia, che organizza e gestisce servizi operativi di raccolta e trattamento con finalità di recupero di rifiuti urbani e speciali. Consorzio ReMedia è un consorzio costituito per la gestione dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) domestici e professionali nel senso e per gli effetti di cui al D.lgs n. 49 e successive integrazioni ed emendamenti (nel seguito il D.lgs. 49/14 ), dei Rifiuti di Pile ed Accumulatori Portatili e Rifiuti di Accumulatori Industriali e per Veicoli, nel senso e per gli effetti di cui al D.lgs n. 188 e successive integrazioni ed emendamenti (nel seguito il D.lgs. 188/08 ) e Rifiuti di Pannelli Fotovoltaici. Remedia, sviluppa e coordina le attività di raccolta, trasporto, recupero e riciclaggio dei RAEE domestici, professionali e dei Rifiuti di Accumulatori al Piombo e altri rifiuti speciali diversi come oltre meglio definiti, ispirandosi a criteri di responsabilità, efficienza ed eccellenza operativa, nel rispetto della normativa dianzi citata. Remedia, attraverso la presente Richiesta di Offerta rivolta alla Vostra Società (Società), svolge un processo di qualificazione finalizzato alla selezione di fornitori a cui affidare la gestione operativa dei servizi di Trattamento dei RAEE provenienti dagli utenti Domestici e Professionali e di altri rifiuti speciali. E più precisamente: o RAEE domestici appartenenti ai raggruppamenti R2 (Altri grandi Bianchi) ed R4 (IT PED e consumer electronics) come definiti nel l DM 25 Settembre 2007 n.185; o RAEE Professionali come meglio precisato di seguito; o Altri Rifiuti Speciali come meglio precisato di seguito limitatamente a quantitativi massimi di 2 tonnellate, conferiti all impianto contestualmente a RAEE Professionali. La selezione delle Società sarà effettuata da Remedia in base ai seguenti criteri: convenienza economica, qualità di trattamento, tutela dell ambiente e delle persone. L invio del modulo di candidatura non comporta nessun vincolo per Remedia, che si riserva di prendere contatto con le Pagina 1 di 9

2 sole Società che avranno formulato le proposte ritenute, ad insindacabile giudizio di Remedia, più in linea rispetto ai suddetti criteri. Remedia si impegna a tenere riservate le informazioni che le verranno inviate dalle aziende che intendono candidarsi per i servizi di trattamento. 2. Descrizione della fornitura Servizi di Trattamento RAEE Domestici: Remedia, attraverso la propria rete logistica, farà pervenire all impianto di trattamento i RAEE ritirati presso i Centri di Raccolta comunali, Luoghi di Raggruppamento della distribuzione o Centri di Raccolta privati, collocati all interno di unità di carico tipo cassone scarrabile o unità singole per R2, e ceste o cassone scarrabile per R4. La Società è tenuta ad eseguire le attività di assistenza allo scarico, presa in carico dei RAEE ed accertamento del peso. L operatore logistico svolgerà il servizio in modalità pieno per vuoto, la Società pertanto dovrà garantire la custodia dell unità di carico vuota che dovrà essere consegnata all operatore Logistico a fronte della consegna di una unità di carico piena. L attività di Trattamento dovrà avvenire secondo le modalità indicate all allegato VII del D.lgs 49/14 e del DM20/09/2002 e comunque nel rispetto di qualsiasi normativa di Legge applicabile ivi inclusa la parte quarta del D Lgs. 152/05 e s.m.i. La Società dovrà garantire un orario di apertura minimo dell impianto, atto a garantire le attività di consegna dei RAEE, dalle ore 8.00 alle ore e dalle ore alle ore di ciascun giorno lavorativo. All atto del ricevimento in Impianto, la Società dovrà pesare i RAEE al netto delle unità di carico, stampare il bindello di pesatura che dovrà essere allegato a ciascun formulario. Servizi di Trattamento RAEE Professionali: I RAEE saranno consegnati nella maggior parte dei casi su pallet, ad eccezione di specifiche esigenze logistiche definite di volta in volta. L impianto di Trattamento sarà tenuto a prendere in carico i RAEE ed accertarne il peso e le caratteristiche di massima. Il Centro di Trattamento dovrà organizzarsi in modo tale da minimizzare il tempo di scarico dell automezzo. I RAEE oggetto della presente richiesta di offerta faranno riferimento alle seguenti tipologie: Pagina 2 di 9

3 C.E.R * * * * TRATTAMENTO RAEE PROFESSIONALI Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi, HCFC HFC Come sopra, solo climatizzatori (Split, Unità Esterne) Gruppo frigorifero per condizionamento tipo chiller Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso contenenti componenti pericolosi Monitor Tv CRT Monitor Tv Flat Screen Personal Computer ( portatili) Pannello Fotovoltaico UPS con batterie al Pb Slot machine ferro con monitor Slot machine miste legno/ferro con monitor Apparecchiatura elettromedicali TAC o RSM Cash Dispenser ( bancomat) elettronica informatica ( tutto quello che non è PC o MONITOR) elettronica varia Personal Computer (no monitor, tastiera, mouse) Pannello Fotovoltaico UPS senza batterie al Pb Slot machine ferro NO monitor Slot machine miste legno/ferro NO monitor Componenti pericolosi rimossi da apparecchiature fuori uso COMPRESSORI Componenti pericolosi rimossi da apparecchiature fuori uso ad eccezione di compressori Componenti pericolosi rimossi da apparecchiature fuori uso TONER Componenti rimossi da apparecchiature fuori uso, diversi da quelli di cui alla voce Componenti rimossi da apparecchiature fuori uso, diversi da quelli di cui alla voce TONER Apparecchiature fuori uso contenenti PCB o da essi contaminate, diverse da quelle di cui alle voce Per tutte le tipologie di RAEE la società dovrà garantire il servizio di trattamento. L impianto dovrà disporre delle autorizzazioni per effettuare almeno una delle operazioni di Recupero definite all allegato C del Testo Unico Ambientale. La società potrà candidarsi a svolgere i servizi per uno o più codici CER indicati, in funzione della propria autorizzazione. La Società che, per determinate tipologie di RAEE Professionali appartenenti a specifici codici CER, sia autorizzata alla sola attività di messa in riserva (R13), dovrà periodicamente, conferirli a proprie spese ad impianti in grado di effettuare il trattamento completo dei RAEE (attività di R3, R4, R5 come definite all allegato C del Testo Unico Ambientale). Limitatamene ai servizi di Pagina 3 di 9

4 trattamento per rifiuti di Pannelli Fotovoltaici, su richiesta esplicita indicata da Remedia, la Società dovrà rilevare il numero di matricola ed il nominativo del Produttore Costruttore di ciascun modulo fotovoltaico (pannello) consegnato e comunicare a Remedia i dati con un apposito modulo. Servizi di Trattamento Altri Rifiuti Speciali : Nel fornire il ritiro di RAEE Professionali, è possibile che venga richiesto alla Società, di ritirare anche altre tipologie di rifiuti speciali appartenenti alle seguenti tipologie/codici CER RIFIUTI DI PILE ED ACCUMULATORI, IMBALLAGGI ED INGOMBRANTI CONTESTUALI AI RAEE PROFESSIONALI C.E.R GESTIONE FINE VITA * batterie nichel cadmio * batterie contenenti mercurio batterie alcaline ( tranne *) altre batt ed acc * elettroliti di batt e acc, oggetto di raccolta differenziata batterie ed accumulatori di cui alle voci , e nonché batterie ed accumulatori non * suddivisi contenenti tali batterie imballaggi in carta e cartone imballaggi in plastica imballaggi in legno imballaggi metallici imballaggi in materiali compositi imballaggi in più materiali carta cartone * legno, contenente sostanze pericolose legno, diverso da quello di cui alla voce rifiuti ingombranti toner per stampa esauriti, diversi da quelli di cui alla voce * * toner per stampa esauriti, contenenti sostanze pericolose * Gas in contenitori a pressione (compresi gli halon), contenenti sostanze pericolose ESTINTORI Gas in contenitori a pressione diversi da quelli alla voce ESTINTORI Tali tipologie di rifiuti potranno essere conferiti alla Società esclusivamente assieme ai RAEE Professionali e per un quantitativo massimo pari a 2 Tonnellate. Potrà accadere che per esigenze di mercato, Remedia intenda richiedere un preventivo ad hoc per tutti i servizi di trattamento sopra elencati. In questo caso, la Società dovrà rendere disponibile un referente al quale Remedia invierà tramite richieste di specifiche quotazioni. Il referente indicato dovrà rispondere con la migliore offerta entro e non oltre 24 ore dalla trasmissione. Pagina 4 di 9

5 3. Presentazione dell Offerta La società che intende proporsi, contestualmente alla trasmissione della propria candidatura, dovrà dichiarare sotto la propria responsabilità, pena l esclusione dalla valutazione di: Disporre dell accreditamento totale al Centro di Coordinamento RAEE per le attività di Trattamento dei RAEE domestici appartenenti ai Raggruppamenti RAEE per i quali intende presentare la propria candidatura (R2 ed R4). Impegnarsi ad adeguare i propri processi di trattamento agli eventuali nuovi standard di trattamento che il Centro di Coordinamento RAEE dovesse definire. Per il Trattamento dei RAEE possedere l autorizzazione in procedura ordinaria ai sensi degli articoli 208, 209, 210 e 211 ai sensi del Testo Unico ambientale D.lgs 152/06 e A.I.A ai sensi del D.lgs 59/05 per il trattamento dei codici CER quali intende presentare la propria candidatura. Per il Trattamento dei RAEE garantire il raggiungimento dei Target di recupero indicati allegato V del D.lgs 49/14. Possedere strumenti informatici connessi ad internet per la trasmissione di documenti e informazioni al portale Web di Remedia entro 2 gg. lavorativi dall esecuzione delle attività di trattamento. Possedere la seguente documentazione: o Certificato di iscrizione alla CCIAA; o Numero di polizza INAIL; o Numero di iscrizione INPS; o Copia polizza assicurativa RC/RCO/RCT con massimali di 5 milioni di Euro; o Documento unico di regolarità contributiva (DURC) in corso di validità. Remedia si riserva la facoltà di richiedere la trasmissione di idonea documentazione attestante la conferma di quanto dichiarato. La Società dovrà quotare sia il trattamento dei RAEE Domestici che dei RAEE Professionali. Le candidature, dovranno pervenire ESCLUSIVAMENTE secondo le seguenti modalità: 1. stampare il seguente documento costituito da nr. 9 Pagine 2. Indicare nelle tabelle i prezzi per il servizio e le operazioni di recupero a cui l impianto è autorizzato per quel codice C.E.R. 3. Compilare in ogni sua parte il questionario che segue Pagina 5 di 9

6 4. Timbrare e firmare tutte le pagine del documento 5. Digitalizzare il documento e trasmetterlo via all indirizzo: entro e non oltre l 8 Settembre Durata della Fornitura La durata della fornitura dei servizi indicati nella presente è dal 01/01/2015 al 30/06/ Prezzi per il servizio C.E.R * * TRATTAMENTO TRATTAMENTO RAEE DOMESTICI PREZZO A TONNELLATA Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso diverse da quelle identificate con il cod * provenienti * Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso diverse da quelle identificate con il cod * provenienti dai nuclei domestici Raggruppamento 4 * OPERAZIONE DI RECUPERO PRESENTE IN AUTORIZZAZIONE Pagina 6 di 9

7 C.E.R * * * TRATTAMENTO RAEE PROFESSIONALI PREZZO A TONNELLATA Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi, HCFC HFC Come sopra, solo climatizzatori (Split, Unità Esterne) (1) Gruppo frigorifero per condizionamento tipo chiller (1) Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso contenenti componenti pericolosi Monitor Tv CRT Monitor Tv Flat Screen Personal Computer ( portatili) (1) Pannello Fotovoltaico UPS con batterie al Pb (1) Slot machine ferro con monitor Slot machine miste legno/ferro con monitor Apparecchiatura elettromedicali TAC o RSM Cash Dispenser ( bancomat) (1) elettronica informatica ( tutto quello che non è PC o MONITOR) (1) elettronica varia (1) Personal Computer (no monitor, tastiera, mouse) (1) Pannello Fotovoltaico UPS senza batterie al Pb Slot machine ferro NO monitor Slot machine miste legno/ferro NO monitor Componenti pericolosi rimossi da apparecchiature fuori uso COMPRESSORI (1) Componenti pericolosi rimossi da apparecchiature fuori uso ad eccezione di compressori Componenti pericolosi rimossi da apparecchiature fuori uso TONER Componenti rimossi da apparecchiature fuori uso, diversi da quelli di cui alla voce Componenti rimossi da apparecchiature fuori uso, diversi da quelli di cui alla voce TONER Apparecchiature fuori uso contenenti PCB o da essi contaminate, diverse da quelle di cui alle voce * (1) per i tipi rifiuto aventi il simbolo (1) nella colonna prezzo a tonnellata si intende il valore espresso in Euro a Tonnellata che l azienda intende riconoscere a Remedia per ciascuna tonnellata conferita al proprio impianto. In tale caso e cioè nel caso in cui la Società intenda riconoscere a Remedia un valore per ogni tonnellata conferita al proprio impianto bisogna indicare il segno (meno) davanti all importo. OPERAZIONE DI RECUPERO PRESENTE IN AUTORIZZAZIONE Pagina 7 di 9

8 C.E.R RIFIUTI DI PILE ED ACCUMULATORI, IMBALLAGGI ED INGOMBRANTI CONTESTUALI AI RAEE PROFESSIONALI * batterie nichel cadmio * batterie contenenti mercurio batterie alcaline ( tranne *) altre batt ed acc * elettroliti di batt e acc, oggetto di raccolta differenziata * GESTIONE FINE VITA batterie ed accumulatori di cui alle voci , e nonché batterie ed accumulatori non suddivisi contenenti tali batterie imballaggi in carta e cartone imballaggi in plastica imballaggi in legno imballaggi metallici imballaggi in materiali compositi imballaggi in più materiali carta cartone * legno, contenente sostanze pericolose legno, diverso da quello di cui alla voce rifiuti ingombranti toner per stampa esauriti, diversi da quelli di cui alla voce * * toner per stampa esauriti, contenenti sostanze pericolose Gas in contenitori a pressione (compresi gli halon), contenenti sostanze * pericolose ESTINTORI Gas in contenitori a pressione diversi da quelli alla voce ESTINTORI PREZZO A TONNELLATA OPERAZIONE DI RECUPERO PRESENTE IN AUTORIZZAZI ONE I prezzi sono al netto di IVA. Non è obbligatorio quotare tutte le tipologie di rifiuti. Pagina 8 di 9

9 6. Informazioni sulla società INFORMAZIONI SULLA AZIENDA Ragione Sociale GENERALI Indirizzo sede legale Indirizzo sedi operative Sito web Persona da contattare Recapito telefonico fisso Recapito telefonico mobile Indirizzo di posta elettronica L impianto opera con una certificazione del sistema di qualità? nessuna ISO 9001 ISO EMAS Inizio attività di trattamento RAEE mai operato < 5 anni da 5 a 10 anni più di 10 anni INFORMAZIONI SULLE OPERAZIONI DI TRATTAMENTO E AUTORIZZAZIONE Tipo di autorizzazione AIA ordinaria semplificata Numero di iscrizione SISTRI Per quali raggruppamenti l impianto è accreditato totalmente al CdC RAEE R1 R2 R3 R4 R5 Pagina 9 di 9

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle.

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle. Manuale B2B Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA Documento a cura di: RAEcycle Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia www.raecycle.it Contatti servizio B2B: Mail: b2b@raecycle.it Tel:

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici Codice Europeo Rifiuti (C.E.R.) Descrizione 200121* Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio 200123* Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it Vengono prodotti dei Rifiuti in ambito Abbiamo in azienda un certo numero di apparecchiature elettriche ed elettroniche, obsolete, rovinate, invendibili,

Dettagli

In liquidazione volontaria

In liquidazione volontaria sede legale: piazza Pirandello,1 92100 Agrigento tel. 0922 443011 - fax 0922 443012 In liquidazione volontaria uffici: piazza Trinacria zona industriale 92021 Aragona email gesaag2@virgilio.it Oggetto:

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici -Esempio di classificazione delle apparecchiature da smaltire - Esempio di organizzazione del servizio di smaltimento - Costi del servizio

Dettagli

SIMPLY SIMPLY S.R.L. Soluzioni per l Ambiente

SIMPLY SIMPLY S.R.L. Soluzioni per l Ambiente SIMPLY SIMPLY S.R.L. Soluzioni per l Ambiente Cosa dice la Legge Il Decreto Legislativo 152/2006 e s.m.i. sancisce le prescrizioni in materia Ambientale. La Legge prevede aspre pene sia pecuniarie che

Dettagli

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Codice Fiscale 00350520177 Anno 2011 SEZIONE ANAGRAFICA Scheda SA - Anagrafica Nome o rag. sociale COMUNE DI Concesio SEDE a cui si riferisce

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 -

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 - Strada Vecchia per Bosco Marengo 15067 NOVI LIGURE (Alessandria) Tel. 0143 744.516 - Fax 0143 321.556 - www.srtspa.it - e-mail: srtspa@srtspa.it Cod. Fisc./Part. IVA/R.I. AL n 02021740069 - R.E.A. n 219668

Dettagli

Città Metropolitana di Genova PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

Città Metropolitana di Genova PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Città Metropolitana di Genova PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0003029 / 2015 Atto N. 65 OGGETTO: RINNOVO DELL AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Eco-Recuperi è certificata UNI ISO 9001 qualità e UNI ISO 14001 ambiente.

Eco-Recuperi è certificata UNI ISO 9001 qualità e UNI ISO 14001 ambiente. Per realizzare questa brochure Eco-Recuperi ha adottato una stampa fronte retro, carta e cartoncini riciclati, cartucce rigenerate e un dorsino in carta per rilegarla. Questi accorgimenti hanno consentito

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERAZIONE DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DEL 24.01.2012. ENJONTA 1 A LA DELIBERAZION DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DAI 24.01.2012.

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERAZIONE DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DEL 24.01.2012. ENJONTA 1 A LA DELIBERAZION DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DAI 24.01.2012. ORIGINALE / ORIGINÈL PROVINCIA DI TRENTO COPIA / COPIA PROVINZIA DE TRENT ALLEGATO 1 ALLA DELIBERAZIONE DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DEL 24.01.2012. ENJONTA 1 A LA DELIBERAZION DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DAI

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

RITIRARE. www.easyraee.it I RAEE DIVENTA PIU FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno

RITIRARE. www.easyraee.it I RAEE DIVENTA PIU FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno RITIRARE I RAEE www.easyraee.it DIVENTA PIU FACILE Gestione Completa dell Uno Contro Uno Il Decreto Uno contro Uno (D.M. 65/2010) obbliga distributori, centri di assistenza ed installatori al ritiro gratuito

Dettagli

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Oggetto: Richiesta di CONVENZIONE per il conferimento dei rifiuti assimilati agli urbani presso il Centro di Raccolta del Comune di Narni sito in Strada

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

Schema di flusso Autorizzazioni stoccaggi e linee di trattamento Raecycle stabilimento di Cassino

Schema di flusso Autorizzazioni stoccaggi e linee di trattamento Raecycle stabilimento di Cassino Schema di flusso Autorizzazioni stoccaggi e linee di trattamento Raecycle stabilimento di Cassino Autorizzazione ex art. 208 D. Lgvo 152/2006 Det. n. G08763 del 17/06/2014 Gestione R1 A Frigoriferi Congelatori

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

Chiarimenti e informazioni più frequentemente richiesti

Chiarimenti e informazioni più frequentemente richiesti PIATTAFORME PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA E CENTRI DI RACCOLTA Chiarimenti e informazioni più frequentemente richiesti Modalità di adozione dei codici del Catalogo Europeo dei Rifiuti (C.E.R.) Nella fase

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in convenzione Andrea M. Lanz Premessa (1/4) La Comunicazione Rifiuti urbani e assimilati e raccolti in convenzione (composta dalle Schede RU

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche, ed in particolare la parte quarta relativa alla gestione dei rifiuti;

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche, ed in particolare la parte quarta relativa alla gestione dei rifiuti; DM 08 Aprile 2008 modifiche: Dm 13 maggio 2009 (18-07-2009) Versione coordinata con modifiche. Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 8 aprile 2008 (Gazzetta ufficiale

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Approvato con Delib. C.C. n. 37 del 27.3.2012 Testo coordinato approvato con Delib. C.C. n. _ del _] Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno

UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE Gestione Completa dell Uno Contro Uno Il Decreto Uno contro Uno (D.M. 65/2010) obbliga distributori, centri di assistenza ed installatori al ritiro gratuito

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4 SETTEMBRE 2010 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori 4 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione,

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 8 aprile 2008 (testo coordinato con le modifiche introdotte dal DM 13 maggio 2009) Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti

Dettagli

Oggetto: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STOCCAGGIO, SMALTIMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI (INGOMBRANTI) PER ANNI 2.

Oggetto: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STOCCAGGIO, SMALTIMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI (INGOMBRANTI) PER ANNI 2. sede legale: piazza Pirandello,1 92100 Agrigento tel. 0922 441956 - fax 0922 591705 uffici: piazza Trinacria zona industriale 92021 Aragona email gesaag2@virgilio.it Oggetto: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 1 COMUNE D'EUROPA CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO SETTORE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Ecologia e Ambiente REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali.

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali. RAEE professionali 4_Servizi RAEE professionali. Servizi RAEE professionali. Indice 1. cosa sono i RAEE 2. i raggruppamenti RAEE 3. RAEE professionali: definizione e casi pratici 4. gli obblighi del produttore

Dettagli

FUTURAEE. Risorse per il futuro.

FUTURAEE. Risorse per il futuro. FUTURAEE FUTURAEE è il progetto nato dalla collaborazione tra Cobat e un network selezionato di impianti di trattamento all avanguardia nella gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Dettagli

ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT

ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT Azione A.5 Planning of the WEEE Management Model for collection services ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT FUNCTIONAL REQUIREMENTS FOR ICT APPLICATIONS RELEASE 2 GENOVA, 20 MARZO 2015 INDICE DEL

Dettagli

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE D. Lgs. 49/2014 ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE Torino, 14 aprile 2014 GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente RECEPIMENTO DIRETTIVA EUROPEA SUI RAEE D. Lgs. 14 marzo 2014, n. 49 Attuazione della

Dettagli

RAEE PROFESSIONALI TORINO

RAEE PROFESSIONALI TORINO Provincia di Torino Area Ambiente RAEE PROFESSIONALI!&%!# ' TORINO D.Lgs. 151 del 25 luglio 2005 Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze

Dettagli

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Dott. Marco Ottaviani Coordinatore Area Ambiente ANIE-CSI Convegno Mercoledì 6 maggio 2009 Palazzo delle Stelline, Milano, C.so Magenta

Dettagli

Il network degli impianti ReMedia per il trattamento dei RAEE sul territorio italiano. Struttura operativa e performance LUGLIO 2009

Il network degli impianti ReMedia per il trattamento dei RAEE sul territorio italiano. Struttura operativa e performance LUGLIO 2009 LUGLIO 2009 Il network degli impianti ReMedia per il trattamento dei RAEE sul territorio italiano. Struttura operativa e performance Quaderni ReMedia 2 Il network degli impianti ReMedia per il trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

IL CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (raccolta, riciclo, recupero e smaltimento): SITUAZIONE E PROSPETTIVE

IL CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (raccolta, riciclo, recupero e smaltimento): SITUAZIONE E PROSPETTIVE IL CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (raccolta, riciclo, recupero e smaltimento): SITUAZIONE E PROSPETTIVE Sassari, 1 luglio 2010 MODULO 2.3 LA GESTIONE DEI RAEE 1/31 I - PREMESSA: I RAEE (1/3)

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER DISTRIBUTORI A.E.E. (APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE)

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER DISTRIBUTORI A.E.E. (APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE) CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ELETTRICI ED ELETTRONICI (R.A.E.E.) PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER DISTRIBUTORI A.E.E. (APPARECCHIATURE

Dettagli

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO Comune di Toscolano-Maderno CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO CHE COS È Il CENTRO DI RACCOLTA comunale o intercomunale (o isola ecologica ) è un area presidiata ed allestita ove si svolge

Dettagli

Disciplinare per la gestione dei centri comunali di raccolta dei rifiuti solidi urbani

Disciplinare per la gestione dei centri comunali di raccolta dei rifiuti solidi urbani Comune di Massa Lubrense Provincia di Napoli Disciplinare per la gestione dei centri comunali di raccolta dei rifiuti solidi urbani art. 183, lettera mm) del D. Lgs 152/06 e ss.mm.ii. - DM 08 aprile 2008

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE PROGETTO PRELIMINARE Doc. numero: REL-B3246 01 Progetto Preliminare Progetto: Impianto Trattamento Halon - Verifica di Assoggettabilità Screening Cliente: Tema Sistemi S.p.A., Ravenna Note/Oggetto: 0 Marzo

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani

Provincia Regionale di Trapani Provincia Regionale di Trapani SETTORE 8 Territorio, Ambiente, Parchi, Riserve, Protezione Civile e Portualità Servizio di rimozione e trasporto, ai fini del loro conferimento presso idoneo impianto autorizzato

Dettagli

Manuale Operativo. Iscrizione Sottoscrittore

Manuale Operativo. Iscrizione Sottoscrittore Iscrizione Sottoscrittore Sommario 1 Introduzione... 4 2 Il Processo di Registrazione... 4 3 Accesso... 7 4 Nuova Sottoscrizione Pile e Accumulatori Portatili (P&AP)... 8 4.1 DATI NUOVO SOTTOSCRITTORE...

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE . COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 54 del 15.02.2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi

Dettagli

Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma. Fabrizio Longoni

Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma. Fabrizio Longoni Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma Fabrizio Longoni Salerno, 10 aprile 2015 Inquadramento normativo e premesse Il d.lgs. 49 del 14 marzo 2014 recepisce

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA SUI CENTRI DI RACCOLTA

LA NUOVA DISCIPLINA SUI CENTRI DI RACCOLTA LA NUOVA DISCIPLINA SUI CENTRI DI RACCOLTA Riferimenti normativi Decreto Ministeriale 13 Maggio 2009 (G.U. n. 165 del 18/07/2009) che ha modificato il Decreto Ministeriale 8 Aprile 2008, Disciplina dei

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA SUI CENTRI DI RACCOLTA DECRETO MINISTERIALE 13/05/2009 a modifica del DECRETO MINISTERIALE 8/04/2008

LA NUOVA DISCIPLINA SUI CENTRI DI RACCOLTA DECRETO MINISTERIALE 13/05/2009 a modifica del DECRETO MINISTERIALE 8/04/2008 LA NUOVA DISCIPLINA SUI CENTRI DI RACCOLTA DECRETO MINISTERIALE 13/05/2009 a modifica del DECRETO MINISTERIALE 8/04/2008 Presentazione della nota esplicativa elaborata dal gruppo di lavoro Sezione Regionale

Dettagli

Comune di POMARANCE. Regolamento di gestione del Centro Comunale di Raccolta dei Rifiuti. Carta carayta. Provincia di Pisa

Comune di POMARANCE. Regolamento di gestione del Centro Comunale di Raccolta dei Rifiuti. Carta carayta. Provincia di Pisa Comune di POMARANCE Provincia di Pisa Carta carayta Regolamento di gestione del Centro Comunale di Raccolta dei Rifiuti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 29 del 20.06.2013; In vigore dal

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE D. Lgs. 151/2005 Normativa RAEE D. Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale NORMATIVA

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

Allegato I - Requisiti tecnico gestionali relativi al centro di raccolta dei rifiuti urbani e assimilati

Allegato I - Requisiti tecnico gestionali relativi al centro di raccolta dei rifiuti urbani e assimilati D.M. 8-4-2008 Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato, come previsto dall'articolo 183, comma

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 01/2008

CIRCOLARE CLIENTI - N 01/2008 CIRCOLARE CLIENTI - N 01/2008 DATA: 7/01/2008 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Ambiente / Manutenzioni / Acquisti e Vendite DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l. TEL/FAX N : 0341.49.42.10 # 0341.25.00.07

Dettagli

Presentazione alla CCIA I A

Presentazione alla CCIA I A Presentazione alla CCIAA 1 Compilazione Produttori Chi Cosa Come Produttori iniziali che, nella propria Unità Locale, producono non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori

Dettagli

L attuazione in Italia della Direttiva Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche ( RAEE )

L attuazione in Italia della Direttiva Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche ( RAEE ) Studio L attuazione in Italia della Direttiva Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche ( RAEE ) Inquadramento generale della normativa 25 novembre 2010 Maurizio Iorio, avvocato in Milano,

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

CONSIDERATO Accordo di Programma

CONSIDERATO Accordo di Programma ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI ED IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA DEFINIZIONE DELLE CONDIZIONI GENERALI DI RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Associazione

Dettagli

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti.

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Servizi Ambientali per Banche ed Imprese Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Forum Green Economy 2014 Roma 4/5 giugno 2014 relatore: Moreno Lolli coordinamento: Elena Mazzoni Un po di storia 1997

Dettagli

Regolamento per l' istituzione e la gestione dell'albo Fornitori di BENI, SERVIZI e LAVORI

Regolamento per l' istituzione e la gestione dell'albo Fornitori di BENI, SERVIZI e LAVORI Foggia 27-06 -2014 prot. n 4563 Regolamento per l' istituzione e la gestione dell'albo Fornitori di BENI, SERVIZI e LAVORI VISTO l art.125 del D.Lgs. 163/2006 - Lavori, servizi e forniture in economia

Dettagli

INDAGINE DI MERCATO MODELLO DI DICHIARAZIONE

INDAGINE DI MERCATO MODELLO DI DICHIARAZIONE INDAGINE DI MERCATO MODELLO DI DICHIARAZIONE INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PREZZI UNITARI NECESSARI PER POTER QUANTIFICARE L IMPORTO DA PORRE A BASE D ASTA PER IL SERVIZIO DI E RIFIUTI,

Dettagli

Comune di Monte di Procida (Provincia di Napoli)

Comune di Monte di Procida (Provincia di Napoli) Segreteria AA.GG. Responsabile del procedimento dr.ssa Giovanna Romeo DETERMINAZIONE N. 32 DEL 4 Marzo 2015 REG. GEN. N.147 del 04.03.2015 OGGETTO: Gara informale per il recupero/ smaltimento rifiuti da

Dettagli

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI ci prendiamo cura dell ambiente in cui viviamo e abbiamo i numeri per farlo GLI OBIETTIVI DI ECODOM Eccellenza ambientale, efficienza operativa ed economica sono i

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

Cod. A.1) UM = Kg PREZZO D APPLICAZIONE. 0,156. Prezzo Unitario

Cod. A.1) UM = Kg PREZZO D APPLICAZIONE. 0,156. Prezzo Unitario Cod. A.1) UM = Kg PREZZO D APPLICAZIONE. 0,156 Costo d applicazione con prelievo direttamente nei luoghi ove sono depositati i rifiuti tipo imballaggi di cartone e carta (cod. CER 150101) dai contenitori

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI Marca da bollo Euro 16,00 Spazio Riservato all Ufficio: Prot. n. del Il sottoscritto

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015)

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015) ton Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-381 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 % Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 21) 9% 88% 86% 84% 82% 8% 78% 76% 74% 72% %RD (con spazzamento)

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO per la gestione del centro comunale di raccolta rifiuti urbani e assimilati * * * * * (Approvato con deliberazione consiliare n 36 del 30/05/2014)

Dettagli

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Allegato A) Delibera Giunta Comunale n. 79 del 03.07.2009 Comune di Castelvetro Piacentino Provincia di Piacenza Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Approvato

Dettagli

Raccolta dei RAEE, Dlgs 49/2014 e problemi applicativi

Raccolta dei RAEE, Dlgs 49/2014 e problemi applicativi Raccolta dei RAEE, Dlgs 49/2014 e problemi applicativi Rimini, Ecomondo FORUM RAEE Avv. Maurizio Iorio Presidente dell Associazione Nazionale Produttori e Importatori di Elettronica Civile (ANDEC) Attuazione

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI

REGOLAMENTO TIPO CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI REGOLAMENTO TIPO CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI Febbraio 2010 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il Centro di Raccolta del Comune di è situato in località, sui terreni distinti all'agenzia del Territorio Catasto

Dettagli

La Normativa di riferimento

La Normativa di riferimento CENTRO di COORDINAMENTO RAEE costituito in ottemperanza al Decreto Legislativo 25 Luglio 2005 n. 151 La Normativa di riferimento Direttive 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Registro, Centro di Coordinamento

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Modello comunicazione iscrizione/rinnovo per categoria 3bis Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Marca da bollo Valore corrente ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE/PROVINCIALE..

Dettagli

COMUNE DI MASCALUCIA

COMUNE DI MASCALUCIA COMUNE DI MASCALUCIA DISCIPLINARE D ACCESSO AL CENTRO DI RACCOLTA, MODALITA DI CONFERIMENTO E CRITERI PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE. ART. 1 OGGETTO Con la presente si disciplina l accesso al Centro Comunale

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 8 aprile 2008: Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato, come previsto dall'articolo 183, comma 1, lettera cc) del decreto legislativo 3 aprile 2006,

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli