SLoT (Sistema locale territoriale) Uno strumento per rappresentare, leggere e trasformare il territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SLoT (Sistema locale territoriale) Uno strumento per rappresentare, leggere e trasformare il territorio"

Transcript

1 1 SLoT (Sistema locale territoriale) Uno strumento per rappresentare, leggere e trasformare il territorio di Giuseppe Dematteis Documento del Convegno: PER UN PATTO DI SOSTENIBILITÁ Sviluppo locale e sostenibilità tra teoria e pratica Pinerolo, 29 ottobre 2003

2 2 PRACATINAT Convegno: PER UN PATTO DI SOSTENIBILITA. Sviluppo locale e sostenibilita tra teoria e pratica Pinerolo, 29 ottobre 2003 SLoT (Sistema locale territoriale): uno strumento per rappresentare, leggere e trasformare il territorio. Giuseppe Dematteis Premessa. Troppo spesso si fa un uso eccessivamente retorico della parola territorio, tale cioè da suggerire visioni della realtà parziali o distorte. Parziali quando il territorio è pensato come un insieme materiale di cose senza attori, oppure quando si crede, al contrario, che l agire politico, sociale, culturale ed economico possa essere slegato dalla materialità del territorio. Distorte quando il territorio è pensato come semplice destinatario passivo di effetti o impatti derivanti da un agire sociale, economico e politico che opererebbe in una sfera autonoma e distinta dalla realtà materiale dei luoghi. Se così fosse, cioè se il territorio fosse solo la superficie su cui si proietta qualcosa già disegnato altrove, non servirebbe intervenire sul territorio: le politiche territoriali non avrebbero motivo d essere, in quanto basterebbero politiche economiche e sociali che, regolando relazioni intersoggettive generali ed astratte, ne regolerebbero gli effetti e gli impatti sul territorio stesso, dandogli la forma e l organizzazione voluta. Sarebbe certamente una grossa facilitazione, ma purtroppo questa visione smaterializzata dell agire umano contrasta col fatto che qualunque cosa facciamo, come individui o come società, dobbiamo fare i conti con i beni e le risorse naturali primarie, con gli equilibri idrogeologici ed ecosistemici, con i suoli edificabili, con il patrimonio storico-artistico, con il capitale fisso esistente (infrastrutture, edifici, impianti ecc.). Sono tutte queste cose, saldamente legate al suolo e variamente distribuite nello spazio geografico,che, combinandosi con le nostre esigenze di vivere, abitare, produrre, significare e sognare, modellano nel tempo la società e l economia, anche se questo processo coevolutivo di lunga durata in gran parte ci sfugge e la nostra percezione immediata è che sia la società a modellare il territorio e non anche il contrario. Per questo motivo qualunque politica economica, sociale e culturale, se vuol essere efficace, deve occuparsi del territorio, visto non solo come prodotto dell agire umano, ma anche e soprattutto come mezzo e come matrice di un divenire che riguarda l insieme delle condizioni di vita. Ciò equivale a dire che per migliorare l ambiente e la società, per produrre cultura e sviluppo economico occorre agire sulla territorialità, intesa come rapporto dinamico tra componenti sociali (economia, cultura, istituzioni, poteri) e ciò che di materiale e immateriale, di vivo e di inerte, è proprio dei territori dove si abita, si vive, si produce. Territorialità passiva e attiva Per cogliere il ruolo della territorialità all interno dei processi di sviluppo è necessario chiarire i significati principali assunti da questo termine e le loro differenze essenziali.

3 3 Secondo alcuni autori, come R. D. Sack, la territorialità «può essere definita come il tentativo di un individuo o di un gruppo di influenzare o controllare le persone, i fenomeni e le relazioni delimitando e esercitando un controllo sopra un area geografica. Quest area sarà chiamata territorio». Del tutto differente è la posizione di altri, che con C. Raffestin, definiscono la territorialità come un «insieme di relazioni che nascono in un sistema tridimensionale società-spazio-tempo in vista di raggiungere la più grande autonomia possibile compatibile con le risorse del sistema». E ancora: «insieme delle relazioni che una società, e perciò gli individui che ne fanno parte, intrattengono con l esterio rità e l alterità per soddisfare i propri bisogni con l'aiuto di mediatori, nella prospettiva di ottenere la maggior autonomia possibile, tenendo conto delle risorse del sistema». In questo caso, la territorialità non è quindi il risultato del comportamento umano sul territorio, ma il processo di costruzione di tale comportamento, l insieme delle pratiche e delle conoscenze degli uomini in rapporto alla realtà materiale, la somma delle relazioni mantenute da un soggetto con il territorio (l esteriorità) e con gli altri soggetti (l alterità). I due diversi approcci al tema della territorialità indicano due diversi modi di considerare il locale e i rapporti con il territorio dei soggetti. Si può così distinguere una territorialità passiva e in negativo, che con strategie di controllo e col sistema normativo ad esse associato, mira a escludere soggetti e risorse, e una territorialità attiva e in positivo, che invece discende dall azione collettiva territorializzata e territorializzante dei soggetti locali e mira alla costruzione di strategie inclusive. In questo caso, i territori sono visti come territori attivi, in cui la territorialità svolge un ruolo di mediazione simbolica, cognitiva e pratica fra la materialità dei luoghi e l agire sociale nei processi di trasformazione territoriale e di sviluppo locale. Nonostante le apparenze, tuttavia, non sempre la territorialità passiva si realizza tramite pratiche coercitive e si pone obiettivi negativi. Anzi, spesso il controllo si esercita a fin di bene Questo bene è però definito dai controllori, mentre i controllati non hanno autonoma possibilità di giudizio e di azione per far valere i propri interessi. E questa una modalità di trattamento dei bisogni e dei modi per soddisfarli tipica della tradizione amministrativa e della pianificazione territoriale intesa come regolazione autoritativa delle scelte e come strutturazione gerarchica dei possibili conflitti. Nella costruzione delle forme passive della territorialità, infatti, ai soggetti (locali) vengono assegnati dei comportamenti predefiniti, indotti dalle strutture di controllo, conformi rispetto alle aspettative esterne, mentre nonb è previsto che agiscano in maniera propria, con azioni autonome. Viceversa, nella territorialità attiva i soggetti locali rivestono ruoli e svolgono azioni configurando, in questo modo, strategie di risposta/resistenza rispetto a quelle impositive del controllo, contribuendo così a realizzare cambiamenti e innovazioni. Il modello dei Sistemi Locali Territoriali (SLoT) Perché la concezione attiva e positiva della territorialità possa diventare operativa nei processi di sviluppo occorre tradurla in un modello concettuale, che serva anzitutto ad analizzare e descrivere delle realtà e delle potenzialità socio-territoriali già almeno in parte esistenti e a costruire, a partire da esse, dei sistemi al tempo stesso territoriali e sociali, destinati a diventare attori di sviluppo locale nell ambito di politiche provinciali, regionali, nazionali ed europee. Ricerche empiriche applicate a problemi di sviluppo locale e di progettazione integrata per conto di enti pubblici (comuni, province, regioni, ministeri), assieme a studi di casi e a riflessioni teorico-concettuali recentemente sviluppati in una ricerca nazionale PRIN-MIUR hanno permesso di mettere a punto un modello semplificato di sistema locale territoriale (SLoT) al tempo stesso progettuale e analitico, in quanto il sistema locale territoriale si costruisce a partire da qualcosa che esiste realmente e tale fondamento nell'esistente garantisce l'efficacia progettuale della sua costruzione. In quanto strumento analitico il modello concettuale SLoT si compone di questi elementi:

4 4 1) La rete locale dei soggetti: è formata dall insieme delle relazioni e interazioni t ra soggetti (individuali e collettivi, pubblici e privati, locali e sovralocali), presenti o attivabili in un territorio locale. Qui per locale s'intende la scala geografica che permette le interazioni tipiche della prossimità fisica: relazioni basate sulla conoscenza e la comunicazione diretta (face-to-face), sulla fiducia, sulla reciprocità, sulla comune esperienza e pratica di un certo contesto o milieu territoriale ecc. Quindi si va dalla dimensione del villaggio o del piccolo quartiere urbano a quella di una provincia italiana non troppo grande, che è anche la dimensione normale di un sistema territoriale urbano di medie dimensioni. Si può cominciare a parlare di SLoT quando questo aggregato di soggetti agisce in qualche modo e in qualche occasione come un attore collettivo, cioè s'impegna nell'elaborazione e nella realizzazione di progetti condivisi di trasformazione, sviluppo e riqualificazione del proprio territorio. 2) Il milieu locale : indica l insieme delle condizioni favorevoli allo sviluppo sp ecifiche del contesto territoriale in cui opera una certa rete locale dei soggetti, così come da questi percepite. Ha un riferimento oggettivo nelle "risorse potenziali immobili" (o capitale territoriale ) proprie di quel territorio locale, cioè a quell'i nsieme di risorse materiali e immateriali, che si sono sedimentate localmente come risultato di un lungo processo coevolutivo tra la società locale e il territorio stesso. Esso non consiste però semplicemente in questo insieme oggettivo di risorse (così come le potrebbe descrivere e valutare un esperto esterno). Ha un lato soggettivo che comprende le rappresentazioni e le attribuzioni di valore operate dai soggetti locali. Riguarda cioè quell'insieme di proprietà che la rete locale dei soggetti considera come prese (l espressione è del geografo francese A. Berque) per trasformare e migliorare il loro ambiente di vita. 3) Il rapporto di interazione della rete locale col milieu e con gli ecosistemi locali: consiste nel tradurre le potenzialità del milieu in valori - di tipo ambientale, culturale, estetico, sociale ed economico - attraverso processi di trasformazione simbolica e materiale dell'ambiente. 4) Il rapporto interattivo della rete locale con reti sovralocali ("reti lunghe"; tendenzialmente globali): si esplica in azioni che modificano sia la composizione della rete locale, sia il milieu e quindi il rapporto cognitivo, simbolico e tecnologico con l'ambiente locale in quanto sono rivolte a importare e valori esogeni (cognitivi, culturali, sociali, economici) e ad importare analoghi valori prodotti nell'interazione rete locale-milieu. Questi valori a loro volta modificano le reti e gli ambienti sovralocali in cui circolano. Questo modo di definire i sistemi locali ha alcune implicazioni rilevanti. Anzitutto l'identità dello SLoT viene definita non solo in termini di senso di appartenenza, cioè di qualcosa che si basa sulla memoria del passato, ma anche e soprattutto in termini di organizzazione del sistema, cioè di senso di coesione e di continuità proiettata nel futuro. Inoltre ogni SLoT, per il fatto di avere una sua specifica organizzazione e un proprio dominio cognitivo, va riconosciuto come sede di elaborazione (anche conflittuale) di razionalità locali che si esplicano poi in principi e regole specifiche di uso e di organizzazione del territorio. Di conseguenza ad ogni SLoT va riconosciuta una capacità (più o meno esplicita e consapevole) di autorappresentarsi e di autoprogettarsi, capacità che interagisce con quelle analoghe dei livelli sovralocali nelle forme della cooperazione, del conflitto e della negoziazione.infine l'autorganizzazione del sistema locale in tutte le predette manifestazioni va considerata come una risorsa endogena che le politiche sovralocali di sviluppo devono conoscere, orientare, governare (governance). Tale risorsa è il vero oggetto dell'analisi per sistemi territoriali locali, mentre l'individuazione dei sistemi locali stessi, delle reti e dei milieu in quanto entità territoriali è solo lo strumento che ci serve a scoprire e descrivere le forme locali della territorialità attiva, cioè le modalità di funzionamento dell'organizzazione locale e in definitiva quindi le identità locali come risorse per attivare e orientare processi di sviluppo. Va precisato inoltre che, pur riferendosi a entità territoriali individuabili geograficamente (almeno in modo sfumato, con contorni a geometria variabile), il nostro sistema locale territoriale differisce concettualmente da analoghe categorie descrittive precedentemente utilizzate da geografi, pianificatori e altri studiosi, come i pays della geografia vidaliana, le regioni omogenee e funzionali, i sistemi urbani, i comprensori, i distretti industriali ecc. Infatti ciò che il modello si propone di trovare (il suo possibile referente empirico) non è un sistema territoriale già esistente e funzionante

5 5 come attore collettivo territoriale, ma una serie di indizi (attitudini, esperienze pregresse ecc) e di precondizioni soggettive e oggettive, che, con l intervento di op portuni stimoli e azioni di governance, rendano possibile e altamente probabile la costruzione, in una certa area geografica, di un sistema territoriale capace di contribuire autonomamente ad obiettivi di sviluppo. Insomma il sistema territoriale che si cerca nella realtà è un territorio dove sia possibile fare buone politiche e azioni efficaci per lo sviluppo. Con SLoT si indica quindi un potenziale che si realizza nel rapporto tra certe componenti soggettive ed oggettive, le quali vanno entrambe analizzate caso per caso, con esiti solo in parte prevedibili. Per quanto possa essere rigorosamente definita e applicata, l analisi SLoT non ci darà mai certezze assolute sull esistente, né sulla sua evoluzione futura. Essa ci indica però una possibile articolazione del territorio, seguendo la quale si ritiene, dagli indizi raccolti, che una governance rivolta allo sviluppo territoriale risulterà più efficace, rispetto ad altre articolazioni che non tengano presente la distribuzione territoriale delle capacità autoorganizzative dei soggetti e le loro interazioni con il capitale territoriale locale. In conclusione esso è uno strumento di che permette: - di delineare la geografia della progettualità e dell agire collettivo di un territorio (regionale, nazionale, transnazionale) in base ai legami sociali e territoriali esistenti; - di individuare lo stato attuale di questi legami, che di regola sono incompleti; - di valutare ex ante la possibilità di attivare i legami mancanti e attraverso ad essi dei processi di sviluppo autocentrato; - di valutare in itinere ed ex post il valore aggiunto territoriale da essi prodotto; - di suggerire l architettura più adatta per costruire, caso per caso, un sistema di governance efficace per l implementazione di politiche e per la realizzazione di programmi e progetti; - di valutare la sostenibilità territoriale dello sviluppo, intesa come capacità di riprodurre e di arricchire il capitale territoriale locale senza impoverire quello di altri territori; - di offrire un sostegno conoscitivo a piani e politiche di area vasta basati sulla messa in rete di sistemi locali territoriali. Alcuni problemi L applicazione del modello SloT all analisi di un territorio pone alcuni problemi metodologici che merita brevemente illustrare tenendo presenti le esperienze di ricerca sul campo svolta nel corso delle nostre ricerche. L individuazione dei possibili SloT Anzitutto occorre tener presente che il nostro modello non serve a studiare la razionale suddivisione di un territorio in unità geografiche di livello locale, ma a esplorare e descrivere la geografia di quella particolare risorsa che è la capacità di autoorganizzazione locale e di aggregazione territoriale volontaria, vista come interfaccia necessaria per attivare, e in una certa misura anche produrre, risorse specifiche nei processi di sviluppo. Tenendo presenti le spinte alla frammentazione derivanti dalla globalizzazione economica, non c è motivo di pensare che questa risorsa sia uniformemente distribuita, né che sia presente dappertutto. Se vogliamo far leva su di essa per avviare o coordinare processi di sviluppo che abbiano buone probabilità di successo, dobbiamo aspettarci di trovare tali situazioni favorevoli più dense in certe aree, in altre sparse a macchia di leopardo e in certe zone del tutto assenti. Ma come individuarle? Trattandosi di una risorsa propria delle società locali, il modo migliore per scoprirla sembra essere quello di partire da un analisi delle aggregazioni territoriali di soggetti privati e pubblici ch e hanno prodotto progetti e azioni riconducibili alla categoria generale dello sviluppo locale (non solo in senso economico, ma anche sociale, culturale ecc). Ad esempio nelle nostre ricerche empiriche

6 sono stati utilizzate reti come i GAL o come quelle dei patti territoriali, Prusst, Pit, Urban, contratti di quartiere ecc. Ognuna di queste aggregazioni più o meno volontarie e durature corrisponde a una rete di soggetti locali (e sovralocali con ancoraggi locali) che può essere cartografata. Sovrapponendo queste varie configurazioni spaziali di reti, emergono degli addensamenti significativi in certe aree, che ci danno una prima geografia delle tendenze autoorganizzative locali (v. l esempio in figura). Tali addensamenti di progettualità e di azione collettiva sono già di per sé indizi di possibili SloT. In un secondo tempo la loro corrispondenza al modello e i loro confini approssimativi potranno essere meglio definiti esaminando la composizione delle reti, il ruolo effettivo dei soggetti partecipanti, gli obiettivi e i risultati attesi, la stabilità e la ricorrenza delle aggregazioni, gli ambiti territoriali dei progetti e delle azioni, la distribuzione spaziale del capitale territoriale attivato. 6

7 7 massimo valore di ricorrenze per Comune 8 (3) 7 (10) 6 (30) 5 (62) 4 (90) < 4 (120) centro comunale km Torino Fig. 1 - Aree di maggiore interazione progettuale

8

9 In questa fase dell analisi un tema particolarmente importante è quello della congruità dell aggregazione territoriale definita dai progetti. Tale questione rimanda, da un lato, alla definizione dei parametri che fanno sì che un aggregato di soggetti si comporti come un sistema locale; dall altro lato alla individuazione -delimitazione dell ambito territoriale in cui agiscono i soggetti locali. Questi due aspetti sono strettamente collegati: in effetti, solo se e quando l aggregato di soggetti si comp orterà e agirà come un soggetto collettivo, il sistema locale territoriale potrà essere geograficamente delimitato. Infatti non esiste il territorio perfetto e la dimensione ottima per lo sviluppo locale di cui qualche esperto avrebbe la chiave, ma esi stono piuttosto più territori pertinenti possibili, da costruire in relazione a specifiche interpretazioni delle componenti del milieu locale. E queste non sono rigidamente predeterminate, ma si vanno definendo nel processo di costruzione dell attore co llettivo locale, a partire da un ipotesi iniziale di aggregazione territoriale dei soggetti partecipanti. Ad esempio nel caso riportato nella tab. 1 si vede come, analizzando le principali aggregazioni progettuali sovracomunali presenti nel 2002 nelle valli Chisone e Germanasca, l ambito territoriale pertinente risulta essere soprattutto quello della omonima Comunità montana, seguito da quello che comprende in più le due aree montane limitrofe della val Pellice e dell Alta val di Susa e poi ancora da quel lo dell intero Pinerolese. Queste precondizioni soggettive vanno poi confrontate con altre di tipo oggettivo miranti a verificare la stabilità nel tempo e la funzionalità delle precedenti aggregazioni progettuali. In questa verifica vengono considerate: -le divisioni amministrative attuali, - quelle che nel corso della storia possono aver contribuito a creare aree di particolare coesione socio-culturale; -le aree di autocontenimento dei flussi locali (pendolarità per servizi e per lavoro, input-output tra unità dei sistemi produttivi locali), - i corrispondenti flussi di traffico stradale e ferroviario (o, in assenza di questi dati, il grafo della rete locale dei trasporti). Le analisi oggettive permettono di tracciare i confini (talvolta a geometria variabile) dell ipotetico SLoT. Ad esempio con riferimento al caso illustrato nella tab. 1 si hanno forti riscontri oggettivi sia con l ambito territoriale Comunità montana, sia con quello dell intero Pinerolese. In questa fase si pone il problema della dimensione geografica del sistema locale. Essa può variare tra un massimo e un minimo, da determinare caso per caso a partire dalla nostra definizione del modello. Come già sopra accennato,la dimensione massima compatibile con tale definizione richiede che vengano rispettate le condizioni di prossimità geografica necessarie perché le reti locali dei soggetti capaci di azione collettiva si formino sulla base di relazioni che implicano conoscenza diretta, fiducia, condivisione di interessi e progetti legati a un capitale territoriale comune e che garantisca una larga partecipazione. Si tratta dunque di ambiti territoriali corrispondenti al raggio delle relazioni e della mobilità quotidiana, con una dimensione massima che quindi è certamente subregionale e sovente anche subprovinciale. La dimensione minima, da noi verificata in ambito urbano, è quella di un quartiere anche non grande, ma capace di elaborare ed esprimere progetti autonomi. La forte differenza tra questi due estremi fa sì che il livello locale possa articolarsi in una gerarchia di SLoT inscatolati gli uni negli altri. Nella delimitazione del livello superiore si rispettano normalmente i confini comunali, mentre quelli provinciali, regionali e statali possono essere scavalcati. 9

10 10 Tab. 1 - Val Chisone - Val Germanasca: gli ambiti delle aggregazioni Aggregazioni territoriali di sviluppo Patto Territoriale del Pinerolese Escartons e Valli Valdesi - PSL Leader Plus Distretto Industriale Pianezza - Pinerolo Piano Integrato d Area. Torino 2006 Docup Conferenza delle Alte Valli - Interreg III Atl 2 Montagnedoc Protocollo d intesa G9 (Alta Val Chisone) Ecomuseo delle Miniere e della Val Germanasca C. M. Chisone-Germanasca Alta Val Chisone Media e bassa Valle Val Germanas ca Val Pellice Ambiti territoriali Pinerole Pianura se pedemont. Pinerol o Bassa Val Susa Alta Val Susa Sestrier e Pianur a Torine se Note + 2 Comuni del cuneese + Comuni sparsi cuneese + 2 Comuni delcuneese Patti Territoriali Pinerolese, V. Susa + Communautés des Communnes francesi + C. M. Val Sangone + 3 Parchi La valorizzazione del capitale territoriale e il valore aggiunto territoriale come criterio di valutazione. Il rapporto che la territorialità attiva istituisce con le risorse specifiche incorporate stabilmente nello spazio locale dell azione collettiva è la condizione necessaria perché si possa parlare di sviluppo locale territoriale in senso proprio ed è anche il motivo per cui il livello locale risulta rafforzato dalla globalizzazione. Schematizzando si può dire che si ha sviluppo locale quando l ipermobilità a livello globale interagisce e si combina con la fissità a livello locale. Infatti il locale, come livello di organizzazione autonoma, interessa al globale nella misura in cui sa produrre valore da ciò che è proprio del suo territorio. Oggi che la globalizzazione è guidata principalmente da forze e da obiettivi economico-finanziari tendiamo a pensare questi valori in termini di mercato, ma questa è una distorsione storica contingente di un processo che può e deve riguardare anche altri generi di valori (culturali, sociali, simbolici, estetici) capaci anch essi di derivare da specificità locali e di assumere significati e fruizioni universali. Il valore che si ottiene combinando azione collettiva autonoma, risorse immobili locali e interazioni sovralocali, costituisce il valore aggiunto territoriale dello sviluppo. E il di più che si può ottenere rispetto a processi di valorizzazione semplice che non mobilitino né attori locali, né risorse specifiche locali, ma si limitino a sfruttare esternalità e risorse territoriali date, con interventi esogeni diretti. Ne consegue che l insieme delle risorse immobili locali pu ò essere considerato come un capitale territoriale che si rende produttivo di valori d uso e di mercato nei rapporti di territorialità attiva. Quello di capitale territoriale è un concetto al tempo stesso relazionale e funzionale, che comprende cose molto diverse tra loro, le quali hanno però in comune queste caratteristiche per noi sostanziali: essere stabilmente incorporate ai luoghi (essere immobili ); essere difficilmente reperibili altrove con le stesse qualità (essere specifiche); non essere producibili a piacere in tempi brevi (essere patrimonio ). Le possiamo raggruppare come segue: condizioni e risorse dell ambiente naturale (rinnovabili e non); patrimonio storico materiale e immateriale (non riproducibile in quanto tale, ma incrementabile nel tempo);

11 11 capitale fisso accumulato in infrastrutture e impianti (incrementabile, adattabile, ma nel suo insieme non producibile nel breve-medio periodo); beni relazionali, in parte incorporati nel capitale umano locale: capitale cognitivo locale, capitale sociale, eterogeneità culturale, capacità istituzionale (risorse rinnovabili e incrementabili, ma producibili solo nel medio-lungo periodo) Come si vede dall elenco si tratta di caratteristiche con diverso grado di stabilità, tempi di formazione molto diversi e diverse modalità di accesso. Mentre ad esempio le risorse delle prime tre classi sono, almeno in parte, conoscibili e accessibili anche da parte di un attore esterno, i beni relazionali implicano necessariamente la mediazione dell azione co llettiva locale e in buona parte si formano e si incrementano con essa. Il concetto di valore aggiunto territoriale, sia riferito a un singolo progetto o azione collettiva sia alle modalità complessive di progettazione e di azione di un sistema locale, ha una portata pratica rilevante, in quanto può essere assunto come criterio cruciale per capire se siamo o no in presenza di sviluppo locale e, se sì, in che misura. Si tratta di valutare il grado di attivazione di risorse potenziali specifiche del territorio locale, ovvero l entità del valore aggiunto territoriale in relazione sia al valore complessivo prodotto nel processo, sia al capitale territoriale locale disponibile. Ad esempio nel caso in cui a partire dagli impianti e dal saper fare di un industria locale tradizionale si avvia un processo di riconversione produttiva competitiva, il grado è più elevato rispetto al caso della trasformazione dell attività tradizionale in museo o altra attrattiva turistica. Altro esempio: se viene mobilitata una sola delle potenzialità specifiche del territorio (p. es. il patrimonio archeologico) trascurandone altre, il grado è inferiore rispetto a una soluzione alternativa in cui lo sviluppo attinge anche ad altre risorse potenziali (p. es. al patrimonio paesaggistico o alle tradizioni produttive locali e al capitale sociale connesso). Queste valutazioni richiedono una ricognizione analitica del capitale territoriale locale e delle sue modalità d impiego. Per alcune delle componenti di esso sopra ricordate ciò è fattibil e in modo oggettivo da un osservatore esterno, ma per molte altre e in particolare per i beni relazionali il punto di vista deve essere interno o, meglio ancora, dialogico interno-esterno. Tutto ciò comporta comunque, anche nel caso più semplice della valutazione di un singolo progetto, il riferimento a un territorio pertinente, individuabile con il modello SLoT. La tab. 2 è un esempio, sempre riferito al caso di studio valli Chisone e Germanasca, di analisi del capitale territoriale di un milieu locale. Tab. 2 Val Chisone-Val Germanasca: i progetti significativi e le componenti di milieu coinvolte Protocollo d intesa G9 Filiera Bosco- Territorio Ecomuseo Regionale delle Miniere e della V. Germanas ca Forte di Fenestrell e Progetti Consorzio Interaz.Fo rmazione Profession ale Museo della Meccanica e del Cuscinett o Valleinsie me - Rete delle risorse locali Progetti sperimentazione agricola Progetti di sfruttame nto idroelettri co Componenti di milieu attivate Occupazionale Sociale Industriale Agricolt., allev., foreste Turismo Patrimoni culturale Ambiente Infrastrutture Legenda Impatto sulla componente di milieu Forte presa sul milieu + = livelli di impatto occupazionale

12 12 Valore aggiunto territoriale e sostenibilità Poiché lo sviluppo locale attinge a tutte le risorse potenziali specifiche di un territorio, la sostenibilità del processo non può essere soltanto quella ambientale. Oltre alla conservazione del capitale naturale, occorre considerare la riproduzione e l incremento dell intero capitale territoriale, in quanto anche le altre sue componenti presentano i caratteri della non sostituibilità e della non riproducibilità nel breve periodo. Riteniamo perciò che si debba considerare la sostenibilità territoriale dello sviluppo, all interno della quale si possono distinguere poi i vari tipi di sostenibilità. Tra questi, oltre alla sostenibilità ambientale, assume per noi particolare importanza la sostenibilità politica, quella che A. Magnaghi chiama autosostenibilità, perché comporta processi autoorganizzativi nei sistemi locali. Da essa può derivare non solo la già ricordata capacità di riprodurre il proprio capitale territoriale, ma anche e anzitutto l autoriproduzione del sistema territoriale stesso, ovvero la capacità di conservare la propria identità (nel senso di organizzazione interna) nel tempo attraverso un continuo cambiamento derivante da innovazioni locali. La sostenibilità territoriale dello sviluppo può quindi essere definita come la capacità autonoma di creare valore aggiunto territoriale (vat) in un duplice senso: quello di trasformare in valore (d uso o di scambio) le risorse potenziali (immobili e specifiche) di un territorio e quel lo di incorporare al territorio nuovo valore sotto forma di incremento del capitale territoriale. Si avrebbe così autoriproduzione sostenibile di un sistema territoriale (autosostenibilità) quando il processo di sviluppo è autogovernato e ha come risultato finale di medio-lungo periodo un vat del primo tipo positivo e un vat del secondo tipo non negativo. Ovvero quando l attore collettivo territoriale, interagendo con i livelli sovralocali, crea valore mobilitando il potenziale di risorse specifiche del proprio territorio, senza ridurre il capitale territoriale: né quello locale, né quello di altri territori esterni coinvolti nel processo. Il calcolo della sostenibilità territoriale è assai più complesso e difficile di quello della sostenibilità ambientale. E possibile estendere ad esso lo schema concettuale dell impronta ecologica. Non si tratta cioè soltanto di valutare se il progetto, o il sistema, o il processo riproducono il capitale territoriale locale, ma anche se non distruggono capitale territoriale di altri sistemi locali legati da interazioni materiali e immateriali a quello esaminato. Il problema si complica se, come sopra indicato, consideriamo l autosostenibilità e quindi la capacità autoriproduttiva del sistema locale. In questo caso le misure, sempre riferite a un determinato sistema, o processo, o progetto di sviluppo, dovrebbero riguardare: (1) il grado di autonomia del sistema territoriale e quindi il peso cognitivo, progettuale, decisionale, finanziario e operativo dei soggetti locali all interno del processo o del progetto; (2) la capacità inclusiva dell attore collettivo locale ( è solo una ristretta coalizione di attori forti o dà voce a una molteplicità di interessi, reti di soggetti, anche deboli, marginali e conflittuali?). Quest ultima è anche una misura indiretta della capacità innovativa del sistema locale, in quanto per essere innovativi occorre, all interno di uno SLoT, un certo grado di diversificazione e di confronto, anche conflittuale. La diversificazione territoriale come risorsa Da un punto di vista non soltanto locale, ma anche universale, la diversificazione del territorio per sistemi locali (culturale, sociale, istituzionale, insediativa e produttiva), in quanto risultato di processi coevolutivi di lunga durata delle società locali con il loro territorio-ambiente, va considerata come una ricchezza collettiva per diversi motivi. Tra questi il più generale è che queste diversità, nel loro insieme, svolgono il ruolo di pool genetico-culturale, la cui trasmissione verticale e laterale accresce la capacità innovativa e quindi l autonomia dei sistemi socio -territoriali alle diverse scale. Sotto questo aspetto il nostro problema presenta delle analogie con quello della

13 biodiversità, infatti a proposito dell estinzione di lingue, dialetti e patrimonio culturale in genere, si parla anche di conservazione e riproduzione della biodiversità culturale. Altri motivi per salvaguardare e riprodurre, innovando, la diversità territoriale sono: che essa alimenta il sistema economico globale il quale seleziona e accumula valori attingendo alle potenzialità specifiche locali; che a scala locale essa riproduce saperi contestuali ambientali che continuano ad essere utili per quanto riguarda le modalità insediative e produttive locali; che la diversificazione dei territori tende a massimizzare l impiego delle risorse naturali e umane e quindi le capacità produttive globali, riducendo al tempo stesso le diseguaglianze; che essa accresce il grado di chiusura dei circuiti, riducendo così l impronta ecologica; che risponde infine a una domanda di usi e consumi diversificati, come dimostra il successo delle produzioni tipiche locali. Oggi la riproducibilità delle risorse culturali locali e quindi degli stessi sistemi locali come sistemi territorialmente diversificati risulta problematica. In particolare si pone la questione se siano ancora possibili rapporti coevolutivi a scala locale. Infatti con l affermarsi progressivo di conoscenze tecnico-scientifiche generali, incorporate in un processo di accumulazione capitalistica tendenzialmente globale, l interazione coevolutiva tra società umane e ambiente si è gradualmente spostata dal livello locale a quello globale. Di conseguenza è venuto meno il principale meccanismo che nel passato ha prodotto la diversificazione territoriale delle società, delle culture e del capitale territoriale che esse hanno sedimentato. Ne rimangono i simulacri sotto forma di folklore fossile e di patrimonio museificato, conservati in funzione di un uso turistico spettacolare simile a quello dei parchi a tema, oppure di un utilizzo simbolico-identitario, o in funzione del marketing territoriale. Dove l evoluzione produttiva non ha subito fratture permane un utilizzo riproduttivo di beni relazionali accumulati nel passato, con tendenza però alla graduale perdita delle specificità originarie, come si vede in molti distretti industriali e sistemi locali agricoli che si mantengono competitivi. Un segnale in controtendenza è dato dall affermarsi di produzioni tipiche che richiedono la riproduzione innovativa di tecnologie appropriate a certe condizioni e conoscenze locali. Ma fin a che punto quest ultimo modello è generalizzabile nella prospettiva di conservare, e riprodurre, innovando, la diversità territoriale per i motivi e con gli obiettivi sopra indicati? Da un lato tale prospettiva non è in contrasto con l evoluzione delle conoscenze scientifiche generali, che anzi, sarebbero chiamate a combinarsi con le conoscenze contestuali in modo da permettere l evoluzione di tecnologie e modalità gestionali appropriate ai diversi ambienti locali. Ciò comporterebbe anche effetti di ritorno positivi sulle conoscenze generali, infatti la storia delle innovazioni tecnologiche ci insegna che esse nascono sovente come innovazioni locali per poi diffondersi e generalizzarsi fin a scala mondiale. Dall altro lato sta l ostacolo costituito dalla selezione operata sugli ambienti naturali e socio-culturali da una competizione economica globale non regolata, che, invece di adattare ad essi le conoscenze e le tecniche disponibili, tende ad adattarli, livellandoli, alle tecnologie che nell attuale sistema di mercato capitalistico risultano più produttive. In realtà sappiamo che si tratta di una concezione molto pa rziale della produttività, intesa come capacità degli investimenti di aumentare profitti e rendite finanziarie nel breve periodo, anche se in tal modo la produttività dell energia, del capitale naturale e di quello territoriale invece diminuiscono. E noto infatti che gli investimenti nella ricerca si concentrano sempre più su tecnologie che assicurano brevetti e applicazioni universali, trascurando le conoscenze e le tecnologie per la gestione diversificata degli ambienti e delle risorse territoriali, le quali darebbero un minor ritorno finanziario e soprattutto darebbero origine a una struttura produttiva più distribuita e democratica, capace di sottrarsi al controllo e ai prelievi dei grandi gruppi di potere politico-finanziario. Sotto questo aspetto il modello SLoT può anche diventare un modello di resistenza democratica a forme distorte di globalizzazione, dominate dal nuovo totalitarismo economico-finanziario. 13

14 14 Bibliografia essenziale Bagnasco A. (1999), Tracce di comunità, Bologna, Il Mulino Becattini G. e Sforzi F. a cura di, (2002), Lezioni sullo sviluppo locale, Rosenberg & Sellier,Torino. Becattini G., Conti S. e Sforzi F. (dir.), Sviluppo locale, rivista edita da Rosenberg e Sellier (Torino). Cersosimo D.( a cura di) (2000), Il territorio come risorsa, Roma, Formez-Donzelli Colaizzo R., Dedidda D. (a cura di) (2003), Progetti e immagini del territorio. L esperienza dei PIT nelle regioni del Mezzogiorno. Roma, Formez-Donzelli De Rita G. e A. Bonomi (1998) Manifesto per lo sviluppo locale. Dall azione di comunità ai Patti territoriali. Bollati Boringhieri, Torino. Dematteis G., Governa F. e Vinci I. (2003), La territorializzazione delle politiche di sviluppo. Un applicazione del modello SLoT alla Sicilia, Archivio di Studi Urbani e Regionali, in corso di pubblicazione. Governa F. (1997), Il milieu urbano. L identità territoriale nei processi di sviluppo. Milano, F. Angeli Magnaghi A. (2000), Il progetto locale, Bollati Boringhieri, Torino. Palermo P.C. (2001), Prove d innovazione. Nuove forme ed esperienze di governo del territorio in Italia., Milano, F. Angeli. Pasqui G. (2001), Il territorio per le politiche, FrancoAngeli, Milano. Pichierri A. (2002), La regolazione dei sistemi locali: attori, strategie, struttura, Il Mulino, Bologna. Raffestin C. (1981), Per una geografia del potere, trad. it. Unicopli, Milano. Rossignolo C., Simonetta Imarisio C. (a cura di) (2003), Una geografia dei luoghi per lo sviluppo locale. Approcci metodologici e casi di studio, Bologna, Baskerville. Sack R.D. (1986), Human Territoriality: its theory and history, Cambridge University Press, Cambridge. Storper M. (1997b), Le economie locali come beni relazionali, Sviluppo locale, IV, 5, pp Vinci I. (2002), Politica urbana e dinamica dei sistemi territoriali, Milano, F. Angeli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Documento di sintesi I cantoni alpini intendono rafforzare l area alpina quale spazio vitale, economico e culturale poliedrico, caratterizzato dalla

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

BOZZA. di Pier Paolo Inserra

BOZZA. di Pier Paolo Inserra BOZZA PRIMI CENNI AL PARADIGMA DI ECONOMIA SOCIALE SPERIMENTATO CON IL DISTRETTO INTEGRATO DI ECONOMIA SOCIALE AREA MARCHE NORD di Pier Paolo Inserra Da un modello collettivo ad un modello connettivo Il

Dettagli

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione normativa-regolativa Dimensione strategica GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione ambientale Dimensione del progetto urbano Dimensione delle politiche di sviluppo A cosa

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Investimenti pubblici e sviluppo locale: la mappa delle opportunità nell area urbana cosentina

Investimenti pubblici e sviluppo locale: la mappa delle opportunità nell area urbana cosentina ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI - SEZIONE DI COSENZA CONTESTI SRL, SERVIZI E RICERCHE PER I SISTEMI LOCALI - RENDE Investimenti pubblici e sviluppo locale: la mappa delle opportunità nell area

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

WORKSHOP CLASSIFICARE PER INNOVARE LA GESTIONE DELLE AREE PROTETTE Un contributo italiano al processo di classificazione NOTE INTRODUTTIVE

WORKSHOP CLASSIFICARE PER INNOVARE LA GESTIONE DELLE AREE PROTETTE Un contributo italiano al processo di classificazione NOTE INTRODUTTIVE WORKSHOP CLASSIFICARE PER INNOARE LA GESTIONE DELLE AREE PROTETTE Un contributo italiano al processo di classificazione NOTE INTRODUTTIE Le presenti note intendono richiamare il quadro problematico di

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale P.I.T. «Notre patrimoine, l eau, le pain, le village» Leader Plus 2000/2006 COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN

Dettagli

diverse forme di globalizzazione

diverse forme di globalizzazione Cap. III Ripensare il rapporto tra Turismo e Territorio Globalizzazione e turismo Globalizzazione: è generalmente usato per indicare un insieme di fenomeni di allargamento ed estensione degli scambi commerciali

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e ECONOMIA REGIONALE Teorie dello sviluppo locale: lo spazio diversificato relazionale VII. Competitività territoriale e sviluppo esogeno 1 Lo spazio diversificato: gli elementi della competitività territoriale

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione COM-PA Bologna, 21 settembre 2000 Salone della Comunicazione Pubblica e dei servizi al cittadino Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione Appunti per una Carta di riferimento su Comunicazione

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI 1 Il presente documento è il frutto delle giornate di lavoro del convegno " Per Tutti Una Valle Incantata...- Prospettive

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Presentazione di Luca Pellegrini...8. 1. Il governo del fenomeno commerciale: l'attualità e la pluralità di un tema di ricerca...

Presentazione di Luca Pellegrini...8. 1. Il governo del fenomeno commerciale: l'attualità e la pluralità di un tema di ricerca... Indice Presentazione di Luca Pellegrini...8 1. Il governo del fenomeno commerciale: l'attualità e la pluralità di un tema di ricerca...10 2. Territori del commercio: figure insediative, strategie, processo

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it IN ITALY. (Hanoi, UNIDO, 2010)

PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it IN ITALY. (Hanoi, UNIDO, 2010) PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it CLUSTER DEVELOPMENT POLICIES IN ITALY (Hanoi, UNIDO, 2010) PARTE 1: CHE COSA SONO I CLUSTER? Una concentrazione spaziale

Dettagli

I Distretti turistici per una Sicilia attraente e competitiva

I Distretti turistici per una Sicilia attraente e competitiva Ricerca di marketing-performance di sviluppo turistico, attuali e potenziali, del territorio siciliano, con particolare riferimento ai singoli ambiti geoturistici I Distretti turistici per una Sicilia

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

La valutazione nella pianificazione

La valutazione nella pianificazione Corso di «Processi di pianificazione e processi di valutazione» a.a. 2014/15 La valutazione nella pianificazione Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Pietro

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Nicola NANTE Giuseppe SPATARO CONFIGURAZIONE ORGANIZZATIVA ORGANIZZAZIONE PARAMETRI DELL ORGANIZZAZIONE FATTORI DI CONTINGENZA PROGETTAZIONE DELLA

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance PROVINCIA DI COSENZA Settore Programmazione ed Internazionalizzazione Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance INDICE 1. Il concetto di distretto agroalimentare 3 2. La L. R. della Calabria n.

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva DIPARTIMENTO RISORSE UMANE Percorsi di Cittadinanza Attiva INDICE 1. Premessa 2. Roma Capitale : volontariato e sussidiarietà orizzontale 3. La valorizzazione delle competenze acquisite : la sperimentazione

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Gli strumenti del marketing turistico e territoriale L attività di marketing

Dettagli

Problemi di definizione e di autonomia economica delle attività basate sui principi del prendersi cura *

Problemi di definizione e di autonomia economica delle attività basate sui principi del prendersi cura * Maurizio Ruzzene (Associazione Decrescita) Problemi di definizione e di autonomia economica delle attività basate sui principi del prendersi cura * *Testo tratto da Behond growth: Problematic Relationships

Dettagli

LA VAS NELLA PIANIFICAZIONE DI BACINO DEI DISTRETTI IDROGRAFICI SOVRAREGIONALI

LA VAS NELLA PIANIFICAZIONE DI BACINO DEI DISTRETTI IDROGRAFICI SOVRAREGIONALI LA VAS NELLA PIANIFICAZIONE DI BACINO DEI DISTRETTI IDROGRAFICI SOVRAREGIONALI Il significato della VAS nella pianificazione di bacino Grazia Brunetta Politecnico di Torino grazia.brunetta@polito.it Corso

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PRIMI STATI GENERALI DEL MARKETING TERRITORIALE. 22.01.2013 Manuela de Carlo

PRIMI STATI GENERALI DEL MARKETING TERRITORIALE. 22.01.2013 Manuela de Carlo PRIMI STATI GENERALI DEL MARKETING TERRITORIALE SESSIONE 3: STRATEGIA DI MARKETING TERRITORIALE "Attori e politiche per lo sviluppo della destinazione Lombardia nel contesto internazionale" 22.01.2013

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento)

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento) ANNI TRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze. (alla fine del triennio)

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA Via Notarbartolo 21/A Dopo aver festeggiato i vent anni, il progetto di adozione della città, partendo dalla consapevolezza di abbracciare, con la sua forza educativa,

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Prof.ssa Cristina Coscia Politecnico di Torino II Facolta di Architettura. Le strategie per la valorizzazione del patrimonio culturale diffuso

Prof.ssa Cristina Coscia Politecnico di Torino II Facolta di Architettura. Le strategie per la valorizzazione del patrimonio culturale diffuso Prof.ssa Cristina Coscia Politecnico di Torino II Facolta di Architettura Focus 1. Strategie e valorizzazione: le coordinate di riferimento, gli oggetti, i valori e le partnership 2. Livello strategico

Dettagli

PROTOCOLLO DI ATTUAZIONE DELLA CONVENZIONE DELLE ALPI DEL 1991 NELL AMBITO DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PROTOCOLLO DI ATTUAZIONE DELLA CONVENZIONE DELLE ALPI DEL 1991 NELL AMBITO DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PROTOCOLLO DI ATTUAZIONE DELLA CONVENZIONE DELLE ALPI DEL 1991 NELL AMBITO DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PROTOCOLLO "PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SVILUPPO SOSTENIBILE"

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE

RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE PREMESSA A seguito dell esperienza maturata a livello nazionale con l iniziativa denominata #DissestoItalia sul tema del dissesto idrogeologico,

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE Per un cambiamento culturale affidabile nella gestione della sicurezza di Alessandro Cafiero 1 La sicurezza fra contesto

Dettagli

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 1. Premessa. Contesto e motivazione Nell attuale economia della

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY DOTT. ALESSANDRO LEGA, CPP Managing Director di Traicon S.r.l. (Gruppo DAB) Nel percorrere il vasto territorio professionale che caratterizza

Dettagli

I principi fondanti della rete si possono dividere in cinque sezioni, che identificano gli ambiti a cui tali principi afferiscono:

I principi fondanti della rete si possono dividere in cinque sezioni, che identificano gli ambiti a cui tali principi afferiscono: La posizione italiana sui principi fondamentali di Internet Preambolo Internet ha sostanzialmente trasformato, se non addirittura rivoluzionato, il nostro modo di comunicare, di scambiare informazioni

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano COS È L ETICA? PRINCIPI E REGOLE DI COMPORTAMENTO ADOTTATE

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

Linee guida Piani di gestione dei siti UNESCO

Linee guida Piani di gestione dei siti UNESCO Linee guida Piani di gestione dei siti UNESCO P.O.R. CAMPANIA 2000-2006 ASSE II - MISURA 2.1 - AZIONE B ASSISTENZA A P.A. E P.M.I. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL PROGETTO INTEGRATO GRANDE ATTRATTORE

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli