Cammina!!! CAMBIA IL NOSTRO MODO DI FARE MEDICINA: PIÙ ATTENZIONE ALL ALIMENTAZIONE E AGLI STILI DI VITA, MENO FARMACI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cammina!!! CAMBIA IL NOSTRO MODO DI FARE MEDICINA: PIÙ ATTENZIONE ALL ALIMENTAZIONE E AGLI STILI DI VITA, MENO FARMACI"

Transcript

1

2

3 Maurizio Muratore Cammina!!! CAMBIA IL NOSTRO MODO DI FARE MEDICINA: PIÙ ATTENZIONE ALL ALIMENTAZIONE E AGLI STILI DI VITA, MENO FARMACI on si cammina più, un ritornello che gira perlomeno da una quarantina d anni, da quando in tutto l Occidente la motorizzazione fece un balzo spettacolare diventando di massa: ogni famiglia cominciò a possedere uno o più mezzi di trasporto e tutto cambiò. A scuola, al bar, al cinema, al lavoro, anche quando le distanze non sono proibitive, ma anzi agevoli, si va in macchina o in moto, al più in autobus, in metro, in taxi. Negli ultimi venti anni la tendenza a non camminare è ulteriormente cresciuta, con una diminuzione di oltre il 20 per cento della quantità di chilometri annui percorsi a piedi da ognuno di noi. Il fatto più grave è che sono soprattutto i bambini a non muovere più un passo: il calo nella fascia di età tra i cinque e i dieci anni è stato del 27 per cento e addirittura un punto in più nella fascia degli adolescenti (undici-15 anni). La medicina internazionale oramai si occupa di camminare. Scientificamente è assodato che molte delle più comuni malattie croniche degli occidentali hanno un legame con la sedentarietà. Obesità, osteoporosi, diabete, malattie cardiovascolari, ma anche depressione, cancro e disordini immunitari vengono favoriti da un comportamento inattivo. Ian Roberts, dell Istitute of Child Health di Londra fa notare che, il raddoppio delle fratture dell anca, registratosi nelle donne negli ultimi trent anni, si accompagna ad una riduzione del camminare del 21 per N 3

4 cento tra le donne tra i 30 e i 59 anni di età. Così il diabete cosiddetto di II tipo (non insulino dipendente) può essere efficacemente contrastato da una dieta adeguata e da una regolare attività fisica. La camminata incrementa la cattura del glucosio da parte del sistema muscolo scheletrico tramite l aumento della sensitività dell insulina favorendo la diminuzione della glicemia. Camminare fa bene al corpo e alla mente e, potremmo quindi aggiungere, aiuta a mantenere giovani. Il camminare è alla base di qualunque esercizio fisico. Camminare libera dallo stress e distende la mente, liberandola dai pensieri, le ansie e le preoccupazioni. E possibile infatti camminare ovunque, in qualunque momento anche se non, ovviamente, in qualunque condizione di tempo. Camminare per minuti ci consente di eliminare le riserve di grasso, di rinforzare i muscoli e di migliorare il metabolismo. Aiuta a eliminare il colesterolo in eccesso, riduce notevolmente il rischio di contrarre malattie cardiache e quindi riduce il rischio di infarto, di sviluppare il cancro al colon e al seno, di andare incontro a problemi di diabete e, come già detto, di risolvere i problemi legati al sovrappeso. E un esercizio fisico semplice e senza rischi che può, anzi, dovrebbe fare chiunque, anche i non più giovanissimi dal momento che non richiede sforzi particolari che in genere sono legati allo scatto e quindi alla corsa. Camminare fa bene al cuore. In un camminatore abituale il cuore risulta più grosso poiché le cavità si allargano per contenere maggiori quantità di sangue. Camminare fa bene ai polmoni in quanto induce l ampliamento dello spazio per i polmoni i quali possono espandersi carichi di ossigeno. Camminare fa bene alle ossa: fa depositare i sali di calcio. Camminare tonifica i muscoli con il miglioramento dell equilibrio e riduzione del rischio caduta Camminare migliora la circolazione: l Università di Osaka ha dimostrato che una camminata di 20 minuti al giorno per 5 giorni la settimana riduce del 12% il rischio di ipertensione e malattie cardiovascolari. Camminare combatte lo stress: apporta benefici anche al sistema nervoso, in quanto è un attività fisica piacevole e induce un rilassamento che giova a ristabilire l equilibrio compromesso dai ritmi frenetici della vita quotidiana. Camminare ottimizza l umore. Il movimento è la migliore cura per la malinconia come sapeva Robert Burton (l autore di The Anatomy of Melancholy). I cieli stessi girano attorno di continuo, il sole sorge e 4

5 tramonta, stelle e pianeti mantengono costanti i loro moti, l aria è in perpetuo agitata dai venti, le acque crescono e calano...per insegnarci che dovremmo essere sempre in movimento. Camminare affina le capacità sensopercettive: è capace di affinare la nostra capacità di percepire attraverso gli stimoli ai cinque sensi. È emerso da uno studio appena pubblicato sulla rivista medica «The Lancet» che ha valutato oltre soggetti, di 40 diversi Paesi, con intolleranza glucidica (uno stato che può portare allo sviluppo di diabete di II tipo, il più frequente nel mondo occidentale) e con altri possibili fattori di rischio cardiovascolare: passi hanno ridotto il rischio di infarto, ictus e altri eventi del 10%, più di molti altri interventi farmacologici, e l effetto favorevole è risultato direttamente proporzionale alla durata dell attività fisica. Duemila passi al giorno non sono molti, si tratta di una camminata a passo medio di circa 20 minuti ma, se li fate ogni giorno, possono regalarvi un pezzo di vita. Che camminare facesse bene già lo sapevamo, ma nessuno studio di queste dimensioni era stato finora condotto e i risultati sono più positivi di quanto si potesse immaginare. Se questi dati possano essere validi anche per la popolazione generale è tutto da dimostrare, ma è altrettanto vero che gran parte dei problemi della popolazione adulta del mondo occidentale derivano proprio dalle condizioni corrette da questa «camminata della salute»: intolleranza glucidica, sovrappeso, ipertensione arteriosa, rischi cardio vascolari. In questi giorni sono anche stati resi noti i risultati di una ricerca inglese pubblicata sul «British Medical Journal» che prova quello che recitava da sempre un vecchio proverbio: «an apple a day keeps the doctor away» (una mela al giorno toglie il medico di torno). Mangiare una mela al giorno, dopo i 50 anni, potrebbe infatti evitare morti all anno nel solo Regno Unito, grazie alla riduzione dei rischi cardiovascolari per i flavonoidi in essa contenuti. Cambia così il nostro modo di fare medicina: più attenzione all alimentazione e agli stili di vita, meno farmaci. Abituarsi a fare le scale a piedi senza quindi prendere l ascensore anche per un solo piano, è un paradosso ma sono in molti a farlo, basta farci caso. Fare due-tre piani a piedi può solo fare del bene dal momento che non è necessario farli di corsa, ma ad una andatura costante anche se compassata. Poi basta farlo per le prime volte e vedrete che si prenderà l abitudine e non peserà più come l inizio. Un po di buon senso e altrettanta buona volontà e si potrà godere di tanti vantaggi. 5

6

7

8 di Gino Peccarisi Ludopatia, il ruolo del medico di famiglia LO STATO DA UNA PARTE INCASSA CON LE SLOT MACHINE, DALL ALTRA SPENDE PERCHÉ AUMENTANO I COSTI SOCIALI E I REATI. UN CIRCOLO VIZIOSO DA ARGINARE Q uando in un colloquio occasionale con un mio paziente, raccogliendo le sue confidenze, mi sono imbattuto nelle problematiche del gioco d azzardo con le slot machines, mi sono reso conto di quanto fosse serio il fenomeno. Fra le persone che ci circondano, potremmo accogliere tante richieste di aiuto non espresse alle quali, nel nostro ruolo di medici, dovremmo porre più attenzione. Famiglie distrutte dai debiti in pochi giorni e talora in poche ore, desideri alla portata non realizzati, perdite di possesso per un gioco, permesso dallo Stato Italiano, che diventa una malattia. Sorgono associazioni, fioriscono i dibattiti, si stanziano fondi. Tuttavia, non si vieta la presenza di queste infernali macchine, il più delle volte collocate in angoli appartati, delimitate da tende per nascondere i drammi che si consumano lontani da occhi permeati da indifferenza. I giocatori, vittime della mancanza di autocontrollo, incapaci di dominare i loro impulsi, sono in balia di una dipendenza che li porta ad aumentare la frequenza delle giocate e la somma investita nella necessità di recuperare quanto perso. Un circolo vizioso che va oltre le possibilità dei soggetti, costretti a vendere beni di possesso e nella maggior parte dei casi a rubare per procurarsi il denaro. Lavoro e impegni di vita sono trascurati. I tentativi di interrompere sono spesso vani, 8

9 in preda all ansia e alla frenesia che lo stato di eccitazione per quel rischio comporta. Si diventa presto malati, con sentimenti di colpa, impotenza, depressione; sintomi misconosciuti nelle fasi iniziali; il giocatore d azzardo mente alla propria famiglia, al medico, al terapeuta; sono messi a repentaglio il lavoro, la carriera e le opportunità scolastiche. Il fenomeno diventa ancora più preoccupante se si pensa che, oltre agli angoli nei bar e nelle sale variamente attrezzate, nell era multimediale, sia possibile giocare d azzardo anche rimanendo comodamente a casa davanti al proprio computer, collegati a Internet, lontani da sguardi giudicanti, senza il freno derivante dal consumo del denaro contante disponibile al momento. Una patologia compulsiva che apre nuovi capitoli della medicina, difficili da dipanare, se un attenta anamnesi non rivela le vere cause del disagio individuale. La richiesta di aiuto si manifesta solo in una fase in cui sono già state compromesse risorse economiche familiari, rapporti sociali e lavorativi. Tutto ciò spinge a gesti estremi fino al suicidio o a commettere azioni illegali quali furto, falsificazione, frodi, appropriazione indebita. In ragione di una possibile prevenzione, sarebbe auspicabile un intervento del Governo. Eppure non si riesce a rinunciare agli introiti che abitudini voluttuarie, quali il gioco d azzardo e il fumo, garantiscono. Recentemente il Senato ha approvato un emendamento che prevede minori trasferimenti statali per quei Comuni che decidono di proibire le slot machines in determinate ore o che comunque ne pongono dei limiti. Le polemiche che ne sono seguite hanno indotto una maggiore riflessione. La relatrice del cosiddetto decreto salva Roma impegna il governo a monitorare, insieme a comuni ed enti locali, gli effetti dell emendamento, a concordare modifiche, collocare le sale del gioco d azzardo lontane da luoghi sensibili; da più parti viene garantito impegno. La logica imporrebbe di vietare le slot machines su tutto il territorio nazionale in virtù della constatazione che quanto prodotto all erario non giustifica le conseguenze in termini di salute pubblica e di incremento della delinquenza. L emendamento secondo i nostri parlamentari è da considerarsi temporaneo e di sola natura finanziaria. E altresì deplorevole annotare le dichiarazioni di un esponente presente in parlamento quando afferma che Votare l emendamento sul gioco d azzardo è stato un evidente sbaglio, sempre possibile in concitati momenti di caos d aula, frutto di una indicazione erronea seguita dai gruppi di maggioranza. Intanto cade il governo e si ricomincia daccapo. La ludopatia è una malattia attuale, in crescita, vera emergenza sociale, che coinvolge il medico di famiglia che, da solo, non è in grado di affrontare adeguatamente il problema. Il paziente si rivolge a lui per un consulto, dopo aver superato la vergogna per una dipendenza moralmente riprovevole. Da un decennio 9

10 ai Sert è stato affidato il compito di arginare il fenomeno che, fino ad oggi non è assoggettato a una vera e propria normativa. Numerosi soggetti quali la Chiesa, la conferenza dei sindaci, la Questura, l Ordine dei medici, la Prefettura cercano di aggregarsi prima che il fenomeno assurga a proporzioni non più arginabili. Encomiabile l impegno profuso dal dott Leopoldo Ruggiero, Presidente dei Lions Messapia Lecce che ha promosso un progetto pilota per una campagna di prevenzione primaria delle malattie da gioco d azzardo nella popolazione adolescenziale e giovanile, con possibile riflesso sulle famiglie. Il Progetto, iniziato con un meeting dal titolo Slot machines in casa, nuova droga, nuova povertà si è svolto col patrocino dell Ordine dei medici di Lecce. Se lo Stato Italiano non impone i divieti e tollera il gioco d azzardo, pur con i limiti concordati, ogni tentativo sarà vano. Utile nell attesa almeno una riduzione delle sale da gioco, vigilare affinché ai minori sia proibito l accesso, chiudendo gli esercizi che non sono in grado di fare rispettare le regole. Nel periodo di crisi che attanaglia il paese, con una grande percentuale della popolazione disposta a tentare la sorte, fino a un disturbo della volontà che diventa dipendenza, è indispensabile mettere in atto strategie efficaci per fronteggiare il fenomeno. Locandine e materiale informativo nelle strutture pubbliche quali ospedali, studi medici, scuole, ricevitorie, sale da gioco, possono servire a sensibilizzare le coscienze. Dalla Regione Puglia si attendono decisioni forti. Al momento mi risulta sia prevista soltanto una distanza minima di 500 metri delle sale giochi da ospedali, scuole e centri di unione giovanile e del rinnovo delle autorizzazioni già esistenti da concedere solo se l esercizio s impegna a osservare i requisiti previsti dalla normativa regionale. Tuttavia se non si è ritenuto opportuno sospendere le aperture di nuove sale fino al 31 dicembre 2015 significa che gli introiti che derivano dal gioco d azzardo sono una fonte irrinunciabile nonostante i danni alla salute e al cittadino. A noi medici il compito della prevenzione, diagnosi e cura di una patologia sempre più imperante che si aggiunge a tante altre che con imperdonabile colpa ci procuriamo. 10

11

12 Fazzi, chirurgia toracica d eccellenza IL PORTALE DOVEECOMEMICURO.IT HA STILATO LA CLASSIFICA DEI REPARTI CHIRURGICI OSPEDALIERI. CHIRURGIA TORACICA DELL OSPEDALE VITO FAZZI DI LECCE REGISTRA IL PIÙ BASSO INDICE DI MORTALITÀ IN ITALIA di Gaetano Di Rienzo * L U.O. di Chirurgia Toracica del V. Fazzi continua a distinguersi a livello nazionale per la sua eccellenza. Recenti pubblicazioni su Sole 24 ore, sul sito dell AGENAS e sul primo motore di ricerca Italiano che si interessa dell eccellenza di cure in Italia (www.doveecomemicuro.it) hanno preso in considerazione le diverse Unità Operative ospedaliere, esaminando alcuni indici che stabiliscono l efficienza e affidabilità dei reparti ospedalieri. Per quanto riguarda le chirurgie, è stato esaminato, oltre ad altri standard qualitativi, l indice di mortalità post-operatorio entro 30 giorni dall intervento rapportato all attività complessiva del reparto. Ebbene, la Chirurgia Toracica del Fazzi è risultata avere il più basso indice di mortalità in tutta Italia e risulta superiore agli standard internazionali di cura (www.doveecomemicuro.it). La Chirurgia Toracica leccese si è particolarmente 12

13 distinta in campo nazionale nel settore della chirurgia mini-invasiva. Infatti risulta essere l unica in Puglia, la prima come numeri di interventi nell ultimo anno e mezzo nell intero Sud (da Roma compresa) e fra le prime cinque in Italia, ad eseguire l intervento di VATS lobectomy. Questo intervento consiste nell asportare un lobo polmonare senza aprire il torace, cioè senza usare il divaricatore costale, ma facendo due piccole incisioni da 1 cm e un altra incisione di 5 cm. Attraverso queste incisioni vengono inseriti in torace telecamera e strumenti che consentono di eseguire l intervento. Ripeto senza uso del divaricatore costale, il che significa notevole riduzione del dolore post-operatorio, riduzione della quantità di farmaci anti-dolorifici, più rapida mobilizzazione e migliore recupero del paziente, che viene dimesso in media tre-quattro giorni dopo l intervento in ottime condizioni generali. Questo intervento viene eseguito nel mondo ancora in solo il 30% delle Chirurgie Toraciche, perché presenta difficoltà tecniche e organizzative non indifferenti. Attualmente la Chirurgia Toracica del Fazzi utilizza questa tecnica in circa il 40% del totale di interventi eseguiti per il trattamento chirurgico dei tumori polmonari e di altre patologie. Ma l attività non si ferma solo al trattamento dei tumori polmonari e toracici in genere. Infatti un altro settore in cui il reparto si è fatto conoscere per la sua competenza, tanto da diventare punto di riferimento anche per pazienti provenienti dal altre Regioni, è il trattamento di patologie della trachea, un settore estremamente complesso dal punto di vista chirurgico. Tutto ciò grazie all impegno ed entusiasmo profuso in primis dai miei collaboratori (dottori Corrado Surrente, Gaetano Greco, Luigi Garrisi, Camillo Lopez, Anna Lucia Urgese, Elvira Spada), dal supporto delle varie UU.OO. dell Ospedale V. Fazzi ed in particolare dai Colleghi dell U.O. di Anestesia e Rianimazione, diretta dal dott. Raffaele Caione. chiarimento; invito a visitare il nostro sito dove sono riportate notizie più dettagliate. *Direttore U.O. Chirurgia Toracica Ospedale V. Fazzi, Lecce, ASL LE Io e i miei collaboratori siamo a disposizione dei Colleghi per qualunque informazione e 13

14 Danno biologico persistente. Il presupposto dottrinale UN VECCHIO CONCETTO CLINICO UNA NUOVA VOCE AUTONOMA DI DANNO BIOLOGICO di Valerio Cirfera * - Cosimo Prete** - Marco Polo** - Giovanna Muci*** Abstract: La Dottrina e la Giurisprudenza medico-giuridica non prevedono attualmente, come voci autonome valutative, le forme o le tipologie di danno biologico intermedie tra l Inabilità Temporanea e l Invalidità Permanente, ovvero tutte quelle categorie temporali di danno psico-fisico alla persona, che migliorano fino a regredire del tutto nel tempo, dopo la loro stabilizzazione successiva alla guarigione della malattia, dal nostro gruppo di studio denominate con il termine di Danno Biologico Persistente Propriamente Detto. Le osservazioni in ordine a tale tipologia di danno sono scaturite dalle difficoltà valutative medico-legali che, quotidianamente, si incontrano o caratterizzano i 14

15 postumi reversibili discromici e/o deformativi cutanei in campo dermo-estetico e dermo-traumatologico, difficoltà che spesso sfociano nell approssimazione, nell incertezza, ovvero nell errore di inquadrarli come Invalidità Permanente, quando è noto a tutti che la maggior parte degli esiti discromici svaniscono in pochi mesi o al massimo in alcuni anni, con il rischio di incongrue o inappropriate valutazioni in eccesso, fonte di ingiusti quanto spropositati ed esosi risarcimenti. Il percorso verso una maggiore chiarezza e correttezza metodologica interpretativa del Danno Persistente, non può partire che dalla conoscenza dei suoi aspetti definitori di base, a cui è dedicata la prima parte del lavoro, per poi approdare, nel merito, alle linee guida valutative cliniche, medico-legali e giuridiche, oggetto di prossime pubblicazioni. Finalità del lavoro Scopo del presente lavoro è sensibilizzare gli specialisti e gli esperti del Danno Biologico, nonché le istituzioni scientifiche di settore e gli organismi normativi competenti di valutare la congruità e la fondatezza del Danno Biologico Persistente, in breve D.B.P., quale nuova voce valutativa temporale di Danno psico-fisico alla persona, atteso che è incontestabile la sua sussistenza reale ed effettiva, sia teorica che pratica. Introduzione Nel diritto italiano il danno biologico consiste nella lesione ingiusta e non patologica dell integrità psicofisica della persona, che esplica un incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamicorelazionali della vita del danneggiato, suscettibile di accertamento e valutazione medico-legale e risarcibile, indipendentemente dalla capacità di produrre reddito da parte dello stesso, così come sostanzialmente previsto dalla definizione dottrinaria proposta dalla SIMLA, Società Italiana di Medicina Legale e delle Assicurazioni nell ambito del Convegno Nazionale, tenutosi a Riccione dal 9 all 11 maggio 2001 [1]. A tali articolate conclusioni si è giunti tenendo conto del principio, di rango costituzionale, secondo cui la salute è un bene inviolabile, e, quindi, tutelato [2], non solo nella sua accezione classica di assenza di malattia, ma anche nella sua espressione più ampia di stato di benessere psico-fisico, estetico e socio-relazionale, concetto già recepito dall OMS, nel lontano 1948 e ribadito dalla storica sentenza della Corte Costituzionale n.184/86 [3]. Orbene, a tutt oggi in Italia, la dottrina e lo stato dell arte della scienza medico-giuridica recepiscono, ovvero prevedono, dal punto di vista temporale o cronologico e valutativo, solo due grandi voci autonome o categorie di danno biologico [4], ovvero il Danno Temporaneo riferito alla fase della malattia conseguente alla lesione dell integrità psico-fisica dell individuo e il Danno Permanente, riferito alla fase dei postumi di essa, stabilizzati e irreversibili o esiti. Il primo corrisponde, nella pratica, al lasso di tempo, espresso in numero di giorni, necessario per la guarigione clinica della malattia derivante da suddetta lesione psicofisica, indispensabili per il ritorno alla normale attività del soggetto danneggiato, nel merito definito come ITT, acronimo di Inabilità Temporanea Totale e ITP, Inabilità Temporanea Parziale che precludono, rispettivamente in modo totale e parziale, il realizzarsi delle attività quotidiane della persona offesa, sia in ambito lavorativo che extralavorativo. Il Danno Permanente 15

16 è, invece, identificabile con gli esiti stabilizzati-irreversibili vita natural durante della lesione di cui sopra, esprimibile in percentuale di Invalidità Permanente, fatto 0% l assenza di esiti e 100% la totale perdita della validità psico-fisica della persona. Ad avviso degli scriventi le due categorie di danno biologico su indicate, non sono omnicomprensive di tutte le tipologie o voci valutative di danno, ovvero non prevedono quelle ad esse intermedie, che quindi sfuggono, per così dire, alle classiche forme temporali o cronologiche, non in esse inquadrabili, ma interposte tra la guarigione clinica della malattia postuma all evento dannoso e l eventuale permanenza dell invalidità. In altri termini a seguito di un evento dannoso, possono derivare delle lesioni personali, che potremmo definire persistenti, che permangono per un lasso di tempo più o meno lungo, a seconda dei casi, mediamente in termini di alcuni mesi o diversi anni dalla guarigione clinica della malattia, fino a regredire del tutto, non rivestendo la connotazione della permanenza per tutta la vita; non sono quindi da confondere con il classico danno biologico temporaneo inabilitante precedente la guarigione della malattia, né con i postumi irreversibili o esiti ad essa successivi, durevoli per tutta la vita. Lo stato dell arte attuale, non prevede nessuna specifica metodologia valutativa per tale categoria di danno, ossia c è un vulnus, un vuoto, una lacuna, un problema valutativo che si cercherà di affrontare e, si spera e si auspica, risolvere. Danno Biologico Persistente Per danno Biologico Persistente Propriamente Detto, o di Tipo A, si intende la lesione stabilizzata ma reversibile dell integrità psicofisica dell individuo, persistente per un periodo temporale variabile, successivo o postumo alla guarigione della malattia, derivante da evento dannoso di interesse medico-legale. Il D.B.P. è da differenziare, assolutamente, dal Danno Persistente di Tipo B, ossia dall Inabilità Temporanea, derivante dalla malattia conseguente all evento dannoso, nei casi di particolare persistenza della stessa, dovuta, ad esempio, a complicanze post-lesive che ne condizionano il perdurare o il prolungamento, in media di alcuni mesi, fino alla guarigione, non configurabile, quindi come è a tutti noto, come un postumo. 16

17 Il presente lavoro ha come oggetto l inquadramento definitorio del Danno Biologico Persistente Propriamente Detto o di Tipo A. (appresso denominato semplicemente D.B.P.), ad avviso degli scriventi meritevole di essere considerato una nuova voce temporale di danno, autonoma dal punto di vista nosologico e valutativo, non ancora recepita dalla dottrina medicolegale e giuridica e inquadrabile come Danno Biologico non permanente, successivo alla guarigione della malattia, intendendo con tale concetto il momento in cui cessa il complesso di azioni e reazioni dell organismo che hanno caratterizzato la stessa. La persona danneggiata (Tab. n. 1 e 2), può essere interessata da una guarigione integrale senza postumi, con restitutio ad integrum anatomo-funzionale degli organi lesi all atto dell evento dannoso, oppure da postumi quoad valetudinem stabilizzati, da valutare in sede medico-legale come irreversibili e, quindi, permanenti, o reversibili e, quindi, persistenti, quali disturbi soggettivi psico-fisici, limitazioni funzionali, manifestazioni e disagi psico-fisici che alterano la qualità della vita quotidiana del soggetto leso, obiettivamente apprezzabili, ovvero riscontrabili e documentabili nel tempo, a variabile grado di intensità, che si riduce, progressivamente, fino ad azzerarsi nel momento in cui il D.B.P. viene a terminare. Gli esempi classici di tale terza via valutativa del danno biologico, vanno ricercati, anzi ne sono peculiari, nel danno alla persona di natura dermo-estetica e dermo-traumatologica [5], ovvero nei postumi di ferite cutaneo-mucose, annessiali e delle pseudo-mucose; si pensi agli esiti discromici post-traumatici, specie da incidentistica stradale, oppure alle forme emergenti di danno, spesso ipervalutati, da malpractice negli interventi di medicina e chirurgia estetica, statisticamente in notevole incremento di richiesta ed effettuazione nella società moderna, con particolare riferimento ai peeling, laserterapia, luce pulsata, filler e tossina botulinica, ecc [6]. In altri ambiti, si pensi alle variegate sindromi algodisfunzionali, di pertinenza ortopedica o neurologica o di altra natura. 17

18 1. Entità Il grado di esso è tale da non impedire o limitare o pregiudicare in modo rilevante le attività lavorative, ma può essere, comunque, causa di persistenti alterazioni qualitative, disagi psico-fisici soggettivi e/o oggettivi nella vita quotidiana o di uno stato di salute comunque peggiore rispetto a quello precedente l evento lesivo. 2. Durata La persistenza del Danno è valutabile da alcuni mesi ad alcuni anni, con una media, in base alla nostra esperienza, di sei mesi - sei anni, con grado o entità decrescente, in relazione al lasso di tempo intercorso. 3. Autonomia Il D.B.P. costituisce entità nosologica o voce di danno autonoma e indipendente, non compresa o collocabile nella Inabilità Temporanea e nell Invalidità Permanente, temporalmente intermedia ad esse e valutabile a prescindere da esse, essendo, comunque, necessariamente successiva alla prima e antecedente alla seconda, facoltativamente concomitante con quest ultima, come accade nel caso di presenza contemporanea di discromie transeunti e cicatrici permanenti. Caratteristiche del Danno Biologico Persistente Propriamente Detto Nel merito, esso può essere descritto attraverso l analisi di alcune sue peculiari caratteristiche o parametri identificativi. 4. Stabilità e Reversibiltà Trattasi di una menomazione psico-fisica che ha superato, dal punto di vista clinico, la fase acuta e subacuta degli eventi post-lesivi, peculiari dello stato di malattia, raggiungendo, dopo la sua guarigione, un grado di alterazione tale, da non prevedere più un peggioramento ulteriore, ma solo la persistenza di manifestazioni ad un certo plateau, non peggiorabili, anzi migliorabili costantemente nel tempo, fino alla loro totale scomparsa. 5. Postumo Trattasi di un danno successivo alla guarigione clinica della malattia e, come tale, da accertare e valutare congruamente. 18

19 6. Accertamento e Valutazione Fondamentale è ovviamente il ruolo e la funzione del medico curante, dello specialista clinico e del medico-legale in merito a tale parametro, nell ambito di un utile, doverosa e fattiva collaborazione. È di pertinenza del medico-clinico la valutazione classica etiopatogenetica, fisiopatologia, morfologica e clinicoterapeutica. In particolare, il medico clinico certifica l evento dannoso e la lesione dell integrità psico-fisica, esprimendosi in termini diagnostici, prognostici e terapeutici, certifica la guarigione della malattia, indica la sussistenza o meno di postumi da valutare in sede medico-legale, specificando se trattasi di persistenti esclusivi o concomitanti ai permanenti o della sola sussistenza di quest ultimi. Nel caso di postumi persistenti, potrà esprimersi sulla eventuale ulteriore durata di essi, prospettandone la prevedibile futura evoluzione, anche con giudizio preventivo sull emendabilità, ovvero sull incidenza migliorativa di possibili cure e interventi. E del tutto fisiologico che potrà effettuare delle visite e dei controlli periodici, preferibilmente associati ad accertamenti clinico-strumentali, se ritenuti necessari. E di pertinenza classica del medico-legale la ricerca e l accertamento del nesso causale di tale danno con eventi dannosi di origine illecita o illegittima, ovvero ingiusti o antigiuridici, nonché la loro valutazione quantitativa, onde consentire la successiva fase di liquidazione ed eventualmente le ripercussioni del danno persistente propriamente detto sulla qualità della vita lavorativa ed extralavorativa del soggetto leso. Infine, il ruolo del legale o del giurista è riassumibile in quello parimenti classico della sua funzione, ovvero di far valere il diritto al ristoro del danno e far procedere alla sua liquidazione, sulla base del parere medicolegale. In ordine al periodo della valutazione (quando valutare), non vi sono regole rigide, anche se è consigliabile farlo non prima dei sei mesi dalla guarigione della malattia, corrispondenti, grossomodo, al periodo temporale minimo della stabilizzazione del danno, la cui valutazione dovrà tenere anche conto della presumibile o prevedibile ulteriore persistenza o durata del danno in giorni, mesi o anni, sulla base di dati scientifici e della propria esperienza professionale, evenienza che, comunque, delega al medico, così come sopra riferito, l onere di controllare, più volte nel tempo, l evoluzione di tale persistenza. È possibile stilare un decalogo relativamente a come accertare e provare che siamo di fronte ad una lesione da danno persistente (Tab. n. 3). 19

20 7. Campi di interesse La questione danno biologico persistente incontra diversi campi di interesse e di applicazione pratica. In particolare, nasce in ambito dermo-estetico e dermotraumatologico (Tab. n. 4), in cui trova le sue più tipiche e importanti applicazioni pratiche, in specie di ordine discromico [8], ma può essere oggetto di interesse anche in altri campi clinici, come nelle sindromi algodisfunzionali di natura ortopedica e neurologica, odontoiatrica ecc. (Tab. n. 4 ). Tab. n. 3 ACCERTAMENTO DEL D.B.P. 1. Anamnesi 2. Accertamento causale 3. Visite mediche 4. Certificazioni 5. Referti medici 6. Relazioni 7. Consulenze 8. Perizie 9. Iconografia con data e firma 10. Spese allegate Tab. n. 4. D.B.P. in AMBITO DERMATOLOGICO discromie alopecie ipotrofie distrofie deformazioni D.B.P. in AMBITO EXTRA-DERMATOLOGICO Sindromi algo-disfunzionali e disfunzionali posttraumatiche e/o iatrogene Forme Peculiari di D.B.P. La tabella n. 4 esemplifica le forme tipiche di danno biologico persistente, di ordine estetico o dermoestetico, che dovranno essere distinte, dal punto di vista cronologico e valutativo, sia dalle lesioni acute e sub-acute, ovvero dal danno immediatamente postlesivo riferibile alle soluzioni di continuità e alle alterazioni cutanee-sottocutanne e loro evoluzione riparatoria (ferite) o di rimaneggiamento (infiltrazioni emorragiche o ematomi) o flogistica (infezioni, allergie, irritazioni) valutabile in termini di ITT e ITP, sia dal danno stabilizzato permanente statico, nel caso vi sia una semplice alterazione anatomica, o dinamico, nel caso sussista un alterazione funzionale, entrambe le evenienze ben riferibili agli esiti cicatriziali a diverso grado e sede di consolidazione irreversibile o immodificabile. Anche i danni annessiali e mucosali possono essere persistenti, si pensi all alopecia areata e alle onicopatie posttraumatiche di moderata entità o permanenti, si pensi all alopecia cicatriziale; senza dubbio, però, l espressione che più di ogni altra caratterizza o riassume il D.B.P. è il postumo discromico, ipoacromico o ipercromico. Alla stregua della definizione classica del danno persistente generico, quello persistente estetico può essere considerata una nuova voce di danno biologico valutabile e risarcibile autonomamente, parimenti indipendentemente dal danno acuto a cui segue o dal permanente, con cui può anche coesistere per un certo lasso temporale. Esemplificazione pratica Si riporta un esempio classico di D.B.P. [7]. Giovane donna di 21 anni, si sottoponeva a laserterapia estetica per l epilazione cutanea xifo-ombelicale. L uso della luce determinava un ustione di primo e secondo grado nelle sedi trattate. Ne conseguiva una malattia da ustione locale (fase acuta) che necessitava di circa due mesi per la guarigione delle lesioni erite- 20

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO Considerazioni interpretative tecniche per la valutazione medico legale del danno biologico per lesioni di lieve entità, ex DL 209/2005,

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: STEATOSI E STEATOEPATITE NON ALCOLICA AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

RELAZIONE MEDICO-LEGALE SUL CASO CLINICO DI: R. A.

RELAZIONE MEDICO-LEGALE SUL CASO CLINICO DI: R. A. Dr. CARMELO GALIPO Medico-chirurgo Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni Via Appia Nuova, 153 00182 Roma Tel. 06/45654106-347/3589096 RELAZIONE MEDICO-LEGALE SUL CASO CLINICO DI: R. A. Ho

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale revenzione ICTUS La Fibrillazione atriale Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale L ICTUS Un ICTUS per il cervello equivale ad un infarto per il cuore:

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

La proposta sulla Responsabilità Professionale. per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute

La proposta sulla Responsabilità Professionale. per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute La proposta sulla Responsabilità Professionale per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute MARZO 2012 Premessa La responsabilità professionale è diventata negli ultimi anni una questione molto rilevante

Dettagli

1 - Elementi costitutivi medico legali del Bareme di Legge (DM 3.7.2003)

1 - Elementi costitutivi medico legali del Bareme di Legge (DM 3.7.2003) TITOLO L equivoco interpretativo del concetto di danno biologico di lieve entità Commento alla Sentenza della 3 Sezione Civile della Corte di Cassazione n. 11851/15 relatore Giacomo Travaglino La citata

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

In sintesi il trattamento di cui stiamo parlando è continuativo (6-12 mesi), salvavita e non facile da gestire lavorando.

In sintesi il trattamento di cui stiamo parlando è continuativo (6-12 mesi), salvavita e non facile da gestire lavorando. Anomalie e criticità nella concessione dei diritti per una migliore qualità di vita e compliance terapeutica nel malato di epatite, cirrosi e trapiantato di fegato Premessa L Associazione EPAC onlus intende

Dettagli

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA.

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. La Scuola di specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica afferisce all Area Chirurgica Classe delle Chirurgie

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

AISF = Associazione Italiana Studio Fegato FISMAD = Federazione Italiana Società Malattie Apparato Digerente FIRE = Fondazione Italiana per la

AISF = Associazione Italiana Studio Fegato FISMAD = Federazione Italiana Società Malattie Apparato Digerente FIRE = Fondazione Italiana per la AISF = Associazione Italiana Studio Fegato FISMAD = Federazione Italiana Società Malattie Apparato Digerente FIRE = Fondazione Italiana per la Ricerca Epatologica Le cause maggiori di malattia epatica

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 262 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FUCCI Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario Presentata

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO Dott. Rino Donghi Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Dott. Terenzio Cassina Pasol titolo Il

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Agnese Teruzzi, 78 anni Ex consulente d'azienda Operata 5 anni fa di protesi alle anche Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI Stefano Miglior Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico Concetti fondamentali E una malattia estremamente particolare caratterizzata da una progressione lenta ma continua verso la perdita della funzione

Dettagli

L insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, la cui espressione più diffusa è

L insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, la cui espressione più diffusa è IL TRATTAMENTO LASER (ELVeS) DELLE VENE VARICOSE Dott. Alessandro MASTROMARINO L insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, la cui espressione più diffusa è rappresentata dalla comparsa delle varici

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita Promensil Contro i disturbi della menopausa Isoflavoni del Trifoglio rosso Scientificamente testato Riduce i disagi Integra le carenze Protegge dall

Dettagli

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO M. Cucci*, A. Migliorini*, E. Caracciolo**, O. Campari* *Istituto di Medicina Legale e delle Assicurazioni dell Università

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA DIPENDENZA DA FUMO Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico DEFINIZIONE DI DIPENDENZA Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO XI Prefazione... V CAPITOLO PRIMO Continua l evoluzione della medicina con i suoi benefici, i suoi rischi ed i danni ed aumenta il contenzioso giudiziario nell incertezza del diritto 1. Introduzione...

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il colloquio informativo e la fase pre-operatoria L esordio di una malattia, è un momento difficile, caratterizzato inizialmente dallo stress

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

Diritti non Regali per i Malati Rari

Diritti non Regali per i Malati Rari Fernando Da: Diritti non Regali per i Malati Rari [dirittinonregaliperimalatirari@gmail.com] Inviato: martedì 22 gennaio 2013 11.37 A: Diritti non Regali per i Malati Rari Oggetto: Fwd: PETIZIONE EUROPEA

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

10 Modulo. Attività motoria II

10 Modulo. Attività motoria II 10 Modulo Attività motoria II Argomenti MET specifici Programmi di attività motoria MET e Prevenzione dei TUMORI Cancro del seno: 9 MET settimana Cancro colon retto: 18 MET settimana Cancro prostata: 30

Dettagli

Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele

Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile, tutte le notizie circa la sua

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia L equilibrio armonico tra mente e corpo CRM Terapia Corpo e mente in perfetta armonia, per ritrovare la salute Dopo anni di ricerca nella prevenzione e cura

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la Epatite Cronica B, malattia sommersa Un virus spesso sottovalutato L Istituto Superiore di Sanità stima che in Italia vi siano non meno di 900mila individui cronicamente infettati da HBV, i cosiddetti

Dettagli

COSA FARE DOPO UN ICTUS CEREBRALE

COSA FARE DOPO UN ICTUS CEREBRALE Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO UN ICTUS CEREBRALE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della Lega

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Gli accidenti cerebrovascolari sono un rilevante problema di sanità pubblica nel mondo occidentale e meno nei paesi in via

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1485 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI,

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

INCONTRO SPISAL MEDICI COMPETENTI Vicenza 20 dicembre 2011. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA

INCONTRO SPISAL MEDICI COMPETENTI Vicenza 20 dicembre 2011. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA Consumo di alcool e attività lavorativa: azioni del MC per le categorie individuate dal Provvedimento 16 marzo 2006 e giudizio di idoneità per i lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria. INCONTRO

Dettagli

BUCHE STRADALI E DANNO AI VEICOLI E/O ALLE PERSONE: CHE FARE?

BUCHE STRADALI E DANNO AI VEICOLI E/O ALLE PERSONE: CHE FARE? Corpo di Polizia Municipale CITTA DI ALESSANDRIA BUCHE STRADALI E DANNO AI VEICOLI E/O ALLE PERSONE: CHE FARE? E sempre molto ricorrente il caso di motociclisti e pedoni che finiscono per cadere rovinosamente

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

d iniziativa dei senatori LUMIA, AMATI, Mariapia GARAVAGLIA, ADRAGNA, VITA, PEGORER, BIONDELLI e RANDAZZO

d iniziativa dei senatori LUMIA, AMATI, Mariapia GARAVAGLIA, ADRAGNA, VITA, PEGORER, BIONDELLI e RANDAZZO Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 271 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LUMIA, AMATI, Mariapia GARAVAGLIA, ADRAGNA, VITA, PEGORER, BIONDELLI e RANDAZZO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29

Dettagli

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI Si può essere solidali con il prossimo in molti modi: con l aiuto ai deboli, il soccorso ai bisognosi, il conforto per chi soffre; ma la donazione degli organi rappresenta

Dettagli

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita.

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Come tenersi aggiornati sui test offerti dal Ssn per il tumore del seno, della cervice uterina e del colon retto. Il vademecum del ministero Il ministero della Salute

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA

LA RESPONSABILITA MEDICA 10 luglio 2014 LA RESPONSABILITA MEDICA ONEGLOBAL srl Consulenze Aziendali Integrate DIVISIONE SANITARIA 10 luglio 2014 Fattispecie di Responsabilità Medica A - Responsabilità Penale Omicidio Lesioni ONEGLOBAL

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 143 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, BINI, BOCCIA, CARRA, COCCIA, COVA, D INCECCO, FEDI, FIANO, CINZIA MARIA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

CONOSCIAMOLA. L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus):

CONOSCIAMOLA. L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus): SENZA LA EPATITE CONOSCIAMOLA L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus): Colpisce principalmente il fegato infiammandolo (epatite) ma, in alcuni casi, anche altre parti del corpo

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Prevenire il tumore del colon retto Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Prevenire il tumore del colon retto INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 21-0 05/09/2012 INDICE Prevenire il tumore del colon. 4 Come si esegue

Dettagli

Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e 69 anni

Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e 69 anni Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e 69 anni In allegato all invito personale per la partecipazione al programma

Dettagli

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria DiSMeB Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria opuscolo realizzato nell ambito delle azioni del Progetto CCM 2012 Counseling motorio ed attività fisica quali azioni educativo-formative

Dettagli

VALUTAZIONE DEL DANNO E TABELLA DEI COEFFICIENTI

VALUTAZIONE DEL DANNO E TABELLA DEI COEFFICIENTI PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 VALUTAZIONE DEL DANNO E TABELLA DEI COEFFICIENTI CRITERIOLOGIA MEDICO-LEGALE Relatore: Dott. Patrizio ROSSI SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE A cura della Dott.ssa Elena Carmela

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute.

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. Frequentemente siamo costretti ad affidare i nostri cari

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO Centro Accoglienza e Servizi CAS Il CAS è responsabile del percorso di presa in carico del paziente oncologico attraverso figure

Dettagli

Medicina Estetica. scheda 03.08 Poliambulatorio specialistico

Medicina Estetica. scheda 03.08 Poliambulatorio specialistico Medicina Estetica scheda 03.08 Poliambulatorio specialistico Cos è L approccio al paziente presso l ambulatorio di Medicina Estetica si avvale della definizione di salute stabilita dall OMS (Organizzazione

Dettagli

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA La chirurgia plastica

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA LEZIONI DI STATISTICA MEDICA A.A. 2010/2011 - Screening - Test diagnostici Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona Storia naturale della malattia (Rothman( Rothman,,

Dettagli

Problemi del consulente. Lorenzo Varetto medico legale

Problemi del consulente. Lorenzo Varetto medico legale Problemi del consulente Lorenzo Varetto medico legale Il quesito del penalista Dica il perito se il sig. abbia riportato lesioni penalmente rilevanti causalmente correlate a profili di responsabilità professionale

Dettagli

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013 Le Cure Palliative Dr.ssa M.Grazia Rusconi UniTre 2013 DEFINIZIONE L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce le Cure Palliative come la cura totale prestata alla persona affetta da una malattia

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli