RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo I"

Transcript

1 Prof. Giuseppe F. Rossi Homepage: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2007/08 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo I Introduzione alle reti di telecomunicazione Capitolo I 1/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

2 Struttura del capitolo Perchè si costruiscono reti di TLC? Il servizio di comunicazione offerto da una rete di TLC 2 fondamentali problematiche delle reti di TLC Instradamento Commutazione Studio del sistema rete di TLC Criteri di classificazione di una generica rete di TLC Il concetto di multiplazione delle comunicazioni in un generico sistema rete di TLC Capitolo I 2/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

3 Struttura del capitolo (cont.) Studio del sistema rete di TLC (cont.) Studio del più semplice sistema rete di TLC: il canale di trasmissione Classificazioni dei canali di trasmissione La multiplazione fisica Le 2 fondamentali tipologie di reti di TLC Reti a commutazione di circuito Reti a commutazione di pacchetto Capitolo I 3/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

4 A cosa servono le reti di telecomunicazione...? Per far comunicare persone tra loro attraverso l'uso di vari dispositivi (telefoni, calcolatori,... ) interconnessi tra loro Capitolo I 4/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

5 Come far comunicare dispositivi tra loro? Le topologie delle reti di TLC PROBLEMA Come é possibile interconnettere i dispositivi d'utente (a volte chiamati end-system, terminali, end-station, nodi finali,... ) affinché possano comunicare? Tale problema impone la definizione di una topologia delle interconnessioni, aspetto che viene formalmente studiato attraverso una branca della Ricerca Operativa chiamata Teoria dei grafi Dispositivi di rete -> Nodi del grafo Canali trasmissivi -> Archi del grafo Un esempio di grafo che descrive la topologia di una Rete di TLC 6 4 Capitolo I 5/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

6 Come far comunicare dispositivi tra loro? Le topologie delle reti di TLC Le topologie di interesse per le reti di TLC possono essere suddivise in queste 2 macrofamiglie Topologia connessa a maglia completa (per ogni coppia di end-system esiste un canale di trasmissione che li collega direttamente) Topologia connessa a maglia non completa (esistono coppie di end-system, che devono poter comunicare tra loro, che non sono connessi direttamente da un canale di trasmissione ma devono basarsi sull'attraversamento di 1 o più nodi detti nodi intermedi) Grafo di una Rete a maglia completa Numero_di_nodi = n Numero_di_archi = n(n-1)/2 Grafo di una Rete a maglia non completa Numero_di_nodi = n Numero_di_archi < n(n-1)/2 Capitolo I 6/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

7 Le topologie delle reti di TLC Topologia a maglia completa 1 canale di trasmissione diretto per ogni coppia di dispositivi d'utente 2 soli tipi di elementi Nodi mittenti e destinatari (end-system) Canali di trasmissione (o link) Spesso é una soluzione antieconomica e complessa (troppi collegamenti, troppe interfacce,... ) Rete di Telefoni Rete di Calcolatori Capitolo I 7/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

8 Le topologie delle reti di TLC Topologia a maglia non completa Esistono coppie di dispositivi d'utente che non sono connessi direttamente da un canale di trasmissione ma devono basarsi sull'attraversamento di 1 o più nodi intermedi 3 tipi di elementi Nodi mittenti e destinatari (end-system) Canali di trasmissione Nodi intermedi Capitolo I 8/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

9 Le topologie delle reti di TLC Topologia a maglia non completa L'insieme dei nodi intermedi costituisce una struttura che di norma prende il nome di dorsale o backbone in cui il nodo intermedio collegato all'end-system si chiama nodo d'accesso alla rete La dorsale, a sua volta, può avere una struttura molto complessa formata dall'interconnessione di varie dorsali (talvolta anche chiamate sottodorsali) Dorsale (o Backbone) Capitolo I 9/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

10 Esempi di reti di TLC Centr. Centr. Centr. Reti Telefoniche Centr. Centr. Calcol. Calcol. Calcol. Calcol. Reti Dati Calcol. Capitolo I 10/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

11 Le reti di TLC Una rete di telecomunicazione (rete di TLC) è definibile come un'insieme di nodi (nodi intermedi e nodi finali), canali trasmissivi e procedure mediante le quali due o più dispositivi d'utente possono scambiarsi delle informazioni La dorsale che mette in comunicazione i dispositivi d'utente fornisce a questi ultimi una serie servizi di telecomunicazione attraverso quella che prende il nome di interfaccia Utente-Rete Tipo di informazione scambiata Suoni (Voce, Musica,... ) Dati (Testi,... ) Immagini... Capitolo I 11/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

12 Le reti di TLC Una rete di TLC può fornire un servizio di comunicazione in 2 modalità Servizio sempre attivo Servizio attivato/disattivato su base richiesta (generata dagli end-system) Quando necessario un end-system richiede l'attivazione di un servizio di comunicazione Sono necessarie procedure di segnalazione tra Utente e Rete (cioè una comunicazione "di servizio" tra l'end-system e il nodo d'accesso alla dorsale) per inoltrare le richieste Segnalazione Segnalazione Servizio di Comunicazione Interfaccia Utente-Rete Dorsale di TLC Servizio di Comunicazione Interfaccia Utente-Rete Capitolo I 12/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

13 Problematiche generali nelle reti di TLC Sia data una generica rete di TLC -system mittente e end-system destinatario in generale non sono direttamente connessi da un canale di trasmissione, quindi per comunicare può risultare necessario 'attraversare' alcuni nodi intermedi Dorsale (o Backbone) Capitolo I 13/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

14 Problematiche generali nelle reti di TLC Instradamento & Commutazione Quando un flusso comunicativo (più avanti verrà specificato meglio cosa si intende per flusso comunicativo) entra nella rete sorgono 2 problematiche fondamentali Decidere il percorso che deve essere seguito dal flusso comunicativo attraverso i nodi intermedi per giungere al destinatario Questa operazione prende il nome di instradamento (o routing) L'instradamento può essere eseguito seguendo i più svariati criteri di scelta (es. percorso più corto, percorso più libero, 1 percorso disponibile scelto a caso,... ) Procedere all'inoltro del traffico sul percorso scelto Questa operazione prende il nome di commutazione (o switching o talvolta anche forwarding) In una rete di TLC la commutazione viene effettuata da ogni nodo appartenente al percorso da seguire (eccetto evidentemente il nodo destinatario) Capitolo I 14/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

15 Problemi generali nelle reti di TLC L'operazione di commutazione (switching) Commutazione (switching) da parte di un nodo di rete Trasferimento di 1 flusso comunicativo verso 1 o più canali di uscita Nel caso più generale é un'operazione effettuata da tutti i nodi del percorso, escluso il destinatario Canale Canale Canale Canale Canale Canale Canale Capitolo I 15/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

16 Studio del sistema rete di TLC Si consideri una rete di TLC (di qualunque tipo). Come visto in precedenza, essa é formata da 2 elementi fondamentali Nodi -system: sorgente o destinatario della comunicazione Intemedio: né sorgente né destinatario della comunicazione (viene 'attraversato') Canali di trasmissione, chiamati spesso anche link, di vario tipo (si veda più avanti) Una rete di TLC può essere studiata tramite l'analisi di varie caratteristiche Servizio di comunicazione offerto (sperimentabile "ai morsetti esterni" dagli end-system) Topologie... Capitolo I 16/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

17 Studio del sistema rete di TLC Un'approccio interessante consiste nello studiare una rete di TLC come sistema (semplice o complesso) che interconnette tra loro i vari end-system Tale sistema complesso può essere visto come formato dall'unione di sistemi più semplici che quindi possono essere chiamati sotto-sistemi Ogni sotto-sistema componente può eventualmente a sua volta essere visto come formato dall'unione di ulteriori sotto-sotto-sistemi ancor più semplici per giungere quindi fino ai sistemi più elementari: i canali di trasmissione I nodi intermedi svolgono pertanto il ruolo di dispositivi per l'interconnessione tra i vari sottosistemi che formano un sistema rete di TLC Sistema Rete di TLC Capitolo I 17/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

18 Studio del sistema rete di TLC Esempi di sistemi componenti un sistema rete di TLC Il sistema elementare canale di trasmissione Dorsale Un sistema complesso Sistema formato dall'interconnessione di 2 sistemi elementari Capitolo I 18/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

19 Studio del sistema rete di TLC Esempi di sistemi componenti un sistema rete di TLC (cont.) Un sistema molto complesso formato dall'interconnessione di più sistemi (semplici e complessi) Dorsale Dorsale Capitolo I 19/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

20 Studio del sistema rete di TLC Criteri di classificazione Un sistema rete di TLC (semplice o complesso) può essere studiato e classificato secondo numerosi criteri (a volte alcune tassonomie derivano dall'applicazione di più criteri) Servizi di comunicazione offerti all'esterno (vedasi prossime slide) Altre classificazioni Sistema Rete di TLC Una generica rete di TLC, complessa a piacere, con N end-system connessi che ne sfruttano i servizi di comunicazione Capitolo I 20/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

21 Studio del sistema rete di TLC Classificazioni in base al "servizio offerto" Applicando ad una rete di TLC il criterio di classificazione secondo il "servizio offerto" da tale sistema, ci si rende subito conto che si tratta di un criterio troppo generico Il criterio del "servizio offerto" in effetti contiene al suo interno una serie di criteri più specifici Classificazione in base alla possibilità di invio di una stessa comunicazione a 1 o più destinatari contemporanei (nell'ipotesi in cui il numero di end-system connessi sia >2) Classificazione in base alla direzione in cui possono avvenire le comunicazioni... Dorsale Servizio sperimentato "ai morsetti esterni" del sistema Capitolo I 21/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

22 Studio del sistema rete di TLC Classificazioni in base al "servizio offerto" Sia data una rete di TLC semplice o complessa che collega tra loro N end-system. La classificazione in base alla possibilità da parte della rete di invio di una stessa comunicazione a 1 o più destinatari contemporanei porta alla seguente tassonomia Servizio di comunicazione unicast Comunicazione da 1 end-system mittente a un solo end-system destinatario Servizio di comunicazione multicast Comunicazione da 1 end-system mittente a D end-system destinatari (con 1 D N) I D end-system destinatari si dicono costituenti un gruppo di multicast Servizio di comunicazione anycast Comunicazione da 1 end-system mittente a 1 solo end-system destinatario facente parte di un insieme di D end-system (potenzialmente) destinatari (con 1 D N) I D end-system destinatari si dicono costituenti un gruppo di anycast Servizio di comunicazione broadcast Comunicazione da 1 end-system mittente a N (cioé tutti) end-system destinatari Capitolo I 22/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

23 Studio del sistema rete di TLC Classificazioni in base al "servizio offerto" Il criterio di classificazione in base alla direzione in cui possono avvenire le comunicazioni conduce allo schema indicato qui sotto Si considerino 2 end-system collegati attraverso una rete di TLC. Si danno le seguenti definizioni Servizio di comunicazione simplex La comunicazione può avvenire in un sol senso Servizio di comunicazione half-duplex La comunicazione può avvenire nei 2 sensi ma non contemporaneamente Servizio di comunicazione full-duplex La comunicazione può avvenire nei 2 sensi anche contemporaneamente Capitolo I 23/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

24 Studio del sistema rete di TLC Classificazioni in base al "servizio offerto" Un altro criterio di classificazione, utile nello studio delle forme più semplici di reti di TLC (i canali di trasmissione), suddivide tali sistemi in base al tipo di segnale che trasferiscono Sistemi che trasferiscono un segnale analogico Definizione di segnale analogico: segnale a tempo continuo e a valori continui Sistemi che trasferiscono un segnale numerico (o digitale) Definizione di segnale numerico: segnale a tempo discreto e a valori discreti i(t) t i(k) 1 0 k Funzioni matematiche (segnali) v(t) t v(t) V+ V- t Possibili andamenti nel tempo della grandezza fisica v(t) Capitolo I 24/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

25 Studio del sistema rete di TLC Classificazioni in base al "servizio offerto" Una classificazione molto usata Combinando alcune classificazioni precedenti, i sistemi reti di TLC vengono suddivisi nelle seguenti tipologie Sistema Point-to-Point (la rete di TLC ammette il collegamento di 2 soli end-system) Sistema Multiple Access (la rete di TLC ammette il collegamento di N end-system, con N > 2) Sistema Broadcast Multiple Access (BMA) La rete di TLC permette comunicazioni broadcast tra gli N end-system Sistema Non-Broadcast Multiple Access (NBMA) La rete di TLC non permette comunicazioni broadcast tra gli end-system La presente tassonomia è importante in quanto viene correntemente utilizzata all'interno della comunità tecnico-scientifica Capitolo I 25/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

26 Studio del sistema rete di TLC Il concetto generale di multiplazione Sia dato un sistema rete di TLC: di norma risulta necessario trasportare N flussi comunicativi attraverso di esso Con multiplazione delle comunicazioni (multiplexing) si intende l'operazione svolta da un sistema rete di TLC, attraverso la quale N flussi comunicativi distinti vengono mantenuti tali durante il trasferimento dall'ingresso all'uscita della rete (come se avessero utilizzato N sistemi separati) Flusso 1 Flusso 1 Flusso 2 Flusso Sistema Rete di TLC Flusso 2 Flusso Flusso N Flusso N Schematizzazione del principio generale della multiplazione delle comunicazioni Capitolo I 26/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

27 Studio del sistema rete di TLC Applicazione dei concetti generali Le classificazioni e i concetti fin qui esposti a livello generale possono essere applicati ai casi specifici in cui il sistema rete di TLC è un sistema semplice o complesso Il più semplice sistema rete di TLC è quello costituito da un solo canale di trasmissione (o link) che collega direttamente gli end-system Nelle slide che seguono si applicheranno a tale sistema semplice i concetti precedentemente visti a livello generale Ciò che ne deriverà sarà un'interessante (e molto utilizzata) classificazione dei diversi tipi di canali di trasmissione Capitolo I 27/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

28 Il sistema canale di trasmissione Un canale di trasmissione può essere fisicamente costituito di vari materiali Rame (utilizzato nei doppini telefonici, nei cavi coassiali,... ) Materiali vitrei/plastici (utilizzati nelle fibre ottiche) Aria / Vuoto (utilizzati nelle comunicazioni "senza fili" o "wireless") Conductor insulation Aluminum sleeve PVC or Teflon jacket Copper center conductor Un cavo coassiale costituisce un esempio di canale di trasmissione Capitolo I 28/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

29 Il sistema canale di trasmissione Criteri di classificazione e tipologie Classificazione dei canali di trasmissione in base alla direzione in cui possono avvenire le comunicazioni Canali simplex Il canale può trasferire il segnale in un sol senso (un nodo del canale può sempre solo o trasmettere o ricevere) Canali half-duplex Il canale può trasferire il segnale nei 2 sensi ma non contemporaneamente (un nodo del canale può sia trasmettere che ricevere ma non contemporaneamente) Canali full-duplex Il canale può trasferire il segnale nei 2 sensi contemporaneamente (un nodo del canale può sia trasmettere che ricevere contemporaneamente) Capitolo I 29/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

30 Il sistema canale di trasmissione Criteri di classificazione e tipologie Classificazione dei canali di trasmissione in base al numero di nodi che sono in grado di collegare Canali ad accesso multiplo (multiple access) Collegano direttamente N nodi tra loro Canali multipunto (multipoint) Collegano direttamente N nodi tra loro, con alcuni vincoli sulle comunicazioni possibili Possono essere visti come un caso particolare dei canali ad accesso multiplo Canali punto-a-punto (point-to-point) Collegano direttamente 2 soli nodi tra loro Possono essere visti come un caso particolare sia dei canali ad accesso multiplo che dei canali multipunto Capitolo I 30/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

31 Il sistema canale di trasmissione Canali ad accesso multiplo Collegano direttamente N nodi di rete tra loro. In generale ogni nodo può comunicare con un qualunque altro nodo (esempio indicato sotto: stazioni elettricamente collegate in parallelo sulla stessa coppia di conduttori) Su questi tipi di link è evidentemente necessario regolamentare l'accesso al canale condiviso. Ciò viene effettuato attraverso insiemi di regole che prendono il nome di protocolli d'accesso ad un canale condiviso (questa problematica verrà affrontata nel dettaglio nei prossimi capitoli) conduttori elettrici A E Canale ad accesso multiplo D Esempio di calcolatori collegati tramite un canale ad accesso multiplo costituito da una coppia di conduttori elettrici (doppino) B C F Schema generale di canale ad accesso multiplo Capitolo I 31/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

32 Il sistema canale di trasmissione Canali multipunto Quando le comunicazioni su un canale ad accesso multiplo non possono avvenire tra una qualunque coppia di nodi (talvolta per scelta di chi utilizza il canale) ma solo tra uno specifico nodo (master o primario) e uno qualunque dei restanti (slave o secondari), allora il canale spesso viene chiamato canale multipunto (o canale punto-multipunto) Essendoci in ogni caso il problema della possibile trasmissione contemporanea di 2 o più stazioni, il nodo master governa l'accesso al link attraverso le regole del protocollo d'accesso (che quindi anche in questo caso risulta essere necessario) A B Master, Primario,... Canale multipunto C E D Schema generale di un canale multipunto Capitolo I 32/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

33 Il sistema canale di trasmissione Canali punto-a-punto Nel caso in cui un canale ad accesso multiplo ammetta la connessione di 2 soli nodi (N=2), allora tale link prende il nome di canale punto-a-punto Canali punto-a-punto simplex Un nodo é sempre mittente e l'altro é sempre destinatario Non serve un protocollo d'accesso al canale Canali punto-a-punto half-duplex I 2 nodi possono comunicare in entrambi i sensi ma non contemporaneamente E' necessario regolamentare l'accesso al canale tramite un protocollo d'accesso Canali punto-a-punto full-duplex E' formato dall'unione di 2 canali punto-a-punto simplex opposti e contemporanei Non serve un protocollo d'accesso al canale A Link Point-to-Point B Full Duplex = Simplex <= Simplex => Capitolo I 33/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

34 Il sistema canale di trasmissione Criteri di classificazione e tipologie Come anticipato nella parte generale, il sistema canale di trasmissione é classificabile in base al tipo di segnale tramesso Canali di trasmissione analogici Sono in grado di trasferire un segnale analogico s(t) Canali di trasmissione numerici (o digitali) Sono in grado di trasferire un segnale numerico s(k) Nelle prossime slide si riassumeranno brevemente le differenze tra i 2 tipi di canali (per una analisi più rigorosa ed approfondota si rimanda ai Corsi di Teoria dei Segnali) Capitolo I 34/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

35 Il sistema canale di trasmissione Canali analogici Trasferiscono un segnale analogico s(t) (segnale continuo a tempo continuo) Grandezze caratterizzanti il canale Banda trasmissiva Distorsione Ritardo Rumore Capitolo I 35/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

36 Il sistema canale di trasmissione Canali numerici Trasferiscono un segnale numerico s(k) (segnale discreto a tempo discreto) Grandezze caratterizzanti il canale Velocità (meglio chiamarla Capacità di canale) Ritmo con il quale vengono trasmessi i simboli (di norma bit) sul canale Unità di misura più frequentemente utilizzata: bit-per-second (bps) Ritardo (a volte chiamato latenza) Tempo τ di propagazione di un simbolo sul canale Unità di misura utilizzate: sottomultipli (s, ms, µs, ns) dei secondi Tasso d'errore (BER = Bit-Error-Rate) Capitolo I 36/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

37 Il sistema canale di trasmissione Canali numerici I canali numerici costituiscono l'elemento di base delle moderne Reti di TLC Qui sotto si riportano le definizioni delle grandezze fondamentali caratterizzanti un canale numerico (concetti che verranno ripresi nel capitolo Analisi prestazionale delle Reti di TLC) Diagramma temporale di trasferimento di un messaggio lungo M bit attraverso un canale numerico avente capacità C e ritardo τ Fine canale ( B) C = τ = t - t = t T Def Def M M = t - t t - t trasmissio ne _ di _ M 4 - t 2 Def 3 = t 2 - t = 1 M C Inizio canale ( A) 'A' M = lunghezza del messaggio inviato sul canale (in bit) C = velocità (o capacità) del canale T trasmissione_di_m = tempo necessario per trasmettere sul canale l'intero messaggio M t 1 t 2 t 3 t 4 M bit 'B' T Capitolo I 37/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

38 Il sistema canale di trasmissione La multiplazione fisica I canali di trasmissione sono i sistemi che permettono di collegare i nodi di una rete di TLC Nelle reti di TLC reali è spesso necessario collegare una coppia di nodi attraverso più di un canale di trasmissione (si parla di fasci di canali) Dal punto di vista pratico la cosa viene realizzata applicando ad un canale di trasmissione (fisico) la tecnica della multiplazione (multiplazione fisica), ottenendo così N canali di trasmissione, completamente separati ed indipendenti tra loro, sullo stesso supporto fisico Canale 1 Canale 1 Canale 2 Canale 3 Canale Fisico Canale 2 Canale 3 Schematizzazione del principio della multiplazione fisica Canale 4 Canale 4 Capitolo I 38/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

39 Il sistema canale di trasmissione La multiplazione fisica La multiplazione fisica viene realizzata attraverso varie tecniche (per l'approfondimento di questi concetti si rimanda ai Corsi di Teoria dei Segnali) FDM (Frequency Division Multiplexing) Multiplazione nel dominio delle frequenze TDM (Time Division Multiplexing) Multiplazione nel dominio del tempo CDM (Code Division Multiplexing) Multiplazione nel dominio dei codici (non verrà trattata) WDM (Wavelength Division Multiplexing) Multiplazione nel dominio delle lunghezze d'onda Capitolo I 39/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

40 Il sistema canale di trasmissione La multiplazione fisica - FDM Un canale di trasmissione fisico può essere caratterizzato da una banda B di frequenze utilizzabili comprese tra fmin e fmax La banda complessiva del mezzo fisico può essere divisa in sotto-bande disgiunte a ciascuna delle quali viene associato un sottocanale da multiplare B = banda del canale fisico fmin fmax Frequenza B1 B2 B3 B4 fmin Banda di guardia fmax Frequenza Capitolo I 40/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

41 Il sistema canale di trasmissione La multiplazione fisica - FDM Il segnale relativo ad un sottocanale viene trattato mediante tecniche di modulazione in modo da associarlo e trasmetterlo attraverso ciascuna sotto-banda Modulatore Modulatore Modulatore Modulatore B1 B2 B3 B4 fmin B fmax Frequenza Capitolo I 41/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

42 Il sistema canale di trasmissione La multiplazione fisica - TDM PRINCIPIO A turno e per un certo tempo, si assegna il canale di trasmissione fisico ad ogni sottocanale da multiplare Questa tecnica, nella pratica, viene utilizzata in presenza di canali numerici Sia dato un canale numerico avente capacità di C bps (l'intervallo di tempo tra i bit é pari a 1/C) Si definisce una struttura ripetitiva a trame consecutive costituite da N slot numerati Ogni sottocanale da multiplare viene assegnato ad 1 (o più) slot con lo stesso numero (Esempio: gli slot 1 e 2 al primo sottocanale, lo slot 3 al secondo sottocanale, lo slot 4 al terzo sottocanale, lo slot 5 al quarto sottocanale) Slot Trama Tempo Capitolo I 42/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

43 Il sistema canale di trasmissione La multiplazione fisica - TDM Definizioni e relazioni tra le grandezze (si ipotizza che ogni sottocanale multiplato venga assegnato ad 1 solo slot) Trama (N Slot) Slot (m bit) Tempo 1/C Relazioni tra le grandezze: b = C/N Intervallo_di_Canale = m(1/c) = m/c Tempo_di_Adattamento = N(m/C) = m/b GRANDEZZE C = capacità del canale fisico b = capacità risultante del singolo sottocanale multiplato N = numero di Slot in una trama m = numero di bit che costituiscono uno Slot Intervallo_di_Canale = durata (in s) di uno Slot Tempo_di_Adattamento = durata della trama Capitolo I 43/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

44 Il sistema canale di trasmissione La multiplazione fisica - WDM E' uguale a FDM Prende il nome di WDM per ragioni storiche legate allo sviluppo della fibra ottica La banda disponibile su un canale "fibra ottica" é elevatissima ma non riesce ad essere utilizzata a causa dei limiti dei circuiti elettronici Tecnica WDM Si utilizzano diverse portanti ottiche trasmesse sulla stessa fibra Ciascuna portante ottica viene modulata ai limiti delle velocità elettroniche (ordine di grandezza: decina di Gbit/s) La capacità utilizzabile delle fibre viene ad essere nella pratica 'moltiplicata' per il numero delle lunghezze d'onda impiegate Capitolo I 44/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

45 Le 2 fondamentali tipologie di reti di TLC I concetti finora esposti fondamentalmente si possono applicare a qualunque tipo di rete di TLC Tuttavia le reti di TLC si dividono in 2 grosse famiglie in funzione del principio utilizzato dai nodi intermedi per effettuare la commutazione dei flussi comunicativi Reti a commutazione di circuito E' il principio di funzionamento delle tradizionali Reti Telefoniche Reti a commutazione di pacchetto E' il principio di funzionamento delle reti di calcolatori (cioè le reti in cui calcolatori end-system possono comunicare tra loro attraversando una dorsale di calcolatori intermedi) Esempio: la rete Internet Capitolo I 45/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

46 Commutazione di circuito Principio Dato un nodo intermedio, il flusso comunicativo oggetto di commutazione è univocamente identificato dal canale di ingresso da cui proviene L'intero contenuto di un canale in ingresso viene commutato su un (riservato) canale d'uscita Circuito attivo tra 2 end-system: sequenza di associazioni tra canale in ingresso e canale in uscita (ai "morsetti esterni" il circuito equivale ad un canale punto-a-punto) di accesso Fascio di N canali di accesso di accesso Capitolo I 46/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

47 Commutazione di circuito Il nodo di commutazione Ogni comunicazione utilizza un servizio dedicato (1 canale di trasm. per ogni coppia di nodi) Per trasferire N comunicazioni contemporanee tra 2 nodi adiacenti servono N canali N canali di trasmissione Intermedio di Commutazione Intermedio di Commutazione Intermedio di Commutazione Intermedio di Commutazione Intermedio di Commutazione Capitolo I 47/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

48 Commutazione di circuito L'attivazione dei circuiti Circuiti dedicati (o permanenti) Il circuito è sempre attivo Circuiti attivi su richiesta (o su base chiamata) Il circuito viene attivato su richiesta di un end-system In questo caso sono necessarie delle procedure di segnalazione per l'instaurazione (circuit setup) e l'abbattimento (circuit termination) del circiuito Segnalazione tra end_system e nodo_di_accesso Segnalazione tra nodo_intermedio e nodo_intermedio Capitolo I 48/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

49 Commutazione di circuito Le reti reali Le reti di TLC a commutazione di circuito vengono realizzate interconnettendo i vari nodi attraverso canali di trasmissione punto-a-punto (full-duplex) Le reti telefoniche dei vari Gestori sono un classico esempio di reti a commutazione di circuito Le reti telefoniche attuali sono costruite impiegando sulla dorsale canali di trasmissione di tipo digitale, mentre agli accessi i canali possono essere sia analogici sia digitali (vedasi oltre) Una simile struttura è possibile in quanto la Teoria dei Segnali ha dimostrato che è sempre possibile, sotto ben precise condizioni, convertire un segnale analogico in un segnale numerico e viceversa (Teorema del campionamento) Dunque di norma un Gestore possiede un'unica rete digitale con accessi sia analogici che digitali di accesso Conversione A/D e D/A canale numerico canale analogico di accesso Rete di TLC a comm. di circuito di accesso canale analogico Capitolo I 49/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

50 Commutazione di circuito Le reti reali Reti a commutazione di circuito analogiche (canali intermedi di tipo analogico) Con accesso analogico (canale d'accesso di tipo analogico) Esempio: sono le vecchie reti telefoniche da tempo non più in uso Reti a commutazione di circuito numeriche (canali intermedi di tipo numerico) Con accesso analogico (canale d'accesso di tipo analogico) Esempio: la connessione (alla rete telefonica) commercialmente chiamata PSTN (Public Switched Telephone Network) Accesso numerico (canale d'accesso di tipo numerico) Esempio: la connessione (alla rete telefonica) commercialmente chiamata ISDN (Integrated Services Digital Network) Capitolo I 50/63 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali

Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali Pag Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali 1.1. Introduzione L'argomento Voce su IP è, sicuramente, uno dei più gettonati dell'intero mondo del networking. Tecnicamente, con questa tecnologia

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Esercizio 1 Soluzione Esercizio 2 Soluzione

Esercizio 1 Soluzione Esercizio 2 Soluzione Esercizio 1 Si specifichi, mediante una formula del prim ordine un apparato che funziona nel modo seguente: All istante 0 esso emette un segnale s, che può essere uno 0 o un 1. Se, dopo l emissione di

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Guida alle funzioni GOLD versione E, SMART Link DX

Guida alle funzioni GOLD versione E, SMART Link DX Guida alle funzioni GOLD versione E, SMART Link DX 1. Generalità La funzione SMART Link DX è progettata per il controllo della temperatura dell'aria di mandata tramite l'interconnessione di un'unità di

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli