BIO-METHANE REGIONS. Brochure Tecnica per Progettisti ed Operatori del Settore

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIO-METHANE REGIONS. Brochure Tecnica per Progettisti ed Operatori del Settore"

Transcript

1 BIO-METHANE REGIONS Brochure Tecnica per Progettisti ed Operatori del Settore Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra Regione

2 CHE COS E IL BIOMETANO? Il Biometano è un gas che ha le stesse caratteristiche del gas naturale: infatti, è costituito principalmente da metano ed in tracce da altre sostanze. IL BIOMETANO E PRODOTTO MEDIANTE UN PROCESSO DI RAFFINAZIONE DEL BIOGAS LA MATERIA PRIMA UTILIZZATA PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO E LA BIOMASSA DERIVANTE DA: Frazioni organiche di rifiuti urbani; Colture energetiche; Scarti organici dell agro-industria; Reflui zootecnici. La Biomassa pretrattata è introdotta nel fermentatore DIGESTORE Digestione Anaerobica: processo biochimico attraverso il quale la sostanza organica contenuta nella materia prima viene degradata mediante colture batteriche che operano in assenza di ossigeno. nel quale la sostanza organica viene trasformata in biogas e digestato attraverso la Digestione Anaerobica. La quantità di biogas prodotto, e la percentuale di metano contenuta nel biogas, dipendono sia dalla materia prima impiegata che dalla tecnolodigestore BIOGAS: CH4, CO2, impurità e contaminanti DIGESTATO Il digestato è il residuo finale del processo di digestione anaerobica composto da una frazione solida e da una liquida. Questo sottoprodotto può essere utilizzato a determinate condizioni come fertilizzante organico da distribuire sul terreno in sostituzione di

3 Il biometano, come detto sopra, è prodotto mediante un processo di purificazione (UP- GRADING) del biogas. A seconda dell utilizzo che se ne fa ( combustibile per autotrazione o iniezione nella rete nazionale del gas naturale) ci sono diverse tecnologie di upgrading del biogas anche economicamente sostenibili, per produrre il biometano avente determinate caratteristiche. Ad ogni modo non esiste una tecnologia che in assoluto è più vantaggiosa di un altra, ma la scelta giusta dipende principalmente da: 1. Il processo di digestione anaerobica da cui proviene il biogas; 2. La tipologia e continuità delle materie prime in ingresso al digestore; 3. La qualità e quantità di biogas grezzo che deve essere sottoposto ad up-grading; 4. Le Caratteristiche qualitative della miscela desiderate del biometano; 5. L utilizzo finale del biometano. L unità di upgrading del biogas, schematicamente riportata nella figura 1 di sotto, consiste in un operazione di separazione che permette di ottenere dalla corrente in input del biogas grezzo (raw biogas) due correnti: una corrente ricca di metano (biomethane) con determinate specifiche e l altra gas ricca di anidride carbonica (offgas). In relazione alla composizione del biogas grezzo questa unità di separazione comprende altre operazioni quali: 1. Separazione dell anidride carbonica; 2. Separazione vapor d acqua 3. Rimozione di sostanze come Ossigeno, Azoto, idrogeno solforato, ammoniaca o silos sani; 4. Compressione del biometano ad una pressione idonea agli impieghi successivi. Fig.1 Poiché non esiste una tecnologia che permette di separare tutto il metano contenuto nella corrente di biogas grezzo, la corrente dei gas di scarico contiene comunque una quantità di metano che dipende dalla tipologia di apparecchiatura di recupero utilizzata. Dal momento che i principali step per la produzione di biometano sono il processo di desolforazione del biogas grezzo e la rimozione dell anidride carbonica, di seguito saranno descritte le relative tecnologie di separazione. Va comunque precisato che l impianto di produzione di biometano si compone anche di step per la rimozione di vapor acqueo, ammoniaca, silossani e particolato. Il vapor acqueo presente nel biogas può essere separato o agendo sui parametri fisici quali temperatura e pressione oppure mediante lavaggio con glicole, adsorbimento su silicati o carbone attivo. L'ammoniaca viene solitamente separata quando il biogas viene essiccato mediante raffreddamento, considerato che la sua solubilità nell acqua in fase liquida è alta. Inoltre, la maggior parte delle tecnologie per la rimozione dell'anidride carbonica sono selettive per la rimozione di ammoniaca. Pertanto, di solito, non è necessario introdurre ulteriori apparecchiature per la separazione di tale sostanza. I silossani sono utilizzati in prodotti quali deodoranti e shampoo e possono quindi essere presenti nella miscela gassosa del biogas. E possibile rimuovere i silossani mediante raffreddamento del gas, mediante adsorbimento su carbone attivo, alluminio attivo o gel di silice, o per assorbimento in miscele di idrocarburi liquidi. La presenza di tale sostanza nel biogas e gas di discarica può causare l'usura meccanica in motori a gas, turbine e degli oleodotti. Infine, il particolato presente nel biogas viene separato mediante filtri.

4 TECNOLOGIE PER LA DESOLFORAZIONE DEL BIOGAS GREZZO Sebbene l'anidride carbonica sia il contaminante principale nel biogas grezzo, è stato dimostrato che la rimozione del solfuro di idrogeno può essere di importanza cruciale per la fattibilità tecnologica ed economica della catena di upgrading del gas. Naturalmente, questo dipende fortemente dal contenuto di zolfo nel substrato utilizzato e dalla continuità del processo di fermentazione. Il solfuro di idrogeno è un gas pericoloso e corrosivo che deve essere rimosso dal gas prima di qualsiasi ulteriore utilizzo, che si tratti di immissione in rete o di produzione di metano-combustibile. Un certo numero di tecnologie sono disponibili a tale scopo e sono sommariamente di seguito descritte. Desolforazione in-situ: precipitazione del solfuro L'aggiunta di miscele liquide di diversi sali metallici (come cloruro ferrico o solfato di ferro) al digestore o al serbatoio di miscelazione prima del digestore provoca una precipitazione del contenuto di zolfo del substrato, con la formazione di solfuro di ferro quasi insolubile nel fermentatore di biogas. Il solfuro di ferro viene rimosso dalla fermentazione insieme al digestato. Oltre alla rimozione del solfuro di idrogeno anche l ammoniaca può essere rimossa dal biogas usando tale tecnologia. Inoltre, si è osservato che si può ottenere un miglioramento del milieu liquido per i microrganismi coinvolti grazie alla riduzione di sostanze tossiche nel mezzo. Questo effetto si traduce in una migliore resa di metano. Desolforazione biologica: scrubbing biologico Il solfuro di idrogeno può essere rimosso attraverso l'ossidazione da parte di microrganismi chemioautotrofi della specie Thiobacillus o Sulfolobus. Questa ossidazione richiede una certa quantità di ossigeno che viene aggiunta attraverso una piccola quantità di aria (o ossigeno puro se i livelli di azoto devono essere ridotti al minimo) per la desolforazione biologica. Questa ossidazione può avvenire all'interno del digestore immobilizzando i microrganismi già presenti nel digestato naturale. L alternativa è quella di utilizzare una apparecchiatura esterna attraverso cui il biogas passa dopo aver lasciato il digestore. Scrubbing Chimico con ossidazione L'absorbimento di acido solfidrico in soluzioni caustiche è uno dei metodi più antichi per la desolforazione dei gas. Oggi, come soluzione caustica viene tipicamente utilizzato l idrossido di sodio e il ph è attentamente controllato per regolare la selettività di separazione. Il compito è quello di creare e mantenere un funzionamento dell'impianto con massimo adsorbimento di idrogeno solforato e minimo adsorbimento di anidride carbonica, al fine di ridurre il consumo di prodotti chimici. Adsorbimento su ossidi di metallo o carbone attivo L'idrogeno solforato può essere adsorbito sulla superficie di ossidi metallici come ossido di ferro, ossido di zinco oppure ossido di rame o su carbone attivo e perfettamente rimosso dal biogas. Durante l'adsorbimento di ossidi metallici lo zolfo si lega come solfuro metallico e viene rilasciato vapore acqueo. Non appena il materiale adsorbente si esaurisce, viene rimosso e sostituito con nuovo materiale. L'adsorbimento di idrogeno solforato su carbone attivo solitamente viene eseguito con una piccola aggiunta di ossigeno per ossidare il gas adsorbito allo zolfo e per legarlo più forte alla superficie.

5 TECNOLOGIE PER LA SEPARAZIONE DELL ANIDRIDE CARBONICA Il principio di separazione dell absorbimento si basa sulla differente solubilità dei vari componenti del gas in una soluzione liquida di scrubbing. Come risultato, il flusso di gas rimanente viene arricchito con metano e il liquido di lavaggio in uscita dalla colonna è ricco di anidride carbonica. Per mantenere le prestazioni di absorbimento, il liquido di lavaggio deve essere sostituito con liquido fresco o rigenerato in una fase separata (deassorbimento o fase di rigenerazione). Attualmente sono disponibili tre diverse tecnologie di up-grading che usano questo principio fisico. Absorbimento fisico: scrubbing ad acqua pressurizzata Le molecole del gas absorbito si solubilizzano nel liquido di lavaggio, in questo caso l'acqua. L'anidride carbonica ha una solubilità in acqua superiore a quella nel metano e sarà quindi maggiormente dissolto, in particolare a basse temperature e pressioni più elevate. L'acqua effluente in uscita dalla colonna è satura di anidride carbonica e viene trasferita ad un serbatoio in cui la pressione viene bruscamente ridotta e la maggiore parte del gas disciolto viene rilasciato. Absorbimento fisico con composti organici Molto simile al lavaggio in acqua, questa tecnologia utilizza una soluzione di solvente organico (es. glicole polietilenico) invece di acqua come liquido di lavaggio. L'anidride carbonica mostra solubilità più elevata in questi solventi che in acqua. Il risultato è che per la stessa portata di biogas grezzo sono necessari meno circolazione del liquido di lavaggio e apparecchiature più piccole. Lo scrubbing chimico con ammine Lo scrubbing con ammine è caratterizzato da un absorbimento dei componenti gassosi in un liquido di lavaggio seguito da una reazione chimica tra i componenti liquidi di lavaggio e componenti di gas absorbiti all'interno della fase liquida. La reazione chimica è fortemente selettiva (alta affinità tra anidride carbonica e solventi utilizzati come Monoetanoloammina, Dietanoloammina e Metildietanoloammina) quindi la quantità di metano absorbito nel liquido è molto bassa con conseguente recupero di metano molto elevato. Adsorbimento: Pressure swing adsorpion (PSA) La separazione del gas utilizzando l adsorbimento fa riferimento al diverso comportamento di adsorbimento che i vari componenti del gas assumono su una superficie solida sotto una pressione elevata. Solitamente, vari tipi di carbone attivo o setacci molecolari (zeoliti) sono utilizzati come materiale adsorbente. Questi materiali adsorbono selettivamente anidride carbonica dal biogas grezzo, arricchendo così il contenuto di metano del gas. Dopo l'adsorbimento ad alta pressione il materiale adsorbente esausto viene rigenerato da una diminuzione graduale della pressione e lavaggio con biogas grezzo o biologico. Tecnologia a membrana: Gaspermeation Nel processo di separazione a membrane viene sfruttata la differente permeabilità dei gas presenti nel biogas grezzo su determinate tipologie di membrane. Le membrane per l up-grading del biogas sono costituite da materiali permeabili all'anidride carbonica e in misura ridotta permeabili al metano. In questo modo la membrana permetterà di separare due correnti gassose una ricca in metano e l altra ricca in anidride carbonica.

6 Normativa Italiana sul mercato interno del gas naturale Le norme di riferimento in materia di accesso al sistema nazionale del gas sono contenute nel DLgs 164/2000, il quale prevede che per nessun motivo possa essere rifiutato l'accesso al sistema quando si tratti di gas naturale prodotto nel territorio nazionale, nel mare territoriale e nella piattaforma continentale italiana. Il medesimo decreto, dispone che l'accesso non può essere rifiutato qualora, in mancanza di capacità di connessione, il cliente sostenga il costo delle opere necessarie per rimediare a tale mancanza. Le norme in materia di accesso si applicano anche al biogas e al gas da biomassa purché possano essere immessi nel sistema senza problemi tecnici o di sicurezza. Il DL.gs. 28/ 2011 prevede di incentivare e regolamentare il collegamento degli impianti di produzione di biometano alla rete del gas naturale, prescrivendo l emanazione da parte dell AEEG di specifiche direttive per stabilire le caratteristiche chimiche e fisiche minime del biometano necessarie per l'immissione nella rete del gas naturale; per favorirne un ampio utilizzo senza generare problemi tecnici o di sicurezza; per fissare le procedure, i tempi e i criteri per la determinazione dei costi per l'espletamento di tutte le fasi istruttorie necessarie per l'individuazione e la realizzazione della soluzione definitiva di allacciamento. E di settembre 2011 la delibera ARG/gas 120/11 dell Autorità per l energia elettrica e il gas che ha avviato le procedure per la messa a punto dei procedimenti riguardanti "le condizioni tecniche ed economiche" in materia di connessione degli impianti di produzione di biometano alla rete del gas in Italia, secondo quanto previsto dal Decreto legislativo n. 28/11 di attuazione della direttiva europea 2009/28/CE. Il 26 aprile 2012 l Autorità per l energia elettrica e il gas ha pubblicato sul proprio sito il documento di Consultazione DCO 160/2012/R/gas con proposte per la definizione delle condizioni tecniche ed economiche delle connessione degli impianti di produzione di biometano alle reti del gas naturale. La proposte dell Autorità si basano su principi di trasparenza e neutralità, nel rispetto della sicurezza e dell efficienza tecnica di gestione. Trattamento Fiscale del gas naturale biologico A norma del comma 6 dell art. 26 del TUA (D.Lgs. 504/95) non sono sottoposte ad accisa le miscele gassose di gas naturale di origine biologica destinate agli usi propri del soggetto che le produce. Sono previste agevolazioni nel caso in cui il produttore del gas metano biologico lo impieghi per produrre energia elettrica da: a) utilizzare per gli usi propri; b) rivendere ad altro soggetto. Viceversa, qualora il gas naturale biologico non venga utilizzato in proprio ma viene ceduto a terzi, lo stesso deve essere sottoposto al regime generale delle accise alla stregua del gas naturale.

7 Mentre la produzione del biogas è diffusa sia in Italia che in molti paesi europei, la produzione del biometano è in fase embrionale, relativo ai costi di produzione dello stesso per l immissione in rete e agli sviluppi regolamentari relativamente alla connessione degli impianti di biometano in rete. Secondo alcuni studi, i fattori chiave che determinano il costo di produzione del biogas sono: la dimensione dell impianto di fermentazione e il tipo di substrato utilizzato; infatti alcuni studi, riportano che l ipotesi di immissione in rete del biometano non dovrebbe essere presa in considerazione, per ragioni di economicità, per impianti di taglia inferiori a 50 m3/h. Anche il tipo di substrato utilizzato sembra incidere fortemente sul costo di produzione, infatti in funzione del tipo di substrato variano il potenziale energetico per unità di massa, il costo della preparazione e il costo del trasporto del substrato medesimo. In questo contesto appare interessante riportare gli approcci relativi ai contributi per la connessione seguiti in due paesi dell Unione Europea che hanno individuato nello sviluppo del biometano una risorsa importante per il raggiungimento degli obiettivi del pacchetti Clima-Energia. Nel Regno Unito è previsto che il soggetto richiedente la connessione alle reti del gas naturale di impianti di produzione di biometano sopporti il costo relativo agli impianti di rete per la connessione e a eventuali rinforzi di rete. In Germania è stato adottato un approccio diverso: per le connessioni con lunghezza massima fino a 1 km i costi per l allacciamento alla rete devono essere sostenuti per il 75% dal gestore di rete e per il 25% dal soggetto richiedente l allacciamento con un tetto massimo di euro per le connessioni con lunghezza superiore a 1 km e fino a 10 km, i costi per l allaccio devono essere sostenuti per il 75% dal gestore di rete e il 25% dal soggetto richiedente Per connessioni superiori a 10 km, il costo dei primi 10 chilometri è ripartito secondo la proporzione indicata al punto precedente, mentre per la parte eccedente il costo è completamento a carico del richiedente. Fonti: Documento per la consultazione 160/2012/R/GAS. Autorità per l energia e il gas Documento del progetto di Biomethane Regions D tecnologie di up-grading del Biogas

8 Questo documento è stato realizzato nell ambito del Progetto Bio-Methane Regions : PROMOZIONE E SVILUPPO DEL MERCATO DEL BIOMETANO ATTRAVERSO PARTNERSHIP LOCALI REGIONALI Ulteriori informazioni su REGIONE ABRUZZO/ARAEN Via Passolanciano, Pescara (Italy) La responsabilità dei contenuti di questo documento è degli autori. Non rappresenta l'opinione della Comunità Europea. La Commissione Europea non è responsabile per gli usi che possono essere fatti delle informazioni qui contenute.

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

Principi base e tecnologie dell upgrading

Principi base e tecnologie dell upgrading Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. Principi base e tecnologie dell upgrading Sergio Piccinini, Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali CRPA IL DECRETO PER IL BIOMETANO ITALIANO:

Dettagli

Le tecnologie per la purificazione del biogas: costi e possibilità

Le tecnologie per la purificazione del biogas: costi e possibilità la purificazione : costi e possibilità CONVEGNO IL BIOMETANO : un opportunità per le aziende agrozootecniche Sergio Piccinini, Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 6 marzo 2014

Dettagli

Upgrading del biogas a biometano tecnologie a confronto

Upgrading del biogas a biometano tecnologie a confronto Upgrading del biogas a biometano tecnologie a confronto W. Giacetti, E. Parelli, R. Corleto ECOMONDO 2014- Sessione Tecnica: IL BIORIFIUTO Rimini, 6 novembre 2014 ETRA S.p.A. Impianti biogas di ETRA S.p.A.

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

BIO-DESOLF DESOLFORATORE BIOLOGICO PER BIOGAS

BIO-DESOLF DESOLFORATORE BIOLOGICO PER BIOGAS BIO-DESOLF DESOLFORATORE BIOLOGICO PER BIOGAS BIO-DESOLF DESOLFORATORE BIOLOGICO PER BIOGAS RELAZIONE TECNICA BIO-DESOLF ECOCHIMICA 1 di 14 ECOCHIMICA SYSTEM s.r.l. - 36051 CREAZZO (VI) - Via Zambon 23

Dettagli

DAL BIOGAS AL BIOMETANO TECNOLOGIE DI UPGRADING

DAL BIOGAS AL BIOMETANO TECNOLOGIE DI UPGRADING DAL BIOGAS AL BIOMETANO TECNOLOGIE DI UPGRADING ELABORATO DA VIENNA UNIVERSITY OF TECHNOLOGY (AUSTRIA), Institute of Chemical Engineering Research Divison Thermal Process Engineering and Simulation NELL

Dettagli

DAL BIOGAS AL BIOMETANO

DAL BIOGAS AL BIOMETANO IT DAL BIOGAS AL BIOMETANO Tecnologie Di Upgrading With the support of DAL BIOGAS AL BIOMETANO TECNOLOGIE DI UPGRADING ELABORATO DA VIENNA UNIVERSITY OF TECHNOLOGY (AUSTRIA), Institute of Chemical Engineering

Dettagli

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano Non tutto il gas è uguale. Paola Comotti, Silvia Bertagna

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano Non tutto il gas è uguale. Paola Comotti, Silvia Bertagna approfondimenti Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano Non tutto il gas è uguale. Paola Comotti, Silvia Bertagna ISSI - Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097

Dettagli

Bologna - 24 ottobre 2014

Bologna - 24 ottobre 2014 Bologna - 24 ottobre 2014 Biometano e Fonti rinnovabili. Quadro legislativo e normativo C. Fiameni Funzionario tecnico CIG DM 5 dicembre 2013 Modalità di incentivazione del biometano immesso nella rete

Dettagli

Le prospettive del biometano in Italia

Le prospettive del biometano in Italia Progetto GasHighWay Montecatini Terme 30 settembre 2011 Le prospettive del biometano in Italia Dott. Maurizo Cocchi Ing. Stefano Capaccioli 1 IEE/08/545/SI2.528537, www.gashighway.net Biogas e Biometano

Dettagli

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai Seminario biomassa da rifiuti Tecnologie per la produzione di biogas ed energia prof. ing. Antonio Lallai Dipartimento di Ingegneria Chimica e Materiali Università degli S tudi di Cagliari 1 Che cos è

Dettagli

Centro Congressi Zanhotel Centergross Bologna, 16/12/2013. Biometano Estense s.r.l. Tutti i diritti riservati

Centro Congressi Zanhotel Centergross Bologna, 16/12/2013. Biometano Estense s.r.l. Tutti i diritti riservati Centro Congressi Zanhotel Centergross Bologna, 16/12/2013 Biometano Estense s.r.l. è una società nata per volonta di 3 soci che da diversi anni operano nel campo del trattamento del gas naturale e del

Dettagli

Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas

Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas ANDREA OGLIETTI Direttore Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Milano, 4 aprile 2014 1 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

Biometano e immissione in rete: aspetti tecnici

Biometano e immissione in rete: aspetti tecnici INNOVHUB-STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA DIVISIONE STAZIONE SPERIMENTALE PER I COMBUSTIBILI Biometano e immissione in rete: aspetti tecnici Paola Comotti Gas Naturale/Biogas/Biometano: definizioni

Dettagli

-Ipotesi di un Polo di Upgrading-

-Ipotesi di un Polo di Upgrading- Studio delle potenzialitàdi mercato del Biometano in Italia e analisi della redditivitàdi un investimento in tecnologie di Upgrading -Ipotesi di un Polo di Upgrading- PARTECIPANTI Roberto Cunial Antonio

Dettagli

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli Sala Bach 13/10/2011 Sessione C6H6 Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Prof. Aurelio Pietro Stefanelli

Dettagli

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI Ing. Alessandro Massone Austep S.r.l. Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com www.austep.com 1 LA COGENERAZIONE

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

UPGRADING DI UN IMPIANTO DI BIOGAS A BIOMETANO STUDIO DI PREFATTIBILITÀ

UPGRADING DI UN IMPIANTO DI BIOGAS A BIOMETANO STUDIO DI PREFATTIBILITÀ Università degli Studi dell Aquila Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell'informazione e di Economia UPGRADING DI UN IMPIANTO DI BIOGAS A BIOMETANO STUDIO DI PREFATTIBILITÀ S A R A C O N T E S T

Dettagli

LE APPLICAZIONI DEL BIOGAS: VALUTAZIONE ECONOMICA ED AMBIENTALE

LE APPLICAZIONI DEL BIOGAS: VALUTAZIONE ECONOMICA ED AMBIENTALE LE APPLICAZIONI DEL BIOGAS: VALUTAZIONE ECONOMICA ED AMBIENTALE Giancarlo Caponio, Salvatore Digiesi, Giorgio Mossa, Giovanni Mummolo Ing. Giancarlo Caponio, Ph. D. candidate Dipartimento di Meccanica,

Dettagli

Marco Caliceti. 24/01/2011 - ENEA Roma BIOCARBURANTI: RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 28/2009 E SVILUPPO DEL SETTORE

Marco Caliceti. 24/01/2011 - ENEA Roma BIOCARBURANTI: RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 28/2009 E SVILUPPO DEL SETTORE Marco Caliceti Ottobre 2010. Ampia convergenza sul documento: Indicazioni per lo sviluppo della Filiera Biogas biometano, Italia 2020 CRPA Centro Ricerche Produzioni Animali Confagricoltura ITABIA CIA

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Le tecnologie BTS Biogas per il biometano

Le tecnologie BTS Biogas per il biometano Le tecnologie BTS Biogas per il biometano Matthias Rogger, BTS Biogas Srl/GmbH TSenergyGroup 2014 1 Struttura Aspetti generali Descrizione della nuova situazione Tecnologia upgrading Configurazione impianto

Dettagli

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica S. Menardo, P. Balsari Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Agrarie,

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI Ravenna 26 settembre 2012 Austep SpA Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com AUSTEP opera dal 1995 con

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26)

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26) Figura 24: Zone di influenza dei pozzetti delle reti centrale, perimetrale e di controllo. Si può osservare che, per un maggiore controllo ambientale, i volumi di influenza delle reti perimetrale e quella

Dettagli

Misure ambientali ed energetiche del nuovo PSR 2014-2020 Lodi, 31 marzo 2015. Sistemi di upgrading a confronto e quadro normativo. M.

Misure ambientali ed energetiche del nuovo PSR 2014-2020 Lodi, 31 marzo 2015. Sistemi di upgrading a confronto e quadro normativo. M. Misure ambientali ed energetiche del nuovo PSR 2014-2020 Lodi, 31 marzo 2015 Sistemi di upgrading a confronto e quadro normativo M. Scagliotti Il ruolo di RSE nella ricerca RSE Ricerca sul Sistema Energetico

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER LE BIOMASSE Le biomasse sono le materie prime rinnovabili capaci di produrre energia che si ottengono sia dagli scarti che dai residui delle attività agricole, zootecniche e forestali. PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

Dettagli

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO Roberto Murano Catania, Venerdì 14 Marzo 2014 Biometano: che cosa è? Il biogas è prodotto attraverso la decomposizione biologica di sostanza

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Chapter 04-04 page 1 04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Ci sono essenzialmente cinque diversi processi tra cui scegliere per la produzione di energia utile da qualsiasi

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano: presente e futuro per case e automobili

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano: presente e futuro per case e automobili INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano: presente e futuro per case e automobili Silvia Bertagna Paola

Dettagli

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione Filtrazione: definizioni La FILTRAZIONE è un comune metodo di separazione basato sul seguente principio: le particelle più piccole di una determinata dimensione passano attraverso i pori di un filtro,

Dettagli

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs)

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Bietigheim-, 02.08.2010 I metodi catalitici per trattare gli inquinanti atmosferici

Dettagli

PIATTAFORMA ENERGETICA PER IL TRATTAMENTO DELLA FORSU CON PRODUZIONE DI BIOMETANO

PIATTAFORMA ENERGETICA PER IL TRATTAMENTO DELLA FORSU CON PRODUZIONE DI BIOMETANO PIATTAFORMA ENERGETICA PER IL TRATTAMENTO DELLA FORSU CON PRODUZIONE DI BIOMETANO S.A.T.I. Engineering S.r.l., società nata nel 2014 con lo scopo di ottimizzare le risorse energetiche alternative e rinnovabili,

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it Dessì Alessandro Cagliari 12 Marzo 2009 Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it IL LABORATORIO BIOMASSE E BIOCOMBUSTIBILI Il laboratorio è stato realizzato nell ambito del Cluster Tecnologico

Dettagli

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula Centro per lo sviluppo del polo di Cremona L energia da biomasse e biogas nel mix energetico GER 2011 12 Le Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) Energia e biomassa La biomassa utilizzabile ai fini energetici

Dettagli

La digestione anaerobica

La digestione anaerobica La digestione anaerobica Descrizione del processo e Bilancio di massa La riforma della politica energetica dell Unione Europea e le conseguenti legislazioni e regolamentazioni a livello nazionale, hanno

Dettagli

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura.

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura. Biomassa La materia organica vegetale è prodotta per effetto del processo di fotosintesi clorofilliana, che grazie all apporto dell energia del sole consente di trasformare semplici elementi minerali in

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

Polo Territoriale di Cremona Le incentivazioni al biometano

Polo Territoriale di Cremona Le incentivazioni al biometano Polo Territoriale di Cremona Le incentivazioni al biometano La normativa di incentivazione 2 Nel 2013 nel Mondo si contano 340 impianti di upgrading del biogas, con una preminenza in Europa. Germania:

Dettagli

BIOMETANO: Esempi virtuosi in Europa

BIOMETANO: Esempi virtuosi in Europa BIOMETANO: Esempi virtuosi in Europa LABMEETING, RAVENNA, 26 SETTEMBRE 2012 AdMil srl Strada Savonesa, 9 15057 Tortona AL Tel. +39 0131 860900 info@admil.com www.admil.com Perché biometano La purificazione

Dettagli

GNL a chilometri zero Ancona, 16 Luglio 2014. Tecnologie della criogenia per la liquefazione di metano e biogas

GNL a chilometri zero Ancona, 16 Luglio 2014. Tecnologie della criogenia per la liquefazione di metano e biogas GNL a chilometri zero Ancona, 16 Luglio 2014 Tecnologie della criogenia per la liquefazione di metano e biogas Premessa Il convegno introduce nel suo titolo alcune parole chiave che orientano chiaramente

Dettagli

DA RIFIUTI A RISORSA A IMPATTO ZERO

DA RIFIUTI A RISORSA A IMPATTO ZERO DA RIFIUTI A RISORSA A IMPATTO ZERO Trasformare in metano naturale la materia organica con impianti ad alta efficienza senza alcun processo combustivo e scarti da conferire in discarica: - nel rispetto

Dettagli

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)!

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! F. Ruggeri, L. Mancuso, G.Collodi, Foster Wheeler Italiana. Milano, 20 maggio 2010 Agenda Schema d impianto Preparazione

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Il Biometano: sistemi e tecnologie BTS

Il Biometano: sistemi e tecnologie BTS Il Biometano: sistemi e tecnologie BTS Ing. M. Rogger, BTS Biogas TSenergyGroup 2015 1 Struttura della presentazione 1. Generale 2. Incentivazione del biometano 3. Novità sulle normative 4. Il biometano

Dettagli

LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA. LA BIOMASSA: I PROCESSI DI CONVERSIONE ENERGETICA I processi biochimici

LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA. LA BIOMASSA: I PROCESSI DI CONVERSIONE ENERGETICA I processi biochimici Sei in: agricoltura biologica>produzione di energia da fonti rinnovabili>biomasse LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA LA BIOMASSA: I PROCESSI DI CONVERSIONE ENERGETICA I processi

Dettagli

Tecnologie di trattamento del percolato

Tecnologie di trattamento del percolato Tecnologie di trattamento del percolato Corso di Gestione dei Rifiuti Solidi Dipartimento IMAGE dott. ing. Luca Alibardi a.a.2004-2005 INTRODUZIONE Il percolato proveniente dalle discariche controllate

Dettagli

Generatori di azoto MAXIGAS Purezza & Semplicità

Generatori di azoto MAXIGAS Purezza & Semplicità generatori di gas Generatori di azoto MAXIGAS Purezza & Semplicità : i NUOVI generatori di azoto domnick hunter - l alternativa economica, sicura ed affidabile alle bombole di gas e gas liquido Quanto

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Nuove filiere energetiche in Emilia-Romagna

Nuove filiere energetiche in Emilia-Romagna Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

Investing in biomethane: incentive design, optimal diet and energy efficiency. Market comparison Italy vs EU Member States

Investing in biomethane: incentive design, optimal diet and energy efficiency. Market comparison Italy vs EU Member States Centro interdipartimentale di ricerca «CENTRO STUDI DI ECONOMIA E TECNICA DELL ENERGIA GIORGIO LEVI CASES PRESENTAZIONE PROGETTO DI ASSEGNO DI RICERCA 2015: Investing in biomethane: incentive design, optimal

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

Tecnologie per la produzione e impiego del biometano

Tecnologie per la produzione e impiego del biometano Tecnologie per la produzione e impiego del biometano Vito Pignatelli, Vincenzo Alfano ENEA - Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e Protezione della Salute Possibili impieghi del biogas Produzione

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Generatori di azoto HPN PRISM

Generatori di azoto HPN PRISM Generatori di azoto HPN PRISM I generatori di azoto HPN PRISM sono in grado di produrre azoto gassoso ad alta purezza fino ad una portata massima di 3.500 Nmc/h. Questi sistemi on site offrono una produzione

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1 BONIFICA - intervento necessario al risanamento di situazioni di contaminazione create da eventi accidentali o a seguito dell individuazione di fenomeni di inquinamento derivanti da attività lavorative.

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Energie Versorgung Margarethen. Impianto biogas di Margarethen am Moos. Una nuova via.

Energie Versorgung Margarethen. Impianto biogas di Margarethen am Moos. Una nuova via. Energie Versorgung Margarethen Impianto biogas di Margarethen am Moos. Una nuova via. L impianto biogas: L impianto è in funzione dal 2006, produce 625kW el di corrente e fornisce alla sede e a 60 famiglie

Dettagli

LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE

LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE 1. Formazione degli odori Le sostanze che causano diffusione di odori molesti, nell atmosfera circostante

Dettagli

Generazione di biometano per autotrazione su piccola scala. Chiara Gamberini - Safe SpA Convegno sul Biometano Bologna - 16-12-2013

Generazione di biometano per autotrazione su piccola scala. Chiara Gamberini - Safe SpA Convegno sul Biometano Bologna - 16-12-2013 Generazione di biometano per autotrazione su piccola scala Chiara Gamberini - Safe SpA Convegno sul Biometano Bologna - 16-12-2013 LO STESSO MARCHIO PER PIÙ BUSINESS I NOSTRI VALORI I tecnici Safe collaborano

Dettagli

Spaghetti e Biocarburanti: le opportunità di sviluppo e impatti dei biocombustibili sul settore agroalimentare Rimini, 9 Novembre 2007 Biometano: prospettive in Italia Sergio Piccinini Centro Ricerche

Dettagli

Energia e Bioprodotti da biomassa

Energia e Bioprodotti da biomassa Tavola Rotonda BioEnergy Academy Energia e Bioprodotti da biomassa Silvana Castelli Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Biologia e Biotecnologia

Dettagli

Progetta l energia. Istituto Cavanis Possagno

Progetta l energia. Istituto Cavanis Possagno 2011 Progetta l energia Istituto Cavanis Possagno 1.0 Finalità Questo progetto nasce in risposta al bando di Concorso promosso dal MIUR-CEV per il risparmio energetico. Il bando richiedeva la proposta

Dettagli

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.)

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) TRAFORMAZIONE IN BIOMETANO - COMPOST CON RECUPERO DELLA CO2 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I.

Dettagli

S.A.T.I. Engineering s.r.l.

S.A.T.I. Engineering s.r.l. BIOMETANO 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I. Engineering s.r.l. È una società nata nel 2014 con lo scopo di ottimizzare le risorse energetiche alternative rinnovabili. Evitare inutili emissioni di CO 2 in

Dettagli

S.A.T.I. Engineering s.r.l.

S.A.T.I. Engineering s.r.l. IMPIANTI BIOMETANO 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I. Engineering s.r.l. È una società nata nel 2014 con lo scopo di ottimizzare le risorse energetiche alternative rinnovabili. Evitare inutili emissioni di

Dettagli

S.A.T.I. Engineering s.r.l.

S.A.T.I. Engineering s.r.l. RECUPERO CO2 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I. Engineering s.r.l. È una società nata nel 2014 con lo scopo di ottimizzare le risorse energetiche alternative rinnovabili. Evitare inutili emissioni di CO 2

Dettagli

S.A.T.I. Engineering s.r.l.

S.A.T.I. Engineering s.r.l. MICROALGHE 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I. Engineering s.r.l. È una società nata nel 2014 con lo scopo di ottimizzare le risorse energetiche alternative rinnovabili. Evitare inutili emissioni di CO 2 in

Dettagli

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.)

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) DESIGN BY UFFICIOSTAMPA SATI ENGINEERING RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) TRAFORMAZIONE IN BIOMETANO - COMPOST CON RECUPERO DELLA

Dettagli

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.)

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) DESIGN BY UFFICIOSTAMPA SATI ENGINEERING RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) TRAFORMAZIONE IN BIOMETANO - COMPOST CON RECUPERO DELLA

Dettagli

La conceria e l impatto ambientale

La conceria e l impatto ambientale La conceria e l impatto ambientale 1 Inquinamento da attività conciaria L industria conciaria, pur non essendo peggiore di molte altre attività industriale, è considerata altamente inquinante. Ciò è dovuto

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

AUSTEP tra esperienza e innovazione

AUSTEP tra esperienza e innovazione biogas impianti AUSTEP tra esperienza e innovazione Dal 1995 AUSTEP progetta e realizza impianti di trattamento anaerobici per il settore industriale. In seguito ai recenti cambiamenti ambientali e alle

Dettagli

Energia dalla depurazione delle acque: a Collegno primo impianto industriale in Europa

Energia dalla depurazione delle acque: a Collegno primo impianto industriale in Europa Energia dalla depurazione delle acque: a Collegno primo impianto industriale in Europa Primo sistema in Europa di taglia industriale per trasformare il processo di depurazione in risorsa, grazie ad una

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Purificazione e upgrading del biogas in biometano

Purificazione e upgrading del biogas in biometano Presentazione della pubblicazione Purificazione e upgrading del biogas in biometano Marco Mezzadri Consulente Veneto Agricoltura Sportello di Orientamento per le Bioenergie Biogas PROVINCIA DI TREVISO

Dettagli

Biogas e biometano: la scelta dell impianto giusto

Biogas e biometano: la scelta dell impianto giusto Biogas e biometano: quale dei due? Impianti e territori della Green Economy Milano, 28 ottobre 2011 Biogas e biometano: la scelta dell impianto giusto Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

PROSPETTIVE E COMPATIBILITA NELLA PRODUZIONE DI ENERGIA DA RESIDUI Asti, 5 marzo 2012 Prof. Ing GENON Giuseppe Ing PANEPINTO Deborah Forme di conversione energetica delle biomasse Conversione delle biomasse

Dettagli

Specifiche Tecniche ed Offerta Economica. Carignano, 26/01/2006. Spett. Rif. Offerta Energia Solare: N. Oggetto: Impianto di biogas Family

Specifiche Tecniche ed Offerta Economica. Carignano, 26/01/2006. Spett. Rif. Offerta Energia Solare: N. Oggetto: Impianto di biogas Family ENERGIA SOLARE S.r.l. Impianti Solari Termici e Fotovoltaici Uffici e stabilimento: Strada Saluzzo 75/A 10041 Carignano (TO) ITALY Tel.: +39 011 9697202; Fax: +39 011 9693135 Web: www.energiasolare.com

Dettagli

Biogas e Biometano: tecnologie, situazione e prospettive. Giornata di studio AGROENERGIE E BIOCOMBUSTIBILI. Sergio Piccinini

Biogas e Biometano: tecnologie, situazione e prospettive. Giornata di studio AGROENERGIE E BIOCOMBUSTIBILI. Sergio Piccinini ACCADEMIA DEI GEORGOFILI Giornata di studio AGROENERGIE E BIOCOMBUSTIBILI Biogas e Biometano: tecnologie, situazione e prospettive Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia FIRENZE

Dettagli

Il Gasolio Autotrazione

Il Gasolio Autotrazione Il Gasolio Autotrazione Con il termine gasolio autotrazione viene indicata una miscela di idrocarburi idonea per essere impiegata nei motori diesel. Il gasolio commercializzato in Italia deve possedere

Dettagli

BIOGAS: CENNI NORMATIVI

BIOGAS: CENNI NORMATIVI BIOGAS: CENNI NORMATIVI RELATORE: avv. Federico Manzalini DEFINIZIONE DI BIOGAS E una miscela di vari tipi di gas prodotti dalla fermentazione batterica di residui organici provenienti da rifiuti vegetali

Dettagli

ELIMINAZIONE DELL ARSENICO DALLE ACQUE POTABILI

ELIMINAZIONE DELL ARSENICO DALLE ACQUE POTABILI ELIMINAZIONE DELL ARSENICO DALLE ACQUE POTABILI Fondamenti di chimica-fisica I processi Scelta del processo: ANDEL POLARY TH05 IL PROBLEMA DELL ARSENICO L arsenico è un elemento con presenza ubiquitaria

Dettagli

Il Biometano e il futuro della Green Economy

Il Biometano e il futuro della Green Economy PROGETTO BIOMETANO REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO DA IMMETTERE NELLA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE E/O REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE DI SERVIZIO/DISTRIBUZIONE METANO

Dettagli