SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9"

Transcript

1 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio di strumento derivato è un contratto future, che consiste nell accordo fra due parti a scambiarsi una certa quantita di un attivita standardizzata (nota come attivita sottostante) a un prezzo e a una data futura prestabiliti. Nella misura in cui si modifica il valore dell attivita sottostante, si modifica anche il valore dello strumento derivato: questo legame e l aspetto che caratterizza tutti gli strumenti derivati. 2. Il contratto a pronti è un accordo che si realizza al tempo 0, in virtu del quale il venditore del titolo accetta di cederlo immediatamente e l acquirente di pagarlo immediatamente (o nell arco di pochi giorni). Un contratto a termine è un accordo che si realizza al tempo 0 fra acquirente e venditore per la cessione di un attivita non standardizzata in cambio di un certo importo di denaro in una data futura. Le caratteristiche dell attivita oggetto della cessione e il prezzo da pagare alla scadenza del forward sono stabiliti al tempo 0. Un contratto futures è un accordo che si realizza al tempo 0 fra acquirente e venditore per la cessione di un attivita standardizzata in cambio di un certo importo di denaro in una data futura. Ciascun contratto futures ha scadenze standardizzate e le transazioni hanno luogo in un mercato organizzato. Uncontratto futures, quindi, è molto simile a un contratto forward. Un importante differenza fra le due tipologie contrattuali risiede nella circostanza che, mentre i forward sono contratti bilaterali esposti al rischio di insolvenza della controparte, nel caso dei futures tale rischio e notevolmente ridotto dall esistenza di una clearing house, cioe un soggetto che garantisce l esecuzione dei contratti conclusi e l indennizzo delle controparti contro il rischio di credito o di insolvenza. Una seconda differenza tra forward e futures riguarda il prezzo del contratto, che nel caso dei forward rimane fisso per tutta la vita del contratto. 3. Le negoziazioni provenienti dal pubblico degli investitori sono effettuate tramite un intermediario che agisce in conto terzi, detto floor broker. Ogniqualvolta riceve un ordine, ciascun floor broker puo trattare con un altro floor broker o con un dealer (noto anche come trader professionista). I dealer svolgono una funzione simile a quella degli operatori specialisti nei mercati azionari, in quanto eseguono le transazioni in conto proprio. 4. Nel caso in cui il cliente registri delle perdite nella posizione futures (quando il suo portafoglio e valorizzato sulla base delle quotazioni di chiusura, ossia è marked to market, con addebito o accredito dei margini di variazione) e il livello dei fondi nel conto di margine scenda al di sotto di un certo livello (il cosiddetto margine di mantenimento), l intermediario invita il cliente a reintegrare il conto. Si parla in tal caso di richiamo del margine di garanzia (margin call), ossia l intermediario chiede al cliente di depositare fondi supplementari nel proprio conto di margine, ristabilendo il livello iniziale. Il margine iniziale è un deposito di garanzia richiesto in caso di negoziazione di futures; ha la funzione di assicurare che i termini di un contratto futures siano rispettati. Il margine di mantenimento è un margine minimo che un operatore in futures è tenuto a detenere una volta assunta una posizione in contratti futures. Il deposito di liquidità supplementare, finalizzato a ripristinare il livello iniziale del margine, è richiesto quando un operatore registra perdite sulla posizione in futures e il livello della liquidità depositata presso il conto di margine scende al di sotto del livello del margine di mantenimento. 1

2 Il margine di variazione èil pagamento quotidiano effettuato tra venditore e acquirente, in funzione delle oscillazioni del prezzo futures: il prezzo del contratto per l operatore che ha assunto una posizione in futures varia giorno per giorno al variare del prezzo rilevato nel mercato futures. I pagamento si concretizzano in flussi positivi (negativi) per l acquirente del contratto futures quando il prezzo aumenta (diminuisce) e flussi positivi (negativi) per il venditore del contratto futures quando il prezzo diminuisce (aumenta). 5. L ordine trasmesso al broker puo essere di acquisto del contratto (il possessore assume una posizione lunga nel contratto) o di vendita del contratto (il possessore assume una posizione corta nel contratto). 6. Significa che un contratto futures su Euro Bund può essere acquistato (posizione lunga) o venduto (posizione corta) al 103,13% del valore nominale dell Euro Bund. 7. a. 6488,5 b. 48 c m 8 a. corta b.corta c. lunga d.si subisce una perdita 9. a. L operatore deve prendere in consegna i titoli al prezzo di ad una data scadenza futura. b. La perdita è pari a c. Il guadagno è pari a Un opzione (option) è un contratto che conferisce al possessore il diritto, ma non l obbligo, di acquistare o vendere l attivita sottostante a un prezzo e per un periodo di tempo prefissati. Un opzione americana (american option) conferisce al possessore il diritto di acquistare o vendere l attivita sottostante in qualsiasi momento, sia prima della scadenza sia a scadenza. Un opzione europea (european option) conferisce al possessore il diritto di acquistare o vendere l attivita sottostante soltanto a scadenza. La maggior parte delle opzioni negoziate sulle Borse degli Stati Uniti e costituita da opzioni americane. In Italia, le opzioni sull indice S&P/MIB sono di tipo europeo, mentre quelle aventi come sottostante singoli titoli azionari sono di tipo americano. L opzione è un contratto asimmetrico, a differenza dei contratti futures o froward che sono bilaterali. 11. Un opzione call conferisce all acquirente il diritto di comprare l attivita sottostante (per esempio, un azione) a un prezzo predeterminato, il cosiddetto prezzo di esercizio o strike price (X), dietro pagamento al venditore di un premio call (C), che consiste in una commissione pagata in anticipo. Un opzione put conferisce all acquirente il diritto di vendere al venditore dell opzione il titolo sottostante (per esempio, un azione) a un prezzo predeterminato, a fronte del pagamento al venditore di un premio put (P). 12. L opzione call su futures su Euro Bund permette al possessore di acquistare il futures su Euro 2

3 Bund ad un prezzo determinato. Per trarre profitto, il possessore dell opzione dovrebbe essere in grado di vendere immediatamente il Bund ad un prezzo più elevato. Se il valore dell attività sottostante diminuisce, il profitto atteso per il venditore aumenta. Se a scadenza il prezzo dell attivita sottostante è inferiore al prezzo di esercizio, l acquirente della call non esercita l opzione. Il profitto massimo che il venditore puo ottenere e pari al premio, corrispostogli in anticipo dall acquirente. Se il prezzo dell azione sottostante aumenta, il venditore della call ha una perdita potenziale illimitata. Se a scadenza il prezzo dell attivita sottostante è superiore al prezzo di esercizio l acquirente della call esercita l opzione, costringendo il venditore ad acquistare l attivita sottostante all elevato prezzo di mercato corrente e a rivenderla all acquirente dell opzione al prezzo di esercizio, che è inferiore al prezzo corrente di mercato). 13. Minore è il prezzo dell azione sottostante alla scadenza dell opzione, maggiore è il profitto derivante dall esercizio dell opzione per l acquirente della put. Quando il prezzo dell attivita sottostante aumenta, il venditore dell opzione put ha una maggiore probabilita di ottenere un profitto. Se a scadenza il prezzo dell azione sottostante è maggiore del prezzo di esercizio, l acquirente della put non esercita l opzione. Il profitto massimo che il venditore di un opzione put può ottenere, tuttavia, è limitato al premio. 14. a. Il profitto netto per l acquirente dell opzione call che la esercita è pari alla differenza tra il prezzo di mercato dell attività sottostante e il prezzo call (prezzo di esercizio sommato al premio), quindi 1,5 ( ,5). b.se il prezzo del sottostante diminuisce passando a 22, l acquirente che esercita l opzione subisce una perdita pari a -5, a. Il prfitto netto per l acquirente dell opzione put che la esercita è pari alla differenza tra il prezzo di esercizio al netto del premio e il prezzo di mercato dell attività sottostante, quindi -0,3 ( 2,6-2,8-0,1). b. Se il presso del sottostante scende passando a 2,4, l acquirente che esercita l opzione ha un profitto pari a 0, Il possessore (l acquirente) di un opzione ha tre possibilita per liquidare la propria posizione: a) se non si verificano mai le condizioni favorevoli per l esercizio (ossia l opzione rimane out of the money), il possessore può lasciare che l opzione giunga a scadenza senza essere esercitata oppure venderla sul mercato; b) se si verificano le condizioni favorevoli per l esercizio (ossia l opzione e in the money), il possessore puo assumere il lato opposto della transazione: l acquirente dell opzione può vendere integralmente o in parte le opzioni precedentemente acquistate; c) se si verificano le condizioni favorevoli per l esercizio (ossia opzione in the money), il possessore può esercitare l opzione, avvalendosi dei termini contrattuali dell opzione. Nel caso di opzione americana, l esercizio puo avvenire in teoria in qualsiasi momento prima della scadenza, mentre nel caso di un opzione europea può avvenire soltanto a scadenza. 17. a. 197 b

4 18. In base al modello di Black-Scholes, il prezzo di un opzione europea su un titolo che non eroga dividendi durante la vita dell opzione dipende da cinque fattori: - il prezzo a pronti dell attivita sottostante; - il prezzo di esercizio dell opzione; - la data di esercizio (o di scadenza) dell opzione; - la volatilita del prezzo dell attivita sottostante; - il tasso di interesse privo di rischio. 19. I covered warrant, noti anche come synthetic warrant o third party warrant, sono opzioni cartolarizzate emesse da intermediari finanziari su sottostanti a elevata liquidita. I covered warrant, come le comuni opzioni, attribuiscono al possessore la facolta di acquistare (call) o vendere (put) una determinata attività sottostante a un prezzo prefissato (prezzo d esercizio o strike price) entro una certa data oppure a una certa data. L attivita sottostante può essere un azione, un paniere di azioni (per esempio, appartenenti al medesimo settore industriale), un indice borsistico, un tasso d interesse, una commodity, un tasso di cambio e così via. L attributo covered indica che l emittente dovrebbe tendenzialmente detenere l attività sottostante l opzione e, pertanto, sarebbe in grado di soddisfare gli obblighi di consegna nel caso di un covered call semplicemente attingendo al proprio magazzino titoli. In concreto, invece, l emittente si copre con modalita diverse che raramente implicano il possesso del sottostante. Sebbene il contenuto finanziario dello strumento sia il medesimo, i covered warrant presentano alcune differenze rispetto ai contratti d opzione tradizionali. La differenza principale, dalla quale discendono numerose conseguenze operative, e rappresentata dalla natura cartolarizzata (securitized) del covered warrant, ossia dal fatto che il covered è un titolo e non un contratto scambiato su un mercato di derivati. I covered warrant sono, infatti, titoli emessi da un istituzione finanziaria e non, come le opzioni, posizioni contrattuali aperte presso la clearing house di un mercato di derivati. Altre differenze significative tra covered warrant e opzioni si riscontrano in termini di scadenza, parita e modalita di liquidazione. La scadenza, ossia la data entro la quale (se americano) o nella quale (se europeo) il diritto d opzione deve essere esercitato, e tipicamente piu elevata per i covered warrant che per le opzioni. I covered warrant quotati presso il SeDeX (Securitised Derivatives Exchange)13 della Borsa Italiana presentano scadenze comprese tra un anno e cinque anni, mentre le opzioni quotate all IDEM sono disponibili per le quattro scadenze trimestrali del ciclo marzo/giugno/settembre/dicembre, le due scadenze mensili piu prossime e quattro scadenze semestrali del ciclo giugno/dicembre. Possono essere scambiate, pertanto, al più opzioni con scadenza a tre anni. La parità (o multiplo o rapporto di esercizio) indica il numero di covered warrant necessario per acquistare o vendere un unita del sottostante. Le parità usate nel SeDeX sono le seguenti: 10 nel caso delle azioni e nel caso degli indici; ossia, ciascun covered conferisce diritti sul 10% oppure, rispettivamente, sullo 0,01% dell attivita sottostante. Le opzioni prevedono, tipicamente, rapporti di esercizio unitari e, pertanto, il concetto di parità è poco diffuso nel mercato delle opzioni. L effetto della parita consiste principalmente nel ridurre l entità del premio unitario del covered warrant. Tale fattore dovrebbe in particolare, per i titoli con elevati prezzi di mercato facilitare la liquidità del covered. Le modalità di liquidazione dei covered warrant prevedono, tipicamente, il regolamento dell importo differenziale a scadenza. Diversamente, la liquidazione delle opzioni su azioni negoziate all IDEM (ISOalfa) avviene mediante la consegna fisica dei titoli alla Cassa di Compensazione e Garanzia. 4

5 Come i covered warrant, il rendimento potenziale dei leverage certificates è superiore a quello di un investimento diretto nel sottostante poiché richiedono un impiego ridotto di capitale grazie all effetto leva. Diversamente dai covered warrant, il rendimento di un leverage certificate non è influenzato dalla volatilità implicita. In caso di andamento sfavorevole del sottostante i leverage certificates si estinguono automaticamente al raggiungimento di barriere di stop-loss che impediscono al sottoscrittore di perdere più del capitale investito. 20. Uno swap consiste in un operazione finanziaria in cui due parti (le controparti) si impegnano a scambiarsi in futuro flussi monetari periodici determinati in relazione a uno strumento o un attività sottostante (per esempio un tasso fisso o variabile su un titolo a medio o lungo termine). Come i contratti forward, i futures e le opzioni, gli swap consentono alle imprese di gestire meglio il rischio di tasso di interesse, di cambio e di credito. 21. Il segmento di gran lunga più importante, in termini dimensionali, del mercato degli swap riguarda gli swap su tassi di interesse (IRS, Interest Rate Swap). Un IRS consiste in una successione di contratti forward su tassi di interesse stipulati tra le due parti. In quanto tale, uno swap su tassi di interesse consente alle controparti di proteggersi nel lungo termine (in alcuni casi anche 15 anni) contro il rischio di tasso di interesse. Lo swap su valute (currency swap) invece, può essere utilizzato per immunizzarsi o proteggersi contro il rischio di tasso di cambio, in caso di mancato allineamento delle valute nelle quali sono espresse attività e passività. 22. Per convenzione, l acquirente dello swap è la parte che in una transazione di swap su tassi di interesse effettua i pagamenti a tasso di interesse fisso. Il venditore è la parte che in una transazione di swap su tassi d interesse effettua i pagamenti a tasso di interesse variabile. 23. La banca dovrà porsi come acquirente dello swap, pagando flussi a tasso fisso e ricevendo flussi a tasso variabile. 24. a. La compagnia è esposta alla riduzione dei tassi di interesse dal lato dell attivo b. La banca è esposta all aumento dei tassi di interesse dal lato del passivo. c. La compagnia intende convertire le proprie passività a tasso fisso in passività a tasso variabile, scambiando i pagamenti a tasso fisso con pagamenti a tasso variabile. La banca intende convertire le proprie passività a tasso variabile in passività a tasso fisso, scambiando i pagamenti a tasso variable con pagamenti a tasso fisso. d.la banca effettuerà pagamenti a tasso fisso, quindi è l acquirente dello swap. La compagnia effettuerà pagamenti a tasso variabile, quindi è il venditore dello swap. e. Un diagramma possibile è il seguente: COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE pagamenti a tasso fisso pagamenti a tasso variabile BANCA 25. a. La banca 1 è esposta ad una riduzione dei tassi di interesse dal lato dell attivo. La banca 2 è 5

6 esposta all aumento dei tassi di interesse dal lato del passivo. b. Uno swap possibile potrebbe prevedere che la Banca 1 effettui pagamenti al tasso variabile BOT +2% alla Banca 2 e riceva pagamenti al tasso fisso del 3% dalla Banca 2. c. La banca 1, con il tasso fisso ricevuto potrebbe soddisfare i suoi obblighi nei confronti dei clienti, proteggendosi da eventuali cali dei tassi, mentre la banca 2 avrebbe dei flussi variabili con cui far fronte alle sue uscite. 26. L impresa dovrebbe stipulare uno swap su valute attraverso il quale invia pagamenti annuali in sterline ad uno swap dealer e riceve pagamenti in euro dallo swap agent. Così facendo, l impresa, trasformerebbe le sue passività in euro a tasso fisso in passività in sterline a tasso fisso, che meglio si combinano con i suoi crediti a tasso fisso in sterline. 27. L acquisto di un cap equivale all acquisto di un opzione call o di una serie di opzioni call su tassi di interesse. L acquisto di un floor equivale all acquisto di un opzione put su tassi di interesse. Un collar consiste nell assunzione simultanea di una posizione in cap e floor, acquistando un cap (posizione lunga) e vendendo un floor (posizione corta). Cap, floor e collar sono strumenti derivati che trovano diversi impieghi, soprattutto come mezzo di copertura contro il rischio di tasso di interesse per gli intermediari finanziari. In generale, gli intermediari finanziari acquistano cap sui tassi di interesse se sono esposti a perdite dovute all aumento dei tassi di interesse. Solitamente, ciò avviene quando gli intermediari finanziari emettono passività a tasso variabile come obbligazioni indicizzate all EURIBOR o al LIBOR (London Interbank Offered Rate) e posseggono attività a tasso fisso o hanno una posizione netta lunga in obbligazioni a lungo termine. Al contrario, gli intermediari finanziari acquistano dei floor quando hanno emesso debito a tasso fisso e hanno attività a tasso variabile o una posizione netta corta in obbligazioni a lungo termine. Infine, gli intermediari finanziari acquistano dei collar per finanziare le posizioni in cap o floor o temono l eccessiva volatilità dei tassi di interesse. 6

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate SeDeX Covered Warrant e Leverage Certificate Prodotti con effetto leva per accrescere il potenziale del proprio portafoglio. SeDeX Introduzione Questi prodotti amplificano al rialzo e al ribasso le performance

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Guida ai Covered Warrants

Guida ai Covered Warrants Guida ai Covered Warrants Per qualunque Vostra domanda o eventuale approfondimento contattate il numero verde 800 550 350 dove, nell orario d ufficio, troverete un operatore a Vostra disposizione. EQUITY

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Corso di Laurea Magistrale in Amministrazione, finanza e controllo Tesi di Laurea La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Relatore Ch.mo Prof. Carlo Marcon Laureando Riccardo

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro)

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) TABELLA 10.1 Titoli di Stato: le caratteristiche principali Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) CTZ (Certificati del Tesoro Zerocoupon) CCT (Certificati di Credito

Dettagli

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna.

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna. Volumi Scambiati Le Digressione Diritti di opzione 32.000 Controvalori Scambiati (milioni di euro) 28.000 Volatilità Implicita, e Scelta degli 24.000 OPZIONI 20.000 16.000 8.000 Premi 12.000 Idem 4.000

Dettagli

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Marcello Minenna Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Orienta Finanza 22 febbraio 2002 Rimini Covered Warrant Volumi Scambiati 62.000 56.000 Controvalori Scambiati (milioni

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni

Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni XVI legislatura Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni novembre 2008 n. 63 ufficio ricerche nei settori economico e finanziario Servizio Studi Direttore

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni FINANZA OPERATIVA Strategie e tecniche d investimento con le opzioni Dario Daolio FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze più

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

Rischi particolari nel commercio di valori mobiliari

Rischi particolari nel commercio di valori mobiliari Rischi particolari nel commercio di valori mobiliari Questo opuscolo dell'associazione svizzera dei banchieri (ASB) vi informa sulle operazioni bancarie e sugli investimenti che comportano dei rischi particolari.

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

L A B O R S A I T AL I AN A S. P. A. H A D I S P O S T O L AM M I S S I O N E AL L A Q U O T AZ I O N E C O N P R O V V E D I M E N T O N.

L A B O R S A I T AL I AN A S. P. A. H A D I S P O S T O L AM M I S S I O N E AL L A Q U O T AZ I O N E C O N P R O V V E D I M E N T O N. Avviso integrativo di emissione. Il presente Avviso va letto congiuntamente alla Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 19.06.2003, a seguito di nullaosta

Dettagli

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE 1) Definizione. I futures vengono ascritti tra gli strumenti finanziari derivati (per inquadrarli dal

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 01/2014 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 Informazione sugli strumenti finanziari 3 1. Strumenti finanziari non derivati

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale RISCHIO DI TASSO: DALLA DEFINIZIONE AGLI STRUMENTI DI COPERTURA di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale PREMESSA Si definisce il tasso d interesse come il costo del credito, quindi

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari Mifi d Info Strum/Prodotti Finanz. Ed. Gennaio 2012 Il documento ha

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO STRUTTURA DELLA BORSA VALORI ITALIANA Sommario: 1. I comparti della Borsa valori italiana. - 2. Il sistema telematico. - 3. MTA. - 4. Il mercato Expandi. - 5. Idem. - 6. IL sedex. - 7. Il

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

UBS AG - SUCCURSALE DI LONDRA - PROGRAMMA DI EMISSIONE DI COVERED WARRANT

UBS AG - SUCCURSALE DI LONDRA - PROGRAMMA DI EMISSIONE DI COVERED WARRANT UBS AG - SUCCURSALE DI LONDRA - PROGRAMMA DI EMISSIONE DI COVERED WARRANT AVVISO INTEGRATIVO ALLA NOTA INTEGRATIVA RELATIVA AI COVERED WARRANT SU AZIONI ITALIANE ED ESTERE COVERED WARRANT SU AZIONI ITALIANE

Dettagli

Capitolo Primo Introduzione al sistema finanziario

Capitolo Primo Introduzione al sistema finanziario Capitolo Primo Introduzione al sistema finanziario 1. Il sistema finanziario Il sistema finanziario può essere definito come un complesso integrato di istituzioni, mercati finanziari e strumenti finanziari

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO GE Capital Interbanca ALLEGATO 5 Gruppo Bancario GE Capital Interbanca DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito per brevità anche denominato Documento ) è redatto in conformità

Dettagli

PROSPETTO DI QUOTAZIONE COVERED WARRANTS PLAIN VANILLA EMESSI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA. X-markets I

PROSPETTO DI QUOTAZIONE COVERED WARRANTS PLAIN VANILLA EMESSI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA. X-markets I Deutsche Bank PROSPETTO DI QUOTAZIONE COVERED WARRANTS PLAIN VANILLA EMESSI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA X-markets I NOTA INTEGRATIVA RELATIVA AI COVERED WARRANTS PLAIN VANILLA EMESSI DA DEUTSCHE BANK AG

Dettagli

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal]

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO Introduzione; Idem vs Sedex; Breve introduzione

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 GUIDA ALLA NEGOZIAZIONE INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 3. EFFETTO LEVA 6 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 5. I FATTORI CHE INFLUENZANO

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

Obiettivo Trading. Covered warrant, Turbo e Short UniCredit

Obiettivo Trading. Covered warrant, Turbo e Short UniCredit TURBO E SHORT COVERED WARRANT I.P. 03.2006 Obiettivo Trading Covered warrant, Turbo e Short UniCredit vitamina torino TRADINGLAB Numero Verde: 800.01.11.22 Fax: +39.02.700.508.389 E-mail: info@tradinglab.it

Dettagli

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Dott. Gabriele Sabato Luglio 2003 Abstract Lo sviluppo dei prodotti derivati ha interessato anche quelli su valute che permettono

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005)

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) 951.311.1 del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) La Commissione federale delle banche (CFB), visti gli articoli 43 capoverso 2 e 53 capoverso 4

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Numeri verdi. Te l : 800 920 960. F a x : 800 784 377. I n t e r n e t. w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t. E - m a i l

Numeri verdi. Te l : 800 920 960. F a x : 800 784 377. I n t e r n e t. w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t. E - m a i l Numeri verdi Te l : 8 92 96 F a x : 8 784 377 I n t e r n e t w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t E - m a i l i n f o @ a b n a m r o m a r k e t s. i t Televideo RAI Pagina 343 R e u t e r s A A H

Dettagli

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 02 / 2005 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Premessa

Dettagli

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio 1 Mercati e strumenti finanziari gestiti Dal 1998 Borsa Italiana SpA regolamenta, sviluppa e gestisce i mercati italiani azionari (MTA e Mercato Expandi), il mercato degli strumenti derivati (IDEM), il

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE ARTICOLAZIONI DEL MERCATO DEI CAPITALI SOMMARIO: 1. Il mercato dei capitali. - 2. Tipologia dei mercati finanziari. - 3. Il mercato monetario e il mercato dei cambi. - 4. Il mercato mobiliare.

Dettagli

BONUS CAP CERTIFICATE

BONUS CAP CERTIFICATE BONUS CAP CERTIFICATE Puoi ottenere un extra-rendimento (Bonus) e il prezzo di emissione, finché il sottostante si mantiene sopra il livello di barriera. In caso contrario replichi la performance del sottostante

Dettagli

INFORMAZIONE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI

INFORMAZIONE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI Edizione in vigore dal 8 luglio 2013 INFORMAZIONE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI SEZIONE I PRINCIPALI RISCHI COLLEGATI ALL INVESTIMENTO IN STRUMENTI FINANZIARI. I risparmiatori che investono in strumenti finanziari

Dettagli

INFORMAZIONE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI

INFORMAZIONE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONE SUGLI STRUMENTI FINANZIARI SEZIONE I PRINCIPALI RISCHI COLLEGATI ALL INVESTIMENTO IN STRUMENTI FINANZIARI. I risparmiatori che investono in strumenti finanziari sono soggetti in generale a

Dettagli

pagina 1/6 Nel caso di subdeposito degli strumenti finanziari,

pagina 1/6 Nel caso di subdeposito degli strumenti finanziari, Documento Informativo Generale Unico su: intermediario e servizi prestati, salvaguardia degli strumenti finanziari e delle somme di denaro, natura e rischi degli strumenti finanziari, procedure di reclamo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO In base a quanto previsto dalla normativa vigente, tramite il presente Documento Informativo, AcomeA SGR S.p.A. fornisce ai Clienti o potenziali Clienti le informazioni necessarie

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

NOTA DI SINTESI. Informazioni generali sugli Emittenti e sul Garante. Emittenti:

NOTA DI SINTESI. Informazioni generali sugli Emittenti e sul Garante. Emittenti: NOTA DI SINTESI La presente nota di sintesi deve essere letta come introduzione a questo Prospetto di Base e qualsiasi decisione di investire nei Titoli dovrebbe essere basata sull esame da parte dell

Dettagli

Futures. Vontobel Mini Futures. Vontobel Investment Banking. Minimo impiego, ottimali opportunità

Futures. Vontobel Mini Futures. Vontobel Investment Banking. Minimo impiego, ottimali opportunità Vontobel Mini Futures Futures Minimo impiego, ottimali opportunità Vontobel Investment Banking Vontobel Mini Futures Con un impiego minimo ottenere il massimo Bank Vontobel offre da subito una soluzione

Dettagli

La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità.

La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità. Definizione La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità. Si individuano porzioni di crediti omogenei (in termini di

Dettagli