Sistemi di telecomunicazione. Andrea Petreri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di telecomunicazione. Andrea Petreri"

Transcript

1 Sistemi di telecomunicazione Andrea Petreri

2

3 Indice 1 Richiami di teoria dei segnali Reppresentazione dei numeri complessi Proprietà e formule notevoli Rappresentazione nel dominio della frequenza Serie di Fourier Trasformata di Fourier Ortogonalità di funzioni Trasformata di Hilbert Segnale analitico Inviluppo complesso Teoria della probabilità Richiami di teoria dei segnali 11.1 Numeri complessi e formule di Eulero Proprietà e formule notevoli Rappresentazione nel dominio della frequenza Serie di Fourier Trasformata di Fourier Principio di dualità Ortogonalità di funzioni Teorema di Wiener per segnali di energia Teorema di Wiener per segnali di potenza Trasformata di Hilbert Segnale analitico Inviluppo complesso Modulazioni analogiche Introduzione Modulazione di ampiezza iii

4 iv Indice 3..1 Modulazione a Banda Laterale Doppia - BLD Modulazione a Banda Laterale Unica - BLU Demodulazione sincrona (o coerente, o omodina) Demodulazione eterodina (o supereterodina) Demodulazione di inviluppo (o incoerente) Modulazione di frequenza e di fase Demodulazione di frequenza Demodulatore a discriminatore Banda di un segnale in modulazione di frequenza Prestazioni Prestazioni della modulazione di frequenza Prestazioni della modulazione di ampiezza BLD-PS BLD-PI Teoria della stima Introduzione Modellazione dei problemi di ricezione ottima Procedura di Bayes Verifica di ipotesi binaria Ricevitore a correlazione Ricevitore a correlazione con forme d onda antipodali Modulazioni numeriche Interferenza intersimbolica Diagramma ad occhio Prestazioni del ricevitore Modulazione QAM Modulazione PSK GSM Introduzione Suddivisione del territorio in celle Carrier to interference ratio e fattori di riduzione Tecnica di accesso Architettura del sistema GSM Stazione Mobile (MS, Mobile Station) Stazione Base (BS, Base Station) Sottosistema di Rete (NS, Network Subsystem)

5 Indice v Gateway MSC (GMSC) Equipment Identity Register (EIR) Comunicazione ed interfaccia radio Handover Canali logici Canali di traffico Canali di controllo Transito dei segnali nei circuiti Bipoli Potenza assorbita da un bipolo Connessione tra generatore e carico Condizione di massimo trasferimento di potenza Potenza disponibile Formule matematiche Formule algebriche Potenze e logaritmi Prodotti notevoli Identità trigonometriche Forumle di addizione e sottrazione - Formule di duplicazione Formule parametriche Formule di Werner Formule di Prostaferesi Derivate fondamentali e regole di derivazione Integrali indefiniti immediati

6

7 Capitolo 1 Richiami di teoria dei segnali 1.1 Reppresentazione dei numeri complessi Sia dato un numero complesso nella sua forma algebrica: z = a + jb Il suo modulo risulta: ρ = a + b Da cui: cos γ = a ρ = a sin γ = b a + b ρ = b a + b L argomento del numero complesso z risulta quindi: ( ) b Arg(z) = arctan = γ a tan γ = sin γ cos γ = b a Ne deriva dunque: z = a + jb = ρ cos γ + jρsin γ Per passare alla forma esponenziale ci avvaliamo delle formule di Eulero: e jγ =cosγ + j sin γ e jγ =cosγ j sin γ Queste possono essere scritte alternativamente come segue: cos γ = ejγ + e jγ Abbiamo dunque che: ( e jγ + e jγ a + jb = ρ cos γ + jρsin γ = ρ 1 sin γ = ejγ e jγ j ) + ρ ( e jγ e jγ ) = ρ e jγ

8 Capitolo 1 1. Proprietà e formule notevoli Valor medio di un segnale ΔT lim x(t)dt (1.1) ΔT ΔT Integrale assoluto ΔT lim x(t) dt (1.) ΔT ΔT Se l integrale assoluto di un segnale assume valore finito, il segnale si dice impulsivo o assolutamente sommabile. Energia di un segnale ΔT ΔT E x = lim x(t) dt = lim x(t) x (t)dt (1.3) ΔT ΔT ΔT ΔT Dove x (t) è il coniugato 1 di x(t). L energia di un segnale è una quantità sempre positiva (al più nulla se x(t) = 0 per ogni istante t). Se in particolare risulta che E x è una quantità finita non nulla, x(t) viene detto segnale di energia. Potenza di un segnale P x = lim ΔT ΔT 1 x(t) dt = ΔT ΔT lim ΔT E x ΔT (1.4) La potenza di un segnale è una quantità sempre positiva (al più nulla se x(t) =0 per ogni istante t). Se in particolare risulta che P x è una quantità finita non nulla, x(t) viene detto segnale di potenza. I segnali di energia hanno sempre potenza nulla dunque non sono anche segnali di potenza. Inoltre i segnali di potenza hanno sempre energia infinita, dunque non sono segnali di energia. I segnali di potenza non sono in generale impulsivi. I segnali limitati nel tempo ed in ampiezza (rect, tri) sono impulsivi e di energia, tuttavia se un segnale è impulsivo non è detto che sia di energia e viceversa. I segnali periodici sono sempre segnali di potenza a meno che non abbiano dei punti di discontinuità, cioè punti per i quali x(t) non converge. Integrale di convoluzione y(t) =x(t) h(t) = + x(τ) h(t τ)dτ (1.5) Dove il segnale y(t) ha un occupazione temporale pari alla somma delle occupazioni temporali dei segnali x(t) edh(t). Valgono inoltre le seguenti proprietà: 1 Si ricorda che il complesso coniugato di x = a + jb è x = a jb

9 Richiami di teoria dei segnali 3 Proprietà Formula Commutativa x(t) h(t) =h(t) x(t) Associativa [x(t) h 1 (t)] h (t) =x(t) [h 1 (t) h (t)] Distributiva x(t) [h 1 +h ]=x(t) h 1 (t)+x(t) h (t) Elemento neutro x(t) μ 0 (t) =x(t) Traslazione nel tempo x(t) μ 0 (t τ) =x(t τ) Integrale di correlazione (o intercorrelazione, o crosscorrelazione) e xy (t) = p xy (t) = ΔT lim ΔT ΔT lim ΔT 1 ΔT ΔT ΔT x (τ) y(t + τ)dτ per segnali di energia (1.6) x (τ) y(t + τ)dτ per segnali di potenza (1.7) Qualora risulti x(t) = y(t) siparladiintegrale di autocorrelazione. presente che: e xx (0) = E x Inoltre: p xx (0) = P x e xy (t) e yx Si tenga sempre La correlazione tra due segnali x(t) edy(t) può essere espressa opportunamente come una convoluzione: x ( t) y(t) 1.3 Rappresentazione nel dominio della frequenza Serie di Fourier Ogni segnale periodico x(t), che sia continuo in [ T/; T/] ed assolutamente integrabile (dunque impulsivo) in tale intervallo, può essere espresso mediante uno sviluppo in serie di Fourier: x(t) = + n= X n e jπfnt (1.8) Dove f n = n/t è un multiplo della frequenza fondamentale 1/T. In generale il coefficiente X n dello sviluppo in serie di Fourier del segnale x(t) è un numero complesso: X n = 1 T T T x(t) e jπfnt dt (1.9)

10 4 Capitolo Trasformata di Fourier In molte applicazioni i segnali non sono periodici, non possono essere pertanto studiati mediante lo sviluppo in serie di Fourier. Per i segnali impulsivi esiste tuttavia una rappresentazione analoga allo sviluppo in serie di Fourier: la trasformata di Fourier. Datoun segnale impulsivo x(t), la sua trasformata di Fourier viene definita come segue: X(f) =F{x(t)} = + x(t) e jπft dt (1.10) A partire dalla trasformata di Fourier di un segnale impulsivo x(t) si può ricostruire la funzione x(t) stessa. L antitrasformata di Fourier di un segnale X(f) viene definita come segue: + x(t) =F 1 {X(f)} = X(f) e jπft df (1.11) Vengono di seguito riportate alcune trasformate notevoli: Operazione Segnale Trasformata di Fourier Linearità a 1 w 1 (t)+a w (t) a 1 W 1 ( (f)+a ) W (f) 1 Cambiamento di scala w(at) a W f a Traslazione nel tempo w(t t 0 ) W (f) e jωt 0 Traslazione in frequenza w(t) e jπf 0t W (f f 0 ) Convoluzione nel tempo w 1 (t) w (t) W 1 (f) W (f) Convoluzione in frequenza w 1 (t) w (t) W 1 (f) W (f) d Derivazione nel tempo dt w(t) jπf W (f) d Derivazione in frequenza jπt w(t) dt W (f) t Integrazione nel tempo w(λ)dλ 1 jπf W (f) 1 Integrazione in frequenza jπt w(t) f W (λ)dλ Coniugazione nel tempo w (t) W ( f) Coniugazione in frequenza w ( t) W (f) Qualora x(t) sia un segnale reale vale inoltre la proprietà di simmetria coniugata (o hermitiana), in base alla quale: X(f) =X ( f) (1.1) 1.4 Ortogonalità di funzioni Le funzioni ϕ n (t) e ϕ m (t) sono ortogonali sull intervallo a < t < b se soddisfano la condizione: <ϕ n (t),ϕ m (t) >= b a { } ϕ n (t) ϕ 0 se n m m(t) dt = = K n δ n,m se n = m K n

11 Richiami di teoria dei segnali 5 Dove: { 0 se n m δ n,m = 1 se n = m è chiamata delta di Kronecker. Se in particolare K n = 1, le funzioni ϕ n (t) eϕ m (t) si dicono ortonormali. Si tenga presente che: <ϕ n (t),ϕ m (t) >= (<ϕ m (t),ϕ n (t) >) L insieme delle funzioni esponenziali complesse {e jnπf0t } è un insieme di funzioni ortogonali sull intervallo a<t<b,taleche: K n = b a Ciò significa che se a = W e b = W, allora K n =W. 1.5 Trasformata di Hilbert Dato un segnale x(t), si dice trasformata di Hilbert di x(t) il segnale: ˆx(t) =H{x(t)} ottenuto dal transito di x(t) in un filtro con funzione di trasferimento: j se f < 0 H H (f) = j sign(f) = 0 se f = 0 j se f > 0 (1.13) Alternativamente: H H (f) =j [μ 1 ( f) 1] Si tenga sempre presente che se x(t) è un segnale reale, allora anche la sua trasformata di Hilbert è un segnale reale, è infatti frutto della convoluzione tra due segnali reali, x(t) ed h H (t), essendo h H (t) = 1 πt dove h H (t) =0pert = 0. Vengono di seguito riportate alcune trasformate notevoli: Segnale Trasformata di Hilbert c 0 y(t) =x(t)+c ˆx(t)

12 6 Capitolo Segnale analitico Dato un segnale reale x(t) sidicesegnale analitico ad esso associato il segnale x + (t) ottenuto dal transito di x(t) in un filtro analitico, filtro individuato da una funzione di trasferimento del tipo: 1 se f > 0 H a (f) = 1 se f = 0 0 se f < 0 Alternativamente: H a (f) = 1 [1 + j H H(f)] Da cui: h a (t) = 1 [μ 0(t)+j h H (t)] Si osservi come l effetto di un filtro analitico sia quello di isolare la parte positiva del segnale X(f). Ciò non preclude la conoscenza completa del segnale, poiché per segnali reali vale la proprietà di simmetria coniugata (.1). Conoscendo X(f) perf > 0si conosce di fatto l intero segnale. Si consideri ora la relazione: x + (t) = x(t) h a (t) = 1 [ ] x(t) μ 0 (t) = 1 [x(t)+j ˆx(t)] + j [ ] x(t) h H (t) Conoscendo x + (t), si può risalire ad x(t) se quest ultimo è un segnale reale. Infatti, dalla formula x + (t) = 1 x(t)+j ˆx(t) (1.14) si ha che, essendo x(t) eˆx(t) due quantità reali, il primo addendo al secondo membro dell espressione.16 è la parte reale di x + (t), mentre il secondo addendo è la sua parte immaginaria. Possiamo allora scrivere: x(t) = Re{x + (t)} (1.15) 1.7 Inviluppo complesso Consideriamo un segnale reale x(t). Si definisce inviluppo complesso di x(t) rispetto ad una frequenza f 0 il segnale: x(t) = x + (t) e jπf 0t (1.16)

13 Richiami di teoria dei segnali 7 Ne deriva che la trasformata di Fourier dell inviluppo complesso viene ricavata da quella del segnale analitico semplicemente moltiplicando l ampiezza per e traslandola a sinistra della quantità f 0 : X(f) = X + (f + f 0 ) Invertendo la relazione.18 si ha: x + (t) = 1 x(t) ejπf 0t Da cui, per la.17: x(t) =Re{x(t) e jπf 0t } (1.17) L inviluppo complesso è, in generale, un segnale complesso e quindi avrà una parte reale x c (t) ed un coefficiente della parte immaginaria x s (t). Questi due segnali, entrambi reali, prendono il nome di componenti analogiche di bassa frequenza del segnale x(t), rispettivamente in fase la x c (t) edin quadratura la x s (t). x(t) = x + (t) e jπf 0t [ ] 1 = [x(t)+j ˆx(t)] [cos (πf 0t) j sin (πf 0 t)] = [x(t)cos(πf 0 t)+ˆx(t)sin(πf 0 t)] + j [ˆx(t)cos(πf 0 t) x(t)sin(πf 0 t)] Questa espressione ci permette di scrivere: x c (t) =x(t)cos(πf 0 t)+ˆx(t)sin(πf 0 t) (1.18) x s (t) =ˆx(t)cos(πf 0 t) x(t)sin(πf 0 t) (1.19) Come si può notare, il segnale x(t) è moltiplicato per il coseno nella x c (t), e per il seno nella x s (t), da cui i due pedici c ed s delle componenti analogiche di bassa frequenza. Per ricavare la x(t) da tali componenti è sufficiente osservare che : x(t) = Re{x(t) e jπf0t } = Re{(x c (t)+jx s (t)) e jπf0t } = x c (t)cos(πf 0 t) x s (t)sin(πf 0 t) = ( ( )) xs x c(t)+x (t) s(t) cos πf 0 t +arctan x c (t) Quindi, nota la frequenza f 0 dalle componenti analogiche di bassa frequenza è possibile ricostruire il segnale x(t) originale. Ciò costituisce il cosiddetto sviluppo di x(t) in componenti analogiche di bassa frequenza. Si ricorda che R cos (x + θ) =A cos x B sin x essendo: R = Ô A + B θ =tan 1 (B/A) A = R cos θ B = R sin θ

14 8 Capitolo Teoria della probabilità Probabilità dell unione P (E 1 )+P (E )=P (E 1 E ) E 1,E /E 1 E = (1.0) Teorema della probabilità dell evento complementare P (Ẽ) =1 P (E) (1.1) Teorema delle probabilità totali n P (E) = P (E,A i ) (1.) Dove gli eventi A i sono incompatibili i 1,i [1,n]. Probabilità condizionata Supponiamo di considerare un evento B con probabilità di accadere non nulla (P (B) 0). Supponiamo inoltre che tale evento si verifichi. Consideriamo dunque un altro evento A. Si definisce probabilità condizionata la probabilità che si verifichi A una volta che si è verificato B e si indica come: P (A B) (1.3) i=1 Occorre tener resente che: P (A B) P (A B) A livello insiemistico sussiste la seguente relazione tra probabilità condizionata (P (A B)) e probabilità congiunta (P (A B) =P (A, B)), che prende il nome di teorema della probabilità condizionata: P (A, B) P (A B) = (1.4) P (B) Si osservi che, essendo: { P (A B) P (B) =P (A, B) P (B A) P (A) =P (A, B) Risulta: P (A B)P (B) =P (B A)P (A) (1.5) Se i due eventi A e B sono indipendenti, allora: P (A B) =P (A) Ne deriva che (corollario del teorema della probabilità condizionata): P (A, B) =P (A) P (B) (1.6)

15 Richiami di teoria dei segnali 9 Teorema di Bayes Questo teorema è diretta conseguenza del teorema della probabilità condizionata (1.4). Si consideri la relazione: Per la 1.5 e la 1. si ha che: P (A i B j )= P (A i,b j ) P (B j ) P (A i B j )= P (B j A i ) P (A i ) P (B j ) Da cui per il teorema della probabilità condizionata: = P (B j A i ) P (A i ) K P (B j,a K ) P (A i B j )= P (B j A i ) P (A i ) K P (B j A K ) P (A K ) (1.7) Variabili aleatorie Si definisce variabile aleatoria n-dimensionale una funzione: x :Ω R n (1.8) Che ad ogni evento contenuto nello spazio degli eventi Ω, associa un certo valore numerico, che sarà un valore reale per n = 1, un vettore di elementi reali per n>1.

16

17 Capitolo Richiami di teoria dei segnali.1 Numeri complessi e formule di Eulero Sia dato un numero complesso nella sua forma algebrica: z = a + jb Il suo modulo risulta: ρ = a + b da cui: cos γ = a ρ = a sin γ = b a + b ρ = b a + b La fase del numero complesso z risulta quindi: γ =arctg ( ) b a tg γ = sin γ cos γ = b a Ne deriva dunque: z = a + jb = ρ cos γ + jρsin γ Per passare alla forma esponenziale ci avvaliamo delle formule di Eulero: e jγ =cosγ + j sin γ e jγ =cosγ j sin γ Queste possono essere scritte alternativamente come segue: cos γ = ejγ + e jγ Abbiamo dunque che: ( e jγ + e jγ a + jb = ρ cos γ + jρsin γ = ρ 11 sin γ = ejγ e jγ j ) + ρ ( e jγ e jγ ) = ρ e jγ

18 1 Capitolo. Proprietà e formule notevoli Valor medio di un segnale ΔT lim x(t) dt (.1) ΔT ΔT Integrale assoluto ΔT lim x(t) dt (.) ΔT ΔT Se l integrale assoluto di un segnale assume valore finito, il segnale si dice impulsivo o assolutamente sommabile. Energia di un segnale E x lim ΔT ΔT ΔT x(t) dt = ΔT lim ΔT ΔT x(t) x (t) dt (.3) Dove x (t) è il coniugato 1 di x(t). L energia di un segnale è una quantità sempre positiva (al più nulla se x(t) = 0 per ogni istante t). Se in particolare risulta che E x è una quantità finita non nulla, x(t) viene detto segnale di energia. Potenza di un segnale P x lim ΔT 1 ΔT ΔT ΔT x(t) dt = lim ΔT E x ΔT (.4) La potenza di un segnale è una quantità sempre positiva (al più nulla se x(t) =0 per ogni istante t). Se in particolare risulta che P x è una quantità finita non nulla, x(t) viene detto segnale di potenza. I segnali di energia hanno sempre potenza nulla dunque non sono anche segnali di potenza. Inoltre i segnali di potenza hanno sempre energia infinita, dunque non sono segnali di energia. I segnali di potenza non sono in generale impulsivi. I segnali limitati nel tempo ed in ampiezza (rect, tri) sono impulsivi e di energia, tuttavia se un segnale è impulsivo non è detto che sia di energia e viceversa. I segnali periodici sono sempre segnali di potenza a meno che non abbiano dei punti di discontinuità, cioè punti per i quali x(t) non converge. Integrale di convoluzione x(t) h(t) + x(τ) h(t τ) dτ (.5) Il segnale x(t) h(t) ha un occupazione temporale pari alla somma delle occupazioni temporali dei segnali x(t) edh(t). Valgono inoltre le seguenti proprietà: 1 Si ricorda che il complesso coniugato di x = a + jb è x = a jb

19 Richiami di teoria dei segnali 13 Proprietà Formula Commutativa x(t) h(t) =h(t) x(t) Associativa [x(t) h 1 (t)] h (t) =x(t) [h 1 (t) h (t)] Distributiva x(t) [h 1 +h ]=x(t) h 1 (t)+x(t) h (t) Elemento neutro x(t) μ 0 (t) =x(t) Traslazione nel tempo x(t) μ 0 (t τ) =x(t τ) Integrale di correlazione (o intercorrelazione, o crosscorrelazione) e xy (t) p xy (t) ΔT lim ΔT ΔT x (τ) y(t + τ) dτ per segnali di energia (.6) lim ΔT ΔT 1 x (τ) y(t + τ) dτ per segnali di potenza (.7) ΔT ΔT Qualora risulti x(t) = y(t) siparladiintegrale di autocorrelazione. presente che: Si tenga sempre e xx (0) = E x p xx (0) = P x Inoltre: e xy (t) e yx La correlazione tra due segnali x(t) edy(t) può essere espressa opportunamente come una convoluzione: x ( t) y(t).3 Rappresentazione nel dominio della frequenza.3.1 Serie di Fourier Ogni segnale periodico x(t), che sia continuo in [ T/; T/] ed assolutamente integrabile (dunque impulsivo) in tale intervallo, può essere espresso mediante uno sviluppo in serie di Fourier: x(t) = + n= X n e jπfnt (.8) Dove f n = n/t è un multiplo della frequenza fondamentale 1/T. In generale il coefficiente X n dello sviluppo in serie di Fourier del segnale x(t) è un numero complesso: X n = 1 T T T x(t) e jπfnt dt (.9)

20 14 Capitolo.3. Trasformata di Fourier In molte applicazioni i segnali non sono periodici, non possono essere pertanto studiati mediante lo sviluppo in serie di Fourier. Per i segnali impulsivi esiste tuttavia una rappresentazione analoga allo sviluppo in serie di Fourier: la trasformata di Fourier. Datoun segnale impulsivo x(t), la sua trasformata di Fourier viene definita come segue: X(f) =F{x(t)} = + x(t) e jπft dt (.10) A partire dalla trasformata di Fourier di un segnale impulsivo x(t) si può ricostruire la funzione x(t) stessa. L antitrasformata di Fourier di un segnale X(f) viene definita come segue: + x(t) =F 1 {X(f)} = X(f) e jπft df (.11) Vengono di seguito riportate alcune operazioni fondamentali: Operazione Segnale Trasformata di Fourier Linearità a 1 w 1 (t)+a w (t) a 1 W 1 ( (f)+a ) W (f) 1 Cambiamento di scala w(at) a W f a Traslazione nel tempo w(t t 0 ) W (f) e jωt 0 Traslazione in frequenza w(t) e jπf 0t W (f f 0 ) Convoluzione nel tempo w 1 (t) w (t) W 1 (f) W (f) Convoluzione in frequenza w 1 (t) w (t) W 1 (f) W (f) d Derivazione nel tempo dt w(t) jπf W (f) d Derivazione in frequenza jπt w(t) dt W (f) t Integrazione nel tempo w(λ) dλ 1 jπf W (f) 1 Integrazione in frequenza jπt w(t) W (λ) dλ f Coniugazione nel tempo w (t) W ( f) Coniugazione in frequenza w ( t) W (f) Qualora x(t) sia un segnale reale vale inoltre la proprietà di simmetria coniugata (o hermitiana), in base alla quale: X(f) =X ( f) (.1).3..1 Principio di dualità Sia dato un gnerico segnale impulsivo x(t). Valgono le seguenti relazioni: x(t) =F 1 {X(f)} = + X(f) e jπft df

21 Richiami di teoria dei segnali 15 X(f) =F{x(t)} = + x(t) e jπft dt Ci chiediamo dunque se sia possibile scrivere che F{X(t)} = x(f), dove X(t) èunsegnale che ha il medesiamo andamento di X(f) ma nel dominio del tempo, mentre x(f) ha il medesimo andamento di x(t) ma nel dominio della frequenza. Procediamo valutando l espressione di X(t). Lo facciamo effettuando un cambiamento di variabile nell espressione proposta per X(f); in pratica ogni occorrenza di f viene sostituita con t e viceversa: X(t) = Ne deriva che: + x(f) e jπft df X( t) = + x(f) e jπft df x(t) X( t) X(t) F F F X(f) x(f) x( f) La relazione F{X(t)} = x(f) nonè dunque valida in generale, ma solo per funzioni pari, per le quali X( t) =X(t)..4 Ortogonalità di funzioni Le funzioni ϕ n (t) e ϕ m (t) sono ortogonali sull intervallo a < t < b se soddisfano la condizione: <ϕ n (t),ϕ m (t) >= b a ϕ n (t) ϕ m (t) dt = { } 0 se n m = K n δ n,m se n = m K n Dove: { δ n,m = 0 se n m 1 se n = m è chiamata delta di Kronecker. Se in particolare K n = 1, le funzioni ϕ n (t) eϕ m (t) si dicono ortonormali. Si tenga presente che: <ϕ n (t),ϕ m (t) >= (<ϕ m (t),ϕ n (t) >) L insieme delle funzioni esponenziali complesse {e jnπf0t } è un insieme di funzioni ortogonali sull intervallo a<t<b,taleche: K n = b a Ciò significa che se a = W e b = W, allora K n =W.

22 16 Capitolo.5 Teorema di Wiener per segnali di energia Dato un segnale di energia x(t), il suo spettro di densità dienergiae x (f) è uguale alla trasformata di Fourier della sua funzione di autocorrelazione: E x (f) =F{e xx (t)} = X(f) (.13) ne deriva che: E x = x(t) dt = E x (f) dt = X(f) df.6 Teorema di Wiener per segnali di potenza Dato un segnale di potenza x(t), il suo spettro di densità di potenza P x (f) è uguale alla trasformata di Fourier della sua funzione di autocorrelazione: P x (f) =F{p xx (t)} (.14) ne deriva che: P x = lim ΔT 1 ΔT/ x(t) dt = ΔT ΔT/ + P x (f) df.7 Trasformata di Hilbert Dato un segnale x(t), si dice trasformata di Hilbert di x(t) il segnale: ˆx(t) =H{x(t)} ottenuto dal transito di x(t) in un filtro con funzione di trasferimento: j se f < 0 H H (f) = j sign (f) = 0 se f = 0 j se f > 0 (.15) Alternativamente: H H (f) =j [ μ 1 ( f) 1] Si tenga sempre presente che se x(t) è un segnale reale, allora anche la sua trasformata di Hilbert è un segnale reale, è infatti frutto della convoluzione tra due segnali reali, x(t) ed h H (t), essendo dove h H (t) =0pert =0. h H (t) = 1 πt

23 Richiami di teoria dei segnali 17.8 Segnale analitico Dato un segnale reale x(t) sidicesegnale analitico ad esso associato il segnale x + (t) ottenuto dal transito di x(t) in un filtro analitico, filtro individuato da una funzione di trasferimento del tipo: 1 se f > 0 H a (f) = 1 se f = 0 0 se f < 0 Alternativamente: H a (f) = 1 [1 + jh H(f)] Da cui: h a (t) = 1 [μ 0(t)+jh H (t)] Si osservi come l effetto di un filtro analitico sia quello di isolare la parte positiva del segnale X(f). Ciò non preclude la conoscenza completa del segnale, poiché per segnali reali vale la proprietà di simmetria coniugata (.1). Conoscendo X(f) perf > 0si conosce di fatto l intero segnale. Si consideri ora la relazione: x + (t) = x(t) h a (t) = 1 [ ] x(t) μ 0 (t) + j = 1 [x(t)+j ˆx(t)] [ ] x(t) h H (t) Conoscendo x + (t), si può risalire ad x(t) se quest ultimo è un segnale reale. Infatti, dalla formula x + (t) = 1 x(t)+j ˆx(t) (.16) si ha che, essendo x(t) eˆx(t) due quantità reali, il primo addendo al secondo membro dell espressione.16 è la parte reale di x + (t), mentre il secondo addendo è la sua parte immaginaria. Possiamo allora scrivere: x(t) =Re{x + (t)} (.17).9 Inviluppo complesso Consideriamo un segnale reale x(t). Si definisce inviluppo complesso di x(t) rispetto ad una frequenza f 0 il segnale: x(t) =x + (t) e jπf 0t (.18)

24 18 Capitolo Ne deriva che la trasformata di Fourier dell inviluppo complesso viene ricavata da quella del segnale analitico semplicemente moltiplicando l ampiezza per e traslandola a sinistra della quantità f 0 : X(f) =X + (f + f 0 ) Invertendo la relazione.18 si ha: x + (t) = 1 x(t) ejπf 0t Da cui, per la.17: x(t) =Re{x(t) e jπf 0t } (.19) L inviluppo complesso è, in generale, un segnale complesso e quindi avrà una parte reale x c (t) ed un coefficiente della parte immaginaria x s (t). Questi due segnali, entrambi reali, prendono il nome di componenti analogiche di bassa frequenza del segnale x(t), rispettivamente in fase la x c (t) edin quadratura la x s (t). x(t) = x + (t) e jπf 0t [ ] 1 = [x(t)+j ˆx(t)] [cos (πf 0t) j sin (πf 0 t)] = [x(t)cos(πf 0 t)+ˆx(t)sin(πf 0 t)] + j [ˆx(t)cos(πf 0 t) x(t)sin(πf 0 t)] Questa espressione ci permette di scrivere: x c (t) =x(t)cos(πf 0 t)+ˆx(t)sin(πf 0 t) (.0) x s (t) =ˆx(t)cos(πf 0 t) x(t)sin(πf 0 t) (.1) Come si può notare, il segnale x(t) è moltiplicato per il coseno nella x c (t), e per il seno nella x s (t), da cui i due pedici c ed s delle componenti analogiche di bassa frequenza. Per ricavare la x(t) da tali componenti è sufficiente osservare che : x(t) = Re{x(t) e jπf0t } = Re{(x c (t)+jx s (t)) e jπf0t } = x c (t)cos(πf 0 t) x s (t)sin(πf 0 t) = ( ( )) xs x c(t)+x (t) s(t) cos πf 0 t +arctan x c (t) Quindi, nota la frequenza f 0 dalle componenti analogiche di bassa frequenza è possibile ricostruire il segnale x(t) originale. Ciò costituisce il cosiddetto sviluppo di x(t) in componenti analogiche di bassa frequenza. Si ricorda che R cos (x + θ) =A cos x B sin x essendo: R = Ô A + B θ =tan 1 (B/A) A = R cos θ B = R sin θ

25 Capitolo 3 Modulazioni analogiche 3.1 Introduzione La modulazione è la tecnica maggiormente utilizzata per la trasmissione di un segnale analogico attraverso un canale. Essa consiste nel variare (modulare) alcuni parametri di un particolare segnale dipendente dal sistema, definito portante, in funzione del segnale da trasmettere, definito segnale modulante. Ilsegnalex(t) effettivamente trasmesso risulta in effetti un ibrido fra la portante p(t) ed il segnale modulante m(t) e viene definito segnale modulato. Lo scopo primario della modulazione è quello di modificare l allocazione in banda del segnale modulante m(t), dunque di traslare M(f) attorno ad una certa frequenza. In questo modo può essere utilizzato lo stesso canale per la trasmissione contemporanea di più segnali. Impiegando bande separate per i singoli segnali da trasmettere, in ricezione ogni messaggio risulta estraibile da quello complessivo inviato. Come già detto la tecnica della modulazione prevede l utilizzo di un segnale portante p(t). La portante generalmente utilizzata è un armonica del tipo: p(t) =a p cos (πf p t + ϕ p ) Il segnale modulato effettivamente trasmesso risulta esprimibile nella forma: x(t) =[a p + a(t)] cos (πf p t + ϕ p + α(t)) Tenendo presente l espressione di x(t) è possibile definire due tipi di modulazione, in cui possono eventualmente risultare nulli a p e/o ϕ p modulazione di ampiezza - AM m(t) viene trasportato da a(t) modulazione angolare - FM e PM m(t) viene trasportato da α(t). nella modulazione di fase: α(t) =K α m(t) In particolare 19

26 0 Capitolo 3 Nella modulazione di frequenza invece: t α(t) =πk f 3. Modulazione di ampiezza m(τ) dτ 3..1 Modulazione a Banda Laterale Doppia - BLD Essendo m(t) (messaggio da trasmettere) un segnale reale a valor medio nullo e limitato in banda [ W, +W ], il segnale modulato x(t) viene espresso come: x(t) =[a p + K a m(t)] cos (πf p t) (3.1) Dunque x c (t) risulta proporzionale al messaggio da trasmettere m(t): x c (t) =[a p + K a m(t)] x s (t) =0 Graficamente: Figura 3.1: BLD - tempo. Nel dominio della frequenza si ha invece: X(f) = [a p μ 0 (f)+k a M(f)] F{cos (πf p t)} = [a p μ 0 (f)+k a M(f)] 1 [μ 0(f f p )+μ 0 (f + f p )] Come si può vedere in figura 3. il segnale modulato x(t) occupa una banda di frequenze di ampiezza W centrata intorno a f p (analogamente per f p ). Si parla di banda laterale doppia (BLD), poichè sono presenti sia la banda laterale superiore [f p,f p + W ]chela banda laterale inferiore [f p W, f p ].

27 Modulazioni analogiche 1 Figura 3.: BLD - frequenza. A seconda dell ampiezza a p della portante, la modulazione di ampiezza BLD si può classificare come: BLD-PI cioè a portante intera. In tal caso risulta: a p + K a m(t) 0 Da cui: a p >K a max( m(t) ) Ne deriva che l ampiezza del segnale modulato x(t) è sempre positiva. In frequenza vengono mantenuti entrambi gli impulsi di cui ècompostap (f). Ciò offrelapossibilità di utilizzare uno schema di demodulazione (recupero del segnale modulante) piuttosto semplice. BLD-PS cioè a portante soppressa. In tal caso risulta: a p =0

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Appunti di Teoria dei Segnali Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Concetti preliminari di probabilità... Introduzione alla probabilità... Deinizione di spazio degli eventi... Deinizione di evento...

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli