COPERTURE(DEI(RISCHI(MEDIANTE(STRUMENTI(FINANZIARI(DERIVATI(

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COPERTURE(DEI(RISCHI(MEDIANTE(STRUMENTI(FINANZIARI(DERIVATI("

Transcript

1 COPERTURE(DEI(RISCHI(MEDIANTE(STRUMENTI(FINANZIARI(DERIVATI( OPZIONI Leopzionisonocontratticheoffronoall acquirentelapossibilitàdiacquistareovenderelostrumento finanziariosottostanteaunprezzospecificato,chiamatoprezzodiesercizio,perundeterminatoperiododi tempo.ilvenditoredell opzione(writer)èobbligatoadacquistareovenderelostrumentofinanziario all acquirente,seildetentoredell opzioneesercitaildiritto. Visonoduetipidicontrattidiopzione:l opzioneamericanapuòessereesercitatainqualunquemomento entroladatadiscadenza,mentrel opzioneeuropeapuòesserlosoltantoallascadenza. Leopzionivengonopredisposteperuncertonumerodistrumentifinanziari:lepiùdiffusesonoleopzioni suazioniequellesufuture.icontrattidiopzionesonopredispostiperfinancialfuturepiuttostochepergli strumentisottostantiperchéicontrattifuturesonopiùliquididiquellideglistrumentisottostanti. Contratti(di(opzione( Unaopzionecallèuncontrattochedàalcompratoreildirittodiacquistareunostrumentofinanziarioal prezzodiesercizioentroundeterminatoperiododitempo,mentreunaopzioneputèuncontrattochedà alcompratoreildirittodivendereunostrumentofinanziarioallemedesimecondizionidicuisopra. Guadagni(e(perdite(relative(ai(contratti(di(opzione(e(future( Unaopzionesucontrattifuturehaleseguenticaratteristiche: L Halastessascadenzadelfuturesottostante L L Èun opzioneamericana Ilpremio(prezzo)dell opzioneèquotatoinpuntichesonoglistessidelcontrattofuture,doveogni puntocorrispondea1.000dollari. Opzionecall. SupponiamocheIvoacquistiperunpremiodi2.000dollariun opzionecallsulcontrattofutureper obbligazionideltesoro,valore dollariconscadenzaatremesi,conprezzodiesercizio115.in questocasosupponiamoanchesecheivoeserciteràl opzionelofaràallascadenza. Seallascadenzailprezzofutureèdi110anchel obbligazionesottostantevalelostesso.seivoesercitasse l opzionecalleacquistasseilcontrattofuturealprezzodieserciziodi115,perderebbedenaroacquistando a115evendendoalprezzodimercatodi110,piùbasso.mapoichéivoèpreparatononeserciterà l opzioneesopporteràsololaperditadelpremiodi2.000dollari.(puntoa).quandoilprezzodello 1

2 2 strumentofinanziariosottostanteèinferioreaquellodiesercizio,un opzionecallsidiceessereout(of( money. Seallascadenzailprezzofutureèdi115,l opzionecallsarebbeat(the(moneyeperivosarebbeindifferente esercitareomenolapropriaopzioneperacquistareilfuture,registrerebbecomunqueunaperditanettadi 2.000dollari.(PuntoB). Seallascadenzailprezzofutureèdi120,l opzionecallsarebbein(the(moneyeivoavrebbebeneficia esercitarelasuaopzione.ilguadagnonettosaràdi3.000dollari(5.000l2.000).(puntoc). Unendoquestipuntiotteniamolacurvadeiprofittiperl opzionecall. SupponiamocheIvoanzichécomprareilcontrattodiopzionesuifuture,decidadicomprareilcontratto futurescadenzatremesi,sottostante dollari,alprezzodi115. Seilprezzodelleobbligazioniallascadenzadiminuissea110,Ivosubirebbeunaperditadi5punti,paria 5.000dollari.(PuntoA ).Alprezzodi115allascadenza,Ivoavrebbeunprofittozero.(PuntoB ).Alprezzodi 120ilprofittosarebbedi5punti,cioè5.000dollari.(PuntoC ).Ecosìvia. Unendoquestipuntiotteniamolacurvadeiprofittiperilcontrattofuture. Sinoticomel opzionecallproteggel investitoredalleperditesuperiorialpremiopagato. Opzioneput. SupponiamooracheIvoacquistiun opzioneputconunprezzodieserciziodi115perunpremiodi2.000 dollarienelcasovendesseilcontrattofuture. Seallascadenzailprezzodeifutureperititoliobbligazionarièsuperiorealprezzodiesercizio,l opzioneput èout(of(the(moneyeivononesercital opzionesubendounaperditaparisoloalpremiopagato.(punticld). Seallascadenzailprezzodellostrumentosottostanteèinferiorealprezzodiesercizio,l opzioneputèin( the(moneyeiprofittiaumentanoprogressivamenteviaviacheilprezzodelcontrattodeifuturediminuisce. (PuntoA). Differenze(tra(future(e(opzioni( Leprincipalidifferenzetraicontrattidifutureeleopzionisonodue: L L investimentoinizialedeifutureèunimportofisso:ilmargineobbligatorioinziale;l investimento inizialedeicontrattidiopzioneèilpremiopagato L Ilcontrattofuturerichiedecheildenarocambidimanoquotidianamente,mentrenelcontrattodi opzioneildenarocambiadimanosolonelmomentoincuivieneesercitatal opzione. Fattori(che(influenzano(il(premio(delle(opzioni( Ifattoricheinfluenzanoilvaloredelpremiodeicontrattidiopzionesono: L Ilprezzodiesercizio:quantomaggiore,tantominoreèilpremioperleopzionicalletantomaggioreèil premioperleopzioniput L Durata:quantomaggiore,tantomaggioreèilpremiosulleopzionicalleput L Variabilitàdeiprezzidellostrumentosottostante:quantomaggiore,tantomaggioreèilpremiosulle opzionicalleput SWAPSUTASSIDIINTERESSE Ilcontrattoswapèuncontrattofinanziariocheobbligalecontropartiascambiarsiflussifuturi.Visonodue tipidicontrattiswap:swapsucambi(currencyswap),cheprevedonoloscambiodiflussidenominatiinuna valutaconflussidenominatiinun altraegliswapsutassidiinteresse(interestlrateswap)cheprevedonolo scambiodiflussideterminatisullabasediuntassodiinteressefissocontroflussideterminatisullabasedi untassodiinteressevariabile,tuttideterminatinellastessavaluta. Contratti(swap(su(tassi(di(interesse( Ilpiùcomuneswapdiquestotipochiamatoplain(vanilla(swapspecifica:iltassodiinteressesuiflussi oggettodelloscambio,laquantitàdicapitalenozionale,laduratadelloscambio.

3 3 AdesempiolaBancadelNordovesteConsufinsiaccordanoperunoswap:laprimaaccettadipagarealla secondauntassofissodel7%su1milionedieurodicapitalenozionaleper10anni,mentrelaseconda s impegnaapagareallaprimailtassoa1annodeibotpiùl 1%suunmilionedieurodicapitalenozionale perlostessoperiodo.ilvantaggioperledueaziendeèquellodiconvertireleloroattivitàdatassifissia variabilieviceversa. Vantaggi(degli(swap(su(tassi(di(interesse( Pereliminareilrischioditassodiinteresse,anzichéstipulareuncontrattoswapsuitassidiinteressele aziendepotrebberorivedereipropristatipatrimonialiconvertendoleattivitàatassofissoinattivitàatasso variabileeviceversa.questoperòcomporterebbealticostiditransazioneeinterveniresullostato patrimonialepotrebbecausareunaperditadeivantaggiinformativicheleistituzionifinanziariehannonel concedereprestitidiversificati. Unvantaggiodegliswaprispettoaifutureealleopzionisufutureèchecopronoorizzontitemporalimolto piùlunghi,finoa20anni. Svantaggi(degli(swap(sui(tassi(di(interesse( Imercatideicontrattiswap,comequellideiforward,possonosoffriredimancanzadiliquidità:èmolto difficilechedueistituzionientrinoincontattoperdefinireloscambio. Unaltrosvantaggioincomuneconiforwardèilrischiodiinsolvenza,dovutoall azzardomorale.tuttavia neicontrattiswapl insolvenzanonsignificanecessariamentechelacontropartesaràsoggettaaperdite, poichévengonoscambiatasololadifferenzadeiflussidiinteressienontuttoilcapitalenozionale. Gliintermediarifinanziarisvolgonounafunzionefondamentalenelridurreleasimmetrieinformativee aumentarelaliquiditàdelmercatodegliswap. DERIVATIDICREDITO Iderivatidicreditooffronopayofflegatiatitoligiàincircolazione,essenzialmentequellichepresentanoun rischiodicredito. Credit(option( Lecreditoptionfunzionanocomeleopzioni:l acquirentepagaunacommissioneperavereildirittodi incassareiprofittichesonolegatialprezzodeltitolosottostanteoauntassodiinteresse. Uninvestitorechehacomprato1milionedidollaridiobbligazionidiGeneralMotors,preoccupatodiun possibiledowngradedellestesse,copraun opzionedicreditoptionperunpremiodi15.000dollarichegli consentediproteggersidalrischioegoderediuneventualeaumentodelvaloredeititoli. Unaltrotipodicreditoptionlegaiprofittiallevariazionidiuntassodiinteressecomeuncreditspread. UnasocietàconunratingBaaprogettadiemettere10milionidiobbligazioniaunanno,conuncredit spreaddi1puntopercentuale.preoccupatacheilmercatopossapensarechelesocietàconratingbaa diventinopiùrischioseneiprossimimesi,equindidovrebbepagareuntassopiùalto,siprotegge comprandounacreditoptionsui10milionididollari.questaopzionepagaladifferenzatrailcreditspread cheilmercatorichiededopol aumentodelrischioeilcreditspreadiniziale. Credit(swap( Ilcreditswapèun operazionecheprevedecheduebanchefinanziatricidiaziendeinsettoridiversisi accordinoperscambiarsiilcreditirelativiaipropricreditori.questoconsentealleduebanchespecializzate didiversificareilloroportafoglio. Un altraformadicreditswapèchiamatacreditdefaultswap,cheineffettifunzionacomeuna assicurazione.contalederivato,unapartechevuolecoprireilrischiodicreditopagaunpremioricorrente efissoincambiodiunpagamentoeventualmenteinnescatodauncrediteventcomeildefaultoil downgradingdiunadeterminatasocietà. (

4 Credit=linked(note( Unaltrotipodiderivato,lacreditLlinkednote,èunacombinazionetraun obbligazioneeunacreditoption. Comeun obbligazionepagaperiodicamenteinteressierimborsailvalorenominaleascadenza.seperòuna variabilefinanziariachiave,specificatanelcontratto,cambia,l emittentedellacreditllinkednotehail dirittodiridurreipagamentidegliinteressisullanotestessa. ( PERCHE (ESISTONO(LE(ISTITUZIONI(FINANZIARIE( NOZIONIDIBASESULLASTRUTTURAFINANZIARIADIUN ECONOMIA Perspiegareilfunzionamentodiunqualsiasisistemafinanziariodiqualunquepaesebisognaspiegareotto fenomenidbase: 1. Leazioninonsonolaprincipalefontedifinanziamentoesternoperleaziende 2. L emissionedidebitonegoziabile(obbligazioni)edititolirappresentatividicapitaleproprio(azioni)non costituisconolafonteprimariadifinanziamentodelleaziende 3. Lafinanzaindiretta,incuileaziendesirifornisconotramitel interventodiintermediarifinanziarièdi granlungapiùrilevantedellafinanzadiretta 4. Gliintermediarifinanziarirappresentanoperleaziendelaprincipalefontediapprovvigionamentodi fondiesterni 5. Ilsistemafinanziarioèunodeisettoripiùrigidamenteregolamentatidell interaeconomia 6. Soltantoleaziendegrandieaffermatehannolapossibilitàdiaccederefacilmenteaimercatideititoli perfinanziarelapropriaattività 7. Lapresenzadiunagaranziarealeèunacaratteristicamoltodiffusaneiprestitibancari,siaperle famigliesiaperleaziende 8. Ititolididebitosonodocumentigiuridici(contratti),ingeneremoltocomplessi,chepongononotevoli limitazionialcomportamentodeldebitore COSTIDITRANSAZIONE Icostiditransazionesonounproblemaimportanteneimercatifinanziari.Lacommissionechesidovrebbe pagareconl onlinetradingpercomprareun azionerappresenterebbeunapercentualesignificativa.sesi volesseacquistareun obbligazioneilsuotagliominimopotrebbeesseresuperioreaisoldidicuisidispone. Questiproblemiporterebberogliinvestitoriainvestireinunagammalimitatadititolisenzadiversificare adeguatamenteilportafoglio. Gliintermediarisisonoevolutiperridurreicostiditransazioneepermettereaipiccolirisparmiatorie debitoriditrarrevantaggiodall esistenzadeimercatifinanziari. Economie(di(scala( Unasoluzioneèquelladiriunireinsiemeifondidimoltiinvestitoriinmododabeneficiaredelleeconomie discala.lapresenzadieconomiediscalaneimercatifinanziariaiutaaspiegareperchésisianosviluppatigli intermediarifinanziari. L esempiopiùimmediatosonoifondicomunidiinvestimento,incuiconfluisconoifondidiunnumero considerevolediinvestitoriinmododacostituireunpatrimoniocospicuodicuiciascuninvestitoredetiene quoteinproporzioneallerisorseapportate.ilpatrimoniodelfondocomuneèabbastanzagrandeper essereinvestitoinunportafogliodititoliampiamentediversificato. Competenze( Gliintermediarifinanziarisonoanchenellecondizionipiùfavorevolipersvilupparecompetenzeche contribuiscanoaridurreicostiditransazione.un importanteconseguenzadeibassicostiditransazione sostenutidagliintermediarifinanziarièlacapacitàdioffrireaipropriclientiservizidiliquiditàequindila possibilitàpericlientistessidieffettuaretransazionipiùfacilmente. 4

5 5 ASIMMETRIAINFORMATIVA L asimmetriainformativasiverificaquandounadelleparticoinvolteinunatransazionehainformazioni insufficientisull altraparteperprenderedecisionicorretteecostituisceunaspettoimportantedegliscambi neimercatifinanziari. Laselezioneavversaèunproblemadiasimmetriainformativacheprecedelafirmadelcontratto:a richiederepiùattivamenteprestitisarannoisoggettimaggiormentearischio. L azzardomoraleèinveceunproblemacheseguelafirmadelcontratto:ilcreditorecorreilrischiocheil debitoreintraprendaattivitàchesonoindesiderabiliperchérendonomenoprobabileilrimborso. L analisidicomeiproblemidiasimmetriainformativainfluenzanoilcomportamentoeconomicoèchiamata teoriadell agenzia(agencytheory). SELEZIONEAVVERSAEMERCATODEIBIDONI Unadescrizioneparticolaredelproblemadellaselezioneavversaedicomeessainterferisceconil funzionamentoefficientediunmercatoèstatadescrittadal problemadeibidoni,chericalcalasituazione creatadai catorci nelmercatodelleautomobiliusate. Ipotenzialinonpossonodireseunaparticolareautomobilefunzioneràbeneosesaràunbidone.Ilprezzo pagatodaunsoggettodiquestotiporifletteràinevitabilmentelaqualitàmediadelleautomobilisul mercato.alcontrarioilproprietariodiun automobilesalecondizioniincuiversalasuaautomobile.se questaèunbidone,ilproprietariosaràfelicedivenderlaalprezzocheilcompratoreèdispostoapagare, malel autoèinottimecondizioni,ilproprietario,consapevolecheilprezzooffertodalcompratoreè troppobasso,potrebbedecideredinonvenderla. Dalmomentochelaqualitàmediadiun automobileusatadisponibilesulmercatosaràbassaechepoche personedesideranoacquistareautoscadentiacaroprezzo,siavrannopochiscambi:ilmercatodelle automobiliusatefunzioneràmaleononfunzioneràaffatto. Problema(dei(bidoni(nei(mercati(azionari(e(obbligazionari( Anchesustrumentiazionarieobbligazionaripossonoverificarsiproblemianaloghiaquelliche contraddistinguonoilmercatodelleautousate. Supponiamochel investitorenonsappiadistingueretraaziendebuoneemenobuone.iquestocasosarà dispostoapagaresoltantounprezzocheriflettelaqualitàmediadellesocietàemittentititoli.imanagerdi unabuonaaziendasannocheititolisonosottovalutatienonvorrannovenderlialprezzochel investitoreè dispostoapagare.leunichedisposteavenderesarannoleaziendescadenti.mal investitorenonèstupido enonvolendocorrereilrischiodiavereinportafoglioazioniemessedaaziendescadentipreferirànon acquistarealcuntitolo. Lostessoavvienesel investitorevalutasselapossibilitàdiacquistareunostrumentodidebitosulmercato obbligazionario. STRUMENTIPERRISOLVEREIPROBLEMIDISELEZIONEAVVERSA Produzione(e(vendita(informazioni(da(parte(di(soggetti(privati( Lasoluzionealproblemadellaselezioneavversaneimercatifinanziariconsistenell eliminarel asimmetria informativa,fornendoairisparmiatoriinformazionicompletesuindividuieaziendechecercanodi finanziarelapropriaattività. Leagenziediratingsiprocuranoinformazionisulleposizionidibilancioesulleattivitàdelleaziende, pubblicanoquestidatielivendonoaisoggettiinteressatiadacquistareititolidelleaziendevalutate.nasce peròilproblemadelfreelriding,cioèl utilizzodiinformazionipagatedaalcuniinvestitorianchedapartedi altriinvestitori.inunmercatoincuioperanofreelridernonèpossibiletrarreprofittodall acquistodi informazionichealtripossonosfruttaresenzaalcuncosto. (

6 6 Intervento(delle(autorità(pubbliche( IlproblemadelfreeLridingimpediscealmercatoprivatodiprodurreinformazionipereliminare l asimmetriainformativacheconduceallaselezioneavversa. Unasoluzionealternativapotrebbeesserequelladiregolamentareimercatifinanziariinmodotaleda obbligareleaziendeemittentiadivulgareinformazionisullapropriasituazioneeconomica,finanziariae patrimoniale.laconsobinitaliaelasecneglistatiunitisonoentigovernativichehannoilcompitodi chiederealleaziendequotateinborsal obbligodisottoporsiarevisionicontabiliindipendenti. Ilproblemadell asimmetriainformativacheconduceallaselezioneavversaaiutaaspiegareperchéi mercatifinanziarisianoilcompartopiùstrettamenteregolatodell interaeconomia. Intermediazione(finanziaria( Nelcasodelleautoseesistonosoggettichesispecializzanonellavalutazionedellaautoechesonodisposti adacquistarleearivenderlesullabasedelleinformazioniprodotteinternamente,saràpossibileevitareil problemadelfreelriding. Gliintermediarifinanziarisvolgononeimercatifinanziariunruoloanalogoaquelloassoltodairivenditori nelmercatodelleautousate:l interventodiintermediaricontribuisceadeliminareilproblemadella selezioneavversa.unabanca,cheèspecializzatanellaraccoltaenell elaborazionediinformazionisulle aziendechehannoesigenzedifinanziamento,èingradodiselezionareleimpresecherichiedonofondiin basealrischiodiinsolvenzachelecontraddistingue.ladifferenzatraitassiattivisuiprestitieitassipassivi suidepositirappresentailprofittorichiestodallabancaperl attivitàdiraccoltaeproduzionedi informazionisulleaziendefinanziate. Poichéiprestitisonocontrattipocoliquidichenonsonocomunementescambiatisulmercatosecondario, glialtriinvestitorinonpotrannofareun offertamiglioresulprezzo(tasso)delprestitoinmododaridurreil profittodellabancaperleinformazioniprodotte. Quandoleinformazionisulleaziendeèmigliore,iproblemidiasimmetriainformativasarannomenogravie saràpiùfacileperleaziendeemetteretitoli.perquestoleaziendegrandieaffermatehannomaggiore probabilitàdireperirefondiinviadirettaanzichétramitel interventodellebanche.quantopiùènotauna societàequantomaggiorisonoleinformazionidisponibilisulmercatosullasuaattività,tantopiùfacilesarà pergliinvestitorivalutareautonomamentelaqualità.questopuntodivistaèconosciutocomeipotesi dell ordinediscelta. Garanzia(e(capitale(netto( Lapresenzadiunagaranziarealedicuiilcreditorepuòdisporreinipotesidiinsolvenzadiminuisceglieffetti negativisullaselezioneavversaperchériduceleperditedelcreditoreincasodiinsolvenza. Ilcapitalenettopuòsvolgereunruoloanalogoallagaranzia.Nelcasodiinsolvenzailcreditorepotrà acquistareuntitolodiproprietàsulcapitalenettodell azienda,cederloeusareilricavatoperrecuperarele perditeconsegnatialmancatorimborsodelprestito.ilcapitalenettofunzionacomeunasortadicuscinetto ingradodiassorbireleeventualiperdite.( Soltantochinonhabisognodisoldipuòprenderliaprestito ). AZZARDOMORALENEICONTRATTIAZIONARI Il(problema(principal=agent( IcontrattiazionarisonosoggettiaduntipoparticolarediazzardomoraledenominatoprincipalLagent problemderivantedallaseparazionetralaproprietàeilcontrollodell azienda. Questaseparazionecomportaunazzardomoraleinquantoiresponsabilidelcontrollo(gliagenti)possono fareinmododimassimizzareilpropriointeresseanzichéquellodegliazionistilproprietari(imandanti), poichéchigestiscel aziendanonhasufficientiincentiviadaumentareiprofittideiproprietari. Ilproblemaverrebbemenoseiproprietaridiun aziendaavesseroinformazionicompletesucomesi comportanoimanager,inmododaprevenirefrodiespeseinutili.l azzardomoralesipresentasoloperché chigestiscel aziendahamaggioriinformazionisullesueperformancerispettoall azionista.

7 STRUMENTIPERRISOLVEREILPROBLEMAPRINCIPALLAGENT Produzioni(di(informazioni:(monitoraggio( Unmetodocondicuipossonoavvalersigliazionistiperridurreilfenomenodiazzardomoraleèimpegnarsi inuntipoparticolarediproduzionedelleinformazioni,basatosulmonitoraggio.ilcheconsisteinfrequenti verifichedell'operatodell'amministrazione.ilproblemaèchequestaattivitàècostosainterminisiaditemi chedidenaro(costlystateverification). IlproblemadelfreeLridingriducelaquantitàdiinformazioniprodotte,perchésesapetechealtriazionisti stannopagandopermonitorarelasocietàdicuipossedeteazioni,potresteapprofittaredellaloroattività. Setuttigliazionistisicomportasserocosìperòl'azzardomoraleneicontrattiazionaridiventerebbe talmentegravedarenderedifficileperleaziendelaraccoltadiinformazioni. Regolamentazione(pubblica( Leautoritàpubblichehannounincentivoaindividuaresoluzioniperridurrel'incognitadell'azzardomorale, percuituttiigovernisidotanodileggicheobbliganoleaziendearispettareprincipicontabilistandard. Esistonoinoltreleggichepunisconoseveramentechicommettefrodicercandodisottrarreutiliagli azionisti. Intermediazione(finanziaria( GliintermediarifinanziarihannolacapacitàdievitareilproblemadelfreeLriding. Unintermediariofinanziarioingradodiridurrel'insorgeredifenomenidiazzardomoraledeterminatidal problemaprincipallagentèlasocietàdiventurecapital.questotipodisocietàraccoglielerisorsedeipropri socieleutilizzaperfinanziarelacrescitadinuoveaziendeedinuoviimprenditori.poichélaverificadei ricaviedegliutilièfondamentalepereliminareilproblemadiazzardomorale,talesocietàsiimponein modochealcunisuoirappresentantifaccianopartedell organoesecutivodell'azienda. UnasocietàchefinanzialostartLupdiun'aziendainvestedifattointitolichenonsononegoziabilisul mercatosecondario:nonesistonopertantoaltripotenzialiinvestitorichepossanoapprofittarsidell'azione dicontrollosvoltadaquestasocietà. Contratti(di(debito( Ilcontattodidebitoèunaccordocheprevedecheildebitorecorrispondaalcreditoreimportifissia scadenzedefinite,indipendentementedagliutilimaturatidall'azienda.ildetentorediuncontrattodi debitonondeveperciòpreoccuparsidimonitorarel'azienda. Ilfattochealcontattodidebitosiaassociataunaminoreesigenzadimonitorarel'aziendae conseguentementecostidiverificaaiutaaspiegareperchéquesticontrattisonostrumentidi finanziamentousatipiùspessodeicontrattiazionari. AZZARDOMORALENEICONTRATTIDIDEBITO Ancheicontrattididebitosonosoggettiall'azzardomorale.Dalmomentocheuncontrattodidebito imponeaidebitoriilpagamentodiunimportofissoelilasciadisporrecomemegliocredonodituttii profittiineccessorispettoataleimporto,leaziendecheemettonodebitohannounelevatoincentivoa intraprendereprogettidiinvestimentopiùrischiosidiquantoiprestatorigradirebbero. 7

8 STRUMENTIPERRISOLVEREL'AZZARDOMORALENEICONTRATTIDIDEBITO Capitale(Netto( Uncapitalenettoelevatoattenuailproblemadell'azzardomoraleperchérendeilcontrattodidebito incentivelcompatible,cioèmettesullostessopianogliincentivideldebitoreconquellidelcreditore. Quantopiùgrandesaràilcapitalenettodeldebitore,tantomaggioresaràilsuoincentivoacomportarsinel modoincuiilcreditoreprevedeedesidera,percuimoltominoresaràl'azzardomoraleinsitonelcontratto didebito. Monitoraggio(e(clausole(restrittive Perassicurarsicheildebitoreusiildenarodegliinvestitoriperloscopoconcordato,vengonospesso predispostenelcontrattodidebitoalcuneclausolerestrittivechevincolanoilcomportamentodeldebitore: Lclausoleperscoraggiarecomportamentiindesiderabili Lclausoleperincoraggiarecomportamentidesiderabili(livellominimodicapitalizzazioneorispettodi alcunilivelliminimidialcunicoefficienti) Lclausolecheimpegnanoamantenerealtoilvaloredellagaranzia Lclausolecheimpegnanoafornireinformazioni Intermediazione(finanziaria Ilproblemadelleclausoleèchedevonoesserefatterispettareeperciòoccorrequalcunochecontrolliil comportamentodeldebitore.unaclausolarestrittivaèinefficienteseildebitoresacheilcreditorenon controlleràosaràpocodispostoapagareicostidiunricorsolegale:datochefarrispettareleclausole restrittiveècostososipresentanuovamenteilproblemadelfreelriding. GliintermediarifinanziaririesconoaevitareilproblemadelfreeLridingsoprattuttoinquantoconcedono prestitinonnegoziabili. PROBLEMADIASIMMETRIA INFORMTIVA STRUMENTIPERRISOLVERLO FENOMENISPIEGATI Selezioneavversa Produzioneevenditadiinformazioni 1L2 Azzardomoraleneicontratti azionari Azzardomoraleneicontrattidi debito Normativapubblicaperaumentarele informazioni Intermediazionefinanziaria 5 3L4L6 GaranzieeCapitaleNetto 7 Produzionedelleinformazioni:monitoraggio 1 Normativapubblicaperaumentarele informazioni Intermediazionefinanziaria 3 Contrattididebito 1 CapitaleNetto 6L7 Monitoraggioeapplicazionediclausole restrittive Intermediazionefinanziaria 3L

9 9 CONFLITTODIINTERESSI Gliintermediarifinanziarisvolgonounruoloimportantenelsistemafinanziarioperchégodonodiun vantaggiodicostonellaproduzionediinformazionirealizzandoeconomiediscalaediscopo(riutilizzodelle informazionipervariservizi). Nonostantelapresenzadieconomiediscopopossafavorirenotevolmentegliintermediarifinanziariessa generaanchecostipotenzialisottoformadiconflittodiinteressi:un'istituzionehamoltepliciobiettivie interessie,conseguentemente,devesceglierefraobiettivicontrastanti. Underwriting(e(ricerca(delle(banche(di(investimento( Lebanchediinvestimentosvolgonoattivitàdiricercasullesocietàcheemettonotitoliecontestualmente sottoscrivonotalititoli,chepoirivendonoalpubblico.lebanchediinvestimentospessocombinanoquesti servizifinanziaridistintipergeneraresinergieinformative. Unconflittodiinteressièpotenzialmentepresentetral attivitàdibrokeraggioequelladiunderwriting, poichélabancastaservendoduetipidiclienteladiversa:lasocietàegliinvestitori.quandoiprofitti potenzialiderivantidall attivitàdisottoscrizioneeccedonoinlargamisuralecommissionidibrokeraggio,si presentaunforteincentivoadalterareleinformazioniforniteagliinvestitoriperassecondarelenecessità dellesocietàemittenti. Un altrapraticachefruttailconflittodiinteressièilcosiddettospinning.nelcasodiipomoltopromettenti: labancadiinvestimentoassegnaunapartedelleazionidinuovaemissione,aunprezzoinferioreal normale,aidirigentidialtreaziendeincambiodelloroimpegnoadoperareconlabancadiinvestimento stessa. Auditing(e(consulenza(nelle(società(di(revisione( Tradizionalmenteunrevisoredeicontiverificailibricontabilidellesocietàecontrollalaqualitàdelle informazioni,maspessovengonoancheoffertiservizidiconsulenzaditipofiscale,contabileestrategico. Inquestocasosicreaunconflittodiinteressi,poichéunrevisorepotrebbeesseredispostoadalterareil suogiudizioelasuaopinioneperottenerealtriincarichidiconsulenzadaqueglistessiclienti.irevisori potrebberotrovarsiaverificareisistemiinformativiolesoluzionifiscalicheilorostessicolleghihanno suggeritoall impresa,equindipotrebberoessereriluttantiaesprimerecritiche. Unaltroconflittodiinteressisiriscontraquandounrevisoredeicontiemetteungiudiziosullaqualitàdei bilancieccessivamentefavorevoleperincrementareopreservarel attivitàdirevisore. Valutazione(del(merito(di(credito(e(consulenza(nelle(agenzie(di(rating( Nelsettoredellavalutazionedelcredito,gliemittentideititolididebitopaganoperottenereilrating,di conseguenzagliinvestitorieleautoritàsonopreoccupaticheleagenziediratingpossanoemettere valutazionebenevolealloscopodiattrarrepiùclienti. Leagenziediratinghannoancheiniziatoaoffrireservizidiconsulenzaeinquestasituazioneleagenziesi trovanoavalutareillorostessolavoro. Inoltreleagenziediratingpossonoassegnareratingbenevolialloscopodiattirarenuoviclientiperlaloro attivitàdiconsulenza. MISUREPERRISOLVEREILCONFLITTODIINTERESSI Sarbanes=Oxley(Act((2002)( Questaleggepresentaquattrocaratteristicheimportanti: 1) Aumentalacapacitàdivigilanzaperindividuareeprevenireiconflittidiinteressi: CreandoilPCAOBpercontrollarelesocietàdirevisioneegarantirechel auditingsia indipendenteedefficacie AllargandoilbudgetdellaSECperlavigilanzadeimercatimobiliari

10 2) Limitadirettamenteiconflittidiinteressisancendocomeillegaleperunasocietàdirevisionela fornituradiservizidiversidiconsulenzacontemporaneamenteall auditing 3) Disincentivalebanchediinvestimentoaffinchénonsfruttinoiconflittidiinteressiindividuandonuove formedireato 4) Contienemisurepermigliorarel informazioneneimercatifinanziari Global(Legal(Settlement((2002)( Questamisurasibasasutrepuntiprincipali: 1) Vietalapraticadellospinning 2) Disincentivaconsanzionilebanchediinvestimentoasfruttareiconflittidiinteresse 3) Contienemisurepermigliorarelaqualitàdell informazioneneimercatifinanziari Italia( AncheinItalia,aseguitodegliscandalifinanziari,sonostateintrodotteinnovazioninormative. Gliinterventiperinasprirelenormefinoaquelmomentoinvigoresonostati: 1) L adozioneperlesocietàquotatediunconsigliodiamministrazioneconamministratoridiminoranzae unrafforzamentodeicontrollianchetramiteilcollegiosindacale 2) RafforzamentodeipoteridellaCONSOB 3) L inasprimentodelladisciplinasanzionatoriadeireatiedegliillecitiamministrativi 4) Leregoledimaggioreseparatezzafraleattivitàdirisparmiogestitoelealtreattivitàincuilabanca abbiapossibileconflittoconlaclientela ATTIVITA (BANCARIA(E(GESTIONE(DELLE(ISTITUZIONI(FINANZIARIE( BILANCIODELLABANCA Aspetti(generali( Ilbilanciod esercizioèl'insiemedeidocumenticheognisocietàdeveredigereperiodicamentealloscopodi rappresentarelapropriasituazionepatrimoniale,finanziariaedeconomica.ilbilanciodellebancheè compostodaiseguentidocumenti: L statopatrimoniale L contoeconomico L prospettodellaredditività L prospettodellevariazionidelpatrimonionetto L rendicontofinanziario L notaintegrativa Laredazionedelbilanciohaduefinalitàprincipali:rispondereagliobblighicontabiliefiscaliprevistidalle diversenormativeecostituireunsistemadiinformazioneeconomicapertutteleclassidiportatoridi interesse. InItalialaBancad'Italiahapredispostoschemieregolechetengonocontodellepeculiaritàdell'attività bancariaedèinoltreimportantedistingueretrailbilanciodellabancaequellidelgruppoalqualelabanca stessapuòappartenere. LoStatopatrimonialerappresental'insiemedelleattivitàedellepassivitàdiunabanca:totaleattività= totalepassività+capitaleproprio.lepassivitàsonoifondidallequaliprovengonolerisorsedaimpiegare nell'eserciziodell'attivitàbancaria,mentreleattivitàcostituisconogliusideifondiecioèladestinazione dellerisorsedisponibili. Nelcontoeconomicodellabancasonoregistratiicostieiricavidellagestione. PASSIVODIBILANCIO Nelbilancioredattosecondoloschemacivilisticolevocidelpassivosonodestinatepernaturadi operazione.leprincipalivocidibilanciosonoraggruppatenelleseguenticategorie: 10

11 11 L raccoltadaclientela L prestitidabanche,intermediarifinanziariobancacentrale L capitaleproprio Raccolta(da(clientela( Nell'ambitodiquestacategoriarientranoidepositidicontocorrenteeidepositiarisparmio. Iprimirappresentanounafonteimportantediraccoltaecostituisconounaquotasignificativadelle passivitàdiunabanca(circaunterzoinitalia,mentresoloil4%neglistatiuniti).uncontocorrenteè un'attivitàperildepositantevistocheiltitolarediuncontocorrentepuòprelevarefondiinognimomento, maunapassivitàperlabanca.ingenereperlebancheiconticorrentisonofontirelativamentepoco costosediraccolta. L'altracomponenteimportantedellaraccoltadaclientelaècostituitadaidepositiascadenzaprestabilita(in Italiacircail40%,mentreil74%negliStatiUniti).Nell'ambitodiquestavocesicollocanodueclassi principalidiconti,distintiperimporto:idepositivincolatidiimportoinferioreai dollari(small dententiontimedeposit)eidepositivincolatidigrandeimporto(largedetentiontimedeposit), tipicamenterappresentatidacdnegoziabili.perquantoriguardailmercatoitalianounostrumentodi provvistafondamentaleperlebancheèpoirappresentatodalleemissionidiobbligazionigarantite. Prestiti(da(banche,(altre(istituzioni(finanziarie(e(banca(centrale( NelcasodellaBCEleoperazionidimercatoapertoeleoperazionidirifinanziamentomarginalesonogli strumentiattraversocuiavvienel'immissionediliquiditàafavoredellebanche.neglistatiunitilebanchesi procuranofondipressoilfederalreservesystem:ifinanziamentiottenutidallafedsonoorganizzati soprattuttosottoformadioperazionidimercatoaperto. Cisonoinoltremodalitàpiùspecificheperprocurarsirisorse,comequelladeidiscountloan,deiprestiti overnightedeipronticontrotermine.questiultimihannoacquistatoimportanzacrescenteall'internodel mercatomonetarioecostituisconoormaiunavalidaalternativaalleoperazionidiprestitonongarantiteo alleemissionidititoliabrevetermine. Capitale(proprio( Ilcapitalepropriorappresental'ultimacategoriadipassivitàedèequivalentealladifferenzatrailtotale delleattivitàeiltotaledellepassività.inquestavoceoltrealcapitalesocialecisonogliaccantonamentidi utilieleriserve. Imezzipriorirappresentanounasortadicuscinettodisicurezzaafrontediun'eventualeperditadivalore delleattivitàchepotrebbeportarelabancaincondizionidiinsolvenza. ATTIVODIBILANCIO Lebancheutilizzanoifondiraccoltiemettendopassivitàperacquistareattivitàchefruttanoreddito. Riserve(di(liquidità( Leriservediliquiditàsonosiaisaldidisponibilichelebanchedetengonopressolabancacentralesiail denaroincassa. Nell'ambitodelleriservedetenutepressolabancacentrale,unaquotaèrappresentatadallacosiddetta riservaobbligatoria(inbasealcoefficientediriservaobbligatoria),l'altraparteèrappresentatadalleriserve liquideineccesso(riservelibere). Titoli( Ilpossessodititolidapartediunabancacostituisceun'importanteattivitàfruttiferadiinteressi:negliStati Unitisonoil17%,inItaliasonol'11%. Ititolialorovoltapossonoessereclassificatiintrecategorie:diStato,diautoritàlocaliemunicipaliealtri. Leprimeduesonocaratterizzatedaunamaggioreliquidità,perquestoititolidiStatoabrevetermine assumonoilruolodiriservesecondarie,utilizzateaifinidellagestionedell'equilibriofinanziariodellabanca.

12 12 Prestiti( Lebanchegeneranoredditosoprattuttograzieallaconcessionediprestiti.Ingenereiprestitihanno caratteristichediliquiditàvariabileasecondadellalorofinalità.iprestitisonocaratterizzatidalloroessere soggettiarischiodiinsolvenzadellacontroparteeperquestolebancheriesconoadottenererendimenti piùaltisuquestacategoriadiattivodibilancio. Lecategoriepiùrilevantiperlebanchesonocostituitedaiprestitiversoleimpreseedaquelliimmobiliari, malebanchecommercialieroganoanchecreditoalconsumo.vièpoiun'altracategoriarappresentatadai prestitiinterbancari,tramiteiqualilebanchesifinanzianoreciprocamenteinragionedelleproprie disponibilità. FONDAMENTIDELL'ATTIVITÀBANCARIA Interminigeneralilebancheottengonoipropriprofittidallavenditadipassivitàcaratterizzateda combinazionidifferentidiliquidità,rischio,dimensionierendimentoeimpieganoilricavatonell'acquistodi attivitàconcaratteristichedifferenti.questoprocessovienespessosintetizzatoconl'espressione trasformazionedelleattivitàfinanziarie.ilprocessoditrasformazionedeicapitaliunitamenteaunaseriedi servizioffertidallabanca,comecompensazionidiassegni,contabilità,analisidelcreditoecosìvia, costituisconoilveroeproprioprocessoproduttivodellabanca. Unaumentodelleriservedellabancacorrispondeall'incrementoneidepositidicontocorrente.Quando unabancariceveunversamentoottieneunugualeammontareinriserve,mentrequandovieneregistrato unprelievoperdeunugualeammontarediriserve. Ilprocessoditrasformazionedeicapitalivienespessosintetizzatoaffermandochelebanchesiindebitanoa breveeprestanoalungo,svolgendounprocessoditrasformazionedelrischioedellescadenze.per esempioseilprestitodi90fruttasseuntassodiinteresseannuodel10%afineannolabancaavrebbe maturatounricavodi9euro.sei100eurodiversamentifosseroafrontediuncontocorrentefruttiferoal tassodel5%,alqualesidovrebberoaggiungereanche3europericostidigestione,nell'ipotesidinon doverripartirequestiultimisualtreattività,lcostoannuodeldepositoammonterebberoa8euro.il profittodellabancasulnuovodepositocorrisponderebbea1eurol'annoecioèleattivitàavrebbero rendimentoannuodell'1%. GESTIONEDELLELIQUIDITÀERUOLODELLERISERVE Quandounabancapossiedeunlivelloelevatodiriserve,incasodideflussonondevenecessariamente interveniresualtrielementidelpropriostatopatrimoniale. Alcontrarioquandoaseguitodiundeflussolabancanonhariservediliquiditàsufficientihaquattro opzioniperovviareaquestasituazione.laprimaconsistenelprocurarsiriservesulmercatodeifondi interbancarieilcostodiquestaoperazioneèrappresentatodaltassodiinteressesuiprestiti.laseconda alternativaprevedelacessioneparzialedelportafogliotitolipercompensareideflussi,maancheinquesto casocisonodeicostiditransazioneed'intermediazione.unterzomodoèquellodiprendereaprestito dallabancacentraleeilcostoperquestoprestitocorrispondealtassodiscontoapplicato.l'ultima possibilitàèridurreiprestitiperunammontareugualealdeflusso:perridurreiprestitilabancapotrebbeo semplicementerevocandoli,ovverononrinnovandoliallascadenzaocedendoliaaltrebanche. Leriserverappresentanounagaranziacontroicostiassociatiaideflussideidepositi.Quantomaggiorisono talicosti,tantosuperiorisarannoleriservechelebancheavrannointeresseacostituire. GESTIONEDELL'ATTIVODIBILANCIO Permassimizzareiprofittilabancadevecercareirendimentimigliorisuprestitietitoli,ridurreilrischioe nellostessotempoprovvedereadaccantonamentiadeguatidalpuntodivistadellaliquidità. Innanzituttolebanchecercanoditrovareprenditoridifondidispostiapagaretassidiinteresseelevatie caratterizzatidaunrischiodicreditorelativamentecontenuto.lebanchecercanopoidiacquistaretitoli caratterizzatidarendimentielevatierischiridotti.perridurreilrischiosiricorrealladiversificazione:questo

13 13 avvieneacquistandotipologiedifferentidititolieapprovandovaritipidiprestitoaunanumeroelevatodi clienti.infinelabancadevegestirelaliquiditàdeiproprititoliinmododasoddisfareledisposizioni legislativeinmateriadiriservesenzaincorrereincostieccessivi.èquindiopportunochelabancadetenga unmixdititoliaelevataliquiditàsecondolenecessitàdellapropriagestioneancheseillororendimentoè alquantoinferiorerispettoadaltriinvestimenialternativi. Labancadevedunquetrovareunequilibriotrailpropriodesideriodiliquiditàeimaggioriredditiche possonoderivaredaattivitàmenoliquide,qualiiprestiti. GESTIONEDELPASSIVODIBILANCIO Finoacircalametàdelsecoloscorsogestirelepassivitàsignificavaraccogliereifonditramitedepositidi contocorrente.oggigrazieadun espansionedeimercatideiprestitiovernighteallosviluppodinuovi strumentifinanziaricomeicdnegoziabili,lebanchepossonoadottareunnuovoapproccioallagestione bancaria.nonavendopiùmotivodidipenderedaiconticorrenticomefontediapprovvigionamento principale,nonconsideravanopiùlelorofontidifondicomeunaquantitàdata.oggiquandounabanca trovaun opportunitàdiprestitointeressantepuòprocurarsiifondinecessarivendendocdoprendendoa prestitorisorsedaun altrabanca. Nelmercatostatunitenseècresciutal importanzadeicdnegoziabiliedelmercatointerbancariocome fontidiraccolta(dal2%al24%)eiconticorrentihannopersoimportanza(dal61%al4%). Aquestatendenzasiaggiungeunulteriorecambiamentorappresentatodall importanzacrescentechele emissioniobbligazionariehannoassuntocomestrumentodiraccoltafondi. GESTIONEDELCAPITALEPROPRIO Sonotreimotivipercuilebanchedevonoprenderedecisionicheriguardanol ammontaredelcapitale proprio. Come(il(capitale(contribuisce(alla(solvibilità(di(una(banca( Ilcapitalepropriofungedacuscinettoingradodiassorbireleperdite.Unabancamantieneuncapitale proprioperridurrelaprobabilitàdidiventareinsolvente. Come(il(capitale(proprio(della(banca(influenza(il(rendimento(degli(azionisti( Un unitàdimisurafondamentaledellareddititivitàbancariaèilcosiddettoroa(returnonassets),che indicalaquantitàdiutilechevienegeneratainmediaperogniunitàdiattivoinvestito. ROA=utilenetto/totaleattivo Inognicasociòcheinteressaprincipalmenteagliazionistièilrendimentochelabancariesceagenerarea favoredelcapitaleproprio.questainformazionevienefornitadaunaltroindice,ilroe(returnonequity). ROE=utilenetto/capitaleproprio EsisteunarelazionedirettatrailROA,chemisural efficienzadellagestione,eilroe,cherilevainveceil rendimentopergliazionisti.questarelazioneèdeterminatadalcosiddettoem(equitymultiplier),cioèdal rapportotratotaleattivoecapitaleproprio. EM=totaleattivo/capitaleproprio ROE=ROAxEM

14 14 Tenutocontodelrendimentosull attivo(roa),quantopiùèridottoilcapitalesociale,tantopiùelevatoèil rendimentopergliazionistidellabanca. Trade=off(tra(stabilità(e(rendimento(per(gli(azionisti( Ilcapitalepropriodiunabancapresentavantaggiecosti.Ivantaggiriguardanoiproprietari,perchèil capitalerendepiùsicuroilloroinvestimentoriducendolaprobabilitàidfallimento,mentreicosti comportanochequantopiùilcapitaleèelevato,tantominoresaràilrendimentosudiesso(roe). Neimomentidiincertezza,quandoaumentalapossibilitàdiconseguirenotevoliperditesuiprestiti,i managerpotrebberodecideredimantenereuncapitalesocialeelevatoperproteggeregliinvestimenti degliazionisti.alcontrario,sevisonomotividiritenerechenonsiavrannoperditesuiprestiti,potrebbero ridurrelaquantitàdicapitale,ottenendocosìunmaggioreemediconseguenzaunroepiùelevato. Requisiti(minimi(di(capitale( Lebanchedispongonodiuncapitaleproprioancheperchè,inunacertamisura,ilsuopossessoèreso obbligatoriodalleautoritàdicontrollo.perimotivicheabbiamovistoprimalebanchespessovorrebbero avereunminorecapitalepropriodiquantononsiaprevistodallalegge. ATTIVITÀFUORIBILANCIO Malgradolagestionediattivitàepassivitàdasemprerappresentil interesseprincipaledellebanche, l evoluzionedellacompetizionenelmercatobancariodegliultimiannilehaspinteacercarenovefontidi profittonelleattivitàfuoribilancio.leattivitàfuoribilancioincludonooperazionidiscambiodistrumenti finanziaricheproduconoredditodacommissioni,oppurevenditadiprestiti. Cessione(di(prestiti( Unacessionediprestitoprevedeuncontrattodivenditadelflussodicassa,totaleoparziale,derivanteda unprestito,ediconseguenzaeliminataleprestitodallostatopatrimonialedallabancacedente. lacartolarizzazionedeiprestitièunadelleformepiùnotediinnovazionefinanziaria.conquestoterminesi intende,innanzitutto,unatecnicadifinanziamentocheprevedelosmobilizzodipostedell attivo tipicamentepocoliquideafrontedell emissionedititolinegoziabilisulmercato.lefasidella cartolarizzazionesipossonocosìriassumere: L selezionediunportafogliodiattività(tipicamenteprestiti)idoneeaprodurreflussidicassaperiodici, individuatesullabasedirequisitidiomogeneitàtalidarenderepossibilel aggregazione L cessionedelportafogliodiattivitàdapartedeltitolareoriginarioaunsoggettoappositamente costituito,chenellamaggiorpartedeicasiassumeformasocietaria L emissione,dapartedellasocietàdititoliafrontedelleattivitàacquistateelorocollocamentosul mercato Ricavi(da(commissioni(derivanti(da(attività(fuori(bilancio( Un altratipologiadiattivitàfuoribilancioèquellachegeneraricavidacommissioneperservizispecializzati qualilanegoziazioneneimercatideicambiel offertadilineedicredito. Conriferimentoaquest ultimatipologia,possiamoidentificarediversistrumenti,ilpiùimportantedeiquali èl impegnoaderogareilprestito.essoprevedecheincambiodiunacommissionelabancaforniscaun prestitosurichiestadelclienteopermettaloscopertodicontocorrente.altrelineedicreditoperlequalile banchepercepisconocommissionisonoleletteredicreditostanby,cherappresentanodelleparticolari cauzioniafrontedell esecuzionedicontratti. Leattivitàfuoribilanciochesiriferisconoagaranziesueffettielineedicreditoaggiuntiveaumentanoi rischichelabancadeveaffrontare. Attività(di(trading(e(tecniche(di(gestione(dei(rischi( Neltentativodigestireilrischiolegatoaltassodiinteresse,lebanchesisonodedicateallanegoziazionedi futurefinanziari,opzionisustrumentididebitoeswapsuitassidiinteresse.sebbenel attivitàbancariain

15 15 essisiaspessointesaaridurreilrischiooafacilitarealtreattivitàbancarie,lebanchecercanodiprevedere eanticipareletendenzedeimercatiesidedicanopureaun attivitàditipospeculativo. Malgradosianospessomoltoremunerative,leattivitàditradingsonopericolose.Potrebbemanifestarsiin modoparticolareilproblemaprincipallagent:iltraderèincentivatoadassumererischieccessivi,selasua strategiaportaaconseguireelevatiprofitti,èprobabilecheottengaremunerazioniebonuselevati,seilsuo operatoprovocassegraviperdite,l istituzionefinanziariasaràtenutacomunqueacoprirle. PerlimitareilproblemaprincipalLagentvièunaseparazionenettatrailpersonaleincaricatodelleattivitàdi tradingequellochesioccupadellarelativacontabilizzazione.inoltrebisognaprevedereilimitimassimiper l ammontareel esposizionealrischiodellabanca.unodeimetodipiùnotieusatièrappresentatodal cosiddettoapprocciovar(valueatrisk),secondocuilabancasviluppaunmodellostatisticomedianteil qualepuòstabilirelaperditamassimacheilsuoportafogliopuòsostenereinundeterminatoarco temporale.unsecondometodoèchiamatostresstesting.conquestatecnicalabancainterrogaalcuni modelliperdeterminarechecosaaccadrebbenell ipotesimenofavorevole. COMEMISURARELEPERFORMANCEDELLABANCA Perconoscerelostatodisalutedellabancadobbiamoiniziaredall'analisidelsuocontoeconomico,che descrivelefontidiricavoeicostidigestione,ossiaifattorideterminantidellasuaredditività. Conto(economico(bancario( Redditooperativo Ilredditooperativoèquellochesigeneraconl'attivitàcorrentedellabancaeperlamaggiorparteproviene dagliinteressimaturatisulleattivitàfinanziarie,inparticolaresuiprestiti.iricavidiversisonoprodottiin partedallecommissioniapplicatesuiconticorrenti,benchélamaggiorparteprovengadalleattivitàfuori bilanciocuisièaccennatoinprecedenza,chegeneranocommissionioprofittiditradingperlabanca. Costioperativi Icostioperativisonoquellilegatiallagestionecaratteristicadellabanca,cioèquegliinteressicorrispostia frontedellepassivitàrappresentatedaiconticorrenti,certificatididepositooprestitiobbligazionari. Un'altracategoriadicostièrappresentatadacostidiversichecomprendonotuttiglioneriderivantidalla gestionedell'attivitàbancaria.l'ultimavoceelencatatraicostioperativisiriferisceagliaccantonamentiper perditesuprestiti:quandounabancahainportafogliouncreditoineseguibileoquandoprevedeche quest'ultimopotràmanifestarsiinfuturo,puòdeciderdiregistrarelarelativaperditaabilancio, imputandolaacontoeconomicosottolavoceaccantonamentoperperditesuprestiti. Redditività Conriferimentoallabanchestatunitensi,sottraendoicostioperatividalredditooperativosiottieneil risultatonettooperativo,qualeindicatoreoggettodimonitoraggiodapartedeimanager,degliazionistie degliorganidicontrollodellebanche,inquantoindicedellostatodisalutediunabanca.gliutiliole perditesuititolivendutidallabancaelevocistraordinarienettevengonoaggiuntealrisultatonetto operativo,perottenereilcorrispondenterisultatonettoprimadelleimposte.sottraendoaquestole impostesiottieneilrisultatonettodigestione,notocomeutiledopoleimposte. InItaliailcontoeconomicovieneelaboratoinformascalare.Ilprimorisultatoacuisigiungeèilmarginedi interesse,cioèlasommaalgebricatrainteressiattivieinteressipassivi.ilsecondorisultatoparzialeèil marginediintermediazione,calcolatosommandoalmarginediinteresseglialtriricavinetti.trovano collocazioneinquestoambitolecomponentidiricavoquali:commissionisulleattivitàincambi,dividendi suinvestimentiazionariecosìvia.complessivamenteglialtriricavinettirappresentanol'importanzadelle attivitànoncreditizie.siarrivapoialrisultatodigestione,ottenutodetraendodalmarginedi intermediazioneicostioperativi.ilmarginediintermediazionepotrebbeessereassuntocomeunaproxy delfatturatochesiamoabituatiavedereinunatipicaimpresaindustrialeocommerciale.ilcostlincome

16 16 ratioèilrapportotraicostioperativieilmarginediintermediazioneedesprimelacapacitàdigenerare ricavidatelerisorsedisponibili. Come(valutare(le(performance(di(una(banca( Ilrisultatonettofornisceunaindicazionedisintesicircalostatodisalutediunabanca,tuttavianon essendorapportatoalledimensionidellabanca,nonconsentediconfrontareleperformancedellediverse banchedelsistema. IlROAèilrapportotral'utilenettoeiltotaleDELL'ATTIVOiindicacomevengonousateleattivitàalfine dellaformazionediprofittiaziendali. ROA=utilenetto/totaleattivo BenchéilROAsiaunindicatoreefficacedellaredditivitàdellabanca,abbiamovistochenonèquellodicui sipreoccupanomaggiormentegliazionisti.questiultimisonomaggiormenteinteressatiaquantouna bancaricavadalcapitaleinvestito,percentualecheèinvecemisuratatramiteilroe. ROE=utilenetto/capitaleproprio UnindicatoredelleperformancebancariechevienecomunementemonitoratoèlcosiddettoNIM(Net InterestMargin)marginenettodiinteressi. NIM=(interessiattiviLinteressipassivi)/totaleattivo IlNIMmisuraladifferenzatragliinteressiattivi,chematuranosulleattività,egliinteressipassivi,che invecematuranosullepassività. Tendenze(recenti(nell'andamento(degli(indici(bancari(nel(mercato(statunitense( Dall'iniziodeglianniottantaallafinedeldecennioilROAeilROEsisonomossiinmodosimile,mostrando unfortedeclinonellaredditivitàbancaria.ilnimindicacheladifferenzafrainteressiattiviepassivisiè mantenutadecisamentestabile,quindigliscarsirisultatidelsettoreallafinedeglianniottant'annisono dipesidamovimentideltassodiinteresse.laspiegazionedelledeboliperformancedellebanche commercialistatunitensiallafinedeldecennioèdaricercarsintesinumerosiprestitiarischioconcessie quindiall'aumentodegliaccantonamentiperperdite. Apartiredaglianni'90irisultatieconomicisonomiglioratiinmodosostanziale,tuttavialacrisifinanziaria del2007l09hacomportatoundrasticodeterioramentodellaredditivitàbancaria,determinandonel2009 unadiscesadelroefinoallo0,7%edelroafinoallo0,05%. SETTORE(BANCARIO:(STRUTTURA(E(CONCORRENZA( NASCITAESVILUPPODELSISTEMABANCARIOSTATUNITENSE NegliStatiUnitiilsettorebancarioènatoconl'istituzionedellaBankofNorthAmericaaPhiladelphianel 1782.Nonesistevaancoraunavalutanazionaleelasingolabanca,denominatabancastatale,raccoglieva fondisoprattuttoemettendobanconoteconvertibiliinoro.accadevaspessochelebanchefallisseroa seguitodifrodidiconseguenzalebanconotedaloroemesseperdevanoognivalore.pereliminaregliabusi bancaridellebanchestatali,ilnationalbankingactdel1863creòunnovosistemadibancheditipo federale,denominatebanchenazionali.ancoraoggineglistatiunitièpresenteunsistemabancarioduale, incuilebanchevigilatedalgovernofederaleebanchevigilatedaisingolistatioperanoparallelamente. LeattivitàdellabancacentralenonhannofattolaloroapparizionenegliStatiUnitifinoall'istituzionedel FederalReserveSystemnel1913.Nel1933vennecreatoilFDIC(FederalDepositInsuranceCorporation) cheprevedevaun'assicurazionesuidepositiincasodifallimento.nel1933laleggeglasslsteagallactstabilì

17 17 laspecializzazioneproduttivadellebanche:banchecommercialidaunlatoebanchediinvestimento dall'altro. Regolamentazione(dell'attività(bancaria( NegliStatiUnitil'OfficeoftheComptrolleroftheCurrencyèilprimoresponsabileperlavigilanzadelle banchenazionali,acuifacapooltrelametàdeltotaledelleattivitàdellebanchecommerciali.lafedele autoritàbancariediognistatodegliusa,congiuntamente,detengonoinveceipoteridicontrollosulle banchestatali,membridellafederalreservesystem.lafedèanchel'unicoenteresponsabiledellesocietà finanziarienonbancariechecontrollanounaopiùbancheeassumeinoltreunasortadiresponsabilità secondariasullebanchenazionali.lafdiceleautoritàbancariestatalivigilanosullebanchestatali assicuratepressolafdicmachenonsonomembridelfederalreservesystem.leautoritàbancariestatali sonoinfineleunicheadaveregiurisdizionesullebanchestataliprivedell'assicurazionedellafdic. Innovazione(finanziaria(e(crescita(dello(shadow(banking(system( Sebbenelebanchecommercialicontinuinoaesserelepiùimportantiistituzionifinanziarieall'interno dell'economiastatunitense,negliannirecentisièassistitoaundeclinodellatradizionaleattivitàbancariadi erogazionediprestitifinanziaritramiteraccoltadidepositi.unapartediquestaattivitàèstatarimpiazzata dalloshadowbankingsystem,incuiilmeccanismidelcreditobancariosisviluppaattraversoilmercato mobiliare. Comealtisettorianchequellofinanziariosiproponediottenereunprofittoattraversolavenditadeipropri prodottiequindileistituzionifinanziariesviluppanonuoviprodottialfinedisoddisfarelenecessitàdei propriclienti.uncambiamentonell'ambientefinanziariostimoleràleistituzionifinanziarieallaricercadi innovazionitalidagenerareprofittifuturi.ilprocessodiricercaesviluppodinuoviprodottieserviziche soddisfinoleesigenzedellaclientelaèdenominatoingegneriafinanziaria. REAZIONIAICAMBIAMENTINELLECONDIZIONIDELLADOMANDA Negliultimidecenni,ilcambiamentopiùsignificativonell'ambienteeconomicoadaveralteratoladomanda diprodottifinanziarièstatoilconsiderevoleaumentonellavariabilitàdeitassidiinteresse.legrandi fluttuazionineitassidiinteresseconduconoafortiguadagnioperditeincontocapitaleecomunqueauna maggioreincertezzaintemadirendimentodegliinvestimenti.ilrischioassociatoall'incertezzadei movimentideitassierendimentièchiamatorischioditassodiinteresse:un'altavariabilitàdeitassi conduceaunlivellopiùelevatodiquestorischio. Allacrescitadelrischiodeltassodiinteresseèaumentataladomandadiprodottiediservizifinanziariche potrebberoridurlo. Mutui(ipotecari(a(tasso(variabile( Leistituzionifinanziarieritengonochesvolgerel'attivitàcreditiziasiatantopiùinteressantequantopiùil rischioditassodiinteresseèbasso. Nel1975leistituzionidirisparmiodellaCaliforniahannocominciatoaconcederemutuiatassovariabile, ossiaprestitiipotecariilcuitassodiinteressecambiainfunzionedellevariazionicheintervengonosuquelli dimercato.unmutuoatassovariabilepotrebbeaumentareodiminuireinbaseall'aumentooalla diminuzione,peresempio,neltassodeibota6mesi. Strumenti(finanziari(derivati( Tenutocontodellacrescenteesigenzadiridurreilrischioditassodiinteresse,leborsequaliilChicago BoardofTradesisonoresecontoche,sefosseroriusciteasviluppareunprodottocheavrebbeaiutatogli investitorieleistituzionifinanziarieaproteggersidalrischioditassodiinteresseavrebberorealizzato profittivendendoquestonuovostrumento. Nel1975sononatiglistrumentifinanziariderivati,comeicontrattifuturespecificiperglistrumenti finanziari.

18 18 REAZIONIAICAMBIAMENTINELLECONDIZIONIDELL'OFFERTA Lapiùimportantefontedicambiamentodallatodell'offertachehastimolatol'innovazionefinanziariaè statailmiglioramentonellatecnologiadell'informazione(it)cheharidottoilcostodielaborazionedelle operazionifinanziarieesemplificatol'acquisizionedelleinformazionidapartedegliinvestitori. Carte(di(credito(e(carte(di(debito( Leprimecartedicreditorisalgonoabenprimadellasecondaguerramondiale,ossiaaquandomolte catenedigrandedistribuzioneistituzionalizzaronoilmeccanismodelpagamentoconaddebitoinconto, offrendocartedicreditochepermettevanoaiclientidifareacquistisenzapagareincontanti.neglianni cinquantanumerosebanchecommercialihannocercatodiespandereilbusinessdellecartedicreditoinun mercatopiùampio,mailcostounitarioperunatransazioneeracosìaltocheitentativiinizialifallirono. Versolafinedegliannisessanta,ilmiglioramentodellatecnologiainformaticaharidottoicostidi transazioneperlafornituradiserviziconcartadicredito,spianandolastradaallorosuccesso. Unasocietàcheemettecartedicreditoottienericavidaiprestiticheconcedeaipossessoridellacartaedai pagamentieffettuaticonnessapressoinegozi:diormasitrattadiunapercentualedelpezzod'acquisto,per esempioil5%.icostiderivanodalleperditesuiprestitinonrimborsati,daifurtidellecarteedaicostidi elaborazionedelletransazioni. Ilsuccessodellecartedicreditobancariehacondottoaelaborareun'ulterioreinnovazionefinanziaria:le cartedidebito.alcontrariodellecartedicredito,unacquistoconcartedidebitovienesubitoaddebitato sulcontobancariodeltitolare.questecartedidebitosonousualmenteidentificatecomepos(pointof Sale). Electronic(banking( UnaformaimportantedieLBankingècostituitadallacosiddettaATM(AutomatedTellerMachine),uno sportelloautomaticochepermetteaiclientidiunabancadiprelevarecontanti,pagarebolletteealtri servizi.initaliaquestoservizioèfornitodallosportellobancomatedègestitodall'abi;unservizioanalogo vieneoffertodaposteitalianeedèchiamatopostamat.leatmpresentanoilvantaggiodinoncomportare costiaggiuntiviediesseredisponibili24orealgiorno. Conladiminuzionedelcostoditrasferimentodelleinformazioni,lebanchehannorealizzatoun'altra innovazionefinanziaria,l'homebanking,ovverolapossibilitàdieseguireoperazionibancarieadistanza,da casaodall'ufficio.ilvantaggioèlapraticitàdieseguireoperazionibancariedalpropriodomicilio,mentre perlabancasiriduconoicostidelletransazionirispettoaquelleeseguiteinfiliale.ilsuccessodegliatme dell'homebankinghaportatoadun'ulteriorenovità,lacosiddettaabm(automatedbankingmachine),un unicodispositivochecombinaunosportelloautomatico,uncollegamentointernetalsitodellabancaeun collegamentotelefonicoalservizioclientidellastessabanca. Conladrasticariduzionedelcostodeicomputerelalorosemprepiùdiffusapresenzaèemersaunnuovo tipodiistituzionecreditizia:labancavirtuale,ovverounabancachenonoperaattraversounaretefisicadi filiali,masolonelcyberspazio. Pagamenti(elettronici( Ladiffusionedell'informaticaabassocostoelosviluppodiInternethannoresomoltoeconomicoperle bancheconsentireallaclienteladieffettuareleoperazionidipagamentoinformaelettronica. Fornirequestiservizicontribuisceallaredditivitàdellabancainduemodi:labancanonhabisognodi personaleperelaborareletransazionicartacee,lamaggiorecomoditàperilclientecomportaunamaggiore probabilitàchequestiaprauncontopressolabanca. Moneta(elettronica( Latecnologiadeipagamentielettronicièingradodisostituirenonsoltantogliassegni,maancheil contante,attraversolacosiddettamonetaelettronica. Laprimaformadimonetaelettronicaècostituitadallecarteprepagate:nellaloroformapiùsemplicesi trattadicartechepossonoessereacquistateperunimportoprestabilitoecheilconsumatoreutilizzacome

19 19 farebbeconunacartadicredito,finoaconcorrenzadell'importopagatoperacquistarla.quellapiù specializzataèconosciutaconilnomedismartcard,econtieneunmicroprocessorechenepermetteil caricamentocondenaroelettronicoprelevatodalcontocorrentedeltitolare. Unasecondaformaèl'eLcash:unconsumatoreottieneeLcashaprendouncontopressolabanca,che accreditaelettronicamenteundeterminatoimportosulsuopc.quandoilclientedesideraacquistare qualcosamedianteelcashsicollegalasitodelnegozioonline,selezional'articoloepremeacquista:in quelmomentoildenaroelettronicovienetrasferitoautomaticamentealsuopcalcomputerdelvenditore. Obbligazioni(spazzatura( Primadell'avventodeicomputeredelletelecomunicazioniavanzateeraproblematicoacquisire informazionisullasituazionefinanziaridelleimpresecheemettevanotitoli.leunichechepotevano emettereobbligazionialgrandepubblicodegliinvestitorieranopertantosocietàmoltonotee caratterizzatedaelevatiratzingerdicredito.soltantolesocietàingradodiemettereobbligazionicon ratingparialmenoabaapotevanoraccogliererisorsecollocandolesulmercato,aldisitodiquestolivello eranoconsiderateobbligazionispazzatura(junkbond). Graziealmiglioramentonellatecnologiainformaticaèdiventatopiùsemplicepergliinvestitorivalutareil rischiodicreditodell'emittenteeciòharesopiùprobabilel'acquistodititolididebitoalungotermine emessidasocietàmenonoteconratingpiùbassi. Commercial(paper( Lecommercialpapersonotitolididebitoabrevetermineemessidasocietàepiùraramentedagrandi banche. Ilmiglioramentonellatecnologiadell'informazionehacontribuitoafornireunaspiegazionedelrapido sviluppodiquestosegmentodelmercato.abbiamovistochetalemiglioramentoharesopiùfacilepergli investitorivalutareilrischiodicreditoediconseguenzahasemplificatol'emissionedeititolididebito,e nonsoltantoalungoterminecomenelcasodelleobbligazionispazzatura,maancheabrevetermine,come nelcasodellecommercialpaper. Cartolarizzazione( Unimportanteesempiodiinnovazionelegataaimiglioramentinellatecnologiadell'informazioneèla cartolarizzazione,cioèilprocessoditrasformazionediattivitàfinanziarienormalmentenonliquide(qualii mutuiipotecarioicreditilegatiall'utilizzodellecartedicredito)intitoliobbligazionarinegoziabilisu mercatosecondario. Leistituzionifinanziariehannoscopertodipotervantaggiosamenteimpacchettareunportafogliodi prestitidipiccolotaglio,incassareleratedipagamentodaidebitorideiprestitistessietrasferirliaterzi, ossiaaisottoscrittorideititoli.dividendoilportafogliodiprestitiintaglistandard,labancapuòvenderei dirittisuquestipagamentiratealiaterzi,sottoformadititoli. INNOVAZIONEFINANZIARIAEDELUSIONEDELLANORMATIVA Lanormativapromuovel'innovazionefinanziariacreandoincentiviaffinchéleimpreseaggirinole disposizionichelimitanolalorocapacitàdirealizzareutili.l'analisidell'innovazionesuggerisceche,quando l'ambienteeconomicocambiaalpuntotalecheivincolinormatividiventanopesantieilloroaggiramento permettediconseguireprofitti,èpiùprobabilechesiverifichiunasituazionediloopholemining (sfruttamentodellescappatoie). Sonoduegliinsiemeregolamentaridinormechehannofortementelimitatolacapacitàdellebanchedi realizzareprofitti:gliobblighidiriservaobbligatoriaelelimitazioniaitassidiinteressechepossonoessere corrispostisuidepositi. Lariservaobbligatorianonèaltrocheunatassachelebanchedevonopagaresullaraccoltaeffettuata attraversoidepositi.dalmomentochefinoal2008lafednonpagavaallebanchealcuninteressesulle riserveobbligatorieaccantonate,ocomunquepagavauninteressealdisottodeitassidimercato,illoro costoopportunitàcorrispondevaagliinteressichelabancaavrebbepotutoottenereinvestendol'importo

20 20 equivalente.ladiffusatendenzaacercaredieludereletassequandopossibileècavalcatainquestocaso anchedallebanche. NegliStatiUniti,finoal1980,lenormevigentinellamaggiorpartedegliStatiproibivanoallebanchedi pagareinteressisuidepositiincontocorrenteelaregulationqdellafedimponevacomunquelimiti massimisultassodiinteressechepotevaesseregarantitosuidepositiatempo.quandoitassidiinteresse dimercatoaumentavanooltrealtettomassimochelebanchepotevanocorrisponderesuidepositia tempo,idepositantiritiravanoilorofondiperinvestirliintitolicheoffrivanorendimentipiùelevati.questo fenomeno,chiamatodisintermediazionebancaria,hacompromessoiprofittidellebanche. Fondi(comuni(di(investimento(di(mercato(monetario( Ifondicomunidiinvestimentodimercatomonetarioemettonoquotechesonorimborsabiliaunprezzo fissoattraversoassegno.peresempio,sesiacquistano5.000quotedimmmf,paria5.000dollari,ilfondo useràquestasommainvestendolaintitoliabreveterminenelmercatomonetario,checonsentonoil pagamentodegliinteressi.inoltresipuòemettereassegnifinoaunmassimodi5.000dollari. Sebbenequestometodofunzionicomeidepositidicontocorrentefruttiferidiinteressi,interminilegali essinonsonodepositiediconseguenzanonsonosoggettiagliobblighidiriservanéallelimitazionisuitassi diinteresse. Sweep(account( Un'altrainnovazionechehaconsentitoallebanchedievitarelatassalegataagliobblighidiriservaè rappresentatadaisweepaccount.conquestostrumento,ilsaldodicontocorrentediunasocietàcheal terminediunagiornatalavorativaeccedaundeterminatoammontarevienetoltodalcontoèinvestitoin titoli,chefruttanouninteresseprestabilito.poichéquestifondistornatinonsonopiùclassificabilicome depositidicontocorrente,nonsononeppuresoggettiagliobblighidiriservaepertantononvengono tassati. INNOVAZIONEFINANZIARIAEDECLINODELL'ATTIVITÀBANCARIATRADIZIONALE Latradizionaleattivitàdiintermediazionefinanziariasvoltadallebanchecommercialiconsistevanel concedereprestitiprevalentementealungotermine,finanziandoliattraversolaraccoltadidepositiperlo piùabrevetermineoaddiritturaascadenzaavista,inunprocessodettotrasformazionedellescadenze. Leinnovazionihannoresopiùcompetitivoilsettorebancarioeinnescandounprogressivodeclino dell'attivitàbancariatradizionale.leinnovazionifinanziariehannofattosìchelebanchesubisserouna diminuzionedeilorovantaggidicostonellaraccoltadifondi,valeadiredallatodellepassività,enello stessotempounaperditadeivantaggiinterminidiricavidallatodelleattività:illorodeclinosimultaneoha provocatounacontrazionedeiprofittiderivantidalleoperazionibancarietradizionalieunatendenzada partedellebancheadabbandonarequestosettoreperdedicarsianuoveattivitàpiùremunerative. Diminuzione(dei(vantaggi(in(termini(di(costo(nella(raccolta(di(fondi( NegliStatiUnitifinoal1980lebancheeranosoggetteaimassimalisuitassidellaraccoltaefinoaglianni sessantaquesterestrizionigiocaronoafavoredellebancheperchél'assenzadicostiperinteressisuquesti depositiimplicavaunaraccoltadifondiacostibassissimi.l'aumentodell'inflazioneapartiredallafinedegli annisessantaportòatassidiinteressepiùelevati,chereserogliinvestitoripiùsensibiliaidifferenzialidi rendimentisullediverseattività.ilrisultatofuilprocessodidisintermediazione,incuiilpubblicoiniziòa ritirareipropririsparmidallebanche,chepagavanotassidiinteresseesigui,percercareinvestimentipiù redditizi. Lecrescentidifficoltàaffrontatedallebanchenellaraccoltadifondicondusseneglianniottantaauna modificanormativa,cheeliminòimassimaliprevistidallaregulationqsuitassidiinteressedeidepositi vincolatiepermisel'istituzionediconticorrentifruttiferi,qualiicosiddettinowaccount.questi cambiamentihannofattosicheicostidiacquisizionedeifondiaumentasseronotevolmente,riducendoil vantaggioinizialedellebancheneiconfrontidialtreistituzionifinanziarie.

Gestioni Patrimoniali per soddisfare al meglio le tue aspettative. GP Benchmark

Gestioni Patrimoniali per soddisfare al meglio le tue aspettative. GP Benchmark Gestioni Patrimoniali per soddisfare al meglio le tue aspettative. sono gestioni patrimoniali caratterizzate da uno stile di gestione attivo che comporta un impegno costante da parte del gestore, orientato

Dettagli

Un servizio personalizzato, curato in ogni dettaglio

Un servizio personalizzato, curato in ogni dettaglio Un servizio personalizzato, curato in ogni dettaglio Ogni investitore è unico, come uniche sono le sue esigenze e le sue aspettative. GP Private sono gestioni patrimoniali caratterizzate da un elevato

Dettagli

Composizione del benchmark. Obbligazioni

Composizione del benchmark. Obbligazioni Obbligazionario Governativo È la linea indicata per chi intende ottenere una redditività stabile in un orizzonte temporale limitato, privilegiando l investimento del proprio capitale in titoli di Stato

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

I SERVIZI STATISTICI PER LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Market Report

I SERVIZI STATISTICI PER LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Market Report I SERVIZI STATISTICI PER LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Market Report Market Report: cos è Consente di accedere alle informazioni contenute in Previ DATA in forma aggregata, attraverso la predisposizioni

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Zurich Global Life IFA/Brokers Italy

Zurich Global Life IFA/Brokers Italy Zurich Global Life IFA/Brokers Italy Le egenze dei Clienti La cri dei mercati finanziari ha spinto i risparmiatori a ricercare curezza e protezione grazie a soluzioni di investimento che caratterizzate

Dettagli

MERCATI(E(ISTITUZIONI(FIANZIARIE(

MERCATI(E(ISTITUZIONI(FIANZIARIE( 1 MERCATIEISTITUZIONIFIANZIARIE IMERCATIFINANZIARI Mercatodeldebito Imercatifinanziarisonoqueiluoghiincuiavvengonoitrasferimentidifondidachihadisponibilità finanziarieineccessooperatoriinsurplus)achihabisognodifondioperatoriindeficit).

Dettagli

RENDICONTO RIEPILOGATIVO DELLE GESTIONI SEPARATE. PRIMAVERA Proventi ed oneri distinti per categorie di attività

RENDICONTO RIEPILOGATIVO DELLE GESTIONI SEPARATE. PRIMAVERA Proventi ed oneri distinti per categorie di attività PRIMAVERA Proventi da investimenti A 167.981 Interessi su titoli di Stato in euro 87.939 Interessi su titoli obbligazionari in euro 80.015 Altre tipologie di proventi: 27 di cui: Liquidità 27 Utili/perdite

Dettagli

Il know how di un professionista per gestire attivamente il tuo patrimonio

Il know how di un professionista per gestire attivamente il tuo patrimonio Il know how di un professionista per gestire attivamente il tuo patrimonio GP Benchmark GP Benchmark sono gestioni patrimoniali caratterizzate da uno stile di gestione attivo che comporta un impegno costante

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 4 - SPA

ESERCITAZIONE N. 4 - SPA ESERCITAZIONE N. 4 VARIAZIONI CAPITALE SOCIALE Pagina 1 di 11 TIPOLOGIE DI AUMENTI DEL CAPITALE SOCIALE L aumento del Capitale Sociale può essere: - SENZA VARIAZIONE del P.N. (Virtuale o Gratuito) - CON

Dettagli

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 Indice Introduzione 1 3 2 1.4 Le autorità di vigilanza 11 2 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 33 3.1 Le origini della regolamentazione 34 3.3 La disciplina

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XIV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE. (Anno 2001)

ATTI PARLAMENTARI XIV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE. (Anno 2001) ATTI PARLAMENTARI XIV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XI n. 1 RELAZIONE GENERALE SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE (Anno 2001) (Articolo 2, lettera b, della legge 27 febbraio 1967, n. 48) Presentata

Dettagli

Professore Aggregato di Organizzazione degli Intermediari Finanziari

Professore Aggregato di Organizzazione degli Intermediari Finanziari F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAMELIA MAURO Indirizzo VIA DEL CASTRUCCIO, 88 SOVICILLE LOC. SAN ROCCO A PILLI (SI) Telefono 335 307833 Fax E-mail camelia@unisi.it

Dettagli

XI Autori XIII Presentazione. 3 Parte prima L assetto istituzionale dei mercati finanziari

XI Autori XIII Presentazione. 3 Parte prima L assetto istituzionale dei mercati finanziari INDICE XI Autori XIII Presentazione 3 Parte prima L assetto istituzionale dei mercati finanziari 5 Capitolo primo L intermediazione finanziaria: teoria, organizzazione dei mercati e emissione di strumenti

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII I N D I C E XV XVII XIX XXIII Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Capitolo 1 Il ruolo della finanza aziendale nell economia dell impresa 3 1.1 La nascita e lo sviluppo della finanza aziendale

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

RICHIESTA DI DESTINAZIONE CONTRIBUTI FONDO PENSIONE APERTO

RICHIESTA DI DESTINAZIONE CONTRIBUTI FONDO PENSIONE APERTO RICHIESTA DI DESTINAZIONE CONTRIBUTI FONDO PENSIONE APERTO Da utilizzare SOLTANTO per modificare la destinazione proposta dei contributi versati successivamente alla data della fusione ad altro comparto

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (Prima parte)

Meccanismo di trasmissione (Prima parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (Prima parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli effetti della

Dettagli

CAPITOLO 25. Rischio di credito PROBLEMI. 1. Rendimento promesso = 12.72%; rendimento atteso = 9.37%.

CAPITOLO 25. Rischio di credito PROBLEMI. 1. Rendimento promesso = 12.72%; rendimento atteso = 9.37%. CAPITOLO 25 Rischio di credito Semplici PROBLEMI 1. Rendimento promesso = 12.72%; rendimento atteso = 9.37%. 2. Un opzione put sulle attività della società, con prezzo di esecizio pari al valore nominale.

Dettagli

Opzioni reali PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Finanziamento tramite debiti

Opzioni reali PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Finanziamento tramite debiti PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Finanziamento tramite debiti 5) Risk management Opzioni reali 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Proposte di investimento

Proposte di investimento Proposte di investimento Il Fondo è articolato in sei comparti con differenti caratteristiche (e, quindi, diversi profili di rischio rendimento). 1. Linea Monetaria; 2. Linea Obbligazionaria 5; 3. Linea

Dettagli

INDICE. Prefazione... 4. IL BILANCIO D ESERCIZIO

INDICE. Prefazione... 4. IL BILANCIO D ESERCIZIO INDICE Prefazione... XV 1. INTRODUZIONE... 1 2. IL CONTROLLO E LA VIGILANZA SULLE IMPRESE ASSICURATIVE... 3 3. IL QUADRO INFORMATIVO... 7 4. IL BILANCIO D ESERCIZIO 4.1. Considerazioni di carattere generale

Dettagli

La BEI in Italia nel 2013

La BEI in Italia nel 2013 La BEI in Italia nel 2013 Ministero dell Economia e delle Finanze Roma, 31 gennaio 2014 DATI PRINCIPALI Nuovi prestiti 2013 in Italia: 10,4 miliardi (+ 50% rispetto 2012) con 71 progetti. Anno record per

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria Valutazione opzioni Non posso usare le formule di attualizzazione in quanto non riesco a trovare un accettabile tasso a

Dettagli

GPM Private Portfolio Obbligazionario Governativo

GPM Private Portfolio Obbligazionario Governativo Obbligazionario Governativo è la linea indicata per chi intende ottenere una redditività stabile in un orizzonte temporale limitato, privilegiando l investimento del proprio capitale in titoli di Stato

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Sommario. Presentazione Giancarlo Forestieri. Introduzione Vincenzo Cupizzi

Sommario. Presentazione Giancarlo Forestieri. Introduzione Vincenzo Cupizzi Presentazione Giancarlo Forestieri Introduzione Vincenzo Cupizzi 1. Il settore dei servizi di investment banking in Italia: confini, dimensione e trend di mercato 1.1 Premessa 1.2 I1 settore dell investment

Dettagli

Ipotizzando una sottostante legge esponenziale e considerando l anno commerciale (360 gg), determinare:

Ipotizzando una sottostante legge esponenziale e considerando l anno commerciale (360 gg), determinare: MATEMATICA FINANZIARIA - 6 cfu Prova del 22 Gennaio 2015 Cognome Nome e matr.................................................................................. Anno di Corso..........................................

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Quadro Generale Riassuntivo della Gestione Finanziaria 2012

Quadro Generale Riassuntivo della Gestione Finanziaria 2012 Quadro Generale Riassuntivo della Gestione Finanziaria 2012 ENTE PARCO DELLE MADONIE Corso Paolo Agliata, 16 90027 ENTRATE E000001 Avanzo di amministrazione non vincolato 3.762,19 0,00 E000002 Avanzo di

Dettagli

FORME DI FINANZIAMENTO A MEDIO TERMINE CON POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CAPITALE:

FORME DI FINANZIAMENTO A MEDIO TERMINE CON POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CAPITALE: FORME DI FINANZIAMENTO A MEDIO TERMINE CON POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CAPITALE: IL MEZZANINE FINANCE Giuseppe G. Santorsola Università degli Studi di Napoli Parthenope Giuseppe G. Santorsola 1 IL MEZZANINE

Dettagli

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine Legame tra decisioni di finanziamento a lungo e breve termine e prospetto fonti-impieghi (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 3) Corso di: GESTIONI FINANZIARIE

Dettagli

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni 1.Compro Azioni Question #1: Cos' è una Azione (un titolo azionario)? A) E' un Titolo rappresentativo della quota di una società B) E' una ricevuta per investire C) E' una assicurazione Question #2: Perchè

Dettagli

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento Negli ultimi mesi la situazione finanziaria

Dettagli

I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO

I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI DEI FLUSSI MONETARI AZIENDALI RIGUARDA ESSENZIALMENTE IL TRATTAMENTO DA RISERVARE ALLE TRE TIPOLOGIE DI FLUSSI CHE COMPONGONO IL FLUSSO FINANZIARIO

Dettagli

Direzione Tecnica Vita Sistema di Offerta Vita e Previdenza Documento Commerciale ad uso interno. Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 0

Direzione Tecnica Vita Sistema di Offerta Vita e Previdenza Documento Commerciale ad uso interno. Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 0 Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 0 Report Gestionale IV Trimestre 2014 Pagina 1 La Gestione Separata è un Fondo, costituito da un insieme di Attività Finanziarie, gestito dalla Compagnia di Assicurazioni

Dettagli

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE 1 FINALITA' LIABILITY

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

Parte Terza LE BANCHE E IL MERCATO MOBILIARE

Parte Terza LE BANCHE E IL MERCATO MOBILIARE Parte Terza LE BANCHE E IL MERCATO MOBILIARE 1002 Gabriele Racugno 2 2 Gli strumenti. Generalità 1003 Sezione I Generalità Sommario 1. Il finanziamento dell impresa. 2. La fonte del finanziamento. Autofinanziamento

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G. BARUFFI MONDOVI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G. BARUFFI MONDOVI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G. BARUFFI MONDOVI PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Classe: 4^ AFM a. s. 2014/2015 Libro di testo: Entriamo in azienda oggi 2 ed. Tramontana METODOLOGIA La trasmissione

Dettagli

INDICE. Capitolo 1 INTRODUZIONE pag. 1.1. Intermediazione finanziaria e investimento... 1 1.2. Gliintermediarifinanziari... 2

INDICE. Capitolo 1 INTRODUZIONE pag. 1.1. Intermediazione finanziaria e investimento... 1 1.2. Gliintermediarifinanziari... 2 INDICE Capitolo 1 INTRODUZIONE 1.1. Intermediazione finanziaria e investimento................... 1 1.2. Gliintermediarifinanziari... 2 Capitolo 2 L ANALISI MACROECONOMICA 2.1. IlbilanciodelloStato...

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 26 febbraio 2009. Cognome e Nome... C.d.L... Matricola n... Firma...

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 26 febbraio 2009. Cognome e Nome... C.d.L... Matricola n... Firma... MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 26 febbraio 2009 Cognome e Nome... C.d.L.... Matricola n.... Firma... Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli Fornire le risposte

Dettagli

Associazioni dei consumatori Intesa Sanpaolo. Mettere in comune competenze. Presentazione Progetto C INTESA SANPAOLO ASSOCIAZIONI CONSUMATORI

Associazioni dei consumatori Intesa Sanpaolo. Mettere in comune competenze. Presentazione Progetto C INTESA SANPAOLO ASSOCIAZIONI CONSUMATORI Associazioni dei consumatori Intesa Sanpaolo INTESA SANPAOLO Mettere in comune competenze ASSOCIAZIONI CONSUMATORI Presentazione Progetto C Direzione Relazioni Esterne - Ufficio Rapporti con le Associazioni

Dettagli

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore Indice 5 Parte 1 - Valore e valutazione capitolo 1 - Azienda e valore Valutazioni d azienda: situazione attuale e orientamenti evolutivi...19 Definizione economica di azienda...22 Definizione giuridica

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito Indice IV ECONOMIA POLITICA Il sistema economico Le basi dell economia 1 La scienza economica 3 2 Evoluzione del pensiero economico 4 U.D. 2 Gli elementi del sistema economico 1 Lo scambio 11 2 I beni

Dettagli

L'affidabilità delle banche europee: analisi basate su spread creditizi e indicatori azionari

L'affidabilità delle banche europee: analisi basate su spread creditizi e indicatori azionari L'affidabilità delle banche europee: analisi basate su spread creditizi e indicatori azionari Giuseppe Vulpes UniCredit Research & Strategy VI Rapporto FinMonitor su Fusioni e Aggregazioni tra gli Intermediari

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA anno accademico 2007/2008 modulo n. 1 Lezioni 6 Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria LE OPTION Contratto a termine mediante

Dettagli

- Advisory per Fondi - Segnali Obbligazioni - Segnali Fondi - Formazione - Advisory Minibond

- Advisory per Fondi - Segnali Obbligazioni - Segnali Fondi - Formazione - Advisory Minibond - Advisory per Fondi - Segnali Obbligazioni - Segnali Fondi - Formazione - Advisory Minibond - Lupotto & Partners si propone come advisor per fondi di investimento, comparti di sicav, fondi assicurativi

Dettagli

Chi è Cassa Forense?

Chi è Cassa Forense? Chi è Cassa Forense? Una fondazione di diritto privato che cura la previdenza e l assistenza degli Avvocati 10 0 % altri investimenti 415 e che gestisce un patrimonio a valori di mercato al 31.12.2011

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

RENDICONTO RIEPILOGATIVO DELLA GESTIONE SEPARATA

RENDICONTO RIEPILOGATIVO DELLA GESTIONE SEPARATA UNIGEST Proventi da investimenti A 36.841 Interessi su titoli di Stato in euro 34.571 Interessi su titoli obbligazionari in euro 2.270 Utili/perdite da realizzi B 156.486 Titoli di Stato in euro 130.041

Dettagli

PROFESSIONE FUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE

PROFESSIONE FUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE PROFESSIONE FUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE Le informazioni sono aggiornate alla data del 31 dicembre 2013. RI.ALTO

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

IL FONDO OGGI E DOMANI

IL FONDO OGGI E DOMANI IL FONDO OGGI E DOMANI Lo schema di gestione che ha caratterizzato il Fondo fin dalla sua origine nel 1986 prevede un unico impiego delle risorse su una linea assicurativa gestita con contabilità a costi

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

PROSPETTO ANALITICO DELLE PLUSVALENZE LATENTI E DELLE MINUSVALENZE LATENTI RISULTANTI DALLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELL'IMPRESA

PROSPETTO ANALITICO DELLE PLUSVALENZE LATENTI E DELLE MINUSVALENZE LATENTI RISULTANTI DALLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELL'IMPRESA Allegato VI Società. PROSPETTO ANALITICO DELLE PLUSVALENZE LATENTI E DELLE MINUSVALENZE LATENTI RISULTANTI DALLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELL'IMPRESA Società Dettaglio dei terreni e fabbricati (voce

Dettagli

s.r.l. international consulting equity finance auditing

s.r.l. international consulting equity finance auditing s.r.l. international consulting equity finance auditing perchè scegliere mvb Team di elevata esperienza Conoscenza approfondita e specialistica Approccio consulenziale pragmatico Competente network professionale

Dettagli

15 La differenza fra il valore economico del capitale e il suo valore contabile è rappresentata da:

15 La differenza fra il valore economico del capitale e il suo valore contabile è rappresentata da: 15 La differenza fra il valore economico del capitale e il suo valore contabile è rappresentata da: l avviamento; l avviamento e i beni immateriali invisibili; l avviamento, i beni immateriali invisibili

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

Il Business Plandi Rete

Il Business Plandi Rete Il Business Plandi Rete 30 Settembre 2015 Agenda Perché redigere un business plan di Rete? Obiettivi e destinatari della Guida Gruppo di lavoro Rapporto Rete d Impresa Banche Progetto d Impresa VS Progetto

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE L ANALISI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE L ANALISI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE CORSO DI FINANZA AZIENDALE L ANALISI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 Cap. 7 1 L obiettivo di sviluppo dell impresa è condizionato

Dettagli

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione.

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione. PARTE A 1 A1) L azienda Beta presenta questi due problemi: a) L azienda vende i propri prodotti ad una società straniera per un importo di 480.000 $, con pagamento a tre mesi. L azienda ha sostenuto i

Dettagli

2 La microeconomia... 29 2.1 Domanda e offerta di beni e servizi... 29 2.2 La produzione... 30

2 La microeconomia... 29 2.1 Domanda e offerta di beni e servizi... 29 2.2 La produzione... 30 Parte I Fondamenti di analisi economica 1 La macroeconomia............................................. 3 1.1 La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti.............. 3 1.2 Domanda aggregata,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Ricavi netti 3.875 migliaia ( 3.164 migliaia al 30 giugno 2014)

Dettagli

La struttura del capitale: analisi della decisione di finanziamento

La struttura del capitale: analisi della decisione di finanziamento CAPITOLO 7 La struttura del capitale: analisi della decisione di finanziamento 7.1 Gli strumenti finanziari 7.2 Il capitale netto 7.3 Il debito 7.4 Titoli ibridi 7.5 Scelte di finanziamento 7.6 Il processo

Dettagli

Orientamenti sul trattamento delle esposizioni al rischio di mercato e di controparte nella formula standard

Orientamenti sul trattamento delle esposizioni al rischio di mercato e di controparte nella formula standard EIOPA-BoS-14/174 IT Orientamenti sul trattamento delle esposizioni al rischio di mercato e di controparte nella formula standard EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. +

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 24 settembre 2003 studenti nuovo ordinamento

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 24 settembre 2003 studenti nuovo ordinamento MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 24 settembre 2003 studenti nuovo ordinamento Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola

Dettagli

Bilancio consolidato di gruppo. Le rettifiche di consolidamento

Bilancio consolidato di gruppo. Le rettifiche di consolidamento Le rettifiche di consolidamento III parte 1 Eliminazione dei dividendi infragruppo 2 Occorre evitare la duplice contabilizzazione dello stesso utile, sia in capo alla società che lo distribuisce sia in

Dettagli

VALUTAZIONE FINANZIARIA

VALUTAZIONE FINANZIARIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 2 marzo 2010 programma vecchio ordinamento

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 2 marzo 2010 programma vecchio ordinamento MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 2 marzo 2010 programma vecchio ordinamento Cognome e Nome........................................................................... C.d.L....................... Matricola

Dettagli

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS claudio patalano Milano, 27

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 26 gennaio 2009. Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 26 gennaio 2009. Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 26 gennaio 2009 Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola n................................................

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI - BILANCIO 2011. Parte I - ENTRATA

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI - BILANCIO 2011. Parte I - ENTRATA Parte I - ENTRATA Categorie Stanziamento Accertamenti Proiezione al 31/12 1 ENTRATE TRIBUTARIE 2 ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI

Dettagli

ESERCITAZIONE 5 - L ECONOMIA NEL LUNGO PERIODO

ESERCITAZIONE 5 - L ECONOMIA NEL LUNGO PERIODO ESERCIZIO 1 ESERCITAZIONE 5 - L ECONOMIA NEL LUNGO PERIODO Nell ambito di un'economia di lungo periodo chiusa agli scambi con il resto del mondo, facendo riferimento al mercato dei prestiti, si analizzino

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le obbligazioni: definizioni e caratteristiche Particolari tipologie di obbligazioni La valutazione delle

Dettagli

La Piattaforma exact Il modulo Advisory

La Piattaforma exact Il modulo Advisory La Piattaforma exact Il modulo Advisory Una partnership strategica: la piattaforma integrata Analysis SpA ha realizzato la piattaforma modulare exact Suite in modalità ASP (Application Service Provider)

Dettagli

ONEGLOBAL SRL Consulenze Aziendali Integrate ONEGLOBAL FINANCE DOCUMENTO DI OFFERTA DEL 21 GIUGNO 2012

ONEGLOBAL SRL Consulenze Aziendali Integrate ONEGLOBAL FINANCE DOCUMENTO DI OFFERTA DEL 21 GIUGNO 2012 ONEGLOBAL SRL Consulenze Aziendali Integrate ONEGLOBAL FINANCE DOCUMENTO DI OFFERTA DEL 21 GIUGNO 2012 Oneglobal Finance Oneglobal s.r.l Consulenze Aziendali Integrate è una società di consulenza multipurpose

Dettagli

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 Il presente supplemento è parte integrante del Prospetto di Fidelity Funds del giugno 2014 e comprendente il supplemento dell agosto

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. La struttura finanziaria dell'economia

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. La struttura finanziaria dell'economia Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta La struttura finanziaria dell'economia I Mercati Finanziari nascono con la nascita della moneta e con la nascita degli strumenti finanziari

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

Professor Tullio Fumagalli

Professor Tullio Fumagalli Professor Tullio Fumagalli Posizione in università: Professore a contratto di Finanza Aziendale Dati anagrafici: Nome e cognome: Tullio Fumagalli Luogo e data di nascita: Bergamo, 14 Luglio 1965 Stato

Dettagli

TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! Adriano Biasoli

TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! Adriano Biasoli TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! 1 DOVE METTIAMO I NOSTRI SOLDI? - Conti e depositi bancari e postali - Titoli 2 TITOLI: Azioni Obbligazioni Titoli di Stato Azioni:

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 23 giugno 2003 studenti nuovo ordinamento

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 23 giugno 2003 studenti nuovo ordinamento MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 23 giugno 2003 studenti nuovo ordinamento Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola n................................................

Dettagli

1. Procedimento. Nell adottare la presente decisione la Commissione si è basata sulle considerazioni seguenti: 2. Descrizione

1. Procedimento. Nell adottare la presente decisione la Commissione si è basata sulle considerazioni seguenti: 2. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14-X-2004 C(2004)4048 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia Aiuto n. N 342/2004 Sviluppo Italia S.p.A./Valle del Leo S.p.A. Signor Ministro, 1. Procedimento 1. Con lettera del

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2014

MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2014 MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2014 Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola n................................................

Dettagli

QUESTIONARIO PMI e informazioni relative alla situazione creditizia

QUESTIONARIO PMI e informazioni relative alla situazione creditizia QUESTIONARIO PMI e informazioni relative alla situazione creditizia da restituire compilato entro il 24 luglio 2015 a Margherita Lella E-mail: ue@promofirenze.it Profilo dell azienda (i dati non saranno

Dettagli

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I Assunzione da rimuovere I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Destinazione reddito: trend e soluzioni

Destinazione reddito: trend e soluzioni PROSPETTIVE Destinazione reddito: trend e soluzioni Aprile 2015 I temi chiave In Pioneer Investments abbiamo condotto ampie ricerche per identificare le principali tendenze che sono alla base della domanda

Dettagli

Linea. Fondo Interno Volatilità rilevata nel 2014 Step Azionario 8,87% Step Obbligazionario 2,33% Obbligazionario Breve Termine Bis 0,54%

Linea. Fondo Interno Volatilità rilevata nel 2014 Step Azionario 8,87% Step Obbligazionario 2,33% Obbligazionario Breve Termine Bis 0,54% 1/8 PARTE II DEL PROSPETTO D OFFERTA - ILLUSTRAZIONE DEI DATI PERIODICI DI RISCHIO - RENDIMENTO E COSTI EFFETTIVI DELL INVESTIMENTO La Parte II del Prospetto d offerta, da consegnare su richiesta all Investitore-Contraente,

Dettagli

Le PMI e i dati informativi sulla loro situazione creditizia

Le PMI e i dati informativi sulla loro situazione creditizia CONSULTAZIONE EUROPEA Le PMI e i dati informativi sulla loro situazione creditizia La Commissione europea si sta adoperando per agevolare l accesso ai finanziamenti da parte delle piccole e medie imprese

Dettagli