GAINST HUMAN TRAFFICKING IGHT AGAINST HUMAN TRAFFICKING OTTA AL TRAFFICO DI ESSERI UMANI AFFICO DI ESSERI UMANI. in Cambodia ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GAINST HUMAN TRAFFICKING IGHT AGAINST HUMAN TRAFFICKING OTTA AL TRAFFICO DI ESSERI UMANI AFFICO DI ESSERI UMANI. in Cambodia (2005 2010)"

Transcript

1 ation and the NST HUMAN TRAFFICKING a Cooperazione Italiana e la L TRAFFICO DI ESSERI UMANI liana e la in Cambodia ( ) GAINST HUMAN TRAFFICKING he Italian Cooperation and the IGHT AGAINST HUMAN TRAFFICKING OTTA AL TRAFFICO DI ESSERI UMANI AFFICO DI ESSERI UMANI in Cambogia ( ) in Cambodia ( ) in Cambogia ( )

2 The Italian Cooperation and the FIGHT AGAINST HUMAN TRAFFICKING in Cambodia ( )

3 ACKNOWLEDGEMENTS RINGRAZIAMENTI

4 The Human Rights Protection for Trafficking Victims through Legal Support project, funded by the Italian Cooperation, is the product of a joint undertaking resulting from individual, collective and institutional efforts. IOM is most grateful for the support provided by H.E. Chou Bun Eng, Secretary of State of the Ministry of Interior, and H.E. Chan Sotheavy, Secretary of State of the Ministry of Justice as Cambodian government focal points of the project. IOM would like to express its appreciation to all the International Organizations, United Nations agencies and local and international NGOs with which we have cooperated over the years. Thanks are also due to the Italian Embassy in Bangkok for their hard work and dedication, and their support and professional attitude during all the phases of the project. The project could not have been carried out without the generous support of the Italian Cooperation. The IOM team is very grateful to DGCS Office in Rome, particularly to Chiara Venier, Claudio Forgione and Raimondo Cocco, who have always provided support and encouragement. I would further like to express my appreciation to the IOM staff who worked on the project from the beginning, especially to Francesca Milani, Sophie Kerihuel, Johanna Bonneau, Souk Sreymom, Runnazar Hang, Lay Prak, Aekje Teeuwen, Carolyn Putnam Cramer, Tiffany Tsang, Tara Dermott, Annabel Hart, Matthew Swift, Jo-Ann Olmqvist, Christian Guth and Michel Frebourg. Without their commitment, hard work, inputs and ideas, this project would not have been possible. Very special and heartfelt thanks go to my friend Iulian Circo, the first project coordinator of the HRPTV Project In addition, the IOM team is thankful to all the police officers and court staff who have been trained over the years. This project presented an excellent opportunity to work together. It is hoped that this cooperation will keep going in the future, further fostering the long and solid working relationship that exists between IOM and law enforcement agencies in Cambodia. The biggest thanks, obviously, go to the victims of trafficking whom we encountered during the project. The challenges of their daily lives taught invaluable lessons and understanding. Finally, the successful completion of the project would not have been possible without the continuous support and dedication of the whole IOM team in Phnom Penh, under the supervision of Chief of Mission, Iuliana Stefan, and her predecessor, Dr. Vincent Keane. Bruno Maltoni Project Coordinator Il progetto Human Rights Protection for Trafficking Victims through Legal Support, generosamente finanziato dalla Cooperazione Italiana, e`il prodotto congiunto del lavoro di singoli individui, organizzazioni ed attori istituzionali OIM e`particolarmente grata per il sostegno fornito al progetto da S.E. Chou Bun Eng, segretario di Stato del Ministero dell`interno S.E. Chan Sotheavy, Segretario di Stato del Ministero della Giustizia, in quanto punti di riferimento per conto del governo Cambogiano OIM vorrebbe inoltre manifestare il proprio apprezzamento per le Organizzazioni Internazionali, le agenzie delle Nazioni Unite e le ONG locali ed internazionali con cui abbiamo collaborato nel corso degli anni Uno speciale ringraziamento e`dovuto all`ambasciata Italiana a Bangkok, presieduta da S.E. Michelangelo Pipan e dal suo predecessore, S.E. Ignazio Dipace, per il loro lavoro ed impegno e per il continuo sostegno e professionalita`fornitoci sin dall`inizio del progetto Il progetto non avrebbe potuto essere realizzato senza il generoso sostegno della Cooperazione Italiana. Lo staff IOM ringrazia sentitamente l`ufficio DGCS a Roma ed in particolare Chiara Venier, Claudio Forgione e Raimondo Cocco,che non hanno mai fatto mancare il loro sostegno ed incoraggiamento Personalmente, vorrei esprimere il mio apprezzamento per tutti coloro che hanno lavorato al progetto nel corso degli anni e specialmente a Francesca Milani, Sophie Kerihuel, Johanna Bonneau, Souk Sreymom, Ding Xiao Ding, Kevin LaPorte, Stephanie Huang, Sara Stillwell, Runnazar Hang, Lay Prak, Aekje Teeuwen, Carolyn Putnam Cramer, Tiffany Tsang, Tara Dermott, Annabel Hart, Matthew Swift, Jo-Ann Olmqvist, Christian Guth and Michel Frebourg. Senza il loro impegno quotidiano, il lavoro profuso i loro suggerimenti e le loro idee, questo progetto non sarebbe stato possibile Uno speciale e sentito ringraziamento va al mio amico Iulian Circo, il primo coordinatore del progetto HRPTV Inoltre, lo staff IOM vuole ringraziare tutti gli ufficiali di polizia e lo staff delle corti di giustizia che sono stati formati nel corso degli anni. Questo progetto ha fornito un`eccellente opportunita`per lavorare insieme. Ci auguriamo che questa cooperazione continuera`anche in futuro, rafforzando il gia`esistente solido legame che esiste tra l`oim e le agenzie governative cambogiane Il ringraziamento piu`grande va, ovviamente, alle vittime di traffico che abbiamo incontrato nel corso del progetto. Il loro coraggio e le difficolta`delle loro vite quotidiane ci hanno impartito degli insegnamenti inestimabili e aiutato meglio a comprendere le molteplici facce del traffico di persone. Infine, il successo di questo progetto non sarebbe stato possibile senza il continuo supporto e supervisione dell`attuale capo missione dell`oim Phnom Penh, Iuliana Stefan, e del suo predecessore, Dott Vincent Keane. Bruno Maltoni Project Coordinator

5 FOREWORDS PREFAZIONI

6 IOM The International Organization for Migration started its activities in Cambodia in 1992, and Cambodia became an IOM Member State in The IOM membership has helped Cambodia to consolidate its capacity to face a range of migration challenges in South East Asia and it also strengthened Cambodia s voice in the migration-related dialogue with other nations in the region and with the international community. IOM everywhere in the world works to ensure that migration is managed in an orderly and humane way and to promote international cooperation on migration issues. The Organization helps Governments to identify practical solutions to migration problems and gives humanitarian assistance to migrants in need, including refugees and internally displaced people. In Phnom Penh, the IOM Mission supports the Royal Government of Cambodia in the development of its migration management structures, the protection of the migrant workers and victim of trafficking the development of a safe and transparent migration process. IOM in Cambodia works on a wide range of migration-related issues, including labor migration, return and reintegration, mobility and health, technical cooperation, climate change and counter-trafficking. Trafficking in persons is just one of the many risks of irregular migration, and is a persistent problem in Cambodia and indeed around the world. Cambodia s location combined with long coastline and mountain borders, and its legacy of civil war including poverty and undeveloped infrastructure, make it a major point of origin, destination and transit for irregular migrants. The recent development of transport networks in the Mekong subregion is making it easier for Cambodians, including children, to migrate. Minors are moving away from their homes, largely to find work or economic opportunities. They move both within Cambodia and into neighboring countries, where an increasing number of Cambodian irregular migrants are being apprehended. Migrant minors, especially girls, are highly vulnerable to sexual abuse, including trafficking for sexual exploitation. IOM in Cambodia facilitates cooperation between government and law enforcement bodies on both sides of the international borders, and supports the development of skills and resources among officials managing bilateral and regional border checkpoints. It works to improve the management of labour migration, to raise awareness about the risks of irregular migration, and to prevent migration-related crime. IOM promotes human rights protection for trafficking victims through legal support, and helps victims return home and become reintegrated into their communities. IOM s ultimate objective is to create higher cohesion between law enforcement agencies and civil society, at both national and regional level, so as to support a more efficient, victim-friendly protection network. During the last 5 years, one of the main partners in the IOM counter-trafficking efforts in Cambodia has been the Italian Government, which is firmly committed to combating trafficking in human beings, through its aid agency, the Italian Cooperation. The Italian Cooperation has always supported transnational dialogue and cooperation for the protection of victims of trafficking and the prosecution of perpetrators of this modern form of slavery. The Italian Cooperation has contributed to UN efforts to combat poverty, and to help developing countries strengthen their institutions in support of good governance, respect for human rights, and democratic participation in economic development, without discrimination on the basis of gender or social status. An area of great interest for the Italian Cooperation lies in preventing and combating the exploitation of children at work, in risky situations, in armed conflicts and in other situations of vulnerability. The relationship between IOM Cambodia and the Italian Cooperation has grown over time very strong fruitful and rewarding thanks to jointly developed projects in support of the efforts of the Cambodian Government, and thanks to lessons learned and sharing of good practices. The effectiveness of the activities implemented during this 5 year long partnership has been acknowledged and appreciated by IOM s institutional counterparts, making IOM a privileged partner of the Royal Government of Cambodia in its fight against trafficking in persons. Through new projects awaiting implementation, we look forward to strengthening this partnership in the years to come and will continue to work together to alleviate the burden of trafficking in persons that still afflicts the Cambodian people. Iuliana Stefan Chief of Mission IOM Phnom Penh

7 OIM L Organizzazione Internazionale per le Migrazioni e attiva in Cambogia dal 1992; la Cambogia e diventata stato membro dell Organizzazione nel L`adesione ad OIM ha aiutato il paese a consolidare la sua capacita nel far fronte alle tante sfide legate ai processi migratori nel Sudest Asiatico e ha inoltre reso piu solida e autorevole la posizione cambogiana nel dialogo sulle migrazioni con gli altri paesi della regione e con la comunita internazionale nel suo complesso. Ovunque nel mondo, OIM lavora per assicurare che i processi migratori siano gestiti in modo ordinato e umano e per promuovere la cooperazione internazionale in materia di migrazioni. L Organizzazione coadiuva i governi nell identificazione di soluzioni concrete ai problemi legati alle migrazioni e fornisce assistenza umanitaria ai migranti, compresi i rifugiati e gli sfollati. A Phnom Penh, la missione di OIM supporta il governo cambogiano nello sviluppo delle strutture per la gestione delle migrazioni, la protezione dei lavoratori migranti e delle vittime di traffico e lo sviluppo di un processo migratorio sicuro e trasparente. In Cambogia, OIM lavora su un ampia gamma di temi legati alle migrazioni, tra cui la migrazione laborale, il rimpatrio e la reintegrazione delle vittime di traffico, la mobilita e la salute, la collaborazione tecnica con il governo cambogiano su temi legati alle migrazioni ed al controllo confinario, il cambiamento climatico e la lotta al traffico di esseri umani. Il traffico di esseri umani rappresenta solamente uno dei molti rischi della migrazione irregolare; e un problema persistente in Cambogia, cosi come in tutto il resto del mondo. La collocazione geografica della Cambogia, combinata con le sue caratteristiche geografiche e la pesante eredita della guerra civile, che hanno causato poverta e sottosviluppo delle infrastrutture, fanno del paese un punto privilegiato d origine, destinazione e transito per i migranti irregolari. Il recente sviluppo delle reti di comunicazione nella subregione del fiume Mekong ha reso gli spostamenti molto piu semplici ed economici per i Cambogiani, compresi i bambini. I minori lasciano le proprie case principalmente per trovare lavoro o altre opportunita economiche. Si spostano all interno della Cambogia e nei paesi vicini dove un numero sempre maggiore di migranti irregolari camboginani viene fermato dalle autorita locali. I minori migranti, soprattutto le ragazze, sono particolarmente esposte al rischio di abuso sessuale, incluso il traffico a scopo di sfruttamento sessuale. OIM cerca di facilitare in Cambogia la cooperazione tra il governo e le forze di polizia a livello locale e transfrontaliero e supporta lo sviluppo delle capacita e delle risorse delle strutture bilaterali e regionali. OIM lavora per il miglioramento della gestione della migrazione laborale, per la sensibilizzazione sui rischi della migrazione irregolare e per la prevenzione dei crimini ad essa legati. OIM promuove il rispetto dei diritti umani delle vittime di traffico attraverso il sostegno legale; aiuta inoltre le vittime a fare ritorno a casa e ad essere reintegrate nelle comunita d origine. Il fine ultimo di OIM e quello di creare una maggiore coesione tra le forze dell ordine e la societa civile a livello nazionale e regionale cosi da sviluppare una efficiente rete di sostegno per le vittime. Negli ultimi 5 anni, uno dei principali partners di OIM per le attivita di anti-traffico in Cambogia e stato il governo italiano, fortemente impegnato nella lotta al traffico di esseri umani attraverso l agenzia di aiuti internazionali del Ministero degli Esteri Italiano, la Cooperazione Italiana. Cooperazione Italiana sostiene da sempre il dialogo e la cooperazione transnazionali per la protezione delle vittime di traffico e il perseguimento dei colpevoli di questa forma moderna di schiavitu. Cooperazione Italiana ha contribuito agli sforzi delle Nazioni Unite per la lotta alla poverta e per il rafforzamento nei paesi in via di sviluppo delle istituzioni a favore del buon governo, del rispetto dei diritti umani e della partecipazione democratica allo sviluppo economico senza discriminazioni basate sul genere o lo stato sociale. Un area di grande interesse per Cooperazione Italiana e la prevenzione e la lotta allo sfruttamento dei bambini al lavoro, in situazioni di rischio, nei conflitti armati e in altre situazioni di vulnerabilita. La collaborazione fruttuosa e gratificante tra OIM e Cooperazione Italiana si e rafforzata nel tempo grazie all implementazione congiunta dei progetti di sostegno agli sforzi del Governo cambogiano e grazie alla condivisione delle lezioni e delle buone pratiche apprese sul campo. L efficacia delle attivita implementate durante questa collaborazione di ormai 5 anni sono stati riconosciuti e apprezzati dalle controparti istituzionali facendo cosi di OIM il partner privilegiato del Governo cambogiano nella lotta al traffico di esseri umani. Attraverso il progetto di prossima implementazione ci aspettiamo di rafforzare ulteriormente questa collaborazione per continuare a lavorare insieme per alleviare il peso che il fenomeno del traffico di persone ancora impone al popolo cambogiano. Iuliana Stefan Capo Missione OIM Phnom Penh

8 DGCS The Italian Cooperation has a long-standing presence in Cambodia starting from 1991, when it first began funding non-governmental organizations and international organizations. While, at the beginning, the interventions were focused on emergencies, over time there has been a shift in the projects funded, in tune with the evolving social and political context of Cambodia. Recently, the Italian Cooperation has focused on two main areas of intervention, the trafficking of human beings and the fight against child exploitation, in a wider strategy involving not only Cambodia but also South East Asia as a whole. Specifically regarding human trafficking, the Italian Cooperation has for many years supported projects focused on the protection of vulnerable groups, such as children and minors at risk of exploitation. Italy has one of the most advanced legal frameworks in Europe, and in fact the world, concerning the protection of children and minors. The framework is considered a model by many other countries. The Human Rights Protection of Trafficking Victims through Legal Support Project, implemented by IOM from 2005 to 2010, fits perfectly with the guidelines and objectives set by the Italian Cooperation The holistic and multidimensional approach of the project integrates various aspects of the fight against human trafficking. The project covers a spectrum of activities, from the institutional to the operational, with the involvement of law enforcement agencies and civil society actors. The project is characterized by a staged expansion of the activities with the aim of involving, in the near future, the organizations of neighbouring countries. This planned development allows the project to be very effective in fighting the trafficking of human beings, which is an ever-changing phenomenon. In the five years since the project started, many things have changed in Cambodia. Strong economic growth is turning a rural country into a fast-paced market economy, strongly integrated into the Greater Mekong Sub-region. Trafficking in persons has changed shape as well, with the emergence of new forms of exploitation of the most vulnerable groups. One of the keys of the success of the HRPTV project has always been the great flexibility in the implementation of its activities, which has allowed a quick and effective answer to new operational emergencies. The aim of this publication is to mark the five-year commitment of the Italian Cooperation and IOM to the fight against trafficking in persons in Cambodia, through interviews with key actors and potential partners, real life stories and a description of the project activities. Through the publication and dissemination of this book, we wish to inform the public and provide tools to raise awareness in both donor and beneficiary countries about trafficking in human beings. Elisabetta Belloni Director General for Development Cooperation of the Italian Ministry of Foreign Affairs

9 La Cooperazione Italiana e`presente da lungo tempo in Cambogia. A partire dal 1991 la Cooperazione italiana è intervenuta in Cambogia attraverso la partecipazione ad iniziative promosse da ONG o realizzate da Organismi Internazionali. Le iniziative intraprese riguardano soprattutto gli interventi d emergenza (fornitura di aiuti alimentari) ed umanitari (lotta allo sfruttamento minorile e al traffico degli esseri umani, aiuti a favore dei profughi). Agli iniziali interventi d emergenza si sono progressivamente sostituiti interventi di sviluppo coerentemente col mutato contesto sociale e politico del paese. Negli ultimi anni, lo sforzo italiano si e concentrato su due principali filoni d intervento: il traffico degli esseri umani e la lotta allo sfruttamento minorile nel quadro di una strategia piu ampia che interessa il Sud Est Asiatico nel suo complesso. In particolare, per cio che riguarda il traffico di esseri umani, la Cooperazione Italiana lavora da molti anni su progetti che si focalizzano sulla tutela di gruppi particolarmente vulnerabili, quali bambini e minori in contesti di degrado. L`Italia e`uno dei paesi all` avanguardia europea ed internazionale nella tutale giuridica dei minori e rappresenta un modello di riferimento per molti paesi. Il programma Promozione dei diritti umani delle vittime di tratta e sfruttamento sessuale attraverso supporto legale e di polizia implementato da OIM nel corso degli ultimi cinque anni ( ) e finanziato dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo e in questo senso perfettamente coerente sia con gli obiettivi che con le linee guida della Cooperazione Italiana. L approccio olistico e multi dimensionale che prende in considerazione tutti gli aspetti legati alla lotta al traffico di esseri umani, da quello istituzionale e quello piu strettamente operativo delle forze di polizia e delle organizzazioni non governative, la progressiva espansione delle attivita a tutte le province e il tentativo di coinvolgimento delle controparti regionali danno all intervento il carattere di continuita necessario ad affrontare il complesso fenomeno del trafficking. In questi cinque anni molte cose sono cambiate in Cambogia; un forte sviluppo economico basato su investimenti esteri e turismo internazionale sta trasformando un paese tipicamente rurale in un`economia di mercato sempre più integrata in un`ottica di sviluppo regionale. Il traffico di persone e`cambiato di pari passo, con nuovi fenomeni legati allo sfruttamento occupazionale e sessuale dei gruppi a piu`alta vulnerabilita`, cosi`come nel corso degli anni e`cambiato l`approccio del Programma a questo problema. La grande flessibilita`delle attivita`implementate dal Programma, ha permesso una risposta efficace ed immediata alle nuove emergenze operative. Lo scopo di questa pubblicazione è quello di testimoniare l`impegno quinquennale della Cooperazione Italiana e della OIM nella lotta al traffico di persone in Cambogia, attraverso interviste con attori chiave, sia governativi che della societa`civile, descrizione delle attivita`progettuali e storie di vita vissuta. Attraverso la pubblicazione e la diffusione di quest`opera si vuole informare l`opinione pubblica e fornire gli strumenti per una presa di coscienza sia per i paesi donatori che per quelli beneficiari. Elisabetta Belloni Direttore Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri Italiano

10 MINISTRY OF INTERIOR I wish to give my special thanks to the Italian Cooperation and IOM for their support to the Royal Government of Cambodia in the fight against human trafficking through the Humans Rights Protection for Trafficking Victims through Legal Support Project. The content of this book illustrates remarkably the path of the project from 2005 until now. Human trafficking continues to increase throughout the world, including in the Greater Mekong Subregion. In Cambodia, human trafficking emerged as a priority issue in the 1990s and is still a key issue nowadays. Studies show that Cambodia remains a source, destination and transit country for human trafficking in the South East Asian region. The Royal Government of Cambodia, in cooperation with prominent non-governmental organizations (NGOs) and inter-governmental organizations (IOs), has demonstrated its willingness to tackle the problem of human trafficking through its support for international legal tools and project implementation. Cambodia has signed the United Nations Convention against Transnational Organized Crime 2000 (the Palermo Convention ) and the Protocol to Prevent, Suppress and Punish Trafficking in Persons, especially Women and Children. Moreover, the Royal Government of Cambodia has demonstrated its commitment to fight trafficking in persons through the ratification of the ILO Convention No. 182 on the elimination of the worst forms of child labour. Cambodia was the first country in the Greater Mekong Sub-region to have ratified all eight ILO Core Conventions. Cambodia signed memoranda of understanding to combat human trafficking with Thailand in 2003 and with Vietnam in The Memorandum of Understanding on Cooperation against Trafficking in Persons in the Greater Mekong Sub-Region was signed in 2004 by Cambodia, China, Lao PDR, Myanmar and Thailand, as part of the Coordinated Mekong Ministerial Initiative Against Trafficking. The memorandum committed the Governments to a response to human trafficking that meets international standards, and specifically highlights the need for Governments to work together with NGOs and IOs to counter human trafficking. In addition, a memorandum of understanding between Cambodia and Malaysia is planned. Finally, the Royal Government of Cambodia established the National Committee to Lead the Suppression of Human Trafficking, Smuggling, Labour Exploitation and Sexual Exploitation in Women and Children (S.T.S.L.S) on 25 September The National Committee is the Royal Government s preeminent body in combating human trafficking, smuggling, labour exploitation and sexual exploitation of women and children. We, as the Royal Government of Cambodia, acknowledge that human trafficking seriously violates human rights and is an unforgivable crime against human beings. Although the Government has put laws, policies and mechanisms in place to combat human trafficking, institutions, NGOs, private sector businesses and the general public also play a key role in the fight. Only through participation and cooperation among all the actors involved it will be possible to have an effective, integrated counter trafficking effort aimed at the protection of the most vulnerable groups in Cambodia, especially children. H.E. Sar Khang Minister of Interior and Chair of the National Committee to Lead the Suppression of Human Trafficking, Smuggling, Labour Exploitation and Sexual Exploitation in Women and Children (S.T.S.L.S)

11 MINISTERO DELL INTERNO Prima di tutto, voglio esprimere la mia gratitudine alla Cooperazione Italiana e ad OIM per il sostegno al Governo cambogiano nella lotta al traffico di esseri umani atrraverso il progetto Humans Rights Protection for Trafficking Victims through Legal Support. Questo libro illustra in maniera eccellente il percorso seguito dal progetto dal 2005 fino ad ora. Il traffico di esseri umani e un fenomeno in crescita in tutto il mondo, compresa la regione del Grande Mekong. In Cambogia, la tratta di persone e emersa come questione prioritaria negli anni 90 e ancora oggi rappresenta una delle problematiche principali. Molti studi mostrano come la Cambogia sia ancora un paese d origine, destinazione e transito del traffico di esseri umani nel sudest asiatico. Il governo cambogiano, in collaborazione con le principali organizzazioni non governative e inter-governative, ha dimostrato la propria volonta ad affrontare il problema attraverso l`adozione di strumenti legali internazionali e all implementazione dei progetti legati alla lotta al traffico. La Cambogia ha firmato la Convenzione delle Nazioni Unite contro il crimine organizzato transnazionale Convenzione di Palermo e il Protocollo per la prevenzione, soppressione e la sanzione della tratta di persone, in particolare donne e bambini. Il governo cambogiano ha inoltre ratificato la Convenzione N. 182 dell OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) sull eliminazione delle peggiori forme di lavoro minorile. La Cambogia e stato il primo paese della regione del Grande Mekong ad aver ratificato tutte le 8 pricipali convenzioni dell OIL. La Cambogia ha inoltre firmato protocolli d intesa con la Thailandia nel 2003 e il Vietnam nel 2005 per combattere il traffico di esseri umani. Il protocollo d intesa sulla Cooperazione contro il traffico di persone nella regione del Grande Mekong e stato firmato nel 2004 da Cambogia, Cina, Laos, Myanmar e Thailandia come parte dell iniziativa ministeriale contro il traffico coordinata a livello regionale. Tale protocollo impegna i governi ad una risposta coerente con gli standard internazionali e in particolare sottolinea la necessita per i governi di lavorare a stretto contatto con organizzazioni non governative e intergovernative per contrastare il traffico. E poi prevista la firma di un protocollo d intesa tra Cambogia e Malesia. Infine, il 25 settembre 2009 il governo cambogiano ha istituito il Comitato Nazionale di guida alla soppressione del traffico di esseri umani, la tratta, lo sfruttamento laborale e sessuale di donne e bambini (S.T.S.L.S.), principale strumento governativo per la lotta al traffico. Come rappresentanti del governo cambogiano riconosciamo che il traffico di persone rappresenta una violazione dei diritti umani ed e un imperdonabile crimine contro gli esseri umani. Accanto alle leggi, politiche e meccanismi emanati e creati dal Governo, le istituzioni, le organizzazioni non governative, il settore privato e il pubblico svolgono un ruolo chiave nella lotta. Un azione efficace e integrata contro il traffico mirata alla protezione dei gruppi piu vulnerabili in Cambogia, specialmente i bambini, sara possible solo attraverso la partecipazione e la cooperazione di tutti gli attori coinvolti. H.E. Sar Khang Ministro dell Interno e Presidente della Commissione Nazionale di Guida alla soppressione al traffico di esseri umani, la tratta, lo sfruttamento laborale e sessuale di donne e bambini

12 BACKGROUND CONTESTO

13 Human trafficking is a significant and growing problem in Cambodia and throughout the world. Although it is difficult to make a precise measure of a criminal activity that is largely hidden from view, the most recent estimates suggest that the global trafficking industry is worth about US$32 billion, including US$9.7 billion in Asia. This would make it the third largest illegal industry worldwide, after the weapons and narcotics trades. Similarly, there are few reliable statistics regarding the problem in Cambodia, but it is confirmed that Cambodia is a source, destination and transit country for trafficking in persons. Research and anecdotal evidence suggest that human trafficking in Cambodia may evolve in the near future from a scattered, small scale business run by family enterprises or individuals into a large-scale industry that includes transnational organized crime syndicates. Cambodian nationals are trafficked within the country and across borders, being used in commercial sexual exploitation, begging and street selling, domestic service, fishing, construction, and factories. International marriages are a relatively new sector that may carry the risk of exploitation. The demand is driven by labour-intensive, exhausting, dirty or dangerous industries that have trouble attracting workers on legitimate terms, and by businesses such as commercial sexual exploitation that operate in a legal half-world and can therefore keep workers wages low, resulting in unusually high profits. The supply is driven by economic imbalances between regions and countries, which ensure a steady flow of cheap labour. The movement of people for profit is in some ways made easier by international regimes that limit regular migration and force job-seekers into irregular migration, making them vulnerable to exploitation more broadly and to trafficking in particular. In international law, trafficking is covered by the United Nations ( UN ) Convention Against Transnational Organized Crime, and a supplementary protocol, the Protocol to Prevent, Suppress and Punish Trafficking in Persons, especially Women and Children. The Convention and the Protocol were opened for signing at a conference in the Italian city of Palermo, and so are known as the Palermo Convention and the Palermo Protocol. Cambodia has signed both the convention and the protocol. The UN Office on Drugs and Crime helps countries to fulfill their obligations under the Palermo Protocol by supporting them to draft laws and create comprehensive national anti-trafficking strategies. UNODC also provides resources to help countries implement their laws and strategies. The Palermo Protocol defines trafficking thus: Trafficking in persons shall mean the recruitment, transportation, transfer, harbouring or receipt of persons, by means of the threat or use of force or other forms of coercion, of abduction, of fraud, of deception, of the abuse of power or of a position of vulnerability or of the giving or receiving of payments or benefits to achieve the consent of a person having control over another person, for the purpose of exploitation. Exploitation shall include, at a minimum, the exploitation or the prostitution of others or other forms of sexual exploitation, forced labour or services, slavery or practices similar to slavery, servitude or the removal of organs. In this way, the definition sets out the three elements of the crime of trafficking the acts, means and purpose. Recruitment, transportation, transfer, harbouring or receipt of persons are the acts. Threat or use of force or other forms of coercion, abduction, fraud, deception, abuse of power or of a position of vulnerability, or giving or receiving payments or benefits are the means. Exploitation is the purpose. In order for an activity to fit the legal definition of trafficking, all three elements must be present in some form. It is important to note that trafficking can take place even if money does not change hands, and even if the victim does not move across an international border. Trafficking also occurs even if the victim gives consent, because legally a person cannot consent to have a crime committed against them. For instance, an adult may voluntarily accept conditions that the law sees as coercion, such as debt bondage, but this does not negate the existence of the crime, and the alleged trafficker cannot use the victim s consent in his defense. The Protocol takes an even stricter approach when the trafficking involves a child, that is, a person aged under 18 years. It says that if one of the acts is carried out for the purpose of exploitation of a child, it will be considered trafficking even if the process does not involve any of the prohibited means. The logic of this is that, under the law, a child is not considered capable of giving consent. Therefore, it is not necessary for the prosecution to prove that any of the means were used, because the child s consent or lack of consent is not relevant. The Royal Government of Cambodia (the RGC ) has established a strong legal framework for combating trafficking. The principal Cambodian domestic legislation is the Law on the Suppression of Human Trafficking and Sexual Exploitation 2008 (the LHTSE ). The LHTSE has attempted to clarify the concept of trafficking in

14 persons in line with the definition set down by the Palermo Protocol. As the title suggests, the LHTSE is not limited to human trafficking alone, but is intended to cover offences relating to both human trafficking and sexual exploitation. These offences, while not mutually exclusive, are not identical and therefore a correct and detailed understanding of the law is imperative. The law also provides for prosecution by Cambodian courts of human trafficking and sexual exploitation offences committed abroad if the perpetrator or victim is Khmer. Additional domestic instruments include the Code of Criminal Procedure ( CCP ), the Minimum Standards for Protection of the Rights of Victims of Human Trafficking (the Minimum Standards ) and the Penal Code of the Kingdom of Cambodia, 2009 (the Penal Code ). Further efforts to combat human trafficking in Cambodia were made in 2009, when the RGC established the National Committee to Lead the Suppression of Human Trafficking, Smuggling, Labor Exploitation and Sexual Exploitation in Women and Children (the National Committee ). The National Committee is composed of six working groups: Prevention Working Group; Protection, Rehabilitation, Reintegration, and Repatriation Working Group; Law Enforcement Working Group; Judiciary Affairs Working Group; International Cooperation Working Group; and Child Affairs Working Group. It is invested with the duty to take actions to rescue, protect and uphold better quality of services of rehabilitation, reintegration and repatriation of victims especially women and children; and to eradicate impunity by encouraging investigation and prosecution of ring leaders and offenders in relation to human trafficking, smuggling, labour exploitation and sexual exploitation of women and children. Moreover, Cambodia has demonstrated its commitment to the International Labor Organization (the ILO ) treaties on human trafficking related matters: in 2005 the RGC ratified ILO Convention No. 182 on the elimination of the worst forms of child labour, making it obligated to address labour exploitation and trafficking. Cambodia was the first country in the Greater Mekong Sub-region to have ratified all eight ILO Core Conventions. Cambodia signed memoranda of understanding to combat human trafficking with Thailand and Vietnam in 2003 and 2005 respectively. The Memorandum of Understanding on Cooperation against Trafficking in Persons in the Greater Mekong Sub-Region (the Memorandum ) was signed in 2004 by Myanmar, Cambodia, China, Thailand and Lao PDR as part of the Coordinated Mekong Ministerial Initiative Against Trafficking (the COMMIT ). The Memorandum commits the Governments to a response to human trafficking that meets international standards, and specifically highlights the need for governments to work together with non-governmental organizations (NGOs) and international organizations (IOs) to counter human trafficking. In addition, there is a planned memorandum of understanding between Cambodia and Malaysia. While the memoranda of understanding are not binding, Cambodia has signed the 2004 Treaty on Mutual Legal Assistance in Criminal Matters Among Like-Minded ASEAN Member Countries (the MLAT ), a binding multilateral treaty, which improves working relationships between security and law enforcement agencies in ten ASEAN countries to enhance the regional response to transnational crime. The MLAT establishes procedures for requesting and providing assistance in the collection of evidence for criminal investigations and proceedings. While certain commentators argue that these foregoing agreements are of little effect until more concrete steps are taken to tackle trafficking, they have given rise to a system of information sharing that enables cooperation between the signature states for the arrest of perpetrators. In Cambodia, as in many other countries, trafficking is intertwined with economic migration, particularly irregular migration in which migrants do not have the protection of legal structures and processes. It is also closely associated with illegal or unregulated industries, such as commercial sexual exploitation, and activities that flourish in the informal economy, such as begging, because the lack of legal clarity and their hidden, underground nature make it difficult to police them. Trafficking is also linked with, though distinct from, other crimes such as labour exploitation, pimping, people smuggling and visa fraud. Although the Palermo Protocol has established a clear legal definition of trafficking, it remains a complex and ambiguous phenomenon, and even some victims do not fully understand what has happened to them. For many, being trafficked may be only one of many links in a chain. For instance, a man pays a broker to help him travel from Cambodia to Thailand in the hope of getting a job in the fishing industry. He finds himself at sea for months at a time, working in harsh conditions and unable to leave but was he trafficked, and at exactly what point? Similarly, a woman acquires a debt to buy a job for herself in a brothel, and is kept locked up or under surveillance while she slowly pays it off. Even when she is free to go, she chooses to stay in the sex industry. The brothel owner s actions contain the three elements of the crime of trafficking as defined in the Palermo Protocol. The owner harboured the woman (the act) using coercion (the means) for exploitation (the purpose), but the woman may not identify herself as a victim. In an effort to clarify these grey areas, researchers have suggested there is a continuum, with recruitment by force such as abduction at one extreme and voluntary movement in the search for economic opportunities

15 at the other. In between, there are many different configurations. These are distinguished by the degree to which the person is deceived about the kind of the work they will be doing, the working conditions and the risks they may face, compared with the degree to which they are free to choose their workplace and leave if they wish. This complexity is just one of the issues that make it difficult for researchers to assemble reliable figures on the scale of the problem in Cambodia. Trafficking is by its nature a secretive business, and there are some indications that successes in law enforcement push it further underground. Information has been gathered from current and former victims, including victims who have been returned from abroad and are being cared for in NGO shelters, and it is difficult to know whether they are a representative sample. Despite the lack of hard numbers, there is consensus that Cambodia is a source, destination and transit country for trafficking. Within the country, people move to major centres such as Phnom Penh, Sihanoukville (Kampong Som), Siem Reap, Poipet and Battambang for commercial sexual exploitation, begging, domestic work, and labouring on construction sites. They come mainly from rural areas which are susceptible to economic downturns caused by drought and flooding, but which are close to or have good transport links with urban or tourist areas. Internationally, Cambodians fan out across the region in search of a better life. Men, women and children move, through regular and irregular channels, from border provinces to Thailand and Malaysia to work as beggars, flower sellers, domestic servants, sex workers and labourers on fishing boats, construction sites and factories such as fish processing works. There are reported cases of children going to Vietnam to work in organized begging and street selling rings. There are also cases of Cambodian women trafficked into commercial sexual exploitation in Thailand, while historically Cambodia has been a key destination for Vietnamese women, employed in the sex trade. These flows of people are driven by powerful forces of supply and demand. The supply, or push, factors have their roots in economic and political history. Cambodia is a Mekong River Basin country at the heart of Southeast Asia, with a population of 13.4 million, more than half of them aged under 25. Agriculture is the main source of jobs for about 73 per cent of the population, and some 80 per cent of agricultural workers are engaged mainly in subsistence farming, most relying on a single crop of rain-fed rice per year. About 30 per cent of people live below the national poverty line of US60 cents a day, and 15 percent of men and 20 percent of women are illiterate. Despite rapid economic growth in the past decade, led by tourism and the garments industry, the labour market cannot absorb the new entrants every year. Many poor Cambodians, especially the young unemployed, see migration as their best or only option, even when they are well aware of the risks of trafficking. Poverty is almost always a factor in the decision to migrate, but it does not have to be extreme. When trafficking occurs in the context of international migration, the victims usually come from backgrounds where the families are at least able to take a loan to fund the move something that the abjectly poor cannot do. For some, the decision is driven by perceptions of relative rather than absolute poverty. This evolution in thinking, in which things that were once luxuries come to be seen as essentials, is supported by the emergence of materialist and consumerist values in Cambodia s rapidly changing society. The demand, or pull, factors are linked to various economic and social forces. The comparatively successful economies of Thailand, and Malaysia exert a strong attraction on poor, unemployed Cambodians. Declining birth rates and rising levels of education in these and other countries create a shortage of people prepared to do labour-intensive, back-breaking, dirty, dangerous, and degrading jobs. Within the commercial sexual exploitation industry, customers specifically demand new girls, so operators constantly require fresh recruits. Trafficking for commercial sexual exploitation industry involves the recruitment of women and girls through a variety of coercive and deceptive means. A new entrant to the industry may place herself voluntarily in debt on terms that take her years to pay. A girl who has been tricked and trapped may be told she owes the brothel owner for the cost of procuring her, and may be compelled to work off the debt, with heavy deductions made for room and board. There is some evidence that since anti-trafficking efforts have been increased, brothel owners have begun insisting on executing a contract with the girl or her parents, in the belief that this gives some sort of legal protection to the transaction. While the contract actually has no validity in law, it is seen by the victim as binding. Women and girls who are seen as at risk of running away may be locked up and restrained by intimidation and violence. Those who are allowed more freedom are kept under surveillance by bodyguards and moto drivers who work for the establishment.

16 Some stay because the establishment has become their home and the community within its walls has become a substitute family. Some stay because they hold no hope of ever being reconciled with their families of origin, or because, lacking education and skills, they simply see no other options. Others are manipulated into staying by threats that their status as srey koich, or broken women will be revealed, and by the fear of the shame and stigmatization that would follow. The brokers who recruit or lure the women and girls are almost always people who are known to the victim. Some are female friends who come home to the village from the city showing off fashionable clothing and jewellery, and promising the same to younger girls who go back with them. Some are men who pose as a girl s boyfriend and persuade her to run away with them. Still others establish themselves as benefactors in a community and offer to help a poor family by finding a job in the city for the eldest daughter. Despite considerable awareness-raising, it seems that people are able to ignore the anti-trafficking messages if they are desperately poor or under financial pressure, due perhaps to a health crisis in the family. Successful brokers quickly work out who is most susceptible to their lures and move to exploit their position of vulnerability, in the words of the Palermo Protocol. Many victims are girls who lack protection because their families have broken up or become dysfunctional, perhaps due to drunkenness, drug abuse, gambling or domestic violence. Death, divorce and remarriage place children in a precarious position. A young woman may see earning a living and contributing to the family finances as a way to retrieve some personal respect within the family and to raise the status of her household in the village, something that she can benefit from as a member (albeit a distant one) of the household. Trafficking for begging involves young or handicapped children, elderly people and women with babies who are taken to work in Thailand and Vietnam. Children are also recruited to sell flowers, candy and lottery tickets. It can be difficult to distinguish between children who are sold or rented for a period by their families to organizers of begging rings, those who travel on their own and later fall under the control of exploitative bosses who pocket most of their earnings, and those who go along with their families as part of a household enterprise. Some children may go several times, perhaps first with a relative or broker and later by themselves, once they are familiar with the route and the language. Labour exploitation is closely linked with economic migration, but it is difficult to establish what proportion of cases fit the Palermo Protocol definition of trafficking in terms of act, means and purpose. Young Cambodian men and women cross into Thailand and Malaysia with the promise or expectation of finding work in fishing, construction, logging, factories, domestic work and agriculture. If they are irregular migrants, their lack of proper legal status makes it difficult for them to file complaints against employers who confine them, fail to pay the promised salary, force them to work under dangerous, dirty or difficult conditions, or make them work very long hours, sometimes through the use of drugs. Domestic work is another area that is rife with labour exploitation but in which is it difficult to identify specific cases of trafficking. Large numbers of young Cambodian women are traveling to Thailand and Malaysia to work as maids, and sometimes through the facilitation of irregular labour hire companies. These transactions appear to be accompanied by somewhat questionable practices. The young women s personal details and sometimes passport numbers are posted along with their photographs on publicly accessible websites. There is anecdotal evidence that at least some are aged under 18, and that they are placed in foreign families without sufficient backup, protection, emergency contacts or means of going home by themselves. At the very least, these women are vulnerable to physical and sexual abuse; at worst, they may be confined and exploited in ways that may meet the legal definition of trafficking. Human trafficking in Cambodia presents challenges for economic and social policy as well as law enforcement. When considered as a whole, it may appear to be an amorphous and intractable problem, but the pain of the individuals who are trafficked is sharp and real. IOM works at the level of policy, legislation, law enforcement and victim assistance to help these individuals. In particular, it argues that increasing opportunities for regular migration will contribute to better outcomes for nations, communities and individuals, and help bring an end to this modern form of slavery.

17 Il traffico di esseri umani e un problema di grande rilevanza in Cambogia, cosi come in tutto il mondo. Nonostante sia molto difficile dare una stima precisa di quest`attivita, le stime piu recenti suggeriscono che l industria del traffico a livello globale abbia un volume d affari di circa 32 miliardi di dollari, di cui 9.7 miliardi nella sola Asia, cifre che ne farebbero la terza industria illegale al mondo, dopo il commercio di armi e di droga. Similmente, ci sono poche statistiche affidabili sulla portata del problema in Cambogia, ma e dato per certo che il paese sia punto d origine, transito e destinazione delle attivita legate al traffico di esseri umani. La ricerca e l evidenza aneddotica suggeriscono che il fenomeno in Cambogia potrebbe evolvere nel prossimo futuro da un business parcellizzato e su piccola scala gestito da imprese familiari o individuali ad un industria su larga scala che includerebbe i cartelli del crimine organizzato internazionale. I cittadini cambogiani sono vittime di traffico all interno del paese e al di la dei confini nazionali, trafficati per lo sfruttamento sessuale a fini commerciali, come mendicanti o venditori di strada, nel settore del lavoro domestico, pescatori, sfruttati nei cantieri edili e nelle fabbriche. I matrimoni internazionali sono un altro fenomeno, relativamente nuovo, che puo comportare il rischio di traffico. La domanda e sostenuta da quelle industrie che richiedono manodopera impegnata in occupazioni pericolose, sporche e ad alta intensita di lavoro che hanno problemi ad assumere lavoratori su basi legali e da altri settori quali lo sfruttamento sessuale che operano in una zona grigia e riescono dunque a mantenere i salari bassi con un ritorno altissimo in termini di profitti. L offerta e invece spinta dal disequilibrio economico tra regioni e paesi che assicura un flusso costante di manodopera a buon mercato. Lo spostamente delle persone per fini economici e in qualche modo facilitato dai regimi internazionali che, regolamentando la migrazione regolare, spingono coloro che cercano lavoro verso quella irregolare, rendendoli vulnerabili allo sfruttamento in senso generale e al traffico in particolare. Nel diritto internazionale, il crimine di traffico e regolato dalla Convenzione delle Nazioni Unite ( NU ) contro il crimine organizzato internazionale e dal Protocollo aggiuntivo per la prevenzione, soppressione e la sanzione del traffico di persone, donne e bambini in particolare. La Convenzione e il Protocollo sono adottati durante la conferenza organizzata nella citta italiana di Palermo e sono dunque noti anche come Convenzione e Protocollo di Palermo. La Cambogia e firmataria di entrambi I documenti. L ufficio NU per le droghe e il crimine (UNODC) aiuta i paesi ad ottemperare ai propri impegni secondo quanto stabilito dal protocollo di Palermo supportandoli nella stesura di leggi e nella definizione di strategie antitraffico complessive a livello nazionale. UNODC fornisce inoltre le risorse necessarie all implementazione di leggi e strategie. Questa la definizione di traffico come definita nel protocollo di Palermo: Il traffico di persone e inteso come il reclutamento, il trasporto, il trasferimento, il rifugio o l accoglienza di persone per mezzo di minaccia o uso della forza o altre forme di coercizione, rapimento, frode, inganno, abuso di potere o di situazione di vulnerabilita o per mezzo di ottenimento o concessione di pagamenti o altri benefici al fine di ottenere il consenso al controllo di una persona su un altra a scopo di sfruttamento. Lo sfruttamento include, come indicazione non esaustiva, l istigazione alla prostituzione o altre forme di sfruttamento sessuale, il lavoro o I servizi forzati, la schiavitu o le pratiche ad essa assimilabili, la servitu o l asportazione di organi. In questo modo, la definizione puntualizza i tre elementi del reato di traffico: l azione, il mezzo e lo scopo. Reclutamento, trasporto, trasferimento, rifugio, accoglienza di persone sono le azioni. Minaccia, uso della forza o altre forme di coercizione, rapimento, frode, inganno, abuso di potere o di situazione di vulnerabilita, ottenimento o concessione di pagamenti o altri benefici rappresentano invece i mezzi. Lo sfruttamento e, infine, lo scopo. I tre elementi devono essere contemporaneamente presenti affinche un attivita possa rientrare nella definizione legale di traffico. E importante rilevare che si e in presenza di un caso di traffico anche quando non vi sia passaggio di denaro o quando la vittima non attraversi i confini internazionali. La vittima e trafficata anche nel caso in cui dia il proprio consenso poiche dal punto di vista legale una persona non puo acconsentire ad un crimine che venga commesso nei suoi stessi confronti. Per esempio, un adulto potrebbe volontariamente accettare condizioni che la legge considera come coercitive, come schiavitu`da debito, ma cio non nega l esistenza del crimine, e il presunto colpevole non puo usare il consenso della vittima a propria discolpa. Il Protocollo adotta un approccio ulteriormente restrittivo quando il traffico coinvolge un bambino, cioe qualsiasi persona al di sotto dei 18 anni. Afferma che se l azione ha lo scopo di sfruttare un bambino sara considerata come caso di traffico anche qualora non sia utilizzato nessuno dei mezzi proibiti dalla legge. La logica sottostante e che legalmente un bambino non e considerato in grado di dare consenso. Dunque, non e necessario ai fini dell istituzione del procedimento legale che sia utilizzato uno dei mezzi sopra elencati, perche il consenso o la mancanza di consenso da parte del bambino non e`rilevante. Il governo cambogiano (GC) ha definito un quadro legale molto consistente per la lotta al traffico. Il principale

18 strumento legislativo nazionale e la Legge per la soppressione del traffico di esseri umani e lo sfruttamento sessuale del 2008 (LHTSE) che cerca di chiarire il concetto di traffico di esseri umani secondo la definizione stabilita dal protocollo di Palermo. Come suggerito dal titolo, la LHTSE non si limita a regolare il traffico di persone, ma regola anche i reati connessi allo sfruttamento sessuale. Questi reati, sebbene non escludentisi a vicenda, non sono identici e dunque si rende necessaria una comprensione corretta e dettagliata della legge. La legge disciplina anche i procedimenti legali avviati dall corti cambogiane per i casi di traffico e sfruttamento sessuale commessi all estero, ma di cui siano vittime o perpetratori cittadini cambogiani. Altri strumenti nazionali includono il codice di procedura penale (CCP), gli standard minimi di protezione dei diritti delle vittime di traffico e il codice penale cambogiano del Ulteriori sforzi per combattere il traffico in Cambogia sono stati fatti nel 2009, quando il governo cambogiano ha istituito il Comitato Nazionale di guida per la soppressione del traffico di esseri umani, tratta, sfruttamento laborale e sessuale di donne e bambini. Composto da sei gruppi di lavoro (prevenzione; protezione, riabilitazione e rimpatrio; forze dell ordine; affari giudiziari; cooperazione internazionale; minori) e incaricato di agire al fine di salvaguardare, proteggere e migliorare la qualita dei servizi di riabilitazione, reintegrazione e rimpatrio delle vittime, in particolare donne e bambini. Ha inoltre il fondamentale scopo di ridurre al minimo l impunita dei criminali incoraggiando le indagini e la prosecuzione giudiziaria dei trafficanti. Inoltre, la Cambogia ha dimostrato il proprio impegno verso i trattati dell OIL in materia di traffico di esseri umani: nel 2005 il governo ha ratificato la convenzione n.182 sull eliminazione delle peggiori forme di lavoro minorile, rendendo obbligatorio la prosecuzione dello sfruttamento laborale e del traffico. La Cambogia e stato il primo paese della sub regione del Mekong ad aver ratificato tutte le 8 principali convenzioni OIL. La Cambogia ha firmato un protocollo d intesa per la lotta al traffico di esseri umani con la Thailandia nel 2003 e con il Vietnam nel Il protocollo d intesa sulla Cooperazione contro il traffico di persone nella regione del Grande Mekong e stato firmato nel 2004 da Cambogia, Cina, Laos, Myanmar e Thailandia come parte dell iniziativa ministeriale contro il traffico coordinata a livello regionale. Tale protocollo impegna i governi ad una risposta coerente con gli standard internazionali e in particolare sottolinea la necessita per i governi di lavorare a stretto contatto con organizzazioni non governative e inter-governative per contrastare il traffico. E poi prevista la firma di un protocollo d intesa tra Cambogia e Malesia nel prossimo futuro. Mentre i Protocolli d Intesa non sono vincolanti, la Cambogia ha sottoscritto nel 2004 il Trattato di mutua assistenza legale in materia di crimine tra i paesi membri dell ASEAN (MLAT), un trattato multilaterale vincolante che migliora le relazioni professionali tra i soggetti incaricati della sicurezza e dell applicazione della legge tra i 10 paesi dell ASEAN al fine di rafforzare la risposta a livello regionale al crimine internazionale. Il MLAT stabilisce le procedure per la richiesta e la fornitura di assistenza nella raccolta di prove per le indagini e i procedimenti. Nonostante alcuni critici sostengano che questi accordi abbiano effetti molto limitati in mancanza di misure anti-traffico piu concrete, essi hanno permesso l instaurarsi di un sistema di condivisione delle informazioni che permette la cooperazione tra gli stati firmatari ai fini dell arresto dei perpetratori dei crimini. In Cambogia, come in molti altri paesi, il traffico e strettamente connesso alla migrazione a fini economici, in particolare quella irregolare in cui i migranti non godono della protezione delle strutture ufficiali e delle specifiche procedure legali. E inoltre strettamente associato con i settori commerciali illegali o non regolati come lo sfruttamento sessuale a fini commerciali e altre attivita dell economia informale come l accattonaggio, poiche la mancanza di chiarezza legislativa e la loro natura di attivita nascoste e sotterranee rende particolarmente difficile controllarle. Il traffico e anche legato, pur restandone distinto, ad altri crimini come lo sfruttamento laborale, il lenocinio, il contrabbando di persone e le frodi per l ottenimento di visti. Nonostante il Protocollo di Palermo ne abbia dato una chiara definizione legale, il traffico rimane un fenomeno complesso e ambiguo; addiritttura, alcune delle vittime non comprendono pienamente cio che e loro successo. Per alcuni, l essere vittima di traffico e solo l anello di una lunga catena di abusi. Facciamo l esempio di un uomo che paghi un mediatore perche lo aiuti a passare dalla Cambogia alla Thailandia nella speranza di trovare un lavoro nel settore ittico e si ritrovi invece per mare per mesi a lavorare in condizioni durissime senza possibilita di liberarsi - e stato quest uomo davvero vittima di traffico? E in che momento della sua storia esattamente? Allo stesso modo, una donna contrae un debito per ottenere lavoro in un bordello e viene tenuta segregata e sotto sorveglianza mentre lentamente ripaga il suo debito; quando ormai e libera di andarsene, decide di restare nell industria del sesso. Il proprietario del bordello ha ospitato la donna (l azione), usando la coercizione (il mezzo) per sfruttarla (lo scopo), ma la donna potrebbe non riconoscersi come una vittima. In uno sforzo di chiarimento di queste aree grigie, gli studiosi hanno suggerito l`esistenza di un continuum, con il reclutamento attraverso la forza (come nel rapimento) ad un estremo e l azione volontaria di ricerca di opportunita economiche all altro. Nel mezzo, esistono numerosissime fattispecie diverse, distinguibili sulla base del grado cui la persona riceve false informazioni sul tipo di lavoro che si trovera a fare e le condizioni lavorative e di rischio che dovra affrontare, paragonate al grado di liberta che la stessa persona ha di scegliere, ma anche di abbandonare, il posto di lavoro. Questa complessita e solo uno dei tanti fattori che rendono complicato

19 per i ricercatori raccogliere dati attendibili sulla portata del fenomeno in Cambogia. Il traffico e per sua natura un`attivita`illegaole, ed in quanto tale, difficile da identificare e ci sono indicazioni sul fatto che l efficace implementazione della legge lo spinga a nascondersi ancora piu in profondita. Le informazioni raccolte da vittime recenti e non, incluse vittime rimpatriate dall estero e seguite nei centri accoglienza delle organizzzioni non governative, sono difficilmente classificabili come campioni rappresentativi. Nonostante la mancanza di dati consistenti, c e un consenso generale sul fatto che la Cambogia sia paese d origine, transito e destinazione di casi di traffico. All interno del paese, la gente si sposta verso i centri principali come Phnom Penh, Sihanoukville (Kampong Som), Siem Reap, Poipet and Battambang per sfruttamento sessuale a fini commerciali, accattonaggio, lavoro domestico e lavoro nei cantieri di costruzione. Vengono prinicpalmente dalle aree rurali particolarmente soggette a rovesci economici causati da siccita e innondazioni, ma o direttamente prossime ai centri urbani e turistici o dotate di buoni collegamenti stradali. A livello internazionale, i cittadini cambogiani migrano in tutta la regione in cerca di una vita migliore. Uomini, donne e bambini si spostano attraverso canali regolari o irregolari dalle provincie di confine alla Thailandia e alla Malesia per lavorare come mendicanti, venditori di fiori, domestici, prostitute e operai sui pescherecci, nei caniteri e nelle fabbriche, per esempio quelle della filiera del pesce. Ci sono casi riportati di bambini che si spostano in Vietnam per lavorare nei giri organizzati dell accattonaggio e della vendita per strada. Ci sono poi casi di donne cambogiane vittime di traffico a scopo di sfruttamento sessuale in Thailandia, mentre storicamente la Cambogia e paese di destinazione per donne vietnamite trafficate a fini di sfruttamento sessuale. I flussi migratori sono determinati dalla forza della domanda e dell`offerta. L offerta, definibile anche come fattori di espulsione, ha origine nella storia politica ed economica del paese. La Cambogia e un paese del bacino del fiume Mekong nel cuore del Sudest Asiatico, con una popolazione di 13.4 milioni di abitanti di cui piu della meta sotto i 25 anni. L agricoltura rappresenta la principale fonte di lavoro per circa il 73% della popolazione; circa l 80% dei contadini sono occupati principalmente nell agricoltura di sussistenza, per lo piu consistente in un solo raccolto di riso l anno. Circa il 30% della popolazione vive sotto il livello di poverta nazionale, individuato a 60 centesimi di dollaro al giorno; il 15% degli uomini e il 20% delle donne e analfabeta. Nonostante la rapida crescita economica degli ultimi dieci anni, trainata da turismo e industria tessile, il mercato del lavoro non riesce ad assorbire le nuove entrate annuali. Molti cambogiani poveri, specialmente i giovani disoccupati, vedono nella migrazione la migliore se non l unica opzione, anche quando sono coscienti dei potenziali rischi di traffico. La poverta, anche non estrema, e quasi sempre un fattore rilevante nella decisione di migrare. Quando un caso di traffico si verifica nel contesto della migrazione a livello internazionale, le vittime solitamente provengono da un ambiente in cui la famiglia e almeno in grado di procurarsi un prestito per finanziare il processo migratorio, cosa che i piu poveri non possono fare. Per alcuni, la decisione e condizionata dalla percezione di poverta relativa piuttosto che assoluta. Questa evoluzione del pensiero, per cui cose in passato ritenute di lusso diventano essenziali, e alimentata dall emergere di consumismo e materialismo quali valori all interno di una societa cambogiana in rapido cambiamento. La domanda, o fattori di attrazione, e legata a diverse forze economiche e sociali. I successi economici di Thailandia e Malesia esecitano una forte attrazione sui cambogiani poveri e disoccupati. Conseguenza della riduzione dei tassi di natalita e dell innalzamento del livello d istruzione di questi e altri paesi e la riduzione del numero di persone disposte ad essere impiegate in attivita ad alta intensita, faticose, antigieniche, pericolose e degradanti. Nell industria del sesso, i clienti chiedono specificamente nuove ragazze, percio gli operatori sono alla costante ricerca di nuovi arrivi. Il traffico di persone nell ambito dell industria dello sfruttamento sessuale a scopi commerciali prevede il reclutamento di donne e ragazze grazie a svariati mezzi coercitivi e ingannevoli. Le ragazze vengono intrappolate in condizioni di debito tali da richiedere anni per essere ripagato. Ad una ragazza che sia stata ingannata e presa in trappola potrebbe venir detto che ha un debito nei confronti del proprietario del bordello pari al costo che egli stesso ha sostenuto per averla e potrebbe essere obbligata a ripagare tale debito lavorando, con consistenti trattenute per vitto e alloggio. Ci sono prove che, da quando gli sforzi anti-traffico sono stati intensificati, i proprietari dei bordelli abbiano iniziato a pretendere la stipula di un contratto con le ragazze o i loro genitori nella convinzione che cio possa dare una qualche protezione legale alla transazione. Nonostante il contratto non sia ovviamente valido a termine di legge, viene considerato vincolante dalle vittime stesse. Donne e ragazze sospettate di voler scappare vengono rinchiuse e trattenute con intimidazioni e violenza. Quelle cui viene concessa un po di liberta sono controllate da guardie del corpo e tassisti che lavorano per lo stesso padrone. Alcune restano perche ormai il bordello e diventato la loro casa e la comunita all interno delle sue mura una sorta di famiglia sostitutiva di quella originaria. Alcune restano perche non hanno alcuna speranza

20 di potersi ricongiungere con la famiglia d origine o perche, mancando di educazione e preparazione, non vedono alternative. Altre vengono manipolate e convinte a restare con la minaccia di rendere pubblica la loro condizione di srey koich, o donne spezzate e la conseguente paura della vergogna e della stigmatizzazione che ne deriverebbero. Gli intermediari che reclutano o adescano le ragazze sono quasi sempre persone che le vittime conoscono. Alcune sono amiche che tornano dalla citta al villaggio esibendo abiti alla moda e gioielli e promettendo le stesse cose alle ragazze piu giovani che vogliano seguirle in citta. Altri sono uomini che, atteggiandosi a fidanzati, riescono a persuadere la ragazza a scappare con loro. Altri ancora si assumo all interno della comunita il ruolo di benefattori e si offrono di aiutare una famiglia povera trovando alla figlia maggiore un lavoro in citta. Nonostante la sempre piu diffusa conoscenza del fenomeno, sembra che le persone ignorino le campagne informative anti-traffico quando sono disperatamente povere o subiscano una forte pressione economica dovuta per esempio ad un emergenza sanitaria. Gli intermediari capaci intuiscono molto facilmente quali sono i soggetti piu sensibili ai loro inganni e agiscono sfruttando questa posizione di vulnerabilita, per usare le parole del Protocollo di Palermo. Molte vittime sono ragazze cui manca protezione perche le loro famiglie sono distrutte o sono caratterizzate da serie disfunzioni, quali alcolismo, abuso di droghe, il gioco d azzardo o la violenza domestica. Un lutto, un divorzio o un secondo matrimonio mettono i figli in una posizione precaria. Una giovane donna puo considerare il guardagnarsi da vivere e contribuire alle finanze della famiglia come un modo per ottenere rispetto all interno della famiglia e per innalzare lo stato del nucleo familiare nel villaggio, qualcosa da cui lei stessa potra` poi beneficiare. Il traffico legato all accattonaggio coinvolge bambini piccoli o handicappati, anziani e donne con neonati che vengono portati in Thailandia e Vietnam per lavorare. I bambini vengono reclutati anche per vendere fiori, dolciumi e biglietti della lotteria. E molto difficile distinguere tra bambini venduti o affittati per un periodo limitato dalle famiglie ai gestori dei giri di accattonaggio, quelli che si spostano da soli e cado poi sotto il controllo di sfruttatori che trattengono la maggior parte dei loro guadagni, e quelli che continuano a vivere in famiglia di cui contribuiscono al sostentamento. Alcuni bambini si spostano in altri paesi piu volte, all inizio magari con famigliari o intermediari, successivamente da soli, una volta acquisita familiarita con i percorsi e la lingua. lavori domestici. Se sono migranti irregolari, la mancanza di uno stato legale vero e proprio rende difficile per loro sporgere una lamentela contro i datori di lavoro che li tengono rinchiusi, non pagano il salario, li obbligano a lavorare in condizioni pericolose, antigieniche o difficili, o li forzano a lunghi periodi di lavoro continuativo, a volte grazie all uso di droghe. Il lavoro domestico e un altra area particolarmente interessata dallo sfruttamento laborale, ma per la quale e difficile identificare specifici casi di traffico. Un numero consistente di giovani cambogiane si spostano in Thailandia e Malesia per lavorare come domestiche; a volte migrano perfino in Arabia Saudita grazie, a volte, alle facilitazioni concesse da agenzie di collocamento irregolari. Queste transazioni sembrano essere caratterizzate da pratiche in qualche modo discutibili. Le informazioni personali sulle ragazze e a volte i loro passaporti e fotografie vengono pubblicati su siti internet accessibili a chiunque. Si hanno prove aneddottiche che alcune delle ragazze sono minorenni e vengono collocate presso famiglie straniere senza un adeguata formazione, contatti in caso d emergenza o mezzi per fare ritorno a casa indipendentemente. Nei casi piu comuni, queste donne sono esposte al rischio di abuso fisico e sessuale; nei casi peggiori, vengono trattenute e sfruttate in modi che rientrano senza dubbio nella definizione di traffico. Il traffico di esseri umani in Cambogia presenta molte sfide sia per le politiche economiche e sociali che per cio che riguarda l applicazione della legge. Quando considerato complessivamente, puo apparire come un problema amorfo e non affrontabile, ma le pene dei singoli individui di traffico sono intense e reali. OIM lavora a livello di politiche, legislazione, forze di polizia e assistenza alle vittime per aiutare proprio ciascuno di essi. In particolare, OIM ritiene che l aumento delle opportunita di migrazione regolare puo contribuire a migliorare la situazione per singoli e comunita cosi come per il paese nel suo complesso e aiutera a porre fine a questa moderna forma di schiavitu. Lo sfruttamento laborale e strettamente legato alla migrazione a fini economici, ma e problematico stabilire in che misura i casi ricadano nella definizione di traffico data dal Protocollo di Palermo in termini di azione, mezzo e scopo. Giovani uomini e donne cambogiani si spostano in Thailandia e Malesia spinti dall aspettativa o addirittura dalla promessa di un lavoro nella pesca, nelle costruzioni, nell lavoro agricolo, nelle fabbriche e

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Claudio Cecchi Lezioni di Ecoomia del Turismo Roma, 26 novembre 2012 Dall agire al governo delle azioni nella sostenibilità I soggetti che agiscono Individui

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile.

Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile. Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile Aprile 2008 1 Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie Quello che devi sapere sulle opzioni binarie L ebook dà particolare risalto ai contenuti più interessanti del sito www.binaryoptionitalia.com ed in particolar modo a quelli presenti nell area membri: cosa

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual.

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual. MANUALE CASALINI M10 A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even people who come from the same brand

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura:

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura: From : The principal object - To : notions in simple and unelaborated expressions. The principal object, then, proposed in these Poems was to choose incidents L oggetto principale, poi, proposto in queste

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli