ALLA&associates,inc. p.c. a professional corporation

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLA&associates,inc. p.c. a professional corporation"

Transcript

1 IL VENTURE CAPITAL NEGLI STATI UNITI LA PROSPETTIVA LEGALE di Majda Barazzutti I finanziamenti di venture capital (VC) costituiscono uno dei motori principali dell economia degli Stati Uniti, e hanno contribuito in maniera sostanziale a condurre l economia americana ai livelli attuali. La maggioranza delle società che hanno raggiunto visibilità e successo negli ultimi 20 anni, soprattutto nei settori dell innovazione tecnologica, è passata attraverso fasi di finanziamento di venture capital. 1 Le strutture giuridiche che contraddistinguono questo fenomeno sono guidate da principi rigorosi, a volte di difficile comprensione per i non addetti ai lavori. Questo articolo intende fornire agli imprenditori italiani una descrizione generale del fenomeno dal punto di vista giuridico per poter comprendere e forse utilizzare - questo modello. Inevitabilmente coinvolgere fondi di venture capital nella propria società comporta una certa perdita di controllo; allo stesso tempo però permette di utilizzare know how, esperienza e contatti che sarebbero altrimenti non disponibili. Normalmente le società straniere non hanno facile accesso a strumenti di finanziamento di venture capital negli Stati Uniti. Nonostante l innovazione tecnologica sia un fenomeno globale, non si può dire lo stesso a proposito dell accesso a capitali. Mentre i fondatori di startups in questo Paese sono spesso stranieri, i VC normalmente non investono in startup che non siano costituite negli Stati Uniti. Per gli investitori americani è difficile accettare la rigida normativa delle società italiane, con i suoi meccanismi spesso bizantini e antiquati. Si pensi ad esempio all obbligo di ricostituire il capitale sociale in caso di perdite, fenomeno opposto alla logica della tipica startup, per la quale le perdite sono un elemento inevitabile negli anni della crescita e spesso anche negli anni successivi. L obbligo di coprire le perdite e ricostituire il capitale sociale costituirebbe un serio ostacolo. Inoltre, l imprenditore americano è abituato a strutture societarie snelle, che non richiedono formalità notarili o regimi di pubblicità commerciale, non impongono la pubblicazione di bilanci né contemplano rischi personali per gli amministratori in caso di fallimento della società. In sostanza, gli investimenti di venture capital seguono degli schemi prevedibili e testati nel tempo, e discorstarsene moltiplica il rischio e complica l accesso 1 Basti pensare che Google, Apple, Amazon, ebay, LinkedIn, Twitter, and Facebook sono tutte passate attraverso VC financing. 1

2 ai finanziamenti. Quindi le società italiane in settori innovativi che intendano puntare alla crescita tramite investimenti di VC americani debbono iniziare un percorso di relocazione della società, con il trasferimento della loro proprietà intellettuale. Senza entrare nel dettaglio delle varie tipologie di società nel sistema americano, lo strumento preferibile per questo scopo è una corporation costituita preferibilmente in Delaware. Nonostante la comune opinione, non ci sono motivi di natura fiscale che suggeriscano questa scelta, quanto piuttosto il fatto che si tratta di uno strumento conosciuto, prevedibile e flessibile, in un sistema giuridico che ha accumulato una ricca e illuminata giurisprudenza in questioni societarie. I protagonisti del mondo del venture capital sono spesso essi stessi imprenditori di successo, ed hanno creato una macchina estremamente efficiente per identificare le idee ed i team nei quali investire. Riuscire ad entrare in contatto con i VC non è difficile, ma richiede una preparazione profonda e, soprattutto per uno straniero, culturalmente ambiziosa. Il cosiddetto elevator pitch, cioè la capacità di ingaggiare l attenzione del potenziale investitore in uno spazio di tempo brevissimo (appunto, la durata di uno spostamento in ascensore), è entrato nel mito della Silicon Valley, e non corrisponde necessariamente alla realtà, ma sottende alla reale esigenza di essere preparati, efficienti, di comunicare in termini concisi idee che attraggano interesse e comunichino l entusiasmo e la visione dei fondatori. Ma una volta che ci si siede al tavolo delle negoziazioni con il VC, quali sono i passi ed i percorsi da intraprendere per concludere la transazione? Le varie fasi del finanziamento Il finanziamento della tipica startup avviene normalmente in fasi successive (stages). Normalmente non è consigliabile bruciare le tappe e cercare di ottenere subito finanziamenti da VC se non si è costruito un serio ed affidabile percorso imprenditoriale e di finanziamenti graduali. Nella crescita delle società la prima fase di solito è costituita dall autofinanziamento dei fondatori (bootstrapping), mediante sottoscrizione del capitale iniziale in azioni ordinarie (shares of common stock) ad un prezzo di sottoscrizione minimo, spesso misurato in centesimi di dollaro 2. Seguono poi finanziamenti da parte di friends and family, normalmente in common 2 La legge non richiede capitalizzazione minima. 2

3 stock, e quindi di angels, ovvero individui che spesso hanno a loro volta accumulato ricchezza tramite analoghe iniziative imprenditoriali di successo, e che investono in startup. La fase di finanziamento iniziale non è priva di rischi. In primo luogo, negli Stati Uniti vige il principio che le società non possono emettere azioni se le stesse non siano registrate presso la Securities and Exchange Commission (SEC) ovvero in virtù di un esenzione dalla registrazione. È importante che tutti i requisiti per avvalersi di tali esenzioni dalla registrazione per l emissione delle azioni siano rispettati, inclusi la capacità economica degli investitori, la messa a disposizione di informazioni relative all investimento, ed il deposito di appositi moduli a livello statale e federale. Va poi prestata particolare attenzione al prezzo di emissione delle azioni, che può comportare problemi fiscali per i fondatori, potenzialmente soggetti ad imposte sulla differenza tra il prezzo (nominale) da essi pagato ed il maggior prezzo (di mercato) pagato dagli investitori successivi, nei casi in cui la diversa valutazione non venga supportata adeguatamente, ad esempio, in considerazione dello sviluppo di un business plan, avanzamento nei piani di ricerca e sviluppo, assunzione di personale strategico, ecc. Non appena la società cercherà finanziatori esterni questi primi passi verranno passati ad un vaglio rigoroso, ed eventuali irregolarità potrebbero creare ostacoli al finanziamento o causare ritardi nelle fasi successive. Il finanziamento degli angel investors è spesso costituito non da emissione di azioni, ma da prestiti convertibili (convertible promissory notes). I vantaggi sono molteplici: i tempi di negoziazione sono ridotti, e, soprattutto, non è necessario avere una valutazione della società che, in questa fase iniziale, sarebbe necessariamente riduttiva. Il prestito è normalmente convertibile in azioni del round di finanziamento successivo, al valore che verrà determinato in tale fase. Normalmente, le convertible promissory notes sono convertibili in azioni privilegiate (preferred stock), e spesso includono uno sconto rappresentato da warrants (titoli che danno diritto all emissione di azioni, esercitabili a prezzi prefissati). Si parla in tal caso di bridge financing, e cioè di finanziamenti che forniscono alla società un ponte di disponibilità finanziaria per raggiungere finanziamenti successivi. Il Business Plan Il primo passo per avvicinare VC è quello di sviluppare un business plan credibile e professionale. Non si può sottovalutare l importanza del business plan, che ha lo scopo di fissare gli obiettivi della società e il percorso da percorrere per raggiungerli, e come tale è un importante strumento di verifica per l imprenditore stesso per valutare obiettivi e strategie; ma in questa fase 3

4 il business plan costituisce soprattutto un veicolo per comunicare le capacità del management, e quindi stabilire la propria credibilità presso potenziali finanziatori. Per approcciare il VC giusto, la startup dovrebbe raccogliere informazioni sui fondi VC per valutare la loro esperienza, reputazione e interessi particolari. Infatti molti fondi si specializzano in particolari settori e tendono a concentrare investimenti in relazione alla dimensione dell investimento, al settore, allo stadio di sviluppo della società, ecc. È consigliabile diffidare di cosiddetti finders, e cioè persone che in cambio di introduzioni ai VC chiedono una percentuale dell investimento raccolto. I VC vedono con sfavore questo tipo di intermediazione, e preferiscono mettere money to work nella società piuttosto che arricchire persone non interessate direttamente alla sua crescita. Se poi, come è di regola, il finder non è registrato come investment broker presso la SEC la società può incorrere in sanzioni, ed essere obbligata a rescindere l investimento 3. Se il VC decide di procedere con l esame della società si aprirà la fase della due diligence. 4 Spesso questo è anche il momento per la società di correggere errori o imprecisioni passate. È importante notare che anche durante le fasi iniziali delle trattative dovrà essere mantenuto un alto standard di disclosure, per evitare che a seguito di successive rivelazioni si debbano apportare diminuzioni alla valutazione della società. Inoltre le norme federali antifrode sulle securities pongono a carico del venditore l obbligo di portare a conoscenza dell altra parte tutti i material facts, e cioè le informazioni che un acquirente normale troverebbe rilevanti. Le negoziazioni stesse dovrebbero essere intraprese con l assistenza di un avvocato esperto nel settore, che abbia familiarità con i termini dell investimento. È però anche essenziale che l imprenditore si familiarizzi con le tipiche strutture di questi investimenti. Inoltre, le condizioni del primo finanziamento spesso condizionano i successivi rounds, e quindi la loro importanza va ben oltre lo specifico finaziamento. 3 Ciò non toglie che vi sia la possibilità di ingaggiare seri consulenti, banche d affari etc. che siano abilitati a svolgere tale attività. 4 È ovviamente importante ottenere dei contratti di riservatezza (NDA) per proteggere la riservatezza delle informazioni fornite. In generale potrebbero porsi dei conflitti di interessi tra VC che abbiano investimenti in concorrenti, e quindi nella fase preliminare è preferibile evitare di fornire informazioni strategiche. 4

5 I VC normalmente investono in azioni privilegiate (preferred stock). Normalmente le azioni sono emesse in successive Series (A, B, etc) che vengono emesse sulla base di valutazioni e termini diversi che normalmente riflettono il corso di sviluppo della società. Questa scelta è determinata da vari motivi. In primo luogo, le preferred shares prevedono che gli investitori recuperino il loro investimento prima che i soci ordinari possano ricevere distribuzioni dalla società (liquidation preferences) o dividendi, in tal modo offrendo al capitale di rischio un ritorno superiore. Un altra, fondamentale ragione è che il trattamento privilegiato delle preferred shares permette una valutazione più alta (normalmente 5-7 volte maggiore) rispetto alle azioni di common stock. Se la società vendesse ai VC azioni ordinarie ad un prezzo considerevolmente maggiore rispetto al prezzo di sottoscrizione dei fondatori, gli stessi sarebbero sottoposti a tassazione ordinaria sulla differenza tra il prezzo pagato ed il prezzo di emissione ai VC. Inoltre, in tal modo la società può offrire ai suoi dipendenti e consulenti opzioni (options) di acquisto di azioni ordinarie ad un prezzo (che di regola deve essere pari al valore di mercato) inferiore rispetto al valore delle azioni privilegiate, in tal modo permettendo alla società di attrarre e motivare dipendenti qualificati 5. Si noti che non vi sono limiti al numero di azioni privilegiate che la società può emettere. Questo è anche il momento per la società di eliminare irregolarità e preparare la documentazione per la successiva due diligence da parte dei VC. Inoltre, se non fosse stato fatto prima, ci si dovrà assicurare che i rapporti con i dipendenti siano documentati adeguatamente e vengano stipulati contratti per assicurare la riservatezza e la proprietà di invenzioni e proprietà intellettuale. Il documento che riassume i termini essenziali dell investimento è il term sheet (termine usato in prevalenza, rispetto a letter of intent, sostanzialmente analogo ma non usato in questo tipo di operazioni). Il tipico term sheet non è vincolante, se non con riferimento all obbligo di riservatezza e alle no-shop clauses, cioè le clausole di esclusiva che impediscono alla società, una volta firmato il term sheet, di negoziare con altri finanziatori 6. 5 Le stock options per dipendenti (ISO) negli Stati Uniti hanno un trattamento fiscale favorevole, diversamente dall Italia, in quanto gli utili sono sottoposti a tassazione più favorevole come long term capital gains. Anche questo è fenomeno che ha contribuito allo sviluppo economico di questo Paese. 6 Normalmente prima che si giunga alla firma del term sheet non c è esclusiva. 5

6 È importante familiarizzarsi con i concetti fondamentali tipicamente contenuti in un term sheet 7, che includono: 1. Valutazione della società, prezzo di emissione, percentuale: Il tipico term sheet specifica la valutazione pre-money della società. È importante comprendere l effetto sulla valutazione delle azioni dei fondatori del pool di azioni ai dipendenti e consulenti, che viene normalmente richiesto dai VC per incentivare i dipendenti. Tipicamente, il term sheet prevede: La valutazione pre-money della società pari a $ include un option pool pari al 20% della capitalizzazione della società su base fully diluted 8. La conseguenza di questa previsione è che il pool di opzioni verrà scontato solo dai fondatori, e non dai VC. 9 Si tratta di una previsione normalmene non negoziabile, alla quale l unico rimedio è quello di sviluppare un piano graduale di assunzioni di dipendenti (e relativa emissione di opzioni). 2. Dividendi: Normalmente le società in questa fase di sviluppo non hanno aspettativa di distribuire dividendi. Tuttavia, il trattamento preferenziale di dividendi per le azioni preferred rispetto alle azioni ordinarie ha un risvolto pratico importante in quanto i dividendi vengono normalmente a far parte della distribuzione agli investitori privilegiati in caso di liquidation o deemed liquidation. Le formule per determinare l ammontare dei dividendi variano, e includono cumulative dividend (previsione di una certa percentuale a titolo di dividendo che si accumula nel tempo, sia che la società approvi dividendi o meno); non-cumulative dividends (previsione di una certa percentuale a titolo di dividendo che si accumula nel tempo solo se la società approva dividendi); inoltre, normalmente dividendi potranno essere pagati agli azionisti ordinari dopo che gli azionisti privilegiati abbiano ricevuto dividendi minimi di una certa percentuale rispetto all investimento iniziale. Una volta distribuiti i dividendi ai soci preferred, si può prevedere che alle distribuzioni successive i soci ordinari partecipino alla pari con i soci privilegiati on an as-converted basis, ovvero ad esclusione degli stessi; che i soci preferred partecipino pienamente nella distribuzione dei dividendi assieme agli azionisti ordinari, o solo fino al raggiungimento di un tetto massimo. 7 Si veda ad esempio un tipico esempio di term sheet sul sito della National Venture Capital Association, 8 Fully diluted indica che, oltre alle azioni emesse, andranno incluse nel calcolo anche le opzioni e warrants, assumendone l esercizio. 9 Ad esempio, con una valutazione pre-money di $8 milioni, e 6 milioni di azioni emesse, il valore per azione dei fondatori non è $1.33 ($8M : 6M) ma è $1 ($8M : (6M azioni esistenti + 2M opzioni). 6

7 3. Preferenze nella liquidazione della società: Liquidation preference indica la distribuzione che spetta agli azionisti privilegiati in caso di liquidazione della società, e normalmente include una somma pari all ammontare originariamente investito, o un multiplo dello stesso, dopodichè i soci ordinari (e a volte anche i soci privilegiati 10 ) partecipano alla distribuzione del residuo. Va notato che la vendita della società (o dei beni della società) viene normalmente considerata alla stregua di una liquidazione (deemed liquidation); pertanto in caso di acquisizione i soci privilegiati ottengono un trattamento di favore. Si noti che le azioni privilegiate possono venire convertite in azioni ordinarie nei casi in cui partecipare alla distribuzione con azioni ordinarie sia più conveniente Riacquisto: In alcuni casi, non frequenti salvo down rounds 12, si prevede che i soci privilegiati abbiano il diritto di redimere le azioni, cioè di imporre alla società di riacquistare le loro azioni (mandatory redemption). Si tratta di una soluzione che permette ai VC di uscire da un investimento nel caso in cui la società ottenga risultati sufficientemente positivi (tali da permetterle il riacquisto) ma non preveda di avere un liquidation event quale una acquisizione 13. Si prevede a volte che sia la società ad avere la facoltà di riacquistare le azioni al prezzo originario, più dividendi. 5. Diritto di voto (protective provisions): È tipico prevedere che certi atti possano essere adottati solo con il consenso dei soci privilegiati. I voti necessari possono essere espressi separatamente (voting as a class) o congiuntamente con i common shareholders (e cioè on an as-converted basis ). Il voto per classe o addirittura per serie permette ad una classe di soci di bloccare certe decisioni societarie. 14 Si prevede poi normalmente che i soci privilegiati possano eleggere un certo numero di amministratori. 15 Il diritto di voto può essere modificato a seguito di un inadempimento (voting switch in case of default). 6. Conversione: Le azioni preferred sono sempre convertibili in azioni ordinarie (common stock), ma in caso di conversione le azioni preferred perdono ogni privilegio. La 10 In tal caso si parla di participating liquidation preference, in cui la partecipazione dei preferred avviene come se vi fosse stata una conversione da preferred a common (on a as-converted basis) 11 Quando si susseguono varie serie di azioni preferred, la interazione delle varie preferenze (preferenza alla Serie B rispetto alla Serie A, o partecipazione di tutte le Serie alla pari) diventa cruciale ed è spesso molto complessa. 12 Un down round è un finanziamento successivo con valutazione della società inferiore al round precedente. 13 Gli investimenti dei VC sono di norma temporanei, e sono mirati alla realizzazione di un ritorno importante a breve termine, non alla creazione di una società che possa sostenersi ragionevolmente bene e continuare un percorso di crescita graduale e prolungata. Un famoso detto in Silicon Valley è A ten year old startup is a two year old startup with 8 years of failure 14 Normativa specifica, che varia di Stato in Stato, regola il tipo di approvazione richiesta per atti particolari 15 Si noti che in genere non sussiste la differenza tra efficacia reale (assicurata solo se le previsioni sono riportate in statuto) ed efficacia obbligatoria. 7

8 conversione può essere optional (il socio può convertire in qualunque momento) e automatic. La conversione è normalmente obbligatoria in occasione di una offerta al pubblico a valori minimi predeterminati (qualified IPO), scioglimento della società, e può essere esercitata in caso di eventi quali la vendita della società (deemed liquidation), o a maggioranza dei soci preferred. Il rapporto di conversione è inizialmente 1-1, ma viene modificato in virtù delle clausole di anti-diluzione. 7. Anti-diluizione: Un altro aspetto importante è la previsione di meccanismi anti diluizione. Si tratta di una protezione contro diluizioni che non avviene automaticamente, mediante emissione di azioni per mantenere la percentuale di azioni, bensì tramite un aggiustamento del prezzo in caso di conversione in azioni ordinarie. I meccanismi antidiluizione possono essere event based, e cioè legati a stock splits (divisione di azioni), distribuzione di azioni a titolo di dividendi o simili, o price-based, in relazione a successive emissioni di azioni ad un prezzo per azione più basso. Esclusioni vengono negoziate per permettere alla società di emettere azioni in casi particolari (ad esempio, in relazione alle opzioni per dipendenti, oppure ad emissioni legate ad accordi strategici). Un altra importante previsione è il pay to play, secondo la quale il socio privilegiato deve continuare a pay (e cioè a partecipare pro-rata in futuri finanziamenti) per poter continuare a play, e cioè non perdere le protezioni anti diluzione, o vedersi forzatamente convertite le azioni in common stock). I meccanismi antidiluizione possono essere molto onerosi per la società. Nell anti-diluizione full ratchet se la società emette azioni ad un prezzo inferiore, l investitore ha diritto di ottenere tante azioni quante ne avrebbe ottenute se le azioni acquistate originariamente fossero state offerte allo stesso prezzo, e ciò a prescindere dal numero di azioni emesse a prezzo inferiore. Più comune, e meno oneroso per la società, la clausola weighted average, in base alla quale l effetto diluitivo dell emissione a prezzo inferiore viene calcolato sulla base del numero di azioni emesse. Ciò può avvenire con broad base, tenendo conto di azioni emesse o riservate in piani di partecipazione azionaria a favore di dipendenti e consulenti, warrants emesse a finanziatori, azioni emesse per alleanze strategiche, o simili), o narrow base, meno favorevole per la società, ove tali emissioni sono escluse dal calcolo. Normalmente le parti negoziano intensamente questa clausola. 8. Vesting: Un aspetto che spesso i soci fondatori non considerano è che il VC possa richiedere loro di sottopore le proprie azioni a vesting. Il meccanismo del vesting prevede che la proprietà delle azioni maturi nel tempo in relazione alla continua prestazione di servizi in favore della società. Tipicamente quando la società concede azioni ai dipendenti, si prevede un vesting in base al quale, ad esempio, un quarto delle opzioni 8

9 concesse diventi esercitabile (vest) dopo il primo anno di impiego, e le restanti opzioni maturino mensilmente nel periodo di tre anni successivi, a condizione che il rapporto di lavoro continui. Ciò ha lo scopo di incentivare i dipendenti e motivarli a lavorare per la società. Un meccanismo simile viene richiesto dai VC ai founders, le cui azioni, pur se già emesse, vengono retroattivamente sottoposte a vesting. La motivazione è che in tal modo si evita che soci fondatori che abbandonano la società mantengano la stessa partecipazione dei fondatori che rimangono. Si tratta di una richiesta spesso percepita come un abuso da parte dei fondatori, ma i VC non accettano di buon grado che i fondatori possano lasciare la società e realizzare il loro pacchetto azionario se non vi sia un comprovato periodo di maturazione del loro interesse. Spesso i fondatori riescono a negoziare l accelerazione del vesting in caso di vendita della società. 9. Registration rights: Tramite queste previsioni, i VC si assicurano che le loro azioni (previa conversione in common stock) verranno registrate in caso di un qualified public offering (offerta al pubblico di azioni ad un prezzo e per un ammontare totale minimi). 10. Co-sale: Le co-sale clauses contemplano il diritto dei VC di obbligare gli altri azionisti a partecipare in una vendita delle azioni della società (drag along); il diritto dei VC di vendere le loro azioni insieme ai fondatori (tag along); il diritto di prelazione o prima offerta se gli altri soci intendessero vendere le loro azioni (first refusal o first offer), ed il diritto dei VC di partecipare in future emissioni di azioni da parte della società, in proporzione alle azioni possedute 16 (preemptive rights). In virtù di queste clausole i fondatori possono trovarsi obbligati a vendere la loro società forzatamente. 11. Altre tipiche clausole includono obblighi di indennizzo, diritti di informazione sull andamento della società, e pagamento da parte della società delle spese legali del VC fino ad un certo ammontare. La firma del term sheet costituisce solo il primo passo di un processo che include la due diligence della società da parte dei VC, la predisposizione e negoziazione di contratti e documenti, la preparazione delle closing deliveries (e cioè degli allegati che contengono le eccezioni alle representations and warranties in relazione allo stato della società), oltre ad opinions, consensi di terzi, ecc. Il processo per ottenere VC financing è complesso e comporta un certo livello di perdita di controllo da parte dei fondatori della società. Tuttavia, il finanziamento apportato, il sostegno ed 16 Diversamente che in Italia, si tratta di diritti di natura contrattuale, e non riservati per legge. 9

10 i contatti contribuiti dai VC spesso permettono alle startup un salto di qualità che permette di presentarsi sul mercato per un acquisizione o quotazione che altrimenti non sarebbero pensabili. ******************* Richieste di informazioni o di approfondimenti su questo tema possono essere inoltrate a: Questo articolo ha carattere esclusivamente informativo e non costituisce un parere legale. Le informazioni in esso contenute possono essere non aggiornate o complete, e non devono in alcun modo essere intese come una indicazione di risultati futuri. La trasmissione di questo articolo non è destinata a creare, né la sua ricezione costituisce, un rapporto di natura professionale legale tra autore e ricevente. Non si deve agire sulla base delle informazioni contenute in questo articolo senza prima chiedere il parere di un avvocato. 10

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli