CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM"

Transcript

1 CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM Prof. Marco Oriani Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano 17 ottobre Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

2 AGENDA 1. Interrelazioni rischio-rendimento 2. La diversificazione 3. Le fasi di costruzione del portafoglio e la frontiera efficienza 4. Le Risk Adjusted Performance Measurements S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

3 1. Interrelazioni rischio-rendimento Primo principio della teoria di portafoglio E possibile registrare rendimenti (attesi) crescenti soltanto in presenza di rischi (attesi) anch essi crescenti Materiale ad esclusivo uso interno 3

4 Il rendimento atteso Per calcolare il rendimento atteso si possono essenzialmente seguire tre vie Costruzione di scenari futuri e stima delle loro probabilità di accadimento Calcolo del rendimento atteso in base ai dati passati Metodo del building block Materiale ad esclusivo uso interno 4

5 Metodi di stima del rendimento atteso: serie storiche Il metodo di più banale applicazione per la stima dei rendimenti attesi è quello denominato Historical Return. Esso prevede di utilizzare quale input nel processo di ottimizzazione un rendimento storico derivante dal calcolo di una media aritmetica dei rendimenti storici realizzati in un periodo di lunghezza predefinita. Tale valore dovrà poi essere moltiplicato per le unità di tempo (ad esempio anni) presenti nell orizzonte temporale rilevante per le decisioni di asset allocation Può condurre ad errori perché si fonda sull ipotesi di stazionarietà dei rendimenti 5

6 Metodi di stima del rendimento atteso: Building Block Altro metodo di previsione: metodo Building Block Perviene gradualmente alla stima del rendimento di un asset class quale somma di componenti la cui stima individuale è caratterizzata da un grado di difficoltà differenziata. Nel caso di un titolo azionario, il rendimento atteso è ottenuto come somma di tre quantità stimate: il rendimento futuro dell attività priva di rischio a breve termine, il premio al rischio generico di mercato e, infine, un premio al rischio specifico che a seconda della modalità con cui le asset class sono state definite potrebbe essere declinato come rischio specifico di settore, di dimensione o di stile. 6

7 Perché è importante il rendimento atteso?? Il rendimento atteso ci serve per avere un idea di come si comporterà in media l investimento nel corso del tempo. Detto in termini semplici: il rendimento atteso può essere considerato la rotta del nostro investimento 7

8 Il rischio (atteso) Il concetto di rischio, nella sua più tradizionale accezione, e nella forma più utile ai fini della selezione di prodotti in ottica multibrand, consiste nella interpretazione del medesimo come variabilità dei rendimenti attorno alla propria media. E quindi molto utilizzato, nel campo finanziario, il concetto di volatilità dei rendimenti quale espressione del rischio di uno strumento finanziario, anche se tale accezione di rischio non è sempre idonea a rappresentare tutti i possibili rischi di uno strumento finanziario 8

9 Il calcolo della volatilità Uno degli indicatori più comunemente utilizzati per calcolare la volatilità di uno strumento finanziario è la standard deviation o deviazione standard Poiché si è solitamente interessati alla volatilità futura (attesa) di uno strumento finanziario, sarebbe corretto, dal punto di vista teorico, calcolare la deviazione standard basandosi su ipotesi di scenari futuri La maggior parte di coloro che si occupano professionalmente di ottimizzazione di portafogli sono invece disposti ad accettare la dispersione dei rendimenti manifestatasi nel passato come la miglior stima effettivamente disponibile di quello che sarà la deviazione standard futura. 9

10 Rischio sistematico e rischio non sistematico Il rischio di un attività finanziaria può essere scomposta in due parti rischio specifico rischio sistematico (o di mercato) Un portafoglio interamente diversificato è caratterizzato solamente da rischio di mercato 10

11 Rischio sistematico e rischio non sistematico Rischio Unique risk Market risk Numero di titoli 11

12 Rischio specifico e rischio sistematico La componente di rischio sistematico di uno strumento finanziario o di un portafoglio è indicata dal suo BETA Il BETA è quindi un indicatore del rischio sistematico (cioè non diversificabile) di uno strumento/portafoglio In pratica il beta misura quanto un titolo si muove in maniera più o meno correlata con il proprio mercato di riferimento, rispetto a quanto il mercato di riferimento stesso varia Quando uno strumento finanziario è caratterizzato da beta > 1, lo strumento in questione sarà considerato aggressivo (e viceversa se il beta è < di 1) perché tenderà ad amplificare gli andamenti del mercato di riferimento (e viceversa a smorzare) 12

13 Ma non si può chiedere al cliente la propensione al rischio? Il cliente spesso ha una percezione al rischio distorta e starata rispetto a quella reale Il cliente non manifesta propensioni al rischio starate per «ingannare» il private banker, ma perché non dispone di autoconsapevolezza sul rischio Il private banker deve riuscire a interpretare il livello di propensione al rischio effettivo (anche se magari latente) del cliente 13

14 14

15 2. La diversificazione Secondo principio delle teoria di portafoglio. Il principio della diversificazione di portafoglio 15

16 Il concetto di diversificazione E noto che diversificare riduce il rischio. Ma in che senso??? Nel senso che, normalmente, la volatilità di un portafoglio di titoli è minore della media ponderata delle volatilità dei titoli che lo compongono Infatti, la volatilità di un portafoglio non dipende solo dalla volatilità dei titoli (o degli strumenti) che lo compongono, ma anche dalla correlazione dei singoli titoli tra di loro, misurata dalla covarianza, ovvero dal coefficiente di correlazione. 16

17 Il concetto di diversificazione La cosa più importante, quando si diversifica, è inserire in un portafoglio strumenti che tra di loro non siano perfettamente correlati (rho = 1). Altrimenti significa che stiamo inserendo nel nostro portafoglio dei doppioni Più strumenti non correlati tra di loro trovo da inserire in portafoglio meglio è! E facile allora comprendere come la logica multibrand permetta di costruire portafogli più diversificati!!! 17

18 Il concetto di diversificazione Se diversificare riduce il rischio, è lecito chiedersi fino a che punto è possibile effettivamente ridurre il rischio. In teoria, un portafoglio ben diversificato, dovrebbe essere caratterizzato solo dal cosiddetto rischio sistematico, cioè da quella parte di rischio che non si può eliminare con la diversificazione In termini semplici ciò significa che se si diversifica bene il proprio portafoglio, il rischio specifico di ogni strumento che viene inserito nel portafoglio (la sua volatilità) viene eliminato attraverso la diversificazione. Quello che rimane è quindi la sola componente di rischio sistematico di ciascun strumento presente in portafoglio 18

19 La diversificazione Diversificazione: Diversificazione geografica (rapporto onshore/offshore) Diversificazione settoriale Diversificazione per stile di investimento Diversificazione per capitalizzazione Time diversification: impatto dell orizzonte temporale dell investimento sul livello di rischio sopportato 19

20 La diversificazione: un esempio Anno Titolo A Titolo B Titolo C Rend. annuo % 1 4% 2% 16% 2 8% 10% 12% 3 12% 12% - 4% Rend. medio 8% 8% 8% Rischio 3,26% 4,32% 8,64% 20

21 La diversificazione: un esempio I tre titoli hanno offerto lo stesso rendimento medio. Il titolo C ed il titolo B hanno fatto registrare singoli rendimenti annui molto diversi da 8%. Hanno perciò un grado di rischio maggiore rispetto ad A. A sembrerebbe il migliore. Invece, se l investitore si limitasse a questo semplice confronto, non coglierebbe l opportunità di sfruttare l eventuale effetto paniere. 21

22 La diversificazione: un esempio Portafoglio con 50% nel titolo B e per il restante 50% nel titolo C 1 anno: 1% (50% rend. titolo B) + 8% (50% rend. titolo C) = 9% 2 anno: 5% (50% rend. titolo B) + 6% (50% rend. titolo C) = 11% 3 anno: 6% (50% rend. titolo B) - 2% (50% rend. titolo C) = 4% Rendimento medio complessivo 8% (9% + 11% + 4% = 24%/3 = 8%) ma rischio complessivo (2,94%) inferiore non solo a quello di B e C, ma addirittura a quello di A. 22

23 La diversificazione Osservazioni sull impatto della diversificazione di portafoglio sul rapporto rischio/rendimento: Il rendimento di un portafoglio è sempre uguale alla media ponderata dei rendimenti dei titoli che lo compongono; Il rischio complessivo di portafoglio non è di norma pari alla media ponderata dei rischi dei titoli inseriti nel portafoglio pertanto, in quanto occorre considerare anche la correlazione tra coppie di titoli (covarianza e coefficiente di correlazione). Le diverse combinazioni ponderate di titoli in un portafoglio che (a parità di rendimento) minimizzano la deviazione standard, costituiscono l insieme dei portafogli efficienti 23

24 3. Le fasi di costruzione di un portafoglio e la frontiera efficiente Identificazione delle asset class con cui il portafoglio può essere costruito Stima dei rendimenti attesi, dei rischi attesi e delle correlazioni tra le diverse asset class con cui si intende costruire il portafoglio Processo di ottimizzazione 24

25 Possibili correlazioni tra due titoli Correlazione: possibili situazioni correlazione perfettamente positiva (+1): le attività finanziarie si muovono nella stessa direzione e con la stessa intensità; correlazione positiva (>0): le attività finanziarie si muovono tendenzialmente nella stessa direzione ma non con la stessa intensità. 25

26 Possibili correlazioni tra due titoli Correlazione: possibili situazioni correlazione nulla (=0): le attività finanziarie si muovono in modo indipendente l una dall altra; correlazione negativa (<0): le attività finanziarie si muovono tendenzialmente in direzione opposta ma non con la stessa intensità; correlazione perfettamente negativa (-1): le attività finanziarie si muovono in direzione opposta con la stessa intensità. 26

27 27

28 L ottimizzazione di portafoglio: la frontiera efficiente L ottimizzazione di portafoglio può essere descritta come un processo matematico finalizzato a delineare la cosiddetta frontiera efficiente Per frontiera efficiente si intende l insieme dei migliori portafogli esistenti sul mercato in termini di trade off rendimento/rischio o, in altre parole, l insieme dei portafogli dominanti cioè superiori a qualsiasi altro portafoglio. Questo è il motivo per cui, una volta delineata la frontiera efficiente non è più possibile individuare alcun altro portafoglio che, a parità di rischio, renda di più o che, a parità di rendimento, esponga l investitore ad un rischio inferiore 28

29 29

30 Orizzonti temporali e frontiere efficienti La frontiera efficiente non è costante a fronte di variazioni del periodo temporale rilevante per le decisioni di asset allocation. Più precisamente, più si allunga l orizzonte temporale considerato, minore è l oscillazione dei rendimenti attorno al loro valore medio. A livello grafico, questo concetto viene resoevidenziando come all aumentare dell orizzonte temporale la frontiera efficiente si sposta verso l alto. 30

31 31 31

32 Vincolo di shortfall L investitore, pur avendo l obiettivo di un certo livello di rendimento e avendo un certo grado di variabilità tollerabile, può anche desiderare che il risultato dell investimento del proprio risparmio in un portafoglio di strumenti finanziari non scenda sotto una certa soglia minima Occorre introdurre nell analisi il cosiddetto vincolo di shortfall, ed esplicitare una shortfall probability (probabilità di shortfall) ossia della probabilità massima che si ammette di ottenere un risultato inferiore al rendimento minimo. 32

33 33 33

34 Vincolo di shortfall I portafogli (e, cioè, i punti della frontiera efficiente) che giacciono al di sotto del vincolo di shortfall sono portafogli per i quali la probabilità di ottenere un risultato inferiore a quello minimo richiesto (nella figura Rmin) è superiore alla shortfall probability. Tali portafogli non rispettano il vincolo I portafogli che giacciono invece al di sopra del vincolo di shortfall soddisfano il vincolo, cioè forniscono il livello di protezione desiderato dall eventualità spiacevoledi conseguire un risultato inferiore alla soglia minima di rendimento dichiarata 34

35 Frontiera efficiente all aumentare del numero di titoli Rendimento% Frontiera con 30 azioni Frontiera con 10 azioni Volatilità% 35

36 4. Le Risk Adjusted Performance Measures (RAPM) Le misure Rapm si distinguono tra loro soprattutto per la misura utilizzata per esprimere il rischio 36

37 L indice di Sharpe Esso è costruito ponendo a confronto l extrarendimento (medio) generato dal portafoglio rispetto ad una attività di investimento priva di rischio e la deviazione standard del rendimento di portafoglio La misura di rischio utilizzata è la deviazione standard, che esprime la variabilità dei rendimenti Sharpe = R p R f σ R p Materiale ad esclusivo uso interno 37

38 Un esempio per l indice di Sharpe Immaginiamo che il rendimento privo di rischio sia pari al 2% e che siano disponibili due portafogli con le seguenti caratteristiche Il portafoglio A ha un rendimento atteso del 6% e rischio del 4% Il portafoglio B ha un rendimento atteso del 10% e rischio del 6% In base all indice di Sharpe il portafoglio B è preferibile Materiale ad esclusivo uso interno 38

39 L indice di Sharpe Per la sua formulazione, cioè per il fatto che prende in esame il rischio complessivo del portafoglio esaminato, l indice di Sharpe è catalogabile come un indicatore assoluto. L indice di Sharpe è utilizzato per individuare i fondi comuni di investimento e le SICAV considerati migliori all interno della medesima categoria di appartenenza. Ma bisogna fare attenzione perché tale indice non viene applicato correttamente quando viene utilizzato per selezionare fondi comuni da inserire in un portafoglio, poiché in tale processo è necessario considerare la correlazione fra i fondi e quindi la rischiosità complessiva del portafoglio. 39

40 L indice di Treynor Il rischio di un investimento può essere visto secondo un accezione differente rispetto alla variabilità dei rendimenti In un portafoglio diversificato può essere utile misura che esprima il rischio sistematico utilizzare una L indice di Treynor è costruito ponendo a confronto l extrarendimento generato dalla gestione con il beta di portafoglio Treynor = R p R f β p Materiale ad esclusivo uso interno 40

41 Il ranking derivante dall indice di Sharpe può divergere dal ranking derivante dall indice di Treynor Si tratta di indici che considerano il rischio in modo assolutamente divergente e ciò implica che siano utili per tipologie di investitori differenti 41

42 L indice di Sortino Il rischio di un investimento può essere visto come il mancato raggiungimento di un certo livello di rendimento obiettivo La possibilità di ottenere un rendimento dall investimento inferiore alle aspettative minime del cliente è misurabile con il downside risk Sortino = R p DSR R f Stante la differente concezione di rischio, anche il ranking ottenuto con Sortino può produrre risultati divergenti rispetto alle Rapm precedenti Materiale ad esclusivo uso interno 42

43 Alpha di Jensen Cosa misura l Alpha di Jensen? Alpha misura la bravura del gestore nell ottenere rendimenti sopra la media senza dover incrementare la componente di rischio sistematico: egli ha semplicemente scelto bene i titoli che compongono il portafoglio α p ( )] Er r [ = r r + β ) p f p ( m f In virtù di questa considerazione, Alpha viene utilizzato per fornire un giudizio sull attività di Stock Picking attuata dal gestore 43

44 Alpha di Jensen Abilità di Stock Picking a > 0 Positiva a = 0 Assente a < 0 Negativa 44

45 Alpha di Jensen Il coefficiente alpha di Jensen misura l abilità di stock picking del gestore, cioè la bravura ad ottenere rendimenti sopra la media selezionando efficacemente i titoli che compongono il portafoglio Il coefficiente gamma misura l abilità di market timing, cioè la bravura a modificare il grado di esposizione del portafoglio al rischio sistematico, in relazione alle proprie previsioni di breve termine Materiale ad esclusivo uso interno 45

46 Le misure di performance attribution: tavola di sintesi Esposizione al rischio sistematico Abilità di stock picking Abilità di market timing β>1 Aggressiva α>0 Positiva γ>0 Positiva β=1 Mercato α=0 Assente γ=0 Assente β<1 Difensiva α<0 Negativa γ<0 Negativa 46

47 Importanza asset allocation strategica 100% Market timing 50% Asset allocation strategica Selezione dei titoli 0% 0 Orizzonte temporale 9 47

48 Le politiche di gestione attive e passive La politica di gestione caratterizza in modo significativo un prodotto di risparmio gestito 48

49 Gestione passiva Si basa su un tentativo di replica del benchmark preso a riferimento, senza tentativi di miglioramento Questo implica che il gestore non ritiene sia possibile battere il mercato Non si tratta di una gestione statica: occorre continuamente ribilanciare il portafoglio in funzione della variazioni che intervengono nella composizione del benchmark, per assicurare l allineamento 49

50 Gestione attiva Si persegue l obiettivo di battere il benchmark Implica l adozione di scelte discrezionali che mirano ad ottenere un rendimento superiore al mercato Si cerca di anticipare i movimenti dei prezzi delle attività finanziarie attraverso riposizionamenti strategici delle asset class È lecito aspettarsi un maggiore scostamento tra i rendimenti generati dal portafoglio e i rendimenti del benchmark, rispetto ad una gestione passiva Materiale ad esclusivo uso interno 50

51 Gestione attiva La gestione attiva si basa su alcuni principi i mercati sono inefficienti vi è un elevato affidamento dell investitore è un approccio consigliabile se il benchmark è inefficiente Come misurare la gestione attiva? EXCESS RETURN MEDIO TE 51

52 Excess Return Medio L EXCESS RETURN MEDIO esprime una misura dello scostamento medio tra rendimento del portafoglio e rendimento del benchmark; Che cosa rappresenta l EXCESS RETURN MEDIO? La capacità del gestore di creare (in media) valore nel portafoglio rispetto al benchmark, cioè la bravura del gestore ER n i= 1 = ( R R ) p i n b i 52

53 Tracking Error Esprime una misura dello scostamento medio tra rendimento del portafoglio e rendimento del benchmark Se positivo, esprime la capacità del gestore di creare (in media) valore nel portafoglio rispetto al benchmark Se negativo, esprime il valore mediamente distrutto dal gestore, con il suo operato, rispetto al benchmark 53

54 Tracking Error Volatility Esprime la volatilità (deviazione standard) del differenziale di rendimento fra portafoglio gestito e benchmark Rappresenta una misura di sintesi del grado di fedeltà del gestore al benchmark di riferimento Una TEV bassa, o prossima allo zero, indica una elevata coerenza tra composizione del portafoglio e benchmark Più è elevata la TEV, più il gestore ha assunto decisioni di scostamento dal benchmark Materiale ad esclusivo uso interno 54

55 Le formule TE n ( Rp Rb) i i i= = 1 n TEV n i= 1 = ( ER i n TE 2 ) 55

56 Information Ratio (IR) Si ottiene rapportando la misura media di extrarendimento (TE) al rischio della gestione attiva (TEV) IR = TE TEV L IR esprime, per unità di rischio attivo assunto allontanandosi dal benchmark, il rendimento differenziale creato o distrutto rispetto al benchmark 56

57 Information Ratio (IR) A che cosa serve l IR? A giudicare il rapporto tra il valore aggiunto da un approccio di gestione attiva e il rischio addizionale che tale approccio comporta. La funzione principale di questo indicatore è quella di fornire una misura della creazione/distruzione di ricchezza per unità di rischio L IR è un indicatore relativo in quanto si confronta un fondo comune di investimento con il proprio benchmark. 57

58 Information Ratio (IR) È importante considerare che per un certo livello di TE, è possibile incrementare l Information Ratio attraverso: la ricerca di gestori con maggiori capacità la ricerca di mercati più inefficienti (in cui una gestione attiva fornisca risultati migliori) 58

59 Il CAPM Come è possibile spiegare il rendimento di un azione o di una generica attività rischiosa? Un tentativo è fornito dal CAPM = Capital asset pricing model. Questo modello, dietro ad alcune ipotesi, arriva a stabilire: p f p ( ) E R R E( R ) = R + β ( ) m f 59

60 Beta (β) Formula del Beta β = p σ σ pm 2 m Quali valori può assumere il Beta? β>1 = titolo aggressivo β=1 = titolo neutrale nei confronti del suo mercato β<1 = titolo conservativo 60

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria da Markowitz al teorema della separazione e al CAPM Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz Markowitz

Dettagli

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012 Strategie α nella costruzione di portafoglio 03 Maggio 2012 AGENDA La costruzione di portafoglio Le strategie alpha Il portafoglio con strategie alpha LA COSTRUZIONE DI UN PORTAFOGLIO FINANZIARIO Un portafoglio

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO

FINANZA AZIENDALE AVANZATO FINANZA AZIENDALE AVANZATO La diversificazione di portafoglio e il CAPM Lezione 3 e 4 1 Scopo della lezione Illustrare il modello logico-teorico più utilizzato nella pratica per stimare il rendimento equo

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return GESTIONE DI PORTAFOGLI E RISCHIO: IL RUOLO DEGLI ETF. 28 ottobre 2011 Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return Dai prodotti benchmarked Profili di mercato ai prodotti flessibili

Dettagli

AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO

AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO SOCIALLY RESPONSIBLE INVESTMENT AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO Forum per la Finanza Sostenibile Milano 30 giugno 2009 Giulio Casuccio Head of Quantitatives Strategies and Research Principi ed obiettivi:

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative Marzio Zocca Responsabile Clienti Istituzionali Azimut Consulenza Sim Santander 2008 100.0% 100.0%

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 CAP. 5 (2a PARTE) LA STIMA DEL COSTO OPPORTUNITA DEL CAPITALE 1 LA STIMA

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM;

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore.. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; Rischio e capital budgeting Introduzione a rischio e rendimento 3. Decisioni

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

DOMANDE. Indicare i principali servizi di investimento e fornirne una breve descrizione

DOMANDE. Indicare i principali servizi di investimento e fornirne una breve descrizione DOMANDE Si ricorda che nelle risposte non è richiesta l'indicazione di formule - ad eccezione della formula del CPPI - ma dei soli fattori rilevanti e del relativo impatto Indicare i principali servizi

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE, ECONOMICHE, FINANZIARIE ED AZIENDALI TESI DI LAUREA GESTIONE DI PORTAFOGLIO: UNA STRATEGIA DI GESTIONE

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR che permette di definire personalmente, pur nel rispetto dei limiti e criteri indicati nel Contratto, la composizione del

Dettagli

Portafogli efficienti per ogni profilo

Portafogli efficienti per ogni profilo Portafogli efficienti per ogni profilo di rischio con gli ETF Fausto Tenini -Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà di Economia Offerta

Dettagli

Regolamentazione e Monitoraggio del Rischio nei Fondi Pensione Negoziali

Regolamentazione e Monitoraggio del Rischio nei Fondi Pensione Negoziali Regolamentazione e Monitoraggio del Rischio nei Fondi Pensione Negoziali Marco Micocci Ordinario di Matematica Finanziaria ed Attuariale Attuario Dottore Commercialista e R.C. Università di Cagliari Luiss

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente 1

Consulenza Finanziaria Indipendente 1 Consulenza Finanziaria Indipendente 1 Statistiche Generali Rendimento complessivo e di periodo Statistiche quantitative sui portafogli Composizione settoriale Composizione geografica e valutaria Commento

Dettagli

UBI Unity GP Top Selection

UBI Unity GP Top Selection UBI Unity GP Top Selection Tu scegli la meta Noi costruiamo la squadra per raggiungerla Cos è la gestione patrimoniale gp Top Selection È una gestione patrimoniale contraddistinta dalla possibilità di

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 LÕeconomia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi È 1 1.1 Premessa È 1 1.2 LÕesercizio semantico È 1 1.3 La collocazione della disciplina È 4 Bibliografia

Dettagli

Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity

Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity 24 Risk Parity Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity Se volessimo descrivere l approccio Risk Parity con una sola parola, Diversificazione sarebbe sicuramente la più indicata. In media, in

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea Specialistica in Scienze Statistiche, Economiche, Finanziarie ed Aziendali Tesi di Laurea: Indicatori di performance per

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

La gestione finanziaria dei fondi pensione

La gestione finanziaria dei fondi pensione La gestione finanziaria dei fondi pensione Massimiliano Menzietti Professore di Tecnica attuariale delle assicurazioni sociali Università della Calabria Firenze, 15 maggio 2009 Il funzionamento di un fondo

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*)

Operazioni finanziarie. Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività finanziarie. di Amedeo De Luca (*) Operazioni Tecniche Asset allocation: come ottimizzare un portafoglio di attività di Amedeo De Luca (*) Attraverso una composizione del portafoglio di attività strategica e ben condotta i gestori finanziari

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

LE GESTIONI PATRIMONIALI IN FONDI MULTIMANAGER Un approccio integrato Luglio 2005

LE GESTIONI PATRIMONIALI IN FONDI MULTIMANAGER Un approccio integrato Luglio 2005 LE GESTIONI PATRIMONIALI IN FONDI MULTIMANAGER Un approccio integrato Luglio 2005 INTRODUZIONE Negli ultimi anni, si è notevolmente allargata la gamma degli strumenti di investimento a disposizione dei

Dettagli

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi COS È IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO L analisi comparativa della performance di un fondo con quella dei diretti concorrenti Il posizionamento competitivo è il risultato dell analisi comparativa della performance

Dettagli

Identificativo: SS951001020BAA Data: 01-10-1995 Testata: IL SOLE 24 ORE

Identificativo: SS951001020BAA Data: 01-10-1995 Testata: IL SOLE 24 ORE Identificativo: SS951001020BAA Data: 01-10-1995 Testata: IL SOLE 24 ORE NON SOLO PERFORMANCE - Quasi tutti i fondi specializzati su Piazza Affari vantano rendimenti superiori a quello dell'indice Il gestore

Dettagli

La gestione del portafoglio titoli di un Confidi: soluzioni per ottimizzare il rapporto rendimento/rischio

La gestione del portafoglio titoli di un Confidi: soluzioni per ottimizzare il rapporto rendimento/rischio La gestione del portafoglio titoli di un Confidi: soluzioni per ottimizzare il rapporto rendimento/rischio Firenze, 27 febbraio 2014 Prof. Lorenzo Gai Agenda Le operazioni di tranched cover Ottimizzazione

Dettagli

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63 Relatori Dott.ssa Donatella Cajano Dott. Paolo Pepe Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only S.r.l. Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria indipendente

Dettagli

Roma, 17 novembre 2009

Roma, 17 novembre 2009 Roma, 17 novembre 2009 definizione: rischio rischio: l esposizione ad un evento futuro ed incerto considerato dannoso; in finanza per rischio si intende: l eventualità di conseguire rendimenti inferiori

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti ipotesi: Gli investitori sono avversi al rischio; Gli investitori

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

BPER INTERNATIONAL SICAV

BPER INTERNATIONAL SICAV BPER INTERNATIONAL SICAV OPEN SELECTION Comparti a profilo di rischio controllato > COSA È UNA SICAV La Sicav è una società per azioni a capitale variabile avente per oggetto l investimento collettivo

Dettagli

La valutazione delle aziende. 4a parte

La valutazione delle aziende. 4a parte La valutazione delle aziende 4a parte 95 Il WACC Il WACC non è né un costo, né un rendimento minimo: è la media ponderata di un costo e di un rendimento minimo. Considerare il WACC un costo può essere

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003

Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003 Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003 Agenda Premessa L analisi delle passività come presupposto La diversificazione La riduzione

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

lo spostamento di un portafoglio da un composito a un altro è sempre possibile non è ammessa alcuna ridefinizione dei compositi nel tempo

lo spostamento di un portafoglio da un composito a un altro è sempre possibile non è ammessa alcuna ridefinizione dei compositi nel tempo pag. 1 1 Secondo gli Standard Italiani di Presentazione della Performance (IPPS/GIPS): esiste un divieto assoluto allo spostamento di un portafoglio da un composito a un altro lo spostamento di un portafoglio

Dettagli

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina 18 novembre 2014 La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina Costruire un portafoglio? REGOLE BASE IDENTIFICARE GLI OBIETTIVI INVESTIMENTO E RISCHIO IDONEO ORIZZONTE TEMPORALE Asset allocation Diversificazione

Dettagli

Modelli operativi di Asset & liability management. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

Modelli operativi di Asset & liability management. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Modelli operativi di Asset & liability management 1 Il controllo dei rischi Uno dei primi obiettivi di un

Dettagli

Il servizio di consulenza avanzata in materia di investimenti

Il servizio di consulenza avanzata in materia di investimenti Il servizio di consulenza avanzata in materia di investimenti Milano, 27 giugno 2013 Prof. Emanuele Maria Carluccio Prof. Paolo Antonio Cucurachi Le legittime esigenze del cliente Dal proprio consulente

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Documento sulla politica di investimento

Documento sulla politica di investimento CBA PREVIDENZA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5001 Documento sulla politica di investimento (approvato dal Consiglio

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione Il principale obiettivo dell analisi fondamentale è di determinare il valore

Dettagli

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario Nozioni di Matematica Finanziaria 51 Analisi si scenario 103 Piani di ammortamento Rendite Regimi di capitalizzazione semplice e composta Tassi equivalenti

Dettagli

Direttive della CAV PP D 05/2013. Indicatori determinanti e altri dati da fornire da parte delle fondazioni d investimento

Direttive della CAV PP D 05/2013. Indicatori determinanti e altri dati da fornire da parte delle fondazioni d investimento italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 05/2013 Indicatori determinanti e altri dati da fornire da parte delle fondazioni d investimento Edizione

Dettagli

Riflessioni sul documento di consultazione sulla disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Riflessioni sul documento di consultazione sulla disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione Prot. 25/2008 AC Spettabile Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro sezione IV Via XX Settembre, 97 00187 ROMA c.a. dott. Alessandro Rivera Anticipata a mezzo posta elettronica

Dettagli

Il trading di volatilità

Il trading di volatilità Il trading di volatilità Come identificare i cicli di volatilità, come sfruttarne le potenzialità a proprio vantaggio contenendo i rischi. Relatore: Enrico Malverti Treviso, 7 Ottobre 2015 CHI SONO Enrico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno

Dettagli

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici di Angelo Fiori Prima parte Premessa Di seguito si indicano gli strumenti matematici che ci vengono in aiuto per valutare sia progetti

Dettagli

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1 1 PORTAFOGLIO Portafoglio Markowitz (2 titoli) (rischiosi) due titoli rendimento/varianza ( μ 1, σ 1 ), ( μ 2, σ 2 ) Si suppone μ 1 > μ 2, σ 1 > σ 2 portafoglio con pesi w 1, w 2 w 1 = w, w 2 = 1- w 1

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1 LA MATRICE DEI MERCATI DESCRIZIONE E UTILIZZO PER L INVESTITORE DESCRIZIONE La Matrice è basata su un algoritmo genetico proprietario che permette di individuare e visualizzare, a seconda delle preferenze

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

Best Styles: premi al rischio negli investimenti azionari

Best Styles: premi al rischio negli investimenti azionari Strategia Best Styles: premi al rischio negli investimenti azionari La gestione dei premi al rischio è una strategia comunemente adottata negli investimenti obbligazionari e valutari. Per il comparto azionario

Dettagli

La realtà di Banca Aletti

La realtà di Banca Aletti CAPIRE CAPIRE E GESTIRE GESTIRE I RISCHI RISCHI FINANZIARI FINANZIARI Sistemi di risk management a confronto: La realtà di Banca Aletti Christian Donati Milano, 7 Novembre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA

Dettagli

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Oltre gli schemi, verso nuove opportunità d investimento Adottare un approccio di gestione standard, che utilizza l esposizione azionaria come un indicatore

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A.

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return SISTEMA TOTAL RETURN COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca

Dettagli

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del Teoria della Finanza Aziendale Misura e valutazione del rischio 7 1- Argomenti Il rischio Il rischio negli investimenti finanziari La misurazione del rischio Varianza e scarto quadratico medio Il rischio

Dettagli

MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS

MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS 1 D1: Che cos è il multicomparto? Il multicomparto è la nuova offerta del fondo basata su più profili di gestione (comparti), che offre agli associati l opportunità di

Dettagli

Il rischio di un portafoglio

Il rischio di un portafoglio Come si combinano in un portafoglio i rischi di 2 titoli? dipende dai pesi e dal valore delle covarianze covarianza a a ρ a b ρ a b ρ b b ρ coefficiente di correlazione = cov / ² p = a² ² + b² ² + 2 a

Dettagli