indice Formazione Tecnica 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "indice Formazione Tecnica 1"

Transcript

1 Formazione Tecnica

2 La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Formazione Tecnica 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA accompagna lo sviluppo delle risorse in azienda attraverso percorsi coinvolgenti, interattivi e innovativi. Il nostro obiettivo è quello di fornire un servizio di altissimo livello qualitativo che porti risultati tangibili e concreti all'azienda Cliente. Formazione Tecnica Da oltre 40 anni IAMA è sinonimo di alta professionalità ed efficacia nella formazione tecnica in ambito Assicurativo, Bancario e Finanziario (IVASS ed extra IVASS). IAMA nasce nel 1974 da un gruppo di consulenti aziendali specializzati nel business dei servizi finanziari, con l'intento di trasferire alle imprese italiane le esperienze di management più avanzate dei mercati europei. IAMA Consulting affianca le Aziende nello sviluppo delle capacità critiche per il successo, attraverso percorsi di formazione dedicati al management e ai collaboratori. La nostra metodologia impegna il Cliente in un processo di apprendimento generativo, centrato sugli effetti da produrre in termini di business e di nuovi comportamenti. Vogliamo far vivere alle persone una Learning Experience che produca conoscenza, consapevolezza, fiducia nelle proprie possibilità e desiderio di agire. Percorsi formativi T&C La nuova frontiera della formazione IAMA Consulting. Un mix di componenti tecniche e comportamentali fuse in un unico percorso formativo. Per aggiornarsi professionalmente e riflettere sulle competenze tipiche del proprio ruolo. Percorsi formativi esperienziali Eventi aziendali, percorsi di Team Building, esperienze motivazionali. Esperti di facilitazione, artisti, attori, sportivi, sommelier e professionisti di ogni settore, contribuiscono allo sviluppo di esperienze formative indimenticabili. indice 30 L Offerta Iama 40 Area Tecnico - Assicurativa 60 Area Previdenza Complementare 90 Area Pianificazione Patrimoniale Tutti i percorsi formativi sono progettati ad hoc sulle esigenze dell Azienda Cliente. Contenuti, durata e sede di erogazione vengono definiti in funzione delle esigenze del Cliente. 14 Area Normativa 18 Area Finanza

3 2 Formazione Tecnica Formazione Tecnica 3 L Offerta Iama COME LAVORIAMO Realizziamo corsi IVASS compliant al più alto livello di qualità, trasfor mando l obbligo formativo in una leva di rafforzamento delle capacità wdi offerta. Costruiamo percorsi didattici a norma di legge per l esame da Promotore Finanziario, per l esame RUI di Agenti e Broker, per i Responsabili wdelle forme di previdenza complementare ai sensi del D.M n.79/2007. Disegniamo percorsi didattici su misura per Reti di Vendita, rigorosawmente segmentando e personalizzando l offerta per canale e per merwcato. La nostra proposizione d offerta è trasversale ai mercati Mass wmarket, Affluent, Small Business, Corporate e Private. I formatori IAMA sono docenti specializzati con qualificata esperienza wnel settore assicurativo, finanziario, legale e successorio. Realizziamo percorsi on-line per la formazione a distanza sull intera wgamma dei contenuti assicurativi. I percorsi e-learning di IAMA sono waltamente interattivi, coinvolgenti e semplici. A CHI CI RIVOLGIAMO Principalmente rivolgiamo la nostra offerta ad Investitori Istituzionali, wquali Banche, Centri di Private Banking, Reti di Promozione Finanziawria, SGR, Compagnie di Assicurazione, Broker, Fondi Pensione e wcasse wsanitarie.

4 4 Formazione Tecnica Formazione Tecnica 5 Area Tecnico-Assicurativa IL MERCATO ASSICURATIVO E LE REGOLE DI INTERMEDIAZIONE Il corso si prefigge l obiettivo di fornire agli Intermediari le basi per wuna corretta attività di intermediazione, nel rispetto delle indicazioni wnormative e della soggettività della Clientela, al fine di garantire una wproposizione d offerta adeguata. L assicurazione e il rischio Il cliente e il rischio Il ruolo professionale e le responsabilità dell intermediario Le regole di comportamento e l adeguatezza dell offerta Principi di comunicazione TECNICA ASSICURATIVA Il percorso è progettato per fornire le basi relative all individuazione wdei rischi che gravano sulle famiglie e alla comprensione degli aspetti wtecnici delle soluzioni assicurative rami danni più coerenti con le wsingole aree di tutela. Il contratto di assicurazione: la struttura e le parti Dal rischio del cliente al rischio assicurabile Le macro aree di tutela: Property, Casualty, Liabilty Le polizze a copertura del credito: Tipologia, Disposizioni normative LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI E LA LEGGE Il corso è finalizzato ad approfondire le conoscenze relative alla copertura assicurativa wresponsabilità Civile Auto, partendo dalle indicazioni normative fino ad arrivare ad analizwzare gli aspetti relativi alle coperture accessorie. La normativa RCA Assicurare l auto: i bisogni tutelati L assicurazione RCA Le altre coperture auto I BISOGNI E LE ASSICURAZIONI VITA Il corso intende fornire le basi per l attività di intermediazione di soluzioni assicurative wramo vita. Il percorso spazia dagli ambiti tecnici a quelli normativi-operativi, fino a quelli wcommerciali. Basi tecniche dell assicurazione vita Le polizze vita tradizionali Le polizze vita finanziarie Adeguatezza Ivass e Mifid La valenza delle polizze vita: caratteristiche e leve commerciali La pianificazione successoria attraverso le polizze vita RISK MANAGEMENT DELLA FAMIGLIA Il corso intende fornire le basi per fare impresa e affrontare i fattori economici, sociali e wambientali il cui variare può favorire o ostacolare il successo dell organizzazione Agenziale. Il rischio Il Risk Management Il ciclo di vita dell Impresa Relazione tra Rischio e Patrimonio Mappatura dei rischi aziendali I bisogni finanziari delle Imprese La procedura bancaria di valutazione del rischio di credito: modalità di gestione dei rischi, un significativo esempio normativo: normativa di Basilea 3, strategie di trasferimento dei rischi. (Tutti i percorsi di questa area sono da personalizzare con l offerta del Cliente).

5 6 Formazione Tecnica Area Previdenza Complementare CORSI PROFESSIONALIZZANTI AI SENSI DEL D.L. N.79/2007 (extra IVASS) Organizzati in partnership con prestigiose facoltà universitarie, i corsi wsono progettati per rispondere alle esigenze formative dei componenwti degli Organi di Amministrazione e Controllo, dei Delegati dell Assewblea e dei Responsabili delle forme di previdenza complementare. Aspetti normativi, economici e giuridici della previdenza complewmentare La gestione finanziaria dei fondi pensione L organizzazione dei fondi pensione. Governance, protezione, comwpliance, qualità. La previdenza complementare in concreto: regole e operatività BASI TECNICHE E NORMATIVE DELLA PREVIDENZA PUBBLICA E DELLE wforme DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Il corso è progettato per fornire agli intermediari le basi tecniche, giuriwdiche, economiche, fiscali e le leve commerciali per intermediare soluwzioni di previdenza complementare. Inquadramento del mercato La previdenza obbligatoria: le regole del sistema pensionistico italiano La previdenza complementare: la fase dell adesione La previdenza complementare: la fase della gestione La previdenza complementare: la fase dell erogazione La fiscalità della forme di previdenza complementare

6 8 Formazione Tecnica Formazione Tecnica 9 INTERMEDIARE PREVIDENZA COMPLEMENTARE IN BANCA Da personalizzare con l offerta del Cliente. wil corso è progettato per fornire agli intermediari un metodo semplice, veloce ed efficace per intermediare previdenza complementare allo nsportello, basato su supporti alla trattativa e su approfondimenti ntecnici. Sensibilizzare alla tematica previdenziale Quantificare il livello di integrazione pensionistica Individuare le modalità di costruzione del piano Evidenziare i vantaggi fiscali Valorizzare i punti di forza delle soluzioni in gamma LA PIANIFICAZIONE PREVIDENZIALE IN AZIENDA (due giorni) Il corso è strutturato per fornire agli intermediari, che lavorano con le waziende, le competenze basilari per intermediare previdenza complewmentare, coinvolgendo i datori di lavoro delle piccole e medie imprese La previdenza di primo pilastro Le soluzioni di previdenza complementare La fiscalità delle forme di previdenza complementare TFR e impatti sull azienda Le misure compensative per le aziende Area Pianificazione Patrimoniale ASSET PROTECTION PLANNING Il corso è stato pensato per valorizzare il ruolo consulenziale dell Interwmediario in relazione alle possibili strategie da proporre alla Clientela wper la protezione del patrimonio, soprattutto valorizzando diverse wsoluzioni assicurative in portafoglio. La protezione patrimoniale: strategie di pianificazione Le strategie per la riservatezza Le strategie per il trasferimento del rischio Le strategie per la segregazione Limiti delle strategie di segregazione La protezione patrimoniale dei soggetti deboli IL FAMILY BUSINESS NEL PRIVATE BANKING AFFIANCARE L IMPRENDITORE NELLE DECISIONI STRATEGICHE Il percorso, principalmente orientato al segmento Private, individua le wstrategie per affiancare l Imprenditore nelle scelte relative alla contiwnuità dell impresa, focalizzandosi sull utilizzo dei patti di famiglia e wdelle polizze vita. Le imprese di famiglia Le strategie di detenzione e trasferimento dei patrimoni delle imprese wdi famiglia Il patto di famiglia e il ruolo delle polizze vita nel passaggio d impresa Garantire la continuità dell impresa di famiglia con le polizze vita

7 10 Formazione Tecnica IL PIANO STRATEGICO PER LA TERZA ETA DEL CLIENTE PRIVATE wil corso, strutturato per una Clientela Private e focalizzato ad alcuni wtarget ben definiti di Clientela, fornisce alcune chiavi di lettura per cowstruire il piano strategico relativo alla terza età, in grado di valorizzare in wun ottica integrata gli strumenti di previdenza complementare e le polizwze vita. Analizzare la posizione previdenziale pubblica del cliente w- Finanziamento delle prestazioni w- Requisiti e tipologie di prestazioni w- Casse autonome di liberi professionisti: opportunità consulenziali Costruire il piano strategico per la terza età del cliente w- Valutare il prodotto previdenziale w- Valutare le opportunità legate al regime fiscale della previdenza wwcomplementare w- Definire la strategia del piano previdenziale integrato w- La chiave di lettura del Cliente Private LA PIANIFICAZIONE SUCCESSORIA STRATEGIE E OPERATIVITA In un ottica consulenziale il corso permette di affrontare il tema della wpianificazione successoria dei Clienti, valorizzando gli strumenti assiwcurativi di puro rischio e a vita intera. Il passaggio generazionale: introduzione al tema Le strategie per la successione e la donazione Strategie per l efficienza fiscale del passaggio generazionale La tutela successoria e patrimoniale delle polizze vita Il patto di famiglia e il ruolo della polizza vita Cenni sull utilizzo dei vincoli di destinazione nel passaggio generazionale Strategie di pianificazione successoria

8 12 Formazione Tecnica Formazione Tecnica 13 LE NUOVE CONCEZIONI DELLA FAMIGLIA ITALIANA GAP PUBBLICI E SOLUZIONI TECNICO ASSICURATIVE Il percorso nasce sulle esigenze delle nuove famiglie italiane, caratterizzate dalla pressoché wtotale assenza di garanzie sociali e sulla necessità di individuare delle soluzioni alternative wdi natura privata. Famiglia e strutture sociali utilitaristiche La famiglia nata dal matrimonio La crisi della famiglia nata dal matrimonio Le nuove strutture sociali utilitaristiche RISK MANAGEMENT DELLA FAMIGLIA Il corso è orientato alla gestione dei rischi familiari e suggerisce, al fine w di una corretta pianificazione, un approccio integrato che consideri sia w le regole tecniche, quanto quelle emotive e metodologiche. Risk Management: un approccio integrato tra ragione, emozione e wmetodo Gestione del rischio di lunga e grama vita Gestione del rischio di breve vita Gestione del rischio di aggressione patrimoniale PASSAGGIO GENERAZIONALE IN PRATICA Il percorso ha un taglio operativo legato a casi pratici riguardanti la pianificazione succeswsoria. Si focalizza sulla definizione di un metodo di analisi strutturato su clienti tipo e arricwchito da valutazioni psicologico-emotive. Condividere le esperienze di pianificazione successoria - Case study - lavoro in sottogruppi Il ciclo di vita dell Impresa - Case study - lavoro in sottogruppi RIFUGI SICURI DEL RISPARMIO wil percorso suggerisce la via della diversificazione patrimoniale a fronte delle paure e wdelle insicurezze legate alla gestione del risparmio da parte delle famiglie italiane. Le paure del risparmio La fuga dei capitali all estero La soluzione alternativa: diversificazione patrimoniale I rifugi del terzo millennio

9 14 Formazione Tecnica Area Normativa ESSERE COMPLIANCE E NORME ANTIRICICLAGGIO wil percorso è diretto ad individuare e realizzare azioni correttive tese widealmente ad azzerare nel tempo potenziali esposizioni di rischio di wnon conformità dell attività dell Agenzia assicurativa, al fine di evitare wl applicazione di onerose sanzioni. Lo stato dell arte della normativa sull intermediazione Il ruolo e gli adempimenti dei collaboratori: il rischio sanzionatorio Le diverse responsabilità connesse ai ruoli Gli aspetti della recente legislazione: le implicazioni per gli intermediari Da ISVAP a IVASS: che cosa cambia nella vigilanza sulle assicurazioni Il regime sanzionatorio dell IVASS Gli adempimenti antiriciclaggio per gli intermediari assicurativi L evoluzione della normativa antiriciclaggio La Legge 231/2007: risposte alle domande frequenti e approfondimenti wa partire dalle risultanze aziendali

10 16 Formazione Tecnica Formazione Tecnica 17 CRISI AZIENDALE: SOLUZIONI NEGOZIALI wil percorso è diretto a porre in evidenza gli strumenti di accesso per la wcomposizione negoziale della crisi aziendale a disposizione delle imwprese. In particolare, l obiettivo consiste nell individuare le soluzioni wimprenditoriali più coerenti con l obiettivo della continuità aziendale wattraverso il risanamento dell esposizione debitoria. La crisi d impresa: sostenibilità e fattibilità dei piani di risanamento La regola della par condicio creditorum Il Concordato Preventivo ed affitto d azienda Il rapporto con le Banche, le segnalazioni, gli effetti sull accesso al wcredito e la valenza informativa della Centrale Rischi La Ristrutturazione del debito La legge fallimentare: il concordato in bianco OFFERTA FUORI SEDE wil progetto formativo muove dalla valutazione dell impianto normativo che tutti coloro che woperano fuori sede in ambito finanziario devono conoscere, ma vuole al tempo stesso mowstrare la valenza commerciale della buona applicazione di queste disposizioni. wgli argomenti di carattere normativo sono trattati nel corso con un taglio didattico fortewmente commerciale, ovvero declinando le norme sia in relazione ai prodotti che ne risultano wcoinvolti, sia immaginandone gli impatti nella relazione d offerta con il cliente. Elementi introduttivi Le norme da rispettare nell ambito dell offerta fuori sede La normativa come strumento per lavorare bene La normativa come strumento per servire meglio il Cliente Gli aspetti amministrativi e operativi inerenti l offerta fuori sede I Regolamenti Interni delle Banca per l offerta fuori sede di servizi e attività di investimento L offerta fuori sede e l evoluzione della consulenza LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO wbanca d Italia richiede che sia riservata particolare cura allo sviluppo di wuna specifica preparazione sull'antiriciclaggio dei dipendenti e dei wcollaboratori degli intermediari finanziari che sono a diretto contatto wcon la clientela. Il percorso ha come obiettivo la conoscenza della wnormativa e dei presidi necessari per la sua applicazione. Il quadro normativo in materia di riciclaggio e di finanziamento illecito wal terrorismo Gli adempimenti connessi all adeguata verifica della clientela e alla wsegnalazione delle operazioni sospette La normativa in materia di limitazioni all uso del contante e dei titoli al wportatore Il ruolo delle polizze vita in occasione degli adempimenti antiriciclaggio Le sanzioni amministrative e penali per le violazioni ed il ruolo delle wautorità preposte ai controlli Le ultime novità normative da parte della Banca d Italia, dell Ordinawmento Comunitario e della Consob Le nuove norme antiriciclaggio per i Promotori Finanziari

11 18 Formazione Tecnica Area Finanza FONDAMENTI DEI MERCATI FINANZIARI wil corso si prefigge lo scopo di trasferire la conoscenza dei principi wfondamentali economici e finanziari e dei più rilevanti modelli macroweconomici o di consulenza finanziaria, al fine di fornire ai discenti wstrumenti chiave per una lettura critica del contesto di mercato, degli weventi di maggiore interesse economico-finanziario, delle loro correlawzioni con i mercati finanziari e delle leve tecnico-commerciali utili nella wrelazione con il cliente. I principali indicatori macroeconomici I principi regolatori dell economia La domanda individuale e la domanda di mercato Le asimmetrie informative e i fallimenti del mercato: adverse selection we moral hazard Dalle scelte razionali del consumatore alle scelte razionali del risparwmiatore Sistema finanziario e ruolo delle banche Dalla microeconomia alla macroeconomia: le relazioni tra le variabili wmacroeconomiche e i mercati finanziari Curva dei rendimenti, ciclo economico, strumenti di politica monetaria Contesto attuale e analisi di scenario CONOSCERE L ECONOMIA wil corso, partendo dallo studio di casi pratici estrapola da essi i principi wfondamentali e le leggi dell'economia, fornendo le basi tecniche per la wcomprensione e la lettura dei mercati economici e finanziari. I principi regolatori dell economia

12 20 Formazione Tecnica Formazione Tecnica 21 Dalla teoria alla pratica: peculiarità, distorsioni ed euristiche che caratwterizzano gli operatori economici I Principi regolatori dei mercati Dalla teoria alla pratica: peculiarità, distorsioni ed euristiche che caratwterizzano i mercati Dal consumatore al risparmiatore: basi tecniche e conoscenze Quarta giornata: Le fasi principali di gestione del Cliente in ambito bancario Le modalità di offerta di servizi e prodotti bancari alla clientela La normativa di riferimento nell ambito dell offerta commerciale Le funzioni della banca deputate all audit commerciale, regolamentare e normativo BANCA DI OGGI, BANCA DI DOMANI (quattro giorni) wil corso, partendo dall analisi del sistema bancario attuale e dalle prowspettive future, compie una panoramica a 360 sulle componenti che wcostituiscono le fondamenta della Banca in quanto entità di credito e wazienda. wprima giornata: La banca di domani: modelli di successo dell evoluzione del businessw wbancario I modelli di posizionamento di alcuni gruppi bancari I processi chiave di una Banca Le aree aziendali a supporto del business bancario wseconda giornata: Le forme tipiche di concessione del credito Le diverse fasi di erogazione del credito La gestione del credito nelle fasi successive all erogazione L evoluzione normativa in ambito creditizio Terza giornata: I principali servizi di investimento di una banca Le funzioni della tesoreria bancaria I processi di asset-liabilities management della banca L operatività dell area finanza nel contesto normativo B CORSO DI FORMAZIONE FINANZIARIA wil corso, partendo dai principi di base della matematica finanziaria e della moderna teoria del portafoglio wtratta in maniera esaustiva e dettagliata le caratteristiche e il funzionamento di tutte le categorie di strumenti wfinanziari, dalle azioni ai titoli derivati, dalle obbligazioni tradizionali a quelle strutturate, senza tralasciare wfondi comuni, SICAV, ETF e Certificates. Vengono evidenziate per ogni tipologia di strumento finanziario i profili wdi rischio e rendimento e rappresentati i principali criteri di valutazione. Prima Parte: Seconda Parte: Elementi di base della matematica finanziaria Strumenti Derivati Obbligazioni Forward, Future,Swap e Option Azioni Teoria del portafoglio Quarta Parte: Fondi Comuni di Investimento Terza Parte: ETF ed ETC Obbligazioni Strutturate Polizze Index linked e Unit linked Certificates OICR, SGR, SICAV, SIF Obb ligazioni Strutturate PREPARAZIONE ALL ESAME PER DIVENTARE PROMOTORI FINANZIARI (minimo raccomandato 13 giornate) ALTRE MATERIE ECONOMICHE E FINANZIARE PER CORSI AREA FINANZA (microeconomia, macroeconomia, finanza aziendale, economia del mercato mobiliare, teoria matematica del portafoglio finanziario, tecnica bancaria) e CORSI SUI PRODOTTI FINANZIARI (obbligazioni, azioni, forwards, futures, options, swap, titoli strutturati, etf, etc, certificates, etc.)

13 22 Formazione Tecnica

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli