GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA"

Transcript

1 GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA DIRETTORE RESPONSABILE GEN.D. SAVERIO CAPOLUPO COMITATO TECNICO SCIENTIFICO COL. T.ST PIER LUIGI MANCUSO COL. SERGIO SERRENTINO COL. T.ST VINCENZO VELLUCCI COL. T.ST BRUNO BIAGI TEN. COL. CARLO VITA M.C. CIRO PANARIELLO IMPAGINAZIONE, EDITING E STAMPA A CURA DELLA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA VIA DELLE FIAMME GIALLE, 14/16 LIDO DI OSTIA (RM) TEL. 06/ FAX 06/

2

3 LA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA DELLA GUARDIA DI FINANZA La Scuola di Polizia Tributaria, la cui origine viene fatta tradizionalmente risalire al 1923, quando fu istituito il 1 corso di Applicazione per la Polizia Tributaria Investigativa, assum e l attuale denominazione con legge 9 ottobre 1965 n Dal 1 ottobre 2000 essa trova ottima collocazione presso la caserm a IV novembre al Lido di Ostia. La Scuola c ostituisce il supporto a ddestrativo deputato a garantire la costante aderenza della preparazione tecnico-profe ssionale del personale del Corpo alle differenti esigenze operative, cogliendo i m omenti evolutivi di maggiore significato nella legislazione relativa alle molteplici aree di inter esse istituzionale ed evid enziando le tematiche di più viva attualità. La Scuola trova, quindi, la sua ragion e d essere nell esercizio di due distinte funzioni: il mantenimento e l aggiornamento della profe ssionalità degli appartenenti al Corpo, m ediante lo sviluppo di un articolata attività didattica; la costituzione di un Centro di cultura e di ricerca professionale alimentato, tra l altro, dalla produzione e dalla diffusione di iniziative editoriali, ad alto contenuto specialistico. In ordine alla prima finalità, va evidenziato che l attività della Scuola si rivolge e sclusivamente a persona le già in possesso di adeguata preparazione ed esperienza e, perciò, sostenuto da un proprio patrimonio operativo. Rispetto a questa particolare platea di destinatari, l attività addestrativa si sviluppa attraverso la programm azione di molteplici corsi, di diversa natura e durata, tenuti da un Corpo Docente costituito da professori universitari, m agistrati e funzionari ministeriali, alti dirigenti di im portanti Organism i Istituzionali, professionisti ed ufficiali del Corpo.

4 La summa delle attivi tà didattiche della Scuola è espressa dal Corso Superiore d i Polizia Tributaria, il cui percorso form ativo è stato recentemente modificato con Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze del 1 aprile 2004, n Il Corso Superiore - di durata biennale - ha la finalità di preparare gli Ufficiali frequentatori a ricoprire incarichi connotati da elevata complessità gestionale e organizzativa, in relazione alla particolarità del contesto istituzionale, alla dim ensione della struttura ed al livello di responsabilità. Si tratta di u n percorso di studi unico nel suo genere che, fondato sul rilevante potenziale dei discenti, accuratam ente prescelti attraverso un rigoroso e selettivo concorso annuale, consente grazie anche al lim itato numero di frequentatori, strutturazioni didattiche e form ative di straordinario spessore e con la più ampia trasversalità, riflettent e tutte le proiezioni istituzionali d ella Guardia di Finanza, al m assimo livello di approfondimento ed applicativo. In ordine alla seconda finalità, l attività di studio, ric erca e innovazione dell Istituto è finalizzata all organizzazione di convegni a livello nazio nale ed inte rnazionale, in collaborazione con Università, Scuole di alta for mazione ed Enti italiani e stranieri, nonché alla predisposizione e realizz azione di progetti form ativi ad a mpio spettro, destinati ad ufficiali e Funzionari di polizia degli Stati m embri dell Unione europea e di Paesi terzi. Il Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria e le altre linee editoriali dell Istituto sono disponi bili anche in via telematica per gli appartenenti al Corpo all indirizzo inform atico de lla rete intra net: e sulla rete mondiale internet all indirizzo nell area dedicata all Istituto.

5 INDICE PARTE PRIMA STUDI IL LEASING IN AMBITO DEGLI IAS ADOPTER di ALESSANDRO PAOLUCCI 1. Aspetti tecnico contabili Definizione Classificazione di un operazione di leasing quale leasing finanziario Metodo patrimoniale di contabilizzazione Le novità introdotte con il D.Lgs. n. 6/2003 (Riforma del diritto societario) Metodo finanziario di contabilizzazione Aspetti fiscali Premessa La disciplina fiscale del leasing ante finanziaria Imprese che adottano i principi contabili nazionali Imprese che adottano i principi contabili internazionali Le modifiche apportate alla disciplina fiscale del leasing dalla finanziaria L eliminazione delle deduzioni extracontabili La durata dei contratti di leasing La nuova disciplina degli oneri finanziari impliciti nel contratto. 229 PARTE SECONDA TECNICA PROFESSIONALE LA TUTELA PENALE DELLA CONCORRENZA: IN PARTICOLARE IL NUOVO DELITTO DI CORRUZIONE PRIVATA PREVISTO NEL PROGETTO DI LEGGE COMUNITARIA 2007 di ENRICO MION 1. La disposizione comunitaria di riferimento La fattispecie sanzionata La ratio della norma e l interesse tutelato I soggetti attivi L elemento oggettivo e soggettivo Le sanzioni previste Considerazioni conclusive

6 LA PUNIBILITA DELLE OPERAZIONI MARKING THE CLOSE (TRIB. MILANO, 11 NOVEMBRE 2002) di ERNESTO BRUNO 1. Premessa La sentenza del Tribunale di Milano e la pratica denominata MARKING THE CLOSE Conculsioni PARTE TERZA MEMORIE OPERATIVE OPERAZIONE EPROM del COMANDO REGIONALE MARCHE 1. Premessa Valutazioni generali sul fenomeno Normativa e definizione Definizioni Normativa amministrativa Normativa tributaria Analisi tecnica dei dispositivi di gioc o e modus ope randi dei soggetti ideatori del sistema di frode accertato Modus operandi Copia del contenuto della memoria della scheda di gioco Installazione dell originale e riproduzione Preparazione del sistema di simulazione Il PDA Trasferimento del contenuto della memoria Assemblaggio del sistema di simulazione Gli apparati di simulazione Osservazioni sulla procedura Considerazioni Attività operativa Esempio di Lettura II

7 PARTE QUARTA OSSERVATORIO COMUNITARIO DEDUCIBILITÀ DEI COSTI DERIVANTI DA OPERAZIONI INTERCORSE SON SOGGETTI UBICATI IN PARADISI FISCALI (ANCHE ALLA LUCE DELLA FINANZIARIA 2008) di MASSIMILIANO DI LUCIA 1. Introduzione: La fiscalità nella visione del legislatore comunitario I Pri ncipi e d i cri teri or dinatori del si stema del le fo nti nel l ordinamento comunitario I criteri ord inatori d elle fon ti n ei rap porti tra d iritto italian o e d iritto comunitario Evoluzione della posizione della Corte Costituzionale Italiana Le prime pronunce della Corte Costituzionale Le sentenze degli anni 70: il primato del diritto comunitario ed i c.d. controlimiti La sentenza n. 170/84, la ricostruzione attuale delle antinomie tra diritto interno e diritto comunitario c.d. self executing Le ulteriori ipotesi di contrasti in cui non è previsto l intervento della Corte Costituzionale: A) La configurazione di nuove norme comunitarie ad effetto diretto; B) I contrasti tra fonti sub-legislative nazionali e il diritto comunitario Il principio di continuità nelle pronunce pregiudiziali della corte di giustizia ed effetti sugli ordinamenti nazionali III

8

9 GLI AUTORI ERNESTO BRUNO Tenente Colonnello della Guardia di Finanza, titolato Scuola di Polizia Tributaria, in servizio presso il Nucleo di Polizia Tributaria di Milano quale Comandante della IV Sezione Verifiche Complesse del I Gruppo Tutela Entrate; MASSIMILIANO DI LUCIA Tenente Colonnello della Guardia di Finanza, titolato Scuola di Polizia Tributaria, in servizio presso il Servizio Centrale I.C.O. Roma quale Comandante del Gruppo Analisi e Relazioni Operative; ENRICO MION Tenente Colonnello della Guardia di Finanza, titolato Scuola di Polizia Tributaria, in servizio presso l Accademia di Bergamo quale Capo Ufficio Addestramento e Studi in S.V.; ALESSANDRO PAOLUCCI Ispettore della Guardia di Finanza, in servizio presso la Scuola di Polizia Tributaria.

10

11 PARTE PRIMA STUDI

12

13 IL LEASING IN AMBITO DEGLI IAS ADOPTER Sommario: 1. Aspetti tecnico-contabili; 1.1 Definizione; 1.2 Classificazione di un operazione di leasing finanziario; 1.3 Metodo patrimoniale di contabilizzazione; 1.4 Le novità introdotte con il D.Lgs. n. 6/2003 (riforma del diritto societario); Metodo finanziario di contabilizzazione; 2. Aspetti fiscali; 2.1 Premessa; 2.2 La disciplina fiscale del leasing ante finanziaria 2008; Imprese che adottano i principi contabili nazionali; Imprese che adottano i principi contabili internazionali; 2.3 Le modifiche apportate alla disciplina fiscale del leasing dalla finanziaria 2008; L eliminazione delle deduzioni extracontabili; La durata dei contratti di leasing; La nuova disciplina degli oneri finanziari impliciti nel contratto. 1. A SPETTI TECNICO CONTABILI 1.1 DEFINIZIONE Il leasing è un contratto atipico non disciplinato dal codice civile 1 che consente all im presa o lavorator e autonomo (definit o utilizzatore o conduttore): di ottene re la d isponibilità di un bene strum entale per l esercizio della propria professi one o attività im prenditoriale, in cambio del pagamento di canoni periodici; di esercitare, alla scadenza del contratto, un opzione di riscatto (di acqu isto) del bene stesso per una cifra pattuita, o in alternativa di res tituire il bene alla società d i leasing (concedente). Nell operazione sono coinvolti tre soggetti: del Lgt. Alessandro Paolucci 1 Le operazioni di l ocazione fina nziaria non ha nno m ai ricevuto un or ganica disciplina gi uridica e questo spiega perché nella pratica commerciale le operazioni stesse siano realizzate in f orma diverse. Si reputa opportuno riportare la definizione data ad esse dal legislatore: «Per operazioni di locazione finanziaria si inte ndono le o perazioni di locazio ni di beni mobili e im mobili, acquista ti o fatt i costruire dal locatore, su scelta e indicazione del conduttore, che ne assume tutti i rischi, e con facoltà per quest ultimo di divenire proprietario dei beni locati al termine della locazione, dietro versamento di un prezzo prestabilito» (art. 17, comma 2, della legge 2 maggio 1976, n. 183). Il Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (D.Lgs., 1 settembre 1993, n. 385) indi vidua nelle banche (art. 13) e negli intermediari finanziari (artt. 106, 107 e 113) i soggetti abilitati all esercizio dell attività di locazione finanziaria.

14 Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza n. 3/2009 il soggetto conduttore (o locatar io): è colui che pur senza acquisire form almente la propr ietà del fattore produttivo ne acquisisce tutti i ben efici. Egli ottiene d al loca tore un finanziamento per l acquisizione del fattore pluriennale, che rimborsa gradualmente tramite canoni, corrispondendo con essi un interesse passivo; il soggetto concedente (o lo catore): è la società di leasing che acquisisce il f attore pluriennale e ne trasferisce tutti i b enefici al locatario pur m antenendone fo rmalmente la proprietà fino alla scadenza della lo cazione. Esso concede al locatario u n finanziamento per l acquisto del bene, finanziam ento che il locatario rimborserà secondo un pi ano di rimborso previsto dal contratto di locazione. l impresa costru ttrice: è il f ornitore del bene, scelto dall utilizzatore, alla società leasing. L oggetto del contratto di leasing è costituito da beni strum entali, mobili o immobili 2. Nella prassi si è solito distinguere due fattispecie contigue 3 : il leasing operativo che può essere sostanzialm ente assimilato ad una sorta di noleggio (o di locazione «tourt court») tale per cui il soggetto locatore attribuis ce al locatario la disponibilità di un bene al solo fine di consen tire allo s tesso di im piegarlo nel proprio ciclo produ ttivo, senza perderne la signoria economica; in altri termini tale tipologia di contratto prevede che il produttore o il distri butore di beni ad elevata standardizzazione conceda in locazione un proprio bene all utilizzatore, dietro pagam ento di canoni periodici per un periodo di tem po comm isurato al la vita econom ica del bene, alla scadenza del quale norm almente avviene la restituzio ne dello stesso; il leasing finanziario nel cu i co ntesto il concedente, pur mantenendo formalmente il diritto di proprietà sul bene oggetto 2 3 In particolare, possono e ssere acquisiti attraverso il lea sing le seguenti categorie di beni: immobili (esempio: capannoni, laboratori, stabili menti, uffici, negozi, eccetera ), si ano essi già edific ati o da costruire; mobili ( esempio: mezzi di tr asporto, autovettur e, veicoli i ndustriali e co mmerciali, aeromobili, natanti e materiale ferroviario, altri beni strumentali all esercizio di attività di impresa). Per una co mpiuta analisi della fattispecie contrattuale atipica del leasing, nelle s ue varie configurazioni, si rinvia a G. DE NOVA, Leasing, in Digesto civ., Torino, 1993, vol. X, pag

15 Studi del contratto (alm eno fino all esercizio se pattiziam ente previsto dell opzione di ac quisto del cespite da parte del locatario finanziario), non es ercita in concreto alcuna signoria economica sullo stesso potend one il locatario disporre sostanzialmente «uti dominus» ( il che implica che ne sopporterà i rischi e ne trarrà i benefici). 1.2 CLASSIFICAZIONE DI UN OPERAZIONE DI LEASING QUALE LEASING FINANZIARIO Nella pras si nazionale l elem ento determ inante per l attr ibuzione della qualifica di lo cazione finanzia ria è rappresentato dall esistenza di un diritto di riscatto alla fine del contratto 4. Ai sensi dello IAS 17, un leasing è classificato come finanziario se trasferisce sostanzialm ente tutti i rischi e benefici con nessi alla proprietà della cosa locata dal locatore o al locatario. Se il leasing, viceversa, non trasferisce, in modo sostanziale, tutti i rischi e i benefici derivanti dalla proprietà esso è classificato operativo 5. I rischi comprendono le possibilità di perdite derivanti da capacità inutilizzata o da obsolescenza t ecnologica e di variazioni nel rendimento dovute a cambiamenti nelle condizioni economiche. I benefici possono essere rapprese ntati dall attesa di un utilizzo redditizio durante la vita econom ica del bene e di proventi derivanti dalla rivalutazione o dalla realizzazione del valore residuo. La class ificazione di u n leasing com e finanziario od operativo dipende dalla sostanza de ll operazione piuttost o che dalla for ma del contratto. Non vi sono param etri e condizio ni fisse utilizzabili in ogni circostanza ai fini de lla classificazione, m a sono stati individuati 4 Come par e indicar e la risoluzione 1 2 agosto 2 003, n. 175/E ove si af ferma che «mancando nella normativa tributaria una definizione specifica della locazione f inanziaria, la prassi a mministrativa ha assunto quella ch e si evince dall art. 17 della legge 2 maggio 1976, n. 183, che caratter izza l operazione di leasing f inanziario rispetto alle altre f orme di locazione per la presenza dell opzione di acquisto finale del bene a favore dell utilizzatore» (Cfr. R. VALACCA, La disciplina f iscale del leasing operativo degli intermediari finanziari, in Corriere Tributario n. 36/2003, p. 3004). 5 Cfr. IAS 17, 4,

16 Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza n. 3/2009 alcuni indicatori che generalm ente denotano l esistenza di un leasing finanziario 6. Per m aggiore precisione è opportuno evidenziare che il leasing finanziario si distingue, a sua volta, in leasing traslativo e leasing di godimento 7. Con la conclusione del primo modello negoziale, la concessione in godimento del bene si configur a com e prestazione meram ente strumentale rispe tto a q uella p rincipale cons istente ne l tr asferimento della proprietà alla scadenza d el c ontratto, at traverso l esercizio dell opzione di acquisto da parte dell utilizzatore. I beni che for mano oggetto del contratto conservano, alla scadenza, u n valore residuo apprezzabile, sup eriore al prezzo di opzione, m entre i canoni scontano una quota di prezzo, in quanto costituiscono in realtà anticipi sul prezzo per l acquisto del bene. Nel secondo archetipo contrattual e, la concessione in godim ento costituisce l obiettivo principale in quanto l utilizzatore, alla scadenza del contratto, ha la facoltà di acquistare o meno il bene. L esercizio dell opzione alla sc adenza pattuita è irrilevan te o meramente eventu ale, poiché la f unzione essenziale è garantire all utilizzatore la fruibilità del bene stesso. La durata del negozio è, sostanzialm ente, corrispondente alla vita economica del bene e il valore residuo dello stesso alla scadenza è corrispondente alla previsione di un basso prezzo di opzione. 6 Ad esem pio, un leasing può esser e di norm a cla ssificato co me finanziar io quando: a) il leasing trasferisce la proprietà del bene al locatario al te rmine del contratto di leasing; b) il locatario ha l opzione di acquisto del bene a un prezzo che ci si attende sia sufficientemente inferiore al fair value (valore equo) alla data alla quale si pu ò eser citare l opzione cosicch é, all inizio del l easing, è ragionevolmente certo che essa sar à esercitata; c) la durata del leasing copr e la maggior parte della vita econo mica del bene anche se la pr oprietà non è trasferita; e d ) all inizio del leasing il valor e attuale dei pagamenti minimi dovuti per il leasing equivale almeno al fair value del bene locato; e e) i beni locati so no di natura così particolare che solo il l ocatario può utiliz zarli senza dover apportare loro im portanti modifiche ( Cfr. IAS 17, par agrafo 10). Alcune situazioni, individ ualmente o congiuntamente, possono condurre a classificare un lea sing come finanziario. Ad ese mpio: a) utili o perdite derivanti dalle variazioni del fair value del valore residuo ricadono sul locatario (sotto forma di restituzione di canoni equivalenti alla maggior parte dei ricavi di vendita al termine del leasing); b) il locatario ha la possibilità di continuare il leasing per un ulteriore periodo ad un canone sostanzialmente inferiore a quello di mercato; c) se il locatario può risolvere il leasing, le perdite del locatore relative alla risoluzione sono sostenute dal locatario. (Cfr. IAS 17, paragrafo 11) 7 In tal senso, C. CAPOCASALE, In tema di contratto di le asing finanziario, in Obbligazioni e Contratti, n. 5/2007, pag

17 Studi In tale contesto i canoni tendono essenzialmente a rem unerare il concedente del capitale im piegato, in quanto rappresentano la controprestazione per il godimento del bene. Da ultim o si deve segnalare un ulteriore fattis pecie contrattuale rappresentata dal lease back che c ostituisce un opera zione in f orza della quale il proprietario vende un bene immobile alla società di leasing che paga il prezzo e, con testualmente, concede il bene in godimento al venditore il quale ne diventa utilizzatore METODO PATRIMONIALE DI CONTABILIZZAZIONE Prima dell entrata in vigore del D.Lgs. n. 6/2003 di riform a del diritto societario (1 g ennaio 200 4), il cod ice civile no n recava disposizioni che discipli nassero la contabilizz azione delle o perazioni di locazione finanziaria. Anche nei principi contabili nazionali elaborati dalla Commissione paritetica dei Dottori e Ragionieri Commercialisti non erano presenti indicazioni sistematiche sul punto. In m ancanza di una disciplina specifica, il m etodo di contabilizzazione tradizionalmente utilizzato in Italia per le operazioni di locazione finanziaria è stato quello c.d. patrim oniale, che dà rilievo esclusivo alla proprietà del bene. Il metodo patrimoniale si basa su lla proprietà giur idica del bene, per cui i beni locati sono iscri tti (e ammortizzati) n el bilancio dell impresa concedente in quanto soggetto che ne ha la proprietà giuridica (ma non quella economica). Secondo l approccio patrim oniale dunque un bene in leasing finanziario non può essere incl uso tra le immobilizzazioni dell utilizzatore fino a quando, a conc lusione della durata contrattuale concordata, non diventa di propr ietà dello stesso a seguito dell esercizio della opzione di riscatto 9. 8 Vgs. L. FERRAJOLI, Cessione dei contratti di leasing: trasferimento fiscale, in I Focus fiscali de Il Sole 24 Ore, n. 4 /2009 pag In particolare, l a pplicazione del m etodo patri moniale per la c ontabilizzazione delle oper azioni di locazione f inanziaria co mporta: a ) l iscrizione dei beni locati nello stato patri moniale della concedente ( società di leasing), ch e ne ha la pr oprietà giur idica; b) l iscrizione nel bilancio dell utilizzatore (l ocatario) dei canoni di leasing fra i costi per il godi mento di beni di terzi; c ) l iscrizione nel bi lancio dell utilizzatore (locat ario) dell ammontare d ei canoni futuri (ovvero 217

18 Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza n. 3/2009 In sostanza la form a giuridica prev ale sulla so stanza econ omica dell operazione (che indurrebbe a da re rilievo alla circostanza che il locatario diviene titolare dei rischi e dei benefici della cosa locata). Al termine del contratto di leasing, in caso di esercizio del riscatto, il bene vie ne iscr itto nell atti vo dello stato patrim oniale tra le immobilizzazioni m ateriali ad un valo re pari al prezzo pagato per il riscatto. L indicato valore deve essere sistematicamente ammortizzato. Nel caso in cui sia previsto un m axicanone iniziale, questo costituisce un costo relativo al intera durata della locazione. La quota di m axicanone rinviata agli esercizi deve essere esposta in bilancio tra i risconti attivi. 1.4 LE NOVITÀ INTRODOTTE CON IL D.LGS. N. 6/2003 (RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO) A partire dal 1 gennaio 2004, con l entrata in vigore del D.Lgs n. 6 del 2003 (Riform a del diritto soci etario), la rappresentazione in bilancio del leasing è cambiata. Il legislatore non ha ritenuto opportuno abbandonare il tradizionale metodo patrimoniale per la rileva zione contabile dei beni in leasing, potenziando, tuttavia la capacità informativa del bilancio 10. Questa impostazione ha prodotto una soluzione intermedia, in base alla quale nei prospetti di bila ncio vengono seguite le regole del metodo patrim oniale, m entre le logiche del m etodo fi nanziario emergono in relazione alle inform azioni da fornire in sede di nota integrativa. l importo dei can oni ancor a da pa gare) e del pr ezzo di r iscatto del bene nei conti d ordine agli impegni; d) la rilevazione del bene in leasing nello stato patrimoniale dell utilizzatore (locatario) alla data dell esercizio dell opzione finale (riscatto) per un importo pari al prezzo di cessione finale. 10 La legge delega per la riforma del diritto societario (legge 3 ottobre 2001, n. 366, cd. riforma VIETTI) aveva previsto una rappresentazione delle operazioni di leasing finanziario che privilegiasse l aspetto economico-sostanziale rispetto a q uello giur idico-formale, prevede ndone la contabilizzazione secondo il metodo finanziario, tuttavia tale principio non fu recepito in maniera «completa» da parte del legislatore del egato, il quale mantenne la contabilizzazione con il cd. metodo patrim oniale, prevedendo s olo una in formazione in nota i ntegrativa che r iassumesse la sostanza econo mica dell operazione (Cfr. A. VICINI RONCHETTI, Il leasing finanziario nello IAS 17, in Corriere Tributario n. 44/2007, p. 3607). 218

19 Studi A questa scelta è stata data attuazione m odificando le norm e del codice civile, prevedendo: per le so cietà conced enti (locatrici), la separata indicazio ne nello s tato patrim oniale delle immobilizzazioni conces se in locazione finanziaria (art. 2424, macroclasse B); per le società utilizzatrici (loc atarie), l obbligo di fornire una serie di inf ormazioni in no ta integra tiva, re lative alla rappresentazione contabile dei contratti di leasing finanziario secondo il c. d. metodo finanziario (art. 2427, n. 22, c.c.). 1.5 METODO FINANZIARIO DI CONTABILIZZAZIONE Lo IAS 17 prescrive la contabilizzazione dei leasing finanziari con il c.d. metodo finanziario, in base al quale il bene oggetto del contratto di locazione finanziaria vi ene iscritto tra le atti vità dell utilizzatore, il quale a fronte di ciò iscrive un debito per l operazione. Sempre l utilizzato re imputerà a conto econ omico le q uote di ammortamento del bene e gli inte ressi passivi che costituiscono la componente finanziaria dei canoni di leasing. OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIO METODO FINANZIARIO L applicazione del metodo fina nziario nella contabilizzazione delle operazioni di locazion e finanziaria avrebbe comportato: - l iscrizione dei be ni locati nel bilancio dell utilizzatore (locatario) ed in contropartita un debito verso il concedente (locatore); - l ammortamento dei beni locati da parte dell utilizzatore (locatario); - la ripartizione del canone di locazi one tra una qu ota interessi (gli o neri finanziari da sostenersi lung o la dur ata del contr atto) e una quota capitale ( la quota di r imborso del capitale portata a riduzione del debito verso il concedente). STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO Bene in leasing Debito Ammortamento finanziario verso società di Oneri leasing finanziari Prospetto tratto dalla Fondazione Luca Pacioli n. 14 del 19 aprile 2005 (Operazioni di locazione finanziaria). 219

20 Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza n. 3/2009 Il metodo finanziario fa prevalere la sostanza sulla form a e cioè la causa finanziaria del contratto di leasing. L operazione rispecchia la volontà delle parti, poiché il locatario è, a tutti gli effetti, co lui che sopporta i rischi legati all utilizzo del bene e ne trae i benefici, ancorché non ne sia l effettivo proprietari. Il conceden te, a sua volta, is crive un credito pe r l operazione finanziaria di leasing ed im puta a conto econom ico gli interessi attivi che costituiscono la com ponente finanziaria dei canoni; contestualmente la parte del canone che rappresenta la quota capitale riduce il valore del credito derivante dall operazione di finanziamento. Nel bilancio della società di leasing l operazione appare, quindi, come un mutuo attivo verso la società utilizzatrice. Come riportato nel precedente cap. 2, paragrafo 3, quando sarà data piena attuazione nell ordi namento interno alla direttiva 2003/51/CE, il m etodo finanziario dovr à essere utilizzato anche da i soggetti che non adottano i princip i contabili internazionali. Fino al recepimento di tale d irettiva a causa dei differenti s istemi di contabilizzazione, patrimoniale e finanziario, possono presentarsi alcune distonie. Al riguardo, è stato già da tempo segnalato 11 come i diversi metodi contabili di rappresentazione dell o perazione di locazione finanziaria utilizzata da l concedente e dal locatar io possa no determ inare delle anomalie, nel senso che i ben i potrebbero trovare evidenza in entrambi i bilanci o in nessuno di essi. Il caso più frequente è quello di un leasing finanziario concluso tra una società di leasing quotata ed una società utilizzatrice che non adotta i principi contabili internazionali. In ta l c aso, si ha ch e: 1) la s ocietà di leasing rapp resenta l operazione secondo lo IAS 17; 2) la società utilizzatrice rappresenta l operazione secondo il m etodo patr imoniale, indicando solo in nota integrativa la ricostruzione del metodo finanziario. 11 Vgs Parere dell Assoni me allo sc hema di decr eto legislativo r elativo all adozione dei pr incipi contabili internazionali trasmesso alla VI Commissione finanze della Camera dei Deputati. 220

21 Studi Giova ricordare che la rapp resentazione contabile del leasing finanziario attualmente prevista da l codice civile è quella secondo il metodo patrimoniale A SPETTI FISCALI 2.1 PREMESSA La locazione finanziaria è disciplinata autonom amente nell ambito del TUIR, dal comma 7 dell art. 102, in considerazione della rilevanza che essa h a progress ivamente a ssunto com e strum ento giuridico utilizzato nell attività d impresa. La legge finanziaria 2008 ha appor tato rilevanti m odifiche alla disciplina fiscale del leasing. Le nuove disposizioni avranno effetto per i contratti stipulati dal 1 gennaio 2008, m entre per i contratti sti pulati prim a di tale data si applicano le regole previgenti, anch e se il bene non è stato ancora acquisito dalla società concedente ovvero il bene non è stato ancora consegnato all impresa utilizzatrice. Si procede, pertan to, prima ad an alizzare la dis ciplina fiscale del leasing ante finanziaria 2008, e poi a trat tare nel detta glio la nuova normativa. 2.2 LA DISCIPLINA FISCALE DEL LEASING ANTE FINANZIARIA Imprese che adottano i principi contabili nazionali Abbiamo detto che l art. 102, co. 7 del TUIR disciplina l ammortamento dei be ni concessi/utilizza ti in leasing o locazione finanziaria. 12 Secondo il Pr incipio contabile nazionale n. 12, il le asing finanziar io deve continuare ad esser e rappresentato in bilancio con il metodo patr imoniale, dal momento ch e è la nota integrativa ad illustrare la sostanza econo mica dell operazione attr averso l esposizione delle inform azioni che si otterrebbero con la rappresentazione finanziaria. 221

22 Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza n. 3/2009 Il comma in esame tratta la tematica sotto il du plice punto di vista dei due soggetti coinvolti nell operazione, quello dell im presa concedente il bene e quello dell impresa utilizzatrice. La disciplina per la società concedente h a subito un incisiva modifica con l art. 3, comma 103, lettera c) della legge n. 549/1995, a seguito della quale le società di leasing ai fini fiscali potranno dedurre gli ammortamenti utilizzando il c.d. m etodo finanziario e cioè sulla base di un apposito piano. In particolare, il comma 7, prim a parte, dell art. 102 dispone che: «Per i beni concessi in locazione finanziaria l impresa concedente che imputa a conto economico i relativi canoni deduce quote di ammortamento determinate in ciascun esercizio nella misura risultante dal relativo piano di ammortamento finanziario e non è ammesso l ammortamento anticipato». Nella secon da parte del comm a 7 dell art. 102 del TUIR sono dettate le pr evisioni concernenti la p artecipazione dei ben i ricevuti in leasing alla determ inazione de l reddito imponibile dell impresa utilizzatrice. Il legislatore ha subordinato la deducibilità dei canoni ad una durata minima del contratto di leasing 13 distinguendo tra beni mobili e beni immobili. Per i beni immobili, la deducibilit à dei canon i è condizion ata alla circostanza che la durata del contra tto sia a lmeno pari alla m età del periodo di ammortam ento fiscale corrispondente ai coefficienti di ammortamento tabellare (contenu ti nel D.M. 31 dicem bre 1988), con un vincolo ulteriore che il medesimo contratto di leasing immobiliare abbia una durata minima tra gli 8 e i 15 anni 14. Come precisato dalla C.M. n. 10/E del 13 m arzo 2006 la condizione tem porale per la dedu cibilità dei canoni deve essere interpretata tenendo presente che: 13 Tra i vari vantaggi che offro no i contratti di leasing r ispetto a ll acquisto diretto del bene, c è da annoverare sicuramente una maggiore convenienza dal punto di vista tributario, legata alla più rapida deducibilità dei canoni di leasing rispetto all a mmortamento tributario del bene oggetto del contratto di leasing. Tuttavia, il vantaggio fiscale che si può ottenere costituisce, per il legislatore, un incentivo per co mportamenti elusivi. Per tali m otivi sono sta ti posti dei vi ncoli s ulla dur ata del co ntratto di leasing. (Cfr. R. ARTINA, Nuovi vincoli alla deducibilità dei ca noni, in Pratica Contabile, n. 5/20 06, p. 5). 14 L art. 5-ter del D.L. 30 sette mbre 2005, n. 203 (c onvertito dalla l egge 2 dicembre 2005, n. 248) ha così modificato l art. 102, co mma 7, del TUIR Per i contratti stipulati fi no al 3 dicembre 2005 (data di entrata in vigore della legge n. 248/2005) il locatario poteva dedurre i canoni di leasing se la durata del contratto non era inferiore a otto anni. 222

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli