Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza"

Transcript

1 Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza Maria Luisa Moro 1

2 Infezioni correlate all assistenza Sono infezioni che insorgono come risultato di interventi sanitari Possono essere acquisite durante il ricovero in ospedale o in altri contesti sanitari e sociosanitari. Possono essere contratte sia dai pazienti che dal personale sanitario e socio-sanitario che assiste i pazienti. Le infezioni correlate all assistenza assistenza. 2

3 possono essere evitate in una proporzione significativa di casi Intervention studies aimed at prevention and surveillance of all types of nosocomial infections Author Time period Intervention effect (reduction) Greco et al., % Raine, % Evaldson et al., % Malone and Lasson, % Ng et al., % Hacek et al., % Pittet et al., % Andersen et al., % Delgado-Rodriguez et al., % Gastmeier et al., % Risultati: 44 ospedali hanno rilevato dati su 35,543 casi chirurgici. Gli ospedali hanno promosso un miglioramento nelle seguenti aree selezione degli antibiotici per profilassi, timing, e durata; normotermia; ossigenazione; euglicemia; tricotomia. Il tasso di infezioni diminuì del 27%, da 2.3% a 1.7% nei primi rispetto agli utlimi 3 mesi. 3

4 Nonostante, siano disponibili molte conoscenze sulle misure efficaci a controllare questo fenomeno, le infezioni associate all assistenza sanitaria continuano a rappresentare una vera emergenza sanitaria Dal 5 al 10% dei pazienti ricoverati in ospedale o in strutture residenziali per anziani sviluppa una infezione correlata all assistenza 4

5 HCAI: impatto Studi di prevalenza delle infezioni Piemonte (2000)* Lombardia (2000) Veneto (2003) Toscana (2004) Studio INF-NOS (2004) Puglia (2005) Norvegia (2003) Svizzera (2004) Spagna (2005) Finlandia (2005) Luogo UK, Irlanda (2006) Francia (2006) Stati Uniti Stati Uniti Stati Uniti Gran Bretagna pazienti infetti/100 pazienti Anno (19) N di ospedali Ospedali partecipanti al NNIS (circa 270) 338 ospedali selezionati a random Ospedali partecipanti al NNIS (circa 270) Tutto l ospedale (1) /100 pazienti 5,5 5,7 5,3 7,8 Ospedale Incidenza /1000 gg di degenza 7,2 7,0 9,8 n.r. HCAI: impatto Rischio di infezioni nelle strutture residenziali e nell assistenza domiciliare Nelle strutture residenziali, la frequenza è comparabile a quella in ospedale Prevalenza Incidenza 2,7 to 32,7 per 100 residenti 2,6 to 7,1 per 1000 giornate di residenza Smith, 1997 Nicolle, 2000 Smith, 1997 Goldrick, 1999 Nell assistenza domiciliare, la frequenza di infezioni è più bassa ma sono disponibili pochi dati (Rhinehart( Rhinehart, 2001) Differenze nel tipo di ospiti e nelle definizioni/ metodi di sorveglianza 5

6 HCAI: impatto Mortalità attribuibile alle infezioni correlate all assistenza domiciliare Sito di infezione Batteriemia Polmonite associata a ventilazione Infezione del sito chirurgico Parametro Mortalità attribuibile (diversi studi) Rischio relativo di morte (metaanalisi) Rischio relativo (studio multicentrico inglese) Stima Da 17% a 45% in rapporto al microrganismo responsabile RR = 2.0 Superficiale: RR = 1.8 (protesi d anca) Profonda: Aumento significativo del rischio in Chirurgia vascolare (RR 6.8), grosso intestino (RR 1.8), protesi anca (RR 2.5) Siti più frequenti di infezione - Ospedale Lombardia 2000 Veneto 2003 Toscana 2004 Puglia 2005 % di tutte le infezioni Vie urinarie App.resp. Ematiche Sito chirurgico Altro 6

7 I 10 microrganismi più frequenti nelle HCAIs Staphylococcus aureus Escherichia coli Stafilococchi coagulasi negativi Pseudomonas aeruginosa Enterococcus Enterobacter spp. Candida albicans Klebsiella pneumoniae Anaerobi gram + Proteus mirabilis Totale 80% circa Principali fattori di rischio 7

8 Fattori intrinseci di rischio Età < 1 anno Età avanzata Chemioterapia immunosoppressiva Alterazioni dell integrità cutanea (ad esempio ustioni, psoriasi) Gravità della patologia di base Chirurgia (soprattutto addominale e toracica) Broncopneumopatia cronica Sesso femminile Obesità Malnutrizione Trauma Presenza di una infezione remota Il paziente Sito di infezione Batteriemie primitiva Batteriemia primitiva, polmonite, infezioni delle vie urinarie, infezione di ustione Batteriemia primitiva, polmonite Batteriemia primitiva, infezione del sito chirurgico Batteriemia primitiva, infezione delle vie urinarie, infezione del sito chirurgico Polmonite Polmonite Infezioni delle vie urinarie Infezione del sito chirurgico Infezione del sito chirurgico, infezione di ustione Infezione del sito chirurgico Infezione del sito chirurgico % di tutti i ricoveri Proporzione di ricoveri di età < 1 anno e > 75, regione Emilia-Romagna >75 24,1 21,5 5,4 1,

9 Le procedure invasive Procedura Catetere urinario Catetere intravascolare Ventilazione assistita Intervento chirurgico Infezioni associate Microrganismi più frequenti Batteriuria, infezioni E.coli, enterococchi sintomatiche vie urinarie, sepsi Infezione del sito, Stafilococchi tromboflebite, sepsi, endocardite Polmonite Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa Ferita superficiale, profonda, d organo Stafilococchi Le procedure invasive Tra il 15 e il 25% dei pazienti in ospedale ha un catetere vescicale. Un terzo per meno di 1 giorno Una quota di pazienti in ADI o RSA ha un catetere vescicale a lungo termine Tra il 40 e l 80% dei pazienti in terapia intensiva e tra il 7 e il 39% dei pazienti in altri reparti ha un CVC (Climo M, ICHE 2003) L 80% dei pazienti ricoverati in terapia intensiva per più di 48 ore è esposto a ventilazione invasiva (GiViTi, dati non pubblicati) 9

10 HCAI: impatto IVU/1000 gg cateterismo Batteriemie/1000 gg CVC Polmoniti/1000 gg VM La frequenza di infezioni correlate a procedure varia per luogo,ospedale,unità Infezioni vie urinarie/1000 gg catetere in 30.1 Batteriemie/1000 Polmonite/1000 Terapia Intensiva, gg ggvm catetere in 2004 Terapia in Terapia Intensiva, 2004 Intensiva, NNIS, USA NNIS, USA HELICS, HELICS, Europe Europe Neurochirurgica Trauma Trauma Ustionati Ustionati Ustionati Pediatrica Respiratoria Neurochirurgical Medica Trauma Chirurgica Respiratoria Medica Cardiotoracica Neurochirurgical Coronarica Medico-chirurgica: ospedale univ. Chirurgica Chirurgica Medico-chirurgica: Coronarica altro Cardiotoracica Pediatrica Medica Medico-chirurgica: Medico-chirurgica: ospedale univ. Respiratoria ospedale univ. Medico-chirurgica: Medico-chirurgica: Coronarica altro altro Pediatrica Cardiotoracica Austria AustriaBelgioAustria Danimarca Danimarca Danimarca Spagna Spagna Spagna Francia Francia Lussemburgo Francia Lussemburgo Lussemburgo Olanda Olanda Olanda Portogallo Portogallo A A A B B B C C C D D D E E E F G F G H G H H Internation. Internation. Consortium Paesi Consortium in via di Paesi sviluppo in via di sviluppo Durata di esposizione e rischio di infezione Nel cateterismo vescicale a permanenza, dal 2 al 16% dei pazienti con catetere sviluppano batteriuria ogni giorno Nel cateterismo venoso centrale, il rischio di sepsi associata a catetere aumenta fino 8 volte nei pazienti esposti per > 7 giorni rispetto a quelli esposti per un periodo più breve (Sadfar N, Medicine 2002) Nella ventilazione meccanica, l incidenza di polmonite aumenta dal 5% dopo 1 giorno a 69% dopo 30 giorni (media 23%), Langer

11 Modalità di assistenza e rischio di infezione Nei pazienti con sacca di drenaggio aperta, il rischio di batteriuria è del 100% dopo 4 giorni L inserzione nella vena giugulare piuttosto che nella succlavia si associa ad un aumento del rischio di sepsi fino a 3 volte (Sadfar N, Medicine 2002) Nei pazienti intubati, se le secrezioni subglottiche non vengono aspirate continuativamente, il rischio di polmonite è significativamente più elevato (ATS, guidelines 2005) Altri pazienti colonizzati o infetti 11

12 12

13 Infezioni da MRSA in UTI dopo un intervento di controllo Infection rate ( ) I intervention Cremona 1/ /2005 II intervention 0,35 0,17 0,07 P=0,023 P=0, Time units 1/96 1/98 1/03 12/05 Dott.Angelo Pan Dati presentati a Napoli, Convegno INF-OSS 2/ Fonti di infezione: pazienti (25.7%) devices, attrezzature (11.9%) l ambiente (11.6%) il personale (10.9%) Modalità di trasmissione: non chiarita 28.3% contatto 45.3% procedure invasive 16.1% aria 15.0% 13

14 L ambiente inanimato L ambiente inanimato Serbatoio Superfici Aria, via aerea Acqua Microrganismo VRE MRSA Clostridium difficile Aspergillo spp Tubercolosi Morbillo, varicella Legionella pneumophila Pseudomonas aeruginosa Micobatteri atipici Pazienti a rischio Terapia intensiva, riabilitazione Pazienti ustionati Anziani, trattati con antibiotici Immunocompromessi (trapianto cellule staminali) Immunocompromessi (HIV), operatori sanitari Immunocompromessi, suscettibili Immunocompromessi (trapiantati, oncologici) Pazienti in terapia intensiva, pazienti trapiantati, neutropenici, ustionati, dializzati Pazienti immunocompromessi 14

15 Infezioni associate a lavori edili E importante prevenire le infezioni correlate all assistenza perché: Infezioni sostenute da microrganismi sempre più difficili da trattare e che possono dare origine ad eventi epidemici 15

16 EMOCOLTURE. Regione Emilia-Romagna 2005 Sistema regionale per la sorveglianza % R + Idell'antibioticoresistenza % R + I % R + I E.coli cef E.coli cef E.coli K. pneumoniae P.aerug. MRSA 54 VRE 40 E.coli pen+inib 11 E.coli pen+inib E.coli cef 3 E.coli pen+inib E.coli cipro E.coli cipro E.coli cipro E.coli amino E.coli amino 14 K.pneum cef E.coli amino K.pneum cef 3 K.pneum cef K.pneum pen+inib K.pneum pen+inib Kpneum pen+inib K.pneum cipro K.pneum cipro K.pneum amino 19 K.pneum cipro K.pneum amino P.aerug ceftaz 13 K.pneum amino P.aerug ceftaz P.aerug ceftaz P.aerug cipro P.aerug cipro P.aerug genta 43 P.aerug cipro P.aerug genta 18 P.aerug carbap P.aerug genta P.aerug carbap MRSA MRSA E.faecalis vanco 34 P.aerug carbap MRSA E.faecalis vanco 6 E.faecium vanco 6 2 E.faecalis vanco E.faecium vanco E.faecium vanco Terapia Intensiva Chirurgia Medicina 16

17 Setting Sistema regionale di sorveglianza delle epidemie ed eventi sentinella (delibera di Giunta Regionale 186/2005) Terapia intensiva Microrganismo MRSA N epidemie 1 N totale pazienti 7 Terapia intensiva Acinetobacter baumanii MDR 3 7 Onocematologia Lungodegenza Enterobacter cloacae ESBL+ Klebsiella pneumoniae MDR E importante prevenire queste infezioni perché: Infezioni sostenute da microrganismi sempre più difficili da trattare e che possono dare origine ad eventi epidemici Infezioni sostenute da ceppi più virulenti o non frequenti 17

18 18

19 EJ Kuijper. Eurosurveillance 2007 Sistema regionale di sorveglianza delle epidemie ed eventi sentinella (delibera di Giunta Regionale 186/2005) Setting Geriatria (gennaio) Psichiatria (gennaio) Medicina interna (gennaio) Microrganismo Norovirus Gastroenterite virale Gastroenterite virale N epidemie N totale pazienti N staff

20 Infezioni sostenute da microrganismi sempre più difficili da trattare Infezioni sostenute da ceppi più virulenti Circolazione di microrganismi/infezioni tra ospedale e comunità Fattori di rischio per la colonizzazione in ospedale con alcuni microrganismi Devices Fattore di rischio Età avanzata Gravità della patologia Trasferimento tra istituzioni Lunga degenza in ospedale Chirurgia gastrointestinale Trapianto Antibiotici ad ampio spettro (cefalosporine) Odds Ratio 1,2-14,1 1,9-11,6 2,9-21,3 1,1-17,5 1,6-13,0 3,2-6,8 1,8-26,4 1,5-25,1 (1,6-28,6) Odds ratio più elevato C.Difficile ESBL Candida, MRSA MRSA ESBL VRE Candida VRE Sadfar, Maki Ann Intern Med

21 Frequenza di patogeni resistenti nelle urinocolture. Pazienti ricoverati da >2 giorni vs. ospiti di strutture residenziali. Regione Emilia-Romagna, 2005 % R + I E.coli cef 3 E.coli pen+inib 31 Ricoverati da > 2 giorni E.coli cipro E.coli amino K.pneum cef 3 K.pneum pen+inib K.pneum cipro K.pneum amino P.mirab. cef 3 51 Lungodegenza territoriale P.mirab. pen+inib P.mirab. cipro P.mirab. amino P.aerug ceftaz P.aerug cipro P.aerug genta P.aerug carbap E.faecalis vanco E.faecium vanco 4 9 Il rischio di infezioni correlate all assistenza può aumentare Pazienti più gravi Microrganismi Procedure invasive resistenti per più tempo Infezioni Carenza di emergenti (SARS, personale aviaria?) 21

22 Che fare? Attività a livello nazionale Circolari sulle Infezioni ospedaliere, 1985 e 1988 Piano Sanitario Nazionale Corsi per infermieri addetti al controllo (Piemonte, Lazio, Emilia-Romagna, Marche, Umbria, Toscana) 1987 Esperienze di eccellenza in alcune regioni/aziende Sanitarie ma diffusione non armonica sul territorio nazionale CIO+ICI+MEDICO Media nazionale 21% <=10% 11-25% 26-50% > 50% Moro ML, Rapporti ISTISAN

23 Il progetto dell ASR La sorveglianza Sorveglianza della resistenze in ambito umano con trasmissione elettronica dei dati (nuovo sistema) Sorveglianza alert ed epidemie (nuovo sistema) Sorveglianza delle resistenze in Mycobacterium tuberculosis con trasmissione cartacea (nuovo sistema) Sorveglianza delle Infezioni della Ferita Chirurgica ed in terapia intensiva (nuovo sistema in via di attivazione) Monitoraggio dell uso di antibiotici in ambito umano (uso flussi esistenti) Il progetto dell ASR L intervento Programmi di miglioramento in terapia intensiva, chirurgia, endocoscopia, Programma di miglioramento nelle strutture residenziali per anziani Programma lotta alla sepsi in E-R 23

24 Panel Regionale Progetto ProBA Gruppo Regionale Progetto SICHER Coordinamento Regionale Comitati Infezioni Panel Regionale Progetto LaSER Gruppo Regionale Microbiologi Referenti Aziendali Sistema alert Gruppi regionali: strutture resid. endocoscopia terapia intens. 24

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale Il rischio infettivo connesso alla struttura ospedaliera Pietro Caramello Malattie Infettive A Malattie Infettive A,

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

Le Infezioni nosocomiali. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010

Le Infezioni nosocomiali. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010 Le Infezioni nosocomiali Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010 Definizione Ogni infezione non presente, né in fase di incubazione, al momento dell ingresso in ospedale Infezione contratta

Dettagli

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Corso aziendale Uso responsabile degli antibiotici Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Rosario Cultrera Dip. Medico - UOC Malattie Infettive

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 1 RIANIMAZIONE 2014 RICHIESTE INDAGINI BATTERIOLOGIA indagine neg pos tot indagine neg pos tot ANTIGENE ADENOVIRUS 4 0 4 PROTESI 7 3 10 ANTIGENE CLOSTRIDIUM DIFFICILE 5

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Attività sorveglianza prevalenza incidenza controllo raccolta dati sui processi.

Attività sorveglianza prevalenza incidenza controllo raccolta dati sui processi. Attività I cardini su cui si fondano tutti i Programmi di prevenzione delle Infezioni Nosocomiali o, meglio, Infezioni Correlate all Assistenza (ICA), sono: sorveglianza, controllo e formazione del personale,

Dettagli

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Regione Emilia-Romagna Deliberazione della Giunta Regionale N 186/2005 del

Dettagli

Ricoverarsi a Roma: le infezioni ospedaliere presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini

Ricoverarsi a Roma: le infezioni ospedaliere presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Ricoverarsi a Roma: le infezioni ospedaliere presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Faria S.*, Di Renzi M.*, Gabriele S.*, Sodano L.** * Università degli Studi La Sapienza, Roma ** Azienda

Dettagli

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di sanità pubblica Roma, 5 giugno 2012 - ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni

Dettagli

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori?

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Dal Dal Lazzaretto ai ai flussi laminari. Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Precauzioni di Isolamento da Patogeni Emergenti. Prevenzione

Dettagli

Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione

Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione Nuovi aspetti epidemiologici delle infezioni correlate all assistenza sanitaria Aggiornamento

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

LE INFEZIONI OSPEDALIERE: PREVENZIONE E MISURE DI CONTROLLO M. L. MORO

LE INFEZIONI OSPEDALIERE: PREVENZIONE E MISURE DI CONTROLLO M. L. MORO 1 LE INFEZIONI OSPEDALIERE: PREVENZIONE E MISURE DI CONTROLLO M. L. MORO A metà dell'800, Semmelweiss dimostrò efficacemente che l'ospedale poteva rappresentare un rischio per i pazienti (le donne che

Dettagli

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.)

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.) Presentazione Infezioni correlate all assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica costituiscono due speciali problematiche sanitarie sulle quali importanti istituzioni internazionali, quali l OMS,

Dettagli

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika.

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika. METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA SOMMARIO PRESENTAZIONE DEL SISTEMA METROLOGIKA - Introduzione - Il carico socio economico delle infezioni ospedaliere - Stime dei tassi di infezioni (ICA) correlate

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

Sorgente di infezione: uomo e animale (malato o portatore) Uomo sano e recettivo. Sorgente di infezione: uomo e animale (malato o portatore)

Sorgente di infezione: uomo e animale (malato o portatore) Uomo sano e recettivo. Sorgente di infezione: uomo e animale (malato o portatore) STORIA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE LE MALATTIE INFETTIVE 1843 Holmes La contagiosità della febbre puerperale 1846 Semmelweiss: la catena epidemiologica della sepsi puerperale fine 800 Kock e Pasteur: etiologia

Dettagli

UN ANNO DI ATTIVITA SMI focus su Alert. Bologna, 14 ottobre 2013

UN ANNO DI ATTIVITA SMI focus su Alert. Bologna, 14 ottobre 2013 UN ANNO DI ATTIVITA SMI focus su Alert Bologna, 14 ottobre 2013 Sommario Sommario Segnalazioni rapide di casi di malattia infettiva (SSCMI/2006) Segnalazioni di cluster epidemici/epidemie di infezioni

Dettagli

NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE: Nulla di nuovo tutto cambiato!

NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE: Nulla di nuovo tutto cambiato! NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE: Nulla di nuovo tutto cambiato! NOEMI ZIGLIOLI Coordinatore infermieristico Unità Spinale Unipolare MILANO NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE Le infezioni ospedaliere costituiscono

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli SOMMARIO Introduzione Obiettivi generali Obiettivi specifici Indicazioni

Dettagli

Definizione di infezione ospedaliera. Infezione che insorge durante il ricovero in ospedale, o in alcuni casi dopo che il. manifesta clinicamente nén

Definizione di infezione ospedaliera. Infezione che insorge durante il ricovero in ospedale, o in alcuni casi dopo che il. manifesta clinicamente nén TITOLO Corso di formazione: Rischio clinico Alessandria 21 settembre 2009 Dott.ssa Daniela Balestrino SOC Rischio Infettivo Definizione di infezione ospedaliera Infezione che insorge durante il ricovero

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Azienda Sanitaria Firenze Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Percorso Sepsi 2011 aumentare il livello di attenzione 2012 - Giornata Mondiale per la Prevenzione della Sepsi Attivazione di

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza sanitaria, il progetto INF-OSS

Infezioni correlate all assistenza sanitaria, il progetto INF-OSS ARTICOLI ORIGINALI Giornale Italiano delle Infezioni Ospedaliere vol. 13, n. 4, Ottobre-Dicembre 2006 GIIO Infezioni correlate all assistenza sanitaria, il progetto INF-OSS Maria Luisa Moro, Simona Nascetti

Dettagli

SPIN (Studio di Prevalenza Infezioni Nosocomiali) Regione Veneto, 2003

SPIN (Studio di Prevalenza Infezioni Nosocomiali) Regione Veneto, 2003 SPIN (Studio di Prevalenza Infezioni Nosocomiali) Regione Veneto, 2003 Obiettivi, Disegno dello studio e metodologia (1) Organizzazione e Implementazione (1) Risultati: descrizione del campione (2) Risultati:

Dettagli

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 a cura del 'Comitato di coordinamento regionale per la prevenzione e la lotta alle

Dettagli

Eziologia, epidemiologia e prevenzione delle infezioni ospedaliere. Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze

Eziologia, epidemiologia e prevenzione delle infezioni ospedaliere. Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze Eziologia, epidemiologia e prevenzione delle infezioni ospedaliere Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze OSPEDALE: SEMINARIUM MORTIS, THESAURUS INFECTIONIS (Gottfried Wilhelm

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1. TABELLA

Dettagli

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio 05 Ex DGPREV Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma Oggetto: Circolare Sorveglianza,

Dettagli

STUDIO DI PREVALENZA SULLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA E SULL USO DI ANTIBIOTICI Regione Lazio

STUDIO DI PREVALENZA SULLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA E SULL USO DI ANTIBIOTICI Regione Lazio STUDIO DI PREVALENZA SULLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA E SULL USO DI ANTIBIOTICI Regione Lazio Progetto AIFA. Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee Guida per l antibioticoprofilassi

Dettagli

Resistenze nelle strutture residenziali territoriali: Strategie di prevenzione.

Resistenze nelle strutture residenziali territoriali: Strategie di prevenzione. Resistenze nelle strutture residenziali territoriali: Strategie di prevenzione. Maria Mongardi Il contesto Ambiente : l aspetto socio-culturale degli operatori sanitari e socio-sanitari, la vita dell anziano

Dettagli

Epidemiologia delle Infezioni nosocomiali

Epidemiologia delle Infezioni nosocomiali CAPITOLO I Epidemiologia delle Infezioni nosocomiali S tudi condotti in tutto il mondo documentano che le infezioni nosocomiali sono una delle maggiori cause di morbilità e di mortalità (1-13). Una elevata

Dettagli

AO Cosenza UOC Microbiologia e Virologia. Epidemiologia Microbiologia e Virologia AO Cosenza

AO Cosenza UOC Microbiologia e Virologia. Epidemiologia Microbiologia e Virologia AO Cosenza AO Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Epidemiologia 2013 MICROORGANISMI ISOLATI NEL 2013 ACHROMOBACTER SPP. ACHROMOBACTER XYLOSOXIDANS ACINETOBACTER BAUMANNII ACINETOBACTER SPP. AGROBACTERIUM RADIOBACTER

Dettagli

Infezioni ospedaliere (IO)

Infezioni ospedaliere (IO) Infezioni ospedaliere (IO) Infezioni che non erano clinicamente manifeste né in incubazione al momento del ricovero. Le infezioni ospedaliere possono manifestarsi anche dopo la dimissione o essere presenti

Dettagli

I microrganismi isolati e l'osservatorio locale delle resistenze. Dott.ssa Franca Benini

I microrganismi isolati e l'osservatorio locale delle resistenze. Dott.ssa Franca Benini I microrganismi isolati e l'osservatorio locale delle resistenze Dott.ssa Franca Benini Osservatorio epidemiologico locale: le finalità Orientare la terapia empirica ragionata Sorvegliare l'antibiotico

Dettagli

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

LE INFEZIONI OSPEDALIERE

LE INFEZIONI OSPEDALIERE LE INFEZIONI OSPEDALIERE Le infezioni ospedaliere (IO) costituiscono una grande sfida ai sistemi di salute pubblica, perché sono un insieme piuttosto eterogeneo di condizioni diverse sotto il profilo microbiologico,

Dettagli

Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza

Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza 140-2006 Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza 2003-2005 Rischio infettivo 140-2006 Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza

Dettagli

Il controllo delle infezioni.

Il controllo delle infezioni. . L esperienza dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara. Dott.ssa Paola M. Antonioli Struttura Direzione Medica di Presidio Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara (e-mail: p.antonioli@ospfe.it)

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

La sorveglianza ed il controllo della legionellosi: le linee guida regionali

La sorveglianza ed il controllo della legionellosi: le linee guida regionali La sorveglianza ed il controllo della legionellosi: le linee guida regionali Fidenza 15 novembre 2008 LA SORVEGLIANZA ED IL CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE NOSOCOMIALI La legionellosi è stata

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO:RISCHI MICROBIOLOGICI E MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE PROF. G. Sansebastiano Dr.ssa R. Zoni Dr.ssa L. Bigliardi UNIVERSITA DI PARMA microrganismi

Dettagli

La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie. Dott. Andreas Kunze

La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie. Dott. Andreas Kunze La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie Dott. Andreas Kunze Staphylococcus aureus Klebsiella pneumoniae Pseudomonas aeruginosa Nuovi antibiotici? Contaminazione

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Indagine conoscitiva nazionale sulle attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere negli ospedali pubblici italiani Maria Luisa Moro (a), Claudia Gandin

Dettagli

Epidemie di infezioni correlate all assistenza sanitaria

Epidemie di infezioni correlate all assistenza sanitaria 123-2006 Epidemie di infezioni correlate all assistenza sanitaria Sorveglianza e controllo Rischio infettivo 123-2006 Epidemie di infezioni correlate all assistenza sanitaria Sorveglianza e controllo

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. Posizione Organizzativa - U.O Qualità, Accreditamento e Risk Mnagement-Contr.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. Posizione Organizzativa - U.O Qualità, Accreditamento e Risk Mnagement-Contr. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marnati Maria Grazia Data di nascita 28/01/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto AZIENDA

Dettagli

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo TORREGROSSA MARIA VALERIA 18, P.ZZA ALCIDE DE GASPERI, 90146, PALERMO Telefono 330373067 Fax 0916555226-3109

Dettagli

Epidemiologia delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie

Epidemiologia delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie Capitolo 3 Epidemiologia delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie Akeau Unahalekhaka Elementi chiave I pazienti sono esposti a rischi infettivi quando ricevono assistenza nelle strutture sanitarie,

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM

ALMA MATER STUDIORUM MATR. N. 0000314387 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA LA MEDICAZIONE NEI CATETERI VENOSI CENTRALI Elaborato finale in C.I. FISICA

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. II trimestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. II trimestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze II trimestre 2012 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

L OPERATORE PROFESSIONALE COORDINATORE E LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

L OPERATORE PROFESSIONALE COORDINATORE E LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE L OPERATORE PROFESSIONALE COORDINATORE E LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE a cura di: Gennaro Rocco Maria Matarese Maria Grazia Proietti Ausilia Maria Lucia Pulimeno 8 I PASVI -

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi Dati microbiologici I semestre 2016 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CHIRURGICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

Autori: dr. Giacomo Benedetti Resp. S.S. Anziani e Residenze D 2 dr.ssa Cristina Montesi Resp. S.S. Cure Ambulatoriali e Domiciliari D 3 dr.

Autori: dr. Giacomo Benedetti Resp. S.S. Anziani e Residenze D 2 dr.ssa Cristina Montesi Resp. S.S. Cure Ambulatoriali e Domiciliari D 3 dr. PREVENZIONE E GESTIONE DEL PAZIENTE CON COLONIZZAZIONE o INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI Autori: dr. Giacomo Benedetti Resp. S.S. Anziani e Residenze D 2 dr.ssa Cristina Montesi Resp. S.S. Cure Ambulatoriali

Dettagli

Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella

Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella Gestione del rischio clinico Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria, Direzione politiche sociali centrale e famiglia salute,

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI Rosalba Bona Può sembrare strano di dover enunciare come primo requisito di un ospedale quello di non arrecare danno al malato Florence Nightingale (1820-1910)

Dettagli

Azienda Ospedaliera Cosenza UOC Microbiologia e Virologia - Direttore dr. Cristina Giraldi 2014

Azienda Ospedaliera Cosenza UOC Microbiologia e Virologia - Direttore dr. Cristina Giraldi 2014 NEFROLOGIA / DIALISI 2014 RICHIESTE INDAGINI BATTERIOLOGIA indagine neg pos tot indagine neg pos tot ANTIGENE ADENOVIRUS 1 0 1 RICERCA M. TUBERCULOSIS COMPLEX MEDIANTE P.C.R. 5 0 5 ANTIGENE GALATTOMANNANO

Dettagli

Gestione del Paziente Colonizzato o con Infezione da Germi Sentinella

Gestione del Paziente Colonizzato o con Infezione da Germi Sentinella Pagina 1 di 10 Tipo di Documento Procedura Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro V. Crivaro, L. Pagano, A. Rispo, G. Sagliocco, R. Utili Contenuti: Applicazioni Responsabilità Premessa Modalità di contagio

Dettagli

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile VII Congresso Regionale A.N.I.M.O. Napoli 10 Aprile 2014 Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile Relatore Dott.ssa Marilù CIRILLO CLOSTRIDIUM DIFFICILE (CD) Batterio Gram Positivo

Dettagli

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO HOME PROFILASSI ANTIBIOTICA IN CHIRURGIA PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO Lo scopo della profilassi antibiotica in ambito chirurgico è quello di ridurre l'incidenza di infezioni post-operatorie

Dettagli

MRSA QUIZ. LA 9 GIORNATA DI FORMAZIONE IN TICINO Britt Vallini

MRSA QUIZ. LA 9 GIORNATA DI FORMAZIONE IN TICINO Britt Vallini Schweizerische Gesellschaft für Sterilgutversorgung Société de Stérilisation Hospitalière Società Svizzera di Sterilizzazione Ospedaliera MRSA QUIZ LA 9 GIORNATA DI FORMAZIONE IN TICINO Britt Vallini Domanda

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE ELABORATO FINALE Prevenzione delle

Dettagli

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE L'urina normale è sterile. L'isolamento di batteri nelle urine è legato alla colonizzazione batterica della mucosa del tratto urinario e/o dei reni. Le infezioni del tratto

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ISOLAMENTO DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI IN TERAPIA INTENSIVA

PROTOCOLLO PER L ISOLAMENTO DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI IN TERAPIA INTENSIVA ISTRUZIONE OPERATIVA n 3/2004 Revisione 0 PROTOCOLLO PER L ISOLAMENTO DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI IN TERAPIA INTENSIVA Ratificato dalla Commissione Aziendale per

Dettagli

Elementi per la pianificazione di un Sistema Aziendale per la prevenzione e la gestione delle ICA

Elementi per la pianificazione di un Sistema Aziendale per la prevenzione e la gestione delle ICA 1 Elementi per la pianificazione di un Sistema Aziendale per la prevenzione e la gestione delle ICA Ipotesi di Sistema Aziendale per la prevenzione e la gestione delle ICA. (documento sottoposto all attenzione

Dettagli

I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie. Dott. Oreste Caporale

I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie. Dott. Oreste Caporale I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie Dott. Oreste Caporale Indicano descrivono lo scopo le procedure di un attivit attività, (step( by, ciò step) che che deve i soggetti

Dettagli

Infezioni Ospedaliere: proposta per un progetto regionale in Toscana

Infezioni Ospedaliere: proposta per un progetto regionale in Toscana Infezioni Ospedaliere: proposta per un progetto regionale in Toscana A partire dal gennaio 2002 l Agenzia Regionale di Sanità e, in particolare, l Osservatorio per la Qualità, ha avviato un progetto per

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

Germi multiresistenti Profilo microbiologico

Germi multiresistenti Profilo microbiologico Germi multiresistenti Profilo microbiologico Valeria Gaia Servizio di microbiologia EOLAB Bellinzona Gli antibiotici Farmaci antibatterici - Battericidi (uccidono) - Batteriostatici (impediscono la crescita)

Dettagli

192 Health Information Technology e sistemi integrati di sorveglianza delle HCAI

192 Health Information Technology e sistemi integrati di sorveglianza delle HCAI ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica 192 RELAZIONI Health Information Technology e sistemi integrati di sorveglianza delle HCAI Lanzafame P, Gaino M, Ober P, Predazzer R U.O. Microbiologia

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006:

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006: OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006: L osservatorio epidemiologico locale fornisce una analisi periodica dei dati microbiologici e costituisce uno strumento

Dettagli

Le infezioni ospedaliere: elementi di epidemiologia e prevenzione

Le infezioni ospedaliere: elementi di epidemiologia e prevenzione Organizzazione Sanitaria 3-4/2004, 3-26 Le infezioni ospedaliere: elementi di epidemiologia e prevenzione 3 CLAUDIO CAPOZZI Medico di Direzione Sanitaria Aziendale, Azienda ospedaliera universitaria Policlinico

Dettagli

IL SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA REGIONE VENETO Progetto SISIOV -RISULTATI-

IL SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA REGIONE VENETO Progetto SISIOV -RISULTATI- Venezia-Mestre, 5 marzo 2004 Assessorato alla Politiche Sanitarie IL SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA REGIONE VENETO Progetto SISIOV -RISULTATI- Sistema Integrato di Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Dott.ssa Cristina Matranga Coordinamento Regionale Rischio Clinico INCIDENZA DI PAZIENTI INFETTI 5,2% IN ITALIA

Dettagli

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE LE POLMONITI DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONI LA POLMONITE Patologia acuta del parenchima polmonare associata a sintomi tipici dell infezione e presenza di infiltrato all Rx torace e/o quadro

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE

AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC Residenzialità extraospedaliera (17 Centri Servizi, SVP,

Dettagli

Rischi connessi alla gestione dell acqua. PremiaTerme,, 21/03/2012

Rischi connessi alla gestione dell acqua. PremiaTerme,, 21/03/2012 Rischi connessi alla gestione dell acqua PremiaTerme,, 21/03/2012 Rischi Fisico Chimico Biologico Rischi Fisici Ustioni Cadute Annegamento Rischi Chimici Acqua di immissione Bagnanti Residui dei trattamenti

Dettagli

LE INFEZIONI OSPEDALIERE

LE INFEZIONI OSPEDALIERE LE INFEZIONI OSPEDALIERE Definizione di infezione ospedaliera Ministero della sanita 1985 Per infezione acquisita in Ospedale si definisce un infezione contratta durante il ricovero in ospedale, che non

Dettagli

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Legionelle e Legionellosi: mito e realtà Ferrara, 28 settembre 2012 Epidemiologia della Legionellosi in Europa e in Italia Christian Napoli Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati 2 TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei VOL. 1, N. 1 GENNAIO Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei Introduzione Il sistema di sorveglianza

Dettagli

L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI. Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP

L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI. Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP critical care review Le polmoniti nosocomiali* L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP Le polmoniti

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. I trimestre Azienda Ospedaliera S.

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. I trimestre Azienda Ospedaliera S. Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze I trimestre 2012 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento Corso di Formazione aziendale: SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA A.S.L. CASERTA Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Dettagli

Il contributo dell organizzazione per implementare e migliorare le buone pratiche assistenziali per il controllo delle infezioni

Il contributo dell organizzazione per implementare e migliorare le buone pratiche assistenziali per il controllo delle infezioni Il contributo dell organizzazione per implementare e migliorare le buone pratiche assistenziali per il controllo delle infezioni dr. Simone Bradariolo Unità Locale Socio-Sanitaria Sanitaria 9 Treviso Pesaro,

Dettagli