Svolgimento del processo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Svolgimento del processo"

Transcript

1 ESTREMI: Corte di Cassazione Terzaa penale Data: Numero: La causa di forza maggiore per non aver esibito documenti richiesti dal fisco può essere invocata nel processo tributario e vale anche per quello penale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE Composta dagli III.mi Sigg.: l. Dott. Saverio F. Mannino 2. Dott. Amedeo Franco 3. Dott. Luca Ramacci 4. Dott.ssa Chiara Graziosi 5. Dott. Alessandro Androni o ha pronunciato la seguente SENTENZA ricorso proposto da avverso la sentenza emessa il 2 ottobre 2012 dalla corte d'appello di Milano; udita nella pubblica udienza del 13 novembre 2013 la relazione fatta dal Consigliere Amedeo Franco; udito il Pubblico Ministero in persona del Sostituto Procuratore Generale dott. Giuseppe Volpe, che ha concluso per il rigetto del ricorso~ uditi i difensori Svolgimento del processo Con la sentenza in epigrafe la Corte d'appello di Milano confermò la sentenza emessa l' dal giudice del tribunale di Como, sezione distaccata di Menaggio, che aveva dichiarato colpevole del reato di cui all'art. 3d. lgs. 10 marzo 2000, n. 74, perché, quale legale rappresentante della società S.p.a. (in liquidazione), al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, indicava nella dichiarazione annuale presentata per l'anno 2005 elementi attivi in materia di imposte sui redditi per un ammontare inferiore a quello effettivo, e lo aveva condannato alla pena di anni 2 di reclusione, oltre pene accessorie. DirittoItaliano.com - Tutti i diritti riservati - Autorità: Corte di Cassazione Terzaa penale Data: Numero: La contestazione era nata dal fatto che la documentazione fornita dalla parte alla amministrazione finanziaria era

2 incompleta. L'imputato aveva sostenuto che ciò era dipeso dal fatto che i documenti contabili si trovavano in un immobile della società il cui tetto di amianto era crollato per le infiltrazioni di acqua e che non era stato possibile recuperarli proprio la presenza di amianto. Aveva quindi invocato la causa di forza maggiore. La corte d'appello ha rigettato l'assunto difensivo osservando: - che l'avvenuto crollo era rimasto una mera affermazione di parte priva di prove; - che comunque l'assunto non esonerava l'imputato dal documentare i dati rilevanti per la dichiarazione dei redditi; - che non avendo l'imputato dimostrato quanto richiesto, doveva presumersi che volesse evadere il fisco; - che era irrilevante la pronuncia dei giudici tributari; - che l'imputato non aveva offerto prova della presenza della contabilità d'interesse nel luogo, pregiudicato dal crollo e non aveva prodotto duplicati della documentazione perduta; - che inoltre la personalità dell'imputato, oggetto di una sentenza di patteggiamento per lo stesso reato, deponeva per una condotta predeterminata all'evasione; - che non poteva applicarsi l'art. 45 cod. pen. laddove il comportamento soggettivo non fornisca adeguata giustificazione del fatto L'imputato propone ricorso per cassazione deducendo: l) violazione di legge per erronea mancata applicazione della causa di non punibilità prevista dall'art. 45 cod. pen. Ricorda innanzitutto che la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Como del 21 giugno 2011 riteneva pacificamente accertato l'accadimento del crollo dell'edificio adibito ad archivio contabile, con la conseguente statuizione che l'evento in questione avrebbe ben potuto integrare l'invocata causa di forza maggiore. Di conseguenza, era espressamente esclusa l'esistenza di dolo o colpa grave in capo al con definitiva revoca delle sanzioni irrogate dall'ufficio. Inoltre, anche il giudice di primo grado non aveva mosso contestazioni in relazione alla sussistenza del crollo. E' pertanto contraddittoria la sentenza impugnata laddove, da una parte, ha confermato la sentenza di primo grado che aveva accolto la giustificazione dell'imputato e condiviso la decisione della commissione tributaria e, da una altra parte, ha affermato che l'imputato avrebbe dovuto attivarsi per ricostruire completamente la propria documentazione fiscale e contabile. In sostanza la corte d'appello ha ritenuto che la causa di forza maggiore non sarebbe invocabile in materia tributaria. Lamenta quindi che la sentenza è innanzitutto incorsa in un errore di diritto atteso che l'art. 45 c.p. è indiscutibilmente applicabile a qualsivoglia fattispecie di reato, ed è del resto riprodotto dall'art. 6 D. L.vo 472/97, recante disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di nonne tributarie. In secondo luogo, è erroneo il parallelismo effettuato in motivazione con una non identificata sentenza di questa Corte che si riferiva ad una vicenda del tutto diversa. Inoltre, è erronea l 'affermazione che l'invocazione del crollo del magazzino sarebbe rimasta una mera dichiarazione di parte, atteso che il fatto storico del crollo è documentalmente provato ed affermato come avvenuto da parte del giudice di primo grado. Lamenta poi che la corte d'appello ha erroneamente applicato un principio proprio e tipico del diritto processuale tributario - ovverosia quello attinente all'onere della prova che è, in detta sede, posto a carico del contribuente - nell'ambito del diritto processuale penale, ossia al di fuori del proprio ambito. Nel processo penale, infatti vige il principio che è l 'accusa a dover fornire la prova della ipotesi di reato ipotizzata. E' pertanto erronea l 'affermazione per cui l'imputato doveva fornire la prova piena dell'effettiva verificazione dell'evento costituente causa esimente di cui all'art. 45 c.p. 2) erronea applicazione dell'art. 4 d. lgs. l O marzo 2000, n. 74 sotto il profilo dell'elemento soggettivo, e, in ogni modo, per mancanza di motivazione su tale punto. Osserva che la corte d'appello ha ritenuto la sua

3 responsabilità penale sulla base della sua mancata (solo parziale) attivazione ai fini del recupero della copia di tutta la documentazione contabile. Si è quindi configurata una sorta di "onere di dimostrazione [che costituisce una] parte integrante del dovere del contribuente", che discende dalla diretta applicazione dei principi generali di diritto tributario, ma che non può certamente essere tenuto in considerazione, in sede penale. La corte d'appello he aggiunto apoditticamente che l'esistenza del dolo richiesto dalla norma si desume dalla personalità dell'imputato quale emerge da precedenti penali. Ricorda quindi che il reato de quo è punito a titolo di dolo specifico. Nella specie è stato accertato che l 'imputato era materialmente impossibilitato a reperire la documentazione, irrimediabilmente contaminata dalle fibre di amianto liberatesi con il crollo del tetto. In sede penale non è possibile procedere per presunzioni. Quindi, la "mancata attivazione" potrebbe costituire - tutt'al più un mero rimprovero per colpa per non essersi utilmente "dato da fare" per tentare di recuperare tutta la documentazione utile alla ricostruzione della propria movimentazione fiscale. Pertanto, secondo anche quanto già ritenuto dal giudice di primo grado, l'asserita dichiarazione infedele rassegnata dal (Omissis) l'erario non discende da una cosciente e volontaria rappresentazione decettiva dei fatti, strumentalmente orientata a evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, ma da una sua colposa inattività che non ha poi consentito la doverosa ricostruzione documentale. E' poi pacifico che non si possa desumere l'elemento soggettivo del dolo specifico dalla mera sussistenza di precedenti giudizi a carico del medesimo imputato per reati simili o analoghi. Osserva anche che la prova della buona fede dell'imputato emerge anche dalla cronologia degli eventi. Motivazione Il ricorso è fondato. La sentenza impugnata è viziata da una certa confusione sulla differenza tra le valutazioni spettanti al giudice penale nell'ambito di un processo penale (nel quale vige il principio che l'onere della prova spetta all'accusa, anche in ordine all'elemento soggettivo del reato, che per il reato de quo è costituito dal dolo specifico) e quelle spettanti al giudice tributari.o nell'ambito del relativo processo (nel quale invece vige il principio che l'onere della prova è a carico del contribuente, applicandosi le presunzioni stabilite dalla normativa fiscale). Pertanto, non ogni eventuale violazione tributaria (che può anche sussistere sulla base di sole presunzioni) integra necessariamente il corrispondente reato (il cui accertamento non può fondarsi sulle presunzioni tributarie ma richiede che l'accusa fornisca la prova sia dell'elemento matenale sia dt quello psicologico). Nella specie la difesa ha sostenuto che la documentazione contabile delle spese detratte nella dichiarazione non era stata prodotta, allorché venne richiesta dalla Agenzia delle entrate, perché si twvava in un immobile della società il cui tetto di amianto era crollato nel gennaio 2008 per infiltrazioni d'acqua e non era stato possibile recuperarla proprio per la presenza di amianto. Aveva quindi dedotto l'esistenza di una causa di forza maggiore che comunque il suo comportamento non era stato dettato dal dolo specifico di evadere le imposte richiesto dalla norma penale. La corte d'appello ha invece ritenuto (pag. 5) che il dolo specifico di voler evadere il fisco sarebbe provato dalla «mancata dimostrazione di quanto richiestogli, da parte del contribuente». Innanzitutto la corte d'appello ha affermato che la tesi difensiva dell'avvenuto crollo del tetto e della consbguente perdita della documentazione contabile sarebbe rimasta una mera dichia1razione di parte priva di valenza probatoria. Si tratta però di una motivazione meramente apodittica. Ed infatti, sia nella stessa sentenza impugnata sia in quella di primo grado si legge che il crollo del tetto si era verificato nel gennaio12oe8 e che la società aveva regolarmente segnalato alla amministrazione finanziaria mediante comunicazione del quanto accaduto e la perdita della documentazione contabile conservata nell'edificio, tra cui quella relativa all'anno Ma soprattutto va ricordato che la sentenza della Commissione tributaria provinciale di Como del 21 giugno 2011 (acquisita al fascicolo del dibattimento) ha espressamente affermato che«... dato atto che risulta provato il crollo di un soffitto che ha reso inutilizzabili i documenti fiscali relativi all'anno in esame [2005]»; che «la Commissione ritiene provata l'esistenza nel caso concreto di una causa di forza maggiore che ha impedito al contribuente di esibire all'agenzia delle Entrate tutta la documentazione contabile e fiscale in originale (documentazione comunque in parte reperita durante il contenzioso)»; e che «i rilievi [di dichiarazione infedele] mossi con

4 l'accertamento trovano la loro motivazione nella mancata esibizione della documentazione andata perduta a causa del crollo del tetto in amianto del locale in cui essa era custodita». Conseguentemente la Commissione tributaria «visto l'art. 6, co. 5, D. Lgs , che stabilisce che 'non è punibile chi ha çommesso il fatto per forza maggiore' per cui l'assenza di dolo o colpa grave esclude la punibilità ha ritenuto relativamente alle violazioni accertate, «sussistere le cause di non punibilità di cui all'art. 6 D. Lgs. 472/97 e, pertanto, non applicabili al caso concreto le sanzioni irrogate dall'ufficio». A fronte quindi della statuizione del competente giudice tributario- che ha accertato l'effettivo crollo del tetto in amianto dell'edificio e quindi l'esistenza di una causa di forza maggiore e la mancanza di dolo o colpa grave nella mancata presentazione della documentazione contabile da parte del contribuente - l'affermazione della sentenza impugnata - secondo cui invece si tratterebbe di un mero assunto difensivo privo di qualsiasi riscontro e credibilità - appare del tutto immotivata. Il giudice penale potrebbe pure giungere ad un diverso accertamento in punto di fatto, ma ciò, nel caso in esame, richiederebbe una adeguata, congrua e specifica motivazione. La commissione tributaria, con la sentenza in esame - dopo avere ritenuto provato il crollo del soffitto e la perdita dei documenti e dopo avere ritenuto provata nel caso di specie l'esistenza di una causa di forza maggiore che ha impedito al contribuente di esibire all'agenzia delle entrate la documentazione originale indicata nella dichiarazione dei redditi presentata anni prima e pertanto l'assenza di dolo o colpa grave e la non applicabilità di sanzioni- ha poi correttamente osservato che tale situazione, se escludeva il dolo e la colpa grave e quindi l'applicazione di sanzioni amministrative, non poteva però impedire anche l'applicazione delle relative imposte, dal momento, che, secondo i principi tributari valevoli nel giudizio tributario, doveva ritenersi: - che il contribuente aveva comunque il dovere di attivarsi per ricostruire la propria documentazione; - che comunque al momento della verifica non aveva esibito tale documentazione in originale o in copia; - che l'onere di dimostrare i costi spetta al contribuente; - che ciò aveva legittimato l 'ufficio a rettificare la dichiarazione e ad accertare il reddito imponibile ai sensi dell'art. 39, comma l, lett. d) del d.p.r. 600/73. Se la richiamata sentenza del giudice tributario appare del tutto corretta e condivisibile, appare invece erronea l'affermazione del giudice di primo grado - poi pedissequamente seguita dalla corte d'appello - secondo cui «i principi di diritto tributario espressi dalla predetta motivazione sono integralmente condivisi e richiamati da questo giudice in sede penale», sicché andava escluso il caso di forza maggiore e ritenuto provato il dolo specifico di evadere le imposte. Al contrario, come già evidenziato, i principi di diritto tributario espressi dalla sentenza in questione non sono affatto applicabili in sede penale, nella quale l 'integrazione della fattispecie penale e l'esistenza del dolo specifico vanno accertati (e motivati) alla stregua dei diversi principi valevoli nel caso penale, fra i quali in particolare quello che non ci si può basare sulle presunzioni valevoli per l'accertamento dei redditi imponibili da parte dell'ufficio e quello che spetta invece all'accusa provare la sussistenza dell'elemento materiale (ossia la falsità della dichiarazione circa i costi detraibili) e di quello soggettivo. D' altra parte, sembrerebbe che le sentenze di merito abbiano ritenuto che il reato sia consistito nella mancata presentazione all'agenzia delle entrate della documentazione contabile relativa alla dichiarazioni dei redditi del Ora, questa mancata presentazione rileva in campo tributario e giustifica la rettifica della dichiarazione e l'accertamento d'ufficio del reddito imponibile secondo le norme fiscali, sicché giustamente l'imputato è stato condannato al pagamento delle relative imposte senza tener conto delle detrazioni non documentate. Il reato che costituisce oggetto dell 'accertarherlto da parte del giudice penale è invece costituito dalla falsità della dichiarazione commessa con il dolo specifico di evadere le imposte. Il reato si consuma al momento della dichiarazione ed occorre quindi provare che in quel momento il soggetto aveva il dolo di inserire dati falsi (spese non sostenute) al fine di Jvadere le imposte. Non potrebbe comunque il reato essere addebitato (come sembrerebbe aver fatto la sentenza impugnata) a titolo di colpa solo per non essersi attivato nella mancata ricostruzione della documentazione fiscale. La sentenza impugnata sembrerebbe essere incorsa anche nell'errore di ritenere che la causa di forza maggiore non sarebbe invocabile in materia tributaria. Per la verità la questione non è direttamente rilevante nella specie.

5 E difatti, la forza maggiore viene invocata come giustificazione per la mancata presentazione della documentazione ali' Agenzia delle entrate in sede di verifica. Sotto questo profilo, la citata sentenza della Commissìone tributaria provinciale ha esattamente ritenuto applicabile l'art. 6 del d.lgs. 4 72/ che stabilisce che non sono applicabili le sanzioni amministrative tributarie per le violazioni tributarie quando il fatto è commesso per forza maggiore- avendo appunto ritenuto che la mancata presentazione della documentazione era dovuta a forza maggiore. Nel presente giudizio penale, invece, il reato è costituito dalla presentazione -sorretta dal dolo specifico- della falsa dichiarazione e non dalla mancata esibizione dei documenti, sicché non sembra rilevare l'art. 45 cod. pen. (a meno che non si adduca che si sono esposte somme non deducibili per causa di forza maggiore) ma solo se sussisteva, al momento della dichiarazione, il dolo specifico, l'onere della cui prova spetta al PM. In realtà, quindi, si tratta non tanto di vedere se ricorrono gli estremi della forza maggiore bensì di vedere se vi sono elementi che contrastino gli eventuali elementi indiziari addotti dali' accusa per dimostrare il dolo specifico. In conclusione, giustamente il ricorrente osserva che non è consentito ritenere sussistente la penale responsabilità in ordine al reato contestato di dichiarazione infedele, di cui all'art. 4 del d. lgs. l O marzo 2000, n. 74, sulla base di un diverso elemento psicologico costitutito della fattispecie: colpa e non dolo specifico. L'incriminazione de qua, invero, punisce tipicamente la condotta cosciente e volontaria di chiunque rilasci all'erario una dichiarazione mendace (infedele), al fine di evadere il fisco. Nella specie, quindi, occorre dimostrare che la dichiarazione dell'imputato era infedele per una cosciente e volontaria rappresentazione decettiva dei fatti, strumentalmente orientata a evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto. Non è dunque sufficiente affermare che il reato deriverebbe da una colposa inattività che non ha consentito la doverosa ricostruzione documentale, senza accertare che era l'infedeltà della dichiarazione a derivare da un volontario atteggiamento psichico, finalizzato appunto all'evasione fiscale. E' poi chiaramente erronea la motivazione laddove afferma che «depone per una condotta pienamente consapevole, predeterminata e funzionale al! 'esigenza di evadere le imposte», anche la «personalità dell'imputato quale emerge dai precedenti [penali] evidenziati dal Giudice di prime cure, fra cui altra sentenza ex art. 444 c.p.p. (sentenza G(P Como 28110/JO)per lo stesso reato relativo ad altre annualità». E' infatti evidente che la prova dell'elemento soggettivo del dolo specifico non può essere data dalla sussistenza di precedenti giudizi a carico del medesimo imputato per reati simili o analoghi. Invero, in ciascun procedimento penale deve essere autonomamente allegata la prova di tutti gli elementi costitutivi della fattispecie invocata in giudizio, senza desumerla da altri procedimenti (a maggior ragione laddove celebrati con rito speciale). La sentenza impugnata deve dunque l essere annullata per vizio di motivazione con rinvio ad altra sezione della corte d'appello di Milano per nuovo esame. PQM annulla la sentenza impugnata con rinvio ad altra sezione della corte d'appello di Milano. Così deciso in Roma, nella sede della Corte Suprema di Cassazione, il 13 novembre 2013.

Stupefacenti. Ha 20 gr. di marijuana: è spaccio? Cassazione, sez. V, 9 febbraio 2012, n. 5000

Stupefacenti. Ha 20 gr. di marijuana: è spaccio? Cassazione, sez. V, 9 febbraio 2012, n. 5000 STUPEFACENTI. HA 20 GR. DI MARIJUANA: È SPACCIO? Cassazione, sez. V, 9 febbraio 2012, n. 5000 In materia di stupefacenti il superamento dei limiti massimi indicati nel decreto ministeriale, cui fa riferimento

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 12 MARZO 2013, N : lavori edilizi in zona sismica.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 12 MARZO 2013, N : lavori edilizi in zona sismica. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 12 MARZO 2013, N. 11523: lavori edilizi in zona sismica. «Deve, infatti, ribadirsi che il reato di omessa denuncia di lavori edilizi da eseguirsi in

Dettagli

E nulla la cartella di pagamento recante la sola indicazione omesso o carente

E nulla la cartella di pagamento recante la sola indicazione omesso o carente E nulla la cartella di pagamento recante la sola indicazione omesso o carente versamento dell imposta Nota a Corte di Cassazione n. 20211 del 3 settembre 2013. Avv. Leonardo Leo SOMMARIO: 1. La decisione;

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 35 22.05.2014 Omessi versamenti. La prova è nel 770 La SC conferma la condanna a carico dell imprenditore Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

I datori di lavoro devono conservare gli attestati della avvenuta formazione

I datori di lavoro devono conservare gli attestati della avvenuta formazione I datori di lavoro devono conservare gli attestati della avvenuta formazione Con la Sentenza 9 settembre 2014 n. 37312, la Quarta Sezione Penale della Suprema Corte ha affermato che i datori di lavoro

Dettagli

SEZIONE PRIMA CIVILE. Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

SEZIONE PRIMA CIVILE. Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Cassazione civile sez. I 30/06/2014 n. 14790 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. RORDORF Renato - Presidente - Dott. BERNABAI Renato - Consigliere

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 3, 15 febbraio 2011, n. 5604 - Impastatrice non idonea ai fini della sicurezza

Cassazione Penale, Sez. 3, 15 febbraio 2011, n. 5604 - Impastatrice non idonea ai fini della sicurezza Cassazione Penale, Sez. 3, 15 febbraio 2011, n. 5604 - Impastatrice non idonea ai fini della sicurezza - Datore di Lavoro - Macchina ed Attrezzatura di Lavoro - Lavoratore Responsabilità della amministratrice

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 5042 Anno 2015 Presidente: MERONE ANTONIO Relatore: MELONI MARINA Data pubblicazione: 13/03/2015 SENTENZA sul ricorso 11500-2009 proposto da: FIDIA FARMACEUTICI SPA in persona

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 3 Num. 17991 Anno 2014 Presidente: SQUASSONI CLAUDIA Relatore: ANDRONIO ALESSANDRO MARIA Data Udienza: 21/01/2014 SENTENZA sul ricorso proposto da Ciccone Michele, nato 1'8 maggio 1963

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE. Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Rel. Consigliere ORDINANZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE. Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Rel. Consigliere ORDINANZA LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta da: Bruno BIANCHINI Lorenzo ORILIA Antonio ORICCHIO Alberto GIUSTI Dario CAVALLARI Presidente Rel. R.G. 29912/2014 Cron. 2 v Rep. C.C. 23/6/2017

Dettagli

Cass. civ. Sez. V, Sent., , n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA

Cass. civ. Sez. V, Sent., , n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Cass. civ. Sez. V, Sent., 12-11-2014, n. 24097 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI BLASI

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 17 GENNAIO 2014, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 17 GENNAIO 2014, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 17 GENNAIO 2014, N. 1786: la sanzione per la mancata comunicazione all Autorità competente dei dati relativi alle emissioni in atmosfera di impianti

Dettagli

Nel procedimento penale la sentenza tributaria è una prova solo se definitiva

Nel procedimento penale la sentenza tributaria è una prova solo se definitiva Nel procedimento penale la sentenza tributaria è una prova solo se definitiva Autore: Graziotto Fulvio In: Diritto penale, Diritto tributario Decisione: Sentenza n. 6113/2016 Cassazione penale - Sezione

Dettagli

La legge sul processo lungo

La legge sul processo lungo La legge sul processo lungo Gli articoli del codice di procedura penale e della L. 354/1975 nel testo attualmente vigente e con le modifiche previste dal disegno di legge 2567 (Modifiche agli articoli

Dettagli

Cass /09: Il Ricorso al Prefetto preclude l'emissione della Cartella esattoriale

Cass /09: Il Ricorso al Prefetto preclude l'emissione della Cartella esattoriale In pendenza del ricorso al Prefetto, ex art. 283 del Codice della Strada, avverso verbale di accertamento di violazione alle norme del C.d.S., è preclusa la possibilità di emissione della cartella esattoriale,

Dettagli

Mancato versamento di ritenute dei dipendenti: come evitare la condanna penale

Mancato versamento di ritenute dei dipendenti: come evitare la condanna penale Mancato versamento di ritenute dei dipendenti: come evitare la condanna penale Se paga le ritenute previdenziali dei lavoratori, il datore è libero dalla condanna. Il versamento deve avvenire entro 3 mesi

Dettagli

Cassazione penale: ruscellamento, scarico o rifiuto liquido?

Cassazione penale: ruscellamento, scarico o rifiuto liquido? Cassazione penale: ruscellamento, scarico o rifiuto liquido? Per scarico si deve intendere qualsiasi immissione effettuata esclusivamente tramite un sistema stabile di collettamento che collega senza soluzione

Dettagli

Cass. civ. Sez. V, Sent., 12-11-2014, n. 24096 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA

Cass. civ. Sez. V, Sent., 12-11-2014, n. 24096 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Cass. civ. Sez. V, Sent., 12-11-2014, n. 24096 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MERONE Antonio

Dettagli

Udita in pubblica udienza la relazione del Consigliere Dott. Alfredo Maria Lombardi;

Udita in pubblica udienza la relazione del Consigliere Dott. Alfredo Maria Lombardi; Corte di Cassazione - Sezione III Penale Sentenza del 6 febbraio 2009, n. 5490 Integrale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE III SEZIONE PENALE Composta dagli

Dettagli

Cass. pen. Sez. III, Sent., (ud ) , n Svolgimento del processo

Cass. pen. Sez. III, Sent., (ud ) , n Svolgimento del processo Cass. pen. Sez. III, Sent., (ud. 26-06-2014) 26-01-2015, n. 3367 Svolgimento del processo Riformando integralmente la precedente sentenza emessa dal Tribunale di Genova, la competente Corte di appello

Dettagli

Dentro la Notizia. 10 Aprile 2013

Dentro la Notizia. 10 Aprile 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 50/2013 APRILE/6/2013 (*) 10 Aprile 2013 LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 23 APRILE 2015, N : violazione di sigilli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 23 APRILE 2015, N : violazione di sigilli CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 23 APRILE 2015, N. 16900: violazione di sigilli «il reato di violazione di sigilli previsto dall art. 349 c.p. si distingue dall ipotesi di agevolazione

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 29 marzo 2011, n Guida di una betoniera e obbligo di formazione

Cassazione Penale, Sez. 4, 29 marzo 2011, n Guida di una betoniera e obbligo di formazione Cassazione Penale, Sez. 4, 29 marzo 2011, n. 12705 - Guida di una betoniera e obbligo di formazione - Datore di Lavoro - Informazione, Formazione, Addestramento - Lavoratore - Macchina ed Attrezzatura

Dettagli

Violenza privata sulla fidanzata? Se occasionale va esclusa la punibilità per particolare tenuità del fatto

Violenza privata sulla fidanzata? Se occasionale va esclusa la punibilità per particolare tenuità del fatto Violenza privata sulla fidanzata? Se occasionale va esclusa la punibilità per particolare tenuità del fatto Tirata d'orecchie della cassazione ai giudici dell'appello che hanno omesso di considerare l'applicabilità

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 21152 Anno 2017 Presidente: ARMANO ULIANA Relatore: PELLECCHIA ANTONELLA Data pubblicazione: 12/09/2017 ORDINANZA sul ricorso 18589-2016 proposto da: MARRAS ANDREA GIOVANNI, elettivamente

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 11001 Anno 2016 Presidente: GRECO ANTONIO Relatore: LOCATELLI GIUSEPPE Data pubblicazione: 27/05/2016 SENTENZA sul ricorso 2018-2012 proposto da: PAST SRL IN LIQUIDAZIONE in persona

Dettagli

Mercoledì 27 Aprile :35 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Aprile :35

Mercoledì 27 Aprile :35 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Aprile :35 Cassazione Penale, Sez. 4, 12 aprile 2011, n. 14686 - Escavatore sprovvisto della cabina di protezione del Cassazione Penale, Sez. 4, 12 aprile 2011, n. 14686 - Escavatore sprovvisto della cabina di protezione

Dettagli

15,037/16 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA. SEZIONE CIVILE. Dott. ANIELLO NAPPI - Presidente -

15,037/16 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA. SEZIONE CIVILE. Dott. ANIELLO NAPPI - Presidente - 15,037/16 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA. SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ANIELLO NAPPI - Presidente - Dott. ANTONIO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SECONDA SEZIONE CIVILE. - Rel. Consigliere - Od. 26/10/2016 SENTENZA NADIA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SECONDA SEZIONE CIVILE. - Rel. Consigliere - Od. 26/10/2016 SENTENZA NADIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto 2~5' 4.4 ve, R *nmedwr--e ocu=nletri i"z",mmr.e R.G.N.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 6 Num. 18174 Anno 2016 Presidente: PETITTI STEFANO Relatore: PICARONI ELISA Data pubblicazione: 16/09/2016 SENTENZA sul ricorso 1734-2015 proposto da: ZAMBANO TULLIO DOMENICO, elettivamente

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 11965 Anno 2016 Presidente: CHINDEMI DOMENICO Relatore: MELONI MARINA Data pubblicazione: 10/06/2016 SENTENZA sul ricorso 8067-2014 proposto da: COMUNE DI CEFALU' in persona del

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 13735 Anno 2015 Presidente: DI BLASI ANTONINO Relatore: MELONI MARINA Data pubblicazione: 03/07/2015 SENTENZA sul ricorso 5624-2010 proposto da: COMUNE DI CARTIGLIANO in persona

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE. Cass /2014. Raccomandata inviata a mezzo ufficio postale: effetti

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE. Cass /2014. Raccomandata inviata a mezzo ufficio postale: effetti Con la sentenza di seguito riportata, la Corte di Cassazione ha confermato il principio secondo il quale l'atto di costituzione in mora del debitore, per produrre i suoi effetti ed, in particolare, l'effetto

Dettagli

Cassazione penale, sez. III, 09/11/2011, (ud. 09/11/2011, dep.15/12/2011), n

Cassazione penale, sez. III, 09/11/2011, (ud. 09/11/2011, dep.15/12/2011), n Cassazione penale, sez. III, 09/11/2011, (ud. 09/11/2011, dep.15/12/2011), n. 46636 Fatto SVOLGIMENTO DEL PROCESSO La Corte di Appello di Napoli, con sentenza emessa il 07/12/010, confermava la sentenza

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 24 OTTOBRE 2012, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 24 OTTOBRE 2012, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 24 OTTOBRE 2012, N. 41484: titolare del potere di ordinare lo sgombero dell immobile sequestrato è il pubblico ministero. «questa Corte Suprema (Cass.

Dettagli

LA RIFORMA ORLANDO SULLA GIUSTIZIA PENALE MODIFICHE AL CODICE PENALE E AL CODICE DI PROCEDURA PENALE

LA RIFORMA ORLANDO SULLA GIUSTIZIA PENALE MODIFICHE AL CODICE PENALE E AL CODICE DI PROCEDURA PENALE STRUTTURA TERRITORIALE DEL DISTRETTO DI ANCONA LA RIFORMA ORLANDO SULLA GIUSTIZIA PENALE MODIFICHE AL CODICE PENALE E AL CODICE DI PROCEDURA PENALE LE MODIFICHE introdotte dalla L. 103/2017 con particolare

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. V penale, sentenza 9 ottobre 7 dicembre 2015, n Presidente lombardi Relatore Amatore Ritenuto in fatto

Corte di Cassazione, sez. V penale, sentenza 9 ottobre 7 dicembre 2015, n Presidente lombardi Relatore Amatore Ritenuto in fatto Corte di Cassazione, sez. V penale, sentenza 9 ottobre 7 dicembre 2015, n. 48346 Presidente lombardi Relatore Amatore Ritenuto in fatto Con la sentenza impugnata la Corte di Appello di Genova aveva, in

Dettagli

I COMMENTI - anno

I COMMENTI - anno Estensione del concetto di fatture false Organo: CORTE DI CASSAZIONE Numero atto: SENTENZA N. 38754 DEL 04 OTTOBRE 2012 Sintesi : Nella sentenza in commento si sottolinea la necessità di allargare il concetto

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 17435 Anno 2015 Presidente: STILE PAOLO Relatore: MAISANO GIULIO Data pubblicazione: 02/09/2015 SENTENZA sul ricorso 28235-2013 proposto da: DEL NATALE ROBERTO C.F. DLNRRT61H501M,

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 3, 20 gennaio 2011, n Valutazione rischio amianto

Cassazione Penale, Sez. 3, 20 gennaio 2011, n Valutazione rischio amianto Cassazione Penale, Sez. 3, 20 gennaio 2011, n. 1791 - Valutazione rischio amianto - Amianto - Valutazione dei Rischi Responsabilità dei legali rappresentanti della ditta I. per non aver valutato adeguatamente

Dettagli

Mercoledì 20 Aprile :19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Aprile :31

Mercoledì 20 Aprile :19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Aprile :31 Cassazione Penale, Sez. 4, 07 aprile 2011, n. 13759 - Mancanza in cantiere dei mezzi di protezione atti ad e Cassazione Penale, Sez. 4, 07 aprile 2011, n. 13759 - Mancanza in cantiere dei mezzi di protezione

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 4 Num. 22190 Anno 2011 Presidente: ZECCA GAETANINO Relatore: MARINELLI FELICETTA Data Udienza: 05/05/2011 sul ricorso proposto da: SENTENZA 1) LOMBARDO ALESSANDRO N. IL 06/04/1990 2)

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 18 OTTOBRE 2017, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 18 OTTOBRE 2017, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 18 OTTOBRE 2017, N. 47917: sulla prescrizione dell ordine di demolizione del manufatto abusivo e la sua esecuzione. «In materia di reati concernenti

Dettagli

Fiscal News N Omessa IVA. Soglia di punibilità allineata all infedele dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N Omessa IVA. Soglia di punibilità allineata all infedele dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 110 11.04.2014 Omessa IVA. allineata all infedele dichiarazione Il mancato versamento commesso fino al 17 settembre 2011 è punibile solo se l

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Relatore - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Relatore - SENTENZA 9 8 7 9 / 1 6 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE PENALE Composta da Giovanni Conti Maurizio Gianesini Angelo Costanzo Anna Criscuolo Gaetano De

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 20055 Anno 2015 Presidente: MERONE ANTONIO Relatore: MELONI MARINA Data pubblicazione: 07/10/2015 SENTENZA sul ricorso 28590-2010 proposto da: SERIT SICILIA SPA AGENTE RISCOSSIONE

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Alli Penale Sent. Sez. 3 Num. 12188 Anno 2016 Presidente: AMORESANO SILVIO Relatore: LIBERATI GIOVANNI Data Udienza: 12/01/2016 SENTENZA sul ricorso proposto da Monticelli Antonio, nato a Oria il 10/9/1951

Dettagli

Deposito incontrollato di fresato

Deposito incontrollato di fresato Deposito incontrollato di fresato Sentenza Corte di Cassazione 7 settembre 2016 Massima ( ) i materiali bituminosi provenienti da escavazione o demolizione stradale non sono riconducibili all'interno della

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 19 MAGGIO 2014, N : le condizioni che rilevano per qualificare un veicolo fuori uso.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 19 MAGGIO 2014, N : le condizioni che rilevano per qualificare un veicolo fuori uso. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 19 MAGGIO 2014, N. 20492: le condizioni che rilevano per qualificare un veicolo fuori uso. «per qualificare un veicolo fuori uso e quindi rifiuto speciale,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 6764 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: ESPOSITO LUCIA Data pubblicazione: 07/04/2016 SENTENZA sul ricorso 10027-2013 proposto da: AUCHAN SPA C.F. 03349310965, in persona

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 19 APRILE 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 19 APRILE 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 19 APRILE 2013, N. 18266: confisca del mezzo appartenente al terzo estraneo al reato ed onere della prova. «come reiteratamente affermato dalla giurisprudenza

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 2065 Anno 2016 Presidente: CAPPABIANCA AURELIO Relatore: VIRGILIO BIAGIO Data pubblicazione: 03/02/2016 SENTENZA sul ricorso proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del

Dettagli

LA SOSPENSIONE CAUTELARE NEI GIUDIZI D IMPUGNAZIONE

LA SOSPENSIONE CAUTELARE NEI GIUDIZI D IMPUGNAZIONE MASTER IN DIFESA TRIBUTARIA E ASSISTENZA AL CONTRIBUENTE LA SOSPENSIONE CAUTELARE NEI GIUDIZI D IMPUGNAZIONE (Corte Cost. n. 110/2010 e n. 109/2012; Cass. n. 2845/2012) ANTONIO SIMONE (già Presidente della

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 28 marzo 2011, n Disturbo ansioso-depressivo misto: Mobbing

Cassazione Penale, Sez. 4, 28 marzo 2011, n Disturbo ansioso-depressivo misto: Mobbing Cassazione Penale, Sez. 4, 28 marzo 2011, n. 12462 - Disturbo ansioso-depressivo misto: Mobbing - Mobbing REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUARTA PENALE

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2015, N. 27587: acquisizione gratuita dell opera abusiva al patrimonio disponibile del Comune e ordine di demolizione «l acquisizione gratuita

Dettagli

Acquisto di prodotti contraffatti: nessuna responsabilità' penale

Acquisto di prodotti contraffatti: nessuna responsabilità' penale STUDIO LEGALE AVV. ELISABETTA DORO VIA CARLO SIGONIO 2 40137 BOLOGNA TEL. 051.346996 FAX 051.7160309 E-mail: info@studiolegaledoro.it Sito internet: www.studiolegaledoro.it Acquisto di prodotti contraffatti:

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 12 OTTOBRE 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 12 OTTOBRE 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 12 OTTOBRE 2015, N. 40783: nel decreto di sequestro probatorio vanno sempre indicate le ragioni probatorie che giustificano l apposizione del vincolo,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 3987 Anno 2017 Presidente: VIRGILIO BIAGIO Relatore: ESPOSITO ANTONIO FRANCESCO Data pubblicazione: 15/02/2017 SENTENZA sul ricorso 3491-2012 proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 5 21.01.2016 Dichiarazione infedele: nuove soglie retroattive Il favor rei cancella il reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari

Dettagli

dirittifondamentali.it stato di bisogno obblighi di assistenza art. 570 c.p. riduzione assegno di mantenimento

dirittifondamentali.it stato di bisogno obblighi di assistenza art. 570 c.p. riduzione assegno di mantenimento dirittifondamentali.it «La riduzione dell importo dell assegno di mantenimento mensile non è circostanza sufficiente a provare lo stato di bisogno dell ex coniuge e dei figli minori ai fini della configurabilità

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 7883 Anno 2016 Presidente: DI AMATO SERGIO Relatore: LOCATELLI GIUSEPPE Data pubblicazione: 20/04/2016 SENTENZA sul ricorso 12779-2010 proposto da: LA GONA ALESSANDRO domiciliato

Dettagli

Le variazioni ai giudizi di impugnazione

Le variazioni ai giudizi di impugnazione Le variazioni ai giudizi di impugnazione In nero sono evidenziate le modifiche apportate dal Dl 83/2012 convertito dalla legge 134/2012 Articolo 342 Forma dell appello L appello si propone con citazione

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 2869 Anno 2017 Presidente: SPIRITO ANGELO Relatore: TADDEI MARGHERITA Data pubblicazione: 03/02/2017 SENTENZA sul ricorso 21517-2012 proposto da: INCARNATO FABIO, elettivamente

Dettagli

Accertamento analitico-induttivo: l'ufficio non può prescindere dai dati contabili

Accertamento analitico-induttivo: l'ufficio non può prescindere dai dati contabili Accertamento analitico-induttivo: l'ufficio non può prescindere dai dati contabili Autore: Graziotto Fulvio In: Diritto tributario, Note a sentenza A differenza del metodo induttivo puro, con il metodo

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 11 DICEMBRE 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 11 DICEMBRE 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 11 DICEMBRE 2015, N. 48953: il verbale di sequestro è atto irripetibile che va inserito nel fascicolo per il dibattimento. La confisca ha natura di

Dettagli

Conseguentemente gli operanti avevano proceduto alla obbligatoria contestazione della violazione di cui all'art. 187, co. 8, C.d.S..

Conseguentemente gli operanti avevano proceduto alla obbligatoria contestazione della violazione di cui all'art. 187, co. 8, C.d.S.. In tema di sospensione della patente di guida merita di essere segnalata una recente pronuncia della Corte di Cassazione, IV sezione penale, sentenza n. 14169, depositata lo scorso 8 aprile e relativa

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 2076 Anno 2016 Presidente: MERONE ANTONIO Relatore: MELONI MARINA Data pubblicazione: 03/02/2016 SENTENZA sul ricorso 6973-2010 proposto da: BIANCO BRUNA nq di titolare dell'omonima

Dettagli

Sem. N tyiy&qi C. O^oS-Zoi> oggi CanecHicre REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TERMINIIMERESE SEZIONE PENALE

Sem. N tyiy&qi C. O^oS-Zoi> oggi CanecHicre REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TERMINIIMERESE SEZIONE PENALE Sem. N tyiy&qi C R.G.N.R. 3155/10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TERMINIIMERESE SEZIONE PENALE in composizione monocratica, in persona della dr.ssa Sara Marino, alla udienza

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2017, n. 969

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2017, n. 969 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2017, n. 969 Stranieri - Matrimonio - Cittadinanza italiana - Separazione di fatto Irrilevante Fatti di causa La Corte d'appello di Firenze, confermando la sentenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 08-01-2014, n. 172 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. LAMORGESE

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - sentenza n / omissis - Fatto

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - sentenza n / omissis - Fatto SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - sentenza n. 16059/2014 - omissis - Fatto 1. Con sentenza del 14 dicembre 2011 la corte di appello di Milano ha confermato la sentenza del Gip che, all esito di giudizio celebrato

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 18737 Anno 2017 Presidente: NAPPI ANIELLO Relatore: DI VIRGILIO ROSA MARIA Data pubblicazione: 27/07/2017 ORDINANZA sul ricorso 22254-2016 proposto da: OMONKHEGBELE MOSES, elettivamente

Dettagli

, IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE R.G.N /2009

, IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE R.G.N /2009 04674.15 REPUBBLICA ITALIANA Oggetto., IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE R.G.N. 18669/2009 SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati : C.ron.4 ~ l'-; Rep. Dott. GA3RIELLA

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 20979 Anno 2015 Presidente: PICCININNI CARLO Relatore: CIRILLO ETTORE Data pubblicazione: 16/10/2015 SENTENZA sul ricorso 11101-2010 proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE in persona

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 1 05.01.2017 Accertamento: il termine di 60 giorni per emettere l atto decorre dall ultimo accesso A cura di Paola Mauro Categoria: Accertamento

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 1 Num. 13937 Anno 2017 Presidente: DI TOMASSI MARIASTEFANIA Relatore: APRILE STEFANO Data Udienza: 09/03/2017 SENTENZA sul ricorso proposto da: Procuratore generale della Repubblica presso

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 6 Num. 13004 Anno 2015 Presidente: CICALA MARIO Relatore: CRUCITTI ROBERTA Data pubblicazione: 23/06/2015 SENTENZA sul ricorso 28381-2013 proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE 11210661002,

Dettagli

Cassazione civile, Sezione lavoro, 15 giugno 2010, n

Cassazione civile, Sezione lavoro, 15 giugno 2010, n Cassazione civile, Sezione lavoro, 15 giugno 2010, n. 14350 Svolgimento del processo e Motivi della decisione La dott.ssa C.M., a seguito di concorso pubblico, il 18 settembre 2000 fu assunta con contratto

Dettagli

Nulla la cartella di pagamento non preceduta dalla comunicazione dell esito del controllo formale ex art. 36-ter d.p.r. 600/1973:

Nulla la cartella di pagamento non preceduta dalla comunicazione dell esito del controllo formale ex art. 36-ter d.p.r. 600/1973: Nulla la cartella di pagamento non preceduta dalla comunicazione dell esito del controllo formale ex art. 36-ter d.p.r. 600/1973: La Suprema Corte, dopo gli ultimi arresti in materia, prosegue sul filone

Dettagli

Adesione ai verbali di constatazione di cui all'art. 5 bis D.LGS. 218/97

Adesione ai verbali di constatazione di cui all'art. 5 bis D.LGS. 218/97 Adesione ai verbali di constatazione di cui all'art. 5 bis D.LGS. 218/97 Autore: sentenza In: Magistratura tributaria Fatto e diritto. La società *** s.r.l., in sede in Ragusa, in persona del suo legale

Dettagli

Cass. civ. Sez. V, Sent., , n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA

Cass. civ. Sez. V, Sent., , n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Cass. civ. Sez. V, Sent., 08 10 2014, n. 21195 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIRGILIO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE. Dott. MARIA MARGHERITA CHIARINI - Presidente -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE. Dott. MARIA MARGHERITA CHIARINI - Presidente - foriginale1 REPUBBLICA ITALIANA 3, 7 6 8 / 2 0 1 7 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MARIA MARGHERITA CHIARINI

Dettagli

Cassazione penale sez. V, 28/09/2012 nr

Cassazione penale sez. V, 28/09/2012 nr Cassazione penale sez. V, 28/09/2012 nr. 42484 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FERRUA Giuliana - Presidente - Dott. SAVANI Piero - Consigliere

Dettagli

Cass /2016. Insidia stradale: il danneggiato non deve provare la pericolosità della strada.

Cass /2016. Insidia stradale: il danneggiato non deve provare la pericolosità della strada. Al fine di stabilire come debba ripartirsi l'onere della prova tra danneggiato e custode, nei casi in cui si applichi l'art. 2051 c.c., la Corte di Cassazione, da diverso tempo, ha distinto due ipotesi.

Dettagli

OGGETTO: Il termine del per gli accertamenti

OGGETTO: Il termine del per gli accertamenti Informativa per la clientela di studio N. 165 del 11.12.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il termine del 31.12 per gli accertamenti Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo,

Dettagli

Prescrizione in caso di frodi IVA: con atti interruttivi si riparte da zero

Prescrizione in caso di frodi IVA: con atti interruttivi si riparte da zero Prescrizione in caso di frodi IVA: con atti interruttivi si riparte da zero Autore: Graziotto Fulvio In: Diritto penale, Diritto tributario Nel caso delle frodi IVA la disciplina italiana sulla prescrizione

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 13861 Anno 2016 Presidente: DIDONE ANTONIO Relatore: ACIERNO MARIA Data pubblicazione: 07/07/2016 SENTENZA sul ricorso 17811-2010 proposto da: UNICREDIT CREDIT MANAGEMENT BANK

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 5039 Anno 2015 Presidente: MERONE ANTONIO Relatore: MELONI MARINA Data pubblicazione: 13/03/2015 SENTENZA sul ricorso 24741-2010 proposto da: ASSOCIAZIONE SPORTIVA ROMA SPA in

Dettagli

«Il danno alla reputazione va provato da chi ne chiede il risarcimento» (Cassazione civile sez. III, 30 settembre 2014, n )

«Il danno alla reputazione va provato da chi ne chiede il risarcimento» (Cassazione civile sez. III, 30 settembre 2014, n ) «Il danno alla reputazione va provato da chi ne chiede il risarcimento» (Cassazione civile sez. III, 30 settembre 2014, n. 20558) danni reputazione risarcimento prova - in genere Il danno alla reputazione

Dettagli

La CTP di Lecce applica il principio di non contestazione (art. 115 cpc) dando torto all agenzia delle entrate

La CTP di Lecce applica il principio di non contestazione (art. 115 cpc) dando torto all agenzia delle entrate ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 31/05/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/35110-la-ctp-di-lecce-applica-il-principio-di-noncontestazione-art-115-cpc-dando-torto-all-agenzia-delle-entrate Autore:

Dettagli

di ogni altro atto antecedente, successivo, dipendente, presupposto o comunque connesso.

di ogni altro atto antecedente, successivo, dipendente, presupposto o comunque connesso. Pubblicato il 15/11/2016 N. 01412/2016 REG.PROV.COLL. N. 00976/2016 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione

Dettagli

OPERAZIONI INESISTENTI: LA PROVA DELLA VERIDICITA DELLE OPERAZIONI SPETTA AI CONTRIBUENTI

OPERAZIONI INESISTENTI: LA PROVA DELLA VERIDICITA DELLE OPERAZIONI SPETTA AI CONTRIBUENTI OPERAZIONI INESISTENTI: LA PROVA DELLA VERIDICITA DELLE OPERAZIONI SPETTA AI CONTRIBUENTI a cura di Roberta De Marchi Con sentenza n. 19823 del 15 settembre 2009 (dep. il 30 marzo 2009), la Corte di Cassazione,

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 3, 27 aprile 2011, n. 16436 - Responsabilità del

Cassazione Penale, Sez. 3, 27 aprile 2011, n. 16436 - Responsabilità del Cassazione Penale, Sez. 3, 27 aprile 2011, n. 16436 - Responsabilità del produttore-venditore di ponteggi movibili non conformi alle norme, anche se non utilizzati - Attrezzatura di Lavoro Responsabilità

Dettagli

Scritto da Ciro Tadicini Mercoledì 07 Marzo :20 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Marzo :30

Scritto da Ciro Tadicini Mercoledì 07 Marzo :20 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Marzo :30 L'intervento edilizio in questione non imponeva il rilascio di un titolo concessorio, e ciò attesa la modesta entità della superficie e le caratteristiche di altezza e strutturali - segnatamente la apertura

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) ha pronunciato la presente Pubblicata il 15/12/2016 N. 00719/2016 REG.PROV.COLL. N. 00594/2016 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 26083 Anno 2015 Presidente: CICALA MARIO Relatore: BRUSCHETTA ERNESTINO LUIGI Data pubblicazione: 30/12/2015 I2D ( SENTENZA sul ricorso n. 26357/09 proposto da: Comune di Termoli,

Dettagli

Corte Costituzionale, ordinanza 8 Marzo 2016, n Pres. Grossi.

Corte Costituzionale, ordinanza 8 Marzo 2016, n Pres. Grossi. Corte Costituzionale, ordinanza 8 Marzo 2016, n. 112- Pres. Grossi. Processo penale - Divieto di un secondo giudizio - Procedimento per il delitto di omesso versamento dell'iva - Questione di legittimità

Dettagli

Nota a Cass. pen., sez. I, sentenza ud. 8 aprile 2015 (dep. 18 maggio 2015), n , Pres. U. Giordano, Giud. estens. A. Centonze.

Nota a Cass. pen., sez. I, sentenza ud. 8 aprile 2015 (dep. 18 maggio 2015), n , Pres. U. Giordano, Giud. estens. A. Centonze. In tema di estinzione della pena per decorso del tempo, non è consentito al giudice dell'esecuzione penale, ai fini dell'applicazione del disposto dell'art. 172 c.p., comma 7, di sindacare l'esistenza

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 37 12.05.2016 Assoluzione penale: effetti nel processo tributario Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario In tema di frodi

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 24 febbraio 2011, n. 7143 - RSPP ed organizzazione del lavoro

Cassazione Penale, Sez. 4, 24 febbraio 2011, n. 7143 - RSPP ed organizzazione del lavoro Cassazione Penale, Sez. 4, 24 febbraio 2011, n. 7143 - RSPP ed organizzazione del lavoro - Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Responsabilità di un direttore tecnico per avere, per colpa,

Dettagli