Fiscal Approfondimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fiscal Approfondimento"

Transcript

1 Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N Accertamento reati tributari: limiti all utilizzabilità di presunzioni legali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari A cura di Alberto Nastasia Con la Sentenza n del 17 febbraio 2015, la Corte di Cassazione si è espressa in ordine al delicato tema dei limiti entro i quali le presunzioni tributarie - cui solitamente fanno ricorso i verificatori dell Amministrazione Finanziaria nell ambito delle attività di verifica fiscale - possono essere utilizzati per la contestazione di reati tributari. Nella circostanza, la Suprema Corte è stata chiamata a pronunciarsi in ordine alla legittimità di una contestazione penale per omessa dichiarazione, ex art. 5 del D.Lgs. n. 74 del 2000, in cui il superamento della soglia relativa all imposta evasa derivava dalla quantificazione presuntiva operata nel processo verbale di constatazione. Per poter comprendere appieno la questione sottoposta al vaglio dei giudici, ritengo opportuno, nel presente intervento, partire dall analisi della natura delle diverse presunzioni ammesse dal legislatore tributarie, per poi procedere con la verifica della loro ammissibilità nel sistema penale. A supporto di tale analisi, richiamerò la giurisprudenza e la prassi sviluppatasi sul tema negli anni più recenti. È bene chiarire che, anche in ambito tributario non penale, la possibilità di utilizzare presunzioni è subordinata a determinate condizioni analiticamente dettate, in relazione alle imposte dirette e all IVA, rispettivamente agli artt. 39 nonché 54 e 55 dei DD.P.R. n. 600 del 1973 e 633 del 1972, in funzione della metodologia di accertamento in concreto utilizzate. Dopo aver dato conto della posizione al riguardo espressa dalla migliore dottrina formulerò, in via di conclusione, alcune personali considerazioni. 1

2 Le presunzioni tributarie Il Legislatore tributario non ha previsto una definizione di presunzione ma ne ha mutuato il concetto dal Codice civile, il cui art qualifica, appunto, le stesse come le conseguenze che la legge o il giudice trae da un fatto noto per risalire a un fatto ignorato. La presunzione o prova indiretta viene comunemente definita come ogni argomento o congettura attraverso cui, partendo da un fatto noto, si perviene a considerare provata un altra circostanza, sfornita, quest ultima, di prova diretta. Sempre il codice civile, distingue tra presunzioni semplici (o presunzioni hominis ) e legali (o presunzioni legis ). Le prime sono quelle liberamente apprezzabili dal giudice e ammesse purché gravi, precise e concordanti ; esse non esigono un legame di assoluta ed esclusiva necessità causale tra fatto noto e quello ignoto ma implicano la consequenzialità tra i due fatti in termini di ragionevole certezza. Le presunzioni legali sono quelle previste dalla legge e si dividono, a loro volta, in presunzioni legali relative (o iuris tantum ) e legali assolute (o iuris et de iure ). Le presunzioni iuris tantum ammettono la prova contraria che dovrà essere fornita dalla parte contro cui vengono fatte valere; le presunzioni iuris et de iure, invece, non prevedono alcuna prova contraria (il giudice, accertato un fatto, deve assumere l esistenza di un altro fatto come certo). In campo tributario è stata espressamente riconosciuta, in tema di imposte dirette (art. 39 del D.P.R. n. 600 del 1973) e di IVA (artt. 54 e 55 del D.P.R. n. 633 del 1972) la possibilità di utilizzo di presunzioni allo scopo di mitigare l onere probatorio ordinariamente posto in capo all Amministrazione Finanziaria nell attività di accertamento. L utilizzo delle diverse tipologie di presunzioni incontra, tuttavia, precisi limiti, strettamente connessi alla sussistenza di specifici riscontri nelle scritture contabili del contribuente. Essendo, infatti, il sistema delle imposte improntato al principio dell autotassazione, il Legislatore ha costruito le diverse metodologie di accertamento secondo un criterio di intensità decrescente dell onere della prova. Tanto maggiore è il rispetto da parte del contribuente delle regole riguardanti l istituzione e la tenuta delle scritture contabili, quanto maggiori dovranno essere le argomentazioni che l Amministrazione Finanziaria dovrà addurre per l accertamento di redditi non dichiarati. In ordine alle attività ispettive condotte nei confronti di contribuenti che si siano resi responsabili di gravi irregolarità contabili, il Legislatore ha, invece, approntato un sistema che prevede facilitazioni per l Amministrazione e, per converso, l attenuazione delle garanzie per il soggetto passivo d imposta. 2

3 Le presunzioni in ambito tributario PRESUNZIONI SEMPLICI Non esigono un legame di assoluta ed esclusiva necessità causale tra il fatto noto e quello ignoto, ma implicano la consequenzialità fra i due fatti in termini di ragionevole certezza. PRESUNZIONI LEGALI È la stessa legge ad attribuire a un fatto un valore di prova in ordine a un altro fatto, quest ultimo presunto. L utilizzo delle presunzioni nell ambito dell accertame nto tributario Su un piano generale, si può affermare che il legislatore nazionale attribuisce un rilevante valore probatorio alle scritture contabili, sempreché esse siano attendibili e correttamente tenute. Le risultanze da esse emergenti possono, infatti, essere disattese dall Amministrazione Finanziaria soltanto qualora sia acquisita prova in ordine alla loro falsità, inesattezza o incompletezza. Nel quadro delle ordinarie attività ispettive condotte dai funzionari dell Agenzia delle Entrate e dai militari della Guardia di Finanza, momento centrale è, quindi, quello relativo all individuazione della metodologia di accertamento cui gli stessi verificatori potranno fare ricorso. Per quanto attiene all accertamento delle imposte sui redditi, nei confronti di titolari di redditi determinati in base alle scritture contabili, la norma di riferimento è rappresentata dall art. 39 del D.P.R. n. 600 del Sebbene tale disposizione faccia esplicito riferimento alla rettifica dei redditi d impresa delle persone fisiche, essa può, tuttavia, essere applicata - in ragione dell estensione operata dall art. 40 dello stesso decreto - anche per la rettifica delle dichiarazioni dei soggetti diversi dalle persone fisiche 1. La disposizione prevede tre distinte metodologie di accertamento che si differenziano in relazione alle modalità di esecuzione, ai presupposti e alle condizioni legittimanti. 1 In ordine all applicabilità delle regole sui metodi di accertamento ai professionisti, R. Lupi, L equivoco dei «metodi di accertamento» tra determinazione ragionieristica e valutativa della ricchezza in Dialoghi tributari n. 1/2014, pag. 7, osserva che nell art. 39 sono menzionate espressamente ipotesi di rettifica inverosimili o ingenue come la mancata corrispondenza tra elementi dichiarati e indicati nel conto dei profitti e delle perdite. Ci sono anche frasi tautologiche, come quelle secondo cui si procede alla rettifica "quando risultano" "attività non dichiarate. È altrettanto ovvio che, quando non risultano esattamente applicate le regole di inquadramento giuridico della ricchezza registrata, l Ufficio effettua le relative correzioni. Ci si dilunga poi sterilmente sulle scritture contabili, trascurando l affidabilità dell organizzazione, le sue rigidità, la verosimiglianza economica del dichiarato, la tipologia di clientela e tutti gli altri aspetti di rigidità gestionale che determinano l adempimento o l evasione. Più che disposizioni erronee, sono disposizioni inconsistenti, composte di formule ellittiche prive di contenuto, né vere né false, in cui si ritrova la già indicata tecnica di "parlare senza dire nulla" Trattandosi di disposizioni superflue, come tutte quelle in materia di questioni empiriche, in loro assenza ci sarebbero stati meno equivoci, meno immobilismi e più riflessione. Vent anni di equivoci, e di polemiche sterili, confermano che sarebbe stato meglio lasciar valutare caso per caso, anziché indicare, con formule inevitabilmente vaghe, il grado di probabilità astratto che le argomentazioni degli Uffici dovevano raggiungere dove una organizzazione manca. Dove invece una organizzazione esiste, le disposizioni in esame hanno un senso. 3

4 Accertamento analitico L accertamento analitico consiste nella rettifica del reddito dichiarato sulla base di rilievi riguardanti le singole componenti che concorrono alla formazione del reddito d impresa o di lavoro autonomo, avendo riguardo esclusivamente a elementi desumibili dall impianto contabile e dalla documentazione disponibile, senza ricorso all utilizzo di alcun ragionamento presuntivo. In questo senso, l art. 39, comma 1, del D.P.R. n. 600 del 1973 prevede, alle lettere da a) a c), che l Ufficio possa procedere alla rettifica della dichiarazione qualora emergano divergenze: a) dal confronto tra dichiarazione, bilancio e scritture contabili; b) dall esame della documentazione posta a base della contabilità (fra cui fatture e documentazione bancaria); c) da altri elementi acquisiti al di fuori dell impresa. In buona sostanza, quindi, con l accertamento analitico, l Amministrazione Finanziaria deduce l incompletezza, la falsità o l inesattezza degli elementi indicati nella dichiarazione in modo certo e diretto dalle risultanze probatorie acquisite e, in particolare, dai verbali già redatti, dalle risposte ai questionari, dal contenuto degli atti o documenti del contribuente o di altri soggetti e, infine, dall esame della documentazione bancaria e finanziaria del contribuente. Ogni qualvolta venga utilizzata la metodologia di accertamento analitica è, invece, precluso l utilizzo di parametri matematico-statistici, quali il reddito medio del comparto economico cui è riconducibile l impresa e le percentuali di redditività. Accertamento analiticoinduttivo Anche nei casi in cui le scritture esistano, siano formalmente corrette e nel complesso attendibili e la dichiarazione sia stata presentata, è comunque possibile, per l Amministrazione Finanziaria, dimostrare la falsità, l inesattezza o l incompletezza della dichiarazione, allorquando sia emersa da attività istruttoria, sulla base di prove dirette o anche di natura fortemente indiziaria, l esistenza di singole attività non dichiarate ovvero l inesistenza di singole passività dichiarate. In tali circostanze, il metodo di accertamento è analitico-induttivo; esso, come suggerisce la locuzione stessa, costituisce una sorta di mix tra l esaminato accertamento analitico e quello cosiddetto induttivo puro ed è certamente il metodo più utilizzato dall Amministrazione Finanziaria 2. 2 Al riguardo M. Conigliaro, Accertamenti presuntivi tra legittimità dell atto e fondatezza della pretesa, in il fisco n. 30/2014, pag. 2940, criticamente osserva che Nel mondo tributario gli accertamenti presuntivi sono estremamente diffusi. Potremmo dire che sono diventati la regola, quanto meno per la grande platea delle piccole imprese e dei lavoratori autonomi, se non fosse che la stessa Amministrazione finanziaria rammenta che il controllo principale è quello di tipo analitico e, soltanto al verificarsi di precise condizioni espressamente previste dalla legge, si può procedere con accertamenti analitico-induttivi ovvero induttivi puri. 4

5 Lo stesso si caratterizza, in relazione ai presupposti, per la necessità che l incompletezza, la falsità o l inesattezza degli elementi risultanti in dichiarazione e nei suoi allegati emerga dall ispezione delle scritture contabili ovvero dal controllo sulla completezza, esattezza e veridicità delle registrazioni contabili effettuato sulla scorta delle fatture e degli altri documenti relativi all impresa, nonché dei dati e delle notizie raccolti dagli uffici in ossequio al disposto dell art. 32 del medesimo decreto. Al verificarsi di tali condizioni, l Amministrazione Finanziaria è autorizzata a desumere l esistenza di attività non dichiarate o l inesistenza di passività dichiarate anche attraverso il ricorso a presunzioni semplici, purché queste siano gravi, precise e concordanti. In sostanza, i verificatori, partendo dal riscontro degli elementi indicati dal contribuente nella documentazione tributaria, possono prescindere in tutto o in parte dal contenuto della stessa, ricorrendo a presunzioni semplici gravi, precise e concordanti. La previsione normativa di riferimento è in questo caso rappresentata dall art. 39, primo comma, lett. d), secondo periodo, del D.P.R. n. 600/1973 secondo cui l esistenza di attività non dichiarate o la inesistenza di passività dichiarate è desumibile anche sulla base di presunzioni semplici, purché queste siano gravi, precise e concordanti. Accertamento induttivo puro L accertamento induttivo puro può trovare applicazione esclusivamente nelle ipotesi individuate dal Legislatore all art. 39, secondo comma, lettere a), c), d), d-bis) e d-ter) del D.P.R. n. 600 del 1973, tutte ipotesi in cui la contabilità è giudicata nel complesso inattendibile. Il ricorso a detta metodologia di accertamento è subordinato al verificarsi di presupposti normativi assai stringenti. Si tratta dei seguenti casi: il reddito d impresa non è stato indicato nella dichiarazione (lett. a); dal verbale di ispezione risulti che il contribuente non ha tenuto o ha comunque sottratto all ispezione una o più delle scritture contabili prescritte dall art. 14 (lett. c); le omissioni e le false o inesatte indicazioni accertate ovvero le irregolarità formali delle scritture contabili risultanti dal verbale di ispezione sono così gravi, numerose e ripetute da rendere inattendibili nel loro complesso le scritture stesse per mancanza delle garanzie proprie di una contabilità sistematica (lett. d); il contribuente non ha dato seguito agli inviti disposti dagli uffici ai sensi dell art. 32, primo comma, numeri 3) e 4), del D.P.R. n. 600 del 1973 o dell art. 51, secondo comma, numeri 3) e 4), del D.P.R. n. 633 del 1972 (lett. d-bis); 5

6 il contribuente ha omesso la presentazione dei modelli per gli studi di settore o ha fornito indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità non sussistenti, nonché ha compilato in modo infedele i predetti modelli con differenze superiori al 15%, o comunque a euro , tra i ricavi o compensi stimati applicando gli studi di settore sulla base dei dati corretti e quelli stimati sulla base dei dati indicati in dichiarazione (lett. d-ter). In tali circostanze, è prevista per l Amministrazione Finanziaria la facoltà di ricorrere a strumenti presuntivi, con possibilità di prescindere, in tutto o in parte, dalle scritture contabili; in questo senso, la metodologia è anche definita extracontabile. Metodologie di accertamento del tutto sovrapponibili sono previste, ai fini della rettifica delle dichiarazioni presentate in materia di IVA, dagli artt. 54 e 55 del D.P.R. n. 633 del Rapporti fra la metodologia di accertamento analiticoinduttiva e induttiva pura Si può quindi affermare che la differenza tra un metodo e l altro risiede sostanzialmente nella diversa forza delle presunzioni richieste per il loro utilizzo: l accertamento analitico-induttivo può, infatti, essere esperito soltanto attraverso l impiego di presunzioni c.d. qualificate, ossia dotate dei requisiti di gravità, precisione e concordanza; l accertamento induttivo puro, invece, può essere fondato anche su presunzioni sprovviste dei predetti requisiti, cosiddette presunzioni semplicissime o ipersemplici, proprio per connotare la loro minore qualificazione. Ma proprio perché l adozione dell accertamento induttivo consente di utilizzare argomentazioni presuntive più libere rispetto a quelle necessarie per supportare accertamenti di tipo analitico-induttivo, il Legislatore ne ha relegato l utilizzo soltanto ai casi di omessa contabilità o di scritture contabili inattendibili, ovvero di altre gravissime inadempienze da parte del contribuente 3. 3 Al riguardo è stato, tuttavia, segnalato che una criticità diffusa nella pratica concerne la puntuale individuazione della norma violata da parte del contribuente e la corretta esplicitazione nella parte motiva dell avviso di accertamento. Indicare genericamente che l avviso di accertamento è effettuato ai sensi dell art. 39 del D.P.R. 600/73 senza specificare in quale delle ben diverse ipotesi previste dallo stesso ci si trovi (inserendo magari l irrinunciabile richiamo al 41-bis), vuol dire eludere l obbligo di motivazione previsto dalla legge. La norma prevede infatti una sequenza di ipotesi, con una graduazione delle violazioni: solo al ricorrere di tali precise condizioni, adeguatamente illustrate, il diritto di difesa del contribuente può essere pienamente esercitato. Così M. Conigliaro, Accertamenti presuntivi tra legittimità dell atto e fondatezza della pretesa, cit.. Cfr., sul punto, anche A. Marcheselli, Accertamenti tributari e difesa del contribuente, Milano 2010, pag. 269, il quale arriva ad affermare che per il contribuente potrebbe essere conveniente inquadrare l accertamento nel secondo comma dell art. 39, giacché, in tal caso, l Ufficio viene onorato della prova specifica della complessiva inattendibilità della contabilità (o di altri presupposti rigorosi) e il contribuente può contestare che tale prova sia stata raggiunta. 6

7 L utilizzo delle presunzioni tributarie in ambito penaltributario Chiariti, quindi, i diversi contenuti minimi che i processi verbali di constatazione redatti devono contenere in ragione della metodologia di accertamento adottata, è ora possibile svolgere qualche considerazione in ordine all ammissibilità delle argomentazioni presuntive in ambito penale. Al riguardo è opportuno, innanzitutto, premettere che l art. 20 del D.Lgs. 10 marzo 2000, n. 74 4, rubricato rapporti fra procedimento penale e processo tributario, si limita a stabilire che il procedimento amministrativo di accertamento e il processo tributario non possono essere sospesi per la pendenza del procedimento penale avente ad oggetto i medesimi fatti o fatti dal cui accertamento comunque dipende la relativa definizione. Detta indipendenza, secondo quanto si legge nella relazione governativa al più volte richiamato decreto non deve tradursi in un rallentamento dei tempi di applicazione delle sanzioni, tale da determinare una compressione dell efficacia dissuasiva del sistema sanzionatorio. Allo scopo precipuo di arginare detto rischio, il legislatore ha introdotto, all art. 19 del decreto, il principio di specialità, prevedendo che quando uno stesso fatto è punito da una delle disposizioni del titolo II 5 e da una disposizione che prevede una sanzione amministrativa, si applica la disposizione speciale 6. Tale principio trova completamento nella previsione del successivo art. 21 a mente del quale l ufficio deve procedere all irrogazione della sanzione amministrativa relativa alla violazione tributarie oggetto di notizia di reato ma le sanzioni divengono eseguibili soltanto a seguito della definizione del procedimento penale 7. In sostanza, quindi, se l imputato viene: - condannato: le sanzioni amministrative sono inapplicabili; - assolto o comunque giudicato con formula che esclude la rilevanza penale, ovvero il procedimento viene archiviato: le sanzioni amministrative diventano applicabili. Il reato di omessa dichiarazione Ai fini del presente approfondimento, occorre ora guardare alla struttura del reato di omessa dichiarazione, previsto dall art. 5 del D.Lgs. n. 74 del La relativa disposizione punisce, al comma 1, con la reclusione da uno a tre anni chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, non presenta, essendovi obbligato, una delle dichiarazioni annuali relative a 4 Contenente Nuova disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto. 5 All interno del quale sono ricompresi tutti i delitti tributari previsti dal decreto. 6 L art. 3 della legge 7 gennaio 1929, n. 4 prevedeva già che Le leggi finanziarie stabiliscono quando dalla violazione delle norme in esse contenute e che non costituisca reato, sorga, per il trasgressore, l obbligazione al pagamento di una somma, a titolo di pena pecuniaria, a favore dello Stato. L obbligazione ha carattere civile. 7 Con riferimento a tale ipotesi è stato criticamente osservato che non si può negare che, al di là della qualificazione giuridica puramente amministrativa dell illecito, le sanzioni saranno comminate per lo stesso, illecito, fatto materiale e avranno comunque, seppure in misura minore, una natura afflittiva. Così A. Federico F. Stella, Il principio del «ne bis in idem» e la regola della specialità nell apparato sanzionatorio tributario in il fisco n. 14 del 2013, pag

8 dette imposte, quando l imposta evasa è superiore, con riferimento a taluna delle singole imposte, a trentamila euro. La predetta soglia è stata modificata in tali termini - in relazione ai fatti commessi a partire dal 17 settembre dall art. 2, comma 6-vicies semel, lett. f), del D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla L. 14 settembre 2011, n Il comma 2 dell articolo prevede poi che non si considera omessa la dichiarazione presentata entro novanta giorni dalla scadenza del termine o non sottoscritta o non redatta su uno stampato conforme al modello prescritto. Questa ipotesi di reato assume particolare rilievo in quanto finalizzata a punire quei soggetti che - non presentando affatto la dichiarazione - sono totalmente sconosciuti al Fisco. La norma sanzionatoria trova applicazione una volta decorso il limite temporale massimo definito nell esaminato comma 2. Qualora il contribuente presenti la dichiarazione oltre i 90 giorni dalla scadenza, il reato si considererà comunque consumato, ma la circostanza potrà essere valutata dal giudice ai fini dell applicazione della pena sulla base dei criteri definiti nell art. 133 del Codice penale. Secondo la prevalente dottrina, il reato in rassegna si inquadra fra quelli omissivi propri, esaurendosi la condotta nel mancato adempimento di un obbligo prescritto dalla normativa tributaria 9. Per poter contestare il reato è quindi necessario che il Pubblico Ministero: - provi l esercizio di attività che determinano l obbligo di presentazione di apposita dichiarazione dei redditi; - la violazione di tale obbligo; - il superamento dell esaminata soglia di punibilità. Ora è evidente che potrebbe accadere, in ipotesi, che, pur essendo stata omessa la presentazione della dichiarazione, non sia superata la predetta soglia. Rilievo scriminante assumono, dunque, le procedure adottate per la determinazione dell imposta evasa. A tale riguardo, si può innanzitutto osservare che, nonostante l autonomia del processo penale rispetto a quello tributario, enfaticamente affermata nell esaminato art. 21 del Decreto n. 74 del , assai frequenti sono - come vedremo più avanti nell ambito della carrellata giurisprudenziale - i casi in cui 8 Prima di tale modifica la soglia era fissata a euro (vecchi 150 milioni di lire). 9 In questo senso A. FANTOZZI, Il diritto tributario, UTET, Torino, 2003, pag Cfr. pure, in giurisprudenza, l ordinanza della Corte di Cassazione n dell 8 maggio 2012 secondo cui l affidamento a un professionista abilitato dell attività di trasmissione e presentazione della dichiarazione non esonera il contribuente dall attività di vigilanza circa l esatto e puntuale adempimento di tale incombenza. Più di recente i medesimi giudici, nella sentenza n del 10 settembre 2013, hanno ribadito che l affidamento dell incarico al professionista non solleva il contribuente dall assolvimento degli obblighi tributari, non potendosi assegnare alla delega valenza esimente rispetto al reato di omessa dichiarazione. 10 Assai diffusa è, in particolare, l affermazione del principio cosiddetto, con metafora ferroviaria, del doppio binario. 8

9 la Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il transito delle presunzioni tributarie nella dimensione processual-penalistica. Il valore da attribuire a dette presunzioni è, tuttavia, strettamente connesso alle peculiarità del rito che le accoglie. Il giudice penale chiamato a valutarne la portata deve, infatti, necessariamente tenere a mente il principio di presunta non colpevolezza sancito negli artt. 27, comma 2, della Costituzione e 2, comma 2 del Codice penale 11. Ora, alla luce di quanto dianzi illustrato, è evidente come la logica ispiratrice del procedimento tributario sia del tutto differente rispetto a quella del processo penale, se non altro in ragione del frequente ricorso da parte dell Amministrazione Finanziaria alle presunzioni legali, le quali determinano, come visto, l inversione dell onere della prova in capo al contribuente. Basti considerare che, in ambito penale, a mente dell art. 530 del Codice di procedura penale, il giudice pronuncia sentenza di assoluzione non soltanto se il fatto non sussiste, l imputato non l ha commesso, il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato, ovvero se il reato è stato commesso da persona non imputabile, ma anche quando, ai sensi del comma 2, manca, è insufficiente o è contraddittoria la prova che il fatto sussiste, che l imputato lo ha commesso, che il fatto costituisce reato o che il reato è stato commesso da persona imputabile 12. In buona sostanza, quindi, la condanna penale si potrà avere solo a seguito della positiva ricostruzione di ogni elemento costitutivo della fattispecie di reato, non potendo mai derivare dalla mancata produzione, da parte del contribuente, di argomentazioni atte a sconfessare presunzioni legali. Tanto premesso, occorre ora valutare - attraverso l analisi della giurisprudenza di legittimità - la compatibilità, in ambito penale, delle argomentazioni presuntive con la previsione dell art. 533, primo comma, del Codice di procedura penale secondo cui il giudice pronuncia sentenza di condanna se l imputato risulta colpevole del reato contestatogli al di là di ogni ragionevole dubbio, ossia a seguito dell effettivo accertamento delle sue responsabilità. 11 In base a tale principio, Nessuno può essere punito per un fatto che, secondo una legge posteriore, non costituisce reato. 12 È, quindi, chiaro che nel processo penale non può, in alcun modo, trovare applicazione l inversione dell onere della prova in capo al contribuente, spettando in tale contesto al giudice la corretta quantificazione dell imposta evasa, attraverso il vaglio critico di ogni elemento acquisito. 9

10 La posizione della giurisprudenza di legittimità Sentenza n del 25 febbraio 2013 Con tale sentenza la Corte di Cassazione ha ribadito il principio di diritto per cui l'autonomia del processo penale rispetto a quello tributario non esclude che, ai fini della formazione del suo convincimento, il giudice penale possa avvalersi degli elementi che determinano presunzioni secondo la disciplina tributaria, a condizione che gli stessi siano assunti, non con l efficacia di certezza legale, ma come dati processuali oggetto di libera valutazione ai fini probatori. Anche in questa circostanza si trattava di elementi indiziari tratti da movimentazioni bancarie rilevate su rapporti finanziari intestati a soggetti vicini al contribuente. Sentenza n del 13 febbraio 2013 Particolarmente interessante è la pronuncia in commento in cui i giudici di legittimità sono stati chiamati a esprimersi in ordine alla valenza nel processo penale della presunzione tributaria prevista, in materia di imposte sui redditi, dall art. 32, primo comma, nn. 2 e 7 del D.P.R. n. 600 del 1973 in base al quale i dati ed elementi attinenti ai rapporti e alle operazioni acquisiti e rilevati a seguito di indagini finanziarie sono posti a base delle rettifiche e degli accertamenti operati ai sensi dei successivi artt. 38, 39, 40 e 41. La stessa disposizione prevede poi che, alle stesse condizioni, i prelevamenti e gli importi riscossi nell ambito dei predetti rapporti od operazioni siano posti come ricavi o compensi a base delle medesime rettifiche o accertamenti, se il contribuente non ne indica il soggetto beneficiario e sempreché non risultino dalle scritture contabili. In ordine alla valenza di detta presunzione legale, la Corte di Cassazione ha osservato che è certamente corretta l affermazione dei ricorrenti, secondo la quale la presunzione che configura come ricavi o compensi i prelevamenti, ove non ne sia indicato il soggetto beneficiario, e gli importi riscossi, non costituisce piena prova ai fini dell accertamento dei reati tributari. Ciò in quanto - sempre secondo la Suprema Corte - le presunzioni legali previste dalle norme tributarie assumono, esclusivamente, il valore di dati di fatto che devono essere valutati liberamente dal giudice penale unitamente ad elementi di riscontro che diano certezza dell esistenza della condotta criminosa In senso fortemente critico verso tale decisione C. Santoriello, Il problematico rapporto tra presunzioni e reati tributari in il fisco n. 23 del 2013, pag. 3528, secondo il quale In proposito, non ci sembra possa riconoscersi la qualifica di «riscontro» ad elementi ed argomentazioni logiche ovvero riflessioni mediante le quali riconnettere alla circostanza di fatto accertata il prelievo o il versamento di conto corrente l avvenuta violazione fiscale. Infatti, nella misura in cui il riscontro deve essere un elemento di prova che si affianca e ne supporta la valenza dimostrativa alla accertata effettuazione di un prelievo o di un versamento da conto corrente, esso deve consistere in una concreta e inconfutabile circostanza di fatto e, cioè, in un dato fattuale capace di dimostrare «qualcosa», per cui, ne discende che la corroboration non può essere riferibile a 10

11 Sentenza d n del 13 maggio 2014 Particolarmente interessante è la lettura di questa decisione in cui si afferma che il Tribunale aveva evidenziato che la difesa avrebbe dovuto produrre la documentazione sulla base della quale ritenere che le movimentazioni di denaro poste alla base della contestazione del reato non possono costituire elemento della fattispecie di reato contestato. Lo stesso Tribunale, in ordine al fumus del reato, aveva fornito una motivazione del tutto carente limitata a ritenerne la sussistenza sulla base degli atti di indagine e, in particolare, su due informative della Guardia di Finanza e dei relativi allegati, senza specificare, neanche in sintesi, il contenuto di tali atti e, soprattutto, senza precisare il metodo utilizzato dagli accertatori per ritenere sussistente il reato. Per quanto precede i giudici di legittimità - dopo aver ricordato che, secondo costante giurisprudenza, le presunzioni legali previste dalle norme tributarie non possono costituire di per sé fonte di prova della commissione del reato, assumendo esclusivamente il valore di dati di fatto che devono essere valutati liberamente dal giudice penale unitamente ad elementi di riscontro, che diano certezza dell esistenza della condotta criminosa - ha concluso per l annullamento dell ordinanza impugnata. Sentenza n del 1 giugno 2014 In tale decisione i giudici di legittimità hanno ricordato che, per giurisprudenza consolidata in materia di reati tributari, il giudice, nella formazione del suo convincimento, è certamente tenuto all'osservanza dei canoni giuridici che in linea generale governano l'acquisizione, la verifica e la valutazione dei dati probatori. Proprio per tale ragione, in mancanza di elementi oggettivi - documenti, deposizioni testimoniali ecc. questi non può ignorare la cosiddetta prova logica e neppure le presunzioni secondo la normativa tributaria, avvalendosi, in tal caso, dei dati ontologici, processualmente acquisiti, con una libera valutazione ai fini probatori anche sulla base delle regole di esperienza, senza rimettersi alle valutazioni effettuate da parte degli uffici finanziari. Da ciò deriva, sempre secondo i giudici, la possibilità di ricorrere alla presunzione - intesa come particolare disciplina probatoria che consente, per la ricostruzione di un maggior reddito, di ritenere esistenti determinati fatti in via induttiva - quale accertamento cosiddetto induttivo espressamente facoltizzato dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39, in presenza di deduzioni logiche o, peggio, a congetture, ad operazioni intellettuali. Detto altrimenti, riscontrare un dato di prova vuol dire rinvenire elementi di fatto che ne supportino il giudizio di veridicità e non certo esercitare sullo stesso un pensiero raziocinante per convincersi della sua attendibilità, a meno che con l espressione «elemento logico» non si intenda far riferimento al necessario raccordo razionale fra l accertato prelievo e altri dati probatori che riscontrino lo stesso, con il che però il problema rimane insoluto. Sul punto, l Autore conclude osservando che in nessun caso l acquisita prova di prelievi e versamenti può essere considerata come profilo centrale della dimostrazione dell accusa di evasione fiscale, cui si accompagnano elementi dimostrativi di contorno; semmai, deve essere il contrario, nel senso che gli accertamenti bancari devono fornire ulteriore sostegno a prove di ben più consistente spessore es. dichiarazioni testimoniali dei clienti, incroci fra i dati di conto corrente, esame del magazzino e dei beni ivi presenti e quelli fatturati in uscita ecc.. 11

12 determinate violazioni di obblighi tributari: anche se, ovviamente, dovendo essere oggetto di autonoma considerazione critica da parte del giudice penale, non può essa svolgere nel processo penale quella stessa funzione cogente del convincimento del giudicante che, invece, riveste nella valutazione del giudice tributario. Sentenza n del 17 febbraio 2015 La vicenda oggetto della controversia trae origine dalla condanna, da parte del Tribunale di Trapani 14, dell imputato per il reato di omessa dichiarazione (art. 5 D.Lgs. n. 74 del 2000) in relazione all anno d imposta Nell ambito dei motivi di ricorso in Cassazione, addotti dalla difesa, vi è quello relativo alla violazione della summenzionata previsione sanzionatoria penale, avendo i giudici di merito: - omesso di accertare il superamento della soglia di imposta evasa 15, essendosi limitati a quantificarla in modo presuntivo, sulla scorta dell accertamento tributario; - posto a carico dell imputato la dimostrazione del non superamento della soglia di evasione. Al riguardo, la Cassazione ha osservato che i giudici di merito non hanno correttamente verificato l ammontare dell imposta evasa e il relativo superamento della soglia di punibilità, avendo gli stessi fatto, in sentenza, esclusivo riferimento al processo verbale dell Agenzia delle Entrate, quantificando l evasione in maniera presuntiva, facendo proprie le risultanze dell accertamento tributario che, com è noto, è strutturato su parametri del tutto lontani e diversi rispetto al sistema probatorio penale e ponendo a carico dell indagato l onere di dimostrare il fatto negativo del non superamento della soglia di evasione. Sempre secondo i giudici, l accertamento presuntivo ammesso in sede tributaria, non può trovare ingresso in sede penale in quanto il giudice è tenuto a verificare la sussistenza della violazione a mezzo di specifiche indagini che possano far luce sulla fondatezza o meno della tesi accusatoria. La posizione dell Amministrazione Finanziaria Del tema si è diffusamente occupato anche il Comando Generale della Guardia di Finanza, nella Circolare n. 1/ Decisione confermata lo scorso 27 gennaio 2014 dalla Corte di Appello di Palermo. 15 All epoca dei fatti fissata a ,53 euro. 12

13 In particolare, nel Volume III, Parte VII, Cap. 4, par. 4 della Circolare, dopo aver osservato che anche nel processo penale è consentito ricorrere a presunzioni, nei limiti indicati dall art. 192, comma 2, C.p.p., a mente del quale l esistenza di un fatto non può essere desunta da indizi a meno che questi siano gravi, precisi e concordanti, si precisa che tale disposizione non permette però di sostenere che nel processo penale tributario possano trovare incondizionatamente ingresso le presunzioni utilizzate in sede fiscale, solo perché, in questo contesto, ritenute caratterizzate da gravità, precisione e concordanza. Sempre secondo il citato documento di prassi, infatti, il giudice penale è tenuto a valutare la rilevanza delle prove addotte, anche di carattere indiziario, in maniera del tutto autonoma, percorrendo tutto il procedimento logico e argomentativo necessario per stabilire se uno o più elementi abbiano o meno la capacità di dimostrare la sussistenza di un fatto costituente reato e la sua effettiva riferibilità al presunto responsabile. Conseguentemente, nel processo penal-tributario può trovare ingresso, ogni genere di presunzione fiscale, tanto grave, precisa e concordante, quanto semplicissima, così come le presunzioni cui la legge fiscale connette uno specifico significato predeterminato, a condizione, però, che tale ingresso avvenga esclusivamente in base al libero convincimento del giudice e nel rispetto degli obblighi di motivazione della sentenza finale, in cui, evidentemente, dovrà essere dato conto anche delle ragioni per cui certi elementi indiziari vengono ritenuti gravi, precisi e concordanti, dal momento che solo questi sono ammessi nel processo penale. Sulla scorta di tali premesse, il Comando Generale del Corpo invita i verificatori che siano pervenuti, anche mediante il ricorso a presunzioni, semplici o semplicissime, alla individuazione di una condotta materiale che integri una fattispecie di reato, ad inviare al magistrato la prescritta comunicazione di notizia di reato, ferme restando le autonome valutazioni dell Autorità Giudiziaria circa la concreta valenza delle presunzioni utilizzate nell attività di verifica o controllo ai fini della responsabilità penale. E ciò anche nel caso in cui, nell attività ispettiva, le presunzioni fiscali siano state utilizzate per determinare l imposta evasa, ai fini dell individuazione del superamento o meno delle soglie di punibilità nei delitti in tema di dichiarazioni. Conclusioni Alla luce della carrellata giurisprudenziale e della posizione al riguardo espressa dalla Prassi e dalla migliore dottrina, ritengo utile, in via di conclusione, svolgere qualche considerazione in ordine alla compatibilità fra l affermazione contenuta nella recentissima Sentenza della Cassazione n del 2015, in base alla quale in sede penale, il giudice non può applicare le 13

14 presunzioni legali ponendo l onere probatorio a carico dell imputato con l insussistenza, invocata in numerosi precedenti della medesima Corte, di una netta preclusione all accesso nella sede penale delle presunzioni. La lettura combinata delle decisioni consente di chiarire un punto fermo. Esso riguarda l inapplicabilità nel processo penale del meccanismo dell inversione dell onere probatorio a carico del contribuente/imputato, essendo, come visto, il relativo giudizio governato da regole diverse che presuppongono uno scrupoloso vaglio critico da parte del giudice. Quest ultimo è chiamato, infatti, ad analizzare e valutare tutti gli elementi a sua disposizione - comprese le presunzioni tributarie, che possono essere considerate indizi, ex art. 192 C.p.p. - e a procedere alla corretta quantificazione dell'imposta evasa. - Riproduzione riservata - 14

Accertamento analitico-induttivo: l'ufficio non può prescindere dai dati contabili

Accertamento analitico-induttivo: l'ufficio non può prescindere dai dati contabili Accertamento analitico-induttivo: l'ufficio non può prescindere dai dati contabili Autore: Graziotto Fulvio In: Diritto tributario, Note a sentenza A differenza del metodo induttivo puro, con il metodo

Dettagli

L avviso di accertamento. Università Carlo Cattaneo Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe.

L avviso di accertamento. Università Carlo Cattaneo Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. L avviso di accertamento Università Carlo Cattaneo Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. Zizzo 1 oggetto della lezione l avviso di accertamento tipologia i metodi di

Dettagli

L avviso di accertamento

L avviso di accertamento L avviso di accertamento. 1 oggetto della lezione L avviso di accertamento. Tipologia. I metodi di determinazione del reddito complessivo. I metodi di determinazione dei redditi determinati contabilmente.

Dettagli

Fiscal News N Omessa IVA. Soglia di punibilità allineata all infedele dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N Omessa IVA. Soglia di punibilità allineata all infedele dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 110 11.04.2014 Omessa IVA. allineata all infedele dichiarazione Il mancato versamento commesso fino al 17 settembre 2011 è punibile solo se l

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO. Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative relative alle violazioni di: Regolamenti ed Ordinanze Comunali.

COMUNE DI NERVIANO. Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative relative alle violazioni di: Regolamenti ed Ordinanze Comunali. COMUNE DI NERVIANO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative relative alle violazioni di: Regolamenti ed Ordinanze Comunali. INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

Nel procedimento penale la sentenza tributaria è una prova solo se definitiva

Nel procedimento penale la sentenza tributaria è una prova solo se definitiva Nel procedimento penale la sentenza tributaria è una prova solo se definitiva Autore: Graziotto Fulvio In: Diritto penale, Diritto tributario Decisione: Sentenza n. 6113/2016 Cassazione penale - Sezione

Dettagli

ACCERTAMENTO INDUTTIVO

ACCERTAMENTO INDUTTIVO ACCERTAMENTO INDUTTIVO (Incontro indirizzato agli iscritti al Registro dei Tirocinanti) RELATORE: Avv. Daniele Giacalone, Dottore Commercialista e Revisore Legale in Palermo E-mail: info@studiotributariogiacalone.com

Dettagli

I datori di lavoro devono conservare gli attestati della avvenuta formazione

I datori di lavoro devono conservare gli attestati della avvenuta formazione I datori di lavoro devono conservare gli attestati della avvenuta formazione Con la Sentenza 9 settembre 2014 n. 37312, la Quarta Sezione Penale della Suprema Corte ha affermato che i datori di lavoro

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 14 aprile 2010

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 14 aprile 2010 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 14 aprile 2010 OGGETTO: Accertamenti sulle vendite immobiliari Legge Comunitaria 2008 Modifiche all articolo 54 del DPR 26 ottobre

Dettagli

I poteri istruttori e di controllo dell Amministrazione finanziaria. In particolare: accessi, ispezioni e verifiche

I poteri istruttori e di controllo dell Amministrazione finanziaria. In particolare: accessi, ispezioni e verifiche I poteri istruttori e di controllo dell Amministrazione finanziaria. In particolare: accessi, ispezioni e verifiche Obiettivi In questa lezione affronteremo il tema dei poteri istruttori dell Amministrazione

Dettagli

Dentro la Notizia. 15 Maggio 2012

Dentro la Notizia. 15 Maggio 2012 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 1 29/2012 MAGGIO/4/2012 (*) 15 Maggio 2012 LA CIRCOLARE N. 2/2012 DEL

Dettagli

LA RIFORMA ORLANDO SULLA GIUSTIZIA PENALE MODIFICHE AL CODICE PENALE E AL CODICE DI PROCEDURA PENALE

LA RIFORMA ORLANDO SULLA GIUSTIZIA PENALE MODIFICHE AL CODICE PENALE E AL CODICE DI PROCEDURA PENALE STRUTTURA TERRITORIALE DEL DISTRETTO DI ANCONA LA RIFORMA ORLANDO SULLA GIUSTIZIA PENALE MODIFICHE AL CODICE PENALE E AL CODICE DI PROCEDURA PENALE LE MODIFICHE introdotte dalla L. 103/2017 con particolare

Dettagli

Ufficio provinciale di Modena. Fabbricati rurali e D.L. 201/2011. Pasquale Carafa. Modena, 14 novembre 2012

Ufficio provinciale di Modena. Fabbricati rurali e D.L. 201/2011. Pasquale Carafa. Modena, 14 novembre 2012 Ufficio provinciale di Modena Fabbricati rurali e D.L. 201/2011 Modena, 14 novembre 2012 Pasquale Carafa Agenzia del Territorio - Ufficio provinciale di Modena Tema della presentazione La struttura della

Dettagli

SOMMARIO Capitolo 1 Evoluzione storica del diritto penale tributario Capitolo 2 Il reato tributario

SOMMARIO Capitolo 1 Evoluzione storica del diritto penale tributario Capitolo 2 Il reato tributario SOMMARIO Capitolo 1 Evoluzione storica del diritto penale tributario 1 1. La genesi del diritto penale tributario 8 2. La prima svolta in materia di reato tributario: la l. 7 agosto 1982, n. 516 12 3.

Dettagli

Dentro la Notizia. 10 Aprile 2013

Dentro la Notizia. 10 Aprile 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 50/2013 APRILE/6/2013 (*) 10 Aprile 2013 LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

Dettagli

Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La Circolare di aggiornamento professionale N. 69 07.03.2016 Compensazione crediti inesistenti: novità sanzioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: Compensazioni A cura di Pasquale Pirone

Dettagli

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI Decreti Monti NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI 1 NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE D.L. n. 98/2011 (conv( conv.. L. n. 111/2011) D.L. n. 138/2011 (conv( conv.. L. n. 148/2011) D.L.

Dettagli

PRASSI E GIURISPRUDENZA

PRASSI E GIURISPRUDENZA NEWSLETTER 16/2016 Corato, 25 ottobre 2016 SOMMARIO 1 PRASSI E GIURISPRUDENZA D.lgs. 18 dicembre 1997 n. 472; Legge di Stabilità per il 2015 del 23 dicembre 2014 n. 190; D.lgs. 24 settembre 2015 n. 158;

Dettagli

Allegato LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI ALL ESTERO

Allegato LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI ALL ESTERO Allegato LO SCUDO FISCALE - IMMOBILI ALL ESTERO L art. 13-bis, DL n. 78/2009, convertito dalla Legge n. 102/2009, ha (re)introdotto la specifica disciplina, c.d. scudo fiscale, che consente a coloro che

Dettagli

Il nuovo ravvedimento operoso

Il nuovo ravvedimento operoso Il nuovo ravvedimento operoso RIFERIMENTI: Art. 13, d.lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie - Art. 1, comma 637,

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. Roma, 14 aprile 2010

CIRCOLARE N. 19/E. Roma, 14 aprile 2010 CIRCOLARE N. 19/E Roma, 14 aprile 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Gestione delle controversie in materia di studi di settore Orientamento delle sezioni unite della Corte di

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 128 07.07.2016 Omesso pagamento ritenute previdenziali: quando è reato La Circolare n. 121/2016 INPS e la disciplina dopo la

Dettagli

REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE. Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE. Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE Art. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE Art. 3 - AUTORITA COMPETENTE Art. 4 - SOGGETTI ACCERTATORI

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 380 13.12.2016 Operazioni soggette a reverse charge: il regime sanzionatorio A cura di Diana Pérez Corradini Categoria: Iva Sottocategoria: Reverse

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma, 2 dicembre 2011

CIRCOLARE N. 52/E. Roma, 2 dicembre 2011 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 2 dicembre 2011 OGGETTO: IVA Violazioni in materia di fatturazione Omessa regolarizzazione da parte del cessionario o committente

Dettagli

Prot. n 1237/22 Circolare N 11/GIUGNO 2016 GIUGNO 2016 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1237/22 Circolare N 11/GIUGNO 2016 GIUGNO 2016 A tutti i colleghi (*) Ordine dei Consulenti del Lavoro di Napoli Con il gradito contributo del Centro Studi di Diritto del Lavoro, Legislazione Sociale e Diritto Tributario RAFFAELLO RUSSO SPENA del CPO di Napoli Prot. n 1237/22

Dettagli

Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze

Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze Comune di Bagnolo Mella Provincia di Brescia Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 5 21.01.2016 Dichiarazione infedele: nuove soglie retroattive Il favor rei cancella il reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E INDICE

CIRCOLARE N. 52/E INDICE CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 2 dicembre 2011 OGGETTO: IVA Violazioni in materia di fatturazione Omessa regolarizzazione da parte del cessionario o committente

Dettagli

Mancato versamento di ritenute dei dipendenti: come evitare la condanna penale

Mancato versamento di ritenute dei dipendenti: come evitare la condanna penale Mancato versamento di ritenute dei dipendenti: come evitare la condanna penale Se paga le ritenute previdenziali dei lavoratori, il datore è libero dalla condanna. Il versamento deve avvenire entro 3 mesi

Dettagli

LA Corte Cost. depenna, per i professionisti, la presunzione di acquisti in nero.

LA Corte Cost. depenna, per i professionisti, la presunzione di acquisti in nero. LA Corte Cost. depenna, per i professionisti, la presunzione di acquisti in nero. GP, sentena n 228-2014-1 Grazie della segnalazione. Vittoria importante per i professionisti. Inoltre, La Corte ci offre

Dettagli

E nulla la cartella di pagamento recante la sola indicazione omesso o carente

E nulla la cartella di pagamento recante la sola indicazione omesso o carente E nulla la cartella di pagamento recante la sola indicazione omesso o carente versamento dell imposta Nota a Corte di Cassazione n. 20211 del 3 settembre 2013. Avv. Leonardo Leo SOMMARIO: 1. La decisione;

Dettagli

COMUNE DI SESSAME REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI

COMUNE DI SESSAME REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI COMUNE DI SESSAME REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PER VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI (Approvato con D.C.C. n 21 in data 27/09/2010) INDICE Articolo

Dettagli

Premessa... pag 5 Presentazione... 7

Premessa... pag 5 Presentazione... 7 Premessa.... pag 5 Presentazione.... 7 1. Gli accertamenti con adesione......................................... 23 1.1. L accertamento con adesione........................................... 23 1.2. Il

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 14 OTTOBRE 2016 566/2016/S/RHT IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA PER VIOLAZIONE DEGLI OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI VIGILANZA SUL DIVIETO DI TRASLAZIONE DELLA MAGGIORAZIONE

Dettagli

Accertamento analitico induttivo

Accertamento analitico induttivo La presenza di scritture contabili formalmente corrette non esclude la legittimità dell accertamento analitico-induttivo del reddito d impresa e del volume d affari, a condizione che la contabilità stessa

Dettagli

Ingiunzione fiscale. Processo

Ingiunzione fiscale. Processo Ingiunzione fiscale. Processo Comune di Torino Torino, 28 novembre 2016 Relatore: Avv. Luciano Marcon 29/11/2016 1 Normativa L'ingiunzione fiscale è un ordine di pagamento emesso da un Ente Locale. Si

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA ASD E ACCERTAMENTI FISCALI. Parte II

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA ASD E ACCERTAMENTI FISCALI. Parte II ASD E ACCERTAMENTI FISCALI Parte II Esame dei documenti amministrativi e contabili delle associazioni sportive dilettantistiche. Gli obblighi che incombono sul rappresentante legale dell associazione sportiva

Dettagli

Roma, 26 settembre 2005

Roma, 26 settembre 2005 RISOLUZIONE n. 129/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 settembre 2005 OGGETTO: Sottoscrizione della dichiarazione dei redditi da parte dell organo di controllo della società ai sensi

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e di lavoro

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e di lavoro Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e di lavoro N. 165 08.09.2016 Depenalizzazione & lavoro: il limite ante e post-modifica Il MLPS chiarisce il limite massimo della sanzione amministrativa

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Delibera n. 19337 Applicazione di sanzioni amministrative nei confronti del Sig. Albino Dal Poz ai sensi degli articoli 187-bis e seguenti del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 LA COMMISSIONE

Dettagli

IL NUOVO APPELLO C.D. FILTRATO. Il legislatore, dopo aver alla fine dell anno scorso con la legge n. 183/2011,

IL NUOVO APPELLO C.D. FILTRATO. Il legislatore, dopo aver alla fine dell anno scorso con la legge n. 183/2011, IL NUOVO APPELLO C.D. FILTRATO Il legislatore, dopo aver alla fine dell anno scorso con la legge n. 183/2011, c.d. legge di stabilità, introdotto una pena pecuniaria in presenza di istanze di sospensione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Pag.

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Pag. INDICE SOMMARIO Presentazione.............................................. Pag. IX CAPITOLO I SISTEMA PENAL-TRIBUTARIO E PRINCIPI COSTITUZIONALI 1. Premessa: il diritto penal-tributario, tra «particolarismo»

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA Nel corso del 2015 il Legislatore ha modificato: l istituto del ravvedimento operoso; il regime sanzionatorio, la cui decorrenza è

Dettagli

CORTE COSTITUZIONALE - ORDINANZA 1 / 2 aprile 2009, n. 97

CORTE COSTITUZIONALE - ORDINANZA 1 / 2 aprile 2009, n. 97 CORTE COSTITUZIONALE - ORDINANZA 1 / 2 aprile 2009, n. 97 LA CORTE COSTITUZIONALE ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel giudizio di legittimità costituzionale degli artt. 200, 322-ter del codice penale

Dettagli

E ancora dubbio il costo del ravvedimento di una dichiarazione integrativa presentata nei 90 giorni dalla scadenza

E ancora dubbio il costo del ravvedimento di una dichiarazione integrativa presentata nei 90 giorni dalla scadenza DICHIARAZIONE INTEGRATIVA E RAVVEDIMENTO OPEROSO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino Premessa Dopo avere trasmesso le dichiarazioni dei redditi del periodo di imposta 2011, potrebbe accadere

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE

REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 65 / 06.10.2003 Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Contabilità semplificata: adeguamento alle novità dal 1 gennaio 2017 Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017 (legge n. 232 del 11.12.2016,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 110/E

RISOLUZIONE N. 110/E RISOLUZIONE N. 110/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 dicembre 2012 OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicabilità dell istituto della remissione in bonis Sono pervenute alla scrivente, da parte

Dettagli

Programma lavoro e questioni

Programma lavoro e questioni Programma lavoro e questioni Punto 1. (rif. Scheda 1) a) La definizione del reato tributario b) Il bene giuridico tutelato c) Il soggetto passivo dei reati tributari d) Il soggetto attivo dei reati tributari

Dettagli

Stupefacenti. Ha 20 gr. di marijuana: è spaccio? Cassazione, sez. V, 9 febbraio 2012, n. 5000

Stupefacenti. Ha 20 gr. di marijuana: è spaccio? Cassazione, sez. V, 9 febbraio 2012, n. 5000 STUPEFACENTI. HA 20 GR. DI MARIJUANA: È SPACCIO? Cassazione, sez. V, 9 febbraio 2012, n. 5000 In materia di stupefacenti il superamento dei limiti massimi indicati nel decreto ministeriale, cui fa riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI COMUNE DI BIENTINA Provincia di Pisa PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI Sommario Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Pagamento in misura ridotta delle sanzioni amministrative pecuniarie

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA FISCALITÀ DEL SALVA ITALIA NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE Dott. Sandro La Ciacera 9 febbraio 2012 - Sala Orlando, C.so Venezia 47 Unione commercianti

Dettagli

Criteri di calcolo per l'accertamento tributario di maggiori ricavi

Criteri di calcolo per l'accertamento tributario di maggiori ricavi Criteri di calcolo per l'accertamento tributario di maggiori ricavi Autore: Graziotto Fulvio In: Approfondimenti Commento a Decisione Giurisprudenziale - A cura di Fulvio Graziotto - Avvocato in Sanremo

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 35 22.05.2014 Omessi versamenti. La prova è nel 770 La SC conferma la condanna a carico dell imprenditore Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

N. 98 FISCAL NEWS. Schede carburante: I criteri per la corretta deducibilità

N. 98 FISCAL NEWS. Schede carburante: I criteri per la corretta deducibilità a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it N. 98 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 07.03.2011 Categoria Ires Schede carburante: I criteri per la corretta deducibilità Ai fini

Dettagli

PROFESSIONISTI: ALTERNATIVE DI COMPILAZIONE DI UNICO A SEGUITO DEL MANCATO VERSAMENTO IRAP

PROFESSIONISTI: ALTERNATIVE DI COMPILAZIONE DI UNICO A SEGUITO DEL MANCATO VERSAMENTO IRAP PROFESSIONISTI: ALTERNATIVE DI COMPILAZIONE DI UNICO A SEGUITO DEL MANCATO VERSAMENTO IRAP a cura Dott. Antonio Gigliotti I professionisti che, non versano l Irap per mancanza di un autonoma organizzazione

Dettagli

DLGS 151/2015 LE MODIFICHE ALLE SANZIONI IN MATERIA DI LAVORO

DLGS 151/2015 LE MODIFICHE ALLE SANZIONI IN MATERIA DI LAVORO DLGS 151/2015 LE MODIFICHE ALLE SANZIONI IN MATERIA DI LAVORO DLGS 151/2015 NUOVE SANZIONI SU: LAVORO NERO LUL PROSPETTI PAGA ASSEGNI FAMILIARI DLGS 151/2015 NUOVA MAXI SANZIONE LA MAXI SANZIONE RITORNA

Dettagli

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO

FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO FONDAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA PROFESSIONALE E DELLO SVILUPPO ECONOMICO Corso di formazione professionale per Praticanti Dottori Commercialisti Cenni generali sull accertamento tributario dott.

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Roma, 13 aprile 2006 Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell Economia e delle Finanze Roma, 13 aprile 2006 Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Ministero dell Economia e delle Finanze Roma, 13 aprile 2006 Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato DIREZIONE GENERALE Direzione per i giochi CIRCOLARE N. 2006/12680/GIOCHI/ADI Agli Uffici regionali

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 98/2013 LUGLIO/8/2013 (*) 12 Luglio 2013

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 98/2013 LUGLIO/8/2013 (*) 12 Luglio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 98/2013 LUGLIO/8/2013 (*) 12 Luglio 2013 CON LA CIRCOLARE N.21/E DEL

Dettagli

L attività istruttoria

L attività istruttoria L attività istruttoria. 1 oggetto della lezione l attività istruttoria; la liquidazione delle dichiarazioni; il controllo formale; il controllo sostanziale; inviti a comparire, richieste, questionari;

Dettagli

CASSAZIONE, Sez. III pen., Pres. Teresi, Est. Pezzella - Sent. n , del 9 aprile 2014, dep. il 10 giugno Svolgimento del processo

CASSAZIONE, Sez. III pen., Pres. Teresi, Est. Pezzella - Sent. n , del 9 aprile 2014, dep. il 10 giugno Svolgimento del processo CASSAZIONE, Sez. III pen., Pres. Teresi, Est. Pezzella - Sent. n. 24319, del 9 aprile 2014, dep. il 10 giugno 2014 Svolgimento del processo 1. La Corte di Appello di Milano, pronunciando nei confronti

Dettagli

L esclusione da Irap per gli agenti di commercio, i promotori finanziari e i lavoratori autonomi: normativa e recenti pronunce giurisprudenziali

L esclusione da Irap per gli agenti di commercio, i promotori finanziari e i lavoratori autonomi: normativa e recenti pronunce giurisprudenziali L esclusione da Irap per gli agenti di commercio, i promotori finanziari e i lavoratori autonomi: normativa e recenti pronunce giurisprudenziali Autore: Marsella Dario In: Diritto tributario 1) Normativa

Dettagli

LA SOSPENSIONE CAUTELARE NEI GIUDIZI D IMPUGNAZIONE

LA SOSPENSIONE CAUTELARE NEI GIUDIZI D IMPUGNAZIONE MASTER IN DIFESA TRIBUTARIA E ASSISTENZA AL CONTRIBUENTE LA SOSPENSIONE CAUTELARE NEI GIUDIZI D IMPUGNAZIONE (Corte Cost. n. 110/2010 e n. 109/2012; Cass. n. 2845/2012) ANTONIO SIMONE (già Presidente della

Dettagli

Sanzioni tributarie: le modalità di calcolo per l applicazione del cumulo giuridico in caso di concorso o progressione di violazioni

Sanzioni tributarie: le modalità di calcolo per l applicazione del cumulo giuridico in caso di concorso o progressione di violazioni n. 38/2000 Pag. 4729 Sanzioni tributarie: le modalità di calcolo per l applicazione del cumulo giuridico in caso di concorso o progressione di violazioni Nota del Ministero delle Finanze - (RIS) prot.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo II SISTEMA PENAL-TRIBUTARIO E PRINCIPI COSTITUZIONALI

INDICE SOMMARIO. Capitolo II SISTEMA PENAL-TRIBUTARIO E PRINCIPI COSTITUZIONALI INDICE SOMMARIO Presentazione... Pag. XI Presentazione alla II edizione....» XIII Capitolo I SISTEMA PENAL-TRIBUTARIO E PRINCIPI COSTITUZIONALI 1. Il diritto penal-tributario, tra «particolarismo» e «principi

Dettagli

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA N. 13 / 2016 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: STAMPA DELLA CONTABILITA ANNO 2015 Riferimenti Legislativi: - Art. 7, comma 4-ter, DL n. 357/94 - Art. 1, comma 161, Legge 244/2007 - Artt.

Dettagli

LE NOVITÀ IN MATERIA DI PRESUNZIONI E INDAGINI BANCARIE

LE NOVITÀ IN MATERIA DI PRESUNZIONI E INDAGINI BANCARIE CIRCOLARE N. 04 DEL 02/02/2017 LE NOVITÀ IN MATERIA DI PRESUNZIONI E INDAGINI BANCARIE Nell ambito del Decreto c.d. Collegato alla Finanziaria 2017 sono state modificate le disposizioni in materia di accertamenti

Dettagli

LE VERIFICHE FISCALI - XI PARTE

LE VERIFICHE FISCALI - XI PARTE LE VERIFICHE FISCALI - XI PARTE danilo sciuto in Giurisprudenza tributaria Premessa Quando una contabilità regolare non salva il contribuente dalle verifiche fiscali. Ovvero: cosa può fare il Fisco se

Dettagli

Voluntary disclosure Modalità applicative, cause ostative e benefici. Milano, 24 febbraio Relatore: Prof. Avv. Benedetto Santacroce

Voluntary disclosure Modalità applicative, cause ostative e benefici. Milano, 24 febbraio Relatore: Prof. Avv. Benedetto Santacroce Voluntary disclosure Modalità applicative, cause ostative e benefici Milano, 24 febbraio 2014 Relatore: Prof. Avv. Benedetto Santacroce 1 Modalità applicative Regola generale L adesione alla procedura

Dettagli

2 approfondimenti dominio, l utilizzatore a titolo di locazione finanziaria. Costoro, nel caso siano soggetti diversi dal trasgressore, sono anche des

2 approfondimenti dominio, l utilizzatore a titolo di locazione finanziaria. Costoro, nel caso siano soggetti diversi dal trasgressore, sono anche des Approfondimenti Art 202 cds a seguito dell entrata in vigore del decreto- legge n. 69 del 21 giugno 2013, convertito in legge n. 98 del 9 agosto 2013, recante Disposizioni urgenti per il rilancio dell

Dettagli

PARERE LEGALE IN MERITO ALL EMERSIONE DEL LAVORO IRREGOLARE AI SENSI DELLA L. 18 OTTOBRE 2001, N. 383

PARERE LEGALE IN MERITO ALL EMERSIONE DEL LAVORO IRREGOLARE AI SENSI DELLA L. 18 OTTOBRE 2001, N. 383 PARERE LEGALE IN MERITO ALL EMERSIONE DEL LAVORO IRREGOLARE AI SENSI DELLA L. 18 OTTOBRE 2001, N. 383 Giova preliminarmente osservare che nel corso dell accertamento ispettivo del.sono state prese in considerazione

Dettagli

Omesso versamento ritenute: ecco le conseguenze dopo la (parziale) depenalizzazione

Omesso versamento ritenute: ecco le conseguenze dopo la (parziale) depenalizzazione CIRCOLARE A.F. N. 116 del 4 Agosto 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Omesso versamento ritenute: ecco le conseguenze dopo la (parziale) depenalizzazione Premessa Con la circolare INPS n. 121 del 05.07.2016

Dettagli

COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI PADOVA Codice Fiscale

COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI PADOVA Codice Fiscale COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI PADOVA Codice Fiscale 80031160288 Prot. n. 149 circ. n. 69 Padova, 6 marzo 2002 Piazza De Gasperi, 45/A tel. 049-666273/299 fax 049-8754369 Email: info@costruttoripadova.it

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Verbale di udienza nella causa civile iscritta al, promossa da - (A s.r.l.), con l avvocato, contro - (B s.p.a.) con l avvocato, avente ad oggetto: locazione di immobile

Dettagli

Società non operative più ampie in UNICO SC 2015 Filippo Gagliardi - Esperto fiscale

Società non operative più ampie in UNICO SC 2015 Filippo Gagliardi - Esperto fiscale Società non operative più ampie in UNICO SC 2015 Filippo Gagliardi - Esperto fiscale ADEMPIMENTO " NOVITÀ " FISCO Le società di capitali, al ricorrere delle condizioni di legge, hanno l obbligo di compilare

Dettagli

STUDI DI SETTORE : GLI ASPETTI DA TENERE IN CONSIDERAZIONE

STUDI DI SETTORE : GLI ASPETTI DA TENERE IN CONSIDERAZIONE STUDI DI SETTORE : GLI ASPETTI DA TENERE IN CONSIDERAZIONE a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale In prossimità dell'invio del Modello Unico 2014 in scadenza al 30 settembre 2014 appare utile ricordare

Dettagli

BARI 27/11/2012 LE NOVITÀ LEGISLATIVE IN MATERIA DI ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO. Relatore: Dott. Riccardo PATIMO - 1 -

BARI 27/11/2012 LE NOVITÀ LEGISLATIVE IN MATERIA DI ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO. Relatore: Dott. Riccardo PATIMO - 1 - BARI 27/11/2012 LE NOVITÀ LEGISLATIVE IN MATERIA DI ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO Relatore: Dott. Riccardo PATIMO - 1 - LE DIVERSE TIPOLOGIE DI ACCERTAMENTO DISTINZIONE IN BASE ALLE FINALITÀ DELL

Dettagli

UNICOSC2016quadroRS: condizioni di non operatività di Filippo Gagliardi

UNICOSC2016quadroRS: condizioni di non operatività di Filippo Gagliardi UNICOSC2016quadroRS: condizioni di non operatività di Filippo Gagliardi ADEMPIMENTO " NOVITÀ " FISCO I soggetti che, per espressa previsione normativa, rientrano nell ambito di applicazione della disciplina

Dettagli

Parte prima FONTI E PRINCIPI COSTITUZIONALI CAPO I LE FONTI DEL DIRITTO TRIBUTARIO

Parte prima FONTI E PRINCIPI COSTITUZIONALI CAPO I LE FONTI DEL DIRITTO TRIBUTARIO INDICE Prefazione alla VI edizione... V Parte prima FONTI E PRINCIPI COSTITUZIONALI CAPO I LE FONTI DEL DIRITTO TRIBUTARIO 1. Il diritto tributario e la struttura dell imposta... 3 1.1. Il diritto tributario...

Dettagli

Equitalia: cartella con errati riferimenti normativi va annullata. Commissione Tributaria Provinciale, sez. I, sentenza 26/02/2016 n 136

Equitalia: cartella con errati riferimenti normativi va annullata. Commissione Tributaria Provinciale, sez. I, sentenza 26/02/2016 n 136 Equitalia: cartella con errati riferimenti normativi va annullata Commissione Tributaria Provinciale, sez. I, sentenza 26/02/2016 n 136 di Federico Marrucci Pubblicato il 02/09/2016 In materia di chiarezza

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Diritto Tributario: Accertamento, Riscossione, Sanzioni e Contenzioso

Corso di Alta Formazione in Diritto Tributario: Accertamento, Riscossione, Sanzioni e Contenzioso Corso di Alta Formazione in Diritto Tributario: Accertamento, Riscossione, Sanzioni e Contenzioso Scuola di Alta Formazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Puglia VIA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

Evoluzione degli Studi di Settore

Evoluzione degli Studi di Settore Evoluzione degli Studi di Settore Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Tivoli Dott. Andrea Brunelli Monterotondo, 23 maggio 2012 *Decreto Legge 98/2011 - Inasprisce le sanzioni; introduce

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE Direzione Regionale dell Abruzzo Procura della Repubblica di Vasto ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA L Agenzia delle entrate - Direzione regionale dell Abruzzo, con sede in Via Zara, n. 10 - L Aquila, rappresentata

Dettagli

Città di Cinisello Balsamo

Città di Cinisello Balsamo Città di Cinisello Balsamo Regolamento per la determinazione e applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni alle norme delle ordinanze e dei regolamenti comunali Approvato con Delibera

Dettagli

La responsabilità dei sindaci: profili penali. Mario Garavoglia Stefania Gianoncelli

La responsabilità dei sindaci: profili penali. Mario Garavoglia Stefania Gianoncelli La responsabilità dei sindaci: profili penali Mario Garavoglia Stefania Gianoncelli CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Rimedi posti a presidio del corretto adempimento dei doveri del collegio sindacale : Responsabilità

Dettagli

I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale

I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale Paola Rivetti (Avvocato - Gruppo di Studio EUTEKNE) I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale 1 Introduzione e operatività degli ISA L art. 9-bis, D.L. 50/2017 convertito disciplina i nuovi indici

Dettagli

Responsabilità ex d.lgs. 231 e gruppi PROBLEMA: la capogruppo risponde dei reati commessi nell ambito della controllata?

Responsabilità ex d.lgs. 231 e gruppi PROBLEMA: la capogruppo risponde dei reati commessi nell ambito della controllata? Responsabilità ex d.lgs. 231 e gruppi PROBLEMA: la capogruppo risponde dei reati commessi nell ambito della controllata? Il decreto 231 nulla dispone circa le problematiche di reati commessi nell ambito

Dettagli

La motivazione della cartella esattoriale

La motivazione della cartella esattoriale La motivazione della cartella esattoriale Autore: Villani Maurizio In: Diritto tributario L articolo 36-ter D.P.R. n. 600 del 29/09/1973 stabilisce che gli uffici periferici dell Amministrazione Finanziaria

Dettagli

Attività di consulenza giuridica e interpello. Indirizzi operativi.

Attività di consulenza giuridica e interpello. Indirizzi operativi. Direzione Regionale dell'emilia Romagna Ufficio Fiscalità generale Attività di consulenza giuridica e interpello. Indirizzi operativi. Prot.21745 del 28 aprile 2005 Riferimenti normativi e di prassi Legge

Dettagli

2. ( 1 ) Dichiarazione fraudolenta mediante uso

2. ( 1 ) Dichiarazione fraudolenta mediante uso Violazioni finanziarie 1. D.L.vo 10 marzo 2000, n. 74. Nuova disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto, a norma dell articolo 9 della legge 25 giugno 1999, n. 205 (Gazzetta

Dettagli

Il verbale di accertamento va distinto anche dal verbale di contestazione Sono entrambe atti scritti ma che si differenziano sotto il profilo

Il verbale di accertamento va distinto anche dal verbale di contestazione Sono entrambe atti scritti ma che si differenziano sotto il profilo Dunque i dati acquisiti nel corso dell attività accertativa devono essere riversati nel Il verbale di accertamento va distinto anche dal verbale di contestazione Sono entrambe atti scritti ma che si differenziano

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA N DEL FATTO E DIRITTO. Cass /2011. Autovelox: contestazione immediata

CORTE DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA N DEL FATTO E DIRITTO. Cass /2011. Autovelox: contestazione immediata La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha confermato la sentenza del Tribunale - di accoglimento del ricorso - che si fondava su doppia articolazione della ratio decidendi costituita dalla affermazione

Dettagli

Agenti e rappresentanti di commercio: lo scomputo delle ritenute d acconto non certificate

Agenti e rappresentanti di commercio: lo scomputo delle ritenute d acconto non certificate Agenti e rappresentanti di commercio: lo scomputo delle ritenute d acconto non certificate Vito Dulcamare La risoluzione n. 68/E del 19 marzo 2009 con la quale l Agenzia delle Entrate ha ammesso lo scomputo

Dettagli

SOMMARIO. LEZIONE T1 L abuso del diritto nella giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione

SOMMARIO. LEZIONE T1 L abuso del diritto nella giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione SOMMARIO Premessa... XVII LEZIONE T1 L abuso del diritto nella giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione 1. Premessa...1 2. Dai principi comunitari alla Carta Costituzionale...1 3. La nozione...

Dettagli

La legge sul processo lungo

La legge sul processo lungo La legge sul processo lungo Gli articoli del codice di procedura penale e della L. 354/1975 nel testo attualmente vigente e con le modifiche previste dal disegno di legge 2567 (Modifiche agli articoli

Dettagli

DELIBERA N. 118/13/CSP

DELIBERA N. 118/13/CSP DELIBERA N. ORDINANZA INGIUNZIONE ALLA SOCIETA 6 C SRL (AUTORIZZATA ALLA DIFFUSIONE DEL PROGRAMMA TELEVISIVO SATELLITARE SUPERFLUO ) - VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 10, COMMA 2, DELLA DELIBERA N. 127/00/CONS

Dettagli