Produzione di sedimenti e tassi di erosione a medio termine nei gullies della Fossa Bradanica, Basilicata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Produzione di sedimenti e tassi di erosione a medio termine nei gullies della Fossa Bradanica, Basilicata"

Transcript

1 Rend. Online Soc. Geol. It., 12 (2010), 56-67; 9 figg., 2 tabb. Produzione di sedimenti e tassi di erosione a medio termine nei gullies della Fossa Bradanica, Basilicata Marco Piccarreta (*), Mario Bentivenga (**), Domenico Capolongo(*) RIASSUNTO Studi recenti nel bacino del Mediterraneo hanno dimostrato che la gully erosion contribuisce notevolmente alla perdita totale di suolo. Utilizzando il metodo della sottrazione multi-temporale di modelli digitali del terreno di tre annate differenti (1949, 1986 e 2000) è stato possibile quantificare la produzione di sedimenti ed i tassi di erosione a medio termine di un gully permanente della Fossa Bradanica, il Fosso La Noce. Al fine di stimare l impatto dei cambiamenti globali, sono stati analizzate dinamica pluviometrica e dei cambiamenti di uso del suolo per lo stesso periodo di tempo. Per il periodo , il tasso di produzione di sedimenti è stato stimato in 253,35 Mg/anno, corrispondente ad un tasso di erosione di 11,5 mm/anno, mentre la quantità di materiale prodotto dal 1986 al 2000 è stato stimato in 1075,7 Mg/anno, che corrisponde ad un tasso di erosione di 52,7 mm/anno. I dati a disposizione sembrano imputare l incremento della sedimentazione all intervento antropico di livellamento delle testate del gully per la coltivazione di seminativi, mentre l accelerazione dei processi di erosione sembra legata alle modificazioni recenti del regime pluviometrico, con allargamento dell orizzonte secco e tendenza delle precipitazioni più intense ad organizzarsi in macro-eventi di 3-4 giorni consecutivi di elevata magnitudo. Termini chiave : Gully erosion; Tassi di erosione; Interpretazione da foto aeree; GIS; Modelli digitali del terreno; Basilicata In Basilicata (Southern Italy), agricultural soils underwent continuous degradation during the last century due to the highly erodible nature of outcropping terrains and to the anthropic pressure favoured by the introduction of Common Agricultural Policy (CAP) measures, which, especially in the last 30 years, has led to the reclamation of scrub lands and badlands for durum wheat cultivation. All these practices have accelerated the natural soil erosion processes, leading to the depletion of soil organic matter (i.e. reduction of soil structure stability) and favouring crusting, runoff production, gully erosion and shallow mass movements. On the basis of these considerations, some research questions remain open, the most importance one in Basilicata is: what is the contribution of gully erosion to overall soil loss and sediment production at different temporal and spatial scales and under different climatic and land use conditions? In this paper we attempt to answer to this question adopting the consolidate procedure in GIS to determine medium-term sediment production and deposition rates in a large gullies of Fossa Bradanica, Basilicata, Southern Italy. This method, which is based on the subtraction of multi-date elevation values from digital elevation model, does not produce significant errors in the estimetes and has been considered as a valide technique in the estimating net erosion in gully areas. Infact, in comparison with other methods, it also includes sediment produced by processes other than only overland flow, i.e. downcutting, headcutting, and mass movements and bank erosion. Ke y w o r d s : Gully erosion; Erosion rates; Aerial photo inetrpretations; GIS; Digital elevation model; Basilicata ABSTRACT Medium-term Sediment Production and Erosion Rate in Gullies of Fossa Bradanica, Basilicata Gully erosion is an important soil degradation process in a range of environments, causing considerable soil loss and producing large volumes of sediment and it has a very significant contribution to total soil loss in Mediterranean areas. Nothwistanding its importance in the soil erosion processes, gully erosion has been long neglected because it is difficult to study and to predict. Consequently, there is a need for monitoring, experimental and modelling studies of gully erosion as a basis for predicting the effects of environmental change (climatic and land use changes) on gully erosion rates. A key issue to be addressed, as the basis for predicting the effects of global changes such as land use and climate changes, is the mapping and quantification of gully erosion and sediment production rates. At present no standardized procedures are available for measuring gully erosion rates and controlling factors. At the medium-time scale (10-70 years) aerial photographs have been analysed to measure temporal changes in length, area or volume of various gully tipes. In this respect, contribution has been the use of multi-temporal DEMs to map active gully areas and compute sediment production and deposition within gullies. (*) * Dipartimento di Geologia e Geofisica, Università degli Studi di Bari - via Orabona, Bari. uniba.it, ** Dipartimento di Scienze Geologiche, Università degli Studi della Basilicata - via Ateneo Lucano, Potenza. mario. INTRODUZIONE L erosione di tipo gully (gully erosion) costituisce un importante processo di degradazione del suolo in diversi ambienti, causando considerevole perdita di suolo produttivo e produzione di notevoli volumi di sedimenti (Po e s e n et alii, 2003; Va l e n t i n et alii, 2005). Essa contribuisce in maniera significativa alla perdita totale di suolo in ambiente Mediterraneo (Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s, 2003; Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s et alii, 2003; 2004). Nonostante la sua importanza nei processi di erosione del suolo, la gully erosion è stata a lungo trascurata, perché difficile da predire e studiare. Ne deriva la necessità di effettuare studi sperimentali di monitoraggio e modellizzazione per prevedere gli effetti dei cambiamenti globali sui futuri tassi di erosione di tipo gully (Po e s e n et alii, 2003). Una questione fondamentale da affrontare, come base per la previsione degli effetti dei cambiamenti globali, quali uso del territorio e cambiamenti climatici, è la mappatura e la stima dei tassi di erosione recente, tra cui tasso di arretramento della testata e delle pareti e il tasso di produzione di sedimenti. Come chiaramente sostenuto da Po e s e n et alii (2003), non sono ancora disponibili procedure standardizza-

2 Produzione di sedimenti e tassi di erosione a medio termine nei gullies della Fossa Bradanica, Basilicata Fig. 1 - a) Schema tettonico dell Appennino meridionale; b) Carta geologica dell area di studio. a) Tectonic outline of Southern Appennine; b) Geologic map of the study area. 57

3 58 M. PICCARRETA et alii te per la misurazione dei tassi di erosione e dei fattori di controllo. Per osservazioni a medio termine (10-70 anni), sono stati condotte analisi multitemporali di foto aeree, così da misurare cambiamenti in lunghezza, area o volume dei vari tipi di gullies. Nell ultima decade, un contributo fondamentale è stato fornito dai sistemi informatici geografici, che, attraverso la creazione di modelli digitali del terreno (DEMs) multitemporali, hanno permesso di mappare le aree attive dei gullies e di calcolare le zone di produzione di sedimenti e di deposizione all interno degli stessi (De Ro s e et alii, 1998; Be t t s & De Ro s e, 1999; Be t t s et alii, 2003; Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s, 2003; Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s et alii, 2003; 2004; Da b a et alii, 2003). In Basilicata (Italia meridionale), la cui economia verte principalmente sul settore agricolo, terreni produttivi hanno subito, durante lo scorso secolo, un continuo degrado dovuto non solo alla loro natura altamente erodibile, ma soprattutto alla pressione antropica, favorita dalla introduzione di misure agricole della Comunità Economica Europea (Common Agricultural Policy), che, soprattutto nell ultimo trentennio, ha portato alla bonifica delle aree a macchia mediterranea e calanchi per la coltivazione di grano duro (Re n d e l l, 1986; So n n i- n o et alii, 1998). Tutte queste pratiche hanno accelerato i naturali processi di erosione del suolo, provocando il graduale esaurimento dell orizzonte di materia organica del suolo, così da favorire lo sviluppo di croste superficiali e fenomeni di deflusso superficiale, erosione a solchi e movimenti di massa (Cl a r k e & Re n d e l l, 2000; Ro b i n s o n & Ph i l l i p s, 2001; Pi c c a r r e ta et alii, 2006a). Pertanto diverse domande rimangono senza risposta, di cui sicuramente la più importante è: qual è il contributo della gully erosion sulla perdita totale di suolo e la produzione di sedimenti a differenti scale spaziali e temporali e nelle diverse condizioni climatiche e di utilizzo del territorio? In questo lavoro si cercherà di dare risposta a questa domanda, seguendo lo stesso approccio metodologico proposto da Martínez -Casasnovas (2003), per determinare il tasso di erosione e deposizione a medio termine in un gully permanente della Fossa Bradanica (Fosso La Noce), in Basilicata. Questo metodo, basato sulla sottrazione di DEMs multitemporali, non produce errori significativi nelle stime dei tassi di erosione e deposizione ed è stato considerato come un valido strumento per la quantificazione della gully erosion. Infatti, rispetto ad altri metodi, esso considera, oltre ai sedimenti prodotti dal deflusso superficiale, anche quelli prodotti da processi come erosione della testata, erosione laterale e verticale e movimenti di massa (Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s et alii, 2003). GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA DELL AREA Lo studio ha interessato un area che ricade interamente nel dominio della Fossa Bradanica (fig. 1). La Fossa Bradanica, durante il Pleistocene medio, è stata soggetta ad un progressivo sollevamento che si è propagato da nord-ovest verso sud-est (Se l l i, 1962; Bi g i et alii, 1996; Mo n a c o et alii, 1998; Ca l a m i ta et alii, 1999). Il riempimento della Fossa Bradanica è rappresentato da un prisma sedimentario di età Pliocene-Pleistocene che giace in discordanza angolare sia sui carbonati della Piattaforma Apula che sulle unità alloctone più esterne dell Appennino meridionale. I depositi più antichi sono marne ed argille marnose del Pliocene medio-superiore (Ba l d u z z i et alii, 1982) o del Pliocene medio (Pata c c a & Sc a n d o n e, 2001). Durante il Pleistocene medio-superiore, questi depositi sono stati parzialmente ricoperti dalle coltri alloctone provenienti dal fronte della catena (Ba l d u z z i et alii, 1982). Sopra i depositi marnosi ed argillosi del Pliocene inferiore e medio si rinvengono le arenarie torbiditiche e argille del Pliocene superiore. Segue un potente complesso argilloso con intercalazioni di arenarie torbiditiche riferibile al Pleistocene medio-superiore. In particolare, lo studio ha interessato una zona del territorio di Pisticci dove scorre il fosso la Noce ed affiorano estesamente depositi terrazzati sabbioso-conglomeratici con spessori esigui e digradanti verso la costa la costa Ionica (Bo e n z i et alii, 1971; 1976; Ri c c h e t t i, 1981). Le superfici terrazzate sono state successivamente incise da corsi d acqua secondari (gullies) che ne hanno raggiunto anche il substrato argilloso. Nel tratto di monte, i gullies hanno una direzione normale all attuale linea di costa per poi essere catturati a N verso il fiume Basento e a S verso il fiume Cavone, probabilmente a causa di un disturbo tettonico sub-parallelo all attuale linea di costa (Bentivenga et alii, 2004). DATI E METODI La ricerca è stata basata su un analisi multitemporale di dati pluviometrici, dati telerilevati (foto aeree del 1954 e ortofoto del 1986 e del 2002) e modelli digitali del terreno (DEM) (fig. 2). Questo allo scopo di: caratterizzare l area di studio dal punto di vista pluviometrico per verificare il ruolo del clima sui processi di gully erosion; creare carte dell uso del suolo, per verificare il ruolo dell uomo sui processi di erosione di tipo gully; stimare il tasso di materiale perduto del Fosso La Noce nel periodo Cambiamenti nei patterns pluviometrici Dati pluviometrici giornalieri della stazione meteorologica di Pisticci sono stati acquisiti dagli Annali Idrologici del Servizio Idrografico Nazionale (sede Potenza), per il periodo Per poter analizzare al meglio le dinamiche pluviometriche e la loro interazione con i fenomeni erosivi, sono stati considerati i seguenti parametri: precipitazioni totali annue (PRCP), calcolate come la somma di tutti i giorni piovosi, dove per piovoso si intende un giorno con precipitazione > 1 mm; intensità pluviometrica giornaliera (IPG), espressa come il rapporto tra le precipitazioni totali annue ed il numero dei giorni piovosi; potere erosivo della pioggia attraverso il calcolo del rainfall-runoff R factor della Universal Soil Loss Equation (USLE) (Wischmeier & Smith, 1978), attraverso l applicazione della formula proposta per la

4 Produzione di sedimenti e tassi di erosione a medio termine nei gullies della Fossa Bradanica, Basilicata 59 Fig. 2 - Schema dei processi metodologici applicati. Data flow diagram with the general methodological process applied.

5 60 M. PICCARRETA et alii Basilicata da Pi c c a r r e ta et alii (2005): EI 30 = 0,1087 (P 24 ) 1,86, con P 24 la pioggia giornaliera relativa ad eventi > 10mm; la quantità massima di precipitazione caduta in cinque giorni (MAX5GG); frequenza degli estremi, espressa come numero di giorni che ogni anno eccedono il 90imo e il 95imo percentile (N90 e N95); intensità degli estremi, espressa come frazione di precipitazioni totali che eccedono il 90imo ed il 95imo percentile (FRAC90p e FRAC 95p). Data l importanza del ruolo giocato dai cicli umidosecco e, soprattutto, della loro durata, sono stati anche calcolati per ogni anno: lunghezza media dei periodi secchi (LMS); il numero massimo di giorni consecutivi senza pioggia (GSC); lunghezza media dei periodi umidi (LMU); il numero massimo di giorni piovosi consecutivi (GPC). Per poter definire in maniera più incisiva il ruolo dei cicli umido-secchi su scala temporale più larga, è stato utilizzato anche lo Standardized Precipitation Index (SPI), sviluppato da Mck e e et alii (1993). Questo indice presenta una grande versatilità, in quanto permette di quantificare lo stato di siccità e di umidità di un territorio e il deficit di precipitazione a diverse scale temporali, corrispondenti in genere a multipli (1, 3, 6, 12, 48 mesi), sulla base delle sole osservazioni pluviometriche. L indice SPI è espresso dal rapporto tra la differenza della precipitazione rispetto al suo valore medio (che dipende dalla statistica di riferimento), su una data scala temporale mensile dt, e la sua deviazione standard: SPI t,dt = ( X t,dt X t,dt) / S t,dt L indice SPI viene generalmente rappresentato graficamente riportando in ascisse la scala temporale (statistica di riferimento), e in ordinata i valori dell SPI. Sulla base dei valori dell indice SPI, Mckee et alii (1993) hanno proposto la classificazione mostrata in tab. 1. Tabella 1 Classificazione dello Standardized Precipitation Index (Mckee et alii, 1993). Cambiamenti dell uso del suolo Sono state elaborate le mappe di uso del suolo dell area di studio per le annate 1954, 1986 e Questo abbinando ai tradizionali metodi di foto-interpretazione, i rilievi sul campo. Per la ortorettifica e la georeferenziazione delle foto aeree del 1954/55 è stato utilizzato il software PCI geomatica orthoenginetm. Il processo è stato effettuato utilizzando tutti i parametri della camera disponibili e 25 punti di controllo a terra. Per la redazione della carta di uso del suolo sono state riconosciute sei tipologie: infrastrutture; seminativo; oliveti; vigneti; macchia mediterranea; aree boscate. Co s t r u z i o n e d e i DEMs e d e t e r m i n a z i o n e d e l l arretramento delle pareti e del tasso di produzione di sedimenti Il DEM del 1949 è stato costruito da curve di livello, punti quotati e linee di drenaggio acquisite dalla Carta Topografica dell Istituto Geografico Militare, in scala 1: 25,000. Data l elevata diffusione, nell area di studio, di curve ausiliare (equidistanza di 5 metri), è stato possibile costruire un DEM a risoluzione orizzontale di 20 m. Il DEM del 1986 è stato costruito da curve di livello, punti quotati e linee di drenaggio acquisite dalla Carta Tecnica Regionale della Regione Basilicata (Ortofotocarta San Basilio, Sezione N ) in scala 1:10,000. Il DEM del 2000 da curve di livello, punti quotati e linee di drenaggio acquisite dalla Cartografia digitale in scala 1:10,000 presso l Ufficio Tecnico di Pisticci. Allo scopo di uniformare i Dems del 1986 e del 2000 a quello del 1949, anche essi sono stati costruiti con una risoluzione orizzontale di 20 m. L algoritmo utilizzato per l interpolazione spaziale è il Topogrid di ArcInfo (ESRI) che crea un modello digitale del terreno idrologicamente corretto, senza che venga perduta la continuità delle superfici, come invece in altri metodi quali kriging o spline (Ma r t í n e z -Ca s a s n o- va s, 2003). I tassi di incisione e di produzione di sedimenti sono stati calcolati attraverso la sottrazione di due DEMs ( ; ). Dalla sottrazione dei due DEMs deriva una nuova griglia con la differenza di quota per ogni cella costituente; un valore negativo viene interpretato come erosione (riduzione di superficie o approfondimento del gully), un valore positivo come riempimento, mentre un valore molto basso o nullo come situazione stabile. Al fine di minimizzare gli errori derivanti dalla sovrapposizione dei DEMs, come proposto da Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s (2003), sono state considerate solo le differenze di quota all interno dell intervallo X±2SD (dove X è il valore medio delle differenze e SD è la deviazione standard) Il tasso di produzione di sedimenti è stato calcolato in base alla Eq. (1) (Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s, 2003): SPT = (QD * GR 2 * GD) / AT

6 Produzione di sedimenti e tassi di erosione a medio termine nei gullies della Fossa Bradanica, Basilicata 61 Fig. 3 - Andamento della precipitazione totale annua (a) e dell intensità pluviometrica giornaliera (b), dell erosività (c), del quantitativo massimo di pioggia caduta in 5 giorni consecutivi (d), del numero annuo di giorni (e, f) e della frazione di precipitazioni totali annue (g, h) eccedenti il 90imo ed il 95imo percentile. Patterns of total annual rainfall (a), rainfall intensity (b), erosivity (c), greatest 5-day total rainfall (d), daily annual number (e, f) and fraction of total precipitation (g, h) above annual 90th and 95th percentile.

7 62 M. PICCARRETA et alii Ta b e l l a 2 / Ta b l e 2 Riassunto dei cambi nell uso del suolo dal 1954 al / Summary of land use change from 1954 to dove SPT = tasso di produzione di sedimenti (Mg ha -1 anno -1 ), QD = somma delle differenze di quota (m), GR = risoluzione orizzontale della griglia (m) (20 m, in questo caso), GD = densità dei grani (Mg m -3 ), A = superficie del gully (ha), T = intervallo di tempo studiato (anni). I depositi affetti da gullying sono composti principalmente da depositi marini terrazzati (sabbie e conglomerati) e, in misura minore, da suoli. Un valore di densità media di 2 Mg m -3, calcolato da Gu e r r i c c h i o & Me l i d o r o (1978), è stato utilizzato per stimare la massa dei sedimenti erosi. RISULTATI E DISCUSSIONI Caratterizzazione pluviometrica dell area di studio La precipitazione totale annua e l intensità pluviometrica giornaliera sono state analizzate e i risultati sono riportati in tab. 2. Le precipitazioni annuali durante il periodo analizzato variano da 257 a 1225 mm, con un valore medio di 577,7 mm. L andamento grafico dei trend (fig. 3 a, b) mostra chiaramente una tendenza al decremento sia delle precipitazioni totali che dell intensità pluviometrica giornaliera. Stessa tendenza è confermata anche per l erosività e la quantità massima di precipitazione caduta in cinque giorni consecutivi (fig. 3 c, d). Tuttavia per gli ultimi quindici anni di osservazione, si nota una tendenza positiva degli indici IPG e MAX5GG, ad indicare che gli eventi pluviometrici tendono ad essere caratterizzati da una magnitudo superiore che in passato. Allo scopo di verificare l andamento degli estremi, si è proceduto al calcolo del 90imo e del 95imo percentili delle precipitazioni giornaliere, che rappresentano rispettivamente soglie per indicare eventi estremi e fortemente estremi. Ne è risultato che il 90imo percentile delle precipitazioni totali annue corrisponde a 20,9 mm ed il 95imo percentile a 31,1 mm. Sono stati pertanto calcolati il numero dei giorni (N90, N95) e la frazione di precipitazioni totali eccedenti le stesse soglie (FRAC90, FRAC95). L andamento di questi indici (fig. 3 e, f, g, h) mostra come il numero e la frazione di precipitazioni per eventi estremi e fortemente estremi sia in netto decremento nel periodo di osservazione. Si è passati quindi ad analizzare l andamento dei cicli umido-secco. Il numero dei giorni secchi consecutivi, così come la lunghezza media dei periodi secchi è in costante decremento (fig. 4 a, b), laddove, invece, il numero dei giorni umidi consecutivi e la lunghezza media dei periodi umidi mostrano una tendenza negativa (fig. 4 c, d). Sulla base delle considerazioni fatte riguardo ai diversi indici analizzati, ne deriva uno scenario pluviometrico caratterizzato da un orizzonte secco sempre più allargato, con una tendenza delle piogge a concentrarsi in periodi più brevi ed intensi. La maggiore intensità non è legata all aumento della magnitudo di un singolo evento, quanto all aggregazione in giorni consecutivi di eventi piovosi di moderata intensità. L analisi aggiuntiva effettuata con lo Standardized Precipitation Index ha permesso di studiare in maggior dettaglio il ruolo dei cicli umido/secchi a scale temporali più larghe. I valori dello SPI a singola scala mensile (SPI 1 ) e trimestrale (SPI 3 ), sono stati calcolati e rappresentati graficamente (fig. 5 a e b). Dall analisi grafica emerge come il quadro climatico già descritto sia confermato. Negli ultimi anni la dimensione dei periodi secchi si sta sempre più allargando, intervallata da eventi piovosi di breve durata ma di intensità superiore rispetto al passato. Impatto antropico L analisi quali-quantitativa dei cambi dell uso del suolo dal 1954 al 2002 è stata effettuata ed i risultati sono mostrati in tab. 2 ed in fig. 6. Dall analisi quantitativa emerge che la maggiore pressione antropica si è registrata dal 1954 al 1986, mentre dal 1986 al 2002 non sono state fatte trasformazioni degne di nota. Più in dettaglio, cambiamenti nella gestione del suolo hanno riguardato essenzialmente seminativi, aree a macchia mediterranea ed aree boscate, mentre non si hanno grandissimi cambiamenti inerenti le infrastrutture e le coltivazioni (oliveti e vigneti). È bene sottolineare che la maggior parte di tali cambiamenti ha avuto luogo dopo gli anni 70. La coltura dei seminativi rappresenta sicuramente quella che ha causato i principali cambiamenti nella gestione del suolo. Nel corso degli anni, si è assistito ad un netto incremento delle aree a seminativo, dal 2% al 33% della superficie totale. Si tratta di monocoltura di frumento duro; l aratura si svolge nei mesi di Ottobre e Novembre, mentre la raccolta si effettua nei mesi estivi di Giugno, Luglio e Agosto, cosicché il suolo rimane completamente privo di copertura vegetale durante il

8 Produzione di sedimenti e tassi di erosione a medio termine nei gullies della Fossa Bradanica, Basilicata 63 Fig. 4 - Andamento della lunghezza media dei periodi secchi e umidi (a, c) e del massimo numero annuo di giorni secchi e umidi consecutivi (b, d). Mean annual spell lenghts of dry and wet days (a, c) and maximum annual number of consecutive dry and wet days (b, d). Fig. 5 - Andamento dell indice SPI a scala temporale (a) mensile e (b) trimestrale. SPI values for the periods of (a) 1 month and (b) 3 months.

9 64 M. PICCARRETA et alii Fig. 6 - Carte di uso del suolo ed andamento grafico delle variazioni durante il periodo per il Fosso la Noce. Carte di uso del suolo ed andamento grafico delle variazioni durante il periodo per il Fosso la Noce. semestre Settembre-Febbraio, quando gli eventi piovosi si fanno più intensi. Le aree a macchia mediterranea, caratterizzate prevalentemente da Pistacia lentiscus e steppe a Lygeum Spartum, hanno subito un netto decremento (dal 14% all 1.3% della superficie totale), dovuto alla bonifica a favore della produzione di cereali. Le aree boscate (prevalentemente cedui) sono diminuite anch esse a favore dei seminativi, passando dall 83% al 61% della superficie totale. Produzione di sedimento e tassi di erosione In figura 7 si riportano le differenze di quota stimate tramite la sottrazione dei DEMs multitemporali. Il tasso di erosione è stato calcolato attraverso la Eq. 1. Valori negativi indicano erosione (riduzione di superficie o approfondimento del gully), mentre valori positivi riempimento o aggradazione del gully; valori molto bassi o nulli indicano aree stabili. La quantità di materiale prodotto dal 1949 al 1986 è stato stimato in 8707,7 Mg (253,35 Mg/anno), corrispondente ad un tasso di erosione di 11,5 mm/anno, piuttosto basso se relazionato con quelli ottenuti per altri gully in ambiente Mediterraneo (Martínez-Casasnovas, 2003; Martínez-Casasnovas et alii, 2003; 2004). La mappa delle differenze di quota dimostra che il modello di erosione all interno del gully non è uniforme. Le aree di produzione di sedimento sono principalmente localizzate dove i processi di approfondimento sono più attivi, ossia a livello delle testate (fig. 8, sezione 1) e lungo l asse del gully. Qui sono più attivi forza viva del corso d acqua e movimenti di versante legati all opera di scalzamento al piede effettuato dal corso stesso. Nella zona di testata di riscontrano anche i tassi di erosione più alti, che sembrano essere principalmente legati al livellamento delle testate da parte dell uomo. Come si evince dalla sezione 1 di fig. 8, una delle testate del fosso La Noce è stata quasi del tutto spianata. I profili delle sezioni 2 e 3 di fig. 8, mostrano come il fosso La Noce sia caratterizzato da un profilo ad U, formato essenzialmente per effetto del deflusso concentrato, in cui i movimenti di massa sono importanti nel controllare il ritiro delle pareti laterali. L erosione dell area di testata ha portata alla deposizione ed alla stabilizzazione del fondovalle.

10 Produzione di sedimenti e tassi di erosione a medio termine nei gullies della Fossa Bradanica, Basilicata 65 Fig. 7 - Differenza delle quote del Fosso la Noce calcolate dalla sottrazione dei DEMs multitemporali. Elevation difference grid of Fosso La Noce computed from the multi-date DEMs. Fig. 8 - Confronto dei profili trasversali lungo il Fosso La Noce per gli anni 1949 e 1986 (per i siti dei profili vedi fig. 7). Comparison of transverse profiles across the Fosso La Noce for the years 1949 and 1986 (for locations of profiles see fig. 7). In particolare, la deposizione risulta essere molto elevata sulla sponda destra delle diverse ramificazioni, probabilmente come conseguenza della maggiore presenza di vegetazione, essendo esposti a Nord (fig. 8, sezione 2 e sezione 3). È importante notare che il dato di erosione ottenuto non deve essere relazionato alle caratteristiche climatiche precedenti al 1972; infatti, dall analisi di foto aeree del 1972 è emerso che i maggiori cambiamenti di uso del suolo sono successivi a questa data, in concomitanza con uno spostamento del clima in senso più arido e quindi con piogge meno efficaci (Pi c c a r r e ta et alii, 2004). Il modellamento dei versanti e delle aree limitrofe attraverso l utilizzo di mezzi pesanti, ha portato al decremento delle loro pendenza e ad un aumento del carico di sedimenti sciolti, che si sono andati inevitabilmente ad immagazzinare nel fondovalle del gully. La quantità di materiale prodotto dal 1986 al 2000 è stato stimato in 15059,8 Mg (1075,7 Mg/anno), che corrisponde ad un tasso di erosione pari a 52,7 mm/anno, molto più vicino a quelli misurati in altri ambienti mediterranei. Nel periodo considerato continua ad essere importante il fattore antropico. Come si evince dalla sezione 1 di fig. 9, il profilo longitudinale della testata del fosso La Noce nel 2000 è stato quasi completamente appiattito per la produzione di cereali. Il gully conserva un profilo ad U nel suo tratto finale (sezione 3 di fig. 9) mentre nella zona intermedia, a causa del livellamento antropico e del successivo approfondimento fluviale, è caratterizzato da un incipiente profilo a V. Emerge chiaramente che l azione di livellamento da parte dell uomo è stata massiccia ed è questa la causa della grossa produzione di sedimenti, sia nella zona di testata che nel tratto intermedio. Nel tratto finale, invece, ritroviamo una situazione simile a quella del periodo , con deposizione sulla sponda destra ed erosione sulla sinistra.

11 66 M. PICCARRETA et alii di mappare le zone di erosione e deposizione all interno dello stesso. Rispetto ad altri metodi tradizionali in cui si stima solo la produzione di sedimenti dovuta a deflusso superficiale, il metodo proposto considera anche il contributo di movimenti di massa, erosione delle testate ed incisione verticale e laterale (Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s, 2003). Per il periodo , il tasso di produzione di sedimenti è stato stimato in 253,35 Mg/anno, corrispondente ad un tasso di erosione di 11,5 mm/anno, mentre la quantità di materiale prodotto dal 1986 al 2000 è stato stimato in 1075,7 Mg/anno, che corrisponde ad un tasso di erosione pari a 52,7 mm/anno. L analisi multitemporale di foto aeree e la redazione di mappe di uso del suolo per le annate 1954, 1986 e 2000, hanno confermato che l incremento della produzione di sedimenti è dovuto alla meccanizzazione agraria. L uomo è intervenuto con i mezzi pesanti livellando le testate del gully, favorendo così, da una parte l innesco di fenomeni di allagamento fangoso e dall altra la deposizione nel fondovalle di una grossa quantità di sedimenti. L accelerazione dei processi di erosione sembra invece legata alle modificazioni recenti del regime pluviometrico, sempre più caratterizzato da un allargamento dell orizzonte secco e da una tendenza delle precipitazioni più intense ad organizzarsi in macro-eventi di 3-4 giorni consecutivi di elevata magnitudo. La maggior parte di questi eventi, caratterizzati da elevata energia cinetica ed erosività, si scatena successivamente ad un periodo secco e quindi in condizioni di terreno asciutto, andando ad amplificare gli effetti erosivi. BIBLIOGRAFIA Fig. 9 - Confronto dei profili trasversali lungo il Fosso La Noce per gli anni 1986 e 2000 (per i siti dei profili vedi fig. 7). Comparison of transverse profiles across the Fosso La Noce for the years 1986 and 2000 (for locations of profiles see fig. 7). Il fatto che il tasso di erosione è aumentato e che il fenomeno di stabilizzazione del fondovalle osservato nel periodo non sia confermato per gli ultimi quindici anni di osservazione, sembrerebbe imputabile al cambiamento climatico. L organizzazione degli eventi pluviometrici in macroeventi di 3-4 giorni, ha acuito il fenomeno degli allagamenti fangosi e, soprattutto, ha favorito il trasporto a valle dei sedimenti prodotti. CONCLUSIONI In questo lavoro è stato applicato un metodo basato sulla sottrazione di modelli digitali del terreno multitemporali per valutare i tassi di produzione di sedimento e di erosione a medio termine ( ) di un gully permanente della Fossa Bradanica, il fosso La Noce, e Be n t i v e n g a M., Co lt o rt i M., Pr o s s e r G. & Tava r n e l l i E. (2004) - A new Interpretation of Terraces in the Taranto Gulf: the Role of Extensional Faulting. Geomorphology, 60, Ba l d u z z i A., Ca s n e d i R., Cr e s c e n t i U. & To n n a M. (1982) - Il Plio- Pleistocene del sottosuolo del bacino lucano (Avanfossa Appenninica). Geologica Romana, 21, Be t t s HD. & De Ro s e RC. (1999) - Digital elevation models as a tool for monitoring and measuring gully erosion. JAG, 1 (2), Be t t s HD., Tr u s t r u m NA. & De Ro s e RC. (2003) - Geomorphic changes in a complex gully system measured from sequential digital elevation. models, and implications for management. Earth Surface Processes Landforms, 28, Bi g i S., Ca n ta l a m e s s a G., Ce n t a m o r e E., Di d a s k a l o u P., Mi c a r e l l i A., Nisio S., Pe n n e s i T. & Po t e t t i M. (1996). The Periadriatic basin (Marche - Abruzzi sector, Central Italy) during the Plio- Pleistocene. Giornale di Geologia 3 rd series, 59, 1-2, Bo e n z i F., Ra d i n a B., Ri c c h e t t i G. & Va l d u g a A. (1971) - Note illustrative del F. «Matera» (II a Ed.) della Carta Geologica d Italia. Libreria dello Stato, Roma. Bo e n z i F., Pa l m e n t o l a G. & Va l d u g a A. (1976) - Caratteri geomorfologici dell area del Foglio «Matera». Bollettino Società Geologica Italiana, 95, Ca l a m i ta F., Co lt o rt i M., Pi e r u c c i n i P. & Pi z z i A. (1999) - Evoluzione strutturale e morfogenesi Plio-Quaternaria dell Appennino Umbro-Marchigiano tra il Pedappennino Umbro e la costa Adriatica. Bollettino Società Geologica Italiana, 118, Ca p o l o n g o D., Pe n n e t ta L., Pi c c a r r e ta M., Fa l l a c a r a G. & Bo e n z i F. (2008) - Spatial and temporal variations in soil erosion and deposition due to land-levelling in a semi-arid area of Basilicata (Southern Italy). Earth Surface Processes Landforms, 33, Cl a r k e ML. & Re n d e l l HM. (2000) - The impact of the farming

12 Produzione di sedimenti e tassi di erosione a medio termine nei gullies della Fossa Bradanica, Basilicata 67 practice of remodelling hillslope topography on badland morphology and soil erosion processes. Catena, 40, Da b a S., Ri e g e r W. & St r a u s s P. (2003) - Assessment of Gully erosion in Eastern Ethiopia Using Photogrammetric Techniques. Catena, 50, De Ro s e Rc., Go m e z B., Ma r d e n M. & Tr u s t r u m NA. (1998) - Gully erosion in mangatu forest, New Zealand, estimated from digital elevation models. Earth Surface Processes Landforms, 23, Fa u l k n e r H., Ru i z J., Zu k o w s k y j P. & Do w n w a r d S. (2003) - Erosion risk associated with rapid and extensive agricultural clearances on dispersive materials in southeast Spain. Environmental Science & Policy, 6, Guerricchio A. & Melidoro G. (1979) - Fenomeni franosi e neotettonici nelle argille grigio-azzurre calabriane di Pisticci (Lucania) con saggio di cartografia. Geologia Applicata ed Idrogeologia, 14, Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s JA. (2003) - A spatial information technology approach for the mapping and quantification of gully erosion. Catena, 50, Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s JA., An t ó n-fe r n á n d e z C. & Ra m o s MC. (2003) - Sediment production in large gullies of the Mediterranean area (NE Spain) from high resolution Digital elevation models and Geographichal Informaion Systems analysis. Earth Surface Processes Landforms, 28, Ma r t í n e z -Ca s a s n o va s JA., Ra m o s MC. & Po e s e n J. (2004) - Assessment of sidewall erosion in large gullies using multi-temporal DEMs and logistic regression analysis. Geomorphology, 58, Mc k e e T.B., Do e s k e n N.J. & Kl e i s t J. (1993) - The relationship of drought frequency and duration to time scales. Preprints, 8th Conference on Applied Climatology, January, Anaheim, CA, Amer. Meteor. Soc., Monaco C., Tortorici L. & Paltrinieri W. (1998) - Structural evolution of the Lucanian Apennines. Journal of Structural Geology, 20, Pata c c a E. & Sc a n d o n e P. (2001) - Late thrust propagation and sedimentary response in the thrust-belt foredeep system of the southern Apennines (Pliocene-Pleistocene). In: Vai, G.B., Martini, I.P. (Eds.), Anatomy of an Orogen: the Apennines and Adjacent Mediterranean Basins, Pi c c a r r e ta M., Ca p o l o n g o D. & Bo e n z i F. (2004) - Trend analysis of precipitation and drought in Basilicata from 1923 to 2000 within a Southern Italy context. International Journal of Climatology, 24, Pi c c a r r e ta M., Ca p o l o n g o D., Be n t i v e n g a M. & Pe n n e t ta L. (2005) - Influenza delle precipitazioni e dei cicli umido - secco sulla morfogenesi calanchiva in un area semi-arida della Basilicata (Italia Meridionale). Geografia Fisica e Dinamica Quaternaria, VII, Pi c c a r r e ta M., Ca p o l o n g o D., Bo e n z i F. & Be n t i v e n g a M. (2006a) - Implications of decadal changes in precipitation and land use policy to soil erosion in Basilicata, Italy. Catena, 65, Pi c c a r r e ta M., Fa u l k n e r H., Be n t i v e n g a M. & Ca p o l o n g o D. (2006b) - The influence of physico-chemical material properties on erosion processes in the badlands of Basilicata, Southern Italy. Geomorphology, 81, Po e s e n J., Na c h t e r g a e l e J., Ve r s t r a e t e n G. & Va l e n t i n C. (2003) - Gully erosion and environmental change: importance and research needs. Catena, 50, Re n d e l l H.M. (1986) - Soil erosion and land degradation in southern Italy. In: Fantechi R., Margaris NS., (Eds), Desertification in Europe. Commission of European Communities, Brussels, Ri c c h e t t i G. (1967) - Lineamenti geologici e morfologici della Media Valle del fiume Bradano. Bollettino Società Geologica Italiana, 86, Ri c c h e t t i G. (1981) - Contributo alla conoscenza strutturale della Fossa bradanica e delle Murge. Bollettino Società Geologica Italiana, 99, Robinson D.A. & Phillips C.P., (2001) - Crust development in relation to vegetation and agricultural practice on erosion susceptible, dispersive clay soils from central and southern Italy. Soil and Tillage Research, 60, 1-9. Se l l i R. (1962) - Il Paleogene nel quadro della geologia dell Italia centro-meridionale. Memorie della Società Geologica Italiana, 3, So n n i n o A., Co l o n n a N. & Sciortino M. (1998) - Evoluzione delle coltivazioni in Basilicata e degrado del territorio. Atti del II Forum Internazionale Politiche europee per combattere la desertificazione nel bacino mediterraneo, Matera. Va l e n t i n C., Po e s e n J. & Yo n g Li (2005) - Gully erosion: impacts, factor and control. Catena, 63, Wi s c h m e i e r W.H. & Sm i t h D.D. (1978) - Predicting rainfall erosion losses. A guide toconservation planning. USDA Agricultural Handbook No. 537, Washington, DC. Manoscritto pervenuto il 5 Aprile 2008; testo approvato per la stampa il 9 Ottobre 2008; curato da E. Tavarnelli

ANALISI DELL EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DELLE PRECIPITAZIONI NELL AREA DI TARANTO

ANALISI DELL EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DELLE PRECIPITAZIONI NELL AREA DI TARANTO GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia n. 3-4/2007, pp. 109-115 109 ANALISI DELL EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DELLE PRECIPITAZIONI NELL AREA DI TARANTO Claudio Cherubini

Dettagli

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA DIRETTIVA 92/437CEE DPR 357/97 MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 IT9210141 LAGO LA ROTONDA Dott.ssa SARLI Serafina INDICE PREMESSA Pag. 2

Dettagli

Report pluviometrico

Report pluviometrico Report pluviometrico Dati scaricabili sul sito http://www.sir.toscana.it PREMESSA Al fine di valutare l entità gli apporti pluviometrici, sono state considerate tutte le stazioni automatiche (oltre 400

Dettagli

CARTA DELL EROSIONE REALE DEL SUOLO A SCALA 1: Giovannozzi M., Martalò PF., Mensio F.

CARTA DELL EROSIONE REALE DEL SUOLO A SCALA 1: Giovannozzi M., Martalò PF., Mensio F. CARTA DELL EROSIONE REALE DEL SUOLO A SCALA 1:250.000 Giovannozzi M., Martalò PF., Mensio F. La Carta dell Erosione Reale dei Suoli Piemontesi a scala 1: 250.000, è stata elaborata utilizzando il modello

Dettagli

Evoluzione del clima in Veneto nell ultimo cinquantennio

Evoluzione del clima in Veneto nell ultimo cinquantennio DIPARTIMENTO PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO Centro Meteorologico di Teolo Evoluzione del clima in Veneto nell ultimo cinquantennio Il Veneto si colloca in una zona di transizione confinante a Nord con

Dettagli

LA SICCITÀ IN ITALIA: SPUNTI DI DISCUSSIONE SUL CLIMA, SUGLI ASPETTI PEDOCLIMATICI E SUL BILANCIO IDRICO

LA SICCITÀ IN ITALIA: SPUNTI DI DISCUSSIONE SUL CLIMA, SUGLI ASPETTI PEDOCLIMATICI E SUL BILANCIO IDRICO 144 LA SICCITÀ IN ITALIA: SPUNTI DI DISCUSSIONE SUL CLIMA, SUGLI ASPETTI PEDOCLIMATICI E SUL BILANCIO IDRICO A.Morgillo 1,2, A. Brunetti 1 & L. Salvati 1 (1) Ufficio Centrale di Ecologia Agraria, Mipaf,

Dettagli

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA DIRETTIVA 92/437CEE DPR 357/97 MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 IT9220144 LAGO SAN GIULIANO E TIMMARI Dott.ssa SARLI Serafina INDICE PREMESSA

Dettagli

Generalità. Corso di Erosione e Difesa del Suolo - Lezione 1

Generalità. Corso di Erosione e Difesa del Suolo - Lezione 1 Generalità L erosione rappresenta, a livello mondiale, la componente più importante della degradazione dei suoli: in alcune parti del pianeta tale fenomeno interessa il 60% dei terreni agricoli Si stima

Dettagli

REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI MARZO 2016

REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI MARZO 2016 REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI MARZO 206 Pagina di 20 Commento generale METODOLOGIA Al fine di valutare l entità degli apporti pluviometrici, sono state considerate tutte le stazioni automatiche (circa

Dettagli

REPORT PLUVIOMETRICO ANNO 2013

REPORT PLUVIOMETRICO ANNO 2013 REPORT PLUVIOMETRICO ANNO 2013 REPORT PLUVIOMETRICO ANNO 2013 Commento generale PREMESSA Al fine di valutare l entità gli apporti pluviometrici, sono state considerate tutte le stazioni automatiche (circa

Dettagli

Task 1 Completamento delle elaborazioni relative a MPS04

Task 1 Completamento delle elaborazioni relative a MPS04 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Dipartimento della Protezione civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la gestione

Dettagli

REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI GIUGNO 2017

REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI GIUGNO 2017 REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI GIUGNO 17 Pagina 1 di Commento generale METODOLOGIA Al fine di valutare l entità degli apporti pluviometrici, sono state considerate tutte le stazioni automatiche (circa

Dettagli

Nota informativa 9 agosto

Nota informativa 9 agosto Nota informativa 9 agosto 2012 1 Situazione della disponibilità idrica nel bacino del fiume Adige. 1) Invasi artificiali regolati 2 Tabella 1 Confronto fra i volumi invasati 3 Figura 1 Confronto fra i

Dettagli

STUDIO SULL EROSIONE DELLA COSTA TERRITORIO COMUNALE DI TUSA

STUDIO SULL EROSIONE DELLA COSTA TERRITORIO COMUNALE DI TUSA REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO STUDIO SULL EROSIONE DELLA COSTA TERRITORIO COMUNALE DI TUSA Dott.ssa Geol. Daniela Alario - Dr. Geol. Giovanni

Dettagli

REPORT PLUVIOMETRICO ANNO 2012

REPORT PLUVIOMETRICO ANNO 2012 REPORT PLUVIOMETRICO ANNO 2012 REPORT PLUVIOMETRICO ANNO 2012 Commento generale PREMESSA Al fine di valutare l entità gli apporti pluviometrici, sono state considerate tutte le stazioni automatiche (circa

Dettagli

ATMOSFERA, CARATTERIZZAZIONE METEOCLIMATICA

ATMOSFERA, CARATTERIZZAZIONE METEOCLIMATICA 1 / 20 ST-001 ALLEGATO I ATMOSFERA, CARATTERIZZAZIONE METEOCLIMATICA 2 / 20 ST-001 DESCRIZIONE DELLE CONDIZIONI METEOCLIMATICHE Gli impianti di trattamento e di compressione gas della Concessione Stoccaggio

Dettagli

Cartografia IGM in formato digitale

Cartografia IGM in formato digitale Cartografia IGM in formato digitale E formata da dati: - in formato vettoriale acquisiti da cartografia esistente mediante digitalizzazione; - in formato raster acquisiti da cartografia esistente mediante

Dettagli

Influenza del cambiamento climatico sulla biodiversità e sugli ecosistemi delle aree Protette

Influenza del cambiamento climatico sulla biodiversità e sugli ecosistemi delle aree Protette Perché si parla di cambiamenti climatici? Queste sono alcune delle variazioni finora riscontrate (i fatti): Negli ultimi 150 anni la temperatura media della superficie terrestre è aumentata di circa 0.74

Dettagli

Variante di adeguamento PAI. Valutazione della stabilità dei versanti. Territorio Comunale. - Relazione E -

Variante di adeguamento PAI. Valutazione della stabilità dei versanti. Territorio Comunale. - Relazione E - COMUNE DI PRAGELATO Valutazione della stabilità dei versanti Territorio Comunale - Relazione E - 10121 Torino (Italy) Via Cernaia 27 www@seaconsult.eu Redatto Controllato Ilaria Stringa Approvato Antonio

Dettagli

Aspetti meteorologici a grande scala del mese di maggio 2003

Aspetti meteorologici a grande scala del mese di maggio 2003 Relazione sulla situazione meteorologica in Emilia Romagna nel periodo aprile giugno 23 Andrea Selvini e Rodica Tomozeiu ARPA, Servizio Meteorologico Regionale Dal punto di vista meteorologico i mesi di

Dettagli

LA FRANA DI TERMINI IMERESE CONTRADA FIGURELLA

LA FRANA DI TERMINI IMERESE CONTRADA FIGURELLA REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO LA FRANA DI TERMINI IMERESE CONTRADA FIGURELLA I GEOLOGI: Dott.ssa - Daniela Alario Dott. Ambrogio Alfieri Dott.

Dettagli

ASSESSING DESIGN FLOOD IN URBAN AREA USING A DISTRIBUTED HYDROLOGICAL MODEL

ASSESSING DESIGN FLOOD IN URBAN AREA USING A DISTRIBUTED HYDROLOGICAL MODEL XXXIII Convegno di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Brescia 5 settembre 22 ASSESSING DESIGN FLOOD IN URBAN AREA USING A DISTRIBUTED HYDROLOGICAL MODEL Ravazzani G. (), Mancini M. (), Gianoli P. (), Meucci

Dettagli

VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO

VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO AREA R6 DI CASANOVA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO RELAZIONE GEOLOGICA DI FATTIBILITA Dott. geol. Ferruccio Capecchi Pistoia 22 marzo 2011 Largo San Biagio 149 51100 PISTOIA Tel./fax 0573 24355 e-mail:gtigeologi@tin.it

Dettagli

Caldo e secco nell ultimo bimestre del 2015

Caldo e secco nell ultimo bimestre del 2015 Caldo e secco nell ultimo bimestre del 2015 10 novembre 2015 immagine satellite Meteosat-10: l alta pressione di origine atlantica che ha investito l Europa ha fatto salire lo zero termico sulle Alpi fino

Dettagli

L uso dell acqua per la gestione della risorsa idrica in ambiente rurale

L uso dell acqua per la gestione della risorsa idrica in ambiente rurale L uso dell acqua per la gestione della risorsa idrica in ambiente rurale Giovanna De Filippis, Rudy Rossetto Scuola Superiore Sant Anna Pisa L uso congiunto di acque superficiali e sotterranee/1 Sovrasfruttamento

Dettagli

"CONFERENZA SEMINARIO FORMATIVO

CONFERENZA SEMINARIO FORMATIVO Verso una gestione innovativa del Territorio nella Regione Marche Il contributo delle buone pratiche agroforestali e geologico-ambientali al governo del territorio ed alla prevenzione del dissesto idrogeologico

Dettagli

Geo Tecnologie s.r.l.

Geo Tecnologie s.r.l. INDICE 1. PREMESSA 2 2. DECRETO MINISTERIALE 14 GENNAIO 2008 7 2.1 Parametri sismici locali 9 1 1. PREMESSA L Appennino meridionale presenta una storia sismica tra le più severe dell Italia, sia in termini

Dettagli

Analisi radar e GPS per lo studio dei ghiacciai Alpini

Analisi radar e GPS per lo studio dei ghiacciai Alpini Analisi radar e GPS per lo studio dei ghiacciai Alpini F.Villa(¹),, M.DeAmicis(¹),, S.Sironi(¹),, V.Maggi(¹), A.Tamburini(²) (²), G.Rossi(³) fabio.villa@unimib.it (¹)Università degli Studi di Milano -

Dettagli

Di nuovo Acqua Alta ad Ischia Porto e Lipari: le banchine basse invase dal mare.

Di nuovo Acqua Alta ad Ischia Porto e Lipari: le banchine basse invase dal mare. Di nuovo Acqua Alta ad Ischia Porto e Lipari: le banchine basse invase dal mare. Dall inizio del 2010 si stanno eseguendo ricerche e monitoraggio circa i movimenti verticali del mare particolarmente accentuati

Dettagli

1.3.1 LA PRECIPITAZIONE

1.3.1 LA PRECIPITAZIONE Allegato 13 1.3.1 LA PRECIPITAZIONE Precipitazioni annuali La precipitazione media annua (Figura 1.3), considerando i dati del periodo 1961-90, varia dagli 800 mm riscontrabili nella parte più meridionale

Dettagli

Piano di Tutela delle Acque della Regione Calabria

Piano di Tutela delle Acque della Regione Calabria Allegato C - Validazione del modello di bilancio idrologico 1/6 Il modello idrologico di bilancio mensile è stato applicato per quelle porzioni di territorio corrispondenti ai 32 bacini calabresi definiti

Dettagli

ANALISI ED ELABORAZIONE DATI CARTOGRAFICI PER DEFINIZIONE DEL RISCHIO DI RUSCELLAMENTO

ANALISI ED ELABORAZIONE DATI CARTOGRAFICI PER DEFINIZIONE DEL RISCHIO DI RUSCELLAMENTO 28 novembre 2012 Riduzione del rischio di ruscellamento da agrofarmaci Dipar6mento DISAFA Università di Torino ANALISI ED ELABORAZIONE DATI CARTOGRAFICI PER DEFINIZIONE DEL RISCHIO DI RUSCELLAMENTO Valle

Dettagli

BOLLETTINO IDROLOGICO

BOLLETTINO IDROLOGICO BOLLETTINO IDROLOGICO luglio 2017 SITUAZIONE GENERALE Precipitazioni Il mese di luglio si caratterizza per precipitazioni cumulate mediate sull'intera regione pari a poco meno di 70 mm, valore nella norma

Dettagli

I NUMERI DELLA VIGILANZA PRIVATA

I NUMERI DELLA VIGILANZA PRIVATA I NUMERI DELLA VIGILANZA PRIVATA Anno 2012 Osservatorio ASSIV sulla sicurezza sussidiaria e complementare Nota metodologica I numeri elaborati dall OSSERVATORIO ASSIV su dati Inps si riferiscono alle che

Dettagli

Il monitoraggio meteo-idrologico nella valutazione della carenza idrica in Provincia di Biella

Il monitoraggio meteo-idrologico nella valutazione della carenza idrica in Provincia di Biella Il monitoraggio meteo-idrologico nella valutazione della carenza idrica in Provincia di Biella Secondo Barbero ARPA PIEMONTE Area Previsione e Monitoraggio Ambientale INDICE il contesto climatico strumenti

Dettagli

Rapporto sulla sismicità tra Montereale e Cittareale ( ; ore 11 UTC)

Rapporto sulla sismicità tra Montereale e Cittareale ( ; ore 11 UTC) I 00143 Roma Via di Vigna Murata 605 Tel: (0039) 06518601 Fax: (0039) 0651860580 URL: www.ingv.it email: aoo.roma@pec.ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Rapporto sulla sismicità tra

Dettagli

DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA

DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA CLIMB - General Assembly Climate Change Impacts on Water and Security (in Southern

Dettagli

climaticamente questa vasta area ed eventualmente verificare se sono stati registrati cambiamenti significativi degli stessi

climaticamente questa vasta area ed eventualmente verificare se sono stati registrati cambiamenti significativi degli stessi I CLIMI IN ITALIA: LE AREE TEMPERATE UMIDE CON ESTATE CALDA Introduzione Con questo articolo inauguriamo una rassegna sui climi italiani iniziando da quelli identificati, nella convenzione internazionale,

Dettagli

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Uso del suolo S Carta Tecnica Regionale. Disponibilità dati *** 2007 R

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Uso del suolo S Carta Tecnica Regionale. Disponibilità dati *** 2007 R SUOLO Uso del territorio Uso del suolo Nome indicatore DPSIR Fonte dati Uso del suolo S Carta Tecnica Regionale Obiettivo Distribuzione delle diverse classi di uso del suolo nel territorio regionale Disponibilità

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2016

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2016 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2016 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-38100

Dettagli

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 23 e 24 APRILE 2016

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 23 e 24 APRILE 2016 Regione Toscana Servizio Idrologico Regionale CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE TOSCANA DL 11/07/1998, n. 180; Legge 3/08/1998, n. 267; DPCM del 15/12/1998 Delibera G.R. n. 1003 del 10/09/2001; Delibera

Dettagli

2 Il numero di giorni piovosi in Veneto Variazioni dei valori medi evidenziate dal confronto tra i periodi e

2 Il numero di giorni piovosi in Veneto Variazioni dei valori medi evidenziate dal confronto tra i periodi e 2 Il numero di giorni piovosi in Veneto Variazioni dei valori medi evidenziate dal confronto tra i periodi 1994-2004 e 2005-2015 Francesco Rech 1, Edoardo Furlani 2 1 Servizio Meteorologico Teolo (PD)

Dettagli

GEOMORFOLOGIA. Modellamento dei versanti

GEOMORFOLOGIA. Modellamento dei versanti GEOMORFOLOGIA La Geomorfologia ha per fine lo studio e l interpretazione delle forme e dei processi responsabili del modellamento del rilievo terrestre I processi geodinamici possono distinguersi in due

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA Servizio Pianificazione Territoriale S.I.T. Turismo Promozione Commercio Dr. Enrico Bartoli Geol. Marco De Martin Mazzalon Zonazione sismogenetica (I.N.G.V. 2004) Zona 915: Garfagnana

Dettagli

Evoluzione del territorio litorale molisano

Evoluzione del territorio litorale molisano Evoluzione del territorio litorale molisano Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia, e per l Ambiente Italia Dipartimento Ambiente, Cambiamenti Climatici e Sviluppo Sostenibile S. Cardinali, E. Valpreda,

Dettagli

Bollettino agrometeorologico regionale mensile Mese di aprile 2003

Bollettino agrometeorologico regionale mensile Mese di aprile 2003 REGIONE SICILIANA Assessorato Agricoltura e Foreste Servizio IX - Assistenza Tecnica, Sperimentazione, Ricerca Applicata e Divulgazione Unità Operativa 5 SIAS - Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELLA PRIMAVERA 2016

ANALISI CLIMATICA DELLA PRIMAVERA 2016 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELLA PRIMAVERA 1 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 1-3 Trento

Dettagli

Capitolo 6 Rilevamento geologico

Capitolo 6 Rilevamento geologico Capitolo 6 Rilevamento geologico Rilevamento geologico: finalizzato a fornire informazioni sulle caratteristiche geologiche (litologia rocce affioranti, datazione, rapporti spaziali) di una determinata

Dettagli

Analisi Geostatistica e Modelli digitali del territorio e dell ambiente. Dissesto idrogeologico Ingegneria Naturalistica Erosioni Frane

Analisi Geostatistica e Modelli digitali del territorio e dell ambiente. Dissesto idrogeologico Ingegneria Naturalistica Erosioni Frane Via De Amicis,74 62012 Civitanova Marche (MC) Via Roccabella,15 60035 Jesi (AN) a.dignani@ @sunesisambiente.it www.sunesisambiente.it Analisi Geostatistica e Modelli digitali del territorio e dell ambiente

Dettagli

PROGETTO ANCONAPACO Analisi delle condizioni del patrimonio naturale, ambientale e paesaggistico delle aree di collina, pianura e costiere

PROGETTO ANCONAPACO Analisi delle condizioni del patrimonio naturale, ambientale e paesaggistico delle aree di collina, pianura e costiere Analisi delle condizioni del patrimonio naturale, ambientale e paesaggistico delle aree di collina, pianura e costiere ANALISI DELL EROSIONE E DEL TRASPORTO SOLIDO NEI BACINI IDROGRAFICI COSTIERI DELLE

Dettagli

ASSAM Regione Marche 2007

ASSAM Regione Marche 2007 Studio dei caratteri termo-pluviometrici della regione Marche ASSAM Regione Marche 7 p.zza della Repubblica, 6 Treia (MC) - tel 7 767 fax 7 7 web www.meteo.marche.it Introduzione L Agenzia Servizi Settore

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI CLIMI

LA CLASSIFICAZIONE DEI CLIMI LA CLASSIFICAZIONE DEI CLIMI Wladimir Köppen ha studiato il problema della classificazione dei climi per quasi cinquant'anni, e cioè fin dal 1884. Dopo un primo tentativo di classificazione, basato essenzialmente

Dettagli

Andamento meteorologico del mese

Andamento meteorologico del mese Bollettino agrometeorologico mensile settembre 2006 Temperatura Massima - Numero dei giorni superiori alla soglia di 25 C dal 01/09/2006 al 30/09/2006 Tempo prevalentemente stabile. 0 4 8 12 16 20 24 C

Dettagli

Elaborazione ERSAL CREMA ( )

Elaborazione ERSAL CREMA ( ) . INQUADRAMENTO CLIMATICO In generale, l area oggetto di studio è caratterizzata da un regime di tipo continentale sublitoraneo, tipico della Pianura Padana, con inverni rigidi ed estati relativamente

Dettagli

Regione Marche Autunno Caratteri climatici a cura di Tognetti Danilo, Leonesi Stefano

Regione Marche Autunno Caratteri climatici a cura di Tognetti Danilo, Leonesi Stefano Regione Marche Autunno 2009. Caratteri climatici a cura di Tognetti Danilo, Leonesi Stefano ASSAM Regione Marche 2009 1 www.meteo.marche.it L intento di questo documento è quello di dare una breve ma esplicativa

Dettagli

CAPITOLO 20. RISCHIO SISMICO

CAPITOLO 20. RISCHIO SISMICO CAPITOLO 20. RISCHIO SISMICO INDICE CAPITOLO 20. RISCHIO SISMICO... 1 1. RISCHIO SISMICO... 3 1.1 MAPPATURA SORGENTI DI PERICOLO... 3 1.2 ANALISI DEL RISCHIO PER LA POPOLAZIONE... 5 1.3 ANALISI DEL RISCHIO

Dettagli

I Bilanci Idrologici!

I Bilanci Idrologici! I Bilanci Idrologici! Evapotraspirazione potenziale ed effettiva D=deficit agricolo = Etp-ET Il deficit idrico (agricolo) rappresenta il fabbisogno idrico mensile di una coltura (domanda idrica irrigua)!"

Dettagli

I CLIMI IN ITALIA: LE AREE TEMPERATE CALDE MEDITERRANEE A SICCITA ESTIVA

I CLIMI IN ITALIA: LE AREE TEMPERATE CALDE MEDITERRANEE A SICCITA ESTIVA I CLIMI IN ITALIA: LE AREE TEMPERATE CALDE MEDITERRANEE A SICCITA ESTIVA Introduzione Continuiamo la trattazione sui climi italiani affrontando l analisi del clima mediterraneo identificato, nella convenzione

Dettagli

Mappatura della Pericolosità e del Rischio Idraulico

Mappatura della Pericolosità e del Rischio Idraulico Ciclo di Seminari: La tutela del territorio, esperienze e procedure operative. 2 Modulo: Valutazione del rischio idrogeologico 1 Seminario: Il rischio idraulico - Normative e strategie Mappatura della

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELLA PRIMAVERA 2015

ANALISI CLIMATICA DELLA PRIMAVERA 2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELLA PRIMAVERA 15 Agosto 15 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti,

Dettagli

Impatti climatici e acque sotterranee

Impatti climatici e acque sotterranee Università degli Studi di Milano-Bicocca Scarsità e siccità - Cambiamenti Climatici Impatti climatici e acque sotterranee Bonomi T., Cavallin A., Fumagalli L., Canepa P. Università degli Studi di Milano-Bicocca,

Dettagli

ASBESTOS MINE Balangero (IT) AMIANTIFERA di BALANGERO (Italia TO)

ASBESTOS MINE Balangero (IT) AMIANTIFERA di BALANGERO (Italia TO) ASBESTOS MINE Balangero (IT) Following is a brief presentation with some examples of the final processing of the data that has been collected with the use of professional UAV by BLUBASTETFLY (IT). Data

Dettagli

La gestione delle risorse idriche in un clima che cambia

La gestione delle risorse idriche in un clima che cambia La gestione delle risorse idriche in un clima che cambia Elisabetta Preziosi IRSA-CNR Area della Ricerca Roma 1 - Monterotondo (ITALY) - preziosi@irsa.cnr.it con contributi di A.Del Bon, A.B. Petrangeli,

Dettagli

Verification performed by COMET 4nd Service 3rd Section - Pratica di Mare, referring to SEPTEMBER 2016.

Verification performed by COMET 4nd Service 3rd Section - Pratica di Mare, referring to SEPTEMBER 2016. Verifiche eseguite dalla 3^ Sezione del 4 Servizio del COMET di Pratica di Mare relativo al mese di SETTEMBRE 2016. I grafici riportano le serie temporali ed il ciclo diurno (andamento giornaliero medio)

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE. Cantalupo Ligure. Carrega Ligure. COM 13 - Comuni della Val Borbera

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE. Cantalupo Ligure. Carrega Ligure. COM 13 - Comuni della Val Borbera [ ] Comunità Montana Agenzia di sviluppo TERRE DEL G I A R O L O Regione Piemonte Provincia di Alessandria PIANO DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE Albera Ligure Borghetto Borbera Cabella Ligure Cantalupo

Dettagli

Supporto Meteorologico alla Campagna AIB ARPA-SIMC

Supporto Meteorologico alla Campagna AIB ARPA-SIMC Supporto Meteorologico alla Campagna AIB ARPA-SIMC COSMO Accordo LAMI USAM ARPA Piemonte Attività Modellistica ARPA-SIM COSMO I7 (+72) COSMO I2 (+48) Previsione Deterministica Previsioni Numeriche Deterministiche

Dettagli

Controlli del territorio e tecnologie spaziali

Controlli del territorio e tecnologie spaziali SERVIZI INTEGRATI PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL TERRITORIO E PER L EDILIZIA: COME OPERARE IN FILIERA IMPRENDITORIALE PER PROMUOVERE LA COMPETITIVITÀ E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Convegno OICE Confindustria

Dettagli

CONCENTRAZIONE DI MONOSSIDO DI CARBONIO NELL ARIA AMBIENTE

CONCENTRAZIONE DI MONOSSIDO DI CARBONIO NELL ARIA AMBIENTE CONCENTRAZIONE DI MONOSSIDO DI CARBONIO NELL ARIA AMBIENTE Il monossido di carbonio è un inquinante da traffico caratteristico delle aree urbane a circolazione congestionata. CLASSIFICAZIONE TEMA SOTTOTEMA

Dettagli

Andamento meteorologico dell estate a Bologna - dati aggiornati ad agosto

Andamento meteorologico dell estate a Bologna - dati aggiornati ad agosto Andamento meteorologico dell estate a Bologna - dati aggiornati ad agosto 2014 - I dati meteo registrati ad agosto nella stazione di Bologna-Borgo Panigale e comunicati dal Servizio IdroMeteoClima dell'arpa

Dettagli

La suscettibilità da frana

La suscettibilità da frana Definizione dell approccio metodologico per la realizzazione di una carta di predisposizione al dissesto franoso, l individuazione dei fattori scatenanti e il calcolo delle curve di risposta, rispetto

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Agricoltura e Foreste Area II - Studi e Programmazione Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano

REGIONE SICILIANA Assessorato Agricoltura e Foreste Area II - Studi e Programmazione Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano REGIONE SICILIANA Assessorato Agricoltura e Foreste Area II - Studi e Programmazione Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano Bollettino agrometeorologico regionale mensile Mese di maggio 27 Analisi

Dettagli

Uso di dati satellitari per la caratterizzazione e il monitoraggio della siccità

Uso di dati satellitari per la caratterizzazione e il monitoraggio della siccità ITHACA EARLY WARNING Uso di dati satellitari per la caratterizzazione e il monitoraggio della siccità Francesca Perez DITAG - Politecnico di Torino francesca.perez@ithaca.polito.it ITHACA Information Technology

Dettagli

Analisi meteorologica mensile. agosto agosto 2017 Lago di Calaita (Efisio Siddi)

Analisi meteorologica mensile. agosto agosto 2017 Lago di Calaita (Efisio Siddi) r Analisi meteorologica mensile agosto 2017 1 agosto 2017 Lago di Calaita (Efisio Siddi) Agosto 2017 è risultato più caldo della media. Le precipitazioni, a prevalente carattere temporalesco anche intenso,

Dettagli

REGIONALIZZAZAIONE DELLE PRECIPITAZIONI: LE APPLICAZIONI

REGIONALIZZAZAIONE DELLE PRECIPITAZIONI: LE APPLICAZIONI REGIONALIZZAZAIONE DELLE PRECIPITAZIONI: LE APPLICAZIONI Alessandro SANTUCCI Regione Toscana Seminario RISCHIO ALLUVIONI IN TOSCANA: PRECIPITAZIONI ED EFFETTI AL SUOLO Firenze, Firenze, 22 22 aprile aprile

Dettagli

PRESENZA DI METALLI PESANTI NELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO SU STRADE E PIAZZALI DELLE AREE INDUSTRIALI E IMPLICAZIONI PER IL TRATTAMENTO

PRESENZA DI METALLI PESANTI NELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO SU STRADE E PIAZZALI DELLE AREE INDUSTRIALI E IMPLICAZIONI PER IL TRATTAMENTO PRESENZA DI METALLI PESANTI NELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO SU STRADE E PIAZZALI DELLE AREE INDUSTRIALI E IMPLICAZIONI PER IL TRATTAMENTO Qualità delle acque. In prima analisi, a partire dagli idrogrammi

Dettagli

ANALISI STATISTICA DEGLI EVENTI PLUVIOMETRICI ESTREMI IN PUGLIA DAL 1951 AL 2003

ANALISI STATISTICA DEGLI EVENTI PLUVIOMETRICI ESTREMI IN PUGLIA DAL 1951 AL 2003 GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia n. 3-4/2007, pp. 39-47 39 ANALISI STATISTICA DEGLI EVENTI PLUVIOMETRICI ESTREMI IN PUGLIA DAL 1951 AL 2003 Federico Boenzi, Massimo A.

Dettagli

IL NUOVO MODELLO PREVISIONALE PUNTUALE GIS-BASED

IL NUOVO MODELLO PREVISIONALE PUNTUALE GIS-BASED IL NUOVO MODELLO PREVISIONALE PUNTUALE GIS-BASED SINTESI Dal 1 maggio 2016, nella piattaforma SMMeSD (Sistema di Monitoraggio Meteorologico e di Supporto alle Decisioni) il modello previsionale dei parametri

Dettagli

I CLIMI IN ITALIA: LE AREE MEDITERRANEE SECCHE TENDENTI ALLO STEPPICO

I CLIMI IN ITALIA: LE AREE MEDITERRANEE SECCHE TENDENTI ALLO STEPPICO I CLIMI IN ITALIA: LE AREE MEDITERRANEE SECCHE TENDENTI ALLO STEPPICO Introduzione Terminiamo la trattazione sui climi italiani affrontando l analisi delle aree caratterizzate da clima mediterraneo tendente

Dettagli

ANDAMENTO AGROCLIMATICO MESE DICEMBRE 2013

ANDAMENTO AGROCLIMATICO MESE DICEMBRE 2013 Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Servizio Meteorologico N 12 DICEMBRE 213 Copertura: regionale - Frequenza: mensile Periodicità: annuale ANDAMENTO AGROCLIMATICO MESE DICEMBRE 213

Dettagli

I DATI EVOLUTIVI DELLA DINAMICA URBANA

I DATI EVOLUTIVI DELLA DINAMICA URBANA Università Degli Studi Dell Aquila TESI DI LAUREA TRIENNALE I DATI EVOLUTIVI DELLA DINAMICA URBANA Metodi di elaborazione numerica e confronti geostatistici Relatore:Prof. Ing. Bernardino Romano Laureando:Vittorio

Dettagli

Nuova zonazione sismica e procedure per la valutazione degli effetti sismici di sito nel territorio lombardo

Nuova zonazione sismica e procedure per la valutazione degli effetti sismici di sito nel territorio lombardo Nuova zonazione sismica e procedure per la valutazione degli effetti sismici di sito nel territorio lombardo F. Pergalani, M. Compagnoni, M.P. Boni Politecnico di Milano - Dipartimento di Ingegneria Strutturale,

Dettagli

CAPITOLO 7: Ambiente costiero

CAPITOLO 7: Ambiente costiero CAPITOLO 7: Ambiente costiero 154 7.1: Difesa costiera Presentazione: L' ambiente costiero rappresenta un sistema naturale assai complesso e strettamente connesso alla rete fluviale retrostante che con

Dettagli

Erosione del suolo: l applicazione del modello USLE al territorio della Regione Basilicata

Erosione del suolo: l applicazione del modello USLE al territorio della Regione Basilicata Erosione del suolo: l applicazione del modello USLE al territorio della Regione Basilicata * P. P. Franzese, R. Melchiorre, *A. Scopa * Dipartimento di Scienze dei Sistemi Colturali, Forestali e dell Ambiente,

Dettagli

Aggiornamento dell area di espandimento dello scenario basso in data 10 aprile 2014

Aggiornamento dell area di espandimento dello scenario basso in data 10 aprile 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL'AMBIENTE e TERRITORIO e di SCIENZE DELLA TERRA Regione Autonoma Valle d Aosta Dipartimento difesa del suolo e risorse idriche Servizio

Dettagli

MISURE IDROMETRICHE NEI FIUMI LIVENZA, MONTICANO E NEL CANALE MALGHER NEI GIORNI SETTEMBRE 2007

MISURE IDROMETRICHE NEI FIUMI LIVENZA, MONTICANO E NEL CANALE MALGHER NEI GIORNI SETTEMBRE 2007 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO MISURE IDROMETRICHE NEI FIUMI LIVENZA, MONTICANO NEI GIORNI 26-29 SETTEMBRE 27 Relazione n. 7/7 5/11/27 Data 5/11/27 MISURE IDROMETRICHE NEI FIUMI

Dettagli

2.5 Cembrano- Maissana (SP)

2.5 Cembrano- Maissana (SP) 2.5 Cembrano- Maissana (SP) 2.5.1 Dati generali Il sito di Cembrano, localizzato in un area dove affiorano gli argilloscisti del Super Gruppo della Val di Vara (Fig.193), risulta rappresentato da alcuni

Dettagli

Le precipitazioni nella Laguna di Grado e Marano

Le precipitazioni nella Laguna di Grado e Marano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA OM Oceanografia e Meteorologia RAPPORTO n. 113 OM 05/7 Franco Stravisi Le precipitazioni nella Laguna di Grado e Marano Trieste, 2005

Dettagli

M. Baldi, V. Ciardini, J.D. Dalu, G. Maracchi

M. Baldi, V. Ciardini, J.D. Dalu, G. Maracchi Dip.. di Scienze Agronomiche e Gestione del Territorio Agro-forestale Fondazione per il Clima e la Sostenibilità AGGIORNAMENTO DELLO STUDIO SULLA PERICOLOSITA METEOROLOGICA A SCALA NAZIONALE Grandine,

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELLA PRIMAVERA 2017

ANALISI CLIMATICA DELLA PRIMAVERA 2017 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELLA PRIMAVERA 217 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

LA CARTOGRAFIA GEOLOGICA DEI MARI ITALIANI ALLA SCALA 1: 250.000. Annamaria Correggiari

LA CARTOGRAFIA GEOLOGICA DEI MARI ITALIANI ALLA SCALA 1: 250.000. Annamaria Correggiari LA CARTOGRAFIA GEOLOGICA DEI MARI ITALIANI ALLA SCALA 1: 250.000 Annamaria Correggiari Progetto a cura di F. Trincardi, A. Argnani, A. Correggiari con contributi di Informatizzazione: F. Foglini Carta

Dettagli

La storia geologica del territorio di Cerignola coincide con

La storia geologica del territorio di Cerignola coincide con La storia geologica del territorio di Cerignola coincide con la storia geologica del pianeta: quando, 4.600 milioni di anni fa, la superficie terrestre fino allora concentrata in una sola unità strutturale

Dettagli

INDICE GENERALE 1. PREMESSA INQUADRAMENTO TERRITORIALE ED IDROGRAFIA TOMBINI IDRAULICI... 9

INDICE GENERALE 1. PREMESSA INQUADRAMENTO TERRITORIALE ED IDROGRAFIA TOMBINI IDRAULICI... 9 INDICE GENERALE 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE ED IDROGRAFIA... 2 2.1. Bacino idrografico fiume Ofanto... 3 2.2. Pluviometria... 4 3. TOMBINI IDRAULICI... 9 1 1. PREMESSA Nella presente

Dettagli

Water2Adapt: resilience enhancement and water demand management for climate change adaptation

Water2Adapt: resilience enhancement and water demand management for climate change adaptation Water2Adapt: resilience enhancement and water demand management for climate change adaptation Maria De Salvo, Isola di San Giorgio, Venezia, 26 settembre 2012 Fondazione Eni Enrico Mattei Università degli

Dettagli

BOLLETTINO IDROLOGICO

BOLLETTINO IDROLOGICO SINTESI SITUAZIONE Settimana dal 27 ottobre al 2 novembre 214 Afflussi meteorici (pag. 2): settimana caratterizzata da precipitazioni quasi assenti su tutta la regione lombarda. Temperature medie giornaliere

Dettagli

BOLLETTINO STRAORDINARIO RISERVE IDRICHE

BOLLETTINO STRAORDINARIO RISERVE IDRICHE Riserva idrica (Milioni di mc Situazione al 18 marzo 2 Emesso il 22 marzo 2 1 Stato delle riserve idriche 1.1 Quadro generale per l'area alpina e prealpina Totale Lombardia - Situazione al 18 marzo Riserve

Dettagli

Precipitazioni intense del 20 settembre a cura di Andrea Piazza -

Precipitazioni intense del 20 settembre a cura di Andrea Piazza - Precipitazioni intense del 20 settembre 1999 - a cura di Andrea Piazza - 1. INTRODUZIONE La giornata del 20 settembre 1999 è stata caratterizzata da precipitazioni intense che hanno interessato l Italia

Dettagli

DESCRIZIONE GEOSITO 15: MONTE CASOLI

DESCRIZIONE GEOSITO 15: MONTE CASOLI DESCRIZIONE GEOSITO 15: MONTE CASOLI A) DESCRIZIONE GEOLOGICA, NATURALISTICA E PAESAGGISTICA DEL GEOSITO Il geosito è situato nel territorio comunale di Bomarzo, a nord-ovest del centro abitato, in località

Dettagli

Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana Corso di Laurea In Ingegneria Civile

Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana Corso di Laurea In Ingegneria Civile CORSO GIS Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana Corso di Laurea In Ingegneria Civile Massimiliano Cannata Massimiliano Cannata Istituto Scienze della Terra SUPSI massimiliano.cannata@supsi.ch

Dettagli

ANALISI MORFOLOGICA DEL TORRENTE BAGANZA (PR) MEDIANTE COMPARAZIONE DI RILIEVI LIDAR AD ALTA RISOLUZIONE

ANALISI MORFOLOGICA DEL TORRENTE BAGANZA (PR) MEDIANTE COMPARAZIONE DI RILIEVI LIDAR AD ALTA RISOLUZIONE ANALISI MORFOLOGICA DEL TORRENTE BAGANZA (PR) MEDIANTE COMPARAZIONE DI RILIEVI LIDAR AD ALTA RISOLUZIONE F. Aureli (*), M. D Oria (*), A. Ferrari (*), P. Mignosa (*), R. Vacondio (*) (*) DICATeA, Dipartimento

Dettagli

Centro Funzionale Decentrato. VALUTAZIONE DEI TEMPI DI RITORNO DELLE PRECIPITAZIONI del settembre 2009 NELLA PIANURA VENETA

Centro Funzionale Decentrato. VALUTAZIONE DEI TEMPI DI RITORNO DELLE PRECIPITAZIONI del settembre 2009 NELLA PIANURA VENETA VALUTAZIONE DEI TEMPI DI RITORNO DELLE PRECIPITAZIONI del 13 17 settembre 29 NELLA PIANURA VENETA Centro Funzionale Decentrato della Regione Veneto Responsabile: Ing. Mariano Carraro Direzione Regionale

Dettagli