SAVINO DEL BENE GROUP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAVINO DEL BENE GROUP"

Transcript

1 SAVINO DEL BENE GROUP TRASPORTI INTERNAZIONALI AGENZIA MARITTIMA Relazione degli Amministratori sulla gestione consolidata BILANCIO CONSOLIDATO IFRS PER L ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2010

2 Relazione degli Amministratori sulla gestione consolidata al 31 Dicembre 2010 Il bilancio consolidato al 31 dicembre 2010 è stato redatto in applicazione degli International Reporting Standards (nel seguito IFRS o principi contabili internazionali ) emanati dall International Accounting Standards board (IASB) e adottati dalla Commissione Europea secondo la procedura di cui all art. 6 del Regolamento (CE) n. 1606/2002 del Parlamento Europeo e del consiglio del 19 luglio 2002 nonché ai provvedimenti emanati in attuazione a dell art. 9 del D. Lgs n. 38/ PROFILO DEL GRUPPO Il Gruppo opera nel settore delle spedizioni multimodali in Italia e all estero, prevalentemente nei segmenti delle spedizioni via mare e via aerea. In particolare, l attività prestata dal Gruppo consiste nella fornitura di un servizio di spedizione di tipo multimodale, attraverso l utilizzo combinato di sistemi vettoriali differenziati tra loro (strada, rotaia, mare, aria), in grado di offrire servizi flessibili e personalizzati. L attività è svolta senza il ricorso a vettori marittimi e aerei propri, ma componendo diversi sistemi logistici appartenenti principalmente ad operatori specializzati esterni e adottando soluzioni organizzative, anche ad alto contenuto tecnologico. L attività del Gruppo ha assunto nel tempo una dimensione sempre più internazionale come testimoniato sia dalla presenza di oltre 80 società in tutto il mondo dove operano circa 2500 dipendenti sia dalla crescita dei traffici estero su estero, prevalentemente sulle direttrici Sudamerica/Far East/India. La rete di società controllate, filiali, uffici commerciali e agenti del Gruppo (176 al 31 dicembre 2010) è stata creata nel tempo al fine di garantire allo stesso una presenza capillare a livello mondiale necessaria sia per fornire al cliente un servizio di elevato valore qualitativo sia per promuovere azioni commerciali mirate all acquisizione di ulteriori quote di mercato. Ogni società delinea, insieme alla capogruppo, le strategie aziendali e commerciali da seguire e analizza periodicamente i risultati connessi al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il Gruppo ha sempre puntato molto sulla globalizzazione dei traffici costruendo nel tempo un network internazionale che ha un ruolo di primo piano in tale sviluppo. Il Gruppo è infatti particolarmente attivo nello sviluppare soluzioni logistiche ed organizzative ad alto contenuto tecnologico che permettano di fornire anche alla clientela più eterogenea e differenziata servizi logistici ad alta specializzazione e ad alto valore aggiunto nonché flussi 2

3 informativi più tempestivi permettendo quindi un notevole incremento della produttività del lavoro. Ogni società del Gruppo, in relazione anche alle dimensioni e alle specificità dell attività ha un gruppo di forza vendita (sales) suddiviso, in alcuni casi, per settore (via mare/ via aereo e/o import/export). Il Gruppo dispone inoltre, in caso di consolidati rapporti commerciali con determinati Paesi e/o aree geografiche, di personale di vendita con particolare expertise. Oltre alla funzione svolta dai sales, ogni società del Gruppo che svolge attività spedizionieristica è dotata di un reparto amministrativo e di controllo, di un reparto operativo e, in alcuni casi, anche di un reparto di information technology. Per quanto la struttura del Gruppo, di seguito sono riportate le società controllate incluse nell'area di consolidamento al 31 dicembre 2010 e la relativa controllante diretta: Denominazione sociale Sede Valuta Capitale sociale (in migliaia di valuta) Controllante Diretta % di gruppo Albatrans (UK) Limited Glasgow (UK) GBP 50 Albatrans S.p.A 35 Albatrans Cina Limited (Shanghai ) Shanghai (Cina) CNY 870 Albatrans S.p.A 25 Albatrans France S.a.r.l Bordeaux (Francia) EUR 8 Albatrans S.p.A 50 Albatrans GmbH Francoforte (Germania) EUR 25 Albatrans S.p.A 50 Albatrans Inc. New York (USA) USD 50 Albatrans S.p.A 47,5 Albatrans International Pty Ltd. Sydney (Australia) AUD 200 Albatrans S.p.A 50 Albatrans Limited (Cina) Hong Kong (Cina) HKD Albatrans S.p.A 25 Albatrans New Zealand Auckland (New Zeland) NZD Albatrans S.p.A 25,5 Albatrans S.p.A Scandicci (FI) EUR 258 Albatrans Spain, S.L. Barcellona (Spagna) EUR 60 Albatrans S.p..A 50 Albatrans-Robert Group Logistic Inc Montreal (Canada) CAD 151 Albatrans S.p.A 25,5 Alpha Line Limited Hong Kong (Cina) HKD 0,1 SDB Finanziaria S.A. 99 Arimar International S.p.A Scandicci (FI) EUR 124 B.B.A Breakbulk, Inc. New York (USA) USD 2 SDB Finanziaria S.A. C.R.T. Combined Railway Transport S.r.l S. Giorgio (BO) EUR 10 Novibrama S.r.l Cavallino S.r.l Scandicci (Fi) EUR 10 CDC Caribe Inc. San Juan (Puerto Rico) USD 4 CDC S.p.A 57,17 CDC RE S.r.l Livorno EUR C.D.C S.p.A 57,17 CDC S.p.A Livorno EUR ,17 Centro Spedizioni Internazionali S.p.A Vicenza EUR Commercial Department Containers CDC Canada Inc. Toronto (Canada) CAD 1 CDC S.p.A 57,17 3

4 Denominazione sociale Sede Valuta Capitale sociale (in migliaia di valuta) Controllante Diretta % di gruppo Commercial Department Containers CDC De Mexico S.A. Città Del Messico (Messico) MXN 450 CDC S.p.A 54,31 DG Air Cargo S.A. Buenos Aires (Argentina) ARS 352 SDB Finanziaria S.A. 96 DO.CA de Venezuela C.A. Caracas (Venezuela) VEB Do.Ca S.r.l 67,4 Do.Ca S.r.l Livorno EUR 51 67,4 Fiorino Shipping S.r.l Sesto Fiorentino (FI) EUR 26 G. Noli Argentina Buenos Aires (Argentina) ARS 12 General Freight Inc. Canada Montreal (canada) CAD 0,1 General Freight USA, Inc. New York (USA) USD 10 General Noli do Brasil Ltda San Paolo (Brasile) BRL 464 General Noli S.L. Valencia (Spagna) EUR 500 General Noli Spedizioni Internazionali S.p.A Modena EUR Leonardi & C. S.p.A Sassuolo (MO) EUR General Noli Spedizioni Internazionali S.p.A General Noli Spedizioni Internazionali S.p.A General Noli Spedizioni Internazionali S.p.A General Noli Spedizioni Internazionali S.p.A General Noli Spedizioni Internazionali S.p.A 60 58,88 Leonardi & Co. Usa New York (USA) USD 2 Leonardi & C. S.p.A 58,88 Leonardi Iberia.SA. Valencia (Spagna) EUR 60 Leonardi & C. S.p.A 58,88 Novibrama S.r.l Livorno EUR 10 P.T. Savino Del Bene (Indonesia) Jakarta (Indonesia) IDR SDB Finanziaria S.A. Sacid S.r.l Roma EUR Samawat Shipping Services Company Tripoli (Libia) LYD SDB Finanziaria S.A. 65 Savino del Bene Naklyiati Ltd. Istanbul (Turchia) TRY 927 Savino del Bene (S) PTE Ltd. Singapore SGD 620 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene (Switzerland) AG Basel (Switzerland) CHF 225 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene (Thailand) Ltd. Bangkok (Thailandia) THB SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene (U.K.) Ltd Basildon (UK) GBP 20 Savino del Bene Argentina S.A. Buenos Aires (Argentina) ARS 510 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene Australia Pty Ltd. Sydney (Australia) AUD 500 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene Bulgaria EAD Sofia (Bulgaria) BGN 120 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene Chile S.A. Santiago (Cile) CLP SDB Finanziaria S.A. 4

5 Denominazione sociale Sede Valuta Capitale sociale (in migliaia di valuta) Controllante Diretta % di gruppo Savino del Bene China Ltd Hong Kong (Cina) HKD Savino Del Bene Colombia Bogotà (Colombia) COP Savino del Bene Corp. (Canada) Missisauga (Canada) CAD 40 99,99 Savino del Bene Costa Rica S.A. Costarica CRC Savino del Bene d.o.o. Rijeka (Croazia) HRK 123 Trans Solutions Latino America S.A. Savino del Bene do Brasil Ltda San Paolo (Brasile) BRL SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene Egypt Il Cairo (Egitto) EGP 530 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene France S.A. Roissy (Francia) EUR 305 SDB Finanziaria S.A. 99,94 Savino del Bene Freight Forwarders. (India) Pvt. Ltd. Bombay (India) INR SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene Ghana Ltd. Tema -Ghana GHS 113,6 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene GMBH Amburgo (Germania) EUR 79 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene GMBH (Austria) Vienna (Austria) EUR 73 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene Japan Co., Ltd. Tokyo (Giappone) JPY Savino del Bene Korea Co. Ltd. Seoul (Corea del Sud) KRW SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene LLC (Ukraine) Kiev (Ucraina) UAH 200 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene Mexico S..A. Messico MXM SDB Finanziaria S.A Savino Del Bene Panama S.A. Panama USD 10 Trans Solutions Latino America S.A Savino Del Bene Perù SAC. Lima (Perù) PEN 2 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene Poland S.p.z. o.o Varsavia (Polonia) PLN 220 Savino del Bene Portuguesa Lda Perafita (Portogallo) EUR Savino del Bene Russia, LLC St. Petersburg RUB 10 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene S.A. Chiasso Chiasso (Svizzera) CHF 250 SDB Finanziaria S.A. 98,8 Savino Del Bene S.L. Alicante (Spagna) EUR 800 Savino del Bene Shanghai Co. Ltd. Shanghai (Cina) CNY Savino del Bene South Africa Ltd. Johannesburg (Sud Africa) ZAR 0,4 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene Uruguay S.A. Montevideo (Uruguay) UYU 1.125,6 SDB Finanziaria S.A. Savino del Bene U.S.A Group. New York (USA) USD SDB Finanziaria S.A. Savitransport Inc. New York New York (USA) USD 2 Savitransport S.p.A 51 5

6 Denominazione sociale Sede Valuta Capitale sociale (in migliaia di valuta) Controllante Diretta % di gruppo Savitransport S.p.A Sesto Fiorentino (FI) EUR Savitransport Triveneto S.r.l Sesto Fiorentino (FI) EUR Savitransport S.p.A 27,03 SDB Finanziaria S.A. Lussemburgo EUR SDB Information Technology S.r.l. Scandicci (FI) EUR SDB Venezuela, C.A. Caracas (Venezuela) VEF 5 World Wide Cargo C.V. 50 Trans Solutions Latinoamerica S.A. Panama USD 200 SDB Finanziaria S.A World Wide Cargo C.V. Olanda EUR 891 SDB Finanziaria S.A 50 6

7 2. RICAVI PER AREA GEOGRAFICA La ripartizione del fatturato per area geografica in cui opera il gruppo, al netto delle elisioni dei ricavi intercompany per Euro (al 31 dicembre 2009 Euro ), è di seguito riepilogata: Area Gografica 31-dic-10 % comp. 31-dic-09 % comp. Var % Dic 10- Dic 09 EUROPA ,89% ,18% 32,64% NORD AMERICA ,92% ,80% 58,63% ASIA - OCEANIA ,59% ,98% 33,75% MEDIO ORIENTE - AFRICA ,48% ,21% 81,81% CENTRO-SUD AMERICA ,12% ,84% 45,63% Totale ,00% ,00% 39,80% Rispetto all esercizio precedente, emerge un incremento del fatturato del 39,80%. Il trend positivo ha interessato tutte le cinque aree geografiche in cui opera il gruppo. Gli incrementi più significativi si sono registrati nell area Europea e nel Nord Americana. Fatturato per area geografica al 31 Dicembre 2010 Fatturato per area geografica al 31 Dicembre

8 8

9 3. RICAVI PER SETTORE DI ATTIVITA Di seguito i ricavi conseguiti al 31 dicembre 2010 ed al 31 dicembre 2009 suddivisi per settore di attività al netto delle elisioni intercompany per Euro (al 31 dicembre 2009 Euro ): Settore di attività 31-dic-10 % comp. 31-dic-09 % comp. Var % Dic 10-Dic 09 VIA AEREA ,40% ,64% 37,86% VIA MARE ,66% ,99% 41,22% VIA TERRA ,82% ,05% 28,98% IMPORT, BROKERAGGIO E DISTRIBUZIONE ,13% ,32% 37,83% Totale ,00% ,00% 39,80% Dall esame dei dati su esposti emerge un incremento del fatturato via aerea del 37,86%, del fatturato via mare del 41,22%, del fatturato via terra del 28,98% e del fatturato per import, brokeraggio e distribuzione del 37,83%. Fatturato per settore di attività al 31 Dicembre 2010 e

10 4. FLUSSI DI TRAFFICO Il gruppo ha spedito via mare nell esercizio 2010 n TEUS 1 rispetto a n TEUS al 31 dicembre 2009 con un incremento del 21,90% rispetto all esercizio precedente. In particolare si riportano qui di seguito le percentuali, rispetto al totale, dei Teus spediti dalle varie aree geografiche: TEUS per Area Geografica 31-dic-10 % comp. 31-dic-09 % comp. Var % Dic EUROPA ,78% ,65% 18,47% NORD AMERICA ,58% ,22% 30,23% ASIA - OCEANIA ,32% ,05% 37,24% MEDIO ORIENTE - AFRICA ,45% 901 0,37% 47,17% CENTRO-SUD AMERICA ,88% ,71% 11,44% TOTALE SDB GROUP ,00% ,00% 21,90% Per quanto riguarda le aree geografiche di spedizione delle merci, l area principale del traffico via mare resta il Nord-America anche se le direttrici verso l Estremo Oriente diventano sempre più rilevanti. TEUS confronto 31 dicembre 2010 e 2009 TEUS per Area Geografica EUROPA NORD AMERICA ASIA - OCEANIA MEDIO ORIENTE - AFRICA CENTRO- SUD AMERICA 31-dic dic-09 Aree Geografiche Il settore via aerea ha invece presentato le seguenti risultanze: i Kg spediti dal Gruppo sono stati pari a migliaia al 31 Dicembre 2010 rispetto a migliaia al 31 Dicembre 2009 con un incremento del 25,62% rispetto all esercizio Teus: Twenty feets Equivalent Unit- Container Standard da 20 piedi pari a circa 30m3 utilizzata come misura statistica dei flussi o delle capacità di traffico. 10

11 In particolare si riportano qui di seguito le percentuali, rispetto al totale, dei Kg spediti dalle varie aree geografiche: KG/0 per Area Geografica 31-dic-10 % comp. 31-dic-09 % comp. Var % Dic EUROPA ,11% ,71% 28,26% NORD AMERICA ,43% ,23% 11,68% ASIA - OCEANIA ,58% ,63% 46,72% MEDIO ORIENTE - AFRICA 197 0,42% 275 0,73% -28,36% CENTRO-SUD AMERICA ,46% ,70% -7,61% TOTALE SDB GROUP ,00% ,00% 25,62% Si evince un incremento dei traffici nell area Asiatica, Europea e Nord-Americana; risultano in lieve flessione l area Medio Orientale- Africana e l area del Centro-Sud America. Kg/0 confronto 31 dicembre 2010 e 2009 Kg/0 per Area Geografica Kg/ EUROPA NORD AMERICA ASIA - OCEANIA MEDIO ORIENTE - AFRICA CENTRO- SUD AMERICA 31-dic dic-09 Aree Geografiche Il traffico via mare relativo alle sole società con il brand Savino del Bene nell esercizio 2010 è stato di n TEUS (pari al 59,04 % del totale spedito da parte di tutto il gruppo) rispetto a n TEUS al 31 dicembre 2009 con un incremento del 25,66% rispetto all esercizio precedente. Via Mare 31-dic-10 % comp. 31-dic-09 % comp. SAVINO DEL BENE Companies Brand Var % Dic ,04% ,28% 25,66% Totale Gruppo ,00% ,00% 21,90% 11

12 Totale G ruppo; S AV INO DE L B E NE C ompanies B rand; Totale G ruppo; S AV INO DE L B E NE C ompanies B rand; dic dic -09 Totale Gruppo S A V INO DEL BENE Companies Brand I kg spediti via aerea al 31 dicembre 2010 dalle sole società con il brand Savino del Bene sono stati pari a migliaia (pari al 77,22 % del totale spedito da parte di tutto il gruppo) rispetto a migliaia al 31 dicembre 2009 con un incremento del 25,12 % rispetto all esercizio precedente. Via Aerea (KG/0) 31-dic-10 % comp. 31-dic-09 % comp. SAVINO DEL BENE Companies Brand Var % Dic ,22% ,53% 25,12% Totale Gruppo ,00% ,00% 25,61% Totale G ruppo; Totale G ruppo; Totale Gruppo S AV INO DE L B E NE C ompanies B rand; S AV INO DE L B E NE C ompanies B rand; S A V INO DEL BENE Companies Brand - 31-dic dic

13 5. SINTESI DELLA GESTIONE ECONOMICA CONSOLIDATA (In migliaia di Euro) 31-dic- 10 % 31-dic- 09 % Variazioni Variazioni % Ricavi delle vendite e delle prestazioni ,39% ,11% ,80% Altri ricavi ,61% ,89% (252) -4,91% RICAVI ,00% ,00% ,40% Costi per materie prime e materiali di consumo (1.645) -0,20% (1.473) -0,25% (172) 11,68% Costi per servizi ( ) -83,16% ( ) -80,54% ( ) 43,93% VALORE AGGIUNTO ,64% ,20% ,77% Costo del personale (90.410) -11,23% (81.775) -14,16% (8.635) 10,56% Altri costi operativi (4.549) -0,56% (4.721) -0,82% 172-3,64% Ammortamenti (6.422) -0,80% (6.482) -1,12% 60-0,93% Accantonamenti e perdite di valore (844) -0,10% (724) -0,13% (120) 16,57% RISULTATO OPERATIVO (EBIT) ,94% ,98% ,20% MARGINE OPERATIVO LORDO (EBITDA) ,85% ,23% ,63% Proventi da società collegate valutate con il metodo del Patrimonio Netto 52 0,01% 20 0,00% ,00% Oneri finanziari (4.732) -0,59% (7.885) -1,36% ,99% Proventi finanziari 262 0,03% 314 0,05% (52) -16,56% UTILE PRIMA DELLE IMPOSTE (EBT) ,40% ,68% ,12% Imposte sul reddito (11.619) -1,44% (5.957) -1,03% (5.662) 95,05% UTILE NETTO ,95% ,65% ,99% Il Gruppo ha realizzato al 31 dicembre 2010 un fatturato consolidato di 800 milioni di Euro rispetto a 572 milioni di Euro al 31 dicembre 2009 e un valore aggiunto di 134 milioni di Euro rispetto a 111 milioni di Euro dell esercizio precedente. L incremento di questi due valori rispetto all esercizio precedente (+39,80% e +20,77%) è attribuibile principalmente alla ripresa generalizzata dei traffici. Il margine operativo lordo (EBITDA) e il risultato operativo netto (EBIT) rispettivamente di 39 milioni di Euro (+59,63% rispetto all esercizio precedente) e 31,76 milioni di Euro (+84,20%) evidenziano una notevole crescita della redditività. L incidenza dell EBITDA su ricavi passa da 4,23 al 4,85 (+0,62%). L utile netto è stato di 15,72 milioni di Euro in notevole ripresa rispetto al risultato 2009 (+320,99%). 13

14 L andamento economico e finanziario dell esercizio ha generato una variazione positiva dei principali indici reddituali e finanziari come riportato di seguito: Indicatori di finanziamento delle immobilizzazioni 31/12/ /12/2009 Margine primario di struttura mezzi propri - attivo fisso (48.461) (63.498) Quoziente primario di struttura mezzi propri / attivo fisso 0,58 0,44 Margine secondario di struttura (mezzi propri + passività consolidate) - attivo fisso (3.169) (25.681) Quoziente secondario di struttura (mezzi propri + passività consolidate) / attivo fisso 0,97 0,77 Indici sulla struttura dei finanziamenti Indebitamento complessivo Passività di finanziamento Quoziente di indebitamento finanziario passività di finanziamento / mezzi propri 2,08 2,26 Indicatori di solvibilità Margine di disponibilità attivo circolante - passività correnti Quoziente di disponibilità attivo circolante / passività correnti 1,12 1,04 Indici di redditività Margine operativo lordo/ricavi 4,85% 4,23% Return on investiments (ROI) reddito operativo netto / attivo medio 9,07% 5,25% Reddito operativo netto/ricavi (ROS) reddito operativo netto / ricavi delle prestazioni 3,97% 3,01% Return on equity (ROE) risultato netto / mezzi propri medi 24,29% 6,10% Incidenza dei consumi delle materie sul valore della produzione Incidenza dei consumi dei servizi sul valore della produzione Incidenza del costo del lavoro sul valore della produzione 0,20% 0,25% 83,16% 80,54% 11,23% 14,16% Valore della produzione per addetto Nella presente relazione sulla gestione, in aggiunta agli indicatori convenzionali previsti dagli IFRS, sono presentati alcuni indicatori alternativi di performance (EBITDA e EBITDA rettificato) utilizzati dal management del per monitorare e valutare l andamento operativo dello stesso e che non essendo identificati come misura contabile nell ambito degli IFRS, non devono essere considerati come misure alternative per la valutazione dell andamento del risultato del. Poiché la composizione dell EBITDA e dell EBITDA rettificato non è regolamentata dai principi contabili di riferimento, il criterio di determinazione applicato dal potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri e pertanto potrebbe non essere comparabile. Tali indicatori sono costruiti come di seguito indicato: 14

15 31/12/ /12/2009 Risultato prima delle imposte (EBT) Oneri finanziari Proventi finanziari (262) (314) +/- Proventi/Oneri da partecipazioni in società collegate (52) (20) Risultato operativo (EBIT) Costi di ristrutturazione Ammortamenti /- Oneri/Proventi atipici - - Risultato operativo Lordo (EBITDA) Svalutazione crediti verso clienti Costi per piani di stock options - - Risultato operativo Lordo (EBITDA rettificato)

16 6. POSIZIONE FINANZIARIA NETTA CONSOLIDATA (In migliaia di Euro) 31-dic dic-09 Variazioni Variazioni % Disponibilità liquide e mezzi equivalenti % Attività finanziarie correnti % Finanziamenti a medio-lungo termine (45.378) (37.817) (7.561) 20% Passività finanziarie (91.260) (75.481) (15.779) 21% Totale indebitamento netto (82.915) (86.668) % La posizione finanziaria netta del Gruppo al 31 dicembre 2010 è negativa e pari a 82,91 milioni di Euro rispetto a 86,67 milioni di Euro al 31 dicembre 2009 avendo subito un miglioramento del 4%, pari a Euro 3,8 milioni circa. L andamento della posizione finanziaria netta è stato condizionato nel corso degli anni dall indebitamento a medio/lungo termine contratto dalla società Capogruppo per finanziare l OPA nell esercizio 2003 e dall indebitamento acquisito nel 2007 per effetto dell operazione di fusione inversa tra la società Capogruppo e la società Cargo Venture S.p.A. Il miglioramento della posizione finanziaria netta è stato possibile grazie alla migliore attività di gestione dei crediti verso clienti ed alla conseguente riduzione dei giorni di incasso Il quoziente di disponibilità di Gruppo del periodo (rapporto tra attivo corrente e passività corrente) è pari a 1,12 e risulta migliorato rispetto al periodo precedente (1,04) - vedi tabella indici COVENANTS I covenants sono clausole contrattuali dal cui rispetto dipende la continuazione del finanziamento; queste clausole sono spesso legate a indici di bilancio o a risultati aziendali che, se non soddisfatti, rendono il finanziamento rimborsabile. Nel merito rileviamo che la Capogruppo al 31 dicembre 2010 ha in essere i seguenti contratti di mutuo i quali prevedono le seguenti clausole: Unicredit Banca d Impresa: - rapporto tra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto minore-uguale 2,5; - rapporto tra indebitamento finanziario netto e MOL minore-uguale a 5. Mediocredito Centrale: - Rapporto tra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto minore-uguale a 2,5; 16

17 Monte dei Paschi di Siena, prevede l obbligo di far affluire alla banca almeno il 6% dei flussi finanziari di entrata connessi alla riscossione dei crediti. Il verificarsi delle ipotesi previste dall art 1186 c.c. costituisce decadenza dal beneficio del termine. Mediocredito Italiano: - Rapporto tra indebitamento finanziario netto e margine operativo lordo, a livello consolidato, minore-uguale a 4; BNL: - Rapporto tra indebitamento finanziario netto e margine operativo lordo minoreuguale a 3,0 per il 2010 e 2011; dopo il 2011 max 2,7; - Rapporto tra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto minore-uguale a 2,2 fino al 2010; dopo massimo 1,5. Per quanto riguarda Unicredit, in caso di inosservanza di entrambi i parametri sopra menzionati, la banca si riserva la possibilità di applicazione di una clausola di step up di 15 b.p. per anno per gli anni di sforamento. Mentre per Mediocredito Centrale l inosservanza di uno degli obblighi previsti contrattualmente (covenants e obblighi informativi) conferisce facoltà alla banca di ritenere risolto il contratto salvo che dopo la richiesta motivata dall impresa, la banca non acconsenta a mantenere in essere il finanziamento. Inoltre, il contratto di finanziamento stipulato con la banca Monte dei Paschi di Siena, di Euro migliaia, prevede l obbligo di far affluire alla banca almeno il 6% dei flussi finanziari di entrata connessi alla riscossione dei crediti. Alla data del 31 dicembre 2010 tutti i covenants risultavano rispettati. 8. INVESTIMENTI Nell ottica di proseguire nella strategia di espansione su tutti i principali mercati e nella ricerca di una sempre maggiore globalizzazione e internazionalizzazione dell attività il comparto delle immobilizzazioni (materiali e immateriali) ha subìto alcune variazioni dovute ad alcune operazioni commerciali effettuate. Nell ambito del progetto di sviluppo il gruppo valuta l opportunità di effettuare ulteriori acquisizioni aziendali, oppure di addivenire ad operazioni straordinarie di aggregazione con aziende complementari e/o che operano nel settore dell attività caratteristica; operazioni che potrebbero consentire di rafforzare la posizione di mercato. Le principali variazioni dell area di consolidamento al 31 dicembre 2010 rispetto all esercizio precedente sono di seguito riportate. 17

18 Entrata nell area di consolidamento delle società: - Samawat Shipping Services con sede a Tripoli (Libia), costituita nel giugno 2010, con capitale sociale pari a ,00 di dinari Libici; la SDB Finanziaria S.A., ha sottoscritto il 65% del capitale sociale; - Savino Del Bene Russia LLC, con sede a S. Pietroburgo, costituita nel settembre 2010: il capitale sociale pari a Rubli è stato totalmente sottoscritto dalla SDB Finanziaria S.A.; - Savino del Bene Uruguay S.A. con sede a Montevideo; il capitale sociale, pari a UYU migliaia, è stato interamente sottoscritto dalla SDB Finanziaria S.A.; - Savino Del Bene Ghana Ltd con sede a Tema (Ghana): ii capitale sociale pari a GHS 114 migliaia è stato interamente sottoscritto dalla SDB Finanziaria S.A. Altre variazioni degne di nota: - Acquisizione nel mese di luglio 2010, da parte di SDB Finanziaria S.A., di un ulteriore 44% del capitale della società DG Air Cargo e del rimanente 4% dalla Savino Del Bene Argentina S.A.. Con queste ultime acquisizioni la DG Air Cargo entra a far parte del Gruppo SDB al %; - Incremento del capitale sociale della Savino del Bene do Brasil Ltda per un importo pari a Euro ,00. - Incremento del capitale sociale della Savino del Bene Korea Co Ltd. per un importo pari a Euro , RISCHI ED INCERTEZZE CUI LA SOCIETA E SOTTOPOSTA Rischi connessi alle condizioni generali dell economia Il risultato dell'attività del gruppo è direttamente influenzato dal volume dei traffici commerciali internazionali, a loro volta soggetti a fattori economici, politici e sociali indipendenti dalle scelte aziendali. Il verificarsi di tali fattori, spesso di difficile prevedibilità, potrebbe determinare una flessione della domanda delle prestazioni rese dalla società con possibili effetti negativi sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria della società. La redditività dei servizi prestati è inoltre influenzata dall andamento del costo dei noli (costi caratteristici dell attività aziendale) i quali dipendono direttamente da alcuni fattori non facilmente prevedibili tra i quali, l'andamento del prezzo del petrolio, la disponibilità degli spazi sulle rotte, il volume delle merci spedite a livello globale o locale, nonché l'applicazione di normative di settore più stringenti che rendono più gravoso per il vettore effettuare il trasporto. 18

19 In assenza di coperture contrattuali volte ad escludere o limitare eventuali effetti di contrazione dei margini e dei volumi intermediati, è possibile che il verificarsi di tali eventi possa determinare effetti negativi sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria della società. Rischio di credito L esposizione al rischio di credito del Gruppo è riferibile quasi esclusivamente a crediti commerciali e in minore misura ai crediti diversi. Il Gruppo tratta solo con clienti noti e affidabili. È politica del Gruppo sottoporre i clienti che richiedono condizioni di pagamento dilazionate a procedure di verifica sulla relativa classe di credito. Inoltre, il saldo dei crediti è monitorato nel corso dell esercizio in modo che l importo delle esposizioni a perdite non sia significativo. I crediti commerciali sono rilevati in bilancio al netto della svalutazione calcolata sulla base del rischio d inadempienza della controparte, determinata considerando le informazioni disponibili sulla solvibilità del cliente e considerando i dati storici. Di seguito i crediti commerciali ripartiti per area geografica al 31 dicembre 2010 confrontati con l esercizio precedente: In migliaia di Euro 31-dic-10 % comp. 31-dic-09 % comp. Var % Dic Europa ,75% ,71% 30,66% Nord America ,61% ,27% 37,39% Centro- Sud America ,35% ,13% 40,57% Asia e Oceania ,58% ,49% 37,15% Medio Oriente e Africa ,71% ,40% 55,86% Totale ,00% ,00% 34,87% Di seguito i crediti commerciali ripartiti per fasce temporali: In migliaia di Euro 31-dic-10 % comp. 31-dic-09 % comp. Var % Dic Da 0 a 60 giorni ,41% ,61% 40,98% Da 60 a 90 giorni ,81% ,75% -7,43% Da 90 a 120 giorni ,69% ,41% 4,65% Da 120 a 180 giorni ,20% ,84% 58,28% Da 180 a 365 giorni ,89% ,39% 11,36% Totale Lordo ,00% ,00% 32,56% Fondo Svalutazione Crediti (8.784) -4,29% (9.164) -5,93% -4,15% 19

20 Totale Netto in Bilancio Non sono da segnalare significative concentrazioni dell'esposizione al rischio di credito nei confronti di singoli debitori. Tutte le posizioni che si riferiscono a crediti commerciali, sia con riferimento alla chiusura dell'esercizio 2010 che a quella dell esercizio 2009 risultano avere scadenza inferiore a 12 mesi. Rischio di tasso La sensibilità al rischio di tasso del Gruppo è gestita tenendo opportunamente in considerazione l esposizione complessiva: nell ambito della generale politica di ottimizzazione delle risorse finanziarie, il Gruppo ricerca un equilibrio ricorrendo alle forme di finanziamento meno onerose. E politica del Gruppo che il piano d ammortamento della copertura segua specularmente, in termini di scadenze e nozionale, il piano d ammortamento del debito sottostante. Nel corso dell'esercizio 2010, non sono state poste in essere operazioni di copertura del rischio di tasso connesso a finanziamenti a medio e lungo termine. Il costo dell indebitamento bancario è parametrato al tasso euribor/libor di periodo più uno spread che dipende dalla tipologia di linea di credito utilizzata e comunque uguale per tipologia di linea. Gli utilizzi variano da pochi giorni al massimo di un anno. I margini applicati sono in linea con gli standard di mercato. Il rischio di tasso di interesse cui le società del Gruppo sono esposte è principalmente originato dai debiti finanziari in essere. Rischio di cambio Il Gruppo Savino Del Bene è esposto alla variazione dei tassi di cambio delle valute in cui sono fatturate le vendite che si estrinseca nel rischio che il controvalore in Euro dei ricavi sia insufficiente a coprire i costi di produzione e conseguire il margine desiderato. Tale rischio è accentuato per il rilevante intervallo temporale che intercorre tra il momento in cui sono fissati i prezzi di una spedizione ed il momento in cui i ricavi sono convertiti in Euro. Al fine di contenere l esposizione al rischio di cambio derivante dalla propria attività commerciale, Capogruppo e alcune controllate stipulano contratti di vendita/acquisto a termine di valuta e opzioni atti a definire anticipatamente il tasso di conversione, o un range predefinito di tassi di conversione, a date future. Maggiori dettagli sono riportati nella Nota 41 del bilancio consolidato. 20

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE RELATIVA AL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2003

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE RELATIVA AL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2003 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE RELATIVA AL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2003 I. M. A. INDUSTRIA MACCHINE AUTOMATICHE S. P. A. - SEDE: OZZANO DELL EMILIA (BOLOGNA) CAPITALE SOCIALE I.V. EURO

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione TXT e-solutions Group Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 TXT e-solutions S.p.A. Sede legale, direzione e amministrazione: Via Frigia, 27 20126 Milano Capitale sociale: Euro 5.911.932 interamente

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

RELAZIONIBILANCI 2007

RELAZIONIBILANCI 2007 RELAZIONIBILANCI 2007 Indice LETTERA DEL PRESIDENTE 2 ORGANI SOCIALI 6 INFORMAZIONI SUL GRUPPO GEWISS 7 PRINCIPALI DATI ECONOMICI, FINANZIARI E PATRIMONIALI DEL 2007 9 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

S.A.S. Principe Max von und zu Liechtenstein, CEO di LGT

S.A.S. Principe Max von und zu Liechtenstein, CEO di LGT Breve ritratto «Focalizzazione, continuità, prospettiva globale e l opportunità per i clienti di coinvestire con la proprietaria e i collaboratori ci hanno aiutato a sviluppare ulteriormente la nostra

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO RAGGIUNGERE IL FINE, CON OGNI MEZZO. PIÙ CHE UNA FILOSOFIA, UNA PROMESSA. INSPED ERA GLOBALE PRIMA ANCORA CHE SI PARLASSE DI GLOBALIZZAZIONE.

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014 @MailUp @MailUp_US www.mailup.com CHE COSA FA MAILUP MailUp è una società tecnologica che ha sviluppato una piattaforma digitale di cloud computing (Software

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE

TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE www.lvdgroup.com Sheet Metalworking, Our Passion, Your Solution LVD offre macchinari di punzonatura, taglio laser, piegatura e cesoiatura, nonché un software

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli