Una piattaforma per servizi di KDD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una piattaforma per servizi di KDD"

Transcript

1 Una piattaforma per servizi di KDD Claudia Diamantini, Maurizio Panti, Domenico Potena Università Politecnica delle Marche, Istituto di Informatica, via Brecce Bianche, Ancona, Italy Sommario La varietá degli strumenti e lo sviluppo continuo di nuove tecniche configura un sistema ideale di supporto alla progettazione di processi di KDD come un sistema aperto e modulare. Per raggiungere questi obiettivi, l articolo presenta l idea di un sistema di KDD come piattaforma, che sfrutta concetti e tecnologie sviluppati nell ambito della computazione cooperativa ed in particolare dei servizi web. 1 Introduzione Un processo di Knowledge Discovery in Databases (KDD) é un processo fortemente interattivo ed iterativo di manipolazione di dati con l obiettivo finale di ottenere in uscita un insieme di informazioni, precedentemente sconosciute, valide e potenzialmente utili [6]. Interattivitá e iterativitá dipendono dalla complessitá intrinseca del processo di scoperta, che é sostanzialmente di tipo goal-driven e domain dependent, e che pertanto é fortemente dipendente dall intervento umano. Un sistema di KDD pertanto deve essere pensato come un sistema di supporto alla progettazione di processi di KDD, che mette a disposizione dell utente un insieme di strumenti di base e un ambiente conveniente per il loro utilizzo. Affinché un sistema di KDD si configuri come un ambiente di progettazione conveniente, dovrá possedere le seguenti caratteristiche [8,5]: fornire ampia disponibilitá di strumenti diversi, per adattarsi a diversi domini, applicazioni, sorgenti; fornire un ambiente che permetta di gestire diverse versioni alternative di una soluzione, facilitandone la valutazione comparativa; fornire supporto sia ad utenti esperti che ad utenti inesperti, principalmente introducendo un livello concettuale di descrizione degli strumenti, rendendo il piú trasparente possibile i dettagli dell implementazione, e supportando le attivitá di scelta e di integrazione di tecniche differenti. La varietá degli strumenti e lo sviluppo continuo di nuove tecniche configura un sistema di KDD ideale come un sistema aperto e modulare, nel quale nuovi algoritmi e metodi possano essere introdotti all occorrenza. Inoltre, sono auspicabili caratteristiche di riusabilitá in quanto gli utenti del sistema non sono necessariamente esperti di implementazione e sviluppo. Modularitá, flessibilitá,

2 trasparenza e riuso sono le motivazioni dell introduzione di modelli computazionali distribuiti di tipo lascamente accoppiato, o cooperativo, che trovano nei Web Services l architettura di riferimento emergente [4,18]. Obiettivo di questo articolo é mostrare come il paradigma di interazione tra processi software descritto dall architettura a Web Service possa essere utilmente applicato ad un sistema di KDD, per trattare le problematiche di riusabilitá del software. Non ci occuperemo, invece, delle problematiche che sorgono quando le risorse sono fisicamente distribuite su una rete. Di conseguenza non verranno considerate componenti per l ottimizzazione delle risorse e per il trattamento di grandi quantitá di dati. Il presente lavoro trova i principali riferimenti nell ambito del Data Mining distribuito e dei Web Services. Nel primo ambito (si veda [13] per una rassegna sull argomento), sono state proposte diverse architetture per supportare applicazioni distribuite di Data Mining [3,9,14,11,12,17,2] le quali affrontano il problema da diverse prospettive. In particolare, [11,3,17] propongono sistemi che supportano il progetto e l inserimento di applicazioni personalizzate di data mining, e la loro combinazione in componenti piú complesse, utilizzando tecnologie ad oggetti. Inoltre, [17] utilizza un approccio di tipo dataflow simile a quello introdotto nel presente articolo per supportare la combinazione di componenti. Recentemente é stato proposto un sistema di KDD distribuito e parallelo che poggia sui servizi di un architettura Grid [2]. Quest ultimo approfondisce le funzionaltá per il trattamento di dati e operazioni su larga scala, mentre il presente lavoro pone l accento, oltre che sulla riusabilitá del software, anche sulla definizione di strumenti di supporto specifici alla progettazione di processi di KDD, quali la gestione dei dati intermedi, il versioning ed il controllo sintattico del processo. Le caratteristiche dei due sistemi sono tali da poter essere fuse anche alla luce della proposta OGSA [20]. La visione di modelli di data mining come servizi su Internet é introdotta in [19], al fine di facilitare l uso di tali tecniche ad utenti inesperti. Tale proposta riguarda tuttavia l uso di singoli modelli, in particolare di classificazione, mentre il concetto di piattaforma di servizi web per la progettazione di un intero processo di KDD é, allo stato delle nostre conoscenze, completamente nuovo. Nell ambito dei Web Services la direzione attuale di ricerca é quella di modellare i livelli superiori di servizio, che poggiano sul modello comunicativo fornito dall attuale tecnologia basata su XML. A tali livelli si affrontano le problematiche di composizione dei Service [7,16] e di interoperabilitá, tramite l introduzione di standard specifici [1,10] o tecniche di mediazione [15]. Nella piattaforma proposta nel presente articolo entrambe queste problematiche sono prese in considerazione, tramite l introduzione di funzionalitá per la gestione di workflow e tramite l introduzione di meccanismi per la omogenizzazione dei servizi. L articolo é organizzato come segue: nella sezione 2 si descrivono in dettaglio i requisiti richiesti ad un sistema di KDD proponendo una architettura di massima per soddisfarli. Nella sezione 3 tale architettura di massima viene specificata seguendo il modello dei Web Services. Nelle sezioni 4 e 5 vengono descritti i blocchi funzionali del sistema di KDD. La sezione 6 conclude l articolo. 2

3 2 Requisiti di un sistema di Knowledge Discovery in Database Seguendo [6], il processo di KDD puó essere suddiviso in 5 fasi principali: Selection, Preprocessing, Transformation, Data Mining, Interpretation/Evaluation. Ognuna di queste fasi raggruppa un insieme di attivitá omogenee: Selection: query su base di dati per selezionare il data-set di interesse; Preprocessing e Data Cleaning: filtraggio del rumore, eliminazione degli outliers, trattamento dei dati con campi mancanti, accounting di sequenze temporali; Transformation: riduzione della dimensione dello spazio degli osservati tramite proiezione (ricombinazione delle variabili) e analisi della distribuzione dei dati, individuazione di rappresentazioni invarianti dei dati; Data Mining: induzione di modelli tramite tecniche di Classificazione, Clustering, Regole associative, Regressione; Interpretation/Evaluation: rappresentazioni grafiche e tabellari dei risultati, rappresentazione simbolica dei modelli, creazione di report riassuntivi, valutazione di prestazioni. Ognuna delle attivitá elencate puó essere realizzata praticamente tramite diversi algoritmi, ad esempio l attivitá di classificazione puó essere realizzata tramite Support Vector Machines, Nearest Neighbor, C4.5 o altri. Infine, ognuno di questi algoritmi puó essere implementato in maniera differente sia dal punto di vista della logica di esecuzione, che del linguaggio, che dei dati in ingresso ed in uscita. L input/output di queste implementazioni si differenziano per sintassi e semantica, ovvero per il formato e per il loro significato. Da questa breve descrizione, si puó evincere la complessitá intrinseca della progettazione di un processo di KDD, dovuta ai numerosi gradi di libertá con cui l utente si trova a lavorare ed alla natura goal-driven e domain dependent del problema, che fa si che l utente di un sistema di KDD debba essere in grado di riconoscere gli strumenti piú adeguati per il proprio contesto, e possedere conoscenze tecniche per utilizzarli propriamente. Tuttavia, esso é tipicamente un esperto di dominio, ma non un conoscitore esperto di tutti gli algoritmi implementabili. É, quindi, auspicabile l introduzione di strumenti di supporto alla progettazione di processi di KDD, tali da garantire: trasparenza: rispetto alla implementazione, alla localizzazione e chiamata degli algoritmi e rispetto all accesso ai dati da analizzare, con la possibilitá di gestire una o piú basi di dati eterogenee e distribuite; flessibilitá: lo strumento deve gestire facilmente l introduzione di nuovi algoritmi, la modifica o la cancellazione di quelli esistenti. Deve gestire le possibili combinazioni degli algoritmi atte a formare il processo di KDD; riusabilitá dei componenti: favorire l utilizzo di algoritmi giá implementati senza modificarne il codice. facilitá d uso: proporre una interfaccia user friendly, preferibilmente di tipo grafico. É auspicabile che all utente i moduli appaiano come componenti di 3

4 un domino, in cui sia possibile comporre una sequenza usando, a partire da un dato modulo, solo alcuni tra gli altri moduli disponibili. In questo modo si garantisce la facilitá d uso presente nella maggior parte dei pacchetti software in commercio [5]. Inoltre, é auspicabile un supporto proattivo alla progettazione del processo, che gestisca i vincoli sulla concatenabilitá degli algoritmi e proponga prototipi possibili di processo; versioning/prototyping: con questo termine si vuole indicare la necessitá di tenere traccia degli esperimenti, gestendo in maniera efficiente i dati intermedi. Principalmente nell ottica della ricerca, é auspicabile che il sistema permetta di valutare le prestazioni ad ogni modifica dei moduli usati o del settaggio dei parametri. Figura 1. L architettura a Coordinatore. Di seguito, con il termine modulo indicheremo ogni componente software che implementi un algoritmo di KDD. D ora in poi, senza perdita di generalitá considereremo i moduli presenti in un unico repository. Per costruire un sistema di KDD, a partire dai moduli e rispettando i requisiti precedentemente esposti, é utile introdurre un architettura basata su uno strato software che si ponga ad un livello intermedio tra l analista ed i moduli stessi, che funga da coordinatore ed interprete. Tale modulo di coordinamento dovrebbe essere in grado di interrogare il repository, riconoscere e raggruppare i moduli presenti secondo le loro funzionalitá, rendere disponibili tutte queste informazioni all analista in forma comprensibile, tradurre il formato dei dati presenti nel DB nel formato di input dei moduli. L architettura che prevede questo modulo di coordinamento (il coordinatore) é schematizzato in Figura 1. Distinguendo il livello di coordinamento da quello dei moduli, si puó lavorare al fine di assicurare la flessibiliá e la riusabilitá. La presenza dell interfaccia grafica (GUI) tra il Coordinatore e l utente/analista garantisce trasparenza e facilitá d uso. Il soddisfacimento dei requisiti specifici, quali il supporto alla progettazione del processo ed il versioning, sará realizzato tramite l introduzione di funzioni specifiche del Coordinatore descritte nella sezione 4. 3 Dal WEB Service al KDD Service Per rappresentare l architettura a Coordinatore, in questa sezione analizziamo la corrispondenza tra le componenti funzionali di un sistema di KDD e quelle di una generica architettura a Web Service [4,18], che conduce all introduzione del concetto di piattaforma per servizi di KDD. 4

5 Una tipica architettura Web Service é costituita da tre unitá interagenti (come mostrato in Figura 2): Figura 2. Schema di un architettura basata su Web Service. Service provider, che creano i Service e li mettono a disposizione di altri utenti registrandoli presso i Service broker; Service broker, che contengono un registro dei Service pubblicati; utenti utilizzatori dei Service, che individuano i servizi a loro utili tramite i Service broker ed interagiscono con i Service provider in cui tali servizi si trovano. Questo modello computazionale si basa su tre tecnologie principali: Web Services Description Language (WSDL), Universal Description Discovery and Integration (UDDI) e Simple Object Access Protocol (SOAP). Il WSDL é un linguaggio che permette di fornire una descrizione astratta del Service e rende disponibili le informazioni sul tipo di protocollo usato, sulla posizione del Service e su come realizzare le interazioni tra le funzioni del Service. L UDDI fornisce le specifiche necessarie per la registrazione e la localizzazione del Service, tramite un elenco centralizzato di servizi, detto registro. Le informazioni consultabili nel registro sono di tre tipi: white pages: nome e dettagli per contattare il Service; yellow pages: informazioni sui Service divisi per categorie; green pages: informazioni riguardanti dati tecnici dei Service. Il SOAP, infine, é un protocollo basato su XML, che permette la comunicazione tra Service ed utente, e di effettuare chiamate alle procedure dei Service (Remote Procedure Calls, RPCs). Mostriamo, adesso, la corrispondenza tra le componenti dell architettura a Coordinatore e quelle dell architettura a Web Service. Per far questo, osserviamo, nell ambito dell architettura a Coordinatore, quali sono le interazioni tra le componenti principali: Coordinatore e moduli di KDD. Per prima cosa, il Coordinatore ricerca, tra i moduli disponibili, quelli richiesti dall utente e necessari alla costruzione ed esecuzione del processo di KDD. Successivamente alla localizzazione, deve attivare i moduli e gestire lo scambio dei dati di I/O degli stessi moduli. D altro canto, i moduli possono essere visti come singole procedure, messe a disposizione dagli sviluppatori, che descrivono le caratteristiche di funzionamento e di I/O. Possiamo quindi trattare, con riferimento alla Figura 5

6 2, il livello di coordinamento come un insieme di Service User e Service Broker, mentre quello dei moduli come Services. Nel precedente paragrafo, abbiamo detto che la riusabilitá é uno dei requisiti principali del sistema di KDD, che ci proponiamo di sviluppare. Ció significa la capacitá di utilizzare implementazioni sviluppate, in qualsiasi linguaggio di programmazione, e messe a disposizione da altri (sviluppatori come Service provider) senza modificarne o riscriverne il codice. Nell ipotesi che non esistano vincoli sul linguaggio di programmazione usato per la scrittura dei moduli, affinché essi possano essere visti come veri e propri Service, si vede la necessitá di introdurre un ulteriore livello tra il Coordinatore ed i moduli. Tale livello si occuperá di rendere trasparente al Coordinatore il linguaggio in cui il modulo é scritto, mostrandolo come un unico oggetto di un linguaggio object oriented. A tale livello, per ogni modulo di KDD sará pertanto introdotto un ulteriore elemento detto Wrapper. A questo punto, l insieme di modulo e relativo wrapper costituisce effettivamente il Service. Il sistema completo contenente lo schema a Coordinatore di Figura 1 ed il livello dei wrapper, definito secondo gli standard dell architettura Web Service, é denominato piattaforma per servizi di KDD (KDD Service). La Figura 3 mostra i blocchi funzionali dell architettura KDD Service e le interazioni tra essi. Nella prossima sezione descriviamo le compo- Figura 3. I blocchi funzionali dell architettura KDD Service. nenti principali del Coordinatore, mentre la descrizione dei Service é rimandata alla sezione 5. 4 I blocchi funzionali del Coordinatore In questa sezione andremo a sviluppare la descrizione del Coordinatore introdotta nel paragrafo 2. Per prima cosa preciseremo quelle che sono le funzioni che vengono richieste al Coordinatore, per poi descrivere i principali blocchi funzionali che si occupano di realizzarle e le interazioni tra essi. Presentiamo, quindi, un elenco delle funzioni che si richiedono al livello di coordinamento: 6

7 1. Interfacciarsi col G.U.I., per ricevere le richieste dell utente/analista e per presentare i risultati; 2. Interrogare il Repository per ricercare i Service disponibili, estraendo informazioni relative alla descrizione dei Service, alla localizzazione ed al modo in cui attivarli; 3. Supportare la costruzione del processo, fornendo all utente informazioni sui Service disponibili, sulle concatenazioni possibili e sui processi precedentemente conclusi; 4. Interrogare il database in cui sono presenti i dati da analizzare e quello in cui si trovano i dati relativi ad elaborazioni intermedie del processo attuale e di tutti quelli precedenti; 5. Tradurre il processo costruito dall utente in un workflow. Successivamente interpretarlo, quindi, verificare la correttezza sintattica ed attivare i Service necessari. A tale scopo il Coordinatore necessiterá di costrutti logici per la gestione del flusso delle istruzioni, quali quelli condizionali e quelli ciclici (sia definiti che indefiniti); Queste funzioni sono realizzate principalmente dal Workflow Manager (WFM), che interagisce con gli altri blocchi funzionali, rappresentati in Figura 3, che formano il Coordinatore: Service Broker, Link Generator, Versioning Manager e Query Manager. Il Service Broker si occupa di costruire il registro dei Service disponibili, tramite protocollo UDDI, a partire dalla descrizione astratta dei Service e relativa localizzazione. Tali informazioni sono rese disponibili dal Wrapper, che le traduce nel protocollo WSDL a partire da quelle scritte dai service provider (gli sviluppatori) nel file info, di cui tratteremo nel paragrafo successivo. Le informazioni contenute nel registro vengono utilizzate oltre che dal WFM, per valutare le concatenabilitá possibili tra i Service, dove due Service si definiscono concatenabili se l input del conseguente é una trasformazione di un sottoinsieme dell output del precedente. La valutazione delle concatenabilitá tra i moduli viene affidata al Link Generator, il quale elabora le informazioni contenute nelle Green Pages, relative alla sintassi e la semantica dell I/O dei Service, e ne memorizza i risultati nella Link Table. Il Versioning Manager é il blocco funzionale che si occupa della gestione dei processi giá eseguiti. Quest elemento ha due compiti principali: tenere traccia di tutti i processi andati in esecuzione e confrontarli con il processo che dovrá essere eseguito, per trovare sequenze in comune. Questi due obiettivi si raggiungono accedendo al Middle DB e rielaborandone i contenuti. Per interagire con le basi di dati, siano esse relative ai dati di origine o contenenti i dati intermedi, il WFM ed ilversioning Manager inviano query in un query language definito (ad es. SQL) al Query Manager. Questo blocco, si occupa di valutare la correttezza delle query e di eseguirne il codice. Per semplificare il numero di protocolli utilizzati per lo scambio di dati e per risolvere problemi di eterogeneitá, le basi di dati sono trattate esse stesse come Service. Ad esempio, mostriamo i passi per eseguire un semplice processo di classificazione tramite SVM, usando il software SVM light con un kernel RBF. Si assume che il WFM abbia estratto dalla descrizione WSDL gli operation del service (vedi 7

8 tab.1), sintassi e semantica dell I/O e dal Data Service lo schema dei dati (vedi tab.2). Tabella 1. service name operation name parameter data in data out SVM light SVM learn -t 2 -g 0.3 dbtrain svm model SVM light SVM classify svm model, dbtest svm predict Tabella 2. att1 att2 att3... attn il WorkFlow viene passato in XML al Versioning Manager per estrarre informazioni su eventuali precedenti esecuzioni; < service >Data Service < operation name >Selection Query< /operation name > < input string >SELECT att1,att2,...,attn FROM...< /input string > < /service > < service >SVM light < operation name >SVM learn< /operation name > < input string >-t 2 -g 0.3 dbtrain svm model< /input string > < semantic input data map > < name >dbtrain< /name > < link > < metadata >att1< /metadata > < metadata >svm trainfile feature1 value< /metadata > < /link >... < link > < metadata >attn< /metadata > < metadata >svm trainfile classid< /metadata > < /link > < /semantic input data map > < /service > Il WFM legge la Link Table e verifica se é presente la sequenza (SVM learn, SVM classify); 3. Il WFM legge le Green Pages e traduce l input nel formato del primo operation da attivare, seguendo le associazioni semantiche create dall analista; 4. Il WFM costruisce il codice RCP-SOAP per inviare i dati di input ed attivare l operation SVM learn con, ad esempio, i parametri -t 2 -g 0.3; < SOAP : body > < m : SV M learn... > < input string xsi : type = xsd : string >-t 2 -g 0.3 dbtrain svm model < /input string > < file input xsi : type = xsd : string > 1 1: : : : : : : : : < /file input > < /m : SV M learn > < /SOAP : body > 5. Il Wrapper invia i risultati al WFM che li presenta all analista; 6. si ripetono i punti precedenti per l SVM classify; Per completare la descrizione della piattaforma, nel paragrafo successivo ci occuperemo dell ultimo livello, quello dei Service, ovvero delle coppie formate da modulo di KDD e relativo Wrapper. 8

9 5 I blocchi funzionali dei Service per il KDD Come giá discusso nella sezione 3, i Service sono costituiti da moduli software, scritti in un qualsiasi linguaggio di programmazione, incapsulati tramite Wrapper. Un Wrapper dovrá, pertanto, svolgere le seguenti funzioni: Prelevare dal modulo di KDD le informazioni utili alla descrizione, localizzazione ed esecuzione dello stesso; Fornire una descrizione in XML, seguendo il protocollo WSDL, del modulo a cui é associato; Creare una interfaccia per il WFM tale da rendere trasparente il linguaggio di programmazione scelto per implementare il modulo. In questo modo, il WFM interagisce con il Wrapper come con un generico Service. Gestire l esecuzione del modulo. Ció comporta la traduzione dei dati scambiati col WFM dal protocollo SOAP al formato previsto dal modulo di KDD e viceversa. Il Wrapper, pertanto, dovrá definire interfacce standard per moduli di KDD, a partire dalle informazioni sugli stessi moduli. A tal scopo, il Wrapper avrá bisogno di specifiche informazioni, di cui mostriamo un dettaglio: 1. informazioni di posizionamento: Nome del modulo; Posizionamento nel processo di KDD; Tipologia di algoritmo; Algoritmo implementato; Moduli opzionali concatenabili (tipico esempio é l approccio a wrapper per i moduli di Data Mining); 2. informazioni sull Input/Output: struttura dei dati in ingresso ed in uscita; semantica dei dati in ingresso ed in uscita; struttura e semantica dei valutatori di performance in uscita; messaggi di errore; struttura dei parametri del modulo; 3. informazioni sull implementazione: semantica dei parametri del modulo (con possibilitá di fornire valori di default e dominio di validitá); linguaggio di programmazione in cui il modulo é scritto; messaggi di errore di esecuzione; La soluzione proposta per recuperare queste informazioni é quella di accompagnare il singolo modulo di KDD con un file in cui esse siano contenute, la cui compilazione é a cura degli sviluppatori (i Service Provider). In Figura 4 descriviamo, nella notazione EBNF, una struttura di questo file (che chiameremo file info). In questa rappresentazione abbiamo diviso la parte relativa alla classificazione del modulo di KDD, le parti relative a Input e Output e quelle sull implementazione. L assioma < dependency > descrive i possibili moduli 9

10 Figura 4. Definizione del file info. strettamente concatenabili con quello rappresentato. Infatti, é possibile che vi siano moduli che necessitano di altri moduli per funzionare o che hanno moduli opzionali dedicati, come nel caso dei moduli di feature extraction dedicati a specifici moduli di Data Mining. Queste due realtá e ricombinazioni di esse, sono rispettivamente rappresentate dalle keyword FORCED e OPTION. In figura 5 é mostrato un generico esempio di concatenazione rappresentabile tramite l assioma < dependency >. Per quanto riguarda l Input/Output, nella struttura Figura 5. Concatenazione rappresentabile tramite l assioma < dependency > < dataio > e nelle strutture collegate, si possono leggere tutte le informazioni necessarie sui dati: tipologia del dato, range di validitá, valore di default, si- 10

11 gnificato, sintassi e posizionamento fisico. La forma in cui il dato si presenta in input, o in output, (<form>) é codificata nella notazione classica dell I/O del linguaggio C. Nel file info ci sono molte chiamate a < notes >, queste servono a descrivere la semantica dei dati ed il funzionamento del modulo. Infine, l assioma < language > contiene le informazioni sul linguaggio di programmazione. La precedente descrizione del file info per quanto sia dettagliata non vuole essere esaustiva delle possibili casistiche in cui ci si puó trovare nell eseguire un algoritmo di KDD. 6 Conclusioni L articolo presenta una piattaforma per la creazione, gestione, esecuzione e combinazione di processi di KDD. Le caratteristiche prese in considerazione sono principalmente quelle di: modularitá, riusabilitá, trasparenza, facilitá d uso e versioning/prototyping. Per soddisfare i primi di questi requisiti é stata studiata la corrispondenza tra le componenti funzionali di un sistema di KDD e quelle di una generica architettura a Web Service, che ha condotto all introduzione del concetto di piattaforma per servizi di KDD. Ció definisce il livello comunicativo di base della piattaforma, sul quale vengono costruite le funzionalitá specifiche del dominio. Tali funzionalitá riguardano la gestione del processo di KDD come workflow, i vincoli di concatenabilitá dei moduli, la gestione dei dati intermedi e dei processi eseguiti a supporto del confronto tra diverse soluzioni implementabili. Una caratteristica che differenzia la piattaforma presentata da una generica architettura a Web Service, é l introduzione dei wrapper nella definizione dei Service. Ció consente di definire interfacce standard per moduli di KDD scritti in qualsiasi linguaggio di programmazione, elaborando un semplice file di informazioni fornito dallo sviluppatore a corredo del modulo. Una struttura possibile per tale file informativo é discussa. Il contributo di quest articolo si inserisce nel filone di ricerca attuale sui Web Service, che vede come sviluppi significativi tutte le definizioni di standard ed interfacce per domini applicativi specifici e la definizione di modelli di workflow, tuttavia esso presenta solo una idea di massima. Tale idea dovrá essere ulteriormente sviluppata, tramite il progetto di dettaglio e l eventuale introduzione di funzionalitá non previste. Un primo prototipo del sistema é in fase di studio. Riferimenti bibliografici 1. W3C Web Services Workshop. April Cannataro, M. and Talia, D. The Knowledge Grid. Comm. of the ACM, 46(1):89 93, Jan Chattratichat, J., Darlington, J., Guo, Y., Edvall, S., Koler, M. and Syed, J. An architecture for distributed enterprise data mining. HPCN Europe, Curbera, F., Duftler, M., Khalaf, R. and Nagy, W. Unraveling the Web Services Web: an Introduction to SOAP, WSDL and UDDI. IEEE Internet Computing, pages 86 93, March

12 5. Elder, John and Abbott, Dean. A Comparison of Leading Data Mining Tools. In Proc. 4th Int. Conf. on Knowledge Discovery and Data Mining, Aug Fayyad, U. M., Piatetsky-Shapiro, G., Smyth, P. and Uthurusamy, R. Advances in Knowledge Discovery and Data Mining. AAAI/MIT Press, Ganesarajah, Dinesh and Lupu, Emil. Workflow-based composition of Web- Services: a Business Model or a Programming Paradigm? In Proc. 6th Int. Enterprise Distributed Object Computing Conference, Goebel, Michael and Gruenwald, Le. A Survey of DataMining and Knowledge Discovery Software Tools. ACM SIGKDD Explorations, 1(1):20 33, June Grossman, R., Biley, S., Ramu, A., Malhi, B., Hallstrom, P., Pulleyn, I. and Qin, X. The management and mining of multiple predictive models using the predictive modeling markup language. Information and System Technology, pages , Grossman, Robert, Hornik, Mark and Meyer, Gregor. Evolving Data Mining into Solutions for Insights: Data Mining Standards Initiatives. Communications of the ACM, 45(8):59 61, August Kargupta, H., Hamzaoglu, I. and Stafford, B. Scalable, Distributed Data Mining using an Agent Based Architecture. In Proc. of Knowledge Discovery and Data Mining, pages , Menlo Park, Krishnaswamy, S., Zaslavsky, A. and Loke, S. An architecture to support distribuited data mining services in e-commerce environments. In Proc. 2nd Int. Work. on Advance Issues of E-Commerce and Web-Based Information Systems, Park, Byung-Hoon and Kargupta, Hillol. Distributed Data Mining: Algorithms, Systems, and Applications. In Nong Ye, editor, Handbook of Data Mining. Kluwer Ac. Pub., to appear. 14. Parthasarathy, S. and Subramonian, R. Facilitating data mining on a network of workstations. In P.Chan K. Kargupta, editor, Advances in distributed and parallel knowledge discovery, pages AAAI/MIT Press, Pires, P., F., Benevides, M. and Mattoso, M. Mediating Heterogeneuous Web Services. In Proc Symposium on Applications and the Internet, Preuner, G. and Schrefl, M. Integration of Web Service into Workflows through a Multi-Level Schema Architecture. In Proc. 4th Int. Work. on Advanced Issues of E-Commerce and Web-Based Information Systems, Rana, O., Walker, D., Li, M., Lynden, S. and Ward, M. Paddmas: Parallel and Distributed Data Mining Application Suite. In 14th int. parallel and distributed processing symposium, pages , Cancun, Roy, Jaideep and Ramanujan, Anupama. Understanding Web Service. IEEE IT Pro., pages 69 73, November Sunita Sarawagi and Sree Hari Nagaralu. Data Mining Models as Services on the Internet. ACM SIGKDD Explorations, 2(1):24 28, June Talia, D. The Open Grid Services Architecture: Where the Grid Meets the Web. IEEE Internet Computing, 6(6):67 71, Nov/Dec

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Olga RENDA (*), John FAVARO (**), Thomas USLÄNDER (***), Ralf DENZER (****) (*) Intecs S.p.A., Pisa, Italy, Tel.

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Severoni Francesco Facoltà di Scienze Dipartimento di Informatica Università degli Studi - L Aquila 67100 L Aquila, Italia Argomenti Trattati

Dettagli

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI A.A. 2009-2010 I WEB SERVICES Carlo Mastroianni Laboratorio di Reti di Calcolatori - Orario lunedì, 11:30-13:30, aula 40B mercoledì, 10:00-11:30, laboratorio settimo

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Servizi Web in Registri Distribuiti Luciano Baresi 1, Debora Desideri 2, Matteo Melideo 2, Alberto Sillitti 3, Giancarlo Succi 3

Servizi Web in Registri Distribuiti Luciano Baresi 1, Debora Desideri 2, Matteo Melideo 2, Alberto Sillitti 3, Giancarlo Succi 3 Servizi Web in Registri Distribuiti Luciano Baresi 1, Debora Desideri 2, Matteo Melideo 2, Alberto Sillitti 3, Giancarlo Succi 3 1 Politecnico di Milano 2 Engineering Ingegneria Informatica 3 Libera Università

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Service Oriented Architectures (SOA)

Service Oriented Architectures (SOA) Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Modelli per la descrizione di protocolli

Modelli per la descrizione di protocolli POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull usouso di servizi Web Relatore: Prof. Stefano Ceri Correlatori: Ing. Marco

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

WORKSHOP. Sistemi distribuiti e architettura dei dati. coordinatore Giorgio Ausiello docente dell Università di Roma La Sapienza

WORKSHOP. Sistemi distribuiti e architettura dei dati. coordinatore Giorgio Ausiello docente dell Università di Roma La Sapienza Quinta Conferenza Nazionale di Statistica WORKSHOP Sistemi distribuiti e architettura dei dati coordinatore Giorgio Ausiello docente dell Università di Roma La Sapienza 5@ S Roma 15, 16, 17 novembre 2000

Dettagli

Il progetto di ricerca Ellade

Il progetto di ricerca Ellade Il progetto di ricerca Ellade Ellade ELectronic Live ADaptive Learning Gruppo di lavoro Università degli Studi della Calabria, Dipartimento di Matematica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria,

Dettagli

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER EAI Architetture, Tecnologie e Best Practices ROMA 26-28 MARZO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi INTRODUZIONE Motivazioni dei sistemi distribuiti Caratteristiche generali Alcuni richiami sui database centralizzati Standardizzazione dei dati (ANSI/SPARC) Funzioni dei DBMS relazionali Problematiche

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD Il processo di KDD Introduzione Crescita notevole degli strumenti e delle tecniche per generare e raccogliere dati (introduzione codici a barre, transazioni economiche tramite carta di credito, dati da

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie Framework Web application - tecnologie Web Application: tecnologie 2 Java-based (J2EE) Sviluppata inizialmente da Sun Cross-platform e open source Gestire direttamente le funzionalità dell applicazione

Dettagli

ReMuNa: un esperienza di Information Grid

ReMuNa: un esperienza di Information Grid ReMuNa: un esperienza di Information Grid Mario Mango Furnari Istituto di Cibernetica E. Caianiello Consiglio Nazionale delle Ricerche Pozzuoli 1 Obiettivi del progetto Nel rispetto delle reciproche differenze,

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA 1 RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: P1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Approfondimento. Web Services

Approfondimento. Web Services Approfondimento Web Services Esame di Programmazione per il Web Fedele Ladisa INDICE Capitolo 1. Introduzione 1.1 Introduzione ai Web Services 1.2 Architettura dei Web Services 1.3 Stack protocollare di

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Massimiliano Vivian [777775] Massimiliano Vivian 1 Introduzione La comunicazione delle informazioni è l elemento fondamentale per lo sviluppo dei sistemi. SOAP

Dettagli

DATAWAREHOUSE DEVELOPER / DATAMINER

DATAWAREHOUSE DEVELOPER / DATAMINER DATAWAREHOUSE DEVELOPER / DATAMINER 2.4 Finalità e motivazioni dell'intervento: Dopo i finanziamenti a sostegno del progetto e attraverso l integrazione e la diversificazione produttiva, il PIT Tavoliere

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico

Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico Riassunto della Tesi: Un modello di Workflow Decentralizzato e sua implementazione relativa ad una problematica di Governo Elettronico Relatore: Prof. E. Bertino Correlatore: Prof. V. Atluri Il crescente

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

JOHN KNEILING. Tools, Tecnologie NELL AMBIENTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008

JOHN KNEILING. Tools, Tecnologie NELL AMBIENTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JOHN KNEILING WEB SERVICES E Tools, Tecnologie e Architetture SICUREZZA NELL AMBIENTE ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO

Dettagli

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection CMDB Open Source Tool Selection Table of Contents BPM Space 3 itop 5 One CMDB 6 i-doit 7 CMDBuild 8 Rapid OSS 10 ECDB 11 Page 2 Tutti i marchi riportati sono marchi registrati e appartengono ai loro rispettivi

Dettagli

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router Rete di reti (interrete, internet) 2 Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 8 Rete di reti e Internet Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Una rete di comunicazione è un

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management GridFTP RFT RLS OGSA-DAI 1 GT4 Services GridFTP High-performance transfer protocol The Reliable

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management in Globus Toolkit GridFTP (Trasferimento Dati) RFT (Trasferimento Dati Affidabile) RLS (Gestione

Dettagli

Il.NET Framework. By Dario Maggiari. L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente:

Il.NET Framework. By Dario Maggiari. L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente: Il.NET Framework By Dario Maggiari L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente: Il cuore del.net Framework è costituito dal CLR (Common Language Runtime) che, secondo

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Sistemi Informativi Multimediali 1 - Introduzione

Sistemi Informativi Multimediali 1 - Introduzione Che cos è un sistema informativo multimediale? Sistemi Informativi li 1 - Introduzione Augusto Celentano Università Ca Foscari di Venezia Un sistema informativo multimediale (MMDBMS) è un framework che

Dettagli

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT ROMA 23-25 GIUGNO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Il Provvedimento del Garante

Il Provvedimento del Garante Il Provvedimento del Garante Il provvedimento del Garante per la Protezione dei dati personali relativo agli Amministratori di Sistema (AdS) Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti

Dettagli

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996 Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa. Albert Einstein 1

Dettagli

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione Tesi di laurea Reingegnerizzazione ed estensione di uno strumento per la generazione di siti Web Relatore Prof. P.Atzeni Università

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Fondamenti di Informatica

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Fondamenti di Informatica Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Linguaggi di Programmazione Michele Tomaiuolo Linguaggi macchina I

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE:

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: Il sistema di modellazione di schemi e componenti Alfredo Scopece Consulente di Informatica Maggio 2005 Sintesi Il Registro di Collaborazione è un servizio

Dettagli

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database Introduzione Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database implementano un linguaggio standard chiamato SQL (Structured Query Language). Fra le altre cose, il linguaggio SQL consente di prelevare,

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER SOI (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES ROMA 27-29 MAGGIO 2009 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Il Progetto SITR. L architettura applicativa

Il Progetto SITR. L architettura applicativa Il Progetto SITR Il progetto prevede la realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale e di una Infrastruttura dei Dati Territoriali unica, scalabile e federata (SITR IDT) costituiti da risorse tecnologiche

Dettagli

OLAP (On Line Analytical Processing)

OLAP (On Line Analytical Processing) OLAP (On Line Analytical Processing) Con il termine OLAP si intende la possibilità di effettuare analisi dei dati su strutture multidimensionali in maniera rapida, flessibile ed efficiente, attraverso

Dettagli

19 aprile 2013. Activ1st Descrizione prodotto

19 aprile 2013. Activ1st Descrizione prodotto 19 aprile 2013 Activ1st Descrizione prodotto Le informazioni contenute in questo documento sono da considerarsi CONFIDENZIALI e non possono essere utilizzate o riprodotte - sia in parte che interamente

Dettagli

Programmi. Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione

Programmi. Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione Programmi Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione Sistema operativo:programma supervisore che coordina tutte le operazioni del calcolatore Programmi applicativi esistenti Sistemi di videoscrittura

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid Data Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Data Management in Globus Toolkit GridFTP RFT RLS OGSA-DAI GridFTP GT4 Data Services High-performance

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Servizi mobili in modalità push nell architettura Simple Mobile Services

Servizi mobili in modalità push nell architettura Simple Mobile Services Servizi mobili in modalità push nell architettura Simple Mobile s 1 Premessa l progetto Simple Mobile s [1] definisce una architettura per l esecuzione e la creazione di servizi per terminali mobili. L

Dettagli

2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011. Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l.

2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011. Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l. 2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011 Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l. Il progetto 2G è il nome della piattaforma che consentirà l evoluzione tecnologica

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: SP1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici

Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici 1 Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici 2 Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici Parte del corso intersettoriale "Laboratorio di Progettazione e Sviluppo

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Corso di Basi di Dati e Conoscenza

Corso di Basi di Dati e Conoscenza Corso di Basi di Dati e Conoscenza Gestione dei Dati e della Conoscenza Primo Emicorso - Basi di Dati Roberto Basili a.a. 2012/13 1 Obbiettivi Formativi Scenario Le grandi quantità di dati accumulate nelle

Dettagli

DA DEFINIRE Sede del corso: Presso GI Formazione in Piazza IV novembre 5, Milano Orari dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.

DA DEFINIRE Sede del corso: Presso GI Formazione in Piazza IV novembre 5, Milano Orari dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18. PERIODO : DA DEFINIRE Sede del corso: Presso GI Formazione in Piazza IV novembre 5, Milano Orari dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 A CHI E RIVOLTO IL CORSO Questo progetto si rivolge a tutti

Dettagli

Ontologie per l Informazione Geografica: prospettive e implementazione

Ontologie per l Informazione Geografica: prospettive e implementazione Ontologie per l Informazione Geografica: prospettive e implementazione Conferenza AM-FM Roma, 21-22 settembre 2006 Roberto Fresco Roberto della Maggiore Indice GIS sul Web: problematiche Semantic Web in

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Caratteristiche principali. Contesti di utilizzo

Caratteristiche principali. Contesti di utilizzo Dalle basi di dati distribuite alle BASI DI DATI FEDERATE Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza Anno Accademico 2006/2007 http://www.dis.uniroma1.it/

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni Alcune considerazioni nell ambito di un sistema di cooperazione informatico che preveda lo scambio di dati tra due o più organizzazioni. Quando parliamo di un sistema di cooperazione informatico ci riferiamo

Dettagli