PRICING & HEDGING INTEREST RATE DERIVATIVES. Marco Bianchetti Financial Engineering Derivatives Modelling

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRICING & HEDGING INTEREST RATE DERIVATIVES. Marco Bianchetti Financial Engineering Derivatives Modelling marco.bianchetti@caboto."

Transcript

1 PRICING & HEDGING INERES RAE DERIVAIVES Marco Bianchei Financial Engineering Derivaives Modelling Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005

2 Summary Definiion of he business problem Example: Schermo oale One model Basic assumpions Soluion in closed form Calibraion Resuls Forward curve & pricing Greek leers & bookeeping From heory o rading he process & he characers Organisaion Compuing Plaforms, echnologies, archiecures References Some mah will be necessary... Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 2

3 Definiion of he business problem A) Example: Schermo oale - ermshee Deal characerisics: sar: 30 Jan mauriy: 30 Jan (3Y) nominal: 2 x 10 8 underlying CPI: HICP unrevised (Bloomberg: CPALEMU) reference CPI fixing : Oc Counerpary A pays o counerpary B: he income... upfron: XXX % (unknown o be deermined) I coupon: 3.5% (% annual, ac/ac, unadj.) II+III coupon: 0.80% + MAX[0%; 100% x (HICP f /HICP i -1)] (idem) Counerpary B pays o counerpary A: Euribor 3M + 24 bps (% quarerly, ac/360, adj.) Here is Srucuraion : creare srumeni complessi a parire da maoni semplici Payoff = Plain vanilla swap + inflaion-linked linked swap + opzione and here is he risk! Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 3

4 Definiion of he business problem B) Schermo oale - inflaion-linked cashflows Inflaion-linked linked cashflows mauriy cashflows: 30 Jan. 2005: 30 Jan. 2006: X 1 0 X Max oc. 05 1; 0 X oc. 04 Max oc. 04 ; Xoc. 03 Expeced cashflows a selemen dae (NPV): 30 Jan. 2005: 30 Jan. 2006: Expeced value Expeced value Now we need a model! ( ) 30 / 01 / 05 X / 01 / 05 d Oc. sel / / E sel + Esel [ opion] XOc. 03 ( ) 30 / 01 / 06 X / 01 / 06 d Oc. sel / / E sel + Esel [ opion] XOc. 04 Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 4

5 One model A) Basic assumpions 112,0 Assumpions on he underlying CPI X : HICP INFLAION INDEX 111,0 non-radable 110,0 109,0 monhly fixing wih lag δ 108,0 sochasic coninuous process 107,0 BS-ype diffusion dynamic: 106,0 105,0 dy 104,0 = µ () d + σ () dw, Y = X δ Y drif volailiy brownian moion gen-00 mar-00 mag-00 lu g -0 0 s e -0 0 nov-00 gen-01 mar-01 mag-01 lu g -0 1 s e -0 1 nov-01 gen-02 mar-02 mag-02 lu g -0 2 s e -0 2 Assumpions on he ineres rae r : a bank accoun B(), a spo Maringale measure and a shor rae r s.. >, δ c >δ: Hull-Whie diffusion dynamic: Exp. value a ( ) 1 E () B( ) ( ) d ( ) = = E exp rudu B P,δ c = () ( ) B E exp r udu X δ c forward conrac ( ) dr = κ ϑ r d + ξdw shor rae unknown mean reversion volailiy brownian moion Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 5

6 One model B) Soluion in closed form from spo o -forward measure: N sochasic facors dy = µ () d+ σ () dw, Y µ () = µ () ξσ () B(, ), ( ) dw = dw +ξ B, d Zero coupon price: Forward YoY coupon price: 1 ( δc δ ) P(, δ c) = d( ) E X X µ ( udu ) δ 1 δ c X = D ( ) e 1 δc X δc X δ P S,, c d E X S δc c ( δ ) = ( ) 1 End fixing, unknown Sar fixing, known Sar & end fixing, unknown ( δ ) ( ) ( δ ) ( ) Las published fixing, known Convexiy adjusmen, dipends on volailiy only P, c D S C( S,, c, ) δ σ = d ( ) e 1 P S, c D Call/pu opion price: Floored YoY coupon price: ( ) ( ) ( ) 0 P, δc,k, χ = d Max χ X,K ; δ =... c X δc P( S,, δc,k) = d( ) Max 1,K =... XS δc ( χ =±1) Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 6

7 One model C) Calibraion [1] 1s sep: shor rae calibraion: nominal mk raes [r mk θ] nominal mk cap/floor vols [σ cap/floor κ, ξ] 2nd sep: CPI volailiy calibraion: mk YoY inflaion raes [R YoY σ()] 3rd sep: CPI drif calibraion: mk ZC inflaion raes [R ZC µ()] Boosrapping! Oupu: shor rae mean reversion & volailiy (H.W.) + CPI drif & volailiy (B.S.) Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 7

8 One model D) Calibraion [2] Forecas CPI (Econ. Dep.): shor erm curve (1M-12M) 12M) Seasonaliy effecs Inflaion Cap/Floor Volailiy 2.30%-2.50% 2.50% 2.30% 2.10% 1.90% 1.70% 1.50% 1.30% 1.10% 0.90% 0.70% 0.50% 1Y Mauriy 3Y 5Y 7Y Srike %-2.30% 1.90%-2.10% 1.70%-1.90% 1.50%-1.70% 1.30%-1.50% 1.10%-1.30% 0.90%-1.10% 0.70%-0.90% 0.50%-0.70% CPI fixing Fig. 1: CPI Seasonaliy nov-03 dic-03 gen-04 feb-04 mar-04 apr-04 mag-04 giu-04 lug-04 ago-04 se-04 o-04 nov-04 HICP ex ob Monhly Inflaion 0.60% 0.40% 0.20% 0.00% -0.20% -0.40% Mk inflaion cap/floor calibraion: wo regimes marke -> wo facor model Monhly Inflaion Rae 9Y Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 8

9 Resuls A) Forward curve & pricing 2.5% Inflaion forward forward (%, annual) 2.3% 2.1% 1.9% 1.7% 1.5% Oc-03 Oc-04 Oc-05 Oc-06 Oc-07 fixing dae Oc-08 Oc-09 Oc-10 No seasonaliy! Yes seasonaliy! Expeced values a selemen dae 30 / 01/ 05 X / / E Oc. sel + Esel opion XOc. 03 [ ] 30 / 01/ 06 X / / E Oc. sel + Esel opion XOc. 04 [ ] Once he model is defined and calibraed, we are able o calculae expeced values Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 9

10 Resuls B) Greek leers & bookeeping Inflaion dela (double): Nominal dela: dnpv NPV NPV k NPV ξ = dri ri k ri ξ ri NPV σα σα k σα ξ N σα ξ + IPS ri k ri ri α = 1 NPV µ α µ α k µ α ξ + + µ α ξ ri k ri ri Nominal cap/floor vega:... hea (ime value):... dnpv NPV σ α NPV µ α = ZC N + ZC ZC dr = 1 σ α µ j a R j α R j Expeced Vs realized P&L Node Mauriy ZC swap curve YoY YoY swap curve 1M 12/01/ M 11/02/ M 11/03/ M 13/04/04 1,486-1,407 5M 11/05/04 3,456-3,168 6M 11/06/04 10,056-5,337 7M 12/07/04 8,541-7,635 8M 11/08/04 16,278-9,996 9M 13/09/04 12,305-12,613 10M 11/10/04 15,390-14,870 11M 11/11/04 16,833-17,401 12M 13/12/ ,985 1Y 13/12/04 19, Y 12/12/05-12, Y 11/12/06 1, Y 11/12/07-4, Y 11/12/ ,161 6Y 11/12/09 1,197-1,553 7Y 13/12/10-7,407-1,934 8Y 12/12/11 9,148-2,299 Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 10

11 Resuls C) Expeced Vs realised porfolio P&L Realised profi & loss: Expeced profi & loss: real real f i f i NPV = NPV NPV > exp exp f NPV = NPV NPV > i f i Exp. inflaion P&L: + Exp. nominal P&L: NPV = R = R + R NR NR NPV NPV ZC NPV YoY j ZC j YoY j j= 1 Rj j= 1 Rj Rj N r NPV f NPV = r, r = rk r r k = 1 k i k i k + Exp. Vega P&L + exp. hea P&L +... oal expeced P&L Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 11

12 From heory o rading A) he process &...he characers Map business ino equaions Scan lieraure Build a model Sofware implemenaion Prooypes release & es Documenaion Keyword: ime o marke Sofware engineering on arge plaform Documenaion User raining & help desk Marke evoluion... Keyword: indusrial sandards Financial Engineering, Fron Office, Economic Dep., Risk Managemen, Financial Conrol, Back Office, I, Organisaion, Managemen (CNP) Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 12

13 From heory o rading B) Organisaion Fig. 1: Inflaion o Be Il F.O prezza sul proprio Applix le nuove operazioni. A fine giornaa il F.O. inserisce su Kondor+ le operazioni. Il broker comunica via mail i dai di mercao sugli srumeni quoai sulll inflazione Il F.O invia una con un file che ripora l operazione inseria su Applix Il Fin.Con. copia sul proprio sisema Applix/CS++ l operazione comunicaa dal F.O. Il B.O. riceve la fiche caracea che descrive l operazione e la impua in SMD F.O. B.O. Il FinCon. salva la curva di rivaluazione e copia i dai sull inflazione inserii da FO sul suo sisema Applix, spunandoli con quelli del broker. FinCon Enro la maina successiva lancia la procedura di rivaluazione aprendo i book sul proprio sisema Applix/CS++ Aivazione della procedura di produzione ed expor dei file conenene i MM delle op. Expor del file di eso conenene NPV Impor sulla abella ExernalMarkeVal ue di Kondor+. Alimenazione linee di credio su Kredine Applicazioni Impor del file su CORINO Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 13

14 From heory o rading C) Compuing Problem: performances Soluions: improve he model opimise he sw empower he hw Improve compuing echnology Grid compuing = disribued compuing + parallel compuing Clien 1 Job 1 Clien 2 Job 2 Clien N Job N Server ask manager GRID Engine 1 ask 1 Engine 2 ask 2 Engine M ask M Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 14

15 From heory o rading D) Plaforms, echnologies &... Spreadshee/C ++ developmen: flexible as prooype poor performance and sabiliy scaling high operaional risk no suppored Inegraion wih sandard plaforms (SP): SP (weak, srong ) suppored (consulans) rigid & expensive echnological issues mus no be underesimaed... In house developmen of proprieary plaforms: in house developmen flessibile for produc innovaion expensive Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 15

16 From heory o rading E) archiecures Clien - server archiecures: Daa conribuor Clien (GUI) Daa enry Producion DB server Real ime Marke Daa Business Logic Pricing Server HP server Applicaion server EJB Engine Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 16

17 References [1] R. Jarrow, Y. Yldirim, Pricing IPS and Relaed Derivaives Using an HJM Model, Journal of Financial and Quaniaive Analysis, Vol. 38, No. 2, June 2003 (hp://sominfo.syr.edu/facsaff/yildiray) [2] F. Mercurio, Pricing of inflaion-linked derivaives, Quan Congress Europe 2004, London, 8-9 November 2004 (hp://www.fabiomercurio.i) [3] Caboo Inernal Repors: M. Pucci, Opions on non-radable Indexes, 3 aprile 2003 M. Bianchei, Sisema Inflaion-Linked Derivaives: implemenazione, marzo 2003 D. Poggi, Gesione del Book Inflaion-Linked Derivaives - procedura operaiva, aprile Banca Caboo Financial Engineering Uni: Derivaives Modeling: M. Bianchei, C. Duminuco, S. Frasson, M. Pucci Derivaives echnology: V. Miccoli, A. Marcarini, L. Perini, S. Ramolfo, S. Mancarella, E. Piccolini Corso di Ala Formazione in Finanza Maemaica - Bologna, 10 febbraio 2005 p. 17

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue nr. 32 31 th August 2009

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue nr. 32 31 th August 2009 Issue nr. 32 31 th August 2009 MARKETS OVERVIEW EQUITY VOLATILITY CURRENCIES COMMODITIES RATES ly FTSE MIB 22.672,54 21.896,49 3,54% 22.672,54 21.896,49 DJ EURO STOXX 50 2.803,65 2.745,62 2,11% 2.803,65

Dettagli

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue nr. 107 14 th March 2011

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue nr. 107 14 th March 2011 Issue nr. 107 14 th March 2011 MARKETS OVERVIEW EQUITY VOLATILITY CURRENCIES COMMODITIES RATES FTSE MIB 21.863,02 22.138,44-1,24% 22.441,24 21.863,02 DJ EURO STOXX 50 2.883,84 2.949,18-2,22% 2.949,18 2.883,84

Dettagli

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue nr. 109 28 th March 2011

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue nr. 109 28 th March 2011 Issue nr. 109 28 th March 2011 MARKETS OVERVIEW EQUITY VOLATILITY CURRENCIES COMMODITIES RATES FTSE MIB 21.984,99 21.197,10 3,72% 22.023,91 21.197,10 DJ EURO STOXX 50 2.911,33 2.792,61 4,25% 2.911,33 2.792,61

Dettagli

Misurazione dei rischi nei contratti derivati

Misurazione dei rischi nei contratti derivati I nuovi scenari e i profili di rischio dei servizi di investimento Programma di Ricerca scientifica di rilevante Interesse Nazionale (PRIN) denominato MISURA Misurazione nei contratti derivati Marcello

Dettagli

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue n 110 04 th April 2011

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue n 110 04 th April 2011 Issue n 110 04 th April 2011 MARKETS OVERVIEW EQUITY VOLATILITY CURRENCIES COMMODITIES RATES ly FTSE MIB 21.967,77 21.984,99-0,08% 22.009,95 21.727,44 DJ EURO STOXX 50 2.962,92 2.911,33 1,77% 2.962,92

Dettagli

Le linee di gestione. Aprile 2014

Le linee di gestione. Aprile 2014 Le linee di gestione Aprile 2014 Obiettivi OBIETTIVO CONSERVAZIONE RENDIMENTO A SCADENZA CORRELAZIONE Protezione del capitale Smoothing downside risk Low volatility Coupon cash flow generation Correlation

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

la nuova index Uninvest ENERGY

la nuova index Uninvest ENERGY Direzione Centrale Commerciale e Marketing Sviluppo Vita la nuova index Uninvest ENERGY la la nuova index Uninvest ENERGY durata 6 anni premio minimo: 5.000 periodo di collocamento: 27 febbraio 5 aprile

Dettagli

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2 Il modello di Black-Scholes Si raa sosanzialmene del modello in empo coninuo che si oiene facendo endere a 0 nel modello binomiale. Come vedremo, è un modello di fondamenale imporanza, e per esso a Myron

Dettagli

AZ Commodity Trading. luglio 2012. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2012

AZ Commodity Trading. luglio 2012. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2012 AZ Commodity Trading luglio 2012 Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2012 1 A CHI SI RIVOLGE PER CHI VUOLE COGLIERE LE OPPORTUNITA DEL MERCATO DELLE COMMODITY CON L OBIETTIVO

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A.

IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A. IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A. 2013-14 PERCORSO FINANZA 1. Banche, Liquidità e Mercato dei Tassi di Interesse.

Dettagli

1º Convegno Nazionale

1º Convegno Nazionale Programma www.almaiura.it 1º Convegno Nazionale sulla Finanza Derivata Venerdì 11 aprile 9.30-10.00 La definizione dei contratti derivati Prof. Avv. Francesco Caputo Nassetti Avvocato e Professore a contratto

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati L FIME a.a. 8-9 9 eoria elle opzioni e Prooi sruurai Giorgio onsigli giorgio.consigli@unibg.i Uff 58 ricevimeno merc:.-3. Programma. Mercao elle opzioni e conrai erivai. eoria elle opzioni 3. ecniche i

Dettagli

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18 ESER. POL AGEN. POL RAMO POL NUM. POL. ESER. SIN AGEN. SIN. NUM. SIN RAMO SIN. ISPETTORATO DATA AVVENIM. DATA CHIUSURATIPO DEN. TIPO CHIUSTP RESP ASSICURATO PREVENTIVO PAGATO DA RECUPERARE 2007 1467 130

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME.

MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. TURNI FARMACIE APRILE 2016 Sab. 2 apr. Dom. 3 apr. Sab. 9 apr. Dom. 10 apr. Sab. 16 apr. Dom. 17 apr. Sab. 23 apr. Dom. 24 apr. Lun. 25 apr. Sab. 30 apr. Dom. 1 mag. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME.

Dettagli

Ente: COMUNE DI PORTICI

Ente: COMUNE DI PORTICI MUTUI IN AMMORTAMENTO ANNO 2010 CASSA DD.PP. Ente: COMUNE DI PORTICI Tipo opera: Edilizia pubblica e sociale-immobile 4502930/00 21-dic-06 200.000,00 01-gen-07 30-giu-10 179.465,06 3.676,97 3.748,13 7.425,10

Dettagli

1-Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI

1-Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI -Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI Servizio : Responsabile :!" #! $% CdC/Ufficio : Obiettivo : &' % Unità di Operazio Tipo

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

PRINCIPALI INDICATORI

PRINCIPALI INDICATORI Sedex Statistics Marzo 214 ANDAMENTO DEGLI 2 18 CONTRATTI CONTROVALORE ML di euro 2 18 16 16 14 14 12 12 1 1 8 8 6 6 4 4 2 2 GEN FEB MAR DIC 213 FEBBRAIO 214 MARZO 214 FEBBRAIO 214 MARZO 214 GEN-MAR 214

Dettagli

- 5 - Gen-03 Feb-03 Mar-03 Apr-03 Mag-03 Jun-03 Lug-03 Ago-03 Set-03

- 5 - Gen-03 Feb-03 Mar-03 Apr-03 Mag-03 Jun-03 Lug-03 Ago-03 Set-03 - 5 - Figura 1: Tassi di interesse a breve termine sui depositi bancari e un corrispondente tasso di mercato monetario (valori percentuali in ragione d anno; tassi sulle nuove operazioni) 2,5 2,5 1,5 0,5

Dettagli

Lorenzo Di Mattia Fund Manager HI Sibilla Macro Fund

Lorenzo Di Mattia Fund Manager HI Sibilla Macro Fund Lorenzo Di Mattia Fund Manager HI Sibilla Macro Fund Milano, 19 novembre 2013 La strategia Global Macro Caratterizzata da ampio mandato, in grado di generare alpha tramite posizioni lunghe e corte, a livello

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO ENERGIA. ing. Marco Calzavara Responsabile Marketing&Sales Electra Italia Treviso - 25/09/2012

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO ENERGIA. ing. Marco Calzavara Responsabile Marketing&Sales Electra Italia Treviso - 25/09/2012 LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO ENERGIA ing. Marco Calzavara Responsabile Marketing&Sales Electra Italia Treviso - 25/09/2012 Cos è la gestione di portafoglio MODELLO TRADIZIONALE Acquistare tutto il fabbisogno

Dettagli

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue nr. 02 2 nd February 2009

TRADER MONITOR IC SATELLITE. www.icsatellite.com IC SATELLITE TRADER MONITOR MARKETS OVERVIEW. Issue nr. 02 2 nd February 2009 Issue nr. 02 2 nd February 2009 MARKETS OVERVIEW EQUITY RATES VOLATILITY CURRENCIES - COMMODITIES 23-01-09 Max. of the Min. of the S&P/MIB 17.283 17.934 18.341 17.283 3,77% DJ EURO STOXX 2.147,87 2.236,98

Dettagli

HDI Assicurazioni SpA Le gestioni separate ed il Mark to Market dr. Emilio Pastore. Univ. La Sapienza Roma, 13 Maggio 2015

HDI Assicurazioni SpA Le gestioni separate ed il Mark to Market dr. Emilio Pastore. Univ. La Sapienza Roma, 13 Maggio 2015 HDI Assicurazioni SpA Le gestioni separate ed il Mark to Market dr. Emilio Pastore Univ. La Sapienza Roma, 13 Maggio 2015 In generale - Le gestioni separate sono prodotti assicurativi Vita - La Società

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011 05/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Maggio 2014 2011 Maggio 2014 Analisi di scenario Mercati 22/05/2014 2 Analisi di scenario Il nuovo Conundrum Tra le principali sorprese del

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione Padergnone, 16 gennaio 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES

Dettagli

Programmazione della produzione a lungo termine e gestione delle scorte

Programmazione della produzione a lungo termine e gestione delle scorte Programmazione della produzione a lungo ermine e gesione delle score Coneso. Il problema della gesione delle score consise nel pianificare e conrollare i processi di approvvigionameno dei magazzini di

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

D.Lgs 102/14. Diagnosi energetiche per le imprese

D.Lgs 102/14. Diagnosi energetiche per le imprese D.Lgs 102/14 Diagnosi energetiche per le imprese 1 Recepimento direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica Miglioramento dell efficienza energetica Per raggiungere obiettivo SEN (Strategia Energetica

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Corso tecnico - pratico MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Modulo 1 (base): 22-23 aprile 2015 Modulo 2 (avanzato):

Dettagli

Dati dopo 6^ variazione bilancio. Dati dopo riequilibrio (7^ variazione bilancio)

Dati dopo 6^ variazione bilancio. Dati dopo riequilibrio (7^ variazione bilancio) COMUNE DI Comune di Montecatini Terme PATTO DI STABILITA' INTERNO ( Legge n. 244 del 2007 ) VERIFICA RISPETTO OBIETTIVO PROGRAMMATICO RELATIVO AL PATTO DI STABILITA' 2008 COMPRENSIVO DEL RECUPERO DELLO

Dettagli

2013-14. Campionato di Calcio di Serie A

2013-14. Campionato di Calcio di Serie A 2013-14 Campionato di Calcio di Serie A Calendario e risultati di Serie A, Stagione 2013/2014 Andata 1ª giornata (24 ago - 1 8 gen) Ritorno 24/08/2013 2-1 Verona - AC Milan 0-1 19/01/2014 24/08/2013 0-1

Dettagli

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Agenda Parte Prima L evoluzione del mercato primario e secondario dei certificati di investimento negli ultimi anni La

Dettagli

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Pierfrancesco Bellini, Daniele Cenni, Paolo Nesi DISIT Lab, Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, DINFO Università degli Studi di Firenze

Dettagli

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Roberto Del Conte Borsa Italiana Spa 7 Maggio 2004 Milano Trading Online Expo Contenuti I contratti Futures Idem Stock Futures

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI Eurco S.p.A. Milano, 01 Aprile 2008 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse Eurco e il mercato dei derivati

Dettagli

Hedge Funds Strategies: un investimento alternativo o una alternativa di investimento?

Hedge Funds Strategies: un investimento alternativo o una alternativa di investimento? Hedge Funds Strategies: un investimento alternativo o una alternativa di investimento? Salvatore Cordaro, CFA Alpha Strategies - Head of Institutional Mandates Credit Suisse Santander 2008 Contents Il

Dettagli

Guadagnare con le obbligazioni

Guadagnare con le obbligazioni Guadagnare con le obbligazioni Nicola Francia ITForum, Rimini 17.05.2012 Obbligazioni Plain Vanilla Sono i titoli obbligazionari più semplici, caratterizzati da: un flusso cedolare fisso o legato ai tassi

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Manuale Versione 1.2 del 4 giugno 2015 1.0 Executive summary... 1 2.0 Calcolo dei Margini per il comparto azionario e derivati azionari... 1 2.1. Tipologie

Dettagli

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Marco Piersimoni Roma 30 Settembre 2014 Indice 1. Problema di investimento del risparmiatore italiano 2. Una possibile soluzione: Pictet Multi Asset Global

Dettagli

04/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011

04/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011 04/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011 Aprile 2014 Analisi di scenario Mercati 17/04/2014 2 Jun 13 Jul 13 Aug 13 Sep 13 Oct 13 Nov 13 Dec 13 Jan 14 Feb 14 Mar 14

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2009

Dettagli

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO DEFINIZIONE DEI RISCHI L esigenza per le Corporate di ricorrere ad un adeguato processo di gestione dei rischi finanziari di mercato (Corporate Financial

Dettagli

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari SULLA STRUTTURA FINANZIARIA DI CONTRATTI ASSICURATIVI LINKED CON MINIMO GARANTITO SOMMARIO 1. Introduzione

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo 13 novembre 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI GIUGNO 2008

Dettagli

METODI ALTERNATIVI PER LA VALUTAZIONE DELLA FLORA TOTALE NEL LATTE CRUDO: CONSIDERAZIONI E CRITERI DI VALIDAZIONE

METODI ALTERNATIVI PER LA VALUTAZIONE DELLA FLORA TOTALE NEL LATTE CRUDO: CONSIDERAZIONI E CRITERI DI VALIDAZIONE METODI ALTERNATIVI PER LA VALUTAZIONE DELLA FLORA TOTALE NEL LATTE CRUDO: CONSIDERAZIONI E CRITERI DI VALIDAZIONE Anna Maria Ferrini LNR per il latte e i prodotti a base di latte riunione tecnica a chiusura

Dettagli

SPECIALE FONDI INTERNI - EUROQUOTA MARZO 15

SPECIALE FONDI INTERNI - EUROQUOTA MARZO 15 mar-14 apr-14 mag-14 lug-14 ago-14 ott-14 nov-14 gen-15 feb-15 mar-12 giu-12 set-12 dic-12 mar-13 giu-13 set-13 dic-13 mar-14 Categoria Fondo Prodotti assicurativi legati al Fondo Obiettivo Asset Allocation

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto Anselmo Marmonti SAS Agenda Premessa Evoluzione delle tematiche implementative di Basilea 2 Internal Rating

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo Settembre 2013 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Indirizzo Internet: http://www.tesoro.it/publicdebt Per informazioni contattare Paola Giordani - E-Mail: paola.giordani@tesoro.it

Indirizzo Internet: http://www.tesoro.it/publicdebt Per informazioni contattare Paola Giordani - E-Mail: paola.giordani@tesoro.it Indirizzo Internet: http://www.tesoro.it/publicdebt Per informazioni contattare Paola Giordani - E-Mail: paola.giordani@tesoro.it Indice Composizione dei titoli di Stato all emissione pag.1 Composizione

Dettagli

LONGEVITY RISK: GESTIONE E REQUISITI DI MASSIMILIANO MENZIETTI UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA SOLVIBILITÀ ROMA, 4 MAGGIO 2015

LONGEVITY RISK: GESTIONE E REQUISITI DI MASSIMILIANO MENZIETTI UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA SOLVIBILITÀ ROMA, 4 MAGGIO 2015 LONGEVITY RISK: GESTIONE E REQUISITI DI SOLVIBILITÀ MASSIMILIANO MENZIETTI UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA ROMA, 4 MAGGIO 215 INDICE Le gesione del longeviy risk Tariffazione e disegno del prodoo Naural hedging

Dettagli

Obbligazioni bancarie quotate direttamente sul MOT.

Obbligazioni bancarie quotate direttamente sul MOT. Napoli, 23 novembre 2011 Obbligazioni bancarie quotate direttamente sul MOT. Nicola Francia Responsabile prodotti quotati Italia Agenda Obbligazioni strutturate e plain vanilla: diavolo e acqua santa?

Dettagli

L evoluzione del contesto digitale Roberto Liscia

L evoluzione del contesto digitale Roberto Liscia L evoluzione del contesto digitale Roberto Liscia Presidente Netcomm LA NOSTRA MISSIONE È CONTRIBUIRE ALLO SVILUPPO DELL E-COMMERCE ITALIANO SOCI Perché si acquista online Comparazione prezzi e prodotti

Dettagli

Giacomo Bresadola Iconographia Mycologica a cura di G.B. Traverso (Milano), L. Fenaroli (Milano), G. Catoni (Trento), G.B. Trener (Trento) Milano 1927-1933. 26 volumi. L Iconographia Mycologica è la più

Dettagli

Agenda. National Instruments e la programmazione grafica con LabVIEW. Luca GALLO Alessandro PLANTAMURA. Breve introduzione a NI e LabVIEW

Agenda. National Instruments e la programmazione grafica con LabVIEW. Luca GALLO Alessandro PLANTAMURA. Breve introduzione a NI e LabVIEW Agenda Breve inroduzione a NI e LabVIEW Come usare LabVIEW Esercizio 1 Lavorando con LabVIEW Breve inroduzione CompacDAQ Esercizio 2 Eseguire misure con il CompacDAQ Domande e commeni Luca ALLO Alessandro

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 365 del 10/02/2011

Dettagli

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Marco Grazzi Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Sant Anna School of Advanced Studies, Pisa, Italy Seminari Giovani Ricercatori 1 luglio 2004, Facoltà di Economia, Pisa 1. Sommario Studio di Eventi

Dettagli

Airolo Chiasso Albate-Camerlata û (Ferrovia Regionale TILO-Linea S10) û

Airolo Chiasso Albate-Camerlata û (Ferrovia Regionale TILO-Linea S10) û ì Basel BB ö 500 -Paradiso Capolago-Riva. Vitale öm Como. Giovanni eregno Milano Porta Garibaldi Milano Centrale û (Ferrovia Regionale TILO-Linea ) û 10835 5 16 5 22 5 28 5 52 6 04 6 15 6 21 10839 25051

Dettagli

IL REPORT COMPLETO Innovativo sistema di verifica dell impianto fotovoltaico

IL REPORT COMPLETO Innovativo sistema di verifica dell impianto fotovoltaico IL REPORT COMPLETO Innovativo sistema di verifica dell impianto fotovoltaico FOTOVOLTAICO = INVESTIMENTO Compreresti la macchina senza contachilometri? Faresti un investimento finanziario senza controllare

Dettagli

Project Office e Business Analysis: quando 1+1 fa 3! Un esperienza di successo in Banco Popolare

Project Office e Business Analysis: quando 1+1 fa 3! Un esperienza di successo in Banco Popolare Project Office e Business Analysis: quando 1+1 fa 3! Un esperienza di successo in Banco Popolare Orietta Checchinato SGS Banco Popolare, Applicazioni Finanza orietta.checchinato@sgsbp.it Alessandro Rogora,

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 2483/09

COMUNICATO UFFICIALE N. 2483/09 COMUNICATO UFFICIALE N. 2483/09 Data: 18/12/2009 Ora: 8.00 Mittente: UniCredit S.p.A. Società oggetto del comunicato: UniCredit S.p.A. Oggetto del comunicato: Comunicazione cedole Testo: da pagina seguente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

Indice BNL Report Febbraio 2009. Marzo 2009

Indice BNL Report Febbraio 2009. Marzo 2009 Indice BNL Report Febbraio 2009 Marzo 2009 225.000.000 200.000.000 175.000.000 150.000.000 125.000.000 100.000.000 75.000.000 50.000.000 25.000.000 0 Capitalizzazione e volume di scambio (intero mercato)

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2007

Dettagli

fondi-quotati.it FONDI QUOTATI numeri e dinamiche Milano -26 Jan 2016 Gianni Costan CEO costan@fidaonline.com

fondi-quotati.it FONDI QUOTATI numeri e dinamiche Milano -26 Jan 2016 Gianni Costan CEO costan@fidaonline.com ENHANCED SOLUTIONS WITH QUALITY CONTENTS CP_11_16 fondi-quotati.it FONDI QUOTATI numeri e dinamiche Milano -26 Jan 2016 Gianni Costan CEO costan@fidaonline.com PRODUCTS & SERVICES 1 DATA DataFeed Services

Dettagli

La Business Unit Sistemi

La Business Unit Sistemi La Business Unit Sistemi Roma, 22 Febbraio 2007 Chi siamo il gruppo rappresenta un marchio che identifica un pool aziende specializzate nella progettazione e realizzazione Sistemi Informativi Chi siamo

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione 10-gen colf e badanti (4^ trimestre anno precedente) contributi Inail (4^ rata anno precedente) 16-gen coltivatori e (PC/CF) (4^ rata anno precedente) e

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.848 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

dossier franchising 2012

dossier franchising 2012 dossier franchising 2012 pag 2 Semplifichiamo il tuo futuro Invoice è l innovativo franchising italiano di call center chiavi in mano. Ogni struttura è dotata di 30 posti operatore per erogare servizi

Dettagli

OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità

OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità Corso sull Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali (OsSC) rivolto ai Comitati Etici OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità Federica Ronchetti Bologna, 12, 13, 19,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino Ufficio Organizzazione 1 Delibera CdA 09.03.2016 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

Lezione 4 Workload Characterization Processo che descrive con precisione il workload globale del sistema in termini delle sue componenti principali Ciascun componente a sua volta è decomposto in termini

Dettagli

Hedge e Ucits alternativi: trend, opportunità e rischi Alessandra Manuli, Amministratore Delegato Hedge Invest SGR

Hedge e Ucits alternativi: trend, opportunità e rischi Alessandra Manuli, Amministratore Delegato Hedge Invest SGR Hedge e Ucits alternativi: trend, opportunità e rischi Alessandra Manuli, Amministratore Delegato Hedge Invest SGR Milano, 8 aprile 2014 1 Hedge e Ucits alternativi: trend 2 Hedge e Ucits alternativi:

Dettagli

Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli VaR. Aldo Nassigh. 16 Ottobre 2007

Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli VaR. Aldo Nassigh. 16 Ottobre 2007 Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli Aldo Nassigh 16 Ottobre 2007 INDICE 1. La misurazione del rischio di mercato attraverso il 1.a Nozioni basilari 1.b I metodi parametrici

Dettagli

Sistema Integrato di MANUTENZIONE E ENERGY SAVING PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE

Sistema Integrato di MANUTENZIONE E ENERGY SAVING PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE Sistema Integrato di MANUTENZIONE E ENERGY SAVING PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE Piano di Formazione Aziendale - Un piano di inves,mento sul capitale umano Un piano forma,vo si iden,fica in un piano organico

Dettagli

Dashboard. 01/apr/2010-28/mar/2011 Rispetto a: Sito. 13.099 Visite. 55,13% Frequenza di rimbalzo. 00:02:28 Tempo medio sul sito

Dashboard. 01/apr/2010-28/mar/2011 Rispetto a: Sito. 13.099 Visite. 55,13% Frequenza di rimbalzo. 00:02:28 Tempo medio sul sito Dashboard 1/apr/21-28/mar/211 1 1 5 5 5 apr 7 mag 8 giu 1 lug 11 ago 12 set 14 ott 15 nov 17 dic 18 gen 19 feb 23 mar 13.99 55,13% 44.23 Visualizzazioni di pagina :2:28 3,37 42,5% Panoramica visitatori

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

EASTBOURNE SCHOOL OF ENGLISH EASTBOURNE 2015 PREZZI E DATE

EASTBOURNE SCHOOL OF ENGLISH EASTBOURNE 2015 PREZZI E DATE EASTBOURNE SCHOOL OF ENGLISH EASTBOURNE 30 Lezioni 09.00 15.00 25 Lezioni 09.00-14.45 General English/Intensive Tutti i Livelli 2-4 5-7 8-11 12-15 16-19 20+ 277 267 256 251 246 241 246 241 236 225 220

Dettagli

1 di 7 01/08/2015 08:50

1 di 7 01/08/2015 08:50 Statistiche di comunesalvirola.gov.it (-07) - main 1 di 7 01/08/ 08:50 Ultimo Aggiornamento: 01 Ago / 05:28 Periodo di riferimento: OK Periodo di Mese Lug riferimento Prima visita 01 Lug / 00:00 Ultima

Dettagli

ROTARY CLUB MILANO PORTA VITTORIA. Martedì 25 marzo 2014. Alberto M. Lunghini

ROTARY CLUB MILANO PORTA VITTORIA. Martedì 25 marzo 2014. Alberto M. Lunghini ROTARY CLUB MILANO PORTA VITTORIA Martedì 25 marzo 2014 QUALI PROSPETTIVE PER L INVESTIMENTO IMMOBILIARE IN ITALIA Alberto M. Lunghini Regulated by RICS IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO dagli

Dettagli

i dossier SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto www.freefoundation.

i dossier SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto www.freefoundation. 43 i dossier www.freefoundation.com SECONDA PUNTATA Tutto quello che avreste voluto sapere su spread, aste, Btp e nessuno vi ha mai detto 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il mercato primario

Dettagli

LE NUOVE ATTIVITA DELLA MASTERS DIVISION

LE NUOVE ATTIVITA DELLA MASTERS DIVISION Torino, 10 dicembre 2008 LE NUOVE ATTIVITA DELLA MASTERS DIVISION Egregio Dottore/Gentile Dottoressa, sono lieto di comunicare che la Masters Division della Facoltà di Economia ha avviato una nuova attività:

Dettagli

Strumenti derivati: aspetti introduttivi. Outline. Il contratto forward. Generalità sugli strumenti derivati. Payoff del contratto forward

Strumenti derivati: aspetti introduttivi. Outline. Il contratto forward. Generalità sugli strumenti derivati. Payoff del contratto forward Srumeni derivai: aspei inroduivi Ouline Conrai forward, fuures e opzioni: descrizione degli srumeni ed esempi di sraegie operaive Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.i Universià di Milano Bicocca

Dettagli

La gestione tattica di un portafoglio target volatility

La gestione tattica di un portafoglio target volatility La gestione del Portfolio tattico e Money Management La gestione tattica di un portafoglio target volatility Relatore: Federico Pitocco Business Development Manager Morningstar Investment Management Europe

Dettagli

0 8 c h o o s e a h e a d

0 8 c h o o s e a h e a d 0 8 choose ahead 25 26 27 28 29 01 02 48 03 04 05 06 07 08 09 49 10 11 12 13 14 15 16 50 17 18 19 20 21 22 23 51 24 25 26 27 28 29 30 52 LuneDi martedì mercoledì giovedì venerdì sabato Domenica Monday

Dettagli

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari Indice Pag. 1. Introduzione all economia del mercato mobiliare 1 Antonio Fasano 1.1 Il sistema finanziario e il mercato mobiliare 1 1.1.1 Gli strumenti finanziari 2 1.1.2 Gli intermediari finanziari 4

Dettagli

PRINCIPALI INDICATORI

PRINCIPALI INDICATORI Sedex Statistics Dicembre 213 ANDAMENTO DEGLI 2 2 18 CONTRATTI CONTROVALORE ML di euro 18 16 14 12 1 8 6 4 2 OTT NOV DIC 16 14 12 1 8 6 4 2 SEGMENTI DI MERCATO DIC 212 NOVEMBRE 213 DICEMBRE 213 NOVEMBRE

Dettagli

Il freddo fa salire lo spot power e gas. I mercati a termine rispondono. Stoccaggi pieni e consumi ancora bassi, ma i prezzi si muovono: che fare?

Il freddo fa salire lo spot power e gas. I mercati a termine rispondono. Stoccaggi pieni e consumi ancora bassi, ma i prezzi si muovono: che fare? Weekly Report Newsletter sull andamento dei mercati energia elettrica e gas naturale a cura di Axpo Italia SpA 2 febbraio 2015 Sommario Il freddo fa salire lo spot power e gas. I mercati a termine rispondono.

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

L area Gestionale dispone delle seguenti funzionalità:

L area Gestionale dispone delle seguenti funzionalità: Oggi la gamma dei prodotti finanziari si è notevolmente allargata e, data la continua ricerca di nuove soluzioni di ingegneria finanziaria, è suscettibile di continue innovazioni con prodotti sempre più

Dettagli