1 Successioni di funzioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Successioni di funzioni"

Transcript

1 Analisi Matematica 2 Successioni di funzioni CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 6 SERIE DI POTENZE Supponiamo di associare ad ogni n N (rispettivamente ad ogni n p, per qualche p N) una funzione f n (x), definita in un intervallo I. Realizziamo in tal modo una successione di funzioni definita in I : (f n (x)). Osserviamo che, per ogni x I fissato, (f n (x)) è una successione numerica, a cui si possono applicare le nozioni introdotte per le successioni numeriche.. Convergenza puntuale Per ogni x I fissato, (f n (x)) è una successione numerica, a cui si puó applicare la nozione di convergenza usuale definita per successioni numeriche. Il limite, quando esiste finito, è un numero reale che dipende dalla scelta fatta di x. Al variare di x, si individua un sottoinsieme A di I costituito da tutti i valori di x per cui la successione converge. Al variare di x in questo insieme A, si ottiene una nuova funzione f(x), definita in A, che fornisce, punto per punto, il limite della successione. C è dunque un modo naturale per definire una nozione di convergenza per una successione di funzioni: Convergenza puntuale.. Una successione di funzioni (f n (x)) converge puntualmente in un insieme A I, se per ogni x A, la successione numerica (f n (x)) converge. 2. Una successione di funzioni (f n (x)) converge puntualmente a una funzione f(x) in un insieme A I, se per ogni x A, si ha f n (x) f(x). 3. Se una successione di funzioni (f n (x)) converge puntualmente a una funzione f(x) in un insieme A I, la funzione f(x) si chiama limite puntuale della successione e l insieme A si chiama insieme di convergenza puntuale per la successione. Purtroppo questa nozione di convergenza non è soddisfacente per molti aspetti. Ad esempio, la convergenza puntuale non garantisce la proprietá di continuitá del limite di una successione di funzioni continue. Domanda: Se (f n (x)) è una successione di funzioni tali che

2 Analisi Matematica 2 2 f n (x) C 0 (I), per ogni n, f n (x) f(x), per ogni x I, si puó affermare che la funzione limite f(x) è continua in I? La risposta è, in generale, NO! Esempio. Sia f n (x) = x n, con x [0, ], per ogni n. È facile osservare che { 0, 0 x <, f n (x) f(x) =, x =. Le funzioni f n (x) sono tutte continue nell intervallo considerato, ma la funzione f(x) non è continua in tale intervallo. Per questa e per altre ragioni che vedremo in seguito, è necessario introdurre una nozione di convergenza differente - piú forte - di quella puntuale, che consentirá di dare una risposta affermativa alla domanda precedente e ad altre domande importanti che vedremo. Questo tipo di convergenza è la convergenza uniforme..2 Convergenza uniforme Sia (f n (x)) una successione di funzioni definita in I. Diamo la seguente definizione Convergenza uniforme. La successione di funzioni (f n (x)) converge uniformemente a una funzione f(x) in un insieme A I, se f n (x) f(x) 0. In tal caso scriveremo Inoltre sup x A f n (x) f(x) oppure f n f, in A. la funzione f(x) è detta il limite uniforme della successione e l insieme A è detto insieme di convergenza uniforme della successione. Analizziamo in dettaglio il significato di questo tipo di convergenza, mettendola a confronto con la convergenza puntuale.. La convergenza puntuale f n (x) f(x) in I significa che x I, ɛ > 0, ν x tale che se n ν x f n (x) f(x) < ɛ. 2. La convergenza uniforme f n (x) f(x) in I significa che ɛ > 0, ν tale che se n ν sup x I f n (x) f(x) < ɛ, o equivalentemente f n (x) f(x) < ɛ, x I.

3 Analisi Matematica 2 3 Dal confronto tra () e (2) si deduce immediatamente che la convergenza uniforme implica la convergenza puntuale. Peró non vale il viceversa, almeno in generale, come mostra l esempio seguente. Esempio. Se f n (x) = x n, con x [0, ], per ogni n, abbiamo giá provato che successione converge puntualmente in [0, ], alla funzione { 0, 0 x <, f(x) =, x =. Peró non converge uniformemente alla funzione, in quanto sup x [0,] f n (x) f(x) =. In effetti dal confronto tra le due definizioni, si vede che, se si ha convergenza uniforme, ν è lo stesso per ogni x, mentre, se si ha convergenza puntuale, l intero ν x dipende da x, e non è detto che sia possibile trovare un ν che vada bene per ogni x. Infatti questo intero dovrebbe essere ν = sup ν x, x I ma questo estremo superiore potrebbe essere +, come accade nell esempio..3 Conseguenze della convergenza uniforme L importanza della convergenza uniforme è evidenziata dai seguenti teoremi, di cui omettiamo la dimostrazione.. Continuitá del limite. Se (f n (x)) è una successione di funzioni tali che f n (x) C 0 (I), per ogni n, f n (x) f(x), per ogni x I, abbiamo giá osservato che la funzione limite f(x) puó essere non continua in I. Se peró la convergenza è uniforme allora si dimostra che la risposta è SI! Teorema. Se (f n (x)) è una successione di funzioni tali che f n (x) C 0 (I), per ogni n, f n (x) f(x), in I, allora la funzione limite f(x) è continua in I. 2. Limite dell integrale Domanda. Se (f n (x)) è una successione di funzioni continue in I, che converge a una funzione f(x) in I, e per ogni n si considera l integrale definito da a a b, per a, b I, si puó affermare che

4 Analisi Matematica 2 4 l integrale del limite è il limite degli integrali? Se la convergenza è intesa in senso puntuale, la risposta è - in generale - NO! Se peró la convergenza è intesa in senso uniforme la risposta è SI! Teorema 2. Se (f n (x)) è una successione di funzioni tali che f n (x) C 0 (I), per ogni n, f n (x) f(x), in I, allora, a, b I, si ha b a f(x) dx = lim n b a f n (x) dx. Come conseguenza di tale teorema, si ha il seguente corollario. Corollario. Se (f n (x)) è una successione di funzioni tali che f n (x) C 0 (I), per ogni n, f n (x) f(x), in I, allora, x 0, x I, si ha equivalentemente, x 0 f(t) dt = lim n x 0 f n (t) dt; F (x) = lim n F n (x), x I, se poniamo F n (x) = x 0 f n (t) dt, F (x) = x 0 f(t) dt. Il corollario precedente afferma che, se (f n (x)) è una successione di funzioni tali che f n (x) C 0 (I), per ogni n, f n (x) f(x), in I, allora la primitiva di f(x) - che vale 0 in un punto x 0 - si ottiene come limite delle primitive delle funzioni f n (x) che valgono 0 nello stesso punto. 3. Limite della derivata. Domanda. Se (f n (x)) è una successione di funzioni di classe C (I), che converge a una funzione f(x) in I, e la successione delle derivate (f n(x)) converge in I a una funzione g(x), si puó affermare che g(x) = f (x), x I?

5 Analisi Matematica 2 5 Se la convergenza della successione (f n(x)) è intesa in senso puntuale, la risposta è - in generale - NO, anche se la convergenza della successione (f n (x)) è uniforme! Se peró la convergenza della successione (f n(x)) è intesa in senso uniforme, la risposta è SI, indipendentemente dal fatto che la convergenza della successione (f n (x)) alla funzione f(x) sia puntuale o uniforme! Teorema 3. Se (f n (x)) è una successione di funzioni tali che f n (x) C (I), per ogni n, f n (x) f(x), in I, f n(x) g(x), in I, allora, f n (x) f(x) in I, f(x) C (I), f (x) = g(x), x I. Il teorema afferma che il limite uniforme delle derivate è la derivata del limite. Piú in generale vale il seguente teorema Teorema 3 a. Se (f n (x)) è una successione di funzioni tali che f n (x) C (I), per ogni n, f n (x 0 ) L, per un punto x 0 I, f n(x) g(x), in I, allora, esiste f(x) tale che f(x 0 ) = L per cui f n (x) f(x) in I, f(x) C (I), f (x) = g(x), x I. Quindi non occorre sapere che la successione (f n (x)) converge, anche solo puntualmente, a una funzione f(x), ma soltanto che la successione converga in un punto x 0. In effetti il teorema 3 è una conseguenza del teorema 2, se si definisce f(x) = L + x 0 g(t) dt.

6 Analisi Matematica Serie di funzioni Data una successione di funzioni reali f n (x), definite in un intervallo I, si puó considerare la successione di funzioni, ancora definite in I, costituita dalle somme parziali S n (x) = n k=0 f k (x), x I, n 0, e quindi la serie f n (x), intesa, secondo l usuale definizione, come limite della successione delle somme parziali: f n (x) := lim n S n (x), x I. Problema. Come si deve intendere l operazione di limite? Sappiamo infatti che per una successione di funzioni - e quindi anche per la successione S n (x) - si puó parlare di convergenza puntuale, convergenza uniforme. Daremo dunque le seguenti definizioni.. La serie + f n(x), converge puntualmente in A I, se esiste una funzione S(x), definita in A, tale che S n (x) S(x), x A; 2. La serie + f n(x), converge uniformemente in A I, se esiste una funzione S(x), definita in A, tale che S n (x) S(x), in A. Perché introdurre la convergenza uniforme? Perché la convergenza puntuale non garantisce che proprietá delle funzioni f n (x), come la continuitá, la derivabilità, si trasferiscano alla funzione somma S(x), mentre la convergenza uniforme si. Si hanno infatti i seguenti teoremi, che sono una naturale generalizzazione al contesto delle serie, dei teoremi, 2, 3 enunciati per le successioni di funzioni. In effetti essi sono una semplice riscrittura di tali teoremi per la successione S n (x).

7 Analisi Matematica 2 7. Teorema. (Continuitá della somma). Si consideri la serie di funzioni, definite in un intervallo I, f n (x), x I. Se f n (x) C 0 (I), + f n(x) = S(x), uniformemente in A I, allora S(x) C 0 (A). 2. Teorema 2. (Integrazione per serie). Si consideri la serie di funzioni, definite in un intervallo I, f n (x), x I. Se f n (x) C 0 (I), + f n(x) = S(x), uniformemente in A I, allora Per ogni a, b A, tali che [a, b] A, b a S(x) dx = b a f n (x) dx; per ogni x 0 A e per ogni x A, tale che l intervallo di estremi x 0, x sia in A, x 0 S(t) dt = x 0 f n (t) dt; Il teorema afferma che l integrale della serie è la serie degli integrali. 3. Teorema 3. (Derivazione per serie). Si consideri la serie di funzioni, definite in un intervallo I, f n (x), x I. Se f n (x) C (I), + f n(x) = S(x), per ogni x A I, + f n(x) = T (x), uniformemente in A I,

8 Analisi Matematica 2 8 allora S(x) C (A), S (x) = T (x), x A. Il teorema afferma che la derivata della serie è la serie delle derivate. Data una serie di funzioni si deve studiare la sua convergenza puntuale e assoluta.. Lo studio della convergenza puntuale di una serie di funzioni si fa pensando x fissato e usando uno dei metodi illustrati per le serie numeriche. In particolare, per x fissato, si puó studiare la convergenza assoluta della serie numerica ottenuta fissando x, utilizzando uno dei criteri visti per le serie a termini positivi, e dedurne la convergenza per la serie corrispondente a x fissato, applicare, quando possibile, il criterio di Leibniz. Si tratta x come un parametro e si determina per quali x I si ha convergenza assoluta ( e quindi convergenza); per quali x I si ha convergenza semplice non assoluta. 2. Problema. Come studiare la convergenza uniforme? Per fare ció è opportuno introdurre un nuovo tipo di convergenza: la convergenza totale. La serie di funzioni + f n(x) converge totalmente in A I, se Vale il seguente teorema sup x A f n (x) < +. Teorema. Se la serie converge totalmente in A, allora essa converge assolutamente e uniformemente (e quindi puntualmente) in A. Attenzione! Se la serie non converge totalmente, puó comunque convergere uniformemente, oltre che assolutamente e/o puntualmente. Per studiare la convergenza totale è utile il seguente criterio, che si basa sul criterio del confronto per serie numeriche a termini positivi. Teorema (Criterio di Weierstrass). Si consideri la serie di funzioni, definite in un intervallo I, Se per ogni n esiste M n > 0 tale che f n (x), x I.

9 Analisi Matematica 2 9 f n (x) M n, x I, + M n < +, allora la serie converge totalmente in I. Attenzione! Se si maggiore f n (x) in modo poco accurato, puó accadere che la serie + M n diverga, pur essendo la serie data totalmente convergente. Esempio. Si consideri la serie di funzioni, definita in R x 2 + n 2. Il criterio del confronto asintotico permette di stabilire facilmente che la serie converge puntualmente (e assolutamente, dato che le funzioni sono tutte positive) per ogni x reale. Per studiare la convergenza uniforme, studiamo la convergenza totale, usando il criterio di Weierstrass. È immediato osservare che converge, si conclude che la serie data converge uni- Poichè è noto che la serie + n= formemente in R. x 2 + n 2, x R. n2 n 2 Perché si considerano le serie di funzioni? Le ragioni sono due. (a) (b) È un modo per definire funzioni, che altrimenti non sarebbero definibili, come somma di una serie data. È un modo per rappresentare e quindi per approssimare funzioni note. In questo caso, data una funzione f(x), si cerca una serie di funzioni che la rappresenti, cioè che abbia la funzione data come somma. Se data una funzione f(x), definita in I, esiste una serie + f n(x) tale che in I sia f n (x) = f(x), diciamo che la funzione data è sviluppata in serie. Perché sviluppare in serie una funzione? Per poter valutare in modo approssimato, tramite le somme parziali della serie, il valore della funzione in punti in cui è difficile conoscerne il valore esatto; per eseguire le operazioni di integrazione e/o derivazione, usando un metodo per serie. Per tutte queste ragioni la serie di funzioni deve essere la piú semplice possibile tra quelle che si adattano a descrivere la funzione data. Tra queste certamente un importanza particolare hanno le serie le cui somme parziali sono polinomi, cioè le serie di potenze.

10 Analisi Matematica Serie di potenze Una serie di potenze è una serie del tipo a n (x x 0 ) n. È dunque una serie di funzioni definite su R, essendo f n (x) = a n (x x 0 ) n, per ogni n. x 0 è detto punto iniziale o centro {a n, n 0}, sono detti i coefficienti della serie di potenze. Si osservi che alcuni dei coefficienti (un numero finito o infinito) possono essere nulli. In particolare possono essere nulli i primi coefficienti, per n = 0,..., p, per qualche p; oppure possono essere nulli tutti i coefficienti delle potenze pari o dispari. La n-ma somma parziale della serie, che indichiamo P n (x), P n (x) = n k=0 a k (x x 0 ) k, è un polinomio di grado P = n nella variabile (x x 0 ), di coefficienti a 0,..., a n. In realtá il grado del polinomio P n (x) è P n, e puó essere P < n se a n = 0. Se, in particolare, x 0 = 0, la serie è del tipo a n x n. Ci si puó sempre ridurre a questo caso, ponendo t = x x 0. Data una serie di potenze, si deve determinare. l insieme di convergenza puntuale: per quali x la serie converge puntualmente; 2. l insieme di convergenza puntuale assoluta: per quali x la serie converge puntualmente assolutamente; 3. gli insiemi A R di convergenza uniforme: in quali insiemi A R la serie converge uniformemente. Tenendo conto del fatto che, dove la serie converge totalmente, si ha convergenza puntuale, puntuale assoluta e uniforme, sará opportuno determinare gli insiemi A R di convergenza totale: in quali insiemi A R la serie converge totalmente. Vedremo che l insieme di convergenza e di convergenza assoluta di una serie di potenze sono molto semplici da descrivere e altrettanto semplici da descrivere sono gli insiemi di convergenza uniforme e totale.

11 Analisi Matematica 2 Per prima cosa osserviamo che una serie di potenze converge sempre nel punto iniziale x 0 e che in tale punto la somma della serie è uguale al primo coefficiente a 0. Il seguente teorema descrive l insieme di convergenza di una serie di potenze di punto iniziale x 0 = 0. Teorema (Convergenza puntuale). Sia + a n x n. Allora. Se la serie converge per x = x, allora essa converge puntualmente assolutamente (e quindi puntualmente) nell intervallo ( x, x ); 2. se la serie non converge per x = x 2, allora essa non converge per ogni x tale che x > x 2. Dimostrazione.. Supponiamo che la serie + a n x n e quindi Se dunque x ( x, x ), si ha converga. Allora a n x n n 0 M > 0 tale che a n x n M, n. ( ) x n a n x n = a n x n = a n x n M x ( ) x n = M q n, x se poniamo q = x x. Poiché 0 < q <, la serie geometrica + qn converge e quindi, per il criterio del confronto, converge anche la serie a n x n, che è quanto volevamo provare. 2. Supponiamo ora che la serie + a n x n 2 non converga e proviamo che la serie non converge per nessun x tale che x > x 2. Supponiamo per assurdo che esista x 3, con x 3 > x 2, tale che la serie + a n x n 3 converga. allora per quanto provato in (), la serie deve convergere per ogni x ( x 3, x 3 ), e in particolare per x = x 2. Ció è assurdo. Dal Teorema segue che l insieme dei punti per cui la serie + a n x n converge, cioè l insieme di convergenza della serie di potenze è un intervallo simmetrico di centro 0 e che in tale intervallo si ha anche convergenza assoluta. Piú in generale, l insieme di convergenza di una serie + a n (x x 0 ) n è un intervallo simmetrico di centro x 0 e in tale intervallo si ha anche convergenza assoluta. Ció giustifica la seguente definizione.

12 Analisi Matematica 2 2 Raggio di convergenza della serie di potenze + a n (x x 0 ) n è R = sup { x x 0 : a n (x x 0 ) n converge}. In particolare si ha R = 0, se la serie converge (anche assolutamente) solo per x = x 0 ; R = +, se la serie converge (anche assolutamente) per ogni x reale; R è un numero reale positivo non nullo, se esistono valori di x per cui la serie non converge, ma la serie converge per valori di x diversi dal centro. In tal caso la serie converge (anche assolutamente) per x (x 0 R, x 0 + R); non converge per x (, x 0 R) (x 0 + R, + ); puó convergere assolutamente, convergere semplicemente ma non assolutamente, non convergere in ciascuno dei due estremi x 0 R, x 0 + R : si deve fare la verifica caso per caso, ponendo rispettivamente x = x 0 R e x = x 0 + R. Per quanto riguarda la convergenza uniforme e totale, vale il seguente teorema. Teorema 2 (Convergenza totale). Sia + a n (x x 0 ) n una serie di potenze con 0 < R +. Allora se R < +, la serie converge totalmente (e quindi anche uniformemente) in ogni intervallo chiuso e limitato contenuto in (x 0 R, x 0 + R); in particolare in ogni intervallo [x 0 K, x 0 + K] (x 0 R, x 0 + R); se R = +, la serie converge totalmente (e quindi anche uniformemente) in ogni intervallo chiuso e limitato di R; in particolare in ogni intervallo [x 0 K, x 0 + K] R. Dimostrazione. Supponiamo R < +. (Se R = + la dimostrazione è analoga). Per ogni K, 0 < K < R, la serie + a n K n converge; d altra parte, per ogni x [x 0 K, x 0 + K], si ha a n x x 0 n a n K n e quindi la serie data converge totalmente nell intervallo. Osservazione. Dire che la serie + a n (x x 0 ) n converge uniformemente in ogni intervallo [x 0 K, x 0 + K] (x 0 R, x 0 + R) non significa che la serie converge uniformemente in (x 0 R, x 0 + R)! Infatti, se S(x) è la somma della serie in (x 0 R, x 0 + R), sappiamo che K < R, ɛ > 0, ν ɛ,k tale che sup [x 0 K,x 0 +K] S n (x) S(x) < ɛ, ma questo non implica che

13 Analisi Matematica 2 3 ɛ > 0, ν ɛ tale che, K < R sup K sup [x 0 K,x 0 +K] S n (x) S(x) < ɛ. Esempio. Si consideri la serie geometrica + xn. Si prova che R = e che la serie converge assolutamente in (, ); inoltre la serie converge totalmente e quindi uniformemente in ogni intervallo [ K, K] (, ). Peró si prova che la serie non converge uniformemente in (, ). Domanda. Cosa accade per la convergenza uniforme se la serie converge negli estremi? Il seguente teorema risponde alla domanda. Teorema 3 (Abel). Sia + a n (x x 0 ) n una serie di potenze con 0 < R < +.. Se la serie converge solo in x 0 + R, la serie converge uniformemente in ogni intervallo [x 0 K, x 0 + R], per ogni K < R; 2. se la serie converge solo in x 0 R, la serie converge uniformemente in ogni intervallo [x 0 R, x 0 + K], per ogni K < R; 3. se la serie converge in x 0 R e in x 0 + R, la serie converge uniformemente nell intervallo [x 0 R, x 0 + R]. Esempi.. + xn converge assolutamente in (, ); converge uniformemente in ogni [ K, K] (, ) xn n converge in [, ), assolutamente in (, ); converge uniformemente in ogni [, K] (, ) ( )n xn n converge in (, ], assolutamente in (, ); converge uniformemente in ogni [ K, ] (, ) xn ( )n n 2 converge assolutamente in [, ); converge uniformemente in [, ].

14 Analisi Matematica 2 4 Determinazione del raggio di convergenza di una serie di potenze. Data una serie di potenze, la prima cosa da fare è determinarne il raggio di convergenza R. Per determinarlo, si hanno i seguenti criteri, che derivano dal criterio della radice e dal criterio del rapporto per le serie numeriche a termini positivi.. Criterio della radice. Supponiamo che esista lim n n a n e che sia lim n n a n = L, 0 L +. Allora (a) L = 0 = R = + ; (b) L = + = R = 0; (c) 0 < L < + = R = L. 2. Criterio del rapporto. Supponiamo che sia a n 0, per ogni n, che esista lim n a n+ a n e che sia lim n a n+ a n = L, 0 L +. Allora (a) L = 0 = R = + ; (b) L = + = R = 0; (c) 0 < L < + = R = L. NB. Si puó usare direttamente il criterio della radice o il criterio del rapporto per la serie a n x x 0 n. 4 Proprietá della somma di una serie di potenze Sia + a n (x x 0 ) n una serie di potenze con 0 < R +. Chiamiamo S(x) la somma della serie, per ogni x nell insieme di convergenza (x 0 R, x 0 + R), estremi esclusi o inclusi a seconda dei casi, S(x) = a n (x x 0 ) n, x (x 0 R, x 0 + R). Allora S(x) è una funzione definita in (x 0 R, x 0 + R) (estremi esclusi o inclusi a seconda dei casi), di cui in generale non si conosce l espressione esplicita, ma che è definita attraverso la serie. Analizziamo le proprietá di questa funzione, tenendo conto dei teoremi, 2, 3 visti nella Sezione 2 per le serie di funzioni.

15 Analisi Matematica 2 5. Continuitá. Dal teorema della sezione 2 segue Teorema (Continuitá della somma di una serie di potenze). La somma S(x) di una serie di potenze + a n (x x 0 ) n, con raggio di convergenza R positivo, è continua nell insieme di convergenza. Dimostrazione. Le funzioni a n (x x 0 ) n sono continue su R. Fissiamo un generico x (x 0 R, x 0 + R); esiste K < R tale che x [x 0 K, x 0 + K]. Poiché la serie converge uniformemente in tale intervallo, il teorema della Sezione 2 assicura che S(x) è continua in x. Se la serie converge in x 0 R (rispettivamente in x 0 + R) per il teorema di Abel la serie converge uniformemente in [x 0 R, x 0 +K], per K < R (rispettivamente in [x 0 K, x 0 +R], per K < R) e quindi la somma è continua in x 0 R (rispettivamente in x 0 + R). 2. Integrazione per serie. Dal teorema 2 della Sezione 2 segue Teorema 2 (Integrazione per serie della somma di una serie di potenze). Se S(x) = + a n (x x 0 ) n, per x (x 0 R, x 0 + R) (estremi esclusi o inclusi a seconda dei casi), allora b a S(x) dx = a n b a (x x 0 ) n dx, a, b (x 0 R, x 0 + R), (estremi esclusi o inclusi a seconda dei casi). Dimostrazione. In effetti la serie converge uniformemente in [a, b] e quindi il teorema 2 della Sezione 2 implica la tesi. Si ha inoltre Teorema 2 a (Primitive della somma di una serie di potenze). Se S(x) = + a n (x x 0 ) n, per x (x 0 R, x 0 + R) (estremi esclusi o inclusi a seconda dei casi), allora, per ogni x (x 0 R, x 0 + R) (estremi esclusi o inclusi a seconda dei casi), S(t) dt = a n (t x 0 ) n (x x 0 ) n+ dt = a n. x 0 x 0 n + Si noti che la serie + n+ è ancora una serie di potenze che ha lo stesso raggio di convergenza della serie data. In effetti a n (x x 0) n+ lim a n+ /(n + ) a n /n = lim n a n+ (n + ) a n = lim n n + lim a n+ a n = lim a n+. a n

16 Analisi Matematica Derivabilitá. Sia S(x) = + a n (x x 0 ) n, per x (x 0 R, x 0 +R) (estremi esclusi o inclusi a seconda dei casi). Per ogni n, la funzione a n (x x 0 ) n ha derivata continua in tutto R. Consideriamo la serie delle derivate n= n a n (x x 0 ) n ; si tratta di una nuova serie di potenze e si dimostra che essa ha lo stesso raggio di convergenza della serie data. In effetti lim (n + ) a n+ n a n = lim n + n lim a n+ a n = lim a n+. a n Allora il teorema 3 della Sezione 2 implica Teorema 3 (Derivabilitá della somma di una serie di potenze). La somma S(x) di una serie di potenze + a n (x x 0 ) n, che ha raggio di convergenza positivo R, è derivabile nell intervallo (x 0 R, x 0 + R) e S (x) = n= n a n (x x 0 ) n, x (x 0 R, x 0 + R). Inoltre la derivata I S (x) è continua nell intervallo di convergenza. Dimostrazione. Abbiamo osservato che la serie delle derivate converge in (x 0 R, x 0 + R); inoltre sappiamo che la convergenza è uniforme in ogni intervallo [x 0 K, x 0 + k] (x 0 R, x 0 + R). Poniamo g(x) = n= n a n (x x 0 ) n, x (x 0 R, x 0 + R). Il teorema 3 della Sezione 2 implica allora che la funzione S(x) è derivabile in ogni intervallo [x 0 K, x 0 + k] (x 0 R, x 0 + R) cioè in (x 0 R, x 0 + R), e che in tale intervallo Ció prova la tesi. S (x) = g(x). 4. Regolaritá della somma di una serie di potenze. Sia S(x) = + a n (x x 0 ) n, per x (x 0 R, x 0 +R) (estremi esclusi o inclusi a seconda dei casi). Per ogni n, la funzione a n (x x 0 ) n ha derivata n-ma continua in tutto R, per ogni n. Esprimiamo questa proprietá dicendo che a n (x x 0 ) n C (R), n 0.

17 Analisi Matematica 2 7 Allora iterando infinite volte quanto detto al punto precedente, si dimostra Teorema 4 (Regolaritá C della somma di una serie di potenze). La somma S(x) di una serie di potenze + a n (x x 0 ) n, che ha raggio di convergenza positivo R, è di classe C (x 0 R, x 0 + R) e, per ogni k, si ha S (k) (x) = n=k n(n ) (n k + ) a n (x x 0 ) n k, x (x 0 R, x 0 + R). 5. Relazione tra la somma e i coefficienti di una serie di potenze. Sia S(x) = + a n (x x 0 ) n, per x (x 0 R, x 0 +R) (estremi esclusi o inclusi a seconda dei casi). Abbiamo provato che S(x) è di classe C (x 0 R, x 0 + R). Il teorema seguente stabilisce un preciso legame tra la funzione somma S(x) e i coefficienti della serie. Teorema 5. Per ogni n 0, si ha S (n) (x 0 ) = n! a n, cioè a n = n! S(n) (x 0 ). Dimostrazione. Sappiamo che, per x (x 0 R, x 0 + R), S(x) = S (x) =. S (k) (x) = n= n=k a n (x x 0 ) n, n a n (x x 0 ) n, n(n ) (n k + ) a n (x x 0 ) n k,. In particolare per x = x 0, si ottiene allora S(x 0 ) = a 0, S (x 0 ) = a, S (x 0 ) = 2 a 2. S (k) (x 0 ) = k(k ) a k = k! a k,. che è quanto si voleva provare.

18 Analisi Matematica Esempi Elenchiamo alcune serie di potenze di punto iniziale 0 di cui si conosce la somma.. Serie geometrica. Sia x n. Sappiamo che R = e che la serie converge in (, ). Inoltre si prova che la somma della serie in (, ) è la funzione f(x) = x ; cioè + x = x n, x (, ). 2. Sia ( ) n x n. La serie si ottiene dalla precedente sostituendo x con x. Pertanto R = e la serie converge in (, ). Inoltre la somma della serie in (, ) è la funzione f(x) = sostituendo x con x. Cioè x + + x = +x ( ) n x n, x (, )., che si ottiene dalla funzione 3. Sia ( ) n x 2n. La serie si ottiene dalla prima sostituendo x con x 2. Pertanto R = e la serie converge in (, ). Inoltre la somma della serie in (, ) è la funzione f(x) =, che si ottiene dalla +x 2 funzione x sostituendo x con x2. Cioè + + x 2 = ( ) n x 2n, x (, ). 4. Sia x n+ n +. La serie ha raggio di convergenza R = e converge in [, ). Per ogni n, si osserva che xn+ n+ è la primitiva di xn che vale 0 in 0. Pertanto la somma della serie in [, ) è la primitiva di f(x) = x 0 t dt = ln( x). che vale 0 in 0, cioè

19 Analisi Matematica 2 9 Cioè ln( x) = x n+, x [, ) n + Si osservi che sostituendo n con n +, si ha x n+ + n + = n= x n n. Pertanto ln( x) = n= x n n. 5. Sia ( ) n xn+ n +. La serie ha raggio di convergenza R = e converge in (, ]. Poiché per ogni n, xn+ n+ è la primitiva di xn che vale 0 in 0, la somma della serie in (, ] è la primitiva di f(x) = +x che vale 0 in 0, cioè Cioè ln( + x) = 0 + t ( ) n dt = ln( + x). xn+, x (, ] n + Si osservi che sostituendo n con n +, si ha ( ) n xn+ + n + = n= n xn ( ) n. Pertanto ln( + x) = n= n xn + ( ) n = n= ( ) n xn n. In effetti l uguaglianza precedente si ottiene da quella al punto 4 sostituendo x con x. 6. Sia ( ) n x2n+ 2n +. La serie ha raggio di convergenza R = e converge in [, ]. Poiché per ogni n, x2n+ 2n+ è la primitiva di x2n che vale 0 in 0, la somma della serie in [, ] è la primitiva di f(x) = +x 2 che vale 0 in 0, cioè 0 dt = arctan x. + t2

20 Analisi Matematica 2 20 Cioè arctan x = ( ) n x2n+, x [, ] 2n + 7. Sia n= n x n. La serie ha raggio di convergenza R = e converge in (, ). Per ogni n, si osserva che n x n è la derivata di x n. Pertanto la somma della serie in (, ) è la derivata di f(x) = x, cioè ( x) 2. Cioè + ( x) 2 = n= n x n, x (, ).

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE E DI FUNZIONI

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE E DI FUNZIONI SERIE NUMERICHE Si consideri una successione di elementi. Si definisce serie associata ad la somma Per ogni indice della successione, si definisce successione delle somme parziali associata a la somma

Dettagli

Serie di funzioni: esercizi svolti

Serie di funzioni: esercizi svolti Serie di funzioni: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. seguenti serie di funzioni: Studiare la convergenza normale, uniforme,

Dettagli

1 Successioni di funzioni

1 Successioni di funzioni Successioni di Esercizio.. Studiare la convergenza puntuale ed uniforme della seguente successione di (.) f n (x) = n x Osserviamo che fissato x R f n(x) = + n x x R. x ( n + x ) = pertanto la successione

Dettagli

Analisi 2. Roberto Monti. Appunti del Corso - Versione 5 Ottobre 2012

Analisi 2. Roberto Monti. Appunti del Corso - Versione 5 Ottobre 2012 Analisi 2 Roberto Monti Appunti del Corso - Versione 5 Ottobre 212 Indice Capitolo 1. Programma 5 Capitolo 2. Convergenza uniforme 7 1. Convergenza uniforme e continuità 7 2. Criterio di Abel Dirichlet

Dettagli

Un paio di esempi su serie e successioni di funzioni

Un paio di esempi su serie e successioni di funzioni Un paio di esempi su serie e successioni di funzioni 29 novembre 2010 1 Successione di funzioni Ricordiamo innanzitutto un po di definizioni. Definizione 1. Una successione di funzioni è una corrispondenza

Dettagli

Pag. 151 Dimostrazioni dei criteri per lo studio della convergenza di serie numeriche

Pag. 151 Dimostrazioni dei criteri per lo studio della convergenza di serie numeriche C.7 Serie Pag. 151 Dimostrazioni dei criteri per lo studio della convergenza di serie numeriche Teorema 5.29 (Criterio del confronto) Siano e due serie numeriche a termini positivi e si abbia 0, per ogni

Dettagli

NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE

NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE NOTE SULLE FUNZIONI CONVESSE DI UNA VARIABILE REALE ROBERTO GIAMBÒ 1. DEFINIZIONI E PRIME PROPRIETÀ In queste note saranno presentate alcune proprietà principali delle funzioni convesse di una variabile

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 2 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 2 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 2 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Analisi Matematica 1. Serie numeriche. (Parte 2) Dott. Ezio Di Costanzo.

Analisi Matematica 1. Serie numeriche. (Parte 2) Dott. Ezio Di Costanzo. Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale Analisi Matematica 1 Serie numeriche (Parte 2) Dott. Ezio Di Costanzo ezio.dicostanzo@sbai.uniroma1.it Definizione Data la serie + n=0 a n si definisce resto

Dettagli

CAPITOLO 9. Le serie di potenze

CAPITOLO 9. Le serie di potenze CAPITOLO 9 Le serie di potenze Ahlfors, pag. 33,..,45 Bozza da rivedere Le funzioni analitiche sono piú o meno polinomi in z, o i loro limiti, somme di serie di potenze in z. Prerequisiti fondamentali

Dettagli

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI Materiale propedeutico alle lezioni di Analisi Matematica per i corsi di Laurea in Ingegneria Energetica e Meccanica N-Z dell Università di Bologna. Anno Accademico 2003/2004.

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Capitolo 5 Limiti di successioni 5.1 Successioni Quando l insieme di definizione di una funzione coincide con l insieme N costituito dagli infiniti numeri naturali 1, 2, 3,... talvolta si considera anche

Dettagli

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI

SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI SERIE NUMERICHE FAUSTO FERRARI Materiale propedeutico alle lezioni di Complementi di Analisi Matematica ed Elementi di Calcolo delle probabilità per il corso di Laurea in Ingegneria per la parte di Elementi

Dettagli

Massimo limite e minimo limite di una funzione

Massimo limite e minimo limite di una funzione Massimo limite e minimo limite di una funzione Sia f : A R una funzione, e sia p DA). Per ogni r > 0, l insieme ) E f p r) = { fx) x A I r p) \ {p} } è non vuoto; inoltre E f p r ) E f p r ) se 0 < r r.

Dettagli

Tutorato di Complementi di Analisi Matematica e Statistica Parte di Analisi 6 e 10 aprile 2017

Tutorato di Complementi di Analisi Matematica e Statistica Parte di Analisi 6 e 10 aprile 2017 Tutorato di Complementi di Analisi Matematica e Statistica Parte di Analisi 6 e 10 aprile 2017 Esercizi: serie di potenze e serie di Taylor 1 Date le serie di potenze a.) n=2 ln(n) n 3 (x 5)n b.) n=2 ln(n)

Dettagli

Serie Borlini Alex

Serie Borlini Alex Serie numerica >> Prefazione Progressione lista ordinata e finita di elementi. Successione lista ordinata e infinita di elementi (numeri reali chiamati termini), {a n }=a 1, a 2, a 3 Successione di Fibonacci:

Dettagli

Successioni di funzioni: esercizi svolti

Successioni di funzioni: esercizi svolti Successioni di funzioni: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore Esercizio 1 Determinare il limite puntuale delle seguenti successioni di

Dettagli

Appunti di ANALISI MATEMATICA II Corso di Laurea Triennale in Matematica

Appunti di ANALISI MATEMATICA II Corso di Laurea Triennale in Matematica Appunti di ANALISI MATEMATICA II Corso di Laurea Triennale in Matematica Umberto Massari Anno accademico 3-4 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI. Successioni di funzioni: convergenza puntuale ed uniforme Sia

Dettagli

Serie trigonometriche e di Fourier Ci occuperemo di serie le cui ridotte N-esime sono polinomi trigonometrici di grado (o ordine) N:

Serie trigonometriche e di Fourier Ci occuperemo di serie le cui ridotte N-esime sono polinomi trigonometrici di grado (o ordine) N: Serie trigonometriche e di Fourier Ci occuperemo di serie le cui ridotte N-esime sono polinomi trigonometrici di grado (o ordine) N: S N (x) = N n=0 (a n cos (nx) + b n sin (nx)), a n, b n R (periodiche

Dettagli

Esercitazione di Analisi Matematica I Esercizi e soluzioni 19/04/2013 TOPOLOGIA

Esercitazione di Analisi Matematica I Esercizi e soluzioni 19/04/2013 TOPOLOGIA Esercitazione di Analisi Matematica I Esercizi e soluzioni 9/04/203 TOPOLOGIA Mostrare che uno spazio infinito con la metrica discreta non può essere compatto Soluzione: Per la metrica discreta d : X X

Dettagli

Massimo e minimo limite di successioni

Massimo e minimo limite di successioni Massimo e minimo limite di successioni 1 Premesse Definizione 1.1. Definiamo R esteso l insieme R = R { } {+ }. In R si estende l ordinamento tra numeri reali ponendo < a < +, a R. In base a tale definizione,

Dettagli

Analisi Matematica. Serie numeriche, serie di potenze, serie di Taylor

Analisi Matematica. Serie numeriche, serie di potenze, serie di Taylor a.a. 2014/2015 Laurea triennale in Informatica Analisi Matematica Serie numeriche, serie di potenze, serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 15/04/2013

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 15/04/2013 CORSO DI ANALISI MATEMATICA SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 5/04/03 D.BARTOLUCCI, D.GUIDO. Integrali Impropri Esercizio. (CRITERIO DEL CONFRONTO). Dimostrare che se f : (a, b] R e g(x) : (a, b] R sono integrabili

Dettagli

ANALISI DI FOURIER. 2πk. è periodica di periodo T. Più precisamente, essendo. T x + 2π = cos. s(x) = s x + T ) T +α. f(x) dx

ANALISI DI FOURIER. 2πk. è periodica di periodo T. Più precisamente, essendo. T x + 2π = cos. s(x) = s x + T ) T +α. f(x) dx ANALISI DI FOURIER Sia >. Una funzione f, definita per x R, si dice periodica di periodo, se f(x + = f(x, x R. ( Se una funzione è periodica di periodo, essa è anche periodica di periodo, 3,..., k,....

Dettagli

Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti

Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Docente: Anna Valeria Germinario Università di Bari A.V.Germinario (Università di

Dettagli

NOTE DI ALGEBRA LINEARE v = a 1 v a n v n, w = b 1 v b n v n

NOTE DI ALGEBRA LINEARE v = a 1 v a n v n, w = b 1 v b n v n NOTE DI ALGEBRA LINEARE 2- MM 9 NOVEMBRE 2 Combinazioni lineari e generatori Sia K un campo e V uno spazio vettoriale su K Siano v,, v n vettori in V Definizione Un vettore v V si dice combinazione lineare

Dettagli

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero Il teorema degli zeri è fondamentale per determinare se una funzione continua in un intervallo chiuso [ a ; b ] si annulla in almeno un punto interno

Dettagli

1 Primitive e integrali indefiniti

1 Primitive e integrali indefiniti Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 2 CALCOLO INTEGRALE Primitive e integrali indefiniti. Definizione di primitiva e di integrale indefinito Data una funzione

Dettagli

COMPLEMENTI DI ANALISI MATEMATICA DI BASE. Prova scritta del 26 gennaio 2005

COMPLEMENTI DI ANALISI MATEMATICA DI BASE. Prova scritta del 26 gennaio 2005 Prova scritta del 26 gennaio 2005 Esercizio 1. Posto B = x R 2 : x 2 2}, sia f n } una successione di funzioni (misurabili e) integrabili in B tali che f n f q.o. in B e, per ogni n N, f n (x) 2 x 3 per

Dettagli

Definizione (Derivata come limite del rapporto incrementale) Se esiste finito (cioè, non + o ) il limite del rapporto incrementale

Definizione (Derivata come limite del rapporto incrementale) Se esiste finito (cioè, non + o ) il limite del rapporto incrementale Funzione derivabile. La derivata. Dati: f I R funzione; I R intervallo aperto ; x 0 I. Definizione (Derivata come ite del rapporto incrementale) Se esiste finito (cioè, non + o ) il ite del rapporto incrementale

Dettagli

Compito di Analisi Matematica 1 per Ingegneria Elettronica a delle Telecomunicazioni COGNOME: NOME: MATR.: 1. x n

Compito di Analisi Matematica 1 per Ingegneria Elettronica a delle Telecomunicazioni COGNOME: NOME: MATR.: 1. x n Compito di Analisi Matematica 1 per Ingegneria Elettronica a delle Telecomunicazioni 17 gennaio 2017 COGNOME: NOME: MATR.: Esercizio 1. Sia f : R R definita da f(x) = 1 4 x x + 1 2. a) Disegnare grafico

Dettagli

Proprietà commutativa e associativa per le serie

Proprietà commutativa e associativa per le serie Analisi Matematica 1 Trentaseiesima Trentasettesimalezione Proprietà commutativa e associativa per le serie Prodotto Serie di alla potenze Cauchy prof. Claudio Saccon Dipartimento di Matematica Applicata,

Dettagli

Soluzioni dello scritto di Analisi Matematica II - 10/07/09. C.L. in Matematica e Matematica per le Applicazioni

Soluzioni dello scritto di Analisi Matematica II - 10/07/09. C.L. in Matematica e Matematica per le Applicazioni Soluzioni dello scritto di Analisi Matematica II - /7/9 C.L. in Matematica e Matematica per le Applicazioni Proff. K. Payne, C. Tarsi, M. Calanchi Esercizio. a La funzione f è limitata e essendo lim fx

Dettagli

ANALISI MATEMATICA II Sapienza Università di Roma - Laurea in Ingegneria Informatica Esame del 16 febbraio 2016 - Soluzioni compito 1

ANALISI MATEMATICA II Sapienza Università di Roma - Laurea in Ingegneria Informatica Esame del 16 febbraio 2016 - Soluzioni compito 1 ANALISI MATEMATICA II Sapienza Università di Roma - Laurea in Ingegneria Informatica Esame del 6 febbraio 206 - Soluzioni compito E Calcolare, usando i metodi della variabile complessa, il seguente integrale

Dettagli

1. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare lim n a n:

1. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare lim n a n: Serie numeriche.6 Esercizi. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare a n: a),, 4, 4 5,... b), 9, 4 7, 5 8,... c) 0,,,, 4,.... Studiare il comportamento delle seguenti successioni

Dettagli

ANALISI 1 1 QUINTA LEZIONE

ANALISI 1 1 QUINTA LEZIONE ANALISI 1 1 QUINTA LEZIONE 1 prof. Claudio Saccon, Dipartimento di Matematica Applicata, Via F. Buonarroti 1/C email: saccon@mail.dm.unipi.it web: http://www2.ing.unipi.it/ d6081/index.html Ricevimento:

Dettagli

ANALISI 1 - Teoremi e dimostrazioni vari

ANALISI 1 - Teoremi e dimostrazioni vari ANALISI 1 - Teoremi e dimostrazioni vari Sommario Proprietà dell estremo superiore per R... 2 Definitivamente... 2 Successioni convergenti... 2 Successioni monotone... 2 Teorema di esistenza del limite

Dettagli

11. Misure con segno.

11. Misure con segno. 11. Misure con segno. 11.1. Misure con segno. Sia Ω un insieme non vuoto e sia A una σ-algebra in Ω. Definizione 11.1.1. (Misura con segno). Si chiama misura con segno su A ogni funzione ϕ : A R verificante

Dettagli

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari Sviluppi e derivate delle funzioni elementari In queste pagine dimostriamo gli sviluppi del prim ordine e le formule di derivazioni delle principali funzioni elementari. Utilizzeremo le uguaglianze lim

Dettagli

Esistenza ed unicità per equazioni differenziali

Esistenza ed unicità per equazioni differenziali Esistenza ed unicità per equazioni differenziali Per concludere queste lezioni sulle equazioni differenziali vogliamo dimostrare il teorema esistenza ed unicità per il problema di Cauchy. Faremo la dimostrazione

Dettagli

Prove scritte di Analisi I - Informatica

Prove scritte di Analisi I - Informatica Prove scritte di Analisi I - Informatica Prova scritta del 3 gennaio Esercizio Stabilire il comportamento delle seguenti serie: n= n + 3 sin n, n= ( ) n n + 3 sin n, n= (n)! (n!), n= n + n 9 n + n. Esercizio

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Studi di funzione. D. Barbieri. Studiare comportamento asintotico e monotonia di. f(x) = 1 x x4 + 4x e x

Studi di funzione. D. Barbieri. Studiare comportamento asintotico e monotonia di. f(x) = 1 x x4 + 4x e x Studi di funzione D. Barbieri Esercizi Esercizio Esercizio Studiare comportamento asintotico e monotonia di f(x) = x + x4 + 4x Studiare il comportamento asintotico di f(x) = + x x + + e x Esercizio 3 Determinare

Dettagli

La convergenza uniforme

La convergenza uniforme La convergenza uniforme 1. Il tubo Sia {f n (x)} una successione convergente a f(x) per x E: disegniamo il grafico della funzione limite f(x) assegnato ε > 0 disegniamo la striscia - il tubo - intorno

Dettagli

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno.

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno. 1 ESERCIZI CON SOLUZIONE DETTAGLIATA Esercizio 1. Si consideri la funzione f(x) = e x 3e x +. a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre

Dettagli

non solo otteniamo il valore cercato per la validità della (1.4), ma anche che tale valore non dipende da

non solo otteniamo il valore cercato per la validità della (1.4), ma anche che tale valore non dipende da NOTE INTEGRATIVE PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 ANNO ACCADEMICO 2012/13 NOTE SULLA CONTINUITÀ UNIFORME D.BARTOLUCCI, D.GUIDO Sia f(x) = x 3, x [ 1, 1]. Si ha 1. La continuità uniforme x 3 y 3 = x

Dettagli

definita e continua in

definita e continua in Teorema della media integrale definita e continua in dim. Teorema di Weierstrass e tali che Proprietà di monotonia Dividendo tutto per Valore compreso tra il minimo e il massimo assoluti della funzione

Dettagli

Analisi Matematica I per Ingegneria Gestionale, a.a Scritto del secondo appello, 1 febbraio 2017 Testi 1

Analisi Matematica I per Ingegneria Gestionale, a.a Scritto del secondo appello, 1 febbraio 2017 Testi 1 Analisi Matematica I per Ingegneria Gestionale, a.a. 206-7 Scritto del secondo appello, febbraio 207 Testi Prima parte, gruppo.. Trovare le [0, π] che risolvono la disequazione sin(2) 2. 2. Dire se esistono

Dettagli

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo C.6 Funzioni continue Pag. 114 Dimostrazione del Corollario 4.25 Corollario 4.25 Sia f continua in un intervallo I. Supponiamo che f ammetta, per x tendente a ciascuno degli estremi dell intervallo, iti

Dettagli

Università degli Studi della Calabria Facoltà di Ingegneria. 17 luglio 2012

Università degli Studi della Calabria Facoltà di Ingegneria. 17 luglio 2012 Università degli Studi della Calabria Facoltà di Ingegneria Correzione della Seconda Prova Scritta di nalisi Matematica 7 luglio cura dei Prof. B. Sciunzi e L. Montoro. Seconda Prova Scritta di nalisi

Dettagli

Analisi Matematica III modulo

Analisi Matematica III modulo Università del Salento Dipartimento di Matematica Ennio de Giorgi Michele Carriero Lucia De Luca Appunti di Analisi Matematica III modulo Corso di Laurea in Matematica Indice Introduzione 1 Capitolo 1.

Dettagli

k=0 a k k=0 a k, quando si voglia precisare qual è l indice iniziale: si possono infatti considerare anche serie del tipo k=1 a k, k=50 a k,

k=0 a k k=0 a k, quando si voglia precisare qual è l indice iniziale: si possono infatti considerare anche serie del tipo k=1 a k, k=50 a k, 2.2 Serie Le serie numeriche sono semplicemente successioni reali o complesse di tipo particolare, che però, per la loro importanza pratica e teorica, meritano una trattazione a parte. Data una successione

Dettagli

ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME

ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME a cura di Michele Scaglia FUNZIONI DERIVABILI Sia f : domf R una funzione e sia 0 domf di accumulazione per domf Chiamiamo derivata prima di

Dettagli

Serie e Trasformata di Fourier

Serie e Trasformata di Fourier Serie e Trasformata di Fourier Corso di Analisi Funzionale Prof. Paolo Nistri Cancelli, D Angelo, Giannetti Polinomio di Fourier Si consideri la successione costituita dalle restrizioni delle funzioni

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 18/03/2013

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 18/03/2013 CORSO DI ANALISI MATEMATICA SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 8/03/03 D.BARTOLUCCI, D.GUIDO. La continuità uniforme I ESERCIZIO: Dimostrare che la funzione f(x) = x 3, x A = (, ] non è uniformemente continua

Dettagli

CLASSE LIMITE DI UNA SUCCESSIONE DI NUMERI REALI C. MADERNA, G. MOLTENI, M. VIGNATI

CLASSE LIMITE DI UNA SUCCESSIONE DI NUMERI REALI C. MADERNA, G. MOLTENI, M. VIGNATI CLASSE LIMITE DI UNA SUCCESSIONE DI NUMERI REALI C. MADERNA, G. MOLTENI, M. VIGNATI Consideriamo l insieme R = R {, + } ottenuto aggiungendo all insieme dei numeri reali i simboli e +. Introduciamo in

Dettagli

Riproduzione vietata. Capitolo 1. Serie di funzioni. 1.1 Serie di funzioni

Riproduzione vietata. Capitolo 1. Serie di funzioni. 1.1 Serie di funzioni Capitolo 1 Serie di funzioni In questo capitolo trattiamo le serie di funzioni in generale e il primo importante esempio di tali serie: le serie di potenze. Nel capitolo precedente abbiamo visto la definizione

Dettagli

P ( X n X > ɛ) = 0. ovvero (se come distanza consideriamo quella euclidea)

P ( X n X > ɛ) = 0. ovvero (se come distanza consideriamo quella euclidea) 10.4 Convergenze 166 10.4.3. Convergenza in Probabilità. Definizione 10.2. Data una successione X 1, X 2,...,,... di vettori aleatori e un vettore aleatorio X aventi tutti la stessa dimensione k diremo

Dettagli

Alcune nozioni di calcolo differenziale

Alcune nozioni di calcolo differenziale Alcune nozioni di calcolo differenziale G. Mastroeni, M. Pappalardo 1 Limiti per funzioni di piu variabili Supporremo noti i principali concetti algebrici e topologici relativi alla struttura dello spazio

Dettagli

(2) se A A, allora A c A; (3) se {A n } A, allora +

(2) se A A, allora A c A; (3) se {A n } A, allora + 1. Spazi di misura In questo paragrafo accenneremo alla nozione di spazio di misura. Definizione 1. Sia X un insieme non vuoto. Una famiglia A di sottoinsiemi di X è una σ-algebra se : (1) A; (2) se A

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2012/2013 Analisi Matematica 1

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2012/2013 Analisi Matematica 1 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2012/2013 Analisi Matematica 1 Nome... N. Matricola... Ancona, 12 gennaio 2013 1. Sono dati i numeri complessi z 1 = 1 + i; z 2 = 2 3 i; z 3 =

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE INTEGRALE. Z x. ln t ln t 2 2 dt. f(x) =

STUDIO DI UNA FUNZIONE INTEGRALE. Z x. ln t ln t 2 2 dt. f(x) = STUDIO DI UNA FUNZIONE INTEGRALE Studiamo la funzione f di una variabile reale, a valori in R, definitada. Il dominio di f. f() = Z Denotiamo con g la funzione integranda. Allora g(t) = numeri reali tali

Dettagli

Analisi Matematica 1+2

Analisi Matematica 1+2 Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria - Polo di Savona via Cadorna 7-700 Savona Tel. +39 09 264555 - Fax +39 09 264558 Ingegneria Gestionale Analisi Matematica +2 A.A 998/99 - Prove parziali

Dettagli

Analisi Matematica 3 (Fisica) Prova scritta del 27 gennaio 2012 Uno svolgimento

Analisi Matematica 3 (Fisica) Prova scritta del 27 gennaio 2012 Uno svolgimento Analisi Matematica 3 (Fisica) Prova scritta del 27 gennaio 22 Uno svolgimento Prima di tutto, eccovi alcuni commenti che potrebbero aiutarvi a svolgere meglio le prove scritte. Ad ogni domanda del testo

Dettagli

DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR.

DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR. DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE 1. Definizioni. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR. DEFINIZIONE 1. Sia x 0 un elemento di I. Per ogni x (I \ {x 0 }) consideriamo

Dettagli

DIARIO DELLE LEZIONI DI ANALISI MATEMATICA II Corso di laurea in Ingegneria Gestionale Canale PZ Secondo codocente: Dott. Salvatore Fragapane

DIARIO DELLE LEZIONI DI ANALISI MATEMATICA II Corso di laurea in Ingegneria Gestionale Canale PZ Secondo codocente: Dott. Salvatore Fragapane DIARIO DELLE LEZIONI DI ANALISI MATEMATICA II Corso di laurea in Ingegneria Gestionale Canale PZ Secondo codocente: Dott. Salvatore Fragapane Lezione 1-04/10/2016 - Serie Numeriche (1): definizione e successione

Dettagli

14. Confronto tra l integrale di Lebesgue e l integrale di Riemann.

14. Confronto tra l integrale di Lebesgue e l integrale di Riemann. 4. Confronto tra l integrale di Lebesgue e l integrale di Riemann. Lo scopo di questo capitolo è quello di mettere a confronto i vari tipi di integrale (di Riemann, generalizzato e improprio) di funzioni

Dettagli

LEZIONE 12. v = α 1 v α n v n =

LEZIONE 12. v = α 1 v α n v n = LEZIONE 12 12.1. Combinazioni lineari. Definizione 12.1.1. Sia V uno spazio vettoriale su k = R, C e v 1,..., v n V vettori fissati. Un vettore v V si dice combinazione lineare di v 1,..., v n se esistono

Dettagli

Ingegneria civile - ambientale - edile

Ingegneria civile - ambientale - edile Ingegneria civile - ambientale - edile Analisi - Prove scritte dal 7 Prova scritta del 9 giugno 7 Esercizio Determinare i numeri complessi z che risolvono l equazione Esercizio (i) Posto a n = n i z z

Dettagli

Elementi di Analisi Matematica. Prova in itinere del 19 dicembre 2011

Elementi di Analisi Matematica. Prova in itinere del 19 dicembre 2011 Elementi di Analisi Matematica Prove in itinere dal 211 Prova in itinere del 19 dicembre 211 Esercizio 1 Si consideri la serie n= (2n)! (n!) 2 xn, x R. (i) Stabilire per quali x R la serie è assolutamente

Dettagli

Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità

Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità Teorema 0. Una funzione f(x) è continua in x 0 se e solo se per ogni sucessione {x n } dom(f) con x n x 0 dom(f), risulta f(x n ) f(x 0 ). (Non

Dettagli

INTEGRALI Test di autovalutazione

INTEGRALI Test di autovalutazione INTEGRALI Test di autovalutazione. L integrale ln 6 è uguale a (a) vale 5 2 (b) (c) (d) 4 5 vale ln 256 2 è negativo 2 5 + 4 5 2 5 + 4 5 d d 2. È data la funzione = e 2. Allora: (a) se F() è una primitiva

Dettagli

9. CALCOLO INTEGRALE: L INTEGRALE INDEFINITO

9. CALCOLO INTEGRALE: L INTEGRALE INDEFINITO ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 9. CALCOLO INTEGRALE: L INTEGRALE INDEFINITO A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 La nascita e lo sviluppo del calcolo integrale sono legati a due tipi

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 ESERCIZI. Carlo Ravaglia

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 ESERCIZI. Carlo Ravaglia CORSO DI ANALISI MATEMATICA ESERCIZI Carlo Ravaglia 6 settembre 5 iv Indice Numeri reali Ordine fra numeri reali Funzioni reali 4 Radici aritmetiche 7 4 Valore assoluto 9 5 Polinomi 6 Equazioni 7 Disequazioni

Dettagli

TEMI D ESAME DI ANALISI MATEMATICA I

TEMI D ESAME DI ANALISI MATEMATICA I TEMI D ESAME DI ANALISI MATEMATICA I Corso di laurea quadriennale) in Fisica a.a. 003/04 Prova scritta del 3 aprile 003 ] Siano a, c parametri reali. Studiare l esistenza e, in caso affermativo, calcolare

Dettagli

Teoremi di Fermat, Rolle, Lagrange, Cauchy, de l Hôpital

Teoremi di Fermat, Rolle, Lagrange, Cauchy, de l Hôpital Teoremi di Fermat, Rolle, Lagrange, Cauchy, de l Hôpital Copyright c 2007 Pasquale Terrecuso Tutti i diritti sono riservati. E vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso dell autore. Teoremi

Dettagli

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI Assumiamo come primitivo il concetto di insieme e quello di appartenenza di un elemento a un insieme. La notazione x A indica

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MARCONI FOGGIA

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MARCONI FOGGIA LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MARCONI FOGGIA PROGRAMMA DI MATEMATICA Classe VB Anno Scolastico 014-015 Insegnante: Prof.ssa La Salandra Incoronata 1 Nozioni di topologia su Intervalli; Estremo superiore

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Esercizi di preparazione allo scritto a.a Topologia

Corso di Laurea in Matematica Geometria 2. Esercizi di preparazione allo scritto a.a Topologia Corso di Laurea in Matematica Geometria 2 Esercizi di preparazione allo scritto a.a. 2015-16 Esercizio 1. Dimostrare che Topologia 1. d(x, y) = max 1 i n x i y i definisce una distanza su R n. 2. d(x,

Dettagli

Completezza e compattezza

Completezza e compattezza 1 Completezza e compattezza Spazi metrici completi Data una successione x : N X, j x j, una sua sottosuccessione è la composizione x ν, ove ν : N N è strettamente crescente. Data una successione (x j )

Dettagli

Collegio di Merito Bernardo Clesio Università di Trento

Collegio di Merito Bernardo Clesio Università di Trento Collegio di Merito Bernardo Clesio Università di Trento 23 luglio 2012 Prova per i candidati per le facoltà scientifiche Esercizio 1. Descrivere tutti i polinomi p(x) con coefficienti reali tali che per

Dettagli

2. la ricerca di funzioni che hanno una derivata assegnata.

2. la ricerca di funzioni che hanno una derivata assegnata. INTEGRALI PER FUNZIONI DI UNA VARIABILE Il calcolo integrale per funzioni reali di una variabile reale si occupa di risolvere due problemi:. il calcolo dell area di parti di piano qualsiasi, 2. la ricerca

Dettagli

Esempi. La successione {cos n} è limitata; {n ¾ } è limitata inferiormente ma non è limitata superiormente, quindi non è limitata.

Esempi. La successione {cos n} è limitata; {n ¾ } è limitata inferiormente ma non è limitata superiormente, quindi non è limitata. Analisi 2 Successioni numeriche -1- ÔÔÙÒØ Ô Ö Ð ÓÖ Ó Ò Ð ¾ º ËÙ ÓÒ ÒÙÑ Ö Proposizione (unicità del limite). Se {a n } è convergente, allora il limite è unico. Dimostrazione. Supponiamo che la tesi sia

Dettagli

Topologia, continuità, limiti in R n

Topologia, continuità, limiti in R n Topologia, continuità, limiti in R n Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2017 1. Preliminari Prima di iniziare lo studio delle funzioni di più variabili, in generale funzioni di k variabili e a valori in

Dettagli

Il teorema di Stone Weierstrass

Il teorema di Stone Weierstrass APPENDICE B Il teorema di Stone Weierstrass Definizione B.1. Siano X un insieme non vuoto e A un sottospazio vettoriale dello spazio delle funzioni a valori reali (risp. complessi) su X. Si dice che A

Dettagli

Insiemi di numeri reali

Insiemi di numeri reali Capitolo 1 1.1 Elementi di teoria degli insiemi Se S è una totalità di oggetti x, si dice che S è uno spazio avente gli elementi x. Se si considerano alcuni elementi di S si dice che essi costituiscono

Dettagli

ESERCITAZIONE 9: INTEGRALI DEFINITI. CALCOLO DELLE AREE E ALTRE APPLICAZIONI

ESERCITAZIONE 9: INTEGRALI DEFINITI. CALCOLO DELLE AREE E ALTRE APPLICAZIONI ESERCITAZIONE 9: INTEGRALI DEFINITI. CALCOLO DELLE AREE E ALTRE APPLICAZIONI Tiziana Raparelli 5/5/9 CONOSCENZE PRELIMINARI Vogliamo calcolare f ( x, ax + bx + c ) dx. Se a =, allora basta porre bx + c

Dettagli

1. Funzioni implicite

1. Funzioni implicite 1. Funzioni implicite 1.1 Il caso scalare Sia X R 2 e sia f : X R. Una funzione y : (a, b) R si dice definita implicitamente dall equazione f(x, y) = 0 in (a, b) quando: 1. (x, y(x)) X x (a, b); 2. f(x,

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria civile - ambientale - edile Prova scritta del 3 febbraio Regole per lo svolgimento

Corso di laurea in Ingegneria civile - ambientale - edile Prova scritta del 3 febbraio Regole per lo svolgimento Corso di laurea in Ingegneria civile - ambientale - edile Prova scritta del febbraio 6 Regole per lo svolgimento (a) Gli studenti di ingegneria civile e edile -5 faranno gli esercizi,,. (b) Gli studenti

Dettagli

1 Funzioni reali di una variabile reale

1 Funzioni reali di una variabile reale 1 Funzioni reali di una variabile reale Qualche definizione e qualche esempio che risulteranno utili più avanti Durante tutto questo corso studieremo funzioni reali di una variabile reale, cioè Si ha f

Dettagli

Il Metodo di Newton, o delle Tangenti Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1

Il Metodo di Newton, o delle Tangenti Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Il Metodo di Newton, o delle Tangenti 6 Novembre 2016 Indice 1 Metodo di Newton, o delle tangenti 2 1.1

Dettagli

Analisi Matematica 2, Scritto Generale, Per quali valori di > e uniformemente convergente per ogni x 2 [; +) la serie di funzioni n x + n 4 x

Analisi Matematica 2, Scritto Generale, Per quali valori di > e uniformemente convergente per ogni x 2 [; +) la serie di funzioni n x + n 4 x Analisi Matematica 2, Scritto Generale, 6-5-994. Consideriamo la serie di Fourier f (x) = a k= [a k cos(kx) + b k sen (kx)] ; dove f (x) = jxj per x 2 ( ; ) e una funzione pari. a. Calcolare i coecienti

Dettagli

Istituzioni di Matematiche, Integrali fratti. corso di laurea in Scienze geologiche. Mauro Costantini

Istituzioni di Matematiche, Integrali fratti. corso di laurea in Scienze geologiche. Mauro Costantini Istituzioni di Matematiche, Integrali fratti corso di laurea in Scienze geologiche. Mauro Costantini tipo: Il nostro obiettivo è studiare gli integrali (indefiniti e definiti delle funzioni razionali,

Dettagli

DIFFERENZIAZIONE. Sia f una funzione reale di variabile reale con dominio un intervallo. Se f è derivabile in un punto x 0, allora: f(x) f(x 0 ) lim

DIFFERENZIAZIONE. Sia f una funzione reale di variabile reale con dominio un intervallo. Se f è derivabile in un punto x 0, allora: f(x) f(x 0 ) lim DIFFERENZIAZIONE 1 Regola della catena Sia f una funzione reale di variabile reale con dominio un intervallo. Se f è derivabile in un punto x 0, allora: f(x) f(x 0 ) lim = f (x 0 ). x x 0 x x 0 Questa

Dettagli

Matematica per le Applicazioni Economiche I (M-P)

Matematica per le Applicazioni Economiche I (M-P) Matematica per le Applicazioni Economiche I (M-P) Corsi di Laurea in Economia Aziendale, Economia e Commercio, a.a. 06-7 Esercizi su Calcolo Differenziale. Per la seguente funzione, dato 0, si utilizzi

Dettagli

1 a Prova parziale di Analisi Matematica I (A) 16/11/2007

1 a Prova parziale di Analisi Matematica I (A) 16/11/2007 Nome a Prova parziale di Analisi Matematica I (A) 6//7 ) Data la funzione ( ) = f e Calcolare il campo di esistenza e il suo comportamento agli estremi ) Definizione di derivata prima di una funzione f()

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti

Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Corso di Analisi Matematica Successioni e loro limiti Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 30 1 Definizione di successione

Dettagli

NUMERI REALI. x(y + z) = xy + xz. Nel seguito faremo uso delle seguenti notazioni. IR+ 0 = {x IR : 0 x} IR 0 = {x IR : 0 x}

NUMERI REALI. x(y + z) = xy + xz. Nel seguito faremo uso delle seguenti notazioni. IR+ 0 = {x IR : 0 x} IR 0 = {x IR : 0 x} NUMERI REALI In quanto segue non diremo che cosa è un numero reale ma definiremo per via assiomatica l insieme dei numeri reali. Insieme che denotiamo con IR. L insieme dei numeri reali è un campo totalmente

Dettagli

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x.

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x. Funzioni derivabili Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: a)2x 5 b) x 3 x 4 c) x + 1 d)x sin x. 2) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

ANALISI MATEMATICA III ELM+TEM A.A Traccia della lezione del 27 aprile 2012

ANALISI MATEMATICA III ELM+TEM A.A Traccia della lezione del 27 aprile 2012 ANALISI MATEMATICA III ELM+TEM A.A. 2011-2012 Traccia della lezione del 27 aprile 2012 April 27, 2012 1 Le distribuzioni come estensione dello spazio L 1 loc icordiamo quanto visto nella lezione precedente.

Dettagli