Gruppo Benetton. Progetto di Bilancio consolidato 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Benetton. Progetto di Bilancio consolidato 2011"

Transcript

1 Gruppo Benetton Progetto di Bilancio consolidato 2011 Benetton Group S.p.A. Villa Minelli Ponzano Veneto (Treviso) Capitale sociale: Euro ,60 i.v. C.F./R.I. di Treviso n

2

3 3 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Sommario Il Gruppo Benetton 5 Organi sociali 5 Struttura societaria del Gruppo al 31 dicembre Convocazione di Assemblea ordinaria 8 Disclaimer 10 Indicatori economico-finanziari di sintesi 10 Relazione sulla gestione 12 Il 2011 in sintesi 12 Marchi 12 Mercati 13 UNHATE 14 Benetton in Borsa 14 Calendario finanziario 16 Altre informazioni 17 - Relazione sul governo societario e assetti proprietari 17 - Azioni e Azionisti Benetton 17 - Controllo della Società 17 - Rapporti con la società controllante, le sue controllate e altre parti correlate 17 - Adempimenti in materia di protezione dei dati personali 17 - Articoli 36 e 39 del Regolamento Mercati 18 - Principali mutamenti organizzativi e societari 18 - Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio 19 - Evoluzione prevedibile della gestione 19 Risultati consolidati del Gruppo 20 - Conto economico consolidato 20 - I settori di attività 23 - Sintesi della situazione patrimoniale e finanziaria 25 - Risultati trimestrali 2011 e Fattori di rischio Benetton 30 Prospetti di bilancio consolidato 35 Conto economico consolidato 36 Conto economico complessivo consolidato 37 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata - Attività 38 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata - Patrimonio netto e passività 39 Patrimonio netto - Prospetto delle variazioni 40 Rendiconto finanziario consolidato 41

4 4 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Note esplicative 42 Sommario dei principi e politiche contabili più significativi 42 Gestione dei rischi finanziari 52 Gestione del capitale 57 Commenti alle principali voci del conto economico 58 Conto economico complessivo consolidato 68 Commenti alle principali voci delle attività 69 Commenti alle principali voci del patrimonio netto e passività 80 Commento al rendiconto finanziario 88 Altre informazioni 89 Informazioni supplementari 94 Attestazione del bilancio consolidato 99 Relazione della Società di Revisione 100 Prospetti supplementari 101 Glossario 106

5 5 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Il Gruppo Benetton Organi sociali Consiglio di Amministrazione Luciano Benetton Carlo Benetton Alessandro Benetton Biagio Chiarolanza Franco Furnò Gilberto Benetton Giuliana Benetton Luigi Arturo Bianchi Giorgio Brunetti Alfredo Malguzzi Gianni Mion Stefano Orlando Andrea Pezzangora Presidente Vice Presidente Vice Presidente Esecutivo Amministratore Delegato Amministratore Delegato Consiglieri Segretario del Consiglio Collegio Sindacale Angelo Casò Antonio Cortellazzo Filippo Duodo Piermauro Carabellese Marco Leotta Presidente Sindaci effettivi Sindaci supplenti Società di Revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A.

6 6 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Struttura societaria del Gruppo al 31 dicembre 2011

7 7 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO

8 8 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Convocazione di Assemblea ordinaria I Signori Azionisti sono convocati in Assemblea Ordinaria in prima convocazione per il giorno 24 aprile 2012, alle ore 11.00, in Ponzano Veneto (TV), Via Villa Minelli n.1, e, occorrendo, in seconda convocazione per il giorno 26 aprile 2012, stessa ora e luogo, per deliberare sul seguente ordine del giorno: 1. Presentazione del Bilancio di esercizio e del Bilancio consolidato al 31 dicembre Deliberazioni inerenti e conseguenti; 2. Determinazione del compenso spettante al Consiglio di Amministrazione; 3. Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123 ter del D.Lgs.58/98. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Considerando la composizione azionaria della Società, si prevede sin d ora che l Assemblea potrà costituirsi e deliberare in prima convocazione. Il capitale sociale sottoscritto e versato della Società è di Euro ,60=, ripartito in n = azioni ordinarie del valore nominale unitario di Euro 1,30. Ciascuna azione ordinaria in circolazione dà diritto ad un voto in Assemblea. Alla data odierna la Società possiede n azioni proprie per le quali il diritto di voto è sospeso. Legittimazione all intervento La legittimazione all intervento in Assemblea ed all esercizio del diritto di voto è attestata da una comunicazione alla Società, effettuata dall intermediario, in conformità alle proprie scritture contabili, in favore del soggetto a cui spetta il diritto di voto, sulla base delle evidenze relative al termine della giornata contabile del settimo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l Assemblea in prima convocazione ossia il 13 aprile Coloro che risulteranno titolari delle azioni solo successivamente a tale data non avranno diritto di partecipare e di votare in Assemblea. La comunicazione effettuata dall intermediario dovrà pervenire alla Società entro la fine del terzo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l Assemblea in prima convocazione ossia entro il 19 aprile Resta ferma la legittimazione all intervento e al voto qualora la comunicazione sia pervenuta alla Società oltre detto termine, purché entro l inizio dei lavori assembleari. I titolari del diritto di voto possono farsi rappresentare mediante delega scritta rilasciata ai sensi di legge; la delega di voto potrà essere rilasciata (i) compilando e sottoscrivendo la formula inserita in calce alla citata comunicazione rilasciata dall intermediario alla Società; (ii) sottoscrivendo il modulo di delega disponibile presso la sede legale e sul sito internet della Società nella sezione Assembea. La delega può essere notificata alla Società mediante invio a mezzo raccomandata al seguente indirizzo: Benetton Group S.p.A. - Att.ne Affari Societari - Via Villa Minelli, Ponzano Veneto (TV), ovvero mediante notifica elettronica all indirizzo di posta Il delegato che interverrà all assemblea dovrà comunque attestare la conformità all originale della copia notificata. La delega con istruzioni di voto può essere conferita senza spese a carico del delegante al Dott. Telemaco Maria Favotto, dipendente di Benetton Group S.p.A. e pertanto in conflitto di interessi ai sensi dell art decies, comma 2, del D. Lgs. n. 58/98, quale Rappresentante Designato dalla società ai sensi dell art undecies del TUF. La delega rilasciata al Rappresentante Designato non ha effetto con riguardo alle proposte per le quali non sono state conferite istruzioni di voto. La delega e le istruzioni di voto sono revocabili entro il 20 aprile Il modulo di delega sarà reperibile dal 3 aprile 2012 presso la sede legale della Società e sul sito internet sezione Assemblea e dovrà pervenire in originale entro il 20 aprile 2012 mediante invio a mezzo posta al seguente indirizzo: Benetton Group S.p.A. - Att.ne Affari Societari - Via Villa Minelli, Ponzano Veneto (TV) ed eventualmente anticipandone copia con dichiarazione di conformità all originale a mezzo fax al seguente numero o allegato ad un messaggio di posta elettronica all indirizzo Diritto di porre domande I soci possono porre domande sulle materie all ordine del giorno anche prima dell Assemblea mediante invio a mezzo raccomandata presso la sede legale della Società al seguente indirizzo: Benetton Group S.p.A. - Att.ne Affari Societari - Via Villa Minelli, Ponzano Veneto (TV) ovvero mediante invio all indirizzo di posta I soggetti interessati dovranno fornire informazioni che ne consentano l identificazione. Alle domande pervenute prima dell Assemblea è data risposta al più tardi durante la stessa.

9 9 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Integrazione dell ordine del giorno I soci che, anche congiuntamente, rappresentino almeno un quarantesimo del capitale sociale possono chiedere, entro dieci giorni dalla pubblicazione del presente avviso, l integrazione dell elenco delle materie da trattare, indicando nella domanda gli ulteriori argomenti proposti. Le domande dovranno pervenire per iscritto tramite invio a mezzo raccomandata al seguente indirizzo: Benetton Group S.p.A. - Att.ne Affari Societari - Via Villa Minelli, Ponzano Veneto (TV), ovvero mediante notifica elettronica all indirizzo di posta Documentazione La documentazione relativa all Assemblea, ivi comprese le Relazioni illustrative del Consiglio di Amministrazione e le proposte deliberative sulle materie poste all ordine del giorno, verrà messa a disposizione del pubblico presso la sede sociale, Borsa Italiana S.p.A. e pubblicata sul sito internet della società sezione Assemblea ai sensi e nei termini previsti dalla normativa vigente. Più precisamente il 3 aprile 2012 saranno messe a disposizione: (i) la Relazione Finanziaria annuale comprendente i documenti di cui all art. 154-ter, comma 1, del D. Lgs. 58/98; (ii) la Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari; (iii) la Relazione sulla remunerazione. La Relazione degli Amministratori sulle materie all ordine del giorno è messa a disposizione contestualmente al presente avviso.

10 10 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Disclaimer Il documento contiene dichiarazioni previsionali ( forward-looking statements"), in particolare nel paragrafo Evoluzione prevedibile della gestione, relative a futuri eventi e risultati operativi, economici e finanziari del Gruppo Benetton. Tali previsioni hanno per loro natura una componente di rischiosità e incertezza, in quanto dipendono dal verificarsi di eventi e sviluppi futuri. I risultati effettivi potranno discostarsi in misura anche significativa rispetto a quelli annunciati in relazione a una molteplicità di fattori dettagliati nel paragrafo Fattori di rischio Benetton. Indicatori economico-finanziari di sintesi I risultati economico-finanziari consolidati del 2011 e dell esercizio posto a confronto di Benetton Group S.p.A., Società Capogruppo, e delle società controllate (di seguito denominate anche Gruppo) sono stati redatti secondo gli International Financial Reporting Standards (IFRS) omologati dall Unione Europea in vigore alla data di redazione del presente documento. Per quanto concerne i criteri contabili e i principi di consolidamento adottati si rinvia alla sezione relativa alle note esplicative. Dati economici (in milioni di euro) 2011 % 2010 % Variazione % Ricavi , ,0 (21) (1,0) Margine lordo industriale , ,2 (66) (6,9) Margine di contribuzione , ,4 (65) (8,2) EBITDA (*) , ,8 (45) (15,0) EBITDA gestione ordinaria (*) , ,2 (55) (17,6) Risultato operativo 149 7, ,6 (27) (15,4) Utile netto dell'esercizio di pertinenza del Gruppo 73 3, ,0 (29) (28,3) Dati patrimoniali-finanziari (in milioni di euro) Capitale di funzionamento Capitale investito netto Attività destinate alla cessione 5 10 Indebitamento finanziario netto Patrimonio netto totale Flusso di cassa generato/(assorbito) dalla gestione ordinaria (13) 133 Investimenti netti Indicatori economico-finanziari (in %) ROE (Utile netto/patrimonio netto) 4,92 6,90 ROI (Risultato operativo/capitale investito netto) 7,26 8,88 ROS (Risultato operativo/ricavi) 7,34 8,59 Utile su ricavi (Utile/Ricavi) 3,6 4,97

11 11 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Dati azionari e borsistici Utile per azione (euro) 0,43 0,59 Patrimonio netto per azione (euro) 8,14 8,10 Dividendo per azione (euro) - (1) 0,25 Pay out ratio (%) - 0,42 Dividend yield - 5,08 Prezzo a fine esercizio (euro) 2,95 4,92 Prezzo massimo telematico d'esercizio (euro) 5,73 6,70 Prezzo minimo telematico d'esercizio (euro) 2,81 4,50 Prezzo per azione/utile per azione 6,87 8,34 Prezzo per azione/patrimonio netto per azione 0,36 0,61 Capitalizzazione borsistica (migliaia di euro) N. medio azioni in circolazione N. azioni che compongono il capitale sociale (1) Proposto. Numero organici Totale dipendenti (*) Nel presente documento, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti dagli IFRS, vengono presentati alcuni indicatori alternativi di performance al fine di consentire una migliore valutazione dell andamento della gestione economico-finanziaria del Gruppo. Tuttavia, tali indicatori non devono, comunque, essere considerati sostitutivi di quelli convenzionali previsti dagli IFRS. La tabella di seguito riportata mostra la composizione dell'ebitda e dell'ebitda gestione ordinaria. Dati economici (in milioni di euro) Variazione A Risultato operativo (27) B - di cui oneri/(proventi) non ricorrenti 5 32 (27) C Ammortamenti (1) D Altri costi non monetari (svalutazioni/(ripristini) netti) 7 24 (17) E - di cui non ricorrenti 7 24 (17) F = A+C+D EBITDA (45) G = F+B-E EBITDA gestione ordinaria (55)

12 12 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Relazione sulla gestione Il 2011 in sintesi In un contesto internazionale reso complesso dal rallentamento della crescita economica, dalla crisi dell area euro e dal rallentamento dei consumi nei principali mercati di riferimento per il Gruppo, Benetton ha definito nel corso del 2011 un percorso di interventi per il miglioramento della performance, prevedendo interventi sia dal lato della crescita dei ricavi, e quindi dell efficacia del proprio mix di offerta, sia dal lato di gestione dei costi, attraverso una sistematica ottimizzazione dei processi interni e razionalizzazione delle attività. La strategia commerciale sviluppata nel 2011 è stata imperniata su tre capisaldi: - rafforzamento dei marchi; - arricchimento e il miglioramento continuo del prodotto; - rinnovo della rete di negozi. A supporto di tale strategia, negli ultimi mesi si sono focalizzati gli sforzi per il rafforzamento delle competenze nelle aree di comunicazione, marketing e merchandising, definendo una struttura pronta a cogliere le nuove sfide e opportunità commerciali che il mercato presenta. Le azioni introdotte per stimolare la crescita dei ricavi e la performance delle collezioni hanno coinvolto trasversalmente tutte le funzioni, attraverso molteplici iniziative. Le iniziative adottate hanno quindi compreso il rafforzamento e la diffusione di nuovi concept store per tutti i marchi in portafoglio (Sisley e Playlife, in aggiunta al nuovo concept sviluppato per UCB), lo sviluppo del progetto collezioni speciali, attraverso l introduzione delle minicollezioni e la conseguente riduzione del time to market, e il rafforzamento dell attrattività e del posizionamento dei marchi, tramite nuove Campagne di Comunicazione e l utilizzo dei nuovi media. Il ritorno di Benetton ad una comunicazione istituzionale impegnata su temi sociali di rilevanza globale, da sempre patrimonio dell azienda, è stata possibile grazie a nuove campagne mondiali di comunicazione, con un grande riscontro di successo da parte del pubblico. Sul fronte costi e processi, il Gruppo ha reagito alle incertezze e sfide dei mercati attivando azioni di ulteriore efficienza in tutte le aree e funzioni, con interventi tesi a sostenere la marginalità, in presenza di un significativo inflazionamento costi, in particolare sulle materie prime. Sono quindi state introdotte azioni per l ottimizzazione del mix della piattaforma sourcing e semplificazione dei processi, oltre all introduzione di nuove policy relative alle spese operative e ulteriore ottimizzazione dei costi generali e amministrativi. Marchi Grazie anche all impegno delle Direzioni Creativa e Comunicazione si sta intervenendo, oltre che sulle prossime collezioni United Colors of Benetton, sul merchandising e sull immagine del negozio; in base a una strategia integrata di merchandising, design e marketing, tali direzioni si stanno occupando a 360 gradi del brand - dalle collezioni all identità di marchio, fino all architettura interna e all atmosfera del punto vendita - per contribuire all evoluzione di un icona del gusto italiano, fatta di colore, design, qualità, attenzione e passione per il dettaglio. Lo sforzo d investimento e la politica di supporto al negozio è continuata anche attraverso l arte con il progetto Lana Sutra, una serie di 15 installazioni concepite come inno all amore e al desiderio di uguaglianza e condivisione che è stata presentata in tre città simultaneamente Istanbul, Milano, Monaco di Baviera e, attraverso le vetrine digitali di Benetton Live Windows e in streaming sul web, in tutto il mondo. Con questo progetto, che nasce e cresce in armonia con la presentazione della collezione Autunno/Inverno 2011, si è voluto sottolineare con forza l unicità dei valori universali di United Colors of Benetton. Il marchio Sisley riparte da Milano, Roma e Parigi con un nuovo design, un nuovo sito, una nuova immagine. Il nuovo concept store Sisley si propone di accogliere i clienti come persone, ciascuna con il proprio stile e la propria personalità, in un ambiente di eleganza contemporanea. L idea dominante è quella di valorizzare l esposizione con una chiarezza espositiva che permette al cliente di apprezzare i look proposti e di scegliere il proprio colore e la propria taglia con un semplice gesto. Ogni dettaglio, ogni elemento espositivo, tutto concorre a trasportare il cliente nell atmosfera di indipendenza Sisley, dove si sceglie secondo la propria personalità.

13 13 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Playlife ha fatto del suo mondo una casa con il primo concept store PLAYLIFE: una nuova e divertente esperienza di shopping, alla ricerca di emozioni, idee e prodotti autentici come la vita. Il concetto di shopping experience, di contaminazione, di prodotti uniti dal denominatore comune della ricerca, dell autenticità e del divertimento, sono i temi da cui il marchio è partito per arrivare a una precisa definizione dello stile delle nuove collezioni. Vendite della produzione principale 2011 per marchio (in %) Mercati I mercati emergenti e ad alto potenziale di crescita hanno contribuito in maniera significativa alla performance del Gruppo, con un incremento del 10%, sostenuto dalle iniziative introdotte nelle differenti aree. I ricavi totali nel 2011 hanno quindi raggiunto un fatturato totale pari a milioni, in linea con l anno precedente a parità di cambi: le crescite sono state pari al 6% in Asia e America, compensando il calo del 2% nel mercato europeo. Pur in presenza di condizioni macroeconomiche sfidanti, l Italia ha chiuso il 2011 con un limitato calo del fatturato, riportando un miglioramento del trend nell ultima parte dell anno. La Grecia, con un calo del 16%, conferma la debolezza dell area Mediterranea, così come la Penisola Iberica, che ha riportato una riduzione dei ricavi del 4%, in presenza di un calo contenuto in Spagna (3%) e una significativa flessione in Portogallo (9%). Segnali positivi sono invece provenuti dall Europa Continentale, grazie alle crescite in Germania (6%), Austria e Gran Bretagna. La Russia conferma l eccellente trend di crescita (25%), grazie all incremento della copertura del territorio e lo sviluppo di proposte di prodotto su segmenti con alto potenziale, tra cui le iniziative dedicate al bambino e all offerta uomo adulto. A seguito della fase iniziale di espansione commerciale nelle città secondarie, nel 2011 la presenza commerciale ha infatti raggiunto oltre 170 negozi. In Asia, significativa la crescita in India (11%), Corea del Sud (11%), Paesi ex URSS Asia (24%) e Middle East, con positive performance a pari perimetro in Cina, Hong Kong e Taiwan. La presenza commerciale del Gruppo in India, con un network di circa 480 negozi in oltre 100 città del Paese, è stata supportata da oltre 90 aperture nel corso del 2011, principalmente nelle città secondarie e nelle regioni del Sud-Est, da parte sia dei partner esistenti, sia di nuovi operatori, continuamente attratti dall offerta del Gruppo. Il positivo risultato riportato nelle Americhe è stato trainato dalla performance in Messico e Sud America, che hanno più che bilanciato il calo del fatturato in USA e Canada. La performance particolarmente positiva del Sud America, con una crescita dei ricavi pari al 42%, è stata supportata dall espansione della rete dei negozi e della presenza nei centri commerciali, mentre l incremento delle vendite in Messico è stato sostenuto sia dalle oltre 30 aperture nel 2011, sia dalle crescite comparabili riportate a doppia cifra.

14 14 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Ricavi verso terzi 2011 per area geografica (in %) UNHATE Con la nuova campagna mondiale di comunicazione United Colors of Benetton invita i leader e gli abitanti del mondo a combattere la cultura dell odio e dà vita alla Fondazione UNHATE. La nuova campagna, la creazione della Fondazione e le altre iniziative del progetto UNHATE testimoniano la volontà di Benetton di essere motore della volontà di partecipazione e di cambiamento che anima i cittadini del mondo, e i giovani in particolare, invitandoli a essere protagonisti attivi delle sue iniziative, soprattutto attraverso internet, i social media e le altre applicazioni digitali. E un ulteriore passo avanti della comunicazione Benetton che punta all intervento e all azione di tutti, in nome di una democrazia aumentata e aperta, senza confini fisici, politici, sociali o ideologici. UNHATE è stato tra i primi cinque topic trend a livello mondiale sia su Twitter che su Google. In particolare su Google ci sono stati quasi 5 milioni di risultati totali, oltre di discussioni,1 milione e mezzo di blog posts. Benetton in Borsa Le azioni ordinarie Benetton durante il 2011 sono state scambiate principalmente presso Borsa Italiana S.p.A.; Benetton inoltre quota e negozia le proprie ricevute di deposito americane (ADR) nel sistema internazionale OTCQX, consentendo agli investitori americani di accedere costantemente alle notizie e alle informazioni più recenti sul Gruppo. La capitalizzazione del Gruppo al 31 dicembre 2011 era pari a 505 milioni di euro. Nel corso del 2011 il valore medio del titolo Benetton si è attestato a 4,68 euro registrando un valore massimo di 5,73 euro il giorno 16 maggio, e un minimo di 2,81 euro il 12 dicembre. I valori giornalieri scambiati mediamente sono stati di circa 467 mila titoli. La comunicazione finanziaria rappresenta una componente strategica per Benetton Group, elemento di fondamentale importanza nella costruzione di un dialogo continuo con gli investitori istituzionali, individuali e con gli analisti finanziari. L azienda assicura la più assoluta e tempestiva trasparenza di comunicazione e agisce in modo proattivo nei confronti dei propri stakeholder, illustrando e analizzando le informazioni di breve periodo, dando visibilità degli indirizzi strategici del Gruppo e sviluppando un rapporto di fiducia con gli operatori di mercato e la business community.

15 15 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Attività IR La funzione IR è impegnata quotidianamente nel mantenere un effettiva comunicazione verso il mercato finanziario, garantendo un flusso regolare di informazioni in maniera organica e completa. Fondamentale importanza assume l approccio proattivo nella proposta di comunicazione, per favorire la comprensione delle dinamiche aziendali e delle azioni introdotte nel corso dell anno. L utilizzo di differenti strumenti garantisce la tempestiva ed adeguata divulgazione delle notizie significative relative alla Società, in modo chiaro, imparziale e rapido. Nel corso del 2011 molteplici sono state le attività proposte, tra cui conference call pubbliche, facilmente accessibili anche attraverso il sito internet di Investor Relations, giornate dedicate agli analisti finanziari, call e incontri con investitori presso i maggiori mercati finanziari o presso la sede della Società, visite aziendali, momenti di confronto con la comunità finanziaria nelle principali piazze finanziarie, interventi presso broker conference. La presenza dell Investor Relations è stata garantita non solo nelle principali piazze finanziarie, ma anche presso i mercati emergenti e nuove potenziali aree di interesse, targetizzando investitori con profili di investimento coerenti con le caratteristiche strutturali del Gruppo. Continua è stata infine la proposta di visite presso le differenti realtà produttivo-logistiche del Gruppo, presentazione delle nuove collezioni e in-store visit, rafforzando la continua interazione della comunità finanziaria con la proposta commerciale del Gruppo e l attenzione al punto vendita. Alla fine del 2011, è stato lanciato il nuovo sito corporate di Benetton Group, con l innovativa sezione Investor Relations, rivista nella sua interezza e arricchita di nuove sezioni, contenuti, funzionalità e modalità di navigazione. Grazie alla chiarezza della navigazione e aspetti grafici introdotti, la sezione Investor Relations ha offerto quindi un'ampia gamma di servizi che hanno consentito a investitori, risparmiatori e a tutti gli interessati di ottenere informazioni e notizie sul mondo finanziario Benetton in modo sempre più trasparente, interattivo, veloce e completo. Ulteriori servizi e informazioni sono disponibili su Evoluzione del dividendo per azione ( , in euro)

16 16 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Calendario finanziario Consigli di Amministrazione previsti per l anno 2012: Gennaio martedì 31 informazioni preliminari esercizio 2011 Marzo giovedì 15 progetto di bilancio esercizio 2011 Maggio martedì 15 resoconto intermedio di gestione primo trimestre 2012 Luglio venerdì 27 relazione finanziaria semestrale 2012 Novembre mercoledì 14 resoconto intermedio di gestione primi nove mesi 2012 Evoluzione del dividend yield ( ) Andamento dell azione Benetton Group nel 2011

17 17 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Altre informazioni Relazione sul governo societario e assetti proprietari L informativa in merito al governo societario e agli assetti proprietari richiesta ai sensi del TUF è riportata nella Relazione sul governo societario allegata al presente documento. Azioni e Azionisti Benetton Azioni proprie Il 28 aprile 2011 l Assemblea dei Soci ha provveduto a conferire al Consiglio di Amministrazione l autorizzazione all acquisto e all alienazione di azioni proprie, revocando l autorizzazione rilasciata con delibera del 22 aprile 2010, per un numero massimo di azioni ordinarie della Società, del valore nominale di euro 1,30 cadauna, che, cumulato con il numero di azioni già in portafoglio, non superi il 10% del capitale sociale. L autorizzazione è stata accordata per un periodo di 18 mesi a decorrere dal 28 aprile Il prezzo minimo per l'acquisto è previsto non sia inferiore del 30% e il prezzo massimo non superiore del 20%, rispetto al prezzo di riferimento registrato dal titolo nella seduta di borsa precedente ogni singola operazione; il prezzo di alienazione è previsto non sia inferiore al 90% del prezzo di riferimento registrato dal titolo nella seduta di borsa precedente ogni singola operazione. Dal 28 luglio 2011, data in cui il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di dare avvio alle operazioni di acquisto di azioni proprie, al 31 dicembre 2011, Benetton Group S.p.A. ha acquistato azioni proprie corrispondenti al 2,111% del capitale sociale per un costo di acquisto di circa 17,9 milioni di euro (senza commissioni). La Società ad oggi detiene un totale complessivo di n azioni proprie corrispondenti al 7,774% del capitale sociale per un corrispondente costo di acquisto di circa 89,6 milioni di euro (senza commissioni). Controllo della Società La partecipazione di controllo della Società con azioni ordinarie pari al 67,08% è detenuta da Edizione S.r.l., con sede legale a Treviso - Italia, una holding di partecipazioni interamente posseduta dalla famiglia Benetton. Azionisti (*) % Edizione S.r.l. 67,08 Investitori istituzionali e banche 20,46 Altri investitori 12,46 (*) I dati sono elaborati sulla base del pagamento del dividendo la cui distribuzione è stata deliberata dall Assemblea degli Azionisti di Benetton Group S.p.A. del 28 aprile Rapporti con la società controllante, le sue controllate e altre parti correlate I rapporti intrattenuti dal Gruppo con le parti correlate vengono ampiamente descritti nelle note esplicative. Adempimenti in materia di protezione dei dati personali La Società ha adempiuto agli obblighi previsti dalla normativa in vigore per quanto attiene alla protezione dei dati personali, ivi compresi i dati sensibili o giudiziari. In particolare la Società ha provveduto, entro i termini di legge, ad aggiornare il Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS), attuando quanto previsto al punto 19 del disciplinare tecnico di cui all allegato B del D. Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali).

18 18 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Articoli 36 e 39 del Regolamento Mercati In relazione alle prescrizioni regolamentari in tema di condizioni per la quotazione di società controllanti società costituite e regolate secondo leggi di Stati non appartenenti all Unione Europea e di significativa rilevanza ai fini del bilancio consolidato, si segnala quanto segue: a. Benetton Group S.p.A. controlla, direttamente o indirettamente, 15 società con sede in 12 Paesi non appartenenti all Unione Europea con riferimento alle quali è applicabile la citata normativa; b. il Gruppo dispone di procedure atte al rispetto della normativa citata in quanto: 1. le società di cui sopra predispongono una situazione contabile ai fini della redazione del bilancio consolidato; la situazione patrimoniale-finanziaria e il conto economico di tali società sono messi a disposizione degli Azionisti nei termini e con le modalità previste dalla regolamentazione in materia; 2. Benetton Group S.p.A., per procedura interna, conserva presso la propria sede lo Statuto e la composizione e i poteri degli organi sociali di tutte le società del Gruppo; 3. tutte le società del Gruppo considerate ai fini del bilancio consolidato forniscono alla Società di Revisione di Benetton Group S.p.A. le informazioni necessarie ai fini del corretto svolgimento dell attività di revisione dei conti annuali e infrannuali della Capogruppo. Tali società dispongono di un sistema amministrativo contabile idoneo a far pervenire alla funzione Amministrazione, Finanza e Controllo della Società e alla Società di Revisione i dati economici, patrimoniali e finanziari necessari alla redazione del bilancio consolidato. Principali mutamenti organizzativi e societari Il 31 gennaio 2011 Benetton Group S.p.A. ha siglato con la Repubblica di Serbia e con il Comune di Niš un memorandum d intesa per una cooperazione nell ambito di un progetto di sviluppo di un nuovo polo produttivo situato nella città di Niš. Il progetto prevede un investimento da parte del Gruppo di oltre 30 milioni di euro e permetterà, fra l altro, la verticalizzazione del ciclo produttivo dei capi in lana che potranno raggiungere, a regime, 7 milioni di unità l anno. A fronte di tale investimento, l accordo prevede, in favore del Gruppo, un contributo a fondo perduto di circa 20 milioni di euro che l autorità pubblica Serba erogherà in più tranche in base al programma di assunzione e formazione del personale. In tale contesto, è stata costituita il 25 febbraio la società di diritto serbo Benetton Serbia D.O.O., con sede a Belgrado e controllata dalla società di diritto lussemburghese Benetton International S.A. Nel corso del mese di maggio si è perfezionato l acquisto di un complesso industriale composto da un terreno di circa mq e da fabbricati per complessivi mq. Nell ambito del medesimo progetto sono state costituite, rispettivamente il 7 ed il 12 luglio, le seguenti società di diritto serbo: Olimpias Knitting Serbia D.O.O., controllata da Aerre S.r.l. e Olimpias Serbia D.O.O., controllata da Olimpias S.p.A. Nell ambito della strategia di sviluppo commerciale in Brasile, nel corso del mese di agosto è stata costituita la società di diritto brasiliano Benetton Comercio de Produtos Texteis do Brasil Ltda. controllata da Benetton Group S.p.A. Nel corso del mese di settembre è stata costituita la società di diritto greco Benetton Hellas Agency of Clothing EPE interamente controllata dalla società di diritto lussemburghese Benetton International S.A. La neo-costituita società svolge attività di agenzia per il territorio della Grecia. Nel contesto del processo di semplificazione della struttura societaria del Gruppo, il 21 settembre si è completato il procedimento di fusione per incorporazione di Benetton International Property N.V. S.A. in Benetton Holding International N.V. S.A. ed il 1 ottobre ha avuto efficacia la fusione di Bentec S.p.A. e Benair S.p.A. in Benind S.p.A.

19 19 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio Il 1 febbraio 2012 Edizione S.r.l. ha comunicato, ai sensi dell articolo 102, 1 comma, del TUF, di aver assunto la decisione di promuovere un offerta pubblica di acquisto volontaria avente ad oggetto la totalità delle azioni ordinarie di Benetton Group S.p.A. non direttamente o indirettamente detenute da Edizione, al prezzo di euro 4,60 per azione. Tale offerta si pone l obiettivo di addivenire alla revoca della quotazione dal Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (delisting) delle azioni ordinarie di Benetton Group S.p.A. Il 2 marzo 2012 CONSOB ha approvato il relativo documento d offerta, depositato da Edizione S.r.l.. ai sensi dell articolo 102, 3 comma, del TUF. Il periodo di adesione all offerta ha avuto inizio il 5 marzo 2012 e terminerà il 30 marzo Evoluzione prevedibile della gestione Il nuovo anno si è avviato con risultati moderatamente positivi per quanto riguarda il dato delle vendite dirette in quasi tutti i Paesi in cui opera il Gruppo, anche grazie al buon andamento dei saldi di fine stagione. Permangono tuttavia notevoli difficoltà nel quadro economico, in particolare nei principali mercati di interesse per il Gruppo. Nel Sud Europa quasi tutti i Paesi sono in recessione ed i consumi rimangono deboli, mentre nel resto dei mercati tradizionali l aspettativa di crescita è assai contenuta. Solo nei Paesi emergenti e ad alta crescita, il Gruppo prevede un buon andamento dei ricavi anche grazie ad aumenti nei consumi per tutto il La raccolta ordini per le collezioni Primavera/Estate 2012 dei diversi marchi del Gruppo è in corso e si prevede che possa concludersi con un trend di leggero peggioramento rispetto alle collezioni di confronto nell anno precedente. Data l elevata volatilità delle prospettive di medio termine si conferma invece difficile, al momento, definire una precisa aspettativa per le successive collezioni Autunno/Inverno. In questo quadro di profonda incertezza il Gruppo ha messo a punto un programma di azione che, facendo leva sull elevata capillarità della presenza geografica e sulla solidità del rapporto con i partner commerciali, intende sostenere la redditività del business. I capisaldi di questo programma sono: il forte sostegno ai marchi con progetti di comunicazione coerenti con gli obiettivi di ognuno; la ricerca continua per il miglioramento del prodotto e per offrire al consumatore una scelta adeguata alle aspettative di qualità e livello di prezzo; la concentrazione su alcuni Paesi e città chiave per il rinnovo della rete di vendita e la definizione di priorità geografiche per cogliere al massimo il maggiore dinamismo di alcune aree. Nella prima parte dell anno, in particolare, si confermano gli effetti negativi sui margini derivanti dall inflazione nei prezzi delle materie prime, i cui ultimi dati evidenziano un rallentamento, in particolare per il cotone, con possibili effetti positivi a partire dalla seconda metà dell anno. Il Gruppo continuerà ad agire con determinazione per la massima efficienza dei processi produttivi e di sourcing, e l ottimizzazione dei costi sia delle strutture centrali, sia di quelli legati all attività di vendita diretta. Complessivamente tuttavia, per effetto in primo luogo della pressione sui ricavi, il risultato operativo non potrà migliorare e, in conseguenza del maggior costo del debito, anche il risultato netto potrà calare leggermente. L anno 2012 vedrà inoltre il proseguimento ed ampliamento del programma di investimenti, in particolare nell area commerciale, volto a migliorare ed accrescere la rete di vendita attraverso acquisizioni di nuove posizioni e il rinnovo di alcuni prestigiosi negozi, a conferma della stretta funzionalità degli immobili rispetto alla strategia di Benetton come si è venuta articolando nel corso di molti anni.

20 20 IL GRUPPO BENETTON ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO Risultati consolidati del Gruppo Conto economico consolidato Vengono di seguito evidenziati i dati economico-reddituali salienti relativi all esercizio 2011 e 2010, tratti dallo schema di conto economico classificato per destinazione (le variazioni percentuali sono calcolate su dati puntuali). (in milioni di euro) 2011 % 2010 % Variazione % Ricavi , ,0 (21) (1,0) Consumo materiali e lavorazioni esterne , ,6 47 4,7 Salari, stipendi e oneri relativi 78 3,8 80 3,9 (2) (1,9) Ammortamenti industriali 14 0,7 14 0,7 - (1,4) Altri costi industriali 34 1,7 34 1,6-1,3 Costo del venduto , ,8 45 4,1 Margine lordo industriale , ,2 (66) (6,9) Distribuzione e trasporti 72 3,5 73 3,6 (1) (1,4) Provvigioni 86 4,3 86 4,2-0,3 Margine di contribuzione , ,4 (65) (8,2) Stipendi e oneri relativi 181 8, ,5 6 3,3 Pubblicità e promozionali (A) 58 2,8 55 2,7 3 4,4 Ammortamenti 88 4,3 89 4,3 (1) (0,2) Altri costi e proventi , ,3 (46) (15,6) - di cui oneri/(proventi) non ricorrenti 5 0,2 32 1,6 (27) (85,7) Spese generali e oneri operativi , ,8 (38) (6,2) - di cui oneri/(proventi) non ricorrenti 5 0,2 32 1,6 (27) (85,7) Risultato operativo (*) 149 7, ,6 (27) (15,4) Utili/(Perdite) di imprese collegate - - (1) (0,1) 1 n.s. (Oneri)/Proventi finanziari (20) (1,0) (19) (0,9) (1) 5,3 (Oneri)/Proventi netti da coperture valutarie e differenze cambio (10) (0,4) 12 0,6 (22) n.s. Utile ante imposte 119 5, ,2 (49) (28,8) Imposte 42 2,1 65 3,2 (23) (34,7) - di cui imposte non ricorrenti ,2 (4) n.s. Utile netto dell'esercizio 77 3, ,0 (26) (25,1) attribuibile a: - Azionisti della Società Capogruppo 73 3, ,0 (29) (28,3) - Azionisti di minoranza 4 0,2 1 n.s. 3 n.s. (A) Di cui 14 milioni verso imprese controllanti e correlate relativi al 2011 (11 milioni nel 2010). (*) Il risultato operativo della gestione corrente, al netto delle poste non ricorrenti, risulta pari a 154 milioni con un incidenza sui ricavi del 7,6% (208 milioni nel 2010 con un incidenza del 10,1%).

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli