IL B2B IN ITALIA: FINALMENTE PARLANO I DATI OSSERVATORIO B2B, III RAPPORTO, MARZO esupply Chain eprocurement. in collaborazione con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL B2B IN ITALIA: FINALMENTE PARLANO I DATI OSSERVATORIO B2B, III RAPPORTO, MARZO 2004. esupply Chain eprocurement. in collaborazione con"

Transcript

1 in collaborazione con Associazione Italiana di Management degli Approvvigionamenti IL B2B IN ITALIA: FINALMENTE PARLANO I DATI esupply Chain eprocurement esourcing ecatalog esupplychain Collaboration Soluzioni private Operatori B2b BravoSolution Italcementi Group OSSERVATORIO B2B, III RAPPORTO, MARZO 2004 i.p. esupplychain Execution Extranet di ecatalog Extranet di esourcing esupplychain Collaboration su EDI e/o Internet esupplychain Execution su EDI e/o Internet emarketplace Consortili ecatalog Service Provider esourcing Service Provider esupplychain Service Provider basati su Internet ecatalog Process Outsourcer esourcing Process Outsourcer Value Added Network

2 I N D I C E Indice Introduzione...3 Executive Summary Il B2b in Italia: una visione d assieme...15 Uno schema di riferimento...15 L avvento di Internet...16 Lo scenario attuale...17 L ecommerce B2b...18 I trend evolutivi...20 Gli impatti organizzativi L eprocurement...25 I differenti approcci...25 I volumi di acquisto...16 Gli scenari attesi...27 L esourcing...28 Gli strumenti...28 I modelli di esourcing...30 Lo scenario attuale...31 I volumi in gioco...33 Il ruolo degli Operatori B2b...33 I trend attesi...36 Lato buyer: i benefici e le criticità...37 Lato seller: le criticità e i benefici...38 L ecatalog...43 Gli strumenti...43 I modelli di ecatalog...44 Lo scenario attuale...46 I volumi in gioco...47 I trend attesi...48 Lato buyer: i benefici e le criticità...48 Lato seller: i benefici e le criticità L esupply Chain...53 I differenti approcci...53 L esupply Chain Execution...57 Gli strumenti...57 I modelli di esupply Chain Execution...58 La situazione attuale...59 I benefici e le criticità...61 I trend attesi...62 L esupply Chain Collaboration...63 Gli strumenti...63 I modelli di esupply Chain Collaboration...64 La situazione attuale...65 I benefici e le criticità...66 I trend attesi Le scelte tecnologiche...75 Le funzionalità delle piattaforme B2b...75 Le modalità di interazione B2b...79 La situazione attuale e i trend attesi...84 L architettura di riferimento per il B2b...88 Le dimensioni dell integrazione delle soluzioni B2b...93 I fornitori tecnologici Le principali filiere Automobilistico Farmaceutico Grocery Informatica Turismo Le altre filiere Nota metodologica...131

3 Copyright 2004 Associazione Impresa Politecnico Collana Quaderni AIP Registrazione n. 433 del 29 giugno 1996 Tribunale di Milano Direttore Responsabile: Umberto Bertelè Impostazione grafica: Alchimia Stampa: Litogì

4 I N T R O D U Z I O N E Introduzione Dopo gli eccessi di ottimismo e pessimismo degli scorsi anni, sta ormai diffondendosi anche in Italia una maggiore consapevolezza - finalmente critica e realistica - sulle molteplici opportunità che le nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione mettono a disposizione dei responsabili degli Approvvigionamenti e della Supply Chain di una qualsiasi organizzazione: cataloghi Web, sistemi di negoziazione online (aste e RFx), strumenti di integrazione e di collaborazione lungo la filiera. Con l obiettivo di comprendere approfonditamente e criticamente l utilizzo in Italia di questi strumenti - ma anche di quelli più tradizionali (sistemi gestionali ed EDI) - si è mosso l Osservatorio B2b della School of Management del Politecnico di Milano nella sua ultima Ricerca. La Ricerca integra l ambito di analisi oggetto della precedente indagine svolta dall Osservatorio, studiando puntualmente, oltre che i servizi messi a disposizione dagli operatori B2b terzi (Marketplace, Service Provider, Process Outsourcer, Value Added Network, ecc.), le applicazioni private, sviluppate dalle singole imprese per gestire online alcuni processi interaziendali con i propri clienti e fornitori. 3 esupply Chain eprocurement esourcing ecatalog esupplychain Collaboration esupplychain Execution Extranet di ecatalog Extranet di esourcing esupplychain Collaboration su EDI e/o Internet esupplychain Execution su EDI e/o Internet emarketplace Consortili ecatalog Service Provider esourcing Service Provider esupplychain Service Provider basati su Internet ecatalog Process Outsourcer esourcing Process Outsourcer Value Added Network Soluzioni private Operatori B2b La Ricerca, che si basa su oltre 250 studi di caso (tra aziende utenti, operatori B2b e technology provider) è il risultato di un lavoro congiunto svolto da un gruppo multidisciplinare di ricercatori del Politecnico di Milano coordinato, oltre che da chi scrive, da Stefano Mainetti e Alessandro Perego. Umberto Bertelè Andrea Rangone

5

6 E X E C U T I V E S U M M A R Y Executive summary Oltre 80 miliardi di, secondo le nostre stime, è il valore complessivo dell ecommerce B2b in Italia nel 2003, pari a circa il 5% degli scambi totali tra imprese. L ecommerce B2b La maggior parte, circa il 70%, fa ancora oggi riferimento ad alcuni grandi network settoriali basati sulle tecnologie EDI tradizionali a supporto principalmente delle attività operative della Supply Chain (in particolare il ciclo ordine-consegna-fatturazione). Il restante 30% è suddiviso tra applicazioni di esupply Chain supportate dalle tecnologie Internet - incluse quelle ibride EDI su Internet (circa 15 miliardi di ) e applicazioni Web-based di eprocurement (9,5 miliardi di ), intendendo con questo termine sia le applicazioni di esourcing a supporto della negoziazione online (aste ed RFx) sia quelle di ecatalog a supporto dell acquisto a catalogo di beni e servizi. Sebbene con un peso quantitativo ancora ridotto le applicazioni Internet based rappresentano però la vera rivoluzione nello scenario del B2b, schiudendo alle imprese opportunità assolutamente non coglibili con le tecnologie EDI tradizionali. Queste ultime, infatti, hanno avuto una buona diffusione in Italia solo in poche filiere, ove si è riuscito ad affermare uno standard ampiamente riconosciuto (in particolare, automobilistico, farmaceutico, grocery ed elettrodomestici), e, all interno di tali filiere, principalmente per supportare le attività più elementari della Supply Chain (quali, ad esempio, lo scambio di ordini e fatture) tra partner commerciali caratterizzati da elevati volumi di scambio. 5 Con l avvento di Internet lo scenario è cambiato radicalmente. Le nuove tecnologie, infatti, hanno portato a due importanti evoluzioni nel B2b italiano: l ampliamento delle reti EDI, attraverso sistemi ibridi InternetEDI e/o WebEDI, anche a partner commerciali minori (con volumi di scambi non sufficienti per giustificare relazioni basate sull EDI tradizionale) e lo sviluppo ex novo di nuove reti di integrazione della Supply Chain, basate su Extranet (soprattutto in quelle filiere non toccate, se non marginalmente, dai sistemi EDI tradizionali, come quella informatica); la nascita di nuovi applicativi innovativi, basati in particolare sulle tecnologie del Web, che, consentendo un interazione con l utente, sono in grado di supportare in modo efficace anche le attività di eprocurement (sia esourcing sia ecatalog) e le attività collaborative più spinte lungo la Supply Chain (ad esempio, condivisione dei piani di produzione e di riapprovvigionamento e co-design). A livello di eprocurement, la situazione è ancora embrionale, come dimostrato dal comportamento molto eterogeneo delle imprese: per alcune aziende eprocurement significa essenzialmente ecatalog. E questo un approccio che era particolarmente diffuso qualche anno fa e che si è poi L eprocurement

7 E X E C U T I V E S U M M A R Y ridimensionato di pari passo con il crescere della consapevolezza della rilevanza degli strumenti di esourcing. Rimane tuttavia ancora presente in non poche organizzazioni, in cui il management non ha ancora superato le barriere psicologiche e culturali alla negoziazione online; altre aziende, all opposto, si sono essenzialmente focalizzate sull esourcing, puntando sui rilevanti risultati positivi, a livello sia di efficienza dei processi che di saving, raggiungibili con gli strumenti di negoziazione online (aste ed RFx); non mancano però esempi di aziende che stanno puntando seriamente su entrambe le soluzioni, esourcing ed ecatalog, consapevoli che i maggiori benefici si possono ottenere proprio da un utilizzo sapiente e sinergico di tutti gli strumenti di eprocurement; infine, un ultima categoria è rappresentata dalle aziende la cui strategia di eprocurement dipende essenzialmente dai servizi offerti dai Marketplace consortili da loro partecipati, che nella maggior parte dei casi sono servizi di esourcing. Tra le imprese che stanno adottando soluzioni di esourcing, possiamo ulteriormente suddividere tra quelle RFx oriented, che privilegiano decisamente l utilizzo dei sistemi di richiesta di proposta/quotazione per le negoziazioni online e quelle, invece, Auction-oriented, che puntano maggiormente sulle aste (anche se ci sono imprese che stanno sempre di più adottando in modo integrato e sinergico i due strumenti, utilizzando, in particolare, i sistemi di RFx per preparare più efficacemente l evento negoziale finale basato su asta). 6 Sempre relativamente al esourcing, è importante sottolineare il ruolo rilevante che stanno svolgendo alcuni operatori specializzati (da noi denominati Sourcing Service Provider e Sourcing Process Outsourcer): sia a livello quantitativo, avendo gestito una parte consistente dei volumi complessivi negoziati online nel corso del 2003 (oltre il 50% se consideriamo anche le transazioni che questi Operatori gestiscono per conto delle aziende che li controllano), sia a livello qualitativo, avendo contribuito notevolmente alla diffusione della cultura dell esourcing in molteplici imprese medio-grandi italiane. Con riferimento, invece, alle applicazioni di ecatalog, possiamo identificare tre principali modelli di catalogo adottati dalle imprese italiane: mini cataloghi focalizzati esclusivamente sul general spending, particolarmente diffusi nelle aziende di servizi, quali banche, assicurazioni, telecomunicazioni, ecc. Si tratta di cataloghi molto snelli che includono poche migliaia di items, messi a disposizione, in genere, da un numero limitato di fornitori ed utilizzati principalmente da personale impiegatizio (in media con un buon livello di dimestichezza con il PC e, quindi, con una maggiore propensione all utilizzo dell applicazione online); cataloghi selettivi di beni e servizi per la manutenzione e la riparazione dell impiantistica industriale. Si tratta di cataloghi in genere focalizzati su un insieme selezionato di prodotti MRO (Mantainance, Repair & Operation), quelli a maggior consumo, raggruppati in un numero abbastanza limitato di categorie merceologiche. Sono utilizzati, oltre che dal personale impiegatizio, a volte anche dal personale più operativo (ad esempio, manutentori, tecnici, operai), che può presentare maggiori difficoltà nell adeguarsi al nuovo strumento online in quanto meno abituato all utilizzo dell informatica;

8 E X E C U T I V E S U M M A R Y maxi cataloghi, che includono un ampio portafoglio di prodotti MRO, cui si aggiungono, a volte, anche alcune categorie di beni strumentali, servizi e prodotti diretti (che non rientrano nei normali canali di riapprovvigionamento basati sulla pianificazione della produzione ). Raggruppano in genere alcune decine di migliaia di item, arrivando, a volte, a superare i centomila. Nella maggior parte dei casi il Catalogo è sviluppato su una piattaforma tecnologica interna (suite, Extended Erp oppure sviluppata ad hoc), eventualmente integrata, in punch out, con alcuni fornitori esterni (mentre è per ora molto limitato il ricorso ad Operatori esterni). I volumi di acquisto complessivamente supportati nel corso del 2003 attraverso tutti questi strumenti di eprocurement, sono ancora ridotti: circa 9,5 miliardi di (la stragrande maggioranza relativi all esourcing). Le ragioni di questa situazione sono molteplici: non sono poche le aziende, anche tra quelle di dimensioni maggiori e appartenenti a grandi gruppi multinazionali, che non hanno ancora iniziato ad utilizzarli; ma anche tra le aziende che si sono già avvicinate a questi strumenti innovativi, molte si trovano ancora in uno stadio embrionale di sperimentazione e apprendimento, altre presentano una bassa motivazione, a causa dello scarso commitment dimostrato dal management, altre ancora sono caratterizzate da una notevole inerzia all adozione, dovuta spesso alla scarsa attenzione posta dal management al cambiamento organizzativo che è assolutamente necessario affinché questi nuovi strumenti entrino realmente nelle abitudini e nelle routine comportamentali dei buyer. Nei casi, però, in cui si creano le condizioni favorevoli (in primis commitment del management e attenzione alla gestione del cambiamento organizzativo), i risultati si vedono chiaramente, con volumi di acquisti gestiti online che possono rappresentare quote assai rilevanti del budget complessivo (di alcune decine di punti percentuali). Testimonianza di questa situazione è che una buona parte dei volumi gestiti con i sistemi di eprocurement fa riferimento ad un numero estremamente ridotto di grandi imprese: le prime 5 per transato online concentrano complessivamente oltre il 60% del totale eprocurement italiano. 7 A livello di esupply Chain la situazione italiana vede la compresenza di modelli ormai consolidati, basati sulle tecnologie tradizionali - EDI in testa, e di modelli più innovativi, basati sulle tecnologie Internet: i primi soprattutto concentrati nelle filiere dell automotive, farmaceutico, grocery, ed elettrodomestici; i secondi, invece, maggiormente presenti in quei settori dove l EDI non si è storicamente dimostrato uno strumento adatto a supportare le relazioni di filiera (ad esempio, informatica, materiale elettrico, tessile-abbigliamento). Non mancano, tuttavia, imprese, poche a dire il vero per ora, che stanno puntando su una strategia a tutto tondo, mirata ad utilizzare in modo complementare le differenti soluzioni tecnologiche, selezionando il portafoglio di strumenti ritenuto più adeguato sulla base dei processi supportati, della tipologia di partner commerciali e delle specifiche scelte di implementazione già effettuate nel passato. L esupply Chain Tra le imprese che stanno adottando applicazioni di esupply Chain, possiamo distinguere tra quelle che hanno puntato essenzialmente sull integrazione/automa-

9 E X E C U T I V E S U M M A R Y zione dei processi più operativi (esupply Chain Execution), e quelle che invece stanno implementando anche applicazioni collaborative (esupply Chain Collaboration). 8 Tra le prime, possiamo ulteriormente identificare tre diverse tipologie: imprese che hanno adottato soluzioni di integrazione applicazione-applicazione, sia tradizionali che Internet-based, a copertura parziale o estesa del ciclo dell ordine. E il cluster più popolato : la maggior parte delle grandi aziende principalmente, ma non solo, nei settori grocery, automobilistico, farmaceutico, elettrodomestici, materiale elettrico ha, negli anni 80 e 90, investito in queste soluzioni. Il grado di adozione - in termini di tipologie di documenti, numero di partner coinvolti e percentuale del flusso documentale - è però mediamente basso, anche se fortemente dipendente dal settore merceologico e dalla dimensione aziendale; imprese che hanno sviluppato Extranet Web-based di gestione del canale commerciale. Tali applicazioni, volte a gestire la maggior parte delle fasi del ciclo dell ordine (comprese quelle di pre-vendita e post-vendita), si sono sviluppate soprattutto in quei settori dove il canale commerciale è estremamente frammentato oppure dove sono complessi i servizi pre-vendita e/o post-vendita (ad esempio, distribuzione dei prodotti informatici e dei ricambi auto); imprese che hanno sviluppato Extranet Web-based di gestione dei fornitori. Sono in genere aziende che hanno terziarizzato ai fornitori una porzione significativa del loro processo produttivo e che necessitano di uno strumento di interazione con i fornitori flessibile e poco invasivo, spesso in relazione alla limitata capacità informatica dei fornitori stessi (ad esempio, nel tessile abbigliamento e nel metal-meccanico). Le imprese, invece, che stanno adottando soluzioni di esupply Chain Collaboration, possono essere raggruppate in tre categorie principali: le aziende che si basano su tecnologie tradizionali - prevalentemente EDI, ma anche soluzioni proprietarie - per lo scambio di dati tecnici o di pianificazione (ad esempio, nell automobilstico e nel grocery); le imprese che hanno sviluppato Extranet Web based orientate a gestire in modo coordinato il proprio canale a valle. Si tratta in genere di grandi aziende che hanno demandato al loro canale parte della relazione con i clienti finali - tipicamente i processi commerciale e logistico e che, quindi, utilizzano la Extranet per trasferire al canale tutte le informazioni ed il know-how che serve per vendere e distribuire i loro prodotti (un esempio notevole è rappresentato dal comparto dell informatica) le imprese che hanno sviluppato Extranet Web based orientate a gestire in modo coordinato la propria filiera a monte. Si tratta in prevalenza di aziende che si pongono come centro-stella (hub) di reti complesse e articolate, costituite da molteplici fornitori e terzisti, e utilizzano l Extranet per gestire e controllare tale rete (significativa in questo senso la filiera del tessile-abbigliamento). Le applicazioni di esupply Chain sono responsabili, nel loro complesso, della maggior parte dell ecommerce B2b del nostro Paese: quasi il 90%, per circa 73 miliardi di di transato, ben 47 dei quali relativi ad applicazioni di esupply Chain Execution ed i restanti 25 connessi alle applicazioni di esupply Chain Collaboration. Come già messo in evidenza, la maggior parte di questi flussi fa anco-

10 E X E C U T I V E S U M M A R Y ra riferimento alle tecnologie tradizionali, EDI in particolare, anche se tali tecnologie presentano forti limiti in relazione alla loro diffusione - soprattutto verso le piccole e medie imprese - ed alla loro capacità di supportare alcuni processi interaziendali di natura collaborativa. Proprio per queste ragioni le tecnologie Internetbased stanno aprendosi un varco che, anche se ad oggi ancora poco significativo a livello quantitativo, è destinato a crescere in futuro, come meglio evidenziato nel seguito. Se quella descritta nel paragrafo precedente è la situazione attuale, quali scenari evolutivi possiamo attenderci nei prossimi anni? Senza alcuna pretesa di esaustività e ben consapevoli della difficoltà di fare previsioni in ambiti così innovativi, proviamo a sintetizzare alcuni trend che pensiamo possano svolgere un ruolo rilevante nei prossimi anni: forte penetrazione dei sistemi di esourcing, che si diffonderanno nella stragrande maggioranza delle aziende medio-grandi italiane, supportando la negoziazione (sia con sistemi di richiesta di quotazione/proposta sia con aste vere e proprie) di porzioni consistenti degli acquisti complessivi (di prodotti diretti e indiretti, di beni ad uso singolo e strumentali), anche se l effettiva penetrazione nella singola impresa dipenderà da molteplici fattori legati alle sue specificità (posizionamento nella filiera, caratteristiche dei mercati di fornitura, strategie di partnership, ecc.); forte sviluppo delle applicazioni di ecatalog, anche se il loro ruolo sarà molto meno rilevante da un punto di vista quantitativo, intercettando a livello di singola azienda una percentuale del budget degli acquisiti abbastanza contenuta (general spending ed MRO); crescita significativa dei sistemi ibridi EDI su Internet, che consentono di estendere i benefici dell integrazione della Supply Chain anche alle piccole e medie imprese, a fronte, invece di una dinamica molto più lenta dei sistemi EDI tradizionali (che continueranno a svolgere un ruolo rilevante in quei settori in cui rappresentano uno standard riconosciuto e consolidato); aumento del ruolo delle applicazioni di collaborazione lungo la Supply Chain, in particolar modo di quelle basate su Extranet Web based che supportano efficacemente l interazione uomo-applicazione, indispensabile nelle attività collaborative più strategiche; permanenza di un ruolo significativo degli operatori B2b terzi, in particolare di quelli Internet-based a supporto dell eprocurement e dell integrazione e collaborazione lungo la Supply Chain. I trend evolutivi 9 I trend sopra evidenziati porteranno importanti conseguenze organizzative sulle imprese, sia a livello di Acquisti che di Gestione della Supply Chain. In particolare, la diffusione degli strumenti innovativi di eprocurement e di esupply Chain cambierà profondamente, nei prossimi anni, il ruolo degli addetti a questi processi automatizzando una buona parte delle attività più operative e routinarie e, quindi, consentendo loro di concentrarsi sulle attività più strategiche, a valore aggiunto, quali il marketing di acquisto, lo strategic sourcing, le attività collaborative, ecc. Gli impatti organizzativi

11 E X E C U T I V E S U M M A R Y Le scelte tecnologiche L infrastruttura tecnologica per il supporto delle applicazioni B2b è fortemente condizionata dalla tipologia di relazione che si vuole instaurare fra gli attori in gioco. In prima istanza, è possibile distinguere fra soluzioni Applicazione-Applicazione (A2A), che implementano le interconnessioni B2b direttamente fra i Sistemi Informativi delle aziende, e soluzioni Uomo-Applicazione (U2A), che sono in grado di esporre i propri servizi applicativi, mediante un apposita interfaccia, agli utenti. I progetti della tipologia A2A, che riguardano soprattutto applicazioni di esupply Chain, richiedono la definizione di formati di codifica dei dati comuni fra le aziende che vogliono instaurare la comunicazione. L approccio tipico seguito dalle aziende italiane è stato quello di scegliere lo standard internazionale di codifica dei dati EDI (nella sua declinazione EDIFACT) e di avvalersi per il servizio di interconnessione, su linee dedicate, di operatori specializzati (i cosiddetti Value Added Network o VAN). L avvento delle tecnologie Internet ha permesso, in taluni casi, l evoluzione della comunicazione verso il canale Internet (InternetEDI) e/o la sua apertura, mediante un interfaccia Web, ad operatori umani (WebEDI). 10 L approccio tradizionalmente alternativo all EDI è quello di ricorrere a formati di codifica proprietari (tracciati record) e di procedere ad uno scambio informativo mediante connessioni punto-punto. Hanno in genere scelto quest approccio le aziende medio/piccole e quelle non appartenenti a settori nei quali l EDI risulti largamente diffuso. Le tendenze attualmente in atto sono, da un lato la migrazione su Internet di questi scambi di dati, dall altro il ricorso a formati di codifica più espressivi e flessibili (quali XML) per i nuovi progetti di integrazione B2b. I progetti della tipologia U2A, che si basano nella stragrande maggioranza dei casi sull uso del Web e, quindi, sono identificabili come realizzazioni di Extranet, hanno un ampio spettro applicativo e possono coinvolgere qualsiasi processo B2b, dall esourcing all ecatalog, dall esupply Chain Execution all esupply Chain Collaboration. Relativamente all esourcing, l approccio tipicamente seguito dalle aziende esaminate è quello di implementare soluzioni applicative mediante il ricorso a suite specialistiche. La tendenza è motivata dalla specificità dei servizi applicativi richiesti (si pensi ai motori per la gestione di aste elettroniche). Proprio questa specificità, unita ai limitati requisiti di integrazione con gli altri sistemi informativi aziendali, è alla base della scelta alternativa, molto frequente nelle aziende italiane, di avvalersi di operatori specializzati (Service Provider, Process Outsoucer e Marketplace consortili). Per ciò che concerne i progetti di ecatalog si sono rilevate quattro diverse strategie di approccio. In alcuni casi si è scelto di procedere con la realizzazione mediante sviluppi ad hoc, eventualmente ricorrendo a delle componenti applicative specifiche; in altri si è proceduto implementando le funzionalità di ecatalog a partire da una suite specialistica; in altri ancora si è deciso di ricorrere a soluzioni di Extended ERP, implementando il modulo specifico del sistema gestionale aziendale; infine in taluni casi, pochi per ora, si è scelto di avvalersi di operatori specializzati esterni (Catalog Service Provider o Catalog Process Outsourcer).

12 E X E C U T I V E S U M M A R Y Relativamente ai progetti di esupply Chain, dei quali si è descritta in precedenza la componente A2A, i servizi U2A implementati sono generalmente rivolti al supporto dei processi di vendita, alla gestione dei subfornitori e alla gestione di servizi collaborativi di Knowledge Management. La matrice comune di questi progetti è il limitatissimo ricorso a suite specializzate, mentre molto comune è l approccio mediante sviluppi ad hoc o con utilizzo di prodotti Best of Breed. Una tematica chiave, comune a tutti i progetti B2b è quella dell integrazione applicativa. Da un attenta analisi delle realtà esaminate emerge che le aziende italiane stanno procedendo nei processi di integrazione secondo tre differenti direzioni. La prima, che definiamo integrazione esterna, coinvolge tutti i progetti di esupply Chain che richiedono interazioni A2A. La seconda, che definiamo integrazione interna riguarda i progetti sia di eprocurement che di esupply Chain che devono scambiare dati (ad esempio dati anagrafici e/o di tipo amministrativo) con i sistemi gestionali aziendali. La terza direzione, che definiamo integrazione orizzontale, riguarda quelle aziende che hanno implementato più progetti che coinvolgono diversi processi B2b e che si trovano ora nella necessità di gestire degli scambi informativi fra gli stessi. Automobilistico. Rappresenta la filiera più rilevante in termini di ecommerce B2b, 27 miliardi di, escludendo le relazioni di tipo captive (casa costruttrice-concessionario), con un tasso di penetrazione pari al 50% circa. La filiera per la vendita del nuovo è caratterizzata da un adozione spinta delle tecnologie tradizionali per la gestione delle relazioni tra case costruttrici e fornitori di sistemi/componenti di primo livello e tra alcuni di questi fornitori ed i loro sub-fornitori, prevalentemente a supporto dei processi di pianificazione/controllo della produzione e delle attività di co-design. Sono in fase di studio progetti Extranet Web-based di gestione dei fornitori ed a supporto del processo commerciale e di assistenza post-vendita dei concessionari. La filiera dell aftermarket, invece, è caratterizzata da un utilizzo massiccio di soluzioni di integrazione operativa tra distributori e produttori di componenti, basati prevalentemente su soluzioni applicazione-applicazione. Presenti, anche se in numero molto limitato, alcune Extranet seller-centric promosse dai produttori di componenti/ricambi e dai distributori verso i rivenditori e dalle case costruttrici verso le officine autorizzate. Relativamente all eprocurement, la filiera risente del rilevante uso dell esourcing che il Gruppo Fiat, attraverso il suo insourcer FastBuyer, ha iniziato a fare, in particolare a partire dall inizio del Le principali filiere 11 Farmaceutico. E il secondo settore in termini di valore assoluto dell ecommerce B2b (oltre 13 miliardi di ) ed il primo in termini di incidenza percentuale sul transato B2b di filiera (quasi il 70%). La maggior parte delle applicazioni di esupply Chain si è sviluppata sulle interfacce tra aziende farmaceutiche, distribuzione intermedia e farmacie. Fin dai primi anni 80, su spinta dei principali operatori della distribuzione intermedia, sono stati sviluppati sistemi di supporto al processo di riordino delle farmacie. Ad oggi più del 90% degli ordini emessi dalle farmacie sono trasferiti elettronicamente al distributore di riferimento, usualmente mediante tecnologie basate sull integrazione applicativa direttamente fornite dal distributore e fortemente integrate con il sistema gestionale della farmacia. All inizio degli anni 90 risalgono invece i primi progetti, basati su tecnologia EDI tradizionale, di integrazione operativa tra aziende farmaceutiche e operatori della distribuzione interme-

13 E X E C U T I V E S U M M A R Y dia. Ad oggi il 70% circa degli ordini emessi dalla distribuzione intermedia verso le aziende farmaceutiche è trasferito in formato elettronico (EDI tradizionale o Internet/WebEDI). Sono invece rare all interno del settore le soluzioni di tipo Extranet, così come ancora molto ridotto è l utilizzo delle applicazioni di eprcourement (anche se ci è sembrato di cogliere un importante cambiamento di tendenza proprio a partire dalla fine del 2003). 12 Grocery. In questa filiera, l ecommerce B2b, pur essendo significativo in valore assoluto (8 miliardi di ) è ancora marginale in termini di incidenza sul transato (4% circa). Le applicazioni più significative di esupply Chain sono concentrate nella relazione tra i grandi produttori (i primi 100) e gli operatori della GDO (i primi 20), dove l ecommerce B2b rappresenta circa il 20% del transato. Si tratta prevalentemente di applicazioni EDI per lo scambio elettronico di documenti a supporto dei processi transazionali di gestione del ciclo ordine-consegna-fatturazione, anche se nella stragrande maggioranza dei casi tale supporto è parziale. Le tecnologie Internet sono ad oggi prevalentemente utilizzate per implementare l EDI in modo meno costoso e complesso. In questa direzione, vanno, ad esempio, alcune soluzioni WebEDI finalizzate ad attirare nel circuito EDI molte aziende di medio-piccole dimensioni. Sono inoltre attivi alcuni progetti di Continuous Replenishment, tipicamente tra i grandi produttori e i principali operatore della GDO, per lo più supportati da forme di integrazione deboli basate sullo scambio dei dati via EDI. Il settore del Grocery è anche uno dei principali sperimentatori di soluzioni di esourcing: sono infatti numerose le imprese della filiera che utilizzano questi strumenti ed i volumi transati iniziano ad avere una qualche consistenza (il grocery rappresenta, infatti, il terzo comparto in Italia per volumi di esourcing, dopo Utility ed Automobilistico). Informatica. In questa filiera, l ecommerce B2b vale nel suo complesso circa 5,5 miliardi di e incide per circa il 30% sul totale transato B2b, forse un pò deludente visto che si tratta della filiera dell IT. Risultano poco sviluppate le soluzioni B2b tra produttori e distributori: l EDI tradizionale a supporto del ciclo ordine-consegnafatturazione è utilizzato in pochi casi. Più diffusa è la condivisione di dati di prodotto (schede tecniche) e dei dati di disponibilità di prodotto, che fluiscono regolarmente dai produttori verso i distributori, e nel senso inverso, la condivisione dei dati di venduto. Alcuni produttori hanno sviluppato delle Extranet Web based per la gestione del processo commerciale con i distributori. Molto più sviluppate risultano le iniziative B2b realizzate da produttori e distributori a supporto del canale costituito dai rivenditori in senso lato (dettaglianti, Value Added Reseller, System Integrator, ecc.). Alcune di queste Extranet, anche se di base orientate a fornire servizi di esupply Chain Execution, mostrano interessanti sviluppi in ottica di esupply Chain Collaboration. Per quanto riguarda l eprocurement, le aziende di questa filiera lo subiscono piuttosto che svilupparlo: mentre, infatti, sono ben pochi i casi significativi di utilizzo di piattaforme di esourcing ed ecatalog (anche da parte delle filiali italiane dei grandi player multinazionali), sono numerose le imprese della filiera che partecipano, anche con una certa frequenza, alle negoziazioni online organizzate dalle imprese operanti nei più disparati settori o forniscono i contenuti per i cataloghi Web di loro clienti. Turismo. Rilevante in questo comparto il ruolo giocato dalle tecnologie digitali, che complessivamente supportano transazioni per circa 8 miliardi di. Nonostante il

14 E X E C U T I V E S U M M A R Y ruolo fortemente innovativo che Internet sta iniziando a svolgere, la maggior parte di questo transato è ancora fortemente legato ai sistemi di prenotazione online per la biglietteria aerea (e ferroviaria), prevalentemente offerti dai Global Distribution System (GDS). Per ora marginale è il peso delle prenotazioni effettuate direttamente dalla agenzie sui siti Web dei Tour Operator, così come il peso del self-booking aziendale (prenotazione diretta dall ufficio n relazione ai viaggi di lavoro). Elettrodomestici. I principali produttori di questo comparto sono impegnati in progetti di adozione di soluzioni B2b sia a monte per la gestione della relazione con i fornitori di primo livello sia a valle per la gestione delle relazioni con i clienti. A monte è diffusamente adottato l EDI tradizionale per condividere i piani di produzione e di rifornimento delle linee e le informazioni sull avanzamento in produzione. A valle, con i principali clienti (mobilieri e distributori), sono attive diverse soluzioni B2b, sia basate su tecnologie proprietarie che su Extranet Web based, finalizzate alla gestione dei processi operativi (ciclo dell ordine). Ancora embrionali invece i progetti di integrazione e collaborazione con rivenditori, in genere orientati all adozione di soluzioni Extranet Web based. Marginale, per ora, è anche l utilizzo degli strumenti di eprocurement. Materiale elettrico. Il grado di adozione dell EDI tradizionale nel settore è abbastanza modesto, essendo limitato alla gestione dei dati transazionali tipicamente ordini e fatture tra i produttori e pochi grandi clienti (distributori o grandi imprese). A complemento dell EDI tradizionale alcuni produttori hanno però sviluppato delle Extranet Web based con copertura estesa del ciclo dell ordine, dal pre-vendita al post-vendita, generalmente rivolte ai distributori di materiale elettrico e ai grandi clienti diretti. Con riferimento all eprocurement, sono ancora mediamente poco utilizzati sia i cataloghi di acquisto che gli strumenti di esourcing, fatta eccezione per alcune aziende che, invece, stanno seriamente puntando su di essi. 13 Utility. Questo settore è caratterizzato da alcune grandi realtà imprenditoriali che, in quanto solo recentemente privatizzate, sono fortemente legate per tradizione (ma anche per normativa) ai processi di acquisto della Pubblica Amministrazione e, quindi, sono naturalmente vicine al concetto di gara. Proprio per questo motivo alcune di queste aziende stanno sfruttando molto efficacemente le opportunità aperte dalle tecnologie dell esourcing. Molto meno significativi, invece, in questo settore i progetti di esupply Chain, anche per via della struttura abbastanza monolitica di questa filiera. Telecomunicazioni. Anche quella delle telecomunicazioni è una filiera molto semplice in quanto a struttura. Le uniche rilevanti relazioni B2b riguardano l approvvigionamento di terminali (telefoni e telefonini) e componenti/sistemi elettronici per la rete, relazioni che, con i fornitori principali, sono spesso supportate dall EDI (e in alcuni casi da Internet/XML). Oltre a queste applicazioni di esupply Chain, alcune delle imprese del settore stanno facendo, da tempo, un buon uso degli strumenti di eprocurement, esourcing in particolare. Tessile-Abbigliamento. In un settore tradizionalmente poco incline all adozione di tecnologie informatiche - l EDI è praticamente inutilizzato alcune aziende moda hanno recentemente introdotto soluzioni Extranet Web based volte alla gestione delle relazioni con la rete di fornitori, terzisti ed in alcuni casi distributori esclusi-

15 E X E C U T I V E S U M M A R Y visti. Ancora embrionali e generalmente limitati alla comunicazione dei dati di vendita dai negozi di proprietà alla sede centrale, con tecnologie proprietarie, i progetti B2b rivolti al mondo retail. Degni di nota sono alcuni altri settori che, seppur meno pesanti in termini di ecommerce B2b rispetto a quelli precedentemente descritti, presentano però interessanti tassi di adozione degli strumenti di eprocurement: ad esempio, Banche e Assicurazioni, Construction, Oil&Gas. Un numero crescente di aziende operanti in questi comparti, infatti, sta iniziando a sfruttare bene le opportunità che le nuove tecnologie mettono a disposizione della funzione Acquisti, in particolare con riferimento all esourcing, utilizzando soprattutto le tecnologie ed i servizi messi a disposizione da alcuni operatori specializzati. Un ultima considerazione riguarda alcuni comparti che nel nostro Paese sono fortemente legati ai distretti industriali e, quindi, caratterizzati da una dominanza di piccole e medie imprese (ad esempio, ceramica, legno-arredo, metalmeccanico, occhialeria, ecc.). In questi ambiti lo scenario del B2b è pressoché deserto, fatta eccezione per qualche progetto facente capo alle aziende maggiori, magari capofiliera, oppure ad alcune interessanti iniziative consortili portate avanti con il supporto delle Istituzioni locali, con l obiettivo principale di favorire l integrazione informativa tra i vari attori della filiera (alcuni esempi significativi sono Textilebusiness e MetalC a Como, OptoIDX nel Bellunese). 14

16 I L B 2 B I N I T A L I A U N A V I S I O N E D A S S I E M E 1. Il B2b in Italia: una visione d assieme Il B2b, inteso in senso lato come insieme dei processi interaziendali cliente-fornitore supportati dalle tecnologie digitali, è un mondo complesso e composito. Al fine di comprenderlo più puntualmente introduciamo uno schema di classificazione basato su due assi di lettura (Figura 1.1): gli ambiti applicativi coinvolti e le tecnologie abilitanti. Uno schema di riferimento Con riferimento al primo asse, possiamo schematicamente fare riferimento a due macro-ambiti: l eprocurement, che include tutti gli strumenti a supporto del sourcing (dallo scouting dei fornitori fino alla negoziazione) e della gestione degli acquisti a catalogo di beni e servizi (dalla gestione della richiesta di acquisto all inoltro dell ordine al fornitore); l esupply Chain, che include tutti gli strumenti a supporto delle gestione integrata della filiera, dall automazione del ciclo ordine-consegna-fatturazione alle attività di collaborazione tra cliente e fornitore 1. Relativamente al secondo asse, le tecnologie abilitanti, possiamo raggrupparle schematicamente in due macro-categorie: tecnologie EDI 2 (o altre tecnologie proprietarie), tecnologie Internet. Fig. 1.1 esupply Chain eprocurement Il B2b: uno primo schema di riferimento 1. Si noti che in questo Rapporto abbiamo scomposto la gestione operativa degli approvvigionamenti in due distinti processi: l acquisto derivante direttamente dai sistemi di pianificazione della produzione, che riguarda, quindi, i prodotti diretti; l acquisto, invece, a catalogo, basato tipicamente su un esigenza ad impulso, che riguarda soprattutto prodotti e servizi indiretti. I due processi, proprio per la notevole differenze di modalità gestionali ed organizzative, ricadono rispettivamente nell esupply Chain e nell eprocurement 2. Per EDI (Electronic Data Interchange) si intende lo scambio di dati, formattati in modo standard, tra i sistemi informativi di due o più partner commerciali, con minimo intervento manuale; cfr. Capitoli 3 e 4 per maggiori dettagli 15 EDI (+ sistemi proprietari) Internet

17 I L B 2 B I N I T A L I A U N A V I S I O N E D A S S I E M E L avvento di Internet Utilizziamo lo schema presentato per leggere l evoluzione nel tempo del B2b. Prima dell avvento di Internet le uniche applicazioni B2b si basavano su sistemi EDI (o altre tecnologie proprietarie) con l obiettivo di supportare elettronicamente alcune attività della supply chain, tipicamente le più elementari, di natura transazionale (scambio di ordini, fatture, ecc.) (Figura 1.2). Tali applicazioni hanno avuto una ragionevole diffusione solo in alcune filiere, ove si è riuscito ad affermare uno standard ampiamente riconosciuto, e, all interno di tali filiere, esclusivamente tra partner commerciali caratterizzati da elevati volumi di scambio. Le tecnologie EDI non hanno fornito, però, alcun supporto agli altri processi chiave relativi alla gestione sia degli acquisti (quali ad esempio, la negoziazione, le gestione delle richieste di acquisto a catalogo e l annessa gestione dell ordine) che della supply chain (ad esempio, le attività collaborative), processi peraltro poco supportati anche dai sistemi gestionali e Erp tradizionali Cfr. Capitoli 3 e 4 per maggiori dettagli Con l avvento di Internet lo scenario cambia radicalmente dal punto di vista delle opportunità che si schiudono per le imprese. Le tecnologie Internet portano, infatti, a tre importanti evoluzioni nello scenario del B2b (Figura 1.2): l ampliamento delle reti EDI, attraverso sistemi ibridi InternetEDI e/o WebEDI 3, anche a partner commerciali minori, con una massa critica in termini di volumi scambiati non sufficiente per giustificare relazioni basate sull EDI tradizionale; lo sviluppo di relazioni elettroniche di integrazione della supply chain, basate su Extranet, soprattutto in quei comparti non toccati, se non molto marginalmente, dai sistemi EDI tradizionali; la nascita ex novo di nuovi applicativi, basati in particolare sulle tecnologie del Web, che, consentendo un interazione sincrona e asincrona con l utente, sono in grado di supportare in modo efficace anche le attività di eprocurement e alcune attività collaborative lungo la supply chain. Fig. 1.2 Il B2b: l avvento di Internet Il B2b pre-internet Il B2b con Internet eprocurement eprocurement eprocurement su Internet esupply Chain esupplychain su EDI tradizionali esupply Chain esupplychain su EDI tradizionali esupplychain via EDI su Internet esupplychain su Internet EDI (+ sistemi proprietari) Internet EDI (+ sistemi proprietari) Internet

18 I L B 2 B I N I T A L I A U N A V I S I O N E D A S S I E M E Dettagliamo maggiormente lo schema di Figura 1.1 per comprendere lo scenario attuale del B2b nel nostro Paese. In particolare disaggreghiamo i due macro-ambiti applicativi in quattro processi chiave, i primi due dei quali si riferiscono all eprocurement e gli altri all esupply Chain: l esourcing, che comprende tutte le attività che vanno dalla ricerca di nuovi fornitori (scouting), alla loro qualificazione e certificazione, alla fase di negoziazione vera e propria (basata su strumenti quali i sistemi di richiesta di proposta/quotazione e l asta elettronica) 4 ; l ecatalog, inteso specificatamente come processo di acquisto ricorsivo, basato su catalogo Web, di un prodotto/servizio di cui è già stato definito un contratto o comunque sono chiare tutte le specifiche della fornitura, processo che non deriva direttamente dai normali strumenti di pianificazione della produzione ; l esupply Chain Execution, che corrisponde a tutte le attività a supporto della gestione integrata del ciclo ordine-consegna-fatturazione (includendo anche le attività logistiche e amministrativo-contabili); l esupply Chain Collaboration, che include tutte quelle attività di natura collaborativa tra cliente e fornitore, a livello di pianificazione della produzione e dell approvvigionamento, di sviluppo nuovi prodotti, ecc. (ad esempio, Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment e Vendor Managed Inventory). Evidenziamo, sull asse delle tecnologie abilitanti, oltre ai sistemi EDI tradizionali e ed Internet, una terza categoria di tecnologie ibride, costituita dall EDI su Internet, che rappresenta l integrazione dei sistemi EDI con le tecnologie Internet (e include sia i sistemi di InternetEDI che quelli di WebEDI) 5. Sulla base dello schema di classificazione che ne deriva (Figura 1.3), possiamo così descrivere lo stato attuale del B2b in Italia. Lo scenario attuale 4. Cfr. paragrafo sull esourcing nel Capitolo 2 5. Crf. Capitolo 4 per maggiori dettagli 17 Sono presenti pochi ma consistenti grandi network basati su EDI tradizionale, che supportano, con diversi gradi di completezza, le attività di esupply Chain Execution, network fortemente concentrati in alcuni settori (in particolare, automobilistico, farmaceutico ed elettrodomestici), che per condizioni competitive e struttura di filiera hanno saputo storicamente definire standard ragionevolmente universali per il formato dei dati. Iniziano ad essere numerosi i progetti di integrazione delle reti EDI con le tecnologie Internet, con l obiettivo di estendere gli applicativi di esupply Chain Execution anche a quei partner di filiera con volumi di acquisto/venduto minori (alcuni esempi significativi riguardano i settori del grocery e del farmaceutico). In crescita anche le iniziative di integrazione operativa della Supply Chain basata interamente su reti Extranet (ad esempio, nel comparto dell informatica). Sono numerosi i casi di applicazioni collaborative più semplici (che estendono, ad esempio, la visibilità dei piani di produzione ai fornitori), basate su EDI tradizionale, mentre sono ancora poche le applicazioni di collaborazione più spinta, basate su Extranet (ad esempio, pianificazione collaborativa della produzione e co-design). Ancora poco diffuse sono anche le applicazioni di ecatalog, la maggior parte

19 I L B 2 B I N I T A L I A U N A V I S I O N E D A S S I E M E delle quali finalizzate soprattutto a supportare l acquisto di articoli per l ufficio e, più in generale, prodotti MRO (Manteinance, Repair & Operation). Iniziano, invece, ad essere numerose le aziende che stanno utilizzando applicazioni di esourcing, la maggior parte delle quali attraverso le piattaforme tecnologiche ed i servizi messi a disposizione da operatori specializzati. Fig. 1.3 Il B2b in Italia: lo scenario attuale 18 esupply Chain eprocurement esourcing ecatalog esupply Chain Collaboration esupply Chain Execution esupply Chain Collaboration su EDI esupply Chain Execution su EDI tradizionale esupply Chain Execution via EDI su Internet ecatalog su Internet esourcing su Internet esupply Chain Collaboration su Internet esupply Chain Execution su Internet EDI (+ sistemi proprietari) EDI su Internet Internet L ecommerce B2b Come si traduce la situazione qualitativa sopra evidenziata a livello di volumi di transazioni gestiti online? Detto in altro modo, qual è la dimensione dell ecommerce B2b in Italia? Oltre 80 miliardi di secondo le nostre stime (per una puntualizzazione di cosa è stato incluso in questo valore e del processo metodologico seguito per la sua misurazione, si veda la Nota metodologica), valore che rappresenta circa il 5% degli scambi complessivi B2b in Italia. La distribuzione di tale transato tra i differenti processi e le diverse tecnologie abilitanti evidenziate nello schema di Figura 1.3 risente fortemente delle dinamiche storiche e del differente grado di maturità delle diverse soluzioni. La maggior parte dei volumi fa ancora oggi riferimento ad alcuni grandi network settoriali basati su EDI tradizionale a supporto delle attività operative della supply chain. Più precisamente a livello di processo, oltre il 50% del transato complessivo fa riferimento ad applicazioni di esupply Chain Execution; seguono le applicazioni di esupply Chain Collaboration, con circa il 34% dei volumi, quelle di esourcing pari all 11% circa e, infine, quelle di ecatalog, che incidono per meno dell 1% (Figura 1.4).

20 I L B 2 B I N I T A L I A U N A V I S I O N E D A S S I E M E Fig. 1.4 La distribuzione dell ecommerce B2b per macro-processo esourcing 11,0% esupplychaincollaboration 34,5% ecatalogo 0,5% esupplychainexecution 54,0% eprocurement 11,5% esupplychain 88,5% A livello di tecnologie abilitanti, l EDI, come già anticipato, fa la parte del leone, concentrando oltre il 70% degli scambi complessivi; un altro 9% circa fa riferimento alle reti ibride EDI su Internet; il restante 21% transa su reti Internet pure (Figura 1.5). Fig. 1.5 La distribuzione dell ecommerce B2b per tecnologia abilitante EDI (+ sistemi proprietari) 70% EDI su Internet 9% 19 Internet 21% Interessante è anche comprendere il ruolo degli operatori B2b, intesi in senso lato come fornitori specializzati di servizi a supporto delle relazioni cliente/fornitore: Value Added Network (VAN) EDI, Marketplace consortili, operatori specializzati nell esourcing e/o nell ecatalog, Supply Chain Service Provider (per maggiori informazioni su questi differenti operatori si veda il Box Gli operatori B2b ). Complessivamente tali operatori intercettano una parte consistente del totale ecommerce, pari quasi al 50% (Figura 1.6), anche se la maggior parte è concentrato nelle mani dei VAN EDI tradizionali. Un ultima considerazione riguarda la distribuzione dell ecommerce B2b in relazione alle diverse filiere merceologiche (Figura 1.7).

Sistemi ICT per il Business Networking

Sistemi ICT per il Business Networking Corso di Laurea Specialistica Ingegneria Gestionale Sistemi ICT per il Business Networking e-supply Chain Docente: Vito Morreale (vito.morreale@eng.it) 21 May 2006 1 e-supply Chain esupply Chain: gestione

Dettagli

Sistemi ICT per il Business Networking

Sistemi ICT per il Business Networking Corso di Laurea Specialistica Ingegneria Gestionale Sistemi ICT per il Business Networking e-procurement Docente: Vito Morreale (vito.morreale@eng.it) 21 May 2006 1 Macro-processi e-procurement e-sourcing:

Dettagli

L Osservatorio eprocurement nella PA. L Osservatorio eprocurement nella PA. La missione dell Osservatorio B2b

L Osservatorio eprocurement nella PA. L Osservatorio eprocurement nella PA. La missione dell Osservatorio B2b L Osservatorio eprocurement nella PA La missione dell Osservatorio B2b Studiare approfonditamente e criticamente l impatto delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione basate su Internet

Dettagli

I modelli di emarketplace in Italia ed in Europa

I modelli di emarketplace in Italia ed in Europa SCUOLA DI INGEGNERIA GESTIONALE POLITECNICO DI MILANO I modelli di emarketplace in Italia ed in Europa Mercoledì 28 Gennaio 2004 La missione L Osservatorio B2b del Politecnico di Milano Studiare approfonditamente

Dettagli

DAI MARKETPLACE AI SERVIZI DI SOURCING, PROCUREMENT E SUPPLY CHAIN COLLABORATION

DAI MARKETPLACE AI SERVIZI DI SOURCING, PROCUREMENT E SUPPLY CHAIN COLLABORATION ASSOCIAZIONE IMPRESA POLITECNICO ro ess out ourcing equest for proposa equest for quote etende pplication service provider Asp atalogue eprocure-ment online auc DAI MARKETPLACE AI SERVIZI DI SOURCING,

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Il programma. Elementi di e-commerce. Cosa è il commercio elettronico per le imprese e per le persone fisiche

Il programma. Elementi di e-commerce. Cosa è il commercio elettronico per le imprese e per le persone fisiche Il programma Elementi di e-commerce un punto di vista aziendale 1^ giornata: definizioni, scenario e introduzione all e-commerce 2^ giornata: i progetti B2B e B2C 3^ giornata: case history B2B e B2C e-commerce

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Fatturazione Elettronica: evoluzioni e opportunità

Fatturazione Elettronica: evoluzioni e opportunità Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione Fatturazione Elettronica: evoluzioni e opportunità Alessandro Perego Osservatori ICT & Management School of Management Politecnico di Milano

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

Una definizione. Il trend dell e-procurement. I vantaggi. I fattori critici di successo. Le modalità di applicazione.

Una definizione. Il trend dell e-procurement. I vantaggi. I fattori critici di successo. Le modalità di applicazione. L e-procurement Principali tematiche Il trend dell e-procurement Cos è Attori 2/13 Tipologie l utilizzo di Applicazioni Web-Based in grado di svolgere in maniera semi-automatica i processi di approvvigionamento

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Sistemi ICT per il Business Networking

Sistemi ICT per il Business Networking Corso di Laurea Specialistica Ingegneria Gestionale Sistemi ICT per il Business Networking Le tecnologie per il B2B Docente: Vito Morreale (vito.morreale@eng.it) 21 May 2006 1 Le tecnologie per il B2B

Dettagli

LM Ingegneria Gestionale ICT & Business Management

LM Ingegneria Gestionale ICT & Business Management LM Ingegneria Gestionale ICT & Business Management 1 ICT: il peso nelle borse mondiali... 1 1 Apple (B$ 528) Classifica capitalizzazione di borsa 31 31 Vodafone (B$141) 5 4 Microsoft (B$260) 5 IBM (B$236)

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA Chi conosce la storia del Mago di Oz, ricorderà perfettamente che il Mago non regala nulla che i bizzarri personaggi non abbiano già in sé. Nel corso delle

Dettagli

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Osservatorio ITS School of Politecnico di Milano Alessandro Perego 14 Novembre 2007 L Osservatorio Intelligent

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ORANGE TIRES Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... pag. XV ED EVOLUZIONE DEL RAPPORTO

INDICE SOMMARIO. Introduzione... pag. XV ED EVOLUZIONE DEL RAPPORTO Introduzione... pag. XV CAPITOLO I LOGISTICA ED ICT: CONCETTI INTRODUTTIVI ED EVOLUZIONE DEL RAPPORTO 1.1 La definizione ed il ruolo della logistica... pag. 1 1.2 L evoluzione del concetto di logistica...»

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso SIOS

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso SIOS Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso SIOS Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.4 Le opportunità per le imprese derivanti

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

eprocurement: modelli di business e offerta del mercato per le PA

eprocurement: modelli di business e offerta del mercato per le PA eprocurement: modelli di business e offerta del mercato per le PA Stefano De Capitani ASSINTEL www.assintel.it L'innovazione negli acquisti di beni e servizi: un bilancio delle esperienze di e-procurement

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

La Digitalizzazione dei processi di filiera

La Digitalizzazione dei processi di filiera Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione La Digitalizzazione dei processi di filiera Daniele Marazzi Osservatori ICT & Management School of Management Politecnico di Milano Agenda L

Dettagli

Fatturazione Elettronica e Integrazione del Ciclo dell Ordine

Fatturazione Elettronica e Integrazione del Ciclo dell Ordine Fatturazione Elettronica e Integrazione del Ciclo dell Ordine Paolo A. Catti Politecnico di Milano paolo.catti@polimi.it Agenda Gli ambiti applicativi e l impatto sulla catena del valore I diversi mondi

Dettagli

ERP o pacchetto gestionale? Una

ERP o pacchetto gestionale? Una FEBBRAIO 2012 Quali sono le principali differenze fra una soluzione di Enterprise Resource Planning e un pacchetto gestionale, quali le raccomandazioni per chi deve scegliere un ERP? E quando è arrivato

Dettagli

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Stefano Mainetti mainetti@fondazionepolitecnico.it Tavola rotonda di Zerouno Milano, 12 giugno 2008 Agenda Ecosistema

Dettagli

Introduzione al Commercio elettronico

Introduzione al Commercio elettronico Introduzione al Commercio elettronico Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Cos'è il commercio elettronico

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AZIENDALE E-COMMERCE

AMMINISTRAZIONE AZIENDALE E-COMMERCE ` This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva

Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva Paolo Catti paolo.catti@polimi.it Umberto Zanini umzanini@tin.it Giusella Finocchiaro giusella.finocchiaro@studiolegalefinocchiaro.it 20-21 giugno 2011

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

LA TECNOLOGIA EDI. un esempio di IOS un esempio di sistema CE B2B

LA TECNOLOGIA EDI. un esempio di IOS un esempio di sistema CE B2B LA TECNOLOGIA EDI un esempio di IOS un esempio di sistema CE B2B Cos è e perché è stata inventata la tecnologia EDI? CLIENTE FORNITORE connessione manuale CLIENTE FORNITORE connessione manuale CLIENTE

Dettagli

Il Corporate Banking Interbancario:

Il Corporate Banking Interbancario: Il Corporate Banking Interbancario: nuovi servizi a supporto degli stakeholders Massimo Bolchini Direttore Tecnico Indicod-Ecr Roma, 6 novembre 2006 www.indicod-ecr.it La rappresentatività di Indicod-Ecr

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione

Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione Servizi e soluzioni per la logistica dei documenti del ciclo dell ordine; dalla generazione alla gestione, distribuzione e conservazione sostitutiva

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ALCEA

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ALCEA Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ALCEA Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei processi

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica Mobile & wireless Con applicazioni Mobile & Wireless si intendono le applicazioni a supporto dei processi aziendali che si basano su: rete cellulare, qualsiasi sia il terminale utilizzato (telefono cellulare,

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT ITALIANO AD UNA SVOLTA

IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT ITALIANO AD UNA SVOLTA IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT ITALIANO AD UNA SVOLTA La rapida crescita della domanda di servizi di Facility Management nel nostro Paese ha innescato solo in parte un processo di crescita qualitativa

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAMECCANICA.

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAMECCANICA. Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAMECCANICA.DATA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.5

Dettagli

I Gruppi di Lavoro settoriali sono una delle iniziative che Assintel sviluppa per i propri associati.

I Gruppi di Lavoro settoriali sono una delle iniziative che Assintel sviluppa per i propri associati. NUOVI SISTEMI DI PAGAMENTO ELETTRONICO L impatto sul punto cassa A cura del Gruppo di Lavoro Assintel Innovazione nel Retail Claudio Carli Marketing & Communication Manager Ingenico Italia Spa Federico

Dettagli

Premio Innovazione ICT Smau Business Roma. Roma, 24 marzo

Premio Innovazione ICT Smau Business Roma. Roma, 24 marzo Premio Innovazione ICT Smau Business Roma 1 Pierantonio Macola Amministratore Delegato Smau 2 Il nuovo ruolo di Smau In due giorni tutta l innovazione di cui hanno bisogno le imprese e le Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

Soluzioni efficaci per gli acquisti della vostra azienda CONSULENZA SUPPORTO OPERATIVO RIDUZIONE DEI COSTI

Soluzioni efficaci per gli acquisti della vostra azienda CONSULENZA SUPPORTO OPERATIVO RIDUZIONE DEI COSTI Soluzioni efficaci per gli acquisti della vostra azienda CONSULENZA SUPPORTO OPERATIVO RIDUZIONE DEI COSTI VPS IN SINTESI VPS - Value Purchasing Solutions dal 2005 offre alle imprese un supporto specializzato,

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

Come ridurre i costi e recuperare efficienza nella gestione degli Asset del Settore Alimentare

Come ridurre i costi e recuperare efficienza nella gestione degli Asset del Settore Alimentare Come ridurre i costi e recuperare efficienza nella gestione degli Asset del Settore Alimentare From FARM to FORK Farm Fork 2 Alcuni trend di Settore Pressione crescente della compliance normativa: qualità,

Dettagli

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Paolo Paganelli, Product Manager Gruppo Formula e-mail: paolo.paganelli@formula.it Valentino Pluda, Direttore Produzione/Logistica, FLOS spa e-mail:

Dettagli

LOGISAN S.p.A. Company Profile

LOGISAN S.p.A. Company Profile Company Profile tel.0552373019 - fax tel. 0552374069 - Pag. 1/7 Chi Siamo Nata nel 2004 dall'esigenza di un gruppo di strutture sanitarie Logisan è un azienda che aggrega il potere di acquisto e mette

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Dall obbligo normativo all opportunità di business

Dall obbligo normativo all opportunità di business TECNOLOGIE E SOLUZIONI INFORMATICHE Guido Chiara Project Manager TESI SPA Dall obbligo normativo all opportunità di business www.gruppotesi.com L azienda e gli obblighi normativi BCM 196 231 262 SOX Basilea

Dettagli

PMI: innovare e competere con le ICT. I risultati quantitativi dell Osservatorio sulle ICT nelle PMI

PMI: innovare e competere con le ICT. I risultati quantitativi dell Osservatorio sulle ICT nelle PMI I risultati quantitativi dell Osservatorio sulle ICT nelle PMI Giugno 2006 Copyright 2006 Politecnico di Milano - Dipartimento di Ingegneria Gestionale Collana Quaderni AIP Registrazione n. 433 del 29

Dettagli

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001 Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco 19 Novembre 2001 Valutare la trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto, misurando lo stato attuale di maturità

Dettagli

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 03/02/2008 (materiale da: Manuali e lucidi su sito CNIPA, in particolare di M. Gentili)

Dettagli

Dipendenti. Impresa. Pubblico. clienti e il sito web è uno strumento di comunicazione che può rivolgersi potenzialmente a tutti i pubblici aziendali.

Dipendenti. Impresa. Pubblico. clienti e il sito web è uno strumento di comunicazione che può rivolgersi potenzialmente a tutti i pubblici aziendali. Rossella Gambetti Dottoranda di ricerca Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano rossella.gambetti@unicatt.it Le strategie di business marketing nelle imprese manifatturiere italiane: un indagine

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE PER LA NET ECONOMY. Seminario di Laboratorio di E-Commerce. 16 Novembre 2005. Economia aziendale per la net economy

ECONOMIA AZIENDALE PER LA NET ECONOMY. Seminario di Laboratorio di E-Commerce. 16 Novembre 2005. Economia aziendale per la net economy ECONOMIA AZIENDALE PER LA NET ECONOMY Seminario di Laboratorio di E-Commerce 16 Novembre 2005 Cos è l e-commerce... è la posta elettronica?... è l EDI (Electronic Data Interchange)?... è il video on demand?...

Dettagli

www.osservatori.net - CHI SIAMO

www.osservatori.net - CHI SIAMO Virtual Workspace ed Enterprise 2.0: prospettive e barriere di una rivoluzione annunciata Mariano Corso Politecnico di Milano www.osservatori.net - CHI SIAMO Nati nel 1998, gli Osservatori ICT della School

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione

Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione School of Management Politecnico di Milano 20 Giugno 2012 Agenda Task 1 Il monitoraggio della diffusione Le attività e gli obiettivi La metodologia

Dettagli

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa Store.Valtellina.it Descrizione iniziativa Sondrio, 28 Maggio 2010 1 STORE.VALTELLINA.IT - INFORMATIVA ALLE IMPRESE 1.1 Introduzione Store.Valtellina.it nasce per promuovere i prodotti di eccellenza del

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO marketing highlights Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO A cura di: Marino Serafino Identificazione del settore Produzione e distribuzione di attrezzature, soluzioni e componenti di arredo

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

RSA ED ACQUISTI Nuove strategie per il 2013. Spa. Logisan. Giacomo Bagni. Centro Geriatrico San Pietro - Monza

RSA ED ACQUISTI Nuove strategie per il 2013. Spa. Logisan. Giacomo Bagni. Centro Geriatrico San Pietro - Monza RSA ED ACQUISTI Nuove strategie per il 2013 Logisan Spa Giacomo Bagni Centro Geriatrico San Pietro - Monza Logisan Spa Il nostro miglior prodotto è il servizio Operiamo sul mercato dal 2005 Copriamo tutto

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN EXECUTIVE OPEN PROGRAMS La Divisione Executive Open Programs di MIP disegna ed eroga Programmi a catalogo, ovvero percorsi

Dettagli

LA TECNOLOGIA EDI. un esempio di IOS un esempio di sistema CE B2B

LA TECNOLOGIA EDI. un esempio di IOS un esempio di sistema CE B2B LA TECNOLOGIA EDI un esempio di IOS un esempio di sistema CE B2B Cos è e perché è stata inventata la tecnologia EDI? CLIENTE FORNITORE connessione manuale CLIENTE FORNITORE connessione manuale CLIENTE

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

DOTAZIONE FINANZIARIA

DOTAZIONE FINANZIARIA BANDO BENEFICIARI BANDO IMPRESA DIGITALE Il Bando Impresa digitale è un iniziativa di Regione Lombardia, insieme alle Camere di Commercio di Milano, di Monza e Brianza, di Varese, di Cremona, di Lecco,

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi I sistemi operazionali complementari Copyright 2011 Pearson Italia Sistemi di supporto primario all ERP Le aree tradizionalmente coperte dai sistemi ERP

Dettagli

Omega Veneto. Azienda IN PRIMO PIANO. CONGIUNTURA L economia veneziana nel primo trimestre 2008

Omega Veneto. Azienda IN PRIMO PIANO. CONGIUNTURA L economia veneziana nel primo trimestre 2008 Pubblicazione settimanale dell Unione degli Industriali della Provincia di Venezia Informa-Imprese Anno XXII n. 12 del 3 luglio 2008 Euro 0,90 - Sped. abb. post. 45% D.L. 353/2003, art. 1, comma 1, D.C.B.

Dettagli

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it Smartphone e Tablet hanno registrato tassi di crescita in termini di acquisti turistici pari rispettivamente al 70% e al 20%. Credit: Sony Xperia Cresce il turismo in Italia, giunto ormai nel 2015 a un

Dettagli

GUIDE. ebusiness & PMI UN BINOMIO POSSIBILE. Una guida per orientarsi nella scelta delle soluzioni ebusiness per innovare l impresa

GUIDE. ebusiness & PMI UN BINOMIO POSSIBILE. Una guida per orientarsi nella scelta delle soluzioni ebusiness per innovare l impresa Dipartimento Net-Economy Servizio ebusiness e Proprietà Industriale GUIDE Campagna nazionale per la promozione dell e-business nelle PMI ebusiness & PMI Una guida per orientarsi nella scelta delle soluzioni

Dettagli

Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza. L'E-Procurement nell'azienda estesa della conoscenza. Agenda. Il Gruppo Snaidero

Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza. L'E-Procurement nell'azienda estesa della conoscenza. Agenda. Il Gruppo Snaidero BICOCCA PER LE IMPRESE seminario Tecnologie Informatiche e Supply Chain Management (SCM), Università di Milano Bicocca 18.09.2003 Milano, 18 Settembre 2003 Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

Fatturazione Elettronica e Digitalizzazione dei processi

Fatturazione Elettronica e Digitalizzazione dei processi Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione Fatturazione Elettronica e Digitalizzazione dei processi Daniele Marazzi Osservatori ICT & Management School of Management Politecnico di Milano

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano

Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 1 Gli obiettivi e la metodologia della Ricerca Gli obiettivi

Dettagli

Appuntamenti con gli Operatori. Progetto

Appuntamenti con gli Operatori. Progetto SIRMI Appuntamenti con gli Operatori Progetto IL CANALE E I VENDOR In un tessuto economico-industriale parcellizzato e frammentato come quello del Sistema della Domanda in Italia, il ruolo del Canale è

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli