Bilancio d Esercizio di UBI Banca Scpa. al 31 dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio d Esercizio di UBI Banca Scpa. al 31 dicembre 2013"

Transcript

1 Bilancio d Esercizio di UBI Banca Scpa al 31 dicembre 2013

2

3 Relazione sulla gestione

4 UBI Banca: principali dati e indicatori 1 INDICI DI STRUTTURA Crediti netti verso clientela / totale attivo 34,1% 30,8% 22,1% 20,5% 19,8% 16,9% Raccolta diretta da clientela / totale passivo 50,6% 42,7% 49,7% 49,1% 33,5% 32,2% Crediti netti verso clientela / raccolta diretta da clientela 67,2% 72,1% 44,6% 41,8% 59,0% 52,4% Patrimonio netto (incluso utile/perdita d'esercizio) / totale passivo 12,5% 11,7% 10,7% 14,6% 16,8% 16,7% INDICI DI REDDITIVITÀ ROE (Utile/perdita d'esercizio / patrimonio netto incluso utile/perdita d'esercizio) 0,8% 2,6% 4,2% 2,7% 3,8% 0,2% ROTE (Utile/perdita d'esercizio / pn incluso utile/perdita d'esercizio al netto delle immobilizzazioni immateriali) 0,8% 2,6% 4,2% 2,9% 4,0% 0,2% ROA (Utile/perdita d'esercizio / totale attivo) 0,10% 0,30% 0,45% 0,40% 0,64% 0,04% Cost/income (oneri / proventi operativi) 47,9% 48,1% 96,9% 59,5% 39,4% 58,9% Spese per il personale / proventi operativi 21,5% 19,5% 43,7% 28,1% 18,0% 24,8% Dividendi / proventi operativi 34,7% 51,0% 135,2% 64,6% 78,0% 141,3% Risultato netto dell'attività finanziaria / proventi operativi 32,7% 37,3% -2,1% 27,8% 17,9% -30,1% INDICI DI RISCHIOSITÀ Sofferenze nette +incagli netti / crediti netti verso clientela 4,57% 1,83% Rettifiche di valore su sofferenze e incagli / sofferenze+incagli lordi (grado di copertura) 34,93% 48,63% Sofferenze nette / crediti netti verso clientela 1,18% 1,01% Rettifiche di valore su sofferenze / sofferenze lorde (grado di copertura delle sofferenze) 60,13% 61,25% Sofferenze nette / patrimonio di vigilanza 2,16% 1,60% COEFFICIENTI PATRIMONIALI Basilea 2 AIRB Tier 1 (patrimonio di base / totale attività ponderate) 50,36% 56,23% 59,23% 67,64% 67,04% 45,89% Total capital ratio [(patrimonio di vigilanza+tier 3) / totale attività ponderate] 71,22% 84,49% 85,62% 90,42% 95,15% 64,25% Patrimonio di vigilanza (dati in migliaia di euro) di cui: Patrimonio di base dopo l'applicazione dei filtri prudenziali e deduzioni specifiche (Tier 1) Attività di rischio ponderate DATI ECONOMICI, PATRIMONIALI (in migliaia di euro), OPERATIVI E DI STRUTTURA (numero) Utile (perdita) d'esercizio ( ) Utile d'esercizio normalizzato Proventi operativi Oneri operativi ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) Crediti netti verso clientela di cui: sofferenze nette incagli netti Raccolta diretta da clientela Patrimonio netto (incluso utile/perdita d'esercizio) Attività immateriali Totale attivo Sportelli in Italia Forza lavoro a fine esercizio (dipendenti effettivi in servizio + collaboratori con contratto di somministrazione) Forza lavoro media (dipendenti effettivi in servizio + collaboratori con contratto di somministrazione) (*) Gli indicatori sono stati costruiti utilizzando i dati riclassificati riportati nel capitolo Prospetti riclassificati, prospetti di conto economico al netto delle più significative componenti non ricorrenti e prospetti di raccordo. Le informazioni relative al titolo azionario sono contenute nello specifico capitolo della presente Relazione sulla Gestione. Relativamente all esercizio 2011, gli indici di redditività sono stati costruiti utilizzando l utile d esercizio ante rettifiche di valore su partecipazioni del Gruppo, avviamento e attività immateriali, pari a migliaia di euro. (*) Nel calcolo della forza lavoro media i dipendenti part-time vengono convenzionalmente considerati al 50%. 372 Relazioni e Bilanci 2013

5 La struttura organizzativa di UBI Banca Unione di Banche Italiane Scpa, Banca cooperativa quotata alla Borsa di Milano, è a capo dell omonimo Gruppo bancario strutturato secondo un modello organizzativo di tipo federale, polifunzionale, con un offerta differenziata per mercato. In qualità di Capogruppo, UBI Banca svolge funzioni di indirizzo strategico (definendo il disegno imprenditoriale del Gruppo), di presidio delle funzioni di business (attraverso il supporto ed il coordinamento delle attività commerciali delle Banche Rete e delle Società Prodotto), di monitoraggio dei rischi, nonché di fornitura di servizi accentrati (direttamente o attraverso Società controllate). Sotto il profilo della governance, UBI Banca ha adottato il sistema dualistico, nel pieno rispetto delle prerogative e delle specificità dei due organi sociali cui sono in capo le responsabilità, distinte, di sorveglianza e di gestione. Nel corso del 2013 la struttura organizzativa della Capogruppo, relativamente al primo ambito presentato nell organigramma, non ha subito significative modifiche, fatta salva la formalizzazione, avvenuta con decorrenza 1 novembre 2013, di alcuni riporti funzionali che hanno interessato la struttura in staff al Consiglio di Sorveglianza, il Direttore Affari Generali e Partecipazioni e la struttura in staff al Consiglio di Gestione, allocata nell ambito dell Area Affari Societari, Partecipazioni e rapporti con le Authorities. Organigramma di UBI Banca Scpa CHIEF AUDIT EXECUTIVE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO ATTIVITÀ DI AUDIT CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA CONSIGLIO DI GESTIONE SUPPORTO AL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA AUDIT DI CAPOGRUPPO E DI PROCESSO AUDIT RETI BANCARIE AUDIT CONTROLLI ACCENTRATI AUDIT SOCIETÀ PRODOTTO CONSIGLIERE DELEGATO CHIEF FINANCIAL OFFICER INVESTOR E MEDIA RELATIONS PRINCIPI E CONTROLLI CONTABILI E LEGGE 262 ANNUAL & PERIODIC REPORTS PIANIFICAZIONE STRATEGICA, ALM E STUDI CONTROLLO DI GESTIONE AMMINISTRAZIONE E FISCALE CHIEF RISK OFFICER CUSTOMER CARE PRESIDIO RATING DI GRUPPO DIRETTORE AFFARI GENERALI E PARTECIPAZIONI RISCHI DI GESTIONE RISCHI DI NON CONFORMITÀ RISCHI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO RISK GOVERNANCE AFFARI SOCIETARI, PARTECIPAZIONI E RAPPORTI CON LE AUTHORITIES AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO OPERAZIONI STRAORDINARIE DIRETTORE GENERALE CHIEF LENDING OFFICER POLITICHE E QUALITÀ DEL PORTAFOGLIO CHIEF BUSINESS OFFICER MODELLI DISTRIBUTIVI, PIANIFICAZIONE E REPORTING CHIEF OPERATING OFFICER PREVENZIONE E PROTEZIONE SUL LAVORO CREDITI CREDITO ANOMALO E RECUPERO CREDITI RETAIL PRIVATE & CORPORATE UNITY ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE UBISS UBI ACADEMY CANALI DIRETTI E COMUNICAZIONE FINANZA OTTIMIZZAZIONE COSTI GLOBAL TRANSACTION E OPERATIONS Organi di Gestione e Controllo Area Servizio Funzione Aree, Servizi e Funzioni di Staff Società in coordinamento operativo L attività di Responsabilità Sociale d Impresa (CSR) è allocata alle dirette dipendanze del Chief Financial Officer. Relazione sulla gestione 373

6 Premessa Per quanto concerne i seguenti aspetti dell informativa sull attività di UBI Banca nel 2013: - lo SCENARIO DI RIFERIMENTO; - gli EVENTI RILEVANTI DELL ESERCIZIO; - l ATTIVITÀ COMMERCIALE, i CANALI A DISTANZA e la MONETICA; - l ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO; - il SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI; - le NOVITÀ FISCALI; - gli ADEMPIMENTI IN TEMA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI si fa rinvio alle specifiche parti della Relazione sulla gestione consolidata. 374 Relazioni e Bilanci 2013

7 Le risorse umane COMPOSIZIONE DELL'ORGANICO PER "FORZA LAVORO" Numero Variazione Dipendenti a libro matricola di UBI Banca Dipendenti distaccati presso altre Società del Gruppo di cui: presso UBI Sistemi e Servizi Dipendenti distaccati da altre Società del Gruppo Totale Dipendenti effettivi in servizio presso UBI Banca Collaboratori con contratto di somministrazione Totale "forza lavoro" La forza lavoro al 31 dicembre 2012 è stata ricostruita per tenere conto dell incorporazione di Centrobanca avvenuta con efficacia 6 maggio Al 31 dicembre 2013 i lavoratori dipendenti a libro matricola di UBI Banca totalizzavano risorse, in calo di 467 unità rispetto all anno precedente. Tale dinamica è la risultante, da un lato, di 321 inserimenti dei quali 307 per passaggi infragruppo a fronte di 14 assunzioni (10 a tempo indeterminato e 4 a tempo determinato) e, dall altro, di 788 cessazioni (667 per passaggi infragruppo, 86 per ingresso al fondo di solidarietà, 3 per quiescenza incentivata, 16 per dimissioni volontarie e 16 per altri motivi). Le 86 uscite per ingresso al fondo di solidarietà registrate a libro matricola si riferiscono per 55 unità a risorse operative in UBI Banca, per 7 unità a risorse precedentemente operative in Centrobanca e per 24 unità a risorse in servizio presso altre Società del Gruppo. Tutte rientrano nell ambito delle previsioni degli Accordi Sindacali del novembre 2012/ febbraio In termini di forza lavoro, ovvero di personale effettivamente impiegato dalla Capogruppo, l organico si presentava costituito da risorse, con un decremento di 124 unità nei dodici mesi. Come si può notare dalla tabella di dettaglio, i dipendenti distaccati da UBI Banca presso altre Società del Gruppo risultavano scesi a 942, il 55% circa dei quali, per un totale di 524 risorse, rappresentato da dipendenti in servizio presso UBI Sistemi e Servizi: il decremento rispetto al dicembre 2012 (-403 unità) è dovuto principalmente al passaggio a libro paga in UBI Sistemi e Servizi, con decorrenza 1 gennaio 2013, di 369 risorse precedentemente distaccate. Si rileva contestualmente un contenuto decremento (10 unità) delle risorse distaccate da altre Società del Gruppo, legato ai processi di efficientamento. In considerazione delle peculiarità operative di Capogruppo, la composizione dell organico per qualifica continua ad evidenziare, rispetto al dato consolidato, un relativo maggior peso delle fasce di inquadramento più elevate. COMPOSIZIONE DELL'ORGANICO PER QUALIFICA Numero Incidenza % Incidenza % Dirigenti 134 8,4% 155 9,0% Quadri Direttivi 3º e 4º livello ,2% ,1% Quadri Direttivi 1º e 2º livello ,5% ,4% 3ª Area Professionale (impiegati) ,7% ,2% 1ª e 2ª Area Professionale (altro personale) 3 0,2% 5 0,3% Totale Dipendenti effettivi in servizio presso UBI Banca ,0% ,0% A fine esercizio l età media dei dipendenti di UBI Banca si attestava a 44 anni e 9 mesi (rispetto ai 44 anni e 4 mesi del 2012), mentre l anzianità media risultava di 16 anni e 8 mesi (16 anni e 2 mesi il dato di raffronto). L incidenza del personale femminile si attestava al 39,6% (era il 36,8% a fine 2012). In merito alle politiche di remunerazione ed incentivazione si rinvia alla Relazione sulla remunerazione che viene presentata in altra parte del presente fascicolo, redatta ai sensi degli artt. 123 ter del TUF e 84 quater del Regolamento Emittenti, nonché ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione nelle banche e nei gruppi bancari emanate il 30 marzo 2011, tenendo conto, tra l altro, delle modifiche previste dall aggiornamento delle predette Disposizioni (documento posto in consultazione pubblica sino al 12 gennaio 2014). Ulteriori elementi informativi sul tema sono riportati nella Relazione sul governo societario di UBI Banca, sempre in allegato al presente fascicolo. Per quanto riguarda, infine, le politiche e gli strumenti di gestione, le relazioni sindacali, la formazione, la comunicazione interna, l ambiente di lavoro e le iniziative di welfare, trattandosi di attività coordinate a livello di Gruppo, si rimanda agli specifici paragrafi contenuti nella Relazione sulla gestione consolidata. Relazione sulla gestione 375

8 Prospetti riclassificati, prospetti di conto economico al netto delle più significative componenti non ricorrenti e prospetti di raccordo Stato patrimoniale riclassificato Importi in migliaia di euro Variazioni Variazioni % ATTIVO 10. Cassa e disponibilità liquide ,3% 20. Attività finanziarie detenute per la negoziazione ,0% 30. Attività finanziarie valutate al fair value ,7% 40. Attività finanziarie disponibili per la vendita ,4% 50. Attività finanziarie detenute sino alla scadenza ,3% 60. Crediti verso banche ,8% 70. Crediti verso clientela ,4% 80. Derivati di copertura ,7% 90. Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura generica (+/-) ,2% 100. Partecipazioni ,8% 110. Attività materiali ,9% 120. Attività immateriali di cui: avviamento Attività fiscali ,6% 140. Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione Altre attività ,4% Totale dell'attivo ,8% PASSIVO E PATRIMONIO NETTO 10. Debiti verso banche ,5% 20. Debiti verso clientela ,5% 30. Titoli in circolazione ,1% 40. Passività finanziarie di negoziazione ,0% 60. Derivati di copertura ,1% 80. Passività fiscali ,9% 100. Altre passività ,0% 110. Trattamento di fine rapporto del personale ,9% 120. Fondi per rischi e oneri: ,2% a) quiescenza e obblighi simili n.s. b) altri fondi ,5% Capitale, sovrapprezzi di emissione, riserve, riserve da valutazione e azioni proprie ,3% 200. Utile (perdita) d'esercizio ,1% Totale del passivo e del patrimonio netto ,8% I dati patrimoniali al 31 dicembre 2013 includono gli effetti della fusione per incorporazione della ex Centrobanca (efficace dal 6 maggio 2013 e dal 1 gennaio 2013 relativamente agli aspetti contabili e fiscali). I dati patrimoniale al 31 dicembre 2012 includevano gli effetti dell incorporazione della ex 24-7 (efficace dal 23 luglio 2012 e dal 1 gennaio 2012 relativamente agli aspetti contabili e fiscali, operazione che era stata preceduta dal conferimento del ramo d azienda CQS da 24-7 a Prestitalia, con efficacia dal 1 luglio 2012). 376 Relazioni e Bilanci 2013

9 Evoluzione trimestrale dei dati patrimoniali riclassificati Importi in migliaia di euro ATTIVO 10. Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie valutate al fair value Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute sino alla scadenza Crediti verso banche Crediti verso clientela Derivati di copertura Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura generica (+/-) Partecipazioni Attività materiali Attività immateriali di cui: avviamento Attività fiscali Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione Altre attività Totale dell'attivo PASSIVO E PATRIMONIO NETTO 10. Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione Derivati di copertura Passività fiscali Altre passività Trattamento di fine rapporto del personale Fondi per rischi e oneri: a) quiescenza e obblighi simili b) altri fondi Capitale, sovrapprezzi di emissione, riserve, riserve da valutazione e azioni proprie Utile (Perdita) del periodo Totale del passivo e del patrimonio netto Dal 30 giugno 2013 i dati contabili evidenziano gli effetti della fusione per incorporazione della ex Centrobanca (efficace dal 6 maggio 2013), mentre a partire dal 30 settembre 2012 i dati includevano gli effetti della fusione per incorporazione della ex 24-7 (efficace dal 23 luglio 2012). Relazione sulla gestione 377

10 Conto economico riclassificato Importi in migliaia di euro A B Variazioni A-B Variazioni % A/B IV trimestre 2013 C IV trimestre 2012 D Variazioni C-D Variazioni % C/D Margine d'interesse (26.771) n.s (22.448) n.s. 70. Dividendi e proventi simili (91.891) (27,1%) (95.286) (85,2%) Commissioni nette (12.211) n.s. (285) (4.012) (3.727) (92,9%) Risultato netto dell'attività di negoziazione, copertura, cessione/riacquisto e delle attività/passività valutate al fair value (14.760) (6,0%) ,0% 190. Altri oneri/proventi di gestione (8.418) (7,2%) (4.873) (15,2%) Proventi operativi ,3% (17.273) (7,4%) 150.a Spese per il personale ( ) ( ) ,5% (40.788) (33.680) ,1% 150.b Altre spese amministrative ( ) ( ) (882) (0,5%) (36.195) (50.633) (14.438) (28,5%) Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali e immateriali (22.977) (24.303) (1.326) (5,5%) (5.692) (6.385) (693) (10,9%) Oneri operativi ( ) ( ) ,8% (82.675) (90.698) (8.023) (8,8%) Risultato della gestione operativa ,8% (9.250) (6,5%) 130.a Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento crediti ( ) (67.600) ,3% (99.321) (13.158) b+c+d Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di altre attività/passività finanziarie (40.367) (42.748) (2.381) (5,6%) (3.103) (8.004) n.s Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (1.354) (11.106) (9.752) (87,8%) (523) 277 (800) n.s Utili (perdite) dalla cessione di investimenti e partecipazioni (6.170) (43.420) n.s. (6.152) (21.593) n.s Utile (perdita) dell'operatività corrente al lordo delle imposte ( ) (47,9%) ( ) (84,2%) 260. Imposte sul reddito del periodo dell'operatività corrente ,9% (8.312) n.s Utile (perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte Utile (perdita) del periodo ante oneri per incentivi all'esodo e rettifiche/riprese di valore su partecipazioni del Gruppo ,7% ,9% 150.a Oneri per il Piano di incentivi all'esodo al netto delle imposte (86) (20.051) (19.965) (99,6%) (86) (17.991) (17.905) (99,5%) 210. Rettifiche e riprese di valore su partecipazioni del Gruppo al netto delle imposte ( ) (60.718) ,5% ( ) (60.718) ,0% 290. Utile (perdita) del periodo ( ) (68,1%) (67.751) ( ) n.s. I dati economici al 31 dicembre 2013 includono gli effetti della fusione per incorporazione della ex Centrobanca (efficace dal 6 maggio 2013 e dal 1 gennaio 2013 per gli aspetti contabili e fiscali). I dati economici al 31 dicembre 2012 includevano gli effetti dell incorporazione della ex 24-7 (efficace dal 23 luglio 2012 e dal 1 gennaio 2012 per gli aspetti contabili e fiscali, operazione che era stata preceduta dal conferimento del ramo d azienda CQS da 24-7 a Prestitalia, con efficacia dal 1 luglio 2012). 378 Relazioni e Bilanci 2013

11 Evoluzione trimestrale del conto economico riclassificato Importi in migliaia di euro IV trimestre III trimestre II trimestre I trimestre IV trimestre III trimestre II trimestre I trimestre Margine d'interesse (12.511) (22.448) (35.699) (52.897) 70. Dividendi e proventi simili Commissioni nette (285) (880) (3.427) (4.012) (8.504) (4.227) Risultato netto dell'attività di negoziazione, copertura, cessione/riacquisto e delle attività/passività valutate al fair value (3.705) Altri oneri/proventi di gestione Proventi operativi a Spese per il personale (40.788) (37.812) (42.684) (32.050) (33.680) (38.493) (24.890) (32.383) 150.b Altre spese amministrative (36.195) (41.325) (48.699) (38.772) (50.633) (52.577) (32.832) (29.831) Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali e immateriali (5.692) (5.683) (6.040) (5.562) (6.385) (5.969) (5.943) (6.006) Oneri operativi (82.675) (84.820) (97.423) (76.384) (90.698) (97.039) (63.665) (68.220) Risultato della gestione operativa (9.323) 130.a Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento crediti (99.321) (33.552) (30.701) (24.541) (13.158) (53.229) (1.168) (45) 130.b+c+d Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di altre attività/passività finanziarie (3.103) (3.197) (32.844) (1.223) (383) (44.339) (2.927) 160. Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (523) 160 (1.609) (2.414) (3.958) (5.011) Utili (perdite) dalla cessione di investimenti e partecipazioni (6.152) (18) 23 (23) (4) (2) 250. Utile (perdita) dell'operatività corrente al lordo delle imposte (15.640) (17.308) 260. Imposte sul reddito del periodo dell'operatività corrente (7.086) (8.312) (628) Utile (perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte (13) - 13 Utile (perdita) del periodo ante oneri per incentivi all'esodo e rettifiche/riprese di valore su partecipazioni del Gruppo (4.929) (16.692) 150.a Oneri per il Piano di incentivi all'esodo al netto delle imposte (86) (17.991) (1.845) (60) (155) 210. Rettifiche e riprese di valore su partecipazioni del Gruppo al netto delle imposte ( ) - - (901) (60.718) Utile (perdita) del periodo (67.751) (4.929) (16.847) Dal 30 giugno 2013 i dati contabili evidenziano gli effetti della fusione per incorporazione della ex Centrobanca (efficace dal 6 maggio 2013), mentre dal 30 settembre 2012 i dati includevano gli effetti della fusione per incorporazione della ex 24-7 (efficace dal 23 luglio 2012). Relazione sulla gestione 379

12 Conto economico riclassificato al netto delle più significative componenti non ricorrenti: dettagli Importi in migliaia di euro Componenti non ricorrenti Rettifiche e riprese di valore su partecipazioni del Gruppo Impairment su titoli azionari, obbligazionari e quote OICR (AFS) Cessione di azioni Intesa Sanpaolo e A2A (AFS) Canone service per migrazione di Centrobanca sul sistema target Earn out Cerved Group Utile da riacquisto di passività finanziarie (EMTN subordinato) Cessione della controllata Banque de Dépôts et de Gestion Sa (Svizzera) Integrazione prezzo cessione partecipazione UBI Insurance Broker Incentivi all'esodo (ex Legge n. 214 del 22 dicembre 2011) Iscrizione DTA IRAP su avviamenti affrancati al netto delle componenti non ricorrenti Margine d'interesse Dividendi e proventi simili Commissioni nette Risultato netto dell'attività di negoziazione, copertura, cessione/riacquisto e delle attività/passività valutate al fair value (48.965) (537) (4.822) Altri oneri/proventi di gestione Proventi operativi (48.965) - (537) (4.822) Spese per il personale ( ) ( ) Altre spese amministrative ( ) ( ) Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali e immateriali (22.977) (22.977) Oneri operativi ( ) ( ) Risultato della gestione operativa (48.965) (537) (4.822) Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento crediti ( ) ( ) Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di altre attività/passività finanziarie (40.367) (18.599) Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (1.354) (1.354) Utili (perdite) dalla cessione di investimenti e partecipazioni (6.170) (456) (65) Utile (perdita) dell'operatività corrente al lordo delle imposte (48.965) (537) (4.822) (456) Imposte sul reddito d'esercizio dell'operatività corrente (5.632) (4.228) (1.174) ( ) Utile (perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte - Utile (perdita) d'esercizio ante oneri per incentivi all'esodo e rettifiche/ riprese di valore su partecipazioni del Gruppo (53.193) (500) (3.228) (450) - ( ) Oneri per incentivi all'esodo al netto delle imposte (86) 86 - Rettifiche e riprese di valore su partecipazioni del Gruppo al netto delle imposte ( ) Utile (perdita) d'esercizio (53.193) (500) (3.228) (450) 86 ( ) Relazioni e Bilanci 2013

13 (segue) Importi in migliaia di euro Componenti non ricorrenti Rettifiche di valore su partecipazioni del Gruppo Impairment sui titoli azionari (AFS) Intesa Sanpaolo e A2A Impairment su altri titoli azionari e quote OICR (AFS) Canone di service per la migrazione di 24-7 e di Centrobanca sul sistema target Incentivi all'esodo (ex Legge n. 214 del 22 dicembre 2011) Cessione partecipazioni Arca SGR, UBI Insurance Broker e parziale cessione delle azioni Intesa Sanpaolo Riallineamento ai sensi L.111/2011 e L. 214/2011 dei valori fiscali dell'avviamento di BPA iscritto nel bilancio consolidato Affrancamento delle deduzioni extra-contabili relative al fondo rischi e svalutazioni crediti di UBI Banca ai sensi L. 244/2007 (Quadro EC) Credito d'imposta anni pregressi per deduzione ai fini IRES dell'irap sul costo del lavoro ai sensi L. 214/2011 al netto delle componenti non ricorrenti Margine d'interesse (26.771) (26.771) Dividendi e proventi simili Commissioni nette (12.211) (12.211) Risultato netto dell'attività di negoziazione, copertura, cessione/riacquisto e delle attività/passività valutate al fair value (13.528) Altri oneri/proventi di gestione Proventi operativi (13.528) Spese per il personale ( ) ( ) Altre spese amministrative ( ) ( ) Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali e immateriali (24.303) (24.303) Oneri operativi ( ) ( ) Risultato della gestione operativa (13.528) Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento crediti (67.600) (67.600) Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di altre attività/passività finanziarie (42.748) Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (11.106) (11.106) Utili (perdite) dalla cessione di investimenti e partecipazioni (36.816) 434 Utile (perdita) dell'operatività corrente al lordo delle imposte (50.344) Imposte sul reddito d'esercizio dell'operatività corrente (5.067) (1.972) (2.886) (24.992) (8.298) (3.321) (2.999) Utile (perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte - - Utile (perdita) d'esercizio ante oneri per incentivi all'esodo e rettifiche/riprese di valore su partecipazioni del Gruppo (53.230) (24.992) (8.298) (3.321) Oneri per incentivi all'esodo al netto delle imposte (20.051) Rettifiche e riprese di valore su partecipazioni del Gruppo al netto delle imposte (60.718) Utile (perdita) d'esercizio (53.230) (24.992) (8.298) (3.321) Relazione sulla gestione 381

14 Conto economico riclassificato al netto delle più significative componenti non ricorrenti Importi in migliaia di euro al netto delle componenti non ricorrenti al netto delle componenti non ricorrenti Variazioni Variazioni % Margine d'interesse (26.771) n.s. Dividendi e proventi simili (91.891) (27,1%) Commissioni nette (12.211) n.s. Risultato netto dell'attività di negoziazione, copertura, cessione/riacquisto e delle attività/ passività valutate al fair value (55.556) (23,7%) Altri oneri/proventi di gestione (8.418) (7,2%) Proventi operativi ,2% Spese per il personale ( ) ( ) ,5% Altre spese amministrative ( ) ( ) ,0% Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali e immateriali (22.977) (24.303) (1.326) (5,5%) Oneri operativi ( ) ( ) ,7% Risultato della gestione operativa (16.391) (4,9%) Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento crediti ( ) (67.600) ,3% Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di altre attività/passività finanziarie (18.599) (29.141) n.s. Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (1.354) (11.106) (9.752) (87,8%) Utili (perdite) dalla cessione di investimenti e partecipazioni (65) 434 (499) n.s. Utile (perdita) dell'operatività corrente al lordo delle imposte ( ) (58,1%) Imposte sul reddito d'esercizio dell'operatività corrente (2.999) n.s. Utile (perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte Utile (perdita) d'esercizio ( ) (48,4%) 382 Relazioni e Bilanci 2013

15 Prospetti di raccordo CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO AL 31 DICEMBRE 2013 Importi in migliaia di euro Riclassifiche Voci Schema del bilancio dell'impresa Recupero imposte Ammortamenti per migliorie su beni di terzi Rettifiche di valore su partecipazioni del Gruppo Oneri per Piano di incentivi all'esodo Prospetto riclassificato Margine d'interesse Dividendi e proventi simili Commissioni nette Risultato netto dell'attività di negoziazione, copertura, cessione/riacquisto e delle attività/passività valutate al fair value Altri oneri/proventi di gestione (8.144) Proventi operativi (8.144) a Spese per il personale ( ) 119 ( ) 150.b Altre spese amministrative ( ) ( ) Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali e immateriali (22.850) (127) (22.977) Oneri operativi ( ) (127) ( ) Risultato della gestione operativa a Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento crediti ( ) ( ) 130. b+c+d Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di altre attività/passività finanziarie (40.367) (40.367) 160. Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (1.354) (1.354) Utili (perdite) dalla cessione di investimenti e partecipazioni ( ) (6.170) 250. Utile (perdita) dell'operatività corrente al lordo delle imposte ( ) Imposte sul reddito d'esercizio dell'operatività corrente (33) Utile dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte - - Utile (perdita) d'esercizio ante oneri per incentivi all'esodo e rettifiche/riprese di valore su partecipazioni del Gruppo a Oneri per il Piano di incentivi all'esodo al netto delle imposte - (86) (86) 210. Rettifiche e riprese di valore su partecipazioni del Gruppo al netto delle imposte - ( ) ( ) 290. Utile (perdita) d'esercizio CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO AL 31 DICEMBRE 2012 Importi in migliaia di euro Riclassifiche Voci Schema del bilancio dell impresa Recupero imposte Ammortamenti per migliorie su beni di terzi Rettifiche di valore su partecipazioni del Gruppo Oneri per Piano di incentivi all'esodo Prospetto riclassificato Margine d'interesse (26.771) (26.771) 70. Dividendi e proventi simili Commissioni nette (12.211) (12.211) Risultato netto dell'attività di negoziazione, copertura, cessione/riacquisto e delle attività/passività valutate al fair value Altri oneri/proventi di gestione (8.796) Proventi operativi (8.796) a Spese per il personale ( ) ( ) 150.b Altre spese amministrative ( ) ( ) Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali e immateriali (24.176) (127) (24.303) Oneri operativi ( ) (127) ( ) Risultato della gestione operativa a Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento crediti (67.600) (67.600) 130. b+c+d Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di altre attività/passività finanziarie (42.748) (42.748) 160. Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (11.106) (11.106) Utili (perdite) dalla cessione di investimenti e partecipazioni (23.468) Utile (perdita) dell'operatività corrente al lordo delle imposte Imposte sul reddito d'esercizio dell'operatività corrente (7.606) Utile dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte - - Utile (perdita) d'esercizio ante oneri per incentivi all'esodo e rettifiche di valore su partecipazioni del Gruppo a Oneri per il Piano di incentivi all'esodo al netto delle imposte - (20.051) (20.051) 210. Rettifiche di valore su partecipazioni del Gruppo al netto delle imposte - (60.718) (60.718) 290. Utile (perdita) d'esercizio Relazione sulla gestione 383

16 Note esplicative alla redazione dei prospetti Gli schemi di bilancio obbligatori sono stati redatti sulla base della Circolare Banca d Italia n. 262 del 22 dicembre 2005 e successivi aggiornamenti, pertanto, ai fini della redazione del presente Bilancio, sono state osservate le previsioni di cui al 2 Aggiornamento emesso il 21 gennaio Per consentire una visione più coerente con il profilo gestionale vengono redatti i prospetti riclassificati, in applicazione delle seguenti regole: - i recuperi di imposte iscritti alla voce 190 dello schema contabile (altri oneri/proventi di gestione) sono riclassificati a riduzione delle imposte indirette incluse fra le altre spese amministrative; - la voce rettifiche di valore nette su attività materiali e immateriali include le voci 170 e 180 dello schema contabile, nonché le quote di ammortamento dei costi sostenuti per migliorie su beni di terzi classificate alla voce 190; - gli oneri per il Piano di incentivi all esodo al netto delle imposte includono, parzialmente, la voce 150a dello schema contabile; - le rettifiche e le riprese di valore su partecipazioni del Gruppo al netto delle imposte includono la quasi totalità della voce 210 dello schema contabile. La riconduzione delle voci dei prospetti riclassificati ai dati degli schemi di bilancio viene agevolata da un lato con l inserimento, a margine di ciascuna voce, del numero corrispondente alla voce di schema obbligatorio ivi ricondotta e dall altro, con la predisposizione di specifici prospetti di raccordo. Si evidenzia inoltre che i commenti andamentali dei principali aggregati patrimoniali ed economici vengono effettuati sulla base dei prospetti riclassificati, nonché dei prospetti riclassificati riferiti ai periodi di comparazione, cui si uniformano anche le tabelle di dettaglio inserite nei successivi capitoli. Come già indicato, in seguito all incorporazione di Centrobanca Spa perfezionatasi il 6 maggio 2013 ma efficace dal 1 gennaio 2013 relativamente agli aspetti contabili e fiscali a fronte della quale non sono stati redatti prospetti riclassificati pro-forma comparativi 1, si evidenzia quanto segue: a partire dal 30 giugno 2013 i dati patrimoniali includono gli effetti della fusione di Centrobanca; i dati antecedenti non sono pertanto omogenei; a partire dal 30 giugno 2013 i dati economici includono gli effetti dell incorporazione di Centrobanca. Le situazioni contabili precedenti si presentano disomogenee in quanto il conto economico del secondo trimestre 2013 ha recepito tutti i dati economici di Centrobanca riferiti anche al primo trimestre 2013 (stante la decorrenza degli effetti contabili e fiscali dal 1 gennaio 2013); esattamente come il terzo trimestre 2012 aveva recepito tutti i dati economici di 24-7 riferiti anche al primo semestre 2012 (stante la decorrenza degli effetti contabili e fiscali dell incorporazione della ex Consumer Bank dal 1 gennaio 2012). Ne discende che il confronto fra i due esercizi, come pure la disamina del quarto trimestre 2013 rispetto al quarto trimestre 2012, non consentono di cogliere la reale evoluzione di UBI Banca/Centrobanca che emerge soltanto nel raffronto fra il quarto ed il terzo trimestre Al fine di agevolare l analisi dell evoluzione economica di UBI Banca ed in ottemperanza alla Comunicazione Consob n. DEM/ del 28 luglio 2006, sono stati inseriti due appositi prospetti, il primo di sintesi (che consente una lettura comparata dei risultati del periodo in termini normalizzati), il secondo, di natura analitica, che evidenzia l impatto economico dei principali eventi ed operazioni non ricorrenti essendo i relativi effetti patrimoniali e finanziari, in quanto strettamente connessi, non significativi che così si riassumono: Esercizio 2013: - rettifiche e riprese di valore su partecipazioni del Gruppo (Prestitalia, UBI Leasing, UBI Pramerica SGR e BY YOU); - impairment su titoli azionari, obbligazionari e quote OICR (AFS); - cessione delle azioni Intesa Sanpaolo e A2A (AFS); - canone di service per la migrazione della ex Centrobanca sul sistema target; - adeguamento di prezzo per la cessione della partecipazione in Centrale Bilanci (ora Cerved Group) avvenuta nel 2008; - utile dal riacquisto di titoli obbligazionari subordinati (Tier 2) emessi nell ambito del Programma EMTN; - cessione della controllata Banque de Dépôts et de Gestion Sa (Svizzera); - integrazione di prezzo per la cessione di UBI Insurance Broker; - incentivi all esodo (ex Legge n. 214 del 22 dicembre 2011); - iscrizione di un credito per imposte anticipate (DTA) IRAP, non stanziate nei precedenti esercizi, sugli avviamenti riallineati. Esercizio 2012: - rettifiche di valore su partecipazioni del Gruppo; - impairment sui titoli azionari Intesa Sanpaolo e A2A (AFS) e su altri titoli azionari e quote OICR (AFS); - canone di service per la migrazione della ex 24-7 e della ex Centrobanca sul sistema target; - incentivi all esodo (ex Legge n. 214 del 22 dicembre 2011); - cessione di Arca SGR, di UBI Insurance Broker e parziale cessione delle azioni Intesa Sanpaolo; - riallineamento dei valori fiscali dell avviamento di BPA iscritto nel bilancio consolidato (ai sensi L. 111/2011 e L. 214/2011); - affrancamento delle deduzioni extra-contabili relative al fondo rischi e svalutazioni crediti di UBI Banca (ai sensi L. 244/2007 Quadro EC); - credito d imposta per anni pregressi relativo alle deduzioni ai fini IRES dell IRAP sul costo del lavoro (ai sensi L. 214/2011). 1 A tal proposito va tuttavia considerato che: - l impatto di Centrobanca sullo Stato patrimoniale di UBI Banca era pari al 13,3% del totale attivo al 31 marzo L incorporata concentrava il proprio business nell erogazione dei crediti a clientela (l 85% del total asset di Centrobanca al 31 marzo 2013, includendo anche il complementare portafoglio corporate bond nonché la liquidità investita in titoli emessi dalla Capogruppo); l attività veniva finanziata con l emissione di obbligazioni (66%), per oltre un terzo sottoscritte dalla Capogruppo, e attraverso linee interbancarie a breve termine messe a disposizione da UBI Banca (21% circa), pari complessivamente all 87% del passivo di Centrobanca al 31 marzo 2013; - l impatto di 24-7 sullo Stato patrimoniale di UBI Banca era pari al 15,7% del totale dell attivo della Capogruppo al 30 giugno Anche la Consumer Bank concentrava il proprio business nell erogazione dei crediti verso clientela (86% del total asset di 24-7 al 30 giugno 2012), finanziati esclusivamente con raccolta presso UBI Banca (prestiti obbligazionari, depositi interbancari e pronti contro termine, complessivamente pari all 86% del passivo dell incorporata al 30 giugno 2012). 384 Relazioni e Bilanci 2013

17 Il conto economico I dati economici commentati fanno riferimento ai prospetti riclassificati conto economico, evoluzione trimestrale e conto economico al netto delle principali componenti non ricorrenti (sintetico e analitico) riportati nello specifico capitolo, ai quali anche le tabelle di dettaglio di seguito inserite sono state uniformate. Per la descrizione degli interventi, si rinvia alle Note esplicative che seguono i prospetti riclassificati, nonché ai prospetti di raccordo. Si precisa inoltre che il commento proposto esamina le dinamiche che hanno caratterizzato sia i dodici mesi (l esercizio 2013 rispetto al precedente), sia il quarto trimestre (quest ultimo evidenziato da un leggero sfondo viene raffrontato con il precedente terzo trimestre, in modo da cogliere fenomeni e tendenze che abbiano alimentato i risultati progressivi dell anno). A partire dal secondo trimestre 2013, le situazioni contabili (economica e patrimoniale) della Capogruppo sono state impattate dalla fusione per incorporazione di Centrobanca, che ha ulteriormente modificato, dopo l incorporazione di 24-7 del 2012, la natura di holding fino ad allora prevalente. Si ricorda peraltro che i dati di raffronto non sono stati riesposti per tenere conto dell operazione societaria infragruppo. In un contesto economico che continua a manifestare la propria fragilità, caratterizzato dalla modesta domanda di credito delle imprese, dall espansione dei crediti problematici, da un livello bassissimo dei tassi d interesse e da una ritrovata stabilità dei mercati finanziari, culminata nella riduzione del differenziale fra i titoli decennali tedeschi e italiani ai livelli precedenti alla crisi del debito sovrano, l esercizio 2013 si è chiuso con un risultato netto di 71,3 milioni di euro, rispetto ai 223,5 milioni registrati nel In realtà il conto economico della Capogruppo ha recepito da un lato le rettifiche di valore su alcune partecipazioni del Gruppo, quale conseguenza dei periodici test di impairment, e dall altro l iscrizione di un credito per imposte anticipate (DTA) IRAP, non stanziate nei precedenti esercizi, relative agli avviamenti riallineati, oltre agli effetti dell incorporazione di Centrobanca (così come il precedente esercizio era stato interessato dall incorporazione di 24-7). L aggregazione ha determinato maggiori oneri operativi (+21,7 milioni) e maggiori rettifiche di valore su crediti (+120,5 milioni), evidenziando al tempo stesso valori positivi per talune voci di ricavo, quali il margine d interesse e le commissioni nette (+163,6 milioni complessivamente), che in passato si presentavano negative per la natura stessa di holding di UBI Banca. Quale effetto del citato impairment, benché in gran parte compensato dalla componente fiscale non ricorrente, nel quarto trimestre dell anno si è generata una perdita netta di 67,8 milioni, a fronte dei +62,4 milioni dell analogo periodo 2012 e del risultato negativo per 4,9 milioni del terzo trimestre 2013 (influenzato dall incasso irrisorio di dividendi, ma anche da un operatività con la clientela molto contenuta). Il conto economico progressivo dell esercizio mostra una crescita dei proventi operativi espressione della gestione bancaria caratteristica a 713,1 milioni (+48,5 milioni), grazie alle determinanti di seguito specificate. Prima di analizzare le singole voci di ricavo, è opportuno ricordare il ruolo di holding che UBI Banca svolge, da un lato gestendo i flussi di liquidità di tutte le Banche/Società del Gruppo, a cui garantisce funzionalmente i finanziamenti necessari e la possibilità di investimento degli eccessi accumulati, e dall altro agendo quale gestore unico del portafoglio delle attività finanziarie del Gruppo. Stante tale ruolo di coordinamento e di indirizzo, conseguente alla stessa configurazione organizzativa del Gruppo, UBI Banca detiene partecipazioni in tutte le principali Società consolidate e gli utili da queste distribuiti ne hanno sempre costituito la primaria fonte reddituale. Tale ruolo non si è certo affievolito dopo le operazioni di concentrazione societaria poste in essere nell ultimo biennio, bensì è stato affiancato da una nuova attività commerciale creditizia specialistica, in capo alla ex Centrobanca, e quale emittente carte di credito, nonché gestore dello stock residuale di mutui extra-captive, prestiti personali e finalizzati, della ex 24-7 riflessa anche dalla parziale modifica della struttura del conto economico. I dividendi e proventi simili si sono attestati a 247,2 milioni (-91,9 milioni rispetto al 2012), provenienti per 132,4 milioni dalle Banche Rete (di cui 107,4 milioni dalla Banca Popolare di Bergamo) e per 105 milioni dalle Società Prodotto (dei quali 45,4 milioni relativi a Lombarda Vita e 25,7 milioni a UBI Pramerica SGR). Dal portafoglio titoli di proprietà sono stati incassati 9,8 milioni, prevalentemente originati dal comparto AFS. DIVIDENDI E PROVENTI SIMILI Importi in migliaia di euro Banca Popolare di Bergamo Spa Lombarda Vita Spa UBI Pramerica SGR Spa Banco di Brescia Spa Banca Popolare Commercio e Industria Spa Banca Carime Banca Regionale Europea Spa Banca Popolare di Ancona Spa Centrobanca Spa (incorporata il 6 maggio 2013) UBI Factor Spa Altre partecipazioni (voce 100) Dividendi percepiti da voce 100 Partecipazioni Dividendi percepiti da voce 40 AFS di cui Intesa Sanpaolo Dividendi percepiti da voce 20 Negoziazione e voce 30 Fair Value Option Totale dividendi e proventi simili Entrambi i periodi evidenziano componenti non ricorrenti negative pari a -66,4 milioni nel 2013 (dovute prevalentemente agli impairment sulle partecipazioni del Gruppo, nonostante l effetto positivo dell iscrizione di imposte anticipate attive IRAP sugli avviamenti riallineati e della cessione delle azioni Intesa Sanpaolo) e a -43,2 milioni nel 2012 (principalmente per effetto di rettifiche su partecipazioni del Gruppo e su azioni e fondi in portafoglio, benché mitigate da cessioni di azioni e partecipazioni, nonché dall iscrizione del riallineamento fiscale sull avviamento di BPA e dall affrancamento delle deduzioni del Quadro EC) escludendo le quali il risultato dell esercizio si attesta a 137,7 milioni, rispetto ai 266,7 milioni dei dodici mesi di raffronto. Relazione sulla gestione 385

18 RISULTATO NETTO DELL'ATTIVITÀ DI NEGOZIAZIONE Importi in migliaia di euro Plusvalenze (A) Utile da negoziazione (B) Minusvalenze (C) Perdite da negoziazione (D) Risultato netto [(A+B)-(C+D)] Attività finanziarie di negoziazione (546) (30.564) Titoli di debito (477) (4.749) Titoli di capitale (40) (81) (1.038) 1.3 Quote di O.I.C.R (29) (45) Finanziamenti Altre (25.689) (6.752) 2. Passività finanziarie di negoziazione (438) Titoli di debito (438) Debiti Altre Altre passività finanziarie: differenze di cambio X X X X (1.116) Strumenti derivati ( ) ( ) (23.888) (10.144) 4.1 Derivati finanziari ( ) ( ) (16.208) (5.018) - su titoli di debito e tassi di interesse ( ) ( ) (16.409) (9.775) - su titoli di capitale e indici azionari (4.435) (1.283) su valute e oro X X X X altri (993) (4.128) Derivati su crediti - - (2.930) (4.750) (7.680) (5.126) Totale ( ) ( ) RISULTATO NETTO DELL'ATTIVITÀ DI COPERTURA Importi in migliaia di euro Risultato netto dell'attività di copertura (4.182) UTILI (PERDITE) DA CESSIONE/RIACQUISTO Importi in migliaia di euro Utili Perdite Risultato netto Attività finanziarie 1. Crediti verso banche Crediti verso clientela 166 (2.504) (2.338) (510) 3. Attività finanziarie disponibili per la vendita (4.567) Titoli di debito (4.526) Titoli di capitale (41) Quote di O.I.C.R Finanziamenti Attività finanziarie detenute sino alla scadenza Totale attività (7.071) Passività finanziarie 1. Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione (3.603) Totale passività (3.603) Totale (10.674) RISULTATO NETTO DELLE ATTIVITÀ E PASSIVITÀ FINANZIARIE VALUTATE AL FAIR VALUE Importi in migliaia di euro Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value RISULTATO NETTO DELL'ATTIVITÀ DI NEGOZIAZIONE, DI COPERTURA, DI CESSIONE/RIACQUISTO E DELLE ATTIVITÀ/PASSIVITÀ VALUTATE AL FAIR VALUE Relazioni e Bilanci 2013

19 In termini di dinamiche, come si può osservare dalla tabella, la flessione generalizzata della contribuzione delle Banche Rete (-155,2 milioni) ha risentito sì dei minori utili realizzati, ma anche del venir meno della distribuzione straordinaria (110 milioni) effettuata nel 2012 dalla Popolare di Bergamo e dal Banco di Brescia a beneficio del Socio unico (UBI Banca). Si era trattato di una distribuzione di riserve (come era avvenuto anche nel 2011), giustificata dal significativo rafforzamento patrimoniale conseguito dalle due Banche sulla base della policy di Gruppo in materia di pay-out, che negli ultimi anni aveva previsto di destinare a dividendi una quota non rilevante dell'utile distribuibile. La riduzione degli utili di provenienza bancaria è stata più che compensata dalla distribuzione dei dividendi delle altre Società (+67,2 milioni, provenienti in gran parte da Lombarda Vita); mentre il portafoglio titoli ha ridotto il proprio apporto (-3,9 milioni), soprattutto per effetto della progressiva dismissione delle azioni Intesa Sanpaolo. Il risultato netto dell attività finanziaria ha totalizzato 232,9 milioni generati dalla negoziazione, ma soprattutto dalla cessione di titoli di Stato e azioni (247,7 milioni nel 2012). In particolare: la negoziazione ha registrato un saldo positivo prossimo ai 45 milioni (77,5 milioni nel 2012), riconducibile per -7,7 milioni ai derivati su crediti, per +1,7 milioni all attività in valuta, per +0,7 milioni ai titoli di capitale e derivati connessi, per +55,7 milioni al comparto dei titoli di debito 2 (di cui 32,9 milioni quali utili realizzati dalla chiusura di scoperti tecnici), per +10,8 milioni alle plusvalenze sui titoli di debito scoperti, nonché per -16,4 milioni ai derivati su titoli di debito e tassi d interesse (utili, plusvalenze e ratei). Quest ultima componente incorpora in realtà perdite su derivati riferiti a tassi d interesse per 33,6 milioni (contabilizzate a inizio anno) rivenienti principalmente dalla manovra di ottimizzazione delle coperture del rischio tasso (IRS) sui prestiti obbligazionari di propria emissione, sui mutui della ex 24-7, ma anche sulle attività e passività delle Società del Gruppo. Tale impatto è stato bilanciato dall effetto positivo sugli attivi e passivi delle Banche Rete e delle Società Prodotto con un esito sostanzialmente neutro sul bilancio consolidato; la valutazione al fair value riferita agli investimenti in fondi Tages, alla residuale posizione in hedge fund, nonché alle partecipazioni di private equity della ex Corporate Bank del Gruppo è stata positiva per 3,2 milioni (1,2 milioni nel 2012); la copertura che esprime la variazione di fair value dei derivati e delle relative poste coperte è risultata negativa per 4,2 milioni da collegarsi prevalentemente ai titoli AFS, il cui impatto è stato comunque mitigato dagli effetti rivenienti dalla protezione dei prestiti obbligazionari (+12,9 milioni nel 2012, riferibili per 8,9 milioni alle emissioni obbligazionarie, per 3,2 milioni ai titoli AFS in portafoglio, nonché per 0,8 milioni ai mutui e finanziamenti); la cessione di AFS e il riacquisto di passività finanziarie hanno dato luogo a utili per 189 milioni, riconducibili: - per 137,1 milioni ai titoli di debito, di cui +138,8 milioni da titoli di Stato italiani e -1,7 milioni dalla vendita di altre obbligazioni, perlopiù di emittenti bancari; - per 51,1 milioni ai titoli di capitale, di cui 48,4 milioni la plusvalenza sulle azioni Intesa Sanpaolo, 0,6 milioni su A2A e 0,5 milioni l integrazione di prezzo derivante dalla cessione di Cerved Group realizzata nel 2008, importi tutti oggetto di normalizzazione, ai quali si aggiungono 1,6 milioni dalla dismissione della partecipazione in Unione Fiduciaria; - per 3,2 milioni al riacquisto di proprie emissioni obbligazionarie, al cui interno figurano i 4,8 milioni, non ricorrenti, rivenienti dal buy-back attuato nel mese di settembre 2013 del prestito Lower Tier 2 callable con scadenza 2018; - per -2,3 milioni dalla cessione di diversi pacchetti di crediti, prevalentemente sofferenze chirografarie della ex 24-7 e marginali posizioni della ex Centrobanca. Nel 2012 erano stati conseguiti 156,1 milioni, di cui: 125,2 milioni dalla vendita di titoli di Stato italiani; 13,5 milioni dalla parziale vendita di azioni Intesa Sanpaolo (non ricorrenti); 1,1 milioni dalla cessione della partecipazione nella Società per i Mercati di Varese; 2,3 milioni da un certificato di deposito bancario; -0,5 milioni dalla cessione di un portafoglio di sofferenze della ex nca 24-7; mentre 14,3 milioni derivavano dal riacquisto di titoli, per la maggior parte emessi all interno del Programma EMTN. Il margine d interesse grazie all attività di finanziamento rilevata dalle Banche incorporate è divenuto positivo 3 per 119,4 milioni, contro il dato negativo per 26,8 milioni del L analisi riportata descrive la contribuzione per settore di attività al margine d interesse, ancorché vada tenuto presente che l operatività della Capogruppo continua ad essere caratterizzata da flussi trasversali ai singoli settori (ad esempio provvista da clientela ovvero raccolta dalle Banche Rete per impieghi alle Società Prodotto). Più precisamente 5 : il portafoglio titoli di proprietà ha generato un flusso di interessi attivi pari a 406,5 milioni (399,5 milioni nel ), a fronte di investimenti in titoli di debito cresciuti nei dodici mesi di 1,9 miliardi. Gli acquisti di titoli di Stato italiani continuano ad assicurare un contributo rilevante al margine d interesse (418 milioni gli interessi percepiti da AFS e 108,8 milioni dal portafoglio HTM), sebbene il comparto sconti complessivamente i costi degli scoperti tecnici e della copertura delle obbligazioni a tasso fisso (differenziali corrisposti sui derivati); l attività sul mercato interbancario, focalizzata prevalentemente sull intermediazione infragruppo, ha dato luogo ad un saldo negativo di 208,7 milioni 2 Alla luce dell attuale operatività di UBI Banca sui mercati finanziari, la lettura aggregata dei risultati dei titoli di debito e dei relativi derivati non ha più ragion d essere, senza che ne siano inficiati i dati precedentemente pubblicati, che evidentemente rispecchiavano la situazione a suo tempo oggetto di disamina. 3 Il margine d interesse si presentava negativo per la struttura caratteristica della holding, che incorpora il costo finanziario degli investimenti nelle partecipazioni del Gruppo fra gli interessi passivi, mentre i correlati ricavi alimentano la voce dividendi. 4 La media del tasso Euribor a 1 mese è diminuita dallo 0,338% del 2012 allo 0,131% del La ricostruzione dei saldi netti è avvenuta allocando gli interessi attivi e passivi dei derivati di copertura e delle passività finanziarie di negoziazione all interno delle diverse aree di attività (finanziaria, con banche, con clientela). 6 Il dato non include gli interessi sui titoli di debito AFS di pertinenza di Centrobanca per 20,7 milioni, riferiti ad un portafoglio di corporate bond pari a 369,8 milioni. Relazione sulla gestione 387

20 INTERESSI ATTIVI E PROVENTI ASSIMILATI: COMPOSIZIONE Importi in migliaia di euro Titoli di debito Finanziamenti Altre operazioni Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute fino alla scadenza Crediti verso banche Crediti verso clientela Attività finanziarie valutate al fair value Derivati di copertura X X Altre attività X X Totale INTERESSI PASSIVI E ONERI ASSIMILATI: COMPOSIZIONE Importi in migliaia di euro Debiti Titoli Altre Passività Debiti verso banche centrali (67.417) - - (67.417) (97.721) 2. Debiti verso banche ( ) X - ( ) ( ) 3. Debiti verso clientela (59.860) X - (59.860) ( ) 4. Titoli in circolazione X ( ) - ( ) ( ) 5. Passività finanziarie di negoziazione (44.003) - - (44.003) (38.728) 6. Passività finanziarie valutate al fair value Altre passività e fondi X X (418) (418) (590) 8. Derivati di copertura X X Totale ( ) ( ) (418) ( ) ( ) Margine di interesse (26.771) (-170,9 milioni nel 2012), sia per la diminuita attività di impiego (-2,3 miliardi nei dodici mesi, anche per il venir meno dei finanziamenti per oltre 4 miliardi erogati alla ex Centrobanca 7 ), sia per la flessione del funding (-3,8 miliardi, sostanzialmente connessi all attività infragruppo). L aggregato ha peraltro incorporato gli effetti dell ulteriore riduzione del costo del denaro: gli interessi corrisposti sui finanziamenti LTRO (accesi rispettivamente il 21 dicembre 2011 e 29 febbraio 2012 al tasso dell 1%) sono scesi in parallelo con le riduzioni operate sul parametro delle operazioni di rifinanziamento principale (ora allo 0,25%); l attività con la clientela ha significativamente ridimensionato il proprio risultato negativo a 78,1 milioni (-255 milioni nel 2012) anche grazie all aumento, pur in un contesto di tassi medi in calo, degli interessi provenienti dai finanziamenti retail e corporate (complessivamente 598,5 milioni, contro i 570,7 milioni di raffronto, che pure non recepivano ancora i dati della ex Centrobanca). Dal lato delle componenti passive gli interessi sui debiti verso clientela (in calo di 72,2 milioni) hanno beneficiato delle manovre di ottimizzazione attuate nella prima parte dell anno, agendo sulle componenti istituzionali e corporate a costo marginale più elevato. Benché anche il costo dei titoli in circolazione sia diminuito di 68 milioni (nonostante il relativo ammontare sia cresciuto di 6,8 miliardi nei dodici mesi, sia per l ingresso delle passività della ex Centrobanca, sia soprattutto per la progressiva concentrazione dell attività di emissione in Capogruppo) quest ultimo continua a condizionare il saldo dell operatività con la clientela. La voce include peraltro i differenziali positivi incassati prevalentemente sulla copertura dei prestiti obbligazionari di propria emissione (130,2 milioni; 121,3 milioni nel precedente esercizio). Gli altri proventi e oneri di gestione hanno totalizzato 108,3 milioni (-8,4 milioni), riflettendo una riduzione parallela dei proventi e degli oneri. Come si osserva dalla tabella, la voce sintetizza fra l altro la flessione abbinata degli altri oneri e sopravvenienze passive (-9 milioni) e altri proventi e sopravvenienze attive (-14,8 milioni) da ricondurre: da una parte, e in misura prevalente, alla ex 24-7, con riferimento alle cartolarizzazioni poste in essere; fra gli oneri del 2012 confluivano infatti le retrocessioni alla Società veicolo 24-7 Finance degli interessi attivi incassati sui mutui ceduti, mentre fra i proventi si registravano gli interessi percepiti sul titolo emesso dalla stessa SPV, ora fra le Altre attività di UBI Banca; dall altra, sempre nel 2012, alla contabilizzazione di una perdita operativa conseguente ad una rapina in caveau con correlata attivazione delle coperture assicurative. La dinamica degli altri proventi di gestione ha inoltre risentito di un ulteriore diminuzione (da 62 a 60,3 milioni) dei ricavi per servizi resi a Società del Gruppo, conseguente all uscita dal perimetro servito di Centrobanca, 24-7, Silf e UBI Insurance Broker, oltre che alle sinergie manifestatesi per effetto della fusione del Banco di San Giorgio in BRE (efficace dal 22 ottobre 2012), diminuzione solo in parte compensata dall allargamento del service verso altre Società (Prestitalia e UBI Academy). 7 La voce interessi su crediti verso banche al 31 dicembre 2012 (183,5 milioni) incorporava gli interessi che UBI Banca percepiva dalla ex Centrobanca per i finanziamenti erogati e le passività sottoscritte per 74,6 milioni (di cui 44,6 milioni su titoli di debito). 388 Relazioni e Bilanci 2013

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione)

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) Roma, marzo 2006 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA 3 1. LE INFORMAZIONI

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli