ALLA SCUOLA DELLO SPIRITO SANTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLA SCUOLA DELLO SPIRITO SANTO"

Transcript

1 Jacques Philippe ALLA SCUOLA DELLO SPIRITO SANTO EDIZIONI DEHONIANE BOLOGNA

2 Titolo originale dell opera: A l Ecole de VEsprit-Saint Traduzione dal francese di Mariarosaria Spagnolo Edizioni Dehoniane, Roma l a edizione, luglio a edizione, settembre a edizione, gennaio 1998 Edizioni Dehoniane Bologna Prima edizione: gennaio 2004 Ristampe: settembre 2005 gennaio 2007 novembre 2008 gennaio 2010 Ed. Communauté des Béatitudes, Edizioni Dehoniane, Roma 2004 Centro editoriale dehoniano via Nosadella Bologna EDB ISBN Stampa: Tipografia Giammarioli, Frascati (RM) 2010

3 A colei che ci dice: Fate quello che vi dirà. Giovanni 2,5

4

5 In t r o d u z io n e «O mio Gesù, come è facile santificarsi. Occorre soltanto un briciolo di buona volontà. Se Gesù scorge nel cuore questo briciolo di buona volontà si affretta a donarsi all anima e nulla può impedirglielo, né gli errori, né le cadute; assolutamente niente. A Gesù preme aiutare quest anima e se l anima è fedele alla grazia di Dio, in pochissimo tempo può conseguire la più grande santità che una creatura possa raggiungere su questa terra. Dio è molto generoso e non rifiuta a nessuno la sua grazia: dà più di quello che noi gli chiediamo. La fedeltà nel seguire le ispirazioni dello Spirito Santo, è la via più breve». Questo bel testo è tratto dal diario di suor Faustina1. Nella sua semplicità e concisione, esso lancia un messaggio estremamente importante per tutti coloro che aspirano alla santità, vale a dire, in termini più semplici, per tutti coloro i quali vogliono rispondere all amore di Dio nella radicalità più totale. La più grande domanda che queste anime si pongono, la loro angoscia, a volte, è quella di non sapere come fare. 1 Diario di suor Faustina, Libreria Editrice Vaticana, p Suor Faustina Kowalske, nata nel 1905 e morta il 5 ottobre 1938, è stata beatificata da Giovanni Paolo II, la seconda domenica di Pasqua del Questa religiosa polacca ha ricevuto da Gasù la missione di far conoscere al mondo la Misericordia, in particolare attraverso un icona di Cristo misericordioso che lei stessa fece dipingere. 7

6 È possibile che tu, lettore, faccia parte di quelli che non si sono mai preoccupati troppo di porsi questa domanda. Forse il tuo cuore non ha mai conosciuto questa aspirazione ad amare Dio tanto quanto è possibile amarlo. Allora, te ne prego, supplica lo Spirito Santo di mettere in te questo desiderio e chiedigli anche di non lasciarti mai riposare! Allora sarai beato: Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia perché saranno saziati (Mt 5,6)2. Cosi, per quelli che aspirano alla pienezza dell amore, ogni indicazione che permette di illuminare questo cammino e soprattutto di abbreviarlo, è assai preziosa. Quasi nessuno ne ha piena consapevolezza, ma, a mio parere, è necessaria ai santi perché dà la possibilità di santificarsi maggiormente e più in fretta, e ai peccatori di convertirsi; la Chiesa ne trarrà beneficio allo stesso modo. Il mondo sarà salvato dalla preghiera dei santi. E per questo che noi crediamo che sia molto importante trasmettere ai cristiani la parte migliore dei messaggi dei santi perché possano progredire velocemente verso la perfezione delpamore, anche se questo linguaggio non sarà capito da tutti. La domanda chiave di questo cammino, forse è sapere su dove concentrare i nostri sforzi. Questo non è sempre facile e non sempre corrisponde a quello che immaginavamo all inizio. 2 La giustizia nella Scrittura ha un significato diverso da quello che noi abitualmente le attribuiamo. E l atteggiamento dell uomo la cui volontà è pienamente conforme a quella di Dio per amarlo e amare il prossimo; in altri termini è quello che noi intendiamo per santità. 8

7 Suor Faustina, in questo brano, come in altre riflessioni del suo Diario, ci dà un consiglio, frutto della sua esperienza, che merita di essere ascoltato: La via più breve è la fedeltà alle ispirazioni dello Spirito Santo. Dunque, invece di disperdere i nostri sforzi in direzioni che potrebbero rivelarsi sterili o poco produttive, suor Faustina ci propone di indirizzarli specialmente verso un solo punto: saper riconoscere, accogliere e mettere in pratica le ispirazioni dello Spirito Santo. Questa è la cosa che ci «ripagherà» di più. Ne spiegheremo il perché e cercheremo anche di far comprendere che cosa significhi questo concretamente. 9

8

9 I. L a sa n tità è opera d e llo S pirito Sa n to È illusione comune pensare che la santificazione sia opera deir uomo; che basti avere un programma di perfezione ben chiaro per poi mettersi all opera con coraggio e pazienza e realizzarlo progressivamente: tutto qui. Purtroppo (o fortunatamente!), non è tutto qui... Senza dubbio sono necessari coraggio e pazienza, ma la santità non è certamente la realizzazione di un programma di vita che fissiamo noi. Esporremo, i due motivi più importanti per i quali questo non è possibile. 1. IL COMPITO VA AL DI LÀ DELLE NOSTRE FORZE È impossibile giungere alla santità con le nostre sole forze. Tutta la Scrittura ci insegna che essa è solo frutto della grazia di Dio. Gesù ci dice: Senza di me non potete fare nulla (Gv 15,15). E san Paolo: C'è in me il desiderio del bene, ma non la capacità di attuarlo (Rom 7,18). I santi stessi lo testimoniano. Ecco come si esprime Grignion de Monfort parlando di questa santificazione che è il progetto di Dio per noi: «Oh! Che opera mirabile: la polvere cambiata in luce, la sozzura in purezza, il peccato in santità, la creatura in Creatore e Puomo in Dio! Oh! Opera mirabili 11

10 le! Lo ripeto, ma opera difficile ed impossibile alla sola natura; solo Dio, con la grazia e con grazia abbondante e straordinaria, può realizzarla; e neanche la creazione di tutto l universo è grande come questo capolavoro»1. Per quanto ci sforziamo, non possiamo cambiare noi stessi. Solo Dio può venire a capo dei nostri difetti, dei nostri limiti nell ordine dell amore; solo lui ha un influenza così forte sui nostri cuori da poter realizzare una cosa simile. Noi non dobbiamo diventare santi con le nostre sole forze2, ma dobbiamo trovare il modo di permettere a Dio di farci santi. Questo richiede molta umiltà (rinunciare alla pretesa orgogliosa di potercela fare da soli, accettare le nostre povertà ecc.), ma allo stesso tempo è molto incoraggiante. Infatti, se le nostre forze hanno dei limiti, la potenza e l amore di Dio invece non ne hanno. Noi possiamo fare in modo che questa potenza e questo amore vengano in aiuto alla nostra debolezza. Ci basta accettare quest ultima nella pace riponendo in Dio solo tutta la nostra fiducia e la nostra speranza. In fondo è molto semplice, ma spesso avviene che ci vogliono anni per comprendere e per vivere cose semplici. In un certo senso, il segreto della santità è comprendere che possiamo ottenere tutto da Dio a condizione di sapere come prenderlo. E il segreto della piccola via 1 II segreto di Maria, inizio della prima parte. 2 Ovviamente questo non vuol dire che non dobbiamo compiere degli sforzi; questi però, devono orientarsi verso la giusta direzione per non rimanere sterili e il loro scopo non deve essere quello di farci giungere alla perfezione, ma quello di lasciarci trasformare da Dio senza opporgli resistenza, per aprirci il più possibile alla sua grazia che ci santifica. 12

11 di santa Teresa di Lisieux. Dio ha un cuore di padre e noi possiamo sempre ottenere da lui tutto quel che ci è necessario se sappiamo prenderlo dalla parte del cuore3. Io credo che questa idea che da Dio possiamo ottenere tutto, Teresa P abbia avuta da san Giovanni della Croce, suo unico maestro o quasi. Ecco cosa ci dice questo grande santo nel suo Cantico spirituale: «Grande è il potere e la tenacità dell amore, tanto da prendere e legare Dio stesso. Felice l anima che ama! Essa ha Dio per prigioniero, arreso a tutto ciò che essa vuole, perché egli è di tal natura che, se lo prendono per amore e per bene, lo moveranno a fare quanto desiderano»4. Questa frase audace sul potere che il nostro amore e la nostra fiducia possono esercitare sul cuore di Dio, 3 Ecco un brano di una lettera di Teresa che può aiutarci a comprendere tutto questo: «Vorrei tentare di farle comprendere, _ per mezzo di un paragone semplicissimo, quanto Gesù ama le anime, anche imperfette, che confidano in lui. Supponga che un padre abbia due figli sventati e disobbedienti e che, sul punto di punirli, veda uno di loro che trema e s allontana da lui con terrore, pur avendo dentro di sé il sentimento profondo di meritare il castigo, mentre invece il fratello si getta tra le braccia del padre dicendo che si pente del dolore che gli ha arrecato, che gli vuol bene e che d ora in avanti metterà giudizio. Se poi questo fanciullo domanda addirittura al padre di punirlo con un bacio, non credo che il cuore di quel padre fortunato possa resistere alla confidenza filiale del figlio del quale conosce la sincerità e l amore. Egli non ignora, tuttavia, che il figlio ricadrà più d una volta nelle stesse mancanze, ma è disponibile a perdonargli sempre se il figlio lo prenderà dalla parte del cuore...» (Lettera 229). 4 Cantico spirituale B, strofa 32,1. 13

12 svela una verità bella e profonda. Lo stesso san Giovanni della Croce la esprime altrove con parole diverse: «Quello che più tocca il cuore di Dio e trionfa su di esso, è una salda speranza»5. E ancora: «Dio ha una così grande stima della speranza del- Panima che incessantemente si rivolge a lui e conta su lui solo, che si può dire che le dona tutto ciò che ella spera»6. La santità non è un programma di vita: essa è qualcosa che si ottiene da Dio; esistono dei mezzi infallibili per ottenerla, tutto consiste nel capire quali siano... Abbiamo il potere di diventare santi, semplicemente perché Dio si lascia conquistare dalla fiducia che noi riponiamo in lui. Quello che diremo più avanti ha lo scopo di introdurci su questa buona strada. 2. S o l o D io c o n o s c e i l c a m m in o d i o g n u n o La seconda ragione per la quale non diventiamo santi fissando un programma, consiste nel fatto che, come esistono tanti tipi diversi di persone, allo stesso modo esistono tante forme diverse di santità e dunque anche di cammini verso la santità. Ognuno è assolutamente unico per Dio. La santità non è la realizzazione di un certo modello di perfezione, identico per tutti. Essa 5 Massima Massima

13 r è una realtà assolutamente unica che Dio solo conosce e che solo lui sa far sbocciare. Nessuno di noi sa in che cosa consista la propria santità; questo gli viene svelato solò man mano che il suo cammino prosegue, e spesso è qualcosa di ben diverso da quel che immaginavamo. Di fatto, il maggiore ostacolo nel cammino verso la santità è, forse, attaccarsi troppo all immagine che ci si è fatti della propria perfezione... La perfezione che invece vuole Dio è sempre diversa, ci disorienta sempre, ma, in fin dei conti è infinitamente più bella poiché solo lui è capace di creare dei capolavori assolùtamente unici, mentre l uomo, al contrario, sa solo imitare. Ne consegue un principio importantissimo: per accedere alla santità, l uomo non si può limitare a seguire delle regole generali che valgono per tutti. Egli deve anche capire quello che Dio gli chiede in particolare e che, forse, non chiede a nessun altro. Come riconoscere il volere di Dio? Ci sono diversi modi: attraverso gli avvenimenti della vita, nei consigli di un padre spirituale e con altri mezzi ancora. Tra questi ve ne è uno la cui importanza è fondamentale e merita di essere spiegata. Si tratta delle ispirazioni della grazia divina le quali sono delle sollecitazioni interiori, dei movimenti dello Spirito Santo nel profondo del nostro cuore, attraverso i quali Dio ci fa conoscere quello che ci chiede e, allo stesso tempo, ci comunica la forza necessaria per compierlo, se noi acconsentiamo. In seguito diremo come discernere ed accogliere queste ispirazioni. Per diventare santi dobbiamo, ovviamente, sforzarci di mettere in pratica la volontà di Dio che conosciamo dalla Scrittura, dai comandamenti ecc. e che è rivolta 15

14 a tutti. Ma è anche indispensabile, come abbiamo già detto, andare oltre, aspirare a conoscere non solo ciò che Dio chiede a tutti in modo generale, ma anche ciò che egli si aspetta da me in particolare. E qui che entrano in gioco le ispirazioni di cui parliamo. Però bisogna affermare che queste ispirazioni sono necessarie anche per quel che riguarda il compimento della volontà generale di Dio su di noi. La prima ragione è la seguente: se aspiriamo alla perfezione, abbiamo così tante cose da mettere in pratica, così tanti comandamenti e virtù da seguire, che ci è impossibile combattere su tutti i fronti; ad un certo punto della nostra vita, dobbiamo sapere a quale virtù dare la priorità, non secondo le nostre idee, ma secondo ciò che Dio effettivamente ci chiede, cosa che sarà molto più efficace. Comunque non si tratta sempre di quello che pensiamo noi. Ci sarebbero molte cose da dire a questo proposito: molto spesso ci succede di compiere sforzi smisurati per progredire su di un punto mentre Dio ci chiede un altra cosa. Per esempio, facciamo degli sforzi enormi per correggere un difetto del nostro carattere mentre Dio ci chiede semplicemente di accettarlo con umiltà e mitezza verso noi stessi! Le ispirazioni della grazia sono preziosissime per orientare bene i nostri sforzi nei combattimenti che dobbiamo affrontare... Senza di esse rischiamo o di rilassarci su alcuni punti o di esigere da noi stessi più di quanto Dio stesso non ci chieda, il che è comunque grave e più frequente di quanto non si pensi. Dio ci chiama alla perfezione ma non è perfezionista. E la perfezione si raggiunge non tanto attraverso la conformità esteriore a un ideale, quanto attraverso la fedeltà interiore a delle ispirazioni. 16

15 C è una seconda ragione dimostrata dall esperienza: molto spesso non abbiamo la forza di compiere neanche la volontà e i comandamenti di Dio che già conosciamo e che sono validi per tutti. Ora, ogni volta che siamo fedeli nel rispondere ad una mozione dello Spirito, desiderando di essere docili a ciò che Dio si aspetta da noi, anche nelle cose più piccole, questa fedeltà attira su di noi un sovrappiù di grazia e di forza che potremo applicare in altri campi per essere un giorno capaci, forse, di praticare i comandamenti che non avevamo avuto la forza di mettere completamente in pratica fino a quel momento. Si potrebbe dire che è un applicazione della promessa di Gesù nel Vangelo: Bene, servo buono e fedeleysei stato fedele nel poco, ti darò autorità su molto (Mt 25,21). Ne deduciamo una legge spirituale fondamentale: Otterremo la grazia di essere fedeli nelle cose importanti cheyper il momento, sono per noi impossibili, solo continuando ad essere fedeli nelle piccole cose, alla nostra portata, soprattutto quando queste piccole cose sono quelle che lo Spirito Santo ci chiede, sollecitando il nostro cuore con le sue ispirazioni. Terminiamo questa parte con una considerazione di importanza capitale per motivarci nel desiderio di essere fedeli a queste ispirazioni. Se vi proponessimo di fare degli sforzi per realizzare qualche progresso spirituale secondo le vostre idee e i vostri criteri, non avreste successo. Lo abbiamo detto: tra quel che Dio ci chiede effettivamente e quel che noi immaginiamo che egli ci chieda, a volte c è una bella differenza. Non avremo la grazia per fare ciò che Dio non ci chiede. 17

16 Invece, nelle cose che egli si aspetta da noi, la sua grazia ci viene assicurata: Dio dona ciò che ordina. Quando Dio ci ispira di fare qualcosa (se è veramente lui la fonte di questa ispirazione), ci dà allo stesso tempo la capacità di farlo. Anche se questo al principio ci supera o ci fa paura... Ogni mozione divina, oltre ad essere luce per comprendere ciò che Dio desidera, è forza che anima la volontà. 3. LA FEDELTÀ ALLA GRAZIA ATTIRA ALTRE GRAZIE «Ecco un breve racconto dal Diario di suor Faustina: «Oggi ho cercato di fare tutte le mie pratiche di pietà prima della benedizione, perché mi sentivo peggio del solito. Perciò subito dopo la benedizione sono andata a coricarmi. Però quando andai in dormitorio, conobbi all improvviso interiormente che dovevo entrare nella cella di suor N. che aveva bisogno d aiuto. Entrai subito in quella cella e suor N. mi disse: Che fortuna che Dio l ha condotta qui, sorella. E parlava con una voce così bassa che riuscii a capire a malapena. Mi disse: Sorella, mi pórti per favore un po di tè col limone, perché ho una gran sete e non posso muovermi perché soffro molto. In realtà soffriva molto e aveva la febbre alta. Le feci il servizio e con quel po di tè spense l arsura delle sue labbra. Quando entrai nella mia cella, la mia anima venne avvolta da un grande amor di Dio e compresi quanto occorra fare attenzione alle ispirazioni interiori e seguirle fedelmente. E la fedeltà a una grazia, ne attira altre»7. 7 Diario di suor Faustina, Libreria Editrice Vaticana, p

17 r Questo testo illustra bene alcune cose già dette sopra e sottolinea un punto importantissimo: ogni fedeltà ad un ispirazione viene ricompensata da grazie sempre più abbondanti, in particolare da ispirazioni sempre più frequenti e più forti. E come se l anima si allenasse nella fedeltà à Dio per giungere a una percezione sempre più chiara della sua volontà e a una facilità maggiore per compierla. Anche san Francesco di Sales afferma: «Quando sappiamo trarre beneficio da un ispirazione che Nostro Signore ci dona, egli ce ne ridona un altra e così continua a donarcene altre nella misura in cui ne sappiamo trarre beneficio»8. Questo è il dinamismo fondamentale che potrà condurci, poco a poco, alla santità: la nostra fedeltà a una grazia ne attirerà altre9. Anche santa Teresa di Gesù Bambino testimonia questo dinamismo della fedeltà che rende sempre più facile il compimento della volontà di Dio: «La pratica della virtù ci divenne dolce e naturale; dapprincipio il mio viso tradiva spesso il combattimento, ma poco a poco quella espressione scomparve e la rinuncia mi divenne facile anche dal primo istante. Gesù lo ha detto: A colui che possiede, verrà dato 8 Lettera 2074 nell edizione di Annecy. Padre Ravier, presentando i punti essenziali della spiritualità di san Francesco di Sales, afferma che «le ispirazioni sono dei mezzi di cui lo Spirito Santo si serve per guidare ognuno di noi ad ogni istante. Discernerle e seguirle è uno dei punti più importanti della vita devota», in F rancesco di S a le s, Lettere di amicizia spirituale, Desclèe de Brouwer, p Ciò non vuol dire che tutto è perduto se a volte siamo infedeli. Parleremo di questo nei prossimi capitoli. 19

18 ancoray e sarà nell*abbondanza. Per una grazia ricevuta fedelmente egli me ne concedeva molte altre...»10. Aggiungiamo anche che questa tappa è accompagnata da una grazia di felicità: nonostante che obbedire allo Spirito, all inizio ci costi molto, perché dobbiamo affrontare le nostre paure, i nostri attaccamenti ecc., questa obbedienza, in fin dei conti, è sempre fonte di gioia e di felicità ed è accompagnata da un effusione di grazia che dilata il cuore, che rende l anima libera e felice di camminare sulle vie del Signore: Corro per la via dei tuoi comandamenti perché hai dilatato il mìo cuore (Sai 119,32). Dio ci ricompensa ampiamente con una generosità che solo lui possiede. Solo lui ci può trattare così... Ecco una legge spirituale che l esperienza conferma e che merita di essere sottolineata. Questo vuol dire che, anche se la via della docilità alle mozioni dello Spirito è molto esigente, poiché lo Spirito soffia dove vuole (Gv 3,8), essa è comunque una via di libertà e di felicità nella quale l anima cammina senza vincoli e il cuore non è rinchiuso, ma dilatato. Questa dilatazione del cuore è un segno che manifesta la presenza dello Spirito. Lo Spirito Santo viene giustamente chiamato Consolatore. Quando i tocchi dello Spirito, che ci illuminano e ci spingono ad agire, vengono accolti, riversano nel nostro cuore non solo luce e forza ma anche un unzione di conforto e di pace che molto spesso ci colma di consolazione. E quand anche il loro obbiettivo fosse di poca importanza, poiché essi procedono dallo Spi 10 Manoscritto autobiografico A, p

19 rito divino, hanno il potere che solo Dio possiede: di consolarci e di colmarci. Una sola gocciolina dell unzione dello Spirito Santo può riempire il nostro cuore di una soddisfazione più grande di tutti i beni della terra messi assieme, perché fa parte dell infinito di Dio11. Cospàrgi di olio il mio capo, il mio calice trabocca (Sai 23). Questa unzione dello Spirito si espande immancabilmente nell anima di colui che compie il bene ispiratogli dallo Spirito. Qui troviamo l altra grande legge della vita spirituale: ciò che è veramente capace di colmare i nostri cuori non sono tanto i beni che riceviamo, quanto il bene ispirato da Dio che pratichiamo: c è più gioia nel dare che nel ricevere. Abbiamo appena mostrato fino a che punto sia fecondo accogliere e seguire le mozioni dello Spirito, tanto da poter dire con suor Faustina che questo è senza dubbio il mezzo principale per santificarci. Ma adesso sorgono diverse domande: come riconoscere e discernere queste mozioni dello Spirito? Tutti ricevono queste mozioni? Come favorire la loro presenza nella nostra vita spirituale? Cercheremo di rispondere a queste domande, cominciando dall ultima. 11 Riccardo di San Vittore dice: «Io oso affermare che una sola goccia di queste divine consolazioni può far ciò che tutti i piaceri del mondo non saprebbero fare. Questi ultimi non possono saziare il cuore mentre una sola goccia della dolcezza interiore, che lo Spirito Santo riversa nell anima, la porta fuori di sé e le dona una santa ebbrezza». 21

20

21 II. C o m e far sbo ccia re LE ISPIRAZIONI Dio ama tutti gli uomini allo stesso modo e vuole condurre tutti alla perfezione, ma usa delle vie molto diverse per gli uni e per gli altri. Questo vuol dire che le ispirazioni della grazia si potranno manifestare di più o di meno a seconda della persona. Lo Spirito non si può costringere: Dio è padrone dei suoi doni. Tuttavia, non si può dubitare del fatto che Dio concederà ad ogni persona le ispirazioni necessarie, almeno per la sua santificazione. Ascoltiamo san Francesco di Sales: «Oh, quanto sono fortunati coloro che tengono dischiuso il cuore alle sante ispirazioni! Ché mai non son privi di quelle che lor sono necessarie a vivere bene e devotamente nella propria condizione, e bene e santamente esercitare i carichi imposti dalla loro professione. Poiché, come il Signore dà, per via dell ordine naturale, agli animali tutti gli istinti richiesti alla conservazione e all esercizio delle naturali qualità loro, così, qualora non resistiamo noi alla grazia di Dio, egli dà a ciascuno di noi le ispirazioni occorrenti per vivere, operare, e conservarci nella vita spirituale»1. 1 Trattato delvamor di Dio, libro Vili, cap

22 Bisogna anche aggiungere che queste mozioni dello Spirito, anche se purtroppo rivestono un ruolo poco rilevante nell esistenza di molti cristiani, non sono una cosa eccezionale, ma fanno parte di un «funzionamento normale» della'vita spirituale. San Paolo lo suggerisce quando dice: Tutti quelliy infatti, che sono guidati dallo Spirito di Dio, costoro sono figli di Dio (Rom 8,14), e anche: Se pertanto viviamo dello Spirito, camminiamo anche secondo lo Spirito (Gal 5,25). Tutti noi abbiamo ricevuto l adozione filiale e la grazia dello Spirito Santo con il battesimo. Il frutto di questo sacramento è lo sbocciare nella nostra vita di quello che la teologia chiama: doni dello Spirito Santo, che hanno lo scopo di «disporre l anima a ricevere prontamente l impulso della grazia divina»2. Il dottore angelico dice anche: «I doni dello Spirito Santo rendono tutte le facoltà dell anima capaci di sottomettersi alla mozione divina»3. Ogni cristiano deve dunque desiderare e chiedere queste grazie d ispirazione. Dio certamente le dona in misura più o meno grande e a chiunque è stato dato moltoymolto sarà chiesto (Le 12,48), così come a colui al quale è stato dato di meno, meno sarà chiesto. Però queste grazie d ispirazione non sono facoltative poiché possono essere decisive per il nostro progresso spirituale e accoglierle nella nostra vita è importantissimo. Che cosa permette concretamente la manifestazione delle ispirazioni della grazia? Cosa bisogna fare perché il Signore ce ne faccia trarre il maggiore beneficio 2 San Tom m aso, Somma teologica, la, Ilae, q. 68, a Ibid. 24

23 possibile? Elencheremo un certo numero di condizioni che favoriscono la loro manifestazione. 1. P r a t ic a r e l a l o d e e l a g r a t it u d in e Quello che ci impedisce di ricevere grazie più abbondanti da Dio è il non riconoscere abbastanza quelle che ci ha già concesse, ringraziandolo per questo. Senza dubbio, se ringraziamo Dio con tutto il nostro cuore per ogni grazia ricevuta, particolarmente per le ispirazioni, egli ce ne concederà ancora di più. Ascoltiamo santa Teresa di Gesù Bambino che parla a sua sorella Celina (suor Genoveffa): «Quel che più attira le grazie del Buon Dio, è la riconoscenza, perché se noi lo ringraziamo di un beneficio, egli ne rimane toccato e si affretta a donarcene altre dieci e se noi lo ringraziamo ancora con la stessa effusione, che moltiplicarsi incalcolabile di grazie! Io Tho sperimentato, prova e vedrai! La mia gratitudine è senza limiti per tutto quello ch egli mi dona e io glielo provo in mille modi»4. Non si tratta di calcolare, ma di prendere coscienza che la nostra ingratitudine verso Dio ci fa ripiegare su noi stessi e ci chiude alla sua grazia. Benedici il Signore, anima mia, non dimenticare tanti suoi benefici, dice il Salmo (103,1). La lode purifica il cuore e lo dispone meravigliosamente a ricevere la grazia divina e le mozioni dello Spirito Santo. 4 Consigli e ricordi di suor Genoveffa. 25

24 2. D e s id e r a r e e c h ie d e r e l e isp ir a z io n i Poi bisogna ovviamente desiderare e chiedere spesso le ispirazioni nella preghiera: Chiedete e vi sarà dato (Le 11,9). Ecco quella che dovrebbe essere la richiesta da rivolgere più spesso a Dio: Ispirami in tutte le mie decisioni e fa' che non trascuri nessuna delle tue ispirazioni. Dobbiamo chiederle in tutte le circostanze della nostra vita, nei momenti particolari, di fronte a scelte importanti; quando abbiamo l'impressione che la nostra vita con il Signore proceda a fatica e debba essere vivificata, forse sarebbe bene prendere qualche giorno di ritiro e di preghiera più intensa per chiedere la luce dello Spirito Santo. Sarebbe sorprendente allora che Dio non ci rispondesse donandoci le sue ispirazioni. 3. D e c i d e r s i a n o n r if iu t a r e n u l l a a D io Oltre a una preghiera cosciente ed esplicita in questi termini, è importante che in noi ci sia una forte e costante determinazione nell'ubbidire a Dio in ogni cosa, grande o piccola che sia, senza nessuna eccezione. Più Dio ci vede in questa disposizione di totale docilità, più ci concede le sue ispirazioni. Non dico che sia necessario essere capaci di ubbidire a Dio in tutto; questo ci è indubbiamente impossibile a causa della nostra fragilità. Ma bisogna essere molto determinati e far sì che, specialmente con la preghiera, ci fortifichiamo incessantemente nella risoluzione di non trascurare mai la volontà che Dio potrebbe esprimerci, per quanto piccola possa essere. 26

25 Questa determinazione non deve comunque diventare uno scrupolo* di cui il demonio potrebbe servirsi per scoraggiarci; una paura di venir meno alla volontà di Dio o un angoscia di non riuscire a comprenderla. In questo campo, come dappertutto, dobbiamo lasciarci condurre dall amore e non dalla paura e, come diceva san Francesco di Sales, dobbiamo più «amare Vobbedienza che temere Vobbedienza»5. Dobbiamo fortificarci continuamente nella risoluzione di essere docili a Dio, stando in guardia che il demonio non se ne serva mai per turbarci con delle inquietudini o per scoraggiarci quando inevitabilmente cadiamo. 4. P r a t ic a r e l o b b e d ie n z a f il ia l e e f id u c io s a Perché Dio ci riveli sempre più la sua volontà con delle ispirazioni, bisogna iniziare a ubbidire alle volontà di Dio che già conosciamo e questo è applicabile in diversi campi. Come abbiamo già detto, ogni fedeltà alla grazia attira nuove grazie, sempre più abbondanti. Se siamo attenti a ubbidire alle mozioni dello Spirito, queste diventeranno sempre più numerose. Se invece siamo negligenti, rischiamo di farle diminuire. A chi ha sarà dato; ma a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha (Le 19,26), dice Gesù. Questo è il principio: per ottenere più ispirazioni, bisogna cominciare a ubbidire a quelle che riceviamo. 5 Cf. Lettera a santa Giovanna di Chantal. 27

26 È evidente che in seguito Dio ci gratificherà maggiormente con le sue ispirazioni sé vedrà che siamo fedeli nel compiere la sua volontà, quando questa si esprime in modi ordinari come i comandamenti, i doveri del nostro stato ecc. Esistono molteplici espressioni della volontà di Dio che già conosciamo senza aver minimamente bisogno di particolari ispirazioni: si tratta della volontà di Dio che si manifesta, in modo generale, nei comandamenti della Scrittura, nell insegnamento della Chiesa, nelle esigenze proprie alla nostra vocazione, alla nostra vita professionale ecc. Se c è in noi un sincero desiderio di fedeltà in tutti questi ambiti, Dio ci concederà molte più mozioni del suo Spirito. Se invece siamo negligenti nei nostri doveri abituali* potremo anche continuare a chiedergli le mozioni, ma avremo poca possibilità che ci ascolti... Cerchiamo, inoltre, di acconsentire, per amor di Dio, a tutte le occasioni legittime di obbedienza che si presentano a noi nell ambito della vita comunitaria, familiare, sociale. Bisogna ubbidire a Dio piuttosto che agli uomini, certo, ma è un illusione credere di essere capaci di ubbidire a Dio, se non siamo capaci di ubbidire agli uomini. In entrambi i casi, di fatto, l ostacolo da sormontare è sempre lo stesso: l attaccamento a se stessi e alla propria volontà. Chi non riesce a ubbidire alle persone, che gli piaccia o no, si culla solo in dolci illusioni, se crede di essere capace di ubbidire allo Spirito Santo. Se non sono mai disposto a rinunciare alla mia volontà (le mie idee, i miei gusti, i miei attaccamenti...), di fronte agli uomini, cosa mi garantisce che sarò capace di esserlo quando sarà Dio a chiedermelo? 28

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

(Catechismo della Chiesa cattolica Compendio, 561).

(Catechismo della Chiesa cattolica Compendio, 561). PREGARE PER VIVERE IN PIENEZZA di Fr. Renato D Andrea O. P. La preghiera ci consente di metterci in comunione con Dio-Amore da cui si impara l amore. Solo imparando l amore e di conseguenza amando, si

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi Cammino di perfezione/20 Vinci le antipatie con l amore sii amico di tutti Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi sull amore come anima di ogni comunità familiare, ecclesiale, sociale. Una comunità

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

FRUTTI DI PREGHIERA IL CAMMINO LUMINOSO DELLA VOLONTÀ DIVINA MADRE TRINIDAD DE LA SANTA MADRE IGLESIA. Tratto dal libro: Ritagli da un diario

FRUTTI DI PREGHIERA IL CAMMINO LUMINOSO DELLA VOLONTÀ DIVINA MADRE TRINIDAD DE LA SANTA MADRE IGLESIA. Tratto dal libro: Ritagli da un diario MADRE TRINIDAD DE LA SANTA MADRE IGLESIA Fondatrice de L Opera della Chiesa IL CAMMINO LUMINOSO DELLA VOLONTÀ DIVINA Tratto dal libro: FRUTTI DI PREGHIERA Ritagli da un diario Imprimatur: Mons. Pietro

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita LE FORME E LE ESPRESSIONI DELLA PREGHIERA NEL TEMPO DELLA CHIESA S. Tommaso d Aquino 8 gennaio 2002 Schema della riflessione tenuta da Nasca Michelangelo INTRODUZIONE Il cristiano che non prega più deve

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

La Santa Sede VISITA PASTORALE A MALTA INCONTRO DI GIOVANNI PAOLO II CON I GIOVANI ALLO STADIO NAZIONALE DI TA QALI

La Santa Sede VISITA PASTORALE A MALTA INCONTRO DI GIOVANNI PAOLO II CON I GIOVANI ALLO STADIO NAZIONALE DI TA QALI La Santa Sede VISITA PASTORALE A MALTA INCONTRO DI GIOVANNI PAOLO II CON I GIOVANI ALLO STADIO NAZIONALE DI TA QALI Rabat (Malta) - Domenica, 27 maggio 1990 Cari giovani di Malta, Sono felice di essere

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

FORMAZIONE UMANO-AFFETTIVA

FORMAZIONE UMANO-AFFETTIVA ANNESSO 4 FORMAZIONE UMANO-AFFETTIVA 0. Introduzione Diventare capaci di amare con tutto il cuore fa parte dei desideri umani grandi e incancellabili. Là si trova la sorgente della gioia di vivere e del

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

MADONNA DELLA SALUTE

MADONNA DELLA SALUTE 1 MADONNA DELLA SALUTE SI FESTEGGIA IL 21 NOVEMBRE 1- Vergine santissima, che sei venerata con il dolce titolo di Madonna della salute, perché in ogni tempo hai lenito le umane infermità: ti prego di ottenere

Dettagli

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa Voi avete scelto di essere dei cooperatori dell opera di madre Teresa. Avete scelto di compiere qualcosa che possa essere d aiuto alle suore missionarie

Dettagli