AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTOMAZIONE INDUSTRIALE"

Transcript

1 AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Lo schema seguente descrive l evoluzione dei sistemi di produzione industriale con l avvento dell automazione. Vengono presi in considerazione la lavorazione alle macchine utensili, il caricamento della macchina ed il trasposto dei pezzi lavorati, il controllo/collaudo dei pezzi ed il loro immagazzinamento. Vediamolo più nel dettaglio. - Dalla Macchina tradizionale alla Macchina a Controllo Numerico (CN) Mentre nelle macchine utensili tradizionali le varie operazioni, lette dal disegno e dai cicli di lavorazione, vengono di volta in volta fornite ai diversi organi manualmente dall operatore, col controllo numerico è possibile programmare tutta la lavorazione e farla eseguire in continuo dalla macchina. La parte della MU/CN destinata ad organizzare la lavorazione è l Unità di governo. Rispetto a quella tradizionale, la lavorazione su CN ha due fasi in più: la programmazione e l immissione del programma nella macchina: 1) La PROGRAMMAZIONE consiste, partendo dal disegno di un pezzo, nel tradurre i dati in forma tale da poter essere usati dal Controllo Numerico. 2) L IMMISSIONE DEL PROGRAMMA consiste nella digitazione dei blocchi (o sequenze) secondo un codice standardizzato direttamente a bordo macchina o nella registrazione del programma stesso su una memoria permanente costituita un tempo dal nastro di carta, successivamente dal nastro magnetico e poi da un disco. Appunti dalle lezioni di STA del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano Pag. 1

2 Per Controllo Numerico si intendono le tecniche ed i metodi grazie ai quali si può governare una macchina utensile tramite informazioni di tipo alfanumerico, che vengono fornite da un sistema elettronico collegato alla macchina. Tali informazioni sono di tipo: - geometrico (corse di lavoro lungo gli assi X, Y, Z) - tecnologico (numero di giri, velocità di avanzamento ) - ausiliario (rotazione del mandrino oraria o antioraria, uso o meno del refrigerante ) Per potere impartire alla macchina le informazioni numeriche relative alle posizioni che devono assumere sia il pezzo che l utensile, si stabilisce sulla macchina un sistema di assi ortogonali di riferimento. Sul tornio l asse orizzontale Z coincide con l asse del mandrino e l asse orizzontale X con la direzione perpendicolare all asse Z, coincidente con quella del moto trasversale della torretta portautensile. Sulla fresatrice, l asse orizzontale X coincide con lo spostamento longitudinale della tavola portapezzo e l asse orizzontale Y con lo spostamento trasversale. L asse Z verticale coincide con quello del mandrino. Nella MU/CN, rispetto alla macchina tradizionale, è differente il sistema di posizionamento dell utensile, in quanto carro, vite e motori non sono quelli tradizionali: ogni asse comprende una vite a ricircolazione di sfere (che sostituisce la vite-madre vite e la barra scanalate), un motore che trasmette il moto direttamente alla vite a ricircolazione di sfere ed un sistema di controllo dello spostamento dell utensile costituito da un trasduttore di posizione. Predetto che l acquisto di una MU/CN in un azienda dipende dai suoi programmi di lavorazioni e di sviluppo, dalla sua consistenza economica e dal suo collocamento sul mercato, i vantaggi che ne derivano sono: - Riduzione dei costi diretti di manodopera e delle attrezzature. - Aumento della produzione (soprattutto per effetto della riduzione dei tempi morti). - Miglioramento della qualità del prodotto. - Riduzione degli scarti (le macchine utensili producono i pezzi con la precisione voluta, il controllo finale praticamente non esiste). - Aumento della flessibilità della struttura produttiva. - Riduzione delle aree occupate in officina (una MU/CN può sostituire più macchine tradizionali). - Sicurezza di realizzare sempre i tempi di lavorazione preventivati (immesso il programma ed eseguito il primo pezzo, tutti gli altri saranno uguali al primo e fatti nello stesso tempo). Rallentamenti o scarti per stanchezza e distrazione dell operaio non entrano più nel processo produttivo. - Possibilità di affidare ad una sola persona il compito di seguire più macchine contemporaneamente. Appunti dalle lezioni di STA del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano Pag. 2

3 Di seguito è l esempio di un programma di lavorazione su fresatrice a CN per l esecuzione di un operazione di foratura. Con la lettera N è indicato il numero di blocco (o sequenza); la lettera T identifica l utensile (tool); la lettera M contraddistingue delle funzioni ausiliarie (o miscellanea) di supporto alle lavorazioni; la lettera G contraddistingue delle funzioni preparatorie necessarie a specificare alla macchina il genere di lavoro da compiere; le lettere X, Y e Z identificano gli assi della macchina lungo i quali avviene il movimento; la lettera S (da spindle) indica la velocità do rotazione del mandrino; la lettera F (da feed) indica la velocità di avanzamento. T 16 M 06 G 00 X - 30 Y 0 G 43 Z 5 H 15 S 1400 F 210 M 03 G 81 Z - 20 R 3 M 08 G 80 G 00 Z 200 M 09 M 05 Cambio utensile Posizionamento rapido sul punto di foratura Applica correttore lunghezza utensile e Posizionamento con velocità di lavoro alla quota Z = 5 mm Ciclo fisso di foratura (distanza di sicurezza R = 3 mm) Annulla ciclo fisso, allontanamento rapido e refrigerante OFF Stop mandrino - Programmazione assistita da computer (CAD/CAM) Con la programmazione manuale, il programmatore descrive un ciclo di lavoro nella sequenza voluta ed in un linguaggio comprensibile all unità di governo. Con la programmazione automatica, dopo una prima fase relativa alla descrizione del profilo da realizzare (disegno del pezzo) ed una seconda fase di programmazione tecnologica (scelta degli utensili e dei parametri di taglio), è il programma stesso installato sul computer che si occupa della generazione del programma di lavorazione adatto alla specifica macchina utensile. L attività di programmazione con l ausilio del computer è indicata con la sigla CAD/CAM, dove: - CAD sta per Computer Aided Design (progettazione assistita dal computer) - CAM sta per Computer Aided Manufacturing (fabbricazione assistita dal computer) Appunti dalle lezioni di STA del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano Pag. 3

4 In sintesi: - si esegue il disegno e si introducono i parametri tecnologici - il part program trasforma gli elementi geometrici e tecnologici in un linguaggio simbolico - il processor elabora il part program e genera il cl-file - il cl-file visualizza le traiettorie diagnosticando eventuali errori - il post processor elabora il cl-file e fornisce il programma di lavorazione per la specifica macchina Per la manipolazione ed il caricamento dei materiali, per la movimentazione dei materiali, degli attrezzi ed altri mezzi, ma anche per il controllo/collaudo dei pezzi in lavorazione ed il successivo immagazzinamento, si possono utilizzare in un ciclo produttivo automatizzato i robot. Appunti dalle lezioni di STA del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano Pag. 4

5 ROBOT Un robot è una struttura meccanica multifunzionale e riprogrammabile progettato per spostare materiali, arti, utensili o dispositivi specializzati secondo movimenti variabili programmati per l esecuzione di una varietà di compiti diversi (Robot Institute of America, 1980). Il campo industriale è sicuramente quello in cui i robot hanno trovato maggiore diffusione. Il loro impiego nelle catene di montaggio ha permesso alle aziende di abbattere i costi accelerando e migliorando la produzione. Il robot (pron. ròbot o robòt, dalla parola cecoslovacca robota che significa lavoro pesante, a sua volta presente anche in alcune lingue slave sempre col medesimo significato, è una macchina (di forma più o meno antropomorfa), in grado di svolgere, in base ai comandi che gli vengono dati, un lavoro al posto dell uomo, sia con la supervisione diretta dell uomo sia autonomamente in base a delle linee guida fornitegli. Questi compiti dovrebbero essere eseguiti dal robot al fine di sostituire o coadiuvare l'uomo, come ad esempio nella fabbricazione, costruzione, manipolazione di materiali pesanti e pericolosi, o in ambienti proibitivi o non compatibili con la condizione umana o semplicemente per liberare l uomo da impegni. L'introduzione della parola robot si deve allo scrittore ceco Karel Čapek, il quale usò per la prima volta il termine nel 1920 nel suo dramma teatrale I robot universali di Rossum. Robot per caricamento della pressa Appunti dalle lezioni di STA del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano Pag. 5

6 Robot per saldatura a punti Aree di applicazione Le principali aree di applicazione dei robot sono: - lavorazioni ad alte temperature (fusione, stampaggio, forgiatura) - trattamenti termici - saldatura (ad arco, laser, a gas) - trattamenti con materiali tossici (vernici, collanti, sigillanti) - taglio, pulitura, carico, scarico - taglio laser, waterjet - assemblaggio, imballaggio - misura, ispezione (rilevamento di profili, collaudo dimensionale, ispezione per le valutazioni di qualità dei prodotti) Tipi di robot industriali - Robot di saldatura: hanno precisione, ripetibilità, robustezza (la pinza di saldatura può essere pesante), agilità di articolazione (i punti di saldatura possono essere difficili da raggiungere); - Robot di montaggio (tipo di movimento, volume di lavoro, precisione e ripetibilità, capacità di afferrare, spostare e rilasciare il pezzo; - Robot di manipolazione (carico sollevabile, afferraggio dei pezzi, velocità e accelerazione, precisione, assenza di vibrazioni); - Robot di trasporto (attuatori di movimento, autonomia di operabilità e di movimednto). Appunti dalle lezioni di STA del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano Pag. 6

7 Strutture di robot I robot possono essere classificati in base alla loro struttura: - robot seriali (cartesiani, cilindrici, sferici (o polari), articolati, SCARA) - robot paralleli. Robot cartesiano Robot antropomorfo Appunti dalle lezioni di STA del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano Pag. 7

8 Robot cilindrico Robot SCARA (o a braccio girevole) Appunti dalle lezioni di STA del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano Pag. 8

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM)

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) Con la programmazione manuale, il programmatore descrive un ciclo di lavoro nella sequenza voluta ed in un linguaggio comprensibile all unità di governo.

Dettagli

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa L automazione 1 L automazione Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa Politecnico di Torino 1 Automazione delle macchine utensili (M.U.)

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5 LA PROGRAMMAZIONE Un programma per una Macchina Utensile CNC è costituito da una sequenza logica di informazioni geometriche, tecnologiche ed ausiliarie (fasi di lavoro). Le informazioni geometriche riguardano

Dettagli

classe 4 MECCANICI SERALE

classe 4 MECCANICI SERALE TORNIO CNC classe 4 MECCANICI SERALE 1 PARTE COSTRUZIONE DI UN PROGRAMMA TORNIO CNC Il programma di lavorazione deve essere immesso con un formato accettabile dal CNC. Tale formato deve comprendere tutti

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

ATTREZZATURE PER LA LAVORAZIONE DEI MANUFATTI

ATTREZZATURE PER LA LAVORAZIONE DEI MANUFATTI ATTREZZATURE PER LA LAVORAZIONE DEI MANUFATTI La crescente automazione delle MU/CN richiede che pezzi ed utensili vengano sostituiti rapidamente durante il ciclo di lavoro. Attrezzature porta utensili

Dettagli

Appunti per la programmazione ISO (dal manuale OSAI riservato ai propri clienti)

Appunti per la programmazione ISO (dal manuale OSAI riservato ai propri clienti) ITIS Varese Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni Reparto Macchine Utensili TORNIO ANTARES controllo OSAI 8600 T Appunti per la programmazione ISO (dal manuale OSAI riservato ai propri clienti) MOVIMENTI

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A

CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A asdf CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO 18 December 2011 Premessa all'articolo L'intento di questo articolo è quello di parlare brevemente (e relativamente alle mie esigue conoscenze in

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

Corso di Automazione industriale

Corso di Automazione industriale Corso di Automazione industriale Lezione 11 Macchine utensili e controllo numerico Programmazione CNC Università degli Studi di Bergamo, Automazione Industriale, A.A. 2015/2016, A. L. Cologni 1 Introduzione

Dettagli

Introduzione al Corso

Introduzione al Corso Anno accademico 2005/2006 Prof. Giovanni Muscato Introduzione al Corso Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi Università degli Studi di Catania Viale A. Doria 6, 95125, Catania,

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 Fresatrici, Alesatrici e Centri di Lavoro pag. 2 1.1 Generalità 2 1.2 Struttura

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Introduzione al corso Introduzione Def. di Robotica e Robot, Robotica industriale, Classificazione dei robot, Applicazioni, Mercato della Robotica Cinematica (relazioni tra posizioni dei giunti e posizione

Dettagli

Corso di controllo numerico (Cnc iso)

Corso di controllo numerico (Cnc iso) Corso di controllo numerico (Cnc iso) A cura di Ferrarese Adolfo. - Copyright 2007 - Ferrarese Adolfo - Tutti i diritti riservati - 1 Prefazione: Il corso si articola in 8 sezioni: 7 lezioni più un'ampia

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

MATERIA: LABORATORIO DI MECCANICA

MATERIA: LABORATORIO DI MECCANICA UF1 - PRODURRE ALLA FRESATRICE Norme del disegno tecnico. Tolleranze di lavorazione. Lettura degli strumenti di misura e di controllo Conoscenza degli utensili per fresare Calcolo dei parametri di taglio.

Dettagli

L EVOLUZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI NEL SETTORE MECCANICO DEL NOVECENTO.

L EVOLUZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI NEL SETTORE MECCANICO DEL NOVECENTO. L EVOLUZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI NEL SETTORE MECCANICO DEL NOVECENTO. DEFINIZIONE DEL ROBOT INDUSTRIALE MORFOLOGIA DEL ROBOT INDUSTRIALE Confronto tra giunti GRADI DI LIBERTA DEL ROBOT Si definiscono

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO PROGRAMMAZIONE AUTOMATICA CAM. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO PROGRAMMAZIONE AUTOMATICA CAM. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO PROGRAMMAZIONE AUTOMATICA CAM Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 Programmazione automatica CAM Il CAM (Computer Aided Manufacturing) è una tecnologia mediante la quale si realizza l'integrazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EIA/ISO Macchine Utensili CNC

PROGRAMMAZIONE EIA/ISO Macchine Utensili CNC PROGRAMMAZIONE EIA/ISO Macchine Utensili CNC A cura di Massimo Reboldi Versione 2.0 7/1/14 La programmazione EIA/ISO! Introduzione! Assi e Riferimenti! Linguaggio di programmazione! Grammatica;! Lessico;!

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MUCN

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MUCN INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MUCN 1 MACCHINA UTENSILE CN 2 SISTEMA DI RIFERIMENTO Y X Z 3 SISTEMA DI RIFERIMENTO E ASSI MACCHINA L asse Z è sempre coincidente o parallelo con l asse del mandrino.

Dettagli

Elementi di robotica industriale

Elementi di robotica industriale Elementi di robotica industriale Stefano Ferrari Università degli Studi di Milano ferrari@dti.unimi.it Corso di Robotica Industriale IFTS Industrializzazione del Prodotto e del Processo Motivazioni dell

Dettagli

CIM Computer Integrated Manufacturing

CIM Computer Integrated Manufacturing INDICE CIM IN CONFIGURAZIONE BASE CIM IN CONFIGURAZIONE AVANZATA CIM IN CONFIGURAZIONE COMPLETA DL CIM A DL CIM B DL CIM C DL CIM C DL CIM B DL CIM A Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo

Dettagli

TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1

TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1 TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1 Basamento E costituito da una struttura portante in ghisa stabilizzata e munito di nervature, garantisce la massima robustezza e rigidità dell'insieme. Le

Dettagli

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6 Indice 1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo................ 6 2 Elementi di modellistica 8 2.1 Modelli nel dominio del tempo................... 8 2.2 La trasformata di Laplace......................

Dettagli

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG)

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG) di Tecnologia Meccanica TORNIO PARALLELO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio Tornio parallelo In questa trattazione ci occuperemo diffusamente del tornio parallelo, cioè del tipo di

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Prof. Andrea Cataldo andrea.cataldo@itia.cnr.it ARGOMENTI delle ESERCITAZIONI CONTROLLO NUMERICO in AULA CONTROLLO

Dettagli

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino Serie GMC / GM applicazioni gm albero di trasmissione perno filettato gmc albero a camme valvola albero sterzo connettore gildemeister italiana s.p.a. dmg

Dettagli

MACCHINE UTENSILI è la divisione del Gruppo Overmach che si occupa di analizzare e risolvere qualsiasi problema produttivo del Cliente in fase di pre-vendita: dalla scelta della macchina utensile più

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

MODUS. Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +90 per la lavorazione su 3 facce del profilo.

MODUS. Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +90 per la lavorazione su 3 facce del profilo. MODUS Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +9 per la lavorazione su 3 facce del profilo. CARATTERISTICHE TECNICHE: Carenatura perimetrale con apertura portellone

Dettagli

IL MONDO DEI ROBOT: I PROTAGONISTI DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

IL MONDO DEI ROBOT: I PROTAGONISTI DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE IL MONDO DEI ROBOT: I PROTAGONISTI DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE La realizzazione di sistemi di controllo automatico si può far risalire ad epoche piuttosto remote nella storia dell umanità. Le prime applicazioni

Dettagli

COD. 410.60 FRESATRICE UNIVERSALE

COD. 410.60 FRESATRICE UNIVERSALE COD. 410.60 FRESATRICE UNIVERSALE Precisione e maneggevolezza garantite dalle viti a ricircolo di sfere per la movimentazione dei tre assi X; Y; Z. Macchina comprensiva di schermo antinfortunistico secondo

Dettagli

Moduli di processo a CN. Moduli di processo ad alto rendimento per produzione, montaggio e trasformazione

Moduli di processo a CN. Moduli di processo ad alto rendimento per produzione, montaggio e trasformazione Moduli di processo a CN Moduli di processo ad alto rendimento per produzione, montaggio e trasformazione Integrazione perfetta Trasporto dei materiali, maschiatura per rullatura, avvitatura, saldatura

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti

Meccanica degli Azionamenti Università degli Studi di Brescia Laurea in Ingegneria dell Automazione Industriale Parte I Introduzione all automazione industriale I.1 Automazione e Flessibilità Automazione Automazione: Impiego di mezzi

Dettagli

Manipolazione e uso scorretto ragionevolmente prevedibile nelle macchine utensili : casi di studio

Manipolazione e uso scorretto ragionevolmente prevedibile nelle macchine utensili : casi di studio Manipolazione e uso scorretto ragionevolmente prevedibile nelle macchine utensili : casi di studio Bruno Maiocchi Direzione tecnica UCIMU-SPP e coordinatore tecnico FEDERMACCHINE ARTICOLAZIONE INTERVENTO

Dettagli

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 26/03/2015 - Pagina 1 di 10 Caratteristiche tecniche Carterizzazioni laterale e posteriore fisse. Anteriore a

Dettagli

CATALOGO PRODUZIONE TRADIZIONE PRECISIONE AFFIDABILITA

CATALOGO PRODUZIONE TRADIZIONE PRECISIONE AFFIDABILITA CATALOGO PRODUZIONE TRADIZIONE PRECISIONE AFFIDABILITA TRADIZIONE. PRECISIONE. AFFIDABILITA. TOSHULIN, a.s. è uno tra i costruttori leader mondiali di macchine utensili multifunzionali a CNC tecnologicamente

Dettagli

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail:

Dettagli

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS La srl progetta, costruisce, collauda ed installa impianti e macchine per la lavorazione dell EPS vantando 20 anni di esperienza nel settore. La continua ricerca

Dettagli

IL TORNIO CNC PRINCIPI FONDAMENTALI Tornio a CNC Graziano CTX310 Controllo Siemens 840D con Shop Turn

IL TORNIO CNC PRINCIPI FONDAMENTALI Tornio a CNC Graziano CTX310 Controllo Siemens 840D con Shop Turn ========================================================== SCUOLA PROFESSIONALE PROVINCIALE PER L INDUSTRIA L ARTIGIANATO ED IL COMMERCIO GUGLIELMO MARCONI Via K. WOLF 42. I-39012 Merano (BZ) Tel.: +39

Dettagli

integra cella a controllo numerico per serramenti e porte.

integra cella a controllo numerico per serramenti e porte. integra cella a controllo numerico per serramenti e porte. integra cella a controllo numerico per serramenti e porte O3 integra cella a controllo numerico per serramenti e porte. POSSIBILITÀ DI REALIZZARE

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA EVOLUZIONE DELLA FABBRICA NUOVE TECNOLOGIE NELLA PRODUZIONE PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO H.S.C. High Speed Cutting (Lavorazione ad altissima velocità di taglio) Viene utilizzata in quelle lavorazioni che

Dettagli

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE 1/49 Tipologia di sistemi produttivi Volume Sistema rigido Sistema flessibile Varietà parti 2/49 Modelli di Sistemi di produzione Sono basati sulla ripetitività delle operazioni di

Dettagli

Scheda. Descrizione della macchina

Scheda. Descrizione della macchina Scheda 1 Lavorazione: Macchina: TORNITURA TORNIO PARALLELO Descrizione della macchina I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti LE MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 Il controllo numerico pag. 2 1.1 Cenni storici 2 1.2 Definizione di macchine utensili

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO

ITIS OTHOCA ORISTANO ITIS OTHOCA ORISTANO CARATTERISTICHE DEI PROCESSI PRODUTTIVI LAY-OUT IMPIANTI PARTE 1 Il ciclo di produzione La progettazione e il processo produttivo di un prodotto segue un ciclo di vita che qualunque

Dettagli

PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC

PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC 1 La programmazione delle M.U. CNC 1 Generalità 2 Geometrie di riferimento 3 Grammatica 4 Lessico 5 Sintassi 6 Esempi 7 Linguaggio APT 2 La programmazione delle M.U. CNC Le

Dettagli

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994 Specializzazione: Meccanica L area di progetto E nata dalla necessità di contribuire alla formazione dei nuovi profili professionali, indicati dal Ministero

Dettagli

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI 1 FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI (QUATTRO ASSI LINEARI ) CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE STRUTTURA DELLA MACCHINA La struttura, realizzata completamente in fusione di ghisa perlitica stabilizzata, garantisce

Dettagli

author serie m centri di lavoro a controllo numerico.

author serie m centri di lavoro a controllo numerico. author serie m centri di lavoro a controllo numerico. author serie m centri di lavoro a controllo numerico Potenza, produttività ed alta flessibilità sono le caratteristiche dei centri di lavoro Morbidelli

Dettagli

Test, domande e problemi di Robotica industriale

Test, domande e problemi di Robotica industriale Test, domande e problemi di Robotica industriale 1. Quale, tra i seguenti tipi di robot, non ha giunti prismatici? a) antropomorfo b) cilindrico c) polare d) cartesiano 2. Un volume di lavoro a forma di

Dettagli

CENTRO DI LAVORO VERTICALE A TAVOLA FISSA E MONTANTE MOBILE Ibarmia. Corsa longitudinale mm.2200 possibilità di lavorazione in modo pendolare

CENTRO DI LAVORO VERTICALE A TAVOLA FISSA E MONTANTE MOBILE Ibarmia. Corsa longitudinale mm.2200 possibilità di lavorazione in modo pendolare CENTRO DI LAVORO VERTICALE A TAVOLA FISSA E MONTANTE MOBILE Ibarmia Corsa longitudinale mm.2200 possibilità di lavorazione in modo pendolare Corsa trasversale mm.600 - Corsa verticale mm.600 Mandrino cono

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168)

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168) CLASSE: MATERIA: meccanica applicata 2^F m (ore annuali 168) Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro Regole di civile convivenza e rispetto. Obblighi e doveri in ambito lavorativo. Abilità Saper assumere

Dettagli

CENNI DI MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO

CENNI DI MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO CENNI DI MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO 1 MACCHINE UTENSILI TRADIZIONALI (GENERALITA ) MACCHINE VIA VIA SEMPRE MENO USATE MA COMUNQUE UTILI PER CAPIRE I MOVIMENTI NECESSARIE A GENERARE LE VARIE MORFOLOGIE

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 6.2 Sistemi di lavorazione LIUC - Ingegneria Gestionale 1 I sistemi di lavorazione automatici LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Automazione delle macchine utensili Linee

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Il controllo numerico. LIUC - Ingegneria Gestionale 1

Il controllo numerico. LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Il controllo numerico LIUC - Ingegneria Gestionale 1 La lavorazione ed il controllo Le prime macchine a controllo numerico CN furono costruite nella metà circa degli anni 50 ma la loro diffusione su larga

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

Il ciclo di lavorazione

Il ciclo di lavorazione INTRODUZIONE AI CICLI DI LAVORAZIONE Rif. Bibliografico: Giusti-Santochi TECNOLOGIA MECCANICA e studi di fabbricazione Capitolo 9 1 Il ciclo di lavorazione DEFINIZIONE: Si dice CICLO DI LAVORAZIONE tutto

Dettagli

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail:

Dettagli

TORNIO CNC HURCO TM6i

TORNIO CNC HURCO TM6i Hurco Srl - Via Marconi, 35/D - 20082 Binasco (MI) Tel. +39 02 90006047 - Fax +39 02 90090772 Fax assistenza +39 02 90096678 www.hurco.it - hurco@hurco.it TORNIO CNC HURCO TM6i TM6i è un tornio orizzontale

Dettagli

CENTRO DI TAGLIO SC 55

CENTRO DI TAGLIO SC 55 CENTRO DI TAGLIO SC 55 SC 55 Centro di taglio Centro di taglio CNC a 2 assi controllati, studiato per il taglio di profili in PVC. La macchina esegue le operazioni di carico profilo dal magazzino barre,

Dettagli

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532 TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 15, 155, 1L5 M.I.R.M.U. Via Baldinucci, 4 158 Milano Tel.959 Fax.9954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate alle operazioni di sgrossatura e di finitura di pezzi

Dettagli

Progettazione. Produzione. Assistenza

Progettazione. Produzione. Assistenza simply automation Profilo aziendale Fondata nel 1991, Evolut ha iniziato l attività come partner tecnologico dei principali produttori di robot. Evolut oggi si posiziona sul mercato come uno dei più importanti

Dettagli

AUTOMOTIVE. Nel processo produttivo di componenti dell'industria automobilistica deve essere garantita la

AUTOMOTIVE. Nel processo produttivo di componenti dell'industria automobilistica deve essere garantita la Per quanto concerne l'industria automobilistica, l'approccio è orientato all'ottenimento di prestazioni di prim'ordine con la fornitura di una tecnologia in grado di ridurre al minimo i margini di errore

Dettagli

120 Luglio/Agosto 2015 www.techmec.it

120 Luglio/Agosto 2015 www.techmec.it Innse Berardi, conosciuta nei vari mercati per le sue macchine utensili a sostentamento idrostatico ad alto livello di personalizzazione, opera nell ambito delle lavorazioni pesanti e ha ben chiare le

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA Apiel produce pallettizzatori cartesiani per soddisfare le più svariate esigenze della clientela. Abbiamo 13 modelli base che possiamo realizzare con caratteristiche diverse

Dettagli

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM)

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo di produzione nel quale l'intero processo produttivo è controllato da un computer. Tipicamente, è composto

Dettagli

Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick

Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick MICROTECNICA + COMPONENTI Tecnica medicale Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick LA 305LINEAR SCHÜTTE: MAGAZZINO A CINQUE POSTAZIONI

Dettagli

Centro di Tornitura GOODWAY GS-280M

Centro di Tornitura GOODWAY GS-280M Centro di Tornitura GOODWAY GS-280M STRUTTURA L innovativo basamento nervato ha la peculiarità di essere un unico blocco in ghisa speciale, studiato per garantire prestazioni sempre più elevate, ma mantenendo

Dettagli

PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 1 PROGRAMMA DI PRODUZIONE

PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 1 PROGRAMMA DI PRODUZIONE PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 1 PROGRAMMA DI PRODUZIONE PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 2 I NUOVI TRAGUARDI DI PRODUTTIVITÀ, AFFIDABILITÀ E PRECISIONE

Dettagli

Lavorazioni al TORNIO PARALLELO

Lavorazioni al TORNIO PARALLELO Istituto Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, 13-94015 Piazza Armerina (En) Corso di Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Anno scolastico 2015-2016 Lavorazioni al TORNIO PARALLELO

Dettagli

LA SIMULAZIONE VIRTUALE NEI PROCESSI DI PRODUZIONE

LA SIMULAZIONE VIRTUALE NEI PROCESSI DI PRODUZIONE SIMUL ATORE LA SIMULAZIONE VIRTUALE NEI PROCESSI DI PRODUZIONE Il modulo di simulazione virtuale sviluppato dalla Tebis a partire dalla versione V 3.3 trasferisce integralmente la Vs. officina sulla Vs.

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA Solaut produce pallettizzatori cartesiani per soddisfare le più svariate esigenze della clientela. Abbiamo 13 modelli base che possiamo realizzare con caratteristiche diverse

Dettagli

Robotica. La robotica

Robotica. La robotica Robotica 1/20 La robotica Il termine robot deriva dal ceco "ROBOTA" (lavoratore), introdotto per la prima volta nel 1920 dal commediografo Karel Capek. Secondo il R.I.A. (Robot Institute of America) il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA : TECNICA DELLA PRODUZIONE A.S. 2012/2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 5^ TIM 1) PREREQUISITI Conoscenza delle macchine utensili più comuni e dei principali

Dettagli

VITI A RICIRCOLO DI SFERE

VITI A RICIRCOLO DI SFERE VITI A RICIRCOLO DI SFERE Indice 1.1 Tipo di ricircolo pag. 4 1.2 Profilo del filetto pag. 4 2.1 Materiali pag. 5 2.2 Lubrificazione pag. 5 2.3 Protezione del filetto pag. 5 3.1 Classi di precisione pag.

Dettagli

LA LA SOCIETA ESEMPI DI PARTICOLARI MECCANICI RICAVATI DA GREZZO MONOLITICO

LA LA SOCIETA ESEMPI DI PARTICOLARI MECCANICI RICAVATI DA GREZZO MONOLITICO LA LA SOCIETA L.P.S. s.r.l., rappresenta la continuità attraverso il recente conferimento dalla L.P.S. s.n.c., fondata nel 1963 come azienda produttrice di una propria linea di raccorderia per tubi ad

Dettagli

[ significa: Design to Cost. EMCOMILL E1200 E900 E600 E350. Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di lotti piccoli e medi

[ significa: Design to Cost. EMCOMILL E1200 E900 E600 E350. Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di lotti piccoli e medi [ E[M]CONOMY] significa: Design to Cost. EMCOMILL E200 E900 E600 E350 Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di lotti piccoli e medi EMCOMILL E200 Test di collaudo UNI ISO 079-7 Distributore

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile Marketing & Communication Dept. 03/10/2014 SMIMec Company Profile 1 Profilo SMIMEC SMIMec è la super officina del Gruppo SMI; Costituita nel 1999, dal 2004 è organizzata come una vera e propria divisione

Dettagli

[ significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600. Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni

[ significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600. Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni [ E[M]CONOMy] significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600 Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni FAmup Linearmill 600 [Magazzino utensili] - Magazzino utensili

Dettagli

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE 600 TSE/TSP - 550 TSE/TSP Troncatrice doppia testa elettronica Troncatrice doppia testa a 3 assi controllati per alluminio, PVC e leghe leggere, ideale per

Dettagli

c:: .~ ~ GILDEMEISTER ITALIANA GLD 20 GLD 25

c:: .~ ~ GILDEMEISTER ITALIANA GLD 20 GLD 25 o c::.~ ~ GILDEMEISTER ITALIANA GLD 20 GLD 25 L'investimento con la più alta redditività nel settore dei torni automatici. I GLD sono torni automatici a fantina mobile, previsti per il modulare, che può

Dettagli

MECCANICA DELLE MACCHINE

MECCANICA DELLE MACCHINE UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Incontro U to A 4 Marzo 2011 MDM GRUPPO DI MECCANICA DELLE MACCHINE www.dipmec.univpm.it/meccanica MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE PROGETTAZIONE MECCANICA FUNZIONALE

Dettagli

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 500 TS

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 500 TS TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 500 TS 500 TS - 500 CD - 500 D2K Troncatrice doppia testa elettronica Le troncatrici a doppia testa Pertici vantano caratteristiche uniche in quanto a robustezza e

Dettagli

Elementi in legno massiccio: lavorazione completamente automatizzata

Elementi in legno massiccio: lavorazione completamente automatizzata Elementi in legno massiccio: lavorazione completamente automatizzata Centro di lavoro WMP per pareti PIU VALORE Competenza: l elemento base per le innovazioni E il mercato che decide e la WEINMANN è in

Dettagli

CariVert6000 CARICATORE AUTOMATICO PER BARRE PROFILATE

CariVert6000 CARICATORE AUTOMATICO PER BARRE PROFILATE Caricatori barre CariVert6000 CARICATORE AUTOMATICO PER BARRE PROFILATE Figura 1 ESEMPI DI PROFILI GESTIBILI Figura 2 Figura 3 Figura 4 Asservimenti per troncatrici e presse Macchina costituita da: magazzino

Dettagli

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h)

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 37 4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 4.1 La disposizione degli assi secondo la norma ISO Ogni asse è definito dal verso e dalla direzione di movimento della slitta ed è caratterizzato

Dettagli

LA ROBOTICA INDUSTRIALE

LA ROBOTICA INDUSTRIALE LA ROBOTICA INDUSTRIALE Ricerca di: Rossana Cavallaro Amalia Ghini Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali Economia aziendale - Teoria del controllo a.a. 2015/2016 ORIGINE Il termine robot deriva

Dettagli

RoboWave Pressbrake Descrizione Prodotto

RoboWave Pressbrake Descrizione Prodotto Versione: 1.2 Ultimo aggiornamento: Luglio 2014 RoboWave Pressbrake Descrizione Prodotto I. CARATTERISTICHE E FUNZIONALITÀ TECNICHE 8 1 IL PEZZO (IMPORT E CORREZIONE) 8 2. TIPI DI PIEGA 9 3. GLI UTENSILI

Dettagli

Progettazione. Produzione. Assistenza. Servizi

Progettazione. Produzione. Assistenza. Servizi simply automation Profilo aziendale Fondata nel 1991, Evolut ha iniziato l attività come partner tecnologico dei principali produttori di robot. Evolut oggi si posiziona sul mercato come uno dei più importanti

Dettagli

LaserControlNT. controllo utensile affidabile notevole precisione controllo usura estremamente preciso

LaserControlNT. controllo utensile affidabile notevole precisione controllo usura estremamente preciso LaserControlNT controllo utensile affidabile notevole precisione controllo usura estremamente preciso LaserControlNT I Sistemi Laser Blum costituiscono lo standard riconosciuto nella misura utensili. Innumerevoli

Dettagli