III MODULO: TECNOLOGIE E GESTIONE DELLA TOTAL QUALITY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "III MODULO: TECNOLOGIE E GESTIONE DELLA TOTAL QUALITY"

Transcript

1 Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini III MODULO: TECNOLOGIE E GESTIONE DELLA TOTAL QUALITY GIULIANO MATTIONI ROMA, 21 GIUGNO 2011

2

3

4

5

6

7 Personale che opera nel Dipartimento con accesso al RIS PACS: TSRM 40 MEDICI 20 SPECIALIZZANDI 50 AMMINISTRATIVI 15 PERSONALE DEDICATO «CARESTREAM» 1 NON E PRESENTE ATTUALMENTE LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SISTEMA TSRM O AZIENDALE NON SONO PRESENTI ATTUALMENTE FIGURE ABILITATE E FORMATE AD EFFETTUARE MODIFICHE NELL ARCHIVIO PACS OLTRE IL PERSONALE CARESTREAM

8 QUALI «ERRORI» SONO MAGGIORMENTE RILEVATI NELL USO DEI SISTEMI INFORMATICI? LATO DX/SN CANCELLAZIONE IMMAGINI ANAGRAFICA ESAME ESEGUITO SU NOME DIVERSO 29% ESAME ALTRO PAZIENTE UNIFICAZIONE CARTELLE 19% 17% 15% 10% 4% ALTRO 6%

9 IN QUALI DIAGNOSTICHE AVVENGONO IL MAGGIOR NUMERO DI «ERRORI»? DR PS DR RM TC CR CR PS TORACI

10 RIS PACS: CHI COMMETTE PIU ERRORI TSRM ESPERTI 43% 57%

11 QUANDO L ESPERIENZA INFLUISCE SUL TIPO DI ERRORE Nell'approccio centrato sul sistema, si presume che un incidente derivi da un'organizzazione mal progettata, che ha disposto gli individui a sbagliare. Uno degli strumenti di studio è stato proposto da Jean Rasmussen nel 1979 e chiamato: "Skill, Rule and Knowledge Model (SRK)", [Abilità, Regola e Conoscenza], che permette di classificare gli errori umani basandosi sul livello cognitivo utilizzato. Il presupposto del modello è che vi sono tre tipologie di attività : 1. knowledge-based, 2. rule-based, 3. skill-based. L'attenzione ed il pensiero consapevole che un individuo presta alle attività in svolgimento diminuisce passando dal primo al terzo tipo.

12 QUANDO L ESPERIENZA INFLUISCE SUL TIPO DI ERRORE ERRORI KNOWLEDGE-BASED SKILL-BASED RULE-BASED ANNI ESPERIENZA OPERATORE

13 ERRORI KNOWLEDGE-BASED ANNI ESPERIENZA OPERATORE Le attività knowledge-based sono quelle che vengono affrontate per la prima volta o che si presentano in forma nuova rispetto alla conoscenza ed esperienza posseduta, e alle quali pertanto è necessario dedicare molta concentrazione e pensiero consapevole, data la loro complessità e/o il fatto che occorre sviluppare un comportamento o un ragionamento specifico.

14 ERRORI RULE-BASED ANNI ESPERIENZA OPERATORE Il secondo livello del modello (rule based) si riferisce a prestazioni basate su regole, procedimenti, procedure: sono le attività standardizzate, per le quali non è necessario un ragionamento ad hoc, ma che sono eseguite come ripetitive da chi le compie, poiché occorre semplicemente applicare regole di comportamento e sequenze già conosciute e proceduralizzate.

15 ERRORI SKILL-BASED ANNI ESPERIENZA OPERATORE Le attività skill based, sono quelle che per la loro semplicità e/o per l'abitudine acquisita con lo svolgimento continuo, è possibile eseguire in modo quasi automatico. Applicando il modello di Rasmussen, si può comprendere che se un esperto, che lavora a livello skill-based, sbaglia, non può trarre alcun beneficio da un programma di riaddestramento.

16 RISCHI INCIDENTE Reason riprende i concetti di Rasmussen e li colloca nell'area complessiva dell'active failure (Errore attivo) del modello Swiss Cheese: il risultato è una classificazione che prende in considerazione anche la volontà stessa degli individui che compiono le azioni, dato che queste possono essere suddivise in azioni volute e involontarie. Le azioni pericolose, quelle cioè che conducono ad un active failure, sono chiamate: "violazioni" se sono volontarie, "errori" (mistakes) se non vi è consapevolezza e volontarietà.

17 RISCHI INCIDENTE Gli skill-based mistakes sono errori inconsapevoli di esecuzione dovuti a disattenzioni (slips) e dimenticanze (lapses), e cioè consistono in una deviazione non intenzionale dell'azione da quello che sarebbe stato un ottimo piano. I rule-based mistakes sono dovuti ad una scorretta applicazione di regole e procedure, o all'applicazione di una soluzione standardizzata sbagliata. Si determinano a livello conscio e possono consistere nell'incapacità di eseguire quanto deciso oppure nell'errato riconoscimento di una situazione a cui consegue la scelta della soluzione sbagliata. I knowledge-based mistakes sono dovuti ad una carenza di esperienza o conoscenza, ed avvengono in situazioni in cui l'individuo incontra un problema nuovo, per il quale non sono sufficienti regole predefinite. Ne consegue che per evitarli deve essere utilizzato un ragionamento ad hoc, basato sull'esperienza posseduta.

18 SINDROME DEL SISTEMA VULNERABILE Tendenza a colpevolizzare gli operatori di prima linea Negare l esistenza di errori organizzativi causa di fallimenti del sistema Perseguire ciecamente indicatori economici e di produttività Reason, 2000

19 UN MODELLO DI RIFERIMENTO: IL SISTEMA AEREONAUTICO Gli incidenti in sanità sono 1000 volte superiori a quelli dell aviazione Come ha fatto l aviazione a ridurre gli incidenti di 50 volte in 30 anni? Chiedendo ai piloti di non precipitare? Punendo quelli che l hanno fatto?

20 UN ORGANIZZAZIONE PENSATA SUI LIMITI UMANI Le persone possono sbagliare nonostante le migliori intenzioni, competenze e la buona volontà Porre il focus sul contesto organizzativo e culturale anziché sulla performance individuale E necessario supportare la motivazione, le abilità e le conoscenze degli operatori sanitari per identificare e gestire il rischio Promuovere una cultura di apprendimento e comunicazione (Reason, 1999)

21 IL PRONTO SOCCORSO È UNA DELLE CONDIZIONI LAVORATIVE A MAGGIORE CRITICITÀ

22

23

24

25

26

27

28 UNA SITUAZIONE «REALE»

29 PRONTO SOCCORSO UN UTENTE SI RIVOLGE AL TRIAGE PER TRAUMA

30 v v ACCETTAZIONE SALA VISITE CARTELLA RIS WORKLIST PACS FKUSSO INFORMATICO FKUSSO INFORMATICO FKUSSO INFORMATICO

31 VIENE CONSIDERATO IL TURNO PIÙ A «RISCHIO»: SABATO H.20,00-08,00 Non è rintracciabile l Amministratore di sistema (solo numero call center per assistenza in remoto in caso di crash del sistema). Non sono rintracciabili i Coordinatori gestionali e di area. TEAM DELLA RADIODIAGNOSTICA DI PS COMPOSTO DA: o 1 medico radiologo o 1 specializzando in radiodiagnostica o 2 TECNICI DI RADIOLOGIA o Non è previsto personale in regime di reperibilità SERVIZI IN URGENZA DA GARANTIRE: Richieste di PS Richieste ospedaliere interne INOLTRE VENGONO GARANTITI IN URGENZA: RMN Stroke Unit Emodinamica Angiografia Camera operatoria

32 LO «STRUMENTO» A DISPOSIZIONE

33 PRIMO CASO La richiesta cartacea richiede RX GAMBA DX per trauma. Nell inserimento al RIS il TSRM inserisce erroneamente RX GAMBA SN Nella sala radiologica l altro TSRM apre il file dalla Worklist, e dopo aver parlato con il paziente esegue la radiografia del lato corretto (DX), non accorgendosi che il sistema DR archiviava l immagine nel PACS con la lettera «SN».

34 SECONDO CASO Incidente stradale; coinvolti tre uomini di nazionalità cinese, parenti tra loro, che non parlano italiano. A due di loro vengono prescritti esami radiologici. A chiamata nominale da parte del TSRM rispondeva l unico che non aveva prescrizioni di esame. Viene eseguita TC RACHIDE CERVICALE

35 SECONDO L AMMINISTRATORE DI SISTEMA Quali soluzioni e quali procedure per i casi descritti? Quali osservazioni in merito all organizzazione?

36

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo di identificare la causa vera di un problema, e le azioni

Dettagli

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA - tassonomia e classificazione degli errori - errori e clima organizzativo Dott. a Patrizia Bevilacqua IPASVI Brescia, Ottobre/Novembre 2010 Quali sono gli attori coinvolti?

Dettagli

Dott. Ing. Luca Armisi Consulente in ingegneria clinica OBIETTIVI SOMMARIO La gestione del rischio clinico Teoria degli errori applicata alla sanità Processi di gestione del rischio clinico Il Sistema

Dettagli

Il modello della mente umana e la teoria dell errore

Il modello della mente umana e la teoria dell errore Il modello della mente umana e la teoria dell errore Michela Tanzini michela.tanzini@regione.toscana.it I facilitatori del sistema di gestione del rischio clinico Scuola Infermieri Maggiano Lucca INDICE

Dettagli

Processi e interfacce

Processi e interfacce Percorso di formazione per SERT e strutture accreditate Processi e Maria Ravelli Bologna, 9 marzo 2009 Cosa sono le aziende Organizzazioni insieme di persone e di mezzi, con definite responsabilità ed

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SISTEMA: Gestione del Rischio e Sicurezza dei sistemi RIS-PACS

AMMINISTRATORE DI SISTEMA: Gestione del Rischio e Sicurezza dei sistemi RIS-PACS AMMINISTRATORE DI SISTEMA: Gestione del Rischio e Sicurezza dei sistemi RIS-PACS Massimo Romanelli UOS. Processi di E-CARE AUSL di Bologna. Disclosure Slide Il sottoscritto Massimo Romanelli DICHIARA che,

Dettagli

La gestione del rischio al triage

La gestione del rischio al triage Azienda Sanitaria Matera U.O. Pronto Soccorso e Osservazione Breve Responsabile dott. Carmine Sinno Coordinatore Franco Riccardi La gestione del rischio al triage di Bruna Montemurro Secondo corso di triage

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE EMERGENZE RIS-PACS

ISTRUZIONI OPERATIVE EMERGENZE RIS-PACS LEGENDA 1 INTRODUZIONE 1 INTERRUZIONE RIS POLARIS.. 2 PER IL TSRM.. 2 IMPORTANTE........ 2 PER IL MEDICO RADIOLOGO...... 3 INTERRUZIONE PACS 4 INTERRUZIONE DEL SISTEMA CENTRALE EMERGENZE... 4 IMPORTANTE........

Dettagli

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone Balesatra risk management Definizione joint commission: insieme di attività cliniche e organizzative volte a identificare, valutare, e ridurre il rischio di danno ai pz, staff e visitatori e sull intera

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATICO IN UN SERVIZIO DI NEURORADIOLOGIA PEDIATRICA

IL SISTEMA INFORMATICO IN UN SERVIZIO DI NEURORADIOLOGIA PEDIATRICA IL SISTEMA INFORMATICO IN UN SERVIZIO DI NEURORADIOLOGIA Dr. Luca Pazienza Dr. Nicola Zarrelli San Giovanni Rotondo (FG) 22-23 Ottobre 2004 PEDIATRICA Unità Operativa di Radiologia Poliambulatorio Giovanni

Dettagli

Curriculum Vitae Iannoni Federico 2011

Curriculum Vitae Iannoni Federico 2011 Curriculum Vitae Iannoni Federico 2011 LETTERA DI PRESENTAZIONE IANNONI FEDERICO Sono un giovane e brillante laureato in "Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia" presso l Università

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

Emergenza / Urgenza in Radiologia

Emergenza / Urgenza in Radiologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Emergenza / Urgenza in Radiologia ANNO ACCADEMICO 2010/2011

Dettagli

Nuovi profili sanitari ed il nuovo rischio clinico

Nuovi profili sanitari ed il nuovo rischio clinico Nuovi profili sanitari ed il nuovo rischio clinico - Professore Ordinario di Igiene, Università degli Studi di Pavia. Direttore Scuola di Specializzazione - Igiene e Medicina Preventiva - Direttore Sanitario,

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico. Architettura dei sistemi RIS-PACS RIS. Radiology Information System

Sistemi informatici in ambito radiologico. Architettura dei sistemi RIS-PACS RIS. Radiology Information System Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016 Architettura dei sistemi RIS-PACS Radiology Information System RIS Un sistema informatico dedicato all ambito radiologico

Dettagli

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager ASL 10 Firenze francesco.venneri@asf.toscana.it Avviso ai naviganti. Signore e Signori,

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

Manuale per la gestione del Pronto Soccorso

Manuale per la gestione del Pronto Soccorso Manuale per la gestione del Pronto Soccorso Redatto da: Luna Coni Rivisto da: Luna Coni Approvato da: Guarnera Emilio Data di validità: 30/05/2014 N.ro versione: 1.1 N.ro pagine: 51 Distribuzione: Attenzione

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI PROVASI FABRIZIO ESPERIENZA LAVORATIVA E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E.

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI PROVASI FABRIZIO ESPERIENZA LAVORATIVA E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PROVASI FABRIZIO Nazionalità ITALIANA Data di nascita 18/08/1970 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) 01/10/1989

Dettagli

PILOTI E STRESS OPERATIVO: QUALI LE CAUSE?

PILOTI E STRESS OPERATIVO: QUALI LE CAUSE? PILOTI E STRESS OPERATIVO: QUALI LE CAUSE? Gestione dello stress raccontato da un Pilota ed un Aviation Coach NOTA: puoi ripubblicare gratis questo ebook sul tuo sito o blog, a patto di non modificare

Dettagli

Procedura Aziendale. Attivazione Guardia Radiologica. Procedura Aziendale. Attivazione guardia radiologica

Procedura Aziendale. Attivazione Guardia Radiologica. Procedura Aziendale. Attivazione guardia radiologica Pag. 1 di 1 Attivazione guardia radiologica Data di revisione N di revisione Motivo di revisione 13/02/14 0 Dipartimento dei Servizi Redatto Verificato Approvato Direttore Presidio Ospedaliero Dip. Tecnico

Dettagli

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute 1. Procedura in paziente sbagliato 2. Procedura chirurgica in parte del corpo sbagliata (lato, organo o parte) 3. Errata procedura 4. Strumento o altro

Dettagli

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Modena 27 novembre 2008 Silvia Salimbeni in collaborazione con Rita Bisognin .un po di storia Fine anni 90 in tutta la Regione Emilia Romagna si

Dettagli

STRUMENTI PER L ANALISI DEGLI EVENTI AVVERSI IN OSPEDALE FMEA PORTOGRUARO 12 OTTOBRE 2011

STRUMENTI PER L ANALISI DEGLI EVENTI AVVERSI IN OSPEDALE FMEA PORTOGRUARO 12 OTTOBRE 2011 STRUMENTI PER L ANALISI DEGLI EVENTI AVVERSI IN OSPEDALE FMEA PORTOGRUARO 12 OTTOBRE 2011 La maggior parte degli incidenti in organizzazioni complesse è generato dall interazione fra le diverse componenti

Dettagli

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Chirurgia fa parte del Dipartimento di Chirurgia Generale e d Urgenza. Comprende la Struttura Semplice

Dettagli

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI BIOETICHE ENRICO LARGHERO ITALIA 8 MILIONI RICOVERI/ANNO 320.000 (4%) danni per errori medici ed eventi avversi 14.000-50.000 decessi 260 milioni

Dettagli

L organizzazione delle Diagnostiche nelle maxiemergenze

L organizzazione delle Diagnostiche nelle maxiemergenze L organizzazione delle Diagnostiche nelle maxiemergenze I notevoli progressi tecnologici dell Imaging biomedicale hanno profondamente innovato l iter diagnostico strumentale nella gestione delle emergenze.

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO NORME E LEGGI DI RADIOPROTEZIONE E. Richetta MASTER DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE In questo modulo saranno presentati

Dettagli

suite Sistema Ris Pacs

suite Sistema Ris Pacs 3D suite 2D 4D Sistema Ris Pacs Sistema Ris Pacs per l archiviazione di immagini diagnostiche digitali I sistemi informativi sono il pilastro sul quale si basa l organizzazione delle strutture che operano

Dettagli

LA TECNICA MANUALE NELL ERA ERA DIGITALE IN RADIOLOGIA: INTEGRAZIONE TRA RICERCA E DIDATTICA NELL ANALISI DEI DATI DI ESPOSIZIONE

LA TECNICA MANUALE NELL ERA ERA DIGITALE IN RADIOLOGIA: INTEGRAZIONE TRA RICERCA E DIDATTICA NELL ANALISI DEI DATI DI ESPOSIZIONE Convegno Nazionale Lo sviluppo inizia qui: assistenza, ricerca e didattica nelle professioni sanitarie Reggio Emilia, 11-12 dicembre 2008 LA TECNICA MANUALE NELL ERA ERA DIGITALE IN RADIOLOGIA: INTEGRAZIONE

Dettagli

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Quadro Normativo Oggi. Sicurezza Trasfusionale Preanalitica Analitica Postanalitica Input Output Outcame Efficienza Efficacia Economicità complessiva

Dettagli

Sicurezza del Volo. Aeroclub dello Stretto Scuola di volo. Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS

Sicurezza del Volo. Aeroclub dello Stretto Scuola di volo. Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 23 febbraio 2013 ore 17.00LMT Speaker: C.Te

Dettagli

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE IL PROGETTO NIGUARDAONLINE A CURA DI : Luciana Bevilacqua Responsabile Ufficio M.C.Q. Gianni Origgi Responsabile Sistemi Informativi Aziendali Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda di Milano Da oggi i

Dettagli

PROCEDURA DI IMPIEGO SISTEMA RIS E PACS DIAGNOSTICA PER IMMAGINI ASL ROMAA

PROCEDURA DI IMPIEGO SISTEMA RIS E PACS DIAGNOSTICA PER IMMAGINI ASL ROMAA Dipartimento di Diagnostica di immagini Direttore :Dr.ssa Paola Cerro Tel. 06 5846620/22 Fax 06 0658446775 E mail: uo.radiologia.onrm@aslromaa.it PROCEDURA DI IMPIEGO SISTEMA RIS E PACS DIAGNOSTICA PER

Dettagli

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO)

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) 3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) Flussi informativi correnti SDO, prestazioni ambulatoriali, movimento degenti, flussi informativi ministeriali, certificati di assistenza al parto, interruzioni

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO Cittadinanzattiva/ Active Citizenship Network ha realizzato la Carta Europea dei Diritti del Malato Questa guida vuole essere uno strumento per portare

Dettagli

Incident Reporting e specificitàdel Dipartimento di Diagnostica per Immagini: Esperienze Regionali e Linee di Sviluppo

Incident Reporting e specificitàdel Dipartimento di Diagnostica per Immagini: Esperienze Regionali e Linee di Sviluppo SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Ravenna DIPARTIMENTO DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOLOGIA INTERVENTISTICA Incident Reporting e specificitàdel Dipartimento

Dettagli

Si procede alla prenotazione mediante due metodi di ricerca: da esame e da paziente. Ricerca da esame tramite:

Si procede alla prenotazione mediante due metodi di ricerca: da esame e da paziente. Ricerca da esame tramite: Cos è EliosRis è una soluzione integrata che consente di gestire un ambulatorio radiologico dalla prenotazione al ritiro del referto. La soluzione comprende la licenza per l utilizzo del software, l installazione

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Prof. Paolo Randaccio Dott.ssa Antonella Fais Dott. Giovanni Angelo Porcu Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica,

Dettagli

L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA. Anna Angeloni

L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA. Anna Angeloni L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA Anna Angeloni Gli strumenti utilizzati in radiologia digitale Modalità digitali Rete telematica ( LAN) Applicativo per la gestione della cartella radiologica (RIS)

Dettagli

La soluzione Clinergie ha l obiettivo di ridurre i costi gestionali aumentando l efficienza del processo per una migliore qualità del servizio

La soluzione Clinergie ha l obiettivo di ridurre i costi gestionali aumentando l efficienza del processo per una migliore qualità del servizio La soluzione Clinergie ha l obiettivo di ridurre i costi gestionali aumentando l efficienza del processo per una migliore qualità del servizio Criticità nella gestione delle cartelle cliniche Per il suo

Dettagli

PROGRAMMA E CV DOCENTI

PROGRAMMA E CV DOCENTI PROGRAMMA E CV DOCENTI Progetto: Descrizione: RMA/82M STRUTTURA RISCHI E BENEFICI RIS PACS Obiettivi formativi: Obiettivo Nazionale: contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici

Dettagli

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. - REA

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

RISONANZA MAGNETICA: PRINCIPI DI BASE, SEQUENZE

RISONANZA MAGNETICA: PRINCIPI DI BASE, SEQUENZE In collaborzione con Propone Corso FAD RISONANZA MAGNETICA: PRINCIPI DI BASE, SEQUENZE DI ACQUISIZIONE, PROTEZIONISTICA E CONTROINDICAZIONI LUOGO EVENTO Evento di Formazione A Distanza (FAD) FINALITA ED

Dettagli

I SISTEMI GESTIONALI INTEGRATI IN SANITA PROGRESSI TECNOLOGICI ED IGNORANZA DEGLI UTENTI

I SISTEMI GESTIONALI INTEGRATI IN SANITA PROGRESSI TECNOLOGICI ED IGNORANZA DEGLI UTENTI INFORMATICA IN SANITA' MIGLIORARE L INFORMAZIONE PER MIGLIORARE LA SALUTE Milano, 17 Novembre 2010 I SISTEMI GESTIONALI INTEGRATI IN SANITA PROGRESSI TECNOLOGICI ED IGNORANZA DEGLI UTENTI Luca Pinna Pintor,

Dettagli

La storia. Fattore umano o Ergonomia. Che cosa è l ergonomia. Problemi di comunicazione. Ergonomia tra qualità e sicurezza

La storia. Fattore umano o Ergonomia. Che cosa è l ergonomia. Problemi di comunicazione. Ergonomia tra qualità e sicurezza Master risk management and patient safety La storia L ERGONOMIA in ospedale: storia e sviluppi recenti Riccardo Tartaglia rischio.clinico@regione.toscana.it Verona, 5 Ottobre 2009 Che cosa è l ergonomia

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CLINICAL RISK MANAGEMENT

CLINICAL RISK MANAGEMENT Ciao a tutti, quello che segue è un semplice riassunto delle slide del bellandi, ve le invio, come l altro materiale, per aiuto allo studio. Per qualcuno potrebbe tornare utile per altri inutile, ma io

Dettagli

Con rischio clinico si definisce la possibilità che un paziente subisca un danno o disagio involontario, imputabile, alle cure sanitarie, che causa

Con rischio clinico si definisce la possibilità che un paziente subisca un danno o disagio involontario, imputabile, alle cure sanitarie, che causa ??? La Clinical Governance è un sistema attraverso cui le organizzazioni sanitarie (Aziende Sanitarie) si rendono responsabili del continuo miglioramento della qualità dei loro servizi e della salvaguardia

Dettagli

Si ringraziano per i suggerimenti il Direttivo SIQUAS Sezione Lombardia e l AICQ Centro Nord

Si ringraziano per i suggerimenti il Direttivo SIQUAS Sezione Lombardia e l AICQ Centro Nord GLOSSARIO TERMINI UTILI NEI PROCESSI DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ufficio Qualità A.O. Ospedale Civile di Legnano, Rev. 2 Marzo 2005 Il glossario è stato condiviso in un gruppo di lavoro condotto presso

Dettagli

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011 Diagnostica per immagini e Radioterapia nel 2011: Fare sistema L amministrazione dei sistemi complessi di diagnostica per immagini nei contesti aggiornati e le nuove tecnologie Mirco Magnani Modelli di

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

L'APPROCCIO SISTEMICO ALL'ERRORE

L'APPROCCIO SISTEMICO ALL'ERRORE L'APPROCCIO SISTEMICO ALL'ERRORE Obiettivo: analizzare l approccio sistemico alla prevenzione e correzione dell errore. Con quale approccio affrontare il problema del rischio clinico? Il presupposto da

Dettagli

Informatica e Database. Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero

Informatica e Database. Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero Informatica e Database Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero In che fase del progetto è opportuno designare l amministratore di sistema ed iniziare la collaborazione? Sistemi informativi Definizione e

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

Controlli di Qualità ICRP Ruolo del responsabile sanitario

Controlli di Qualità ICRP Ruolo del responsabile sanitario Sez. Radioprotezione e Radiobiologia Controlli di Qualità ICRP Ruolo del responsabile sanitario Dario Visconti Direttore U.O. Radiologia Ospedale Cavalese Dipartimento Strutturale di Radiodiagnostica APSS

Dettagli

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Affrontare le sfide del sistema socio-sanitario I sistemi socio-sanitari sono

Dettagli

PROGETTO RIS-PACS LA DIGITALIZZAZIONE DELLA RADIOLOGIA OSPEDALE M.BUFALINI CESENA E GLI OSPEDALI DEL TERRITORIO DOTT.SSA ALESSANDRA DANESI

PROGETTO RIS-PACS LA DIGITALIZZAZIONE DELLA RADIOLOGIA OSPEDALE M.BUFALINI CESENA E GLI OSPEDALI DEL TERRITORIO DOTT.SSA ALESSANDRA DANESI PROGETTO RIS-PACS LA DIGITALIZZAZIONE DELLA RADIOLOGIA OSPEDALE M.BUFALINI CESENA E GLI OSPEDALI DEL TERRITORIO DOTT.SSA ALESSANDRA DANESI INTRODUZIONE In periodo di evoluzione tecnologica in Sanità, l

Dettagli

IL RIS. Radiology information system. LORETO (An) 17, 18 e 19 novembre 2011

IL RIS. Radiology information system. LORETO (An) 17, 18 e 19 novembre 2011 Diagnostica per Immagini e Radioterapia nel 2011: Fare Sistema l amministrazione dei sistemi complessi in diagnostica per immagini nei contesti aggiornati e le nuove tecnologie LORETO (An) 17, 18 e 19

Dettagli

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Intesa Stato Regioni - 20 marzo 2008

Dettagli

Mission e Obbiettivi Attività svolta ARZIGNANO MONTECCHIO MAGGIORE VALDAGNO LONIGO

Mission e Obbiettivi Attività svolta ARZIGNANO MONTECCHIO MAGGIORE VALDAGNO LONIGO REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N.5 36071 ARZIGNANO (VI) Via Trento n.4 UNITA OPERATIVA RADIOLOGIA DIRETTORE DR. PIVETTA GIORGIO CARTA DEI SERVIZI Data di prima redazione:15/10/2009

Dettagli

Dott. Vinicio Penazzi Ortopedia Delta Lagosanto Primario Dott- R.Faccini

Dott. Vinicio Penazzi Ortopedia Delta Lagosanto Primario Dott- R.Faccini Incident Reporting e audit Dott. Vinicio Penazzi Ortopedia Delta Lagosanto Primario Dott- R.Faccini La gestione del rischio clinico è un processo sistematico di valutazione di rischi attuali e potenziali.

Dettagli

PROFESSIONE TSRM Parliamone insieme

PROFESSIONE TSRM Parliamone insieme Conforme per progettazione ed erogazione di eventi formativi, anche a distanza (FAD), in ambito socio-sanitario Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987

Dettagli

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità Corso di Eccellenza in Business Process Management per la Sanità Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

I laboratori nel Corso di Laurea in TRMIR

I laboratori nel Corso di Laurea in TRMIR LA FORMAZIONE TECNICO-PRATICA NEL CORSO DI LAUREA TRMIR: METODOLOGIE ED ESPERIENZE DEGLI STUDENTI I laboratori nel Corso di Laurea in TRMIR Dr. Mauro Curzel Coordinatore delle attività formative Corso

Dettagli

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE LOTTO N 6 N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE L apparecchiatura in oggetto dovrà essere caratterizzata da prestazioni di altissimo

Dettagli

INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele

INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. 1 Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele RIEPILOGO PERCORSO LEGISLATIVO INFERMIERE EVOLUZIONE NORMATIVA DELL'O.S.S.

Dettagli

RADIATION DOSE MONITOR. Il DACS per Costruire la cultura della Bassa Dose

RADIATION DOSE MONITOR. Il DACS per Costruire la cultura della Bassa Dose RADIATION DOSE MONITOR Il DACS per Costruire la cultura della Bassa Dose Radiation Dose Monitor / COSA È UN DACS? / Il DACS (Dose Archiving and Communication System) rappresenta per il dato di dose quello

Dettagli

Enrico Burato Responsabile SC Qualità Accreditamento e Controllo Strategico Azienda Ospedaliera Carlo Poma di Mantova

Enrico Burato Responsabile SC Qualità Accreditamento e Controllo Strategico Azienda Ospedaliera Carlo Poma di Mantova Enrico Burato Responsabile SC Qualità Accreditamento e Controllo Strategico Azienda Ospedaliera Carlo Poma di Mantova Il rischio clinico è l eventualità di subire un danno come conseguenza di un errore

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ZAGARELLA ANDREA Telefono 0257993480-0257993519 Fax E-mail andrea.zagarella@icp.mi.it Nazionalità

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE CURRICULUM VITAE

INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE CURRICULUM VITAE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DE JULIIS ELISABETTA Indirizzo Via Sangano, 23 10090 Bruino (Torino) Telefono ---- E-mail elideju@yahoo.it Data e luogo di nascita 24 ottobre 1960 Karlsruhe

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

PREMESSA. Art. 1 - Definizione del tirocinio. Art. 2 - Modalità di svolgimento del tirocinio. Art. 3 - Ammissione. Art. 4 Attività

PREMESSA. Art. 1 - Definizione del tirocinio. Art. 2 - Modalità di svolgimento del tirocinio. Art. 3 - Ammissione. Art. 4 Attività Regolamento di Tirocinio obbligatorio del corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia Sede Pontina anno accademico 2010/11 PREMESSA Art. 1 - Definizione del tirocinio.

Dettagli

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO DI RADIOLOGIA Revisione Revisione 00 del 01/06/2010 Revisione 01 del 16/07/2012 Revisione 02 del 08/10/2013 Revisione 03 del 27/02/2015 Revisione 04 del 23/09/2015 Modifiche

Dettagli

MASTER. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione. Polo Tecnologico Universitario di Desio

MASTER. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione. Polo Tecnologico Universitario di Desio MASTER ASIDI Amministratore di Sistemi Informatici in Diagnostica per Immagini Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Polo Tecnologico Universitario

Dettagli

L importanza del fattore umano nella prevenzione degli infortuni e degli incidenti rilevanti Ing. Domenico Barone

L importanza del fattore umano nella prevenzione degli infortuni e degli incidenti rilevanti Ing. Domenico Barone L importanza del fattore umano nella prevenzione degli infortuni e degli incidenti rilevanti Ing. Domenico Barone Workshop "Sicurezza sul lavoro e sicurezza di processo : I fattori di gestione e le buone

Dettagli

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza II^ Forum Risk Management in Sanità Applicazione delle tecnologie alla sicurezza del paziente Arezzo, Centro

Dettagli

Esperienza del network JCI

Esperienza del network JCI Esperienza del network JCI Dr. Massimiliano Raponi 19 novembre 2011 2 IL SECOLO XIX 1! 3 L Attività dell OPBG 4 Sedi 11 Dipartimenti 607 posti letto 30.344 Ricoveri Ordinari/anno 101.980 Accessi DH/anno

Dettagli

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma DEA sistema ad alto rischio 1 Elevatissimo numero di transazioni (relazionali,

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI MASSA E CARRARA Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento Carlo Manfredi Sabato 28 novembre

Dettagli

Il Direttore dell Area Funzionale Diagnostica per Immagini

Il Direttore dell Area Funzionale Diagnostica per Immagini Area Funzionale Diagnostica per Immagini ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Diagnostica per Immagini dell AUSL3 di Pistoia considera

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI Dipartimento di Emergenza Urgenza ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, Il Dipartimento di Emergenza Urgenza della USL3 di Pistoia considera la Guida ai

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Daniele Travaini Indirizzo Via Milazzo n 65 27100 Pavia (PV) Telefono +39 038228122 Fax E-mail d.travaini@smatteo.pv.it

Dettagli

Cagliari 8 aprile 2009

Cagliari 8 aprile 2009 SEMINARIO Luigi Orlando Molendini Istituto Europeo di Oncologia Cagliari 8 aprile 2009 La GESTIONE DEL RISCHIO in Italia a Si inizia a parlare del problema dell errore da un punto di vista epidemiologico

Dettagli

I sistemi informativi in diagnostica per immagini e radioterapia

I sistemi informativi in diagnostica per immagini e radioterapia I sistemi informativi in diagnostica per immagini e radioterapia 15 CREDITI ECM ID 1585-76935 DESTINATARI: TECNICI SANITARI DI RADIOLOGIA MEDICA; MEDICI SPECIALISTI IN RADIODIAGNOSTICA E IN RADIOTERAPIA

Dettagli

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina CURRICULUM DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE/EDUCAZIONE FISICA Nella stesura del curriculum di Scienze Motorie e Sportive/Educazione Fisica si

Dettagli

la soluzione software per la gestione completa della sicurezza sul lavoro

la soluzione software per la gestione completa della sicurezza sul lavoro Safe on the Work la soluzione software per la gestione completa della sicurezza sul lavoro Safe on the work E rivolto ai responsabili dei Servizi di Prevenzione e Protezione o ai datori di lavoro Consente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PRINCIPIFONDAMENTALI

CARTA DEI SERVIZI PRINCIPIFONDAMENTALI CARTA DEI SERVIZI PRINCIPIFONDAMENTALI I principi fondamentali su cui si basa l'attività del Centro Diagnostica per Immagini srl racchiudono nella realtà concetti di: Uguaglianza: nessuna discriminazione

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

Health Information Technology

Health Information Technology Health Information Technology IRCCS Ospedale Opera di San Pio da Pietrelcina San Giovanni Rotondo con il contributo di: disegno s.r.l. servizi e sistemi di archiviazione INTRODUZIONE In un contesto socio-economico

Dettagli