INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. Progetto Giano. E.Giani, C.Baffa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. Progetto Giano. E.Giani, C.Baffa"

Transcript

1 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa Progetto Giano Comandi sintetici di stato per le applicazioni server di Giano E.Giani, C.Baffa Memo Versione 1.07, Firenze Febbraio 2012 Sommario Nel presente memo si descrive l implementazione dello stato sintetico dei sottosistemi di Giano (acquisizione, pre-slit e motori) pubblicato da Balor/Gbridge e destinato al programma di controllo GuiSS (Graphical User Interface Salvo Scuderi). 1 Introduzione La comunicazione tra Balor/Gbridge e la nuova interfaccia di alto livello di Giano, GuiSS, prevede che tutti i messaggi e gli errori provenienti dalle applicazioni server Iron-Golem/server104, Xill e Couatl o generati dallo stesso Balor/Gbridge, siano scritti in un file apposito e che lo stato dei vari sotto-sistemi venga spedito in forma sintetica al programma GuiSS come pacchetto di risposta dei comandi ASTATUS (acquisition status), MSTATUS (motor status) e XSTATUS (pre-slit status). Il nome del file di comunicazione con la GuiSS è /var/softir/guiss.out. 2 Il comando ASTATUS Il comando ASTATUS può essere inviato dall applicazione GuiSS in qualunque momento e il software di medio livello Balor/Gbridge si incarica di produrre la risposta utilizzando i dati aggiornati in suo possesso. Questo comando non viene reindirizzato da Balor/Gbridge al sistema embedded. In questo modo il programma di alto livello può chiedere informazioni sullo stato anche quando Iron-Golem/server104 è impegnato nelle operazioni di acquisizione, momento in cui il sistema embedded risulta sordo a qualunque richiesta che non corrisponda ad un comando di STOP o ABORT. Il comando ASTATUS (vedi Tab.1) non specifica alcun parametro nell area dati. Questo comando ottiene come risposta lo stato sintetico del sistema di acquisizione.

2 Campo Contenuto header[0] 0xA50F (MAGICKMASK) header[1] 0x1002 (GBSERVER) header[2] 0x0010 (COMANDO) header[3] 0x0401 (ASTATUS) header[4] 0 (lunghezza in bytes area dati) header[5] 0 header[6] 17 (numero pacchetto) header[7] checksum area dati (nessuna) Tabella 1: Esempio di pacchetto ASTATUS 2.1 ACK ASTATUS Il pacchetto di risposta del comando ASTATUS fornisce due informazioni nell area dati: il tempo di sistema espresso in secondi a partire dalla data dell epoca lo stato sintetico del sistema di acquisizione In Tab.2 riportiamo un esempio di questo pacchetto. Campo Contenuto header[0] 0xA50F (MAGICMASK) header[1] 0x1001/(GUICLIENT) header[2] 0x0006 (ACK) header[3] 0x0401 (ASTATUS) header[4] 16 (lunghezza in bytes dell area dati) header[5] 0 header[6] 17 (numero pacchetto) header[7] checksum area dati x5 Tabella 2: Esempio di pacchetto ACK STATUS 2.2 Rappresentazione sintetica dello stato del sistema di acquisizione Lo stato del sistema di acquisizione è rappresentato da una parola a 16 bit, dove solo alcuni tra i bit meno significativi hanno significato. Per semplicità si è cercato di minimizzare le informazioni necessarie a determinare lo stato di funzionamento del sistema; i bit usati sono cinque e di seguito è riportato il loro significato.

3 2.2.1 bit 0: S104 OK Questo bit è riassuntivo di tutti gli altri: se il sistema di acquisizione nel suo complesso non manifesta malfunzionamenti, il bit meno significativo è posto a 1. La presenza di uno 0 in questa posizione implica necessariamente la presenza di un problema nel sistema di acquisizione. In caso di malfunzionamento, per ottenere dettagli di maggiore utilità è necessario andare a esaminare lo stato degli altri bit bit 1: S104 ACTIVE Questo bit rappresenta lo stato di attività del sistema embedded. Il valore di questo bit è 1 quando Balor/Gbridge e Iron-Golem/server104 sono connessi e in grado di comunicare attraverso il protocollo. Un valore 0 in questa posizione può corrispondere a condizioni diverse di errore come, ad esempio: il pc embedded è spento l applicazione Iron-Golem/server104 non è in esecuzione un altra istanza di Balor/Gbridge è connessa al sistema embedded la rete non è funzionante Quale tra queste condizioni si sia verificata è determinabile in un secondo momento andando ad analizzare la lista dei messaggi/errori stampati nel file di output bit 2: S104 ANALOG Questo bit assume valore 1 se tutte le schede analogiche e le alimentazioni sono correttamente funzionanti. Vale 0, invece, se uno (o piú) link ottico non è attivo, se esistono problemi sulle alimentazioni o sulla memoria del sequencer bit 3: S104 BUSY Quando questo bit ha valore 1 il sistema è occupato in un operazione che non consente l esecuzione di comandi di acquisizione e di configurazione dell elettronica. Il sistema è nuovamente pronto ad accettare comandi quando questo bit torna al valore bit 4: S104 FAILURE Questo bit a 1 sta a significare che si è verificato un problema generico. Questo bit è sempre 1 quando risultano problemi sul bit S104 ANALOG e/o sul bit S104 ACTIVE, ma vale 1 anche in casi non riconducibili ai precedenti. A titolo di esempio, questo bi si attiva quando la lettura di un immagine viene interrotta per timeout sulla fifo, o si è verificato un errore di fifo overflow oppure una condizione di timeout sul socket di lettura. Se vale 0, non si sono verificate condizioni di errore.

4 2.2.6 bit 5: S104 INIT Questo bit viene posto a 1 se il sistema embedded è in fase di inizializzazione. In questo caso risulta configurato anche il bit S104 BUSY. Il bit diviene 0 una volta che il sistema ha terminato la procedura. 3 Il comando XSTATUS Il comando XSTATUS restituisce lo stato complessivo del sistema di pre-slit, fornendo informazioni sui sottosistemi della PowerBoard e del sistema Thorlabs. Il comando può essere inviato dall applicazione GuiSS in qualunque momento: il software middle-ware Balor/Gbridge inoltra il comando al server Xill che genera la risposta utilizzando i dati aggiornati in suo possesso. Il programma GuiSS può inviare la richiesta di stato anche quando Xill è occupato a controllare le operazioni di posizionamento della pre-slit. Il comando XSTATUS (vedi Tab.3) non specifica alcun parametro nell area dati. 3.1 Risposta del comando XSTATUS La payload del pacchetto di risposta ACK del comando XSTATUS (vedi Tab.4) contiene le seguenti informazioni: il tempo di sistema espresso in secondi a partire dalla data dell epoca lo stato sintetico del sistema di pre-slit nel suo complesso (intero senza segno a 16-bit) lo stato dei sotto-sistemi della PowerBoard (intero senza segno a 16-bit) la posizione in step del device Thorlabs(intero con segno a 32-bit) il nome corrispondente alla posizione in step (string) la temperatura (double) l intensità della lampada di calibrazione (intero senza segno a 16-bit) il valore dell accelerometro nella direzione x (intero a 32-bit) il valore dell accelerometro nella direzione y (intero a 32-bit) il valore dell accelerometro nella direzione z (intero a 32-bit) l angolo di rotazione (double) 3.2 Rappresentazione sintetica dello stato del sistema di pre-slit Lo stato complessivo del sistema di pre-slit è descritto da un numero senza segno a 16-bit, in cui solo i primi 7 bit sono significativi e la loro interpretazione è riassunta nella Tab bit 0: XILL OK Questo bit è riassuntivo di tutti gli altri: se il sistema di pre-slit nel suo complesso non manifesta malfunzionamenti, il bit meno significativo è posto a 1.

5 Campo Contenuto header[0] 0xA50F header[1] 0x1009 (XILL) header[2] 0x0010 (COMANDO) header[3] 0x0900 (XSTATUS) header[4] 0 (lunghezza area dati in bytes comprensiva del carattere NULL) header[5] campo vuoto header[6] (numero di pacchetto) numero incrementale [ ] header[7] checksum area dati nessuna Tabella 3: Esempio di Pacchetto XSTATUS Campo Contenuto header[0] 0xA50F header[1] 0x1001 (GUICLIENT) header[2] 0x0006 (ACK) header[3] 0x0900 (XSTATUS) header[4] lunghezza area dati in bytes comprensiva del carattere NULL header[5] campo vuoto header[6] numero pacchetto header[7] checksum area dati x0F FILTER Tabella 4: Esempio di Pacchetto ACK di XSTATUS La presenza di uno 0 in questa posizione implica necessariamente la presenza di un problema nel sistema di pre-slit. In caso di malfunzionamento, per ottenere dettagli di maggiore utilità è necessario andare a esaminare lo stato degli altri bit bit 1: XILL ACTIVE Questo bit rappresenta lo stato di attività del sistema Xill Il valore di questo bit è 1 quando Balor/Gbridge (o Iron-Golem/server104) e Xill sono connessi e in grado di comunicare attraverso il protocollo. Un valore 0 in questa posizione può corrispondere a condizioni diverse di errore come, ad esempio: il pc su cui il server Xill è in esecuzione è spento l applicazione Xill non è in esecuzione un altra applicazione è connessa al sistema la rete non è funzionante

6 Bit Significato Nome Valore 0 sistema ok XILL OK 1 = OK 1 server connesso XILL ACTIVE 1 = ATTIVO 2 comunicazione con il sistema Thorlabs XILL THLABS 1 = OK 3 comunicazione con la PowerBoard XILL PWB 1 = OK 4 sistema occupato XILL BUSY 1 = BUSY 5 errore generico XILL FAILURE 1 = FAILURE 6 sistema in inizializzazione XILL INIT 1 = INIT Tabella 5: Lo stato sintetico del sistema di pre-slit Quale tra queste condizioni si sia verificata è determinabile in un secondo momento andando ad analizzare la lista dei messaggi/errori stampati nel file di output bit 2: XILL THLABS Questo bit assume valore 1 quando il sistema Thorlabs è correttamente rilevato e la comunicazione con esso funzionante. Vale 0 se il device non è rilevato oppure esistono problemi di comunicazione con il bus USB bit 3: XILL PWB Quando questo bit vale 1 quando la comunicazione con la PowerBoard è attiva e funzionante. Viceversa vale bit 4: XILL BUSY Il bit è posto a 1 quando il sistema sta operando sui sotto-sistemi della pre-slit, ad esempio quando lo stage rotazionale della Thorlabs è in movimento. Vale 0 quando il sistema è pronto ad eseguire immediatamente il comando ricevuto bit 5: XILL FAILURE Questo bit a 1 sta a significare che si è verificato un problema generico. Questo bit è sempre 1 quando sono presenti contemporaneamenti problemi sui bit XILL THLABS, XILL PWB e XILL ACTIVE, ma vale 1 anche in casi non riconducibili ai precedenti: quando la procedura di homing non è stata portata a termine, oppure i parametri ricevuti non sono corretti. Se vale 0, non si sono verificate condizioni di errore.

7 3.2.7 bit 6: XILL INIT Questo bit viene posto a 1 se il sistema Xill è in fase di inizializzazione. In questo caso risulta configurato anche il bit XILL BUSY. Il bit diviene 0 una volta che il sistema ha terminato la procedura. 3.3 Lo stato dei sotto-sistemi della PowerBoard La PowerBoard comprende piú device: una lampada di calibrazione che può essere accesa/spenta e di intensità variabile un dimmer per regolare le diverse intensità della lampada di calibrazione una lampada alogena che puó essere accesa/spenta e inserita/disinserita due filtri grigi che vengono inseriti/disenseriti un sensore di temperatura un accelerometro che restituisce il valore lungo i tre assi e, una volta calibrato, l angolo del derotatore uno shutter da inserire/disinserire un relay per accendere/spengere il device Thorlabs Lo stato dei sotto-sostemi della PowerBoard è un numero senza segno a 16-bit, espresso come una maschera in cui ogni bit rappresenta lo stato di uno di questi: 1 corrisponde al device on/inline, 0 al device off/offline (vedi Tab.6). N.B: per il bit 7, i valori 0 e 1 corrispondono ai due livelli di intensità della lampada di calibrazione (10% e 100%) Riferendosi al contenuto dell area dati del pacchetto ACK di XSTATUS, il valore 73 (0x49) corrisponde dunque a: - bit/device 0 status 1 lampada di calibrazione accesa - bit/device 1 status 0 lampada alogena spenta - bit/device 2 status 0 lampada alogena non inserita - bit/device 3 status 1 filtro 1 inserito - bit/device 4 status 0 filtro 2 non inserito - bit/device 5 status 0 shutter non inserito - bit/device 6 status 1 thorlabs alimentata - bit/device 7 status 0 intensità al 10% della lampada di calibrazione

8 Bit Significato Valore 0 alimentazione lampada di calibrazione 1 = ON 1 alimentazione lampada alogena 1 = ON 2 lampada alogena 1 = Online 3 filtro 1 1 = Online 4 filtro 2 1 = Online 5 shutter 1 = Online 6 alimentazione Thorlabs 1 = ON 7 intensità della lampada di calibrazione 1 = 100% Tabella 6: Stato della PowerBoard 4 Il comando MSTATUS Il comando MSTATUS richiede al server Couatl le informazioni sullo stato e le posizioni dei motori di Giano. Il comando può essere inviato dall applicazione GuiSS in qualunque momento: il software middle-ware Balor/Gbridge inoltra il comando al server Couatl che genera la risposta utilizzando i dati aggiornati in suo possesso. Il programma GuiSS può inviare la richiesta di stato anche quando Couatl è occupato a controllare le operazioni di movimento: la risposta fornita conterrà le informazione relative allo stato più recente del sistema. Il comando MSTATUS (vedi Tab.7) non specifica alcun parametro nell area dati. Campo Contenuto header[0] 0xA50F (MAGICKMASK) header[1] 0x1006 (COUATL) header[2] 0x0010 (COMANDO) header[3] 0x0601 (MSTATUS) header[4] 0 (lunghezza in bytes area dati) header[5] 0 header[6] 11 (numero pacchetto) header[7] checksum area dati (nessuna) Tabella 7: Esempio di pacchetto MSTATUS

9 4.1 ACK MSTATUS Il pacchetto di risposta del comando MSTATUS (vedi Tab.8) fornisce le seguenti informazioni nell area dati: il tempo di sistema espresso in secondi a partire dalla data dell epoca lo stato sintetico del sistema dei motori rappresentato da un numero intero senza segno a 16-bit il numero (vedi Tab.9), la posizione logica (stringa di caratteri) e la posizione in ohm (numero float) di ciascun motore Campo Contenuto header[0] 0xA50F (MAGICMASK) header[1] 0x1001/(GUICLIENT) header[2] 0x0006 (ACK) header[3] 0x0601 (MSTATUS) header[4] 142 (lunghezza in bytes dell area dati) header[5] 0 header[6] 11 (numero pacchetto) header[7] checksum area dati x02 1 HR HR Z1 FS Z2 FS Z3 FS OPEN S LOCKED Tabella 8: Esempio di pacchetto ACK MSTATUS Nome Numero GRATING Z1 1 GRATING Z2 2 ARRAY Z1 3 ARRAY Z2 4 ARRAY Z3 5 FILTER 6 SLIT WHEEL 7 SLIT FORK 8 Tabella 9: Corrispondenza tra numero e nome simbolico del motore

10 Bit Significato Valore 0 sistema funzionante 1 = COUATL OK 1 stato della connessione con Balor/Gbridge 1 = COUATL ACTIVE 2 motore in movimento o inizializzazione in corso 1 = COUATL BUSY 3 errore generico 1 = COUATL FAILURE 4 sistema in fase di inizializzazione 1 = COUATL INIT Tabella 10: Stato dei motori di Giano 4.2 Rappresentazione dello stato del sistema dei motori È stato stabilito che lo stato sintetico del sistema dei motori sia rappresentato da una parola a 16 bit, dove solo i primi 5 bit hanno significato e la loro interpretazione è riassunta in Tab bit 0: COUATL OK Questo bit è riassuntivo di tutti gli altri: se il sistema di controllo dei motori (Couatl + giano- Motors) nel suo complesso non manifesta malfunzionamenti, il bit meno significativo è posto a 1. La presenza di uno 0 in questa posizione implica necessariamente la presenza di un problema. In caso di malfunzionamento, per ottenere dettagli di maggiore utilità è necessario andare a esaminare lo stato degli altri bit bit 1: COUATL ACTIVE Questo bit rappresenta lo stato di attività di Couatl. Il valore di questo bit è 1 quando Balor/Gbridge e Couatl sono connessi e in grado di comunicare attraverso il protocollo. Un valore 0 in questa posizione può corrispondere a condizioni diverse di errore come, ad esempio: l applicazione Couatl non è in esecuzione la rete non è funzionante Quale tra queste condizioni si sia verificata è determinabile in un secondo momento andando ad analizzare la lista dei messaggi/errori stampati nel file di output bit 2: COUATL BUSY Il bit è posto a 1 quando il sistema muove uno dei motori dei filtri, fenditure o reticolo. Vale 0 quando il sistema è pronto ad eseguire immediatamente il comando ricevuto.

11 4.2.4 bit 3: COUATL FAILURE Questo bit a 1 sta a significare che si è verificato un problema generico. Questo bit è sempre 1 quando `presente un problema sui bit COUATL OK e COUATL ACTIVE, ma vale 1 anche in casi non riconducibili ai precedenti: quando la procedura di movimento non è stata portata a termine. Se vale 0, non si sono verificate condizioni di errore bit 4: COUATL INIT Questo bit viene posto a 1 quando Couatl è in fase di inizializzazione. In questo caso risulta configurato anche il bit COUATL BUSY. Il bit diviene 0 una volta che il sistema ha terminato la procedura

104server104 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. C.Baffa, E.Giani

104server104 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. C.Baffa, E.Giani 104server104 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa Progetto Giano Protocollo per la comunicazione tra gbridge e Giano GUI C.Baffa, E.Giani Versione 1.08, Firenze 19 Giugno 2007 Sommario Nel presente

Dettagli

Protocollo per la comunicazione tra Balor/Gbridge e Giano-IDL

Protocollo per la comunicazione tra Balor/Gbridge e Giano-IDL INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa Progetto Giano Protocollo per la comunicazione tra Balor/Gbridge e Giano-IDL E.Giani, C.Baffa Memo, Firenze Marzo 2012 Revision : 1.5 Sommario Nel presente memo

Dettagli

INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. Progetto Giano I file ausiliari di Giano. E.Giani, C.Baffa

INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. Progetto Giano I file ausiliari di Giano. E.Giani, C.Baffa INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa Progetto Giano I file ausiliari di Giano E.Giani, C.Baffa Memo Versione 1.04, Firenze Febbraio 2012 Sommario Nel presente memo diamo una descrizione dei file di

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo F.O.A.M. Free Object Access Method Un introduzione Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo Il protocollo FOAM. FOAM (Free Object Access Method) è un protocollo

Dettagli

Guida alla registrazione on-line di un NovaSun Log

Guida alla registrazione on-line di un NovaSun Log Guida alla registrazione on-line di un NovaSun Log Revisione 4.1 23/04/2012 pag. 1 di 16 Contenuti Il presente documento è una guida all accesso e all utilizzo del pannello di controllo web dell area clienti

Dettagli

USER GUIDE. Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1

USER GUIDE. Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1 USER GUIDE Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1 SOMMARIO Introduzione... 3 Sensore BioHarness... 3 OVERVIEW BIOHARNESS 3.0 BT/ECHO... 4 OVERVIEW

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente Sommario 1. INTRODUZIONE...3 2. DESCRIZIONE FUNZIONALITÀ...3 2.1. LOGIN...3 2.2. SCHEDA ARCHIVIO...3 2.3. GESTIONE ARCHIVI...4 2.3.1 Creazione nuovo

Dettagli

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione -

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Indice 1. Scopo e campo di applicazione...3 2. Riferimenti...3 3. Definizioni e acronimi...3 4. Introduzione...3 5.

Dettagli

ALTRO. v 2.4.0 (Aprile 2015)

ALTRO. v 2.4.0 (Aprile 2015) ALTRO v 2.4.0 (Aprile 2015) Contenuto 60 60 60 61 61 62 64 64 65 66 67 67 69 69 70 70 71 73 73 Panoramica menù Altro Informazioni Assistenza Sistema Notifiche Meteo Configurazioni Modifica Utente Gestione

Dettagli

Il software di controllo e DAQ per i test del KPol dell esperimento SCORE User manual

Il software di controllo e DAQ per i test del KPol dell esperimento SCORE User manual Il software di controllo e DAQ per i test del KPol dell esperimento SCORE User manual Gerardo Capobianco Rapporto nr. 75 18/10/2005 Indice Indice...1 1. Introduzione. 2 1.1 Il monocromatore e spettrografo....2

Dettagli

Configurable CAN System (CCS)

Configurable CAN System (CCS) ISTRUZIONI INTERFACCIA SOFTWARE Configurable CAN System Software Interface FT1130M - FT1137M Configurable CAN System (CCS) Interfaccia software Manuale utente Pag. 1 1 FT1130M - FT1137M Configurable CAN

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

BLOCK CALL Manuale utente Block Call Manuale Utente

BLOCK CALL Manuale utente Block Call Manuale Utente Block Call Manuale Utente 1. Sommario 1 Introduzione... 3 2 Installazione... 4 2.1 Preparazione back end... 4 2.2 Installazione device... 6 3 Configurazione Back End... 10 3.1 Gestione gruppi Nominativi...

Dettagli

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software:

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: 1 SOFTWARE È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: SOFTWARE DI SISTEMA (o di base), che deve gestire le funzioni

Dettagli

Laboratorio di Programmazione in rete

Laboratorio di Programmazione in rete Laboratorio di rogrammazione in rete Introduzione alla programmazione C di socket A.A. 2005/06 Comunicazione tra computer Come far comunicare più computer su una rete? Una collezione di protocolli: TC/I

Dettagli

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android...

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... Sommario Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... 4 Indruduzione La scheda può controllare fino a quattro

Dettagli

Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition With Tools

Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition With Tools Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition With Tools Circolare CT-1010-0087, del 28/10/2010. Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition sul server... 2 Introduzione... 2 Installazione

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

Sistema Informativo di Teleraccolta EMITTENTI

Sistema Informativo di Teleraccolta EMITTENTI Sistema Informativo di EMITTENTI aventi l Italia come Stato membro di origine i cui valori mobiliari sono ammessi alla negoziazione in un altro Stato membro dell Unione Europea Art. 116 bis, comma 1, del

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

Informazioni Generali (1/2)

Informazioni Generali (1/2) Prima Esercitazione Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite e-mail). E-mail d.deguglielmo@iet.unipi.it specificare come oggetto Reti Informatiche 2 Informazioni Generali (2/2)

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI BARI GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE aprile 2013 RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO SUAP Sportello Unico per le Attività Produttive SOMMARIO

Dettagli

ALTRO. v 2.5.0 (Maggio 2015)

ALTRO. v 2.5.0 (Maggio 2015) ALTRO v 2.5.0 (Maggio 2015) Contenuto 3 3 4 4 5 5 6 8 8 9 10 11 12 13 14 14 14 15 17 18 Panoramica menù Altro Informazioni Assistenza Sistema Notifiche Geolocalizzazione Meteo Configurazioni Modifica Utente

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

Sistemico Srl unip. Via Ceresani, 8. 60044 Fabriano AN. Tel 0732 251820. Powered by Sistemico

Sistemico Srl unip. Via Ceresani, 8. 60044 Fabriano AN. Tel 0732 251820. Powered by Sistemico 2014 Sistemico Srl unip. Via Ceresani, 8 Powered by Sistemico 60044 Fabriano AN Tel 0732 251820 INDICE INDICE 2 Istallazione della APP... 3 Per Android... 3 Per IOS 4 Avvio APP... 5 Collegamento elettrocardiografo

Dettagli

CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 2 PROCEDURA

CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 2 PROCEDURA SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 2 PROCEDURA DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 3 ISTRUZIONI PER L USO 1 CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Ingegneria dei Processi Aziendali Modulo 1 Servizi Web Unità didattica 1 Protocolli Web Ernesto Damiani Università di Milano I Servizi Web Un Servizio Web è un implementazione software

Dettagli

Ubiquity getting started

Ubiquity getting started Introduzione Il documento descrive I passi fondamentali per il setup completo di una installazione Ubiquity Installazione dei componenti Creazione del dominio Associazione dei dispositivi al dominio Versione

Dettagli

Universal Serial Bus (USB)

Universal Serial Bus (USB) Universal Serial Bus (USB) Standard per la connessione di periferiche al personal computer (proposto verso la metà degli anni 90 da un pool di società tra cui Intel, IBM, Microsoft,..) Obiettivi principali:

Dettagli

Guida all utilizzo del pacchetto di firma digitale

Guida all utilizzo del pacchetto di firma digitale 1 di 13 Guida all utilizzo del pacchetto di firma digitale 2 di 13 INDICE 1 Introduzione... 3 2 Installazione... 4 2.1 Passi comuni per l installazione dei token/smartcard... 4 2.2 Elenco smartcard/token

Dettagli

SPECIFICHE FUNZIONALI DEL PUNTO DI ACCESSO

SPECIFICHE FUNZIONALI DEL PUNTO DI ACCESSO SPECIFICHE FUNZIONALI DEL PUNTO DI ACCESSO 05 OTTOBRE 2011 PAG. 2 DI 33 INDICE PREMESSA 4 1. COMUNICAZIONE TRA PUNTO DI ACCESSO E SISTEMA DEL CONCESSIONARIO AWP 5 1.1 MESSAGGI DAL PUNTO DI ACCESSO AL SISTEMA

Dettagli

Registratori di Cassa

Registratori di Cassa modulo Registratori di Cassa Interfacciamento con Registratore di Cassa RCH Nucleo@light GDO BREVE GUIDA ( su logiche di funzionamento e modalità d uso ) www.impresa24.ilsole24ore.com 1 Sommario Introduzione...

Dettagli

Nuovo server E-Shop: Guida alla installazione di Microsoft SQL Server

Nuovo server E-Shop: Guida alla installazione di Microsoft SQL Server Nuovo server E-Shop: Guida alla installazione di Microsoft SQL Server La prima cosa da fare è installare SQL sul pc: se si vuole utilizzare SQL Server 2012 SP1 versione Express (gratuita), il link attuale

Dettagli

Testi di Esercizi e Quesiti 1

Testi di Esercizi e Quesiti 1 Architettura degli Elaboratori, 2009-2010 Testi di Esercizi e Quesiti 1 1. Una rete logica ha quattro variabili booleane di ingresso a 0, a 1, b 0, b 1 e due variabili booleane di uscita z 0, z 1. La specifica

Dettagli

Modulo 1.3 Reti e servizi

Modulo 1.3 Reti e servizi Modulo 1.3 Reti e servizi 1. Introduzione al Networking Connettere il PC in rete; schede di rete e modem; Panoramica sulle reti ad alta velocita' e reti dial-up; Testare la connettivita' con ping; Introduzione

Dettagli

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione SUI Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico Manuale utente Versione 9 Data aggiornamento 19/11/2010 17.19.00 Pagina 1 (1) Sommario 1.

Dettagli

Guida introduttiva all uso di ONYX

Guida introduttiva all uso di ONYX Guida introduttiva all uso di ONYX Questo documento spiega come installare e preparare ONYX Thrive per iniziare a stampare. I. Installazione del software II. Uso del Printer & Profile Download Manager

Dettagli

Splash RPX-i Color Server. Guida alla soluzione dei problemi

Splash RPX-i Color Server. Guida alla soluzione dei problemi Splash RPX-i Color Server Guida alla soluzione dei problemi 2006 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da

Dettagli

istraffic Sistema di monitoraggio Traffico

istraffic Sistema di monitoraggio Traffico istraffic Sistema di monitoraggio Traffico Scopo Lo scopo del sistema è quello di eseguire un analisi automatica del flusso di traffico in modo da rilevare eventi quali rallentamenti, code, veicoli fermi,

Dettagli

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE terza parte TCP/IPdi Cristian Randieri randieri@intellisystem.it In questa terza parte della presentazione del dispositivo

Dettagli

LUCA VACCARO. Politecnico di Milano. S2MS Guida di Riferimento

LUCA VACCARO. Politecnico di Milano. S2MS Guida di Riferimento LUCA VACCARO Politecnico di Milano S2MS Guida di Riferimento L U C A V A C C A R O S2MS Guida di Riferimento Software sviluppato da Luca Vaccaro luck87@gmail.com Progetto del corso Internetworking TCP/IP

Dettagli

Manuale Blumatica Itaca

Manuale Blumatica Itaca 0 MANUALE BLUMATICA ITACA Il Protocollo ITACA è uno strumento adottato dalle Regioni per la valutazione del grado di sostenibilità energetico ambientale delle costruzioni approvato il 15 gennaio 2004 dalla

Dettagli

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo IPSES S.r.l. Scientific Electronics MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo La gamma più completa per il controllo intelligente dei motori passo passo I nostri sistemi sono la soluzione

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

CONDIVISIONE FILE WINDOWS 7

CONDIVISIONE FILE WINDOWS 7 CONDIVISIONE FILE WINDOWS 7 COLLEGAMENTO CABLAGGIO: Connettere le schede di rete dei pc tramite cavo UTP allo Switch/HUB CONFIGURAZIONE RETE Impostare indirizzo ip: Pannello di controllo 1 Centro Connessioni

Dettagli

Procedura di aggiornamento del firmware Display Remoto IntellyGreenPV

Procedura di aggiornamento del firmware Display Remoto IntellyGreenPV Procedura di aggiornamento del firmware Display Remoto IntellyGreenPV 1) Introduzione Il seguente documento descrive la procedura di aggiornamento del firmware del Display Remoto IntellyGreenPV. Per eseguire

Dettagli

Esercizio 2. Client e server comunicano attraverso socket TCP

Esercizio 2. Client e server comunicano attraverso socket TCP Esercizio 1 Scrivere una applicazione client/server in cui: Il client, in un ciclo infinito: Legge una stringa da standard input Invia al processo server la stringa. Il server visualizza: L'IP da cui si

Dettagli

FOXWave 1.0.0 Gestione gare ARDF IZ1FAL Secco Marco Sezione ARI BIELLA

FOXWave 1.0.0 Gestione gare ARDF IZ1FAL Secco Marco Sezione ARI BIELLA FOXWave 1.0.0 Gestione gare ARDF IZ1FAL Secco Marco Sezione ARI BIELLA Redatto da IZ1FAL Secco Marco Pagina 1 di 15 INDICE 1 1- INSTALLAZIONE... 3 1-1 Scaricare i pacchetti aggiornati... 3 1-2 Startup

Dettagli

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 KEYSTONE Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 2 Installazione 1 3 Dettagli sulla comunicazione 1 5 Descrizione del modulo interfaccia AS-i OM8 2 5 Protocollo interfaccia AS-i 3 6 Interfaccia

Dettagli

MANUALE UTILIZZO XRPD THERMO

MANUALE UTILIZZO XRPD THERMO NOTE GENERALI MANUALE UTILIZZO XRPD THERMO Condizioni operative del tubo a RAGGI X: 45 ev 40mA A fine giornata bisogna ricordarsi sempre di riportare il tubo in standby a 20 ev e 20 ma utilizzando la procedura

Dettagli

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP.

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. MANUALE ISTRUZIONI IM471-I v0.2 EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. Transmission Control

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Do-Dots Protocollo di comunicazione

Do-Dots Protocollo di comunicazione Do-Dots Protocollo di comunicazione Ultimo aggiornamento 10 maggio 2011 rev3 Spiegazioni 10/05/2011 rev2 Primo aggiornamento con attuali comandi 03/05/2011 rev1 - Stesura iniziale 14/05/2010 DOCUMENTO

Dettagli

Istruzioni di installazione

Istruzioni di installazione knfbreader Mobile e kreader Mobile Istruzioni di installazione Tutti I diritti riservati. Altri nomi di ditte o prodotti sono marchi o marchi depositati delle rispettive ditte. RL032608/S1 Traduzioni di

Dettagli

Controllo di Morgul mediante iphone

Controllo di Morgul mediante iphone UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per l Automazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

Specifiche OPC (OLE for Process Control) Community Bticino

Specifiche OPC (OLE for Process Control) Community Bticino Specifiche OPC (OLE for Process Control) Community Bticino Nome File OPC_Community_Bticino-v1_0_0-IT.pdf Data-ora 10/10/2007 12.47 Versione ultime emissione 1.0.0 Storia delle modifiche apportate Versione

Dettagli

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Sistema inoltro telematico Manuale utente Versione 10 Data aggiornamento: 14/09/2012 Pagina 1 (25) Sommario 1. Il sistema di inoltro telematico delle

Dettagli

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

Digital Persona Client/Server

Digital Persona Client/Server Documentazione Tecnica Digital Persona Client/Server Installazione 03/10/2012 INDICE DOCUMENTO Introduzione... 3 Versioni del documento... 3 Premessa... 3 Digital Persona... 3 Prerequisiti... 3 Installazione...

Dettagli

Geass-Link Manuale di istruzione

Geass-Link Manuale di istruzione Geass-Link Manuale di istruzione GEASS S.r.l. - Via Ambrosini 8/2 10151 Torino - Tel. 011.22.91.578 - Fax 011.27.45.418 - info@geass.com - www.geass.com GEASS-LINK V.1.0.4 Software di Gestione e Acquisizione

Dettagli

Il firewall ipfw. Introduzione ai firewall. Problema: sicurezza di una rete. Definizione di firewall. Introduzione ai firewall

Il firewall ipfw. Introduzione ai firewall. Problema: sicurezza di una rete. Definizione di firewall. Introduzione ai firewall Il firewall ipfw Introduzione ai firewall classificazione Firewall a filtraggio dei pacchetti informazioni associate alle regole interpretazione delle regole ipfw configurazione impostazione delle regole

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo SUI Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico domande di nulla osta al lavoro, al ricongiungimento familiare e conversioni

Dettagli

TERMINALE. Creazione e gestione di una postazione terminale di Eureka

TERMINALE. Creazione e gestione di una postazione terminale di Eureka TERMINALE Creazione e gestione di una postazione terminale di Eureka Febbraio 2011 2 Creazione e gestione di una postazione terminale di Eureka INDICE POSTAZIONE TERMINALE EUREKA REQUISITI INSTALLAZIONE

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

KNX/IP Router GW 90707. Manuale Tecnico

KNX/IP Router GW 90707. Manuale Tecnico KNX/IP Router GW 90707 Manuale Tecnico Sommario 1 Introduzione... 3 2 Applicazione... 4 3 Menù Impostazioni generali... 6 3.1 Parametri... 6 4 Menù Configurazione IP 1... 8 4.1 Parametri... 8 5 Menù Configurazione

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

2.5. L'indirizzo IP identifica il computer di origine, il numero di porta invece identifica il processo di origine.

2.5. L'indirizzo IP identifica il computer di origine, il numero di porta invece identifica il processo di origine. ESERCIZIARIO Risposte ai quesiti: 2.1 Non sono necessarie modifiche. Il nuovo protocollo utilizzerà i servizi forniti da uno dei protocolli di livello trasporto. 2.2 Il server deve essere sempre in esecuzione

Dettagli

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)

Esercitazione 05. Sommario. Packet Filtering [ ICMP ] Esercitazione Descrizione generale. Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli) Sommario Esercitazione 05 Angelo Di Iorio (Paolo Marinelli)! Packet Filtering ICMP! Descrizione esercitazione! Applicazioni utili: " Firewall: wipfw - netfilter " Packet sniffer: wireshark!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-!"#!$#!%&'$(%)*+,')#$-

Dettagli

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura Il protocollo TCP Obiettivo In questo esercizio studieremo il funzionamento del protocollo TCP. In particolare analizzeremo la traccia di segmenti TCP scambiati tra il vostro calcolatore ed un server remoto.

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

Installare e configurare la CO-CNS

Installare e configurare la CO-CNS CO-CNS Carta Operatore Carta Nazionale dei Servizi Versione 01.00 del 21.10.2013 Sistema Operativo Microsoft Windows 32/64 bit Per conoscere tutti dettagli della CO-CNS, consulta l Area Operatori sul sito

Dettagli

Gara con presentazione di offerta valutata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (gara in due tempi)

Gara con presentazione di offerta valutata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (gara in due tempi) Gara con presentazione di offerta valutata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (gara in due tempi) Manuale per i Fornitori INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 DEFINIZIONI... 3 2 ACCESSO

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Risultati dell esame degli oggetti scaricati da BackDoor.Flashback sui Mac infetti

Risultati dell esame degli oggetti scaricati da BackDoor.Flashback sui Mac infetti Risultati dell esame degli oggetti scaricati da BackDoor.Flashback sui Mac infetti Il 27 aprile 2012 Il team della società Doctor Web continua a esaminare la prima nella storia botnet di vasta scala creata

Dettagli

10.1. Un indirizzo IP viene rappresentato in Java come un'istanza della classe InetAddress.

10.1. Un indirizzo IP viene rappresentato in Java come un'istanza della classe InetAddress. ESERCIZIARIO Risposte ai quesiti: 10.1. Un indirizzo IP viene rappresentato in Java come un'istanza della classe InetAddress. 10.2. Un numero intero in Java è compreso nell'intervallo ( 2 31 ) e (2 31

Dettagli

Manuale d uso e configurazione

Manuale d uso e configurazione Manuale d uso e configurazione Versione 1.0 1 Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

Installazione del software Fiery per Windows e Macintosh

Installazione del software Fiery per Windows e Macintosh 13 Installazione del software Fiery per Windows e Macintosh Il CD del Software per l utente comprende le utilità di installazione di Fiery Link. Il software di utilità Fiery è supportato in Windows 95/98,

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi

Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi Implementazione di una MIDlet che realizza un sistema di voto Christian Tiralosi Sviluppatori:

Dettagli

DOL. Dealer Application System online. Manuale per l utente

DOL. Dealer Application System online. Manuale per l utente DOL Dealer Application System online Manuale per l utente 1. Introduzione Il DOL (dealer application system online) è un programma che permette la gestione delle operazioni di finanziamento attraverso

Dettagli

Your Detecting Connection. Manuale utente. support@xchange2.net

Your Detecting Connection. Manuale utente. support@xchange2.net Your Detecting Connection Manuale utente support@xchange2.net 4901-0133-4 ii Sommario Sommario Installazione... 4 Termini e condizioni dell applicazione XChange 2...4 Configurazione delle Preferenze utente...

Dettagli

PROGRAMMATORE CENTRALI 2012 - GUIDA RAPIDA AL SOFTWARE 11 luglio 2012

PROGRAMMATORE CENTRALI 2012 - GUIDA RAPIDA AL SOFTWARE 11 luglio 2012 INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE Eseguire il file di SetupCentraliCombivox.exe, selezionando la lingua e la cartella di installazione. SetupCentraliCom bivox.exe Durante l installazione, è possibile creare un

Dettagli

Telecontrollo Luci Aeroporto Villanova d Albenga

Telecontrollo Luci Aeroporto Villanova d Albenga Telecontrollo Luci Aeroporto Villanova d Albenga Software Sistema Aerolux Master (ver 1.1b) Visualizzatore (ver 1.3c ) Sono oggetto del suddetto documento, i seguenti siti telecontrollati - Monterosso

Dettagli

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE CS072-ST-01 0 09/01/2006 Implementazione CODICE REV. DATA MODIFICA VERIFICATO RT APPROVATO AMM Pagina

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE SCANPROT

GUIDA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE SCANPROT Servizi per l e-government nell Università Federico II GUIDA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE SCANPROT A cura del CSI - Area tecnica E-government Data ultima revisione: 30 Aprile 2008 GUIDA_UTILIZZO_SCANPROT_V1

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

DonkeyCode. Manuale amministratore di sistema. Versione 1.0.0

DonkeyCode. Manuale amministratore di sistema. Versione 1.0.0 DonkeyCode RescueMe: globale per la gestione di catastrofi naturali Manuale amministratore di Versione 1.0.0 Ingegneria Del Software AA 2010-2011 DonkeyCode - RescueMe Informazioni documento Titolo documento:

Dettagli

Procedure e Applicazioni Windows TM. Procedure e. TeamPortal Procedure e Applicazioni Windows TM

Procedure e Applicazioni Windows TM. Procedure e. TeamPortal Procedure e Applicazioni Windows TM INDICE 1. Introduzione... 3 2. Amministrazione... 4 2.1 Amministrazione Gruppi... 4 2.2 Amministrazione Servizi Client... 5 2.3 Amministrazione... 7 2 1. Introduzione L applicazione consente di organizzare

Dettagli

Categorie di sistemi Digitali

Categorie di sistemi Digitali Vivian Marco 3isc AS 2007/08 Categorie di sistemi Digitali A Logica cablata Il comportamento di questi sistemi è legato dalla loro struttura fisica. Se si desidera modificarne il comportamento è necessario

Dettagli

CNC 8055. Educazionale. Ref. 1107

CNC 8055. Educazionale. Ref. 1107 CNC 855 Educazionale Ref. 7 FAGOR JOG SPI ND LE FEE D % 3 5 6 7 8 9 FAGOR JOG SPI ND LE FEE D % 3 5 6 7 8 9 FAGOR JOG SPI ND LE FEE D % 3 5 6 7 8 9 FAGOR JOG SPI ND LE 3 FEE D % 5 6 7 8 9 FAGOR JOG SPI

Dettagli

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento I protocolli del livello di applicazione Porte Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento utilizzato per permettere

Dettagli

Progetto SOLE Sanità OnLinE

Progetto SOLE Sanità OnLinE Progetto SOLE Sanità OnLinE Rete integrata ospedale-territorio nelle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna: I medici di famiglia e gli specialisti Online (DGR 1686/2002) console - Manuale utente

Dettagli

Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB

Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB 30/04/2013 Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB Pagina 1 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3

Dettagli

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface CANUSB-Man-Ita_revd.doc - 05/04/05 SP04002 Pagina 1 di 12 Specifica tecnica CANUSB Programmable CAN bus-pc interface Specifica tecnica n SP04002 Versione Autore Data Note Rev. 0 M. BIANCHI 10/09/04 Prima

Dettagli

AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0

AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0 AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0 Procedura per l installazione di AxWin6 AxWin6 è un software basato su database Microsoft SQL Server 2008 R2. Il software è composto da AxCom: motore di comunicazione AxWin6

Dettagli

Domande e Risposte ALLEGATI CLIENTI E FORNITORI. DATALOG Soluzioni Integrate

Domande e Risposte ALLEGATI CLIENTI E FORNITORI. DATALOG Soluzioni Integrate KING Domande e Risposte ALLEGATI CLIENTI E FORNITORI DATALOG Soluzioni Integrate - 2 - Domande e Risposte Allegati Clienti e Fornitori Sommario Premessa.... 3 Introduzione... 4 Elenco delle domande...

Dettagli

progecad NLM Guida all uso Rel. 10.2

progecad NLM Guida all uso Rel. 10.2 progecad NLM Guida all uso Rel. 10.2 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Come Iniziare... 3 Installare progecad NLM Server... 3 Registrare progecad NLM Server... 3 Aggiungere e attivare le licenze...

Dettagli