MOLESKINE ANNUNCIA I RISULTATI PER L ESERCIZIO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOLESKINE ANNUNCIA I RISULTATI PER L ESERCIZIO 2014"

Transcript

1 MOLESKINE ANNUNCIA I RISULTATI PER L ESERCIZIO 2014 PERFORMANCE 2014 IN LINEA CON LE PREVISIONI CONFERMATE LE PREVISIONI PER IL 2015 DI RICAVI ED EBITDA Ricavi netti 1 a 98,7 milioni di Euro in aumento del 13,1% 2 a tassi di cambio costanti rispetto al 2013 con tutte le aree geografiche, canali e prodotti in crescita EBITDA 3 (+0,4% rispetto al 2013) e Utile netto (+2,9% rispetto al 2013), in linea con le previsioni, riflettono le azioni strategiche effettuate a sostegno di un accelerazione della crescita attesa a partire dal 2015 Indebitamento finanziario netto in ulteriore riduzione a 4,6 milioni di Euro rispetto ai 16,1 milioni di Euro a fine 2013 per effetto di una significativa generazione di cassa operativa Proposto dividendo pari a Euro 0,033 per azione (complessivi 7 milioni di Euro) pari ad un pay-out ratio 4 del 35,4% coerentemente con l intenzione della Società di utilizzare il cash flow generato per finanziare la crescita futura fornendo, al tempo stesso, una remunerazione per i propri azionisti Outlook positivo supportato dal rafforzamento dell assetto operativo dei canali Wholesale e B2B e dalla continua espansione del Retail Milano, 11 Marzo 2015 Il Consiglio di Amministrazione di Moleskine S.p.A. ( Moleskine o con le sue controllate il Gruppo o la Società ) ha approvato in data odierna il progetto di Bilancio per l esercizio (Migliaia di Euro) Variazione (2014 rispetto al 2013) Ricavi Netti ,4% EBITDA ,4% Risultato netto ,9% 1 I ricavi sono calcolati su base adjusted e rappresentano i ricavi di conto economico al netto dei ricavi derivanti dalla cessione dei sistemi espositivi (display) e degli altri ricavi e proventi non afferenti la gestione caratteristica; 2 A tassi di cambio costanti. Si rimanda alla tabelle per gli indicatori a tassi di cambio correnti. 3 L EBITDA adjusted e il Risultato netto adjusted si riferiscono a grandezze al netto dell effetto degli oneri non ricorrenti, come di seguito dettagliati; 4 Calcolato come rapporto tra il dividendo totale e l utile netto consolidato adjusted. 42,4% sulla base dell utile netto consolidato reported 1

2 Arrigo Berni, Amministratore Delegato di Moleskine, ha commentato: Il 2014 è stato un altro anno importante per la nostra Società. Abbiamo raggiunto risultati record in termini di vendite, reddito operativo, utile e generazione di cassa. La crescita della top line ha quasi triplicato quella del nostro mercato di riferimento principale ed ha interessato tutte le aree geografiche, tutte le categorie di prodotto e tutti i canali distributivi. Abbiamo portato avanti decisioni di investimento strategiche, funzionali al raggiungimento dei nostri obiettivi di crescita di lungo periodo, in particolare nei canali Wholesale e Retail, rispettando al tempo stesso i nostri obiettivi in termini di utile, anche grazie ad una gestione attenta della nostra base di costi. Tali scelte stanno già portando risultati visibili. Possiamo contare oggi su una solida piattaforma per raggiungere i nostri obiettivi di crescita a doppia cifra previsti a partire dal 2015, sia in termini di ricavi che di utile. I risultati raggiunti ci rendono particolarmente fiduciosi di poter conseguire una crescita sostenibile e il dividendo proposto oggi rappresenta un ulteriore elemento a supporto della creazione di valore per gli azionisti imperniata sulla continua crescita degli utili per azione e sulla capacità di finanziare i nostri progetti di sviluppo. Ricavi per canale di vendita 5 Come già comunicato in data 5 febbraio 2015, il 2014 ha registrato una crescita in tutti i canali distributivi. (Migliaia di Euro) Variazione a tassi di cambio costanti Variazione a tassi di cambio correnti Wholesale ,7% +8,0% B2B ,5% +16,5% Ecommerce ,6% +12,5% Retail ,4% +79,9% Ricavi netti ,1% +13,4% I ricavi netti del canale Wholesale sono aumentati del 7,7% rispetto all esercizio 2013 guidati da una crescita in tutti i mercati principali anche per effetto del rafforzamento della nostra piattaforma distributiva avvenuto nel corso dell anno: 5 I ricavi per canali di vendita sono calcolati su base adjusted e non tengono conto dei ricavi derivanti dalla cessione dei sistemi espositivi (display) e di altri ricavi e proventi non afferenti la gestione caratteristica. I ricavi sono inoltre riportati a tassi di cambio costanti. Per ricavi netti a tassi di cambio correnti si rimanda alle tabelle. 2

3 - L area EMEA ha registrato un aumento del 1,6% rispetto all esercizio 2013 in linea con le attese nelle diverse geografie. I risultati positivi conseguiti in mercati chiave come il Regno Unito e la Francia sono stati parzialmente controbilanciati dagli andamenti della Russia, dove il distributore locale ha adottato un approccio molto cauto in seguito alla rilevante e inaspettata svalutazione del rublo, e della Germania, influenzata dalla chiusura del rapporto di distribuzione con lo storico partner. Quest ultima dinamica può ritenersi superata e si prevede una contribuzione positiva alla performance nel 2015 della Germania per effetto del nuovo modello distributivo diretto; - L area Americana, in crescita del 17% rispetto all esercizio 2013, ha beneficiato del cambio di modello distributivo basato su di una struttura organizzativa molto più focalizzata. La gestione diretta dei clienti principali, pari a circa la metà delle vendite dell area, ha generato risultati positivi; - L area APAC ha riportato un incremento del 5,5% rispetto all esercizio 2013 guidato, come previsto, dalla significativa crescita registrata nel quarto trimestre (+48,8% rispetto al quarto trimestre del 2013) legata principalmente allo start up delle attività da parte del nuovo distributore in Giappone e alle performance positive del Sud-Est asiatico, in particolare della Corea e dell Australia. I ricavi netti nel canale B2B sono aumentati del 16,5% rispetto all esercizio La crescita è stata trainata dall implementazione di un efficace modello operativo risultante dalla combinazione di un organizzazione di vendita diretta sempre più proattiva e dal continuo ampliamento della rete di distributori dedicati al canale B2B. L area APAC (+54,8% rispetto all esercizio 2013) ha registrato la crescita più significativa trainata da un importante progetto in Corea che ha più che controbilanciato le performance meno positive del Giappone ed Hong Kong legate alla chiusura del rapporto con il distributore del canale Wholesale che agiva come agente esclusivo anche per il canale B2B. In EMEA (+7,6% rispetto all esercizio 2013) la forte crescita di Germania e Francia nel quarto trimestre dell anno è stata parzialmente controbilanciata dagli andamenti dell Italia e del Regno Unito per effetto di alcuni ordini rilevanti avvenuti nel quarto trimestre del 2013 che non si sono ripetuti nel L America, in crescita del 12,8% rispetto all esercizio 2013, conferma l efficace implementazione del modello distributivo indiretto. I ricavi netti dell e-commerce sono aumentati del 12,6% rispetto all esercizio 2013 trainati dagli andamenti positivi registrati nel quarto trimestre e dai miglioramenti apportati alla gestione operativa durante l anno. L area EMEA è cresciuta del 13,1% rispetto all esercizio 2013 mentre la performance dell APAC (+82,5% rispetto all esercizio 2013) è stata trainata dalla continua crescita della Cina. L area americana (+4% rispetto all esercizio 2013) ha mostrato risultati in miglioramento a seguito di un ultimo trimestre in forte crescita (+27,8% rispetto al quarto trimestre del 2013) dopo i primi nove mesi influenzati da una confronto sfavorevole con lo stesso periodo dell anno precedente legato all effetto lancio di Evernote. La performance positiva registrata nei primi mesi del 2015 supporta le aspettative di un accelerazione della crescita prevista per l anno in corso. I ricavi netti del canale Retail hanno raggiunto 7,9 milioni nel 2014 con tutte le aree geografiche in crescita per effetto dell ampliamento della rete di negozi in linea con gli obiettivi di piano. Nel corso del 2014 ci sono state 22 nuove aperture e 11 chiusure, per un totale di 41 negozi diretti alla fine del 2014 (rispetto ai 30 del 2013). Le chiusure si 3

4 riferiscono principalmente a temporary stores aperti con l obiettivo di testare determinate aree prima di investire in location permanenti. I 23 negozi aperti nel 2013, i 22 del 2014, nonché la pipeline di aperture previste per il 2015 confermano la sostenibilità del piano di aperture di circa 20 negozi all anno, coerentemente con gli obiettivi di contribuzione del canale all EBITDA prima dei costi centrali. Moleskine continuerà ad investire nell organizzazione per sostenere lo sviluppo di questo canale strategico per il raggiungimento degli obiettivi di crescita di lungo termine. Il mix canale continua ad evolvere in linea con le aspettative, con Retail ed e-commerce che hanno contribuito per circa il 12% sui ricavi netti complessivi (rispetto al 9% nell esercizio 2013) confermando la bontà della strategia della Società di incrementare il peso dei canali diretti. Ricavi netti per area geografica 6 Nell esercizio 2014 tutte le aree geografiche hanno contribuito alla crescita dei ricavi netti del Gruppo: (Migliaia di Euro) Variazione a tassi di cambio costanti Variazione a tassi di cambio correnti EMEA ,3% +6,9% AMERICAS ,4% +17,4% APAC ,7% +29,7% Ricavi Netti ,1% +13,4% In EMEA i ricavi netti sono aumentati del +6,3% rispetto all esercizio 2013 a tassi di cambio costanti trainati da tutti i canali distributivi. L America ha continuato a crescere a doppia cifra registrando un incremento dei ricavi netti del 17,4% a tassi di cambio costanti rispetto all esercizio 2013 a legato alla positiva performance operativa del nuovo modello distributivo in essere nel canale Wholesale. I ricavi dell APAC hanno registrato un incremento del 29,7% rispetto all esercizio 2013 a tassi di cambio costanti trainati principalmente dallo start up delle attività da parte del nuovo distributore in Giappone, dalle aperture dei negozi diretti in Cina e dall affermarsi una forte presenza B2B nella regione. 6 I ricavi per area geografica sono calcolati su base adjusted e non tengono conto dei ricavi derivanti dalla cessione dei sistemi espositivi (display) e di altri ricavi e proventi non afferenti la gestione caratteristica. I ricavi sono inoltre riportati a tassi di cambio costanti. Per ricavi netti a tassi di cambio correnti si rimanda alle tabelle. 4

5 Ricavi netti per categoria di prodotto 4 Nel corso del 2014 il Gruppo ha continuato a sviluppare la propria offerta attraverso l introduzione di prodotti innovativi nell ambito delle collezioni Paper e WTR ( Writing, Travelling & Reading ) in coerenza con il posizionamento distintivo e premium del marchio Moleskine. (Migliaia di Euro) Variazione a tassi di cambio costanti Collezione Paper ,9% Collezione WTR ,8% Ricavi Netti ,4% Nell area Paper (91,6% dei ricavi netti) il Gruppo ha continuato ad innovare introducendo nuove gamme di colori e ulteriori Limited Editions. Tra queste ultime ricordiamo le edizioni dedicate a Lego e Lo Hobbit oltre a quella dedicata ai Simpson in occasione del 25esimo anniversario della famosa serie. Altri lanci sono stati la collezione Art Plus rivolta ad un pubblico di creativi ed è proseguita l introduzione di nuovi colori nell ambito della collezione Soft Cover. Infine è stato lanciato il Voyageur, un taccuino dedicato al viaggio con caratteristiche volte ad integrare la sfera analogica e digitale. Nel 2014 la collezione WTR (8,4% del totale dei ricavi netti) ha visto l introduzione di una nuova collezione di borse denominata mycloud Bag oltre ad una linea di penne e matite bianche del Gruppo. La maggiore incidenza di questa categoria sul totale dei ricavi netti è trainata dalla crescita dei canali diretti e da performance in miglioramento nel canale Wholesale. Nell ambito dell impegno a trovare soluzioni volte a facilitare la migrazione della creatività dalla carta ai supporti digitali Moleskine ha sviluppato, in collaborazione con Adobe, un taccuino dedicato alla Adobe Creative Cloud e una mobile app che permette non solo di catturare gli sketch realizzati sul taccuino ma anche di continuare a lavorare sulla propria creazione in ambito digitale con Adobe Photoshop CC e Adobe Illustrator CC. Inoltre, in collaborazione con Livescribe, Moleskine ha lanciato un taccuino da utilizzare con la smartpen Livescribe. Infine, nel corso del 2014, la collezione Evernote è stata ulteriormente ampliata attraverso il lancio di ulteriori prodotti. Nel 2014 Moleskine ha annunciato di aver siglato un accordo pluriennale di licensing nell area degli accessori per smartphone e tablets. La collaborazione porterà alla creazione di una linea completa di accessori per smartphone, tablet e pc portatili a marchio Moleskine, che verrà distribuita attraverso i canali diretti della Società e attraverso catene di elettronica, comportando così un ulteriore aumento della visibilità e awareness della marca. EBITDA L EBITDA adjusted del Gruppo si è attestato a 33,7 milioni nell esercizio 2014, pari al 34,2% dei ricavi netti rispetto ai 33,6 milioni dell esercizio 2013 corrispondenti 38,6% dei ricavi netti. Tali andamenti rispecchiano le iniziative strategiche previste nell ambito del Piano. In 5

6 particolare, la perfomance operativa è stata influenzata principalmente: i) dal cambio di modello distributivo negli Stati Uniti e in Germania nel canale Wholesale che ha comportato una diversa struttura dei margini rispetto al 2013 e ii) da una maggiore incidenza del canale Retail ancora in fase di sviluppo. Gli investimenti effettuati in questi due ambiti finalizzati da un lato al rafforzamento della piattaforma operativa nel canale Wholesale e dall altro allo sviluppo del canale Retail costituiscono una solida base per poter conseguire la crescita dell EBITDA prevista per i prossimi anni. (Migliaia di Euro) Variazione (2014 rispetto al 2013) EBITDA Reported ,1% Oneri non ricorrenti (*) EBITDA Adjusted ,4% (*) Nell esercizio 2014 sono rappresentati principalmente da oneri legati ai cambi di modello distributivo Utile Netto Il risultato netto adjusted del Gruppo si è attestato a 19,8 milioni nell esercizio 2014 (pari al 20% dei ricavi netti) rispetto ai 19,2 milioni dell esercizio 2013 (pari al 22,1% dei ricavi netti). Tale risultato è stato influenzato dai maggiori ammortamenti legati agli investimenti nei canali Retail e e-commerce in parte controbilianciati dai minori oneri finanziari legati alla riduzione dell indebitamento finanziario. (Migliaia di Euro) Variazione (2014 rispetto al 2013) Risultato Netto Reported ,7% Oneri non ricorrenti (*) Effetto fiscale (1.428) (3.112) Risultato Netto Adjusted ,9% (*) Nell esercizio 2014 sono rappresentati principalmente da oneri legati ai cambi di modello distributivo Indebitamento Finanziario Netto L indebitamento finanziario netto del Gruppo si è attestato a 4,6 milioni in sensibile riduzione rispetto ai 16,1 milioni a fine La generazione di cassa del periodo pari a 11,5 milioni ha beneficiato della significativa conversione dell EBITDA in cassa pari al 48%. Il rapporto indebitamento finanziario netto / EBITDA adjusted è risultato pari a 0,1x. 6

7 Outlook Il Gruppo ha registrato per l esercizio 2014 risultati in linea rispetto alle previsioni. In considerazione di tali risultati e degli andamenti osservabili ad oggi, la Società ritiene di poter raggiungere risultati in linea con quanto comunicato in sede di presentazione del Piano Strategico in data 10 marzo In particolare, la previsione per il 2015 è di raggiungere ricavi netti tra i 115 e i 120 milioni di Euro e un EBITDA tra i 37 e i 38 milioni di Euro. I principali driver di crescita per il 2015 saranno l incremento della visibilità della marca, l innovazione di prodotto e il continuo sviluppo di una piattaforma distributiva multicanale. La Società detiene un posizionamento distintivo, globale e premium supportato da un mercato sottostante in crescita e da trend socio demografici positivi. In linea con l esercizio 2014, i ricavi e l EBITDA si concentreranno nella seconda parte dell anno per effetto della sempre maggiore incidenza dei canali diretti. La Società prevede andamenti dei tassi di cambio favorevoli per il In particolare, Moleskine ipotizza che a fronte di un apprezzamento di circa il 10% del dollaro verso l Euro i ricavi netti beneficeranno di un aumento di circa il 4% e l utile netto di circa il 2%. Proposta di Dividendo Alla luce degli andamenti registrati nell esercizio 2014 e della conferma degli obiettivi contenuti nel Piano Strategico, il Consiglio di amministrazione proporrà alla prossima Assemblea degli Azionisti il pagamento di un dividendo pari a 0,033 per azione, corrispondente a un ammontare complessivo pari a 7 milioni di Euro e ad un pay-out del 35,4% calcolato sull utile netto consolidato adjusted e del 42,4% calcolato sull utile netto consolidato reported. Il piano di crescita della Società e il relativo profilo di generazione di cassa supportano la previsione di una politica dei dividendi che contempli il finanziamento della crescita futura e al contempo una remunerazione per gli azionisti. Il dividendo verrà messo in pagamento il 22 Aprile 2015 con stacco della cedola il 20 Aprile e record date il 21 Aprile. Nella riunione odierna la Società ha preso atto delle dimissioni del avvocato Claudia Parzani dalla carica di membro del Consiglio di Amministrazione. Claudia Parzani, ha ritenuto, nell interesse della Società, di voler favorire contributi diversi, attinenti alle linee di sviluppo futuro del business. 7

8 La Società ringrazia Claudia Parzani per la professionalità mostrata in questi anni. Moleskine e tutti i componenti del Consiglio le sono particolarmente grati per il prezioso supporto reso nella fase di start-up della Società nella sua nuova veste di quotata. Il Consiglio ha conseguentemente deliberato di nominare per cooptazione Orna Ben Naftali alla carica di consigliere in sostituzione di Claudia Parzani ai sensi dell articolo 2386 del Codice Civile. Orna Ben Naftali ha ricoperto vari ruoli manageriali occupandosi, tra le altre, di tematiche di retail, comunicazione, brand management e strategia. E entrata in Estée Lauder Group Italia nel 1979 dove ha ricoperto vari ruoli manageriali e dal 2002 al 2013 è stata Amministratore Delegato e General Manager. Per maggiori dettagli relativi al curriculum vitae di Orna Ben Naftali si rimanda alla sezione Governance del sito corporate della Società Autorizzazione all'acquisto e disposizione di azioni proprie Nella seduta odierna, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all Assemblea l ottenimento dell autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie. La proposta è finalizzata a dotare la Società di una utile opportunità strategica di investimento per ogni finalità consentita dalla normativa in materia, incluse le finalità contemplate nelle prassi di mercato ammesse dalla Consob ai sensi dell art. 180, comma 1, lett c) del TUF con delibera n del 19 marzo 2009 e nel Regolamento CE n. 22/2003 del 22 dicembre 2003, e quindi anche al servizio di piani di incentivazione su base azionaria. L autorizzazione all acquisto delle azioni proprie verrà richiesta per un periodo di diciotto mesi, a far data dalla delibera dell Assemblea ordinaria; l autorizzazione alla disposizione delle azioni proprie verrà richiesta senza limiti temporali. Si precisa che alla data odierna la Società non detiene azioni proprie in portafoglio. Tutte le informazioni riguardanti i termini e modalità dell autorizzazione saranno rese disponibili nella Relazione Illustrativa sull Acquisto di azioni proprie che verrà messa a disposizione degli Azionisti nei termini previsti dalla normativa vigente. CONFERENCE CALL CON ANALISTI E INVESTITORI La conference call per la presentazione dei risultati dell esercizio 2014 si terrà via audio webcast oggi alle ore CET. L audio webcast sarà disponibile all indirizzo: Per partecipare alla conference call, gli interessati devono comporre i seguenti numeri e codice di accesso 5-10 minuti prima dell inizio dell evento. Verranno richiesti il proprio nome e quello dell azienda di appartenenza. 8

9 Analisti & Investitori (0) Media Codice di accesso ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Progetto di Bilancio per l esercizio 2014 approvato dal Consiglio di Amministrazione sarà sottoposto alla prossima Assemblea degli Azionisti della Società che si terrà, in unica convocazione, il 15 aprile La documentazione richiesta dalla normativa vigente in relazione al Bilancio di esercizio 2014 unitamente al Bilancio Consolidato 2014 ed alla Relazione sul Governo Societario ed assetti proprietari approvati in data odierna dal Consiglio di Amministrazione sarà disponibile, nei termini di legge e di regolamento, sul sito internet nella sezione Investor Relations. Dichiarazione del dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Dott. Alessandro Strati, dichiara, ai sensi del comma 2 dell articolo 154-bis del "Testo Unico della Finanza", che l'informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili. Dichiarazioni previsionali Il presente comunicato stampa potrebbe contenere informazioni previsionali, compresi riferimenti che non sono relativi esclusivamente a dati storici o eventi attuali e pertanto, in quanto tali, incerti. Le informazioni previsionali si basano su diverse assunzioni, aspettative, proiezioni e dati previsionali relativi ad eventi futuri e sono soggette a molteplici incertezze e ad altri fattori al di fuori del controllo della Società e/o del Gruppo. Esistono numerosi fattori che possono generare risultati ed andamenti notevolmente diversi rispetto ai contenuti, impliciti o espliciti, delle informazioni previsionali e pertanto tali informazioni non sono una indicazione attendibile circa la performance futura. Moleskine non si assume alcun obbligo di aggiornare pubblicamente o rivedere le informazioni previsionali sia a seguito di nuove informazioni, sia a seguito di eventi futuri o per altre ragioni, salvo che ciò sia richiesto dalla normativa applicabile. Le informazioni e le opinioni contenute in questo comunicato stampa sono quelle disponibili alla data del presente documento e sono soggette a modifiche senza preavviso. Inoltre, il riferimento a performance passate della Società o del Gruppo non deve essere presa come un'indicazione della performance futura. 9

10 Indicatori alternativi di performance Nel presente comunicato stampa vengono presentati alcuni indicatori alternativi di performance utilizzati dal management al fine di consentire una migliore valutazione dell andamento della gestione economica e della situazione patrimoniale e finanziaria del Gruppo. Tali indicatori non sono identificati come misure contabili nell ambito degli IFRS e, pertanto, non devono essere considerati una misura alternativa per la valutazione dell andamento economico del Gruppo e della relativa posizione patrimoniale e finanziaria. Poiché la determinazione di queste misure non è regolamentata dai principi contabili di riferimento, le modalità di calcolo applicate dalla Società potrebbero non essere omogenee con quelle adottate da altri e, pertanto, questi indicatori potrebbero non essere comparabili. Pertanto, gli investitori non devono fare indebito affidamento su tali dati e informazioni. Inoltre, il presente comunicato stampa contiene alcuni indicatori finanziari, gestionali e altre misure rettificati (o adjusted ) che sono stati rettificati per riflettere eventi straordinari, operazioni non ricorrenti e le attività che non sono direttamente collegate alla gestione ordinaria del Gruppo. Tali informazioni "rettificate" sono state incluse per permettere una miglior comparazione delle informazioni finanziarie di tutti i periodi; tuttavia, va notato che tali informazioni non sono riconosciute come dati economici e finanziari nell'ambito degli IFRS e / o non costituiscono un'indicazione della performance storica della Società o del Gruppo. Pertanto, gli investitori non devono fare indebito affidamento su tali dati e informazioni. Per maggiori informazioni potete visitare il sito : Contatti Investor Relations Media Relations Olga Bologna Elisa Piacentino Moleskine nasce come marca nel 1997, riproducendo il leggendario taccuino degli artisti e intellettuali degli ultimi due secoli, da Vincent Van Gogh a Pablo Picasso, da Ernest Hemingway a Bruce Chatwin: compagno di viaggio tascabile e fidato, l'anonimo taccuino nero aveva custodito schizzi, appunti, storie e suggestioni prima che diventassero immagini famose o pagine di libri amati. Oggi, il nome Moleskine identifica una famiglia di oggetti di design: taccuini, agende, quaderni, borse, strumenti per scrivere, oggetti per leggere, dedicati alla nostra personalità mobile. Compagni indispensabili dei mestieri creativi e dell'immaginario del nostro tempo, in stretta connessione con il mondo digitale. Dal 1 gennaio 2007, Moleskine è anche il nome dell'azienda proprietaria del marchio registrato in tutto il mondo. Moleskine crea, produce e distribuisce oltre al noto taccuino e alle sue molteplici filiazioni, una serie di oggetti per la creatività del nomade contemporaneo. L'azienda nasce dall'esperienza di Modo&Modo, il piccolo editore milanese che nel 1997 ha creato il marchio Moleskine, riscoprendo e rinnovando una straordinaria tradizione. Nell'autunno 2006, Modo&Modo spa è stata acquistata da SGCapital Europe, ora Syntegra Capital, con l'obiettivo di sviluppare appieno le potenzialità della marca Moleskine. Dall aprile 2013 Moleskine è quotata alla Borsa di Milano. Moleskine è un azienda creativa in continua crescita. Conta circa 230 dipendenti e una vasta rete di partner e collaboratori. La sua sede principale è in Italia a Milano. Il Gruppo Moleskine include inoltre Moleskine America, Inc. (costituita nel 2008), Moleskine Asia, Ltd (2011), la quale controlla interamente Moleskine Shanghai, Moleskine Singapore e Moleskine Giappone, Moleskine France (2013), Moleskine Germany (2013) e Moleskine UK (2014), tutte società interamente partecipate. 10

11 CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO CONSOLIDATO (Migliaia di Euro) Ricavi Altri proventi operativi Costo per prodotti finiti, mat prime, mat (23.967) (17.876) consumo Costi per servizi (30.601) (27.989) Costo del personale (16.493) (15.646) Altri oneri operativi (1.959) (2.065) Ammortamenti e svalutazioni (3.796) (2.202) Risultato operativo Totale oneri finanziari (1.507) (3.505) Totale proventi finanziari Risultato netto ante imposte Imposte (7.585) (6.611) Risultato Netto Risultato netto per azione (euro) 0,0778 0,

12 SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA CONSOLIDATA (Migliaia di Euro) Immobili, impianti e macchinari Avviamento e marchio Altre attività immateriali Crediti non correnti Attività per imposte anticipate Totale attività non correnti Rimanenze Crediti commerciali Crediti per imposte dell'esercizio Altri crediti correnti Cassa e disponibilità liquide Totale attività correnti Attività destinate alla dismissione - - TOTALE ATTIVITA' Capitale sociale Altre riserve Risultato dell'esercizio TOTALE PATRIMONIO NETTO Passività finanziarie non correnti Imposte differite Fondi relativi al personale Fondi per rischi e oneri non correnti Altri debiti non correnti Totale passività non correnti Debiti commerciali Debiti per imposte dell'esercizio - - Passività finanziarie correnti Fondi per rischi e oneri correnti 450 Altri debiti correnti Totale passività correnti TOTALE PASSIVITA' TOTALE PASSIVITA' E PATRIMONIO NETTO

13 RENDICONTO FINANZIARIO SINTETICO CONSOLIDATO (Migliaia di Euro) Flusso di cassa derivante dall'attivtà operativa Flusso di cassa relativo all attività di investimento (5.530) (6.957) Flusso di cassa relativo all attività di finanziamento (4.853) Flusso di cassa netto del periodo (1.299) Disponibilità liquide di inizio periodo Differenze di cambio sulle disponibilità liquide 795 (159) Disponibilità liquide di fine periodo

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione TXT e-solutions Group Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 TXT e-solutions S.p.A. Sede legale, direzione e amministrazione: Via Frigia, 27 20126 Milano Capitale sociale: Euro 5.911.932 interamente

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli