REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal atto CC 45/2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01.01.2013 atto CC 45/2012"

Transcript

1 CF e PI REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal atto CC 45/2012 TITOLO I POLIZIA MORTUARIA - PRESCRIZIONI D'IGIENE SEPOLTURE E LAPIDI Art 1 Art 2 Art 3 Art 4 Art 5 Disposizioni Generali 1 Il servizio dei cimiteri comunali, per quanto concerne polizia mortuaria ed igiene, si esplica sotto la piena osservanza del vigente regolamento di polizia mortuaria approvato con DPR 285 del del Regolamento comunale d'igiene e delle prescrizioni emanate o da emanare dalla ASL competente per territorio Tipologia sepolture 1 Nei cimiteri comunali vengono effettuate sepolture per inumazioni (altrimenti dette "terraterra "), tumulazioni in muratura (sepolture distinte, loculi) e in cappelle private (sepolture privilegiate e loculi) Cappelle Gentilizie 1 Le concessioni di aree per la costruzione di cappelle private nell'interno del cimitero sono di volta in volta autorizzate dal Comune secondo le modalità previste dagli articoli 92 e 93 del DPR 285/90, secondo l ordine di presentazione delle richieste ed il Piano Cimiteriale 2 In sede di rilascio del titolo autorizzativo per la realizzazione della cappella, potrà essere prescritta la realizzazione di opere edilizie che si rendano necessarie per un corretto utilizzo dell area 3 I lavori dovranno essere iniziati entro 6 mesi dalla data di concessione dell area ed ultimati entro il termine di validità della concessione a pena di decadenza; le aree per le quali è sopravvenuta la decadenza del concessionario torneranno nella disponibilità della Amministrazione Comunale e la metà del corrispettivo versato sarà incamerato quale sanzione nelle casse comunali; in caso di opere parzialmente eseguite all atto della decadenza, le stesse sono acquisite gratuitamente dal Comune Disponibilità delle sepolture 1 Le tombe ritornano di piena disponibilità del Comune quando: a) alla scadenza della concessione vengono rimossi i resti mortali; b) prima dell'anzidetta scadenza, le salme vengono estumulate o esumate, per iniziativa del Comune o dei privati aventi titolo, per essere traslate in altra tomba del cimitero stesso o altro cimitero, ovvero in cappella gentilizia; c) nel caso non venga utilizzata al momento della morte dell assegnatario in vita ; Collocazione monumenti 1 Chi voglia collocare nel cimitero cippi, monumenti, lapidi, epigrafi ed ogni altra decorazione, la cui collocazione non sia prevista in corrispondenza di una sepoltura, deve ottenere l'autorizzazione del Comune 2 I cippi, i monumenti, le lapidi ed ogni altra decorazione dovranno essere contenuti entro i limiti dimensionali della sepoltura concessa, salvo diversa indicazione contenuta nello stesso atto di concessione 3 Il collocamento dei cippi, monumenti e lapidi è fatta a cura del concessionario, sotto il controllo dell'ufficio tecnico comunale 4 Nelle epigrafi dovrà essere inciso il nome e il cognome, la data di nascita e di morte o, in mancanza l indicazione degli anni compiuti dal defunto 5 Il rilascio dell'autorizzazione per l apposizione della semplice lapide corredata dell epigrafe di cui al precedente comma, ed entro i limiti dimensionali della sepoltura stessa, è contestuale alla concessione d uso della sepoltura 1 Tel 0575/ Fax 0575/445350

2 CF e PI TITOLO II Art 6 Art 7 Art 8 Art 9 Art 10 6 Le lapidi o le epigrafi che abbiano particolari caratteristiche dovranno essere separatamente autorizzate dal Comune 7 Il concessionario deve provvedere alla posa in opera della lapide entro 6 mesi dalla data di sepoltura Nel caso che lo stesso non ottemperi a tale obbligo nei termini indicati, il Responsabile del Servizio emetterà provvedimento a suo carico con il quale intimerà di procedere alla installazione entro 15 giorni dalla notifica In caso di inottemperanza, sarà dichiarato decaduto dalla concessione ed avrà diritto al rimborso degli oneri relativi al restante periodo di validità della concessione decurtati del 40% a titolo di indennizzo per le spese di estumulazione o esumazione della salma DELLE CONCESSIONI Durata 1 La concessione di tombe (posti distinti, loculi e loculi ossari) è temporanea; la durata è di norma quarantennale salvo che, a richiesta del concessionario, sia fissata una durata trentennale; fanno eccezione le inumazioni la cui durata è decennale Caratteristiche 1 Il trasferimento della concessione tra privati, siano le tombe occupate o meno, è vietata in quanto il pagamento dell onere di concessione dà al concessionario o alla sua famiglia ed eredi soltanto il diritto di uso per la salma a cui il posto è destinato 2 Alla morte del concessionario contraente subentrano di diritto gli aventi titolo i quali rispondono, in solido, a norma di legge, degli obblighi derivanti dalla concessione e sono tenuti, entro un anno, a dare comunicazione al Comune della loro qualità Limitazioni 1 Il concessionario o gli aventi titolo non potranno opporsi alla traslazione della salma, quando ciò sia dipendente dai lavori di ampliamento o sistemazione del cimitero, o da causa di forza maggiore; avranno però diritto a che le spoglie siano collocate in tombe di corrispondente onere di concessione, con esenzione di qualunque spesa, mantenendo valida la decorrenza della precedente concessione Inumazioni 1 Le inumazioni vengono effettuate in ordine lineare progressivo in apposite aiuole ed hanno una durata di 10 anni secondo quanto previsto dalle vigenti norme È fatto salvo il diritto del coniuge superstite, che abbia compiuto il 80 anno di età, di acquisire, in vita, l aiuola numericamente successiva 2 Nello stesso ordine vengono effettuate le inumazioni a carico dell Ente nelle apposite aree in ogni cimitero previste 3 Le inumazioni possono essere rinnovate per un periodo massimo di 20 anni dalla morte; il rinnovo della concessione può avvenire anche per la durata di un anno o multiplo di anno, fatto salvo quanto indicato all Art 15 commi 5 e 6 4 Il costo del relativo rinnovo è indicato all Art 15 Posti Distinti 1 I posti distinti possono essere concessi solo in morte per la tumulazione di salme, salvo i casi di seguito disciplinati 2 L assegnazione dei posti distinti avviene in forma progressiva rispetto alla numerazione dei lotti; nell ambito dello stesso lotto si procederà in ordine lineare progressivo, seguendo la numerazione delle file e delle singole sepolture 3 E fatto salvo il diritto del coniuge superstite, che abbia compiuto il 75 anno di età, di acquisire in vita il posto successivo ai sensi del comma precedente 4 Nel caso che il posto distinto in assegnazione non presenti il posto successivo libero ed il coniuge superstite eserciti immediatamente l opzione prevista dal presente articolo, si potrà procedere all assegnazione dei primi due posti distinti successivi disponibili Nel caso di concessione dell ultimo posto della fila può essere concesso il posto adiacente 2 Tel 0575/ Fax 0575/445350

3 CF e PI Art 11 Art 12 Art 13 Art 14 5 Le opzioni possono essere esercitate al momento dell'assegnazione ovvero fino al momento in cui il posto successivo è ancora libero o si renda libero per avvenuta estumulazione La prima tumulazione potrà avvenire indistintamente in uno dei due posti assegnati 6 I posti distinti che si rendono liberi per avvenuta estumulazione possono essere concessi in vita a richiesta del cittadino, residente nel Comune, con età superiore a 75 anni 7 La durata della concessione è quarantennale, ovvero a richiesta del concessionario, trentennale Loculi 1 I loculi possono essere concessi solo in morte per la tumulazione di salme, salvo i casi di seguito disciplinati 2 L assegnazione dei loculi avviene in forma progressiva rispetto alla numerazione dei lotti 3 Nell ambito del lotto si procederà alla assegnazione per linee verticali, dal basso verso l'alto, e da sinistra verso destra rispetto alla vista frontale del lotto 4 È fatto salvo il diritto del coniuge superstite, che abbia compiuto il 75 anno di età, di acquisire, in vita, il loculo successivo 5 Nel caso di concessione del loculo terminale della linea verticale può essere concesso il loculo adiacente 6 Nel caso che il loculo in assegnazione non presenti il loculo successivo libero ed il coniuge superstite eserciti immediatamente l opzione prevista dal presente articolo, si potrà procedere all assegnazione dei primi due loculi successivi disponibili 7 Le opzioni vanno esercitate al momento dell'assegnazione, ovvero fino al momento in cui il loculo successivo è ancora libero o si renda libero per avvenuta estumulazione La prima tumulazione potrà avvenire indistintamente in uno dei due posti assegnati 8 Nei cimiteri in cui si esaurisca la disponibilità di loculi contigui per fila verticale, sarà possibile procedere all assegnazione, al coniuge superstite che eserciti l opzione ai sensi del presente Regolamento, del loculo orizzontalmente contiguo 9 I loculi che si rendono liberi per avvenuta riesumazione, possono essere concessi in vita a richiesta del cittadino, residente nel Comune, con età superiore a 75 anni 10 La durata della concessione è quarantennale, ovvero a richiesta del concessionario, trentennale 11 L assegnazione in vita di un loculo comporta l obbligo da parte del concessionario di installare una lapide liscia di Marmo di Carrara dello spessore di 2 centimetri senza scritte od epitaffi, entro 4 mesi dalla data di assegnazione La lapide dovrà essere installata sul filo esterno della sepoltura e fissata con idonei ancoraggi Nel caso che il concessionario non ottemperi all obbligo dell installazione nei termini indicati, il Responsabile del servizio emetterà provvedimento a suo carico con il quale intimerà di procedere alla installazione entro 15 giorni dalla notifica Nel caso che il concessionario non provveda nei termini intimati sarà dichiarato decaduto dalla concessione ed avrà diritto al rimborso degli oneri già corrisposti decurtati del 25% a titolo di indennizzo Loculi ossari 1 I loculi ossari possono essere utilizzati esclusivamente per la collocazione di resti mortali o di urne cinerarie nonché per la collocazione di targhe a ricordo ai sensi dell art 26 del presente Regolamento Perfezionamento della Concessione 1 Nessuna concessione di tomba, può essere considerata perfezionata, senza il previo integrale pagamento dell onere di cui alla tariffa vigente al momento della concessione 2 Nel caso che la Concessone non sia perfezionata entro 30 giorni dalla data di occupazione della sepoltura il Comune procederà, previa notifica del provvedimento del responsabile, alla riesumazione della salma ed alla sua inumazione provvedendo ai trattamenti previsti dalle vigenti disposizioni di legge Scadenza 1 Alla scadenza della concessione le spoglie mortali, qualora gli aventi titolo non facciano richiesta di diversa collocazione, previo avviso, vengono disposte negli ossari comuni o, se 3 Tel 0575/ Fax 0575/445350

4 CF e PI Art 15 Art 16 Art 17 ne ricorre il caso (cadavere non completamente mineralizzato), inumate in apposita parte del cimitero, ovvero trattate secondo le disposizioni di Legge 2 Il concessionario o i suoi aventi titolo sono avvisati della scadenza della sepoltura mediante: - pubblicazione all Albo Pretorio e, per estratto, all ingresso del Cimitero, nel periodo 20 ottobre 10 novembre del provvedimento di accertamento della scadenza delle concessioni per l anno successivo a quello in corso; - comunicazione inviata all avente titolo così come individuato dall art 6, ovvero effettuata mediante avviso di scadenza apposto direttamente sulla lapide qualora le modalità precedenti non abbiano avuto seguito; - provvedimento di riesumazione pubblicato all Albo Pretorio e, per estratto, all ingresso del Cimitero - le procedure di accertamento della scadenza e di riesumazione dovranno essere completate secondo le vigenti disposizioni al momento di avvio delle procedure stesse Rinnovi 1 Le concessioni per le tumulazioni possono essere rinnovate alla loro scadenza, ovvero non prima di un anno dalla data di scadenza, per una durata di 10, 20 o 30 anni; il rinnovo della concessione avviene previo pagamento dell onere vigente al momento del rinnovo calcolato proporzionalmente rispetto alle tariffe della sepoltura per il periodo massimo iniziale previsto 2 Nel caso che il coniuge superstite abbia superato i 70 anni di età il rinnovo potrà essere stipulato a partire dal quinto anno antecedente la scadenza 3 La durata complessiva della concessione non potrà comunque superare i 60 anni calcolati dal momento della morte, ovvero dal momento della originaria concessione nel caso di loculi ossari 4 Per le concessioni in scadenza dal saranno possibili rinnovi per scaglioni di 10 o 20 anni; faranno eccezione i rinnovi tesi a raggiungere il limite massimo di concessione, ovvero quelli volti ad allineare la scadenza delle sepolture dei coniugi concesse in adiacenza o in successione, per i quali saranno possibili rinnovi anche per scaglioni annuali 5 I rinnovi delle concessioni per inumazioni e tumulazioni comportano un aumento pari al 5 % dell onere vigente 6 Il Comune si riserva comunque la facoltà di non rinnovare le concessioni d uso delle sepolture per le zone dei cimiteri ove siano previste opere di ristrutturazione, adeguamento o comunque di ammodernamento 7 Il Comune si riserva altresì di non rinnovare le concessioni nel caso che il cimitero abbia carenza di posti disponibili Decorrenza 1 La concessione dei loculi e posti distinti decorre dal giorno della sottoscrizione dell'atto di concessione 2 I rinnovi decorrono dal giorno successivo alla scadenza temporale della precedente concessione, indipendentemente dal momento del pagamento del corrispettivo o della sottoscrizione della concessione Disposizioni generali 1 Ai fini della applicazione del presente Titolo potrà essere equiparato al coniuge superstite anche il convivente superstite che dimostri, con idonea certificazione anagrafica, di aver costituito con il defunto una famiglia anagrafica 1, da almeno cinque anni dalla morte dello stesso 2 Ai fini della possibilità di esercitare il diritto di opzione restano comunque salvi i limiti di età previsti dai singoli articoli 3 In caso si rendano disponibili loculi, posti distinti ed ossari, prima di procedere all assegnazione a carico del lotto successivo, si procede all esaurimento di quelli eventualmente resisi disponibili, fatte salve le eccezioni previste dal presente regolamento 1 come previsto all art 4 del DPR 30 maggio 1989, n223 4 Tel 0575/ Fax 0575/445350

5 CF e PI Nei cimiteri comunali non potranno essere trasferite salme o resti mortali che siano stati collocati da oltre 10 anni in cimiteri di altri Comuni TITOLO III DEL SERVIZIO LAMPADE VOTIVE Art 18 Art 19 Art 20 Condizioni generali 1 Il servizio lampade votive è espletato dal Comune con il proprio personale o affidato a terzi 2 Ogni tomba potrà essere fornita di una sola lampada votiva che verrà mantenuta in efficienza 3 Eventuali punti di illuminazione supplementare all interno delle cappelle private, potranno essere concessi a discrezione dell' compatibilmente con le potenzialità dell'impianto Nel caso in cui la cappella privata sia fornita di più di un punto di illuminazione ogni punto supplementare subirà un sovrapprezzo del 100% rispetto alla tariffa vigente 4 La fornitura del servizio avrà la durata di anni uno e si intenderà rinnovata tacitamente di anno in anno se non disdetta un mese prima della scadenza con lettera raccomandata 5 Ogni concessione di illuminazione sarà soggetta al pagamento di una tariffa annuale Tariffe e sovrapprezzi 1 L'allacciamento viene eseguito previo versamento di un deposito cauzionale, restituibile in caso di rinuncia, ed incamerabile in caso di mancato pagamento del canone annuale 2 Il mancato pagamento del canone annuo posticipato determina la risoluzione del contratto se entro due mesi dall'avviso non verrà provveduto nei modi e forme indicate Divieti e sanzioni 1 È vietato al titolare della concessione o suoi aventi causa ad effettuare ogni lavoro, manutenzione, trasformazione all'impianto e alla lampada votiva 2 Eventuali allacciamenti abusivi, manomissioni di impianto o lavori eseguiti da personale non autorizzato dal Comune, saranno sottoposti al pagamento di una sanzione nella misura di legge o di regolamento, oltre all'interruzione immediata dell'erogazione dell'energia elettrica TITOLO IV DISPOSIZIONI GENERALI Art 21 TITOLO V 1 Per la concessione di loculi, posti distinti, posti in terra, cappelle gentilizie è dovuto dai richiedenti un contributo determinato sulla base dei costi di costruzione; per i servizi di inumazione e tumulazione è dovuto un rimborso commisurato ai costi 2 Il servizio di estumulazione ed esumazione a richiesta del cittadino è sottoposto al pagamento del contributo determinato con i criteri di cui sopra 3 L entità dei contributi dovuti saranno differenziati tra cittadini residenti e non residenti 4 Ai fini dell'attivazione del servizio sarà predisposta apposita modulistica assicurando un unico sportello per il cittadino DISCIPLINA DEI LUOGHI DI SEPOLTURA DELLE URNE CINERARIE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art 22 Art 23 Oggetto e finalità 1 Il presente titolo disciplina la sepoltura delle urne cinerarie e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione secondo quanto disposto dalla legge Tumulazione e inumazione delle urne cinerarie 1 Le urne cinerarie potranno essere collocate in loculi ossari oppure inumate qualora le caratteristiche dell urna lo consentano Si richiamano a tal fine le disposizioni contenute nel Titolo II del presente Regolamento in quanto applicabili 5 Tel 0575/ Fax 0575/445350

6 CF e PI Art 24 Art 25 Art 26 Art 27 Luoghi di dispersione delle ceneri 1 La dispersione delle ceneri è consentita nei luoghi indicati dalla vigente normativa 2 Nei cimiteri presenti sul territorio comunale l area di cui all art 80 comma 6 del DPR n 285/90 è individuata nell ambito del campo di inumazione Sanzioni Amministrative 1 La violazione delle disposizioni contenute al precedente articolo 5) comporta l'applicazione della sanzione amministrativa di cui all'articolo 7 bis, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n 267 (Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali) Senso comunitario della morte Targhe a ricordo 1 Affinché non sia perduto il senso comunitario della morte, nel caso di consegna dell'urna cineraria al soggetto affidatario ai sensi della vigente normativa e nel caso di dispersione delle ceneri, per volontà del defunto, espressa attraverso una delle modalità previste dalla stessa legge, potrà esser realizzata nel cimitero apposita targa individuale, da collocarsi in loculo ossario, che dovrà riportare i dati anagrafici del defunto La sua posa in opera sarà a carico dell affidatario dell urna e la sua permanenza è disciplinata in base alle disposizioni del presente Regolamento inerenti i loculi ossari Informazione ai cittadini 1 Il Comune di Civitella in Val di Chiana promuove e favorisce l informazione ai cittadini residenti sulle diverse pratiche funerarie, anche nel riguardo degli aspetti economici, tramite gli organi di informazione e forme di pubblicità adeguate 2 Le informazioni sono divulgate mediante il Sito del Comune di Civitella in Val di Chiana all indirizzo wwwcivichianait 6 Tel 0575/ Fax 0575/445350

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Delibera C.C. n 59 del 28/11/2008 modificato con Delibera C.C. n 45 del 11/09/2012 e modificato con Delibera C.C. n

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE 1 Disciplina generale per la concessione di aree e loculi cimiteriali C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE DISCIPLINA GENERALE PER LA CONCESSIONE DI AREE E LOCULI CIMITERIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 DURATA DELLE CONCESSIONI Art. 4 MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE Art. 5 DIRITTO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CUASSO AL MONTE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio comunale n. in data 1 TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE n. 64 REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Allegato B alla deliberazione di Giunta Comunale n. 45 del 30/06/2005 CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Domanda redatta su apposito modulo, ricevuta di versamento del canone di concessione, 3 marche da bollo Procedimenti collegati Ultimo aggiornamento

Domanda redatta su apposito modulo, ricevuta di versamento del canone di concessione, 3 marche da bollo Procedimenti collegati Ultimo aggiornamento RILASCIO CONCESSIONI CIMITERIALI Descrizione sommaria del procedimento Procedimento diretto al rilascio della concessione trentennale per i loculi ed ossari del cimitero Normativa di riferimento Regolamento

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &*

!  #!! $ % &$! ' (  ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* C.A.P. 09070 - Via Umberto I n. 16 - tel. 0783.410219 fax: 0783.411176 - P.I.: 00070490958! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* Approvato con deliberazione C.C. n in data INDICE: Art.1 OGGETTO

Dettagli

La Electra Sannio Pugliano S.r.l.

La Electra Sannio Pugliano S.r.l. File: Bando Rev. 14 Pag. 1 Comune di Montecorvino Pugliano Provincia di Salerno Società controllata da: SOCIETÀ DI PROGETTO ART. 156 DECRETO LEGISLATIVO 12 APRILE 2006, N. 163 BANDO PER L ASSEGNAZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI SAN PIETRO IN GUARANO (Prov. di COSENZA) IV SETTORE - SERVIZI CIMITERIALI Largo Municipio n 1 87047 San Pietro in Guarano (CS) Tel./Fax 0984.4725.24/44 E-mail: servizicimiteriali@comune.sanpietroinguarano.cs.it

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 28/11/2008)

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera consiliare n.19 del 10.3.92 - Modificato con delibere consiliari nn.44 del 28.6.93, 77 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO APPROVATO con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI O COLOMBARI E DI CELLE-OSSARIO NEI CIMITERI COMUNALI

COMUNE DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI O COLOMBARI E DI CELLE-OSSARIO NEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI O COLOMBARI E DI CELLE-OSSARIO NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 133 del 15.12.2005 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

NUOVE TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI

NUOVE TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI Allegato E alla DGC n del CITTÀ DI GRUGLIASCO PROVINCIA DI TORINO NUOVE TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI CONCESSIONI LOCULI 40 anni 30 anni 20 anni LOCULI NUOVI 1ª fila dal basso 3.370,00 2.737,00 2.448,00

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del COMUNE DI LIVORNO N del Repertorio CONVENZIONE ACCESSIVA alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del Cimitero Comunale La Cigna sul V.le Monumentale. L anno e questo di

Dettagli

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE COMUNE DI VALFLORIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE Approvato con deliberazione consiliare nr. 20 dd. 22.09.2005, integrato con la deliberazione consiliare nr. 3 dd. 08.02.2010 e

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI Approvato con deliberazione del C.C. n. 18 del 08.04.2014 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 DURATA DELLE CONCESSIONI

Dettagli

Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo

Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo Testo integrato con delibere del

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AFFARI GENERALI RENDE NOTO. Consiglio Comunale n. 36 del 29.12.2010;

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AFFARI GENERALI RENDE NOTO. Consiglio Comunale n. 36 del 29.12.2010; COMUNE DI PREDORE - P R O V I N C I A D I B E R G A M O - BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI UNA CAPPELLA GENTILIZIA PRESSO IL CIMITERO DI PREDORE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AFFARI GENERALI VISTO il

Dettagli

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro *********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 36 del 28/11/2014

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI. RETTE E TARIFFE Servizi Pubblici Locali affidati a Solaris s.r.l. Anno 2015 TARIFFE CONCESSIONI

SERVIZI CIMITERIALI. RETTE E TARIFFE Servizi Pubblici Locali affidati a Solaris s.r.l. Anno 2015 TARIFFE CONCESSIONI RETTE E TARIFFE Servizi Pubblici Locali affidati a Solaris s.r.l. Anno 2015 SERVIZI CIMITERIALI TARIFFE CONCESSIONI LOCULI TRENTENNALI (IVA 10% esclusa) 1 fila 1.435,45 2 fila 2.467,27 3 fila 2.180,91

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SINOPOLI PROV. DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI SINOPOLI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

Su relazione del Dirigente del 7 Settore e proposta dell Assessore ai Servizi Cimiteriali, prof. Paolo Cascavilla:

Su relazione del Dirigente del 7 Settore e proposta dell Assessore ai Servizi Cimiteriali, prof. Paolo Cascavilla: OGGETTO: Loculi della Tomba C della zona di ampliamento cimiteriale assegnati per l immediato seppellimento Stipula atti di concessione. Su relazione del Dirigente del 7 Settore e proposta dell Assessore

Dettagli

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena)

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Regolamento comunale relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Approvato con Deliberazione

Dettagli

IMPORTI TARIFFE DIRITTI CIMITERIALI CONCESSIONI

IMPORTI TARIFFE DIRITTI CIMITERIALI CONCESSIONI COMUNE SAN MARTINO BUON ALBERGO (PROVINCIA DI VERONA) UFFICIO POLIZIA CIMITERIALE IMPORTI & TARIFFE DIRITTI CIMITERIALI & CONCESSIONI ANNO 2012 APPROVATE CON DELIBERE DI G.C. NN. 99-100-101 - DEL 08.06.2012

Dettagli

Regolamento del cimitero comunale

Regolamento del cimitero comunale Comune di Mendrisio Quartiere di Rancate Regolamento del cimitero comunale I. DISPOSIZIONI GENERALI Ubicazione, definizione Art. 1 Il cimitero di Rancate, di proprietà comunale, è situato sul mappale 414

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Allegato A alla deliberazione C.C. n. 18 del 28.9.2011 Il segretario comunale De Marco dott. Roberto COMUNE DI BORGHI Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale.

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Comune di Bracciano Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Tariffe relative ai diritti sui servizi a domanda individuale e sulle operazioni da effettuare nei cimiteri comunali;

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA Comune di OZZANO MONFERRATO Via S. Maria nr. 1 Cap.15039 Ozzano Monferrato Tel. 0142/487153 Fax 0142/487038 Servizio Cimiteriale REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E

Dettagli

REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004

REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004 REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004 Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 21

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 01.08.2014 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI

Dettagli

Le operazioni di esumazione

Le operazioni di esumazione Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI 1 PERCHÉ

Dettagli

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente regolamento approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

DISCIPLINARE. Comune di Follonica

DISCIPLINARE. Comune di Follonica Comune di Follonica interno per l applicazione della Legge Regionale Toscana del 31 maggio 2004, n. 29 Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Delibera

Dettagli

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI \\cluster\settore4\p_paoli\cimitero38\garaservizicimiteriali\2011 nuova gara\determina approvazione disciplinare\elenco

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale. Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale. Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005 Comune di Follonica per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005 REGOLAMENTO SOMMARIO SOMMARIO Articolo 1 Oggetto dell attività 1 Articolo

Dettagli

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 - Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l'affidamento,

Dettagli

Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo. nata a ( ) il (c.f.: ) CHIEDE

Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo. nata a ( ) il (c.f.: ) CHIEDE Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo OGGETTO: Istanza per illuminazione votiva. Con la presente istanza il sottoscritto nata a ( ) il (c.f.: ) residente a in Via (Tel.: )

Dettagli

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina le concessioni di aree e manufatti destinati alle

Dettagli

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali integrazione al Regolamento Comunale per i servizi di Polizia Mortuaria e del Cimitero APPROVATO CON ATTO DEL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 Seppellimento in terra di una salma e di un'urna cineraria Esumazione ordinaria e straordinaria Tumulazione in loculo Tumulazione di resti o ceneri

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI

DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI 1. Condizioni L autorizzazione all affidamento personale delle

Dettagli

38 CON DELIBERAZINE CONSILIARE N. 37/08.07.2009 SONO STATE APPROVATE LE SEGUENTI MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA, APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 100 IN DATA

Dettagli

COMUNE DI SEGNI (PROV. DI ROMA)

COMUNE DI SEGNI (PROV. DI ROMA) COMUNE DI SEGNI (PROV. DI ROMA) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE CIMITERO COMUNALE DI SEGNI CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 DEL 07-10-2004 Il Comune di Segni in

Dettagli

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria Comune di Prazzo Provincia di Cuneo Regolamento comunale di polizia mortuaria Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 31/05/2012 1 Il presente Regolamento di polizia mortuaria sostituisce

Dettagli

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE IL TECNICO ESTENSORE IL SINDACO IL SEGRETARIO COMUNALE IN ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL PIANO REGOLATORE CIMITERIALE Comune di GENIVOLTA Provincia di Cremona Allegato n. : B Titolo : 1 NORME TECNICHE DI

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

Legge Regionale 28 aprile 2009, n. 14

Legge Regionale 28 aprile 2009, n. 14 Legge Regionale 28 aprile 2009, n. 14 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e dei loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione ( B.U. REGIONE BASILICATA

Dettagli

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale Proposta di legge di modifica della legge regionale 31 maggio 2004, n. 29 (Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti) Sommario Preambolo Art. 1 Sostituzione

Dettagli

Regolamento comunale in materia di cremazione

Regolamento comunale in materia di cremazione COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale in

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

Regolamento. dei. contratti. cimiteriali

Regolamento. dei. contratti. cimiteriali COMUNE DI POIRINO Provincia di Torino Regolamento dei contratti cimiteriali Allegato A) alla Deliberazione del Consiglio comunale n. 34 in data 27.11.2002. 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Tumulazioni

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A LA GIUNTA COMUNALE Vista la proposta di deliberazione avanzata dall'ufficio Servizi cimiteriali relativa al seguente oggetto: SERVIZI CIMITERIALI. MODIFICA SCHEMI SCRITTURE PRIVATE PER CONCESSIONI LOCULI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEPOLTURE PRIVILEGIATE PER I CIMITERI COMUNALE

REGOLAMENTO DELLE SEPOLTURE PRIVILEGIATE PER I CIMITERI COMUNALE REGOLAMENTO DELLE SEPOLTURE PRIVILEGIATE PER I CIMITERI COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. 563 del 16.12.1974 e successivamente modificato con deliberazioni C.C.114 DEL 30.05.1991 e C.C. 28 del

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA APPROVAZIONE Delibera Consiglio Comunale n. 70

Dettagli

9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 8 Concessione ventennale ossari/cinerari doppi

9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 8 Concessione ventennale ossari/cinerari doppi ALLEGATO A TARIFFE CONCESSIONI CIMITERIALI 2012 1 Concessione quarantennale di loculo di 1.610,00 punta. Dal corrispettivo della concessione sono escluse le operazioni di apertura loculo, l inserimento

Dettagli

TABELLA TARIFFE AREA DI SEGRETERIA E SERVIZI GENERALI ANNO 2015

TABELLA TARIFFE AREA DI SEGRETERIA E SERVIZI GENERALI ANNO 2015 TABELLA TARIFFE AREA DI SEGRETERIA E SERVIZI GENERALI ANNO 2015 TARIFFE DI CONCESSIONE AREE CIMITERIALI PER 99 ANNI 20.000 per i lotti doppi aventi dimensioni planimetriche pari a CIRCA mt. 3,70 x 4,40

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 164 IN DATA 23/12/2008 O G G E T T O APPROVAZIONE NUOVE TARIFFE DEI SERVIZI

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE LEGGI E REGOLAMENTI LEGGE REGIONALE N.20 del 9 ottobre 2006 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e di loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle

Dettagli

COMUNE DI PADOVA CONCESSIONE MANUFATTI E AREE CIMITERIALI. approvato con delibera G.C. n. 642 del 21.12.2010. Servizi Cimiteriali

COMUNE DI PADOVA CONCESSIONE MANUFATTI E AREE CIMITERIALI. approvato con delibera G.C. n. 642 del 21.12.2010. Servizi Cimiteriali COMUNE DI PADOVA Servizi Cimiteriali approvato con delibera G.C. n. 642 del 21.12.2010 Tariffe anno 2011 Manufatti ed aree cimiteriali servizi cimiteriali ed illuminazione votiva cremazioni autorizzazioni

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto U.O. 3/I Settore - Servizi Demografici e Statistici Responsabile del coordinamento Dr. Silvano Costantini COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto Regolamento relativo all affidamento, conservazione e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE ---- -- - - REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE (Appro~l(I con la dcllberft,10:1 COI1IIIi110 Comw1IIIe 1001J) 123 d~1 30 PUf\II'\ Slodaeo On.le AdrilU1a Poli-Bortone A.'~ét'I!iQre rag Ange\o Tondo J)lretto~

Dettagli

CITTA di IMPERIA. Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA

CITTA di IMPERIA. Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA CITTA di IMPERIA Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI:

TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI: Si riporta il prospetto delle nuove tariffe approvate con Delibera di Giunta n 2010/G/00012 del 4 febbraio 2010 e Delibera di Consiglio 2010/C/00011 del 4 aprile 2010.: TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI: Contributo

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO Regolamento Comunale Lampade votive APPROVATO CON ATTO DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 28 DEL 20.07.2015 Pagina n. 1 di 5 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * *

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * Approvato con deliberazione di C.C. n. 35 del 30.11.2004 COMUNE DI PIATEDA Prov. di Sondrio REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * APPROVATO

Dettagli

CONSORZIO CIMITERIALE tra i Comuni di CASORIA ARZANO - CASAVATORE (Provincia di Napoli)

CONSORZIO CIMITERIALE tra i Comuni di CASORIA ARZANO - CASAVATORE (Provincia di Napoli) Bando pubblico per l assegnazione di loculi cimiteriali presso il cimitero consortile dei Comune di Arzano, Casavatore, Casoria. Deliberazione N. 14 del 16/09/2014 - Allegato A L Amministrazione dell Ente

Dettagli

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza.

Dettagli

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona Determinazione del 16.04.2014 N Generale: 81 N Settoriale: 24 AREA AMMINISTRATIVA UFFICIO OGGETTO: APPALTO LAVORI CIMITERIALI. AFFIDAMENTO DIRETTO

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 27/03/2007 Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE, AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE, AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE DELLE CENERI PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE, AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 28.11.2008) 1 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO CIMITERIALE

REGOLAMENTO CIMITERIALE COMUNE DI LAVARONE Provincia di Trento REGOLAMENTO CIMITERIALE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 36 di data 31.08.2007. Modificato con deliberazione consiliare n. 23 dd. 18.09.2013

Dettagli