BdS Arcobaleno. Parte I - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BdS Arcobaleno. Parte I - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione"

Transcript

1 Prospetto Informativo relativo all offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema BdS Arcobaleno. BdS Arcobaleno Opportunità BdS Arcobaleno Equilibrio BdS Arcobaleno Energia BdS Arcobaleno Crescita BdS Arcobaleno Etico BdS Arcobaleno Parte I - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione La presente Parte I, depositata in Consob in data 27 febbraio 2009, è valida a decorrere dal 28 febbraio 2009 La partecipazione al Fondo comune di investimento è disciplinata dal Regolamento di Gestione del Fondo.

2

3 A) Informazioni generali 1. La Società di Gestione del Risparmio e il Gruppo di appartenenza Pioneer Investment Management SGRpA, appartenente al Gruppo Bancario UniCredit - iscritto con il numero all Albo dei Gruppi Bancari tenuto dalla Banca d Italia - con sede legale in Galleria San Carlo 6, Milano, recapito telefonico , numero verde , sito web indirizzo è la Società di Gestione del Risparmio (di seguito SGR ), cui è affidata la gestione del patrimonio dei Fondi e l amministrazione dei rapporti con i Partecipanti. Per ulteriori informazioni si rinvia alla Parte III del Prospetto Informativo. 2. La Banca Depositaria Société Générale Securities Services S.p.A. (SGSS S.p.A.), con sede legale in Via Santa Chiara 19, Torino è la Banca Depositaria dei Fondi. Le funzioni di Banca Depositaria sono espletate presso la Direzione Generale sita in - Via Benigno Crespi 19/A (MAC2), Milano. 3. La Società di Revisione KPMG S.p.A con sede legale in Via Vittor Pisani 25, Milano è la società di revisione della SGR e dei Fondi. 4. Rischi generali connessi alla partecipazione al Fondo La partecipazione ad un Fondo comporta dei rischi connessi alle possibili variazioni del valore delle quote, che a loro volta risentono delle oscillazioni del valore degli strumenti finanziari in cui vengono investite le risorse del Fondo. In particolare, per apprezzare il rischio derivante dall investimento del patrimonio del Fondo in strumenti finanziari occorre considerare i seguenti elementi: a) rischio connesso alla variazione del prezzo: il prezzo di ciascun strumento finanziario dipende dalle caratteristiche peculiari della società emittente, dall andamento dei mercati di riferimento e dei settori d investimento, e può variare in modo più o meno accentuato a seconda della sua natura. In linea generale, la variazione del prezzo delle azioni è connessa alle prospettive reddituali delle società emittenti e può essere tale da comportare la riduzione o addirittura la perdita del capitale investito, mentre il valore delle obbligazioni è influenzato dall andamento dei tassi di interesse di mercato e dalle valutazioni della capacità del soggetto emittente di far fronte al pagamento degli interessi dovuti e al rimborso del capitale di debito a scadenza; b) rischio connesso alla liquidità: la liquidità degli strumenti finanziari, ossia la loro attitudine a trasformarsi prontamente in moneta senza perdita di valore, dipende dalle caratteristiche del mercato in cui gli stessi sono trattati. In generale i titoli trattati su mercati regolamentati sono più liquidi e, quindi, meno rischiosi, in quanto più facilmente smobilizzabili dei titoli non trattati su detti mercati. L assenza di una quotazione ufficiale rende inoltre complesso l apprezzamento del valore effettivo del titolo, la cui determinazione può essere rimessa a valutazioni discrezionali; c) rischio connesso alla valuta di denominazione: per l investimento in strumenti finanziari denominati in una valuta diversa da quella in cui è denominato il Fondo, occorre tenere presente la variabilità del rapporto di cambio tra la valuta di riferimento del Fondo e la valuta estera in cui sono denominati gli investimenti. d) rischio connesso all investimento in OICR: l investimento in parti di OICR comporta rischi connessi alle possibili variazioni delle quote dei Fondi in portafoglio, che a loro volta risentono delle oscillazioni del valore degli strumenti finanziari in cui vengono investite le relative risorse. Al riguardo occorre distinguere i rischi connessi all investimento in: - parti di OICR specializzati in titoli di capitale (come ad es. azioni). In generale l investimento in OICR specializzati in titoli di capitale è più rischioso di quello in OICR specializzati in titoli di debito. Infatti il rischio del detentore di titoli di capitale dipende dal fatto che acquistando tali titoli si diventa soci della società emittente e si partecipa pertanto al rischio economico della stessa: se ne godono gli utili quando la società produce reddito e si sopportano le conseguenze negative (riduzione o addirittura perdita del capitale) quando la società è in difficoltà; - parti di OICR specializzati in titoli di debito (come ad es. i titoli di stato, le obbligazioni). Fermo restando il rischio connesso alla variazione del prezzo dei titoli, i detentori di titoli di debito, invece, divenendo finanziatori della società o degli enti che hanno emesso tali titoli (con diritto a percepire gli interessi e, alla scadenza, il capitale prestato) rischiano di non essere remunerati solo nel caso di dissesto finanziario della società o ente emittente. e) altri fattori di rischio: le operazioni sui mercati emergenti potrebbero esporre l investitore a rischi aggiuntivi connessi al fatto che tali mercati potrebbero essere regolati in modo da offrire ridotti livelli di garanzia e protezione agli investitori. Sono poi da considerarsi i rischi connessi alla situazione politico-finanziaria del paese di appartenenza degli enti emittenti. L andamento del valore delle quote del fondo può variare in relazione alla tipologia e ai settori dell investimento, nonché ai relativi mercati di riferimento. L esame della politica di investimento propria di ciascun Fondo consente l individuazione specifica dei rischi connessi alla partecipazione al Fondo stesso. La presenza di tali rischi può determinare la possibilità di non ottenere, al momento del rimborso, la restituzione del capitale. 5. Situazioni di conflitto di interessi Le situazioni in conflitto d interesse sono illustrate nella Parte III (paragrafo 10) del Prospetto Informativo. BdS Arcobaleno - Parte I 1 di 11

4 B) Informazioni sull investimento 6. Tipologie, finalità, obiettivi, politica d investimento e rischi specifici dei Fondi BdS Arcobaleno Opportunità Categoria Assogestioni Fondo bilanciato obbligazionario denominato in Euro. ISIN Portatore: IT Nominativo: IT Finalità del Fondo Graduale accrescimento del valore del capitale investito. Orizzonte temporale dell investitore Medio/lungo periodo (3/7 anni). Grado di rischio del Fondo Medio. Principali tipologie degli strumenti finanziari e valuta di denominazione Investimento prevalente in parti di OICR specializzati in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e monetaria denominati in euro. Investimento contenuto in parti di OICR specializzati in strumenti finanziari di natura azionaria principalmente denominati in dollari statunitensi, yen, euro, sterline inglesi. Aree geografiche e mercati di riferimento Per gli OICR di natura obbligazionaria: investimento principale nei paesi europei. Per gli OICR di natura azionaria: investimento principale nelle aree Nord America, Europa e Pacifico. Categoria di emittenti e/o settori industriali È escluso l investimento in OICR promossi o gestiti dalla SGR o da altre SGR del Gruppo. Per l investimento in OICR di natura obbligazionaria sono tendenzialmente selezionati OICR che investono principalmente in obbligazioni emesse da emittenti sovrani od organismi internazionali. Specifici fattori di rischio Principalmente strumenti con rating non inferiore all investment grade ed in misura residuale inferiore. Investimento residuale in OICR specializzati su titoli corporate. Duration media ponderata della componente obbligazionaria tendenzialmente compresa tra 2 e 7 anni. È escluso l investimento in OICR speculativi. Investimento residuale nei Paesi Emergenti. Operazioni in strumenti finanziari derivati L utilizzo di strumenti derivati è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità d investimento purché l esposizione massima in tali strumenti non superi il patrimonio netto del fondo. Il fondo si avvale di una leva finanziaria tendenzialmente pari a 1,5. L esposizione complessiva a strumenti di natura azionaria, inclusi derivati ed OICR specializzati, non può essere superiore al 50% del patrimonio del Fondo, mentre l esposizione complessiva a strumenti di natura obbligazionaria e monetaria, inclusi derivati ed OICR specializzati, non può essere superiore al 100% del patrimonio del Fondo. Pertanto, nel caso di raggiungimento dell esposizione massima al mercato azionario, l impatto della variazione dei prezzi di mercato sul valore della quota risulterà amplificato del 20%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. Stile gestionale Criteri di selezione degli strumenti finanziari La SGR seleziona gli OICR oggetto dell attività di investimento sulla base di analisi di tipo qualitativo e quantitativo al fine di identificare i fondi comuni e le SICAV le cui caratteristiche e la cui composizione del portafoglio, risultante dalle previsioni regolamentari o dallo statuto, siano compatibili con la politica di investimento del Fondo acquirente. In particolare, il processo decisionale adottato per tutti i fondi al fine della selezione degli OICR da acquisire, può essere sintetizzato come segue. La selezione delle società di gestione avviene sulla base della diffusione internazionale dell attività delle società, sulla massa gestita globale, sul grado di diversificazione degli OICR gestiti, sui rating assegnati da società indipendenti, sulle performance storiche. La selezione dei singoli OICR si basa sull analisi delle performance storiche e dell evoluzione dello stile di gestione al fine di identificare le eventuali variazioni intervenute nel tempo, determinando le conseguenze sul profilo di rischio/rendimento dell OICR. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi sia macro che microeconomiche. Le analisi macroeconomiche sono intese a valutare l andamento delle principali variabili economiche a livello internazionale, ad interpretare gli interventi di politica economica e monetaria e ad individuare le migliori opportunità di investimento sulle diverse classi di attività finanziarie. Le valutazioni di tipo microeconomico si riferiscono in prevalenza alla possibilità di inserire in portafoglio strumenti di emittenti di tipo societario e sono principalmente rappresentate dalle attività di analisi di bilancio e di credito finalizzate ad individuare le migliori opportunità di investimento all interno delle classi di attività di interesse per il Fondo. Relazione con il benchmark Lo stile di gestione del Fondo è di tipo attivo con possibili significativi scostamenti della composizione del Fondo rispetto all indice di riferimento individuato al punto 7 Parte I del presente Prospetto Informativo, attraverso l investimento in strumenti di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse. Tecniche di gestione dei rischi Per l illustrazione delle tecniche utilizzate si rinvia alla Parte III del presente Prospetto Informativo. BdS Arcobaleno Equilibrio Categoria Assogestioni Fondo bilanciato bilanciato denominato in Euro. ISIN Portatore: IT Nominativo: IT Finalità del Fondo Incremento del valore del capitale investito. Orizzonte temporale dell investitore Medio/lungo periodo (3/7 anni). Grado di rischio del Fondo Medio-alto. Principali tipologie degli strumenti finanziari e valuta di denominazione Investimento tendenzialmente ripartito per il 50% in parti di OICR specializzati in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e monetaria e per il 50% in parti di OICR specializzati in strumenti finanziari di natura azionaria 2 di 11 BdS Arcobaleno - Parte I

5 principalmente denominati in dollari statunitensi, yen, euro, sterline inglesi. Aree geografiche e mercati di riferimento Per gli OICR di natura obbligazionaria: investimento principale nei paesi europei. Per gli OICR di natura azionaria: investimento principale nelle aree Nord America, Europa e Pacifico. Categoria di emittenti e/o settori industriali È escluso l investimento in OICR promossi o gestiti dalla SGR o da altre SGR del Gruppo. Per l investimento in OICR di natura obbligazionaria sono tendenzialmente selezionati OICR che investono principalmente in obbligazioni emesse da emittenti sovrani od organismi internazionali. Specifici fattori di rischio Per la componente obbligazionaria: principalmente strumenti con rating non inferiore all investment grade ed in misura residuale inferiore. Investimento residuale in OICR specializzati su titoli corporate. Duration media ponderata della componente obbligazionaria tendenzialmente compresa tra 3 e 8 anni. È escluso l investimento in OICR speculativi. Investimento residuale nei Paesi Emergenti. Operazioni in strumenti finanziari derivati L utilizzo di strumenti derivati è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità d investimento purché l esposizione massima in tali strumenti non superi il patrimonio netto del fondo. Il fondo si avvale di una leva finanziaria tendenzialmente pari a 1,5. L esposizione complessiva a strumenti di natura azionaria, inclusi derivati ed OICR specializzati, non può essere superiore al 70% del patrimonio del Fondo, mentre l esposizione complessiva a strumenti di natura obbligazionaria e monetaria, inclusi derivati ed OICR specializzati, non può essere superiore al 80% del patrimonio del Fondo. Pertanto, nel caso di raggiungimento dell esposizione massima al mercato azionario, l impatto della variazione dei prezzi di mercato sul valore della quota risulterà amplificato del 20%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. Stile gestionale Criteri di selezione degli strumenti finanziari La SGR seleziona gli OICR oggetto dell attività di investimento sulla base di analisi di tipo qualitativo e quantitativo al fine di identificare i fondi comuni e le SICAV le cui caratteristiche e la cui composizione del portafoglio, risultante dalle previsioni regolamentari o dallo statuto, siano compatibili con la politica di investimento del Fondo acquirente. In particolare, il processo decisionale adottato per tutti i fondi al fine della selezione degli OICR da acquisire, può essere sintetizzato come segue. La selezione delle società di gestione avviene sulla base della diffusione internazionale dell attività delle società, sulla massa gestita globale, sul grado di diversificazione degli OICR gestiti, sui rating assegnati da società indipendenti, sulle performance storiche. La selezione dei singoli OICR si basa sull analisi delle performance storiche e dell evoluzione dello stile di gestione al fine di identificare le eventuali variazioni intervenute nel tempo, determinando le conseguenze sul profilo di rischio/rendimento dell OICR. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi sia macro che microeconomiche. Le analisi macroeconomiche sono intese a valutare l andamento delle principali variabili economiche a livello internazionale, ad interpretare gli interventi di politica economica e monetaria e ad individuare le migliori opportunità di investimento sulle diverse classi di attività finanziarie. Le valutazioni di tipo microeconomico si riferiscono in prevalenza alla possibilità di inserire in portafoglio strumenti di emittenti di tipo societario e sono principalmente rappresentate dalle attività di analisi di bilancio e di credito finalizzate ad individuare le migliori opportunità di investimento all interno delle classi di attività di interesse per il Fondo. Relazione con il benchmark Lo stile di gestione del Fondo è di tipo attivo con possibili significativi scostamenti della composizione del Fondo rispetto all indice di riferimento individuato al punto 7 Parte I del presente Prospetto Informativo, attraverso l investimento in strumenti di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse. Tecniche di gestione dei rischi Per l illustrazione delle tecniche utilizzate si rinvia alla Parte III del presente Prospetto Informativo. BdS Arcobaleno Energia Categoria Assogestioni Fondo bilanciato azionario denominato in Euro. ISIN Portatore: IT Nominativo: IT Finalità del Fondo Incremento del valore del capitale investito. Orizzonte temporale dell investitore Lungo periodo (5/10 anni). Grado di rischio del Fondo Alto. Principali tipologie degli strumenti finanziari e valuta di denominazione Investimento prevalente in parti di OICR specializzati in strumenti finanziari di natura azionaria principalmente denominati in dollari statunitensi, yen, euro, sterline inglesi. Investimento contenuto in parti di OICR specializzati in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e monetaria denominati in euro. Aree geografiche e mercati di riferimento Per gli OICR di natura obbligazionaria: investimento principale nei paesi europei. Per gli OICR di natura azionaria: investimento principale nelle aree Nord America, Europa e Pacifico. Categoria di emittenti e/o settori industriali È escluso l investimento in OICR promossi o gestiti dalla SGR o da altre SGR del Gruppo. Per l investimento in OICR di natura obbligazionaria sono tendenzialmente selezionati OICR che investono principalmente in obbligazioni emesse da emittenti sovrani od organismi internazionali. Specifici fattori di rischio Per la componente obbligazionaria: principalmente strumenti con rating non inferiore all investment grade ed in misura residuale inferiore. Investimento residuale in OICR specializzati su titoli corporate. Duration media ponderata della componente obbligazionaria tendenzialmente compresa tra 3 e 8 anni. BdS Arcobaleno - Parte I 3 di 11

6 È escluso l investimento in OICR speculativi. Investimento residuale nei Paesi Emergenti. Operazioni in strumenti finanziari derivati L utilizzo di strumenti derivati è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità d investimento purché l esposizione massima in tali strumenti non superi il patrimonio netto del fondo. Il fondo si avvale di una leva finanziaria tendenzialmente pari a 1,7. L esposizione complessiva a strumenti di natura azionaria, inclusi derivati ed OICR specializzati, non può essere superiore al 100% del patrimonio del Fondo, mentre l esposizione complessiva a strumenti di natura obbligazionaria e monetaria, inclusi derivati ed OICR specializzati, non può essere superiore al 50% del patrimonio del Fondo. Pertanto, nel caso di raggiungimento dell esposizione massima al mercato azionario, l impatto della variazione dei prezzi di mercato sul valore della quota risulterà amplificato del 30%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. Stile gestionale Criteri di selezione degli strumenti finanziari La SGR seleziona gli OICR oggetto dell attività di investimento sulla base di analisi di tipo qualitativo e quantitativo al fine di identificare i fondi comuni e le SICAV le cui caratteristiche e la cui composizione del portafoglio, risultante dalle previsioni regolamentari o dallo statuto, siano compatibili con la politica di investimento del Fondo acquirente. In particolare, il processo decisionale adottato per tutti i fondi al fine della selezione degli OICR da acquisire, può essere sintetizzato come segue. La selezione delle società di gestione avviene sulla base della diffusione internazionale dell attività delle società, sulla massa gestita globale, sul grado di diversificazione degli OICR gestiti, sui rating assegnati da società indipendenti, sulle performance storiche. La selezione dei singoli OICR si basa sull analisi delle performance storiche e dell evoluzione dello stile di gestione al fine di identificare le eventuali variazioni intervenute nel tempo, determinando le conseguenze sul profilo di rischio/rendimento dell OICR. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi sia macro che microeconomiche. Le analisi macroeconomiche sono intese a valutare l andamento delle principali variabili economiche a livello internazionale, ad interpretare gli interventi di politica economica e monetaria e ad individuare le migliori opportunità di investimento sulle diverse classi di attività finanziarie. Le valutazioni di tipo microeconomico si riferiscono in prevalenza alla possibilità di inserire in portafoglio strumenti di emittenti di tipo societario e sono principalmente rappresentate dalle attività di analisi di bilancio e di credito finalizzate ad individuare le migliori opportunità di investimento all interno delle classi di attività di interesse per il Fondo. Relazione con il benchmark Lo stile di gestione del Fondo è di tipo attivo con possibili significativi scostamenti della composizione del Fondo rispetto all indice di riferimento individuato al punto 7 Parte I del presente Prospetto Informativo, attraverso l investimento in strumenti di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse. Tecniche di gestione dei rischi Per l illustrazione delle tecniche utilizzate si rinvia alla Parte III del presente Prospetto Informativo. BdS Arcobaleno Crescita Categoria Assogestioni Fondo azionario internazionale denominato in Euro. ISIN Portatore: IT Nominativo: IT Finalità del Fondo Incremento del valore del capitale investito. Orizzonte temporale dell investitore Lungo periodo (5/10 anni). Grado di rischio del Fondo Alto. Principali tipologie degli strumenti finanziari e valuta di denominazione Investimento principale in parti di OICR specializzati in strumenti finanziari di natura azionaria principalmente denominati in dollari statunitensi, yen, euro, sterline inglesi. Aree geografiche e mercati di riferimento Investimento principale nelle aree Nord America, Europa e Pacifico. Categoria di emittenti e/o settori industriali È escluso l investimento in OICR promossi o gestiti dalla SGR o da altre SGR del Gruppo. Specifici fattori di rischio È escluso l investimento in OICR speculativi. Investimento residuale nei Paesi Emergenti. Operazioni in strumenti finanziari derivati L utilizzo di strumenti derivati è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità d investimento purché l esposizione massima in tali strumenti non superi il patrimonio netto del fondo. Il fondo si avvale di una leva finanziaria tendenzialmente pari a 1,7. L esposizione complessiva a strumenti di natura azionaria, inclusi derivati ed OICR specializzati, non può essere superiore al 130% del patrimonio del Fondo. Pertanto, nel caso di raggiungimento dell esposizione massima al mercato azionario, l impatto della variazione dei prezzi di mercato sul valore della quota risulterà amplificato del 30%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. Stile gestionale Criteri di selezione degli strumenti finanziari La SGR seleziona gli OICR oggetto dell attività di investimento sulla base di analisi di tipo qualitativo e quantitativo al fine di identificare i fondi comuni e le SICAV le cui caratteristiche e la cui composizione del portafoglio, risultante dalle previsioni regolamentari o dallo statuto, siano compatibili con la politica di investimento del Fondo acquirente. In particolare, il processo decisionale adottato per tutti i fondi al fine della selezione degli OICR da acquisire, può essere sintetizzato come segue. La selezione delle società di gestione avviene sulla base della diffusione internazionale dell attività delle società, sulla massa gestita globale, sul grado di diversificazione degli OICR gestiti, sui rating assegnati da società indipendenti, sulle performance storiche. La selezione dei singoli OICR si basa sull analisi delle performance storiche e dell evoluzione dello stile di gestione al fine di identificare le eventuali variazioni intervenute nel tempo, determinando le conseguenze sul profilo di 4 di 11 BdS Arcobaleno - Parte I

7 rischio/rendimento dell OICR. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi sia macro che microeconomiche. Le analisi macroeconomiche sono intese a valutare l andamento delle principali variabili economiche a livello internazionale, ad interpretare gli interventi di politica economica e monetaria e ad individuare le migliori opportunità di investimento sulle diverse classi di attività finanziarie. Le valutazioni di tipo microeconomico si riferiscono in prevalenza alla possibilità di inserire in portafoglio strumenti di emittenti di tipo societario e sono principalmente rappresentate dalle attività di analisi di bilancio e di credito finalizzate ad individuare le migliori opportunità di investimento all interno delle classi di attività di interesse per il Fondo. Relazione con il benchmark Lo stile di gestione del Fondo è di tipo attivo con possibili significativi scostamenti della composizione del Fondo rispetto all indice di riferimento individuato al punto 7 Parte I del presente Prospetto Informativo, attraverso l investimento in strumenti di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse. Tecniche di gestione dei rischi Per l illustrazione delle tecniche utilizzate si rinvia alla Parte III del presente Prospetto Informativo. BdS Arcobaleno Etico Categoria Assogestioni Fondo bilanciato obbligazionario denominato in Euro. ISIN Portatore: IT Nominativo: IT Finalità del Fondo Graduale accrescimento del valore del capitale investito. Orizzonte temporale dell investitore Medio/lungo periodo (3/7 anni). Grado di rischio del Fondo Medio. Principali tipologie degli strumenti finanziari e valuta di denominazione Investimento prevalente in parti di OICR specializzati in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e monetaria denominati in euro. Investimento significativo in parti di OICR specializzati in strumenti finanziari di natura azionaria principalmente denominati in dollari statunitensi, yen, euro, sterline inglesi. Aree geografiche e mercati di riferimento Per gli OICR di natura obbligazionaria: investimento principale nei paesi europei. Per gli OICR di natura azionaria: investimento principale nelle aree Nord America, Europa e Pacifico. Categoria di emittenti e/o settori industriali Per la parte obbligazionaria: tendenzialmente in OICR che investono principalmente in obbligazioni emesse da emittenti sovrani od organismi internazionali. Per la parte azionaria: in OICR che investono in titoli azionari di emittenti che abbiano manifestato particolare attenzione al rispetto dell uomo e dell ambiente o che svolgono attività che possano contribuire ad un miglioramento della qualità della vita, escludendo emittenti non considerati socialmente responsabili, il tutto in coerenza con la definizione del concetto di eticità adottato da Assogestioni. Al fine di assicurare il perseguimento di tali obiettivi di eticità, nella selezione degli strumenti finanziari, il gestore si avvale del servizio di una società di consulenza indipendente e specializzata nella valutazione di eticità degli strumenti finanziari (attraverso una base dati di strumenti ritenuti etici). Specifici fattori di rischio Per la componente obbligazionaria: principalmente strumenti con rating non inferiore all investment grade ed in misura residuale inferiore. Investimento residuale in OICR specializzati su titoli corporate. Duration media ponderata della componente obbligazionaria tendenzialmente compresa tra 3 e 8 anni. È escluso l investimento in OICR speculativi. Investimento residuale nei Paesi Emergenti. Operazioni in strumenti finanziari derivati L utilizzo di strumenti derivati è finalizzato: alla copertura dei rischi; ad una più efficiente gestione del portafoglio; a finalità d investimento purché l esposizione massima in tali strumenti non superi il patrimonio netto del fondo. Il fondo si avvale di una leva finanziaria tendenzialmente pari a 1,5. L esposizione complessiva a strumenti di natura azionaria, inclusi derivati ed OICR specializzati, non può essere superiore al 60% del patrimonio del Fondo, mentre l esposizione complessiva a strumenti di natura obbligazionaria e monetaria, inclusi derivati ed OICR specializzati, non può essere superiore al 90% del patrimonio del Fondo. Pertanto, nel caso di raggiungimento dell esposizione massima al mercato azionario, l impatto della variazione dei prezzi di mercato sul valore della quota risulterà amplificato del 10%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. Stile gestionale Criteri di selezione degli strumenti finanziari La SGR seleziona gli OICR oggetto dell attività di investimento sulla base di analisi di tipo qualitativo e quantitativo al fine di identificare i fondi comuni e le SICAV le cui caratteristiche e la cui composizione del portafoglio, risultante dalle previsioni regolamentari o dallo statuto, siano compatibili con la politica di investimento del Fondo acquirente. In particolare, il processo decisionale adottato per tutti i fondi al fine della selezione degli OICR da acquisire, può essere sintetizzato come segue. La selezione delle società di gestione avviene sulla base della diffusione internazionale dell attività delle società, sulla massa gestita globale, sul grado di diversificazione degli OICR gestiti, sui rating assegnati da società indipendenti, sulle performance storiche. La selezione dei singoli OICR si basa sull analisi delle performance storiche e dell evoluzione dello stile di gestione al fine di identificare le eventuali variazioni intervenute nel tempo, determinando le conseguenze sul profilo di rischio/rendimento dell OICR. Gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi sia macro che microeconomiche. Le analisi macroeconomiche sono intese a valutare l andamento delle principali variabili economiche a livello internazionale, ad interpretare gli interventi di politica economica e monetaria e ad individuare le migliori opportunità di investimento sulle diverse classi di attività finanziarie. Le valutazioni di tipo microeconomico si riferiscono in prevalenza alla possibilità di inserire in portafoglio strumenti di emittenti di tipo societario e sono principalmente rappresentate dalle attività di analisi di bilancio e di credito finalizzate ad individuare le migliori opportunità di investimento all interno delle classi di attività BdS Arcobaleno - Parte I 5 di 11

8 di interesse per il Fondo. Relazione con il benchmark Lo stile di gestione del Fondo è di tipo attivo con possibili significativi scostamenti della composizione del Fondo rispetto all indice di riferimento individuato al punto 7 Parte I del presente Prospetto Informativo, attraverso l investimento in strumenti di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse. Tecniche di gestione dei rischi Per l illustrazione delle tecniche utilizzate si rinvia alla Parte III del presente Prospetto Informativo. Tutti i Fondi sono ad accumulazione dei proventi. Pertanto, i proventi che derivano dalla gestione di ciascun Fondo sono reinvestiti nello stesso. Legenda Capitalizzazione: prodotto tra il valore di mercato degli strumenti finanziari e il numero degli stessi in circolazione. Mercati regolamentati: per mercati regolamentati si intendono quelli iscritti dalla Consob nell elenco previsto dall art. 63, comma 2, ovvero nell apposita sezione prevista dall art. 67, comma 1, del D. Lgs. n. 58/98. Oltre a questi sono da considerarsi mercati regolamentati anche quelli indicati nella lista approvata dal Consiglio Direttivo della Assogestioni pubblicata sul sito internet Rilevanza degli investimenti: in linea generale, il termine principale qualifica gli investimenti superiori in controvalore al 70% del totale dell attivo del Fondo; il termine prevalente investimenti compresi tra il 50% ed il 70%; il termine significativo investimenti compresi tra il 30% ed il 50%; il termine contenuto tra il 10% ed il 30%; il termine residuale inferiore al 10%. I suddetti termini di rilevanza sono da intendersi come indicativi delle strategie gestionali del Fondo, posti i limiti definiti nel relativo regolamento. Total Return: è una misura della performance che tiene conto dell effetto del reinvestimento dei dividendi. Turnover di portafoglio: è il rapporto percentuale tra la somma degli acquisti e delle vendite di strumenti finanziari, al netto delle sottoscrizioni e rimborsi delle quote del Fondo, e il patrimonio netto medio su base giornaliera del Fondo. Esso è un indicatore ancorché approssimativo dell incidenza dei costi di transazione sui Fondi Volatilità: è l indicatore della rischiosità di mercato di un dato investimento. Quanto più uno strumento finanziario è volatile, tanto maggiore è l aspettativa di guadagni elevati, ma anche il rischio di perdite. I benchmark prescelti per valutare il rischio di ciascun Fondo sono i seguenti: Fondo Benchmark* Peso degli indici di riferimento all interno dell indice di confronto BdS Arcobaleno J.P. Morgan Cash Euro 12 mesi (1) 20% Opportunità J.P. Morgan Emu Bond (2) 50% MSCI World TR Net (3) 30% BdS Arcobaleno J.P.Morgan Emu Bond (2) 50% Equilibrio MSCI World TR Net (3) 50% BdS Arcobaleno J.P. Morgan Emu Bond (2) 30% Energia MSCI World TR Net (3) 70% BdS Arcobaleno MSCI World TR Net (3) 100% Crescita BdS Arcobaleno J.P. Morgan Cash Euro 12 mesi (1) 20% Etico J.P. Morgan Emu Bond (2) 40% Ethical Index Global TR (4) 40% (*) Per un corretto raffronto tra il rendimento del Fondo e il rendimento del benchmark, quest ultimo viene calcolato al netto degli oneri fiscali gravanti sul Fondo. Per i benchmark composti da più indici, i pesi di ciascun indice sono mantenuti costanti tramite ribilanciamento su base giornaliera. (1) L indice J.P. Morgan Cash Euro 12 mesi è rappresentativo del mercato monetario euro ed è calcolato da J.P. Morgan capitalizzando giornalmente il tasso sugli eurodepositi con durata costante pari a 12 mesi. (2) L indice J.P. Morgan Emu Bond è rappresentativo dei mercati obbligazionari dell Unione Monetaria Europea ed è composto da strumenti finanziari di natura obbligazionaria, emessi dagli stati membri dell UME, con vita residua superiore a 12 mesi. (3) L indice MSCI World TR Net è rappresentativo dei principali mercati azionari mondiali per dimensione ed è composto dai titoli azionari selezionati da MSCI in base a criteri di capitalizzazione e liquidità. (4) L indice Ethical Index Global TR è rappresentativo dei titoli azionari quotati sulle principali borse mondiali che rispondono a criteri di socially responsible investing. Le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del Rendiconto annuale. 7. Parametro di riferimento (c.d. benchmark) L investimento in un Fondo può essere valutato attraverso il confronto con il benchmark, valore costituito dalla media ponderata degli indici di riferimento elaborati da soggetti terzi che sintetizzano l andamento dei mercati in cui è investito il Fondo ed espressi in Euro. 6 di 11 BdS Arcobaleno - Parte I

9 C) Informazioni economiche (costi, agevolazioni, regime fiscale) 8. Oneri a carico del sottoscrittore e del Fondo Occorre distinguere gli oneri direttamente a carico del sottoscrittore da quelli che incidono indirettamente sul sottoscrittore in quanto addebitati automaticamente al Fondo. 8.1 Oneri direttamente a carico del sottoscrittore Gli oneri direttamente a carico del sottoscrittore dei Fondi oggetto della presente offerta sono costituiti da commissioni di sottoscrizione e da diritti fissi come di seguito indicato: Commissioni di sottoscrizione - Piani di Accumulo Per le sottoscrizioni su tutti i Fondi del Sistema BdS Arcobaleno effettuate mediante adesione ad un Piano di accumulo è prevista una commissione di sottoscrizione su ciascun versamento periodico pari al 2% dell importo lordo versato. La quota parte delle commissioni di sottoscrizione percepita in media dai callocatori è pari al 100%. Altri oneri La SGR ha comunque il diritto di prelevare dall importo di pertinenza del sottoscrittore: Diritti fissi Importo Quota parte in Euro percepita in media dai collocatori Versamenti in unica soluzione: 5,00 50,00% Piani di accumulo: - versamento iniziale 5,00 50,00% - versamenti successivi 0,50 50,00% Operazioni di passaggio tra Fondi 2,50 50,00% Rimborso 7,50* 50,00% Emissione e spedizione di Certificati 25,00 0,00% * ad esclusione di quelli rivenienti dagli automatismi previsti per i Rimborsi Programmati. Spese Importo Quota parte in Euro percepita in media dai collocatori Spese postali relative Importi effettivamente 0,00% a conferme sostenuti di investimento e disinvestimento Eventuali ulteriori spese Importi effettivamente 0,00% anche non connesse con sostenuti le fasi di entrata e/o uscita dal Fondo Imposte e tasse dovute Importi effettivamente 0,00% ai sensi di legge sostenuti I Soggetti incaricati del collocamento non possono porre a carico dei clienti oneri aggiuntivi rispetto a quelli indicati nel presente Regolamento. 8.2 Oneri a carico dei singoli Fondi Oneri di gestione Rappresentano il compenso per la SGR che gestisce il Fondo e si suddividono in provvigione di gestione e provvigione di incentivo. La Provvigione di gestione è calcolata quotidianamente sulla base del valore complessivo netto del Fondo e prelevata mensilmente dalle disponibilità dello stesso il primo giorno lavorativo del mese successivo, fissata nella misura che segue: Fondo BdS Arcobaleno Opportunità BdS Arcobaleno Equilibrio BdS Arcobaleno Energia BdS Arcobaleno Crescita BdS Arcobaleno Etico Provvigione di gestione 1,35% su base annua 1,50% su base annua 1,75% su base annua 1,90% su base annua 1,50% su base annua La quota parte delle provvigioni di gestione percepita in media dai collocatori è pari al 76,02%. Periodicamente, e comunque almeno con cadenza annuale, la SGR devolve a soggetti che perseguono iniziative benefiche o a favore di singoli casi individuali di eccezionale e comprovata gravità, il 20% della provvigione di gestione percepita sul Fondo BdS Arcobaleno Etico. Misura massima delle commissioni di gestione applicabili dagli OICR sottostanti: Fondo commissione BdS Arcobaleno Opportunità 1,75% BdS Arcobaleno Equilibrio 2,04% BdS Arcobaleno Energia 2,04% BdS Arcobaleno Crescita 2,04% BdS Arcobaleno Etico 2,00% Tale misura massima viene applicata alla sola parte del portafoglio del Fondo investita in OICR aventi la massima provvigione di gestione su indicata. La provvigione di incentivo viene applicata qualora l incremento percentuale del valore della quota nel corso dell ultimo anno solare risulti superiore alla variazione percentuale - decurtata dell aliquota d imposta sostitutiva vigente sul risultato di gestione - fatta registrare nello stesso periodo dagli indici di confronto riportati al paragrafo 7 e la variazione del valore della quota sia positiva, e tale rimanga, anche dopo il prelievo dell eventuale provvigione. La provvigione di incentivo viene calcolata sul minor ammontare tra il valore complessivo netto del Fondo nel giorno di calcolo e il valore complessivo netto medio del Fondo nel periodo cui si riferisce la performance e prelevata dalle disponibilità dello stesso il primo giorno lavorativo dell anno successivo a quello di riferimento. Nell intervallo di tempo tra un prelievo e il successivo, le performance positive sono compensate con quelle negative e le provvigioni di incentivo sono imputate al Fondo in occasione di ogni calcolo del valore della quota, che avviene con la periodicità indicata all art.15, Parte I del presente Prospetto Informativo. La provvigione d incentivo è pari al 10% della differenza positiva fra la variazione percentuale del valore della quota e la variazione percentuale (decurtata dell aliquota d imposta sostitutiva vigente sul risultato di gestione) dell indice di confronto precedentemente descritto, con un massimo dell 1,2% all anno e comunque non superiore alla variazione percentuale positiva del valore della quota. La quota parte delle provvigioni di incentivo percepita in media dai collocatori è pari al 0,00%. BdS Arcobaleno - Parte I 7 di 11

10 Esemplificazione di calcolo delle provvigioni di incentivo dal 30/12/2003 al 30/12/2004 Rendimento annuo Rendimento annuo Differenza Valore complessivo Valore complessivo Fondo (%) benchmerk netto rendimenti (%) netto del Fondo netto medio annuo tassazione (%) al 30/12/04 del Fondo Es n. 1-0,50-1,00 + 0, Es n. 2-0,50 + 0,50-1, Es n ,50 + 0,70-0, Es n ,50-0,20 + 0, Es n , , Es n ,50 + 0,50 + 1, Es n ,00 + 0, , Condizioni per Aliquota Aliquota Patrimonio Provvigione Limite Limite Ammontare applicazione prelievo (%) massima a base d incentivo massimo massimo prelevato provvigioni prelievo (%) del calcolo annuale prelievo da prelievo che di incentivo regolamento non rende la quota negativa Es n. 1 no Es n. 2 no Es n. 3 no Es n. 4 si 0,07 1, , Es n. 5 si 0,07 1, , ,86 Es n. 6 si 0,10 1, Es n. 7 si 1,35 1, Esempio n. 1 e 2 Non si applicano le provvigioni d incentivo in quanto il rendimento annuo del Fondo è negativo. Esempio n. 3 Non si applicano le provvigioni d incentivo in quanto il rendimento annuo del Fondo è inferiore al rendimento annuo del benchmark. Esempio n. 4 Il rendimento del Fondo è pari allo 0,50%, quello del benchmark è pari a -0,20%, per una differenza di rendimento dello 0,70%. Dato che il rendimento del Fondo e l overperformance sono entrambi positivi, si procede al calcolo della provvigione d incentivo. L aliquota di prelievo risulta essere pari al 10% dell overperformance stessa, quindi: 0,70 per 10% = 0,07%. Il patrimonio di calcolo, Euro , risulta pari al minore tra il valore complessivo netto del Fondo nel giorno di calcolo e il valore complessivo netto medio del Fondo calcolato da inizio anno solare. Moltiplicando l aliquota di prelievo (pari a 0,07% in quanto inferiore rispetto all aliquota massima di 1,20%) per il patrimonio di calcolo si ottiene l importo della provvigione d incentivo, quindi: Euro per 0,07% = Essendo la variazione del benchmark negativa è necessario determinare un ulteriore limite massimo di prelievo rispetto a quello previsto dal Regolamento del Fondo, corrispondente al valore oltre il quale l applicazione delle provvigioni di performance renderebbe la variazione della quota negativa. Tale importo (al netto ritenuta) è dato dalla variazione positiva della quota nel periodo di riferimento (Euro 9,95 per 0,5%=0,050), moltiplicata per il numero delle quote in circolazione al 30/12/04, n Considerata la ritenuta fiscale pari al 12,50% sul risultato di gestione, il limite risulta di Euro ,57. Esempio calcolo importo massimo di prelievo che consente di non rendere la variazione della quota negativa Numero quote in Valore quote Variazione positiva Valore quote Importo massimo Importo massimo circolazione al 30/12/03 della quota (in Euro) al 30/12/04 provvigioni d incentivo prelievo provvigioni al 30/12/04 (in Euro) nel periodo di riferimento (in Euro) (al netto ritenuta) d incentivo ,950 0,050 10, , ,57 L ammontare annuo prelevato dal Fondo, Euro , risulta uguale al minore tra l importo della provvigione d incentivo (Euro ) e il limite massimo di prelievo pari al minor valore tra l importo massimo previsto dal regolamento (Euro ,00 pari al 1,2% del patrimonio) e l importo massimo che consente di non rendere negativa la variazione della quota (Euro ,57). Esempio n. 5 Il rendimento del Fondo è pari allo 0,05%, quello del benchmark è pari a -0,65%, per una differenza di rendimento dello 0,70%. Dato che il rendimento del Fondo e l overperformance sono entrambi positivi, si procede al calcolo della provvigione d incentivo. L aliquota di prelievo risulta essere pari al 10% dell overperformance stessa, quindi: 0,70 per 10% = 0,07%. Il patrimonio di calcolo, Euro , risulta pari al minore tra il valore complessivo netto del Fondo nel giorno di calcolo e il valore complessivo netto medio del Fondo calcolato da inizio anno solare. Moltiplicando l aliquota di prelievo (pari a 0,07% in quanto inferiore rispetto all aliquota massima di 1,2%) per il patrimonio di calcolo si ottiene l importo della provvigione d incentivo, quindi: Euro per 0,07% = Essendo la variazione del benchmark negativa è necessario determinare un ulteriore limite massimo di prelievo rispetto a quello previsto dal Regolamento del Fondo, corrispondente al 8 di 11 BdS Arcobaleno - Parte I

11 valore oltre il quale l applicazione delle provvigioni di performance renderebbe la variazione della quota negativa. Tale importo (al netto ritenuta) è dato dalla variazione positiva della quota nel periodo di riferimento (Euro 9,995 per 0,05%= 0,005 Euro), moltiplicata per il numero delle quote in circolazione al 30/12/04, n Considerata la ritenuta fiscale pari al 12,50% sul risultato di gestione, il limite risulta di Euro ,86. Esempio calcolo importo massimo di prelievo che consente di non rendere la variazione della quota negativa Numero quote Valore quote Variazione positiva Valore quote Importo massimo Importo massimo in circolazione al 30/12/03 della quota (in Euro) al 30/12/04 provvigioni d incentivo prelievo provvigioni al 30/12/04 (in Euro) nel periodo di riferimento (in Euro) (al netto ritenuta) d incentivo ,995 0,005 10, , ,86 L ammontare annuo prelevato dal Fondo, Euro ,86, risulta uguale al minore tra l importo della provvigione d incentivo (Euro ) e il limite massimo di prelievo pari al minor valore tra l importo massimo previsto dal regolamento (Euro ,00 pari al 1,2% del patrimonio) e l importo massimo che consente di non rendere negativa la variazione della quota (Euro ,86). Esempio n. 6 Il rendimento del Fondo è pari a 1,50%, quello del benchmark è pari a 0,50%, per una differenza di rendimento dell 1,00%. Dato che il rendimento del Fondo e l overperformance sono entrambi positivi, si procede al calcolo della provvigione d incentivo. L aliquota di prelievo risulta essere pari al 10% dell overperformance stessa, quindi: 1,00 per 10% = 0,10%. Il patrimonio di calcolo, Euro , risulta pari al minore tra il valore complessivo netto del Fondo nel giorno di calcolo e il valore complessivo netto medio del Fondo calcolato da inizio anno solare. Moltiplicando l aliquota di prelievo (pari a 0,10% in quanto inferiore rispetto all aliquota massima di 1,20%) per il patrimonio di calcolo si ottiene l importo della provvigione d incentivo, quindi: Euro per 0,10% = Esempio n. 7 Il rendimento del Fondo è pari al 14,00%, quello del benchmark è pari a 0,50%, per una differenza di rendimento del 13,50%. Dato che il rendimento del Fondo e l overperformance sono entrambi positivi, si procede al calcolo della provvigione d incentivo. L aliquota di prelievo risulta essere pari al 10% dell overperformance stessa, quindi: 13,50 per 10% = 1,35% (aliquota superiore a quella massima di prelievo). Il patrimonio di calcolo, Euro , risulta pari al minore tra il valore complessivo netto del Fondo nel giorno di calcolo e il valore complessivo netto medio del Fondo calcolato da inizio anno solare. Moltiplicando l aliquota massima di prelievo pari a 1,20% per il patrimonio di calcolo si ottiene l importo della provvigione d incentivo, quindi: Euro per 1,20% = Altri oneri a carico del Fondo Fermi restando gli oneri di gestione indicati al punto 8.2.1, sono a carico del Fondo i seguenti ulteriori oneri: il compenso riconosciuto alla Banca Depositaria per l incarico svolto, nella misura massima pari a 0,12% annuo del patrimonio netto del Fondo; i costi connessi con l acquisizione e la dismissione delle attività del Fondo (es. oneri di intermediazione inerenti alla compravendita degli strumenti finanziari). Le commissioni di negoziazione non sono quantificabili a priori in quanto variabili; le spese di pubblicazione del valore unitario delle quote e dei prospetti periodici del Fondo, i costi della stampa dei documenti destinati al pubblico e quelli derivanti dagli obblighi di comunicazione alla generalità dei partecipanti, purché tali oneri non attengano a propaganda e a pubblicità o comunque al collocamento delle quote; le spese degli avvisi relativi alle modifiche regolamentari richieste da mutamenti della legge e delle disposizioni dell Organo di Vigilanza; le spese per la revisione della contabilità e dei Rendiconti dei Fondi, ivi compreso quello finale di liquidazione; gli oneri finanziari per i debiti assunti dal Fondo e le spese connesse; le spese legali e giudiziarie sostenute nell esclusivo interesse dei Fondi; gli oneri fiscali di pertinenza dei Fondi; il contributo di vigilanza dovuto alla Consob, nonché alle Autorità estere competenti, per lo svolgimento dell attività di controllo e di vigilanza. Tra tali spese non sono in ogni caso comprese quelle relative alle procedure di commercializzazione dei Fondi nei Paesi diversi dall Italia. Qualsiasi beneficio commissionale riconosciuto alla SGR dagli OICR acquisiti verrà integralmente ristornato ai fondi. Le spese e i costi annuali effettivi sostenuti dal Fondo nell ultimo triennio sono indicati nella Parte II del Prospetto Informativo. 9. Agevolazioni finanziarie per la pertecipazione ai Fondi Fermo restando l applicazione delle facilitazioni commissionali descritte al paragrafo 8, i soggetti incaricati del collocamento, a loro discrezione, possono ridurre fino al 100% gli oneri posti direttamente a carico del sottoscrittore. È facolta della SGR retrocedere fino al 100% delle provvigioni di gestione in favore di investitori professionali privati - di cui all Allegato n. 3 della Delibera Consob n / nonché a quelli professionali pubblici - come individuati dal Regolamento emanato dal Ministero dell Economia e delle Finanze ai sensi dell art. 6, comma 2 sexies del Testo Unico della Finanza. È facoltà della SGR ridurre fino al 100% i diritti fissi previsti per le operazioni di sottoscrizione, rimborso e switch effettuate dai seguenti operatori qualificati: intermediari autorizzati, SGR, SICAV, Fondi pensione, compagnie di assicurazione. 10. Servizi e/o prodotti aggiuntivi abbinati alla sottoscrizione dei Fondi Non sono previsti servizi o prodotti abbinati alla sottoscrizione dei Fondi. BdS Arcobaleno - Parte I 9 di 11

12 11. Regime fiscale Il risultato della gestione maturato in ciascun anno solare è soggetto a un imposta del 12,50%. L imposta viene prelevata dal Fondo e versata dalla SGR. Ulteriori informazioni circa il regime fiscale vigente, sia con riguardo alle partecipazioni al Fondo sia con riguardo al trattamento fiscale delle quote di partecipazione al Fondo in caso di donazione e sucessione, sono disponibili nella Parte III del Prospetto Informativo. D) Informazioni sulle modalità di sottoscrizione/rimborso 12. Modalità di sottoscrizione delle quote Una volta individuato il Fondo o i Fondi in cui si vuole investire, bisogna prendere contatto con la SGR o con i soggetti incaricati del collocamento. L acquisto delle quote avviene esclusivamente mediante la sottoscrizione dell apposito modulo e il versamento del relativo importo. I mezzi di pagamento utilizzabili e la valuta riconosciuta agli stessi dalla Banca Depositaria sono indicati nel modulo di sottoscrizione. La sottoscrizione delle quote può avvenire con le seguenti modalità: versando subito per intero il controvalore delle quote che si è deciso di acquistare (versamento in unica soluzione o PIC), oppure ripartendo nel tempo l investimento attraverso la sottoscrizione di un piano di accumulo (PAC). La modalità PIC prevede un versamento minimo pari a 500 Euro per la prima sottoscrizione e 50 Euro per le successive sottoscrizioni. Versamenti di importo inferiore potranno essere accettati solo su posizioni intestate a clienti investitori istituzionali nell ambito di gestioni individuali di portafogli o effettuati utilizzando somme rivenienti dal contestuale rimborso di quote degli altri Fondi gestiti dalla SGR. La modalità PAC prevede versamenti mensili, trimestrali, semestrali o annuali di uguale importo ripartiti lungo un arco temporale la cui durata, a scelta del sottoscrittore, può essere definita da un minimo di 5 anni ad un massimo di 20 anni. L importo unitario di ciascun versamento deve essere almeno pari a 50 Euro mensili, 150 Euro trimestrali, 350 Euro semestrali, 750 Euro annuali, al lordo degli oneri di sottoscrizione. Il sottoscrittore può effettuare in qualsiasi momento - nell ambito del Piano - versamenti anticipati. La SGR impegna contrattualmente i soggetti collocatori a trasmetterle i moduli ed i relativi mezzi di pagamento entro e non oltre il giorno lavorativo successivo a quello in cui gli stessi sono loro pervenuti. Il numero delle quote di partecipazione e frazioni millesimali arrotondate per difetto di esse da attribuire ad ogni partecipante si determina dividendo l importo del versamento, al netto degli oneri e dei rimborsi spese, per il valore unitario della quota relativo al giorno di riferimento. Il giorno di riferimento è il giorno in cui la SGR ha ricevuto notizia certa della sottoscrizione o, se successivo, il giorno di decorrenza dei giorni di valuta riconosciuti al mezzo di pagamento indicati nel modulo di sottoscrizione. Convenzionalmente si considera ricevuta in giornata la domanda di sottoscrizione pervenuta entro le ore 11,30. Se la sottoscrizione viene effettuata fuori sede, si applica una sospensiva di sette giorni per un eventuale ripensamento da parte dell investitore. In tal caso, l esecuzione della sottoscrizione e il regolamento dei corrispettivi avverranno una volta trascorso il periodo di sospensiva di sette giorni. Entro tale termine l investitore può comunicare il proprio recesso senza spese né corrispettivo alla SGR o ai soggetti incaricati del collocamento. Detta facoltà di recesso non si applica alle sottoscrizioni effettuate presso la sede legale o le dipendenze dell emittente, del proponente l investimento o del soggetto incaricato della promozione e del collocamento, nonché ai versamenti successivi ed alle operazioni di passaggio tra Fondi (c.d. switch) di cui al successivo paragrafo 14. Per la descrizione delle modalità di sottoscrizione delle quote si rinvia al regolamento di gestione dei Fondi. A fronte di ogni versamento la SGR, entro il giorno lavorativo successivo alla data di regolamento dei corrispettivi, invia al sottoscrittore una lettera di conferma dell avvenuto investimento, il contenuto della quale è specificato nella Parte III del Prospetto Informativo. In caso di sottoscrizione attuata tramite adesione ad un PAC la lettera di conferma è inviata all atto del primo versamento e, successivamente, con cadenza trimestrale solo nei trimestri in cui sono effettuati i versamenti. Nel caso di sottoscrizioni effettuate presso Soggetti collocatori collegati per via informatica con la SGR, il giorno di ricezione è il giorno successivo a quello di presentazione della richiesta al collocatore. Negli altri casi convenzionalmente si considera ricevuta in giornata la domanda di sottoscrizione pervenuta alla SGR entro le ore 11, Modalità di rimborso delle quote È possibile richiedere il rimborso parziale o totale delle quote detenute in qualsiasi giorno lavorativo. Per la descrizione delle modalità di richiesta, dei termini di valorizzazione e di effettazione del rimborso si rinvia all art. 4.4 del Regolamento di Gestione. Il rimborso delle quote può avvenire anche tramite piani programmati di disinvestimento secondo le modalità indicate al paragrafo 4.5 del Regolamento di Gestione. A fronte di ogni richiesta di rimborso, la SGR invia all avente diritto, entro il giorno lavorativo successivo alla data di regolamento, una lettera di conferma dell avvenuto rimborso, il contenuto della quale è specificato nella Parte III del Prospetto Informativo. A fronte di ogni operazione di rimborso viene applicato il diritto fisso previsto al paragrafo Modalità di effettuazione delle operazioni successive alla prima sottoscrizione Il partecipante ad uno dei Fondi illustrati nel Presente Prospetto e disciplinati nel medesimo Regolamento di Gestione può effettuare versamenti successivi ed operazioni di passaggio tra Fondi di cui al presente prospetto. 10 di 11 BdS Arcobaleno - Parte I

13 Tale facoltà vale anche nei confronti di Fondi successivamente inseriti nel Prospetto, purché sia stata inviata al partecipante adeguata e tempestiva informativa sugli stessi tratta dal Prospetto Informativo aggiornato. A tali operazioni non si applica la sospensiva di sette giorni prevista per un eventuale ripensamento da parte dell investitore. Viceversa nel caso in cui il reinvestimento delle somme avvenga a favore di un Fondo non illustrato nel presente Prospetto e non disciplinato nel medesimo Regolamento di gestione, si applica l art. 30, comma 6, del TUF. Per la descrizione delle modalità e dei termini di esecuzione di tali operazioni si rinvia al Regolamento di Gestione. A fronte di ogni operazione viene applicato il diritto fisso previsto al paragrafo 8.1. E) Informazioni aggiuntive 15. Valorizzazione dell investimento Il valore unitario delle quote è pubblicato giornalmente sul quotidiano Il Sole 24 Ore, con indicazione della relativa data di riferimento. Il valore unitario della quota può essere altresì rilevato sul sito Internet della SGR indicato nel paragrafo 1 della sezione A) Informazioni Generali di cui alla presente Parte I del Prospetto Informativo. Per ulteriori informazioni si rinvia all Art. 5, Parte C) del Regolamento Unico di Gestione. d) documenti di illustrazione dei servizi/prodotti abbinati alla sottoscrizione dei Fondi. La sopra citata documentazione dovrà essere richiesta per iscritto a Pioneer Investment Management SGRpA Galleria San Carlo Milano che ne curerà gratuitamente l inoltro a stretto giro di posta all indirizzo indicato dal richiedente. La documentazione indicata ai paragrafi 16 e 17, potrà essere inviata, ove richiesto dall investitore, anche in formato elettronico mediante tecniche di comunicazione a distanza. I documenti contabili dei fondi sono altresì disponibili presso la sede della Società di Gestione, la Sede Legale e la Direzione Generale della Banca Depositaria, la sede e succursali di UniCredit Banca S.p.A., UniCredit Private Banking S.p.A., UniCredit Corporate Banking S.p.A., UniCredit Banca di Roma S.p.A. e Banco di Sicilia S.p.A.. Le Parti I, II e III del Prospetto Informativo, il Regolamento di gestione ed i documenti contabili dei fondi sono altresì pubblicati sul sito Internet della SGR Dichiarazione di responsabilità La SGR si assume la responsabilità della veridicità e completezza dei dati e delle notizie contenuti nel presente Prospetto Informativo semplificato. 16. Informativa ai partecipanti La SGR invia annualmente ai partecipanti le informazioni relative ai dati storici di rischio/rendimento dei Fondi, al Total Expense ratio e al Turnover di portafoglio riportate nella Parte II del Prospetto Informativo e invia tempestivamente ai partecipanti informativa inerente le modifiche essenziali intervenute con riguardo ai Fondi, redatta secondo criteri volti ad assicurare un agevole comparazione delle informazioni modificate con quelle preesistenti, nonché le caratteristiche dei nuovi Fondi istituiti ed inseriti successivamente nel presente prospetto informativo, precedentemente consegnato. Con periodicità semestrale (30 giugno - 31 dicembre), su richiesta del partecipante che non abbia ritirato i certificati, la SGR invia, nei 15 giorni successivi, al domicilio dello stesso, un prospetto riassuntivo indicante il numero delle quote e il loro valore all inizio ed al termine del periodo di riferimento, nonché le sottoscrizioni e/o gli eventuali rimborsi effettuati nel medesimo periodo. 17. Ulteriore documentazione disponibile su richiesta dell investitore L investitore può richiedere alla SGR l invio anche a domicilio dei seguenti ulteriori documenti: a) Parte III del prospetto Informativo - Altre informazioni sull investimento; b) Regolamento di gestione dei Fondi; c) ultimi documenti contabili redatti (rendiconto annuale e relazione semestrale, se successiva) di tutti i Fondi offerti con il presente prospetto; BdS Arcobaleno - Parte I 11 di 11

14

15

16

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Valore adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Valore adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Valore adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato,

Dettagli

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE B.P.Vi FONDI SGR S.p.A. Gruppo Bancario Banca Popolare di Vicenza S.c.p.a. PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

A) Scheda identificativa

A) Scheda identificativa Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 01 marzo 2009 Il presente

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. . A)

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. . A)

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR

Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 85/611/CE gestiti da Anima SGR ANIMA LIQUIDITA Fondo Liquidità Area Euro FONDO LIQUIDITA

Dettagli

UniCredit Soluzione Fondi

UniCredit Soluzione Fondi UniCredit Soluzione Fondi Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema UniCredit Soluzione Fondi Valido a decorrere dal 1 marzo 2012.

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Aureo Flex Italia Aureo Flex Euro Aureo Azioni Globale Aureo Obbligazioni Globale

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema UniCredit Soluzione Fondi Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

BdS Arcobaleno. Valido a decorrere dal 15 novembre 2008.

BdS Arcobaleno. Valido a decorrere dal 15 novembre 2008. BdS Arcobaleno Regolamento dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti specializzati nell investimento in parti di OICR appartenenti al Sistema BdS Arcobaleno Valido a decorrere dal 15 novembre 2008.

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo Finanza Etica versamento in unica soluzione Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da

Dettagli

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI Società di Gestione del Risparmio appartenente al Gruppo Banca Popolare Etica Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Raiffplanet Aggressiva a premio unico (Mod. V70SSISRA137-0415) Pagina 1

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE dei Fondi Comuni d Investimento Mobiliare Aperti Armonizzati, denominati BancoPosta Obbligazionario Euro Breve Termine BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Aureo Flex Italia Aureo Flex Euro Aureo Azioni Globale Aureo Obbligazioni Globale

Dettagli

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Flessibile adesione a piani di accumulo

Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Flessibile adesione a piani di accumulo Prospetto Semplificato relativo all offerta di quote del fondo Aureo PrimaClasse Flessibile adesione a piani di accumulo Informazioni specifiche La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato,

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Combinazione Libera 80RP/20RA a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Combinazione Libera 80RP/20RA a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Combinazione Libera 80RP/20RA a premio unico (Mod. V70SSISCL137-0415) Pagina

Dettagli

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A.

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return SISTEMA TOTAL RETURN COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca

Dettagli

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente.

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente. 3. INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE AVIVA VITA - PRO FUTURO PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE Data di efficacia della presente Sezione: 1 aprile 2013 INFORMAZIONI

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Regolamento di Gestione semplificato

Regolamento di Gestione semplificato Regolamento di Gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati di Allianz Global Investors Italia SGR S.p.A. Allianz Liquidità Allianz Monetario Allianz Reddito Euro

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Parte I del Prospetto Completo - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione

Pioneer Fondi Italia. Parte I del Prospetto Completo - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione Pioneer Fondi Italia Parte I del Prospetto Completo - Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione La Parte I del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare

Dettagli

Anima Tricolore Sistema Open

Anima Tricolore Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

FULL OPTION ED. 2009

FULL OPTION ED. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION ED. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Euroquota Aggressiva a premio periodico limitato (Mod. VM2SSISEA138-0414

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2007) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM DATA VALIDITA : dal 28/02/2013 Art. 1 Gli aspetti generali del Fondo interno La Compagnia costituisce e gestisce, secondo le modalità del presente Regolamento,

Dettagli

FONDI FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Strategie. Eurizon Capital SGR S.p.A.

FONDI FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Strategie. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Strategie FONDI DI FONDI COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS 1. ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI INTERNI Eurovita Assicurazioni S.p.A. ha istituito, secondo le modalità previste

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro Anima Riserva Globale

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) : Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

Arca Formula II EuroStoxx 2015

Arca Formula II EuroStoxx 2015 Arca Formula II EuroStoxx 2015 PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

Comunicazione ai Partecipanti. ai Fondi comuni di investimento mobiliari aperti appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia

Comunicazione ai Partecipanti. ai Fondi comuni di investimento mobiliari aperti appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Comunicazione ai Partecipanti ai Fondi comuni di investimento mobiliari aperti appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Ai sensi del titolo V Capitolo V - Sezione II Paragrafo 3 del Provvedimento del

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

Modifiche regolamentari: comunicazione ai partecipanti

Modifiche regolamentari: comunicazione ai partecipanti Modifiche regolamentari: comunicazione ai partecipanti 3 Comunicazione Teodorico Monetario Febbraio 2008 Allegato n 4 Teodorico Monetario 3 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI

Dettagli

FULL OPTION Ed. 2009

FULL OPTION Ed. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION Ed. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Option Trend a premio unico (Mod. VM2SSISOT137-0414 ed. 04/2014)

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AI FONDI COMUNI RIENTRANTI NEL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI IN MERITO A

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AI FONDI COMUNI RIENTRANTI NEL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI IN MERITO A spazio riservato all indirizzo inserito con etichetta Milano, 20 settembre 2007 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AI FONDI COMUNI RIENTRANTI NEL SISTEMA FONDI APERTI GESTNORD FONDI Gentile Cliente, IN MERITO

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2013) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Life Insurance

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Euro. Aggiornamento dei dati periodici al 30/12/2011 I.P.

Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Euro. Aggiornamento dei dati periodici al 30/12/2011 I.P. Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Aggiornamento dei dati periodici al 30/12/2011 I.P. Indice Guida alla lettura... 1 Pioneer Fondi Italia Obbligazionari Pioneer Governativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Art. 1 - Denominazione del Fondo Interno La Società gestisce, con le modalità stabilite dal presente Regolamento, un portafoglio di valori

Dettagli

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Sistema PRIMA Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Fondi Linea Mercati OICVM: Anima Fix Euro Anima Fix Obbligazionario

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIPLAN prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL7RPL)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIPLAN prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL7RPL) Società del gruppo ALLIANZ S.p.A. Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIPLAN prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL7RPL) La presente documentazione si compone delle

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE GESTITI DA AZIMUT SGR SPA

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE GESTITI DA AZIMUT SGR SPA REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE GESTITI DA AZIMUT SGR SPA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 1 gennaio 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Parte II del Prospetto Informativo Illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento, costi e turnover di portafoglio

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema BCC

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema BCC Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema BCC BCC Monetario BCC Risparmio Obbligazionario BCC Crescita Bilanciato BCC Investimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI Art. 1 Costituzione e denominazione dei Fondi Interni. La Compagnia istituisce 2 Fondi Mobiliari Interni denominati: Cattolica Previdenza Bilanciato; Cattolica Previdenza

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dall 8 Ottobre 2004 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

Sara Multistrategy PIP

Sara Multistrategy PIP Società del Gruppo Sara Sara Multistrategy PIP Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5072 (art. 13 del decreto legislativo

Dettagli

Anima Russell Multi-Asset Sistema Open

Anima Russell Multi-Asset Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

COMUN FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Valore Aggiunto, al Sistema Etico ed al Sistema Profili & Soluzioni

COMUN FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Valore Aggiunto, al Sistema Etico ed al Sistema Profili & Soluzioni Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Valore Aggiunto, al Sistema Etico ed al Sistema Profili & Soluzioni FONDI COMUN INVEST MOBIL COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE

Dettagli

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento :

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento : Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento : LINEA RENDIMENTO ASSOLUTO Eurizon Rendimento Assoluto 2 anni Eurizon

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE SEMPLIFICATO

REGOLAMENTO DI GESTIONE SEMPLIFICATO REGOLAMENTO DI GESTIONE SEMPLIFICATO dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati di ALLIANZ Global Investors Italia SGR S.p.A. ALLIANZ LIQUIDITÀ ALLIANZ OBBLIGAZIONARIO FLESSIBILE ALLIANZ

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di POPOLARE VITA VALORE NEW prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (T542.10708)

Offerta pubblica di sottoscrizione di POPOLARE VITA VALORE NEW prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (T542.10708) Il presente prodotto è distribuito da: Banca Popolare di Novara S.p.A. Banca Popolare di Lodi S.p.A. Banca Popolare di Mantova S.p.A. Credito Bergamasco S.p.A. Banca Popolare di Verona S. Geminiano e S.

Dettagli

Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Euro

Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Euro Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Aggiornamento dei dati periodici al 28/12/2012 II Indice Guida alla lettura.................................... 2 Pioneer Fondi Italia

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE REGOLAMENTO UNICO di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Mercati : Eurizon Obbligazioni Italia Breve Termine Eurizon

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR Validità 2 gennaio 2015 Elenco fondi del presente regolamento: Symphonia

Dettagli

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto.

Il Prospetto d offerta è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. EURIZON CAPITAL SGR S.p.A. Società appartenente al Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore-contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

Comunicazione ai partecipanti ai Fondi Comuni rientranti nel Sistema Fondi Aperti Gestnord Fondi

Comunicazione ai partecipanti ai Fondi Comuni rientranti nel Sistema Fondi Aperti Gestnord Fondi SELLA GESTIONI S.G.R. S.p.A. Via Vittor Pisani, 13 2124 MILANO Tel. (+39) 2 67.14.161 - Fax (+39) 2 669.87.1 www.sellagestioni.it - info@sellagestioni.it Comunicazione ai partecipanti ai Fondi Comuni rientranti

Dettagli

UNIT LINKED. Contratto Unit Linked a premio unico. Gruppo Aviva. Aviva Vita S.p.A.

UNIT LINKED. Contratto Unit Linked a premio unico. Gruppo Aviva. Aviva Vita S.p.A. UNIT LINKED Contratto Unit Linked a premio unico Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED, prodotto finanziarioassicurativo di tipo unit linked. Il presente Prospetto Informativo completo si compone

Dettagli

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA DEL 14 APRILE 2005 E VALIDA PER L AGGIORNAMENTO DEL PROSPETTO INFORMATIVO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

Discovery OFFERTA AL PUBBLICO DI PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED

Discovery OFFERTA AL PUBBLICO DI PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED ED. febbraio 2011 OFFERTA AL PUBBLICO DI Discovery PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED Si raccomanda la lettura della (Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative),

Dettagli