L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI"

Transcript

1

2 L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari a poco meno di 5,5 miliardi di euro, in aumento sia rispetto all ultimo trimestre del 2013 (+10,6%), quando la raccolta è stata di 4,9 miliardi, sia in termini tendenziali nei confronti dei primi tre mesi dello scorso anno (+31,4%), nel corso dei quali le reti hanno raccolto 4,1 miliardi di euro. Gli investimenti si concentrato sempre sui prodotti del risparmio gestito (4,0 miliardi di euro) anche se, rispetto all anno precedente, si riduce l entità dei volumi a favore di un parziale posizionamento sul risparmio amministrato (1,5 miliardi di euro), e più precisamente su conti correnti, depositi e strumenti del mercato monetario, solitamente utilizzati nelle strategie di investimento a breve termine in attesa di riposizionare le risorse su prodotti con un orizzonte temporale più ampio. Gli investimenti netti osservati nell ambito del gestito continuano a coinvolgere tutte le asset class: il 46,6% della raccolta è destinata agli OICR (1,8 miliardi di euro), il 38,0% ai prodotti assicurativi e previdenziali (1,5 miliardi di euro) mentre il restante 15,4% alle gestioni patrimoniali individuali (612 milioni di euro) Raccolta netta - /mln Totale Gestito Amministrato I trim.13 IV trim.13 I trim.14 Raccolta netta - /mln Liquidità Titoli Assic. e Prev. I trim.13 IV trim.13 I trim.14 GPI OICR Nell ambito degli OICR si confermano quelle dinamiche caratterizzate dalla prevalenza degli investimenti in prodotti domiciliati all estero, sui quali la raccolta netta è di poco inferiore a 1,6 miliardi di euro, e dal ritrovato interesse nei confronti delle gestioni collettive di diritto italiano, sulle quali confluiscono risorse nette per 319 milioni di euro; bilancio negativo per 14 milioni di euro sia per i fondi chiusi sia per i prodotti speculativi. Per quanto riguarda le macro categorie di investimento, le scelte privilegiano principalmente i fondi flessibili (1,4 miliardi di euro), i bilanciati (541 milioni) e gli azionari (394 milioni). Positivi anche gli investimenti netti sui fondi monetari (19 milioni) mentre chiude in rosso il bilancio degli obbligazionari (- 454 milioni) come conseguenza dei riscatti che hanno coinvolto i fondi d investimento esteri. 1

3 Raccolta netta - /mln OICR italiani OICR esteri Fondi di fondi italiani I trim.13 IV trim.13 I trim.14 Fondi di fondi esteri di Liq. OICR aperti: raccolta netta diretta /mln Fle. Obbl. Bil. Az I trim.13 IV trim.13 I trim.14 La raccolta netta in prodotti assicurativi è stata positiva per poco più di 1,3 miliardi di euro. Gli investimenti continuano a privilegiare le unit linked, con una raccolta di 829 milioni di euro, ma si riduce il gap con le polizze vita tradizionali sulle quali confluiscono premi netti per 710 milioni; Raccolta netta - /mln proseguono i deflussi dalle index linked (-189 milioni di euro). Sui Pip prodotti previdenziali la raccolta è positiva per 158 milioni di euro, con Fondi pensione un rialzo tendenziale del 16%. Dinamiche crescenti vengono osservate anche sulle gestioni individuali; le risorse nette investite in GPM ammontano a 347 milioni di euro, quelle in GPF sono pari a 266 milioni. Il contributo complessivo delle reti al sistema di OICR, attraverso il collocamento diretto di quote di fondi comuni d investimento e quello indiretto, riconducibile alla distribuzione di gestioni patrimoniali in fondi e di prodotti assicurativi e previdenziali, si attesta su un ammontare di poco inferiore a 3,1 miliardi di euro, pari al 12,4% dei flussi netti confluiti tra gennaio e marzo nel sistema fondi (24,5 miliardi di euro) Unit linked Index linked Nell ambito del risparmio amministrato le movimentazioni complessive sui titoli vedono la prevalenze degli ordinativi di vendita con un deflusso netto di risorse pari a 147 milioni. I disinvestimenti si concentrano principalmente sui titoli di debito (-889 milioni di euro) e solo marginalmente sui titoli azionari (-18 milioni), mentre si 0 Vita Raccolta netta in OICR: distribuzione diretta e indiretta ( /mln) - I trim.14 RETI ALTRI CANALI I trim.13 IV trim.13 I trim.14 2

4 preferisce investire temporaneamente in strumenti del mercato monetario (808 milioni di euro) e mantenere e le risorse sotto forma di liquidità (1,6 miliardi di euro). *** A fine marzo 2014, la consistenza patrimoniale dei prodotti finanziari e dei servizi di investimento, distribuiti tramite le reti di promotori finanziari dalle imprese aderenti, ammonta a 288,1 miliardi di euro e raggiunge un nuovo record come conseguenza di una crescita congiunturale del 3,2% (279,2 miliardi a dicembre 2013) e tendenziale dell 8,8% (264,8 a marzo 2013). Il controvalore complessivo dei prodotti del risparmio gestito è pari a 215,1 miliardi di euro, con un aumento del 2,6% rispetto a fine 2013 ed una crescita tendenziale del 10,5%; la valorizzazione totale delle posizioni in regime amministrato, pari a 73,0 miliardi di euro, aumenta del 4,9% rispetto al trimestre precedente e del 4,1% rispetto a marzo Nel dettaglio, l asset under management degli OICR sottoscritti direttamente ammonta a 125,8 miliardi di euro, con una crescita del 2,5% sul trimestre precedente e un incidenza sul patrimonio totale pari al 43,6%. Gli OICR esteri, con 110,6 miliardi di euro rappresentano il 38,4% del portafoglio - incidenza che sale al 51,4% considerando il solo patrimonio del risparmio gestito -, mentre i fondi italiani si attestano su un valore di 14,2 miliardi di euro, pari al 4,9%. Il patrimonio investito in prodotti assicurativi e previdenziali ammonta a 71,5 miliardi di euro, con un incremento congiunturale del 2,5% e un incidenza nel portafoglio che si attesta al 24,8%; le gestioni patrimoniali, con 17,8 miliardi di euro ed un tasso di crescita pari al 4,5%, attestano il proprio peso in portafoglio al 6,2% Patrimonio - /mln Liquidità Titoli Assic. e Prev. Patrimonio - ripartizione % mar-13 dic-13 mar GPI 0 Totale Gestito Amministrato OICR mar-13 dic-13 mar A fine marzo, il contributo complessivo delle reti al patrimonio investito in OICR aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, sale a 183,8 miliardi di euro, con un incidenza del 31,1% sul patrimonio totale investito in fondi (591,4 miliardi di euro). ALTRI CANALI 68,9% Patrimonio OICR aperti: distribuzione diretta e indiretta marzo 2014 RETI 31,1% *** 3

5 Nel primo trimestre dell anno, le scelte di investimento hanno privilegiato, nel loro insieme, i prodotti del risparmio gestito emessi da imprese appartenenti al gruppo della società distributrice, sui quali sono confluite risorse nette pari a 2,8 miliardi di euro, a fronte di una raccolta netta in prodotti di terzi per 1,1 miliardi di euro. Risparmio gestito: raccolta netta in milioni di euro 100% 80% 60% Risparmio gestito: raccolta netta ripartizione % % 20% 0 I trim.13 IV trim.13 I trim.14 Propri Di terzi 0% I trim.13 IV trim.13 I trim.14 Propri Di terzi Trova conferma la maggiore attitudine all investimento in prodotti no captive nell ambito degli OICR tradizionali domiciliati all estero milioni di euro in prodotti di terzi e 142 milioni in prodotti del gruppo-, e una impostazione orientata ai prodotti del gruppo su fondi di fondi e unit linked, caratterizzati da una gestione a forte contenuto multibrand (l 89,4% della raccolta in fondi di fondi è riconducibile a prodotti captive; per le unit linked il 94,6% delle risorse nette è destinato a polizze del gruppo) Risparmio gestito: raccolta netta I trimestre in milioni di euro Di terzi Propri Risparmio gestito: raccolta netta I trimestre in milioni di euro Di terzi Propri 0 OICR GPI Prodotti Prodotti Assicurativi Previdenziali OICR Italiani (*) OICR esteri (*) Fondi di fondi italiani Fondi di fondi esteri Vita (*) sono esclusi i fondi di fondi, i fondi speculativi e i fondi chiusi Unit linked In termini patrimoniali, a fine trimestre, la valorizzazione dei prodotti propri ammonta a 153,9 miliardi, pari al 71,5% del patrimonio del risparmio gestito, mentre i prodotti di terzi, con 61,3 miliardi, incidono per il 28,5%. 4

6 100% Risparmio gestito: ripartizione % patrimonio 100% Risparmio gestito: ripartizione % patrimonio Marzo % 80% 60% 60% 40% 40% 20% 20% 0% I trim.13 IV trim.13 I trim.14 Propri Di terzi 0% OICR Italiani (*) OICR Fondi di esteri (*) fondi italiani Propri Fondi di fondi esteri Di terzi Vita Unit linked (*) sono esclusi i fondi di fondi, i fondi speculativi e i fondi chiusi *** Il numero di clienti delle imprese partecipanti alla rilevazione dell Assoreti si attesta, a fine marzo, su un valore di poco inferiore a 3,4 milioni, in ripresa sia in termini congiunturali (+1,1%) sia rispetto al primo trimestre del 2013 (+1,9%). Il numero dei promotori finanziari operanti per le società rientranti nella rilevazione sale a unità (+1,2% su dicembre 2013; +2,0% su marzo 2013), con una rappresentatività del 92,5% sull intera compagine associativa ( dato stimato). In particolare, erano i promotori finanziari realmente operativi, ovvero con portafoglio maggiore di zero. *** Si ricorda che le indagini statistiche dell Associazioni si basano su campioni aperti, le cui composizioni possono variare in base alla libera partecipazione delle imprese aderenti. 5

7 IL QUADRO CONGIUNTURALE L attività delle reti precedentemente analizzata si inserisce nel contesto congiunturale, le cui principali caratteristiche vengono di seguito descritte. Prosegue il lento processo di ripresa dell economia europea, ma in Italia il PIL continua a scendere; sotto tono anche la produzione industriale nazionale; i consumatori si mostrano maggiormente ottimisti sulle possibilità future di crescita del Paese. PRODOTTO INTERNO LORDO Le stime diffuse dall Eurostat per il primo trimestre 2014 evidenziano la crescita dell economia europea nel suo complesso. Per il quarto trimestre consecutivo si osservano variazioni congiunturali positive del prodotto interno lordo sia nell Area Euro (+0,2%) sia nell Unione Europea (+0,3%). Il processo di crescita appare più consistente nelle valutazioni tendenziali (EA +0,9%; EU +1,4%), coinvolgendo i principali Paesi europei, seppure con dinamiche differenti (Germania +2,3%, Francia +0,8%, Regno Unito +3,1%, Spagna +0,6%). Diversamente, l economia italiana torna nuovamente a rallentare in termini congiunturali (-0,1%) e prosegue nel suo trend tendenziale di decrescita (-0,5%). Secondo quanto riportato dall Istat il calo congiunturale è la sintesi di un incremento del valore aggiunto nel settore dell agricoltura, di un andamento negativo nell industria e di una variazione nulla nel comparto dei servizi. Andamento del PIL in Italia -0,6-0,3-0,1 0,1-0,1 1T13 2T13 3T13 4T13 1T14-0,9-0,5-2,1-1,9-2,4 Var.% congiunturale (t/t-1) Var.% Tendenziale (t/t-4) 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0-0,5-1,0 Prodotto interno lordo - 1trim.2014 Var.% t/t-1 Var.% t/t-4 DE FR IT ES EA18 UK EU28 Fonte: Istat stime preliminari Fonte: Eurostat stime preliminari PRODUZIONE INDUSTRIALE Secondo i dati Istat, nel primo trimestre del 2014 la produzione industriale ha registrato una crescita congiunturale dello 0,1% e una variazione tendenziale positiva pari allo 0,3%. I segnali di ripresa appaiono però alquanto deboli, tenuto conto che nel mese di marzo i valori dell indice hanno segnato un calo sia rispetto a febbraio (-0,5%) sia nei confronti del mese di marzo 2013 (-0,4%). Le dinamiche di crescita appaiono lievemente più convincenti nell Area Euro, pur confermando il rallentamento dei livelli produttivi nell ultimo mese del trimestre. 6

8 Indice della produzione industriale (base 2010=100) Dati corretti per i Dati destagionalizzati giorni lavorativi Italia Var. % Var. % Indici Indici congiunturali tendenziali 1T13 91,9-0,4 92,3-4,6 2T13 91,6-0,3 94,9-3,9 3T13 91,3-0,3 87,2-3,6 4T13 91,8 0,5 92,5-0,2 Gen.14 92,3 1,0 87,0 1,2 Feb.14 91,9-0,4 92,5 0,4 Mar.14 91,4-0,5 98,4-0,4 1T14 91,9 0,1 92,6 0,3 Fonte: Istat Indice della produzione industriale (base 2010=100) Var. % Var. % Area Euro (18) congiunturali tendenziali 1T13 0,3-2,2 2T13 0,6-1,1 3T13 0,0-1,1 4T13 0,5 1,5 Gen.14-0,1 1,7 Feb.14 0,2 1,7 Mar.14-0,3-0,1 1T14 0,2 1,1 Fonte: Eurostat INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO Secondo le rilevazioni Istat, nel primo trimestre del 2014 l indice generale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) raggiunge il valore medio di 107,4 a fronte di un aumento congiunturale dello 0,2% e di una variazione tendenziale dello 0,5%. Si conferma quindi il rallentamento della spinta inflazionistica sul territorio nazionale, con dinamiche sostanzialmente allineate a quelle riscontrabili nel più ampio contesto europeo. La crescita tendenziale dell indice dei prezzi armonizzato (IPC) è, infatti, pari allo 0,6% nell Area Euro (+0,8% nel quarto trimestre 2013) e allo 0,8% nell Unione Europea (+1,0% nel quarto trimestre 2013), mentre in Italia lo stesso indice aumenta dello 0,5% (+0,7% nel quarto trimestre 2013). Indice dei prezzi al consumo (NIC) Indici Var.% su trim. prec. Var.% su anno prec. 1T13 106,8 0,4 1,9 2T13 107,1 0,2 1,2 3T13 107,6 0,4 1,1 4T13 107,2-0,4 0,7 Gen ,4 0,2 0,7 Feb ,3-0,1 0,5 Mar ,4 0,1 0,4 1T14 107,4 0,2 0,5 Fonte : Istat valori medi del periodo. (base 2010 =100) 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0,0 Indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) - 1trim.2014 Var.% tendenziale (t/t-4) IT EA18 EU28 Fonte: elaborazione su dati Eurostat INDICE DI FIDUCIA DEI CONSUMATORI Nel primo trimestre del 2014 continua a salire il livello di ottimismo dei consumatori: l indice di fiducia calcolato dall Istat assume un valore medio di periodo pari a 99,4, in 7

9 crescita rispetto al valore dell indice nell ultimo trimestre del 2013 (97,5). Riguardo alla situazione economica del Paese migliorano sia i giudizi sulle condizioni attuali sia le attese future. Più contenuta è invece la crescita di ottimismo nelle valutazioni del contesto familiare. Indice di fiducia dei consumatori gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag-13 lug-13 set-13 nov-13 gen-14 mar-14 Fonte: Istat Clima di fiducia Clima di fiducia e disaggregazioni dati trimestrali Clima personale Clima economico Clima corrente Clima futuro 1T12 94,4 98,5 83,3 101,7 84,6 2T12 86,9 94,8 65,4 96,2 74,0 3T12 85,6 92,4 68,3 93,5 75,9 4T12 85,8 90,9 72,1 91,9 77,6 Anno ,2 94,1 72,3 95,8 78,0 1T13 85,8 90,8 72,8 90,4 79,9 2T13 89,4 93,4 78,6 90,9 87,2 3T13 98,8 100,0 96,9 98,5 100,2 4T13 97,5 98,8 93,2 96,8 98,0 Anno ,9 95,8 85,4 94,2 91,3 1T14 99,4 99,1 99,5 97,9 101,0 Elaborazione su dati Istat: valori medi PROPENSIONE AL RISPARMIO DELLE FAMIGLIE Nel 2013 la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è risultata pari al 9,8%, in crescita di 1,4 punti percentuali rispetto all anno precedente. La crescita del tasso di risparmio è determinata dalla riduzione della spesa per consumi finali (-1,3%), affiancata al modesto aumento del reddito disponibile (+0,3%). In particolare, nel quarto trimestre del 2013, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stata pari al 10,2%, mantenendosi sostanzialmente stabile rispetto al trimestre precedente (+0,1 punti 8

10 percentuali) ma aumentando di 1,7 punti percentuali nei confronti del quarto trimestre Estendendo la rilevazione all intero settore istituzionale - comprendente anche le famiglie produttrici e le istituzioni senza fine di lucro al servizio delle famiglie - la propensione al risparmio del 2013 raggiunge il 12,9% (+1,3 punti percentuali sul 2012). Propensione al risparmio delle famiglie Valori destagionalizzati - in milioni di euro Famiglie (*) Famiglie consumatrici Reddito lordo disponibile (a) Potere d acquisto delle famiglie (b) Spesa delle famiglie per consumi finali (c) Investimenti fissi lordi Propensione al risparmio % (d) Propensione al risparmio % 1T ,8 12,0 2T ,7 11,0 3T ,5 11,8 4T ,5 11,7 1T ,6 12,8 2T ,3 12,4 3T ,1 13,2 4T ,2 13,2 Fonte: Istat (*) il settore comprende le famiglie consumatrici, le famiglie produttrici e le istituzioni senza fine di lucro al servizio delle famiglie. (a) Reddito lordo disponibile delle famiglie corretto per tener conto della variazione dei diritti netti delle famiglie sulle riserve tecniche dei fondi pensione. (b) Reddito lordo disponibile delle famiglie in termini reali, ottenuto utilizzando il deflatore della spesa per consumi finali delle famiglie e delle istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie (valori concatenati con anno di riferimento 2005). (c) Include la spesa per consumi delle istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie. (d) Quota del Risparmio lordo sul Reddito disponibile lordo delle famiglie corretto per tener conto della variazione dei diritti netti delle famiglie sulle riserve tecniche dei fondi pensione. Fig.2.2 Propensione al risparmio delle famiglie (*) dati grezzi 20, ,0 10,0 5,0 0,0 EA18 DE IT FR ES IE NL AT Fonte: Eurostat (*) Il settore comprende le famiglie consumatrici, le famiglie produttrici e le istituzioni senza fine di lucro al servizio delle famiglie. POLITICA MONETARIA E TASSI DI MERCATO Dopo la riduzione di novembre 2013, la Banca Centrale Europea non ha apportato alcuna modifica ai tassi di policy: il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principali è fermo allo 9

11 0,25%, (minimo storico), così come sono stabili il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale (0,75%) e quello ufficiale sulle operazioni di deposito overnight (a quota zero). Anche la Federal Reserve non apporta variazioni alla propria politica monetaria lasciando invariato il tasso di policy in un range compreso tra lo 0 e lo 0,25%. A fine trimestre il tasso euribor a tre mesi era pari a 0,31% (0,29% a fine 2013), con un valore medio trimestrale dello 0,3% (0,24% nel quarto trimestre 2013). IL MERCATO DEI CAMBI Nel trimestre si assiste alla generica flessione dell euro rispetto alle altre principali valute. A fine marzo, il cambio euro/dollaro si attesta sull 1,38, quello euro/yen sul 142,4, quello euro/sterlina sullo 0,83, rispettivamente in flessione dello 0,02%, dell 1,59% e dello 0,66% rispetto a fine I MERCATI AZIONARI Dopo un 2013 caratterizzato da bilanci positivi per tutti i principali listini azionari, i primi tre mesi del 2014 evidenziano andamenti in parte disomogenei: a fine trimestre l indice Stoxx Euro 50 segna una variazione positiva pari all 1,7% rispetto alla valorizzazione assunta a fine 2013, lo Standard & Poor s 500 sale dell 1,3% mentre il Nikkei 225 subisce una flessione del 9%. Differenti anche le dinamiche rilevate sui principali mercati europei: in evidenza la performance del FtseMib che sale del 14,4%; positivo anche il listino francese (Cac40) con un incremento del 2,2%; il Dax si mantiene sostanzialmente stabile rispetto al mese di dicembre (+0,04%) mentre il Ftse di Londra scende del 2,2% Indice dei corsi azionari (dicembre 2012 = 100) dic-12 mar-13 giu-13 set-13 dic-13 mar-14 Indici azionari Var.% mar. 14 su dic.13 FTSE DAX CAC S&P500 STOXX50E NASDAQ FTSEMIB NIKKEI -10,0-5,0 0,0 5,0 10,0 15,0 FTSEMIB S&P500 STOXX50E NIKKEI 10

12 Tav. 1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) I Trim.13 II Trim.13 III Trim.13 IV Trim.13 I Trim.14 RACCOLTA NETTA 4.147, , , , ,8 Risparmio gestito 5.522, , , , ,7 Fondi comuni e Sicav 3.502, , , , ,0 OICR di diritto italiano -30,1-204,8 0,5 179,8 340,7 OICR di diritto estero 1.824, ,6 754, , ,5 Fondi di fondi di diritto italiano -0,3 11,4-5,8-22,7-21,3 Fondi di fondi di diritto estero 1.773, , , ,8 430,0 Fondi speculativi -54,9-37,9-22,4-16,1-13,9 Fondi chiusi -10,0-12,5-10,5 49,7-14,0 Gestioni patrimoniali 88,6 269,6 105,9 358,3 612,4 GPF -22,6 79,7-28,2 145,9 265,7 GPM 111,3 189,9 134,1 212,3 346,7 Prodotti assicurativi e previdenziali 1.930, , , , ,2 Vita tradizionali 236,6 246,7 344,3 736,5 709,7 Index linked -354,1-413,4-185,5-272,7-188,7 Unit linked 1.912, ,9 839, ,3 828,6 Fondi pensione 50,8 46,2 37,0 85,9 63,0 Piani previdenziali individuali 85,0 74,2 78,8 160,9 94,6 Risparmio amministrato , ,4-245,2-256, ,2 Titoli , ,0-212,6-899,8-146,8 Liquidità 647,7-593,4-32,6 643, ,9 Totale Raccolta netta - in milioni di euro 5.000, , , , ,0 0, , ,0 Fondi comuni e Sicav Gestioni patrimoniali Prodotti assicurativi e previdenziali Titoli Liquidità ,0 I Trim.13 II Trim.13 III Trim.13 IV Trim.13 I Trim.14 I Trim.13 II Trim.13 III Trim.13 IV Trim.13 I Trim.14 RACCOLTA LORDA Risparmio gestito , , , , ,2 Fondi comuni e Sicav , , , , ,9 Gestioni patrimoniali 1.538, ,2 888, , ,3 Prodotti assicurativi e previdenziali 4.141, , , , ,0 I Trim.13 II Trim.13 III Trim.13 IV Trim.13 I Trim.14 INTERMEDIAZIONE LORDA Risparmio amministrato , , , , ,4 Altre attività 387,1 486,7 415,5 535,6 436,1

13 Tav.2 - Patrimonio dei prodotti finanziari e servizi di investimento distribuiti dalle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Mar.13 Giu.13 Set.13 Dic.13 Mar.14 PATRIMONIO , , , , ,1 Risparmio gestito , , , , ,5 Fondi comuni e Sicav , , , , ,3 OICR di diritto italiano , , , , ,6 OICR di diritto estero , , , , ,3 Fondi di fondi di diritto italiano 664,7 655,5 653,9 645,1 631,4 Fondi di fondi di diritto estero , , , , ,9 Fondi speculativi 376,6 341,0 324,1 320,0 300,4 Fondi chiusi 659,9 644,6 634,8 671,1 677,8 Gestioni patrimoniali , , , , ,4 GPF 8.375, , , , ,9 GPM 7.777, , , , ,4 Prodotti assicurativi e previdenziali , , , , ,8 Vita tradizionali , , , , ,9 Index linked 2.345, , , , ,1 Unit linked , , , , ,3 Fondi pensione 1.607, , , , ,4 Piani previdenziali individuali 5.021, , , , ,1 Risparmio amministrato , , , , ,6 Titoli , , , , ,0 Liquidità , , , , ,5 Totale Patrimonio - in milioni di euro , , , , , , ,0 0,0 Fondi comuni e Sicav Gestioni patrimoniali Prodotti assicurativi e previdenziali Titoli Liquidità Mar.13 Giu.13 Set.13 Dic.13 Mar.14 Ripartizione % del patrimonio Marzo 2014 Ripartizione % del patrimonio Marzo 2013 Liquidità 11,7% Fondi comuni e Sicav 43,6% Liquidità 12,1% Fondi comuni e Sicav 43,3% Titoli 13,6% Prodotti assicurativi e previdenziali 24,8% Gestioni patrimoniali 6,2% Titoli 14,4% Prodotti assicurativi e previdenziali 24,1% Gestioni patrimoniali 6,1% Tav. 2a - Promotori finanziari operanti per le imprese aderenti ad Assoreti e numero clienti Mar.13 Giu.13 Set.13 Dic.13 Mar.14 PROMOTORI FINANZIARI Numero: di cui operativi (*) CLIENTI Numero: (*) Il dato si riferisce al numero di promotori finanziari con portafoglio > 0.

14 Tav. 3 - Prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Raccolta netta Patrimonio RACCOLTA NETTA I Trim.14 Mar.14 OICR di diritto italiano 340, ,6 Azionari -69, ,1 Bilanciati -3,7 661,7 Obbligazionari 348, ,0 Liquidità -88, ,3 Flessibili 152, ,5 Non ripartito 2,2 15,9 OICR di diritto estero 1.126, ,3 Azionari 356, ,7 Bilanciati 329, ,4 Obbligazionari -778, ,9 Liquidità 107, ,9 Flessibili 1.155, ,3 Non ripartito -44,1 452,1 Fondi di fondi di diritto italiano -21,3 631,4 Azionari -24,2 318,6 Bilanciati 1,8 194,7 Obbligazionari 0,3 7,4 Flessibili 0,8 110,8 Non ripartito 0,0 0,0 Fondi di fondi di diritto estero 430, ,9 Azionari 131, ,1 Bilanciati 214, ,8 Obbligazionari -24, ,4 Flessibili 108, ,6 Non ripartito 0,0 0,0 Fondi speculativi -13,9 300,4 Fondi chiusi -14,0 677,8 mobiliari -11,0 306,6 immobiliari -3,0 371,2 GPF 265, ,9 Azionarie -2,0 983,8 Bilanciate 54, ,4 Obbligazionarie 40, ,7 Altra tipologia 172, ,0 Non ripartito 0,5 1,0 GPM 346, ,4 Azionarie 152,9 803,5 Bilanciate -8, ,1 Obbligazionarie 268, ,2 Altra tipologia -48, ,6 Non ripartito -18, ,0 Prodotti assicurativi 1.349, ,3 Vita tradizionali 709, ,9 Index linked -188, ,1 Unit linked 828, ,3 Prodotti previdenziali 157, ,5 Fondi pensione 63, ,4 Piani previdenziali individuali 94, ,1 TOTALE RISPARMIO GESTITO 3.967, ,5 Titoli -146, ,0 Azioni -18, ,6 Titoli Stato/obbligazioni -889, ,8 Strumenti mercato monetario 807, ,3 Non ripartito -46, ,3 Liquidità 1.629, ,5 TOTALE RISPARMIO AMMINISTRATO 1.483, ,6 TOTALE 5.450, ,1

15 Tav. 4a - Evoluzione della raccolta netta in O.I.C.R. aperti: distribuzione diretta e indiretta di quote (confronto Assoreti-Sistema, in milioni di euro) RACCOLTA NETTA OICR I Trim.13 II Trim.13 III Trim.13 IV Trim.13 I Trim.14 Assoreti Sistema Assoreti Sistema Assoreti Sistema Assoreti Sistema Assoreti Sistema (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) Azionari 131,5 762,2-9,7-529,8 419, , , ,8 392, ,5 Bilanciati 435, , , ,0 502, ,4 982, ,2 595, ,2 Obbligazionari 1.799, , , ,6-395,7-715,0-394,6-709,7-413, ,3 Liquidità -54,9-47,0 23, ,2 234, ,6-224, ,6 19, ,7 Flessibili 1.239, , , , , , , , , ,1 Non classificato ( 3 ) 1.936,0-336, ,3 266,8 900,2-29, , , ,0 75,5 TOTALE 5.487, , , , , , , , , ,9 Tav. 4b - Evoluzione del patrimonio in O.I.C.R. aperti: distribuzione diretta e indiretta di quote (confronto Assoreti-Sistema, in milioni di euro) PATRIMONIO OICR Mar.13 Giu.13 Assoreti Sistema a/b Assoreti Sistema a/b Assoreti Sistema a/b Assoreti Sistema a/b Assoreti Sistema a/b (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) % (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) % (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) % (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) % (a) ( 1 ) (b) ( 2 ) % Azionari , ,4 24, , ,7 24, , ,4 24, , ,5 24, , ,4 24,1 Bilanciati , ,9 69, , ,6 66, , ,7 64, , ,8 63, , ,3 61,5 Obbligazionari , ,2 25, , ,4 24, , ,8 24, , ,9 23, , ,9 23,1 Liquidità 4.326, ,0 13, , ,2 13, , ,8 15, , ,3 14, , ,7 16,3 Flessibili , ,8 23, , ,0 23, , ,0 22, , ,2 23, , ,5 21,3 Non classificato ( , , , , , Set.13 Dic.13 Mar.14 TOTALE , ,9 32, , ,8 32, , ,3 32, , ,3 32, , ,1 31,1 Elaborazione Assoreti su dati di Assoreti e di Assogestioni (1) Sono incluse le parti di OICR sottoscritte direttamente e indirettamente attraverso le gpf, le unit linked ed i pip. (2) Fonte Assogestioni. (3) I dati si riferiscono principalmente alle quote di OICR sottoscritte indirettamente attraverso le unit linked ed i pip per i quali non si dispone della corrispondente categoria d'investimento.

16 Tav. 5 - Raccolta netta in prodotti finanziari e servizi di investimento emessi dal proprio gruppo e da terzi - in milioni di euro I Trim.13 II Trim.13 III Trim.13 IV Trim.13 I Trim.14 RACCOLTA NETTA Fondi comuni e Sicav 3.502, , , , ,0 Propri 1.544, ,7 976, ,7 809,9 Di terzi 1.958, ,3 809, , ,1 Gestioni patrimoniali 88,6 269,6 105,9 358,3 612,4 Propri 180,5 309,8 144,3 368,7 628,8 Di terzi -91,9-40,2-38,5-10,4-16,4 Prodotti assicurativi 1.795, ,2 998, , ,6 Propri 1.647, ,9 875, , ,3 Di terzi 147,9 160,3 122,4 159,4 101,3 Prodotti previdenziali 135,9 120,4 115,8 246,8 157,7 Propri 124,2 108,3 107,7 228,0 147,0 Di terzi 11,7 12,1 8,1 18,8 10,6 Totale risparmio gestito 5.522, , , , ,7 Propri 3.496, , , , ,0 Di terzi 2.025, ,5 901, , ,7

17 Tav. 6 - Patrimonio in prodotti finanziari e servizi di investimento emessi dal proprio gruppo e da terzi in milioni di euro Mar.13 % Giu.13 % Set.13 % Dic.13 % Mar.14 % PATRIMONIO Fondi comuni e Sicav ,7 100, ,8 100, ,8 100, ,9 100, ,3 100,0 Propri ,2 59, ,3 58, ,7 58, ,2 58, ,7 58,3 Di terzi ,6 41, ,4 41, ,1 41, ,7 41, ,7 41,7 Gestioni patrimoniali ,7 100, ,7 100, ,3 100, ,4 100, ,4 100,0 Propri ,9 97, ,1 97, ,6 97, ,4 98, ,4 98,8 Di terzi 449,8 2,8 387,6 2,4 362,6 2,2 234,0 1,4 220,0 1,2 Prodotti assicurativi ,3 100, ,2 100, ,7 100, ,2 100, ,3 100,0 Propri ,2 85, ,2 86, ,7 86, ,4 86, ,8 87,2 Di terzi 8.065,1 14, ,9 13, ,0 13, ,8 13, ,6 12,8 Prodotti previdenziali 6.628,2 100, ,0 100, ,3 100, ,7 100, ,5 100,0 Propri 6.277,8 94, ,4 94, ,4 94, ,1 94, ,3 94,5 Di terzi 350,4 5,3 362,6 5,4 376,8 5,4 402,6 5,4 423,1 5,5 Totale risparmio gestito ,0 100, ,6 100, ,0 100, ,2 100, ,5 100,0 Propri ,0 71, ,1 71, ,5 71, ,0 71, ,2 71,5 Di terzi ,9 28, ,6 28, ,6 28, ,2 28, ,4 28,5

18 Tav. 7 - Prodotti finanziari e servizi di investimento emessi dal proprio gruppo e da terzi - in milioni di euro Raccolta netta Patrimonio RACCOLTA NETTA I Trim.14 Mar.14 % OICR di diritto italiano 340, ,6 100,0 Propri 320, ,2 81,6 Di terzi 20, ,3 18,4 OICR di diritto estero 1.126, ,3 100,0 Propri 141, ,1 43,2 Di terzi 984, ,2 56,8 Fondi di Fondi di diritto italiano -21,3 631,4 100,0 Propri -22,2 624,4 98,9 Di terzi 0,9 7,1 1,1 Fondi di Fondi di diritto estero 430, ,9 100,0 Propri 387, ,6 96,8 Di terzi 42,6 796,3 3,2 Fondi Speculativi -13,9 300,4 100,0 Propri -14,1 262,0 87,2 Di terzi 0,2 38,4 12,8 Fondi chiusi mobiliari -11,0 306,6 100,0 Propri 0,0 1,9 0,6 Di terzi -11,0 304,7 99,4 Fondi chiusi immobiliari -3,0 371,2 100,0 Propri -3,2 352,4 94,9 Di terzi 0,2 18,7 5,1 GPF 265, ,9 100,0 Propri 293, ,1 99,0 Di terzi -27,6 84,8 1,0 GPM 346, ,4 100,0 Propri 335, ,3 98,5 Di terzi 11,2 135,1 1,5 Vita tradizionali 709, ,9 100,0 Propri 652, ,2 93,2 Di terzi 57, ,7 6,8 Index linked -188, ,1 100,0 Propri -188, ,8 100,0 Di terzi -0,2 0,3 0,0 Unit linked 828, ,3 100,0 Propri 784, ,8 84,1 Di terzi 44, ,5 15,9 Fondi pensione 63, ,4 100,0 Propri 54, ,3 86,2 Di terzi 8,6 281,0 13,8 Piani previdenziali individuali 94, ,1 100,0 Propri 92, ,0 97,5 Di terzi 2,0 142,1 2,5 Totale risparmio gestito 3.967, ,5 100,0 Propri 2.834, ,2 71,5 Di terzi 1.133, ,4 28,5

L ATTIVITA DELLE RETI DI CONSULENTI FINANZIARI ABILITATI ALL OFFERTA FUORI SEDE

L ATTIVITA DELLE RETI DI CONSULENTI FINANZIARI ABILITATI ALL OFFERTA FUORI SEDE L ATTIVITA DELLE RETI DI CONSULENTI FINANZIARI ABILITATI ALL OFFERTA FUORI SEDE Nel terzo trimestre del 2016, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento delle Società aderenti ad

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 3.137,8 2.781,7 7.555,9 Risparmio gestito 3.555,8 2.938,7 7.192,2

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 1.920,2 2.148,4 19.300,5 Risparmio gestito 1.359,5 1.944,2

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Gennaio 2012 Da inizio anno RACCOLTA NETTA 1.013,2 791,3 1.804,5 Risparmio

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 2.028,3 2.823,8 15.231,9 Risparmio gestito 1.733,3 2.341,4

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 1.327,1 260,8 13.002,0 Risparmio gestito 1.246,0 235,2 16.616,5

Dettagli

Tabelle \ Assogestioni. La raccolta netta a aprile delle Sgr associate ad Assogestioni Elaborazione Invice su dati Assogestioni in milioni di euro

Tabelle \ Assogestioni. La raccolta netta a aprile delle Sgr associate ad Assogestioni Elaborazione Invice su dati Assogestioni in milioni di euro Tabelle \ Assogestioni 41 La raccolta netta a aprile delle Sgr associate ad Assogestioni Elaborazione Invice su dati Assogestioni in milioni di euro mln euro Patrimonio Gestito Patrimonio Gestito mln euro

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Settembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 801,6 856,3 4.889,1 Risparmio gestito 507,8 537,0 2.876,0 Fondi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Nel terzo trimestre del 2013 il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti è aumentato

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari Snam e i mercati finanziari Nel corso del 2012 i mercati finanziari europei hanno registrato rialzi generalizzati, sebbene in un contesto di elevata volatilità. Nella prima parte dell anno le quotazioni

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

18 settembre 2014. L industria del risparmio gestito in Italia

18 settembre 2014. L industria del risparmio gestito in Italia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/ del 9/4/ Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. L

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Roberto Manzato Vita e Danni non Auto Milano, 16 luglio 2012

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 aprile 2013 IV trimestre 2012 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Con la pubblicazione dei dati del quarto trimestre del 2012, l Istat diffonde le serie storiche coerenti con

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Patrimonio risparmio gestito: quota di mercato delle Reti

Patrimonio risparmio gestito: quota di mercato delle Reti Patrimonio risparmio gestito: quota di mercato delle Reti % 14,0 Dati al 31 dicembre. Stima Assoreti su dati Assogestioni, Banca d Italia, Covip, Ania. L elaborazione include gli OICR aperti, le gestioni

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 gennaio 2015 III trimestre 2014 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Nel terzo trimestre del 2014 il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti è aumentato

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

Gli scenari della consulenza finanziaria e

Gli scenari della consulenza finanziaria e Gli scenari della consulenza finanziaria e del risparmio gestito La consulenza finanziaria nella prospettiva della Mfid2 Roma 2 ottobre 2014 Chiara Fornasari agenda 1 lo scenario 2 evoluzione dell offerta

Dettagli

ABI Monthly Outlook. Settembre 2007. Centro Studi e Ricerche

ABI Monthly Outlook. Settembre 2007. Centro Studi e Ricerche ABI Monthly Outlook Settembre 2007 Centro Studi e Ricerche INDICE FOCUS BANCHE & FINANZA... 4 1. SCENARIO MACROECONOMICO... 5 2. FINANZA PUBBLICA... 9 3. POLITICA MONETARIA E TASSI DI MERCATO MONETARIO...

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 dicembre 2015 Credito alle imprese in stallo I dati di ottobre 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la ripresa del settore creditizio, con l unica nota stonata

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 1 ottobre 2015 II trimestre 2015 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013 Fact - pack mercato Vita marzo 2013 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni,

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Milano, 12 aprile 2008 1 Uno sguardo sul mondo 2 L evoluzione

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 1 luglio 2015 I trimestre 2015 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti nel primo trimestre del 2015 è aumentato dello

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009 1 luglio 2010 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970- L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria per gli

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

ABI Monthly Outlook. Aprile 2009. Centro Studi e Ricerche

ABI Monthly Outlook. Aprile 2009. Centro Studi e Ricerche ABI Monthly Outlook 100 Aprile 2009 Centro Studi e Ricerche INDICE IN PRIMO PIANO 4 1. SCENARIO MACROECONOMICO... 6 2. FINANZA PUBBLICA... 9 3. POLITICA MONETARIA E TASSI DEL MERCATO MONETARIO... 10 4.

Dettagli

Conti economici trimestrali III trimestre 2007

Conti economici trimestrali III trimestre 2007 Conti economici trimestrali III trimestre 2007 7 dicembre 2007 Nel terzo trimestre del 2007 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2000, corretto per gli

Dettagli

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI 9 settembre 2011 II trimestre 2011 CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Prodotto interno lordo, valore aggiunto, consumi, investimenti, domanda estera Nel secondo trimestre del 2011 il prodotto interno lordo (PIL),

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Gennaio 2011 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche INDICE IN PRIMO PIANO...4 1. SCENARIO MACROECONOMICO...4

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 Maggio 2013 Più raccolta, meno prestiti PIÚ RACCOLTA, MENO PRESTITI Continuano a ridursi gli impieghi, con saggi che nel caso delle famiglie raggiungono valori di massimo

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

Il Risparmio Gestito italiano: Analisi di mercato e aggiornamento normativo

Il Risparmio Gestito italiano: Analisi di mercato e aggiornamento normativo Il Risparmio Gestito italiano: Analisi di mercato e aggiornamento normativo Università Bocconi 27 marzo 2014 Teresa Lapolla Responsabile statistiche Riccardo Morassut Ufficio Studi Alessandra Russo Settore

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Italia: recente dinamica del PIL. Var % t/t (scala sx) Var % a/a

Italia: recente dinamica del PIL. Var % t/t (scala sx) Var % a/a 1,2 1,8,6,4,2 -,2 -,4 -,6 Italia: recente dinamica del PIL Var % t/t (scala sx) Var % a/a Q1 6 Q2 6 Q3 6 Q4 6 Q1 7 Q2 7 Q3 7 Q4 7 Q1 8 3 2,5 2 1,5 1,5 -,5-1 -1,5 Fonte: Istat Pag. 2 - La crescita italiana

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Economie regionali. Bologna aprile 2010

Economie regionali. Bologna aprile 2010 Economie regionali Bologna aprile 21 L'andamento del credito in Emilia-Romagna nel quarto trimestre del 29 2 1 3 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti

Dettagli