LE COSTRUZIONI IN BREVE: EMILIA-ROMAGNA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE COSTRUZIONI IN BREVE: EMILIA-ROMAGNA"

Transcript

1 LE COSTRUZIONI IN BREVE: EMILIA-ROMAGNA n. 1/2014 A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

2

3 Sommario SCHEDA EMILIA-ROMAGNA... 3 TAVOLE REGIONALI... 7 Pil... 9 Valore aggiunto Occupazione Permessi di costruire Mercato immobiliare residenziale Case in affitto Domanda di mobilità abitativa Credito Bandi di gara Rischio idrogeologico Rischio sismico... 25

4

5 * 2014* Le costruzioni in breve: Emilia-Romagna EMILIA-ROMAGNA Andamento economico PIL (n.i. 1995=100) PIL Var.% in quantità rispetto all'anno precedente ,0 2,0 0,0 2,3 1,7 2,0 1,7 2,1 0,5 1,0 0, ,0-4,0-0,9-1,2-2,5-2,5-1,5-1, ,0-8,0-5,5-6, , , ( ) 2014( ) Emilia-Romagna Italia Emilia-Romagna Italia (*) Stime Unioncamere-Prometeia Elaborazione Ance su dati Istat ( ) Stima Unioncamere-Prometeia Elaborazione Ance su dati Istat Valore aggiunto del settore delle costruzioni VALORE AGGIUNTO DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI - (n.i. 1995=100) 4,0 2,0 0,0-2,0-4,0-6,0-8,0-10,0-12,0 VALORE AGGIUNTO DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Var.% in quantità rispetto all'anno precedente 2,6 0,9-5,7-2,7-8,1-8,4-3,1-7,5-7,2-4,4-0,1-5, Emilia-Romagna Italia Emilia-Romagna Italia Elaborazione Ance su dati Istat Elaborazione Ance su dati Istat Occupazione OCCUPATI NELLE COSTRUZIONI IN EMILIA-ROMAGNA Migliaia ,0 0,0-5,0 OCCUPATI IN EMILIA-ROMAGNA Var.% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente -1,2-0,7 1,6 3,8-0,3-1,5-2, ,0-5,8-6,4-11, Primi 9 mesi 2013 Elaborazione Ance su dati Istat -15, Primi 9 mesi 2013 costruzioni totale settori di attività economica Elaborazione Ance su dati Istat 3

6 EMILIA-ROMAGNA (Primi 9 mesi 2013) % occupati nelle costruzioni rispetto a Costruzioni 19,3% Industria Costruzioni 6,3% Economia Elaborazione Ance su dati Istat Permessi di costruire Compravendite residenziali ABITAZIONI (nuove e ampliamenti) IN EMILIA-ROMAGNA PERMESSI DI COSTRUIRE* Numero COMPRAVENDITE DI UNITA' IMMOBILIARI AD USO ABITATIVO IN EMILIA-ROMAGNA - Numero Var% 2011/ ,5% Var% 2012/ ,8% I Sem. 2012: (-9,3%) I sem *La rilevazione Istat si riferisce a permessi di costruire, Dia e Scia relativi ai nuovi fabbricati residenziali compresi quelli da ricostruire in caso di totale demolizione del fabbricato preesistente. Elaborazione Ance su dati Istat Elaborazione Ance su dati Agenzia dell'entrate Mutui erogati FLUSSO DI NUOVI MUTUI PER ACQUISTO DI ABITAZIONI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Var : -68,8% Var. I sem 2013: -2,5% Elaborazione Ance su dati Banca d'italia 4

7 Bandi di gara BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI PUBBLICATI - EMILIA-ROMAGNA Importi in correnti Totale fino a 50 oltre 50 Il dl 70/2011, convertito in legge il 12 luglio 2011 (n.106), ha elevato da a 1 milione di la soglia di importo entro la quale è consentito affidare appalti mediante procedura negoziata (senza pubblicazione del bando). Elaborazione Ance su dati Infoplus Mappa del rischio Rischio idrogeologico Emilia-Romagna 88,2% % dei comuni ad elevata criticità idrogeologica Persone che risiedono in zone ad elevato rischio (18,5% sul totale) Abitazioni nelle aree ad elevata criticità idrogeologica (18,4% sul totale) Scuole nelle aree ad elevata criticità idrogeologica Ospedali nelle aree ad elevata criticità idrogeologica Elaborazione Ance su ricerca Ance-Cresme "Rapporto sullo stato del rischio del territorio italiano 2013", febbraio 2014 Rischio sismico Emilia-Romagna 32,2% % dei comuni ad elevato rischio sismico Persone che risiedono in zone ad elevato rischio sismico (30,2% sul totale) Elaborazione Ance su ricerca Ance-Cresme "Lo stato del territorio italiano Insediamento e rischio sismico e idrogeologico", ottobre

8 Mappa dell'utilizzo delle risorse per ridurre il rischio idrogeologico In Emilia-Romagna 146 programmati LEGENDA Lavori avviati o ultimati per importo: Superiori 50% Tra il 30% ed il 50% Tra il 20% ed il 30% Inferiori al 20% Elaborazione Ance su dati ReNDIS WEB Ispra e documenti pubblici - Monitoraggio di tutti gli interventi ricompresi negli Accordi di programma MATTM e Regioni (compresi gli Atti aggiuntivi) per la mitigazione del rischio idrogeologico 6

9 TAVOLE REGIONALI 7

10 8

11 PIL Regione 2012 PIL Variazioni % in quantità ** 2014** Piemonte ,6-1,9-8,3 3,4 1,0-2,6-1,7 0,9 Valle D'Aosta ,8-0,7-5,8 4,7 0,0-3,5-1,6 0,6 Lombardia ,8 0,5-6,2 4,2 0,5-2,1-1,3 1,2 Trentino Alto Adige ,9-0,8-3,0 2,3 0,7-1,7-1,5 0,8 Veneto ,0-2,9-5,5 1,6 1,3-2,7-1,6 0,8 Friuli Venezia Giulia ,9-2,0-6,7 2,7 0,0-2,1-1,7 0,8 Liguria ,4-1,2-4,8 0,1 0,4-2,9-2,1 0,3 Emilia - Romagna ,3-0,9-6,5 2,0 2,1-2,5-1,5 1,0 Toscana ,4-0,3-4,2 1,2 0,6-1,9-1,9 0,7 Umbria ,3-1,0-7,7 1,8-0,7-3,1-2,2 0,8 Marche ,0-2,4-4,9 0,3-0,2-3,1-2,1 0,4 Lazio ,2-2,0-3,0 1,0 0,6-2,8-1,7 0,6 Abruzzo ,1 0,2-6,4 1,6 1,9-2,5-2,4 0,2 Molise ,5-3,9-5,2-1,5-2,0-2,5-2,4 0,0 Campania ,6-1,5-5,6-1,4-1,0-2,0-2,5 0,1 Puglia ,5-1,4-5,5 0,4-0,2-3,0-2,5 0,1 Basilicata ,4-1,4-5,3-1,9 1,2-3,6-2,6 0,1 Calabria ,0-1,8-4,4 0,2-0,9-3,2-2,6 0,0 Sicilia ,6-2,0-4,3-0,2-1,4-3,8-2,4 0,1 Sardegna ,5 0,0-4,7-0,3 0,2-3,4-2,5 0,1 Extra-regio (*) ,4 3,8-11,8-6,4-7,2 2,7 Totale Italia ,7-1,2-5,5 1,7 0,5-2,5-1,8 0,7 Nord - Ovest ,6-0,3-6,6 3,6 0,6-2,3-1,5 1,0 Nord - Est ,1-1,8-5,8 1,9 1,5-2,5-1,6 0,9 Italia Centrale ,9-1,5-3,9 1,0 0,4-2,5-1,8 0,7 Italia Meridionale ed Insulare ** Stime Unioncamere - Prometeia Elaborazione Ance su dati Istat ,1-1,4-5,1-0,3-0,5-2,9-2,5 0,1 (*) Si precisa che la somma per regione è di poco inferiore al totale dell'italia. Questa differenza deriva da una voce che l'istat denomina extra-regio che comprende il complesso delle operazioni che fanno capo ad unità residenti nel territorio nazionale non attribuibili a singole regioni (p.e. la produzione di servizi e gli acquisti da parte delle ambasciate italiane all'astero, la produzione delle piattaforme petrolifere e di estrazione del gas, ecc.) 9

12 VALORE AGGIUNTO VALORE AGGIUNTO DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Regione 2012 ( ) Variazioni % in quantità Piemonte ,8 2,2-14,6 2,9-3,5 1,7 Valle D'Aosta 445-1,4 4,5-4,0 3,8-1,8-2,1 Lombardia ,9-0,7-9,9 0,5-2,7-3,2 Trentino Alto Adige ,3-7,8-7,0-0,4 2,0-5,5 Veneto ,0-6,4-8,1-6,6-3,6-3,7 Friuli Venezia Giulia ,4-5,2-3,3-6,3 5,6-11,0 Liguria ,6 0,0-4,3 1,6-1,4-9,7 Emilia - Romagna ,6-5,7-8,1-7,5-7,2-0,1 Toscana ,5 0,4-11,0-3,1-3,8-7,4 Umbria ,5 5,2-7,5 1,9-9,4-6,0 Marche ,7-10,2-12,4 2,5-7,0-12,3 Lazio ,7-3,6-0,7-0,7-8,4-10,1 Abruzzo ,7 0,8-7,2 1,2 2,7 1,2 Molise 404 4,0 1,9-3,4-8,1-3,8-6,1 Campania ,9-7,6-8,2-2,4-3,7-13,7 Puglia ,1-1,7-10,4-5,8-1,7-9,4 Basilicata 785-8,8 7,3-14,5-6,1 0,8-12,3 Calabria ,7-4,1-6,7-6,8-9,9-9,6 Sicilia ,6-1,6-8,0-13,5-9,0-9,6 Sardegna ,5-1,1-8,1-14,2-12,4-9,7 Totale Italia ,9-2,7-8,4-3,1-4,4-5,8 Nord - Ovest ,1 0,2-10,5 1,3-2,8-2,6 Nord - Est ,4-6,2-7,6-6,3-3,6-3,2 Italia Centrale ,3-2,6-6,0-0,9-7,0-9,2 Italia Meridionale ed Insulare ,1-2,6-8,6-7,0-4,8-9,4 Elaborazione Ance su dati Istat 10

13 OCCUPAZIONE OCCUPATI NELLE COSTRUZIONI - Migliaia Regioni 2012 Primi 9 mesi 2013 Var.% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente Primi 9 mesi 2013 Piemonte ,5-4,2 0,7 3,3-13,3 Valle D'Aosta 7 6 2,6-3,6-5,0-2,2-8,9 Lombardia ,9-3,3-3,2-1,5-10,1 Trentino Alto Adige ,9 0,5 8,5-8,4-6,6 Veneto ,6 1,6-1,5-3,2-13,0 Friuli Venezia Giulia ,4 2,4 6,4-19,6-10,3 Liguria ,3 8,8-0,2-15,0-11,3 Emilia-Romagna ,8-6,4-11,2 3,8-2,6 Toscana ,3 6,9-8,4-5,2 2,1 Umbria ,7 9,5-7,8-4,3-16,7 Marche ,0 7,2-10,2-9,0-9,3 Lazio ,7 6,1-11,5-6,3-11,8 Abruzzo ,0-1,3 6,2 7,9-8,1 Molise ,5 0,2-7,6-3,3-22,9 Campania ,9 2,3-9,5-15,4-16,8 Puglia ,7-3,7-1,4-5,8-19,0 Basilicata ,3 1,0-7,0-5,6-18,3 Calabria ,6-4,1-14,7-9,6-10,9 Sicilia ,2-10,0-7,1-10,0-7,0 Sardegna ,7-7,5-5,4-10,7-10,3 Totale Italia ,2-0,7-5,3-5,0-10,4 Piccole differenze nelle totalizzazioni sono dovute agli arrotondamenti Elaborazione Ance su dati Istat (Ateco 2007), Rilevazione continua sulle forze di lavoro 11

14 OCCUPATI DIPENDENTI NELLE COSTRUZIONI - Migliaia Regioni 2012 Primi 9 mesi 2013 Var.% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente Primi 9 mesi 2013 Piemonte ,7-4,1 4,9-2,3-18,2 Valle D'Aosta 4 4 7,0-12,6-4,0 1,6-6,5 Lombardia ,3-2,8-6,2-1,9-10,1 Trentino Alto Adige ,3 0,8 5,1-8,4-5,7 Veneto ,1-2,7-2,8-2,1-13,1 Friuli Venezia Giulia ,0 11,0-1,5-23,5 0,9 Liguria ,9 12,9-7,9-13,7 5,1 Emilia-Romagna ,8-1,3-10,9 5,4-11,7 Toscana ,2 6,3 1,9-9,7-0,9 Umbria ,2 16,3-10,2-8,4-27,5 Marche ,3 1,4-12,4-2,4-6,5 Lazio ,2 5,8-9,6-8,3-14,5 Abruzzo ,5-3,0 8,4 13,8-14,5 Molise 7 6-4,8-2,5-12,5-2,8-23,7 Campania ,9-0,9-12,4-9,0-14,3 Puglia ,3-3,5-8,5-7,2-24,2 Basilicata ,9-4,3-3,8-9,5-28,1 Calabria ,5-5,7-17,8-14,9-19,9 Sicilia ,0-8,1-5,6-14,9-16,0 Sardegna ,9-12,5-11,7-1,0-11,6 Totale Italia ,7-1,1-6,2-5,7-13,0 Piccole differenze nelle totalizzazioni sono dovute agli arrotondamenti Elaborazione Ance su dati Istat (Ateco 2007), Rilevazione continua sulle forze di lavoro 12

15 OCCUPATI INDIPENDENTI NELLE COSTRUZIONI - Migliaia Regioni 2012 Primi 9 mesi 2013 Var.% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente Primi 9 mesi 2013 Piemonte ,8-4,3-4,6 10,9-7,4 Valle D'Aosta 2 2-4,8 13,2-6,5-7,8-12,5 Lombardia ,6-4,0 1,4-0,9-10,1 Trentino Alto Adige ,5-0,2 16,8-8,3-8,5 Veneto ,8 8,2 0,4-4,7-12,9 Friuli Venezia Giulia ,9-9,5 19,7-14,2-22,7 Liguria ,3 3,5 11,0-16,7-30,5 Emilia-Romagna ,7-11,9-11,7 1,8 9,7 Toscana ,5 7,4-18,6 0,5 5,2 Umbria ,0-2,7-2,7 3,5 2,7 Marche ,8 15,6-7,4-16,8-13,0 Lazio ,6 6,7-15,5-1,7-6,0 Abruzzo ,4 1,1 3,3-0,3 2,0 Molise 4 3-7,2 7,3 4,1-4,2-21,4 Campania ,5 9,0-3,9-26,4-22,1 Puglia ,3-4,3 16,5-2,9-9,2 Basilicata 5 6-6,9 17,4-15,1 5,5 5,6 Calabria ,4 0,2-7,0 2,4 8,4 Sicilia ,3-14,3-11,0 2,8 12,4 Sardegna ,4 4,7 7,4-26,7-7,6 Totale Italia ,4 0,0-3,6-3,9-6,3 Piccole differenze nelle totalizzazioni sono dovute agli arrotondamenti Elaborazione Ance su dati Istat (Ateco 2007), Rilevazione continua sulle forze di lavoro 13

16 PERMESSI DI COSTRUIRE ABITAZIONI (NUOVE E AMPLIAMENTI) - PERMESSI DI COSTRUIRE (*) Regione Var% cumulata 2011 rispetto al picco Piemonte ,4 Valle D'Aosta ,9 Lombardia ,2 Trentino Alto Adige ,6 Veneto ,5 Friuli Venezia Giulia ,4 Liguria ,0 Emilia - Romagna ,5 Toscana ,7 Umbria ,5 Marche ,6 Lazio ,8 Abruzzo ,0 Molise ,4 Campania ,2 Puglia ,4 Basilicata ,8 Calabria ,1 Sicilia ,3 Sardegna ,5 Totale Italia ,3 (*) La rilevazione Istat si riferisce a permessi di costruire, Dia e Scia relativi ai nuovi fabbricati residenziali compresi quelli da ricostruire in caso di totale demolizione del fabbricato preesistente. Elaborazione Ance su dati Istat 14

17 MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Regione (*) 2000 COMPRAVENDITE DI UNITA' IMMOBILIARI AD USO ABITATIVO (Totale) - Numero 2012 I sem var.% rispetto allo stesso periodo dell'anno prec. I Trim II Trim I Trim Var. % cumulata 2012 rispetto al picco Piemonte ,0-7,4-9,7-47,1 Valle D'Aosta ,3 8,6-0,5-40,8 Lombardia ,8-10,4-13,0-51,3 Veneto ,6-9,7-12,0-54,1 Friuli Venezia Giulia ,2 1,8-0,1-52,8 Liguria ,5-6,7-11,0-47,5 Emilia- Romagna ,0-2,8-9,3-55,8 Toscana ,1-11,2-13,0-51,0 Umbria ,9-8,4-14,9-47,1 Marche ,4-15,9-19,0-54,0 Lazio ,8-9,5-12,5-45,3 Abruzzo ,4-9,5-14,3-51,0 Molise ,8-11,5-4,8-43,0 Campania ,5-9,1-8,3-43,0 Puglia ,3-6,7-6,5-44,7 Basilicata ,6-26,5-14,4-38,7 Calabria ,9-14,4-15,6-39,1 Sicilia ,3-11,6-13,4-49,3 Sardegna ,1-12,9-14,4-47,7 Totale Italia ,2-9,3-11,6-48,9 (*) Sono escluse le province di Trento, Bolzano, Trieste e Gorizia, poiché gli Uffici di pubblicità immobiliare, dove vengono conservate le note di trascrizione degli atti di compravendita, sono gestiti dalle rispettive province. Elaborazione Ance su dati dell'agenzia dell'entrate 15

18 CASE IN AFFITTO ABITAZIONI PER TITOLO DI GODIMENTO Anno Composizione % 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Prov.Auton.Bolzano Campania Umbria Valle d'aosta Piemonte Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Lombardia Lazio Prov.Auton.Trento Veneto Marche Calabria Puglia Sardegna Sicilia Basilicata Abruzzo Molise Italia 32,1 28,0 23,7 22,8 21,5 21,0 20,9 20,4 18,7 18,6 17,4 16,5 16,4 15,7 15,2 14,0 12,6 12,2 11,1 10,6 8,2 18,3 67,9 72,0 76,3 77,2 78,5 79,0 79,1 79,6 81,3 81,4 82,6 83,5 83,6 84,3 84,8 86,0 87,4 87,8 88,9 89,4 91,8 81,7 abitazione in affitto abitazione di proprietà Elaborazione Ance su dati Istat 16

19 DOMANDA DI MOBILITÀ ABITATIVA DOMANDA DI MOBILITA' ABITATIVA DELLE FAMIGLIE NEL NORD OVEST NEL 2012 Numero % sul totale famiglie DOMANDA DI MOBILITA' ABITATIVA DELLE FAMIGLIE NEL NORD EST NEL 2012 Numero % sul totale famiglie Famiglie che hanno cambiato abitazione ,1% Famiglie che hanno cambiato abitazione ,8% Famiglie che hanno preso in considerazione la possibilità di cambiare abitazione ,6% Famiglie che hanno preso in considerazione la possibilità di cambiare abitazione ,0% Elaborazione Ance su dati Istat - Indagine multiscopo delle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" Elaborazione Ance su dati Istat - Indagine multiscopo delle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" DOMANDA DI MOBILITA' ABITATIVA DELLE FAMIGLIE NEL CENTRO NEL 2012 DOMANDA DI MOBILITA' ABITATIVA DELLE FAMIGLIE NEL SUD NEL 2012 Numero % sul totale famiglie Numero % sul totale famiglie Famiglie che hanno cambiato abitazione ,3% Famiglie che hanno cambiato abitazione ,4% Famiglie che hanno preso in considerazione la possibilità di cambiare abitazione ,7% Famiglie che hanno preso in considerazione la possibilità di cambiare abitazione ,7% Elaborazione Ance su dati Istat - Indagine multiscopo delle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" Elaborazione Ance su dati Istat - Indagine multiscopo delle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" DOMANDA DI MOBILITA' ABITATIVA DELLE FAMIGLIE NELL'ITALIA INSULARE NEL 2012 Numero % sul totale famiglie DOMANDA DI MOBILITA' ABITATIVA DELLE FAMIGLIE IN ITALIA NEL 2012 Numero % sul totale famiglie Famiglie che hanno cambiato abitazione ,3% Famiglie che hanno cambiato abitazione ,0% Famiglie che hanno preso in considerazione la possibilità di cambiare abitazione ,9% Elaborazione Ance su dati Istat - Indagine multiscopo delle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" Famiglie che hanno preso in considerazione la possibilità di cambiare abitazione ,8% Elaborazione Ance su dati Istat - Indagine multiscopo delle famiglie "Aspetti della vita quotidiana" 17

20 CREDITO Regione FLUSSO DI NUOVI MUTUI ALLE FAMIGLIE PER L'ACQUISTO DELL'ABITAZIONE I sem 2013 Piemonte 4.734, ,4 837,3-58,7-19,3 Valle D'Aosta 108,4 57,6 25,3-46,8-11,5 Liguria 2.050,1 770,4 344,5-62,4-15,9 Lombardia , , ,1-61,5-19,0 Trentino A.A. 893,2 576,9 283,1-35,4 12,5 Veneto 5.665, ,1 918,6-59,2-21,5 Friuli V.G ,0 550,4 230,7-56,6-16,0 Emilia Romagna 6.308, ,8 987,1-68,8-2,5 Marche 1.616,2 510,6 206,9-68,4-20,3 Toscana 4.381, ,1 773,2-60,4-18,7 Umbria 721,5 286,0 116,6-60,4-25,3 Lazio 7.459, , ,2-56,9-16,3 Campania 3.229, ,8 537,5-57,0-34,8 Abruzzo 938,6 379,0 136,0-59,6-34,2 Molise 145,2 52,8 26,1-63,6 2,6 Puglia 2.601, ,5 512,3-60,9-8,4 Basilicata 186,6 82,9 31,8-55,5-30,5 Calabria 753,4 277,5 111,9-63,2-23,3 Sicilia 2.890, ,7 448,7-64,0-22,8 Sardegna 1.128,3 539,6 183,0-52,2-38,2 Italia , , ,8-60,6-18,3 Elaborazione Ance su dati Banca d'italia Var.% 2012/2007 Var.% I sem. 2013/ I sem

21 BANDI DI GARA BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI PUBBLICATI - Totale Regioni var.% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente Piemonte ,9-15,2-7,8 22,4 Valle D'Aosta ,4-25,0-17,6-8,1 Lombardia ,2-36,1-0,6 14,1 Trentino Alto Adige ,0-36,2-15,1 119,3 Veneto ,9 90,7 0,4-64,4 Friuli Venezia Giulia ,6-23,5 12,6 21,9 Liguria ,0-11,6-4,1-8,7 Emilia - Romagna ,5-21,8-16,4-26,5 Toscana ,3-11,4-0,6 3,7 Umbria ,1-25,9-10,6-8,4 Marche ,8-48,0 42,5 44,0 Lazio ,4-75,6 23,8 6,2 Abruzzo ,6-52,1 30,0 126,3 Molise ,3-59,2 12,5 88,5 Campania ,5 19,0-3,1-16,0 Puglia ,1 0,9 15,7-13,9 Basilicata ,6-57,8-10,1 57,8 Calabria ,4-40,7-9,7 39,0 Sicilia ,0-39,0-4,8 32,2 Sardegna ,5 46,4-20,1-45,2 Non Ripartibili ,7-65,4 33,6-64,9 Totale Italia ,0-29,6-2,0-8,5 Il dl 70/2011, convertito in legge il 12 luglio 2011 (n.106), ha elevato da a 1 milione di la soglia di importo entro la quale è consentito affidare appalti mediante procedura negoziata (senza pubblicazione del bando). Elaborazione Ance su dati Infoplus 19

22 BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI PUBBLICATI - Fino a 50 Regioni var.% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente Piemonte ,9-11,4-7,9-13,7 Valle D'Aosta ,4-25,0-17,6-8,1 Lombardia ,7-22,6-0,8 7,3 Trentino Alto Adige ,3 6,2-17,6-21,1 Veneto ,7 14,9 0,4-8,7 Friuli Venezia Giulia ,7-9,1 12,6 29,6 Liguria ,0-11,6-4,1-8,7 Emilia - Romagna ,5-1,0-16,4-30,6 Toscana ,5 4,4-0,8-1,7 Umbria ,1-25,9-10,6-8,4 Marche ,6-38,8 41,4-13,7 Lazio ,2-42,4 23,9 36,4 Abruzzo ,6-52,1 30,0 126,3 Molise ,6-10,4 12,5 88,5 Campania ,5-12,1-3,1 27,1 Puglia ,3-9,6 16,0 5,6 Basilicata ,9-35,6-10,6-4,1 Calabria ,9 41,9-9,8 7,1 Sicilia ,0-19,0-4,9-9,5 Sardegna ,2-1,0-19,7-22,2 Non Ripartibili ,7-34,2 38,8 20,4 Totale Italia ,9-14,2-2,1 2,5 Il dl 70/2011, convertito in legge il 12 luglio 2011 (n.106), ha elevato da a 1 milione di la soglia di importo entro la quale è consentito affidare appalti mediante procedura negoziata (senza pubblicazione del bando). Elaborazione Ance su dati Infoplus 20

23 BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI PUBBLICATI - Oltre i 50 Regioni var.% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente Piemonte ,0-45,6 100,0 488,9 Valle D'Aosta Lombardia ,3-54,8 60,0 30,3 Trentino Alto Adige ,0-100,0 n.s. n.s. Veneto ,0 157,7 0,0-86,4 Friuli Venezia Giulia ,0-53,8 0,0-10,1 Liguria Emilia - Romagna ,0-81,4 0,0 36,1 Toscana ,0-56,3 100,0 40,4 Umbria Marche ,0-100,0 n.s. n.s. Lazio ,0-89,1 0,0-58,7 Abruzzo Molise ,0-100,0 - - Campania ,0 101,0-50,0-65,5 Puglia ,0 107,3-100,0-100,0 Basilicata ,0-100,0 n.s. n.s. Calabria ,0-100,0 n.s. n.s. Sicilia ,7-88,7 300,0 779,1 Sardegna ,0 178,2-75,0-68,0 Non Ripartibili ,0-71,0-100,0-100,0 Totale Italia ,1-48,5 12,9-30,9 Il dl 70/2011, convertito in legge il 12 luglio 2011 (n.106), ha elevato da a 1 milione di la soglia di importo entro la quale è consentito affidare appalti mediante procedura negoziata (senza pubblicazione del bando). Elaborazione Ance su dati Infoplus 21

24 RISCHIO IDROGEOLOGICO L ELEVATA CRITICITÀ IDROGEOLOGICA NELLE REGIONI ITALIANE 2013 Superficie territoriale* (kmq) Numero di comuni* Popolazione residente** Famiglie residenti** Numero % su totale Numero % su totale Numero % su totale Numero % su totale Campania , , Emilia Romagna , , , ,5 Lombardia , , , ,8 Piemonte , , ,7 Veneto , , , ,7 Toscana , , , ,7 Lazio , , , ,2 Puglia , , , ,5 Marche , , , ,4 Friuli Venezia Giulia , , , ,5 Calabria , , ,8 Trentino-Alto Adige , , , ,8 Liguria 471 8, , , ,5 Abruzzo 901 8, , , ,6 Umbria , , ,6 Molise , , ,4 Sicilia 830 3, , , ,1 Sardegna 614 2, , , ,2 Basilicata 540 5, , ,4 Valle d'aosta ITALIA , , , ,5 Fonte: Ance-Cresme "Rapporto sullo stato del rischio del territorio italiano 2013", febbraio 2014 * Delimitazione territoriale fornita dal Ministero dell Ambiente 2008 **Stima fatta a partire dai dati sulla popolazione pubblicati da ISTAT nel Bilancio demografico ISTAT 2013 (dato relativo al 31/12/2012) allineato con il XV Censimento della Popolazione (2011). 22

25 PATRIMONIO RESIDENZIALE NELLE AREE AD ELEVATA CRITICITÀ IDROGEOLOGICA 2013 Abitazioni Edifici Numero % su totale Numero % su totale Campania , ,4 Emilia-Romagna , ,7 Piemonte , ,3 Lombardia , ,9 Veneto , ,3 Toscana , ,4 Lazio , ,5 Puglia , ,3 Calabria , ,8 Friuli-V.G , ,2 Trentino-Alto Adige , ,9 Liguria , ,6 Marche , ,3 Abruzzo , ,0 Umbria , ,6 Molise , ,1 Sicilia , ,0 Sardegna , ,2 Valle d'aosta , ,0 Basilicata , ,3 ITALIA , ,3 Fonte: Ance-Cresme "Rapporto sullo stato del rischio del territorio italiano 2013", febbraio

26 RISORSE PER RIDURRE IL RISCHIO IDROGEOLOGICO GLI INTERVENTI PROGRAMMATI NEGLI ACCORDI DI PROGRAMMA REGIONI-MATTM Regione Importo Milioni di Numero interventi Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia - Romagna Friuli - Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Umbria Valle d Aosta Veneto TOTALE Elaborazione Ance su dati ReNDIS WEB - Ispra 24

27 RISCHIO SISMICO L ELEVATO RISCHIO SISMICO NELLE REGIONI ITALIANE 2012 Superficie territoriale (kmq) Numero di comuni Popolazione residente 2010* Famiglie residenti 2010* Numero % su totale Numero % su totale Numero % su totale Numero % su totale Piemonte Valle d'aosta Lombardia 829 3,5 41 2, , ,6 Trentino-Alto Adige Veneto , , ,1 Friuli-Venezia Giulia , , , ,8 Liguria Emilia-Romagna , , , ,9 Toscana , , ,9 Umbria , , ,2 Marche , , ,2 Lazio , , , ,4 Abruzzo , , , ,8 Molise , , , ,4 Campania , , , Puglia , , , ,6 Basilicata , , ,1 Calabria Sicilia , , ,5 Sardegna ITALIA , , ,1 Fonte: Ance-Cresme "Lo stato del territorio italiano Insediamento e rischio sismico e idrogeologico", ottobre 2012 *I dati ISTAT relativi al 31 dicembre 2010 sono gli ultimi disponibili 25

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario... 3 Mercato immobiliare residenziale...

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Gennaio. Aprile 2015 223 187 36 82 34 48 305. In occasione. di lavoro. di trasporto 48. di lavoro Senza mezzo In itinere. mezzo di trasporto 34

Gennaio. Aprile 2015 223 187 36 82 34 48 305. In occasione. di lavoro. di trasporto 48. di lavoro Senza mezzo In itinere. mezzo di trasporto 34 OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE 1 Condannati definitivi Per di e per Durata della Pena Residua Situazione al 13/05/2010 Fino a 1 anno Da 1 a 2 Durata della pena residua Da 2 a 3 Da 3 a 5 Da 5 a 10 Da 10 a 20 Da 20 in poi Ergastolo Totale

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Andamento delle procedure di rilascio di immobili ad uso abitativo.

Andamento delle procedure di rilascio di immobili ad uso abitativo. Cod. ISTAT INT 00004 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Giustizia Andamento delle procedure di rilascio di immobili ad uso abitativo. Titolare: Dipartimento per le

Dettagli

La Rete Ferroviaria FS oggi

La Rete Ferroviaria FS oggi LOMBARDIA Estensione complessiva linee: 1569 km Binario semplice: 57% Binario doppio: 42% Not defined: 1% BEM 16% BCA 46% ALT 4% BA/BAB 34% DC 36% DL 28% CTC 36% Elettrica: 82% Diesel: 18% PIEMONTE Estensione

Dettagli

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà Separazione e Divorzio: alcuni dati a confronto sui principali recenti cambiamenti in Provincia di Trento e nel resto d Italia a cura di Marco Brusegan Il

Dettagli

Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso

Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso BOOK 2014 DELLA MEDIAZIONE E DEL CONTENZIOSO (IMPOSTE SUI REDDITI, IVA, IRAP, IMPOSTA DI REGISTRO ED ALTRI TRIBUTI INDIRETTI) FLUSSO ISTANZE DI MEDIAZIONE - Settore entrate Periodo di riferimento: 2013-2014

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO Procedura di selezione per l affidamento in concessione dell esercizio dei giochi pubblici di cui all articolo

Dettagli

RILEVAZIONE DATI ANNO 2011 - ABRUZZO. GG fruiti da persona disabile per se stesso

RILEVAZIONE DATI ANNO 2011 - ABRUZZO. GG fruiti da persona disabile per se stesso RILEVAZIONE DATI ANNO 2011 - ABRUZZO * non Presidenza del Consiglio dei Ministri e Ministeri 164 102 62% 1.850 2.964,33 44.429 8.424,26 46.492 11.446,22 3.116 Organi costituzionali e di rilievo costituzionale

Dettagli

RILEVAZIONE DATI ANNO 2012 - ABRUZZO. GG fruiti da persona disabile per se stesso

RILEVAZIONE DATI ANNO 2012 - ABRUZZO. GG fruiti da persona disabile per se stesso RILEVAZIONE DATI ANNO 2012 - ABRUZZO * non Presidenza del Consiglio dei Ministri e Ministeri 182 84 68% 1.963 1.952,74 47.153 6.668,45 49.144 8.621,19 3.159 Organi costituzionali e di rilievo costituzionale

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati

COMUNICATO STAMPA. Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati I dati del 5 report settimanale Il primo maggio 2014 è partita ufficialmente la Garanzia Giovani.

Dettagli

STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL 1 TRIMESTRE 2014

STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL 1 TRIMESTRE 2014 STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL TRIMESTRE 0 Nei primi tre mesi del 0 sono già le persone che si sono tolte la vita per motivazioni economiche, rispetto ai

Dettagli

Scuola infanzia e primaria

Scuola infanzia e primaria Scuola infanzia e primaria Definizione della disponibilità per i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in scienze della formazione primaria La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario. Direzione Studi e Ricerche

Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario. Direzione Studi e Ricerche Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario Direzione Studi e Ricerche Milano, 30 Marzo 2016 Agenda 1 Importanza e specificità dell agroalimentare italiano 2 Il lattiero caseario

Dettagli

Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013

Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013 Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013 Competitività, internazionalizzazione e turismo: la Puglia nel contesto globale Laura Leoni Istat Direzione

Dettagli

Provincia di Monza e della Brianza

Provincia di Monza e della Brianza Provincia di Monza e della Brianza Comune di Lissone Via Gramsci Città di Lissone Comune di Lissone Sala Consiliare Città di Lissone Piazza IV Novembre Città di Lissone Biblioteca Civica Piazza IV Novembre

Dettagli

Le statistiche dell'istat sull'acqua: i dati del territorio

Le statistiche dell'istat sull'acqua: i dati del territorio Le statistiche dell'istat sull'acqua: i dati del territorio Carlo Declich ISTAT Ufficio territoriale per il Veneto e il Friuli Venezia Giulia 9 giugno 2015, Palazzo Moroni, Padova Le fonti dei dati ISTAT

Dettagli

Rapporto Epidemiologico InfluNet

Rapporto Epidemiologico InfluNet Casi per 1.000 assistiti Rapporto Epidemiologico InfluNet Settimana 2016-05 Il rapporto presenta i risultati nazionali e regionali relativi alla sorveglianza epidemiologica dell influenza, elaborati dal

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

le implicazioni sul territorio

le implicazioni sul territorio Napoli, 08 11 settembre 2010 l hinterland milanese tra sregolazione e illegalità la mafia le implicazioni sul territorio Intenso sviluppo edilizio svincolato dall andamento demografico che genera offerta

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Il censimento della popolazione straniera

Il censimento della popolazione straniera 19 dicembre 2012 Il censimento della popolazione straniera Nel corso dell ultimo decennio la popolazione straniera residente in Italia è triplicata: da poco più di 1 milione e 300 mila persone nel 2001

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

La spesa turistica nelle regioni italiane 2000-2014

La spesa turistica nelle regioni italiane 2000-2014 La spesa turistica nelle regioni italiane 2000- Andrea Alivernini XVI Conferenza CISET L Italia e il turismo internazionale Risultati e tendenze per incoming e outgoing nel 2015 dai dati Banca d Italia

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI I BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI I BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI I BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN ITALIA Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 2015 Sommario I BANDI DI GARA PER

Dettagli

Carta d identità. Delta 2012-2011 % Perimetro GRI KPI UM 2012 2011 2010 GENERAZIONE

Carta d identità. Delta 2012-2011 % Perimetro GRI KPI UM 2012 2011 2010 GENERAZIONE Carta d identità GRI KPI UM 2012 2011 2010 EU1 EU2 GENERAZIONE Capacità installata Potenza efficiente netta per fonte energetica primaria Potenza efficiente netta termoelettrica (MW) 56.559 57.059 57.222-500

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

I giovani Neet registrati

I giovani Neet registrati Roma, 24 Ottobre 2014 - L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 23 ottobre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 262.171 giovani, di questi il 51% (134.071 giovani) lo ha fatto

Dettagli

EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO

EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO Turismo e commercio, Osservatorio Confesercenti. Continua la crisi: nei primi 4 mesi dell anno persi 1,8 miliardi di vendite e chiuse 45mila imprese. Crescono solo gli ambulanti

Dettagli

INFORMATORE STATISTICO CAMPANO

INFORMATORE STATISTICO CAMPANO Sistema informativo territoriale INFORMATORE STATISTICO CAMPANO SUPPLEMENTO 2007 Anno 3-2007 Iscr.Trib.Salerno n 913 del 07-03-1995 Servizio Statistica Supporto alle decisioni Assessore all'università

Dettagli

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014 La storia Lettera Presidente Renzi; 1650 Comuni segnalano oltre 3300 richieste. (insieme eterogeneo) Incarico a DIPE per inizio istruttoria sui finanziamenti del DL DPCM 28/10 su allentamento Patto di

Dettagli

ESEMPI DI COMPILAZIONE DEI PROSPETTI ST ED SX DEL MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO

ESEMPI DI COMPILAZIONE DEI PROSPETTI ST ED SX DEL MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO ESEMPI DI COMPILAZIONE DEI PROSPETTI ST ED SX DEL MODELLO 770/ SEMPLIFICATO Provv. Dir. Gen. Entrate.0. ESEMPI DI COMPILAZIONE Esempio n. Retribuzioni erogate entro il.0. (criterio di cassa allargato)

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 1 aprile 201 1. CAMPIONATI NAZIONALI - SPORT DI SQUADRA AMMISSIONE ALLE FINALI NAZIONALI E COMPOSIZIONE DELLE FASI INTERREGIONALI - Under 14, Allievi, Juniores, Top Junior,

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013 Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA Situazione al 30 Aprile 2013 1 INDICE - 1 1. Le amministrazioni partecipanti Slide 4 New entries del mese Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito a MLF Numero

Dettagli

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA novembre 2014 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273223 273224 - fax +39 0432 512408 - email: unioncamerefvg@ud.camcom.it Le differenze di genere

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 -

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 - - 2 - - 3 - - 4 - - 1 - 1 Art. 9 comma 1 del D.L. 31 dicembre 2007 n. 248, convertito in legge 28 febbraio 2008 n. 31-2 - - 3 - - 4 - - 5 - - 6 - - 7 - - 8 - - 9 - - 10 - Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015 Il mercato delle case per vacanza Roma, 29 luglio 2015 Previsioni di crescita del PIL (variazioni %) 2013 2014 2015 2016 Mondo 3,3 3,3 3,1 3,8 STATI UNITI

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

LE BANCHE DATI DELL INAIL e un focus sugli infortuni sul lavoro con mezzo di trasporto

LE BANCHE DATI DELL INAIL e un focus sugli infortuni sul lavoro con mezzo di trasporto LE BANCHE DATI DELL INAIL e un focus sugli infortuni sul lavoro con mezzo di trasporto Andrea Bucciarelli Mantova, 16 novembre 2015 Indice: - Alcuni dei canali informativi on-line sui dati Inail - Open

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

1 - caratteristiche del prodotto 2 - caratteristiche del circuito 3 - modalità di utilizzo 4 - alcuni clienti

1 - caratteristiche del prodotto 2 - caratteristiche del circuito 3 - modalità di utilizzo 4 - alcuni clienti 1 - caratteristiche del prodotto 2 - caratteristiche del circuito 3 - modalità di utilizzo 4 - alcuni clienti 2007 Jakala Promoplan. Tutti i diritti riservati. 2 1. CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1/4 COS

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

La Lombardia è la regione con il numero maggiore di imprese attive (circa 803.000): la metà sono imprese individuali, ¼ sono società di capitale e ¼

La Lombardia è la regione con il numero maggiore di imprese attive (circa 803.000): la metà sono imprese individuali, ¼ sono società di capitale e ¼ Analisi di settore Questo documento è un analisi sintetica sulle caratteristiche delle imprese italiane suddivise nei principali settori merceologici. L analisi è realizzata da CRIBIS.it con l ausilio

Dettagli

chimica di base risultati delle indagini settoriali Ministero del Lavoro

chimica di base risultati delle indagini settoriali Ministero del Lavoro Ministero del Lavoro Organismo Bilaterale Nazionale per la Formazione indagine nazionale sui fabbisogni formativi risultati delle indagini settoriali chimica di base PARTE B giugno 2000 indice parte A

Dettagli

Roma, 22 luglio 2006. Ufficio Stampa. Che cosa caratterizza le sue vacanze estive?

Roma, 22 luglio 2006. Ufficio Stampa. Che cosa caratterizza le sue vacanze estive? Ufficio Stampa Roma, 22 luglio 2006 Che cosa caratterizza le sue vacanze estive? il riposo 27 26 26 le passeggiate 15 13 10 la tintarella 7 8 10 il divertimento 1 1 10 la visita a musei e beni culturali

Dettagli

SCHEDA STAMPA a cura dell ufficio Comunicazione e Stampa FRENA LA CRISI MA PER CRESCERE SERVE L ACCELERATORE

SCHEDA STAMPA a cura dell ufficio Comunicazione e Stampa FRENA LA CRISI MA PER CRESCERE SERVE L ACCELERATORE SCHEDA STAMPA a cura dell ufficio Comunicazione e Stampa FRENA LA CRISI MA PER CRESCERE SERVE L ACCELERATORE EDILIZIA: 2015, SI ATTENUA LA CADUTA MA IL SETTORE NON E ANCORA FUORI DALLA CRISI La crisi continua

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

Utenti di veicoli a 2Ruote coinvolti in incidente stradale per localizzazione e conseguenza dell incidente Anno 2012

Utenti di veicoli a 2Ruote coinvolti in incidente stradale per localizzazione e conseguenza dell incidente Anno 2012 Utenti di veicoli a 2Ruote coinvolti in incidente stradale per localizzazione e conseguenza dell incidente Anno 2012 Motociclisti Ciclisti Conducenti e passeggeri di Ciclomotori Localizzazione 2012 2012

Dettagli

1. LA CONGIUNTURA MONDIALE

1. LA CONGIUNTURA MONDIALE http://www.enit.it/it/studi.html IL TURISMO STRANIERO IN ITALIA A cura della Direzione Centrale Programmazione e Comunicazione 1. LA CONGIUNTURA MONDIALE I flussi turistici internazionali continuano a

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16/11/1995 Ripartizione di contributi a carico del bilancio dello Stato e relativi all'annualita' 1994 per la realizzazione dei piani di cui all'art.

Dettagli

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris. 2015 MARZO Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.it L opinione degli italiani: L UTILIZZO DEL TRASPORTO PUBBLICO IL CAMPIONE

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

Prospetto 4.1. Pesi per unità di volume dei principali materiali strutturali

Prospetto 4.1. Pesi per unità di volume dei principali materiali strutturali 4.PESI PROPRI DEI MATERIALI STRUTTURALI. I pesi per unità di volume dei più comuni materiali, per la determinazione dei pesi propri. strutturali, possono essere assunti pari a quelli riportati nel prospetto

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

I prezzi delle case italiane aumentano dello 0,3% a gennaio, ma calano a Roma

I prezzi delle case italiane aumentano dello 0,3% a gennaio, ma calano a Roma I prezzi delle case italiane aumentano dello 0,3% a gennaio, ma calano a Roma Dopo la modesta accelerazione di gennaio, il prezzo medio delle case di seconda mano si attesta a 1.979 euro/m 2 Rispetto allo

Dettagli

VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA

VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA Mattone Misura dell appropriatezza GdLA 26 Settembre 2006 VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA QUESITI DELLA RICERCA Qual è stato l impatto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

Le azioni di Italia Lavoro a supporto dell allargamento della rete dei servizi

Le azioni di Italia Lavoro a supporto dell allargamento della rete dei servizi Area Servizi per il Lavoro Progetto PON Qualificazione dei servizi per il lavoro e supporto alla governance regionale Le azioni di Italia Lavoro a supporto dell allargamento della rete dei servizi Paola

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA COMITATO PERMANENTE PER LA VERIFICA DELL EROGAZIONE

Dettagli

1 SEM. X Anno di riferimento: 2013 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. ANNO Intero 1/41

1 SEM. X Anno di riferimento: 2013 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. ANNO Intero 1/41 S/A Tempo di attivazione dei servizi di accesso ad internet a banda larga Servizi di accesso ad internet a banda larga su linee telefoniche attive Servizi di accesso ad internet a banda larga su nuove

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

Efficienza Energetica: la soluzione 55%

Efficienza Energetica: la soluzione 55% Efficienza Energetica: la soluzione 55% Ing. GIAMPAOLO VALENTINI Coordinatore Gruppo di Lavoro Efficienza Energetica La Villa, 29 marzo 2009 L OBIETTIVO 20-20 20-20 La proposta della Commissione Europea

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Analisi del traffico sulla direttrice S.Vittore (A1) Termoli (A24) con diramazione per Foggia. scala regionale

Analisi del traffico sulla direttrice S.Vittore (A1) Termoli (A24) con diramazione per Foggia. scala regionale Analisi del traffico sulla direttrice S.Vittore (A1) Termoli (A24) con diramazione per Foggia Analisi del traffico sulla direttrice S.Vittore (A1) Termoli (A24) con diramazione per Foggia Costruzione del

Dettagli