COMUNITA BENTONICHE DEI FONDI MOBILI DEI MARI DI TARANTO (MAR IONIO): I MOLLUSCHI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNITA BENTONICHE DEI FONDI MOBILI DEI MARI DI TARANTO (MAR IONIO): I MOLLUSCHI"

Transcript

1 Biol. Mar. Medit. (2004), 11 (2): Dipartimento di Zoologia, Università degli Studi di Bari, Via Orabona, Bari, Italia. COMUNITA BENTONICHE DEI FONDI MOBILI DEI MARI DI TARANTO (MAR IONIO): I MOLLUSCHI SOFT BOTTOM COMMUNITIES OF THE TARANTO SEAS (IONIAN SEA): MOLLUSCS Abstract The analysis of the distribution of benthic molluscs in the Taranto seas (Ionian Sea) allowed to recognize three different communities. The first is present in the Mar Piccolo basin; it is characterized by muddy-sand bottoms, dominated by the bivalve Corbula gibba. The second one is present along the coasts of Mar Grande basin and is characterized by muddy matte of Posidonia oceanica with the presence of species with a wide ecological niche, like the scafopod Antalis inaequicostatus and the bivalve Paphia aurea. The third community is present in the central area of Mar Grande basin, with a facies of the gastropod Turritella communis on terrigenous muddy bottom. Key-words: mollusca, Taranto seas, Ionian Sea, benthos. Introduzione Nell ambito del progetto di ricerca SPICAMAR (Studio Pilota per la Caratterizzazione di Aree Marine A Rischio), affidato al CoNISMa dal MIUR, l Unità di Ricerca dell Università degli Studi di Bari ha svolto un indagine quali-quantitativa mirata a definire le biocenosi dei fondi mobili dei mari di Taranto (Mar Piccolo e Mar Grande) Il popolamento a molluschi presente nell area di studio, già lungamente studiato (Panetta, 1976; 1977; 1980; 1981; Panetta e Dell Angelo, 1975; Tursi et al., 1974), è stato scelto come descrittore efficace delle comunità bentoniche presenti, in quanto fortemente legato alla natura e alle caratteristiche del sedimento su cui si instaura (Gambi et al., 1982). Materiali e metodi Nel giugno 2002 è stato effettuato un campionamento quantitativo mediante benna Van Veen (superficie di presa di circa 0,1 m 2 e volume di circa 0,02 m 3 ), in 62 stazioni distribuite nell ambito dei Mari di Taranto (Fig. 1), per un totale di 186 bennate (62 3 repliche). Gli organismi raccolti sono stati fissati in una soluzione di acqua di mare e formalina al 5% e portati in laboratorio per la loro successiva identificazione. La nomenclatura delle suddette specie è stata aggiornata secondo il nuovo catalogo SIM delle conchiglie marine del Mediterraneo (Chiarelli, 1999) Per ogni stazione è stata altresì annotata, su base macroscopica, la tipologia di fondale su cui veniva effettuato il campionamento. I dati raccolti (medie delle abbondanze specifiche) per stazione, dopo trasformazione logaritmica (log(x+1)), sono stati raggruppati mediante cluster analysis, a partire da una matrice di similarità di Bray Curtis, utilizzando il software PRIMER 5 (Plymouth Routines In Multivariate

2 456 Ecological Research) (Clark e Warwick, 2001). I raggruppamenti di stazioni, evidenziati dalle cluster analysis, sono stati inoltre sottoposti al test di similarità inserito nella procedura ANOSIM del suddetto software (PRIMER 5). Dall analisi sono state escluse le stazioni che presentavano un numero medio di esemplari inferiore o uguale a 2. Inoltre per ciascun raggruppamento sono state calcolate, le frequenze relative (n i /N) per specie. Fig. 1 - Area di studio (Mar Grande e Mar Piccolo), con indicazione delle stazioni di campionamento (giugno 2002). Map of the study area (Mar Grande and Mar Piccolo of Taranto), with indication of the sampling stations (June 2002). Infine sono stati calcolati, per ciascun raggruppamento di stazioni, gli indici di diversità specifica (H ) (Shannon e Weaver, 1949) e di equitabilità o evenness (J) (Pielou, 1966), come media degli indici calcolati per le singole stazioni appartenenti a ciascun gruppo. Risultati I molluschi rappresentano, all interno dell area studiata, un importante componente faunistica, sia per numero totale di specie bentoniche rinvenute (38,34%) sia per numero di esemplari campionati (43,18%). In totale sono stati raccolti 1309 individui vivi appartenenti a 49 specie.

3 Comunità dei fondi mobili dei Mari di Taranto: i Molluschi 457 L analisi dei clusters (Fig. 2) ha evidenziato la presenza di tre raggruppamenti principali: il primo (I), in cui si aggregano le stazioni di campionamento localizzate per lo più nei due seni del Mar Piccolo e appena al di fuori di tale area; il secondo (II), in cui si aggregano la maggior parte delle stazioni posizionate lungo i versanti nord occidentale ed orientale del Mar Grande; e il terzo (III), rappresentato dalle stazioni localizzate, per lo più, al centro del Mar Grande laddove è presente il cosiddetto Canalone in cui si raggiunge la profondità massima di 42 m. I tre raggruppamenti sono risultati significativamente differenti (global R = 0,834; p<0,001). In particolare, il raggruppamento III risulta maggiormente distinto dagli altri due, evidenziando un valore di R pari a 1 se confrontato con il gruppo I e pari a 0,85 se confrontato con il gruppo II (Pairwise test). Il confronto tra i raggruppamenti I e II ha mostrato un R pari a 0,75. Fig. 2 - Dendrogramma delle stazioni di campionamento, con indicazione dei tre raggruppamenti principali (I, II, III) classificati mediante cluster analysis. Dendrogram of stations sampled by grab, with indication of the main clusters (I, II, III) identified by the cluster analysis. Le stazioni 15 e 40 non si aggregano nei 3 gruppi individuati in quanto caratterizzate dall abbondanza di una sola specie Bittium latreilli e Musculista senhousia rispettivamente. I valori medi degli indici H e J, per il I e III raggruppamento di stazioni hanno evidenzito una ridotta diversità specifica ed una scarsa omogeneità, il II raggruppamento mostra dei valori medi degli indici più elevati (Tab. 2).

4 458 Tab. 1 - Dominanze quantitative (ni/n*100) delle specie di molluschi rinvenute nei tre raggruppamenti di stazioni evidenziati dalla cluster analysis (I, II e III). Quantitative dominances (ni/n*100) of the mollusc species sampled in the three groups of stations identified by the cluster analysis (I, II, III). ni/n (%) specie I II III POLYPLACOPHORA Ischnochiton rissoi (Payraudeau, 1826) 0,24 GASTROPODA Tricolia tenuis (Michaud, 1829) 0,32 Gibbula ardens (Von Salis, 1793) 0,32 Gibbula magus (Linnè, 1758) 0,55 Jujubinus striatus striatus (Linnè, 1758) 0,24 Cerithium vulgatum Bruguière, ,24 Bittium reticulatum (Da Costa, 1778) 2,61 Turritella communis Risso, ,05 Turritella turbona Monterosato, ,47 Calyptraea chinensis (Linnè, 1758) 1,26 Natica stercusmuscarum (Gmelin, 1791) 0,24 Tectonatica filosa (Philippi, 1845) 1,44 Bolinus brandaris (Linnè, 1758) 0,16 Nassarius pygmaeus (Lamarck, 1822) 0,47 Haminoea navicula (Da Costa, 1778) 0,49 Bulla striata Bruguière, ,39 BIVALVIA Solemya togata (Poli, 1795) 0,24 Nucula nucleus (Linnè, 1758) 0,49 7,35 2,16 Mytilus galloprovincialis Lamarck, ,87 Modiolus barbatus (Linnè, 1758) 0,83 9,40 Modiolarca subpicta (Cantraine, 1835) 0,10 0,63 Musculista senhousia (Benson in Cantor, 1842) 9,13 Chlamys varia (Linnè, 1758) 0,24 Chlamys glabra (Linnè, 1758) 0,32 Loripes lucinalis (Lamarck, 1818) 1,16 0,87 1,44 Anodontia fragilis (Philippi, 1836) 0,32 Glans trapezia (Linnè, 1758) 0,16 Venericardia antiquata (Linnè, 1758) 3,87 Acanthocardia paucicostata (Sowerby G. B. II, 1841) 0,47 Parvicardium exiguum (Gmelin, 1791) 0,29 0,63 Plagiocardium papillosum (Poli, 1795) 0,71 Spisula subtruncatula (Da Costa,1778) 0,24 Tellina balaustina (Linnè, 1758) 0,24 Tellina distorta Poli, ,47 Gastrana fragilis (Linnè, 1767) 0,19 0,95 Abra alba (Wood W., 1802) 3,98 3,24 Psammobia fervensis (Gmelin, 1791) 0,16 Azorinus chamasolen (Da Costa, 1778) 0,47 Pharus legumen (Linnè, 1767) 0,16 Venus verrucosa Linnè, ,15 0,55 Gouldia minima (Montagu, 1803) 2,69 Pitar rudis (Poli, 1795) 0,87 11,14 Paphia aurea (Gmelin, 1791) 2,09 13,03 Corbula gibba (Olivi, 1792) 77,90 7,66 SCAPHOPODA Antalis inaequicostatum Dautzenberg, ,46 25,59 7,91 Antalis vulgaris Da Costa, ,47 Episiphon rubescens (Deshayes, 1826) 0,24

5 Comunità dei fondi mobili dei Mari di Taranto: i Molluschi 459 Tab. 2 - Media degli indici di diversità specifica (H ) e di equitabilità (J), calcolati per le singole stazioni appartenenti ai gruppi (I, II, III) discriminati dalla cluster analysis. Mean of Shannon (H ) and Evenness (J) indexes, calculated for the each stations belonging to three different groups (I, II, III) distinguished by cluster analysis. H' ± dev. sta. J ± dev. sta. I 0,47±0,42 0,43±0,32 II 1,57±0,51 0,87±0,08 III 0,33±0,33 0,38±0,36 Conclusioni L analisi della composizione specifica dei tre gruppi di stazioni ha permesso di evidenziare altrettanti popolamenti bentonici all interno dell area di studio. Il primo, evidenziato dal raggruppamento I, risulta caratterizzato da un fondale sabbio-fangoso in cui domina il bivalve Corbula gibba (77,9%). Questa specie, ad ampia valenza ecologica, ben si adatta ai fondali sabbio-fangosi e alle instabili condizioni presenti nell area (periodica anossia estiva). In tale area, inoltre, è rilevante la presenza del bivalve alloctono Musculista senhousia (9,1%) (Tab. 1). Il secondo popolamento, evidenziato dal raggruppamento II, è caratterizzato da un fondale a matte morta di Posidonia infangata, in cui risultano abbondanti specie misticole come Antalis inaequicostatum (25,6%) e Nucula nucleus (7,4%), specie ad ampia valenza ecologica come Corbula gibba (7,7%) e specie eurialine come Paphia aurea (13,0%). In tale area sono state altresì rinvenute specie tipiche delle biocenosi del Detritico Costiero come Pitar rudis (11,1%) e Plagiocardium papillosum (0,7%), nonchè delle praterie di Posidonia oceanica come Modiolus barbatus (9,4%) e Venus verrucosa (0,6%), a conferma della pregressa presenza di tali biocenosi in Mar Grande (Tursi et al., 1981). Infine il terzo popolamento, evidenziato dal raggruppamento III, evidenzia una facies a Turritella communis (87,1%) caratteristica preferenziale delle biocenosi dei Fanghi Terrigeni Costieri (VTC) (Pérès e Picard, 1964), che in questa area risalgono sino a circa 20 m di profondità a causa della torbidità delle acque (Tab. 1). I valori medi degli indici di diversità e di omogeneità calcolati per il primo e terzo popolamento a molluschi hanno evidenziato chiaramente la minore ricchezza in specie e l abbondanza delle specie vasicole C. gibba e T. communis rispettivamente. Il popolamento a molluschi presente sulla matte infangata mostra valori degli indici più elevati rispetto alle precedenti; ciò è comunque imputabile alla natura del substrato (matte morta) in cui coesistono le caratteristiche dei fondi coerenti e dei fondi mobili (Bello et al., 1982; De Metrio et al., 1980). I valori elevati di deviazione standard ottenuti sia per H che per J, evidenziano, comunque, un elevata variabilità anche all interno delle stazioni appartenenti a ciascun gruppo. Tale variabilità potrebbe essere dovuta al fatto che tali aree sono soggette a un continuo e massiccio infangamento che ne pregiudicherebbe la colonizzazione da parte di una comunità stabile. E da segnalare, infine, il rinvenimento in Mar Piccolo della specie alloctona di origine asiatica M. senhousia che ha ormai invaso gran parte del bacino (Mastrototaro et al., 2003).

6 460 Bibliografia BELLO G., MARANO G., VACCARELLA R. (1982) Molluschi di Matte morta di Posidonia oceanica Délile del litorale barese (Basso Adriatico). Quaderni Ist. Idrobiol. e Acquacolt. G. Brunelli, 2 (3): CHIARELLI S. (1999) Nuovo Catalogo delle conchiglie marine del Mediterraneo. Società Italiana di Malacologia. CLARK K.R., WARWICK R.M. (2001) Change in marine communities: an approach to statistical analysis and interpretation, 2 nd ed. PRIMER-E: Plymouth. DE METRIO G., BELLO G., VACCARELLA R., TERIO E. (1980) - Malacofauna di mattes morte di Posidonia. Atti Soc. Peloritana Sc. Fis. Mat. e Nat., 26: 3-8. GAMBI M. C. FRESI E., GIANGRANDE A. (1982) Descrittori efficaci di comunità bentoniche. Naturalista sicil., S. 4, 6 (Suppl.), 3: MASTROTOTARO F., MATARRESE A., D ONGHIA G. (2003) - Occurence of Musculista senhousia (Mollusca, Bivalvia) in the Taranto seas (Eastern-Central Mediterranean Sea). J. Mar. Biol. Ass. U.K., 83: PANETTA P. (1976) Molluschi raccolti nella zona compresa tra Punta Rondinella e Chiatona (Golfo di Taranto) interessata dagli scarichi industriali dell Italsider campagna Oebalia, 2 (1): PANETTA P. (1977) I Molluschi del litorale tra Chiatona e punta Rondinella (Taranto). Atti Soc. ital. Sci. nat. Museo civ. Stor. Civ. Stor. Nat. Milano, 118 (2): PANETTA P. (1980) Importanza dei molluschi nella definizione delle biocenosi del Mar Grande di Taranto. Mem. Biol. Marina e Oceanogr., (Suppl.) 10: PANETTA P. (1981) I Molluschi del Mar Grande di Taranto (Campagna XI 1977). Quad. Lab. Tecnol. Pesca, 3 (Suppl. 1): PANETTA P., DELL ANGELO B. (1975). I Citri del Mar Piccolo di Taranto. Valenza ecologica dei molluschi. Conchiglie, 11 (3-4): PÉRÈS J.M., PICARD J. (1964) - Nouveau Manuel de Bionomie benthique de la mer Méditerranée. Rec. Trav. Stat. Mar. Endoume, 31 (47): PIELOU E.C. (1966) - The measurement of diversity in different types of biological collections. J. Theoret. Biol., 13: SHANNON C.E., WEAVER W. (1949) The Mathematical Theory of Communication. University of Illinois Press, Urbana: 117 pp. TURSI A., MATARRESE A., PISCITELLI G., GHERANDI M. (1981) Biocenosi del Mar Grande di Taranto. Quad. Lab. Tecnol. Pesca Ancona, 3 (1 Suppl.): TURSI A., PASTRORE M., PANETTA P. (1974) Aspetti ecologici del Mar Piccolo di Taranto: Ascidie, Crostacei Decapodi e Molluschi. Atti del IV Simposio Nazionale sulla Conservazione della Natura, 2:

CATTURE RICORRENTI DI EPINEPHELUS AENEUS (GEOFFROY ST.-HILAIRE, 1809) NEL MAR IONIO: UN ULTERIORE ELEMENTO PER INDIVIDUARE UNA POSSIBILE ZTB?

CATTURE RICORRENTI DI EPINEPHELUS AENEUS (GEOFFROY ST.-HILAIRE, 1809) NEL MAR IONIO: UN ULTERIORE ELEMENTO PER INDIVIDUARE UNA POSSIBILE ZTB? Biol. Mar. Medit. (2006), 13 (1): 831-835 Dipartimento di Zoologia, Università di Bari, Via Orabona, 4-70125 Bari, Italia. r.carlucci@biologia.uniba.it CATTURE RICORRENTI DI EPINEPHELUS AENEUS (GEOFFROY

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Grado. Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Grado

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Grado. Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Grado Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Grado Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Grado Gilda Pianciamore member of the Team of the International Teaching Malacology Project versione

Dettagli

EFFETTI DELLA PRESENZA DELL ALGA INVASIVA Caulerpa racemosa var. cylindracea SULLE COMUNITA ANIMALI DI FONDO MOBILE NEL GOLFO DI SALERNO

EFFETTI DELLA PRESENZA DELL ALGA INVASIVA Caulerpa racemosa var. cylindracea SULLE COMUNITA ANIMALI DI FONDO MOBILE NEL GOLFO DI SALERNO EFFETTI DELLA PRESENZA DELL ALGA INVASIVA Caulerpa racemosa var. cylindracea SULLE COMUNITA ANIMALI DI FONDO MOBILE NEL GOLFO DI SALERNO Lorenti M., Gambi M.C., Guglielmo R., Patti F.P., Scipione M.B.,

Dettagli

IL POPOLAMENTO A MOLLUSCHI DI SUBSTRATO DURO DELL ISOLA LACHEA (AREA MARINA PROTETTA ISOLE CICLOPI, CATANIA)

IL POPOLAMENTO A MOLLUSCHI DI SUBSTRATO DURO DELL ISOLA LACHEA (AREA MARINA PROTETTA ISOLE CICLOPI, CATANIA) Biol. Mar. Medit. (24), 11 (2): 473-477 G.F. Russo, D. Scuderi*, F. Di Stefano Istituto di Meteorologia e Oceanografia, Università di Napoli Parthenope, Via De Gasperi, 5-8133 Napoli, Italia. *Dipartimento

Dettagli

L analisi delle comunità bentoniche dei fondi mobili nella valutazione dell ambiente marino costiero

L analisi delle comunità bentoniche dei fondi mobili nella valutazione dell ambiente marino costiero AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE L analisi delle comunità bentoniche dei fondi mobili nella valutazione dell ambiente marino costiero Dott.ssa Claudia Ferri ARPAM Dipartimento

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 22_MES

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 22_MES a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine 0701101122 * Scoglio Nero-inizio zona B Area Protetta Cinque Terre * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

Cochlodesma praetenue (Pulteney, 1799): nuovi ritrovamenti

Cochlodesma praetenue (Pulteney, 1799): nuovi ritrovamenti Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna Quad. Studi Nat. Romagna, 38: 27-31 (dicembre 2013) ISSN 1123-6787 Morena Tisselli, Piero Bazzocchi & Giancarlo Fuzzi Cochlodesma praetenue

Dettagli

Descrizione del popolamento a molluschi della salina Grande di Trapani e Paceco (Tp, Sicilia)

Descrizione del popolamento a molluschi della salina Grande di Trapani e Paceco (Tp, Sicilia) Descrizione del popolamento a molluschi della salina Grande di Trapani e Paceco (Tp, Sicilia) P. Gianguzza a, B. Zava b and S. Riggio a a Dipartimento di Biologia Animale, Università di Palermo, via Archirafi,

Dettagli

G. Spada. - S. Falchi

G. Spada. - S. Falchi Bollo Malacologico I Milano I 15 I (11-12) I 295-00 I novembre-dicembre 1979 G. Spada. - S. Falchi DATI SULLA DISTRIBUZIONE E L'HABITAT DI MACTRA GLAUCA BORN, 1778 IN ACQl1E SARDE Riassunto Gli autori

Dettagli

Prateria di Posidonia oceanica di fronte a Levanto

Prateria di Posidonia oceanica di fronte a Levanto Prateria di Posidonia oceanica di fronte a Levanto Figura 1: Cartografia del posidonieto dinanzi Levanto Di fronte alla baia di Levanto si sviluppa una formazione a mosaico di Posidonia oceanica viva e

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 20_RIV

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 20_RIV a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) Sestri Levante 0701001020 * Punta di Sestri Punta Baffe 11.4 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo ISTITUTO DI GEOLOGIA e CENTRO DI GEOBIOLOGIA SCAVO PALEONTOLOGICO IN LOCALITA LAGUNE DI SASSO MARCONI - LE CONCHIGLIE ZOOTECNIA-AGRITURISMO Rapporto Preliminare

Dettagli

Negli elenchi riportati di seguito le specie estinte sono precedute dal segno.

Negli elenchi riportati di seguito le specie estinte sono precedute dal segno. La località fossilifera di Le Conchiglie a Lagune di Sasso Marconi viene segnalata per la straordinaria abbondanza in resti fossili di molluschi pliocenici. Lo studio della malacofauna di questo eccezionale

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Siracusa

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Siracusa Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Siracusa Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Siracusa Aldo Brancato friends of the Team of the International Teaching Malacology Project versione

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 24_POR

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 24_POR a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 20,8 Capo dell Isolalato ovest Isola 0701101124 (1,7 Tino+3,2 Portovenere Punta Vagno * Palmaria +15,9 Palmaria costa)

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: Gallipoli Simple Guide to the most common Sea Molluscs: Gallipoli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: Gallipoli Simple Guide to the most common Sea Molluscs: Gallipoli Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: Gallipoli Simple Guide to the most common Sea Molluscs: Gallipoli Daniele Trono friend of the Team of the International Teaching Malacology Project versione

Dettagli

Monitoraggio dell'ambiente marino costiere nei corpi idrici 12-16

Monitoraggio dell'ambiente marino costiere nei corpi idrici 12-16 ST3- Laboratorio di riferimento e AREA MARE ST3.2 Monitoraggio Ambiente Marino Costiero Monitoraggio dell'ambiente marino costiere nei corpi idrici 12-16 (D.Lgs 152/2006 e D.M. 260/2010) Anno 2014 Introduzione

Dettagli

ANALISI DELLA CORRELAZIONE TRA INDICI DI DIVERSITÀ A SCALA DI PAESAGGIO E DIVERSITÀ FLORISTICA

ANALISI DELLA CORRELAZIONE TRA INDICI DI DIVERSITÀ A SCALA DI PAESAGGIO E DIVERSITÀ FLORISTICA ANALISI DELLA CORRELAZIONE TRA INDICI DI DIVERSITÀ A SCALA DI PAESAGGIO E DIVERSITÀ FLORISTICA Giuseppe BAZAN, Rosario SCHICCHI, Giuseppe BAIAMONTE Dipartimento di Scienze Botaniche dell Università di

Dettagli

Il Mare Adriatico e la zona di studio

Il Mare Adriatico e la zona di studio Il Mare Adriatico e la zona di studio 12 Alba sull Adriatico al largo di Fano (foto L. Poggiani) 13 II Mare Adriatico ha forma stretta e allungata, con una lunghezza circa 800 km e una larghezza massima

Dettagli

Relazione sul programma di ECORENDICONTO

Relazione sul programma di ECORENDICONTO Relazione sul programma di ECORENDICONTO Area Marina Protetta Torre del Cerrano Elenco e superficie biocenosi A cura di Daniele Cargini Alessandro Lombardi Data: 30.11.2016 Per approfondimenti: http://www.torredelcerrano.it/carta-europea-per-il-turismo-sostenibile/ecorendiconto.html

Dettagli

BATHYPOLYPUS SPONSALIS (CEPHALOPODA, OCTOPODA) NEL MAR LIGURE MERIDIONALE

BATHYPOLYPUS SPONSALIS (CEPHALOPODA, OCTOPODA) NEL MAR LIGURE MERIDIONALE Biol. Mar. Medit. (2005), 12 (1): 509-513 A.R.P.A.T., Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, R.I.B.M. Risorse Ittiche e Biodiversità Marina, Via Marradi, 114-57126 Livorno, Italia.

Dettagli

Naturalista sicil., S. IV, XXIX (1-2), 2005, pp

Naturalista sicil., S. IV, XXIX (1-2), 2005, pp Naturalista sicil., S. IV, XXIX (1-2), 2005, pp. 83-88 FRANCESCO BARTOLOTTA, VITTORIO EMANUELE ORLANDO & GIUSEPPE VIVIANO MALACOFAUNA DEL GOLFO DI CASTELLAMMARE (SICILIA NO) - II CONTRIBUTO (Mollusca Gastropoda

Dettagli

Museo di Storia Naturale

Museo di Storia Naturale LAGUNA DI VENEZIA: PASSATO, PRESENTE E FUTURO salvaguardia e prospettive Modificazioni nelle comunità biologiche acquatiche dovute agli interventi antropici in laguna Biologo marino Direttore Museo di

Dettagli

CIRSPE, Via De Gigli d Oro, Roma, Italia. Dipartimento di Zoologia, Università di Bari, Via Orabona, Bari, Italia.

CIRSPE, Via De Gigli d Oro, Roma, Italia. Dipartimento di Zoologia, Università di Bari, Via Orabona, Bari, Italia. Biol. Mar. Medit. (22), (2): 843-847 M. Imperatrice, R. Carlucci, L. Sion, G. D Onghia CIRSPE, Via De Gigli d Oro, 86 Roma, Italia. Dipartimento di Zoologia, Università di Bari, Via Orabona, 4-7 Bari,

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLE AREE DI DRAGAGGIO E DELLE SPIAGGIE

CARATTERIZZAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLE AREE DI DRAGAGGIO E DELLE SPIAGGIE Convegno STATO DEL LITORALE EMILIANO- ROMAGNOLO erosione e interventi di difesa Ravenna 30 novembre 2016 CARATTERIZZAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLE AREE DI DRAGAGGIO E DELLE SPIAGGIE Carla Rita

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi delle coste tra Terracina e S.F. Circeo

Guida Semplice ai più comuni Molluschi delle coste tra Terracina e S.F. Circeo Guida Semplice ai più comuni Molluschi delle coste tra Terracina e S.F. Circeo Simple Guide to the most common Molluscs of the coasts between Terracina & S.F. Circeo Luigi Giannelli Claudio Fanelli members

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 26_MAR

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 26_MAR a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) Foce Magra 0701101126 Punta Corvo Confine con 8,8 * Regione Toscana * Il codice è costruito con i seguenti campi:

Dettagli

STUDIO COMPARATIVO SULL IMPATTO DI DUE ATTREZZI INNOVATIVI PER LA PESCA DELLE VONGOLE (TAPES PHILIPPINARUM) NELLA LAGUNA DI VENEZIA

STUDIO COMPARATIVO SULL IMPATTO DI DUE ATTREZZI INNOVATIVI PER LA PESCA DELLE VONGOLE (TAPES PHILIPPINARUM) NELLA LAGUNA DI VENEZIA Biol. Mar. Medit. (2005), 2 (): 37-32 G. Prioli, E. Rambaldi, A. Zentilin 2, P. Pelusi, F. Ottolenghi M.A.R.E. s.c.r.l., Via E. Toti, 2-4784 Cattolica (RN), Italia. gprioli@coopmare.com Consorzio Mediterraneo

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini dell alto Adriatico

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini dell alto Adriatico Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini dell alto Adriatico Simple Guide to the most common Sea Molluscs of North Adriatic Aldo Cappon members of the Team of the International Teaching Malacology

Dettagli

Relazione sui rilievi effettuati

Relazione sui rilievi effettuati Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera delle opere marittime Protezione del litorale Relazione sui rilievi

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: La Strea Porto Cesareo Simple Guide to the most common Sea Molluscs:

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: La Strea Porto Cesareo Simple Guide to the most common Sea Molluscs: Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: La Strea Porto Cesareo Simple Guide to the most common Sea Molluscs: La Strea Porto Cesareo Daniele Trono friend of the Team of the International Teaching

Dettagli

Bivalvia dei fanghi litorali di Livorno

Bivalvia dei fanghi litorali di Livorno Boll. Malacol., 42 (9-12): 93-100 (2006) Bivalvia dei fanghi litorali di Livorno Alessandro Margelli* ( ), Enzo Campani #, Manrico Coppini & Fabrizio Cuneo * Via del Leone 13, 57122 Livorno, Italy, marale51@fastwebnet.it,

Dettagli

Quantificare la produzione carbonatica delle alghe coralline (Rhodophyta):

Quantificare la produzione carbonatica delle alghe coralline (Rhodophyta): Quantificare la produzione carbonatica delle alghe coralline (Rhodophyta): dalla pianta alla scala di bacino Basso D., Caragnano A., Bracchi V. Dipartimento di Scienze Geologiche e Geotecnologie Università

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 19_ENT

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 19_ENT a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0701001019 Punta Chiappe Punta di Sestri * 26,9 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

STUDIO B.6.72 B/10 ATTIVITÀ DI RILEVAMENTO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI PRODOTTI DALLA COSTRUZIONE DELLE OPERE ALLE BOCCHE LAGUNARI

STUDIO B.6.72 B/10 ATTIVITÀ DI RILEVAMENTO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI PRODOTTI DALLA COSTRUZIONE DELLE OPERE ALLE BOCCHE LAGUNARI Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia Palazzo Franchetti S. Marco 2847 30124 Venezia Tel. +39.041.2402511 Fa +39.041.2402512 Progetto STUDIO B.6.72 B/10

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia CORPO IDRICO: TME4 CATEGORIA acque di transizione TIPOLOGIA AT17 CORPO IDRICO TME4 DENOMINAZIONE AREA Secca Man di Spiesà SUPERFICIE AREA (km 2 ) 4,63 NUMERO DI STAZIONI 3 Codice stazione X(GB) Y(GB) TME401

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 25_SPE

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 25_SPE a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0701101125 * Capo dell Isolalato ovest Isola Palmaria Punta Corvo 49,3 (44,7 costa Golfo 4,6 Palmaria) * Il codice

Dettagli

Diversità strutturale e tassonomica a confronto in comunità macrobentoniche di fondi incoerenti del Nord Adriatico

Diversità strutturale e tassonomica a confronto in comunità macrobentoniche di fondi incoerenti del Nord Adriatico Studi Trent. Sci. Nat., Acta Biol., 83 (2007): 65-70 ISSN 0392-0542 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2007 Diversità strutturale e tassonomica a confronto in comunità macrobentoniche di fondi

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: La Maddalena Simple Guide to the most common Sea Molluscs: La Maddalena

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: La Maddalena Simple Guide to the most common Sea Molluscs: La Maddalena Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: La Maddalena Simple Guide to the most common Sea Molluscs: La Maddalena Gianni Praloran member of the Team of the International Teaching Malacology Project

Dettagli

Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/2010.

Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/2010. Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/. Il recente Regolamento recante i criteri tecnici per la classificazione dello stato dei corpi idrici superficiali,

Dettagli

Effetti dell estrazione di sabbie marine sulla comunità macrozoobentonica delle sabbie relitte dell Adriatico Settentrionale

Effetti dell estrazione di sabbie marine sulla comunità macrozoobentonica delle sabbie relitte dell Adriatico Settentrionale Effetti dell estrazione di sabbie marine sulla comunità macrozoobentonica delle sabbie relitte dell Adriatico Settentrionale I. Ansaloni a, E. Baraldi a, M. Mauri a, G. Montanari b, A.M. Pagliai a, M.

Dettagli

Una malacofauna tirreniana dal sottosuolo di Livorno

Una malacofauna tirreniana dal sottosuolo di Livorno Boll. Malacol., 50: 142-149 (2, 30/11/2014) Una malacofauna tirreniana dal sottosuolo di Livorno Alessandro Ciampalini*, Maurizio Forli#(*), Andrea Guerrini*, Franco Sammartino* # Via Grocco 16, 59100

Dettagli

Esempi di domande aperte (1)

Esempi di domande aperte (1) Esempi di domande aperte (1) Spiega perchè il macrozoobenthos, in generale, e quello di fondo mobile, in particolare, può essere usato con successo nel monitoraggio ambientale o nelle valutazioni di impatto

Dettagli

UNA PRIMA VALUTAZIONE DEI RIFIUTI SPIAGGIATI LUNGO LE COSTE PUGLIESI

UNA PRIMA VALUTAZIONE DEI RIFIUTI SPIAGGIATI LUNGO LE COSTE PUGLIESI UNA PRIMA VALUTAZIONE DEI RIFIUTI SPIAGGIATI LUNGO LE COSTE PUGLIESI a cura di Nicola Ungaro, Annamaria Pastorelli, Enrico Barbone Unità Operativa Semplice Biologia Mare e Coste I rifiuti spiaggiati e

Dettagli

Attuale posizione ricoperta Ricercatore BIO 05 Università Degli Studi di Bari Altre funzioni attualmente ricoperte. dichiara:

Attuale posizione ricoperta Ricercatore BIO 05 Università Degli Studi di Bari Altre funzioni attualmente ricoperte. dichiara: Il sottoscritto Cognome e Nome Mastrototaro Francesco Nato/a a Bisceglie Il 7-9-1969 Codice fiscale MSTFNC69P07A883Z Attuale posizione ricoperta Ricercatore BIO 05 Università Degli Studi di Bari Altre

Dettagli

G. MARANO - R. VACCARELLA - A.M. PASTORELLI - G. MARTIN^

G. MARANO - R. VACCARELLA - A.M. PASTORELLI - G. MARTIN^ G. MARANO - R. VACCARELLA - A.M. PASTORELLI - G. MARTIN^ Laboratorio Provinciale di Biologia Marina di Bari Direttore: Prof. Giovanni MARANO ALTERAZIOlNI ANTROPICHE SULLA BIOCENOSI DEL FIUME GALES0 (MAR

Dettagli

Relazione Fitobentonica

Relazione Fitobentonica Relazione Fitobentonica Indice Indice... 1 Capitolo 1... 2 COSTRUENDO PORTO TURISTICO A PORTOPALO DI C.P.... 2 1. Campionamento... 2 1.1. Composti chimici inorganici (metalli)... 2 1.2. Composti organici...

Dettagli

Regione Liguria. *Servizio Parchi e Aree Protette **Settore Ecosistema Costiero. stefano coppo** giovanni diviacco*

Regione Liguria. *Servizio Parchi e Aree Protette **Settore Ecosistema Costiero. stefano coppo** giovanni diviacco* giovanni diviacco* stefano coppo** atlante degli habitat marini della liguria Regione Liguria *Servizio Parchi e Aree Protette **Settore Ecosistema Costiero UFFICI COINVOLTI Settore Ecosistema Costiero

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 06_AND

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 06_AND a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0700800906 * Capo Berta Capo Mele (Confine - ) 22,9 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 21_FRA

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 21_FRA a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) Moneglia - 0701001121 Punta Scoglio Nero-inizio zona B Area * Baffe Protetta Cinque Terre 30,4 * Il codice è costruito

Dettagli

LIFE 13 NAT/IT/ Monitoraggio benthos

LIFE 13 NAT/IT/ Monitoraggio benthos LIFE 13 NAT/IT/000115 coastal lagoon long term management Action A6: Monitoraggio ex-ante acque e benthos Monitoraggio benthos Michele Mistri Cristina Munari Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie

Dettagli

TURSI ANGELO. Attuale posizione ricoperta PROFESSORE ORDINARIO DI ECOLOGIA Altre funzioni attualmente ricoperte

TURSI ANGELO. Attuale posizione ricoperta PROFESSORE ORDINARIO DI ECOLOGIA Altre funzioni attualmente ricoperte Il sottoscritto PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Cognome e Nome TUR ANGELO Nato/a a TARANTO Il 7-3-1951 Codice fiscale TRSNGL51C07L049Z Attuale posizione ricoperta

Dettagli

IL PIANO DI MONITORAGGIO MARINO COSTIERO IN AMBITO NAZIONALE

IL PIANO DI MONITORAGGIO MARINO COSTIERO IN AMBITO NAZIONALE IL PIANO DI MONITORAGGIO MARINO COSTIERO IN AMBITO NAZIONALE IRENE DI GIROLAMO Ministero dell Ambiente e Tutela del Territorio NORMATIVE CHE PREVEDONO IL CONTROLLO E LA TUTELA DELL AMBIENTE MARINO Legge

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Anzio e Nettuno Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Anzio and Nettuno

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Anzio e Nettuno Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Anzio and Nettuno Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Anzio e Nettuno Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Anzio and Nettuno Raffaele Petrone Susanna Zanelli members of the Team of the International

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi delle coste tra Fiumicino e Civitavecchia

Guida Semplice ai più comuni Molluschi delle coste tra Fiumicino e Civitavecchia Guida Semplice ai più comuni Molluschi delle coste tra Fiumicino e Civitavecchia Simple Guide to the most common Molluscs of the coasts between Fiumicino & Civitavecchia Pamela Baiocchi Claudio Fanelli

Dettagli

TOSCANA: LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA Martedì 06 Aprile :58

TOSCANA: LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA Martedì 06 Aprile :58 Biodiversità, agroecosistemi, report ambientali. Relazione sullo stato dell ambiente in Toscana 2009: i dati presentati nel capitolo dedicato alla conservazione della natura si riferiscono, in questo numero,

Dettagli

PROGETTO LIFE+ (ACRONYM: POSEIDONE) Nature and Biodiversity Environmental Policy and Governance Information and. Communication

PROGETTO LIFE+ (ACRONYM: POSEIDONE) Nature and Biodiversity Environmental Policy and Governance Information and. Communication PROGETTO LIFE+ (ACRONYM: POSEIDONE) Nature and Biodiversity Environmental Policy and Governance Information and Communication PROGETTO PRELIMINARE AZIONE A1 LIFE+ POSEIDONE MISURE URGENTI DI CONSERVAZIONE

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 10_VAD

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 10_VAD a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) Vado Ligure 0700900910 Capo di Vado Ovest Porto -presso Punta S.Erasmo 12,4 * Il codice è costruito con i seguenti

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 04_TAG

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 04_TAG a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) Foce Rio San 0700800804 Capo Verde Lorenzo 22,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

Ricerca e innovazione per la governance ambientale

Ricerca e innovazione per la governance ambientale Ricerca e innovazione per la governance ambientale Le acque marino-costiere e di transizione Anna Maria Cicero ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Forum PA, Roma, 18 maggio

Dettagli

I molluschi marini di Punta di Pioppeto (Isola di Procida - Campania)

I molluschi marini di Punta di Pioppeto (Isola di Procida - Campania) Boll. Malacol., 43 (1-8): 21-32 (2007) I molluschi marini di Punta di Pioppeto (Isola di Procida - Campania) Ottavio Soppelsa* 1 ( ), Fabio Crocetta* 2 & Giuseppe Fasulo # * Dip. delle Scienze Biologiche,

Dettagli

Attuale posizione ricoperta Collaboratore scientifico Dip. Biologia Univ. Bari Altre funzioni attualmente ricoperte. dichiara:

Attuale posizione ricoperta Collaboratore scientifico Dip. Biologia Univ. Bari Altre funzioni attualmente ricoperte. dichiara: Il sottoscritto Cognome e Nome Panetta Pietro Nato/a a Taranto Il 0/0/942 Codice fiscale PNTPTR42R0L049E Attuale posizione ricoperta Collaboratore scientifico Dip. Biologia Univ. Bari Altre funzioni attualmente

Dettagli

LE BARRIERE ARTIFICIALI SOMMERSE NELL ESPERIENZA ABRUZZESE: UNA OPPORTUNITA DI ACCRESCIMENTO DELLE RISORSE ITTICHE. Floriana Ciarrocchi

LE BARRIERE ARTIFICIALI SOMMERSE NELL ESPERIENZA ABRUZZESE: UNA OPPORTUNITA DI ACCRESCIMENTO DELLE RISORSE ITTICHE. Floriana Ciarrocchi LE BARRIERE ARTIFICIALI SOMMERSE NELL ESPERIENZA ABRUZZESE: UNA OPPORTUNITA DI ACCRESCIMENTO DELLE RISORSE ITTICHE La ricerca scientifica applicata nella pesca L IZS A&M è un Ente Sanitario che istituzionalmente

Dettagli

(Prof. Giovanni Fulvio RUSSO)

(Prof. Giovanni Fulvio RUSSO) CURRICULUM VITAE (Prof. Giovanni Fulvio RUSSO) Posizione attuale Professore Ordinario del settore scientifico-disciplinare BIO/07-Ecologia, presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie (DiST) dell Università

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia CORPO IDRICO: TEU4 CATEGORIA acque di transizione TIPOLOGIA AT19 CORPO IDRICO TEU4 DENOMINAZIONE AREA Ciuciai de soto Ficariol S.Piero esterno SUPERFICIE AREA (km 2 ) 15,36 NUMERO DI STAZIONI 7 Codice

Dettagli

INSEDIAMENTO DI LARVE DI BIVALVI SU COLLETTORI ARTIFICIALI IN UN AREA A BARRIERE ARTIFICIALI NEL NORD ADRIATICO

INSEDIAMENTO DI LARVE DI BIVALVI SU COLLETTORI ARTIFICIALI IN UN AREA A BARRIERE ARTIFICIALI NEL NORD ADRIATICO Biol. Mar. Medit. (2006), 13 (1): 1072-1076 A. Chinellato, M. Pellizzato, M. Bressan* *Dipartimento di Biologia, Università di Padova, Via U. Bassi, 58/B - 35121 Padova, Italia. mbressan@bio.unipd.it INSEDIAMENTO

Dettagli

Capitolo 2 INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO

Capitolo 2 INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO Capitolo 2 INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO 2.1 Ubicazione area di studio L area interessata dall installazione del Terminale è ubicata nell Alto Adriatico, ad una distanza di circa 15 km ad Est di Porto Levante

Dettagli

Metodologie analitiche di riferimento

Metodologie analitiche di riferimento Protocolli di intesa MATTM - Regioni per l esecuzione di attività di indagine integrative ai fini della attuazione della strategia marina di cui al DLgs. 190/2010 Metodologie analitiche di riferimento

Dettagli

Ambienti marini - circalitorale

Ambienti marini - circalitorale Ambienti marini - circalitorale MC n profondità, al di là dei limiti dell infralitorale, il piano circalitorale inizia normalmente con una fascia più o meno estesa di fondi detritici e detritico-fangosi

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 12_LER

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 12_LER a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0700901012 * Punta dell Aspera (confine Celle- Varazze) Punta S. Martino (porticciolo di ) 16,1 * Il codice è costruito

Dettagli

INDICE. Bacino dei fiumi della pianura tra Livenza e Piave I

INDICE. Bacino dei fiumi della pianura tra Livenza e Piave I Bacino dei fiumi della pianura tra Livenza e Piave I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE

Dettagli

Interreg III A Grecia-Italia Misura 3.1 D2 GOW

Interreg III A Grecia-Italia Misura 3.1 D2 GOW Interreg III A Grecia-Italia Misura 3.1 D2 GOW Mapping of the coastal area near Canale Giancola. Methods and perspectives. Fausto Pizzolante - Simonetta Fraschetti, CoNISMA Lab. di Zoologia e Biologia

Dettagli

Inquadramento ittiofaunistico

Inquadramento ittiofaunistico Dicembre 2014 CARATTERIZZAZIONE DELL ITTIOFAUNA E VERIFICA DELLE CONDIZIONI IDROMORFOLOGICHE NECESSARIE PER LA PROGETTAZIONE DI UN PASSAGGIO PER PESCI SU UN OPERA DI PRESA SUL TORRENTE TOSSIET (BACINO

Dettagli

DOCUP PESCA 2000/ Sottoprogramma Abruzzo - Misura 3.1 Protezione e sviluppo delle risorse acquatiche Codice progetto 02/BA/03/AB

DOCUP PESCA 2000/ Sottoprogramma Abruzzo - Misura 3.1 Protezione e sviluppo delle risorse acquatiche Codice progetto 02/BA/03/AB Progetto per la realizzazione di un area da destinare allo sviluppo e protezione delle risorse acquatiche nella provincia di Chieti prospiciente i Comuni di Ortona e S. Vito Chietino Monitoraggio delle

Dettagli

Analisi delle comunità bentoniche di fondi mobili in ambiente marino

Analisi delle comunità bentoniche di fondi mobili in ambiente marino Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio ICRAM Analisi delle comunità bentoniche di fondi mobili in ambiente marino INTRODUZIONE L analisi delle comunità bentoniche di fondi mobili è parte

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 07_CEN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 07_CEN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) - 0700900907* Capo Mele (Confine Andora-) Confine Ceriale 19,7 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice

Dettagli

COLONIZZAZIONE DI FORAMINIFERI BENTONICI ESOTICI NELLE ISOLE PELAGIE E NEL S-E DELLA SICILIA

COLONIZZAZIONE DI FORAMINIFERI BENTONICI ESOTICI NELLE ISOLE PELAGIE E NEL S-E DELLA SICILIA Laureanda: Relatore: Roberta Guastella prof. Antonio Caruso Correlatrice: dott.ssa Claudia Cosentino ABSTRACT DELLA TESI MAGISTRALE SU COLONIZZAZIONE DI FORAMINIFERI BENTONICI ESOTICI NELLE ISOLE PELAGIE

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 11_ALB

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 11_ALB a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0700900911 * Ovest Porto presso Punta S.Erasmo Punta dell Aspera (confine Celle- Varazze) 12,2 * Il codice è costruito

Dettagli

GLI AMBIENTI DI TRANSIZIONE LO STAGNONE DI MARSALA

GLI AMBIENTI DI TRANSIZIONE LO STAGNONE DI MARSALA GLI AMBIENTI DI TRANSIZIONE LO STAGNONE DI MARSALA Le aree umide costiere, in cui è possibile includere anche lo Stagnone di Marsala TP, sono ambienti definiti come ambienti di transizione che occupano

Dettagli

Rapporto sulla sismicità tra Montereale e Cittareale ( ; ore 11 UTC)

Rapporto sulla sismicità tra Montereale e Cittareale ( ; ore 11 UTC) I 00143 Roma Via di Vigna Murata 605 Tel: (0039) 06518601 Fax: (0039) 0651860580 URL: www.ingv.it email: aoo.roma@pec.ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Rapporto sulla sismicità tra

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELL ELEMENTO DI QUALITÁ BIOLOGICA: MACROINVERTEBRATI BENTONICI NELLE ACQUE MARINO-COSTIERE PUGLIESI

IL MONITORAGGIO DELL ELEMENTO DI QUALITÁ BIOLOGICA: MACROINVERTEBRATI BENTONICI NELLE ACQUE MARINO-COSTIERE PUGLIESI IL MONITORAGGIO DELL ELEMENTO DI QUALITÁ BIOLOGICA: MACROINVERTEBRATI BENTONICI NELLE ACQUE MARINO-COSTIERE PUGLIESI DIPARTIMENTO DI FOGGIA POLO DI SPECIALIZZAZIONE BIOLOGIA AVANZATA DELLE ACQUE Dott.sa

Dettagli

ELENCO DELLE ZONE CLASSIFICATE

ELENCO DELLE ZONE CLASSIFICATE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL'AMBIENTE Servizio pesca, acquacoltura e stagni Settore Tecnico Biologico in Materia di Pesca e Acquacoltura ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE N.

Dettagli

La rigenerazione dell area tarantina:

La rigenerazione dell area tarantina: Dipartimento di Biologia prof. ANGELO TURSI La rigenerazione dell area tarantina: il contributo di UNIBA Bonifica e rigenerazione dell Area Vasta di Taranto Taranto, 13 settembre 2016 Università di Bari

Dettagli

RUOLO DI EUGENIO FRESI NEL LABORATORIO DI ECOLOGIA DEL BENTHOS DI ISCHIA E SUA EREDITÀ SCIENTIFICA

RUOLO DI EUGENIO FRESI NEL LABORATORIO DI ECOLOGIA DEL BENTHOS DI ISCHIA E SUA EREDITÀ SCIENTIFICA Biol. Mar. Mediterr. (2011), 18 (1): 210-216 M.C. Gambi 1, G.F. Russo 2 1 Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, Villa Comunale - 80121 Napoli, Italia. gambimc@szn.it 2 Dipartimento di Scienze per l

Dettagli

Monitoraggio di fauna ittica nelle zone interessate da. barriere artificiali sommerse nelle acque costiere

Monitoraggio di fauna ittica nelle zone interessate da. barriere artificiali sommerse nelle acque costiere Veterinaria Italiana, 46 (3), 353 363 Monitoraggio di fauna ittica nelle zone interessate da barriere artificiali sommerse nelle acque costiere adriatiche della Regione Abruzzo Carla Giansante (1), Marianna

Dettagli

Sistema di osservazione delle risorse alieutiche per la gestione della pesca in Adriatico

Sistema di osservazione delle risorse alieutiche per la gestione della pesca in Adriatico Sistema di osservazione delle risorse alieutiche per la gestione della pesca in Adriatico Mauro Marini Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Scienze Marine-UOS di Ancona The coastal area reflects

Dettagli

Le piante marine a fiori (angiosperme)

Le piante marine a fiori (angiosperme) Le piante marine a fiori (angiosperme) Nei mari e negli oceani vivono circa 60 specie di piante a fiori, dette anche angiosperme, di cui solamente 5 si trovano in Mediterraneo e sono facilmente osservabili

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 13_VOL

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 13_VOL a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) Genova Voltri 0701001013 * Punta S. Martino (porticciolo di Arenzano) Genova Multedo 20 * Il codice è costruito con

Dettagli

Sea monitoring and evaluation of climate change effects Franco Zinoni - Director of Arpa

Sea monitoring and evaluation of climate change effects Franco Zinoni - Director of Arpa BOLOGNA 17th November 2015 - Aula Magna - Viale Aldo Moro 30 Regione Emilia-Romagna Sea monitoring and evaluation of climate change effects Franco Zinoni - Director of Arpa ASPETTI GENERALI Ambito di applicazione

Dettagli

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI Copertura: regionale Periodicità: annuale www. arpa.veneto.it Rapporto di sintesi sugli andamenti dei principali parametri oceanografici e meteo-marini delle

Dettagli

1^ Campagna di Agosto 2005

1^ Campagna di Agosto 2005 RAPPORTO QUINDICINALE SULLE CAMPAGNE DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE MARINO COSTIERE DELLA REGIONE VENETO (RILIEVI SUL CAMPO) 1^ Campagna di Agosto 2005 Nella prima campagna del mese di Agosto 2005, effettuata

Dettagli

DINAMICA STAGIONALE DI UNA COMUNITÀ DI SABBIE FINI BEN CALIBRATE NEL MARE LIGURE ORIENTALE

DINAMICA STAGIONALE DI UNA COMUNITÀ DI SABBIE FINI BEN CALIBRATE NEL MARE LIGURE ORIENTALE Atti del 9 Congresso A.l.O.L. S. Margherita Ligure, 20-23 Novembre 1990 da pag, 341 a pag. 350 DINAMICA STAGIONALE DI UNA COMUNITÀ DI SABBIE FINI BEN CALIBRATE NEL MARE LIGURE ORIENTALE S.Cocito (*), S.Covre

Dettagli

Nuovi dati sulla malacofauna del Salento (Puglia meridionale)

Nuovi dati sulla malacofauna del Salento (Puglia meridionale) Boll. Malacol., 42 (5-8): 58-84 (2006) Daniele Trono Via E. Menga 14, 73043 Copertino (LE), Italy, danieletrono@virgilio.it Riassunto Si fornisce una checklist aggiornata dei Molluschi marini forniti di

Dettagli

ASSESSORADU DE S'AGRICOLTURA E REFORMA AGRO-PASTORALE ASSESSORATO DELL'AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE

ASSESSORADU DE S'AGRICOLTURA E REFORMA AGRO-PASTORALE ASSESSORATO DELL'AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE DETERMINAZIONE N. 19139/Det/682 DEL 30.11.2016 Oggetto: Classificazione ai fini della produzione di molluschi bivalvi vivi ai sensi del Regolamento (CE) n. 854/2004 e della Delibera della Giunta regionale

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DOCENTI

PERCORSO FORMATIVO DOCENTI PERCORSO FORMATIVO DOCENTI PERCORSO FORMATIVO ONLINE Dopo aver partecipato al WORKSHOP di presentazione del progetto Guardiani della Costa, i docenti potranno accedere ai contenuti del percorso formativo

Dettagli

Guida semplice ai più comuni Molluschi Marini delle Isole Egadi Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Egadi Islands

Guida semplice ai più comuni Molluschi Marini delle Isole Egadi Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Egadi Islands Guida semplice ai più comuni Molluschi Marini delle Isole Egadi Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Egadi Islands Paolo Balistreri members of the Teams of the International Teaching Malacology

Dettagli

A T T I DELLA SOCIETÀ TOSCANA SCIENZE NATURALI RESIDENTE IN PISA MEMORIE SERIE B. VOLo LXXXIII ANNO 1976 ARTI GRAFICHE PACINI MARIOTTI - PISA 1976

A T T I DELLA SOCIETÀ TOSCANA SCIENZE NATURALI RESIDENTE IN PISA MEMORIE SERIE B. VOLo LXXXIII ANNO 1976 ARTI GRAFICHE PACINI MARIOTTI - PISA 1976 A T T I DELLA SOCIETÀ TOSCANA DI SCIENZE NATURALI RESIDENTE IN PISA MEMORIE SERIE B VOLo LXXXIII ANNO 1976 ARTI GRAFICHE PACINI MARIOTTI - PISA 1976 INDICE GANDOLFI G., TONGIORGI P. - La presenza di Knipowitschia

Dettagli

Nuovo Programma per i Paesi dell Adriatico

Nuovo Programma per i Paesi dell Adriatico Nuovo Programma per i Paesi dell Adriatico INTERREG/CARDS-PHARE AIA- Acquacoltura in Adriaticomodulo Stato dei molluschi bivalvi e delle vongole in Albania Il territorio costiero è di 470 km, 10,000 ha

Dettagli

Rilievo Bentonologico sul litorale di Cittadella del Capo (CS)

Rilievo Bentonologico sul litorale di Cittadella del Capo (CS) Rilievo Bentonologico sul litorale di Cittadella del Capo (CS) 2 INDICE 1. PREMESSA...4 2. MATERIALI E METODI...4 3. RISULTATI...5 4. CONCLUSIONI...10 BIBLIOGRAFIA...10 ALLEGATI...11 3 RILIEVO BENTONOLOGICO

Dettagli