SOFTWARE L ACCENSIONE DEL COMPUTER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOFTWARE L ACCENSIONE DEL COMPUTER"

Transcript

1 SOFTWARE Con software si intende l insieme delle istruzioni che permettono il funzionamento dell hardware; il concetto di software, o programma che dir si voglia, è un concetto generale ed ampio: si distingue, innanzitutto, un software di base e un software applicativo. Nella prima categoria rientrano i sistemi operativi e tutti i programmi necessari al funzionamento del calcolatore e delle sue periferiche. Il software applicativo, invece, è rappresentato dai programmi con i quali l utente può gestire un applicazione concreta, come i programmi di videoscrittura, calcolo, disegno. E da notare come nella categoria dei software rientrino anche i virus (e, conseguentemente, gli antivirus), che altro non sono se non programmi sviluppati per creare, nell immediato o in un secondo tempo, danni ai programmi o ai dati dell utente. L ACCENSIONE DEL COMPUTER Al momento dell accensione, il computer esegue una serie di operazioni, tra loro ben distinte, che portano al caricamento del sistema operativo. La prima fase è rappresentata dal cosiddetto test di accensione o POST (Power On Self Test), durante la quale il computer esegue i primi controlli minimali, volti a verificare che le principali componenti (quali la RAM, la scheda video, la tastiera) siano installate e correttamente funzionanti. La seconda fase prevede il caricamento dei dati memorizzati nel BIOS (Basic Input Output System), relativi ai componenti installati nel computer. Successivamente, il computer legge le informazioni fondamentali andandole a cercare (nella maggior parte dei casi) prima nel lettore dei dischetti e, se questo non contiene nessun floppy, nel disco fisso o nel Cd-rom. L ordine con cui il computer ricerca i file di sistema è detto sequenza di boot. IL SISTEMA OPERATIVO Il sistema operativo è l insieme dei programmi appartenenti al software di base che gestisce il funzionamento dell hardware e rappresenta l ambiente di lavoro per i software applicativi che verranno installati. Inizialmente, i sistemi operativi erano creati e programmati appositamente per una determinata macchina e non potevano funzionare su nessun altra. Successivamente, si diffusero sistemi operativi che funzionavano su categorie di macchine, ovvero su computer che avevano caratteristiche simili, andando a creare così tanti standard quanti erano i produttori di hardware. Solo di recente si è giunti alla più completa standardizzazione, grazie alla quale su un pc (il cosiddetto computer IBM compatibili) è possibile scegliere più sistemi operativi a seconda delle esigenze dell utente. Una volta completato il caricamento del sistema operativo (per comodità prendiamo in considerazione un sistema operativo qualsiasi, appartenente alla famiglia Microsoft Windows), quello che appare è la postazione di lavoro (desktop o scrivania che dir si voglia) da cui l utente svolge tutti i propri compiti. Windows, infatti, basa gran parte delle sue funzionalità sulla similitudine tra il lavoro con il computer e quello svolto su una normale scrivania a casa o in ufficio. Questa caratteristica evidenzia con ancor più vigore la differenza che intercorre tra i moderni sistemi operativi ed il vecchio DOS, il sistema operativo più diffuso sui pc almeno fino alla fine degli anni 80: stiamo ovviamente parlando dell introduzione dell interfaccia grafica (GUI, graphic user interface) che ha portato alla definizione di Windows e, prima di lui, dei sistemi operativi Apple, come di un sistema friendly user. Così, come su una scrivania reale ci sono oggetti di tutti tipi, con i quali l utente lavora, allo stesso modo sul Desktop di Windows ci sono (visualizzati come icone) risorse, strumenti (programmi), cartelle e documenti (file dati) utili per il lavoro.

2 L interfaccia di cui si parla è strutturata in modo tale da attivare le azioni all accadere di un evento che riguarda un certo oggetto. I principali eventi al quali si fa riferimento sono il clic, il doppio clic ed il clic con il tasto destro; ad essi corrispondono azioni ben precise, ovvero, rispettivamente, la selezione, l apertura, la comparsa di un menù contestuale. Per compiere queste operazioni (sarà banale, ma è un aspetto da non trascurare ) è necessario che al pc siano connesse le due principali periferiche di input, il mouse e la tastiera. Il mouse è un dispositivo di puntamento mediante il quale l utente interagisce con gli elementi grafici che compongono l interfaccia di Windows. Le azioni possibili sono: - movimento e puntamento: muovendo il mouse su una superficie piana si sposta sullo schermo il puntatore del mouse, con il quale si indica l elemento grafico con cui si vuole interagire; - click: si ottiene premendo una volta il pulsante sinistro del mouse, consente di selezionare l oggetto sul quale è posto il puntatore del mouse; - doppio click: si ottiene premendo due volte in rapida successione il pulsante sinistro del mouse e consente di eseguire il comando associato; - click destro: eseguendo un clic con il pulsante destro del mouse si attiva il cosiddetto menù contestuale dell elemento grafico puntato, ovvero il menù che contiene le operazioni più comuni per tali elementi; - trascinamento: si ottiene premendo il pulsante sinistro del mouse su un elemento grafico e, senza rilasciarlo, muovendo il mouse. L operazione viene completata rilasciando il pulsante.

3 Mediante la tastiera, l utente trasmette dati e comandi al computer: è generalmente composta da aree distinte: la tastiera principale, il tastierino numerico, la zona dei tasti cursore, la zona dei tasti funzione e il tasto ESC). Ad essere più precisi, la postazione di lavoro può essere distinta in due parti fondamentali: il desktop vero e proprio, costituito dalle icone e dall immagine di sfondo, e la barra delle applicazioni, la barra posta in basso sullo schermo. La postazione di lavoro, come descritta, consente all utente di accedere a tutti i file e tutte le applicazioni contenute nel computer. LE ICONE Le icone hanno l aspetto di piccoli riquadri con un disegno che ne ricorda il contenuto informativo; in genere, sotto il disegno c è il nome dell oggetto rappresentato che può essere personalizzato dall utente. Le icone possono rappresentare differenti oggetti all interno del sistema operativo: in particolare, esse possono essere cartelle (o directory), programmi, file di dati, collegamenti, device (ovvero dispositivi di sistema, fisici o logici, come le icone dei driver dischi o delle stampanti, oppure il cestino). Ovviamente, l utente è sempre in grado di creare, copiare, spostare o cancellare icone. - RISORSE DEL COMPUTER: facendo un doppio clic sull icona compare una finestra contenente tutte le periferiche di base (floppy, disco fisso, cd-rom) installate nel sistema. Un ulteriore doppio clic su una delle icone visualizzate consente all utente di visionare il contenuto della periferica selezionata e, quindi, tutti i file in essa memorizzati. - DOCUMENTI: rappresenta un collegamento ad una cartella dove di default (ovvero come impostazione predefinita) vengono salvati i file creati dall utente con le varie applicazioni installate sul computer. Ovviamente, nulla vieta all utente di creare altre cartelle in altre posizioni dove salvare i propri file, o, ancora, di definire una diversa cartella come predefinita per il salvataggio dei documenti. - RISORSE DI RETE: permette di sfogliare i contenuti della rete LAN (local area network) secondo le stesse modalità illustrate per le risorse del computer. Ovviamente, l icona si rende disponibile solo nel caso in cui il computer faccia parte di una rete mediante opportuni dispositivi hardware (schede di rete e cavi di collegamento RJ45) e software (protocolli di rete correttamente configurati). - CESTINO: particolare cartella di sistema nella quale vengono spostati i file cancellati dall utente; per eliminare definitivamente i file dal computer, è necessario svuotare il cestino. Ovviamente, questa operazione richiede molta attenzione, dal momento che, una volta svuotato il cestino, i file non saranno più recuperabili, a meno di utilizzare alcuni programmi appositamente creati per recuperare i file eliminati dal disco fisso, ma dal funzionamento alquanto discutibile. Una volta prese le opportune precauzioni, è comunque consigliabile svuotare il cestino, anche perché non ha una capienza illimitata (bensì può essere definita dall utente). Inoltre, qualora sia stato eliminato un file infetto rinvenuto all interno del computer, questo continuerà a risiedere sul disco fisso e, quindi, a minacciarlo fino a che non verrà svuotato il cestino. - INTERNET EXPLORER: rappresenta il collegamento al browser per la navigazione sul web. Ovviamente, di icone sul desktop se ne possono aggiungere un infinità: un utente che utilizza quotidianamente un programma di videoscrittura, ad esempio, sarà incentivato a crearsi un icona sul desktop che richiami direttamente quell applicazione, senza dover ogni volta ricorrere al menù dei programmi contenuto nella barra delle applicazioni. Se, come detto, l inserimento di una nuova icona sul

4 desktop è finalizzata ad una maggiore immediatezza nell accessibilità ad informazioni o applicazioni da parte dell utente, è d altro lato vero che non bisogna abusare di questa possibilità, dal momento che un numero eccessivo di icone sul desktop annulla tutti i benefici in termini di immediatezza, lasciando spazio, piuttosto, a disordine e confusione. LA BARRA DELLA APPLICAZIONI La barra delle applicazioni contiene, invece, tutti i collegamenti alle applicazioni che sono state installate nel sistema; così, per lanciare l esecuzione dell applicativo Microsoft Word, l utente dovrà cliccare sul tasto Start, posizionarsi sul menù Programmi e scorrerlo fino alla voce Microsoft Word. Andiamo più nel dettaglio: cliccando una volta con il tasto sinistro del mouse sul pulsante Start compare il menù principale di Windows, composto dalle seguenti voci: - CHIUDI SESSIONE: porta al menù di chiusura di Windows, nel quale è possibile scegliere tra o ARRESTA IL SISTEMA:chiude il sistema operativo e spegne il computer. o RIAVVIA IL SISTEMA: a differenza della precedente opzione, questa chiude il sistema operativo ma non spegne il computer, bensì lo fa ripartire come se fosse stato appena acceso. A questa funzione si ricorre normalmente in due situazioni: quando si è installato un applicativo che richiede, per un corretto funzionamento, che i file di sistema vengano nuovamente letti dal computer, oppure a seguito di un crash di sistema, al quale è possibile far fronte, il più delle volte, solo riavviando la macchina. o DISCONNETTI NOMEUTENTE : questa funzione non implica la chiusura del sistema operativo né, tanto meno, l arresto del computer, bensì consente di accedere a Windows come altro utente (caratterizzato da un nome particolare e da una password segreta), con tutte le impostazioni personalizzate che lo caratterizzano. o STAND BY: rappresenta un opzione di risparmio dell energia molto utile per i computer portatili; durante lo standby il sistema passa alla modalità a basso consumo, nella quale i dispositivi come il monitor e il disco rigido si disattivano, mentre rimane alimentata solo la memoria RAM. Nel momento in cui l utente desideri riprendere l attività, il sistema uscirà rapidamente dallo standby ed il desktop verrà riportato allo stato originale. Dal momento che questa modalità non salva il contenuto del desktop sul disco rigido, un eventuale interruzione di corrente durante lo standby causa la perdita dei dati non salvati. - ESEGUI: permette all utente di inserire il percorso di un applicazione e di eseguirla.

5 - GUIDA IN LINEA: è la guida creata dalla Microsoft a supporto degli utenti meno esperti per fornire una panoramica del sistema operativo. - TROVA: consente di ricercare un file sulla base di criteri stabiliti dall utente all interno del disco fisso, del floppy o del cdrom. - IMPOSTAZIONI: contiene, nei propri sottomenù, tutte le impostazioni del computer. - DATI RECENTI: contiene una lista degli ultimi file creati o modificati dall utente. - PROGRAMMI: contiene la lista dei programmi installati sul computer. E ovviamente l anima del menù start, in quanto da qui l utente può eseguire tutte le applicazioni installate nel sistema; ogni collegamento punta ad una determinata cartella sul disco fisso dove è contenuto il file eseguibile associato a quel collegamento. Delle varie icone presenti, alcune rappresentano cartelle create dai programmi di installazione delle applicazioni, all interno delle quali sono suddivisi i collegamenti ai file eseguibili; altre, invece, individuano delle vere e proprie applicazioni. Infine, l area superiore del menù Start contiene i collegamenti alle applicazioni che si suppone siano più di frequente utilizzate. Oltre al pulsante Start, sulla barra delle applicazioni troviamo delle icone (cosiddette di Avvio veloce ) che rappresentano collegamenti a programmi che sono già installati con il sistema operativo: in genere, si tratta del browser per internet, Internet Explorer o altri, del programma di posta elettronica ed di un pulsante che consente di visualizzare immediatamente il desktop riducendo ad icona tutte le applicazioni aperte. LE FINESTRE Windows è un sistema operativo nel quale è possibile eseguire un applicazione, poi un altra ed un altra ancora senza dover mai chiudere le precedenti (multitasking); inoltre, è possibile disporre l area di lavoro dell applicazione, che viene chiamata finestra, in modo tale da occupare più o meno spazio all interno del desktop, ad esempio affiancandone due o più, sovrapponendole, riducendole ad icona senza doverle chiudere. Nell uso del sistema operativo oggetto del nostro esame è possibile imbattersi in più tipi di finestre: - le finestre di lavoro: sono semplicemente quelle nelle quali si lavora con le applicazioni; - le finestre di dialogo: vengono aperte nell ambito di un applicazione, perché l utente possa fornire maggiori informazioni relativamente ad un comando impartito. Un esempio è la finestra di dialogo Apri, che appare quando si chiede a un programma di aprire un documento già esistente; - le finestre di informazione e di attenzione: vengono utilizzate dal sistema operativo per visualizzare un messaggio che l utente deve leggere per poter andare avanti. Riguardano di norma avvertenze per errori che sono avvenuti o per situazioni anomale di cui occorre tenere

6 conto; sono di dimensioni relativamente piccole e vengono riprodotte al centro della schermata per essere ben visibili. Le diverse modalità di visualizzazione dell area di lavoro dell applicazione, a finestra, a tutto schermo, ridotta ad icona, possono essere selezionate attraverso i tre pulsanti che si trovano in alto a destra nella finestra sulla barra del titolo. Il primo a partire da sinistra si utilizza per ridurre ad icona sulla barra delle applicazioni l applicazione aperta, che potrà essere ripristinata semplicemente cliccando sull icona stessa senza dover rilanciare l applicazione. Il secondo pulsante (ingrandisci / ripristina) modifica l area occupata dalla finestra sullo schermo, mentre il terzo pulsante (chiudi) serve a chiudere la finestra aperta. Con le applicazioni che aprono file, come i programmi di videoscrittura, troviamo questi pulsanti duplicati: quelli in alto si riferiscono al programma, quelli immediatamente sotto si riferiscono alla finestra aperta all interno dell applicazione, relativa al file aperto (ogni file aperto in una applicazione, infatti, si può gestire come se fosse una finestra autonoma: aprendone due o più all interno dello stesso programma, sarà possibile dimensionarli a finestra). Ogni finestra è composta da varie parti: innanzitutto, l area di lavoro, che rappresenta la parte principale di una finestra di lavoro; al suo interno avvengono le attività previste dal programma che si sta utilizzando. Attorno all area di lavoro, procedendo dall alto verso il basso, si riconoscono questi componenti: - la barra del titolo: la prima riga in alto, nella quale sono contenuti il pulsante di controllo, i dati sul programma e sul documento aperto, i tre pulsanti di gestione della finestra; - la barra dei menù: contiene i nomi dei menù sotto i quali sono raccolti i comandi per lavorare con il programma. Facendo clic su uno di questi, si apre un menù a discesa, nel quale sono elencate le azioni possibili in quel momento; - la barra degli strumenti: contiene una serie di pulsanti e di caselle di testo a discesa che permettono di eseguire comandi in modo diretto; non si tratta di altro che di duplicazioni dei comandi presenti nei menù a discesa, creati appositamente per velocizzare il lavoro; - le barre di scorrimento orizzontale e verticale: permettono di spostarsi all interno del documento, qualora non sia possibile visualizzare quest ultimo intermante nella finestra di lavoro; - la barra di stato: l ultima riga della finestra, nella quale i programmi mostrano informazioni relative al documento sul quale si sta lavorando. FILE E CARTELLE Come sappiamo, tutto ciò che si realizza con il computer viene immagazzinato, registrato sul disco fisso, ed organizzato in modo tale da poter essere rinvenuto con facilità anche a distanza di tempo. Per organizzare le informazioni, il sistema operativo mette a disposizione una struttura composta da file e cartelle: ogni informazione viene salvata all interno di un file che, a sua volta, può essere inserito in una cartella. File è un termine inglese che si traduce in italiano con archivio: è, quindi, un insieme omogeneo di dati che viene identificato da un nome, è caratterizzato da una data ed occupa un certo numero di byte. E possibile distinguere tra file di programma, se rappresentano istruzioni software, oppure file di dati, come testi, immagini e quant altro.

7 La cartella (o directory, come veniva chiamata nei sistemi dos) è uno spazio, identificato da un nome, che serve per contenere file ed altre cartelle (le cosiddette sottocartelle o sottodirectory). La finalità per cui le cartelle vengono create è quella di permettere di organizzare i file creati, costruendo una sorta di schedario per argomento, personalizzato a seconda delle esigenze dell utente. Anche i programmi, quando vengono eseguite le procedure di installazione, organizzano i propri file in cartelle, in modo tale da poter distinguere parti differenti della stessa applicazione. A partire da Windows 95 i nomi dei file e delle cartelle possono essere creati usando fino a 256 caratteri, lettere e numeri e altri caratteri della tastiera, anche lasciando spazi tra un carattere e l altro. I nomi dei file, inoltre, in Windows non sono sensibili al carattere maiuscolo o minuscolo, con la conseguenza che non sarà possibile memorizzare nello stesso percorso due file con nome uguale ma caratteri maiuscoli e minuscoli differenti. Quindi, anche se nella finestra Risorse del Computer o nelle finestre di salva con nome il nome del file viene scritto in maiuscolo o minuscolo, si tratta solo di una distinzione visiva. E inoltre possibile utilizzare altri simboli della tastiera, ad eccezione di alcuni caratteri proibiti in quanto utilizzati dal sistema operativo per altri scopi e che, quindi, se usati nel nome di un file potrebbero generare confusione. Il nome del file è caratterizzato da una prima parte, che costituisce il nome vero e proprio, e da una seconda parte, rappresentata dagli ultimi tre o quattro caratteri del nome complessivo, chiamata estensione; questa identifica, per i file di programma, la funzione che il file deve svolgere, per i file di dati il programma che lo ha creato e di conseguenza il contenuto in termini di dati. Ad esempio, per i file di programma, i file che hanno estensione exe sono file che possono essere eseguiti, ovvero che, una volta aperti, svolgono determinate funzioni, quelli che hanno estensione sys sono file che contengono informazioni di sistema. Per i file di dati, le estensioni più usate sono le seguenti: - txt: file di testo; un file con questa estensione è un testo che può essere visualizzato da un qualunque programma di testo, perché non contiene nessuna formattazione di carattere. - doc: documento formattato, estensione dei file creati da Word di Microsoft. - xls: documento del foglio di calcolo di Microsoft Excel. Il sistema operativo associa alle estensioni dei file di dati un programma che è tipicamente il programma che ha creato o che serve per visualizzare tale file; la grande comodità di ciò è che, a partire da una finestra di gestione risorse o da un altra finestra dove sono presenti i file, possibile lanciare il programma associato e aprire il file contemporaneamente, solo cliccando due volte sul file. I file sui dischi dei computer con sistema operativo Windows sono organizzati in una struttura detta file system, traducibile in italiano come sistema di organizzazione dei file. Nei sistemi operativi in questa sede analizzati, il file system è di tipo gerarchico, ad albero inverso, ovvero i file sono contenuti nelle cartelle che, a loro volta, possono contenere altre sottocartelle Per visualizzare l organizzazione (cioè la suddivisione in cartelle) ed il contenuto (ossia i file) di un dispositivo collegato al computer è possibile utilizzare due programmi, Risorse del computer ed Esplora risorse (o Gestione Risorse), che consentono entrambi di visualizzare o modificare la struttura e il contenuto di un dispositivo, pur facendolo in maniera diversa. In ogni caso, le funzioni disponibili sono identiche. La finestra di Esplora risorse (raggiungibile dal menù Programmi, passando per il sottomenù Accessori) è divisa in due parti: la prima, a sinistra, serve a selezionare il dispositivo o la cartella; la seconda, a destra, serve a visualizzare il contenuto del dispositivo o della cartella selezionati. Grazie ai menu e alla barra degli strumenti, possono essere effettuate tutte le operazioni di organizzazione.

8 Risorse del computer adotta il medesimo concetto di file e cartelle ma, dato che non viene visualizzata la struttura dei dispositivi, per alcuni risulta più scomodo. Per spostarsi in una cartella (o in un dispositivo) e visualizzarne il contenuto, basta fare doppio clic sulla sua icona. Per ritornare alla cartella precedente bisogna usare l apposito pulsante nella barra del menù.

9 Creare un file o una cartella Prima di poter archiviare un file, ovviamente, occorre creare la cartella che dovrà contenerlo: le azioni di creazione, spostamento e cancellazione di cartelle possono essere effettuate lanciando in esecuzione il programma Esplora Risorse oppure aprendo l icona Risorse del computer. A questo punto, è necessario selezionare, con un clic del mouse, l icona del drive all interno del quale si vuole collocare la cartella e selezionare il comando NUOVO CARTELLA dal menù File. Nella sezione di destra di Esplora Risorse (o nella finestra del drive di Risorse del Computer) appare una cartella contraddistinta dal nome Nuova cartella, pronta per essere rinominata a discrezione dell utente. Ovviamente, la procedura è in tutto e per tutto analoga qualora si voglia creare una sottocartella. Selezione Ogni volta che si devono effettuare delle operazioni con i file è necessario selezionare quelli desiderati. La selezione può essere di tipo diverso e può essere effettuata con il mouse, con la tastiera o con una loro combinazione. I tipi di selezione disponibili sono: singola, multipla e di intervallo. - la selezione singola avviene facendo clic con il pulsante sinistro sul nome del file desiderato o sulla sua icona; - la selezione multipla può essere eseguita tenendo premuto il tasto CTRL e facendo clic con il pulsante sinistro sui nomi dei file desiderati; - la selezione di intervalli può avvenire in due maniere diverse: la prima si ottiene con l uso congiunto della tastiera e del mouse. Si seleziona il primo file, quindi, tenendo premuti il pulsante Maiusc, si seleziona il nome dell ultimo file dell intervallo desiderato. Tutti i file compresi tra il primo e l ultimo vengono selezionati. La seconda si ottiene disegnando un rettangolo attorno ai file o cartelle da selezionare con il tasto sinistro del mouse premuto Copia Copiare un file significa duplicare delle informazioni. Quando, ad esempio, si copia un documento su un dischetto, si crea un file identico a quello originale. Per creare la copia di qualsiasi elemento, il computer deve conoscere tre informazioni fondamentali: il nome dell elemento, il percorso di origine (cioè in quale unità e cartella risiede) e il percorso di destinazione (ossia l unità e la cartella in cui deve essere copiato).

10 Per copiare un file si possono impiegare diversi modi: - Comandi di menu: Sia che si usi Esplora risorse o Risorse del computer, i menu a disposizione contengono tutti i comandi necessari a copiare un file. In entrambi i casi bisogna selezionare il file che si intende copiare, facendo un clic sulla relativa icona, e scegliere il comando COPIA dal menu MODIFICA. Bisogna quindi visualizzare il contenuto della cartella in cui si vuole copiare il file e scegliere il comando INCOLLA dal menu MODIFICA. Appare così una nuova icona, la copia del documento originale; - Barra degli strumenti: la barra degli strumenti dispone di un icona per la copia. Basta selezionare il file che si vuole copiare e premere il pulsante COPIA. Visualizzato il contenuto della cartella di destinazione, si deve premere il pulsante INCOLLA. L icona e il nome del file originale vengono visualizzati nella cartella di destinazione; - Drag and Drop: questo sistema permette di effettuare diverse operazioni sui file senza usare menu e pulsanti. In alcuni casi e a seconda del risultato che si vuole ottenere, potrebbe essere necessario impiegare anche la tastiera. Drag and Drop permette di "prendere" un file, trascinarlo e lasciarlo "cadere" nel luogo di destinazione. Se, ad esempio, si deve copiare il file "PROVA.TXT" dalla cartella PIPPO del disco fisso C: alla cartella PLUTO del dischetto nell unità A:, bisogna dapprima visualizzare il contenuto delle due cartelle, quindi fare clic sul file nella prima cartella e, tenendo premuto, trascinare il file nella seconda. Se si preferisce il sistema Drag and Drop bisogna prendere confidenza con i concetti di copia e di spostamento. Se la cartella di origine e quella di destinazione risiedono sulla stessa unità (disco fisso o dischetto), l operazione predefinita è lo spostamento. La copia è prevista solo se le due cartelle non si trovano sulla stessa unità. Tuttavia, se durante il trascinamento dei file si preme il pulsante CTRL, sull icona dei file appare un segno di addizione. Questo simbolo avverte che è stata attivata la modalità di copia: si deve rilasciare prima il pulsante del mouse, poi il tasto CTRL; - Pulsante destro del mouse: il pulsante destro del mouse permette di accedere a un menu aggiuntivo (detto contestuale in quanto le sue voci variano a seconda del momento in cui viene richiamato). Tra i comandi presenti c è anche quello per la copia. Come già visto in precedenza, è possibile dapprima selezionare il comando COPIA, quindi, premuto ancora una volta il pulsante destro nella cartella di destinazione, scegliere il comando INCOLLA. Esiste anche un secondo metodo. Nella cartella di origine si preme il pulsante destro sul file che si vuole copiare e lo si trascina nella cartella di destinazione: rilasciato il pulsante destro appare un menu, da cui si può scegliere se copiare, spostare o creare un collegamento al file selezionato. Modifica del nome Potrebbe essere necessario, a volte, modificare il nome assegnato a un file o a una cartella. Come al solito, non importa se si usa Esplora risorse o Risorse del computer una volta selezionato il file o la cartella a cui si vuole modificare il nome, basta scegliere il comando RINOMINA dal menu FILE. Chi vuole fare più velocemente, può usare il menu di scelta rapida visualizzato facendo clic con il pulsante destro su un file. Scegliendo il comando RINOMINA può essere inserito un nuovo nome. Esiste un terzo metodo, che non impiega alcun comando: si seleziona il file a cui si vuole cambiare nome con un click sinistro, si attende un secondo e, infine, si fa clic sul nome del file. Il nome viene selezionato completamente e può essere cambiato. Nell effettuare questa operazione bisogna ovviamente stare attenti a non modificare le estensioni. Eliminazione I file registrati occupano spazio prezioso sui dischi del computer: terminata l utilità di un file è buona norma cancellarlo (o archiviarlo su dischetto). L eliminazione di file e cartelle può avvertire con modalità diverse: dopo aver selezionato i file e/o le cartelle da eliminare, si può impiegare il comando ELIMINA o premere il tasto Canc. Windows prevede due livelli di eliminazione di file e cartelle: l eliminazione temporanea e quella permanente. Quando si elimina un file dal disco fisso, viene richiesto se lo si vuole spostare nel Cestino. Per eliminare definitivamente il file, è necessario svuotare il cestino. Bisogna prestare particolare attenzione ad eliminare i file da un floppy, in quanto essi vengono eliminati definitivamente, senza passare dal cestino. Proprietà di un file Dopo aver aperto Esplora Risorse, nella metà di sinistra è possibile avere una visione complessiva del file system, mentre nella metà di destra appare il contenuto della finestra, visualizzato in modalità diverse: - Icone grandi; - Icone piccole;

11 - Elenco; - Dettagli. Mentre le prime tre visualizzazioni mostrano il disegno dell icona, affiancato da etichette di testo che indicano il nome del file, la visualizzazione Dettagli è quella che mostra normalmente le principali proprietà di ogni file, ovvero il nome, la dimensione, il tipo, la data e l ora dell ultima volta che è stato salvato sul disco. LA PROCEDURA DI IDENTIFICAZIONE I sistemi operativi Windows NT/2000/XP gestiscono l accesso al computer da parte di diversi tipi di utenti, per cui, al termine della fase iniziale, viene chiesto all utilizzatore di identificarsi presso il sistema utilizzando il proprio nome utente (username) e la propria password. Per iniziare la procedura di identificazione è necessario premere le combinazione di tasti CTRL + ALT + CANC: nella finestra di identificazione bisogna poi inserire i dati richiesti, come sopra specificato, quindi premere OK. Questa procedura serve, ovviamente, a garantire che il pc vengano usate solo dalle persone autorizzate, ovvero solo da chi è in possesso di una coppia username / password valida; inoltre, mediante tale sistema, è possibile assegnare privilegi e autorizzazioni all utente, in modo da definire in maniera inconfutabile cola egli possa fare e cosa no.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file 1 di 1 Uso del computer e gestione dei file Argomenti trattati: Sistema operativo Microsoft Windows: interfaccia grafica e suoi elementi di base Avvio e chiusura di Windows Le FINESTRE e la loro gestione:

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI Dalla Home page del sito dell Agenzia delle Entrate Cliccare sulla voce SID Selezionare ACCREDITAMENTO Impostare UTENTE e PASSWORD Gli stessi abilitati ad entrare nella AREA RISERVATA del sito (Fisconline

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Informazione Navigare in Internet in siti di social network oppure in siti web che consentono la condivisione di video è una delle forme più accattivanti

Dettagli

Manuale di gestione file di posta Ver4.00

Manuale di gestione file di posta Ver4.00 AreaIT - Servizio Servizi agli Utenti Ufficio Office Automation Manuale di gestione file di posta Ver4.00 Introduzione: Per un corretto funzionamento del programma di posta elettronica, presente nella

Dettagli