CORTE COSTITUZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORTE COSTITUZIONALE"

Transcript

1 CORTE COSTITUZIONALE SERVIZIO STUDI RELAZIONE SULLA GIURISPRUDENZA E SULL ATTIVITÀ DELLA CORTE COSTITUZIONALE NELL ANNO 2014 del Presidente Alessandro Criscuolo Palazzo della Consulta Roma - 12 marzo 2015

2 A cura e con il coordinamento di Maria Fierro Redazione dei testi: Maria Fierro, Riccardo Nevola, Danilo Diaco, Ida Norelli, Manlio Fulgenzi, Valeria Seghetti e Barbara Randazzo Composizione: Elisabetta Moio 2

3 STRUTTURA DELL INDICE SOMMARIO Parte I Profili processuali Capitolo I Il giudizio di legittimità costituzionale in via incidentale Capitolo II Il giudizio di legittimità costituzionale in via principale Capitolo III Il giudizio per conflitto di attribuzione tra Stato e Regioni e tra Regioni Capitolo IV Il giudizio per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato Capitolo V Il giudizio di ammissibilità delle richieste di referendum abrogativo Parte II Profili sostanziali Capitolo I Principi fondamentali Capitolo II Diritti e doveri degli individui Sezione I I rapporti civili Sezione II I rapporti etico-sociali Sezione III I rapporti economici Sezione IV I rapporti politici Sezione V I tributi Sezione VI La tutela dei diritti nella giurisdizione Capitolo III L ordinamento della Repubblica Sezione I L ordinamento dello Stato - Il Parlamento - La funzione normativa e il rapporto tra diverse fonti normative - Il Governo - La pubblica amministrazione - La Corte dei conti - L ordinamento giurisdizionale Sezione II Le autonomie territoriali - I parametri, Il riparto delle competenze, Le materie - L organizzazione delle Regioni - La funzione legislativa - La funzione amministrativa - Il principio cooperativo - Il potere sostitutivo - Il potere sanzionatorio dello Stato - Gli enti locali - Le Regioni a statuto speciale e le Province autonome - L autonomia finanziaria Capitolo IV La Repubblica, l ordinamento europeo, il sistema CEDU e il diritto internazionale 3

4 Indice sommario Parte I Profili processuali Capitolo I Il giudizio di legittimità costituzionale in via incidentale 1. Premessa I giudici a quibus e la legittimazione a sollevare questioni di legittimità costituzionale Il nesso di pregiudizialità tra giudizio a quo e giudizio di legittimità costituzionale L ordinanza di rimessione La riproposizione delle questioni L oggetto delle questioni di legittimità costituzionale Il parametro del giudizio La questione di legittimità costituzionale ed i poteri interpretativi dei giudici comuni Il contraddittorio di fronte alla Corte La trattazione congiunta e la riunione delle cause Le decisioni della Corte Le decisioni interlocutorie Le decisioni processuali Le decisioni di rigetto Le decisioni di accoglimento Capitolo II Il giudizio di legittimità costituzionale in via principale 1. Premessa Il ricorso Il contenuto del ricorso La notifica e il deposito del ricorso; i termini per ricorrere I rapporti tra il ricorso e la delibera recante la determinazione all impugnazione La ratifica del competente organo collegiale, in caso di deliberazione della proposizione del ricorso adottata in via d urgenza L oggetto delle questioni di legittimità costituzionale Il parametro di costituzionalità L interesse a ricorrere

5 6. La riunione e la separazione delle cause Il contraddittorio di fronte alla Corte Le decisioni della Corte Le decisioni interlocutorie Le decisioni processuali Le decisioni di rigetto Le decisioni di accoglimento La correzione degli errori materiali Capitolo III Il giudizio per conflitto di attribuzione tra Stato e Regioni e tra Regioni 1. Premessa I soggetti del conflitto Il ricorso e la costituzione in giudizio delle parti L interesse al ricorso Il tono costituzionale del conflitto Gli atti impugnati I parametri del giudizio La riunione dei giudizi Le decisioni della Corte Le decisioni processuali Le decisioni di merito Capitolo IV Il giudizio per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato Sezione I La fase dell ammissibilità 1. Premessa L atto introduttivo I soggetti del conflitto I profili oggettivi Le decisioni della Corte

6 Sezione II La fase del merito 1. Premessa I soggetti del conflitto I profili oggettivi Il ricorso per conflitto L interesse al ricorso Riunione dei giudizi Le decisioni della Corte Capitolo V Il giudizio di ammissibilità delle richieste di referendum abrogativo 1. Premessa Il contraddittorio di fronte alla Corte Le decisioni della Corte Parte II Profili Sostanziali Capitolo I Principi fondamentali 1. I diritti fondamentali quali controlimiti alle norme internazionali sull immunità degli Stati dalla giurisdizione civile degli altri Stati La Costituzione e l ordinamento sovranazionale L esigenza di coerenza con l ordinamento comunitario trova collocazione adeguata nell art. 11 della Costituzione L integrazione delle tutele dei diritti fondamentali in un sistema multilivello L operare congiunto dei parametri costituzionali e sovranazionali in rapporto di integrazione e reciproco bilanciamento Il principio di costituzionalità (ovvero la necessità di garantire la prevalenza del principio di legittimità sul principio di legalità) e l intollerabilità di zone franche del diritto costituzionale Il bilanciamento dei valori costituzionali La Costituzione come sistema (il bilanciamento e la necessità di considerare congiuntamente i parametri coinvolti)

7 6. Il concorso di princípi costituzionali e la preminenza dell interesse della sicurezza nazionale La straordinarietà delle situazioni di emergenza quale finalità di rilievo costituzionale I principi fondamentali dell ordinamento costituzionale e i diritti inalienabili della persona quali elementi identificativi ed irrinunciabili dell ordinamento costituzionale, sottratti anche alla revisione costituzionale L affidamento del cittadino nella sicurezza giuridica, quale elemento fondamentale dello Stato di diritto Il divieto di retroattività quale valore fondamentale di civiltà giuridica superabile per motivi imperativi di interesse generale Il diritto fondamentale di voto (peculiarità e rilievo costituzionale) La dignità della persona La dignità umana e il diritto all abitazione La genitorialità come espressione della fondamentale e generale libertà di autodeterminarsi Il diritto fondamentale di vivere liberamente una condizione di coppia omosessuale La tutela delle minoranze linguistiche Il principio fondamentale della tutela del paesaggio e lo specifico interesse unitario della comunità nazionale alla conservazione degli usi civici La solidarietà Il nuovo principio della sostenibilità del debito pubblico quale responsabilità nei confronti delle generazioni future La cristallizzazione del trattamento economico dei dipendenti pubblici in una dimensione solidaristica Il contributo di solidarietà sulle prestazioni integrative dell assicurazione generale obbligatoria dei dipendenti del parastato Gli ammortizzatori sociali Solidarietà e tutela della salute Il principio di solidarietà come dovere di tolleranza che la convivenza impone Lo straniero L accesso all edilizia residenziale pubblica I principi di uguaglianza e di ragionevolezza Il principio di uguaglianza in senso stretto La tecnica di giudizio; l uguaglianza e altri principi costituzionali Il trattamento adeguatamente diverso di situazioni diverse Il trattamento uniforme di situazioni identiche o assimilabili Il principio di uguaglianza e il fluire del tempo: in particolare, le discipline transitorie La contrarietà al principio di uguaglianza delle presunzioni assolute

8 L uguaglianza del voto L uguaglianza e l assetto regionalistico dello Stato I principi di ragionevolezza e di proporzionalità Il fondamento costituzionale del canone di ragionevolezza; la tecnica del giudizio di ragionevolezza e proporzionalità Le declinazioni della ragionevolezza: coerenza interna dell ordinamento, ragionevolezza intrinseca della disposizione impugnata, congruità della scelta legislativa rispetto alla ratio dell intervento normativo La ragionevolezza e il bilanciamento di interessi La ragionevolezza e il principio del legittimo affidamento; il sindacato di costituzionalità sulle leggi di interpretazione autentica e sulle leggi retroattive La ragionevolezza delle scelte sanzionatorie del legislatore La ragionevolezza, gli automatismi legislativi e le presunzioni La ragionevolezza e le leggi-provvedimento La ragionevolezza nell esercizio del potere legislativo delegato La ragionevolezza del sistema elettorale La ragionevolezza e gli interventi di finanza pubblica La ragionevolezza e la proporzionalità nella definizione dei rapporti e delle competenze degli enti territoriali costitutivi della Repubblica Capitolo II Diritti e doveri degli individui Sezione I I rapporti civili 1. I principi costituzionali in materia penale Il principio di irretroattività delle disposizioni che introducono sanzioni amministrative Il principio di offensività Il principio di offensività e l auspicio che il legislatore effettui interventi deflattivi della giustizia penale La riserva di legge in materia penale e l ammissibilità di pronunce di incostituzionalità in malam partem Sussistenza di un obbligo sovranazionale di penalizzazione I limiti alla discrezionalità del legislatore nella configurazione degli illeciti penali e nella scelta del relativo trattamento sanzionatorio Il reato di omesso versamento dell IVA Il trattamento sanzionatorio per gli obblighi previdenziali e gli obblighi tributari Il reato di omessa comunicazione delle variazioni patrimoniali Il giudizio di bilanciamento nel concorso di circostanze aggravanti e attenuanti La prescrizione dei reati Il reato di atti persecutori e il principio di determinatezza delle fattispecie penali

9 1.10. La subornazione del consulente del p.m. e del perito nella logica del processo accusatorio La sospensione condizionale della pena e la peculiarità del sistema sanzionatorio dei reati di competenza del giudice di pace La finalità rieducativa della pena I principi costituzionali in materia processuale Il diritto alla tutela giurisdizionale L effettività della tutela giurisdizionale I principi costituzionali interni in materia di parità delle parti in giudizio e quelli convenzionali in punto di equo processo Il diritto di azione e di difesa Il diritto di difesa e l accesso ai riti alternativi La cedevolezza del diritto di difesa nelle controversie di modesta entità La giurisdizione condizionata Il diritto alla tutela processuale e le leggi-provvedimento La parità delle parti nel processo e le leggi provvedimento Il diritto alla tutela giurisdizionale e l estinzione ex lege dei giudizi in corso La discrezionalità del legislatore nella conformazione degli istituti processuali Il principio dell affidamento in materia processuale Il principio del giudice naturale precostituito per legge Terzietà e imparzialità del giudice La garanzia del doppio grado di giurisdizione L equa riparazione per l eccessiva durata del processo La proposizione della domanda di equa riparazione in pendenza del procedimento - monito al legislatore La restituzione degli atti al rimettente e la ragionevole durata del processo La misura dell indennizzo liquidabile Sezione II I rapporti etico sociali 1. Famiglia e filiazione La fecondazione eterologa La nozione di matrimonio presupposta dal Costituente Lo scioglimento automatico del matrimonio per effetto della sentenza di rettificazione di sesso di uno dei coniugi monito al legislatore Il prevalente interesse del figlio minore nella concessione di benefici penitenziari extramurari Il diritto alla salute La salute del singolo individuo e della collettività quale interesse generale costituzionalmente rilevante La fecondazione eterologa (il diritto alla salute psichica e la scelta delle pratiche terapeutiche)

10 2.3. Il principio di doverosa cautela nella validazione e somministrazione di nuovi farmaci (il metodo stamina) Il diritto alla salute quale interesse preminente sulla libertà di impresa Il risarcimento del danno biologico alla persona da circolazione stradale Il diritto allo studio Gli istituti paritari L assistenza La misura regionale del bonus bebè L assegnazione di alloggi popolari Sezione III I rapporti economici 1. Il lavoro Il diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del lavoro prestato L orario di lavoro, le ferie, i riposi L autonomia collettiva Il trattamento economico del personale della scuola Il trattamento economico dei docenti di religione supplenti I compensi variabili dei dirigenti e dei titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa nel settore finanziario Il diritto all indennità di mobilità Il risarcimento del danno per illegittima apposizione del termine ad un contratto di lavoro Responsabilità solidale del committente e dell appaltatore per l omesso versamento dei contributi previdenziali La funzione risarcitoria della sanzione civile connessa all omesso versamento di premi e contributi e presunzione iuris et de iure La previdenza Il principio del trattamento di quiescenza proporzionato alla qualità e quantità del lavoro prestato L equilibrio del sistema previdenziale Il contenimento della spesa pubblica e la riduzione del trattamento previdenziale Il contributo di solidarietà sulle prestazioni integrative dell assicurazione generale obbligatoria dei dipendenti del parastato La discrezionalità del legislatore nella transizione dei sistemi previdenziali Il requisito di assicurazione e contribuzione per il diritto a pensione dei lavoratori dipendenti e autonomi La prescrizione del diritto ad accessori o ratei arretrati di prestazioni pensionistiche già riconosciute L errore di diritto nella liquidazione del trattamento pensionistico dei dipendenti pubblici La misura dell indennità integrativa speciale nel trattamento di reversibilità

11 2.10. Il ripristino del regime di trattamento fine servizio (TFS) di cui al d.p.r. n del 1973 per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni (attuazione della sentenza n. 223 del 2012) Il trattamento di fine rapporto dei pubblici dipendenti nominati direttore delle ASL Le pensioni svizzere L iniziativa economica L iniziativa economica e il bilanciamento con altri interessi costituzionalmente rilevanti La nozione di concorrenza riflette quella operante in ambito comunitario Il principio della libertà di stabilimento garantito dai Trattati europei Liberalizzazioni e concorrenza Liberalizzazioni, concorrenza e utilità sociale Liberalizzazioni e semplificazione dell azione amministrativa Gli aiuti di Stato Le barriere all ingresso nei mercati di nuovi operatori I limiti alla libertà di impresa a garanzia della salute pubblica (le parafarmacie) La tutela dei consumatori La modifica dei rapporti di durata (principi e limiti) Il concordato preventivo e la transazione fiscale Le società in house L affidamento diretto dei servizi pubblici locali di rilevanza economica La proprietà I contratti di locazione per uso abitativo non registrati e la novazione sanzionatoria Gli appalti privati nelle aree colpite da sisma L indennità di espropriazione per le aree non edificabili La sdemanializzazione degli usi civici sul territorio sardo Sezione IV I rapporti politici 1. I sistemi elettorali Le elezioni per la Camera dei deputati e per il Senato della Repubblica L attribuzione del premio di maggioranza nelle elezioni comunali nella Regione Trentino-Alto Adige La rappresentanza politica Il principio di uguaglianza del voto Il principio dell equilibrio rappresentati-rappresentanti Sezione V I tributi 1. Il principio di progressività Il principio della capacità contributiva

12 3. L addizionale regionale IRPEF La tassazione degli emolumenti arretrati dei giudici tributari I principi della tassazione per cassa e per cassa allargata, e il criterio della tassazione separata per gli emolumenti arretrati Prelievo addizionale sui compensi variabili di dirigenti e titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa nel settore finanziario La cristallizzazione del trattamento economico dei dipendenti pubblici (esclusione della natura tributaria) L IRAP tributo erariale Gli accertamenti presuntivi (prelievi ingiustificati da conti correnti bancari) Prelievo addizionale sulle vincite ottenute mediante gli apparecchi di gioco L imposta di registro per gli immobili acquisiti in sede di espropriazione forzata Le agevolazioni fiscali (l imposta di registro all 1 per cento per gli acquisti di fabbricati esenti da IVA, effettuati da imprese immobiliari) Il principio dell intangibilità dell IVA comunitaria nella transazione fiscale Sezione VI La tutela dei diritti nella giurisdizione 1. Il procedimento civile L opposizione alla stima delle indennità per espropriazione per pubblica utilità La riduzione del termine di costituzione dell attore nei giudizi di opposizione a decreto ingiuntivo Il rito del lavoro e la contestazione della legittimità del termine apposto al contratto di lavoro Deflazione del contenzioso previdenziale (generalizzata estinzione di diritto di giudizi pendenti) Le controversie in materia di prestazioni assistenziali erogate dall INPS e l accertamento tecnico preventivo Le controversie in materia di prestazioni assistenziali erogate dall INPS e i termini processuali I procedimenti in materia di liquidazione degli onorari e dei diritti degli avvocati Le spese di lite nelle cause di competenza del giudice di pace di valore non superiore a euro 1.100, Intervento del pubblico ministero penale per l applicazione del termine di grazia a favore delle vittime delle richieste estorsive e dell usura Il procedimento penale Incompatibilità del giudice con l ufficio di testimone Il difensore di fiducia Le misure cautelari personali (applicabilità di misure sostitutive anche a persona tossicodipendente indiziata del delitto di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti)

13 2.4. Le nuove contestazioni dibattimentali e l accesso ai riti alternativi Il procedimento per l applicazione delle misure di sicurezza (il principio di pubblicità dei procedimenti giudiziari) La determinazione della pena detentiva da eseguire I benefici penitenziari extramurari (divieto di automatismi a tutela del preminente interesse di figli minori) Il procedimento davanti al giudice di pace La giurisdizione amministrativa L inapplicabilità della regola processuale civilistica nella rinnovazione della notificazione al convenuto La tutela cautelare in pendenza del giudizio sulla competenza La competenza funzionale inderogabile del TAR Lazio, sede di Roma, per le controversie in materia di sanzioni irrogate dalla Banca d Italia La competenza funzionale inderogabile del TAR Lazio, sede di Roma, per le controversie sugli atti dell Agenzia per i beni confiscati alla criminalità organizzata La competenza inderogabile del TAR Lazio, sede di Roma, per le controversie sui provvedimenti dell autorità di polizia relativi al rilascio di autorizzazioni in materia di giochi pubblici con vincita in denaro La competenza inderogabile del TAR Lazio, sede di Roma, per le controversie relative ai provvedimenti di scioglimento dei consigli comunali e provinciali conseguente a fenomeni di infiltrazione e di condizionamento di tipo mafioso La giurisdizione amministrativa e il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica La giurisdizione della Corte dei conti La garanzia della tutela dinnanzi al giudice avverso le determinazioni della sezione regionale della Corte dei conti in materia di controllo sui rendiconti dei gruppi consiliari La giurisdizione tributaria La sospensione dell esecuzione della sentenza tributaria di appello impugnata con ricorso per cassazione Il reclamo e la mediazione nel processo tributario Giurisdizioni speciali La Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie Capitolo III L ordinamento della Repubblica Sezione I L ordinamento dello Stato 1. Il principio della continuità dello Stato La funzione di garanzia costituzionale La Corte costituzionale quale arbitro tra i poteri Il principio di effettività della tutela costituzionale

14 2.3. Il sistema accentrato di controllo di costituzionalità nell ordinamento repubblicano Il Parlamento Il sistema elettorale espressione della discrezionalità legislativa L insindacabilità delle opinioni espresse dai parlamentari L aggiornamento interpretativo del nesso funzionale verso la dilatazione del perimetro dell insindacabilità (esclusione) Lo statuto di garanzia delle Assemblee parlamentari L autodichia per i rapporti di lavoro dei dipendenti e per i rapporti con i terzi La funzione normativa e il rapporto tra diverse fonti normative La delegazione legislativa I principi consolidati Il criterio direttivo consistente in un principio generale La delega legislativa e la discrezionalità del legislatore delegato Il rapporto tra legge delega e legge delegata I decreti legislativi integrativi e correttivi La delega per il riordino del processo amministrativo La delega sul riassetto della disciplina del processo amministrativo e il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica La delega in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione La delega in materia penale e la riserva di legge La delega in materia di giurisdizione penale del giudice di pace La delega in tema di azione disciplinare per le infrazioni commesse dai notai La delega per il riassetto del codice delle assicurazioni private La delega in tema di sanzioni amministrative per le violazioni relative alla durata media dell'orario di lavoro, al periodo annuale di ferie, al riposo giornaliero e ai riposi settimanali La delega in tema di contratti di locazione per uso abitativo non registrati La decretazione d urgenza I rapporti istituzionali tra Governo, Parlamento e Presidente della Repubblica nella decretazione d urgenza Il nesso di interrelazione funzionale tra decreto-legge e legge di conversione La legge retroattiva e il principio dell affidamento dei consociati nella certezza dell ordinamento giuridico La legge retroattiva di interpretazione autentica Irretroattività delle disposizioni che introducono sanzioni amministrative Le leggi-provvedimento Le leggi costituzionalmente necessarie La copertura finanziaria delle leggi di spesa Le Linee guida (atti di normazione secondaria che integrano la norma primaria) Rapporti tra legge ed atto amministrativo richiamato (rinvio recettizio o materiale e rinvio non recettizio o formale) Le relazioni tra la legge e i contratti espressione dell autonomia collettiva

15 4.12. La reviviscenza delle norme L abrogazione di una norma meramente abrogatrice La reviviscenza di norme in seguito alla caducazione di disposizioni dichiarate incostituzionali per vizio procedurale La reviviscenza di normativa abrogata con referendum (esclusione) La reviviscenza di disposizioni illegittimamente abrogate L interpretazione evolutiva, al fine di preservare attualità ed effettività delle tutele sotto il profilo del corretto bilanciamento degli interessi L interpretazione di norme esterne all ordinamento giuridico italiano (il principio di conformità) Le dichiarazioni di illegittimità costituzionale L ammissibilità di pronunce di incostituzionalità in malam partem Le norme del diritto internazionale generalmente riconosciute, anteriori alla Costituzione L interesse obiettivo all eliminazione delle leggi incostituzionali La caducazione di disposizioni e la reviviscenza La normativa di risulta L efficacia temporale delle decisioni di accoglimento L inerzia del legislatore ordinario e il potere-dovere della Corte di intervenire Referendum abrogativo Le leggi di contenimento della spesa e le leggi di bilancio ai sensi dell art. 75 Cost Il limite delle leggi costituzionalmente necessarie Il divieto di ripristino di normativa abrogata con referendum La decisione di inammissibilità per difetto di omogeneità del quesito Il Governo Il potere di segretazione Lo scioglimento degli organi delle comunità locali per il contrasto alla criminalità organizzata quale atto di alta amministrazione I reati ministeriali La pubblica amministrazione I principi L inesistenza della riserva di funzione amministrativa L efficienza e il buon andamento della pubblica amministrazione Il principio del giusto procedimento I principi della semplificazione amministrativa e della celerità La semplificazione quale principio fondamentale dell azione amministrativa, di derivazione comunitaria I principi generali dell azione amministrativa in una visione sostanzialistica L impiego presso le pubbliche amministrazioni L accesso ai pubblici uffici

16 Le procedure concorsuali straordinarie e temporanee (per l attuazione del nuovo ordinamento del Corpo nazionale dei vigili del fuoco) L assunzione dei ricercatori vincitori dei concorsi espletati L esercizio della professione forense Il superamento della pregiudiziale penale nel procedimento disciplinare (polizia penitenziaria) La destituzione di diritto del personale dell Amministrazione di pubblica sicurezza L inesistenza di un principio di omogeneità di retribuzione a parità di anzianità L allineamento stipendiale per fini asseritamente perequativi Il blocco dei meccanismi di adeguamento retributivo delle retribuzioni del personale non contrattualizzato Il blocco per il triennio del trattamento economico dei dipendenti pubblici La cristallizzazione del trattamento economico dei dipendenti pubblici Le autorità amministrative indipendenti La finanza pubblica La nuova finanza pubblica dopo la riforma costituzionale del La riduzione del debito pubblico, funzionale all unità economica della Repubblica, all equilibrio di bilancio e al rispetto dei vincoli derivanti dall appartenenza dell Italia all Unione europea Il patto di stabilità esterno e quello interno e la tutela dell equilibrio unitario della finanza pubblica complessiva La politica di riequilibrio del bilancio nella situazione di crisi economica Gli apparati ispettivi dell amministrazione centrale e le verifiche sulle attività amministrative e finanziarie degli enti territoriali La regola aurea del divieto di indebitamento per spese diverse dagli investimenti L anticipazione di cassa La Corte dei conti I controlli della Corte dei conti sugli enti territoriali, strumentali al rispetto dei limiti complessivi di finanza pubblica anche in relazione ai vincoli comunitari Il controllo della Corte dei conti sui rendiconti dei gruppi consiliari La garanzia della tutela dinnanzi al giudice avverso le determinazioni della sezione regionale della Corte dei conti in materia di controllo sui rendiconti dei gruppi consiliari L ordinamento giurisdizionale La funzione giurisdizionale e il principio di buon andamento dell amministrazione Terzietà e imparzialità del giudice L interpretazione autentica e l attività ermeneutica del giudice L interpretazione conforme e l attività ermeneutica del giudice Il giudice nazionale comune e la compatibilità comunitaria della normativa interna

17 8.6. Le attribuzioni costituzionali dell autorità giudiziaria e gli interventi del legislatore a scopo deflattivo del contenzioso La soppressione di tribunali ordinari Sezione II Le autonomie territoriali 1. Il rapporto tra parametri competenziali, statutari, comunitari Il riparto delle competenze L inderogabilità dell ordine costituzionale delle competenze legislative e la crisi economico-sociale La normativa emergenziale, transitoria ed eccezionale, avente rilevanza nazionale La nozione di principio fondamentale Il divieto di riproduzione di norma statale adottata nell esercizio di competenza esclusiva Il divieto di iniziative legislative e regolamentari della Regione (anche transitorie) in ambito di competenza statale esclusiva, nonostante l inadempienza dello Stato L intreccio delle competenze e il prioritario criterio della prevalenza L intreccio delle competenze e il criterio dei punti di equilibrio L intreccio delle competenze in materia di fonti di energia rinnovabili e il punto di equilibrio con l interesse alla tutela dell ambiente e del territorio L intreccio delle competenze e il livello di tutela ambientale stabilito dallo Stato come limite alle competenze di Regioni e Province autonome L intreccio delle competenze e il principio di innalzamento del livello di tutela L intreccio delle competenze in materia di ambiente e il divieto di norme suppletive e cedevoli L intreccio delle competenze e l azione trasversale dello Stato a tutela della concorrenza L intreccio delle competenze, il mercato e l esigenza della gestione unitaria del servizio L intreccio delle competenze e il criterio della prevalenza nella materia trasversale della concorrenza I principi fondamentali in materia di «coordinamento della finanza pubblica», funzionali all unità economica della Repubblica e all equilibrio di bilancio, anche con riferimento alle autonomie speciali La definizione dei presupposti di applicazione di norme penali statali ad opera della legislazione regionale Le materie Qualificazione e individuazione della materia Le materie a carattere finalistico o trasversali Il superamento del peculiare sistema di controllo sulle leggi della Regione siciliana I limiti alle autonomie speciali L organizzazione delle Regioni Gli organi regionali

18 I limiti ai poteri del Consiglio regionale nella fase successiva al decreto di indizione delle elezioni (prorogatio e prescadenza) - monito al legislatore regionale La riduzione del numero dei componenti del Consiglio e della Giunta I gruppi consiliari L amministrazione L accesso ai pubblici uffici (v. analoga voce in Il potere esecutivo) L allineamento stipendiale per fini asseritamente perequativi La composizione degli organi di amministrazione e di controllo in funzione del contenimento dei costi La riduzione delle spese per il personale La dirigenza La revoca del Segretario generale del Consiglio regionale del Molise per il contenimento della spesa Le procedure per le eccedenze di personale La sostituzione temporanea del dirigente Il Servizio Sanitario Regionale La decadenza automatica dei direttori generali delle ASL La stabilizzazione di personale sanitario non dirigenziale, in costanza del piano di rientro I piani di rientro dai disavanzi sanitari Il divieto di ostacolare l attuazione del piano di rientro e l esecuzione del mandato commissariale I controlli I controlli del Governo sugli enti locali (limiti) Il ruolo della Corte dei conti nella finanza regionale La gestione finanziaria delle Regioni e i controlli della Corte dei conti Il controllo sui rendiconti dei gruppi consiliari regionali La funzione legislativa Le materie di competenza esclusiva statale (art. 117, secondo comma, Cost.) Sistema tributario e contabile dello Stato (lett. e) La variazione delle aliquote IRAP Tutela della concorrenza (lett. e) La nozione interna di «concorrenza» riflette quella operante in àmbito comunitario gli appalti per lavori privati Il divieto di proroga automatica di contratti in concessione Le procedure di gara pubblica, strumento per tutelare e promuovere la concorrenza in modo uniforme sull intero territorio nazionale La libera prestazione dei servizi (attività di guida turistica) L affidamento diretto dei servizi pubblici locali di rilevanza economica L esercizio del commercio L esercizio di impianti gestione carburanti Ordinamento civile (lett. l)

19 Il rapporto di lavoro pubblico La responsabilità amministrativa dei dipendenti pubblici Gli appalti pubblici L uniformità di trattamento, nell intero territorio nazionale, dei rapporti civilistici tra soggetti che operano in regime privato (gli appalti per lavori privati) L efficacia giuridica dei rapporti contrattuali Le distanze tra fabbricati Determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale (lett. m) L abbattimento delle barriere architettoniche negli esercizi commerciali Le prestazioni di attività amministrativa Organi di governo e funzioni fondamentali di Comuni, Province e Città metropolitane (lett. p) Le funzioni fondamentali dei Comuni Profilassi internazionale (lett. q) La polizia veterinaria Coordinamento informativo statistico e informatico dei dati dell amministrazione statale, regionale e locale (lett. r) I dati sul finanziamento dei partiti politici Lo sportello unico per le attività produttive Tutela dell ambiente, dell ecosistema e dei beni culturali (lett. s) Le autorizzazioni e i controlli finalizzati alla tutela dell ambiente i) la VIA e l AIA e gli impianti per la produzione di energia termoelettrica ii) la VAS e le varianti di piano o programma iii) la VIA e la proroga di titoli minerari e di permessi di cava iv) la VIA e le concessioni di piccole derivazioni a scopo idroelettrico La gestione dei rifiuti i) le garanzie finanziarie per la gestione degli impianti - monito al legislatore ii) la qualificazione quale rifiuto dei residui di produzione iii) le attività estrattive iv) l emergenza rifiuti nella Regione Campania v) la sanatoria per lo smaltimento di rifiuti pericolosi Le acque i) il piano di tutela delle acque e il principio di innalzamento del livello di tutela ii) l autorizzazione allo scarico di acque reflue in fognatura e il principio di innalzamento del livello di tutela La tutela della fauna i) il contenimento della fauna selvatica ii) la caccia Le aree protette i) la partecipazione degli enti locali nel procedimento istitutivo e nella gestione, quale princìpio fondamentale di riforma economico-sociale

20 I beni culturali e paesaggistici i) la pianificazione territoriale e paesaggistica ii) gli usi civici nella conservazione ambientale e paesaggistica iii) interventi su immobili sottoposti a vincolo Le materie di competenza concorrente (art. 117, terzo comma, Cost.) Coordinamento della finanza pubblica Il contenimento della spesa per il personale La riduzione dei costi degli apparati amministrativi Il contenimento della spesa degli enti locali Il contenimento delle spese per il funzionamento del sistema politico (degli organi politici) I meccanismi premiali e sanzionatori e l autonomia regionale I principi di coordinamento della finanza pubblica e l equilibrio di bilancio fra vincoli comunitari e patto di stabilità interno I principi di coordinamento della finanza pubblica e le autonomie speciali Il contenimento della spesa sanitaria e il piano di rientro dal disavanzo sanitario Il rafforzamento della partecipazione della Corte dei conti al controllo sulla gestione finanziaria delle Regioni La contabilità pubblica Coordinamento del sistema tributario L addizionale regionale IRPEF Governo del territorio La ristrutturazione edilizia senza il vincolo della sagoma Produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell energia L energia da fonti rinnovabili i) il regime abilitativo per gli impianti e il principio di celerità e semplificazione amministrativa ii) la localizzazione degli impianti e il principio di massima diffusione delle fonti rinnovabili iii) l energia rinnovabile e la produzione agricola La localizzazione di gasdotti e degli impianti di compressione a gas ricadenti nelle zone sismiche L energia idroelettrica i) il canone delle concessioni per le derivazioni di acqua pubblica ad uso idroelettrico ii) le derivazioni di acqua a scopo idroelettrico Professioni L individuazione delle nuove figure professionali La formazione del medico specializzando Le attività turistiche Tutela della salute Il servizio sanitario e i limiti imposti da vincoli di bilancio Le acque minerali naturali

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI approvato con Decreto Legislativo

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini.

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. Corte dei conti Via Antonio Baiamonti, 25 00195 Roma Tel. +39 0638761 Fax +39 0638763477 www.corteconti.it C C Corte dei conti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli