VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto"

Transcript

1 VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

2 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 LA MISSION: FAVORIRE CRESCITA SISTEMA ECONOMICO REGIONALE; ATTUARE POLITICA ECONOMICA DELLA Regione del Veneto CON SPECIFICI STRUMENTI FINANZIARI PER LE PMI; INTERVENTI NEL CAPITALE DI RISCHIO DELLE IMPRESE; MIGLIORARE ACCESSO AL CREDITO. L'OPERATIVITÀ: AGEVOLAZIONI FINANZIARIE CON L UTILIZZO DI: FONDI ROTATIVI (FINANZA AGEVOLATA) FONDI SPECIALI (CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO) FONDI RISCHI (GARANZIE) STRUMENTI DI EQUITY: PARTECIPAZIONI STRATEGICHE PATRIMONIO DESTINATO FONDO CAPITALE DI RISCHIO FONDO PER INTERVENTI NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE

3 3 La compagine sociale e il capitale sociale Il capitale sociale è oggi di 112 milioni di Euro ed è suddiviso fra Regione del Veneto (51%) e 11 società appartenenti a differenti gruppi bancari (49%). Il Patrimonio Netto è di Euro 129,2 milioni, 3

4 4 LE RISORSE IN GESTIONE (dati in milioni di Euro) Garanzie Finanziamenti agevolati e contributi Partecipazioni societarie Fondi di garanzia 33 Fondi di Rotazione per finanziamenti agevolati 573 Fondi per contributi 23 Fondi di capitale di rischio 57 Partecipazioni strategiche e "su mandato" 37 Risorse complessive: 724 milioni (dato 2013)

5 5 VOLUMI INTERMEDIATI AL 30/06/2014 STRUMENTI Numero Valore ( )* FONDI DI ROTAZIONE E CONTRIBUTI (totale fondi interamente gestiti e parzialmente gestiti da Veneto Sviluppo) Operazioni di finanzimento / leasing agevolato in ammortamento ,95 Contributi erogati (contributi in c/capitale e quota operazioni in forma mista) ,70 GARANZIE, RIASSICURAZIONI E TRANCHED COVER Garanzie ,62 Riassicurazioni ,00 Tranched Cover ,75 PARTECIPAZIONI SOCIETARIE Partecipazioni Dirette ,94 Partecipazioni su mandato della Regione del Veneto ,00 Partecipazioni Patrimonio Destinato ,00 Partecipazioni Fondo di Capitale di Rischio (POR 2007/13 Az ) ,31 Partecipazioni Fondo Cooperative ,00 VOLUMI INTERMEDIATI n. operazioni Valore ( ) ,27 * Per valore si intende: - il valore nominale dell operazione agevolata per i finanziamenti / leasing e per la parte di finanziamento / leasing delle operazioni in forma mista in ammortamento; - l importo erogato per i contributi; - il valore del finanziamento bancario garantito e/o riassicurato per le operazioni di garanzia attive (su tutti i Fondi) e per le operazioni di riassicurazione; - l importo dei finanziamenti garantiti componenti il lotto finanziario in essere per le operazioni di tranched cover; - il valore delle partecipazioni societarie detenute.

6 6 Fondo di rotazione e contributi: gli attori

7 7 Mappa dei fondi di Rotazione Settoriali Commercio, Turismo, Manifatturiero, Artigianato, Agricolo ed Agroindustriale, Foreste, Impianti a Fune Territoriali Fondo per il Polesine, Aree di Confine provincia di Belluno Trasversali Fondo per l innovazione, Cooperative, Energia, Imprenditoria Giovanile, Imprenditoria Femminile Strumenti la cui operatività prevede operazioni in forma mista (finanziamento/leasing agevolato + contributo in conto capitale) FONDO IMPRENDITORIA FEMMINILE FONDO IMPRENDITORIA GIOVANILE 7 FONDO "ENERGIA" (Misura POR Veneto )

8 8 Fondi di Rotazione per finanziamenti agevolati I Fondi di Rotazione attualmente operativi Fondi di Rotazione gestiti o amministrati da Veneto Sviluppo S.p.A. - strumenti attivi - FONDI DI ROTAZIONE IN GESTIONE Fondo di Rotazione per le PMI del settore Commercio ex LR 1/1999 Fondo di Rotazione per l Imprenditoria Giovanile ex LR 57/1999 Fondo di Rotazione per l Imprenditoria Femminile ex LR 1/2000 Fondo di Rotazione per le PMI ex LR 5/2001 (di recente attivazione la Sez. C a sostegno delle PMI impegnate in progetti di Ricerca e Sviluppo Bando INNOVAREA ) Fondo di Rotazione per l Artigianato Regionale ex LR 2/2002 Fondo di Rotazione per lo sviluppo e la qualificazione dell offerta turistica regionale ex LR 33/2002 Fondo di Rotazione per il Settore Primario ex LR 40/2003 Fondo di Rotazione per finanziamenti e per la ricapitalizzazione delle cooperative ex LR 17/2005 Fondo di Rotazione per il Polesine ex DGR 362/2007 Fondo di Rotazione per l innovazione tecnologica nelle PMI ex Misura POR FESR Veneto 2007/2013 Fondo di rotazione e contributi in conto capitale per investimenti realizzati da PMI e finalizzati al contenimento dei consumi energetici ex Misura POR FESR Veneto 2007/2013 FONDI DI ROTAZIONE IN AMMINISTRAZIONE Fondo Forestale Regionale ex LR 52/1978 Fondo di Rotazione per le Aree di Confine in provincia di Belluno ex LR 18/1994 Fondo di Rotazione per il Settore del Trasporto a Fune ex LR 6/1996

9 9 Fondi di Rotazione per finanziamenti agevolati Operatività 2010 primo semestre 2014 Operatività fondi di agevolazione gestione Veneto Sviluppo ANNO Δ% 2013/ sem N. domande di ammissione alle agevolazioni pervenute ,02% 901 N. domande di agevolazione deliberate Importo domande di agevolazione deliberate (esito positivo) milioni di Quote fondi di rotazione regionali impegnate milioni di % ,2 285,4 298,9 335,0 +12,08% 150,7 98,5 124,9 127,8 151,6 +18,62% 68,3 N. operazioni agevolate erogate ,98% 836 Importo operazioni agevolate erogate milioni di Quote fondi di rotazione regionali erogate milioni di 197,4 230,8 244,3 306,6 +25,50% 121,5 86,5 104,0 106,6 139,2 +30,58% 57,6

10 DGR N. 2216/2013 DISPOSIZIONI OPERATIVE UNICHE PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO VENETO DISCIPLINANO: F.DO COMMERCIO EX LR N. 1/1999 F.DO ARTIGIANATO EX LR N. 2/2002 F.DO PMI EX LR N. 5/2001 F.DO IMP. FEMMINILE EX LR N. 1/2000 F.DO IMP. GIOVANILE EX LR N. 57/1999 MISURA "TRASVERSALE" FINANZIAMENTI DI IMPORTO LIMITATO

11 11 Disposizioni Operative Uniche per lo sviluppo del sistema produttivo veneto I PUNTI QUALIFICANTI è stato realizzato un potente strumento di politica industriale in favore delle PMI, ottimizzando risorse e procedure; è stato introdotto uno strumento flessibile e modificabile nel tempo, in grado di rispondere tempestivamente alle esigenze del sistema produttivo; sono state definite in modo uniforme le regole (requisiti soggettivi dei beneficiari, spese ammissibili, caratteristiche tecniche delle operazioni agevolate); sono stati semplificati i passaggi amministrativi e le procedure, ricorrendo all'utilizzo della "domanda elettronica" messa a punto da Veneto Sviluppo S.p.A.; le piattaforme informatiche utilizzate consentono un monitoraggio costante della pratica da parte dei soggetti interessati; viene valorizzato il ruolo delle rappresentanze delle imprese per un migliore e più ampio utilizzo delle strumentazioni agevolative.

12 12 Disposizioni Operative Uniche per lo sviluppo del sistema produttivo veneto GLI STRUMENTI AGEVOLATIVI INTERESSATI DALLA RAZIONALIZZAZIONE - Fondo di Rotazione COMMERCIO ex LR 1/ Fondo di Rotazione PMI ex LR 5/ Fondo di Rotazione ARTIGIANATO ex LR 2/ Agevolazioni per l'imprenditoria GIOVANILE ex LR 57/ Agevolazioni per l'imprenditoria FEMMINILE ex LR 1/ MISURA ANTICRISI ex DGR 676/ FINANZIAMENTI DI IMPORTO LIMITATO ex DGR 266/2013 e 267/2013

13 13 Disposizioni Operative Uniche per lo sviluppo del sistema produttivo veneto L'UTILIZZO DELLA DOMANDA ELETTRONICA La razionalizzazione comporta l'utilizzo massivo della "Domanda Elettronica" per la presentazione a Veneto Sviluppo delle domande di ammissione alle agevolazioni. A breve sarà disponibile la documentazione per richiedere l'accreditamento ed ottenere le credenziali, che andranno a sostituire quelle attualmente in uso per l'accesso a F3000 da parte degli intermediari convenzionati. La Domanda Elettronica diventa l'unica modalità di presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni.

14 14 Disposizioni Operative Uniche: caratteristiche delle operazioni SETTORI ECONOMICI AMMESSI L.R. 9 febbraio 2001, n. 5: PMI operanti nei seguenti settori: C, D, E, F, H, J, M72, A01.61 L.R. 17 gennaio 2002, n. 2: PMI artigiane di tutti i settori L.R. 18 gennaio 1999, n. 1: PMI operanti nei seguenti settori: E38, G, H52.29, H53.20, I56, J59, J60.10, J60.20, J62, K66, L68, M69, M70, M71, M73, M74.20, M74.30, N77, N78, N79, N80, N81, N82, P85, R90.02, R92, R93, S95, S96. Esclusioni: come da Regolamenti comunitari di riferimento ("de minimis" e "esentato")

15 15 Disposizioni Operative Uniche: caratteristiche delle operazioni INIZIATIVE FINALIZZATE ALLA REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI

16 16 Disposizioni Operative Uniche: caratteristiche delle operazioni INIZIATIVE FINALIZZATE ALLA REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI

17 17 Disposizioni Operative Uniche: caratteristiche delle operazioni INTERVENTI DI SUPPORTO FINANZIARIO

18 18 Disposizioni Operative Uniche: imprenditoria femminile CARATTERISTICHE DELLE OPERAZIONI Valgono le stesse regole previste per i fondi settoriali, con le sole eccezioni previste dalla LR 1/2000 in relazione a: - Soggetti ammissibili (PMI "FEMMINILI"); - Regime di aiuto (solo "de minimis") e settori ammissibili; - Forma tecnica: finanziamento agevolato associato a contributo in conto capitale (quote 42,5% - 42,5% - 15%); - Spese ammissibili: solo REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI; - Importi: minimo euro 20 mila massimo euro 100 mila.

19 19 Disposizioni Operative Uniche: imprenditoria giovanile CARATTERISTICHE DELLE OPERAZIONI Valgono le stesse regole previste per i fondi settoriali, con le sole eccezioni previste dalla LR 57/1999 in relazione a: - Soggetti ammissibili (PMI "GIOVANILI"); - Regime di aiuto (solo "de minimis") e settori ammissibili; - Forma tecnica: finanziamento agevolato associato a contributo in conto capitale (quote 42,5% - 42,5% - 15%); - Spese ammissibili: solo REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI e differente finanziabilità; - Importi: minimo euro 20 mila massimo euro 100 mila.

20 20 Disposizioni Operative Uniche per lo sviluppo del sistema produttivo veneto dati operativi La tabella che segue evidenzia i dati operativi relativi alle domande di agevolazione pervenute a seguito dell'attivazione delle "disposizioni uniche" (aprile luglio 2014). I volumi risultano considerevoli fin dall'avvio dell'operatività, se si considera che al 30/06/2014 sono pervenute domande di ammissione a valere su tutti i fondi di rotazione in gestione. Fondo di rotazione Mese ricezione domanda di agevolazione 4/2014 5/2014 6/2014 7/2014 TOTALE LR 1/1999 Commercio LR 1/2000 Imp. Femminile LR 2/2002 Artigianato LR 5/2001 Industria LR 57/1999 Imp. Giovanile TOTALE

21 21 Le Garanzie 21

22 22 Operatività sul fronte garanzie: il Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004 In considerazione della particolare congiuntura economica e con l obiettivo di favorire l accesso al credito per le PMI, la Regione del Veneto si è avvalsa dell opportunità prevista dalla Legge Regionale n. 19/2004 ed ha costituito presso Veneto Sviluppo un Fondo di Garanzia. Le risorse pubbliche stanziate per l iniziativa ammontano ad Euro 36,6 milioni. Nel mese di aprile 2012 è stata avviata l'operatività in materia di concessione di garanzie "a prima richiesta". Alle PMI venete in possesso dei requisiti previsti, Veneto Sviluppo concede garanzie a prima richiesta, a valere sul proprio patrimonio, a condizioni agevolate e nel rispetto dei requisiti di eligibilità previsti dagli accordi di Basilea 2. Nel corso del 2012 è stata anche avviata l'operatività in materia di "Tranched Cover": il Fondo garantisce il primo rischio su portafogli di finanziamenti bancari selezionati, mentre parte del rischio rimanente viene garantita dai Confidi. Nel corso del 2013, infine, è stata avviata l'operatività in materia di Riassicurazione del credito: il Fondo consente di riassicurare le garanzie rilasciate dai Confidi a sostegno dei finanziamenti bancari destinati alle PMI.

23 23 Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004 Riassicurazione del credito

24 24 Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004: riassicurazioni Le risorse regionali del Fondo messe a disposizione per questa nuova operatività sono pari a 16 milioni di Euro. A regime, la misura consentirà di generare affidamenti per un importo stimato di circa 750 milioni di Euro. LINEE D'INTERVENTO Linea A: sostegno ad operazioni di riscadenziamento dei termini di rientro del credito Linea B: sostegno ad operazioni di consolidamento dell'indebitamento Linea C: sostegno al circolante IMPORTI OPERAZIONI RIASSICURABILI per Linea d'intervento: MAX Euro ,00 per impresa: MAX Euro ,00 (in caso di utilizzo di più Linee d'intervento)

25 25 Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004: riassicurazioni Le richieste avviate via "domanda elettronica" (domande prenotate dai Confidi ed in lavorazione) Primo semestre 2014 Indicatori operativi Operatività del Fondo Regionale di Garanzia Riassicurazioni del credito Linea d intervento A B C1 C2 TOTALE N. richieste avviate Importo operazioni bancarie corrispondenti Euro , , , ,00 Importo garanzie consortili corrispondenti - Euro , , , ,00 Importo riassicurazioni richieste Euro , , , NOTA: Linea d intervento A: sostegno ad operazioni di riscadenziamento dei termini di rientro del credito Linea d intervento B: sostegno ad operazioni di consolidamento dell indebitamento Linea d intervento C1: sostegno al circolante (garanzie dirette a prima richiesta) Linea d intervento C2: sostegno al circolante (garanzie sussidiarie)

26 26 Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004: riassicurazioni Operazioni deliberate Anno 2013 e primo semestre 2014 Anno 2013 Linea d intervento A B C1 C2 TOTALE Domande di ammissione deliberate Importo operazioni bancarie corrispondenti - Euro Importo garanzie consortili corrispondenti - Euro Importo riassicurazioni deliberate - Euro 0, , , , ,00 0, , , , ,00 0, , , , ,00 Primo semestre 2014 Domande di ammissione deliberate Importo operazioni bancarie corrispondenti - Euro Importo garanzie consortili corrispondenti - Euro Importo riassicurazioni deliberate - Euro 0, , , , ,00 0, , , , ,50 0, , , , ,80 NOTA Sezione A: sostegno ad operazioni di riscadenziamento dei termini di rientro del credito Sezione B: sostegno ad operazioni di consolidamento dell indebitamento Sezione C1: sostegno al circolante (garanzie dirette a prima richiesta) Sezione C2: sostegno al circolante (garanzie sussidiarie)

27 27 Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004 Riassicurazione del credito Sezione Speciale per le PMI del Settore Primario

28 28 Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004: operazioni di riassicurazione del credito Settore Primario Con DGR n. 714/2013 e DGR n. 903/2013 la Regione del Veneto ha emanato le Disposizioni Operative che disciplinano le modalità di intervento del Fondo Regionale di Garanzia per l'attivazione di operazioni di riassicurazione del credito delle PMI. Con DGR n. 711/2014 la Regione del Veneto ha quindi esteso l'operatività in riassicurazioni del Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004 anche a beneficio delle PMI del Settore Primario. La Sezione Speciale del Fondo entrerà in fase operativa entro la fine del 2014.

29 29 Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004: riassicurazioni per il Settore Primario Le risorse regionali del Fondo messe a disposizione per questa nuova operatività sono pari a 2 milioni di Euro. LINEE D'INTERVENTO Linea A: sostegno delle linee a breve Linea B: sostegno ad operazioni di finanziamento Linea C: sostegno al credito ipotecario IMPORTI OPERAZIONI RIASSICURABILI per Linea d'intervento: Linee A e B: MAX Euro ,00 Lina C: MAX Euro ,00 per impresa: MAX Euro ,00 (in caso di utilizzo di più Linee limitatamente alle Linee A e B) MAX Euro ,00 (in caso di utilizzo di più Linee che comprendano anche la Linea C in ogni caso max Euro ,00 sulle Linee A e B)

30 30 Le Partecipazioni Societarie 30

31 IL FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO

32 Durata: Dotazione: Tipologia di interventi: Modalità: Imprese Target: 10 anni. Euro 35 milioni. Quota partecipativa: Fino al 49%. Range investimenti: Durata investimenti Modalità di disinvestimento: Condizioni generali: Early stage financing / expansion capital (intervento partecipativo finalizzato a supportare progetti imprenditoriali a carattere innovativo e/o ad alta tecnologia). L assunzione di partecipazioni avverrà solo nella forma di partecipazione ad aumenti di capitale. PMI, nella forma di società di capitale, ad alto contenuto tecnologico operanti nel territorio Veneto. Massimo Euro 1,5 milioni. Fino a 5 anni. Riacquisto da parte dell imprenditore originario (buy back), trade sale, IPO od altre soluzioni ad hoc collegate all evoluzione dell operazione. Un membro del Consiglio di Amministrazione ed un membro del Collegio Sindacale (sindaco effettivo che assumerà la carica di Presidente) ovvero il Sindaco unico nel caso in cui la società si doti di un organo di controllo monocratico, siano indicati da Veneto Sviluppo S.p.A.

33 Il portafoglio partecipativo # Settore Provincia Importo investito Quota Data invest. Tipologia di operazione Status 1 Macchine controllo numerico e pantografi TV Euro Abbigliamento bambini TV Euro Filtrazione delle acque VI Euro Ottica adattiva PD Euro ,00 % 20,00 % 38,00 % 20,75 % 2010 Expansion In portafoglio 2011 Expansion Write off 2011 Expansion In portafoglio 2011 Early stage In portafoglio 5 Tecnologie per l ingegneria cartografica TV Euro ,00 % 2012 Early stage Ceduta (Irr 8%) 6 Apps TV Euro ,00 % 2012 Early stage Ceduta (Switch equity) 7 Refrigerazione PD Euro Biotecnologie VE Euro Elettromedicali PD Euro Componenti in ghisa per veicoli industriali PD Euro Web marketing, Digital, e-commerce VI Euro Elettronica Embedded VE Euro ,78 % 25,00 % 30,00 % 26,00 % 25,00 % 20,00 % 2012 Early stage In portafoglio 2012 Early stage In portafoglio 2012 Early stage In portafoglio 2013 Early stage In portafoglio 2013 Expansion In portafoglio 2013 Expansion In portafoglio 13 Web/New Media TV Euro ,89% 2014 Expansion In portafoglio

34 Aggiornamento sull operatività del fondo agosto 2014 (1) Il controvalore delle operazioni deliberate con esito positivo dal CdA ma scartate in fase di due diligence ammonta ad 3,3 Mio Una conclusione positiva della fase di due diligence per le operazioni deliberate positivamente dal CdA potrebbe condurre ad un ammontare investito al 31/12/2014 pari ad 15,2 Mio (n. 17 operazioni). 51 Per un controvalore da investire di 4,1 Mio Per un controvalore investito di 11,0 Mio Operazioni "protocollate" Operazioni completate con esito negativo Operazioni scartate in fase di due diligence Operazioni deliberate positivamente dal CdA Operazioni in fase di analisi Partecipazioni acquisite LEGENDA Operazioni «protocollate»: n. di società che hanno formalizzato la richiesta di intervento partecipativo a Veneto Sviluppo. Tale valore non coincide con il deal flow complessivo che risulta molto più ampio. Operazioni completate con esito negativo: n. di operazioni «protocollate» completate con esito negativo. Operazioni scartate in fase di due diligence: n. di operazioni deliberate dal CdA con giudizio positivo ma completate con esito negativo a seguito delle risultanze della due diligence. Operazioni deliberate positivamente dal CdA: n. di operazioni deliberate dal CdA con giudizio positivo attualmente in fase di due diligence o di predisposizione del contratto di investimento. Operazioni in fase di analisi: n. di operazioni in fase di valutazione non ancora vagliate dal CdA. Partecipazioni acquisite: n. di operazioni portate in closing.

35 Aggiornamento sull operatività del fondo agosto 2014 (2) Di seguito vengono rappresentati due grafici che mettono in evidenza le risorse investite, le risorse impegnate e disponibilità residue del fondo (dati in /Mio). 19,9 31,71% 11,0 4, ,57% 11,71% investito impegnato (deliberato) da investire dotazione investito impegnato risorse disponibili Si riportano infine due indicatori calcolati per il Fondo di Capitale di Rischio, ovvero: tasso di operazioni «andate a buon fine» e l investimento medio per operazione. Percentuale di successo Invest.to medio per operazione Euro 0,854 Mio 19,40%

36 IL PROGETTO SGR

37 37 Progetto SGR La Regione del Veneto, tramite Veneto Sviluppo, intende dare nuovo impulso all'operatività sul capitale di rischio delle PMI, al fine di sostenerne i processi di crescita valorizzando i percorsi di innovazione. A tal fine, in data 3 settembre 2013 era stata avviata una partnership insieme a Friulia, Finanziaria Regionale del Friuli Venezia Giulia, che prevedeva l acquisizione di una partecipazione di maggioranza in una Società di Gestione del Risparmio (SGR) con l obiettivo di produrre effetti sinergici, attraverso lo strumento del private equity, a sostegno delle politiche regionali per lo sviluppo dei sistemi socio-economici dei rispettivi territori. L operazione si è perfezionata in data 17 giugno 2014 mediante l acquisto da Friulia S.p.A. di una partecipazione di maggioranza nella società FRIULIA S.G.R. S.P.A. (che in pari data ha assunto la denominazione di FVS S.G.R. S.P.A.. Rispetto agli operatori tradizionali, questo veicolo partecipato dalle due Finanziarie regionali avrà il pregio di non puntare ai massimi rendimenti finanziari ma a rendimenti equi e non marcatamente speculativi, dato che lo strumento avrà come principale finalità lo sviluppo economico del territorio tramite l entrata nel capitale delle PMI.

38 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d Venezia Marghera Tel Fax in f v e n e t o s v i l u p p o. i t Sito Internet: w w w. v e n e t o s v i l u p p o. i t 38

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 LA MISSION: FAVORIRE CRESCITA SISTEMA

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del LA MISSION: Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 FAVORIRE CRESCITA SISTEMA

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

Presentazione della società. Ottobre 2008

Presentazione della società. Ottobre 2008 Presentazione della società Ottobre 2008 2 Veneto Sviluppo S.p.A. è la SOCIETA FINANZIARIA, istituita con Legge della Regione del Veneto, il cui capitale sociale (circa 112 milioni di Euro) è detenuto

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A - FONDI DI ROTAZIONE

VENETO SVILUPPO S.P.A - FONDI DI ROTAZIONE VENETO SVILUPPO S.P.A - FONDI DI ROTAZIONE TABELLA CONDIZIONI TECNICHE FINANZIAMENTI AGEVOLATI Sede legale e uffici: Via delle Industrie, 19/d - 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 - Fax +39 041

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A - FONDI DI ROTAZIONE

VENETO SVILUPPO S.P.A - FONDI DI ROTAZIONE VENETO SVILUPPO S.P.A - FONDI DI ROTAZIONE TABELLA CONDIZIONI TECNICHE FINANZIAMENTI AGEVOLATI Sede legale e uffici: Via delle Industrie, 19/d - 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 - Fax +39 041

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A - FONDI DI ROTAZIONE

VENETO SVILUPPO S.P.A - FONDI DI ROTAZIONE VENETO SVILUPPO S.P.A - FONDI DI ROTAZIONE TABELLA CONDIZIONI TECNICHE FINANZIAMENTI AGEVOLATI Sede legale e uffici: Via delle Industrie, 19/d - 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 - Fax +39 041

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015

Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015 Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015 La garanzia Lo strumento finanziario della garanzia è finalizzato a produrre effetti di mitigazione

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

1 FONDO DI ROTAZIONE PER LE PMI. Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% per l'innovazione di prodotto e processo.

1 FONDO DI ROTAZIONE PER LE PMI. Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% per l'innovazione di prodotto e processo. 1 FONDO DI ROTAZIONE PER LE PMI. Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% per l'innovazione di prodotto e processo. SETTORI DI ATTIVITÀ: Industria, Servizi/No Profit SPESE FINANZIATE: Attrezzature

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

REGIONE CALABRIA Dipartimento Attività Produttive

REGIONE CALABRIA Dipartimento Attività Produttive LEGGE 598/94 ART. 11 PACCHETTO INTEGRATO DI AGEVOLAZIONI (PIA) AGEVOLAZIONI PER: INVESTIMENTI CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE SPESE PER GARANZIA Legge 598/94 - INVESTIMENTI TIPOLOGIA INVESTIMENTI

Dettagli

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario.

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Firenze 2 ottobre 2014 Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Settore Disciplina, politiche e incentivi del commercio e attività terziarie DG competitività

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Interventi In vigore dal Innovazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Finanziamenti per progetti di R&S 26 giugno

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012 7 D.g.r. 4 aprile 2012 - n. IX/3225 Determinazioni in merito al settore produttivo della moda con particolare riferimento all imprenditoria giovanile e femminile. Istituzione linea di azione Start up moda

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Seminario informativo METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Via Luca Giordano, 13 50132 Firenze Gli strumenti di accesso

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA D.Bartolo Divisione Corporate Gestione Operativa Agevolati, Incentivi e Innovazione Finanziamenti Agevolati Internazionali Portobuffolè, 29/09/2014 Agenda 1. I

Dettagli

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA RICHIEDENTE (denominazione / ragione sociale del Garante): BENEFICIARIO FINALE (denominazione / ragione sociale PMI beneficiaria): LINEA D INTERVENTO PRESCELTA Linea

Dettagli

EAFRD Financial instruments for agriculture and rural development in 2014-2020

EAFRD Financial instruments for agriculture and rural development in 2014-2020 EAFRD Financial instruments for agriculture and rural development in 2014-2020 Favorire i processi di aggregazione e cooperazione delle imprese agricole e agroindustriali in ambito di filiera Roma, 13

Dettagli

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Nell ambito del Fondo per il sostegno all accesso al credito delle imprese del Lazio (art. 20 LR 9/2005)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Audizione Commissione agricoltura e produzione agroalimentare Senato della Repubblica

Audizione Commissione agricoltura e produzione agroalimentare Senato della Repubblica Audizione Commissione agricoltura e produzione agroalimentare Senato della Repubblica Disegni di legge nn. 2674, 2710 e 2919 (imprenditoria giovanile in agricoltura) 22 Febbraio 2012 ore 15.30 Gli attuali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Perugia 30 Novembre 2012 Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Direzione Regionale Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Coordinamento Area Imprese

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma

INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma Punto 5 dell ordine del giorno: INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C (C) I nuovi bandi del MISE a valere sulla Legge 46/82 FIT Comitato di Sorveglianza

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 20 novembre 2014 L.R. 1/09 - Artigianato 1 FINALITA E RISORSE Sostegno agli investimenti finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione

Dettagli

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA REGIONE TOSCANA DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE Il Dirigente Responsabile: NANNICINI ELISA Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR 2007/2013) Obiettivo: Competitività ed Occupazione Titolo

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1. L.R. 34/08 Art. 42, commi 1, 4, 5 e 6 MISURE A FAVORE DELL AUTOIMPIEGO E DELLA CREAZIONE D IMPRESA

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1. L.R. 34/08 Art. 42, commi 1, 4, 5 e 6 MISURE A FAVORE DELL AUTOIMPIEGO E DELLA CREAZIONE D IMPRESA SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

internazionalizzazione@regione.lombardia.it

internazionalizzazione@regione.lombardia.it Finalità: Favorire i processi di internazionalizzazione delle micro piccole medie imprese Risorse: 5.440.000 Ambiti di intervento: Valore del voucher: MPMI lombarde (escluso settore agricolo) Misura A:

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Descrizione In breve La misura è finalizzata a favorire l occupazione e il ricambio generazionale nel settore agricolo.

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011 LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011 15 giugno 2011 FINALITA E STANZIAMENTO 2011 Finalità: Agevolare l accesso al credito delle pmi milanesi attraverso l erogazione

Dettagli

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL BEI La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) è l'istituzione finanziaria istituita nel 1958 con il Trattato di

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA LINEE D INTERVENTO: 1. SVILUPPO AZIENDALE; 2. INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO; 3. APPLICAZIONE INDUSTRIALE DI RISULTATI DELLA RICERCA; 4. CRESCITA DIMENSIONALE

Dettagli

IL CREDITO AGEVOLATO PER LE IMPRESE ARTIGIANE

IL CREDITO AGEVOLATO PER LE IMPRESE ARTIGIANE 2014-2020 POR-FESR IL CREDITO AGEVOLATO PER LE IMPRESE ARTIGIANE POR FESR 2014-2020: INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE Nuovo regolamento per il credito agevolato e garantito alle

Dettagli

Gli strumenti della Finanza Agevolata, Finanza Ordinaria e le Agevolazioni per le Reti d Impresa

Gli strumenti della Finanza Agevolata, Finanza Ordinaria e le Agevolazioni per le Reti d Impresa Gli strumenti della Finanza Agevolata, Finanza Ordinaria e le Agevolazioni per le Reti d Impresa ing. Andrea Mingolla Responsabile Finanziamenti Puglia PRESENTAZIONE AGEVOLAZIONI FISCALI e CREDITO DI IMPOSTA

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.170 del 4 Dicembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Debutterà a metà gennaio 2016 il Selfiemployment per l avvio di nuove iniziative di autoimpiego Gentile cliente, con

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 Allegato A REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA: FONDO UNICO ROTATIVO per PRESTITI POR CReO FESR 2007-2013 ( FURP ) Linea di intervento

Dettagli

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve Il Fondo di Rotazione regionale per il settore

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

CCIAA Regione Interventi

CCIAA Regione Interventi CCIAA Regione Interventi Bergamo Lombardia 1) Deliberazioni n.118/2005-112/2006-107/2007-134/2008-163/2009: Contributi a imprese agricole per l'abbattimento di interessi su finanziamenti garantiti dai

Dettagli

IL FONDO CENTRALE di GARANZIA. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza Ufficio Studi

IL FONDO CENTRALE di GARANZIA. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza Ufficio Studi IL FONDO CENTRALE di GARANZIA Nota tecnica Consorzio Camerale per il credito e la finanza Ufficio Studi CRONOLOGIA 1996: nasce il Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese 2007: la legge finanziaria

Dettagli

Interventi regionali per le imprese

Interventi regionali per le imprese Marzo 2011 Gli strumenti di Regione Lombardia a sostegno delle imprese Istat Esportazioni (mld, 2010) 27,8% 93,9 Prestiti alle imprese (mld ) 27,7% 955,6 265,4 Bankit (30/09/2010) Gli strumenti messi in

Dettagli

L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56)

L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56) L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56) Art. 1. Principi generali. 1. La presente legge è diretta a promuovere l'uguaglianza

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 novembre 2015, n. 2063

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 novembre 2015, n. 2063 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 159 del 15 12 2015 51165 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 novembre 2015, n. 2063 PO FESR 2007/2013 Asse VI. Linea di intervento 6.1 Azione 6.1.13 Fondo

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 LA MISSION: FAVORIRE CRESCITA SISTEMA

Dettagli

GLI STRUMENTI ISMEA PER L ACCESSO AL CREDITO. www.ismea.it www.ismeaservizi.it

GLI STRUMENTI ISMEA PER L ACCESSO AL CREDITO. www.ismea.it www.ismeaservizi.it GLI STRUMENTI ISMEA PER L ACCESSO AL CREDITO www.ismea.it www.ismeaservizi.it ISMEA L ISMEA è un Ente Pubblico Economico vigilato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Mipaaf)

Dettagli

Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015.

Adesione di Regione Piemonte all' Accordo per il credito 2015 sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015. REGIONE PIEMONTE BU21 28/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 25 maggio 2015, n. 16-1465 Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese

Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Gli incentivi regionali A SOSTEGNO DELLA P.I. A cura del Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese La Regione Toscana interviene sul sistema delle imprese artigiane ed industriali per supportarle

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER ABBATTIMENTO COSTO

PROTOCOLLO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER ABBATTIMENTO COSTO PROTOCOLLO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER ABBATTIMENTO COSTO DEL DENARO FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI E SERVIZI INNOVATIVI DA PARTE DI IMPRESE AGRICOLE ART. 1 1. Il Comune di Ragusa

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2363 Seduta del 12/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Giovani agricoltori: per l avvio delle attività contributi fino a 70.000 euro per l acquisto dei terreni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 Allegato A REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA: FONDO UNICO ROTATIVO per PRESTITI POR CReO FESR 2007-2013 ( FURP ) Linea di intervento

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 1 DEL 07/01/10

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 1 DEL 07/01/10 REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 1 DEL 07/01/10 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2009, n. 13-12955 Modifica della DGR n. 61-12773 del 7/12/2009 inerente "Strumenti finanziari

Dettagli

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE DECRETO (ASSUNTO IL 24/02/2014 PROT. N. 101 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 1912 del 26 febbraio 2014

Dettagli