Seminario formativo di approfondimento "REACH: le PMI e la filiera elettronica" e la denominazione delle sostanze in ambito REACH

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario formativo di approfondimento "REACH: le PMI e la filiera elettronica" e la denominazione delle sostanze in ambito REACH"

Transcript

1 Seminario formativo di approfondimento "REACH: le PMI e la filiera elettronica" L identificazione e la denominazione delle sostanze in ambito REACH Torino, 24 settembre 2008 Relatore: FEDERICA CECCARELLI Consulente IPI-MSE In accordo con l Art. 1 (Finalità e portata) del REACH, il Regolamento si applica: alla fabbricazione all importazione e all immissione sul mercato delle SOSTANZE CHIMICHE sia pericolose che non, come tali, o se contenute in preparati o in articoli.

2 Cosa REACH intende per SOSTANZA (Art.3, definizione 1) Sostanza che è stata intenzionalmente aggiunta allo scopo di agire come STABILIZZANTE un elemento chimico e i suoi composti, allo stato naturale o ottenuti per mezzo di un procedimento di fabbricazione, compresi gli additivi necessari a mantenerne la stabilità e le impurità derivanti dal procedimento utilizzato, ma esclusi i solventi che possono essere separati senza compromettere la stabilità della sostanza o modificarne la composizione Costituente non intenzionale presente in una sostanza, come prodotto. otto. Può originarsi dai materiali di partenza o essere il risultato di reazioni secondarie o incomplete che hanno luogo durante il processo produttivo. La definizione di sostanza in REACH è la stessa che è stata usata nella VII modifica (Direttiva 92/32/CEE) della direttiva sulle Sostanze pericolose (Direttiva 67/548/CEE). In entrambi i casi, la definizione va oltre il concetto di composto chimico puro definito da una singola struttura molecolare. La definizione di sostanza include altri costituenti, come le impurezze e gli additivi. SOSTANZE ESISTENTI e SOSTANZE NUOVE Nel precedente quadro normativo in materia di sostanze chimiche esistevano 3 Inventari separati: lo European Inventory of Existing Commercial Chemical Substances (EINECS) la European List of New Chemical Substances (ELINCS) la No-Longer Polymers (NLP) list La combinazione dei tre Inventari costituisce l Inventario CE. Ad ogni sostanza presente nell Inventario CE, la Commissione assegnato un numero CE. europea ha

3 SOSTANZE PHASE-IN e SOSTANZE non PHASE-IN Con il REACH scompare l attuale distinzione fra sostanze nuove e sostanze esistenti. Pertanto dal 1 giugno 2008 si distinguerà fra: sostanze phase-in sostanze non phase-in L inventario CE servirà quindi a capire se si fabbrica, si importa o si utilizza una sostanza phase-in (esistente) o una sostanza non phase-in (nuova) e quindi a quali obblighi previsti da REACH bisogna adempiere!! L INVENTARIO del REACH All entrata in vigore del REACH, l Agenzia l europea per le sostanze chimiche manterrà un inventario delle SOSTANZE REGISTRATE Ogni dichiarante riceverà un NUMERO di REGISTRAZIONE per ogni sostanza registrata Per le sostanze senza un NUMERO CE che le identifica, sarà l ECHA stessa ad attribuirgli un NUMERO CE seguendo, molto probabilmente, lo stesso metodo usato per l Inventario l CE.

4 PRESCRIZIONI IN MATERIA DI INFORMAZIONI PER L IDENTIFICAZIONE DI UNA SOSTANZA IN AMBITO REACH La sezione 2 dell Allegato VI del REACH stabilisce quali informazioni riguardanti l identificazione della sostanza devono essere incluse nel dossier di registrazione. Queste informazioni dovranno essere pertinenti al fine dell identificazione chiara ed univoca della sostanza. In accordo con l Art. 28 del REACH, per tutte le sostanze phase-in è possibile effettuare una pre-registrazione. In questo caso REACH non richiede una identificazione completa della sostanza, ma soltanto la presentazione di un set limitato di informazioni. REACH-Sez Sez.. 2 All.VI: : Informazioni per l identificazione l di una sostanza PRE-REGISTRAZIONE REGISTRAZIONE REGISTRAZIONE

5 2.1.1: Nome IUPAC E basato sulle regole di nomenclatura internazionale sulle sostanze chimiche stabilite dallo IUPAC (International Union of Pure and Applied Chemistry) La nomenclatura IUPAC è una soluzione sistematica di nominare le sostanze chimiche, sia inorganiche che organiche. Nella nomenclatura IUPAC prefissi e suffissi vengono impiegati per descrivere il tipo e la posizione dei gruppi funzionali presenti nella sostanza. Il nome di ogni sostanza appartenente all Inventario CE corrisponde al nome IUPAC Nome IUPAC Numero Ce Numero CAS Ethyl acetate Titanium dioxide Altro nome chimico internazionale Se per alcune sostanze non è possibile derivare un nome IUPAC è possibile far riferimento ad altri sistemi di nomenclatura ufficialmente riconosciuti. E il caso di: a) Minerali e minerali grezzi; nomi mineralogici b) Sostanze petrolifere c) Colour Index d) Additivi per olii e) INCI f) Nome SDA INCI (International Nomenclature Cosmetic Ingredients) SDA (Soap and Detergent Association) per i tensioattivi

6 2.1.2 Altri nomi Tutti i nomi pertinenti e/o gli eventuali identificatori pubblici disponibili nelle varie lingue attraverso i quali una sostanza è o sarà immessa in commercio sul territorio UE (es. nomi commerciali) sono utili ai fini dell identificazione della sostanza da registrare in ambito REACH. Questi altri nomi includono nomi commerciali, sinonimi, abbreviazioni ed altro. Esempi più comuni: index.org, Colour Index International, Fourth Edition Online (per le sostanze usate come Coloranti) inci/index.htm, sito web ufficiale dell INCI (per le sostanze usate nel campo dei Cosmetici) sito web ufficiale dell SDA (per le sostanze usate nel campo della Detergenza) Il N. CE corrisponde: Numero (CE) per le sostanze esistenti (phase-in), presenti nell Inventario europeo delle sostanze chimiche esistenti a carattere commerciale (EINECS - European Inventory of Existing Commercial Chemical Substances - GU C 146 A del ), al N EINECS per le sostanze nuove (non phase-in), presenti nell elenco europeo delle sostanze chimiche notificate (ELINCS - European List of Notified Chemical Substances) al N ELINCS. Per le sostanze NLP, presenti nella lista dei Non più polimeri (No-Longer Polymers - NLPlist) al N NLP Il numero CE è rappresentato da una sequenza di sette cifre del tipo XXX-XXX-X che inizia da: 200 o 300-XXX XXX-X per le sostanze esistenti (phase-in) 400-XXX XXX-X per le sostanze nuove (non phase-in) 500-XXX XXX-X per i no-longer polymer (phase-in)

7 2.1.4 Nome CAS e Numero CAS Il Chemical Abstracts Service (CAS) è una divisione dell American Chemical Society (ACS), che assegna un nome CAS (secondo le regole della nomenclatura CAS) ed un numero CAS ad ogni sostanza chimica che entra a far parte del database CAS registry. I nomi e i numeri CAS vengono assegnati in ordine sequenziale ed in maniera univoca ad ogni sostanza chimica descritta in letteratura. Attualmente è stato attribuito un numero CAS a oltre 25 milioni di sostanze (organiche e inorganiche) che sono contenute nel database CAS registry e circa 4000 nuove sostanze vengono aggiunte ogni giorno al database. La maggior parte delle banche dati consentono oggi di effettuare ricerche in base al numero CAS Nome CAS e Numero CAS Il numero CAS è costituito da tre sequenze di numeri separati da trattini: il primo gruppo è costituito da un numero variabile di cifre, fino a sei, il secondo da due cifre, mentre il terzo ed ultimo gruppo è costituito da una singola cifra (codice di controllo). I numeri sono assegnati in ordine progressivo e non hanno quindi alcun significato chimico.

8 2.1.5 Altri codici identificativi Ai fini dell identificazione della sostanza possono essere presentati altri codici identificativi riconosciuti a livello internazionale. Fra questi: UN number che identifica le sostanze pericolose, e gli articoli (come gli esplosivi, i liquidi infiammabili, ecc.) nell ambito del quadro legislativo in materia di trasporto internazionale (Es. Acrilammide UN2074) Colour Index Number assegnato ad ogni sostanza chimica usata come colorante (Es. Greenish Yellow C.I. Number 21105) GUIDA ALL IDENTIFICAZIONE e ALLA DENOMINAZIONE DELLE SOSTANZE IN AMBITO REACH Le regole per identificare e denominare una sostanza chimica sono diverse a seconda dei vari tipi di sostanze chimiche. In ambito REACH le regole da seguire sono quelle stabilite nel punto 2 dell All. VI. Pertanto l identificazione di ogni sostanza chimica comporterà la combinazione dei pertinenti parametri identificativi seguenti: Il nome IUPAC e/o gli altri nome ed altri identificatori, come il numero CAS e il numero CE (All. VI, punto 2.1) La formula molecolare e di struttura (All. VI, punto 2.2) La composizione chimica (All. VI, punto 2.3)

9 GUIDA ALL IDENTIFICAZIONE e ALLA DENOMINAZIONE DELLE SOSTANZE IN AMBITO REACH La maggior parte delle sostanze seguono questo iter identificativo. Per alcune questo iter non è fattibile o non adeguato nell ambito di applicazione del REACH. In questi casi saranno necessarie altre informazioni per la loro identificazione. Pertanto, le sostanze possono essere suddivise in due gruppi principali: 1. Well defined substances 2. UVCB susbstances WELL DEFINED SUBSTANCES Sostanze con una definita composizione qualitativa e quantitativa che possono essere sufficientemente identificate sulla base dei parametri elencati al punto 2 dell Allegato VI del REACH. Possono essere suddivise in: Sostanze MONO-costituente (es. benzene 95%) Sostanze MULTI-costituente (es. massa di reazione del 2-, 3-, e 4- clorotoluene 30% ognuno) Sostanze definite dalla composizione chimica + altri identificatori (es. Grafite e Diamante)

10 Principali identificatori per sostanze well defined UVCB SUBSTANCES Sostanze di composizione sconosciuta o variabile, prodotti derivanti da reazioni complesse o materiali biologici che non possono essere sufficientemente identificate sulla base delle informazioni riguardanti la composizione chimica, l identitl identità chimica e il contenuto di ogni costituente

11 Principali identificatori per sostanze UVCB REACH Considerando (45) L Inventario europeo delle sostanze chimiche esistenti a carattere commerciale (EINECS) ha inserito talune sostanze complesse in una singola voce. Pertanto alcune sostanze UVCB, se inserite in EINECS, potranno essere registrate come singola sostanza in ambito REACH, nonostante la loro composizione variabile, purché le proprietà pericolose non varino significativamente e giustifichino la stessa classificazione.

12 STRUMENTI GUIDA Attualmente esistono siti web, database e manuali consultabili al fine di individuare per ogni sostanza il/la/i pertinente/i: a) Nome IUPAC, Nome CAS e Nome CE, b) Numero CAS e Numero CE, c) Formula e struttura molecolare d) Altri parametri necessari all identificazione Per ulteriori informazioni: Guidance for identification and naming of substances under REACH ( Contatti: reach.it

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Seminario Formativo di approfondimento: REACH e i settori della carta e della stampa L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Udine, 9-10 Luglio 2008 FEDERICA CECCARELLI

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

UTILIZZATORE A VALLE

UTILIZZATORE A VALLE Il Regolamento REACH LE IMPLICAZIONI PER GLI UTILIZZATORI A VALLE NELLA PROCEDURA DI PRE-REGISTRAZIONE E REGISTRAZIONE DELLE SOSTANZE CHIMICHE Lamezia Terme - Lunedì, 7 luglio 2008 Relatore: Gianluca Stocco

Dettagli

Giugno 2007 Guida all attuazione di REACH

Giugno 2007 Guida all attuazione di REACH Guida all identificazione e alla denominazione delle sostanze in ambito REACH Giugno 2007 Guida all attuazione di REACH NOTA LEGALE Il presente documento contiene una guida a REACH che spiega gli obblighi

Dettagli

Guida in pillole Identificazione e denominazione di sostanze in ambito REACH e CLP

Guida in pillole Identificazione e denominazione di sostanze in ambito REACH e CLP Guida in pillole Identificazione e denominazione di sostanze in ambito REACH e CLP Per informazioni più aggiornate sulla valutazione della sicurezza chimica consultare il sito web dell'echa. AVVISO LEGALE

Dettagli

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro 2 DESC Versione 2010 Guida alla consultazione del sito web Realizzato da IRSA-CNR A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro Indice GUIDA ALLA CONSULTAZIONE

Dettagli

Guida ai rifiuti e alle sostanze recuperate

Guida ai rifiuti e alle sostanze recuperate Guida ai rifiuti e alle sostanze recuperate Versione: 2 maggio 2010 AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di informazioni sugli obblighi derivanti dal regolamento REACH e sulle relative

Dettagli

Iter pratico di Pre-registrazione

Iter pratico di Pre-registrazione Iter pratico di Si potrà continuare a produrre, importare od utilizzare una sostanza chimica unicamente se è questa stata preregistrata e registrata in tempo! Reference: ECHA-08-B-01-IT Date: 25/04/2008

Dettagli

Come dovrà operare nel REACH una Impresa di formulazione: simulazione delle azioni da compiere

Come dovrà operare nel REACH una Impresa di formulazione: simulazione delle azioni da compiere Direzione Centrale Tecnico Scientifica Come dovrà operare nel REACH una Impresa di formulazione: simulazione delle azioni da compiere Stefano Arpisella Cagliari, 14 maggio 2007 Vernice V1 Attività Preliminari

Dettagli

Il Regolamento CE/1272/2008. Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010

Il Regolamento CE/1272/2008. Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010 Il Regolamento CE/1272/2008 Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010 1 Contenuto Classificazione ed etichettatura - scadenze Tempistiche delle SDS Conseguenze dell entrata

Dettagli

Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006

Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006 MONOGRAFIA Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006 Il 1 giugno 2007 è entrato in vigore il Regolamento n.1907/2006 per la Registrazione, Valutazione e Autorizzazione delle sostanze chimiche, definito con

Dettagli

Settembre 2014. Sustaining the future

Settembre 2014. Sustaining the future Settembre 2014 Sustaining the future Il REACH dei coloranti IL REGOLAMENTO REACH Il Regolamento REACH EU 1907/2006 Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals Il REACH è un Regolamento Europeo

Dettagli

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU)

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU) REACH Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze Frosinone- 8 Maggio 2008 Dr Roberto Monguzzi 1 UTILIZZATORE (DU) Chi sono i DOWNSTREAM

Dettagli

REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA

REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA Il nuovo regolamento sulla chimica europea, denominato REACH (Reg. n. 1907/2006) è entrato in vigore il 1 giugno 2007 anche se la prima

Dettagli

Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011. Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia.

Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011. Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia. Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011 Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia Sonia Khandjian Argomenti Processo di registrazione in: Serbia Turchia Svizzera Cenni

Dettagli

Manuale REACH-IT dell'utente dell'industria

Manuale REACH-IT dell'utente dell'industria Manuale REACH-IT dell'utente dell'industria Parte 16 - Creazione e presentazione di una notifica C&L utilizzando lo strumento on-line di REACH-IT Versione (1.0) Pagina 1 di 70 Cronologia dei documenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE 21.3.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 79/7 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE del 20 marzo 2013 che modifica il regolamento (CE) n. 340/2008 della Commissione relativo

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 5.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 65/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/27/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 che modifica le direttive 92/58/CEE,

Dettagli

Guida per l identificazione e la denominazione delle sostanze in ambito REACH e CLP

Guida per l identificazione e la denominazione delle sostanze in ambito REACH e CLP Guida per l identificazione e la denominazione delle sostanze in ambito REACH e CLP Versione: 1.3 Febbraio 2014 AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di informazioni sugli obblighi derivanti

Dettagli

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Direzione Centrale Tecnico Scientifica Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Ilaria Malerba Cagliari, 14 maggio 2007 Direttiva 67/548. Sostanze Pericolose + Adeguamenti Obiettivo del nuovo

Dettagli

REACH, CLP e la scheda dati di sicurezza. vai alla scheda del libro SICUREZZA. I Regolamenti. altri titoli. Veronica Cirillo.

REACH, CLP e la scheda dati di sicurezza. vai alla scheda del libro SICUREZZA. I Regolamenti. altri titoli. Veronica Cirillo. SICUREZZA altri titoli Veronica Cirillo l'autore vai alla scheda del libro I Regolamenti REACH, CLP e la scheda dati di sicurezza Guida pratica alla comunicazione del rischio dal 1 giugno 2015 Veronica

Dettagli

La sorveglianza del mercato alla luce del nuovo regolamento 528/2012 (UE)

La sorveglianza del mercato alla luce del nuovo regolamento 528/2012 (UE) 1 La sorveglianza del mercato alla luce del nuovo regolamento 528/2012 (UE) M A R I S T E L L A R U B B I A N I C S C - ISS ROMA Monitoraggio delle Conformità e Sorveglianza del Mercato Attività di controllo

Dettagli

L implementazione del Regolamento REACH nel Gruppo ERG

L implementazione del Regolamento REACH nel Gruppo ERG L implementazione del Regolamento REACH nel Gruppo ERG Angelo Riccio Responsabile Sostenibilità e Governance HSEQ ERG SpA REACH: gli adempimenti del settore petrolifero. Siracusa, 29-30 settembre 2008.

Dettagli

Il REACH in 16 punti. federchimica.it

Il REACH in 16 punti. federchimica.it Il REACH in 16 punti federchimica.it Il REACH in 16 punti Cos è il REACH? 1. Il REACH - Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals - è l acronimo con cui si indica il nuovo Regolamento europeo

Dettagli

REGOLAMENTO COSMETICO E PROFUMI Dr. Giulio Pirotta neogiul@tin.it

REGOLAMENTO COSMETICO E PROFUMI Dr. Giulio Pirotta neogiul@tin.it REGOLAMENTO COSMETICO E PROFUMI Dr. Giulio Pirotta neogiul@tin.it LEGISLAZIONI DI RIFERIMENTO Regolamento 1223/2009/CE Cosmetici Regolamento 1907/2006/CE REACH Regolamento 1272/2008/CE CLP Regolamento

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione.

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Direttiva Macchine 2006/42/CE Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Fonte: Guida Ufficiale Commissione europea Direttiva macchine 2006/42/CE Ed. 2010 Dati fabbricante La ragione sociale

Dettagli

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011 Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH Asso Service Bari 21.03.2011 ELEMENTI ESSENZIALI del REACH L onere della prova relativo alla sicurezza delle sostanze chimiche è trasferito

Dettagli

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Il regolamento CLP introduce le modalità di Comunicazione dei pericoli per mezzo dell etichettatura che assieme alla Scheda di dati di sicurezza, così come

Dettagli

Agenti chimici: il regolamento CLP

Agenti chimici: il regolamento CLP Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del RSPP e dell Unità Organizzativa a Supporto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

Newsletter del MARZO 2013. In sintesi:

Newsletter del MARZO 2013. In sintesi: Newsletter del MARZO 2013 In sintesi: Entrata in vigore del regolamento CE 453/2010 CE E CLP _ Sostanze Chimiche_ Entrata in vigore regolamento CE 305/2011 CPR_ Prodotti da Costruzione_ Entrata in vigore

Dettagli

Orientamenti sui monomeri e i polimeri

Orientamenti sui monomeri e i polimeri ORIENTAMENTI Orientamenti sui monomeri e i polimeri Aprile 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Aprile 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione Giugno

Dettagli

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI DEI CHEMICALS IN UE E EEA Quali problematiche da affrontare Come fare per essere conformi Dott.ssa Simona Crementieri - Resp. Area Vendite Flashpoint

Dettagli

GHS CLP La nuova classificazione ed etichettatura dei prodotti chimici pericolosi

GHS CLP La nuova classificazione ed etichettatura dei prodotti chimici pericolosi GHS Cosa significa A causa dei possibili effetti negativi che i prodotti chimici possono avere sull uomo e sull ambiente, nel mondo alcuni stati e regioni hanno regolamentato la loro classificazione (identificazione

Dettagli

Il Regolamento REACH

Il Regolamento REACH Il Regolamento REACH CORSO di FORMAZIONE SU DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO REACH Relatore: Gianluca Stocco Frosinone Venerdì 9 maggio 2008 La Normativa prima del Regolamento REACH PREMESSA Il REACH è diventato

Dettagli

Il colloquio delle aziende con l ECHA: cosa comunicare, come comunicare

Il colloquio delle aziende con l ECHA: cosa comunicare, come comunicare Regolamento REACH (CE 1907/2006) Il colloquio delle aziende con l ECHA: cosa comunicare, come comunicare Raffaella Butera Servizio di Tossicologia Centro Antiveleni di Pavia - Centro Nazionale di Informazione

Dettagli

UTILIZZATORI A VALLE: COME RENDERE NOTI GLI USI AI FORNITORI

UTILIZZATORI A VALLE: COME RENDERE NOTI GLI USI AI FORNITORI UTILIZZATORI A VALLE: COME RENDERE NOTI GLI USI AI FORNITORI Un utilizzatore a valle di sostanze chimiche dovrebbe informare i propri fornitori riguardo al suo utilizzo delle sostanze (come tali o all

Dettagli

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI Manuale operativo ISS FORMULA v.1.26. 1 CONFIGURAZIONE MINIMA RICHIESTA...2 2 INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA...3 3 DEFINIZIONI...4 4 FINESTRA INIZIALE DEL PROGRAMMA...5 5 COME

Dettagli

RICHIESTA DI INFORMAZIONI IN RELAZIONE ALLA VISITA ISPETTIVA PER L OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) 1907/2006 CONCERNENTE LA

RICHIESTA DI INFORMAZIONI IN RELAZIONE ALLA VISITA ISPETTIVA PER L OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) 1907/2006 CONCERNENTE LA RICHIESTA DI INFORMAZIONI IN RELAZIONE ALLA VISITA ISPETTIVA PER L OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) 1907/2006 CONCERNENTE LA REGISTRAZIONE, VALUTAZIONE, AUTORIZZAZIONE E RESTRIZIONE

Dettagli

La valutazione del rischio chimico

La valutazione del rischio chimico La valutazione del rischio chimico Introduzione Per sua stessa definizione, l agente chimico è una sostanza o un preparato di natura chimica. L agente chimico può presentarsi sotto forma di gas, vapore,

Dettagli

Tale database è consultabile via web all indirizzo: www.dsa.minambiente.it/sitodesc

Tale database è consultabile via web all indirizzo: www.dsa.minambiente.it/sitodesc Accesso alle informazioni sulle sostanze chimiche Sviluppo di un database sulle informazioni ecotossicologiche ed ambientali alla luce del Regolamento REACH Dott. ssa Anna Barra Caracciolo*, Dott. Carlo

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE 30.5.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 135/3 REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE del 29 maggio 2009 concernente i materiali attivi e intelligenti destinati a venire a contatto con

Dettagli

REACH/CLP Le ricadute della nuova normativa sulla operatività dei RLS

REACH/CLP Le ricadute della nuova normativa sulla operatività dei RLS Seminario SIRS Questioni di etichetta REACH/CLP Le ricadute della nuova normativa sulla operatività dei RLS Bologna, 18 novembre 2011 Luca Lenzi RLSSA/RSU Chimica Industria REACH Registrazione, Valutazione,

Dettagli

Gestione delle sostanze chimiche: dal REACH al CLP

Gestione delle sostanze chimiche: dal REACH al CLP Gestione delle sostanze chimiche: dal REACH al CLP Dott. Michele Checchin - Centro REACH Veneto Rovigo, 19 giugno 2013 Michele Checchin Marta Simion Indice dell intervento Definire il pericolo chimico:

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle Allegato 2. Glossario A1. Esempi A2.

Dettagli

CLP in breve. Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099

CLP in breve. Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 in breve Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 Regolamento Regolamento europero 1272/2008 entrato in vigore il 20 Gennaio 2009. Si applica in tutti i paesi

Dettagli

Master Universitario di II livello. in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese

Master Universitario di II livello. in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese Master Universitario di II livello in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese Ministero della Salute Camerino 2/03/2012 La REGISTRAZIONE Sostanze da

Dettagli

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Safety Day Symposium Milano, 9 Novembre 2011 Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Dr. Pietro Pistolese Ministero della salute Autorità competente

Dettagli

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Corso di formazione sugli additivi alimentari 23 gennaio 2013 I edizione 24 gennaio 2013 II edizione Benevento Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Antonella Semeraro

Dettagli

IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi. Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco

IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi. Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco info@normachem.it La chimica in Europa Produzione di sostanze chimiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Farmacia. CORSO DI LAUREA IN FARMACIA 1 Semestre 6 CFU

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Farmacia. CORSO DI LAUREA IN FARMACIA 1 Semestre 6 CFU UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Farmacia CORSO DI LAUREA IN FARMACIA 1 Semestre 6 CFU Docente: Prof.ssa Anna Maria Maccioni E-mail: macciom@unica.it Acquisire le conoscenze che permettono

Dettagli

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Ludovica Malaguti Aliberti Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità Protezione da sostanze

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali Cap. 1 Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali 1.1.1 Quadro di riferimento: la valutazione del rischio ambientale e l analisi del rischio Il rapido

Dettagli

Il Regolamento REACH

Il Regolamento REACH Il Regolamento REACH CORSO di FORMAZIONE SU DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO REACH Relatore: Gianluca Stocco Torino Martedì 23 e Mercoledì 24 settembre 2008 La Normativa prima del Regolamento REACH PREMESSA

Dettagli

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System FUCHS per GHS Globally Harmonized System GHS Globally Harmonized System Lo sviluppo del Globally Harmonized System sulla classificazione ed etichettatura dei composti chimici, o GHS è stato intrapreso

Dettagli

Presentazione REACH & CLP

Presentazione REACH & CLP Presentazione REACH & CLP In breve Anno 2011 Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 REACH Il REACH Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals è il

Dettagli

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite Chiara Pozzi Ufficio Sicurezza Prodotti Direzione Tecnico Scientifica Milano, 15 aprile 2010 REACH e CLP GHS Identificazione del pericolo Pericoli

Dettagli

Guida per gli utilizzatori a valle

Guida per gli utilizzatori a valle Guida per gli utilizzatori a valle Gennaio 2008 Guida all attuazione del regolamento REACH AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una guida a REACH, che illustra gli obblighi imposti dal regolamento

Dettagli

Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti

Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti Giornata Mapic Milano, 3 maggio 2013 Paola Granata Federchimica Contenuti Background (tempistica, pilastri, novità) Impatti del nuovo Regolamento

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione GUIDA Maggio 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Maggio 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione giugno 2007 Versione 1 Prima revisione 18/02/2008

Dettagli

813.11 Ordinanza sulla protezione contro le sostanze e i preparati pericolosi

813.11 Ordinanza sulla protezione contro le sostanze e i preparati pericolosi Ordinanza sulla protezione contro le sostanze e i preparati pericolosi (Ordinanza sui prodotti chimici, OPChim) del 18 maggio 2005 (Stato 1 dicembre 2010) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge

Dettagli

Le sanzioni, le tariffe e le ispezioni

Le sanzioni, le tariffe e le ispezioni Le sanzioni, le tariffe e le ispezioni Pietro Pistolese Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Milano, 19 novembre 2008 1 VIGILANZA E CONTROLLO PROGRAMMA OPERATIVO Tavolo di lavoro

Dettagli

Istruzioni per la notifica, l annuncio e la comunicazione di nuove sostanze ai sensi dell OPChim in Svizzera (OPChim; RS 813.11).

Istruzioni per la notifica, l annuncio e la comunicazione di nuove sostanze ai sensi dell OPChim in Svizzera (OPChim; RS 813.11). Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Organo di notifica per prodotti chimici Istruzioni per la notifica, l annuncio e la comunicazione di nuove sostanze ai

Dettagli

Piombo solfocromato giallo (C.I. Pigment Yellow 34) Piombo cromato molibdato solfato rosso (C.I. Pigment Red 104) Tris (2-cloroetil)fosfato (TCEP)

Piombo solfocromato giallo (C.I. Pigment Yellow 34) Piombo cromato molibdato solfato rosso (C.I. Pigment Red 104) Tris (2-cloroetil)fosfato (TCEP) Sintesi e traduzione di Raccomandazione dell ECHA del 17 dicembre 2010 per l inclusione di sostanze nell allegato XIV (lista della sostanza soggette ad autorizzazione) del Regol. (CE) 1907/2006 L Agenzia

Dettagli

Classificazione dei rifiuti

Classificazione dei rifiuti Classificazione dei rifiuti DM di modifica dell allegato D ed I della parte quarta del d. lgs.152/06 Dott.ssa Giulia Sagnotti Ministero dell Ambiente Direzione Generale RIN Divisione Rifiuti DM di modifica

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004

Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004 Normative trasversali: SGP e REACh Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004 Sicurezza Generale dei Prodotti Nuova direttiva: 2001/95/CE del 3 dicembre 2001 (G.U.C.E. il 15 gennaio

Dettagli

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia INDICE 1. Premessa... pag. 2 2. Finalità... pag. 2 3. Campo di applicazione... pag. 2 4. Aggiornamento...

Dettagli

Repertorio Dispositivi Medici. Manuale Utente Profilo Regioni e Aziende Sanitarie

Repertorio Dispositivi Medici. Manuale Utente Profilo Regioni e Aziende Sanitarie Repertorio Dispositivi Medici Profilo Regioni e Aziende Sanitarie Versione 1.0 Gennaio 2008 NSIS_SSW.MSW_DISPO_RDM_MTR_SSN.doc Pagina 1 di 40 Versione 1.0 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 1.1 DEFINIZIONI E

Dettagli

REACH e CLP PARTE I PREMESSA

REACH e CLP PARTE I PREMESSA REACH e CLP PARTE I PREMESSA CHE COSA È IL CLP? Il Regolamento CLP (acronimo di Classification, Labeling and Packagin) è il nuovo regolamento europeo relativo alla classificazione, all etichettatura e

Dettagli

I controlli in ambito REACH e CLP: il piano nazionale della sorveglianza

I controlli in ambito REACH e CLP: il piano nazionale della sorveglianza I controlli in ambito REACH e CLP: il piano nazionale della sorveglianza Dr. Pietro Pistolese Ministero della salute Autorità competente REACH e CLP Verona, 1 Accordo Stato-Regioni Programmazione e organizzazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. n. 107521/03 Direzione Centrale Gestione Tributi Approvazione dello schema di dati da inviare per via telematica per l assolvimento degli adempimenti ai fini IVA da parte dei soggetti di cui all

Dettagli

Finalità del progetto di una Banca dati di Modelli di SDS. Paola Di Prospero Fanghella Centro Sostanze Chimiche ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA

Finalità del progetto di una Banca dati di Modelli di SDS. Paola Di Prospero Fanghella Centro Sostanze Chimiche ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Finalità del progetto di una Banca dati di Modelli di SDS Paola Di Prospero Fanghella Centro Sostanze Chimiche ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Progetto ACCORDO DI COLLABORAZIONE tra l Istituto Superiore di

Dettagli

UNIONE EUROPEA ESPORTAZIONE DI ARMI DA FUOCO [regolamento (UE) n. 258/2012]

UNIONE EUROPEA ESPORTAZIONE DI ARMI DA FUOCO [regolamento (UE) n. 258/2012] UNIONE EUROPEA ESPORTAZIONE DI ARMI DA FUOCO [regolamento (UE) n. 58/0] Tipo di autorizzazione Singola Multipla Globale. Esportatore N. (se del caso, numero EORI). Numero identificativo dell autorizzazione

Dettagli

Guida per l individuazione delle macchine non conformi. Questo. escavatore. è conforme alla legislazione comunitaria?

Guida per l individuazione delle macchine non conformi. Questo. escavatore. è conforme alla legislazione comunitaria? Guida per l individuazione delle macchine non conformi Questo escavatore è conforme alla legislazione comunitaria? Introduzione Le macchine da costruzione, per poter essere legalmente immesse sul mercato

Dettagli

Guida per l individuazione delle macchine non conformi. Questo miniescavatore. è conforme alla legislazione comunitaria?

Guida per l individuazione delle macchine non conformi. Questo miniescavatore. è conforme alla legislazione comunitaria? Guida per l individuazione delle macchine non conformi Questo miniescavatore è conforme alla legislazione comunitaria? Introduzione Le macchine da costruzione, per poter essere legalmente immesse sul mercato

Dettagli

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it il Regolamento REACH Regolamento (CE) 1907/2006 Registration, Evaluation,

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

GUIDE UCIF. Regolamento 1272/2008/CE CLP: Classificazione, Etichettatura e Imballaggio delle sostanze e delle miscele.

GUIDE UCIF. Regolamento 1272/2008/CE CLP: Classificazione, Etichettatura e Imballaggio delle sostanze e delle miscele. GUIDE UCIF Regolamento 1272/2008/CE CLP: Classificazione, Etichettatura e Imballaggio delle sostanze e delle miscele. Regolamento 1907/2006 REACH Registrazione, Valutazione e Autorizzazione delle sostanze

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS IDENTIFICAZIONE DEL DISTRIBUTORE L Oréal Italia S.p.A. - Via Garibaldi 42 10122 Torino - Tel. 011/4603111 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1165/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1165/2013 DELLA COMMISSIONE 19.11.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 309/17 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1165/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 novembre 2013 che approva la sostanza attiva olio di arancio ai sensi del

Dettagli

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba I LEGAMI TRA CLP E : LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE Ilaria Malerba Bologna, 11 Giugno 2009 GHS Identificazione del pericolo Pericoli chimico-fisici Pericoli per la salute Pericoli per l ambiente Strumenti

Dettagli

Regolamento REACH Art. 3, Definizioni:

Regolamento REACH Art. 3, Definizioni: Seminario Formativo di approfondimento: REACH e la filiera del tessile L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Prato,, 14-15 15 Aprile 2008 Dott.ssa FEDERICA CECCARELLI

Dettagli

Direttiva 2009/48/CE sulla sicurezza dei giocattoli

Direttiva 2009/48/CE sulla sicurezza dei giocattoli COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE PER LE IMPRESE E L INDUSTRIA Turismo, RSI, beni di consumo e accordi regolatori internazionali Accordi regolatori internazionali e sicurezza dei giocattoli Direttiva

Dettagli

ECHA = Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche e REACH

ECHA = Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche e REACH ECHA = Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche e REACH Eva Valkovicova 04 Giugno 2008 Torino, ITALIA Topics ECHA Panoramica Sfide Supporto all Industria Fonte d informazione Strumenti informatici Assistenza

Dettagli

La preparazione al REACH e la sua implementazione nell industria petrolifera europea

La preparazione al REACH e la sua implementazione nell industria petrolifera europea Il nuovo regolamento REACH La preparazione al REACH e la sua implementazione nell industria petrolifera europea Franco Del Manso - Unione Petrolifera Siracusa,29 e 30 settembre 2008 1 Il supporto del Concawe

Dettagli

Sanzioni CLP e REACH

Sanzioni CLP e REACH Sanzioni CLP e REACH Pubblichiamo 2 tabelle predisposte dal Dott. Marzio Marziani, che ringraziamo vivamente, riassuntive delle sanzioni e relative a: Sanzioni Regolamento CLP, previste dal D.Lgs. 186

Dettagli

Una nuova disciplina per le sostanze chimiche Gli adempimenti per la filiera del legno- arredo. Star: Software Tecnico Adempimenti

Una nuova disciplina per le sostanze chimiche Gli adempimenti per la filiera del legno- arredo. Star: Software Tecnico Adempimenti Bari, 13 maggio 2008 REACH Una nuova disciplina per le sostanze chimiche Gli adempimenti per la filiera del legno- arredo Star: Software Tecnico Adempimenti REACH Omar Degoli Federlegno-Arredo Ufficio

Dettagli

REACH CLP. Scheda di sicurezza. Reg. 1907/06/CE Registration Evaluation Authorization CHemicals. Reg. 1272/08/CE Classification Labelling Packaging

REACH CLP. Scheda di sicurezza. Reg. 1907/06/CE Registration Evaluation Authorization CHemicals. Reg. 1272/08/CE Classification Labelling Packaging Antonella De Pasquale, Ispettore REACH - CLP Capannori, 21 marzo 2013 CLP REACH Reg. 1272/08/CE Classification Labelling Packaging Reg. 1907/06/CE Registration Evaluation Authorization CHemicals Scheda

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 907/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 907/2006 DELLA COMMISSIONE 21.6.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 168/5 REGOLAMENTO (CE) N. 907/2006 DELLA COMMISSIONE del 20 giugno 2006 che modifica il regolamento (CE) n. 648/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute CONFERENZA CLP L applicazione del titolo IX del D.lgs. 81/08: cosa cambia per le PMI Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute Alessandra Pera Ministero del Lavoro e delle Politiche

Dettagli

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI. Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta:

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI. Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta: BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta Installazione del programma Definizioni Finestra iniziale del programma Come compilare Configurazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte L impatto del REACh e del CLP nel modello di valutazione Torino, 16 Novembre 2013 Claudia Sudano Registration, Evaluation,

Dettagli

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Dipinto inizio 900 artista sconosciuto Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Seminario regionale Firenze venerdì 9 novembre 2012 1 NORMATIVA SPECIFICA D.Lgs.194/95 che recepiva la direttiva

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli

Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli Maggio 2008 Guida per l attuazione del regolamento REACH AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul

Dettagli

Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099

Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 TUTTOCHIMICA La società CEPRA srl (Centro Protezione Ambientale) con sede a Bologna dal 1979 si occupa di chimica applicata,

Dettagli