L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE"

Transcript

1 L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE RICERCA DELLA SOGLIA UDITIVA: METODI E TECNICHE AUDIOMETRISTA R. RUBERTO Quando si parla di adulto non collaborante si ha a che fare con un paziente complesso, ci rivolgiamo ad una popolazione di pazienti estremamente eterogenea sia sotto il profilo clinico che audiologico la cui diagnosi, o rilevazione di soglia pongono problemi di non facile soluzione. Tra queste: Bambini con età o grado di maturità inadeguati Pazienti con perdita uditiva non organica ( simulazione ed esagerazione, ipoacusie funzionali in adulti e bambini ) Pazienti oligofrenici e pazienti affetti da patologie di competenza neuropsichiatria ( di natura e gravità variabili ) Pazienti affetti da malattie neurodegenerative Pazienti affetti da sindrome depressiva Pazienti collaboranti ma affetti da acufeni intensi Pazienti stranieri con scarsa conoscenza della lingua italiana Per una precoce e corretta definizione della soglia uditiva ci si basa sull adozione di protocolli diagnostico-strumentali che prevedono il ricorso ad una serie di prove di audiometria soggettiva ed oggettiva. Le prove di audiometria soggettiva possono essere adottate nel caso in cui ci si trova davanti a pazienti stranieri o affetti da deficit cognitivi, e indipendentemente dalla loro età possono essere utilizzate decisamente prove di audiometria infantili; diversamente dalle prove di audiometria soggettiva, quelle oggettive si caratterizzano proprio nel poter essere eseguite anche in assenza di collaborazione da parte del soggetto in esame. Quando ci si trova davanti a pazienti adulti dove si sospetta una simulazione, si procederà in questo caso al rilevamento della soglia mediante test per le sordità simulate anch esse suddivise in prove di audiometria soggettiva e oggettiva. Di seguito riporteremo una rappresentazione sintetica sulle prove di audiometria soggettiva ed oggettiva da eseguire nel momento in cui ci si trova davanti ad un paziente adulto con deficit cognitivi, mentre l attenzione maggiore sarà rivolta a quel paziente adulto collaborante ma nello stesso tempo complesso dove la ricerca della soglia uditiva può essere un problema.

2 TECNICHE DI AUDIOMETRIA SOGGETTIVA ED OGGETTIVA PAZIENTI ADULTI NON COLLABORANTI CON DEFICIT COGNITIVI Ci troviamo davanti dei pazienti difficili dove le normali metodiche di audiometria soggettiva per adulto non trovano applicazione, non si può pretendere di mettere tale paziente in cabina ed avere una piena collaborazione per rilevare una soglia uditiva. Come detto in precedenza le metodiche audiometriche applicabili in questi casi sono quelle utilizzate in audiometria infantile: IMPEDENZOMETRIA CON RICERCA DELLA SOGLIA DEL RIFLESSO STAPEDIALE VRA (Visual Reinforcement Audiometry) IMMAGINI DI SUPPORTO PER DETEZIONE E DISCRIMINAZIONE TEOAE (emissioni otoacustiche evocate da transienti) DPOAE (prodotti di distorsione otoacustici) ABR PER RICERCA DI SOGLIA ASSR (Auditory Steady State Responses) Apporremo dei limiti alla spiegazione della singola metodica. E importante invece sapere che alcune di queste metodiche quali VRA, ABR in soglia risultano essere fondamentali per una valutazione audiologica molto vicina a quella reale. Queste tecniche, opportunamente modificate, consentono il condizionamento del soggetto evitando così il ricorso a quel materiale verbale solitamente non accessibile al paziente complesso. E da tenere in considerazione che questa tipologia di pazienti, affetti da sordità, segue già un follow-up audiologico, è già in possesso di una diagnosi; le metodiche a disposizione serviranno a mantenere monitorata la soglia uditiva al fine di una eventuale regolazione sul guadagno protesico. Ovviamente le metodiche descritte sono efficaci anche per la rilevazione della soglia audiometria in pazienti adulti con deficit cognitivi che per la prima volta sono sottoposti ad una valutazione audiologica.

3 L operatore che esegue gli esami deve essere esperto, in grado di riconoscere una risposta che è diversa da paziente a paziente e che nelle metodiche soggettive può manifestarsi anche con un semplice movimento della testa o degli occhi, deve inoltre saper riconoscere le varie componenti presenti nelle metodiche oggettive distinguendoli da eventuali artefatti. PAZIENTI ADULTI COLLABORANTI COMPLESSI E POTENZIALI SIMULATORI In questo contesto ci si trova davanti a pazienti apparentemente collaboranti, pazienti che verranno poi definiti complessi a causa della enorme difficoltà di ricerca della soglia uditiva, potenziali simulatori. La motivazione di simulazione o accentuazione del deficit uditivo è rappresentata dalla richiesta di un indennizzo (INAIL o altro) o di un cambiamento di una mansione lavorativa. Nasce quindi la necessità di avere a disposizione dei test di audiometria oggettiva, cioè di prove audiometriche che consentano di definire lo stato della funzione uditiva indipendentemente dalle risposte fornite dall esaminato. Il sospetto di scarsa collaborazione o simulazione viene formulato dall esperienza e sensibilità dell esaminatore che più di ogni altro è in grado di percepire. TEST DI AUDIOMETRIA SOGGETTIVA Nel caso in cui si sospetti la non collaborazione se si desidera dimostrare semplicemente la simulazione possono essere utilizzati i seguenti test: - tecnica delle soglie ripetute: non è altro che la ripetizione della soglia uditiva a distanza di tempo nella stessa giornata o in giornate diverse. Lo scopo dell esame è quello di evidenziare delle soglie diverse, l esaminatore che esegue l esame deve essere sicuro della soglia che decide utilizzare come buona. Durante l esecuzione dell esame bisogna seguire alcuni accorgimenti utili: modificare la tecnica 10 db up/5 db down in db up/5 db down; inviare lo stimolo alternativamente ai due orecchi a livelli prossimi alla soglia rispettando pause prolungate; scompaginare la normale sequenza di presentazione dei toni giocando sulla diversa sensazione di loudness provocata dalle diverse frequenze. Si può integrare l esame con un audiometria vocale al fine di verificare la congruità tra tonale e vocale;

4 - test di Lombard: il soggetto viene invitato a leggere un brano; durante la lettura viene inviato un suono che, se percepito, automaticamente induce il soggetto ad aumentare il volume della propria voce; la simulazione è dimostrata se l intensità del suono che induce una modificazione del volume della voce è inferiore alla soglia determinata mediante audiometria; - test di Azzi: il soggetto viene invitato a leggere un brano mentre la propria voce viene rinviata in cuffia con uno sfasamento temporale; la percezione della propria voce sfasata rende impossibile il proseguimento della lettura; la simulazione è dimostrata se la voce rinviata ha un intensità inferiore a quella della soglia audiometrica; - test di Stenger: In caso di ipoacusia monolaterale non organica, il test di Stenger modificato si è rivelato efficace nell approssimare la soglia reale dell orecchio preteso sordo. Inviando un tono all orecchio migliore di db SL e lo stesso tono ad intensità crescente nell orecchio peggiore, si chiede al paziente di lateralizzare lo stimolo. Quando l intensità SL dell orecchio peggiore sovrasterà quella dell altro orecchio, il paziente negherà di percepire lo stimolo. La soglia audiometrica sarà quindi pari a: db HL Au peggiore = (db au peggiore db au migliore) + db HL au migliore; TEST DI AUDIOMETRIA OGGETTIVA Tali test si basano principalmente sullo studio dei potenziali evocati uditivi ABR, emissioni otoacustiche da prodotti di distorsione PDOAE, dalle auditory steady state responses ASSR. - i potenziali evocati uditivi del tronco encefalico ABR sono costituiti da cinque onde positive che compaiono nei primi 10 ms dalla stimolazione e rappresentano l attività della via uditiva; sono i più utilizzati in ambito clinico trovando applicazione nella diagnosi di malattie neurologiche del tronco cerebrale, nella diagnosi delle sordità infantili e del neurinoma dell acustico. Sono utilizzati per ricerca della soglia anche quando ci si trova davanti a pazienti non collaboranti, la risposta è affidabile e attendibile con sostanziale assenza di falsi negativi, permettono di rilevare l indice di soglia, ossia la onda V sino a circa 20/30 db HL. Le frequenze testate sono concentrate sui 2 e 4 KHz, infatti lo stimolo utilizzato è il click che possiede questo range frequenziale. - I Prodotti di Distorsione Otoacustici (PDOAE) sono toni continui emessi dalla coclea in seguito all invio di una stimolazione acustica costituita da due toni puri (frequenze primarie) denominati f1 f2, le cui caratteristiche frequenziali sono funzione matematica dei suoni primari (f1-f2; 2f1-f2; 2f2-f1). Il più ampio (50 db circa al di sotto dei toni primari) dei PD fisiologici si ottiene ad

5 una frequenza pari a 2f1-f2 (cosiddetti toni di differenza cubica.). L osservazione che i PD diminuiscono di intensità o scompaiono in caso di lesioni cocleari superiori a 35/40 db suggerisce che questa metodica potrebbe essere in grado di fornire informazioni oggettive e dotate di buona specificità frequenziale sullo stato funzionale della coclea (Smurzynski et al., 1990). Boege e Janssen, Gorga et al, Schmuziger et al sostengono invece che l accuratezza nella predizione di soglia non è uniformemente distribuita nello spettro tonale, risultando scadente per le frequenze gravi; concordano nel ritenere che l impiego di questa tecnica offra, al momento, un vantaggio limitato. - -ASSR: Le Auditory Steady State Response (ASSR) costituiscono una tecnica di registrazione dei potenziali evocati uditivi che consente di coniugare stimolazioni sonore ad elevata intensità alla specificità frequenziale. Le ASSR sono evocate da toni continui (carriers) - normalmente da 0,5 a 4 khz modulati in frequenza e/o in ampiezza secondo paradigmi variabili. La risposta è data da un onda complessa legata da un preciso rapporto di fase all inviluppo dello stimolo. La detezione della risposta è automatica e assume come criterio di identificazione la concordanza di fase allo stimolo inviato del 95% o del 99%. Gli studi effettuati hanno valutato la possibilità di ottenere la ricostruzione di una soglia tonale attendibile utilizzando diversi stimoli frequenziali, si è trovata una maggiore correlazione sulle frequenze clinicamente più utili; un ulteriore limite è costituito dalla variabilità intraindividuale a 500 Hz; lo stimolo utilizzato non è adeguato a provocare una scarica nueronale sincrona specie sui 500 Hz. In conclusione anche se l utilizzo delle metodiche elettrofisiologiche presenta dei limiti nella ricostruzione della soglia sulle frequenze gravi, rimangono tutt oggi la metodica più idonea e affidabile nella ricerca della soglia uditiva in quei soggetti dove non è possibile ottenere una valida collaborazione sia per un incapacità del tutto involontaria (deficit cognitivi) sia per la volontà ad alterare le risposte.

Post-screening SORDITA NEL PRIMO ANNO DI VITA: LA DIAGNOSI PRECOCE

Post-screening SORDITA NEL PRIMO ANNO DI VITA: LA DIAGNOSI PRECOCE Università degli Studi di Palermo Dipartimento BioNeC A.O.U. Policlinico - Palermo U.O. dipartimentale di Audiologia Direttore: Prof. E. Martines Post-screening SORDITA NEL PRIMO ANNO DI VITA: LA DIAGNOSI

Dettagli

Epidemiologia delle ipoacusie infantili

Epidemiologia delle ipoacusie infantili Epidemiologia delle ipoacusie infantili 78 milioni di persone nel mondo presentano una ipoacusia moderata (>40 db) nell orecchio migliore e 364 milioni di persone hanno una ipoacusia lieve (26-40 db).

Dettagli

Risposte evocate od evento relate

Risposte evocate od evento relate Risposte evocate od evento relate è frequente lo studio di risposte fisiologiche evocate da un evento esterno (e.g., uno stimolo sensoriale) che può essere ripetuto un numero indefinito di volte anche

Dettagli

La diagnosi audiologica infantile

La diagnosi audiologica infantile FIMP Lazio I Congresso Scientifico Regionale Roma 5-6 aprile 2014 La diagnosi audiologica infantile G.Cianfrone, R.Turchetta Dipartim. Organi di Senso Sapienza-Università di Roma Campo di udibilità Audiometria

Dettagli

TEMPO ESECUZIONE MEDIO

TEMPO ESECUZIONE MEDIO Fidenza (PR), 30 novembre 2011 TEMPARIO PREZZARIO DELLE PROFESSIONALI DEL TECNICO AUDIOMETRISTA (APPROVATO dall Assemblea dei Soci del 05/03/2011 e Consiglio Direttivo del 28/10/2011) : si intende l esecuzione

Dettagli

Innovabilità Sostenere le disabilità con l innovazione Tecnologie individualizzate per udire, vedere e vivere meglio

Innovabilità Sostenere le disabilità con l innovazione Tecnologie individualizzate per udire, vedere e vivere meglio Innovabilità Sostenere le disabilità con l innovazione Tecnologie individualizzate per udire, vedere e vivere meglio Provincia di Milano, 30 marzo 2011 Ing. Michele Ricchetti Responsabile Ricerca e Sviluppo

Dettagli

la chirurgia della sordità medio-grave

la chirurgia della sordità medio-grave la chirurgia della sordità medio-grave con protesi impiantabili dell orecchio medio confronto dibattito Laura Luisa Bellini Christian Streitberger Valutazione audiometrica Anamnesi: comportamento dell

Dettagli

Dott. Leo Di Bartolo Marsala Cantine Donnafugata 28/06/2014 Ipoacusia e sordità: 18268 Malattia Professionale INAIL 2014: elenco liste malattie riconosciute Il D.M. del 27 Aprile 2004, che ha sostituito

Dettagli

LA DIAGNOSI VESTIBOLARE STRUMENTALE

LA DIAGNOSI VESTIBOLARE STRUMENTALE Il paziente vertiginoso acuto tra territorio e ospedale LA DIAGNOSI VESTIBOLARE STRUMENTALE AUDIOMETRISTA Federica Di Giuseppe U.O.S. di Otorinolaringoiatria Day Surgery Ospedale Maria SS dello Splendore

Dettagli

PREVENZIONE DELLA SORDITÀ E DEGLI HANDICAP ASSOCIATI

PREVENZIONE DELLA SORDITÀ E DEGLI HANDICAP ASSOCIATI PREVENZIONE DELLA SORDITÀ E DEGLI HANDICAP ASSOCIATI Fabrizio Ottaviani Professore Ordinario di Otorinolaringoiatria Università di Roma Tor Vergata Epidemiologia Prevalenza: paesi sviluppati compresa fra

Dettagli

Ricordando il passato, viviamo il presente e guardiamo al futuro

Ricordando il passato, viviamo il presente e guardiamo al futuro Ricordando il passato, viviamo il presente e guardiamo al futuro 25 anniversario Associazione Genitori dei Sordi Bresciani SSVD Audiologia e Foniatria Presidio Ospedale dei Bambini di Brescia Simona Maraviglia

Dettagli

Le Emissioni Otoacustiche nello Screening Neonatale: Tecnologie e Metodologie.

Le Emissioni Otoacustiche nello Screening Neonatale: Tecnologie e Metodologie. Le Emissioni Otoacustiche nello Screening Neonatale: Tecnologie e Metodologie. www.oae.it 1 Concetti di Statistica Screening: La separazione significativa di due popolazioni di soggetti (nornali vs soggetti

Dettagli

La sordità. Prof. Oskar Schindler

La sordità. Prof. Oskar Schindler La sordità Prof. Oskar Schindler Cenni d anatomia L orecchio Come funziona l udito Apparato uditivo Periferico o Orecchio Centrale o Centri e vie uditive encefaliche (percezione) Esterno Raccoglie i suoni

Dettagli

Dipartimento di Patologia della Testa e del Collo, del Cavo Orale e della Comunicazione Audio-Verbale

Dipartimento di Patologia della Testa e del Collo, del Cavo Orale e della Comunicazione Audio-Verbale Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Dipartimento di Patologia della Testa e del Collo, del Cavo Orale e della Comunicazione

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

DIAGNOSI DI IPOACUSIA INFANTILE

DIAGNOSI DI IPOACUSIA INFANTILE DIAGNOSI DI IPOACUSIA INFANTILE Silvano Prosser Dip.to Discipline Medico-Chirurgiche Scienze della Comunicazione e del Comportamento Scuola di Specializzazione in Audiologia e Foniatria Università di Ferrara

Dettagli

PUNTI CRITICI NELL INTERPRETAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA DISABILITA UDITIVA

PUNTI CRITICI NELL INTERPRETAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA DISABILITA UDITIVA ASSOCIAZIONE FAMIGLIE AUDIOLESI CANTU CONVEGNO «LO STATO DELLA RICERCA SULLA SORDITA» CANTU 24 MAGGIO 2014 PUNTI CRITICI NELL INTERPRETAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA DISABILITA UDITIVA UMBERTO AMBROSETTI

Dettagli

Idoneità a un lavoro rumoroso di un soggetto affetto da IPOACUSIA

Idoneità a un lavoro rumoroso di un soggetto affetto da IPOACUSIA Idoneità a un lavoro rumoroso di un soggetto affetto da IPOACUSIA Il concetto di idoneità al lavoro può riferirsi, nel caso di una esposizione al rumore o di presenza di un deficit uditivo a carico del

Dettagli

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEL DANNO ACUSTICO

Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEL DANNO ACUSTICO Universita degli Studi di Milano - Bicocca Facolta di Medicina e Chirurgia Esercitazioni Medicina del Lavoro LA VALUTAZIONE DEL DANNO ACUSTICO 12 MARZO 2009 AUDIOMETRIA IN MDL L audiometro serve, in MdL,

Dettagli

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione La psicologia dell udito onde sonore percezione uditiva cognizione Fisica-percezione-cognizione Aria Orecchio Mente Suono Sensazione Musica/Parole Ampiezza Intensità Dinamica Frequenza Altezza Classe di

Dettagli

Otorinolaringoiatria. scheda 03.12 Poliambulatorio specialistico

Otorinolaringoiatria. scheda 03.12 Poliambulatorio specialistico scheda 03.12 Poliambulatorio specialistico Cos è L ambulatorio specialistico di (ORL) di MediClinic è una moderna struttura che si occupa di tutti 03.12 pag. 2 gli aspetti generali della disciplina, con

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 68/ 22 DEL 3.12.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 68/ 22 DEL 3.12.2008 DELIBERAZIONE N. 68/ 22 Oggetto: Programma regionale per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle ipoacusie in età pediatrica. Avvio del progetto di screening uditivo neonatale. L Assessore dell

Dettagli

LA DIAGNOSI PRECOCE DELLA SORDITA' INFANTILE

LA DIAGNOSI PRECOCE DELLA SORDITA' INFANTILE Convegno a.f.a.: Vivere una cittadinanza attiva Umberto Ambrosetti Dipartimento di Scienze Cliniche e di Comunità, Università degli Studi di Milano, Cattedra di Audiologia - Direttore Prof. A. Cesarani

Dettagli

AUDIOLAB Audiometro clinico a due canali. Audiometria Tonale Audiometria Vocale Mascheramento SISI ABLB Decay Test BEKESY

AUDIOLAB Audiometro clinico a due canali. Audiometria Tonale Audiometria Vocale Mascheramento SISI ABLB Decay Test BEKESY AUDIOLAB Audiometro clinico a due canali Audiometria Tonale Audiometria Vocale Mascheramento SISI ABLB Decay Test BEKESY AUDIOLAB Audiometro clinico a due canali AudioLab, grande tecnologia in piccolo

Dettagli

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DEL MUGELLO

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DEL MUGELLO UNIONE MONTANA DEI COMUNI DEL MUGELLO INTRODUZIONE Nella vita quotidiana siamo costantemente esposti a rumori e suoni differenti: a casa, al lavoro, mentre viaggiamo o semplicemente durante i nostri svaghi.

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL/LA ALUNNO/A AUDIOLESO/A 22.10.2009

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL/LA ALUNNO/A AUDIOLESO/A 22.10.2009 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL/LA ALUNNO/A AUDIOLESO/A 22.10.2009 Psicologa: Dr.ssa Bibiana Bonapace L organo dell udito L orecchio é suddiviso in tre parti: orecchio esterno orecchio medio orecchio interno

Dettagli

7. LO SVILUPPO DELLA PERCEZIONE VERBALE E I DISTURBI DEL «PROCESSING» UDITIVO

7. LO SVILUPPO DELLA PERCEZIONE VERBALE E I DISTURBI DEL «PROCESSING» UDITIVO 7. LO SVILUPPO DELLA PERCEZIONE VERBALE E I DISTURBI DEL «PROCESSING» UDITIVO Elisabetta Genovese doi: 10.7359/746-2015-geno Un importante branca di ricerca scientifica e di applicazione sul campo è senz

Dettagli

L. Bressan. luciana.bressan@unimi.it LA COSTRUZIONE DEL LINGUAGGIO E I SUOI IMPEDIMENTI

L. Bressan. luciana.bressan@unimi.it LA COSTRUZIONE DEL LINGUAGGIO E I SUOI IMPEDIMENTI L. Bressan luciana.bressan@unimi.it LA COSTRUZIONE DEL LINGUAGGIO E I SUOI IMPEDIMENTI 1 Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) www.who.int CIM / ICD 10 Classificazione Internazionale delle Malattie

Dettagli

SCREENING UDITIVO NEONATALE

SCREENING UDITIVO NEONATALE CORSO 1 DIAGNOSTICA SENSORIALE E NEUROSENSORIALE SCREENING UDITIVO NEONATALE Angelo Rizzo UTIN P.O. Ingrassia Palermo Rappresentazione schematica del sistema uditivo ricezione trasduzione elaborazione

Dettagli

TRASMISSIVA MISTA. PERCETTIVA o NEURO- SENSORIALE

TRASMISSIVA MISTA. PERCETTIVA o NEURO- SENSORIALE L alterazione patologica del sistema uditivo in una o più delle sue parti, determina una ridotta capacità di ascolto/discriminazione dei suoni, cioè un IPOACUSIA TRASMISSIVA MISTA PERCETTIVA o NEURO- SENSORIALE

Dettagli

Seconda Parte Specifica di scuola - Audiologia e foniatria - 31/10/2014

Seconda Parte Specifica di scuola - Audiologia e foniatria - 31/10/2014 Domande relative alla specializzazione in: Audiologia e foniatria Domanda #1 (codice domanda: n.382) : La soglia uditiva è: A: il livello di intensità minima al quale è possibile percepire un suono B:

Dettagli

I professionisti dell udito w w w. e l e t t r o s o n o r. i t. Il beneficio protesico nel rumore

I professionisti dell udito w w w. e l e t t r o s o n o r. i t. Il beneficio protesico nel rumore I professionisti dell udito w w w. e l e t t r o s o n o r. i t Il beneficio protesico nel rumore INTRODUZIONE Il Centro Sordità Elettrosonor, nel corso di quarant anni di esperienza nell applicazione

Dettagli

GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA

GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA Il suono si propaga attraverso onde elastiche longitudinali, per la cui descrizione fisica le grandezze di base sono, come per tutti i fenomeni ondulatori, frequenza, ampiezza

Dettagli

Elaborato da Areco sas

Elaborato da Areco sas Elaborato da Areco sas INTRODUZIONE Nella vita quotidiana siamo costantemente esposti a rumori e suoni differenti: a casa, al lavoro, mentre viaggiamo o semplicemente durante i nostri svaghi. Il posto

Dettagli

Effetti del Rumore sul Sistema Uditivo

Effetti del Rumore sul Sistema Uditivo Fondazione Scuola di San Giorgio National Research Council of Italy Effetti del Rumore sul Sistema Diego L. Gonzalez The Musical and Architectural Acoustics Laboratory Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia,

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA. Dottorato di Ricerca in Scienze Otorinolaringoiatriche ed Audiologiche XXIV ciclo

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA. Dottorato di Ricerca in Scienze Otorinolaringoiatriche ed Audiologiche XXIV ciclo UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA Dottorato di Ricerca in Scienze Otorinolaringoiatriche ed Audiologiche XXIV ciclo Valutazione delle abilità percettive verbali nel bambino prima e dopo impianto cocleare

Dettagli

Le sordità da rumore. P. Vannucchi. Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Medicina Traslazionale Università di Firenze

Le sordità da rumore. P. Vannucchi. Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Medicina Traslazionale Università di Firenze Le sordità da rumore P. Vannucchi Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Medicina Traslazionale Università di Firenze Ipoacusia da rumore Nota fin dall antichità: nel primo secolo A.C. notarono che chi

Dettagli

Esercitazione teorico pratica

Esercitazione teorico pratica Esercitazione teorico pratica AUDIOMETRIA TONALE LIMINARE E OTOSCOPIA Cattedra di Medicina del Lavoro Università Cattolica del Sacro Cuore Direttore: Prof. Antonio Bergamaschi D.ssa G. Somma RUMORE Rumore

Dettagli

La sordità: classificazioni, facoltà di linguaggio ed educazione vocale

La sordità: classificazioni, facoltà di linguaggio ed educazione vocale Poesia in LIS La sordità: classificazioni, facoltà di linguaggio ed educazione vocale Lagonegro settembre 2010 Dr.ssa Benedetta Marziale Sportello sulla sordità Istituto Statale Sordi di Roma La sordità

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... XI Nota sugli autori... XIII

SOMMARIO. Presentazione... XI Nota sugli autori... XIII Sommario SOMMARIO Presentazione... XI Nota sugli autori... XIII Capitolo I Aspetti normativi della valutazione del rumore 1. Il decreto di riforma 81/2008... 1 2. Campo di applicazione della nuova disciplina...

Dettagli

Il ruolo degli audiometristi nello screening: le criticità nella conferma della diagnosi e nella valutazione del guadagno protesico

Il ruolo degli audiometristi nello screening: le criticità nella conferma della diagnosi e nella valutazione del guadagno protesico Il ruolo degli audiometristi nello screening: le criticità nella conferma della diagnosi e nella valutazione del guadagno protesico Françoise Barrier Monica Errichiello Fabiana Toscano LA TEMPESTIVITÀ

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. GENERALITA

1. INTRODUZIONE 2. GENERALITA I 1. INTRODUZIONE L audiometria vocale a differenza dell audiometria tonale con la quale possiamo documentare il tipo e l entità della perdita uditiva alle varie frequenze, ha lo scopo di verificare qual

Dettagli

LA DIAGNOSI IN AUDIOLOGIA PEDIATRICA. Sandro Burdo. quello neurolinguistico, le metodologie riabilitative, le strategie di amplificazione e così via.

LA DIAGNOSI IN AUDIOLOGIA PEDIATRICA. Sandro Burdo. quello neurolinguistico, le metodologie riabilitative, le strategie di amplificazione e così via. LA DIAGNOSI IN AUDIOLOGIA PEDIATRICA Sandro Burdo Trato dal volume: S.Buirdo: La Sordità Infantile. Masson Editore 1998 La diagnosi in audiologia pediatrica rappresenta senz altro una delle attività più

Dettagli

Compressione del Segnale (Audio)

Compressione del Segnale (Audio) Compressione del Segnale (Audio) Carlo Caini e Alessandro Vanelli Coralli Argomenti della Presentazione Introduzione Perché comprimere Come comprimere Esempi di Algoritmi di compressione Codifiche predittive

Dettagli

Legge di massa e scostamenti per pareti reali (rappresentazione grafica qualitativa) Il coefficiente di trasmissione acustica è:

Legge di massa e scostamenti per pareti reali (rappresentazione grafica qualitativa) Il coefficiente di trasmissione acustica è: ACUSTICA Coefficiente di trasmissione e definizione di potere fonoisolante Potere fonoisolante: l attitudine a ridurre la trasmissione del suono. in cui t è il coefficiente di trasmissioneacustica della

Dettagli

OTORINOLARINGOIATRIA DISCIPLINA IN CONTINUA EVOLUZIONE TECNOLOGICA

OTORINOLARINGOIATRIA DISCIPLINA IN CONTINUA EVOLUZIONE TECNOLOGICA OTORINOLARINGOIATRIA DISCIPLINA IN CONTINUA EVOLUZIONE TECNOLOGICA IL PIEMONTE SI CONFRONTA CON L EUROPA Roberto Albera Dipartimento di Scienze Chirurgiche Università degli Studi di Torino In Piemonte

Dettagli

SORDITA E QUALITA DI VITA

SORDITA E QUALITA DI VITA MARTEDI DELLA SALUTE SORDITA E QUALITA DI VITA PROF. GIANCARLO PECORARI I CLINICA ORL - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Direttore Prof. R. Albera L apparato udi,vo periferico è suddiviso in 3 par,: L'ipoacusia

Dettagli

Elenco Prestazioni di Otorinolaringoiatria

Elenco Prestazioni di Otorinolaringoiatria Elenco Prestazioni di Otorinolaringoiatria MIRINGOTOMIA INTERVENTI TUBA EUSTACHIO INCISIONE DEL CANALE UDITIVO ESTERNO E DEL PADIGLIONE AURICOLARE BIOPSIA DELL'ORECCHIO ESTERNO ASPORTAZIONE O DEMOLIZIONE

Dettagli

Autenticazione Vocale

Autenticazione Vocale Autenticazione Vocale (A. Gorziglia) INTRODUZIONE: perché usare i sistemi biometrici per l autenticazione. Il motivo principale è quello di impedire all utente di perdere (o dimenticare) la chiave di autenticazione

Dettagli

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause Dal sito : A tutta scuola http://www.atuttascuola.it GLI AUDIOLESI Quando si parla di deficit uditivo è opportuno specificare la differenza tra i soggetti sordi e quelli sordomuti. Infatti, nel caso di

Dettagli

Udito: come avviene. Orecchio medio Orecchio interno. ing. Domenico Brioschi - brioschi@gpseurope.com

Udito: come avviene. Orecchio medio Orecchio interno. ing. Domenico Brioschi - brioschi@gpseurope.com Udito: come avviene Organi dell udito Orecchio esterno Orecchio medio Orecchio interno 1 Orecchio 2 Orecchio esterno Padiglione auricolare Localizza nello spazio Rinforzo del suono: concentrazione energia

Dettagli

Il vero screening uditivo automatico tutto in uno

Il vero screening uditivo automatico tutto in uno Il vero screening uditivo automatico tutto in uno SOLO LO SCREENING UDITIVO ECHO-SCREEN COMBINA LE AVANZATE TECNOLOGIE TEOAE, DPOAE E AABR CON RISULTATI AUTOMATICI E PARAMETRI DELLO SCREENING COMPLETAMENTE

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

L UDITO LA FAMIGLIA COMUNICA

L UDITO LA FAMIGLIA COMUNICA L UDITO RELAZIONE DI CARATTERE INFORMATIVO Gentilissima Signora ed Egregio Signore, consulti la nostra guida. Ci chieda informazioni. Siamo a Sua disposizione per fornirle con puntualità ed impegno, le

Dettagli

UN PROGETTO MULTIDISCIPLINARE INTERGRATO PER LA VALUTAZIONE E LA RIABILITAZIONE DELL UDITO

UN PROGETTO MULTIDISCIPLINARE INTERGRATO PER LA VALUTAZIONE E LA RIABILITAZIONE DELL UDITO Hear with the brain: give a sound to your life. UN PROGETTO MULTIDISCIPLINARE INTERGRATO PER LA VALUTAZIONE E LA RIABILITAZIONE DELL UDITO La percezione udiva La percezione uditiva è un fenomeno molto

Dettagli

Patologia del linguaggio in età evolutiva

Patologia del linguaggio in età evolutiva Patologia del linguaggio in età Ritardi e evolutiva disordini di acquisizione del linguaggio Disturbi del linguaggio Quadri clinici molto eterogenei : disturbi del linguaggio secondari le difficoltà linguistiche

Dettagli

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno Suono: aspetti fisici Tutorial a cura di Aldo Torrebruno 1. Cos è il suono Il suono è generalmente prodotto dalla vibrazione di corpi elastici sottoposti ad urti o sollecitazioni (corde vocali, corde di

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

Figura 1: Suddivisione dell Orecchio

Figura 1: Suddivisione dell Orecchio EMISSIONI OTOACUSTICHE E SCREENING AUDIOLOGICO NEONATALE Dr ssa Monica Errichiello, Dr Vincenzo Marcelli Dipartimento di Neuroscienze. Unità di Audiologia Università degli Studi di Napoli Federico II Cenni

Dettagli

GLI ACUFENI: COSA SONO

GLI ACUFENI: COSA SONO GLI ACUFENI GLI ACUFENI: COSA SONO GLI ACUFENI SONO FASTIDIOSI RUMORI PERCEPITI CONTINUAMENTE NELL ORECCHIO O NELLA TESTA, NON CAUSATI DA SORGENTI ESTERNE POSSONO PROVOCARE DISAGIO GRAVE COSTITUISCONO

Dettagli

Bilancio di salute neonatale

Bilancio di salute neonatale Bilancio di salute neonatale Accoglienza pediatrica al neonato: tra ospedale e territorio di cosa parleremo stasera: di Bilancio di Salute neonatale tra ospedale e territorio Il controllo dell udito come

Dettagli

SCREENING CON POTENZIALI UDITIVI EVOCATI. Ferrara, 22 ottobre 2004. silvano prosser 1

SCREENING CON POTENZIALI UDITIVI EVOCATI. Ferrara, 22 ottobre 2004. silvano prosser 1 SCREENING CON POTENZIALI UDITIVI EVOCATI Silvano Prosser Università di Ferrara Dip. Discipline Medico-Chirurgiche Scienze Comportamentoe Comunicazione Sezione Audiologia Ferrara, 22 ottobre 2004 silvano

Dettagli

ORGANI DI SENSO E DEMENZA

ORGANI DI SENSO E DEMENZA ORGANI DI SENSO E DEMENZA Eliana Cristofari ORL Audiovestibologia VARESE www.audiologia.it eliana.cristofari@ospedale.varese.it DEFINIZIONE TRECCANI Insieme di elementi di sostegno e specializzati che,

Dettagli

LE IMPLICAZIONI EDUCATIVE DELLA DIAGNOSI FUNZIONALE RISPETTO ALLE PROBLEMATICHE RELATIVE AI DEFICIT UDITIVI. Dott.ssa Coscarella Manerbio 11-01-2011

LE IMPLICAZIONI EDUCATIVE DELLA DIAGNOSI FUNZIONALE RISPETTO ALLE PROBLEMATICHE RELATIVE AI DEFICIT UDITIVI. Dott.ssa Coscarella Manerbio 11-01-2011 LE IMPLICAZIONI EDUCATIVE DELLA DIAGNOSI FUNZIONALE RISPETTO ALLE PROBLEMATICHE RELATIVE AI DEFICIT UDITIVI. Dott.ssa Coscarella Manerbio 11-01-2011 IPOACUSIA Alterazione della percezione del suono dovuta

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA Clinica Otorinolaringoiatrica I Direttore Prof. S. Sellari Franceschini. La IPOACUSIA.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA Clinica Otorinolaringoiatrica I Direttore Prof. S. Sellari Franceschini. La IPOACUSIA. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA Clinica Otorinolaringoiatrica I Direttore Prof. S. Sellari Franceschini La IPOACUSIA Francesca Forli INTERESSAMENTO OTOLOGICO in b. con LABIO-PALATOSCHISI (LPS) Otite media

Dettagli

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO A cura di Dr. M. Brighenti * A. Cinì** S. Isoli** M. Maffei** * Neuropsichiatra Infantile, Primario del II Servizio NPI e PEE dell Azienda

Dettagli

Guida alla terapia con Gloreha

Guida alla terapia con Gloreha Guida alla terapia con Gloreha Introduzione Questo documento vuole essere un supporto per tutti coloro che desiderano effettuare riabilitazione con Gloreha a casa propria. Non è un manuale d uso tecnico

Dettagli

ESPERIMENTI SUL. s.m.s. Majno III H a.s. 2013/14

ESPERIMENTI SUL. s.m.s. Majno III H a.s. 2013/14 ESPERIMENTI SUL s.m.s. Majno III H a.s. 2013/14 Esperimento 1: diapason Materiali e strumenti: diapason, cassa di risonanza, pallina da ping pong PRIMA PARTE Esecuzione:Ho colpito uno dei rebbi del diapason

Dettagli

Metodo Tomatis a 432 hz

Metodo Tomatis a 432 hz Difficoltà di apprendimento e problemi nel linguaggio Le difficoltà di apprendimento sono molteplici e sempre più diffuse, ma soprattutto è in aumento il numero di bambini che ne sono affetti. Queste difficoltà

Dettagli

Rumore. Rumore. Caratteristiche fisiche. Corso di Medicina del Lavoro. Malattie muscoloscheletriche e da agenti fisici. Patologia da rumore

Rumore. Rumore. Caratteristiche fisiche. Corso di Medicina del Lavoro. Malattie muscoloscheletriche e da agenti fisici. Patologia da rumore Corso di Medicina del Lavoro Malattie muscoloscheletriche e da agenti fisici Patologia da rumore Rumore Il rumore è un suono non desiderato o comunque fastidioso Da un punto di vista fisico è una successione

Dettagli

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang.

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Incontro di aggiornamento per Genitori COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN 17 Maggio 2008 Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Università di Liegi, Belgio Professore

Dettagli

Acustica. Caratteristiche distintive del suono. Altezza. Intensità W S

Acustica. Caratteristiche distintive del suono. Altezza. Intensità W S Acustica L acustica studia le caratteristiche del suono e della sua propagazione. l suono è generato da un corpo vibrante, come una corda, una membrana elastica, le corde vocali. La sorgente del suono

Dettagli

IGOR CAREGNATO CURRICULUM VITAE. VIA PROFESSOR XAUSA 8/3 36063 MAROSTICA VI Telefono 0424 480001 Cellulare: 340 48 89 326 Fax 0424 480001

IGOR CAREGNATO CURRICULUM VITAE. VIA PROFESSOR XAUSA 8/3 36063 MAROSTICA VI Telefono 0424 480001 Cellulare: 340 48 89 326 Fax 0424 480001 CURRICULUM VITAE IGOR CAREGNATO Indirizzo VIA PROFESSOR XAUSA 8/3 36063 MAROSTICA VI Telefono 0424 480001 Cellulare: 340 48 89 326 Fax 0424 480001 E-mail Cittadinanza Codice Fiscale Data e luogo di nascita

Dettagli

Onde armoniche o sinusoidali

Onde armoniche o sinusoidali Onde armoniche o sinusoidali v = ν = T 1 A T ν = v y x 2π y = Asen ± ( x vt ) 2π = Asen x ± 2πνt Il suono Il suono è un onda longitudinale di compressione e rarefazione del mezzo in cui l onda si propaga.

Dettagli

Cos è? La Disabilità è Uditiva

Cos è? La Disabilità è Uditiva Ascoltare con gli occhi ExposanitàBologna, 23 maggio 2014 Disabilità uditiva dall ipoacusia alla sordità profonda: le esigenze delle persone nei vari ambiti di vita Stefan von Prondzinski??????????????

Dettagli

Lo studio del paziente ipoacusico

Lo studio del paziente ipoacusico Lo studio del paziente ipoacusico Per effettuare lo studio del paziente ipoacusico occorre partire da due procedure: l otoscopia e lo studio della funzione uditiva. Otoscopia E facilmente comprensibile

Dettagli

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 PRESENTAZIONE OBIETTIVI FINALITA Il corso di educazione al suono, al movimento ed all immagine si rivolge principalmente ai bambini delle scuole elementari.

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione

I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione Nei cantieri edili, si possono individuare alcune tipologie di rischio nel campo dell igiene del lavoro legati all uso di macchine e attrezzature.

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi

Dettagli

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA.

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA. I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA CHI E IL LOGOPEDISTA? Il Logopedista è il Professionista Sanitario che, a seguito di un percorso formativo universitario, acquisisce le competenze necessarie

Dettagli

Trasmissione del suono lungo la membrana cocleare e latenza delle emissioni otoacustiche. Renata Sisto 1, Arturo Moleti 2

Trasmissione del suono lungo la membrana cocleare e latenza delle emissioni otoacustiche. Renata Sisto 1, Arturo Moleti 2 Trasmissione del suono lungo la membrana cocleare e latenza delle emissioni otoacustiche Renata Sisto 1, Arturo Moleti 1 Dipartimento Igiene del Lavoro, ISPESL Dipartimento di Fisica, Università di Roma

Dettagli

ORLTeam. Sec. The Tinnitus Retraining Therapy Association by Pawel J. Jastreboff LA RIABILITAZIONE TRT

ORLTeam. Sec. The Tinnitus Retraining Therapy Association by Pawel J. Jastreboff LA RIABILITAZIONE TRT ORLTeam PROTOCOLLO PER LA DIAGNOSI E LA TERAPIA T DI ACUFENI E IPERACUSIA Sec. The Tinnitus Retraining Therapy Association by Pawel J. Jastreboff LA RIABILITAZIONE TRT La TRT, Tinnitus Retraining Therapy

Dettagli

SUONO E RUMORE SUONO. www.ambientediritto.it

SUONO E RUMORE SUONO. www.ambientediritto.it SUONO E RUMORE SUONO E una perturbazione meccanica che si propaga in un corpo elastico (gas, liquido, solido). Il corpo elastico (cioè la sorgente di suono), messo in vibrazione, crea una serie di compressioni

Dettagli

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo IL SUONO Caratteristiche Generali Il suono é un onda elastica (ha bisogno di un mezzo per propagarsi),longitudinale (la perturbazione avviene parallelamente alla direzione di propagazione); per la sua

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli

Documento di indirizzo in tema di protesizzazione acustica dei lavoratori affetti da ipoacusia professionale

Documento di indirizzo in tema di protesizzazione acustica dei lavoratori affetti da ipoacusia professionale Sovrintendenza medica generale Università di Torino ANA Associazione Nazionale Audioprotesisti Documento di indirizzo in tema di protesizzazione acustica dei lavoratori affetti da ipoacusia professionale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi NEVI E MELANOMA DEL BAMBINO : Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi STORIA CLINICA I NEVI MELANOCITARI COMPAIONO NELLA PRIMA INFANZIA E IL LORO NUMERO COMPLESSIVO CRESCE CON IL CRESCERE DELL

Dettagli

Autismo Caratteristiche

Autismo Caratteristiche Autismo Caratteristiche Flavia Caretto Psicologa Psicoterapeuta Modena 6 ottobre 2012 una persona vera Il mio modo di essere era completamente incomprensibile agli occhi di chi mi circondava. Toccavo continuamente

Dettagli

Piccola Guida per i genitori di bambini con Problemi di Udito

Piccola Guida per i genitori di bambini con Problemi di Udito E. Orzan E. Rota F. Crovetti W. De Colle Piccola Guida per i genitori di bambini con Problemi di Udito Disegni di M. Facci I. Schmitt - Menzel / Friedrich Straich / WWF Lizenzhaus Köln GmbH, Die Sendung

Dettagli

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall et età evolutiva all et età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 Paolo Bailo, Marina Gandione Ricerche recenti hanno indicato una prevalenza dei DPS

Dettagli

IL PEDIATRA E LE IPOACUSIE DOTT. LUCIA RUGGIERI - ASL RMF

IL PEDIATRA E LE IPOACUSIE DOTT. LUCIA RUGGIERI - ASL RMF IL PEDIATRA E LE IPOACUSIE DOTT. LUCIA RUGGIERI - ASL RMF PEDIATRA SORDITA : Rara? diagnosi tardiva? Follow up? scarsa conoscenza delle nuove tecnologie di diagnosi e terapia audiologica Ritardo terapia

Dettagli

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali 9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali Nel gioco d azzardo patologico sono stati descritti alcuni processi e condizioni caratteristiche che spiegano ulteriormente la patologia. Riassumendo quanto

Dettagli

La Valutazione Audiologica

La Valutazione Audiologica Sapienza Università di Roma Dipartimento Organi di Senso Servizio di vestibologia Prof M. Patrizi La Valutazione Audiologica Prof. Mario Patrizi Le condizioni anatomo - topografiche di stretta vicinanza

Dettagli

FAMIGLIE DI PRESIDI SECONDO IL NOMENCLATORE EX D.M. 28/12/92 CLASSI DI PRESIDI CORRISPONDENTI SECONDO LA CLASSIFICAZIONE A NORMA ISO

FAMIGLIE DI PRESIDI SECONDO IL NOMENCLATORE EX D.M. 28/12/92 CLASSI DI PRESIDI CORRISPONDENTI SECONDO LA CLASSIFICAZIONE A NORMA ISO FAMIGLIE DI PRESIDI SECONDO IL NOMENCLATORE EX D.M. 28/12/92 CLASSI DI PRESIDI CORRISPONDENTI SECONDO LA CLASSIFICAZIONE A NORMA ISO 24 PROTESI ACUSTICHE 21 AUSILI PER COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE E SEGNALAZIONE

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli