La Redazione dell URP. URP MULTIENTE Cosa fare in caso di morte di un congiunto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Redazione dell URP. URP MULTIENTE Cosa fare in caso di morte di un congiunto"

Transcript

1 Cosa fare in caso di MORTE DI UN CONGIUNTO 4 quadern UADERNiuTIL TILi

2 2 Il quaderno fornisce indicazioni su come e dove fare la denuncia di morte e a chi rivolgersi per chiedere un supporto sulle pratiche relative alla sepoltura, al trasporto della salma e altro. Dopo la morte di una persona occorre effettuare la comunicazione all ufficio tributi, alla banca, all Agenzia delle Entrate e altri soggetti interessati alla fornitura di servizi. La Redazione dell URP

3 SOMMARIO 04 Come fare la denuncia 07 Dove fare la denuncia 09 Spese funebri persone indigenti 10 La cremazione 14 Come tenere in casa le ceneri dei defunti 18 Trasporto della salma 21 Sepoltura 24 La pensione 25 Dichiarazione dei redditi 26 Variazione IMU 28 Variazione TIA 30 Variazione tassa automobilistica 31 Telefono 32 Abbonamento Rai 33 Banca 34 Pratiche di successione 3

4 COME FARE LA DENUNCIA DI MORTE 4 La denuncia di morte deve essere fatta da un familiare o da una persona incaricata, entro 24 ore, all Ufficio di Stato Civile. Le pubbliche assistenze e le agenzie di pompe funebri, su richiesta del cittadino, possono occuparsi di tutte le pratiche dalla denuncia di morte al funerale. Nel caso in cui i parenti della persona deceduta non intendano affidarsi a una impresa funebre devono seguire le seguenti procedure in base al luogo in cui è avvenuto il decesso: Morte avvenuta in casa Immediatamente dopo il decesso i parenti devono: avvisare il medico curante che dovrà compilare il certificato ISTAT; avvisare l Ufficio Igiene e Sanità Pubblica e l Azienda USL o i Distretti Socio-Sanitari, che provvederanno ad inviare il medico necroscopo o altro medico incaricato dall ASL. Il medico dovrà accertare il decesso non prima della 15^ ora e non dopo 30 ore dalla morte; denunciare la morte presso l Ufficio di Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso.

5 COME FARE LA DENUNCIA DI MORTE 5 Morte avvenuta in ospedale o casa di cura Dopo il necessario periodo di osservazione della salma, i parenti devono: ritirare presso l Ufficio di Anatomia Patologica il certificato necroscopico e la denuncia di morte completa di scheda ISTAT; consegnare la documentazione all Ufficio di Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso per la redazione dell atto di morte. Morte avvenuta all estero I parenti devono comunicare immediatamente l avvenuto decesso al Consolato Generale o all Ambasciata Italiana, per ottenere il nulla osta del rimpatrio della salma. I parenti possono interpellare anche una pubblica assistenza o una impresa di pompe funebri del Comune dove si intende trasportare la salma, per consulenza sulle pratiche da svolgere in Italia e sull eventuale trasporto per il rimpatrio della salma (via aerea, per mezzo di auto funebre, via mare).

6 COME FARE LA DENUNCIA DI MORTE ATTENZIONE In caso di morte violenta o dubbia occorre informare tempestivamente l Autorità Giudiziaria, che rilascerà il nulla osta per la sepoltura o la cremazione dopo i dovuti accertamenti medico-legali. Documenti da presentare: documento di identità valido della persona che fa denuncia di morte; se il decesso è avvenuto in casa, il certificato necroscopico e la scheda ISTAT rilasciati dal medico che ha constatato la morte; se il decesso è avvenuto in ospedale, la denuncia di morte rilasciata dall ospedale. 6

7 DOVE FARE LA DENUNCIA 7 A chi rivolgersi? Arciconfraternita della Misericordia Via Galcianese, 15 - Prato Telefono (24 ore su 24) Telefono (24 ore su 24) Fax sito web: Croce d oro Via Niccoli, 2 - Prato Telefono (24 ore su 24) sito web: Pubblica Assistenza L Avvenire Via S. Jacopo, 34 - Prato Telefono (centralino) Telefono (dal Lunedì alla Domenica dalle 7.30 alle 19.30) (solo per servizi funebri - 24 ore su 24) sito web: Ufficio di Stato Civile Piazza C. Niccolò, 13 - Prato Centralino Orario: dal Lunedì al Sabato ore

8 Uffici di Stato Civile nella Provincia di Prato: DOVE FARE LA DENUNCIA 8 Comune di Cantagallo Via S. Lorenzo, 14 - Usella Telefono Comune di Carmignano Piazza Matteotti, 1 Telefono Comune di Montemurlo Via A. Toscanini, 1 Telefono Comune di Poggio a Caiano Via Cancellieri, 4 Telefono Comune di Vaiano Piazza del Comune, 4 Telefono Comune di Vernio Piazza del Comune, 20 Telefono

9 SPESE FUNEBRI PERSONE INDIGENTI 9 Aiuto spese servizi funebri persone indigenti L ufficio Servizi Sociali del Comune di Prato provvede direttamente al pagamento delle spese funebri (limitatamente all acquisto della cassa e alle spese di trasporto e inumazione) nel caso si verifichi il decesso di una persona in condizioni di grave disagio economico e senza nessun parente in grado di provvedere al funerale. Il servizio è rivolto sia a cittadini residenti nel Comune di Prato che a persone che non hanno nessuna residenza ma deceduti sul territorio comunale. Per gli altri comuni della provincia contattare direttamente gli uffici dei servizi sociali. A chi rivolgersi? Servizi Sociali e Sanità Via Roma, 101 (Ex casa di riposo) Prato Centralino Fax Orario: Lunedì e Giovedì e

10 La cremazione della salma è concessa in presenza di una delle seguenti condizioni: la persona deceduta aveva espresso la volontà di essere cremata; la persona deceduta era iscritta a un associazione che ha fra i suoi fini anche la cremazione; il coniuge o i parenti prossimi dichiarano la propria volontà che la persona deceduta sia cremata con un atto scritto. LA CREMAZIONE 10 I familiari del defunto possono rivolgersi ad una delle imprese funebri di Prato che provvederà ad istruire la pratica per la cremazione e ad acquisire tutta la documentazione necessaria. L autorizzazione alla cremazione deve essere rilasciata dal Sindaco del Comune in cui è avvenuto il decesso. I familiari devono recarsi all ufficio di Stato Civile per richiedere l autorizzazione alla cremazione. Per quanto riguarda il trasporto: le urne cinerarie possono essere trasportate con mezzo proprio. Se il trasporto è fuori dal territorio del comune occorre l autorizzazione dell ufficio di Stato Civile. Documenti da presentare: Per l autorizzazione a cremare le salme: se la persona deceduta aveva espresso la volontà di essere cremata occorre presentare all ufficio la dichiarazione della volontà della persona deceduta;

11 LA CREMAZIONE 11 se il deceduto era iscritto ad un associazione che ha fra i suoi fini la cremazione occorre che la dichiarazione di volontà sia convalidata dal presidente dell associazione; la dichiarazione, del coniuge o dei parenti prossimi, della volontà del defunto ad essere cremato (i moduli si trovano presso l ufficio di Stato Civile, le associazioni di cremazione o scaricabili dal sito del Comune di Prato). Per l autorizzazione a cremare le salme non decomposte: domanda in bollo al Sindaco su modulo disponibile presso l ufficio di Stato Civile; permesso di sepoltura originale; richiesta di trasporto al luogo di cremazione in carta libera (con marca da bollo). Per maggiori informazioni: > Canali tematici > Identità e cittadinanza > Morte > Cremazione A chi rivolgersi? Gestore dei cimiteri comunali Via Montalese, 314 (a destra dell ingresso del Cimitero di Chiesanuova) - Prato Telefono Fax Orario invernale (da Ottobre a Marzo): da Lunedì a Sabato e Orario estivo (da Aprile a Settembre): da Lunedì a Sabato e

12 Ufficio di Stato Civile Piazza C. Niccolò, 13 - Prato Centralino: Orario: dal Lunedì al Sabato ore Uffici di Stato Civile nella Provincia di Prato: LA CREMAZIONE 12 Comune di Cantagallo Via S. Lorenzo, 14 - Usella Telefono Comune di Carmignano Piazza Matteotti, 1 Telefono Comune di Montemurlo Via A. Toscanini, 1 Telefono Comune di Poggio a Caiano Via Cancellieri, 4 Telefono Comune di Vaiano Piazza del Comune, 4 Telefono Comune di Vernio Piazza del Comune, 20 Telefono

13 Per iscrizione e informazione sul servizio di cremazione è possibile rivolgersi a: Società per la cremazione dei cadaveri Federazione Nazionale delle SOCREM (Società per la Cremazione), Via Gobetti, 74 - Prato Telefono e Fax sito web: LA CREMAZIONE 13 Inoltre è possibile ricevere informazioni sulla cremazione da: Arciconfraternita della Misericordia Via Galcianese, 15 Prato Telefono (24 ore su 24) Telefono (24 ore su 24) Fax sito web: Croce d oro Via Niccoli, 2 - Prato Telefono (24 ore su 24) crocedoroprato1905.org sito web: Pubblica Assistenza L Avvenire Via S. Jacopo, 34 - Prato Telefono (centralino) Telefono (da Lunedì a Domenica dalle 7.30 alle 19.30) (solo per servizi funebri - 24 ore su 24) sito web:

14 COME TENERE IN CASA LE CENERI DEI DEFUNTI E COME DISPERDERLE 14 I comuni della provincia di Prato, ad eccezione del Comune di Cantagallo, hanno provveduto a legittimare l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti da cremazione dei defunti ai familiari o aventi diritto che ne facciano richiesta. La tariffa per l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri è di euro 122,00. Il nuovo Regolamento di Polizia mortuaria del Comune di Prato dell aprile 2008 prevede la possibilità di disperdere le ceneri dei defunti nelle seguenti aree, purché la distanza dai centri abitati sia di 200 metri: all interno dei cimiteri in luoghi appositamente individuati dai Comuni; in luoghi naturali (montagna, fiumi e monti); in aree private con il consenso del proprietario e senza fini di lucro. In alcuni cimiteri verrà apposta una targa con i dati anagrafici della persona defunta le cui ceneri sono state disperse o affidate a casa dei congiunti. Cosa fare per richiederle? Le ceneri cremate vengono raccolte in un urna sigillata e identificata tramite targhetta metallica con indicati i dati anagrafici della persona defunta. La richiesta di affidamento e conservazione delle ceneri deve essere presentata al gestore dei Servizi Cimiteriali presso il cimitero di Chiesanuova in via Montalese, 314.

15 COME TENERE IN CASA LE CENERI DEI DEFUNTI 15 Una volta accolta la domanda i richiedenti verranno contattati dai Servizi Cimiteriali per la consegna dell urna cineraria. Nell occasione verrà loro consegnato un verbale nel quale verranno indicate le modalità e le garanzie di conservazione delle ceneri. La richiesta per la dispersione delle ceneri deve essere presentata all ufficio dello Stato Civile. Tale richiesta deve essere corredata o dall evidenza dell iscrizione ad una Società di cremazione oppure dall espressa volontà del medesimo. Documenti da presentare - Marca bollo da 14,62 euro; - Modulo di richiesta di affidamento e conservazione delle ceneri con indicati i seguenti dati: dati anagrafici e residenza del richiedente; luogo di conservazione dell urna cineraria; dichiarazione di responsabilità per la custodia delle ceneri; dichiarazione di consenso all effettuazione di controlli periodici da parte dell Amministrazione Comunale sull effettiva collocazione delle ceneri nel luogo indicato; obbligo di informare l Amministrazione Comunale di eventuali variazioni di quest ultimo.

16 COME TENERE IN CASA LE CENERI DEI DEFUNTI E COME DISPERDERLE 16 A chi rivolgersi? Gestore dei cimiteri comunali Via Montalese, 314 (a destra dell ingresso del Cimitero di Chiesanuova) - Prato Telefono Fax Orario invernale (da Ottobre a Marzo): da Lunedì a Sabato e Orario estivo (da Aprile a Settembre): da Lunedì a Sabato e Società per la cremazione dei cadaveri Federazione Nazionale delle SOCREM (Società per la Cremazione), Via Gobetti, 74 - Prato Telefono e Fax sito web: Arciconfraternita della Misericordia Via Galcianese, 15 Prato Telefono (24 ore su 24) Telefono (24 ore su 24) Fax sito web: Croce d oro Via Niccoli, 2 - Prato Telefono (24 ore su 24) crocedoroprato1905.org sito web:

17 COME TENERE IN CASA LE CENERI DEI DEFUNTI 17 Pubblica Assistenza L Avvenire Via S. Jacopo, 34 - Prato Telefono (centralino) Telefono (da Lunedì a Domenica dalle 7.30 alle 19.30) (solo per servizi funebri - 24 ore su 24) sito web: Uffici servizi cimiteriali competenti nei comuni della Provincia di Prato: Comune di Cantagallo Via G. Verdi, 24 (Frazione Luicciana) Telefono Comune di Carmignano Piazza Matteotti, 1 Telefono Comune di Montemurlo Via A. Toscanini, 1 Telefono Comune di Poggio a Caiano Via Cancellieri, 4 Telefono Comune di Vaiano Piazza del Comune Telefono Comune di Vernio Piazza del Comune, 20 Telefono

18 Trasporto all interno del Comune Il servizio è gestito dalle imprese di pompe funebri incaricata dai parenti del defunto. TRASPORTO DELLA SALMA 18 Trasporto fuori dal territorio del Comune E necessario chiedere l autorizzazione al Comune. I parenti della persona defunta possono affidare all impresa funebre l incarico di gestire la pratica. I parenti che preferiscono seguire autonomamente la pratica devono rivolgersi all Ufficio di Stato Civile per il ritiro e la presentazione della documentazione necessaria. Documenti da presentare: domanda al Sindaco del Comune (su un modulo disponibile presso l ufficio); 2 marche da bollo da Euro14,62; certificato di accertamento di morte; certificato dell Ufficio Anatomia Patologica che attesti il trattamento antiputrefattivo, per il trasporto della salma fuori dal territorio della Provincia nel periodo estivo (dal 1 Aprile al 31 Ottobre).

19 TRASPORTO DELLA SALMA 19 Trasporto all estero Se la salma deve essere trasportata all estero è necessario ottenere il Passaporto Mortuario che viene rilasciato dal Sindaco. I moduli per la richiesta del passaporto sono disponibili presso l Ufficio di Stato Civile di Prato o le imprese di onoranze funebri. Documenti da presentare: domanda al Sindaco del Comune; certificato dell Azienda USL che attesta che il feretro è conforme alle leggi sanitarie vigenti e non ha contratto malattie; certificato dell Ufficio Anatomia Patologica che attesti il trattamento antiputrefattivo, per il trasporto della salma fuori dal territorio della Provincia nel periodo estivo (1 Aprile - 31 Ottobre); 2 estratti di morte rilasciati dallo Stato Civile; autorizzazione all espatrio rilasciata dallo Stato Civile; nulla osta dell ambasciata (solo per i paesi non aderenti all accordo di Berlino). A chi rivolgersi? Ufficio di Stato Civile Piazza C. Niccolò, 13 - Prato Centralino Fax Orario: dal Lunedì al Sabato ore

20 Uffici di Stato civile nella Provincia di Prato: TRASPORTO DELLA SALMA 20 Comune di Cantagallo Via S. Lorenzo, 14 - Usella Telefono Comune di Carmignano Piazza Matteotti, 1 Telefono Comune di Montemurlo Via A. Toscanini, 1 Telefono Comune di Poggio a Caiano Via Cancellieri, 4 Telefono Comune di Vaiano Piazza del Comune Telefono Comune di Vernio Piazza del Comune, 20 Telefono

21 La sepoltura in uno dei comuni della provincia di Prato è concessa alle persone residenti o decedute nel comune e, su autorizzazione del Sindaco, a defunti di familiari residenti o sepolti nel Comune. Su richiesta della famiglia e in base alle disponibilità esistenti, i defunti possono avere due tipi di sepoltura: SEPOLTURA 21 SEPOLTURA IN TERRA (inumazione): consiste nella sepoltura della salma in una fossa scavata nella terra ed è garantita a tutti i defunti che in vita risiedevano nel comune o che sono deceduti nel territorio comunale. SEPOLTURA IN POSTO DISTINTO: il colombaro consiste nella deposizione della bara in un loculo (di galleria o in tombe o cappelle private). I colombari possono essere concessi solo a persone decedute (non è possibile acquistarli in vita) per un periodo di 40 anni, trascorsi i quali la concessione potrà essere rinnovata, con il pagamento della relativa tariffa. La richiesta di rinnovo deve essere presentata almeno 3 mesi prima della scadenza.

22 Il familiare può fare richiesta di lampada votiva sia nel caso di sepoltura a terra che in quella di posto distinto (colombaro). Il costo del servizio comprende una quota per l allacciamento e una quota per il consumo dell energia elettrica. Se l allacciamento è fatto nei mesi successivi a gennaio, il costo del servizio sarà dato dal costo dell allacciamento e la quota spettante in relazione al numero dei mesi di consumo. SEPOLTURA 22 Per maggiori informazioni sui servizi cimiteriali del Comune di Prato: > Canali tematici > Identità e cittadinanza > Morte > Sepoltura defunti > Tariffe e servizi cimiteriali A chi rivolgersi? Gestore dei cimiteri comunali Via Montalese, 314 (accanto all ingresso del Cimitero di Chiesanuova, sulla destra) Prato Telefono Fax Orario: orario invernale (da Ottobre a Marzo): da Lunedì a Sabato e Orario estivo (da Aprile a Settembre): dalunedì a Sabato e

23 SEPOLTURA 23 Uffici dei servizi cimiteriali nella provincia di Prato: Comune di Cantagallo (Frazione Luicciana) Via G. Verdi, 24 Telefono Comune di Carmignano Piazza Matteotti, 1 Telefono Comune di Montemurlo Servizi cimiteriali gestiti: ASM Spa - Ambiente Servizi Mobilità Via Paronese, Prato Centralino Telefono addetto-custode del Cimitero Orario: da Lunedì a Venerdì ore sito Internet: Comune di Poggio a Caiano Via Cancellieri, 4 Telefono Comune di Vaiano Piazza del Comune, 4 Telefono Comune di Vernio San Quirico di Vernio Piazza del Comune, 20 Telefono

24 In caso di decesso di un familiare titolare di pensione INPS occorre: comunicare l evento alla Sede INPS tramite autocertificazione e restituire il libretto di pensione; presentare domanda di pensione di reversibilità nel caso in cui il superstite è un familiare avente diritto e se la pensione della persona deceduta è reversibile; presentare domanda di rate maturate e non riscosse (es. rateo di 13^) negli altri casi. LA PENSIONE 24 A chi rivolgersi? INPS (Istituto Nazionale Previdenza Sociale) Via Valentini 1/B Prato Telefono Call Center Fax Orario: da Lunedì a Venerdì ; Giovedì pomeriggio sito web:

25 DICHIARAZIONE DEI REDDITI La dichiarazione dei redditi percepiti dalla persona deceduta deve essere presentata da uno degli eredi. La denuncia, intestata al defunto, deve riportare nel riquadro dedicato, i dati dell erede che presenta materialmente il documento. Il termine per la presentazione della dichiarazione cambia a seconda della data del decesso del contribuente. A chi rivolgersi? Agenzia delle Entrate Via Rimini, 17 (Lam blu, direzione Nenni) Telefono Orario: dal Lunedì al Venerdì ore Martedì e Giovedì Sito internet: 25

26 La variazione ICI, denominata variazione IMU dal gennaio 2012, non deve essere presentata per gli immobili inclusi in denunce di successione. Rimane l obbligo della dichiarazione IMU nei casi in cui non è prevista la denuncia di successione. Dal giorno di apertura della successione i pagamenti dell IMU verranno effettuati con modalità differenziate a seconda che si tratti di coniuge superstite, con diritto abitativo, o dei familiari eredi. VARIAZIONE IMU 26 A chi rivolgersi? Tributi (SoRi - Società Risorse SpA) per conto del Comune di Prato, Carmignano e Montemurlo Via Panziera, 18 - Prato Centralino Fax Orario: Lunedì, Martedì e Mercoledì , Giovedì CHIUSO, Venerdì , il Martedì l ufficio è aperto anche dalle alle 16.30; Sito web: Ufficio Tributi - Comune di Cantagallo Via Verdi, 24 (Luicciana) Telefono Fax Orario: Mercoledì, Venerdì e Sabato sito web:

27 Ufficio Tributi Comune Poggio a Caiano Via Cancellieri, 4 (Palazzo comunale - primo piano) Telefono Fax Orario: Lunedì, Giovedì e Sabato sito web: VARIAZIONE IMU 27 Ufficio Tributi - Comune di Vaiano Piazza del Comune, 4 Telefono Fax Orario: Lunedì, Martedì e Venerdì Giovedì sito web: Ufficio Tributi - Comune di Vernio Piazza del Comune, 20 Telefono Orario: da Martedì a Venerdì Martedì e Giovedì anche Sabato e pomeriggi su appuntamento sito web:

28 In caso di decesso dell intestatario della TIA è necessario comunicare le variazioni. VARIAZIONE TIA (TASSA IGIENE AMBIENTALE) 28 A chi rivolgersi? Tributi (SoRi - Società Risorse SpA) per conto del Comune di Prato, Carmignano e Montemurlo Via Panziera, 18 - Prato Centralino Fax Orario: Lunedì, Martedì e Mercoledì , Giovedì CHIUSO, Venerdì , il Martedì l ufficio è aperto anche dalle alle 16.30; Sito web: Ufficio tributi - Comune di Cantagallo (per variazione TARSU) Via Verdi, 24 (Luicciana) Telefono Fax Orario: Mercoledì, Venerdì e Sabato sito web:

29 VARIAZIONE TIA (TASSA IGIENE AMBIENTALE) 29 Ufficio Tributi Comune Poggio a Caiano Via Cancellieri, 4 (Palazzo comunale - primo piano) Telefono Fax Orario: Lunedì, Giovedì e Sabato sito web: Sportello TIA del Comune di Vaiano Piazza del Comune, 4 Telefono Orario: Lunedì ore Giovedì ore sito web: Ufficio tributi - Comune di Vernio (per variazione TARSU) Piazza del Comune, 20 Telefono Orario: da Martedì a Venerdì Martedì e Giovedì Sabato e pomeriggi su appuntamento sito web:

30 VARIAZIONE TASSA AUTOMOBILISTICA 30 Gli eredi che hanno deciso di accettare un veicolo in eredità, devono provvedere a trascrivere l accettazione di eredità e ad aggiornare la carta di circolazione. Il termine per la presentazione, per non incorrere in sanzioni, è di 60 giorni dalla data dell autentica della firma sulla dichiarazione di accettazione dell eredità. In caso di più eredi, se solo uno di essi desidera intestarsi il veicolo, è necessario effettuare due successivi passaggi: prima si iscrive il mezzo a nome di tutti gli eredi e poi si trascrive a favore dell unico erede che intende risultare intestatario del veicolo. E peraltro possibile allegare un unico atto di accettazione di eredità da parte di tutti gli eredi con contestuale vendita pro quota a favore dell erede che chiede l intestazione del veicolo. La registrazione è soggetta al pagamento dell Imposta Provinciale di Trascrizione che varia a seconda del veicolo e della provincia di residenza. Per maggiori informazioni: > Al servizio del cittadino > Guide pratiche auto > Ereditare un veicolo A chi rivolgersi? Pubblico Registro Automobilistico - PRA Via dei Fossi, 14/C - Prato Telefono Fax Orario: Lunedì, Martedì, Mercoledì e Venerdì Giovedì

31 Nel caso di contratto intestato a persona deceduta, gli eredi possono subentrare gratuitamente o cessare la linea inutilizzata. Per ogni informazione telefonare all ufficio commerciale della propria compagnia telefonica. A chi rivolgersi? CONSIAG Telefono TELEFONO 31 FAST WEB Telefono INFOSTRADA Telefono 155 TELECOM ITALIA Telefono 187 TELETU Numero verde TISCALI Telefono 130

32 ABBONAMENTO RAI 32 L abbonamento è strettamente personale e non può essere ceduto. Gli eredi possono disdire l abbonamento intestato a persona deceduta o variare il nominativo dell intestatario, utilizzando l apposito modulo del libretto di abbonamento dell intestatario e inviandolo all indirizzo indicato. In caso di morte del titolare, l erede non abbonato deve richiedere l intestazione a proprio nome dell abbonamento intestato al defunto, inviando una lettera al seguente indirizzo. Agenzia delle Entrate - Ufficio Torino 1 S.A.T. Sportello Abbonamenti TV Casella postale Torino Nel caso in cui l erede sia già abbonato deve richiedere l annullamento dell abbonamento intestato al defunto comunicando la data e il luogo di decesso dell intestatario. In ogni caso l erede è obbligato a pagare eventuali arretrati dovuti dall abbonato deceduto. A chi rivolgersi? RAI - Radiotelevisione Italiana Largo de Gasperi, 1 Firenze Telefono Call center sito web:

33 Gli eredi devono prendere contatto con l Istituto di credito di riferimento per tutti gli adempimenti bancari del defunto (conti correnti, depositi, cassette di sicurezza, titoli, domiciliazioni di pagamenti). A chi rivolgersi? Propria banca BANCA 33

34 La denuncia di successione deve essere presentata entro un anno dal decesso presso l Agenzia delle Entrate competente per territorio (la competenza è legata all ultima residenza del defunto). PRATICHE DI SUCCESSIONE 34 Le tasse da pagare in autoliquidazione (ipotecaria e catastale) corrispondono al 3% dell imponibile dichiarato. Nel caso in cui l erede chieda il passaggio di proprietà a titolo di prima casa tali imposte sono dovute in misura fissa. Le imposte devono essere pagate presso un qualsiasi sportello bancario, postale o esattoriale con l apposito modello F23. La ricevuta dell avvenuto pagamento deve essere presentata insieme alla pratica di successione all ufficio delle Entrate. A chi rivolgersi? Agenzia delle Entrate Via Rimini, 17 (Lam blu, direzione Nenni) Telefono Orario: da Lunedì a Venerdì ore Martedì e Giovedì Sito internet:

35 ANNOTAZIONI

36

37 quadern UADERNiuTIL TILi Quaderno n. 04 a cura di Ufficio Relazioni con il Pubblico Comune, Provincia, Prefettura e Azienda USL4 di Prato Lunedì e Giovedì: ore / Martedì, Mercoledì, Venerdì: ore Corso Mazzoni, Prato Tel Fax Numero Verde

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa Come fare la denuncia di morte La denuncia di morte deve essere fatta da un familiare o da una persona incaricata, entro 24 ore, all'ufficio di Stato Civile. Le pubbliche assistenze e le agenzie di pompe

Dettagli

La Redazione dell URP. URP MULTIENTE Cosa fare in caso di nascita di un figlio

La Redazione dell URP. URP MULTIENTE Cosa fare in caso di nascita di un figlio Cosa fare in caso di NASCITA DI UN FIGLIO 3 quadern UADERNiuTIL TILi 2 La nascita di un figlio o di una figlia è un evento importante a cui corrispondono doveri che i genitori devono compiere e diritti

Dettagli

La Redazione dell URP

La Redazione dell URP La nascita di un figlio o di una figlia è un evento importante a cui corrispondono doveri che i genitori devono compiere e diritti che a loro spettano. Il quaderno fornisce informazioni su come fare la

Dettagli

ADEMPIMENTI IN CASO DI PERDITA DI UN CONGIUNTO

ADEMPIMENTI IN CASO DI PERDITA DI UN CONGIUNTO COMUNE DI VARENA PROVINCIA DI TRENTO ADEMPIMENTI IN CASO DI PERDITA DI UN CONGIUNTO L'Amministrazione Comunale, nell'intento di essere vicina a coloro che sono colpiti da eventi luttuosi e affiancarli

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

In caso di lutto in famiglia

In caso di lutto in famiglia Ingresso Cimitero Monumentale di Lecco In caso di lutto in famiglia Norme e indicazioni utili Servizi di Stato civile - Servizi cimiteriali Quando accade un evento luttuoso, ci troviamo spesso impreparati.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INCARICO. Il sottoscritto. nato a il residente. a in via n.

DICHIARAZIONE DI INCARICO. Il sottoscritto. nato a il residente. a in via n. Mod. 1 DICHIARAZIONE DI INCARICO Il sottoscritto nato a il residente a in via n. consapevole delle sanzioni penali richiamate dall art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 in caso di dichiarazioni mendaci,

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

La Redazione dell URP

La Redazione dell URP Questa pubblicazione offre dei suggerimenti utili sul cambio di casa. Una volta che si cambia casa occorre comunicarlo a diversi soggetti che gestiscono le utenze, i tributi e la corrispondenza. Il cambio

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti I CIMITERI Il Comune di Cremona gestisce i seguenti cimiteri: il Civico Cimitero di Cremona (foto 1) via Cimitero 1 - Cremona 1 il Cimitero

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI MOMPANTERO REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

COMUNE DI MOMPANTERO REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI MOMPANTERO REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione del C.C. n. 1 del 05.03.2009

Dettagli

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Art.61 Oggetto e finalità 1. Il presente Capo disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA APPROVAZIONE Delibera C.C. n. 32

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto U.O. 3/I Settore - Servizi Demografici e Statistici Responsabile del coordinamento Dr. Silvano Costantini COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto Regolamento relativo all affidamento, conservazione e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 36 del

Dettagli

I SERVIZI CIMITERIALI

I SERVIZI CIMITERIALI I SERVIZI CIMITERIALI Agec cura i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi cimiteriali Agec sono certifi

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena)

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Regolamento comunale relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE L AFFIDAMENTO - - LA CONSERVAZIONE LA DISPERSIONE - DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Delib. CC n. 13/8.5.08 Esecutivo dal 28/5/08

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Le successioni Successioni, iter di gestione Disposizione dei beni acquisiti in via successoria I rapporti con un Beneficiario psichiatrico Il supporto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI ISOLA D ASTI Provincia di Asti REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con delibera di C.C. n. 35 del 27.11.2008. REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA U.O. SERVIZI CIMITERIALI E POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, LA CONSERVAZIONE, L AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234407 - Fax 011 9234422 E-mail: ragioneria@comune.robassomero.to.it -

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234407 - Fax 011 9234422 E-mail: ragioneria@comune.robassomero.to.it - COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234407 - Fax 011 9234422 E-mail: ragioneria@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia.

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. Trasferimento salme e ceneri fuori dal Comune di Ceresara Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. E possibile trasportare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE C O M U N E DI G E N O L A Provincia di Cuneo REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 - Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l'affidamento,

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.24 del 15.05.2002 - OMISSIS - Il capo IV viene sostituito interamente dal seguente: Capo IV Trasporti funebri

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Comune di LOMBRIASCO

Comune di LOMBRIASCO Comune di LOMBRIASCO Provincia di TORINO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

CITTA di IMPERIA. Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA

CITTA di IMPERIA. Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA CITTA di IMPERIA Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento comunale in materia di cremazione

Regolamento comunale in materia di cremazione COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale in

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 1 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 08/01/2008 alle ore 09.30. In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA CREMAZIONE, DISPERSIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con atto deliberativo di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

ADEMPIMENTI BUROCRATICI: informazioni e indirizzi utili CONSIGLI UTILI

ADEMPIMENTI BUROCRATICI: informazioni e indirizzi utili CONSIGLI UTILI ADEMPIMENTI BUROCRATICI: informazioni e indirizzi utili CONSIGLI UTILI Fin dai primissimi giorni dal decesso, l erede si troverà immerso in una realtà dove il tempo è la risorsa piu preziosa in quanto,

Dettagli

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto e finalità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GRINZANE CAVOUR Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO SETTORE RISORSE IMMOBILIARI SERVIZIO GESTIONE IMPIANTI CIMITERIALI

COMUNE DI PALERMO SETTORE RISORSE IMMOBILIARI SERVIZIO GESTIONE IMPIANTI CIMITERIALI COMUNE DI PALERMO SETTORE RISORSE IMMOBILIARI SERVIZIO GESTIONE IMPIANTI CIMITERIALI via Lincoln 144 0917403469 - FAX 0917403425 e-mail: impianticimiteriali@comune.palermo.it MANUALE DELLE PROCEDURE U.O.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI CITTA' di CANALE Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con

Dettagli

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere autorizzata dal Comune (2) ove è avvenuto il decesso,

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA Comune di OZZANO MONFERRATO Via S. Maria nr. 1 Cap.15039 Ozzano Monferrato Tel. 0142/487153 Fax 0142/487038 Servizio Cimiteriale REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI I N D I C E Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE 1 CAPO I - NORME GENERALI

Dettagli

Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione

Art. 1 Oggetto  Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione PROVINCIA DI CUNEO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione Art. 5 Insufficienza sepolture. Cremazioni Art. 6 Caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BUSCA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n.20) Art. DESCRIZIONE Art.

Dettagli

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013.

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013. All. A del. C.C. n. /2013 COMUNE DI TARZO (TV) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DI DEFUNTI E/O RESTI MORTALI Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LA CREMAZIONE, L'AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LA CREMAZIONE, L'AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA PER LA CREMAZIONE, L'AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE La cremazione, l'affidamento, la conservazione e la dispersione delle

Dettagli

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI CIMITERI Gli uffici amministrativi si trovano presso il Cimitero S. Michele, in Piazza dei Castellani. Orari di apertura al pubblico uffici amministrativi: Mattino: dal lunedì al venerdì: 08:00-11:30 Pomeriggio:

Dettagli

Allegato. Comune di Campogalliano

Allegato. Comune di Campogalliano Allegato Comune di Campogalliano REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con delibera di C.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CORNELIANO D ALBA Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 28/11/2008)

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI AFFIDAMENTO E DI DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

DISCIPLINARE IN MATERIA DI AFFIDAMENTO E DI DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI DISCIPLINARE IN MATERIA DI AFFIDAMENTO E DI DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 - AUTORIZZAZIONE ALL AFFIDAMENTO L autorizzazione all affidamento delle ceneri è rilasciata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI 1 CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale 1. Il presente regolamento disciplina,

Dettagli

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO Allegato A) alla delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 24/04/2013. COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DI DESTINAZIONE DELLE CENERI. ART. 1 Oggetto

Dettagli

Le operazioni di esumazione

Le operazioni di esumazione Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI 1 PERCHÉ

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI OSNAGO

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI OSNAGO CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI OSNAGO INDICE 1. Premessa 2. Principi fondamentali 3. Gli standard di qualità dei servizi 4. Impegni e programmi 5. I servizi erogati 6. Lampade Votive 7. Reclami

Dettagli

Il Presidente ASF Mario Medda

Il Presidente ASF Mario Medda 1 Da quando ASF - Azienda speciale Servizi farmaceutici e socio-sanitari del Comune di San Giuliano Milanese si è inserita nell ambito dei servizi appartenenti al ciclo sociosanitario integrato, tra i

Dettagli

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CERESETO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

C O M U N E D I U R B I N O

C O M U N E D I U R B I N O C O M U N E D I U R B I N O REGOLAMENTO RELATIVO ALLE CREMAZIONI, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione di C.C. n. 26

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Tel. 0122/755955 Fax 0122/755935 COMUNITÀ MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE DI CESANA PROVINCIA DI TORINO Via Principale 25 C.A.P. 10054 E-mail info@comune.sauzedicesana.to.it Allegato alla deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di MOMBELLO MONFERRATO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O CAPO I - NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO II

Dettagli

BOZZA proposta dalla Società Pisana per la Cremazione REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE DEI CADAVERI E DISPERSIONE DELLE CENERI

BOZZA proposta dalla Società Pisana per la Cremazione REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE DEI CADAVERI E DISPERSIONE DELLE CENERI BOZZA proposta dalla Società Pisana per la Cremazione REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE DEI CADAVERI E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso per favorire nel

Dettagli

In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni.

In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni. In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni. Se il decesso avviene in casa, occorre: 1) chiamare il medico di medicina generale

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Autorizzazione alla cremazione e trasporto di cadavere e all'affidamento e conservazione delle ceneri

Autorizzazione alla cremazione e trasporto di cadavere e all'affidamento e conservazione delle ceneri Autorizzazione alla cremazione Autorizzazione alla cremazione e trasporto di cadavere e all'affidamento e conservazione delle ceneri Di cosa si tratta? L'autorizzazione alla cremazione spetta all'ufficiale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CREMAZIONE E SULLA DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CREMAZIONE E SULLA DESTINAZIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CREMAZIONE E SULLA DESTINAZIONE DELLE CENERI CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale 1. Il presente regolamento disciplina, in particolare, la cremazione dei cadaveri

Dettagli

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 Seppellimento in terra di una salma e di un'urna cineraria Esumazione ordinaria e straordinaria Tumulazione in loculo Tumulazione di resti o ceneri

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Nuove

Dettagli

"Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali".

Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. LEGGE REGIONALE 18 novembre 2003, N. 22 "Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali". (BURL n. 47, 1º suppl. ord. del 21 Novembre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-11-18;22

Dettagli

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Il sindaco del Comune di (omissis) segnala che nell ente che rappresenta occorre procedere ad estumulare

Dettagli