MiFID2 E D.LGS. 129/2017 DI RECEPIMENTO: LE PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA Francesco Di Ciommo*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MiFID2 E D.LGS. 129/2017 DI RECEPIMENTO: LE PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA Francesco Di Ciommo*"

Transcript

1 MiFID2 E D.LGS. 129/2017 DI RECEPIMENTO: LE PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA Francesco Di Ciommo*

2 LA NUOVA DISCIPLINA DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Principali riferimenti normativi TUF D.LGS. n. 58/1998 I LIVELLO DIRETTIVA 2004/39/CE MiFID II LIVELLO DIRETTIVA 2006/73/CE MiFID II DIRETTIVA 2014/65/UE D.Lgs. 129/2017 Attuazione MIFID II DIRETTIVA DELEGATA 2017/593 MiFIR REGOLAMENTO 600/ L. 208/2015 LEGGE STABILITÀ 2016

3 IL PARZIALE ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA EUROPEA L. 208/2015 (LEGGE DI STABILITÀ 2016) CONSULENTE FINANZIARIO ABILITATO ALL OFFERTA FUORI SEDE CONSULENTE FINANZIARIO AUTONOMO ALBO UNICO DEI CONSULENTI FINANZIARI

4 IL CONSULENTE FINANZIARIO NELLA MiFID2 AGENTI COLLEGATI MAGGIORI OBBLIGHI INFORMATIVI AL CLIENTE Art. 29 MiFID2 NETTA DISTINZIONE DEI SERVIZI OFFERTI: - SERVIZI DI INVESTIMENTO A VALORE AGGIUNTO - SERVIZI «ESECUTIVI» AGENTI COLLEGATI Art. 29 MiFID2 CONSULENZA SU BASE INDIPENDENTE CONSULENZA SU BASE NON INDIPENDENTE 4

5 CONSULTAZIONI CONSOB: RIFORMA DEL REGOLAMENTO INTERMEDIARI FINANZIARI I. CONSULTAZIONE 6 LUGLIO 21 AGOSTO 2017 Recepimento MiFID2 e Linee Guida European Securities and Markets Authority (ESMA) II. CONSULTAZIONE 28 LUGLIO 30 SETTEMBRE 2017 Revisione Libro VIII, artt. da 91 a 112, del Regolamento Intermediari Finanziari 5

6 ART. 30 bis TUF: PRESTAZIONE FUORI SEDE (INTRODOTTO DAL D.LGS. 129/2017) Art. 30-bis I comma Art. 30-bis IV comma "I consulenti finanziari autonomi, iscritti nell albo di cui all art. 31, comma 4, possono promuovere e prestare il servizio di consulenza in materia di investimenti anche in luogo diverso dal domicilio eletto" "Le società di consulenza iscritte nell albo di cui all art. 31, comma 4, possono promuovere e prestare il servizio di consulenza in materia di investimenti anche in luogo diverso dalla sede legale mediante consulenti finanziari autonomi." 6

7 ART. 30-bis, II COMMA, TUF: CONTRATTO DI CONSULENZA CONSLUSO IN LUOGO DIVERSO DAL DOMICILIO ELETTO O DALLA SEDE LEGALE DIRITTO DI RECESSO E SOSPENSIONE DELL EFFICACIA DEL CONTRATTO

8 ALBO UNICO DEI CONSULENTI FINANZIARI ART 31 TUF ORGANISMO DI VIGILANZA E TENUTA ALBO UNICO CONSOB: REGOLAMENTO E VIGILANZA 8

9 CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI ATTIVITÀ UNICA E UNITARIA PER LA MiFID2 MiFID2 ART 24 TUF ART 53 REGOLAMENTO DELEGATO COMMISSIONE EU 25/04/216 INFORMATIVA AL CLIENTE : a) Se consulenza su base indipendente o non indipendente b) Se consulenza basata su un analisi ampia o ristretta di varie tipologie di strumenti finanziari c) Se fornita valutazione periodica di adeguatezza degli strumenti finanziari CONSULENZA SU BASE INDIPENDENTE a) Valutata una congrua gamma di strumenti finanziari, disponibili sul mercato, non limitati a quelli emessi o forniti dal prestatore del servizio o da entità che hanno con esso stretti legami, rapporti legali o economici. b) Non sono accettati e trattenuti onorari, commissioni o altri benefici monetari o non monetari pagati o forniti da terzi o da persona che agisce per conto terzi.

10 ART 24 PARAGRAFO 12 MiFID2 CONSIDERANDO 72 REGOLAMENTO DELEGATO COMMISSIONE EU 25/04/2016 ART 53 REGOLAMENTO DELEGATO COMMISSIONE EU 25/04/2016 REQUISITI AGGIUNTIVI RISPETTO A QUANTO STABILITO: SOLO IN CASI ECCEZIONALI DETERMINATI REQUISITI ORGANIZZATIVI PER IL CONSULENTE CHE OFFRE CONSULENZE INDIPENDENTI E NON NO ALLA STESSA PERSONA FISICA CONSULENZA SIA INDIPENDENTE CHE NON INDIPENDENTE

11 REMUNERAZIONI E INCENTIVI CONSULENZA SU BASE INDIPENDENTE: NO A ONORARI, COMMISSIONI O ALTRI BENEFICI MONETARI O NON MONETARI PAGATI O FORNITI DA TERZI O DA UNA PERSONA CHE AGISCE PER CONTO TERZI SI A BENEFICI NON MONETARI DI ENTITÀ MINIMA PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO E NEL MIGLIORE INTERESSE DEI CLIENTI 11

12 PRESTAZIONE DI UN SERVIZIO AGGIUNTIVO O DI LIVELLO SUPERIORE PROPORZIONALE AGLI INCENTIVI RICEVUTI BENEFICI NON MONETARI ART 11 DELLA DIRETTIVA DELEGATA COMMISSIONE UE 7/04/2017 CONCEPITI PER MIGLIORARE IL SERVIZIO SE: NO A VANTAGGI DIRETTI ALL IMPRESA BENEFICIARIA, AI SUOI AZIONISTI O DIPENDENTI SENZA BENEFICI TANGIBILI PER IL CLIENTE GARANZIA DI UN BENEFICIO CONTINUATIVO PER IL CLIENTE INTERESSATO IN RELAZIONE A UN INCENTIVO CONTINUATIVO 12

13 ART 11 DELLA DIRETTIVA DELEGATA COMMISSIONE UE 7/04/2017 SERVIZIO AGGIUNTIVO O DI LIVELLO SUPERIORE PRESTAZIONE DI UNA CONSULENZA NON INDIPENDENTE E ACCESSO AD UNA VASTA GAMMA DI STRUMENTI FINANZIARI ADEGUATI CONSULENZA NON INDIPENDENTE IN COMBINAZIONE O CON L OFFERTA AL CLIENTE, ALMENO SU BASE ANNUALE, DI VALUTARE IL PERSISTERE DELL ADEGUATEZZA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI, O CON UN ALTRO SERVIZIO CONTINUATIVO TALE DA COSTITUIRE UN VALORE PER IL CLIENTE ACCESSO, A PREZZO COMPETITIVO, AD UNA VASTA GAMMA DI STRUMENTI FINANZIARI PER SODDISFARE LE ESIGENZE DEL CLIENTE INSIEME O ALLA FORNITURA DI STRUMENTI FINANZIARI A VALORE AGGIUNTO, O ALLA FORNITURA DI RELAZIONI PERIODICHE SULLA PERFORMANCE, SUI COSTI E SUGLI ONERI COLLEGATI AGLI STRUMENTI FINANZIARI

14

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 LA CONSULENZA FINANZIARIA ALLA LUCE DELLA MiFID II: PROFILI GIURIDICI Francesco Di Ciommo Ordinario di Diritto Privato, Università Luiss Guido Carli

Dettagli

MiFID 2: tutte le risposte Avv. Luca Frumento

MiFID 2: tutte le risposte Avv. Luca Frumento MiFID 2: tutte le risposte Avv. Luca Frumento Governo degli strumenti finanziari Viene introdotto l obbligo, in capo agli emittenti intermediari, di PREDETERMINARE IL MERCATO TARGET DEI CLIENTI per i quali

Dettagli

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Come cambia la struttura del settore della consulenza e della distribuzione dei prodotti finanziari 6 Forum Nazionale sulla consulenza finanziaria Milano, 20

Dettagli

1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA!

1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA! 1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA! 2 Milano, 27 marzo 2014 MIFID II: ALCUNI DEI PRESIDI A TUTELA DELL INVESTITORE 1. I requisiti in materia di governance dei prodotti

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DOCUMENTO DI PUBBLICA TESTO UNICO DELLA FINANZA MODIFICHE ARTICOLI PARTI I II IV V VI maggio 2016 Relazione illustrativa Il Ministero dell Economia ha avviato la

Dettagli

Area evoluzione della professione e estero. Maurizio Bufi Presidente ANASF

Area evoluzione della professione e estero. Maurizio Bufi Presidente ANASF Area evoluzione della professione e estero Maurizio Bufi Presidente ANASF 1 LE MOZIONI DEL CONGRESSO NAZIONALE - PERUGIA 1. Evoluzione normativa della professione e dell albo e proposta di modifica dell

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. Massimo Scolari Segretario generale Ascosim

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. Massimo Scolari Segretario generale Ascosim La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Massimo Scolari Segretario generale Ascosim 1 Informazione al cliente sulla tipologia di consulenza Art. 24.4 a) in caso di prestazione di consulenza

Dettagli

FORUM SUI SERVIZI DI INVESTIMENTO 2017

FORUM SUI SERVIZI DI INVESTIMENTO 2017 FORUM SUI SERVIZI DI INVESTIMENTO 2017 MILANO, 19 e 20 OTTOBRE 2017 Centro Congressi Olona Via Olona, 2 Il 2018 segnerà l avvio delle tre discipline cardine sui servizi di investimento che riformano profondamente

Dettagli

La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review

La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review ASCOSIM 2 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review Milano, 19 marzo 2012 Tiziana Togna CONSOB Responsabile Divisione Intermediari

Dettagli

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione. Roma, 20 novembre 2012

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione. Roma, 20 novembre 2012 Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione Roma, 20 novembre 2012 Presentazione di Ascosim Ascosim è un Associazione senza fine di lucro, fondata nel gennaio 2010, alla quale aderiscono le Sim autorizzate

Dettagli

I cambiamenti chiave. IDD delinea un assetto molto più completo, anche perché comprenderà ulteriori normative di livello 2 e 3.

I cambiamenti chiave. IDD delinea un assetto molto più completo, anche perché comprenderà ulteriori normative di livello 2 e 3. I cambiamenti chiave IDD lascia agli Stati membri la possibilità di imporre requisiti supplementari in molti settori e quindi può essere considerata come una direttiva minima armonizzazione (come IMD).

Dettagli

DALL INTERMEDIAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA

DALL INTERMEDIAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA SEMINARIO GIURIDICO Quale futuro per la distribuzione assicurativa? DALL INTERMEDIAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA 17 ottobre 2016 Avv. Nicola Gentile IVASS 1/28 Entra in vigore il 23 febbraio 2016;

Dettagli

DEI CODICI SINTETICI DI ATTIVITÀ ECONOMICA

DEI CODICI SINTETICI DI ATTIVITÀ ECONOMICA 1 UCITS V: L ESMA PUBBLICA UN PARERE TECNICO SUL RUOLO DEL DEPOSITARIO 2 AIFMD: L ESMA AVVIA UNA CONSULTAZIONE IN MERITO ALL ASSET SEGREGATION 3 POLITICHE E PRASSI DI REMUNERAZIONE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA

Dettagli

NEWSLETTER. anno 4 / newsletter 18/2017 Aggiornata al

NEWSLETTER. anno 4 / newsletter 18/2017 Aggiornata al NEWSLETTER anno 4 / 2017 - newsletter 18/2017 Aggiornata al 21.08.2017 PRIMO PIANO BANCA D ITALIA - Provvedimento relativo alle disposizioni su Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari.

Dettagli

Ottobre La disciplina dei depositi strutturati: dalla MiFID 2 alla bozza in consultazione del nuovo Regolamento Intermediari

Ottobre La disciplina dei depositi strutturati: dalla MiFID 2 alla bozza in consultazione del nuovo Regolamento Intermediari Ottobre 2017 La disciplina dei depositi strutturati: dalla MiFID 2 alla bozza in consultazione del nuovo Regolamento Intermediari Avv. Pietro Lorenzi, Studio legale Zitiello Associati 1. Il quadro normativo

Dettagli

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 1 I BASIC DELLA COMPLIANCE: LE COMPETENZE DI BASE. Milano, aprile 2012

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 1 I BASIC DELLA COMPLIANCE: LE COMPETENZE DI BASE. Milano, aprile 2012 Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca Modulo 1 I BASIC DELLA COMPLIANCE: LE COMPETENZE DI BASE Sede ABI - Via Olona, 2 Esercitazione guidata: l analisi dei rischi in ottica compliance

Dettagli

IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE!

IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE! IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE! Maddalena Marchesi * L introduzione della figura del consulente (bancario) indipendente è tra le modifiche apportate dall

Dettagli

Il recepimento della direttiva MiFID II

Il recepimento della direttiva MiFID II Il recepimento della direttiva MiFID II Sommario: I. Introduzione. II. La Product Governance. III. La Product Intervention. IV. La consulenza indipendente. V. Il nuovo regime di trasparenza dei costi ed

Dettagli

CONSULENTI INTEGRATI AUTOMATIZZATI

CONSULENTI INTEGRATI AUTOMATIZZATI CONSULENTI INTEGRATI AUTOMATIZZATI Maddalena Marchesi * Il mondo della consulenza finanziaria è al centro di importanti cambiamenti che vanno dall introduzione della consulenza indipendente quella nella

Dettagli

Orientamenti Orientamenti sulla valutazione delle conoscenze e competenze

Orientamenti Orientamenti sulla valutazione delle conoscenze e competenze Orientamenti Orientamenti sulla valutazione delle conoscenze e competenze 22/03/2016 ESMA/2015/1886 IT Indice I. Ambito di applicazione... 3 II. Riferimenti, abbreviazioni e definizioni... 3 III. Finalità...

Dettagli

Assemblea degli azionisti

Assemblea degli azionisti MODIFICHE ALL ARTICOLO 8 DELLO STATUTO SOCIALE IN MATERIA DI POLITICHE E PRASSI DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DELEGA DI AUMENTO DI CAPITALE PER L ESECUZIONE DEL SISTEMA INCENTIVANTE 2014 DI GRUPPO

Dettagli

Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali

Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali CeTIF 16 aprile 2008 1 Il focus: la consulenza nella distribuzione di prodotti finanziari La disciplina dei servizi di investimento

Dettagli

LA REGOLAMENTAZIONE E I CONTROLLI DI VIGILANZA

LA REGOLAMENTAZIONE E I CONTROLLI DI VIGILANZA LA REGOLAMENTAZIONE E I CONTROLLI DI VIGILANZA IL PERCHÉ DELLA REGOLAMENTAZIONE FINANZIARIA La ragione fondante della regolamentazione risiede nella circostanza di prevenire, ed eventualmente gestire situazioni

Dettagli

Workshop sulle Misure di Livello 2

Workshop sulle Misure di Livello 2 Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati: Introduzione alla Trasparenza Maria Antonietta Scopelliti Responsabile della Divisione Mercati CONSOB 22luglio 2014 *

Dettagli

SEZIONE III AUTORITÀ COMPETENTI E VIGILANZA Artt. 6, 7, 114-quaterdecies, 114-septies, 114-novies, 114-

SEZIONE III AUTORITÀ COMPETENTI E VIGILANZA Artt. 6, 7, 114-quaterdecies, 114-septies, 114-novies, 114- Norme di recepimento TUB / disposizioni regolamentari Art. PSD2 di Banca d Italia TITOLO I - OGGETTO, AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI 1. Oggetto Art. 114-sexies, TUB Art. 1, comma 1, lettera g) D.Lgs.

Dettagli

Revisione della MiFID Il ruolo dell ESMA Salvatore Gnoni Investment & Reporting Division

Revisione della MiFID Il ruolo dell ESMA Salvatore Gnoni Investment & Reporting Division Revisione della MiFID Il ruolo dell ESMA Salvatore Gnoni Investment & Reporting Division EFPA Italia Meeting 2014 Lecce, 5/6 Giugno Sommario ESMA Unavisioned insieme Il ruolodi ESMA nellarevisionedellamifid.

Dettagli

Area Tutele e Ricambio Generazionale Ferruccio Riva

Area Tutele e Ricambio Generazionale Ferruccio Riva Area Tutele e Ricambio Generazionale Ferruccio Riva Contratto europeo di Consulenza Finanziaria La proposta di Anasf è: - un contenitore ordinato di idee - un benchmark Gli obiettivi della proposta: 1.

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI MODALITA E TERMINI DEL CONTROLLO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA DIFFUSA DA EMITTENTI AZIONI (ART.

REGOLAMENTO EMITTENTI MODALITA E TERMINI DEL CONTROLLO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA DIFFUSA DA EMITTENTI AZIONI (ART. REGOLAMENTO EMITTENTI MODALITA E TERMINI DEL CONTROLLO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA DIFFUSA DA EMITTENTI AZIONI (ART. 118-BIS DEL TUF) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 2 marzo 2007 Le osservazioni al presente

Dettagli

La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi. Antonio Proto

La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi. Antonio Proto La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi Antonio Proto Agenda Comportamento degli intermediari Prodotti illiquidi Prodotti complessi Regole di comportamento Servizi di investimento (art.

Dettagli

R E L A Z I O N E. Finalità del regolamento

R E L A Z I O N E. Finalità del regolamento R E L A Z I O N E Finalità del regolamento Il 19 maggio 2015 è stato pubblicato nella GUUE il regolamento (UE) n. 760 del 29 aprile 2015 che ha creato una nuova categoria di fondi, i fondi europei di investimento

Dettagli

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement A Le questioni in corso e le linee di indirizzo l contesto istituzionale ed economico 1 La crisi dell Area euro, la risposta delle istituzioni e le prospettive 5 1.1 L evoluzione della crisi e i riflessi

Dettagli

EDIFICATRICE UGUAGLIANZA Società Cooperativa ISCRIZIONE ALBO COOP. E MUT. PREVALENTE AL N CAT. EDILIZIA DI ABITAZIONE

EDIFICATRICE UGUAGLIANZA Società Cooperativa ISCRIZIONE ALBO COOP. E MUT. PREVALENTE AL N CAT. EDILIZIA DI ABITAZIONE EDIFICATRICE UGUAGLIANZA Società Cooperativa SEDE LEGALE IN PADERNO DUGNANO (MI)- VIA G. ROTONDI, 93 CAPITALE SOCIALE AL 31.12.2014 EURO 27.323 CODICE FISCALE: 03268360157 PARTITA IVA: 00746290964 REGISTRO

Dettagli

GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI SPA. Sede legale in Strada delle Fornaci n Modena. Capitale socialeeuro ,56 i.v.

GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI SPA. Sede legale in Strada delle Fornaci n Modena. Capitale socialeeuro ,56 i.v. GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI SPA Sede legale in Strada delle Fornaci n. 20-41100 Modena Capitale sociale 55.692.690,56 i.v. Codice Fiscale e Iscrizione Registro Imprese di Modena n. 00327740379 * * * * *

Dettagli

Saipem: bilancio consolidato e progetto di bilancio di esercizio 2014; convocazione dell assemblea degli azionisti

Saipem: bilancio consolidato e progetto di bilancio di esercizio 2014; convocazione dell assemblea degli azionisti Saipem: bilancio consolidato e progetto di bilancio di esercizio 2014; convocazione dell assemblea degli azionisti Ricavi: 12.873 milioni di euro EBIT: 55 milioni di euro Risultato netto: -230 milioni

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98. Emittente: Vianini Lavori S.p.A. Sito Web:

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98. Emittente: Vianini Lavori S.p.A. Sito Web: RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98 Emittente: Vianini Lavori S.p.A. Sito Web: www.vianinigroup.it Esercizio a cui si riferisce la Relazione: 2011 Approvata dal Consiglio

Dettagli

Risposta alle consultazioni Consob in materia di:

Risposta alle consultazioni Consob in materia di: 4/2008 Consultazione Risposta alle consultazioni Consob in materia di: Osservazioni alle modifiche degli artt. 36-39 del Regolamento Mercati in materia di condizioni per la quotazione di società controllanti

Dettagli

Audizione del Presidente dell Organismo di Vigilanza e Tenuta dell Albo unico dei Consulenti Finanziari Professoressa Carla Rabitti Bedogni

Audizione del Presidente dell Organismo di Vigilanza e Tenuta dell Albo unico dei Consulenti Finanziari Professoressa Carla Rabitti Bedogni SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione VI Finanze Audizione del Presidente dell Organismo di Vigilanza e Tenuta dell Albo unico dei Consulenti Finanziari Professoressa Carla Rabitti Bedogni Atto del Governo

Dettagli

DIRETTIVA MIFID 2 mercati degli strumenti finanziari Direttiva 2014/65/UE MIFID II Regolamento n. 600/2014 MiFIR

DIRETTIVA MIFID 2 mercati degli strumenti finanziari Direttiva 2014/65/UE MIFID II Regolamento n. 600/2014 MiFIR DIRETTIVA MIFID 2 La Direttiva 2004/39/CE, in materia di mercati degli strumenti finanziari (definita comunemente con l acronimo MIFID Market in Financial Instruments Directive), è stata in parte modificata

Dettagli

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE INDICE 1. Informazioni sulla Società ed attività autorizzate... 3 2. Autore del manuale delle procedure interne... 4 3. Finalità del manuale... 4 4. Contenuto

Dettagli

ASSOSIM GUIDA PRATICA AL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI

ASSOSIM GUIDA PRATICA AL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI ASSOSIM GUIDA PRATICA AL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI INDICE Premessa p. 2 1. Introduzione p. 3 2. La consulenza nella disciplina pre-mifid p. 3 3. La consulenza in materia di investimenti

Dettagli

Sommario 1. PARTE GENERALE 1

Sommario 1. PARTE GENERALE 1 Sommario 1. PARTE GENERALE 1 1.1 La successione nei rapporti in corso 3 1.1.1 Crediti 3 1.1.2 Debiti 4 1.1.2.1 Debiti nei confronti dell INAIL 6 1.1.3 Contratti 6 1.1.3.1 Il contratto di locazione 8 1.1.3.2

Dettagli

L IMPLEMENTAZIONE NAZIONALE DELLA NUOVA VIGILANZA SUL GRUPPO INTRODOTTA DA SOLVENCY II

L IMPLEMENTAZIONE NAZIONALE DELLA NUOVA VIGILANZA SUL GRUPPO INTRODOTTA DA SOLVENCY II L IMPLEMENTAZIONE NAZIONALE DELLA NUOVA VIGILANZA SUL GRUPPO INTRODOTTA DA SOLVENCY II Serena Marzucchi 17 novembre 2016 QUADRO GENERALE DI RECEPIMENTO la vigilanza sul gruppo secondo il CAP previgente

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE PRELIMINARE 22 DICEMBRE 2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE PRELIMINARE 22 DICEMBRE 2016 Attuazione degli Orientamenti emanati dall ESMA, nel quadro della Direttiva 2014/65/UE (c.d. MiFID II), in materia di valutazione delle conoscenze e competenze delle persone fisiche che, per conto dell

Dettagli

IL RUOLO DEL REVISORE: TRASPARENZA DEI CONTI E SVILUPPO DELL IMPRESA

IL RUOLO DEL REVISORE: TRASPARENZA DEI CONTI E SVILUPPO DELL IMPRESA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE QUINTO FORUM S.A.F.: CHI CONTROLLA L IMPRESA? IL RUOLO DEL REVISORE: TRASPARENZA DEI CONTI E SVILUPPO DELL IMPRESA Dott. MARIO BOELLA Presidente ASSIREVI 27 Ottobre 2008

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Sede Legale: Corso della Repubblica, 2/4 Forlì Capitale Sociale e Riserve al 11 maggio 2014 Euro 102.462.022,95 Partita IVA 00124950403 Iscritta al registro delle Imprese Forlì-Cesena al numero 132929

Dettagli

LEGENDA. TUF Decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria - TUF

LEGENDA. TUF Decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria - TUF ELENCO DEGLI ULTERIORI ATTI E PROVVEDIMENTI DELEGATI DAL DIRETTORIO IN MATERIA DI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA (delibera n. 310 del 7 luglio 2015) Nel presente elenco sono utilizzate le seguenti abbreviazioni:

Dettagli

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A.

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. 25 Giugno 2010 POLICY di MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. Gestione, disclosure e monitoraggio degli incentivi ( Inducements ) versati e/o percepiti dalla Banca nella prestazione dei servizi

Dettagli

Relatori: Fausto Fasciani

Relatori: Fausto Fasciani Relatori: Fausto Fasciani GLI ALBORI DELLA PROMOZIONE E DELLA CONSULENZA FINANZIARIA Alla fine degli anni 60 nascono i cosiddetti fondi atipici ed i Lussemburghesi storici Attività svolta da consulenti

Dettagli

"MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012

MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012 "MIFID EMIFID REVIEW: LA POSIZIONE DELL'AUTORITÀ DI VIGILANZA ITALIANA" Flavio Bongiovanni CONSOB Divisione Intermediari Sorrento, 14-15 giugno 2012 LaMIFID1: Indice degli argomenti Evoluzione del quadro

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO II LE DISPOSIZIONI GENERALI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO, I PRINCIPI GENERALI ED IL SISTEMA DELLE VALUTAZIONI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO II LE DISPOSIZIONI GENERALI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO, I PRINCIPI GENERALI ED IL SISTEMA DELLE VALUTAZIONI Introduzione.......................................... pag. XIII CAPITOLO I LA STRUTTURA DELLA DIRETTIVA 2013/34/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA CHE RIFORMA LA REDAZIONE DEL

Dettagli

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LE SOCIETÀ DI CONSULENZA FINANZIARIA (ART. 18-TER DEL TUF)

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LE SOCIETÀ DI CONSULENZA FINANZIARIA (ART. 18-TER DEL TUF) LO SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LE SOCIETÀ DI CONSULENZA FINANZIARIA (ART. 18-TER DEL TUF) IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA - 1 ART. 18 BIS TUF «CONSULENTI FINANZIARI» ART. 18 TER

Dettagli

Titolo I DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE

Titolo I DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE Page 1 of 5 Leggi d'italia D.Lgs. 27-1-2010 n. 11 Attuazione della direttiva 2007/64/CE, relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, recante modifica delle direttive 97/7/CE, 2002/65/CE, 2005/60/CE,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE 1. I temi trattati................................... 1 2. La complessità del sistema normativo..................... 2 3. Cenni a strumenti finanziari, valori mobiliari,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO PER L ADEGUAMENTO DELLA NORMATIVA NAZIONALE ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 1286/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 26 NOVEMBRE 2014, RELATIVO AI DOCUMENTI

Dettagli

DECRETO Dicembre Decreto 206 del 24 dicembre 2008: stabiliti i requisiti per l accesso all Albo dei Consulenti di Investimento.

DECRETO Dicembre Decreto 206 del 24 dicembre 2008: stabiliti i requisiti per l accesso all Albo dei Consulenti di Investimento. DECRETO 206 24 Dicembre 2008 Decreto 206 del 24 dicembre 2008: stabiliti i requisiti per l accesso all Albo dei Consulenti di Investimento. Ci vorranno due anni d anzianità per evitare l esame. È stato

Dettagli

IL MERCATO PRIMARIO DI RIFERIMENTO POTENZIALE PER CERTIFICATES E PRODOTTI D INVESTIMENTO

IL MERCATO PRIMARIO DI RIFERIMENTO POTENZIALE PER CERTIFICATES E PRODOTTI D INVESTIMENTO IL MERCATO PRIMARIO DI RIFERIMENTO POTENZIALE PER CERTIFICATES E PRODOTTI D INVESTIMENTO (c.d. POTENTIAL TARGET MARKET ) Le esigenze, gli obiettivi e le caratteristiche dell investitore di riferimento

Dettagli

Corporate Governance

Corporate Governance 1 Rapporto tra amministrazione e controllo è il cuore della corporate governance Il codice civile del 1942 praticamente non contenevano una disciplina dell amministrazione (cfr. art. 2380-2381 c.c.) Tuttavia,

Dettagli

REGOLAMENTO IVASS N. 21 DEL 10 MAGGIO 2016 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

REGOLAMENTO IVASS N. 21 DEL 10 MAGGIO 2016 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI REGOLAMENTO IVASS N. 21 DEL 10 MAGGIO 2016 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE INFORMAZIONI QUANTITATIVE PERIODICHE DA TRASMETTERE ALL IVASS AI FINI DI STABILITÀ FINANZIARIA E DI VIGILANZA MACROPRUDENZIALE E RELATIVI

Dettagli

Saipem: bilancio consolidato e progetto di bilancio di esercizio 2013; convocazione dell assemblea degli azionisti

Saipem: bilancio consolidato e progetto di bilancio di esercizio 2013; convocazione dell assemblea degli azionisti Saipem: bilancio consolidato e progetto di bilancio di esercizio 2013; convocazione dell assemblea degli azionisti Ricavi: 12.256 milioni di euro EBIT: 147 milioni di euro Risultato netto: -159 milioni

Dettagli

Settembre MIFID II: le novità della consultazione Consob sulle modifiche al Regolamento Intermediari in materia di disciplina delle SIM

Settembre MIFID II: le novità della consultazione Consob sulle modifiche al Regolamento Intermediari in materia di disciplina delle SIM Settembre 2017 MIFID II: le novità della consultazione Consob sulle modifiche al Regolamento Intermediari in materia di disciplina delle SIM Avv. Matteo Catenacci, Craca Di Carlo Guffanti Pisapia Tatozzi

Dettagli

DIRITTO SOCIETARIO SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA

DIRITTO SOCIETARIO SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA DIRITTO SOCIETARIO SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA STRUTTURA GENERALE CORSO SULLE SOCIETA DI PERSONE (115 ore) 1 MODULO ordinamento sociale

Dettagli

CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO

CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO ALESSIO SILVESTRI Università di Pisa -Legge n. 1966, 1939 - D.P.R. n. 136, 1975 - D. Lgs. n. 88, 1992 - D. Lgs. n. 58, 1998 (Legge Draghi)

Dettagli

I tempi ed i corrispettivi infra riportati riepilogano nel loro complesso- le modifiche proposte per la capogruppo:

I tempi ed i corrispettivi infra riportati riepilogano nel loro complesso- le modifiche proposte per la capogruppo: Proposta motivata del Collegio Sindacale all assemblea per la modifica del compenso attribuito per l incarico di revisione contabile del bilancio d esercizio e del bilancio consolidato, ai sensi dell art.

Dettagli

La disciplina della Consulenza Finanziaria nella Mifid 2

La disciplina della Consulenza Finanziaria nella Mifid 2 La disciplina della Consulenza Finanziaria nella Mifid 2 tra conferme, novità e condizioni Prof. Maria-Teresa Paracampo Associato di Diritto del Mercato Finanziario Università degli Studi di Bari Aldo

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL BILANCIO SEPARATO DI ASCOPIAVE S.P.A. AI SENSI DELL ART. 153 DEL D.LGS

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL BILANCIO SEPARATO DI ASCOPIAVE S.P.A. AI SENSI DELL ART. 153 DEL D.LGS RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL BILANCIO SEPARATO DI ASCOPIAVE S.P.A. AI SENSI DELL ART. 153 DEL D.LGS. 58/1998 E DELL ART. 2429 COMMA 2 DEL CODICE CIVILE Signori Azionisti,

Dettagli

Corporate Governance

Corporate Governance 1 Rapporto tra amministrazione e controllo è il cuore della corporate governance Il codice civile del 1942 praticamente non conteneva una disciplina dell amministrazione (cfr. art. 2380-2381 c.c.) Il consiglio

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA CAMPI ELETTROMAGNETICI N UE

NUOVA DIRETTIVA CAMPI ELETTROMAGNETICI N UE NUOVA DIRETTIVA CAMPI ELETTROMAGNETICI N. 2013-35-UE - Settore: Sicurezza e Salute sul Lavoro - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 81/2008 e smi Titolo VIII Capo IV - Destinatari: Servizio di Prevenzione

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 20/2014. del 30 maggio 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 20/2014. del 30 maggio 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 20/2014 del 30 maggio 2014 1) Revisione legale dei conti: pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/56/UE ed il Regolamento n. 537/2014 2) Unione

Dettagli

VERBALE DEL COLLEGIO SINDACALE. relativo a RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

VERBALE DEL COLLEGIO SINDACALE. relativo a RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DEL COLLEGIO SINDACALE relativo a RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 L anno duemilatredici addì 17 del mese di aprile, alle ore 10,00 presso la

Dettagli

Provvedimento del 25 febbraio 1997 IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Provvedimento del 25 febbraio 1997 IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Provvedimento del 25 febbraio 1997 IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415, di recepimento della direttiva 93/22/CEE del 10 maggio 1993 relativa ai servizi

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98. Emittente: Vianini Lavori S.p.A. Sito Web:

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98. Emittente: Vianini Lavori S.p.A. Sito Web: RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98 Emittente: Vianini Lavori S.p.A. Sito Web: www.vianinigroup.it Esercizio a cui si riferisce la Relazione: 2012 Approvata dal Consiglio

Dettagli

LE SOCIETÀ DI CAPITALI PROFILI GENERALI. L evoluzione delle riforme del diritto societario

LE SOCIETÀ DI CAPITALI PROFILI GENERALI. L evoluzione delle riforme del diritto societario LE SOCIETÀ DI CAPITALI PROFILI GENERALI L evoluzione delle riforme del diritto societario SCHEMA NORMATIVO NEL CODICE CIVILE 1942 SPA SRL SAPA modello di riferimento quello della SPA + alcune norme specifiche

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 33 del 10 Febbraio Deliberazione del 30 Dicembre 2009

Gazzetta Ufficiale N. 33 del 10 Febbraio Deliberazione del 30 Dicembre 2009 Gazzetta Ufficiale N. 33 del 10 Febbraio 2010 COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Deliberazione del 30 Dicembre 2009 Oggetto: Determinazione, ai sensi dell'articolo 40 della legge n. 724/1994,

Dettagli

Canali distributivi dei servizi bancari. Massimo Caratelli, maggio 2017

Canali distributivi dei servizi bancari. Massimo Caratelli, maggio 2017 Canali distributivi dei servizi bancari Massimo Caratelli, maggio 2017 1 Contenuti Ø Ø Ø Ø Servizio finanziario Sistema di erogazione e distribuzione dei servizi finanziari Canale distributivo Caratteristiche

Dettagli

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # #

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # # Allegato II Informazioni sulle remunerazioni per finalità di benchmarking - GL EBA 2014/8 Schema n. 1 - Informazioni sulle remunerazioni di tutto il personale Codice della banca, della SIM o del gruppo

Dettagli

Documento per la consultazione 28 Luglio 2017

Documento per la consultazione 28 Luglio 2017 MODIFICHE AL LIBRO VIII DEL IN MATERIA DI CONSULENTI FINANZIARI Documento per la consultazione 28 Luglio 2017 Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 30 settembre 2017

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

La consulenza nella MIFID 2. Flavio Bongiovanni CONSOB

La consulenza nella MIFID 2. Flavio Bongiovanni CONSOB La consulenza nella MIFID 2 Flavio Bongiovanni CONSOB 22/04/2015 TEMI DI DISCUSSIONE 1 L informativa 2 Il contratto 3 Gli incentivi 4 La consulenza finanziaria indipendente 2 Consulenza in materia di investimenti

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs 58/98. Emittente: Vianini Industria S.p.A. Sito Web:www.vianiniindustria.

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs 58/98. Emittente: Vianini Industria S.p.A. Sito Web:www.vianiniindustria. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs 58/98 Emittente: Vianini Industria S.p.A. Sito Web:www.vianiniindustria.it Esercizio a cui si riferisce la Relazione: 2012 Approvata dal Consiglio

Dettagli

Modifiche statutarie. Assemblea degli Azionisti

Modifiche statutarie. Assemblea degli Azionisti Modifiche statutarie Assemblea degli Azionisti 28.10.2015 Modifiche statutarie - Highlights Le modifiche allo Statuto proposte sono volte a recepire il contenuto delle Disposizioni di Vigilanza della Circolare

Dettagli

PUBBLICITA DEI CORRISPETTIVI DI REVISIONE CONTABILE E DEI SERVIZI DIVERSI DALLA REVISIONE

PUBBLICITA DEI CORRISPETTIVI DI REVISIONE CONTABILE E DEI SERVIZI DIVERSI DALLA REVISIONE Documento di ricerca n. 118 PUBBLICITA DEI CORRISPETTIVI DI REVISIONE CONTABILE E DEI SERVIZI DIVERSI DALLA REVISIONE 1. SCOPO DEL DOCUMENTO Questo documento di ricerca ha l obiettivo di individuare le

Dettagli

Ricavi: milioni di euro EBIT: -452 milioni di euro Risultato netto: -806 milioni di euro. pag. 1 di 10

Ricavi: milioni di euro EBIT: -452 milioni di euro Risultato netto: -806 milioni di euro. pag. 1 di 10 Saipem: approvato il bilancio consolidato e il progetto di bilancio di esercizio 2015, confermando i dati del pre-consuntivo 2015 Convocazione dell assemblea degli azionisti Ricavi: 11.507 milioni di euro

Dettagli

Business Compliance HUB Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017

Business Compliance HUB Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017 Business Compliance HUB 2017 Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017 1 Documento riservato e confidenziale Avv. Andrea Polizzi - POG in ambito assicurativo:

Dettagli

Bail-in: gli adeguamenti alla normativa comunitaria e nazionale IPOTESI DI LAVORO

Bail-in: gli adeguamenti alla normativa comunitaria e nazionale IPOTESI DI LAVORO Bail-in: gli adeguamenti alla normativa comunitaria e nazionale IPOTESI DI LAVORO Dicembre 2015 Agenda 1. Premessa 2. Il contesto normativo di riferimento 3. Timeline risoluzione e risanamento enti creditizi

Dettagli

Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte

Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte MiFID - i rapporti tra intermediari e clientela Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte Milano, 11 dicembre 2008 Avv. Andrea Galante Alcuni spunti di riflessione in

Dettagli

Informativa al Pubblico Ai sensi delle disposizioni di vigilanza prudenziale sulle Banche

Informativa al Pubblico Ai sensi delle disposizioni di vigilanza prudenziale sulle Banche Informativa al Pubblico Ai sensi delle disposizioni di vigilanza prudenziale sulle Banche (Circolare Banca d Italia n. 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2) Situazione riferita al 31 Dicembre 2014

Dettagli

Oggetto: Regolamento Intermediari - Il nuovo regolamento intermediari tra disciplina comunitaria e scelte nazionali - 20 luglio 2007

Oggetto: Regolamento Intermediari - Il nuovo regolamento intermediari tra disciplina comunitaria e scelte nazionali - 20 luglio 2007 E mail (consob@consob.it) On.le CONSOB Divisione Intermediari Via Broletto, 7 20121 Milano Milano,14 settembre 2007 Oggetto: Regolamento Intermediari - Il nuovo regolamento intermediari tra disciplina

Dettagli

3. Proposta di adeguamento dei corrispettivi spettanti alla società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. deliberazioni inerenti e conseguenti

3. Proposta di adeguamento dei corrispettivi spettanti alla società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. deliberazioni inerenti e conseguenti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL PUNTO 3 ) ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA DI RISANAMENTO S.P.A. DEL 27/30 APRILE 2012 3. Proposta di adeguamento dei corrispettivi spettanti

Dettagli

L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI REGOLAMENTO IVASS N. 13 DEL 22 DICEMBRE 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI ELEMENTI DEI FONDI PROPRI ACCESSORI DI CUI AL TITOLO III (ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ ASSICURATIVA), CAPO IV (FONDI PROPRI), SEZIONE

Dettagli

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1 di 5 Politica di Trasmissione degli Ordini Vegagest Immobiliare Sgr S.p.A. 07/04/2009 INDICE POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 3 1. INTRODUZIONE... 3 2. OGGETTO

Dettagli

Il consulente finanziario indipendente

Il consulente finanziario indipendente I consulenti finanziari indipendenti possono essere definiti come soggetti che, a titolo oneroso e su base continuativa, svolgono attività di consulenza verso terzi in materia di strumenti finanziari.

Dettagli

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del cliente è un aspetto centrale e preliminare alla prestazione di qualsiasi

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

SCHEDA DI VOTO PER CORRISPONDENZA

SCHEDA DI VOTO PER CORRISPONDENZA Salvatore Ferragamo S.p.A. Sede sociale in Firenze - Via Dei Tornabuoni n. 2 Capitale Sociale: Euro 16.879.000,00 i.v. Codice Fiscale, Partita Iva e Iscrizione Registro delle imprese di Firenze 02175200480

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 0114-17-2017 Data/Ora Ricezione 31 Marzo 2017 20:56:07 MTA Societa' : SINTESI Identificativo Informazione Regolamentata : 87331 Nome utilizzatore : SINTESIN02 - Bottene Tipologia

Dettagli

ENI BILANCIO CONSOLIDATO 2009

ENI BILANCIO CONSOLIDATO 2009 ENI BILANCIO CONSOLIDATO 2009 Utile netto di 4, 37 miliardi Proposto dividendo di 1,00 per azione Roma, 11 marzo 2010 In data odierna il Consiglio di Amministrazione ha approvato il bilancio consolidato

Dettagli

Regolamento di funzionamento del Comitato Controllo Interno e Rischi di Gala S.p.A.

Regolamento di funzionamento del Comitato Controllo Interno e Rischi di Gala S.p.A. Regolamento di funzionamento del Comitato Controllo Interno e Rischi di Gala S.p.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Gala S.p.A. in data 27/02/2014 Premessa Il presente Regolamento, approvato

Dettagli

La corporate governance nelle società quotate Maggio 2010

La corporate governance nelle società quotate Maggio 2010 La corporate governance nelle società quotate Maggio 2010 Roma 10 dicembre 2013 Università degli studi di Roma La Sapienza corso di Corporate Governance 2 Maggio 2010 IL BACK-GROUND Prima Investment Company,

Dettagli

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 Indice I. Premessa... 3 II. Obiettivi... 3 III. Perimetro normativo di riferimento... 3 IV. Attività svolta... 4 4.1 Consulenza... 4 4.2 Controlli...

Dettagli