COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) SERVIZIO LAVORI PUBBLICI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) SERVIZIO LAVORI PUBBLICI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) SERVIZIO LAVORI PUBBLICI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROGETTO ESECUTIVO PER LA GESTIONE DEI CIMITERI DELLA CITTA DI BOLLATE DI DURATA TRIENNALE, PERIODO INDICE DEL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO: PRIMA PARTE: DISPOSIZIONI CONTRATTUALI Articolo Argomento Pagina Art. 1 Oggetto dell'appalto 3 Art. 2 Durata del servizio 4 Art. 3 Legislazione di riferimento 4 Art. 4 Importo del servizio 4 Art. 5 Aggiudicazione, cauzione e contratto 5 Art. 6 Pagamenti in acconto 5 Art. 7 Prezzi di lavori, forniture e servizi non previsti 6 Art. 8 Revisione prezzi 6 Art. 9 Controllo del servizio da parte del Comune 6 Art. 10 Modalità di gestione del Servizio 7 Art. 11 Orario di apertura dei cantieri 7 Art. 12 Reperibilità del personale Necroforo 8 Art. 13 Ulteriori adempimenti ed oneri dell'appaltatore 8 Art. 14 Penali applicabili nella gestione dell'appalto 11 Art. 15 Risoluzione del contratto 13 Art. 16 Sicurezza fisica dei lavoratori per lavori 13 Art. 17 Controversie 14 Pagina 1/15

2 Allegato 1 Articolo Argomento Pagina Art. 1 Funerali ed attività connesse al trasporto funebre 16 Art. 2 Accettazione ed Operazione in Camera Mortuaria 16 Art. 3 Smantellamento campi in rotazione demolizione monumenti ed opere annesse Art. 4 Lavori complementari 16 Art. 5 Manutenzione area cimiteriale 18 Art. 6 Manutenzione ordinaria manufatti e impianti 19 Art. 7 Sgombero neve 20 Art. 8 Manutenzione ordinaria e straordinaria impianti elettrici votivi 20 Art. 9 Interventi di manutenzione loculi ed ossari 26 Art. 10 Redazione e gestione dei piani di emergenza 27 Art. 11 Interventi di manutenzione straordinaria verde privato 28 Art. 12 Acquisti di scale in alluminio 28 Art. 13 Dispositivo puntuale/lineare fisso anticaduta 28 Art. 14 Dispositivo di sicurezza a gettone per distribuzione secchi 29 Art. 15 Fornitura ed installazione caldaia murale spogliatoi 29 Art. 16 Esumazioni ed Inumazioni 30 Art. 17 Tumulazioni ed Estumulazioni 34 Art. 18 Traslazione salme e resti 35 Art. 19 Esumazioni Pagina 2/15

3 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LA GESTIONE DEI CIMITERI DELLA CITTA DI BOLLATE DI DURATA TRIENNALE, PERIODO Premessa Il presente capitolato disciplina nel dettaglio i contenuti del contratto di servizio tra Comune di Bollate e l'appaltatore per la gestione dei cimiteri e si completa con i seguenti quattro allegati: allegato 1: contenente la descrizione di dettaglio degli interventi previsti; allegato 2: contenente le specifiche tecniche per la manutenzione ordinaria; allegato 3: contenente l'elenco dei prezzi unitari; allegato 4: stato di consistenza delle aree e degli immobili dei cimiteri. ARTICOLO 1 Oggetto del servizio Il servizio ha per oggetto lo svolgimento delle prestazioni e dei lavori occorrenti per la gestione dei tre cimiteri del Comune di Bollate: Bollate Centro, Cassina Nuova e Castellazzo. In sintesi gli adempimenti principali disciplinati dal presente capitolato e dettagliati nelle disposizioni successive e negli altri documenti allegati sono i seguenti: sorveglianza e custodia dei cimiteri, apertura e chiusura negli orari stabiliti pulizia delle parti comuni e sgombero della neve manutenzione ordinaria delle parti edilizie, dell'impianto elettrico di illuminazione, della caldaia a gas, degli ascensori, dei montacarichi, delle reti e del verde, nei termini previsti dall'allegato capitolato manutenzioni e dall'allegato 1 manutenzione ordinaria e straordinaria dell'impianto elettrico votivo inumazioni, tumulazioni e sepolture in genere singole: esumazioni, estumulazioni, traslazioni salme e traslazione resti controllo sul personale delle imprese di onoranze funebri lavori di terra, con interventi di muratura di loculi, demolizioni operazioni in camera mortuaria, servizi di assistenza funebre alle imprese, accettazione di salme in camera mortuaria smantellamento campi in rotazione, demolizione monumenti ed opere annesse, smaltimento rifiuti cimiteriali redazione e gestione del piano di emergenza per conto del proprietario delle strutture interventi di potature di modellamento e contenimento, abbattimenti, estirpazione e fresatura delle ceppaie, innaffiamenti di soccorso, controllo fitosanitario, trattamenti antiparassitari, verifiche di stabilità VTA Pagina 3/15

4 Capitolato speciale d'appalto per la gestione dei cimiteri periodo 2013/2016 fornitura e installazione di scale in alluminio fornitura ed installazione di distributori a gettone per secchi fornitura e posa in opera di sistema anticaduta dai tetti (linee vita) dei corpi edilizi dei blocchi denominati lotti il tutto come meglio dettagliato nell'allegato 1 del presente capitolato. ARTICOLO 2 Durata del servizio Il contratto di servizio avrà una durata di anni 3 (tre), decorrenti dalla data di consegna. ARTICOLO 3 Legislazione di riferimento L'appalto rientra nei contratti di cui all'allegato II B del D. Lgs n. 163/2006. Pertanto si stabilisce che troveranno applicazione tutti gli articoli di detto decreto, fatte salve le modalità di pubblicazione di cui agli articoli 66 e 70, e del relativo regolamento di attuazione, approvato con DPR n. 207/2010, nonché del bando, del disciplinare di gara, del capitolato con i relativi allegati e di tutte le leggi di riferimento. ARTICOLO 4 Importo del servizio L'importo complessivo del servizio spettante all'appaltatore per lo svolgimento di tutti gli adempimenti previsti nel presente capitolato e da pagarsi parte a corpo e parte a misura, salva la deduzione del ribasso d'asta, ammonta a ,00 oltre IVA nell'aliquota vigente, come risulta dal seguente prospetto: Movimenti di terra (a misura) ,00.= Costo personale necroforo/operaio, comprese attività di manutenzione (a corpo) Costi per materiali necessari quali: ghiaietto, borchie, perni, manutenzioni, votive; nonché per l'uso dei mezzi e delle attrezzature, ecc. (a corpo) ,22.= ,00.= Oneri per la sicurezza (non soggetti a ribasso d'asta) 6.000,00.= Costi per interventi di potatura e di manutenzione straordinaria del verde, formazione linee anticaduta sulle coperture, fornitura scale, sostituzione caldaia, dispositivi a gettone (a corpo) ,78.= Totale a base di gara ,00.= Pagina 4/15

5 Con riferimento a quanto previsto nel successivo articolo 10, ovvero all'obbligo di mantenere sempre in servizio nella guardiola del cimitero di Bollate Centro n. 1 necroforo, la stazione appaltante si riserva tuttavia di prevedere in corso di svolgimento del servizio e previo preavviso di almeno 60 giorni, l'impiego di un dipendente comunale, necroforo o figura analoga, in luogo del suddetto necroforo. In tal caso l'appaltatore sarà tenuto ad adeguarsi a tale disposizione, senza poter vantare per questo alcuna pretesa. Inoltre l'importo contrattuale verrà rideterminato di conseguenza, decurtando i costi indicati nell'apposito documento prospetto riepilogativo del costo del personale necroforo. ARTICOLO 5 Aggiudicazione, cauzione e contratto L'aggiudicazione dell'appalto avverrà nei termini previsti dal bando di gara e dal disciplinare. L'aggiudicazione diverrà efficace solo in seguito alla verifica dei requisiti autocertificati in sede di gara, come stabilito dall'art. 11 del D. Lgs n. 163/2006. In seguito all espletamento della gara d appalto l aggiudicatario dovrà presentare entro 10 giorni, la documentazione necessaria per la sottoscrizione del contratto di appalto. La cauzione, prestata mediante fideiussione bancaria o polizza fidejussoria e rilasciata da parte di compagnie assicuratrici a ciò autorizzate ai sensi di legge, dovrà prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. Inoltre la cauzione dovrà essere valida fino alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o di regolare esecuzione, o comunque trascorsi dodici mesi dalla data di ultimazione di ogni singolo lavoro risultante dal relativo certificato (art 113 Dlgs 163/2006). L'Impresa in possesso di certificazione di qualità di cui all'art. 40 comma 7 del D. Lgs n. 163/2006 può presentare la cauzione di importo ridotto al 50%. ARTICOLO 6 Pagamenti in acconto La fatturazione delle prestazioni dovrà avvenire con cadenza mensile sulla base del certificato di pagamento emesso dal Comune di Bollate a seguito dell'approvazione del SAS Stato Avanzamento Servizi - previo rilascio da parte degli enti previdenziali del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) regolare e nel rispetto di quanto previsto dall'art. 4 comma 2 del D.P.R. 207/2010. Su ogni importo da corrispondere verrà operata la ritenuta di cui all art. 4, comma 3 del DPR 207/2010. Il pagamento dei certificati di pagamento avverrà a 30 gg. dalla data di emissione degli stessi, a mezzo bonifico bancario. L'Appaltatore assume tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all'art. 3 della legge 13 agosto 2010 n. 136 e successive modifiche. Per gli scavi l appaltatore avrà diritto a pagamenti in acconto, in corso d opera, ogni qualvolta il suo credito al netto del ribasso d asta e delle trattenute di legge raggiunga la cifra di ,00.= A titolo di garanzia sugli Stati d'avanzamento verranno applicate le trattenute dello 0,50% sul totale per l'assicurazione degli operai. La rata di saldo relativa ai lavori sarà corrisposta Pagina 5/15

6 dopo l'approvazione del Certificato di Regolare Esecuzione. Nel CRE saranno inserite tutte le opere di manutenzione effettuate. L appaltatore non avrà diritto ad alcuna anticipazione economica. Al presente appalto si applicano le disposizioni di cui all art.115 del D.Lgs 163/2006 ARTICOLO 7 Prezzi di lavori, forniture e servizi I lavori a misura di cui agli articoli dell'allegato 1 verranno pagati in base ai prezzi indicati nell'allegato Elenco dei prezzi unitari, mentre le prestazioni da Necroforo, comprese le opere di manutenzione, elencate in dettaglio negli articoli dell'allegato 1, saranno compensate a corpo. Per i materiali, i mezzi e le attrezzature l'importo è a corpo e l'appaltatore dovrà garantire la fornitura di tutto il necessario per il corretto svolgimento di tutte le prestazione previste da presente capitolato. Per eventuali lavori, forniture e servizi dovuti, ma non compresi nel corrispettivo, le parti faranno riferimento all'allegato elenco dei prezzi unitari, al netto del ribasso d'asta offerto in sede di gara. Per lavori, forniture o servizi non presenti in detto elenco, si farà riferimento, nell'ordine: all'elenco prezzi vigente della Regione Lombardia, o altro listino ufficiale indicato nella normativa degli enti locali, al netto del ribasso d'asta offerto in sede di gara. all'elenco Prezzi vigente del Comune di Milano, al netto del ribasso d'asta offerto in sede di gara. Nell eventualità che in nessuno degli elenchi prezzi di cui sopra si individuassero i prezzi corrispondenti, si procederà alla determinazione in contraddittorio di nuovi prezzi, secondo la procedura prevista all'art. 136 del Regolamento. ARTICOLO 8 Revisione Prezzi A partire dal secondo anno del servizio è ammessa la revisione dei prezzi ai sensi dell'art. 115 del D.Lgs 163/2006. La richiesta da parte dell'impresa appaltatrice, dovrà pervenire, a pena di decadenza, entro trenta giorni a decorrere dal dodicesimo mese a far data dal giorno di effettivo inizio del servizio. La revisione viene operata sulla base della variazione dell'indice ISTAT. ARTICOLO 9 Controllo del Servizio da parte del Comune Pagina 6/15

7 Entro 3 giorni dalla sottoscrizione del contratto le parti designeranno e comunicheranno reciprocamente i nominativi dei referenti del servizio e dei loro sostituti, cui faranno capo tutte le richieste e comunicazioni necessarie per l'espletamento del servizio. Per il Comune di Bollate sarà individuato nell'area Lavori Pubblici il referente per gli aspetti legati alla manutenzione ordinaria delle parti edilizie, delle reti, del verde, dell'impianto elettrico votivo e per la redazione e gestione del piano di emergenza. Per tutti gli altri aspetti il referente sarà individuato nell'area Stato Civile. Il Comune di Bollate individuerà, all'interno del Servizio Lavori Pubblici il direttore dell'esecuzione del servizio, mentre la direzione dei lavori, essendo l'appaltatore committente dei lavori, sarà a carico dell'impresa, la quale sarà tenuta a nominare un tecnico qualificato alla direzione dei lavori. Il soggetto deputato all'esecuzione dei lavori dovrà fornire al direttore di esecuzione del servizi il nominativo del direttore di cantiere, il quale dovrà essere un tecnico almeno diplomato. Il Comune potrà eseguire qualsiasi controllo finalizzato alla verifica del corretto e regolare adempimento di tutti gli obblighi previsti dal presente capitolato, emanare nel corso del servizio eventuali nuove disposizioni, curare che l'esecuzione del servizio stesso avvenga a perfetta regola d'arte. Le persone allo scopo incaricate dall Amministrazione Comunale potranno accedere in ogni momento nei cimiteri al fine di attuare tutti i controlli che riterranno opportuni. ARTICOLO 10 Modalità di gestione del servizio L'appaltatore svolgerà il servizio in oggetto impiegando il proprio personale, dotato di divisa e tesserino di riconoscimento, garantendo la seguente presenza minima e continuativa di personale presso i cimiteri (fatto salvo quanto previsto al precedente articolo 4): Cimitero di Cassina Nuova: n. 1 necroforo sia nei giorni feriali, sia di domenica; Cimitero di Bollate Centro: n. 3 necrofori nei giorni feriali, di cui n 1 sempre presente nella guardiola; n. 1 necroforo di domenica; Cimitero di Castellazzo: n. 1 necroforo deve garantire l'apertura e chiusura del Cimitero nei giorni prestabiliti, garantendo la pulizia settimanale del Cimitero e della sua area di parcheggio; Nei giorni di Natale, Pasqua, Capodanno, Ferragosto, XXV Aprile, 1 Maggio, 2 Giugno, 8 Dicembre, il servizio dovrà essere garantito con la dotazione minima di personale previsto per i giorni domenicali. Nei giorni di Santo Stefano, Lunedì dell'angelo e in tutti quei casi in cui vi siano due giorni di festività consecutive il servizio dovrà essere garantito con la dotazione minima di personale previsto nei giorni feriali. Il personale necroforo in servizio dovrà garantire la presenza minima di n 1 persona anche durante la pausa pranzo ( ). Durante le operazioni di esumazione, da eseguirsi nel periodo concordato con il referente comunale dello Stato Civile, l Impresa dovrà garantire la presenza minima di personale Pagina 7/15

8 prevista nei giorni feriali, provvedendo alle operazioni di esumazione con altro personale. E' ammesso il subappalto nei limiti e con le modalità consentiti dalle norme vigenti in materia. ARTICOLO 11 Orario di apertura dei cimiteri Il personale addetto ai servizi cimiteriali dovrà garantire la presenza in servizio almeno venti minuti prima dell'apertura dei Cimiteri di Bollate Centro e Cassina Nuova e venti minuti dopo la chiusura degli stessi. Gli orari di apertura dei Cimiteri di Bollate sono i seguenti: Periodo estivo dal 01/04 al 30/09: Bollate Centro e Cassina Nuova: dal lunedì al venerdì : ore ore sabato e domenica :ore ore Castellazzo: mercoledì/sabato/domenica : ore ore Periodo invernale dal 01/10 al 31/3: Bollate Centro/Cassina Nuova: dal lunedì al venerdì : ore ore sabato e domenica :ore ore Castellazzo: mercoledì/sabato/domenica : ore ore Festività non domenicali: si osserva l'orario di apertura/chiusura domenicale ad eccezione delle festività di Natale, Capodanno, Pasqua e Ferragosto in cui il servizio è limitato al seguente orario : Nei giorni dal 27/10 al 2/11 compreso, si osserverà, invece, il seguente orario :dalle ore 8.00 alle ore L'Amministrazione Comunale si riserva di apportare lievi modifiche al presente orario di servizio, per migliorare il servizio offerta alla cittadinanza. In tale caso l'appaltatore dovrà adeguarsi senza poter vantare richieste di maggiori compensi rispetto a quelli già previsti. Il personale addetto ai servizi cimiteriali dovrà garantire la puntuale e continua sorveglianza degli ingressi. Prima della chiusura del Cimitero di Bollate centro, l'impresa dovrà provvedere alla chiusura mediante gli appositi cancelli, delle uscite di sicurezza presenti nell'ampliamento. La stessa operazione dovrà essere effettuata, prima dell'apertura del Cimitero, provvedendo all'apertura degli appositi cancelli. ARTICOLO 12 Reperibilità del personale necroforo La ditta appaltatrice dovrà in ogni caso garantire fuori dal normale orario di servizio presso i Cimiteri, la reperibilità di almeno n 1 necroforo per esigenze straordinarie di servizio. Per Pagina 8/15

9 reperibilità si intende 24 ore/giorno e 365 giorni/anno. ARTICOLO 13 Ulteriori obblighi ed oneri dell'appaltatore Tutti i seguenti ulteriori adempimenti sono a carico dell'appaltatore e si intendono compresi nel prezzo a corpo del servizio affidato: 1. Regolarità e continuità del servizio: I servizi cimiteriali sono da considerarsi ad ogni effetto servizi pubblici: pertanto, l erogazione degli stessi da parte dell'appaltatore dovrà avere carattere di regolarità, continuità e completezza. Tale vincolo è esteso anche ai servizi di assistenza funebre alle imprese. Casi di funzionamento irregolare o interruzione potranno verificarsi soltanto per scioperi, esigenze tecniche non prevedibili o cause di forza maggiore espressamente previste e disciplinate dalla normativa di settore. In occasione di scioperi e/o assemblee sindacali saranno possibili riduzioni delle attività prestate solo nei limiti di quanto disposto dalle norme vigenti in materia di sciopero nei servizi pubblici essenziali. Ogni caso di funzionamento irregolare o interruzione del servizio dovrà essere formalmente e tempestivamente comunicato al Comune da parte dell'appaltatore, il quale dovrà, in ogni caso, adottare tutte le misure possibili per ridurre il disagio agli utenti e limitare il disagio all'utenza. 2. Recapiti e reperibilità: l'appaltatore dovrà: disporre di un recapito telefonico funzionante durante le ore d' ufficio; disporre di un indirizzo PEC tale da consentire le ordinazioni e le comunicazioni urgenti da parte degli uffici comunali preposti; disporre di un numero verde da attivare entro 30 giorni dalla consegna del servizio, funzionante durante le ore d'ufficio, per consentire alla cittadinanza segnalazioni, lamentele, informazioni e/o guasti, nonché richieste nuovi allacciamenti relative al servizio di illuminazione votiva, e comunque per ogni ulteriore problematica all'interno dei Cimiteri. disporre di un recapito telefonico cellulare per esigenze straordinarie di servizio funzionante 24 ore (reperibilità) presentarsi personalmente entro 1 ora dalla chiamata per conferire con i referenti comunali qualora richiesto con riferimento ai lavori in appalto, garantire la presenza continuativa di un direttore dei lavori 3. Delimitazione delle aree interessate da lavori: Le zone interessate dai lavori di qualunque natura (es. potature, esumazioni, estumulazioni ecc..) dovranno essere protette e chiuse al traffico pedonale con opportuni mezzi, al fine di evitare promiscuità tra spazi aperti al pubblico e aree di lavoro. Allo scopo l'appaltatore dovrà produrre, prima dell'inizio, dei lavori, apposito piano di delimitazione dell'area di cantiere, da sottoporre all'approvazione del Comune. 4. Spese contrattuali: Tutte le spese inerenti e conseguenti al contratto e ad eventuali atti Pagina 9/15

10 aggiuntivi sono a carico dell'appaltatore. 5. Facilitazioni a favore del cittadino: l'appaltatore dovrà aggiornare, integrare e mantenere in efficienza i seguenti strumenti: a) segnaletica atta a individuare i campi e i corpi loculi e relativo database con l'elenco dei defunti e delle esumazioni previste b) apparecchiature, da utilizzare nei Cimiteri di Bollate centro e Cassina Nuova, che permettano alla cittadinanza mediante apposito pulsante la localizzazione del personale Necroforo presente in servizio presso il Cimitero c) cassetta per la segnalazione di suggerimenti e lamentele, che saranno raccolte da un incaricato comunale 6. Neve e ghiaccio: Saranno a carico dell'appaltatore tutte le prestazioni occorrenti per lo spazzamento della neve all'interno dei cimiteri e nelle aree esterne di pertinenza, nonché ogni intervento di prevenzione del ghiaccio, finalizzato alla sicurezza fisica degli addetti e dei visitatori, come indicato nelle planimetrie di progetto. Sono altresì a carico del gestore gli adempimenti volti a prevenire il danneggiamento delle fontanelle a causa del gelo ed i relitivi costi di riparazione. L'Amministrazione comunale sarà comunque sollevata da qualsiasi onere o responsabilità sia civile, sia penale per danni che si verificassero a terzi. 7. Attrezzi di lavoro e materiali: Tutti gli attrezzi, utensili, materiali e i mezzi d'opera per l'esecuzione delle attività previste dal presente capitolato, nonchè gli strumenti e il personale necessari alle misurazioni, al tracciamento e al picchettamento dei campi e alle verifiche richieste dal Comune dovranno essere forniti dall'appaltatore. 8. Esecuzione di lavori: tutti i lavori dovranno essere condotti sotto la responsabilità e la supervisione di un tecnico dell'appaltatore. 9. Smaltimento dei rifiuti: Tutti gli oneri e spese relativi allo smaltimento e allo stoccaggio definitivo dei materiali di risulta di qualsiasi natura in discariche autorizzate, con particolare riferimento al rispetto dalla normativa in tema di rifiuti speciali. 10. Monumenti funebri: Controllo della corretta esecuzione di tutte le opere la cui realizzazione è a carico delle ditte incaricate dai cittadini per la posa dei monumenti funebri (es. scavo, posizionamento sepolture, conformità monumenti, ecc.). Le Imprese incaricate della posa monumenti, alla fine dei loro interventi dovranno ricevere dall'appaltatore apposito verbale di corretta esecuzione dei lavori di posa dei manufatti. L'appaltatore dovrà rapportarsi direttamente con l'ufficio Stato Civile, che mantiene la supervisione di tali attività, segnalando immediatamente ogni irregolarità. 11. Tracciamenti: Provvedere, mediante utilizzo di propri operai e mezzi, ad effettuare il tracciamento dei campi di inumazione, sotto la diretta sorveglianza dell'ufficio Stato Civile. 12. Riparazione vizi esecutivi: Provvedere a propria cura e spesa agli interventi di sistemazioni murarie relative ai loculi ed ossari presenti nel Cimitero di Bollate, come disposto nel successivo art. 9 dell'allegato Verde privato: provvedere alla pulizia, manutenzione e controllo degli spazi verdi tra le Pagina 10/15

11 tombe secondo quanto disposto dal Regolamento di Polizia Mortuaria ed esecuzione degli interventi di riduzione delle alberature secondo le modalità indicate all'art. 11 dell'allegato Manutenzione Impianti ascensori montacarichi piattaforme elevatrici: Provvedere alla manutenzione programmata e/o riparativa di tutte le componenti, secondo quando riportato nell'allegato 2, e trasmettere semestralmente al direttore di esecuzione del servizio una dichiarazione attestante l'avvenuta verifica delle visite periodiche relative ad ascensori, montacarichi, e servoscala e dichiarazione in ordine allo stato di sicurezza attuale; 15. Manutenzioni edili: Provvedere alla manutenzione programmata e/o riparativa di tutte le componenti, secondo quando riportato nell'allegato 2 e trasmettere semestralmente al direttore di esecuzione del servizio una dichiarazione attestante l'avvenuta verifica, tramite visite periodiche prestabilite e relative: alla stabilità delle ante dei cancelli carrai e pedonali e dichiarazione in ordine allo stato di sicurezza attuale alle verifiche delle facciate degli edifici cimiteriali alle verifiche obbligatorie per gli impianti di messa a terra, per gli impianti ascensori e montacarichi allo stato di efficienza degli interruttori magnetotermici allo stato di stabilità di tutte le scale e dei relativi corrimano, sia fisse, sia mobili alla manutenzione obbligatoria della caldaia a gas alle attrezzature antincendio alla stabilità degli alberi ad ogni altra verifica prevista dagli allegati al presente capitolato 16. Manutenzione impianti elettrici: Provvedere alla manutenzione programmata e/o riparativa di tutte le componenti, secondo quando riportato nell'allegato 2, delle visite periodiche per gli impianti di messa a terra e dichiarazione in ordine allo stato di sicurezza attuale, allo stato di sicurezza attuale degli impianti elettrici, allo stato di sicurezza attuale degli impianti di protezione dalle scariche atmosferiche; 17. Manutenzioni impianti idro sanitari: Provvedere alla manutenzione programmata e/o riparativa di tutte le componenti, secondo quando riportato nell'allegato Redazione e gestione piani d'emergenza: Sono a carico dell'appaltatore: la redazione, da sottoporre all'approvazione del Comune entro 2 mesi dall'inizio del servizio, dei piani di emergenza dei Cimiteri; detti piani saranno redatti secondo quanto disposto dal D. Lgs 81/2008 e dovranno prevedere, oltre alle misure di emergenza riferite al personale in servizio, anche le misure di emergenza riferite agli operatori ed ai visitatori dei Cimiteri della Città di Bollate. la fornitura, installazione ed attivazione di quanto previsto dal piano di emergenza (es. planimetrie, segnaletica di sicurezza, fornitura di ulteriori attrezzature antincendio, ecc.) entro 30 giorni dalla consegna del piano al Comune la gestione dei piani di emergenza per tutta la durata dell'appalto 19. Con riferimento ai cantieri in appalto, compresi gli scavi: custodia e sorveglianza, anche notturna; redazione del piano sostitutivo di sicurezza integrato con i contenuti del Pagina 11/15

12 piano operativo di sicurezza; opere provvisionali, servizi igienici e baracche per i lavoratori, recinzioni, passerelle e protezioni in genere; attrezzature, fornitura dell'energia; smaltimento rifiuti, compreso il trasporto e i diritti di discarica; prove richieste dalla direzione lavori; rilievi e tracciamenti; ogni altro onere necessario all'esecuzione dei lavori; fornitura delle certificazioni di conformità, dei manuali d'uso e di ogni altra documentazione obbligatoria; segnalazioni notturne e diurne e quant'altro possa occorrere a tutela della pubblica incolumità e per la sicurezza del personale addetto ai lavori e di avviso per gli estranei; fotografie dei lavori e dei particolari costruttivi non più visibili a lavori ultimati. L' Appaltatore si impegna inoltre a tenere presso il cantiere una completa ed aggiornata raccolta dei documenti relativi al lavoro eseguito, al personale impiegato, ai materiali entrati, usciti ed utilizzati, in modo da rendere agevole e sollecita ogni operazione di rilevamento e controllo da parte della Direzione lavori. Poiché le opere in oggetto nell' appalto saranno eseguite anche in prossimità di linee e cavi in tensione, l' Appaltatore dovrà rispettare le prescrizioni dettate dalle leggi e norme inerenti alla sicurezza sul lavoro ed alla integrità degli impianti in esercizio per la distribuzione dell' energia elettrica, del gas, dell' acqua, per gli impianti di telecomunicazione e per ogni altro ente operante nella zona. Ancora a suo esclusivo carico sarà il ripristino occorrente per alleviare ad eventuali danni alle opere da lui costruite, nonché a quelle provvisorie o provvisionali che potessero derivare, da eventi ordinari e straordinari, fino all'approvazione, da parte dell'ente appaltante, del certificato di regolare esecuzione. 20. Smaltimento e luoghi di stoccaggio definitivo - Tutti gli oneri e le spese relativi al trasporto e allo smaltimento e allo stoccaggio definitivo dei materiali di risulta di qualsiasi natura in discariche autorizzate è a carico dell'appaltatore. La terra di scavo dovrà essere smaltita in discariche autorizzate. ARTICOLO 14 Penali applicabili nella gestione dell'appalto Qualora l'appaltatore non eseguisse i lavori e/o i servizi nei modi e nei termini stabiliti dal contratto, di volta in volta verrà diffidato a provvedervi entro il termine che gli sarà prescritto dalla Direzione di Esecuzione del servizio. L'appalto di cui al presente capitolato è soggetto alle seguenti penalità: a) per ogni giorno di ritardo nel compimento dei lavori di esumazione prevista nel verbale di consegna dei lavori rilasciato dal Responsabile dell U.O. Stato Civile, è stabilita una penale pari all uno per mille dell ammontare netto contrattuale; b) per ritardo nella esecuzione di ordini di servizio è stabilita una penale pari a 500,00.= (euro cinquecento) per ogni giorno o frazione di ritardo; c) per l assenza in Cimitero del Responsabile del personale Necroforo (il cui nominativo risulti comunicato alla stazione appaltante) si stabilisce una penale di 150,00.= (euro centocinquanta/00) per ogni assenza contestata, oltre al mancato pagamento del corrispettivo orario; d) per condizioni di eccessiva trascuratezza dei Cimiteri, o di condizioni di insufficiente decoro, adeguatamente individuate e contestate al Responsabile del personale Necroforo si stabilisce una penale di 500,00.= (euro cinquecento/00) per ogni giorno in cui Pagina 12/15

13 sussistano tali condizioni; e) qualora lo smaltimento dei rifiuti derivanti dalle operazioni di esumazione, ecc, non venisse eseguito nei modi e nei termini stabiliti dal verbale di consegna dei lavori o da ordine di servizio, il Direttore dei Lavori contesterà l inadempienza con emissione di una penale di 1.000,00.= (euro mille/00) per ogni giorno o frazione di ritardo; f) per la mancanza del numero minimo di personale Necroforo presente in servizio secondo le modalità riportate nell art. 23 del presente capitolato, accertata dal rappresentante della Stazione appaltante presso i Cimiteri, o da persona delegata, purchè munita di cartellino di riconoscimento, è prevista una penale pari a 500,00.= (euro cinquecento/00) per ogni violazione riscontrata e comunicata entro 5 (cinque) giorni all Impresa, oltre al mancato pagamento del corrispettivo orario; g) per la mancanza di uno o più addetti durante le operazioni di inumazione, tumulazione, estumulazione, accertate dal rappresentante della Stazione appaltante presso i Cimiteri o da persona delegata, purchè munita di cartellino di riconoscimento, è prevista una penale pari a 500,00.= (euro cinquecento/00) per ogni violazione riscontrata e comunicata entro 5 (cinque) giorni alla società dall'ufficio Stato Civile; h) per ritardo nella fornitura e posa in opera di apposite croci di marmo e relativa targhetta di riconoscimento è stabilita una penale pari a 100,00.= (euro cento/00) per ogni giorno di ritardo a partire dal 15 giorno dalla data di inumazione della salma. i) per ritardo nell'esecuzione dei lavori di esumazione salme è stabilita una penale pari a 2.500,00.= (duemilacinquecento/00) per ogni giorno di ritardo rispetto al cronoprogramma stabilito e/o verbale di consegna sottoscritto con il Responsabile dell'ufficio Stato Civile; l) qualora si riscontrasse all'interno dei Cimiteri la presenza di rifiuti derivanti da inumazioni, tumulazioni, estumulazioni, ecc abbandonati,il Direttore dei Lavori constaterà l'inadempienza con emissione di una penale di 2.500,00.= (duemilacinquecento/00) per ogni giorno o frazione di di ritardo, rispetto al termine stabilito dal verbale di consegna e/o semplice segnalazione telefonica da parte del rappresentante della Stazione appaltante presso i Cimiteri, o da persona delegata, purchè munita di cartellino di riconoscimento; m) per la mancanza, anche per un solo punto di distribuzione, del quantitativo minimo previsto dei materiali di cui all'art. 5 comma a) dell'allegato 1), previsti dal capitolato speciale d'appalto, accertata dal rappresentante della Stazione appaltante presso i Cimiteri, o da persona delegata, purchè munita di cartellino di riconoscimento, è prevista una penale pari a 100,00.= (euro cento/00) per ogni violazione riscontrata. La verifica potrà avvenire sia al momento dell'apertura, sia al momento di chiusura dei Cimiteri. n) per la mancata verifica ed errata esecuzione dei tracciamenti dei campi di inumazione, accertata dal rappresentante della Stazione appaltante presso i Cimiteri, o da persona delegata, purchè munita di cartellino di riconoscimento, è prevista una penale pari a ,00.= (euro diecimila/00) per ogni violazione riscontrata, oltre a tutti gli oneri necessari per la messa in pristino dei manufatti. o) per l'impiego di lampade non conformi a quanto riportato nell'art. 8 dell'allegato 1 del capitolato, è prevista una penale pari a 150,00.= (euro centocinquanta/00) In caso di assenza del personale in servizio, per un periodo superiore ai 15 minuti, la stessa dovrà essere preventivamente comunicata tramite posta elettronica agli indirizzi che verranno comunicati in sede di aggiudicazione. Qualora tale comunicazione non fosse preventivamente comunicata, verranno applicate le panali previste al punti f) del presente articolo. p) la mancata presentazione della dichiarazione di cui all'art comporterà una trattenuta temporanea del pagamento del 10% oltre all'applicazione di una penale di Pagina 13/15

14 1.000,00 per ogni mese o frazione di mese di ritardo. La trattenuta sarà svincolata in seguito alla consegna della dichiarazione in forma completa. q) per ritardo nella predisposizione del piano di emergenza o per la realizzazione delle misure ad esso conseguenti verrà applicata una penale di 1.000,00 per ogni mese o frazione di mese di ritardo. r) per ritardo nella riduzione del verde privato verrà applicata una penale di 2.000,00 per ogni mese o frazione di mese di ritardo. s) per ritardo nella fornitura delle scale e/o dei dispositivi a gettone per i secchi, verrà applicata una penale di 100,00 per ogni giorno di ritardo. Le penali saranno applicate dal responsabile del procedimento all importo da liquidare, determinato al netto del ribasso d asta e dell IVA. ARTICOLO 15 Risoluzione del contratto Il Comune si riserva la facoltà di recedere il contratto di appalto nei casi e con le modalità disciplinati dagli articoli n.135 e 136 del D.Lgs 163/2006. Ognuna delle seguenti fattispecie, anche singolarmente considerata, costituisce grave negligenza dell'appaltatore e dà diritto alla stazione appaltante di recedere il contratto ai sensi del succitato articolo 340: - la sospensione del servizio - l'affidamento di lavori a terzi, in assenza di regolare autorizzazione al subappalto rilasciata dall'amministrazione appaltante - il ritardo nell'esecuzione dei lavori per un numero di giorni superiore al 10% di quanto previsto nel programma lavori previsto nel progetto o concordato ufficialmente con il direttore di esecuzione del servizio - la grave e reiterata inosservanza delle norme di sicurezza in tema di infortunistica dei lavoratori - la grave e reiterata inosservanza del piano di sicurezza in funzione delle utenze civili - la grave e reiterata inosservanza delle disposizioni tecniche indicate nel capitolato speciale d'appalto o impartite dal direttore di esecuzione del servizio - ogni altra azione o inadempimento che a giudizio del Responsabile Unico del Procedimento fosse tale da compromettere il perfetto svolgimento del sevizio e delle lavorazioni in progetto, nel rispetto di ogni esistente disposizione di legge o di regolamento. ARTICOLO 16 Sicurezza fisica dei lavoratori per lavori Ai sensi del D. Lgs n. 81/2008, anche in riferimento all'onere di redazione dei piani di sicurezza, l'appaltatore svolgerà il ruolo di committente dei lavori. Pagina 14/15

15 Pertanto, prima dell'inizio di ogni singolo cantiere, dovrà redigere il piano di sicurezza previsto dal decreto stesso. Per tutti gli interventi previsti dal presente contratto l'appaltatore dichiara che agirà nel pieno rispetto delle norme relative alla sicurezza sul lavoro, di cui al D. Lgs n. 81/2008. Dichiara inoltre di impegnarsi a: redigere o ad acquisire dalle imprese esecutrici i piani di sicurezza prima dell'inizio dei lavori redigere e ad aggiornare periodicamente il documento di valutazione dei rischi nominare il medico competente, il responsabile del servizio di protezione e prevenzione, gli incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione, di primo soccorso e gestione dell'emergenza, assicurando per questi ultimi la necessaria formazione utilizzare esclusivamente macchine, attrezzature e opere provvisionali in possesso della specifica documentazione attestante la conformità alle disposizioni del D. Lgs. 81/2008 fornire ai lavoratori i dispositivi di protezione individuale In caso sia previsto l'uso di piattaforme aree, cestelli elevatori e simili, a conservare in cantiere ed esibire agli organi di vigilanza: 1. il registro dei controlli periodici 2. i verbali delle visite periodiche 3. l'attestato di formazione del personale 4. l'abilitazione alla conduzione del personale 5. l'immatricolazione del mezzo 6. le istruzioni (manuale d'uso) 7. la scheda del produttore 8. l'analisi delle eventuali interferenze e le soluzioni adottate ARTICOLO 17 Controversie Qualora sorgessero contestazioni tra Ente Appaltante e Appaltatore, si procederà alla risoluzione di esse in via amministrativa, con esclusione al ricorso all'arbitrato. Allegati al presente capitolato: Allegato 1: descrizione complementare degli interventi Allegato 2: descrizione dei lavori di manutenzione Allegato 3: Elenco dei prezzi unitari Allegato 4: Stato di consistenza Pagina 15/15

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV DOCUMENTI A CURA DELL APPALTATORE DA INOLTRARE ALL AREA ACQUISTI ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI (DA ALLEGARE ALLA

Dettagli